VADEMECUM PER LE PARTITE DEI CAMPIONATI GIOVANILI FIDAF 2011 ESTRATTI DAL R.O. E DEROGHE AL R.O. VALEVOLI SOLO PER I CAMPIONATI GIOVANILI 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM PER LE PARTITE DEI CAMPIONATI GIOVANILI FIDAF 2011 ESTRATTI DAL R.O. E DEROGHE AL R.O. VALEVOLI SOLO PER I CAMPIONATI GIOVANILI 2011"

Transcript

1 VADEMECUM PER LE PARTITE DEI CAMPIONATI GIOVANILI FIDAF 2011 ESTRATTI DAL R.O. E DEROGHE AL R.O. VALEVOLI SOLO PER I CAMPIONATI GIOVANILI 2011 NOTA IMPORTANTE: i seguenti punti sono ESTRATTI dai vari Regolamenti. Non sono pertanto esaustivi né completi. Si tratta di una breve guida con i punti essenziali, pertanto invitiamo tutti i dirigenti ad andare a leggersi i regolamenti PER INTERO. LEGENDA: RDC: regolamento disputa campionati RSA: regolamento società affiliate RT: regolamento di tesseramento DER: deroga valida solo per i campionati giovanili 2011 (le parti in deroga sono indicate in corsivo) REGOLA GENERALE Possono partecipare al Campionato College 2011 (U21) gli atleti DI SCUOLA ITALIANA (n.b: per il Lakers Lugano si intende atleti di scuola solo ed esclusivamente svizzera) nati nei seguenti anni: (si aggiunge il 1994 in caso la società NON abbia iscritto anche la squadra al campionato High School) QUESTA DEROGA E VALIDA SOLO E UNICAMENTE PER QUESTO ANNO E NON VERRA PIU APPLICATA NEI CAMPIONATI DEGLI ANNI SUCESSIVI. Possono partecipare al Campionato High School 2011 (U18) gli atleti DI SCUOLA ITALIANA nati nei seguenti anni: Gli atleti nati nel 1993 e nel 1996 possono partecipare ad ENTRAMBI i campionati di riferimento (High School e College per 1993 e Five Man e High School per il 1996) a condizione che non giochino più di una partita/manifestazione a weekend o (in caso di partita o bowl infrasettimanale) che siano passati almeno 48 ore dalla partita precedente. I campionati vengono disputati con la formula a 9 giocatori (College e High School) Disposizione per la disputa degli incontri: RDC Tit. 1 Art.6 Prescrizioni per le Società Nello svolgimento dell attività agonistica alle Società ospitante è fatto obbligo di: a) assicurare la regolare effettuazione della gara e la tutela degli Ufficiali di gara, dei Dirigenti, degli Atleti e degli Accompagnatori della Squadra ospitata, prima, durante e dopo la gara stessa; b) far partecipare alla gara solo giocatori regolarmente tesserati cui non sia stata vietata la partecipazione alla gara stessa; c) provvedere che le maglie da gioco siano opportunamente numerate, tali, comunque, da rendere possibile l identificazione dei singoli giocatori. Le Squadre di casa hanno il diritto di indossare i propri colori sociali (salvo accordi diversi) e non sono tenute a disporre al campo di una muta di maglie bianche. Sarà obbligo di tutte le Società comunicare 8 giorni prima dell inizio di qualsiasi campionato junior alla Federazione, quale colore di maglia utilizzeranno in incontri casalinghi. DER: La squadra ospitata dovrà indossare obbligatoriamente una maglia da gioco prettamente bianca o contrastante nei colori, tale da non confondersi con la divisa da gioco della società ospitante. Se la squadra di casa adotterà maglia di colore prettamente bianco dovrà comunicarlo alla Federazione 8 (otto) giorni prima dell inizio del Campionato di riferimento. I giocatori della stessa squadra dovranno obbligatoriamente indossare

2 maglie dello stesso colore e design. Potranno intercorrere accordi diversi tra le squadre previa comunicazione via mail, entro il giovedì precedente l incontro, alla Commissione Campionati ), ai commissioner di riferimento ) ed al ). DER: d) disporre di almeno n. 2 (due) palloni, omologati, esclusivamente in pelle. I modelli possono essere ad esempio: F1100 (mod. Nfl), F1003 (mod. College) conformi a quanto prescritto dal regolamento di gioco; i palloni devono essere consegnati agli arbitri prima dell inizio della gara. Nel caso la società ospitante non sia in grado di fornire agli arbitri il numero di palloni suindicati, ma solo uno o nessuno, è dovere del Capo Arbitro segnalare quanto sopra a referto. Per tale mancanza sarà comminata una sanzione di 100,00 per ogni pallone mancante. In caso la società ospitata non avesse con sé palloni conformi a quanto prescritto l incontro non avrà luogo e la squadra ospite vincerà 0/8 a tavolino e verrà comminata una multa di 500,00 alla squadra organizzatrice, oltre al rimborso forfettario di 500,00 da versare alla squadra avversaria per danno procurato. E facoltà della squadra ospite adoperare i propri palloni, purché rispondenti ai requisiti obbligatori federali. RDC Tit. 1 Art.10 Ammissione all Area Tecnica DER: Per Area Tecnica si intende il campo da gioco e gli eventuali spogliatoi annessi al campo. Hanno diritto ad accedere all Area Tecnica i componenti la crew arbitrale e, dietro consegna all arbitro incaricato dal referee dei relativi cartellini, (e/o eventualmente anche dei documenti d identità), i giocatori e i vari tesserati iscritti a roster, il fisioterapista, il personale paramedico dell ambulanza e del medico accompagnatore. Le Cheerleader in uniforme, le mascotte in uniforme, gli addetti alla catena, fotografi, operatori cinematografici, radiocronisti e teleoperatori potranno accedere all Area Tecnica solo se autorizzati dalla Società ospitante previa liberatoria da ogni tipo di responsabilità e dovranno essere muniti di pass rilasciato dalla Società ospitante (che dovrà riportare il logo della Società e nome e cognome della persona), fermo restando i limiti imposti dal regolamento di gioco. RDC Tit. 2 Art.1 Giocatori DER: non esiste numero minimo o massimo a roster per i campionati giovanili Si ricorda tuttavia che è necessario avere tesserato entro la prima partita di campionato numero 18 giocatori. RDC Tit. 2 Art.3 Roster Le società dovranno presentare, prima dell inizio di ogni incontro, n. 5 (cinque) copie del roster della squadra compilato in tutte le sue parti e firmato in modo leggibile dal dirigente accompagnatore regolarmente iscritto a roster. Le copie dovranno essere così ripartite: SQUADRA AVVERSARIA SPEAKER STATISTICHE ARBITRI (per identificazione giocatori e controllo cartellini secondo le modalità di cui all art. 4 Cap. I Titolo IV); la quinta copia sarà trattenuta come riscontro. I roster delle squadre vanno consegnati al capo arbitro almeno 60 minuti prima dell inizio dell incontro. Non possono essere compilati roster a mano così come non sono ammesse AGGIUNTE a mano pena la nullità del roster. Sono ammesse correzioni manuali solo per eventuali modifiche da apportare ai numeri di maglia. La errata segnalazione dei numeri di maglia nel roster, fatto salvo il riscontro di dolo, comporterà per la squadra inadempiente una sanzione amministrativa fino a In caso di omessa consegna, da parte di una delle due squadre, del roster regolarmente compilato e firmato, gli arbitri non daranno inizio all incontro e alla squadra inadempiente sarà inflitta la perdita della gara. La non presentazione del roster sancisce la perdita a tavolino della partita 0/8, 8/0 e pena pecuniaria non inferiore a

3 RDC Tit. 2 Art.4 Identificazione giocatori e controllo cartellini Il Dirigente accompagnatore dovrà, almeno sessanta minuti prima dell inizio della partita: A) consegnare all arbitro incaricato dal Referee e/o le tessere FIDAF e/o i documenti d identità dei giocatori (carta di identità, passaporto, patente di guida, certificato di identità anagrafico autenticato e con fotografia). Tali tessere e documenti d identità dovranno essere accompagnati dal roster stesso, debitamente compilato in tutte le sue parti e firmato. B) presentare all arbitro, coadiuvato dall addetto alle statistiche per il riconoscimento i giocatori secondo le seguenti modalità: i giocatori, schierati su una riga, devono rispondere all appello menzionando il proprio nome personale e il proprio numero di maglia. Ogni giocatore, dopo il riconoscimento, abbandona la riga e attende il termine del riconoscimento di tutti i suoi compagni al di fuori della stessa dal momento del riconoscimento e sino alla riconsegna da parte dell arbitro incaricato dei documenti d identità, i giocatori delle due squadre non potranno abbandonare l Area Tecnica. Gli atleti dal momento del controllo cartellini sino al termine dell incontro non potranno recarsi, salvo cause di forza maggiore e dietro consenso/autorizzazione del Capo Arbitro, in altre strutture facenti parte o attigue all impianto sportivo (vedasi tribuna, bar etc.). I giocatori non in possesso di Tessera Fidaf e/o valido documento di identità (carta di identità, passaporto, patente di guida, certificato di identità anagrafico autenticato e con fotografia) non potranno a nessun titolo partecipare all incontro e non saranno ammessi al terreno di gioco dagli arbitri. Il documento d identità non dovrà essere scaduto. Sarà consentito l ingresso in campo ad un giocatore presentatosi in ritardo al controllo cartellini, previa segnalazione di effettivo ritardo riportato dal dirigente accompagnatore al capo arbitro ed al dirigente accompagnatore della squadra avversaria. In ogni caso potrà accedere al terreno di gioco se presente prima del Kick off iniziale. Oltre al controllo di cui sopra, è data facoltà alle società,attraverso comunicazione orale da presentare al capoarbitro, richiedere verifica su un massimo di 10 giocatori secondo le modalità di cui sopra. Tale richiesta va formulata dal dirigente accompagnatore/addetto agli arbitri prima dell inizio del terzo quarto con le squadre presenti sul campo. Il capo arbitro dovrà comunicare, entro la fine dell incontro, all altra società tale richiesta ed il successivo controllo dovrà essere effettuato al termine dell incontro e prima che i giocatori delle rispettive società abbandonino il terreno di gioco. DER: Per i minori di anni 15, ai quali non viene rilasciata carta di identità, l'identificazione potrà avvenire in caso di assenza di tessera Fidaf solo ed esclusivamente tramite Passaporto, Passaporto del genitore recante fotografia del minore, Carta Bianca (ovvero lasciapassare per minori), Certificato di identità anagrafica autenticato e con fotografia. RDC Tit. 2 Art.5 Obblighi della squadra di casa Le date, gli orari e i campi degli incontri di Campionato devono essere comunicati alla Federazione entro la data stabilita e comunque entro e non oltre il giovedì della settimana precedente la settimana di inizio del Campionato. Trascorso tale termine alla Squadra inadempiente sarà inflitta la perdita della prima gara per 0 8. La squadra organizzatrice dovrà inoltre far pervenire (alla Commisione Campionati e alle squadre del proprio girone e ai 2 commissioner Manuela Pellegrini e Stefano Simeoni allegate al calendario, esatte indicazioni su come raggiungere il campo nonché la pianta della zona di ubicazione dell impianto con eventuale numero telefonico dello stesso nei termini indicati dalla Federazione. PENA: ammenda di Inoltre alla Società organizzatrice è fatto obbligo di:

4 a) fornire 3 addetti alla catena. Essi dovranno aver compiuto il 14 anno di età e dovranno essere tesserati per quella società e iscritti a roster; DER: per gli addetti alla Catena che non sono tesserati in alternativa è sufficiente presentare documento di liberatoria da ogni responsabilità riportante il nome degli addetti, corredato da documento valido di identità. In tal caso gli addetti alla catena devono aver compiuto il diciottesimo anno d età. La società rimane comunque responsabile per ogni comportamento tenuto dalle suddette persone. b) avvertire per iscritto la Autorità di Pubblica Sicurezza con richiesta di un adeguato servizio d ordine pubblico; c) garantire la presenza del Medico Sociale in tutte le gare compresi i Campionati Giovanili e le gare amichevoli. In mancanza del Medico Sociale o di suo sostituto (vedasi Regolamento di Tesseramento Cap. VII, Art.12.3 ), gli arbitri decreteranno la non disputabilità dell incontro e alla società di casa sarà data partita persa per 0 8 e pena pecuniaria non inferiore ad In caso di allontanamento del medico, la partita sarà sospesa fino a un massimo di 60 (sessanta) minuti. Trascorso tale termine gli arbitri decreteranno la fine dell incontro e sarà data partita persa alla società organizzatrice senza applicare sanzioni supplementari. d) fornire un autoambulanza: la mancanza della stessa vieta l inizio della gara. L arrivo dell ambulanza dovrà essere atteso fino a 30 minuti con applicazione di sanzione pecuniaria di per ritardo imputabile alla Squadra di casa; trascorso tale termine gli arbitri decreteranno la non disputabilità dell incontro e alla Società di casa sarà data partita persa per 0 8. Se nel corso della gara l ambulanza dovrà lasciare il campo per motivi non demandabili dovrà essere prontamente rimpiazzata comunque entro 45 (quarantacinque) minuti, dopodiché gli arbitri decreteranno l impossibilità di proseguire l incontro e alla Società di casa sarà data partita persa per 0 8. A tal fine, si raccomanda di tenere a disposizione il numero telefonico di altra ambulanza; A tal fine, si raccomanda di tenere a disposizione il numero telefonico di altra ambulanza; f) garantire che sia sempre a disposizione degli arbitri, durante gli incontri, un pallone per la ripresa del gioco (pena un DELAY of the GAME); RDC Tit. 2 Art.6 Attrezzature atleti Ogni giocatore dovrà indossare obbligatoriamente le sette attrezzature previste dai vigenti regolamenti e cioè casco paradenti paraspalle parafianchi paracoccige paracosce paraginocchia (come stabilito nel regolamento di gioco NCAA). Le uniformi da gioco (pantaloni, maglie, caschi e calze) dei giocatori di ogni squadra DEVONO essere omogenee, pena la sanzione pecuniaria di Gli arbitri sono tenuti a segnalare al Giudice Sportivo le inadempienze riscontrate. RDC Tit. 2 Art.10 Orari e durata degli incontri I giorni decisi dalla Federazione per la disputa degli incontri sono i seguenti: SABATO pomeriggio o sera, DOMENICA mattino o pomeriggio. Gli orari di inizio delle partite dovranno tassativamente rispettare le seguenti indicazioni: - SABATO gli incontri potranno svolgersi dalle ore alle DOMENICA mattino/pomeriggio dalle ore 12:00 alle E consentito disputare incontri in qualsiasi altro orario e giorno della settimana solo previa autorizzazione della Commissione Campionati e del Settore Arbitrale (C.I.A.) e verifica dell accordo tra le due Società tramite conferma via e mail a e ai 2 commissioner Manuela Pellegrini e Stefano Simeoni da parte di entrambe, che deve pervenire entro il giovedì della settimana precedente la giornata dell incontro.

5 Nel caso venga accordata la disputa di un incontro infrasettimanale il kick off non potrà essere fissato prima delle ore 21. DER: Gli incontri che prevedono trasferte superiori a Km. 850 complessivi A/R, (con tolleranza di 40 Km. in più o in meno) secondo tabelle TCI, devono essere disputati o il Sabato sera dopo le ore 19:00 o la Domenica mattino/pomeriggio salvo accordi differenti tra le squadre e cmq. sempre compatibilmente con la disponibilità di voli aerei. Gli incontri di Post Season che prevedono trasferte superiori a 850 km complessivi A/R (con tolleranza di 40 km in più o in meno) secondo tabelle TCI, debbono essere concordati tra le due società ed il C.I.A. entro il Martedì precedente all incontro ore 12.00, nelle fasce orarie summenzionate, compatibilmente con eventuali disponibilità di voli aerei. Fatta salva l'intera regola qui sopra enunciata, solo per i campionati giovanili di qualsiasi categoria, è desiderio della CTF che non si debbano costringere i ragazzi a perdere giornate di scuola per la disputa delle partite. Pertanto, in aggiunta alla suddetta norma contenuta nel R.O., si fa obbligo alle società ospiti che intendano giocare di SABATO di fissare l'orario di inizio con i seguenti parametri: partendo dalle ore 14:00, aggiungere un'ora per ogni 90 Km. (o frazione di essi) di distanza dal paese d'origine (fa fede la sede della società) della società ospite più due ore (prepartita). ESEMPIO: la squadra B dista dalla società A 320 Km.. L'orario di inizio non può essere fissato PRIMA DELLE 20:00 di Sabato, salvo accordi diversi presi tra le parti (4 ore di percorrenza + 2 di prepartita). I tempi di gioco dei CAMPIONATI GIOVANILI della Regular Season e della Post Season sono: Per il Football a 9: quarti da 10 in Regular Season e in Post Season. IMPORTANTE: Viene reintrodotta la MERCY RULE a partire dal terzo quarto con spred superiore ai 50 punti. RDC Tit. 2 Art.13 Rinunce espresse a gare ufficiali La società che non intende disputare una gara deve far pervenire comunicazione in tal senso, a mezzo posta elettronica, almeno 5 giorni prima della data fissata per la sua effettuazione. Alla Squadra rinunciataria sarà data partita persa per 0 8/8 0 e penalizzazione di 2 punti in classifica. Il Giudice Sportivo porrà a carico della Società rinunciataria l indennizzo forfetario di , per lucro cessante e danno emergente, a favore dell altra società. Inoltre la Società rinunciataria dovrà versare alla Federazione la somma di a titolo di indennizzo oltre a quanto stabilito nell ordinamento di Giustizia e Disciplina della Federazione. Il ritiro di una Squadra a Campionato iniziato o il mancato completamento dello stesso, post season compresa, comporta l esclusione dal Campionato con tutti gli effetti previsti dalle norme statutarie e regolamentari. La squadra che non disputa le prime 2 giornate o due partite consecutivamente del campionato a cui si era iscritta, viene esclusa dal campionato stesso e in caso di recidiva è prevista anche l eventuale radiazione dalla Federazione. RDC Tit. 2 Art.17 Tutela degli arbitri Ogni squadra deve disporre di un ADDETTO AGLI ARBITRI nella figura del Dirigente Accompagnatore i cui dati (nome, cognome, recapiti telefonici e di posta elettronica) devono essere comunicati alla Federazione e al Settore Arbitrale (C.I.A.) almeno 2 settimane prima dell inizio del campionato. Esso sarà scelto nella persona di un Dirigente della Società (non potrà essere mai, comunque, il capo allenatore) e dovrà essere iscritto a roster con la qualifica di Dirigente Accompagnatore/addetto agli arbitri. Esso deve essere sempre reperibile, ai recapiti telefonici comunicati, dalle ore 18,00 del venerdì alle ore 20,00 della domenica Il suo compito specifico sarà

6 quello di organizzare, se richiesto entro il venerdì della settimana dell incontro, i trasporti degli arbitri e di assistere la crew arbitrale dal momento del suo arrivo sino a quello della partenza facendosi carico di tutelare l incolumità fisica degli arbitri e il rispetto degli effetti di loro appartenenza custoditi negli spogliatoi dell impianto sportivo. L obbligo di cui sopra è riferito alla squadra di casa. La società che, per negligenza del proprio Addetto agli Arbitri/Dirigente Accompagnatore dovesse provocare il ritardato rientro di arbitro, sarà tenuta a coprire le spese aggiuntive sostenute, per tale causa, dall arbitro e, in caso di rientro la domenica invece che il sabato, a corrispondergli, tramite la FIDAF, un gettone di 31,00 Euro. Se il rientro dovesse avvenire il lunedì, anziché la domenica, la somma da corrispondere all ufficiale di gara sarà di 50,00 Euro per ogni ora di ritardato arrivo sul posto di lavoro. Alla società che non dovesse comunicare entro i tempi e con i termini previsti il nominativo e i dati del proprio Addetto agli Arbitri sarà comminata una SANZIONE PECUNIARIA DI RDC Tit. 2 Art.20 Statistiche La redazione delle statistiche è obbligatoria per tutti i Campionati College e High School. Ogni Società che partecipi ad un campionato a 9 giocatori deve disporre di almeno una lettera d incarico addetto alle statistiche. Ogni Società che gioca in casa dovrà disporre obbligatoriamente, durante la partita, di almeno un addetto alle statistiche (Elaboratore, scorer o entry level) inserito a roster a cui fare riferimento e che abbia superato lo specifico corso e sia regolarmente tesserato dal Servizio Nazionale Statistiche. Non è fatto obbligo alle società in trasferta per il 2011 di avere lo scorer con sé. Gli scorers prescelti si disporranno, per redigere i referti statistici, dal lato della catena (eccezione fatta per casi di pioggia in cui si potrà recarsi nella tribuna), ma mai separatamente. In campo e fuori dal campo gli scorers devono collaborare tra loro con assoluta imparzialità. Compiti e mansioni degli scorers: IN CAMPO stesura azioni concordate su Play by Play Charts che al termine dell incontro dovranno essere firmate e controfirmate in modo leggibile apponendo anche il numero di tessera. DOPO LA PARTITA Gli scorers della squadra di casa dovranno predisporre il relativo file riepilogativo dell incontro. Le statistiche devono pervenire al Servizio Nazionale Statistiche in formato digitale entro le ore del lunedì successivo all incontro. Se le statistiche verranno inviate entro il martedì successivo all incontro, solo in maniera cartacea, sarà comminata una multa di Le squadre che disputano campionati di Arena e Campionati giovanili, che non dovessero inviare le statistiche, sono sanzionate di 200,00. DER: INJURY REPORT ASSIEME alle STATISTICHE gli scorers dovranno anche inviare alla Commissione Medica il documento denominato Injury Report. Il mancato invio dell injury report per qualsiasi squadra che partecipa ai campionati giovanili comporta una sanzione di Il form è scaricabile sul sito della FIDAF e va compilato dal medico sociale subito dopo la partita.. Il Servizio Nazionale Statistiche può fornire, previa regolare richiesta, addetti alle statistiche ad un costo di 100,00 ad incontro. La mancata presentazione della lettera di incarico per qualsiasi squadra che partecipa a campionati di Arena ed a campionati giovanili comporta una sanzione di

7 Regolamento di tesseramento RT Cap. I Art.1 Termini. DER: In ogni caso saranno possibili nuovi tesseramenti, nei campionati junior, entro e non oltre l ultima giornata di regular season. RT Cap. IV Art.6.3 Obbligo di documentazione. Ogni società è tenuta obbligatoriamente, a far pervenire all Ufficio Tesseramento F.I.D.A.F. una lettera di incarico, controfirmato dall allenatore e dal presidente della società, che indichi il numero di tessera, nome, cognome e che attesti la durata del rapporto e la qualifica (es. HEAD COACH o ASSISTANT COACH) del tesserato allenatore di cui usufruirà per il campionato. Tale lettera deve pervenire alla segreteria F.I.D.A.F. entro la giornata di campionato successiva alla data in cui l allenatore assume l incarico. RT Cap. IV Art.7 Obbligo allenatore abilitato. Ogni società, dopo il primo anno di affiliazione, ha l obbligo di avvalersi di un allenatore abilitato secondo le procedure previste. DER: per i Campionati Giovanili 2011 è obbligatorio avere a roster (quindi con presenza in sideline) almeno n 1 allenatore ABILITATO di 2 Livello. ESULANO da quest obbligo i team NEOAFFILIATI. Inoltre c è la possibilità di ottenere una deroga presso la CT (SSA), per gli allenatori di 1 livello, previo verifica CV. RT Cap. VI Art.12.1 Modalità di tesseramento Medici sociali. La tessera di medico sociale viene rilasciata dandone preventiva comunicazione all Ufficio Tesseramento, dalla Commissione Medica Federale dopo aver esaminato la richiesta nonché la completezza e la validità della documentazione. La società per ottenere il tesseramento del Medico Sociale dovrà inviare: a) fotocopia del certificato d iscrizione all Ordine dei Medici; b) Curriculum Vitae; c) 2 fotografie formato tessera; d) modulo di tesseramento dirigenti con alla voce qualifica medico sociale. La tessera ha validità annuale ed è soggetta a rinnovo, con le stesse formalità e termini previsti per le tessere dirigenti di società (art.5.3). La tessera di medico sociale non dà alcun diritto di ingresso gratuito a manifestazioni F.I.D.A.F. E possibile tesserare più medici sociali per la stessa Società. RT Cap. VI Art.12.3 Sostituto saltuario. Ove il medico sociale non possa intervenire ad un incontro della propria società, può incaricare, sotto la propria responsabilità, tramite apposita lettera altro medico abilitato a sostituirlo. Tale lettera, su carta intestata e/o riportante il timbro del medico sociale, dovrà pervenire agli arbitri prima dell inizio dell incontro e dovrà essere allegata al roster. RT Cap. XI Art.20 Atleti Italiani. Sono considerati atleti italiani tutti gli atleti di scuola italiana. Per atleti di Scuola Italiana si intendono tutti gli atleti che prima del loro PRIMO tesseramento in Italia possano dimostrare con assoluta certezza di non avere mai giocato in High School e/o College o organizzazioni con strutture sportive paragonabili ad esse (Pro, Arena e Semiprofessionisti ) in USA, Canada, Messico e Giappone ed in tutte le Nazioni membri di IFAF ed EFAF, incluse le Basi Nato.

8 Der: Per i Lakers Lugano si intendono atleti di scuola svizzera tutti gli atleti che prima del loro Primo tesseramento in Svizzera possano dimostrare con assoluta certezza di non avare mai giocato in altri paesi oltre che in High School e/o College o organizzazioni con strutture sportive paragonabili ad esse in USA, Canada, Messico e Giappone ed in tutte le Nazioni membri di IFAF ed EFAF. RT Cap. XI Art.20 bis. Sarà obbligo delle Società fornire alla Federazione i documenti necessari a comprovare lo status dell'atleta prima del tesseramento. Qualora si verificassero situazioni che richiedano verifiche da parte della Federazione verrà applicata, alla società tesserante, una tassa di 50,00. Sarà responsabilità della squadra di appartenenza fornire l eventuale documentazione necessaria ad eliminare ogni possibile dubbio. In tutti i casi, anche solo dubbiosi, la Federazione parificherà l'atleta come straniero. L omissione voluta e comprovata di informazioni, determinanti a stabilire lo stato del tesseramento in oggetto, sarà ritenuto illecito sportivo e segnalato al Giudice Sportivo. In caso di comprovato illecito oltre alle sanzioni previste, sarà applicata un ammenda di 500,00 alla Società di riferimento; in caso di campionato in corso, sconfitta a tavolino 8/0, 0/8 e penalizzazione di 2 punti per ogni incontro in cui il giocatore sia stato inserito a roster dalla società. RT Cap. XI Art.20.2 Modalità tesseramento atleti italiani Per le richieste di tesseramenti le società sono tenute a: a) far sostenere all atleta la visita medica di idoneità fisica all attività agonistica (come da D.M. del 18/2/82); b) compilare in ogni sua parte l apposito modulo; c) far controfirmare da uno o entrambi i genitori o da colui che detiene la patria potestà, in caso di giocatore minorenne, il modulo di tesseramento; d) certificato di residenza attestante la data di nascita, in originale, se richiesto anche storico, per i nati in Italia; eventuale documentazione scolastica per i nati all estero. e) versare la relativa tassa contestualmente alla presentazione dei documenti entro i termini previsti e stabiliti dalla Federazione; f) conservare la documentazione, per quegli atleti, le cui generalità possano creare equivoci (es. nome, luogo di nascita, etc.) ed esibire detta documentazione su richiesta dell Ufficio Tesseramento F.I.D.A.F. o di Organi Giudicanti F.I.D.A.F.; Si ritiene valido il tesseramento di un giocatore nel momento in cui la F.I.D.A.F., tramite il proprio ufficio tesseramento, comunica alla società (tramite fax o e mail o verbalmente) l avvenuto tesseramento fornendo il numero di tessera e/o l apposita tessera. RT Cap. XI Art.21 Atleti Stranieri. Sono considerati giocatori stranieri tutti gli atleti che non rientrano nei casi all Art.20 e successivi. DER: Nell attività giovanile (campionati HIGH SCHOOL, COLLEGE e KIDS) non sono permessi giocatori stranieri (di scuola straniera) RT Cap. XIV Art.33.2 Trasferimenti per Campionati Giovanili Per i Campionati Giovanili è ammesso ricevere prestiti da una sola Società in caso di partecipazione al campionato High School, mentre sono liberi i prestiti per la partecipazione al campionato College; fa eccezione il caso previsto dall art.33.3.

9 RT Cap. XIV Art.33.3 Rientro da prestito per Campionato Giovanile Tutti gli atleti prestati entro il 1 periodo, se anagraficamente in regola con le norme previste per il Campionato Giovanile, possono scegliere se partecipare al campionato Giovanile di quell anno per le società alle quali sono stati prestati, o per la propria Società, in questo caso dovrà esserne data comunicazione scritta da parte delle due Società entro i termini previsti per i prestiti del 2 periodo. E ammesso il rientro da prestito per il Campionato Giovanile senza che ciò vada ad incidere sulla possibilità di ricevere altri prestiti. Laddove la Società presso cui era tesserato originariamente l atleta prima del prestito d ufficio non partecipi ad alcun campionato federale nell anno sportivo e che la società che ha ricevuto l atleta in prestito d ufficio non partecipi a sua volta al Campionato Giovanile per cui avviene il prestito, l atleta può scegliere una terza società di suo gradimento non violando gli articoli 30 e 34.2.

C.T.F. Commissione Tecnica Federale

C.T.F. Commissione Tecnica Federale VADEMECUM PER LE PARTITE DEI CAMPIONATI GIOVANILI FIDAF 2010 ESTRATTI DAL R.O. E DEROGHE AL R.O. VALEVOLI SOLO PER I CAMPIONATI GIOVANILI 2010 NOTA IMPORTANTE: i seguenti punti sono ESTRATTI dai vari Regolamenti.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA AGONISTICA E NORME PER LA DISPUTA CAMPIONATI

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA AGONISTICA E NORME PER LA DISPUTA CAMPIONATI REGOLAMENTO DELL ATTIVITA AGONISTICA E NORME PER LA DISPUTA CAMPIONATI F.I.D.A.F. FEDERAZIONE ITALIANA DI AMERICAN FOOTBALL Approvato in Consiglio Federale a Roma il 09 novembre 2014 In vigore dal 01 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO DI TESSERAMENTO. F.I.D.A.F. FEDERAZIONE ITALIANA DI AMERICAN FOOTBALL Approvato in Consiglio Federale a Milano il 25 settembre 2010

REGOLAMENTO DI TESSERAMENTO. F.I.D.A.F. FEDERAZIONE ITALIANA DI AMERICAN FOOTBALL Approvato in Consiglio Federale a Milano il 25 settembre 2010 REGOLAMENTO DI TESSERAMENTO F.I.D.A.F. FEDERAZIONE ITALIANA DI AMERICAN FOOTBALL Approvato in Consiglio Federale a Milano il 25 settembre 2010 1 REGOLAMENTO DI TESSERAMENTO Capitolo I - OBBLIGO DI TESSERAMENTO

Dettagli

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO 1 TROFEO ENZO BASTOGI dall 8 Giugno 2015 TORNEO DI CALCIO A 5 c/o CIRCOLO TENNIS ORBETELLO ASD Via Giovanni da Orbetello 2 58015 Orbetello (Gr) 0564/867539

Dettagli

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11

CAMPIONATI NAZIONALI DI CACIO A 11 REGOLAMENTO GENERALE FASE PROVINCIALE 44ª COPPA CITTA DI CAVA CALCIO A 11 COMITATO PROVINCIALE DI CAVA DE TIRRENI c/o Stadio Comunale S.Lamberti C.so Mazzini, 210 Cava de Tirreni (SA) e-mail: info@csicava.it www.csicava.it Telefax 089/461602 ANNO SPORTIVO 2015/2016 CAMPIONATI

Dettagli

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo UISP Challenge CUP Campionato di pallavolo CAMPIONATO DI PALLAVOLO UISP Challenge CUP Il Coordinamento Pallavolo UISP Bari indice e organizza il Campionato "UISP Challenge CUP" per la stagione sportiva

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE

Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016. Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Regolamento Regionale - Stagione agonistica 2015-2016 Attività a Squadre MASCHILE E FEMMINILE Il Comitato Regionale Sardo F.I.Te.T. indice ed organizza per la stagione agonistica 2015-2016 i seguenti campionati

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016

Stagione Sportiva 2015/2016 CAMPIONATO AMATORIALE NOTTURNO PROVINCIALE A 11 GIOCATORI OVER 40 NORME DI PARTECIPAZIONE - Regolamento ART. 1 - La Lega Calcio dell U.I.S.P. di Bergamo organizza, in collaborazione con la Associazione

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016

STAGIONE SPORTIVA 2015/2016 CENTRO SPORTIVO ITALIANO Comitato di Cuneo Via L. Bertano 25 Cuneo Tel./fax 0171/693703 Cod. Fiscale: 80019660044 P. IVA: 02848840043 Web: http.//www.csicuneo.it E-mail: segreteria@csicuneo.it STAGIONE

Dettagli

Vademecum High School 2014 (Tackle U16 Nazionale) Under 16

Vademecum High School 2014 (Tackle U16 Nazionale) Under 16 Vademecum High School 2014 (Tackle U16 Nazionale) Under 16 Commissioner : Valerio Bozzarini Cell : 345 781 5375 @ : Under16@fidaf.org FIDAF Federazione Italiana di American Football Sede Legale: Via A.

Dettagli

REGOLAMENTO. Sono ammessi in campo e in distinta gara 2 giocatori tesserati di cui uno non oltre la 1 categoria calcio a 11 o C2 calcio a 5

REGOLAMENTO. Sono ammessi in campo e in distinta gara 2 giocatori tesserati di cui uno non oltre la 1 categoria calcio a 11 o C2 calcio a 5 REGOLAMENTO LIMITAZIONI campionati SERIE A Sono ammessi in campo e in distinta gara 2 giocatori tesserati di cui uno non oltre la 1 categoria calcio a 11 o C2 calcio a 5 Sono considerati di pari livello

Dettagli

CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO

CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO CAMPIONATO PROVINCIALE PALLAVOLO REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO A.S. 2011/2012 Il Comitato Provinciale di Venezia del Centro Sportivo Italiano e del UISP, indicono per la stagione sportiva 2010/2011 il Campionato

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12 A tutte le Società di MonzaBrianza Loro sedi Agrate B.za 14-07-2011 Prot. 2/CPG e p.c. C.R. Lombardo FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI CAMPIONATI DI SERIE STAGIONE 2011/12 1. MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

ISCRIZIONE AI CAMPIONATI 2012

ISCRIZIONE AI CAMPIONATI 2012 ISCRIZIONE AI CAMPIONATI 2012 SCADENZE e iscrizioni ai campionati dovranno essere effettuate on-line oppure pervenire alla FIBS, tramite raccomandata A/R, come di seguito indicato: Italian Baseball eague

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2014/2015 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

Campionato Serie C Regionale

Campionato Serie C Regionale Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.fip.it/calabria COMUNICATO UFFICIALE

Dettagli

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016

NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 Centro Sportivo Italiano Commissione Pallavolo NORME GENERALI ATTIVITA PALLAVOLO 2015-2016 ART. 1 ISCRIZIONE Per poter partecipare all attività organizzata dalla Commissione Pallavolo è necessario essere

Dettagli

Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS DOVERI E OBBLIGHI GENERALI

Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS DOVERI E OBBLIGHI GENERALI ASSOCIAZIONE ITALIANA CULTURA E SPORT COMITATO PROVINCIALE DI PISTOIA Via Bellaria, 35 51100 PISTOIA ( PT ) Tel. 0573-367529 - FAX 0573/34933 e-mail: pistoia@aics.it Art. 1 RISPETTO DEL REGOLAMENTO AICS

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015

REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015 REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015 L A.S.D. Murialdo Cefalù, nell ambito delle attività sportive, aggregative e ricreative, indice ed organizza il 5 TORNEO DI PALLAVOLO con il seguente regolamento:

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI STAGIONE SPORTIVA 2014/2015

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE ANNUALI STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 COMITATO REGIONE LOMBARDIA Via Piranesi, 46 20137 Milano tel. 02 71093667 - fax 02 70.141.385 - e-mail: crlombardia@fisg.it Codice Fiscale 97016560159 - Partita IVA 05235981007 DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia CHAMPIONS LEAGUE Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE Articolo 1 Iscrizioni. Il Campionato Champions League 2015 è aperto a tutti (universitari

Dettagli

COMITATO REGIONALE LIGURIA CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012

COMITATO REGIONALE LIGURIA CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012 E-mail: liguria@federvolley.it http://www.volleyliguria.net CAMPIONATO NAZIONALE MASTER MASCHILE E FEMMINILE 2011/2012 1. INDIZIONE Il C. R. Liguria indice e la COGR organizza la Fase Regionale del Campionato

Dettagli

VI TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

VI TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI VI TORNEO NAZIONALE DI CALCIO DEI DOTTORI COMMERCIALISTI REGOLAMENTO I PREMESSA Articolo 1 Organizzazione Il Coordinamento dei Dottori Commercialisti per la promozione di attività sportive (Organizzatore)

Dettagli

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere La ROMA NORD CHAMPIONSHIP organizza la SERIE A, torneo di calcio a 5 infrasettimanale e serale; il torneo, che si svolgerà tutti gli anni, vuole caratterizzarsi per il livello tecnico e la serietà di tutti

Dettagli

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE Serie A2 Edizione 2014/2015 Approvato con delibera n. 229 Consiglio Federale del 30.09.2014 Iscrizione Tassa Gara Sono ammesse al Campionato Nazionale di Pallanuoto Maschile

Dettagli

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

E IMPOSSIBILE GIOCARE IL VENERDI

E IMPOSSIBILE GIOCARE IL VENERDI INDIZIONE CAMPIONATO di SECONDA DIVISIONE FEMMINILE 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare di Torino organizza il campionato di Prima Divisione Femminile.

Dettagli

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016

Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 Regolamenti dell attività a squadre e dei relativi campionati Parte specifica Stagione agonistica 2015/2016 CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile.... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2

Dettagli

REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 5 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016

REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 5 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 Centro Sportivo Italiano Comitato di Frosinone Tel./Fax 0775/856710 www.csi-fr.it REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 5 STAGIONE SPORTIVA 2015-2016 Il Comitato Provinciale di Frosinone indice

Dettagli

REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11

REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11 REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11 Validità dei regolamenti La fase finale dei Campionati Regionali 2014 si svolge secondo quanto stabilito dal Regolamento generale pubblicato su Sport in regola -Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7

REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7 REGOLAMENTO GENERALE CAMPIONATI SUPERLEAGUE CALCIO A 5 E CALCIO A 7 1. ISCRIZIONE AI CAMPIONATI E QUOTA DI CAMPO L iscrizione ad ogni campionato è gratuita. Le squadre che si iscrivono ad ogni singola

Dettagli

Campionato Provinciale di Pallacanestro maschile come appresso indicato e secondo i concentramenti ed il calendario allegato

Campionato Provinciale di Pallacanestro maschile come appresso indicato e secondo i concentramenti ed il calendario allegato Prot. n 2692/14 Cosenza, lì 10/04/2014 Coordinamento e.m.f.s. Ai Sigg. Dirigenti Scolastici Scuole Secondarie 1 Grado Interessati LORO SEDI e.p.c. Al Comitato Provinciale F.I.P. Cosenza Al Delegato Provinciale

Dettagli

TORNEO ESTIVO CALCIO A 5 2015 Regolamento Tornei

TORNEO ESTIVO CALCIO A 5 2015 Regolamento Tornei TORNEO ESTIVO CALCIO A 5 2015 Regolamento Tornei Data emissione: 23/05/2015 Versione: 1.0 Sommario Art.1 Costo e Iscrizione Torneo... 2 Art.2 Limiti di categorie sui tesseramenti... 2 Art.3 Campi di gioco...

Dettagli

11 CAMPIONATO DI CALCIO A 7

11 CAMPIONATO DI CALCIO A 7 11 CAMPIONATO DI CALCIO A 7 COORDINAMENTO PROVINCIALE CALCIO A 7 OPES AREZZO INIZIO CAMPIONATO LUNEDI 12 OTTOBRE 2015. Per la stagione sportiva 2015/2016 il campionato verterà su tre fasi e segnatamente:

Dettagli

Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica

Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica Regolamenti 2010/2011 dell Attività a Squadre e dei relativi Campionati Parte Specifica CAMPIONATI A SQUADRE... 2 Articolo 1.1. - Serie A/1 maschile... 2 Articolo 1.2. - Serie A/2 maschile... 4 Articolo

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI SEZIONE DI BELLUNO VADEMECUM DELL ARBITRO STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 74 32100 BELLUNO (BL)

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI SEZIONE DI BELLUNO VADEMECUM DELL ARBITRO STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 74 32100 BELLUNO (BL) ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI SEZIONE DI BELLUNO VADEMECUM DELL ARBITRO STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 Via San Lorenzo, 74 32100 BELLUNO (BL) Tel.: 0437/932343 Fax.: 0437/932343 E-mail: belluno@aia-figc.it

Dettagli

Regolamento Ufficiale

Regolamento Ufficiale TORNEO DELLE PARROCCHIE SAN GIOVANNI PAOLO II CALCIO A 5 VI^ EDIZIONE - 2015 Regolamento Ufficiale Il Servizio Diocesano per la Pastorale Giovanile del Vicariato di Roma, in collaborazione con l Unione

Dettagli

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE DI SERIE A1 Ediz. 2003/2004

CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE DI SERIE A1 Ediz. 2003/2004 CAMPIONATO DI PALLANUOTO MASCHILE DI SERIE A1 Ediz. 2003/2004 Sono ammesse a partecipare al Campionato di Serie A1 maschile, ediz. 2003/2004 le seguenti Società: LEONESSA BRESCIA PRO RECCO C.N. POSILLIPO

Dettagli

MEMORIAL Sergio Abbati

MEMORIAL Sergio Abbati 2011 MEMORIAL Sergio Abbati REGOLAMENTO: Art. 1) Ogni società potrà tesserare un massimo di 16 giocatori. Il tesseramento si chiuderà Giovedì 3 Giugno 2011. Dopo tale data non potranno essere tesserati

Dettagli

Campionato Nazionale CSI di Pallavolo - Categoria Open Misto stagione 2015/2016 -

Campionato Nazionale CSI di Pallavolo - Categoria Open Misto stagione 2015/2016 - Campionato Nazionale CSI di Pallavolo - Categoria Open Misto stagione 2015/2016 - REGOLAMENTO DELLA FASE PROVINCIALE ORGANIZZAZIONE E LIMITI DI PARTECIPAZIONE Art.1 Il Comitato Provinciale CSI di Ancona

Dettagli

Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Regionale della Sardegna. Disposizioni Organizzative Annuali Regionali Anno Sportivo 2014/2015

Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Regionale della Sardegna. Disposizioni Organizzative Annuali Regionali Anno Sportivo 2014/2015 Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Regionale della Sardegna Disposizioni Organizzative Annuali Regionali Anno Sportivo 2014/2015 Federazione Italiana Pallacanestro Comitato Regionale della Sardegna

Dettagli

REGOLAMENTO SEASON 2015/2016

REGOLAMENTO SEASON 2015/2016 Art. 1 ISCRIZIONE E ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO SEASON 2015/2016 L Organizzazione del "Pezzana Orange" è a cura del Torneo Pezzana e dell Orange League presso il Circolo FUTBOLCLUB. Il costo dell iscrizione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2014/2015 Formula di svolgimento: Fase di qualificazione. Fase ad orologio. Play-off. Fase di

Dettagli

SETTORE PALLAVOLO REGOLAMENTO. Campionato per Squadre Miste Maschile - Femminile

SETTORE PALLAVOLO REGOLAMENTO. Campionato per Squadre Miste Maschile - Femminile SETTORE PALLAVOLO REGOLAMENTO Campionato per Squadre Miste Maschile - Femminile Valido per la Stagione Sportiva 2015 2016 Settore Pallavolo: www.aicsfirenze.net - e-mail: pallavolomista@aicsfirenze.net

Dettagli

GIRLS FUTSAL CUP 2015/2016

GIRLS FUTSAL CUP 2015/2016 Centro Sportivo Italiano Comitato di Bologna Via M.E.Lepido, 196/3-40133 Bologna. Tel. 051 6417987. Fax 051 406578. www.csibologna.it - calcio5@csibologna.it Seguici su facebook.com/csibologna GIRLS FUTSAL

Dettagli

Sito internet: www.italialeaguecalcio.it E-mail: info@italialeaguecalcio.it REGOLAMENT0 GENERALE. Aggiornato al Sabato 23 Giugno 2012

Sito internet: www.italialeaguecalcio.it E-mail: info@italialeaguecalcio.it REGOLAMENT0 GENERALE. Aggiornato al Sabato 23 Giugno 2012 ITALIA LEAGUE CALCIO WWW.ITALIALEAGUECALCIO.IT Campionato Provinciale Bergamo calcio a 5 2012-13 Il primo Campionato Amatoriale che si svolge in 20 Province contemporaneamente Ad ogni squadra un kit di

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO

REGOLAMENTO PALLAVOLO REGOLAMENTO PALLAVOLO STAGIONE 2009/2010 in vigore dal 1 settembre 2009 PREMESSA: Il regolamento è uno strumento atto a garantire nel migliore dei modi lo svolgimento dell attività in sintonia con le scelte

Dettagli

REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7

REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7 REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7 WWW.GENERAZIONECALCETTO.COM ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero con

Dettagli

quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento -

quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento - PARAGRAFO 1: PARTECIPANTI quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento - Il Torneo di calcio a 8 GAMING CUP è un Torneo riservato alle Società Operatrici di scommesse Eurobet, Paddy Power,

Dettagli

I GIOCATORI SPROVVISTI DI UNO DEI DOCUMENTI SOPRA INDICATI NON POTRA' IN ALCUN CASO PRENDERE PARTE ALLE GARE DI CAMPIONATO

I GIOCATORI SPROVVISTI DI UNO DEI DOCUMENTI SOPRA INDICATI NON POTRA' IN ALCUN CASO PRENDERE PARTE ALLE GARE DI CAMPIONATO 1) ISCRIZIONE SQUADRE E LISTA GIOCATORI 2) CAUZIONE, QUOTE DI PARTECIPAZIONE E DI PARTITE 3) PERIODO DI SVOLGIMENTO, NUMERO SQUADRE E GIRONI 4) MODALITA' DI SVOLGIMENTO TORNEO 5) MODALITA' DI SVOLGIMENTO

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE ABRUZZO Regolamento Campionato serie C regionale A.S. 2013/2014 Formula di svolgimento: fase di qualificazione, fase ad orologio più Play-off e eventuali

Dettagli

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo.

L attività della categoria Giovanissimi costituisce il primo momento di verifica del processo di apprendimento tecnico-formativo. 2) ATTIVITÀ GIOVANILE AGONISTICA L attività giovanile è ad indirizzo competitivo e si configura principalmente attraverso i risultati delle gare ed il comportamento disciplinare in campo e fuori di Atleti,

Dettagli

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI

LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA. Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI LEGA CALCIO UISP FORLI -CESENA 6 CAMPIONATO PROVINCIALE 6 COPPA UISPFC di CALCIO a 11 Categorie: ECCELLENZA e DILETTANTI Norme di Partecipazione e Deroghe al Regolamento Nazionale di Calcio a 11 Stagione

Dettagli

Regolamento Generale delle Gare di Squash

Regolamento Generale delle Gare di Squash Regolamento Generale delle Gare di Squash Approvato dal Consiglio Federale del 12 settembre 2015 2 TITOLO I - GENERALITÀ Art. 1. Ambito di validità Il presente regolamento disciplina lo svolgimento delle

Dettagli

DOAR 2014-2015 SERIE C REG. -D REG.- B/F. Anno Sportivo 2014/2015. Serie C Regionale

DOAR 2014-2015 SERIE C REG. -D REG.- B/F. Anno Sportivo 2014/2015. Serie C Regionale DOAR 2014-2015 SERIE C REG. -D REG.- B/F Under e Over nei Campionati Seniores Regionali Maschili Minimo 3 Under Massimo 3 Over Attenzione!! Serie C Regionale Anno Sportivo 2014/2015 Serie D 2 nati 1994

Dettagli

COMUNICAZIONE ALLE SOCIETA INVIO DOCUMENTAZIONE

COMUNICAZIONE ALLE SOCIETA INVIO DOCUMENTAZIONE COMUNICAZIONE ALLE SOCIETA LE LISTE DI SVINCOLO PER RINUNCIA (EX ART.107 N.O.I.F.) PRODOTTE ON LINE DALLA SOCIETA, PER AVERE VALIDITA DEVONO ESSERE RESE DEFINITIVE, STAMPATE, FIRMATE DAL LEGALE RAPPRESENTANTE

Dettagli

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012

Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Regolamento PALLAVOLO 2011/2012 Art. 1 Regolamento tecnico di gioco 1 Per lo svolgimento della pallavolo nel CSI si applica il Regolamento Tecnico di gioco del CSI con le limitazioni, le esclusioni, le

Dettagli

CAMPIONATO AMATORIALE RUGBY UNION CAR

CAMPIONATO AMATORIALE RUGBY UNION CAR CAMPIONATO AMATORIALE RUGBY UNION CAR Regolamento stagione sportiva 2014/15 1. Iscrizione al torneo: Ogni squadra, visto e approvato quanto scritto sotto, deve formalizzare la propria iscrizione entro

Dettagli

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Societa affiliata alla Fipav e all MSP Manofuori Cup Non è necessario essere Campioni per divertirsi giocando a pallavolo L Associazione Culturale

Dettagli

MODIFICHE E CHIARIMENTI regolamento generale pallanuoto - stagione agonistica 2010-2011

MODIFICHE E CHIARIMENTI regolamento generale pallanuoto - stagione agonistica 2010-2011 MODIFICHE E CHIARIMENTI regolamento generale pallanuoto - stagione agonistica 2010-2011 RPN 3 RINUNCE ED AMMISSIONI In caso di mancata iscrizione ad un Campionato di una Società avente diritto di partecipazione

Dettagli

LEGA CALCIO UISP BERGAMO

LEGA CALCIO UISP BERGAMO REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 7 REGOLAMENTO ORGANICO ART. 1 - DOVERI DELLE SQUADRE E DEI TESSERATI a) Le squadre iscritte al Campionato Provinciale di Calcio a 7 hanno il dovere dell osservanza

Dettagli

Baruccana Volley. ART. 1 - SEDE DEL TORNEO e ORARIO DEGLI INCONTRI

Baruccana Volley. ART. 1 - SEDE DEL TORNEO e ORARIO DEGLI INCONTRI 1 Importanti novità! In questa edizione abbiamo introdotto la distinzione delle squadre iscritte in due categorie: Open e Amatori. I dettagli di ogni categoria li trovate nell articolo 5/A e 5/B. Ogni

Dettagli

Ufficio Gare Firenze

Ufficio Gare Firenze CAMPIONATO SERIE C FEMMINILE ANNO SPORTIVO 2010/2011 Competenza Ufficio Gare Regionale - Firenze FORMULA PRIMA FASE Due gironi di 7/8 squadre con formula del girone all italiana con gare di andata e ritorno

Dettagli

REGOLAMENTO. Squadre partecipanti Al torneo saranno ammesse 9 squadre. Ogni squadra giocherà una partita a settimana per tutta la durata del torneo

REGOLAMENTO. Squadre partecipanti Al torneo saranno ammesse 9 squadre. Ogni squadra giocherà una partita a settimana per tutta la durata del torneo REGOLAMENTO Sede, date, giorni e orari Il torneo Vamos a Madrid, organizzato dall Acsi in collaborazione con Quasi Gol, si disputerà a Milano nei seguenti centri sportivi: Masseroni 1 (Via Madruzzo 3)

Dettagli

4 TORNEO Città del Tricolore

4 TORNEO Città del Tricolore 4 Torneo Città del Tricolore 1 Memorial Alberto Cigarini 4 TORNEO Città del Tricolore 1 Memorial Alberto Cigarini 4 maggio 2014 BROCHURE INFORMATIVA TORNEO CON REGOLAMENTO TORNEO DATA E LUOGO DEL TORNEO

Dettagli

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI

DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI Pagina 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE REGIONALI stagione sportiva 2007 2008 Delibera n. 37 Consiglio Regionale n. 22 del 29/05/2007 PER

Dettagli

REGOLAMENTO DI BASE Commissione Italiana Karting (CIKA-ENDAS)

REGOLAMENTO DI BASE Commissione Italiana Karting (CIKA-ENDAS) REGOLAMENTO DI BASE Commissione Italiana Karting (CIKA-ENDAS) Prefazione La Commissione Italiana Karting viene istituita dall ENDAS e diretta dal Responsabile Politico Dr. Elio Dalto dal Responsabile Tecnico

Dettagli

COMMISSIONE TECNICA FEDERALE

COMMISSIONE TECNICA FEDERALE COMMISSIONE TECNICA FEDERALE Prot. 10 Mantova, 09/02/2015 Alle Società di serie A e B Alla Commissione Tecnica Arbitrale Al Giudice Unico E p.c. Ai Comitati Provinciali Ai Comitati Regionali All Ufficio

Dettagli

Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA

Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441-346 0825520-346 4133777 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.calabria.fip.it

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA P.le G. Matteotti n 9 43100 Parma Tel. 0521281226 289870 Fax 0521236626 E-mail: csi@csiparma.it http: www.csiparma.it CENTRO SPORTIVO ITALIANO Comitato

Dettagli

ATTIVITA. MINIVOLLEY 2 LIVELLO 4vs4

ATTIVITA. MINIVOLLEY 2 LIVELLO 4vs4 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO Comitato Provinciale di Lecco c/o CONI CASA DELLO SPORT Via allo Zucco 6-23900 Lecco tel 0341/251587 - fax 0341/258436 e-mail: lecco@federvolley.it sito internet: www.lecco.federvolley.it

Dettagli

2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo

2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia 2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo IL CUS FOGGIA ORGANIZZA IL PRIMO TORNEO DI CALCIO A 5 PER TUTTI I DIPARTIMENTI DELL UNIVERSITA

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016

REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 REGOLAMENTO DELL ATTIVITÀ A SQUADRE E DEI RELATIVI CAMPIONATI REGIONE LIGURIA 2015/2016 Il Comitato Regionale F.I.Te.T. Liguria indice per la stagione agonistica 2015/2016 i seguenti campionati a squadre:

Dettagli

CONI presenta F.I.R. C.R.V. 38 Torneo Mini Rugby Città di Treviso 25 TROFEO RUGBY

CONI presenta F.I.R. C.R.V. 38 Torneo Mini Rugby Città di Treviso 25 TROFEO RUGBY CONI presenta F.I.R. C.R.V. 38 Torneo Mini Rugby Città di Treviso DATE E LUOGO DEL TORNEO Sabato 14 (mattina e pomeriggio) e Domenica 15 (mattina) Maggio 2016 UNDER 6 - Presso il Centro Sportivo La Ghirada

Dettagli

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari 3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016 Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari Regolamento del Torneo IL TORNEO E RISERVATO A TUTTI I GIOCATORI CHE ABBIANO COMPIUTO IL 30 ANNO DI ETA AL MOMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO ''CHAMPIONS 5'' REGOLE PRINCIPALI - SI RICORDA CHE TUTTI I TESSERATI DEVONO ESSERE IN POSSESSO DEL CERTIFICATO MEDICO PER DISPUTARE IL

REGOLAMENTO ''CHAMPIONS 5'' REGOLE PRINCIPALI - SI RICORDA CHE TUTTI I TESSERATI DEVONO ESSERE IN POSSESSO DEL CERTIFICATO MEDICO PER DISPUTARE IL REGOLAMENTO ''CHAMPIONS 5'' REGOLE PRINCIPALI - SI RICORDA CHE TUTTI I TESSERATI DEVONO ESSERE IN POSSESSO DEL CERTIFICATO MEDICO PER DISPUTARE IL CAMPIONATO. IL PRESIDENTE DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA/SQUADRA

Dettagli

Federazione Italiana Gioco Freccette

Federazione Italiana Gioco Freccette ---------------------------------------------------------------- -------------------- A: tutti i Dart Club della Regione Umbria DC Wonderland regione Toscana e per conoscenza a: Coordinatore Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO 2015 / 2016

REGOLAMENTO 2015 / 2016 REGOLAMENTO 2015 / 2016 ART. 1 COMPOSIZIONE DEL CAMPIONATO Il Campionato Amatoriale è a scopo ricreativo e destinato ai soli soci maggiorenni dell A.S.D. SUMMER GAMES è composto da10 squadre, raggruppate

Dettagli

REGOLAMENTO 2011. Art. 1 COME ISCRIVERSI

REGOLAMENTO 2011. Art. 1 COME ISCRIVERSI REGOLAMENTO 2011 Art. 1 COME ISCRIVERSI somma di 350,00 nei seguenti modi: 1. Bonifico Bancario c.c. 2. Assegno non trasferibile intestato alla A.S.D. Stella Azzurra. 3. In contanti presso la sede in via

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 A tutte le Società di Monza Brianza Loro sedi Agrate Brianza, 22-12-2014 Prot. 211/CPG e p.c. C.R. Lombardia FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 2 MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

QUOTE DI PARTECIPAZIONE Piazzale Veterani dello Sport, 4 48022 Lugo (Ravenna) tel. 0545-26924 fax 0545-35665 www.uispbassaromagna.it lugo@uisp.it STRUTTURA CAMPIONATO Il campionato di Calcio a 5 2012-2013 è aperto a tutte le

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di CATEGORIA 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Gare Provinciale [C.O.G.P.] organizza la fase provinciale dei campionati di categoria del settore femminile;

Dettagli

Regolamento Campionato Nazionale calcio a 5 cat. Open Fase Provinciale

Regolamento Campionato Nazionale calcio a 5 cat. Open Fase Provinciale CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO DI NOVARA Gozzano 10-09-2014 Regolamento Campionato Nazionale calcio a 5 cat. Open Fase Provinciale Premessa Nello svolgimento dell attività sportiva del CSI in caso di

Dettagli

1) Calciatori La gara è giuocata da due squadre, formate ciascuna da un massimo di 5 calciatori, uno dei quali nel ruolo di portiere.

1) Calciatori La gara è giuocata da due squadre, formate ciascuna da un massimo di 5 calciatori, uno dei quali nel ruolo di portiere. REGOLA 3 - NUMERO DEI CALCIATORI 1) Calciatori La gara è giuocata da due squadre, formate ciascuna da un massimo di 5 calciatori, uno dei quali nel ruolo di portiere. 2) Procedura di sostituzione a) È

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di SERIE 2014/2015 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare Regionale organizza i campionati di serie interprovinciali di CN/AT. [Art. 1 e 2, comma

Dettagli

FIPAV Commissione Organizzativa Gare Torino A.S. 2014/2015

FIPAV Commissione Organizzativa Gare Torino A.S. 2014/2015 INDIZIONE CAMPIONATI di CATEGORIA 2014/2015 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Gare Provinciale organizza la fase provinciale dei campionati di categoria del settore femminile; l

Dettagli

Sez. Albano Laziale Vademecum Arbitri OTS Stagione 2013/2014 SEZIONE DI ALBANO LAZIALE VADEMECUM ORGANO TECNICO SEZIONALE S.S.

Sez. Albano Laziale Vademecum Arbitri OTS Stagione 2013/2014 SEZIONE DI ALBANO LAZIALE VADEMECUM ORGANO TECNICO SEZIONALE S.S. SEZIONE DI ALBANO LAZIALE VADEMECUM ORGANO TECNICO SEZIONALE S.S. 2013/2014 ARBITRI INVIO DESIGNAZIONI: Le designazioni verranno caricate dall Organo Tecnico Sezionale su SINFONIA4YOU ed inviate a mezzo

Dettagli

Comunicato n 5 del 16/9/2015

Comunicato n 5 del 16/9/2015 Commissione Tecnica Calcio CAMPIONATO CALCIO A 5 STAGIONE 2015/2016 Comunicato n 5 del 16/9/2015 Il Centro Sportivo Italiano Comitato di Carpi è lieto di annunciare che per questa stagione il partner per

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE SAN GABRIELE BASKET

REGOLAMENTO GENERALE SAN GABRIELE BASKET PREFAZIONE Questo regolamento rappresenta il punto di riferimento per tutti gli associati della Associazione Sportiva Dilettantistica (di seguito ASD ) che risulta essere un punto d incontro per diffondere

Dettagli

CAMPIONATO DI SOCIETA 2007 SERIE A-B-C. Bando e Regolamento di gara

CAMPIONATO DI SOCIETA 2007 SERIE A-B-C. Bando e Regolamento di gara CAMPIONATO DI SOCIETA 2007 SERIE A-B-C La partecipazione alla gara è riservata alle Associazioni Sportive Dilettantistiche ASD della FIGB che siano in regola con l affiliazione 2007 e che abbiano acquisito

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di SERIE 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare Regionale organizza i campionati di serie interprovinciali di CN/AT e AL/Bl/NO/VC/VCO.

Dettagli

G.S. ENS REGGIO CALABRIA G.S.S. PATAVINI POL. SILENZIOSA ROMANA A.S.D. G.S.S. ENS TORINO

G.S. ENS REGGIO CALABRIA G.S.S. PATAVINI POL. SILENZIOSA ROMANA A.S.D. G.S.S. ENS TORINO Squadre partecipanti: G.S. ENS REGGIO CALABRIA G.S.S. PATAVINI POL. SILENZIOSA ROMANA A.S.D. G.S.S. ENS TORINO PER ULTERIORI INFORMAZIONI info@psromana.it Programma 1 e 2 GIUGNO 2008 Squadre partecipanti:

Dettagli

REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016. Norme generali

REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016. Norme generali POLISPORTIVE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI PROMOZIONE SPORTIVA GIOVANILI SALESIANE Sede nazionale. Via Nomentana 175-00161 ROMA Tel. 06/4462179 - Fax 06/491310 REGOLAMENTO SPORTIVO DON BOSCO CUP 2016 L'Associazione

Dettagli

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE

FIPAV C.O.G.R. PIEMONTE INDIZIONE CAMPIONATI di SERIE 2014/2015 La Federazione Italiana Pallavolo indice e la Commissione Organizzativa Gare Regionale organizza i campionati di serie interprovinciali di CN/AT. [Art. 1 e 2, comma

Dettagli

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13

CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D. Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13 CU 4 del 10/10/2013 CALENDARI UFFICIALI DEI CAMPIONATI REGIONALI DI SERIE C e D Il presente CU integra la Circolare di Indizione pubblicata in data 2/7/13 Si trasmettono in allegato i calendari definitivi

Dettagli

ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015.

ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015. VOLLEY MISTA SPORT CAAM SARDEGNA 2015 TROFEO NAZIONALE/REGIONALE A.S.C. ORGANIZZATO DAL COMITATO REGIONALE A.S.C. IN COLLABORAZIONE CON A.S.D. COMITATO CAAMSARDEGNA Muravera(Ca), 25-27 Settembre 2015 Costi

Dettagli