VADEMECUM PER LE PARTITE DEI CAMPIONATI GIOVANILI FIDAF 2011 ESTRATTI DAL R.O. E DEROGHE AL R.O. VALEVOLI SOLO PER I CAMPIONATI GIOVANILI 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM PER LE PARTITE DEI CAMPIONATI GIOVANILI FIDAF 2011 ESTRATTI DAL R.O. E DEROGHE AL R.O. VALEVOLI SOLO PER I CAMPIONATI GIOVANILI 2011"

Transcript

1 VADEMECUM PER LE PARTITE DEI CAMPIONATI GIOVANILI FIDAF 2011 ESTRATTI DAL R.O. E DEROGHE AL R.O. VALEVOLI SOLO PER I CAMPIONATI GIOVANILI 2011 NOTA IMPORTANTE: i seguenti punti sono ESTRATTI dai vari Regolamenti. Non sono pertanto esaustivi né completi. Si tratta di una breve guida con i punti essenziali, pertanto invitiamo tutti i dirigenti ad andare a leggersi i regolamenti PER INTERO. LEGENDA: RDC: regolamento disputa campionati RSA: regolamento società affiliate RT: regolamento di tesseramento DER: deroga valida solo per i campionati giovanili 2011 (le parti in deroga sono indicate in corsivo) REGOLA GENERALE Possono partecipare al Campionato College 2011 (U21) gli atleti DI SCUOLA ITALIANA (n.b: per il Lakers Lugano si intende atleti di scuola solo ed esclusivamente svizzera) nati nei seguenti anni: (si aggiunge il 1994 in caso la società NON abbia iscritto anche la squadra al campionato High School) QUESTA DEROGA E VALIDA SOLO E UNICAMENTE PER QUESTO ANNO E NON VERRA PIU APPLICATA NEI CAMPIONATI DEGLI ANNI SUCESSIVI. Possono partecipare al Campionato High School 2011 (U18) gli atleti DI SCUOLA ITALIANA nati nei seguenti anni: Gli atleti nati nel 1993 e nel 1996 possono partecipare ad ENTRAMBI i campionati di riferimento (High School e College per 1993 e Five Man e High School per il 1996) a condizione che non giochino più di una partita/manifestazione a weekend o (in caso di partita o bowl infrasettimanale) che siano passati almeno 48 ore dalla partita precedente. I campionati vengono disputati con la formula a 9 giocatori (College e High School) Disposizione per la disputa degli incontri: RDC Tit. 1 Art.6 Prescrizioni per le Società Nello svolgimento dell attività agonistica alle Società ospitante è fatto obbligo di: a) assicurare la regolare effettuazione della gara e la tutela degli Ufficiali di gara, dei Dirigenti, degli Atleti e degli Accompagnatori della Squadra ospitata, prima, durante e dopo la gara stessa; b) far partecipare alla gara solo giocatori regolarmente tesserati cui non sia stata vietata la partecipazione alla gara stessa; c) provvedere che le maglie da gioco siano opportunamente numerate, tali, comunque, da rendere possibile l identificazione dei singoli giocatori. Le Squadre di casa hanno il diritto di indossare i propri colori sociali (salvo accordi diversi) e non sono tenute a disporre al campo di una muta di maglie bianche. Sarà obbligo di tutte le Società comunicare 8 giorni prima dell inizio di qualsiasi campionato junior alla Federazione, quale colore di maglia utilizzeranno in incontri casalinghi. DER: La squadra ospitata dovrà indossare obbligatoriamente una maglia da gioco prettamente bianca o contrastante nei colori, tale da non confondersi con la divisa da gioco della società ospitante. Se la squadra di casa adotterà maglia di colore prettamente bianco dovrà comunicarlo alla Federazione 8 (otto) giorni prima dell inizio del Campionato di riferimento. I giocatori della stessa squadra dovranno obbligatoriamente indossare

2 maglie dello stesso colore e design. Potranno intercorrere accordi diversi tra le squadre previa comunicazione via mail, entro il giovedì precedente l incontro, alla Commissione Campionati ), ai commissioner di riferimento ) ed al ). DER: d) disporre di almeno n. 2 (due) palloni, omologati, esclusivamente in pelle. I modelli possono essere ad esempio: F1100 (mod. Nfl), F1003 (mod. College) conformi a quanto prescritto dal regolamento di gioco; i palloni devono essere consegnati agli arbitri prima dell inizio della gara. Nel caso la società ospitante non sia in grado di fornire agli arbitri il numero di palloni suindicati, ma solo uno o nessuno, è dovere del Capo Arbitro segnalare quanto sopra a referto. Per tale mancanza sarà comminata una sanzione di 100,00 per ogni pallone mancante. In caso la società ospitata non avesse con sé palloni conformi a quanto prescritto l incontro non avrà luogo e la squadra ospite vincerà 0/8 a tavolino e verrà comminata una multa di 500,00 alla squadra organizzatrice, oltre al rimborso forfettario di 500,00 da versare alla squadra avversaria per danno procurato. E facoltà della squadra ospite adoperare i propri palloni, purché rispondenti ai requisiti obbligatori federali. RDC Tit. 1 Art.10 Ammissione all Area Tecnica DER: Per Area Tecnica si intende il campo da gioco e gli eventuali spogliatoi annessi al campo. Hanno diritto ad accedere all Area Tecnica i componenti la crew arbitrale e, dietro consegna all arbitro incaricato dal referee dei relativi cartellini, (e/o eventualmente anche dei documenti d identità), i giocatori e i vari tesserati iscritti a roster, il fisioterapista, il personale paramedico dell ambulanza e del medico accompagnatore. Le Cheerleader in uniforme, le mascotte in uniforme, gli addetti alla catena, fotografi, operatori cinematografici, radiocronisti e teleoperatori potranno accedere all Area Tecnica solo se autorizzati dalla Società ospitante previa liberatoria da ogni tipo di responsabilità e dovranno essere muniti di pass rilasciato dalla Società ospitante (che dovrà riportare il logo della Società e nome e cognome della persona), fermo restando i limiti imposti dal regolamento di gioco. RDC Tit. 2 Art.1 Giocatori DER: non esiste numero minimo o massimo a roster per i campionati giovanili Si ricorda tuttavia che è necessario avere tesserato entro la prima partita di campionato numero 18 giocatori. RDC Tit. 2 Art.3 Roster Le società dovranno presentare, prima dell inizio di ogni incontro, n. 5 (cinque) copie del roster della squadra compilato in tutte le sue parti e firmato in modo leggibile dal dirigente accompagnatore regolarmente iscritto a roster. Le copie dovranno essere così ripartite: SQUADRA AVVERSARIA SPEAKER STATISTICHE ARBITRI (per identificazione giocatori e controllo cartellini secondo le modalità di cui all art. 4 Cap. I Titolo IV); la quinta copia sarà trattenuta come riscontro. I roster delle squadre vanno consegnati al capo arbitro almeno 60 minuti prima dell inizio dell incontro. Non possono essere compilati roster a mano così come non sono ammesse AGGIUNTE a mano pena la nullità del roster. Sono ammesse correzioni manuali solo per eventuali modifiche da apportare ai numeri di maglia. La errata segnalazione dei numeri di maglia nel roster, fatto salvo il riscontro di dolo, comporterà per la squadra inadempiente una sanzione amministrativa fino a In caso di omessa consegna, da parte di una delle due squadre, del roster regolarmente compilato e firmato, gli arbitri non daranno inizio all incontro e alla squadra inadempiente sarà inflitta la perdita della gara. La non presentazione del roster sancisce la perdita a tavolino della partita 0/8, 8/0 e pena pecuniaria non inferiore a

3 RDC Tit. 2 Art.4 Identificazione giocatori e controllo cartellini Il Dirigente accompagnatore dovrà, almeno sessanta minuti prima dell inizio della partita: A) consegnare all arbitro incaricato dal Referee e/o le tessere FIDAF e/o i documenti d identità dei giocatori (carta di identità, passaporto, patente di guida, certificato di identità anagrafico autenticato e con fotografia). Tali tessere e documenti d identità dovranno essere accompagnati dal roster stesso, debitamente compilato in tutte le sue parti e firmato. B) presentare all arbitro, coadiuvato dall addetto alle statistiche per il riconoscimento i giocatori secondo le seguenti modalità: i giocatori, schierati su una riga, devono rispondere all appello menzionando il proprio nome personale e il proprio numero di maglia. Ogni giocatore, dopo il riconoscimento, abbandona la riga e attende il termine del riconoscimento di tutti i suoi compagni al di fuori della stessa dal momento del riconoscimento e sino alla riconsegna da parte dell arbitro incaricato dei documenti d identità, i giocatori delle due squadre non potranno abbandonare l Area Tecnica. Gli atleti dal momento del controllo cartellini sino al termine dell incontro non potranno recarsi, salvo cause di forza maggiore e dietro consenso/autorizzazione del Capo Arbitro, in altre strutture facenti parte o attigue all impianto sportivo (vedasi tribuna, bar etc.). I giocatori non in possesso di Tessera Fidaf e/o valido documento di identità (carta di identità, passaporto, patente di guida, certificato di identità anagrafico autenticato e con fotografia) non potranno a nessun titolo partecipare all incontro e non saranno ammessi al terreno di gioco dagli arbitri. Il documento d identità non dovrà essere scaduto. Sarà consentito l ingresso in campo ad un giocatore presentatosi in ritardo al controllo cartellini, previa segnalazione di effettivo ritardo riportato dal dirigente accompagnatore al capo arbitro ed al dirigente accompagnatore della squadra avversaria. In ogni caso potrà accedere al terreno di gioco se presente prima del Kick off iniziale. Oltre al controllo di cui sopra, è data facoltà alle società,attraverso comunicazione orale da presentare al capoarbitro, richiedere verifica su un massimo di 10 giocatori secondo le modalità di cui sopra. Tale richiesta va formulata dal dirigente accompagnatore/addetto agli arbitri prima dell inizio del terzo quarto con le squadre presenti sul campo. Il capo arbitro dovrà comunicare, entro la fine dell incontro, all altra società tale richiesta ed il successivo controllo dovrà essere effettuato al termine dell incontro e prima che i giocatori delle rispettive società abbandonino il terreno di gioco. DER: Per i minori di anni 15, ai quali non viene rilasciata carta di identità, l'identificazione potrà avvenire in caso di assenza di tessera Fidaf solo ed esclusivamente tramite Passaporto, Passaporto del genitore recante fotografia del minore, Carta Bianca (ovvero lasciapassare per minori), Certificato di identità anagrafica autenticato e con fotografia. RDC Tit. 2 Art.5 Obblighi della squadra di casa Le date, gli orari e i campi degli incontri di Campionato devono essere comunicati alla Federazione entro la data stabilita e comunque entro e non oltre il giovedì della settimana precedente la settimana di inizio del Campionato. Trascorso tale termine alla Squadra inadempiente sarà inflitta la perdita della prima gara per 0 8. La squadra organizzatrice dovrà inoltre far pervenire (alla Commisione Campionati e alle squadre del proprio girone e ai 2 commissioner Manuela Pellegrini e Stefano Simeoni allegate al calendario, esatte indicazioni su come raggiungere il campo nonché la pianta della zona di ubicazione dell impianto con eventuale numero telefonico dello stesso nei termini indicati dalla Federazione. PENA: ammenda di Inoltre alla Società organizzatrice è fatto obbligo di:

4 a) fornire 3 addetti alla catena. Essi dovranno aver compiuto il 14 anno di età e dovranno essere tesserati per quella società e iscritti a roster; DER: per gli addetti alla Catena che non sono tesserati in alternativa è sufficiente presentare documento di liberatoria da ogni responsabilità riportante il nome degli addetti, corredato da documento valido di identità. In tal caso gli addetti alla catena devono aver compiuto il diciottesimo anno d età. La società rimane comunque responsabile per ogni comportamento tenuto dalle suddette persone. b) avvertire per iscritto la Autorità di Pubblica Sicurezza con richiesta di un adeguato servizio d ordine pubblico; c) garantire la presenza del Medico Sociale in tutte le gare compresi i Campionati Giovanili e le gare amichevoli. In mancanza del Medico Sociale o di suo sostituto (vedasi Regolamento di Tesseramento Cap. VII, Art.12.3 ), gli arbitri decreteranno la non disputabilità dell incontro e alla società di casa sarà data partita persa per 0 8 e pena pecuniaria non inferiore ad In caso di allontanamento del medico, la partita sarà sospesa fino a un massimo di 60 (sessanta) minuti. Trascorso tale termine gli arbitri decreteranno la fine dell incontro e sarà data partita persa alla società organizzatrice senza applicare sanzioni supplementari. d) fornire un autoambulanza: la mancanza della stessa vieta l inizio della gara. L arrivo dell ambulanza dovrà essere atteso fino a 30 minuti con applicazione di sanzione pecuniaria di per ritardo imputabile alla Squadra di casa; trascorso tale termine gli arbitri decreteranno la non disputabilità dell incontro e alla Società di casa sarà data partita persa per 0 8. Se nel corso della gara l ambulanza dovrà lasciare il campo per motivi non demandabili dovrà essere prontamente rimpiazzata comunque entro 45 (quarantacinque) minuti, dopodiché gli arbitri decreteranno l impossibilità di proseguire l incontro e alla Società di casa sarà data partita persa per 0 8. A tal fine, si raccomanda di tenere a disposizione il numero telefonico di altra ambulanza; A tal fine, si raccomanda di tenere a disposizione il numero telefonico di altra ambulanza; f) garantire che sia sempre a disposizione degli arbitri, durante gli incontri, un pallone per la ripresa del gioco (pena un DELAY of the GAME); RDC Tit. 2 Art.6 Attrezzature atleti Ogni giocatore dovrà indossare obbligatoriamente le sette attrezzature previste dai vigenti regolamenti e cioè casco paradenti paraspalle parafianchi paracoccige paracosce paraginocchia (come stabilito nel regolamento di gioco NCAA). Le uniformi da gioco (pantaloni, maglie, caschi e calze) dei giocatori di ogni squadra DEVONO essere omogenee, pena la sanzione pecuniaria di Gli arbitri sono tenuti a segnalare al Giudice Sportivo le inadempienze riscontrate. RDC Tit. 2 Art.10 Orari e durata degli incontri I giorni decisi dalla Federazione per la disputa degli incontri sono i seguenti: SABATO pomeriggio o sera, DOMENICA mattino o pomeriggio. Gli orari di inizio delle partite dovranno tassativamente rispettare le seguenti indicazioni: - SABATO gli incontri potranno svolgersi dalle ore alle DOMENICA mattino/pomeriggio dalle ore 12:00 alle E consentito disputare incontri in qualsiasi altro orario e giorno della settimana solo previa autorizzazione della Commissione Campionati e del Settore Arbitrale (C.I.A.) e verifica dell accordo tra le due Società tramite conferma via e mail a e ai 2 commissioner Manuela Pellegrini e Stefano Simeoni da parte di entrambe, che deve pervenire entro il giovedì della settimana precedente la giornata dell incontro.

5 Nel caso venga accordata la disputa di un incontro infrasettimanale il kick off non potrà essere fissato prima delle ore 21. DER: Gli incontri che prevedono trasferte superiori a Km. 850 complessivi A/R, (con tolleranza di 40 Km. in più o in meno) secondo tabelle TCI, devono essere disputati o il Sabato sera dopo le ore 19:00 o la Domenica mattino/pomeriggio salvo accordi differenti tra le squadre e cmq. sempre compatibilmente con la disponibilità di voli aerei. Gli incontri di Post Season che prevedono trasferte superiori a 850 km complessivi A/R (con tolleranza di 40 km in più o in meno) secondo tabelle TCI, debbono essere concordati tra le due società ed il C.I.A. entro il Martedì precedente all incontro ore 12.00, nelle fasce orarie summenzionate, compatibilmente con eventuali disponibilità di voli aerei. Fatta salva l'intera regola qui sopra enunciata, solo per i campionati giovanili di qualsiasi categoria, è desiderio della CTF che non si debbano costringere i ragazzi a perdere giornate di scuola per la disputa delle partite. Pertanto, in aggiunta alla suddetta norma contenuta nel R.O., si fa obbligo alle società ospiti che intendano giocare di SABATO di fissare l'orario di inizio con i seguenti parametri: partendo dalle ore 14:00, aggiungere un'ora per ogni 90 Km. (o frazione di essi) di distanza dal paese d'origine (fa fede la sede della società) della società ospite più due ore (prepartita). ESEMPIO: la squadra B dista dalla società A 320 Km.. L'orario di inizio non può essere fissato PRIMA DELLE 20:00 di Sabato, salvo accordi diversi presi tra le parti (4 ore di percorrenza + 2 di prepartita). I tempi di gioco dei CAMPIONATI GIOVANILI della Regular Season e della Post Season sono: Per il Football a 9: quarti da 10 in Regular Season e in Post Season. IMPORTANTE: Viene reintrodotta la MERCY RULE a partire dal terzo quarto con spred superiore ai 50 punti. RDC Tit. 2 Art.13 Rinunce espresse a gare ufficiali La società che non intende disputare una gara deve far pervenire comunicazione in tal senso, a mezzo posta elettronica, almeno 5 giorni prima della data fissata per la sua effettuazione. Alla Squadra rinunciataria sarà data partita persa per 0 8/8 0 e penalizzazione di 2 punti in classifica. Il Giudice Sportivo porrà a carico della Società rinunciataria l indennizzo forfetario di , per lucro cessante e danno emergente, a favore dell altra società. Inoltre la Società rinunciataria dovrà versare alla Federazione la somma di a titolo di indennizzo oltre a quanto stabilito nell ordinamento di Giustizia e Disciplina della Federazione. Il ritiro di una Squadra a Campionato iniziato o il mancato completamento dello stesso, post season compresa, comporta l esclusione dal Campionato con tutti gli effetti previsti dalle norme statutarie e regolamentari. La squadra che non disputa le prime 2 giornate o due partite consecutivamente del campionato a cui si era iscritta, viene esclusa dal campionato stesso e in caso di recidiva è prevista anche l eventuale radiazione dalla Federazione. RDC Tit. 2 Art.17 Tutela degli arbitri Ogni squadra deve disporre di un ADDETTO AGLI ARBITRI nella figura del Dirigente Accompagnatore i cui dati (nome, cognome, recapiti telefonici e di posta elettronica) devono essere comunicati alla Federazione e al Settore Arbitrale (C.I.A.) almeno 2 settimane prima dell inizio del campionato. Esso sarà scelto nella persona di un Dirigente della Società (non potrà essere mai, comunque, il capo allenatore) e dovrà essere iscritto a roster con la qualifica di Dirigente Accompagnatore/addetto agli arbitri. Esso deve essere sempre reperibile, ai recapiti telefonici comunicati, dalle ore 18,00 del venerdì alle ore 20,00 della domenica Il suo compito specifico sarà

6 quello di organizzare, se richiesto entro il venerdì della settimana dell incontro, i trasporti degli arbitri e di assistere la crew arbitrale dal momento del suo arrivo sino a quello della partenza facendosi carico di tutelare l incolumità fisica degli arbitri e il rispetto degli effetti di loro appartenenza custoditi negli spogliatoi dell impianto sportivo. L obbligo di cui sopra è riferito alla squadra di casa. La società che, per negligenza del proprio Addetto agli Arbitri/Dirigente Accompagnatore dovesse provocare il ritardato rientro di arbitro, sarà tenuta a coprire le spese aggiuntive sostenute, per tale causa, dall arbitro e, in caso di rientro la domenica invece che il sabato, a corrispondergli, tramite la FIDAF, un gettone di 31,00 Euro. Se il rientro dovesse avvenire il lunedì, anziché la domenica, la somma da corrispondere all ufficiale di gara sarà di 50,00 Euro per ogni ora di ritardato arrivo sul posto di lavoro. Alla società che non dovesse comunicare entro i tempi e con i termini previsti il nominativo e i dati del proprio Addetto agli Arbitri sarà comminata una SANZIONE PECUNIARIA DI RDC Tit. 2 Art.20 Statistiche La redazione delle statistiche è obbligatoria per tutti i Campionati College e High School. Ogni Società che partecipi ad un campionato a 9 giocatori deve disporre di almeno una lettera d incarico addetto alle statistiche. Ogni Società che gioca in casa dovrà disporre obbligatoriamente, durante la partita, di almeno un addetto alle statistiche (Elaboratore, scorer o entry level) inserito a roster a cui fare riferimento e che abbia superato lo specifico corso e sia regolarmente tesserato dal Servizio Nazionale Statistiche. Non è fatto obbligo alle società in trasferta per il 2011 di avere lo scorer con sé. Gli scorers prescelti si disporranno, per redigere i referti statistici, dal lato della catena (eccezione fatta per casi di pioggia in cui si potrà recarsi nella tribuna), ma mai separatamente. In campo e fuori dal campo gli scorers devono collaborare tra loro con assoluta imparzialità. Compiti e mansioni degli scorers: IN CAMPO stesura azioni concordate su Play by Play Charts che al termine dell incontro dovranno essere firmate e controfirmate in modo leggibile apponendo anche il numero di tessera. DOPO LA PARTITA Gli scorers della squadra di casa dovranno predisporre il relativo file riepilogativo dell incontro. Le statistiche devono pervenire al Servizio Nazionale Statistiche in formato digitale entro le ore del lunedì successivo all incontro. Se le statistiche verranno inviate entro il martedì successivo all incontro, solo in maniera cartacea, sarà comminata una multa di Le squadre che disputano campionati di Arena e Campionati giovanili, che non dovessero inviare le statistiche, sono sanzionate di 200,00. DER: INJURY REPORT ASSIEME alle STATISTICHE gli scorers dovranno anche inviare alla Commissione Medica il documento denominato Injury Report. Il mancato invio dell injury report per qualsiasi squadra che partecipa ai campionati giovanili comporta una sanzione di Il form è scaricabile sul sito della FIDAF e va compilato dal medico sociale subito dopo la partita.. Il Servizio Nazionale Statistiche può fornire, previa regolare richiesta, addetti alle statistiche ad un costo di 100,00 ad incontro. La mancata presentazione della lettera di incarico per qualsiasi squadra che partecipa a campionati di Arena ed a campionati giovanili comporta una sanzione di

7 Regolamento di tesseramento RT Cap. I Art.1 Termini. DER: In ogni caso saranno possibili nuovi tesseramenti, nei campionati junior, entro e non oltre l ultima giornata di regular season. RT Cap. IV Art.6.3 Obbligo di documentazione. Ogni società è tenuta obbligatoriamente, a far pervenire all Ufficio Tesseramento F.I.D.A.F. una lettera di incarico, controfirmato dall allenatore e dal presidente della società, che indichi il numero di tessera, nome, cognome e che attesti la durata del rapporto e la qualifica (es. HEAD COACH o ASSISTANT COACH) del tesserato allenatore di cui usufruirà per il campionato. Tale lettera deve pervenire alla segreteria F.I.D.A.F. entro la giornata di campionato successiva alla data in cui l allenatore assume l incarico. RT Cap. IV Art.7 Obbligo allenatore abilitato. Ogni società, dopo il primo anno di affiliazione, ha l obbligo di avvalersi di un allenatore abilitato secondo le procedure previste. DER: per i Campionati Giovanili 2011 è obbligatorio avere a roster (quindi con presenza in sideline) almeno n 1 allenatore ABILITATO di 2 Livello. ESULANO da quest obbligo i team NEOAFFILIATI. Inoltre c è la possibilità di ottenere una deroga presso la CT (SSA), per gli allenatori di 1 livello, previo verifica CV. RT Cap. VI Art.12.1 Modalità di tesseramento Medici sociali. La tessera di medico sociale viene rilasciata dandone preventiva comunicazione all Ufficio Tesseramento, dalla Commissione Medica Federale dopo aver esaminato la richiesta nonché la completezza e la validità della documentazione. La società per ottenere il tesseramento del Medico Sociale dovrà inviare: a) fotocopia del certificato d iscrizione all Ordine dei Medici; b) Curriculum Vitae; c) 2 fotografie formato tessera; d) modulo di tesseramento dirigenti con alla voce qualifica medico sociale. La tessera ha validità annuale ed è soggetta a rinnovo, con le stesse formalità e termini previsti per le tessere dirigenti di società (art.5.3). La tessera di medico sociale non dà alcun diritto di ingresso gratuito a manifestazioni F.I.D.A.F. E possibile tesserare più medici sociali per la stessa Società. RT Cap. VI Art.12.3 Sostituto saltuario. Ove il medico sociale non possa intervenire ad un incontro della propria società, può incaricare, sotto la propria responsabilità, tramite apposita lettera altro medico abilitato a sostituirlo. Tale lettera, su carta intestata e/o riportante il timbro del medico sociale, dovrà pervenire agli arbitri prima dell inizio dell incontro e dovrà essere allegata al roster. RT Cap. XI Art.20 Atleti Italiani. Sono considerati atleti italiani tutti gli atleti di scuola italiana. Per atleti di Scuola Italiana si intendono tutti gli atleti che prima del loro PRIMO tesseramento in Italia possano dimostrare con assoluta certezza di non avere mai giocato in High School e/o College o organizzazioni con strutture sportive paragonabili ad esse (Pro, Arena e Semiprofessionisti ) in USA, Canada, Messico e Giappone ed in tutte le Nazioni membri di IFAF ed EFAF, incluse le Basi Nato.

8 Der: Per i Lakers Lugano si intendono atleti di scuola svizzera tutti gli atleti che prima del loro Primo tesseramento in Svizzera possano dimostrare con assoluta certezza di non avare mai giocato in altri paesi oltre che in High School e/o College o organizzazioni con strutture sportive paragonabili ad esse in USA, Canada, Messico e Giappone ed in tutte le Nazioni membri di IFAF ed EFAF. RT Cap. XI Art.20 bis. Sarà obbligo delle Società fornire alla Federazione i documenti necessari a comprovare lo status dell'atleta prima del tesseramento. Qualora si verificassero situazioni che richiedano verifiche da parte della Federazione verrà applicata, alla società tesserante, una tassa di 50,00. Sarà responsabilità della squadra di appartenenza fornire l eventuale documentazione necessaria ad eliminare ogni possibile dubbio. In tutti i casi, anche solo dubbiosi, la Federazione parificherà l'atleta come straniero. L omissione voluta e comprovata di informazioni, determinanti a stabilire lo stato del tesseramento in oggetto, sarà ritenuto illecito sportivo e segnalato al Giudice Sportivo. In caso di comprovato illecito oltre alle sanzioni previste, sarà applicata un ammenda di 500,00 alla Società di riferimento; in caso di campionato in corso, sconfitta a tavolino 8/0, 0/8 e penalizzazione di 2 punti per ogni incontro in cui il giocatore sia stato inserito a roster dalla società. RT Cap. XI Art.20.2 Modalità tesseramento atleti italiani Per le richieste di tesseramenti le società sono tenute a: a) far sostenere all atleta la visita medica di idoneità fisica all attività agonistica (come da D.M. del 18/2/82); b) compilare in ogni sua parte l apposito modulo; c) far controfirmare da uno o entrambi i genitori o da colui che detiene la patria potestà, in caso di giocatore minorenne, il modulo di tesseramento; d) certificato di residenza attestante la data di nascita, in originale, se richiesto anche storico, per i nati in Italia; eventuale documentazione scolastica per i nati all estero. e) versare la relativa tassa contestualmente alla presentazione dei documenti entro i termini previsti e stabiliti dalla Federazione; f) conservare la documentazione, per quegli atleti, le cui generalità possano creare equivoci (es. nome, luogo di nascita, etc.) ed esibire detta documentazione su richiesta dell Ufficio Tesseramento F.I.D.A.F. o di Organi Giudicanti F.I.D.A.F.; Si ritiene valido il tesseramento di un giocatore nel momento in cui la F.I.D.A.F., tramite il proprio ufficio tesseramento, comunica alla società (tramite fax o e mail o verbalmente) l avvenuto tesseramento fornendo il numero di tessera e/o l apposita tessera. RT Cap. XI Art.21 Atleti Stranieri. Sono considerati giocatori stranieri tutti gli atleti che non rientrano nei casi all Art.20 e successivi. DER: Nell attività giovanile (campionati HIGH SCHOOL, COLLEGE e KIDS) non sono permessi giocatori stranieri (di scuola straniera) RT Cap. XIV Art.33.2 Trasferimenti per Campionati Giovanili Per i Campionati Giovanili è ammesso ricevere prestiti da una sola Società in caso di partecipazione al campionato High School, mentre sono liberi i prestiti per la partecipazione al campionato College; fa eccezione il caso previsto dall art.33.3.

9 RT Cap. XIV Art.33.3 Rientro da prestito per Campionato Giovanile Tutti gli atleti prestati entro il 1 periodo, se anagraficamente in regola con le norme previste per il Campionato Giovanile, possono scegliere se partecipare al campionato Giovanile di quell anno per le società alle quali sono stati prestati, o per la propria Società, in questo caso dovrà esserne data comunicazione scritta da parte delle due Società entro i termini previsti per i prestiti del 2 periodo. E ammesso il rientro da prestito per il Campionato Giovanile senza che ciò vada ad incidere sulla possibilità di ricevere altri prestiti. Laddove la Società presso cui era tesserato originariamente l atleta prima del prestito d ufficio non partecipi ad alcun campionato federale nell anno sportivo e che la società che ha ricevuto l atleta in prestito d ufficio non partecipi a sua volta al Campionato Giovanile per cui avviene il prestito, l atleta può scegliere una terza società di suo gradimento non violando gli articoli 30 e 34.2.

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Il Numero e la Tessera Social Security

Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Avere un numero di Social Security è importante perché è richiesto al momento di ottenere un lavoro, percepire sussidi dalla

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A.

C.L. Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro Polo di Rieti. Calendario Lezioni 3 anno 2 Semestre - A.A. I Settiman 2-6 Ore Lunedi 2 Martedi 3 Mercoledi 4 Giovedì 5 Venerdì 6 II 09-13 Ore Lunedì 9 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 III 16-20 Ore Lunedì 16 Martedì 17 Mercoledì 18 Giovedì 19 Venerdì

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

FAI IL PIENO DI CALCIO

FAI IL PIENO DI CALCIO REGOLAMENTO INTEGRALE DEL CONCORSO A PREMI FAI IL PIENO DI CALCIO La Beiersdorf SpA, con sede in Via Eraclito 30, 20128 Milano, promuove la seguente manifestazione, che viene svolta secondo le norme contenute

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015

CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 CONCORSO A PREMI DENOMINATO #MilionidiNomi CL 141/2015 SOGGETTO PROMOTORE: F.C. Internazionale Milano Spa, Corso Vittorio Emanuele II 9, 20122 Milano P.IVA 04231750151 (di seguito Promotore ). SOGGETTO

Dettagli

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo:

L acquisizione di candidature riguarderà i seguenti ambiti di interesse, costituenti Sezioni dell Albo: Avviso pubblico per l istituzione di un Albo di esperti da impegnare nelle attività di realizzazione di programmi e progetti di studio, ricerca e consulenza. Art. 1 Premessa E indetto Avviso Pubblico per

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI * * * * NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA E SCUOLE NUOTO FEDERALI * * * * STAGIONE 2014 2015 APPROVATA CON DELIBERA C.F. 7/7/2014 AGGIORNATA AL 07/10/2014 INDICE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011.

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Alle Compagnie Ai Comitati Regionali Loro Sedi Rif.: 049/2010. Milano, 1 ottobre 2010. Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Gentile Presidente, con il rinnovo del tesseramento per il 2011, colgo l'occasione

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Bando di concorso per l ammissione al Master universitario di I livello in International Management - MIEX Sede di Bologna codice: 8367 Anno Accademico 2014-2015 Scadenza bando: 14 luglio 2014 ore 13,00

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato

Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato F.I.M.P. Federazione Italiana Medici Pediatri Regione Veneto Il certificato nelle attività fisico-sportive in ambito non agonistico, linee guida della F.I.M.P. ad uso del pediatra convenzionato Il Codice

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57

Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 DOMANDA DI ISCRIZIONE Al Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Statale L. d Vinci Via L. Da Vinci,73 20812 Limbiate (MB) - Tel. 02-99.05.59.08 - Fax. 02-99.05.57.57 _l_ sottoscritt in qualità di padre

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli