PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI L.R.26/03 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI L.R.26/03 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA"

Transcript

1 PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI L.R.26/03 VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA SINTESI PROPOSTA DI PIANO Bergamo, 18 Giugno 2008 Prof.L.Bonomo, Dr. F.Brevi, Ing.L.Zoppei

2 Provincia Bergamo Valutazioni Stato Attuale Rifiuti Urbani: Attuale quadro della produzione e delle raccolte (2006) Nel 2006 sono state prodotte tonnellate di rifiuti urbani (produzione pro-capite di 458 kg/abxanno), di cui poco più del 50% è stato intercettato dai sistemi di raccolta differenziata e avviato al recupero di materia (inclusi ingombranti avviati al recupero). Produzione di rifiuti urbani nella Provincia di Bergamo nel 2006 RU Indifferenziati 38,7% RD* 50,1% Spazzamento stradale 4,8% Ingombranti a smaltimento 6,5% Fonte: elaborazione su dati Osservatorio Rifiuti Provincia di Bergamo

3 Rifiuti Urbani: Le Raccolte Differenziate (2006) Provincia Bergamo Valutazioni Stato Attuale Livello RD: 50,1% della produzione tot ampio superamento degli obiettivi di legge Principali frazioni raccolte: le frazioni umide (organico e verde: 80,7 kg/abxa), carta e cartone (60,9 kg/abxa) ed il vetro (37 kg/abxa), componendo poco più dell 80% delle RD; Raccolte Differenziate nella Provincia di Bergamo (2006) Frazioni umide 35,3% Ingombranti a recupero 1,1% Altro 2% Frazioni secche 61,6% Carta e cartone 26,4% Vetro 16% Plastica 5% Metalli 5% Legno 7% Tessili 0% Multimateriale 2% Fonte: elaborazione su dati Osservatorio Rifiuti Provincia di Bergamo

4 Rifiuti Urbani: Le Raccolte Differenziate (2006) Provincia Bergamo Valutazioni Stato Attuale Classificazione dei Comuni per % di RD in Provincia di Bergamo (anno 2006) Livello di RD n Comuni % n Abitanti residenti % RD 35% 71 29,3% ,1% 35%<RD 50% 69 28,5% ,1% 50%<RD 60% 64* 26,4% ,5% 60%<RD 70% 32 13,2% ,6% RD>70% 6 2,5% ,7% Totale 242** 100,0% ,0% Fonte: elaborazione su dati Osservatorio Rifiuti Provincia di Bergamo

5 Rifiuti Urbani: Le Raccolte Differenziate (2006) Provincia Bergamo Valutazioni Stato Attuale Produzione pro capite di rifiuti urbani per classi dimensionali dei Comuni (2006) 600 9,2 33,8 kg/abxanno ,8 287,7 3,6 34,0 247,8 7,1 34,0 35,5 23,4 23,9 16,9 24,6 154,6 160,7 147,6 287, ,6 160,1 220,1 235,5 245,7 256,6 0 Ab <Ab <Ab <Ab <Ab Ab> RD* RU Indifferenziati Spazzamento Ingombranti a smaltim

6 Rifiuti Urbani: Le Raccolte Differenziate (2006) Provincia Bergamo Valutazioni Stato Attuale Produzione pro-capite di rifiuti urbani per area omogenea (2006) , ,7 9,2 33,8 kg/abxanno ,7 147,3 23,0 25,4 24,8 30,0 13,8 22,3 123,4 240,3 274,1 2,4 374,1 287, ,5 231,2 164,9 157,1 249,5 256,6 0 Pianura Bassa valle Alta valle Area Montana Area Montana a sviluppo turprodut RD* Indiff Spazzamento Ingombranti a smalt Bergamo

7 Provincia Bergamo Valutazioni Stato Attuale Rifiuti Urbani: Efficienze di intercettazione delle RD (2006) livelli elevati: vetro (85%), verde (79%), Efficienza d'intercettazione della frazione organica Totale Provincia 48,7% 51,3% livelli medio-alti: Bergamo Area Montana a svil. tur-produt 0,2% 54,9% 99,8% 45,1% carta (61%), organico (48,7%); Area Montana Alta valle 1,2% 14,6% 98,8% 85,4% Bassa valle 56,7% 43,3% altre frazioni su livelli inferiori al 40%. Pianura 56,7% 43,3% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% quota intercettata quota non intercettata Fonte: elaborazione su dati Osservatorio Rifiuti Provincia di Bergamo

8 Rifiuti Urbani: Provincia Bergamo Valutazioni Stato Attuale L organizzazione e gestione dei servizi Gestori della raccolta del rifiuto indifferenziato in Provincia di Bergamo (2006) Fonte: elaborazione su dati Osservatorio Rifiuti Provincia di Bergamo

9 Rifiuti Urbani: I destini dei rifiuti indifferenziati (2006) Provincia Bergamo Valutazioni Stato Attuale 89,9% degli indifferenziati è trattato in impianti provinciali di cui: 60,2% a trattamento termico (REA Dalmine); - 29,7% a produzione di CDR con successivo avvio a trattamento termico (ASM Ex BAS). - 10,1% è stato esportato fuori Provincia: - a trattamento termico (A2A Brescia e quota minima a SILEA Valmadrera) Rifiuti Urbani: I destini delle frazioni dalle RD (2006) Una parte consistente dei rifiuti (di meno il vetro) ha trovato sbocco, almeno iniziale, in impianti presenti in ambito provinciale. Tali quote possono includere semplici operazioni di stoccaggio e travaso preliminari.

10 Provincia Bergamo Valutazioni Stato Attuale Rifiuti Speciali: La produzione totale (dati MUD bonificati ARPA Lombardia 2004) La produzione di rifiuti speciali in Provincia c.a t, delle quali t (87,6% del totale) sono rifiuti speciali non pericolosi e t (12,4% del totale) sono rifiuti speciali pericolosi. La produzione si concentra nel settore manifatturiero (D) per un totale di t (il 54,4% del totale). Il ramo secondario contribuisce alla produzione di rifiuti speciali per una quota pari al 74,6% del totale. Il ramo terziario copre restante quota. La produzione primaria di rifiuti speciali nel 2004 è di t.

11 Provincia Bergamo Valutazioni Stato Attuale Rifiuti Speciali: Flussi di importazione ed esportazione (2004) Rifiuti speciali in ingresso: circa t/a Rifiuti speciali in uscita: circa t/a Saldo import/export: t/a di rifiuti speciali importati netti. rilevanti flussi netti di esportazione per la categoria: rifiuti da costruzione e demolizione ; rilevanti flussi netti di importazione per le categorie: rifiuti prodotti da processi termici, imballaggi e rifiuti da processi chimici organici ;

12 Provincia Bergamo Obiettivi Pianificazione Obiettivi della pianificazione Contenimento della produzione di rifiuti urbani Recupero di materia Recupero energetico Contenimento del fabbisogno di discarica Armonia con politiche ambientali locali e globali Conseguimento di migliori prestazioni energetico-ambientali rispetto all attuale sistema Contenimento dei costi del sistema di gestione, anche attraverso azioni dell Ente Provincia Rilancio del processo di presa di coscienza da parte dei cittadini della necessità di una gestione sostenibile dei rifiuti Solidità complessiva del sistema e sua sostanziale autosufficienza: dimensionamento del futuro fabbisogno sulla base di: Autosufficienza; Trend di crescita della produzione; Obiettivi di recupero

13 Provincia Bergamo PPGR Per prefigurare la futura gestione dei rifiuti in ambito provinciale il Piano disegna due scenari: Scenario evolutivo : finalizzato al conseguimento dei massimi livelli di sostenibilità ambientale (obiettivi recupero contrazione produzione) Scenario inerziale : che proietta nel tempo le attuali tendenze in atto; tale scenario, sulla base di specifiche indicazioni in materia fornite dalla Regione Lombardia, costituisce il riferimento da assumersi ai fini del dimensionamento dei fabbisogni provinciali.

14 Provincia Bergamo PPGR La produzione di rifiuti urbani (Previsioni 2013) Per la proiezione nell orizzonte temporale di Piano, si propone: nello Scenario inerziale : stima produzione pari a (incremento totale sul periodo pari al 15,5%) nello Scenario evolutivo : stima produzione pari a (incremento totale sul periodo pari al 14,2%). t/a t/a Invarianza della composizione qualitativa nello scenario inerziale; diminuzione del flusso di ingombranti (da 7% a 5%) nello scenario obiettivo

15 Provincia Bergamo PPGR Gli obiettivi di recupero dei flussi attesi Il Piano individua opportunità di ottimizzazione del sistema Previsione conseguimento di un livello di raccolta differenziata superiore al 60%, entro il 2013; il conseguimento di tale obiettivo è in particolare assunto nello Scenario evolutivo ; lo Scenario inerziale, si basa su di una crescita più lenta delle RD arrivando a prefigurare un livello del 53,2% al La previsione di un ulteriore sviluppo delle raccolte differenziate, sul complesso del territorio provinciale, si graduerà con modalità diverse nelle diverse aree territoriali presenti all interno della Provincia.

16 Provincia Bergamo PPGR Livelli di raccolta differenziata e flussi per area territoriale (stato attuale e scenari pianificazione al 2013) Area territoriale Situazione attuale (al 2006) [% RD] Scenario inerziale [% RD] Scenario evolutivo [% RD] Pianura 54,1% 55,4% 65,7% Bassa Valle 56,8% 62,5% 65,1% Alta Valle 37,2% 38,8% 50,8% Montana 34,2% 34,2% 44,0% Montana a sviluppo 36,5% 45,5% 45,7% turist.-produtt. Comune di Bergamo 43,7% 47,7% 55,0% Provincia di Bergamo 50,1% 53,2% 61,2%

17 Preliminare definizione dei possibili scenari evolutivi (2013): Sviluppo delle raccolte differenziate Provincia Bergamo PPGR Escluso i tessili e gli ingombranti si stimano necessità di incremento dell intercettazione al di sotto del 15% Incrementi più contenuti riguardano l intercettazione già elevata del legno, il verde e l organico Confronto livelli di intercettazione delle RD per singola frazione ( ) Ingombranti 8% 27% 65% Altro 38% 12% 49% Altri metalli 36% 15% 50% Metalli ferrosi 76% 8% 17% Tessili 5% 33% 61% Legno 74% 6% 20% Vetro 85% 2% 13% Plastica 23% 7% 70% Carta 60% 10% 30% Verde 77% 4% 20% Organico 49% 14% 37% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% quota intercettata 2005 incremento scenario RD 2011 quota non intercettata 2011

18 Provincia Bergamo PPGR Flussi delle raccolte in Provincia di Bergamo allo stato attuale e negli scenari della pianificazione al 2013 Stato Attuale 2006 t/a kg/abxanno** % Produzione RU totale ,4 458,4 100,0% di cui: RU Indifferenziato ,2 177,0 38,6% Raccolte Differenziate (inc.ingomb) ,8 229,5 50,1% Ingombranti non a recupero ,4 29,8 6,5% Spazzamento stradale ,0 22,1 4,8% Scenario inerziale al 2013 t/a kg/abxanno*** % Produzione RU totale ,4 484,2 100,0% di cui: RU Indifferenziato ,9 171,3 35,4% Raccolte Differenziate (inc.ingomb) ,9 257,8 53,2% Ingombranti non a recupero ,2 31,7 6,6% Spazzamento stradale ,4 23,4 4,8% Scenario evolutivo al 2013 t/a kg/abxanno*** % Produzione RU totale ,8 478,5 100,0% di cui: RU Indifferenziato ,0 147,5 30,8% Raccolte Differenziate (inc.ingomb) ,4 292,8 61,2% Ingombranti non a recupero ,6 14,4 3,0% Spazzamento stradale ,7 23,7 5,0%

19 Il sistema impiantistico di recupero, trattamento e smaltimento dei rifiuti urbani Provincia Bergamo PPGR Le previsioni inerenti l impiantistica sono state delineate tenendo conte delle seguenti esigenze: massimizzare le opportunità di recupero di materia dai rifiuti; valorizzare le opportunità di recupero energetico dei rifiuti; valorizzare l impiantistica di trattamento dei rifiuti già esistente sul territorio; minimizzare le necessità di smaltimento in discarica, già oggi particolarmente contenute; garantire il mantenimento nel tempo della piena autosufficienza provinciale; garantire adeguata disponibilità impiantistica del sistema provinciale alle funzioni di mutuo soccorso interprovinciale nei termini definiti dalla Regione Lombardia (20% del fabbisogno di smaltimento); valutare l integrabilità nel sistema impiantistico di trattamento e smaltimento dei R.U. con flussi di rifiuti di altra provenienza (quali rifiuti speciali).

20 Il recupero e trattamento delle frazioni secche da raccolta differenziata Provincia Bergamo PPGR Lo sviluppo dei servizi nello Scenario evolutivo porterà a un incremento dei quantitativi di rifiuti avviati a recupero. I flussi attesi al 2013 sono pari nello Scenario evolutivo a t/a di frazioni secche differenziate e t/a di ingombranti. I flussi attesi nel caso di sviluppo inerziale del sistema sono pari a t/a di frazioni secche differenziate e t/a di ingombranti. Il Piano prevede che il sistema impiantistico esistente potrà farsi carico, con eventuali ulteriori potenziamenti, dei maggiori fabbisogni attesi nello scenario di Piano. Dai trattamenti di recupero delle frazioni secche da RD si prevede siano generati scarti a smaltimento, pari a ca. il 6% del totale delle raccolte.

21 Provincia Bergamo PPGR Il trattamento della frazione organica e verde differenziata e la promozione della filiera del compost Fabbisogni di trattamento di compostaggio allo stato attuale e negli scenari di pianificazione al 2013 Scenario attuale 2006 [t/a] Scenario inerziale [t/a] Scenario evolutivo [t/a] frazione organica da RD verde da RD totale Il confronto tra le potenzialità attualmente esistenti e i fabbisogni previsti nello scenario di Piano dimostrano l assoluta copertura dei fabbisogni di trattamento di frazione organica e verde

22 Provincia Bergamo PPGR Il pre trattamento della frazione residua ed il recupero energetico Il Piano conferma: il ruolo dell impianto di trattamento meccanico/biologico (bioessiccazione e produzione CDR) di A2A in Bergamo dell impiantistica provinciale di trattamento termico attualmente operante su rifiuti urbani o di derivazione urbana provinciale, in particolare: impianto REA di Dalmine; impianto Bas Power di Bergamo.

23 Provincia Bergamo PPGR Il recupero energetico L obiettivo di contenimento dello smaltimento in discarica determina la previsione di avvio a trattamento termico di tutti i rifiuti di derivazione urbana non più opportunamente recuperabili come materia purché compatibili col processo di combustione e recupero energetico (rifiuti ingombranti, scarti provenienti dai processi di trattamento e recupero delle raccolte differenziate). Al fine di garantire la completa autosufficienza impiantistica e garantire la quota di mutuo soccorso, il Piano individua un fabbisogno di potenzialità di trattamento termico aggiuntivo rispetto a quanto garantito dagli attuali due impianti provinciali. Tale fabbisogno, nello Scenario inerziale, è pari a ca t/a (inclusivo della quota di mutuo soccorso ).

24 Provincia Bergamo PPGR Il recupero energetico Impianto di riferimento Flusso di rifiuto Scenario inerziale (t/a) Scenario obiettivo (t/a) Bas Power Bergamo CDR da impianto A2A rif. indiff. Comuni prov. BG REA Dalmine Rif. Ingombr.Comuni prov. BG scarti da RD Comuni prov. BG Tot. rifiuti in ingresso all impianto Nuovi fabbisogni aggiuntivi rif. ingombranti Comuni prov. BG scarti da RD Comuni prov. BG totale fabbisogno aggiuntivo quota aggiuntiva di mutuo soccorso (pari a 20% rif indiff) Totale fabbisogni Aggiuntivi

25 Provincia Bergamo PPGR Lo smaltimento in discarica Il fabbisogno di smaltimento in discarica a regime di rifiuti urbani o di derivazione urbana è assolutamente contenuto e riguarderà esclusivamente scarti dai processi di trattamento: scarti dalla produzione di CDR derivanti dall impianto A2A; scorie o scarti derivanti dal trattamento delle scorie provenienti dal trattamento termico dei rifiuti per la quota non avviabile a recupero; scarti provenienti dal trattamento di recupero dei rifiuti da spazzamento; eventuali quote di rifiuti ingombranti non recuperati e non opportunamente avviabili a trattamento termico Per complessive t/a (ca nello scenario evolutivo)

26 Provincia Bergamo PPGR Lo smaltimento in discarica scarti da produzione CDR scorie e scarti da trattamento scorie da processi termici * scarti da trattamento spazzamento** Ingombranti non recuperati totale rifiuti a discarica Scenario inerziale [t/a] *** Scenario evolutivo [t/a] *** (*) scorie e scarti da trattamenti termico: si assume una quota di mancato recupero del 60% di questi rifiuti nello Scenario inerziale e del 20% nello Scenario evolutivo ; (**) si assume una quota del 16% di scarti generati dai processi di recupero dei rifiuti da spazzamento; (***) eventuali quote di rifiuti ingombranti non recuperati e non opportunamente avviabili a trattamento termico.

27 Provincia Bergamo PPGR

28 Provincia Bergamo PPGR Gestione di scambi di rifiuti extraprovinciali Attuali dinamiche: Importazione (REA Dalmine) di R.U. indifferenziati dalle Province di Sondrio e di Varese per ca t/a. Esportazione di un flusso pari ca t/a dal territorio nord orientale della Provincia di BG verso l impianto A2A di BS. Previsioni di Piano sino all anno 2012: Importazione da SO verso REA di t/a (protocollo tra Province) Previsione per la situazione a regime: Autosufficienza provinciale e nessuna importazione salvo eventuale mutuo soccorso

29 Provincia Bergamo PPGR Integrazioni con la gestione dei rifiuti speciali L integrazione della gestione dei rifiuti speciali con quella degli urbani può rappresentare un importante opportunità di creazione di sinergie tra i due sistemi. In considerazione degli specifici indirizzi del Piano lo sviluppo di tali sinergie può riguardare i le seguenti tipologie di rifiuti: Rifiuti speciali assimilabili agli urbani; Rifiuti speciali compostabili; Rifiuti combustibili.

30 Le priorità del Piano, la gestione della fase transitoria Provincia Bergamo PPGR I principali interventi individuati riguardano: l ulteriore potenziamento dei servizi di raccolta differenziata sul territorio il soddisfacimento dei nuovi/aggiuntivi fabbisogni di: trattamento termico, recupero dei residui della combustione dei rifiuti; Volumetrie di discarica. Nella fase transitoria, fino alla realizzazione della nuova impiantistica di trattamento termico, si dovrà fare ricorso allo smaltimento in discarica per i flussi di rifiuti che non trovano diversa destinazione. L analisi dei fabbisogni di smaltimento in discarica ( Scenario inerziale ) evidenzia, per il periodo , un fabbisogno pari a ca t. (scarti produzione CDR, ingomb. non rec.,scorie e scarti da spazzamento stradale)

31 Provincia Bergamo PPGR Comparazione energetico-ambientale degli scenari Si sono comparati gli aspetti emissivi ed energetici dello Scenario evolutivo con lo Scenario inerziale Servizi di raccolta sul territorio; Conferimento dei rifiuti in piattaforma direttamente da parte degli utenti; Trasporto dei rifiuti agli impianti di recupero, trattamento e smaltimento; Trasporto dei flussi derivanti dagli impianti di recupero e trattamento a eventuale destino successivo/finale; Avvio a recupero di materia dei rifiuti, in sostituzione di materie prime vergini; Trattamento/smaltimento dei rifiuti. Per ognuna delle fasi di gestione dei rifiuti si sono analizzate le implicazioni energetico-ambientali con riferimento in particolare a: Bilancio energetico, espresso in termini di TEP/anno; Bilancio emissivo di gas climalteranti, espresso in termini di CO2 equiv.

32 Provincia Bergamo PPGR Comparazione energetico-ambientale degli scenari I benefici sono generati dal maggior quantitativo di rifiuti avviato a recupero di materia, grazie allo sviluppo delle RD; l incremento dei recuperi presenta infatti benefici (energetici ed emissivi) superiori al maggior impegno di risorse legato alla raccolta ed al trasporto dei rifiuti e alla diminuzione della quota di rifiuti oggetto di recupero energetico nell impiantistica di trattamento termico. Bilancio energetico - ambientale della gestione dei rifiuti urbani (TEP/anno e tonco 2 eq/anno): variazioni dello scenario evolutivo rispetto a scenario inerziale al Variazione TEP/anno Variazione tonco2eq/anno

33 Provincia Bergamo PPGR Comparazione economica degli scenari della pianificazione La comparazione economica condotta, porta ad individuare una variazione attesa al 2013 dei costi complessivi per la gestione dei rifiuti (valutati in termini di procapite) particolarmente contenuta rispetto al riferimento dell anno 2006: +1,5% per lo Scenario inerziale ; +0,4% per lo Scenario evolutivo. Il costo procapite 2006, pari a 77,1 /abitantexanno (ovvero 80,5 milioni di /a), si incrementerebbe a 78,2 /abxa (ovvero 89,3 milioni di /a) nell ipotesi di evoluzione inerziale e a 77,4 /abxa (ovvero a 88,4 milioni di /a) nell ipotesi di conseguimento degli obiettivi dello Scenario evolutivo. Essendo prevalente su tale incremento il contributo dell aumento demografico, si assiste ad una notevole riduzione di tale incremento, arrivando quasi al suo azzeramento, valutando i costi in termini procapite

34 Provincia Bergamo PPGR Comparazione economica degli scenari della pianificazione L incremento delle RD nello Scenario evolutivo porta a benefici, in termini di mancato smaltimento e maggiori ricavi da cessione dei materiali, che risultano superiori ai maggiori costi attesi in termini di organizzazione dei servizi e di attività di comunicazione e sensibilizzazione verso i cittadini. Lo Scenario evolutivo presenta infatti un costo complessivo per trattamento, smaltimento o recupero dei rifiuti pari a 17,9 milioni di /a, ovvero inferiore del 21,2% rispetto ai 22,8 milioni di /a dello Scenario inerziale. Per contro, lo Scenario evolutivo presenta un costo complessivo dei servizi di raccolta pari a 53,2 milioni di /a, ovvero superiore del 3,1% rispetto ai 51,6 milioni di /a dello Scenario inerziale

35 Comparazione economica degli scenari della pianificazione Provincia Bergamo PPGR costo complessivo [euro/abitantexanno] Costi complessivi della gestione rifiuti negli scenari della pianificazione e attuali 78,2 77,4 77, Modello 2006 Scenario inerziale 2013 Scenario evolutivo 2013

36 Comparazione economica degli scenari della pianificazione Provincia Bergamo PPGR 100% Composizione dei costi complessivi di gestione dei rifiuti negli scenari della pianificazione e attuali 2,6% 26,3% 25,5% 20,3% 80% % sul costo complessivo 60% 40% 56,7% 57,8% 60,2% 20% 0% 17,0% 16,7% 16,9% Modello 2006 Scenario inerziale 2013 Scenario evolutivo 2013 costi spazzamento costi raccolte costi smaltimento al netto ricavi costi aggiuntivi comunicaz. e simili

37 Strumenti, azioni di supporto e indirizzi per l attuazione del Piano Provincia Bergamo PPGR Sono fornite indicazioni in merito a: Funzioni dei Comuni e dei gestori dei servizi; Bacini di riferimento degli impianti provinciali; Regolamentazione dell esercizio degli impianti; Procedure da attivare per garantire il riconoscimento di Misure di mitigazione e compensazione ambientale per la presenza sul territorio di impianti di trattamento e smaltimento dei rifiuti. Sono individuate le azioni di supporto all attuazione del Piano: Riduzione della produzione di rifiuti; Sostegno del recupero dei rifiuti; Strumenti di regolazione tariffaria; Comunicazione ambientale; Promozione del miglioramento delle prestazioni del sistema di gestione dei rifiuti.

38 Rifiuti Speciali: Confronto tra fabbisogni attuali e capacità Provincia Bergamo PPGR Per lo smaltimento in discarica dei rifiuti si individuano fabbisogni complessivi superiori a quanto risulta essere attualmente smaltito in impianti provinciali. L attuale sistema impiantistico provinciale non appare pienamente in grado di soddisfare i fabbisogni stimati per l incenerimento/recupero energetico dei rifiuti speciali non pericolosi (leggero deficit), mentre risulta esservi una adeguata capacità di questi trattamenti dedicata ai rifiuti pericolosi. L attuale sistema impiantistico provinciale risulta più che sufficiente rispetto ai fabbisogni di trattamento biologico e chimico/fisico di rifiuti non pericolosi e pericolosi; Gli operatori del recupero attivi sul territorio sono in grado di garantire il pieno soddisfacimento dei fabbisogni di recupero per il riciclo/recupero sia di sostanze organiche, sia di metalli, sia di altre sostanze inorganiche delle principali tipologie di rifiuti speciali non pericolosi. Gli operatori del recupero attivi sul territorio non soddisfano il fabbisogno di riciclo/recupero di metalli per le tipologie di rifiuti speciali pericolosi. Per lo spandimento in agricoltura si registra un surplus fra attività presenti sul territorio e fabbisogno stimato. Per altri flussi si registra una carenza: per i rifiuti pericolosi avviabili a recupero solventi e ad attività di rigenerazione o altri reimpieghi di oli.

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2011 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009

Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti. Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009 Il Piano Regionale di Gestione Integrata dei Rifiuti Deliberazione del Consiglio Regionale n. 301 del 5 Maggio 2009 1 ANALISI DEI DATI PREGRESSI Serie storica delle produzioni del periodo 2002-2008 (t/anno)

Dettagli

GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale

GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale GIUNTA REGIONALE Servizio Territorio e Ambiente P.F. Ciclo dei rifiuti, bonifiche ambientali, AERCA e rischio industriale PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI (art.199 D.Lgs.152/2006) SCENARIO EVOLUTIVO

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

Il riciclo e il recupero

Il riciclo e il recupero 22 Rapporto di sostenibilità Conai 213 Il riciclo e il recupero Conai si fa carico del conseguimento degli obiettivi fissati dalla normativa europea e nazionale in materia di gestione ambientale dei rifiuti

Dettagli

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni

UNIAMO LE ENERGIE. 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni UNIAMO LE ENERGIE 7-11 ottobre 2009 Torino Esposizioni Recuperabilità dei rifiuti speciali non pericolosi in provincia di Torino Duccio Bianchi Obiettivi Analizzare la struttura dello stock di rifiuti

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 28 La gestione dei rifiuti riguarda due tipologie di attività previste dalla normativa: il recupero (R) e lo (D). In linea generale, però, con il termine gestione possono

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico. 22 maggio 2015

Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico. 22 maggio 2015 Ciclo di raccolta e recupero della materia in impianti a trattamento meccanico 22 maggio 2015 La Strategia Europea di gestione dei rifiuti Restando valido l assunto che «il miglior rifiuto è quello non

Dettagli

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI

SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI Allegato a) - SCHEDE TECNICHE DEI SERVIZI RESI SCHEDA a.3 SERVIZIO: CHIUSURA DEL CICLO DEI RIFIUTI URBANI DEFINIZIONE Oggetto del servizio è la gestione dei rifiuti urbani provenienti dalla raccolta per

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI (L.R.26/2003)

PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI (L.R.26/2003) PROVINCIA DI MILANO PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI (L.R.26/2003) PRODUZIONE, RACCOLTA DIFFERENZIATA, TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI: RAPPORTO SULLO STATO DI FATTO DELLA GESTIONE Via alla

Dettagli

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA A distanza di 10 anni dall inizio della sua attività è possibile fare un primo bilancio dei risultati dell impegno che il sistema delle imprese, rappresentato

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

WASTE END Uno scenario di gestione dei rifiuti per l economia circolare. Duccio Bianchi

WASTE END Uno scenario di gestione dei rifiuti per l economia circolare. Duccio Bianchi WASTE END Uno scenario di gestione dei rifiuti per l economia circolare Duccio Bianchi Cosa abbiamo fatto a) Ricostruito il flusso dei prodotti nei rifiuti, sulla base delle banche dati Prodcom e Coeweb

Dettagli

Rifiuti. RSA Provincia di Milano. Rifiuti

Rifiuti. RSA Provincia di Milano. Rifiuti RSA Provincia di Milano Rifiuti La normativa affida la gestione dei rifiuti urbani ai Comuni mentre alla Provincia spettano, oltre ai compiti di controllo, anche quelli di programmazione e di coordinamento

Dettagli

4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO

4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO 4. VALUTAZIONI ECONOMICHE E ANALISI DEL SISTEMA TARIFFARIO 4.1. Costi totali In Veneto il costo 2 medio pro capite per il servizio di gestione dei rifiuti urbani nel 21 è pari a 127,91. Rispetto ai 124,71

Dettagli

Autorità per il Servizio di Gestione Integrata dei Rifiuti Urbani ATO TOSCANA SUD. Report Tecnico. Sistema Impianti

Autorità per il Servizio di Gestione Integrata dei Rifiuti Urbani ATO TOSCANA SUD. Report Tecnico. Sistema Impianti Autorità per il Servizio di Gestione Integrata dei Rifiuti Urbani ATO TOSCANA SUD Report Tecnico 1 Previsione Flussi a Regime Ai fini della definizione dei quantitativi di rifiuti prodotti nello stato

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NEL VENETO Anno 2012 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Giugno 2013 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI URBANI -

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007

RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007 Provincia di Torino Osservatorio Rifiuti RELAZIONE SULLO STATO DEL SISTEMA DI GESTIONE RIFIUTI Luglio 2007 Organizzazione a cura dell Osservatorio Rifiuti Provinciale con la collaborazione dei Servizi

Dettagli

L industria del riciclo in Italia

L industria del riciclo in Italia L industria del riciclo in Italia Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Firenze, 19 febbraio 2008 Industria del recupero/riciclo Industria del recupero: insieme delle attività ed operazioni che,

Dettagli

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA

INDICATORI DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO: GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Approfondimento sulla rilevazione di riferimento ISPRA Denominazione indicatori Definizione tecnica indicatori Fonte dei dati Responsabilità produzione dato Inclusione nel PSN Principali elementi sulla rilevazione S.07 - Rifiuti urbani smaltiti in discarica

Dettagli

Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica

Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica Certificazione dell'efficienza della raccolta differenziata dei RU relativa all'anno 2010 finalizzata al pagamento del tributo in discarica Agenzia Regionale Recupero Risorse Lucia Corsini Audizione VI

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Sondrio N dei comuni 78 N delle schede da compilare 75 N delle schede compilate 75 % di copertura 1,% Abitanti 183.136 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 183.136 Ab. dei Comuni che

Dettagli

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO

Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Il MODELLO di GESTIONE dei RIFIUTI URBANI nel VENETO Direttore Generale Carlo Emanuele Pepe Roma, 24 luglio 2014 http://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/rifiuti Enti di gestione 33 AZIENDE di GESTIONE

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI DEL PRGR

RELAZIONE DI SINTESI DEL PRGR RELAZIONE DI SINTESI DEL PRGR INDICE 1. PREMESSA 4 2. IL QUADRO ATTUALE DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI 6 2.1. La produzione di rifiuti urbani e lo sviluppo dei servizi di raccolta 6 2.1.1. La frazione indifferenziata

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 10 Abitanti 3.176.180 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.176.180 Ab. dei Comuni

Dettagli

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0

Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei Comuni che non hanno compilato la scheda 0 Provincia di Milano N dei comuni 134 N delle schede da compilare 134 N delle schede compilate 134 % di copertura 100,0% Abitanti 3.166.486 Ab. dei Comuni che hanno compilato la scheda 3.166.486 Ab. dei

Dettagli

Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto. Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili

Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto. Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili Il rifiuto a valle delle raccolte differenziate: questo sconosciuto Lo smaltimento del RUR e le alternative possibili R Come si arriva a chiudere il ciclo minimizzando incenerimento e discarica: raccolte

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 3 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI RAPPORTO AMBIENTALE (VAS)

REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 3 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI RAPPORTO AMBIENTALE (VAS) REGIONE ABRUZZO ALLEGATO 3 PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI RAPPORTO AMBIENTALE (VAS) Luglio 2007 INDICE 1 CONTENUTI DEL RAPPORTO AMBIENTALE 5 2 CONTENUTI DEL PRGR 9 2.1 Lo stato di fatto del sistema

Dettagli

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2" 4 & "&43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'"(" '()*+,! !""" '*+,!6) *788)(-!- "# $ #$$"%" 0#12 ! % #$$"%! #$$"%"3"! #$$"%#4& !

#$2.#2 #2 #$2 3 44&2 4 & &43 3 3 # 0.#$2 #5754854#95:&'( '()*+,! ! '*+,!6) *788)(-!- # $ #$$% 0#12 ! % #$$%! #$$%3! #$$%#4& ! '"(" '()*+, -- " "./. (4./ % '*+,6) *788)(-- ' ( ) ( ( ) ( "# $ #$$"% #$"$$"% " *,)"' "- -"'% "$.%" %"/ 01'1 1$ % #$ 0#12 3 5 % $1$.. 5'"3'" 6''665"36 3 442" % #$2.#2 #$$"%" #$$"% #$$"%"3" #$$"%#4 #$$"%"

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Il confronto si è basato sullo scarto medio, individuato per ogni modello di servizio, mediante media aritmetica delle varie analisi.

Il confronto si è basato sullo scarto medio, individuato per ogni modello di servizio, mediante media aritmetica delle varie analisi. Direzione Servizi Ambientali Coordinamento Tecnico ed Innovazione Modelli territoriali i a confronto e FOCUS CDR Novembre 2013 Presentazione L analisi ha avuto l obiettivo di individuare la qualità delle

Dettagli

TERMOVALORIZZATORI IN LOMBARDIA: STATO DELL ARTE. Direttore Generale Dott. Bruno Mori

TERMOVALORIZZATORI IN LOMBARDIA: STATO DELL ARTE. Direttore Generale Dott. Bruno Mori TERMOVALORIZZATORI IN LOMBARDIA: STATO DELL ARTE Direttore Generale Dott. Bruno Mori Milano, 20 Aprile 2011 SOMMARIO competenze di Regione Lombardia; quantitativi di rifiuti inviati ad incenerimento; efficienza

Dettagli

CITTA DI SAN MAURO TORINESE

CITTA DI SAN MAURO TORINESE Allegato deliberazione Consiglio comunale n. 17 / 2015 CITTA DI SAN MAURO TORINESE REGOLAMENTO ANAGRAFE PUBBLICA DEI RIFIUTI Approvato con deliberazione Consiglio comunale n. 17 del 9 marzo 2015 1 Art.

Dettagli

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio Convegno Propostametodologica: analisi dell efficacia delle filiere di recupero di materia dai rifiuti Mercoledì 5 Novembre Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni

Dettagli

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo

Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Il ruolo di CONAI nella filiera del riciclo Pierluigi Gorani Area Tecnica CONAI Piacenza, 15 maggio 2013 INDICE Il Sistema CONAI Composizione Obiettivi Finanziamento del Sistema Accordo Quadro Anci CONAI

Dettagli

Le opportunità economiche del riciclo

Le opportunità economiche del riciclo Le opportunità economiche del riciclo Duccio Bianchi Presidente ASM Pavia coordinatore ricerca End Waste della Fondazione Symbola L Italia, leader europeo nell economia del riciclo L Italia è uno dei leader

Dettagli

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE

SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE SINTESI PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DELLE BONIFICHE PERCORSO DEL PIANO FASI Elaborazione Schema di Piano e RP Scoping PROCEDURA PIANO Elaborazione Schema di Piano PROCEDURA VAS L Autorità

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Capitolo 19 - AMBIENTE

Capitolo 19 - AMBIENTE Capitolo 19 - AMBIENTE Tab. 19.1 - Consumi di energia elettrica per settore di attività economica (milioni di kwh). Anno 2013 2013 Province e regioni Agricoltura Industria Terziario* Domestico Totale Torino

Dettagli

Il riciclo ed il recupero di materia dagli imballaggi: focus regionale

Il riciclo ed il recupero di materia dagli imballaggi: focus regionale Seminario Il nuovo accordo ANCI CONAI 2014-2019 Una nuova fase della raccolta e del recupero degli imballaggi Bologna, 13 gennaio 2016 Il riciclo ed il recupero di materia dagli imballaggi: focus regionale

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO milioni di t 10.0 9.0 8.0 7.0 6.0 5.0 4.0 3.0 2.0 1.0 0.0 La produzione dei rifiuti in Toscana 1998-2011

Dettagli

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2. I SISTEMI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 2.1. La raccolta secco-umido La raccolta separata della frazione organica è effettuata nel 92 dei comuni veneti e rappresenta una realtà oramai consolidata in

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 dicembre 2003, n. 48-11386 Modifica della scheda di rilevamento dei dati di produzione dei rifiuti urbani di cui alla D.G.R. 17-2876 del 2 maggio 2001 (B.U. n. 5

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUI COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI NEL BACINO CSR - SRT

INDAGINE CONOSCITIVA SUI COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI NEL BACINO CSR - SRT INDAGINE CONOSCITIVA SUI COSTI DELLA GESTIONE RIFIUTI NEL BACINO CSR - SRT FINALITA DELL INDAGINE o o o o o Verifica del costo di trattamento dei rifiuti e incidenza della percentuale di RD e della produzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale PIANO PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI AZIONI DI ATTUAZIONE LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO E POTENZIAMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Dettagli

RIF rete indagine fabbisogni Province e Regione Piemonte GESTIONE RIFIUTI. indagine 2008. Spin per ATS (Spin Poliedra-Ceris/CNR) novembre 08 1

RIF rete indagine fabbisogni Province e Regione Piemonte GESTIONE RIFIUTI. indagine 2008. Spin per ATS (Spin Poliedra-Ceris/CNR) novembre 08 1 indagine 2008 Spin per ATS (Spin Poliedra-Ceris/CNR) novembre 08 1 pag. tab.1 universo di riferimento 5 tab.2 questionari elaborati 6 tab.3.1 obiettivi di campionamento 7 tab.3.2 riaggregazione questionari

Dettagli

Regione autonoma Valle d Aosta

Regione autonoma Valle d Aosta Regione autonoma Valle d Aosta Assessorato Territorio e Ambiente Affidamento in concessione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani della Valle d Aosta ALLEGATO TECNICO A1 Analisi della situazione

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELLA L.R.26/03 PERCORSO PARTECIPATO VAS

PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELLA L.R.26/03 PERCORSO PARTECIPATO VAS PROVINCIA DI BERGAMO PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AI SENSI DELLA L.R.26/03 PERCORSO PARTECIPATO VAS La localizzazione degli impianti di trattamento, recupero e smaltimento: proposta metodologica

Dettagli

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro

SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA. Corso di Laurea in Ingegneria per la Sicurezza dell'ambiente e del Lavoro SISTEMI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA 1 Normativa di riferimento Legge nazionale di riferimento: Testo Unico in materia ambientale D.Lgs. 152/06 In Lombardia vige la L.R. 26/03 Disciplina dei servizi locali

Dettagli

RACCOLTA, GESTIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI IL SISTEMA LECCO

RACCOLTA, GESTIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI IL SISTEMA LECCO RACCOLTA, GESTIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI IL SISTEMA LECCO SILEA SPA 2011 RACCOLTA, GESTIONE E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI - LA LEGISLAZIONE Le Direttive europee sui rifiuti

Dettagli

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova

La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova La raccolta domiciliare e l applicazione della tariffa puntuale nel comune di Mantova Anzio Negrini Mantova Direttore Ambiente Gruppo Mantova Ambiente Tea 1 Chi è Mantova Ambiente Mantova Ambiente è una

Dettagli

La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative

La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative La scelta delle migliori tecniche disponibili e l attività di ACSEL coordinamento ed armonizzazione delle scelte operative Sandro Teruggi Università degli Studi di Parma - Facoltà di Ingegneria Dipartimento

Dettagli

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia

Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia Allegato 1 - Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia 1. Premessa Al fine di consentire una contabilizzazione uniforme della

Dettagli

produzione raccolta differenziata dei rifiuti urbani 317

produzione raccolta differenziata dei rifiuti urbani 317 4. RIFIUTI 315 316 I dati relativi alla produzione ed alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani vengono rilevati da ISPRA mediante la predisposizione e l invio di appositi questionari alle Sezioni

Dettagli

ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO

ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO ALLEGATO C: NORMATIVA DEL PIANO PARTE I - NORME GENERALI Articolo n.1 - CAMPO DI APPLICAZIONE Il Piano Provinciale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati (di seguito chiamato Piano Provinciale)

Dettagli

Produzione Rifiuti e Raccolta Differenziata Anno 2011 INDICE. Parte I - La situazione a livello provinciale

Produzione Rifiuti e Raccolta Differenziata Anno 2011 INDICE. Parte I - La situazione a livello provinciale Produzione Rifiuti e Raccolta Differenziata 2011 INDICE Glossario dei termini utilizzati Pag. 2 Nota sulla raccolta dei dati Pag. 4 Parte I - La situazione a livello provinciale Sintesi dei dati sulla

Dettagli

Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione

Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione 1 Recupero di metalli mediante la termovalorizzazione Gino Schiona Direttore Generale CIAL Alberto Cambiaghi Direttore Generale Brianza Energia Ambiente Ecomondo Rimini, 6 novembre 2014 2 CIAL. La strategia

Dettagli

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008)

http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf Emissioni e risparmi di CO2 per tonnellata trattata (Prognos 2008) 1.2.1 Resource savings and CO2 reduction potential in waste management in Europe and the possible contribution to the CO2 reduction target in (Prognos, Ifeu, Infu 2008) http://www.prognos.com/fileadmin/pdf/aktuelles/results_co2_wasteproject.pdf

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale ATTUAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale ATTUAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVINCIA DI PAVIA Divisione Territorio Settore Tutela Ambientale ATTUAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI (D.C.P. n. 48 del 24/10/2008, D.G.R. n. 8/10483 del 9/11/2009) LINEE GUIDA

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Rifiuti speciali Pagina 137

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Rifiuti speciali Pagina 137 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Rifiuti speciali Pagina 137 Capitolo 7 Analisi della gestione dei rifiuti speciali non pericolosi nella provincia di Torino 7. ANALISI DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NON

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia. Rosanna Laraia

La Raccolta Differenziata in Italia. Rosanna Laraia La Raccolta Differenziata in Italia Rosanna Laraia Andamento della produzione RU, anni 2001-2013 34.000 32.000 29.408,9 29.594,7 29.863,7 30.03,8 29.93,5 31.150,0 31.386,2 31.63,0 32.510,5 32.541,8 32.467,2

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA

La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA La gestione dei rifiuti urbani nel comune di Milano Sonia Cantoni Presidente AMSA Convegno «La raccolta differenziata della frazione organica dei rifiuti a Milano» Gruppo RICICLA Dip Scienze Agrarie e

Dettagli

CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI NELL AREA MILANESE

CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI NELL AREA MILANESE SOSTENIBILITA : I LIMITI DELLE RISORSE E LA SFIDA DELL EFFICIENZA EFFICIENZA CICLO INTEGRATO DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI NELL AREA MILANESE Prof. Demetrio Pitea Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015)

% Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 2015) ton Sede Legale: Via G. Di Vittorio, 84-381 LAVIS (TN) 461 24 11 81 - Fax 461 24 2 % Raccolta Differenziata - ultimo triennio* (* I semestre per il 21) 9% 88% 86% 84% 82% 8% 78% 76% 74% 72% %RD (con spazzamento)

Dettagli

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013

Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Il Nuovo Accordo di Programma Quadro ANCI CONAI 2009-2013 Luca Piatto Pordenone, 19 novembre 2009 Il nuovo Accordo Quadro ANCI CONAI Gli allegati tecnici: le principali novità Viviamo da un anno nella

Dettagli

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente

La gestione sostenibile dei rifiuti. Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente La gestione sostenibile dei rifiuti Stefano Ciafani Vice Presidente nazionale di Legambiente Cenni sulla normativa Le prime direttive europee sui rifiuti risalgono alla seconda metà degli anni 70 1975:

Dettagli

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI

Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA. Valter Facciotto Direttore Generale CONAI Raggiungere in Italia il 50% di riciclo Quale strada? Roma 9 aprile 2014, ATIA ISWA Valter Facciotto Direttore Generale CONAI L ESPERIENZA DEL SETTORE IMBALLAGGI La Direttiva 1994/62 CE e la Direttiva

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI 2011 Sintesi dei dati Produzione rifiuti: valori nazionali Nel 2009 cala la produzione dei rifiuti urbani in tutte le macroaree geografiche italiane: -1,6% al Centro, -1,4% al Nord e -0,4%

Dettagli

4.3 Il recupero di materia

4.3 Il recupero di materia 4.3 Il recupero di materia Nel 2008 sono state gestite tramite operazioni di recupero di materia (da R2 a R13) oltre 13.000.000 t di rifiuti in Veneto nei circa 1.200 impianti ubicati sul territorio regionale.

Dettagli

RESOCONTO OPR SUL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PRIMO QUADRIMESTRE 2013

RESOCONTO OPR SUL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PRIMO QUADRIMESTRE 2013 PROVINCIA DI FERRARA SETTORE AMBIENTE E AGRICOLTURA Ufficio Rifiuti RESOCONTO OPR SUL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI PRIMO QUADRIMESTRE 2013 OTTOBRE 2013 INDICE Premesse...2 La Produzione dei

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Settore Ambiente ed Ecologia Rapporto annuale sulla produzione di rifiuti urbani e raccolta differenziata in provincia di Cremona - Anno 2003 - A cura dell Cremona Giugno 2004 PREMESSA Giunta al decimo

Dettagli

2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA

2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA Capitolo 2 Rifiuti urbani: produzione e raccolta differenziata 2. RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA 2.1 Situazione 2013 In base ai dati rilevati dall Osservatorio Rifiuti della Provincia

Dettagli

L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007

L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007 L ATTUALE CONTESTO NORMATIVO REGIONALE - B.U.R. Calabria n. 20 del 31 ottobre 2007 Ai sensi dell art. 196 del D.lgs.152, sono di competenza della Regione: la predisposizione, l adozione e l aggiornamento

Dettagli

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero

Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Il ruolo del CONAI nella filiera del recupero Latina, 28 maggio 2009 Giancarlo Longhi Direttore Generale CONAI Adempimenti nella gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio 1 Prevenire la formazione

Dettagli

IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: LA PRODUZIONE DI BIOSTABILIZZATO E DI AMMENDANTE COMPOSTATO

IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: LA PRODUZIONE DI BIOSTABILIZZATO E DI AMMENDANTE COMPOSTATO IL TRATTAMENTO BIOLOGICO IN ITALIA: LA PRODUZIONE DI BIOSTABILIZZATO E DI AMMENDANTE COMPOSTATO Massimo Centemero, Werner Zanardi Consorzio Italiano Compostatori e-mail: centemero@compost.it Sommario Esaminando

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013

COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013 COMUNICATO STAMPA RAGGIUNTO NEL 2014 L OBIETTIVO DEL 45,2% DI RACCOLTA DIFFERENZIATA, + 3% RISPETTO AL 2013 CIRCA 14% IN MENO I RIFIUTI URBANI SMALTITI IN DISCARICA Presentato il Rapporto ISPRA sui Rifiuti

Dettagli

L applicativo O.R.SO. Modalità,, contenuti e tempistiche per la compilazione previsti dalla dgr 2513/2011 Scheda Impianti

L applicativo O.R.SO. Modalità,, contenuti e tempistiche per la compilazione previsti dalla dgr 2513/2011 Scheda Impianti L applicativo O.R.SO. Modalità,, contenuti e tempistiche per la compilazione previsti dalla dgr 2513/2011 Scheda Impianti Limbiate, 20 marzo 2013 Matteo Lombardi ARPA Lombardia - Settore Attività produttive

Dettagli

Settore Ambiente. Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (L.R.26/2003)

Settore Ambiente. Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (L.R.26/2003) Settore Ambiente Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti (L.R.26/2003) VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA STUDIO DI INCIDENZA SUI SITI DELLA RETE NATURA 2000 Direttiva Habitat (92/43/CEE) Direttiva uccelli

Dettagli

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti

Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

! " # $ # % $!&& '(! % ) *+,--.

!  # $ # % $!&& '(! % ) *+,--. ! "#$ # %$!&&'(!% )*+,--. Provincia di Trento Trento Milano Venezia Provincia di Treviso Vicenza Provincia di Venezia Venezia Padova I servizi di Etra per i Comuni Etra nasce il 1 gennaio 2006 dall aggregazione

Dettagli

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO

PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO Allegato alla delibera di GC n. 18 del 30.01.2008 PIANO FINANZIARIO 2008 - PASSIRANO L elaborazione del Piano Finanziario 2008 è stata eseguita prendendo a base i seguenti elementi: Dati quantitativi dei

Dettagli

1 - IL CONTESTO EUROPEO

1 - IL CONTESTO EUROPEO 1 - IL CONTESTO EUROPEO La produzione dei rifiuti urbani in Europa Secondo le informazioni più aggiornate fornite da Eurostat, integrate con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2013 nell UE

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

Direttive regionali per la determinazione degli indici di efficienza dei servizi di gestione integrata dei rifiuti urbani

Direttive regionali per la determinazione degli indici di efficienza dei servizi di gestione integrata dei rifiuti urbani I GIUNTA REGIONALE D'ABRUZZO Pescara SerViZiO CeslIonc Rifiut, L a presentn CCpi,.] cc:r"lfljst(l Ci :" facciate è CCnfOf"l'? questo S'7'PZ!O Z!:.)~ "J!;~j'(~ li...,......~,,:... "...~.';', IL ~U ZlmJARIO

Dettagli

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti

Regione Abruzzo D.Lgs.151/05 RAEE. Dott. Franco Gerardini Regione Abruzzo Servizio Gestione Rifiuti D.Lgs.151/05 RAEE Dott. Franco Gerardini Servizio Gestione Rifiuti La gestione integrata dei rifiuti Criticità del sistema regionale di gestione dei rifiuti la L.R.83/00 (contenente il PRGR) non recepisce

Dettagli

depuratori civili depuratori industriali trattamento rifiuti

depuratori civili depuratori industriali trattamento rifiuti 4.5 I trattamenti ai fini dello smaltimento 4.5.1 Il trattamento biologico e chimico fisico (D8 e D9) Gli impianti autorizzati a tali operazioni si possono suddividere in 2 principali tipologie: i depuratori,

Dettagli

Sguardo al futuro: I rifiuti possono diventare una risorsa? Martina Franca, 29 novembre 2013 Pagina 1

Sguardo al futuro: I rifiuti possono diventare una risorsa? Martina Franca, 29 novembre 2013 Pagina 1 Martina Franca, 29 novembre 2013 Pagina 1 1. Un po di storia Il servizio di gestione dei rifiuti urbani sul territorio di Martina Franca è affidato alla società TRADECO srl con un contratto rep. N. 830

Dettagli

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata - seconda annualità.

Piano di interventi per lo sviluppo e la promozione della raccolta differenziata - seconda annualità. Protocollo RC n. 4461/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 26 FEBBRAIO 2007) L anno duemilasette, il giorno di lunedì ventisei del mese di febbraio, alle ore 9,20,

Dettagli

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008

RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 RECUPERO E RICICLO DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO RISULTATI 2008 Quadro economico Ricavi e costi del Sistema Attività industriale Risultati di riciclo e recupero degli imballaggi Attività sul territorio Accordo

Dettagli

Raccolta e riciclo dell Alluminio Allegato Tecnico CiAl

Raccolta e riciclo dell Alluminio Allegato Tecnico CiAl CiAl Consorzio Imballaggi Alluminio N. Registro I-000492 Raccolta e riciclo dell Alluminio Allegato Tecnico CiAl Giuseppina Carnimeo Consorzio Imballaggi Alluminio Bergamo, 31 maggio 2012 Il Consorzio

Dettagli