FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FASE ADOZIONE. Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005"

Transcript

1 SERVIZIO 4 - ASSETTO DEL TERRITORIO PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLA TERZA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 46 DEL RELATIVA ALL ADEGUAMENTO AL P.R.A.E. DELLA CAVA PEDOGNA IN FRAZIONE PARTIGLIANO FASE ADOZIONE Relazione del responsabile del procedimento ai sensi art. 16 coma 3, L.R. 1/2005 Borgo a Mozzano lì Il Responsabile del Procedimento Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini)

2 PREMESSE La presente relazione è predisposta in applicazione di quanto stabilito dall art. 16 comma 3 della Legge Regionale n. 1 del Norme per il Governo del territorio in base al quale il responsabile del procedimento accerta e certifica che il procedimento medesimo si svolge nel rispetto delle norme legislative e regolamentari vigenti, dando conto dell attività svolta per la formazione del procedimento urbanistico. Il presente documento ha quindi lo scopo di evidenziare sinteticamente quali sono state le fasi succedutesi nella formazione della variante d adottare, quali sono stati i soggetti coinvolti nel procedimento e le conseguenti modifiche effettuate, rispetto alla proposta iniziale di variante secondo i documenti approvati dall Amministrazione al momento dell avvio del procedimento, a seguito dei pareri, delle segnalazioni e dei contributi pervenuti. Evidenzia inoltre quali sono state le varie verifiche effettuate sulla coerenza esterna ed interna. La presente relazione viene allegata agli atti di adozione come disposto dallo stesso art. 16 comma 3 della Legge Regionale n. 1 del e s.m.i.. CONTENUTI, OBIETTIVI E RAGIONI DELLA VARIANTE Per il comune di Borgo a Mozzano il procedimento in oggetto costituisce la terza variante al Regolamento urbanistico approvato con la delibera di Consiglio comunale n. 46 del e tratta di una variante puntuale che interessa esclusivamente una piccola porzione del territorio comunale della frazione di Partigliano, posta a ridosso del confine con il comune di Pescaglia, sulla quale si va ad ampliare la zona urbanistica AEe (Aree per attività estrattive esistenti) già inserita nel vigente Reg. urbanistico a seguito della presenza dell attività estrattiva denominata Cave Pedogna, proponendo una modifica della perimetrazione della zona attuale; L obiettivo della variante è quello di permettere alla Società Cave Pedogna Spa, che sta gestendo l attività estrattiva della omonima cava prevalentemente ricadente nel territorio del comune di Pescaglia, la realizzazione di un intervento di messa in sicurezza di un fronte di cava ricadente in parte sul territorio del comune di Borgo a Mozzano, che ha subito uno scivolamento a valle a seguito dei prolungati periodi di intense precipitazioni che hanno caratterizzato il periodo invernale , del quale era già stato eseguito il ripristino ambientale e il relativo rinverdimento con l attività estrattiva precedentemente autorizzata. La nuova perimetrazione andrà ad ampliare quella già esistente per circa metri quadrati. Questa nuova superfice della zona (AEe) sarà necessaria in primo luogo per consentire la messa in sicurezza della frana, in secondo luogo per creare una zona di precauzione finalizzata ad evitare nuove ulteriori varianti urbanistiche nel caso si verificassero in futuro fenomeni simili nei fronti di cava già autorizzati per l escavazione. Per quanto riguarda le modalità con cui la ditta esercente la cava procederà ed effettuare i lavori di messa in sicurezza e le motivazioni per le quali questa è stata scelta come l unica soluzione possibile, rendendo per questo necessaria la variante in oggetto, rimandiamo direttamente alle relazioni appositamente predisposte dai progettisti incaricati dalla società proponente, che fanno parte integrante dei documenti di variante, per non aggravare troppo il contenuto del presente documento ripetendo cose già indicate negli elaborati. Nella nuova area che sarà inserita con la variante saranno consentiti esclusivamente, oltre all intervento suddetto, anche eventuali interventi di messa in sicurezza dei versanti sottostanti sui quali sono già state autorizzate le escavazioni secondo specifici piani di coltivazione, qualora se ne rendesse la necessità in futuro, rimanendo esclusa la possibilità di escavazione allo scopo di coltivazione aumentando le quantità di scavo previste nei progetti di coltivazione già approvati. Questa limitazione è prevista dovendo garantire le direttive dettate dal Piano strutturale, che stabiliscono come possibile solo una escavazione temporanea, con i progetti di coltivazione, finalizzata esclusivamente al ripristino finale del sito estrattivo riconosciuto come già presente dal P.R.A.E. 2

3 ZONA DI VARIANTE LA SEQUENZA LOGICO - FUNZIONALE SEGUITA PER LA FORMAZIONE DELLA VARIANTE Il processo di formazione della variante oggetto della presente relazione ha avuto inizio di fatto con la presentazione, in data prot e successiva integrazione del prot , da parte della Società proponente Cave Pedogna S.p.a, con sede in Villa a Roggio, Pescaglia dei documenti ed elaborati necessari sia per il procedimento urbanistico, sia per la procedura di Valutazione Ambientale Strategica, appositamente predisposti dai progettisti incaricati: Arch. Luigi Puccetti e Arch. Massimo Rocco e il Geol. Giancarlo Nolledi; Avvio del procedimento e della fase di verifica esclusione dalla V.A.S. Con la delibera di C.C. n. 59 del l Amministrazione comunale di Borgo a Mozzano ha recepito la richiesta e di conseguenza ha avviato il procedimento ai sensi dell art. 15 della L.R.T. n. 1/2005 e contestualmente ha avviato la proceduta di Valutazione Ambientale Strategica (V.A.S.), secondo quanto previsto dalla L.R. T. n. 10/2010 e dal D.P.G.R n. 4/R del 2007 della variante in esame. Con la delibera n. 59 oltre ad approvare i documenti predisposti dai professionisti incaricati dalla Società proponente, sono stati individuati, in attuazione di quanto stabilito dall allora vigente art. 11 c. 2 lett. c) del D.Lgs. 152/2006, rispettivamente: il Consiglio comunale, quale Autorità procedente, la Giunta Comunale quale autorità competente, il Responsabile del Servizio 6 - Gestione del Territorio quale responsabile amministrativo del procedimento V.A.S ed ha individuato i soggetti competenti in materia ambientale da consultare e ai quali trasmettere il rapporto preliminare, di seguito indicati: Ministero per i beni e le Attività Culturali, Regione Toscana, Provincia di Lucca, Comunità Montana Media Valle del Serchio, Autorità di Bacino del Fiume Serchio, ARPAT Dipartimento Provinciale di Lucca, Azienda USL 2, Comando provinciale Corpo Forestale dello stato, Genio Civile di Lucca stabilendo come termine per la presentazione dei contributi in novanta giorni dalla trasmissione dei relativi documenti. 3

4 Con Determina del responsabile del Servizio Assetto del Territorio n. 820 del è stato nominato il garante della comunicazione ai sensi dell art. 19 della L.R. 1/2005, per la variante in oggetto; Successivamente con lettera raccomandata del prot. n sono stati trasmessi, sia il Documento di avvio del procedimento, che il Rapporto preliminare agli enti sopra individuati e con successiva lettera trasmessa per fax in data prot. n. 35 è stata rettificata l errata indicazione del termine per la presentazione dei contributi che dai novanta indicati nella lettera del , sono stati fissati in quarantacinque giorni dal ricevimento; Degli enti sono pervenuti i contributi riportati di seguito in ordine cronologico di arrivo: - Dipartimento Provinciale di Lucca dell ARPAT in data ; - Provincia di Lucca Servizio Pianificazione Territoriale e della Mobilità U.O. Pianificazione Urbanistica, in data ; - Unione dei Comuni Media Valle del Serchio Servizio Agricoltura e Sviluppo Rurale ; - Regione Toscana Direzione Generale delle politiche territoriali, ambientali e per la mobilità Settore pianificazione del territorio, con la quale vengono trasmetti i contributi del Settore regionale Infrastrutture di trasporto, strategiche e cave nel governo del territorio in data ; - Regione Toscana Direzione Generale delle politiche, territoriali, ambientali e per la mobilità, Settore pianificazione del territorio, con la quale vengono trasmessi i contributi tecnici dei Settori regionali Produzioni agricole Vegetali e Programmazione Agricolo -Forestale Programmazione Agricolo Forestale, in data ; - Autorità di Bacino del Fiume Serchio in data ; La Società proponente con lettera del pervenuta il al prot. n ha trasmesso una nota di approfondimento ai documenti già depositati, per trasmetterli alla Provincia di Lucca, cosa che è stata fatta in tempi brevi con la lettera del prot. n Successivamente a quanto sopra la Società proponente, con lettera del presentata il prot. n. 6052, ha richiesto la sospensione dei termini di conclusione del procedimento di V.A.S. attivato con la delibera di C.C. n. 59 del anche in considerazione della integrazione sopra indicata; Dopo aver ricevuto i documenti integrativi la Provincia di Lucca Servizio Pianificazione Territoriale e della Mobilità U.O. Pianificazione Urbanistica, in data ha trasmesso la nota n datata ad integrazione della precedente, con la quale viene trasmesso un contributo integrativo. Tutte le copie dei contributi pervenuti sono state trasmesse alla Società proponente la variante, con lo scopo di consentire un attenta valutazione e indicare la sostenibilità degli stessi in relazione agli obiettivi individuati. Nel frattempo l Amministrazione comunale, in considerazione della importante modifica delle procedure apportate con la L.R. n. 6 del alla propria normativa in materia di V.A.S. contenuta nella L.R. 10/2010, che in particolare prevedevano la individuazione di una nuova figura di Autorità Competente superando di fatto quella individuata con la l avvio del procedimento (delibera di C.C. n. 59 del ), con la delibera di Giunta comunale n. 64 del ha provveduto ad individuare la nuova Autorità competente in materia di V.A.S., nella figura del Geom. Miniati Antonio, Responsabile del servizio tecnico del comune di Fabbriche di Vallico, applicando i criteri di nomina stabiliti dalle nuove disposizioni entrate in vigore. La Società proponente con lettera del prot. n ha richiesto la riattivazione dei termini del procedimento di V.A.S., che si è dovuto interrompere anche in considerazione delle modifiche sopraggiunte alle disposizioni regionali in materia e in pari data ha trasmesso contestualmente un documento di valutazione dei contributi pervenuti, predisposto dai progettisti incaricati nel quale sono state indicate le valutazioni svolte in merito agli stessi e sono state 4

5 indicate le specifiche considerazioni sulla necessità o meno di tenerne conto nel proseguire il processo di formazione del procedimento della variante in oggetto. Preso atto di quanto sopra e dei contributi pervenuti l Autorità competente in data ha predisposto il parere motivato, trasmesso con lettera protocollata in data al n. 5116, con il quale ritiene di dover confermare la necessità di assoggettare la variante in oggetto al procedimento di V.A.S., attivando le procedure stabilite dalla L.R. n. 10/2010, così come modificate dalla L.R. n. 6/2012, per le motivazioni nello stesso contenute e al quale rimandiamo per gli eventuali approfondimenti. Dobbiamo evidenziare come punto importante, che durante la fase di valutazione e trasmissione dei contributi da parte degli enti, svolta a seguito dell avvio del procedimento è emerso con chiarezza che contrariamente a quanto indicato nell oggetto della deliberazione di C.C. n. 59 del la variante in esame non interessa in alcun modo il Piano strutturale e pertanto rimane solo variante al Regolamento urbanistico e di questo ne è stato tenuto conto nella elaborazione dei documenti definitivi da parte dei progettisti incaricati.. Pareri richiesti e pervenuti Ricordiamo che il responsabile del procedimento in applicazione di quanto disposto dall art. 16 della legge regionale n. 1/2005 deve assicurare che prima dell adozione della variante, siano stati acquisiti tutti i pareri richiesti dalla legge e che siano stati valutati nella predisposizione della proposta d adottare le eventuali segnalazioni, proposte, contributi pervenuti e le eventuali condizioni formulate dagli altri soggetti, pubblici e privati comunque interessati. Pertanto si seguito si procederà ad illustrare nella forma più semplice possibile quale sia stato il processo di valutazione svolto, quali sono stati i pareri richiesti e quelli pervenuti, per la variante in oggetto, che viene posta in adozione al Consiglio Comunale. I documenti e gli elaborati di variante relativi al solo procedimento urbanistico da svolgersi in attuazione di quanto disposto appositamente dalla L.R. 1/2005, redatti dai professionisti incaricati dalla Società proponente tenuto conto di quanto sopra specificato e dei contributi nel frattempo pervenuti dopo l avvio del procedimento di cui alla delibera di C.C. n. 59 del sono stati trasmessi con le lettere del e e rispettivamente pervenute in data prot e prot ; Gli elaborati consegnati per la richiesta dei pareri obbligatori preventivi all adozione, previsti dalla disposizioni regionali vigenti, sono stati trasmessi dal Responsabile del procedimento agli enti di seguito indicati: a) Autorità di Bacino del Fiume Serchio con racc.r.r. del n , ricevuta il ; b) A.T.O.Toscana Costa con racc. r.r. del n 11910, ricevuta il ; c) Autorità Idrica Toscana n. 1 Toscana Nord e contestualmente al gestore unico del servizio Soc. G.A.I.A. Spa, con racc.r.r. del n , ricevuta il ; Relativamente alle richieste di parere inoltrate e sopra elencate è da evidenziare quanto segue: a) Parere Autorità di Bacino: L Autorità di Bacino del fiume Serchio, dopo aver ricevuto la richiesta di parere sopra richiamata, con nota n del ha sospeso il procedimento, pur esprimendo un orientamento positivo della valutazione richiedendo di fatto della documentazione integrativa, per esprimere il parere definitivo; Con nota del prot si è proceduto a trasmettere la nota di sospensione, sopra indicata, alla Società proponente la variante e ai progettisti incaricati, affinchè fosse valutata, invitando a presentare gli atti ritenuti necessari come integrazione o chiarimento a quanto evidenziato dall Autorità di Bacino; 5

6 La Società proponente in data ha presentato al protocollo generale al n gli atti appositamente predisposti dai professioni incaricati, per trasmetterli all Autorità di Bacino allo scopo di superare la sospensione del procedimento; Con lettera racc. r.r. del prot si è provveduto a depositare all Autorità di Bacino la documentazione sopra richiamata, per riattivare il procedimento sospeso, la quale è stata ricevuta in data ; L Autorità di Bacino del fiume Serchio con nota n del , trasmessa a mezzo fax in pari data, ha espresso parere favorevole sulla variante in considerazione della documentazione presentata come chiarimento. b) Parere dell A.T.O. Toscana Costa: Non risulta alla data odierna pervenuto il parere della A.T.O. Toscana Costa. Riteniamo di poter affermare che si possano considerare come rispettate le disposizioni normative vigenti per la variante in oggetto, essendo trascorsi oltre 60 giorni dal ricevimento della richiesta e considerato il fatto che comunque i contenuti della variante non sono in alcun modo previste modifiche che vadano ad interferire con gli aspetti di competenza dell ente al quale era stato comunque richiesto il parere, per quanto dovuto. c) Parere dell Autorità Idrica Toscana n. 1 - Toscana Nord: L Autorità Idrica Toscana n. 1, dopo aver ricevuto la richiesta di parere sopra citata, con la nota n del ha sospeso il procedimento, chiedendo la presentazione di uno studio idrogeologico relativo alla presenza della sorgente denominata Origlio; Con nota del prot si è proceduto a trasmettere la nota di sospensione, sopra indicata, alla Società proponente e ai progettisti incaricati, per una adeguata valutazione, invitando a presentare gli atti ritenuti necessari per soddisfare la richiesta dalla Autorità Idrica. La Società proponente in data ha presentato al protocollo generale al n la documentazione appositamente predisposti dai professioni incaricati, quale integrazione a quanto richiesto all Autorità Idrica Toscana allo scopo di superare la sospensione del procedimento. Con lettera racc. r.r. del prot si è provveduto a depositare la documentazione sopra richiamata all Autorità Idrica Toscana n. 1 Toscana nord e contestualmente alla Società G.A.I.A. Spa, quale gestore unico del servizio, per riattivare il procedimento sospeso, la quale è stata ricevuta in data L Autorità Idrica Toscana n. 1, dopo aver recepito anche il parere favorevole della società gestore del servizio, ha provveduto a comunicare con nota n del , trasmessa tramite PEC, il parere favorevole sulla variante in oggetto. La consegna da parte della Società proponente degli elaborati definitivi della variante in oggetto predisposti dai professionisti incaricati dalla stessa per essere adottati in Consiglio Comunale, avendo terminato tutte le fasi del procedimento sopra descritto in modo sintetico e comprensibile, tra i quali quelli previsti dalla L.R. n. 10 del 2010 per lo svolgimento dalla procedura V.A.S., è avvenuta con lettera datata , protocollata in data al n e che di seguito riportiamo in elenco: Elaborati della variante dal Reg. urbanistico - Relazione; - Stralcio norme; - Estratto stato vigente della tavola 19 c; - Tavola grafica 19c Stato di variante in scala 1:10.000; - Indagini geologico-tecniche di supporto alla variante 6

7 Elaborati per la procedura di V.A.S. - Sintesi non tecnica; - Rapporto Ambientale; - Allegato al rapporto Ambientale Relazione tecnica illustrativa ubicazione cartografica della Sorgente detta Origlio ; - Allegato al rapporto Ambientale Progetto di bonifica, sistemazione e messa in sicurezza definitiva dell area interessata da un dissesto nel settore centrale della cava. Dopo la consegna degli elaborati definitivi il responsabile del procedimento ha provveduto a consegnare con lettera del prot al comitato paesano della frazione di Partigliano gli elaborati più significativi del progetto di variante di interesse territoriale dello stesso, richiedendo l emanazione del parere previsto dallo Statuto Comunale, preventivamente all adozione. Il parere favorevole espresso dall assemblea del comitato è pervenuto in data prot Deposito atti della variante del Ufficio Tecnico del Genio Civile Gli elaborati definitivi sopra indicati costituenti la Variante, assieme al parere favorevole espresso dall Autorità di Bacino, sono stati depositati in data con PEC n all Ufficio Tecnico del Genio Civile di Area Vasta Livorno-Lucca-Pisa Genio Civile, in attuazione delle disposizioni dettate dall art. 62 della L.R. n. 1 del e con le modalità stabilite dello specifico Regolamento approvato con D.P.G.R. del n. 53/R, come attestato dalla nota del Genio Civile n del pervenuta in pari data a mezzo fax. LA VALUTAZIONE DELLA COERENZA La verifica della coerenza dei contenuti della variante in oggetto con gli altri strumenti della pianificazione territoriale (PIT PTC PS), tenendo conto anche degli altri piani e programmi di settore vigenti, come è in particolare per la variante in esame, il Piano Regionale delle Attività Estrattive (P.R.A.E.), è stata valutata e dimostrata la coerenza in maniera molto dettagliata e facilmente comprensibile nell analisi contenuta nel Capitolo 2.2 del Rapporto Ambientale, predisposto dai progettisti incaricati dalla società proponente. Ulteriore prova della coerenza della variante puntuale, oggetto della presente relazione, è la presa d atto che nei contributi pervenuti dagli enti coinvolti nell avvio del procedimento e nella procedura di verifica della V.A.S. non sono emersi elementi che evidenzino in qualche modo valutazioni di senso contrario. Oltre a quanto sopra si può affermare che anche con i pareri favorevoli rilasciati dall Autorità d Bacino del Fiume Serchio e dall Autorità Idrica Toscana, viene direttamente attestato dagli stessi Enti la coerenza della variante con i rispettivi piani e programmi. Di conseguenza e per quanto di competenza, si ritiene di poter condividere, sia la valutazione svolta sulla coerenza nel Rapporto ambientale predisposto dai tecnici incaricati e che sarà adottato contestualmente al presente documento, sia le conclusioni positive alle quali si è giunti e quindi non si ritiene necessario aggiungere ulteriori considerazioni in merito a questa verifica, per non aggravare ed appesantire ulteriormente il presente documento e di conseguenza tutto il procedimento amministrativo in oggetto. Per maggiori dettagli ed approfondimenti sulla valutazione della coerenza rimandiamo direttamente al capitolo 2.2. del documento Rapporto Ambientale. CONCLUSIONI Al termine del processo di formazione del procedimento fino ad oggi seguito in attuazione di quanto disposto dalla Legge Regionale n. 1 del , oltre che dalla Legge Regionale n. 10 del della variante in oggetto, riteniamo di poter affermare che relativamente ai contenuti della Variante non sono emersi durante tutto il processo di valutazione e formazione particolari elementi di incoerenza della stessa con i piani e programmi sopra ordinati e si può dare atto dell avvenuta verifica tecnica che il procedimento sopra descritto si è svolto nel rispetto delle norme legislative e regolamentari vigenti 7

8 Pertanto la Variante al Regolamento Urbanistico, completa di tutti gli elaborati predisposti, è pronta per essere adottata dall Amministrazione comunale ai sensi dell art. 17 della L.R.1/2005. Vista la relazione del Garante delle Comunicazione redatta in data che farà parte dei documenti allegati alla delibera di adozione della variante e alla quale rimandiamo per maggiori dettagli sull attività svolta per quanto di competenza in relazione alla Variante in oggetto; Sarà assicurato a chiunque voglia prendere visione, l accesso, la visione e la disponibilità di tutti gli elaborati della Variante, oltre che della presente Relazione e di quella del Garante della comunicazione, così come stabilito dall art. 16 comma 5 della Legge Regionale n. 1 del e s.m.i. presso gli uffici del Servizio Assetto del Territorio del Comune e mediante la pubblicazione degli stessi sul sito ufficiale del comune e tutte le procedure previste appositamente dall art. 17 della stessa legge n. 1/2005; Il Responsabile del Procedimento Funzionario Direttivo (Geom. Alessandro Brunini) 8

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Premesso che il Comune di Radda in Chianti : è dotato di Piano Strutturale adottato con D.C.C. n. 2 del

Dettagli

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento Variazione del tracciato della strada di collegamento tra la via vecchia e la via nuova Val D Orme in variante al PS e RU adottata con Del. C.C. n.12 del 21.02.2011. APPROVAZIONE DEFINITIVA RELAZIONE FINALE

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento

Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO. Relazione del Responsabile del Procedimento Comune di Vernio Provincia di Prato REGOLAMENTO URBANISTICO Relazione del Responsabile del Procedimento Ai sensi dell art. 16 della L.R.T. 1/2005 Introduzione e generalità Il procedimento di formazione

Dettagli

C O M U N E D I S E R A V E Z Z A. Provincia di Lucca

C O M U N E D I S E R A V E Z Z A. Provincia di Lucca C O M U N E D I S E R A V E Z Z A Provincia di Lucca OGGETTO: PIANO DI RECUPERO PER L'AREA RR14 POSTA IN POZZI, VIA MARTIRI DI SANT'ANNA ADOTTATO IN DATA 30 SETTEMBRE 2011 - PRONUNCIAMENTO SULLE OSSERVAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ALL. A COMUNE DI COREGLIA ANTELMINELLI Provincia di Lucca REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO APPROVAZIONE Rapporto del Garante della Comunicazione (ai sensi dell art. 20 comma,

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S.

NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S. NUCLEO DI VALUTAZIONE V.I.A. V.A.S. COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI COMUNE DI CASTELNUOVO BERARDENGA COMUNE DI GAIOLE IN CHIANTI COMUNE DI RADDA IN CHIANTI parere espresso ai sensi della L.R. 10/2010 in

Dettagli

PROVINCIA DI MANTOVA

PROVINCIA DI MANTOVA PROVINCIA DI MANTOVA Deliberazione della Giunta Provinciale Seduta n.1 del 29/08/2014 ore 09:00 delibera n. 102 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PIANO REGOLATORE PORTUALE DI MANTOVA QUALE PIANO D'AREA DEL PTCP

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale O GG E TTO : Art. 57 LR 36/97 e art. 8 LR 18/99 : Schema di Accordo di Pianificazione per variante PTC della Provincia di Genova in recepimento del Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico del Bacino

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1323 DELL 11 LUGLIO 2014 Allegato A Indirizzi applicativi in materia di valutazione di incidenza di piani, progetti e interventi 1. Definizioni Procedimento di valutazione di

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Oggetto: Piano Attuativo denominato SALOV e Centro Leasing - Adozione- Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale Premesso che: con deliberazione del Consiglio Comunale del 27.4.2004 n. 51 è stato

Dettagli

All. 2: Osservazioni pervenute a seguito dell Adozione della Variante Urbanistica

All. 2: Osservazioni pervenute a seguito dell Adozione della Variante Urbanistica COMUNE DI SCANSANO Prov. di Grosseto IL SINDACO Avv. Sabrina Cavezzini IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO RESPONSABILE DEL SERVIZIO N. 4 SERVIZI PER IL TERRITORIO Arch. Daniela Giura Comune di Scansano Variante

Dettagli

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente:

autorità competente autorità procedente proponente Autorità competente: INDIRIZZI IN MERITO AI PROGETTI RELATIVI AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO E DI RECUPERO DEI RIFIUTI IN VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO E COORDINAMENTO PROCEDURE DI VIA - AIA - VAS QUADRO NORMATIVO Il comma

Dettagli

COPIA DETERMINAZIONE N. 9 DEL 21/05/2013

COPIA DETERMINAZIONE N. 9 DEL 21/05/2013 SETTORE UNITA 3 SERVIZI PROGRAMMAZIONE DEL TERRITORIO SETTORE 3 RESPONSABILE COPIA DETERMINAZIONE N. 9 DEL 21/05/2013 OGGETTO: VERIFICA ASSOGGETTABILITA' A VAS - ART. 22 L.R. 10/2010 - VARIANTE AL PDR

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013

Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013 Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale convocato per il giorno 18-12-2013 ADEMPIMENTO DI cui all art 39 del Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33 OGGETTO: ESAME CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI. SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI

COMUNE DI EMPOLI. SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI COMUNE DI EMPOLI SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI VERBALE DELLA CONFERENZA DI SERVIZI Convocazione ai sensi dell art. 22 e succ. della Legge Regionale Toscana 23 luglio 2009 n. 40 e ss.mm.ii. Procedimento

Dettagli

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE.

Assessorato ai Trasporti a Fune Segreteria Regionale per le Infrastrutture Direzione Mobilità PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE. PIANO REGIONALE NEVE RAPPORTO AMBIENTALE Parte 0 ALLEGATO D Consulente per la procedura di V.A.S.: Studio Program s.r.l. Progettazione e gestione delle risorse ambientali Energia e Fonti Rinnovabili ITER

Dettagli

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: PIANO PIANO DI RECUPERO PR3D3 IN LOC. CASAMICCIOLA: ADOZIONE IL CONSIGLIO

Dettagli

ALLEGATO 4 ALLA D.C.C. n. del ADOZIONE VARIANTE 4 AL R.U. ADEGUAMENTI DEL MINITORAGGIO DEPOSITO INDAGINI GEOLOGICHE

ALLEGATO 4 ALLA D.C.C. n. del ADOZIONE VARIANTE 4 AL R.U. ADEGUAMENTI DEL MINITORAGGIO DEPOSITO INDAGINI GEOLOGICHE ALLEGATO 4 ALLA D.C.C. n. del ADOZIONE VARIANTE 4 AL R.U. ADEGUAMENTI DEL MINITORAGGIO DEPOSITO INDAGINI GEOLOGICHE CITTA` DI FOLLONICA SETTORE 3 USO E ASSETTO DEL TERRITORIO S.I.T. U.O.C. N. 8 PIANIFICAZIONE

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE

AUTORITÀ DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME TRONTO IL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE N. 03 DEL 07/06/2007 L anno duemilasette (2007) il giorno sette (7) del mese di giugno alle ore 10,30, presso la sede dell Autorità di Bacino Interregionale del

Dettagli

SCHEMA DELIBERA DI C.C.

SCHEMA DELIBERA DI C.C. SCHEMA DELIBERA DI C.C. OGGETTO: PRIMA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. ADOZIONE AI SENSI DELL ART. 19 DELLA L.R.T. 65/2014. PREMESSO: - che il Comune di Lamporecchio è dotato di Piano Strutturale approvato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SENZA IMPEGNO DI SPESA. Determinazione n 5945 del 20/12/2013

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SENZA IMPEGNO DI SPESA. Determinazione n 5945 del 20/12/2013 Servizio Pianificazione territoriale e della mobilità, Patrimonio, risorse naturali e politiche energetiche Urbanistica - Ufficio Pianificazione ambientale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SENZA IMPEGNO DI

Dettagli

COMUNE DI REGGELLO VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI REGGELLO VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI REGGELLO (PROVINCIA DI FIRENZE) ORIGINALE DELIBERA n. 19 del 31/01/2012 VERBALE DELLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' ALLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA

Dettagli

COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. Adozione

COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. Adozione ALLEGATO A4 ALLA DELIBERAZIONE COMUNE DI LAMPORECCHIO PROVINCIA DI PISTOIA N. DEL 1 VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE Adozione Relazione e Certificazione del Responsabile del Procedimento Agosto 2015 1 VARIANTE

Dettagli

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:.

6. Che la destinazione d uso dopo l intervento: E invariata E mutata in:. 3. Che la tipologia dell intervento, delle suddette opere è riconducibile a: 4. Che lo stato attuale dell immobile/unità immobiliare risulta legittimato dai seguenti atti: Fabbricato antecedente al 1938

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 Immediatamente Eseguibile COPIA SEGRETERIA GENERALE 56125 PISA Piazza V. Emanuele II, 14 T. 050/ 929 317 318 346 GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 OGGETTO : Integrazione

Dettagli

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti.

OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. OGGETTO: Procedimento di Valutazione Ambientale Strategica del Piano Provinciale per la gestione rifiuti urbani e speciali. Provvedimenti. Premesso che: tra le funzioni del Settore Ambiente rientrano quelle

Dettagli

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma.

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma. Protocollo RC n. 5798/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 28 MARZO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di venerdì ventotto del mese di marzo, alle ore

Dettagli

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Comune di Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Ufficio: URBANISTICA Settore: Servizi Urbanistica PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 04-06-2015 Oggetto: Piano di Miglioramento Aziendale ai

Dettagli

CONSIGLIO DI BACINO BRENTA

CONSIGLIO DI BACINO BRENTA CONSIGLIO DI BACINO BRENTA L.R. del Veneto n. 17 del 27 aprile 2012 DECRETO DEL COMMISSARIO AD ACTA - Ing. Marco Puiatti - N. 30 di Reg. del 24/07/2015 Prot. n. 1046 del 24/07/2015 Immediatamente eseguibile

Dettagli

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Piano urbanistico attuattivo ambito territoriale denominato Altanea Brian. Ditte AGRICOLA ED IMMOBILIARE STRETTI s.s., SOCIETA AGRICOLA NOGARA s.s., SOCIETA AGRICOLA LAGUNA VERDE s.a.s. ADOZIONE.

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE)

PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE) PIANI DI GESTIONE DI N. 7 SIC E N. 5 SIC/ZPS DELLA PROVINCIA DI SIENA (FASE DI ADOZIONE) SIC Montagnola senese (IT5190003) SIC/ZPS Crete di Camposodo e Crete di Leonina (IT5190004) SIC/ZPS Monte Oliveto

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: Il Comune di San Gimignano è dotato di Piano Strutturale approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.78 del 30 novembre 2007. Con Deliberazione n.101 del 22

Dettagli

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito internet) Denominazione Pubblicazione Tipo Supporto

Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito internet) Denominazione Pubblicazione Tipo Supporto Decreto del Direttore generale nr. 57 del 31/03/2015 Proponente: Cesare Fagotti Pianificazione e Controllo Pubblicità/Pubblicazione: Atto soggetto a pubblicazione integrale/per omissis/per estratto (sito

Dettagli

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento:

DIREZIONE. Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO. Decreto N. 163 del 07-09-2015. Responsabile del procedimento: DIREZIONE Dirigente: GIOVANNELLI STEFANO Decreto N. 163 del 07-09-2015 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE Allegato 1 s Modello metodologico procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE 1. INTRODUZIONE 1.1 Quadro di riferimento Il

Dettagli

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO

IL REPO SABILE DEL SERVIZIO Capraia Isola, 16.03.2010 Prot. 23/6/1 UT/RP/rp Al SEGRETARIO COMU ALE Dott. FRANCO PAOLO DEL SEPPIA Sede Comunale RELAZIONE PER L ATTUAZIONE DELLA PROCEDURA DI ADOZIONE ED APPROVAZIONE DEL PIANO STRUTTURALE

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 158 DEL 30/12/2010

COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 158 DEL 30/12/2010 COPIA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 158 DEL 30/12/2010 Allegati N. 3 OGGETTO: VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A VAS DELLA VARIANTE AL RU RELATIVA AL RECEPIMENTO DEL TRACCIATO DELLA NUOVA SRT 429

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA

GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA N. d'ord.11 reg deliberazioni GIUNTA PROVINCIALE DI CREMONA Estratto dal verbale delle deliberazioni assunte nell'adunanza del 21/01/2014 L'anno duemilaquattordici, questo giorno ventuno del mese di gennaio

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE. Con voti favorevoli 5 e contrari 13 resi dai 18 Consiglieri presenti e votanti, DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE. Con voti favorevoli 5 e contrari 13 resi dai 18 Consiglieri presenti e votanti, DELIBERA Dopo che il Presidente ha dato lettura dell oggetto della proposta di deliberazione, da porsi in trattazione, il Consigliere M. Parola (Gruppo Pedona Libera) pone, sulla proposta, la questione sospensiva

Dettagli

C o m u n e d i V i n c i P r o v i n c i a d i F i r e n z e V a r i a n t e a l P i a n o S t r u t t u r a l e Relazione ALLEGATO A

C o m u n e d i V i n c i P r o v i n c i a d i F i r e n z e V a r i a n t e a l P i a n o S t r u t t u r a l e Relazione ALLEGATO A Comune di Vinci Variante al Piano Strutturale Relazione ALLEGATO A OGGETTO: Variante al Piano Strutturale, ai sensi dell art. 17 della L.R. 1/2005, per l aggiornamento delle carte di pericolosità idraulica

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: VARIANTE AL P.R.G. RELATIVA A SOTTOZONA C4C RICETTIVA ALBERGHIERA IN LOC. CASTIGLION DEL BOSCO; APPROVAZIONE AI SENSI DI ART. 227 E TITOLO II CAPO I ART. 19 DELLA L.R.n.65/2014, E DI ART. 27 DELLA

Dettagli

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod:

Ricorda che per quanto riguarda il comune di Gignod: L'Assessore regionale al territorio, ambiente e opere pubbliche, Alberto Cerise, sottopone all'esame della Giunta la trasposizione delle cartografie degli ambiti inedificabili, relative alla delimitazione

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 49 OGGETTO: Potenziamento del Servizio Idrico Integrato - programma di infrastrutturazione nei territori delle Comunità

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 10 del 06/12/2010 (CON I POTERI SPETTANTI AL CONSIGLIO COMUNALE) ======================================================================

Dettagli

SETTORE PARCHI E QUALITA DELLA VITA URBANA DETERMINAZIONE N. 93 DEL 16/04/2009

SETTORE PARCHI E QUALITA DELLA VITA URBANA DETERMINAZIONE N. 93 DEL 16/04/2009 SETTORE PARCHI E QUALITA DELLA VITA URBANA DETERMINAZIONE N. 93 DEL 16/04/2009 Oggetto: Proroga incarico di controllo e vigilanza sotto il profilo geologico delle cave/cave di prestito o profili idrogeologici

Dettagli

OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Adozione della variante n.2 al Piano attuativo comunale di iniziativa pubblica della zona O comparto A. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione in oggetto, munita dei prescritti

Dettagli

COMUNE DI PASSIRANO. Provincia di Brescia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 18 del 12-06-2013

COMUNE DI PASSIRANO. Provincia di Brescia DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Numero 18 del 12-06-2013 COMUNE DI PASSIRANO Provincia di Brescia C OPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 18 del 12-06-2013 ADOZIONE DELLA VARIANTE AL DOCUMENTO DI PIANO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI SINTESI per adozione del Documento di Piano

DICHIARAZIONE DI SINTESI per adozione del Documento di Piano Comune di Busto Garolfo Provincia di Milano Piano di Governo del Territorio - PGT Valutazione Ambientale Strategica del Documento di Piano DICHIARAZIONE DI SINTESI per adozione del Documento di Piano Autorità

Dettagli

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 145 Seduta del giorno 20 Maggio 2015

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 145 Seduta del giorno 20 Maggio 2015 Rep. 2015/145 Oggetto n 84 Ufficio: 007 Comune di Verona Deliberazione della Giunta Comunale N. Progr. 145 Seduta del giorno 20 Maggio 2015 PRESENTI TOSI SIG. FLAVIO CASALI AVV. STEFANO CORSI P. I. ENRICO

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 31 del 03/09/2011 Adunanza ordinaria di prima convocazione - N - Seduta Pubblica ======================================================================

Dettagli

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE

Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 29/07/2013 Oggetto: ADOZIONE PIANO DI RECUPERO (PR11A) VIA DIAZ, IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione

Dettagli

Determ. n. 994-16.5.2014

Determ. n. 994-16.5.2014 COMUNE DI BRESCIA Determinazione dirigenziale Determ. n. 994-16.5.2014 OGGETTO: Settore Sportello Unico Attività Produttive. Variante al P.G.T per ampliamento sede Giornale di Brescia in via Solferino

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 90 del 22/08/2014

Decreto Dirigenziale n. 90 del 22/08/2014 Decreto Dirigenziale n. 90 del 22/08/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 5 - Direzione Generale per l'ambiente e l'ecosistema U.O.D. 16 - UOD Autorizzazioni

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E

D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E D E T E R M I N A Z I O N E D E L D I R I G E N T E Del 16/07/2015 n. 311 IV SETTORE FORMAZIONE RENDICONTAZIONE LAVORO Area Formazione professionale, Borse Lavoro, Sostegno Impresa OGGETTO: FORMAZIONE

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del.

Progetto Preliminare Adottato con delibera del Consiglio Comunale n.. del. REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI ALESSANDRIA COMUNE DI PECETTO DI VALENZA Legge Regionale 5 dicembre 1977 n. 56 e successive modifiche ed integrazioni PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE Approvato con D.G.R.

Dettagli

PROVINCIA DI ANCONA DECRETO DELLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA. n. 29 del 3/02/2015

PROVINCIA DI ANCONA DECRETO DELLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA. n. 29 del 3/02/2015 COPIA PROVINCIA DI ANCONA DECRETO DELLA PRESIDENTE DELLA PROVINCIA n. 29 del 3/02/2015 Oggetto: Comune di Osimo Variante al PRG ex Consorzio Agrario Parere favorevole L anno 2015, il giorno tre del mese

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 57 del 28/02/2013. Proposta n. 57

CITTÀ di AVIGLIANA. Provincia di TORINO. DETERMINAZIONE N. 57 del 28/02/2013. Proposta n. 57 DETERMINAZIONE N. 57 del 28/02/2013 Proposta n. 57 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO PER LE CONTRODEDUZIONI ALLE OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE STRUTTURALE AL P.R.G.C. VIGENTE, RELATIVA ALLA BORGATE, AGLI ARCHITETTI

Dettagli

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia

COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia COPIA COMUNE DI SOMMO Provincia di Pavia VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO ( ASSUNTA CON I POTERI DEL CONSIGLIO COMUNALE) N. 1 17/01/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE DEFINITIVA PIANO DEL

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

OGGETTO: parere in merito al regime autorizzativo di impianti fotovoltaici collocati su serre

OGGETTO: parere in merito al regime autorizzativo di impianti fotovoltaici collocati su serre DIREZIONE GENERALE PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E NEGOZIATA, INTESE. RELAZIONI EUROPEE E RELAZIONI SERVIZIO AFFARI GENERALI, GIURIDICI E PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA INTERNAZIONALI IL RESPONSABILE GIOVANNI

Dettagli

Oggetto: PIANO DI AZIONE LOCALE ANNUALITA' - PROGRAMMA OPERATIVO 2012 'APPENNINO REALE' - APPROVAZIONE PROGETTO DEFINITIVO

Oggetto: PIANO DI AZIONE LOCALE ANNUALITA' - PROGRAMMA OPERATIVO 2012 'APPENNINO REALE' - APPROVAZIONE PROGETTO DEFINITIVO DETERMINAZIONE N 316 del 30.10.2012 Oggetto: PIANO DI AZIONE LOCALE ANNUALITA' - PROGRAMMA OPERATIVO 2012 'APPENNINO REALE' - APPROVAZIONE PROGETTO DEFINITIVO IL DIRETTORE DELL ENTE VISTO il decreto del

Dettagli

DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012

DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012 DECRETO SEGRETARIALE N. 10 DEL 03.01.2012 OGGETTO: L. 365/00. Istanza di aggiornamento PAI Tagliamento, ai sensi dell art. 6 delle Norme di Attuazione, a seguito della progettazione di interventi urgenti

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di Amalfi G.C. Numero 46 del 28-07-2015 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Piano Urbanistico Comunale - Presa d'atto del preliminare di piano e dei contenuti strutturali

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO

IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO In prosieguo di seduta il Presidente passa alla trattazione del punto 1 dell ordine del giorno aggiuntivo, avente ad oggetto: Approvazione definitiva regolamento urbanistico ai sensi dell art. 36 della

Dettagli

UNIONE MONTANA COMUNI OLIMPICI VIA LATTEA. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 in data 30.09.2014

UNIONE MONTANA COMUNI OLIMPICI VIA LATTEA. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 in data 30.09.2014 COPIA Comune di Pragelato UNIONE MONTANA COMUNI OLIMPICI VIA LATTEA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 in data 30.09.2014 OGGETTO: Adozione proposta tecnica di progetto preliminare della

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI AMBIENTALI DETERMINAZIONE N. 349 DEL 13.12.2011 OGGETTO: Provvedimento Unico n. 6 del 09.04.2009 SUAP del Comune di Iglesias Autorizzazione alla realizzazione e alla gestione di un impianto di messa in riserva di

Dettagli

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE

C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE C O M U N E D I C E R V I G N A N O D E L F R I U L I PROVINCIA DI UDINE Verbale di deliberazione del CONSIGLIO COMUNALE Registro delibere di Consiglio Comunale ORIGINALE N. 55 OGGETTO: ADOZIONE DEL PIANO

Dettagli

Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G.

Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G. Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G. OGGETTO: Adozione di modifiche del Regolamento Edilizio - Titolo V relativamente alla Commissione per il Paesaggio. La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione

Dettagli

A seguito di illustrazione del Piano dal punto di vista tecnico da parte dei progettisti presenti in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE

A seguito di illustrazione del Piano dal punto di vista tecnico da parte dei progettisti presenti in aula; IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO - Progetto Piano Urbanistico Comunale (P.U.C.) adozione ai sensi dell'art. 38, comma 2, della legge regionale n. 36 del 4/9/1997 come modificata dalla legge regionale n. 11 del 2 aprile 2015. A

Dettagli

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A.

VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 SARZANESE - VALDERA IN ATTRAVERSAMENTO DEL C.A. SIMONE STEFANI - GEOLOGO GEOLOGIA ECOLOGIA - AMBIENTE COMUNE DI TERRICCIOLA (Provincia di Pisa) VARIANTE AL R.U. PER INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA DEL TRATTO DELLA S.R.T. 439 "SARZANESE - VALDERA" IN

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 50 in data 30/06/2008 Proposta n. 52 Oggetto: ADOZIONE DELLA SESTA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO ED EDILIZIO (RUE) VIGENTE. (LEGGE REGIONALE 24.03.2000 N. 20 E SUCC. MOD., ARTT. 29 E 33) E presente

Dettagli

P r o v i n c i a d i P a d o v a

P r o v i n c i a d i P a d o v a 1 Decreto n. 131/VIA/2014 Prot. n. 94709 del 03/07/2014 Ditta n. 71048 Sede Settore Ambiente: P.zza Bardella, 2 35131 Padova tel. 049/8201811 VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' (art. 20 del D.Lgs 152/06 e s.m.i.)

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA approvato con D.C.C. n. 15 del 10/03/2014 INDICE Art. 1 Definizione Art. 2 Abilitazione professionale e requisiti Art. 3 Luogo di svolgimento dell attività Art. 4

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 21 ADUNANZA DEL 30/06/2009

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 21 ADUNANZA DEL 30/06/2009 COMUNE DI VERRÈS VALLE D'AOSTA C.A.P. 11029 - Te1. 0125.929.324 - Fax 0125.920.614 Via Caduti Libertà, 20 COMMUNE DE VERRÈS VALLÉE D'AOSTE Codice fiscale 81000730077 Partita IVA 00100650076 ORIGINALE DELIBERAZIONE

Dettagli

PREMESSO CHE: Autorità di bacino Alto Adriatico Comitato Istituzionale - delibera n. 4/2010 - Pagina 2

PREMESSO CHE: Autorità di bacino Alto Adriatico Comitato Istituzionale - delibera n. 4/2010 - Pagina 2 DELIBERA N. 4 Seduta del 21 dicembre 2010 OGGETTO: Adozione del Piano stralcio per l assetto idrogeologico del bacino del fiume Livenza. IL COMITATO ISTITUZIONALE VISTO il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera N. 48 del 06 Giugno 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera N. 48 del 06 Giugno 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera N. 48 del 06 Giugno 2014 OGGETTO: PIANO DI RECUPERO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 7 MAGGIO 1985 N. 57 FINALIZZATO ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO

Dettagli

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il Comune di Triuggio, con deliberazione consiliare n. 7 del 12.03.2009 ha adottato il PIANO ATTUATIVO DI

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015

DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015 DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015 Identificativo Atto n. 515 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Oggetto AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (A.I.A.) ALLA DITTA SAN PELLEGRINO SPA

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. - Richiamato l art. 24 della legge regionale 26 maggio 2009, n. 12;

LA GIUNTA REGIONALE. - Richiamato l art. 24 della legge regionale 26 maggio 2009, n. 12; LA GIUNTA REGIONALE - Richiamata la legge regionale 26 maggio 2009, n. 12 recante: Disposizioni per l adempimento degli obblighi della Regione autonoma Valle d Aosta derivanti dall appartenenza dell Italia

Dettagli

Valutazione integrata

Valutazione integrata COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO Valutazione integrata D.P.G.R. 09/02/2007 n 4/r Piano Attuativo Camping Laconella Il Responsabile del Procedimento Ing. Federico Brugioni Il Responsabile del servizio

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

COMUNE di F AE N Z A

COMUNE di F AE N Z A All. G COMUNE di F AE N Z A Settore Territorio ADOZIONE ATTO C.C. n. 73 del 10.02.2010 PUBBLICAZIONE BUR n. 54 del 31.03.2010 APPROVAZIONE ATTO C.C. n. 290 del 21/11/2011 PUBBLICAZIONE BUR n. del ATTI

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997. Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013

AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997. Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013 AZIENDA SANITARIA LOCALE - A.S.L. DELLA PROVINCIA DI VARESE D.P.G.R. N. 70640 DEL 22.12.1997 Verbale delle deliberazioni dell'anno 2013 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE IN DATA 23/01/2013 N. 31 OGGETTO:

Dettagli

Comune di Casalromano

Comune di Casalromano Comune di Casalromano Provincia di Mantova Codice Ente 10830 Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale ************** Adunanza ordinaria di 1 convocazione seduta pubblica COPIA OGGETTO: OGGETTO:

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROTE ZIONE CIVILE 28 agosto 2014, n. 85

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROTE ZIONE CIVILE 28 agosto 2014, n. 85 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 126 dell 11 09 2014 32725 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SERVIZIO PROTE ZIONE CIVILE 28 agosto 2014, n. 85 Nuove iscrizioni, cancellazioni e variazioni nell Elenco

Dettagli

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale

Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale R E G I O N E P U G L I A Proposta di Deliberazione della Giunta Regionale AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO RURALE SERVIZIO AGRICOLTURA CODICE CIFRA: /DEL/2008/ OGGETTO: Piano Regionale per la ristrutturazione

Dettagli

DAL REGOLAMENTO URBANISTICO AL PIANO OPERATIVO

DAL REGOLAMENTO URBANISTICO AL PIANO OPERATIVO DAL REGOLAMENTO URBANISTICO AL PIANO OPERATIVO Palazzo dei Vicari Scarperia 20 Novembre 2015 relatore Arch. Rodolfo Albisani 1 Il quadro normativo in materia urbanistica-edilizia è stato nuovamente e profondamente

Dettagli

COMUNE DI SAN GIMIGNANO Provincia di Siena

COMUNE DI SAN GIMIGNANO Provincia di Siena COMUNE DI SAN GIMIGNANO Provincia di Siena Copia dell Originale VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 146 DEL 04/10/2012 OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO - PROCEDIMENTO DI VALUTAZIONE

Dettagli

AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE

AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE REGIONE MARCHE Delibera n. 13 del 30 Aprile 2001 AUTORITA DI BACINO REGIONALE DELLE MARCHE COMITATO ISTITUZIONALE OGGETTO: L. 183/89 L. 267/98 - L. 365/00 - L.R. 13/99 -. Adozione del Progetto di Piano

Dettagli

OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città.

OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città. OGGETTO: Adozione POC Tematico Darsena di città. Relatore l'assessore all'urbanistica Libero Asioli - La Giunta Comunale sottopone all esame del Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione:

Dettagli