Dinamica delle aperture nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo DATAGIOVANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dinamica delle aperture nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo DATAGIOVANI"

Transcript

1 LE PARTITE IVA UNDER 35 Dinamica delle nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo settembre P.tta Gasparotto, Padova Tel Fax

2 LE PARTITE IVA UNDER 35 Dinamica delle nei primi sette mesi del 2012 e tratti caratteristici del lavoro autonomo Con questo report tenta di tracciare un quadro recente delle dinamiche e delle caratteristiche del lavoro autonomo dei giovani nel nostro Paese, ma anche in un confronto in chiave europea, attraverso l esame delle nuove di partita iva nei primi sette mesi dell anno secondo i dati del Dipartimento delle Finanze del Ministero dell Economia, un identikit qualitativo delle principali caratteristiche dei lavoratori autonomi senza dipendenti attraverso l indagine del 1 trimestre sulle forze lavoro dell Istat e un confronto sugli own-account workers nel 2 trimestre dell anno con i dati Eurostat. La dinamica delle di partita iva nei primi da gennaio a luglio Le difficoltà che il mercato del lavoro giovanile, e non solo, sta incontrando negli anni della crisi sembrano non investire unicamente l occupazione dipendente ma anche il lavoro autonomo. Una prima prova viene dalla dinamica delle di partita iva da gennaio a luglio del, che vede una frenata dell 11,2% per i giovani fino a 35 anni rispetto allo stesso periodo del Meno voglia, e possibilità, dunque di intraprendere una attività in proprio per i giovani, che nasconde anche le minori opportunità di lavoro offerte dalle aziende che spesso invitano i giovani ad aprire la partita iva per poi collaborare con l azienda stessa. Il dato è particolarmente significativo se si confronta la dinamica giovanile con quella delle di partita iva delle persone fisiche complessivamente considerate, senza dunque la distinzione d età, per cui la diminuzione è stata del 7,6%: questo vuol dire che la flessione è stata quasi tutta determinata dalle minori partite iva aperte dai giovani (infatti, il dato per gli Over 35 segna appena un -3,7%). Del resto, delle oltre 273 mila partite iva aperte dall inizio dell anno (da persone fisiche), più di 136 mila, vale a dire la metà, sono state attribuite a persone con al massimo 35 anni. Di queste, circa 50 mila sono state aperte al Sud, dove l incidenza sul totale raggiunge il massimo (53%), sebbene la flessione sul 2012 sia stata notevole (-11,7%), in particolare in Campania (-13,6%, nuove partite iva in meno) e in Sicilia (-13,3%). I giovani del Nord si mostrano meno propensi all apertura di partita iva rispetto al Sud, soprattutto nel Nordest, dove la quota di nuove attività autonome giovanili scende al 46,3% del totale, con i minimi di Veneto e Friuli Venezia Giulia. Questi elementi sembrano continuare ad evidenziare una minore propensione dei giovani nordestini ad intraprendere attività autonome, aspetto confermato da un nostro recente report che vedeva proprio il Nordest come il territorio nazionale in cui l imprenditoria giovanile si sta maggiormente rarefacendo. La flessione nelle nuove attività autonome dei giovani appare abbastanza trasversale a tutti i settori di attività, sebbene con intensità diverse. Solamente tre comparti mostrano una tendenza di crescita: l alimentare (860 nuove partite iva giovani, +7,2% sul 2012), le attività di alloggio e ristorazione (+7,1% per partite iva) e le attività finanziarie ed assicurative, che segnano un +38,5% per l assegnazione di nuove partite iva. Le attività in maggiore contrazione rispetto all anno precedente sono quelle legate al trasporto ed alla logistica (-34,8%) ed alle costruzioni (-26,5%), ma una minore propensione all apertura di partite iva si verifica anche in uno dei settori in cui è più naturale l attività autonoma, vale a dire le attività professionali, scientifiche e tecniche, che nonostante le oltre 30 mila nuove partite iva aperte segnano un -17,6% sul periodo gennaio-luglio 2012, in particolare per le minori nelle attività legali e di contabilità e negli studi di architettura ed ingegneria. Il commercio, l area che raccoglie quasi una nuova partita iva di giovani su quattro (oltre 32 mila), nella panoramica di ridimensionamento sembra vere tutto sommato tenuto (-7%). Un modo per rappresentare in maniera immediata le differenti dinamiche di apertura di nuove partite iva è dato dall indice di propensione all attività autonoma, che rapporta il numero di nuove partite iva aperte dai giovani al numero di occupati della stessa età. Si vede immediatamente come la propensione sia superiore nel Mezzogiorno, con oltre 30 nuove partite iva ogni mille occupati 2

3 (Campania 36, Sicilia 34), mentre al Nord si fatica a stare vicino alle 20 nuove attività autonome per mille occupati (con il Trentino Alto Adige al 15 ed il Veneto al 17). Questi risultati sono, naturalmente, frutto di una distribuzione delle nuove partite iva aperte dai giovani concentrata soprattutto nelle province del Sud: Benevento, Crotone e Vibo Valentia hanno i dati più elevati dell indice di propensione all attività autonoma, sebbene con numeri assoluti di nuove partite iva piuttosto contenuti, ma tra le prime 10 troviamo al 4 posto Foggia (quasi nuove attività autonome) al 6 Napoli (7.840), al 7 Caserta (circa 2.400) ed al 10 Palermo (3.024). Tra le province maggiori, gli ultimi posti della classifica per indice di propensione spiccano soprattutto le lombarde Varese, Bergamo e Brescia, intorno alle 15 nuove partite iva ogni mille occupati, ma l ultimo posto è per la provincia di Bolzano (indice pari a 12,2 per 887 nuove attività). In termini assoluti, la provincia in cui i giovani hanno aperto più partite iva nei primi sette mesi dell anno è Roma (11.800), che stacca di parecchie lunghezze Napoli (7.840) e Milano (7.505). Aperture di partita iva di persone fisiche fino a 35 anni da gennaio a luglio per regione confronto con le complessive (senza distinzione d età) e con lo stesso periodo del 2012 Regione / Area Aperture di P.Iva fino a 35 anni nel periodo genlug Inc. % di P.Iva fino a 35 anni sul totale (senza distinzione d età) Variazioni nelle di partita iva su 2012 Assolute fino a 35 anni % fino a 35 anni % totali (senza distinzione d età) Piemonte , ,6-8,1 Valle d'aosta , ,6-5,0 Lombardia , ,7-7,2 Liguria , ,9-12,3 Trentino Alto Adige , ,7-3,0 Veneto , ,8-5,6 Friuli Venezia Giulia , ,9-2,4 Emilia Romagna , ,4-7,1 Toscana , ,0-8,4 Umbria , ,7-6,6 Marche , ,8-3,0 Lazio , ,4-6,9 Abruzzo , ,7-3,2 Molise , ,3 0,1 Campania , ,6-11,9 Puglia , ,7-7,4 Basilicata , ,4-2,0 Calabria , ,0-11,0 Sicilia , ,3-11,5 Sardegna , ,4-4,4 Nordovest , ,3-8,0 Nordest , ,9-5,7 Centro , ,6-6,9 Sud-isole , ,7-9,3 Italia , ,2-7,6 Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze 3

4 Aperture di partita iva di persone fisiche fino a 35 anni da gennaio a luglio per i principali settori di attività economica confronto con le complessive (senza distinzione d età) e con lo stesso periodo del 2012 Settori di attività Aperture di P.Iva fino a 35 anni nel periodo Valori assoluti Inc % su di P.Iva fino a 35 anni Inc. % sul totale (senza distinzione d età) Variazioni nelle di partita iva su 2012 % fino a 35 anni % totali (senza distinzione d età) Agricoltura, silvicoltura, pesca ,9 23,0-10,4-5,9 Attività manifatturiere ,5 40,6-14,7-12,3 Industrie alimentari 860 0,6 49,4 7,2 4,3 Confezione di articoli di abbigliamento, in pelle e pelliccia ,8 39,6-0,3-4,5 Fabbricazione di articoli in pelle e simili 352 0,3 39,3-5,4-4,9 Fabbr.ne di prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature) 594 0,4 39,9-30,2-22,9 Riparazione, manutenzione ed installazione di macchine 591 0,4 39,6-25,8-20,2 Costruzioni ,3 46,8-26,5-21,3 Costruzione di edifici ,2 43,9-21,6-16,8 Lavori di costruzione specializzati ,1 47,3-27,4-22,2 Commercio ,6 49,5-7,0-3,8 Commercio all'ingrosso e al dettaglio e riparazione di auto e moto ,5 48,0-10,3-7,5 Commercio all'ingrosso (escluso quello di auto e moto) ,6 45,5-15,1-8,0 Commercio al dettaglio (escluso quello di auto e moto) ,6 52,0-1,8-0,8 Trasporto e magazzinaggio ,0 38,6-34,8-28,0 Attività di alloggio e ristorazione ,7 50,6 7,1 9,2 Servizi di informazione e comunicazione ,8 55,5-15,7-9,2 Produzione di software, consulenza informatica ,5 54,0-17,9-10,5 Attività dei servizi d'informazione e altri servizi informatici 999 0,7 54,1-15,6-9,8 Attività finanziare e assicurative ,4 57,9 38,5 44,9 Attività immobiliari ,8 39,2-13,6-3,7 Attività professionali, scientifiche e tecniche ,4 60,6-17,6-13,3 Attività legali e contabilità ,1 71,0-20,3-17,4 Attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale ,9 39,3-12,5-4,4 Attività degli studi di architettura e d'ingegneria-collaudi ed analisi ,2 71,6-20,1-18,1 Pubblicità e ricerche di mercato ,8 57,3-15,7-12,6 Noleggio, agenzie di viaggio e supporto alle imprese ,4 50,1-17,4-13,8 Attività di servizi per edifici e paesaggio ,4 48,3-14,5-11,2 Attività di supporto per le funzioni d'ufficio e altri servizi di supporto alle imprese ,4 51,7-20,5-16,0 Istruzione ,1 50,3-15,2-5,0 Sanità e assistenza sociale ,9 64,9-3,7-0,9 Assistenza sanitaria ,4 66,4-4,0-1,3 Assistenza sociale non residenziale 610 0,4 45,5-1,3 2,0 Attività artistiche, sportive e di intrattenimento ,7 59,0-14,3-15,5 Attività creative, artistiche e di intrattenimento 1,5 57,7-15,8-17,0 Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento ,0 61,2-17,8-18,5 Altre attività di servizi ,3 52,0-9,7-9,1 Nota: la somma delle di partite iva dei singoli settori ( in grassetto) non coincide con il totale delle in quanto in tabella sono stati riportati solo i settori principali, con un numero consistente di. Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze 4

5 Indice di propensione all attività autonoma* fino a 35 anni da gennaio a luglio, per regione Regione / Area Indice Piemonte 21,0 Valle d'aosta 21,3 Lombardia 18,2 Liguria 24,3 Trentino Alto Adige 14,8 Veneto 17,0 Friuli Venezia Giulia 18,1 Emilia Romagna 18,5 Toscana 24,5 Umbria 20,7 Marche 21,3 Lazio 28,6 Abruzzo 24,6 Molise 29,2 Campania 36,5 Puglia 28,0 Basilicata 28,1 Calabria 33,5 Sicilia 33,8 Sardegna 23,7 Nordovest 19,5 Nordest 17,4 Centro 25,7 Sud-isole 31,3 Italia 23,6 Indice di propensione all'attività autonoma 28,6 a 36,6 (5) 24,5 a 28,6 (3) 23,7 a 24,5 (3) 18,5 a 23,7 (5) 14,8 a 18,5 (4) ) * L indice di propensione all attività autonoma è calcolato come rapporto tra le nuove di partita iva fino a 35 anni da gennaio a luglio ed il numero di occupati Under 35 in ogni regione, per Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze e Istat 5

6 Prime e ed ultime 10 province per numero assoluto di di partita iva di persone fisiche fino a 35 anni da gennaio a luglio Provincia PRIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Provincia ULTIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Roma ,9 29,6 Biella ,5 20,1 Napoli ,7 38,9 Sondrio ,6 15,5 Milano ,7 23,3 Aosta 302-7,6 21,3 Torino ,7 22,4 Oristano 294 3,9 20,9 Palermo ,1 34,4 Verbano-Cusio- Ossola ,4 18,0 Bari ,9 25,1 Gorizia ,1 22,3 Salerno ,2 32,4 Isernia 227-8,8 28,7 Catania ,5 32,3 Carbonia-Iglesias 200-2,0 18,3 Firenze ,7 24,9 Medio Campidano ,4 20,9 Caserta ,6 37,1 Ogliastra 126-0,8 27,7 Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze e Istat Prime e ed ultime 10 province per variazione percentuale nelle di partita iva di persone fisiche fino a 35 anni da gennaio a luglio rispetto allo stesso periodo del 2012 Provincia PRIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Provincia ULTIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Gorizia ,1 22,3 Lecce ,2 30,8 Nuoro 381 6,7 25,2 Agrigento ,2 34,9 Oristano 294 3,9 20,9 Varese ,2 14,9 Asti 496 1,8 22,4 Savona ,4 26,0 Ascoli Piceno 489 0,4 28,8 Massa Carrara ,4 26,9 Rovigo 537 0,4 21,5 Genova ,6 24,0 Modena ,7 17,1 Lucca ,0 21,8 Ogliastra 126-0,8 27,7 Como ,2 15,0 Ancona ,2 21,4 Ferrara ,7 20,0 Novara 841-1,3 20,4 Pistoia ,6 22,1 Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze e Istat 6

7 Indice di propensione all attività autonoma* fino a 35 anni da gennaio a luglio, per provincia Indice di propensione all'attività autonoma 30,3 a 40 (20) 24,9 a 30,3 (21) 22 a 24,9 (19) 17,9 a 22 (22) 12,1 a 17,9 (21) * L indice di propensione all attività autonoma è calcolato come rapporto tra le nuove di partita iva fino a 35 anni da gennaio a luglio ed il numero di occupati Under 35 in ogni provincia, per Il numero degli occupati è stato stimato sulla base dei tassi di occupazione provinciali, della popolazione Under 35 residente al 2012 e degli occupati Under 35 regionali. Per ragioni tecniche in cartina non sono riportate le province di nuova costituzione. Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze e Istat Prime e ed ultime 10 province per Indice di propensione all attività autonoma fino a 35 anni da gennaio a luglio Provincia PRIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Provincia ULTIME 10 PROVINCE Aperture Var. % 2012 / Indice di propensione all attività autonoma Benevento ,6 40,0 Brescia ,1 15,5 Crotone ,2 39,5 Lodi 452-8,5 15,4 Vibo Valentia ,9 39,2 Lecco ,9 15,3 Foggia ,7 39,1 Vicenza ,0 15,2 Caltanissetta 695-6,6 38,9 Cremona ,6 15,1 Napoli ,7 38,9 Como ,2 15,0 Caserta ,6 37,1 Bergamo ,9 14,9 Siracusa ,1 36,1 Varese ,2 14,9 Agrigento ,2 34,9 Pordenone 508-5,0 14,0 Palermo ,1 34,4 Bolzano ,7 12,2 Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze e Istat 7

8 Tratti caratteristici del lavoro autonomo Under 35 In linea generale, non è disponibile un dato di stock sulle partite iva detenute da persone fisiche fino ai 35 anni, ma si può ipotizzare che il loro numero si aggiri tra le 600 mila e le 800 mila unità. A questi valori si è pervenuti utilizzando i dati di tre fonti differenti ed operando una stima basata sull ipotesi di distribuzione uniforme all interno delle classi d età fornite. La prima fonte è il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell Economia, che nella pubblicazione dei dati relativi alle dichiarazioni IRPEF del 2012 (anno di imposta 2011) ha censito poco meno di 48 mila persone fisiche titolari di partita iva dai 15 ai 24 anni e quasi 1 milione e 600 mila dai 25 ai 44 anni. Utilizzando l ipotesi lineare prima accennata, si giunge ad un valore di circa 880 mila partite iva, valore che naturalmente si riferisce al 2011 ed è facile prevedere che con il permanere della crisi economica sia andato riducendosi piuttosto che aumentare. Questi dati sono abbastanza in linea con quelli di Infocamere, che censisce (nel 2 trimestre ) titolari di imprese individuali under 30 e tra 30 e 49 anni. Bisogna però tenere presente che i professionisti titolari partita iva (circa 300 mila Under 45 secondo il Dipartimento delle Finanze nel 2011) non hanno l'obbligo di iscrizione alle camere di commercio e dunque non sono conteggiati da Infocamere. Sempre applicando una distribuzione uniforme, si giungerebbe a circa 700 mila titolari Under 35 di imprese individuali. I microdati recentemente rilasciati dall Istat relativi alla rilevazione sulle forze lavoro del 1 trimestre permettono infine di calcolare una stima (ricordando che l indagine, seppure estremamente ampia ed accurata, è pur sempre campionaria) del numero di lavoratori autonomi Under 35 senza dipendenti, molto vicina alle 600 mila unità. Attraverso ulteriori elaborazioni sui microdati Istat si è potuto tracciare un identikit qualitativo del profilo anagrafico e lavorativo dei lavoratori autonomi Under 35 nel nostro Paese. Si tratta in oltre due casi su tre di persone di sesso maschile, prevalentemente con un titolo di studio medio-alto (il 47% ha un diploma ed il 30% una laurea). Quasi uno su tre risiede al Sud, mentre la quota minore si conferma operante nel Nordest (18%). Una ulteriore conferma del possibile rallentamento dell attività autonoma tra i giovani viene dal periodo di inizio del lavoro attuale: il 40% dei giovani autonomi ha intrapreso l attività indipendente da 2 a 5 anni fa, e più di uno su tre da oltre 5 anni. Solamente il 15% ha avviato l attività autonoma da meno di un anno. Perfettamente in linea con il livello di istruzione è anche la professione svolta: un autonomo su quattro svolge una professione intellettuale o scientifica di elevata specializzazione, ed il 28% una professione tecnica, che insieme fanno oltre la metà dei lavoratori autonomi. Seguono le professioni qualificate nel commercio e nei servizi (22%), artigiani ed agricoltori (20%). I due settori di attività economica prevalenti risultano le attività immobiliari e professionali, di cui si occupano il 27% dei giovani autonomi, ed il commercio (17%). Con le costruzioni (12%) si supera abbondantemente il 50% delle attività, ma non sono marginali le quote nell istruzione e sanità e nei servizi alle persone (in entrambi i casi si supera il 10%). In ultima battuta, si è voluto verificare secondo le dichiarazioni dei lavoratori autonomi quanto sia diffuso il rischio che le partite iva nascondano in realtà dei veri e propri rapporti di subordinazione. Nel caso del lavoro autonomo i risultati sono stati decisamente confortanti, soprattutto nel confronto con recenti indagini di che avevano verificato una incidenza di circa 4 collaboratori si 10 che presentavano contemporaneamente tre vincoli ad alto tasso di dipendenza: monocommittenza, rispetto di orari di lavoro prefissati, effettuazione delle prestazioni lavorative prevalentemente o esclusivamente nel sito del committente. Circa tre autonomi su quattro presentano infatti una committenza diversificata, il 70% decide autonomamente dove lavorare o ha un proprio ufficio e quasi la totalità (87%) decide autonomamente l orario di lavoro. L incrocio delle tre variabili porta in definitiva ad un risultato estremamente positivo, con circa la metà dei giovani autonomi totalmente libera da vincoli e solo il 15% che presenta due o tre vincoli che ne limitano l attività. 8

9 Possibili stime delle partite iva delle persone fisiche Under 35 Fonte Periodo Dati disponibili Dipartimento delle Finanze Statistiche fiscali Infocamere - Stockview 2012 (anno di imposta 2011) 2 trimestre Istat RCfl 1 trimestre Dichiarazioni IRPEF di persone fisiche titolari di partita iva: Dai 15 ai 24 anni = Dai 25 ai 44 anni = Titolari di imprese individuali: Under 30 = Dai 30 ai 49 anni = Occupati dai 15 ai 34 anni, autonomi, senza dipendenti Stima partite iva Under 35* * Nelle stime si è considerata una distribuzione uniforme delle unità per ogni anno di età anagrafica. Dati arrotondati alle decine di migliaia. Elaborazioni su dati Dipartimento delle Finanze, Infocamere - Stockview e Istat Principali caratteristiche dei lavoratori autonomi Under 35 (senza dipendenti) nel 1 trimestre Caratteristica Valore assoluto Incidenza percentuale Lavoratori autonomi Under 35 (senza dipendenti) totali ,0 Genere Maschile ,3 Femminile ,7 Titolo di studio Licenza elementare / media ,3 Diploma superiore / qual. professionale ,7 Laurea ,0 Ripartizione geografica Nordovest ,3 Nordest ,3 Centro ,7 Sud - isole ,7 Inizio del lavoro attuale Meno di un anno ,0 Da 1 a 2 anni ,0 Da 2 a 5 anni ,0 Da oltre 5 anni ,0 Professione Imprenditori e professioni intellettuali e scientifiche di elevata specializzazione ,3 Professioni tecniche ,3 Professioni qualificate nel commercio e servizi ,7 Artigiani, operai specializzati e agricoltori ,0 Altre professioni ,7 * Dati arrotondati alle decine di migliaia. (continua) Elaborazioni su dati Istat - Rcfl 9

10 (continua) Principali caratteristiche dei lavoratori autonomi Under 35 (senza dipendenti) nel 1 trimestre Caratteristica Valore assoluto Incidenza percentuale Settore di attività Agricoltura ,0% Industria ,0% Costruzioni ,7% Commercio ,7% Alberghi e ristoranti ,0% Trasporto, magazzinaggio, servizi di informazione e comunicazione ,0% Attività finanziarie e assicurative ,3% Attività immobiliari, servizi alle imprese e attività professionali ,7% Istruzione, sanità e servizi sociali ,7% Altri servizi alle persone ,0% Svolgimento dell attività Clientela Lavora per una sola azienda / cliente ,7% Lavora per più aziende / clienti ,3% Luogo abituale di lavoro Decide dove lavorare / presso proprio ufficio ,0% Presso l azienda / cliente / committente ,0% Orario di lavoro Decide autonomamente ,7% Non decide l orario ,3% Autonomi senza vincoli ,3% Autonomi con 1 solo vincolo ,7% Autonomi con 2 o 3 vincoli simultanei ,0% * Dati arrotondati alle decine di migliaia. Elaborazioni su dati Istat - Rcfl 10

11 Uno sguardo internazionale: gli own-account workers Grazie alla omogeneità delle rilevazioni trimestrali sulle forze lavoro a livello europeo è possibile operare un confronto sul lavoro non dipendente tra l Italia e gli altri Paesi europei. Si badi bene che è stata usata volutamente l espressione non dipendente invece che autonomo. Il motivo è che, a differenza dell Istat che suddivide i lavoratori in dipendenti ed indipendenti e questi ultimi ulteriormente in collaboratori ed autonomi, ciò non avviene a livello di Eurostat, per cui non è possibile distinguere la componente singola di lavoro autonomo spesso identificata con partita iva. Nel confronto europeo è stata utilizzata la definizione di own-account workers, ovvero i lavoratori indipendenti senza dipendenti, in altre parole coloro che lavorano per sé stessi. Una ulteriore limitazione che non rende perfettamente omogenea l analisi rispetto a quanto visto in precedenza è che la classe d età minima selezionabile per questa tipologia di lavoratori non si ferma ai 34 anni ma sale ai 39 anni. Fatte queste debite premesse, il confronto europeo sui dati del 2 trimestre evidenzia che il nostro Paese detiene il record assoluto di lavoratori in proprio senza dipendenti, sia tra gli Under 40 che nella classe d età superiore: si tratta di oltre 1 milione e 300 mila lavoratori sotto i 40 anni e di 2 milioni e 150 mila dai 40 ai 64 anni. Solo il Regno Unito, con circa 150 mila own-account workers in meno in entrambe le classi, si avvicina ai nostri dati. Sebbene non siamo il Paese che ha in assoluto la quota maggiore di indipendenti senza dipendenti in rapporto agli occupati Under 40 (ci batte di poco la Grecia con il 18,2%) l incidenza resta doppia rispetto alla media europea: 15% contro 7,4% nel caso dell UE a 15 e poco di più (7,9%) nell Unione a 27 Paesi. Un altro aspetto da tenere presente è che tra le nazioni europee principali siamo quella in cui c è il minor divario Under / Over 40 nella proporzione di own-account workers sui lavoratori: 15% per gli Under 40, 16,1% per gli Over. In molti Paesi l incidenza tra gli Over è quasi doppia rispetto agli Under (Germania, Francia, Spagna, Olanda, Regno Unito, e medie europee per citarne alcuni), questo perché è abbastanza naturale che un lavoratore approdi all attività autonoma dopo aver lavorato in gioventù da dipendente. La domanda che resta sospesa è dunque: è così forte e vivo lo spirito imprenditoriale nel nostro Paese, soprattutto tra i giovani, che spinge da subito ad avviare una attività autonoma? O è la mancanza di altre opportunità, o addirittura una precisa condizione per lavorare da quasi dipendente, che motiva la scelta finale del lavoro autonomo? Rimane il fatto che la crisi occupazionale sta colpendo i lavoratori indipendenti, soprattutto i giovani, molto di più nel nostro Paese che negli altri: rispetto allo stesso periodo del 2012, gli own-account workers sono diminuiti nel 2 trimestre del 10,8%, contro un dato medio europeo del -4,8% e del - 1,3% restringendo il campo all UE a 15. Variazioni più negative di quelle italiane si sono registrate solo in Croazia, Svizzeria, Romani e Repubblica Ceca. 11

12 Lavoratori in proprio senza dipendenti (own-account workers) nei Paesi europei per classe d età nel secondo trimestre, incidenza sugli occupati e variazione rispetto allo stesso periodo del 2012 Paese / Area Valori assoluti 2 trim. (migliaia) anni anni Inc. % su occupati della stessa età Var. % ownaccount workers su 2 trim Valori assoluti 2 trim. (migliaia) Inc. % su occupati della stessa età Var. % ownaccount workers su 2 trim Italia ,0-10, ,1-4,6 Austria 88 4,6 7, ,7 3,3 Belgio 150 7,4-9, ,1 10,6 Bulgaria 64 5,1-5, ,0 7,5 Cipro 14 7,8 26, ,1 3,2 Croazia (1) 29 6,2-35, ,6 0,5 Danimarca 41 3,3 16,0 96 6,8 6,6 Estonia 12 4,3 12,0 18 5,4 11,7 Finland (1) 57 5,6 4, ,8 1,0 Francia (2) 549 4,9 3, ,7-3,2 Germania 622 3,9-7, ,8-3,4 Grecia (1) ,2-1, ,7 0,2 Irlanda 53 5,8-0, ,4 7,9 Islanda (1) 4 5,3-7,0 9 10,7 5,9 Lettonia 24 6,0 32,0 30 6,3-9,5 Lituania 35 6,3 12, ,1 11,8 Lussemburgo 7 6,4 122,6 6 4,8 0,0 Macedonia (1) 31 10,1-0, ,4-8,0 Malta (1) 7 7,0 4,6 9 11,5 8,7 Norvegia 41 3,5 12,5 75 5,7-4,4 Olanda (1) 300 7,9 8, ,5 6,3 Polonia ,3-5, ,8-2,9 Portogallo 132 6,9-0, ,6-2,6 Regno Unito (1) ,5 5, ,4-1,0 Repubblica Ceca ,8-10, ,2-7,5 Romania (1) ,7-11, ,8-2,4 Slovacchia ,8-4, ,8 3,5 Slovenia (1) 23 5,6-8,3 43 9,4-13,1 Spagna 662 9,0 5, ,6 4,7 Svezia 75 3,6 7, ,2 6,0 Svizzera (1) 59 3,0-12, ,8-1,5 Ungheria (1) 72 4,0-2, ,4 0,1 UE 27 (3) ,9-4, ,1-2,9 UE 15 (3) ,4-1, ,4-0,6 (1) Ultimo dato disponibile relativo al 1 trimestre (2) Ultimo dato disponibile relativo al 4 trimestre 2012 (3) Stima derivante dall utilizzo per alcuni Paesi di dati precedenti al 2 trimestre Nota: nella definizione Eurostat, gli own-account workers sono tutti i lavoratori indipendenti senza dipendenti. Si tratta dunque di un concetto diverso da quello italiano di partita iva, in quanto comprendono anche i soci di cooperativa (marginali nel caso degli Under 40), i collaboratori con o senza progetto ed i prestatori d opera occasionali. Elaborazioni su dati Eurostat 12

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012...

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012... Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4 La fonte solare L irraggiamento solare in Italia nel 2012... 6 Mappa della radiazione solare nel 2011 e nel 2012...

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica. italia. 100 statistiche. per capire il Paese in cui viviamo

Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica. italia. 100 statistiche. per capire il Paese in cui viviamo Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica italia 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo 2014 Sistema statistico nazionale Istituto nazionale di statistica italia 100 statistiche

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE

IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE Associazione Italiana Tecnico Economica Cemento NOTA di RICERCA dell UFFICIO STUDI AITEC www.aitecweb.com febbraio 2012 ufficiostudi@aitecweb.com IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO: TENDENZE RECENTI E PROSPETTIVE

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

> MANGIARE E BERE IN ITALIA

> MANGIARE E BERE IN ITALIA Percorso 3 > MANGIARE E BERE IN ITALIA Guarda questi piatti della cucina italiana. Secondo te, di quali parti d Italia sono tipici? Ogni regione d Italia ha i suoi piatti tipici. Spesso quando pensiamo

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

L ITALIA NELL ERA CREATIVA

L ITALIA NELL ERA CREATIVA CREATIVITYGROUPEUROPE presenta L ITALIA NELL ERA CREATIVA Irene Tinagli Richard Florida Luglio 00 Copyright 00 Creativity Group Europe L Italia nell Era Creativa fa parte del Progetto CITTÀ CREATIVE Promosso

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli