Introduzione a STATA. Silvia Sartorelli. Dipartimento di Scienze Statistiche Università di Padova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione a STATA. Silvia Sartorelli. Dipartimento di Scienze Statistiche Università di Padova"

Transcript

1 Introduzione a STATA Silvia Sartorelli Dipartimento di Scienze Statistiche Università di Padova Indice 1 Struttura e sintassi Introduzione Indicazioni tipografiche Alcuni elementi fondamentali Il linguaggio File di do e di log Acquisizione dei dati use insheet infile infix save Utili comandi di controllo Manipolazione dei dati encode e decode generate recode Variabili di tipo data keep, drop e rename sort append e merge I grafici Esportazione dei grafici Alcuni comandi di base Indicatori univariati Tabelle

2 5.3 Matrici di correlazione Regressione lineare L interfaccia grafica 24 7 Breve sommario di comandi Operatori logici ed aritmetici Tabelle riassuntive acquisizione e salvataggio di dataset manipolazione dei dati procedure descrittive help Prefazione Lo scopo di questo quaderno è quello di avviare studenti e tesisti all uso del pacchetto statistico STATA. Si tratta di un testo introduttivo che non pretende di sostituire manuali o altri testi più articolati, ma nasce con lo scopo di mettere l utente in grado di cogliere le caratteristiche fondamentali del programma per proseguire autonomamente l approfondimento delle procedure che gli saranno necessarie per lo svolgimento del proprio lavoro. Spunto ed aiuto per il presente lavoro è stata l analoga Introduction to Stata di Jeroen Weesie dell Università di Utrecht. Ringrazio tutti quelli che mi hanno già aiutato e quelli che lo faranno in futuro con utili suggerimenti. Padova, lì 15 novembre 2006 Silvia Sartorelli Questa opera viene rilasciata sotto la licenza Creative Commons: Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia. Il fruitore è libero di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest opera e di modificare quest opera. Alle seguenti condizioni: deve attribuire la paternità dell opera nei modi indicati dall autore o da chi ha dato l opera in licenza; non si può usare quest opera per fini commerciali; se si altera o trasforma quest opera, o se la si usa per crearne un altra, si può distribuire l opera risultante solo con una licenza identica a questa. Ogni volta che si usa o si distribuisce quest opera, si deve farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza. In ogni caso, si può concordare col titolare dei diritti d autore utilizzi di quest opera non consentiti da questa licenza. Nothing in this license impairs or restricts the author s moral rights. 2

3 1 Struttura e sintassi 1.1 Introduzione STATA è un moderno e ricco programma per un amplissimo panorama di analisi statistiche, la creazione di grafici e la manipolazione di dati. Nasce per l utilizzo a linea comando ma le ultime versioni offrono anche la possibilità di eseguire un analisi completa, dall acquisizione dei dati all esportazione dei risultati, attraverso menù e finestre di dialogo. In questa dispensa si descriveranno brevemente le principali funzioni via linea comando, quindi si presenteranno anche le caratteristiche dell interfaccia grafica. La versione di riferimento è STATA/SE Indicazioni tipografiche I comandi, gli operatori e le variabili di sistema saranno scritti con carattere tipografico; i nomi generici di file e variabili e in generale laddove un espressione sostituisce qualcosa che andrà inserito dall utente sarà scritto in italico. Infine, le linee di comando negli esempi di sintassi saranno isolate dal testo e precedute da un punto 1. Ad esempio:. comando file / variabile 1.3 Alcuni elementi fondamentali Interfaccia All avvio STATA apre 4 finestre principali: Command, Results, Review e Variables (come si vede nella figura 1). I comandi vengono inseriti tramite tastiera nella finestra denominata Command e mandati in esecuzione con il tasto Invio ; tutti i comandi vengono memorizzati in un buffer di memoria, visibile nella finestra denominata Review e da cui possono essere richiamati (cliccando col mouse direttamente sul singolo comando oppure dalla finestra Command uno alla volta in ordine inverso con PagUp e PagDown ) per essere mandati in esecuzione di nuovo. Informazioni sulla sessione di lavoro, i risultati dei comandi, compresa la segnalazione di eventuali errori, vengono visualizzati nella finestra denominata Results. Nella finestra Variables comparirà la lista delle variabili contenute nel dataset attivo. Interruzioni Si possono interrompere processi avviati (liste troppo lunghe, elaborazioni che richiedono troppo tempo) con la combinazione di tasti Ctrl + Break 2. 1 Il punto non fa parte della sintassi ma è in analogia a quanto compare nella finestra Results man mano che si procede con una sessione di lavoro 2 Ctrl + Pausa/Interr sulle tastiere italiane 3

4 Figura 1: Interfaccia di STATA all avvio Se invece si vuole semplicemente omettere la visualizzazione di un output, basta premettere quietly al comando in questione. Chiudere STATA Per chiudere una sessione di lavoro il comando è exit ma STATA non permette di chiudere se prima non si sono salvati i dati che presumibilmente sono stati modificati. Per uscire senza essere costretti a salvare, il comando è:. exit, clear Identificatori Un identificatore, ossia il nome di un comando o di una variabile, può essere al massimo di 32 caratteri (caratteri, numeri e l underscore) in cui il primo elemento è preferibilmente un carattere. STATA è case-sensitive, ossia distingue tra maiuscole e minuscole (var1 è diverso da Var1). Quasi tutti i comandi di STATA sono in minuscolo. Abbreviazioni In generale, in STATA si possono usare abbreviazioni di comandi e variabili fintanto che non si creino ambiguità su ciò a cui ci si riferisce. Log-files È possibile memorizzare tutti i comandi inviati ed il relativo output in un file di testo esterno. 4

5 Do-files È possibile predisporre dei file che contengono una sequenza di comandi e mandarli in esecuzione in modo da risparmiarsene la digitazione. Questo è utile quando è necessario usare ripetutamente la stessa sequenza di comandi. Dataset attivo In STATA si lavora con un dataset alla volta; quello attivo è quello che viene esplicitamente caricato o acquisito e le cui variabili compaiono nella finestra Variables. Se si deve lavorare con altri file è necessario prima ripulire la memoria con il comando clear (eventualmente dopo aver salvato). Working directory STATA considera come propria directory di lavoro predefinita quella che viene riportata sulla barra di stato (l ultima barra ai piedi della finestra). Si può scegliere la propria working directory inserendone il percorso completo nelle proprietà del collegamento con cui si lancia il programma, in modo che si apra automaticamente dove si desidera e si può comunque modificarla in qualunque momento successivo della sessione di lavoro con il comando cd. 1.4 Il linguaggio Con poche eccezioni, la sintassi base del linguaggio di STATA è:. [by varlist:]command [varlist][=exp][if exp][in range][weight][,options] dove le parentesi quadre denotano componenti opzionali. In questo schema, varlist indica una lista di nomi di variabili, command indica un comando, exp indica un espressione algebrica, range indica un intervallo di osservazioni, weight indica un espressione per attribuire un peso alle osservazioni e options indica una lista di opzioni. varlist : la maggior parte dei comandi che accettano una lista di variabili non necessitano che questa sia esplicitmante indicata. Se non appare alcuna lista, tali comandi assumono che la lista sia all, che è un abbreviazione per indicare tutte le variabili del dataset caricato. Per i comandi che alterano o distruggono dati, STATA richiede che la lista di variabili sia esplicitamente indicata by varlist: : questo prefisso fa in modo che STATA ripeta il comando specificato per ogni sottoinsieme individuato dalle modalità della/e variabile/i indicata/e. I dati devono essere già ordinati secondo tale/i variabile/i if exp : si restringe l esecuzione di un comando a quelle osservazioni per le quali il valore dell espressione specificata è vera in range : si restringe l esecuzione del comando ad uno specifico intervallo di osservazioni. La specificazione dell intervallo ha la seguente forma: #1[/#2], dove #1 e #2 sono numeri che indicano la prima e l ultima osservazione coinvolte 5

6 =exp : specifica il valore che deve venir assegnato ad una variabile ed è usata principalmente con i comandi generate e replace weight : indica il peso da assegnare a ciascuna osservazione. La sintassi è: [weightword=exp], dove le parentesi quadre vanno scritte e con weightword si intende uno dei possibili tipi di peso specificabili options : molti comandi prevedono delle proprie specifiche opzioni, queste si indicano di seguito ad una virgola alla fine del comando 1.5 File di do e di log Quelli che vengono chiamati i file di do e di log sono molto utili nell utilizzo di STATA. I file di log mantengono traccia di ciò che si è richiesto ed i relativi risultati durante una sessione di lavoro. I file do sono utili quando si devono ripetere lunghe serie di comandi e/o si devono ripetere le stesse analisi su nuovi o modificati dataset. La sintassi per la creazione di un file di log è:. log using nomedelfiledilog dove con nomedelfiledilog si indica il nome che si è scelto per il file di log. È utile scegliere nomi che rievochino il contenuto della sessione di lavoro memorizzata; STATA vi associerà automaticamente l estensione.smcl. Se si indica un nome semplice questo verrà memorizzato nella working directory, se si desidera salvarlo altrove, bisognerà indicare un nome completo di percorso, racchiuso tra virgolette. Di default verrà memorizzato in tale file tutto ciò che compare nella finestra dei risultati; se si desidera quindi ricordare solo alcune cose possiamo interrompere e far riprendere la memorizzazione più tardi:. log close per poi riaprirlo e aggiungere informazioni o rimpiazzarle.. log using nomedelfiledilog, append. log using nomedelfiledilog, replace C è la possibilità di inserire commenti semplicemente facendo precedere qualsiasi cosa si scriva nella finestra Command dal segno *. Quello che invece viene chiamato un do-file è un insieme di comandi nella forma e nell ordine che si sarebbero usati in una sessione di lavoro, memorizzato in righe successive di un file di testo. Qualsiasi comando di STATA può far parte di un do-file. Trattandosi di un normale file di testo può essere scritto con un qualsiasi editor, l importante è che venga memorizzato con un comando per riga, in quanto 6

7 il tasto di Invio per STATA ha il significato di mandare in esecuzione il comando in oggetto. Se i comandi sono troppo lunghi e devono stare su più righe si può momentaneamente sostituire il delimitatore tra i comandi con un carattere a nostra scelta che va dichiarato prima di essere utilizzato; nel seguente esempio si immagina di sostituire l Invio con il punto e virgola:. #delimit ;. use filedidati ;. gen newvar;. save filedidatimodificati ;. #delimit cr. clear Si noti che il comando #delimit è valido solo nei do-file e che i punti non fanno parte della sintassi. 7

8 2 Acquisizione dei dati Ci sono tre comandi fondamentali per l acquisizione di dati in STATA. use : è per il caricamento di dati che sono già in formato STATA insheet : è per fogli elettronici salvati come.csv o tab-delimited da programmi come excel infile : è per i dati grezzi, detti in formato piatto, memorizzati in ASCII ma né.csv né tab-delimited 2.1 use Il comando use legge dati già memorizzati in formato STATA e quindi con estensione.dta. La sintassi è:. use nomecompletodelfile.dta Attenzione che è necessario utilizzare le virgolette e non singoli apici. Se invece il file si trova nella working directory allora è sufficiente richiamarlo col suo nome, senza estensione e senza usare le virgolette. 2.2 insheet Il comando insheet è molto utile per leggere dati salvati come.csv o tabdelimited da un foglio elettronico, ossia quando il delimitatore tra i campi è una virgola o una tabulazione. È necessario, però, rispettare alcuni accorgimenti: la prima riga del file deve essere costituita dai nomi delle variabili, che devono essere al massimo di 32 caratteri e non iniziare per numero o un carattere speciale; sulla seconda riga deve esserci la prima osservazione nel foglio elettronico i dati mancanti devono essere memorizzati come cella vuota, non sostituiti da spazi, punti o altri caratteri non numerici; 9 o 99 possono andare bene, a meno che non si confondano con possibili valori validi della variabile virgole nei numeri o nelle stringhe possono creare problemi perché STATA li confonde con delimitatori dei valori, oppure variabili numeriche possono essere considerate di tipo carattere; bisogna risolvere questo problema nel foglio elettronico, prima di procedere al salvataggio il file originale deve essere esplicitamente salvato (da excel, p.e.) come Tab-delimited o Comma separated values 8

9 il delimitatore tra i campi deve essere una virgola o una tabulazione e non lo spazio; da excel è possibile salvare i file con estensione.csv e scegliere un delimitatore diverso (p.e. il punto e virgola), in questi casi insheet non funzionerà correttamente a meno di non usare l opzione delimiter e indicare il carattere che effettivamente separa i campi non devono esserci celle vuote alla fine delle righe perché potrebbe essere memorizzato un numero sbagliato di valori La sintassi per l acquisizione di file.csv o tab-delimited è:. insheet using nomecompletodelfile Se il delimitatore è diverso da tabulazione e virgola, ed è, ad esempio, un punto e virgola bisogna aggiungere l opportuna opzione:. insheet using nomecompletodelfile, delimiter( ; ) 2.3 infile Con questo comando si acquisiscono dati memorizzati in file ASCII che soddisfano le seguenti caratteristiche: il file non deve avere i nomi delle variabili sulla prima riga i valori delle variabili di tipo carattere che contengono spazi al loro interno devono essere racchiusi tra virgolette i numeri possono presentare segni meno e virgole ma non i segni di dollaro e percentuale il comando suppone che i campi siano separati da spazi e che i dati mancanti siano sostituiti da qualche carattere (p.e. un punto) in fase di acquisizione si possono saltare alcune variabili (comando skip) e/o condizionare il caricamento a certi valori La sintassi è:. infile varlist using nomecompletodelfile dove con varlist si intende l elenco delle variabili con i nomi che saranno utilizzati all interno di STATA. Se una variabile è di tipo carattere bisogna far precedere il nome della variabile con str#, dove # è un numero che indica la dimensione della variabile carattere. Si utilizza infile anche quando le osservazioni sono memorizzate su più righe o, in via più generale, quando abbiamo bisogno di acquisire dati che sono 9

10 stati memorizzati in formati particolari ma allora è più facile, se non addirittura necessario, usare un dictionary file. Sostanzialmente un dictionary file è un file di testo con estensione.dct che contiene tutte le informazioni necessarie e le precise specificazioni su quale sia il file da acquisire, come sono collocate le variabili (tracciato record) e come andranno chiamate. La sintassi è 3 :. infile using dictionary-file 2.4 infix Con questo comando si acquisiscono dati che sono stati memorizzati in file ASCII in formato fisso. Oltre al nome del file è necessario specificarne la struttura, ossia scegliere i nomi delle variabili e indicarne la posizione sulla riga. La sintassi è:. infix specifiche using nomecompletodelfile 2.5 save Una volta acquisiti ed eventualmente modificati i dati è probabile che si desideri salvarli e nel formato di STATA, in modo da averli prontamente disponibili in sessioni di lavoro successive. La sintassi per salvare i dati in formato STATA è:. save nomecompletodelfile.dta, replace L opzione replace è necessaria per aggiornare (e sovrascrivere) una eventuale copia già esistente del file di dati in questione. Anche in questo caso, se si desidera salvare nella working directory sarà sufficiente specificare un nome dopo save senza virgolette e senza estensione. 2.6 Utili comandi di controllo Una volta acquisiti i dati possiamo vederli e controllare il formato delle variabili. Il comando:. describe che si può abbreviare semplicemente con la lettera d, fornisce tutte le informazioni basilari che riguardano il file e le variabili in esso contenute. Se si desidera conoscere le caratteristiche di un file che si è già memorizzato in formato.dta, ma non caricato, cosa che può essere utile nel caso si abbia a che fare con file molto grandi, allora la sintassi è: 3 Si rimanda al manuale per ulteriori dettagli 10

11 . describe using nomecompletodelfile.dta Nel caso si abbia bisogno di una maggiore quantità di memoria rispetto a quella allocata di default, è possibile modificarne i parametri per la corrente sessione di lavoro, in particolare se si riceve da STATA il seguente messaggio:. no room to add more observations Il comando, per allocare, ad esempio, 12 megabyte è:. set memory 12m Se invece si desidera semplicemente dare un occhiata ai dati appena acquisiti, senza modificarli, senza compiere alcuna analisi e senza ulteriori caratteristiche, il comando è:. list varlist in cui, omettendo varlist, si ottiene la lista dell intero dataset. Infine un comando molto utile è:. edit Con tale comando viene evocata una finestra grafica simile ad un foglio elettronico che conterrà i dati del dataset attivo. Le colonne rappresentano le variabili e le righe le unità statistiche. Ci si può spostare tra le celle utilizzando il mouse o le frecce. Si possono passare dati da un foglio elettronico all altro con le comuni funzionalità di selezione, copia ed incolla. Vi si possono immmettere e modificare dati. È possibile modificare le caratteristiche delle variabili evocando, con un doppio clic sulla colonna corrispondente, la finestra di dialogo Variable Proprieties. L editor ha sette bottoni: Preserve per memorizzare i cambiamenti se i dati sono stati modificati Restore STATA fa automaticamente un backup dei dati nel momento in cui si avvia l editor. Questa funzione recupera la copia di backup se si desidera cancellare le modifiche effettuate Sort ordina le osservazioni in modo crescente secondo la variabile selezionata << sposta la variabile selezionata in prima posizione >> sposta la variabile selezionata in ultima posizione Hide nasconde la variabile selezionata Delete evoca una finestra di dialogo che permette di scegliere se cancellare la variabile selezionata, l osservazione selezionata o tutte le osservazioni che presentano lo stesso valore di quell osservazione per la variabile selezionata 11

12 3 Manipolazione dei dati STATA può memorizzare i dati in formato carattere o numerico e permette di compiere la maggior parte delle analisi solo sulle variabili numeriche. Può succedere che acquisendo i dati con insheet o infile una variabile venga letta come carattere o stringa seppure sia un numero, per esempio se ci sono spazi o punti dove non dovrebbero essercene. Per utilizzarle nelle analisi è necessario riconvertirle in numeriche. In generale, comunque, è frequente che le variabili non siano già nel formato più utile all analisi e che quindi si renda necessario qualche manipolazione, aggiustamento o ricodifica. Per avere uno schema sintetico della natura e della distribuzione di una variabile, è utile il comando:. codebook listavariabili 3.1 encode e decode Il comando encode va usato quando la variabile originale è in effetti una variabile carattere (p.e. il sesso codificato m e f ) ma è necessaria una codifica numerica. Questo comando non produce variabili dummy ma assegna un numero a ciascun gruppo identificato dalla variabile carattere. Nell esempio che segue la variabile originale (supponiamo di nome gender), sarà ricodificata in una nuova variabile di tipo numerico di nome sex in cui al posto dei caratteri m e f si troveranno i numeri 1 e 2.. encode gender, generate(sex) L opzione generate(nuovavar1) è necessaria. Il comando decode, al contrario, crea una nuova variabile di tipo carattere (nuovavar2) basata sulla variabile numerica nomevar e sulle etichette attribuite ai suoi valori.. decode nomevar, generate(nuovavar2) 3.2 generate Il comando generate permette di creare una nuova variabile che sia il risultato di una funzione e/o una trasformazione algebrica di altre variabili; la sintassi è:. generate nuovavar=exp dove con exp si intende un espressione algebrica che può essere combinazione di variabili esistenti, operatori e funzioni. Se si vuole sostituire completamente una variabile esistente il comando è: 12

13 . replace vecchiavar=exp Si noti che: il nome scelto per la nuova variabile non deve essere il nome di una variabile già esistente (a meno che non si stia usando replace) le espressioni di trasformazione possono essere molto complesse, basta che siano combinazioni di variabili esistenti e di funzioni e operatori validi il calcolo che comprenda un dato mancante porta ad ottenere un dato mancante, come pure la divisione per 0 se vengono generati dati mancanti allora questa evenienza sarà riportata nell output; la mancanza di tale informazione implica che non sono stati generati dati mancanti se si sta creando una nuova variabile di tipo carattere, la stringa va racchiusa tra virgolette e la dimensione della nuova variabile sarà quella della stringa assegnata generate può essere abbreviato ma non replace, questo perché STATA cerca di evitare che i dati esistenti vengano alterati accidentalmente Spesso i nuovi valori che una variabile assume dipendono dai valori di altre variabili; per condizionare l assegnazione dei nuovi valori a quelli delle variabili esistenti si usa il comando if; la sintassi sarà la seguente:. generate nuovavar = exp if condizione dove la condizione è un espressione che deve essere verificata perché l assegnazione vada a buon fine. Le espressioni di condizionamento possono essere molto complicate, valgono gli operatori logici e if può essere usato in combinazione con in 4. In STATA è particolarmente agevole la creazione di variabili dummy:. tab variabile1, gen(vardummy) con questa sintassi verranno create tante variabili dummy quanti sono i livelli della variabile1 e i nomi saranno vardummy1, vardummy2, etc. Se si è interessati a creare un unica dummy che assuma valore 1 per un determinato livello e 0 per tutti gli altri allora la sintassi è diversa:. gen nuovadummy = (vecchiavar==livellodiinteresse) 4 in è il comando per la selezione di sottoinsiemi di osservazioni 13

14 3.3 recode Quando si ha necessità di ricodificare una variabile il comando è recode; la sintassi è:. recode nomevar regola1 [regola2]... dove con regola1, etc si intende il criterio di ricodifica dei valori. Ad esempio si supponga di voler ricodificare una variabile ordinale (varordinale) con 9 classi (numeri da 1 a 9) in una con sole tre classi (numeri da 1 a 3):. recode varordinale 1 2 3= =2 *=3 in questo caso si otterrà che i valori della varordinale 1, 2 e 3 verranno ricodificati (e rimpiazzati!) con il numero 1, i valori 4, 5 e 6 con il numero 2 ed i restanti valori con il numero 3. Si noti che il range poteva anche essere scritto utilizzando la barra (p.e. 1/3 che in STATA significa da 1 a 3 ) e min e max per indicare gli estremi degli intervalli. Se non si intende perdere i valori della variabile originaria e memorizzare il risultato della ricodifica in una nuova variabile bisogna utilizzare l opzione generate(newvar). Si supponga di avere una variabile (punteggio) che assume i valori dall 1 al 150 e di volerli ricodificare in una variabile classe con tre livelli (da 1 a 50, da 51 a 100 e da 101 a 150):. recode punteggio min/50=1 51/100=2 101/max=3, gen(classe) 3.4 Variabili di tipo data Un discorso a parte meritano le variabili che contengono date. STATA memorizza le date come numero di giorni passati dal 1 gennaio Ci sono due modi per creare variabili di questo tipo a seconda di come sono memorizzate le variabili originali. Nel caso si abbiano variabili separate per giorno, mese e anno allora si può usare la funzione mdy() per creare la variabile data (nel senso di tempo trascorso dal 1 gennaio 1960); giorno, mese e anno devono essere numeriche e la sintassi è:. generate variabiledata1 = mdy(varmese,vargiorno,varanno) naturalmente i nomi delle variabili che contengono le informazioni su giorno, mese e anno non sono importanti mentre è fondamentale l ordine in cui vanno richiamate nella funzione; attenzione inoltre che l anno deve essere memorizzato con 4 cifre. Se invece il dataset originale contiene una data memorizzata come stringa, allora si usa la funzione date(). Si supponga di avere una variabile di tipo stringa di nome vecchiadata e di volere la corrispondente come tempo trascorso dal 1 gennaio 1960; la sintassi è: 14

15 . generate nuovadata = date(vecchiadata, mdy ) dove mdy indica il formato per leggere correttamente la data, quindi va rispettato l ordine in cui giorno (d), mese (m) e anno (y) si presentano nella variabile originale e le virgolette fanno parte della sintassi. Infine si può usare il comando format per far visualizzare come date di calendario le date memorizzate come tempo trascorso dal 1 gennaio 1960:. format variabiledata %formato un esempio di formato di data è %d, per cui la data 31 agosto 1976, che corrisponde al valore in una variabile di tipo data 6087 viene poi visualizzata come 31aug1976. Per tutti gli altri formati possibili si veda il manuale. Per lavorare con le date STATA propone anche altre utili funzioni; quindi avendo come argomento una variabile di tipo data: day() restituisce il numero del giorno del mese month() resituisce un numero da 1 a 12 year() restituisce l anno dow() restituisce un numero tra 0 (domenica) e 6 (sabato) 3.5 keep, drop e rename A volte capita di voler eliminare alcune variabili che non risultano utili ai fini della nostra analisi e/o rinominare quelle che restano. Possiamo scegliere se tenere le variabili di interesse:. keep varlist o eliminare quelle inutili:. drop varlist dove con varlist si intende la lista delle variabili da tenere (o eliminare), che può contenere quanti elementi si desidera; è chiaro che il risultato sarà lo stesso e si sceglierà un comando o l altro a seconda della comodità del momento. Si faccia attenzione, però, perché le variabili eliminate in questo modo non potranno essere recuperate a meno di ripulire il buffer di lavoro e ricaricare il dataset senza averlo sovrascritto. Questi stessi comandi possono essere utilizzati anche per la cancellazione di osservazioni:. drop if condizione 15

16 e analogamente. keep if condizione Verranno tenute (o eliminate) le osservazioni per le quali è vera la condizione specificata. Quando invece si desidera rinominare una variabile esistente il comando è:. rename nomevecchio nomenuovo e si può rinominare una sola variabile alla volta. 3.6 sort Alcune procedure richiedono che le osservazioni siano in un determinato ordine prima di procedere. Il comando sort pone le osservazioni del dataset attivo in ordine crescente, secondo la variabile specificata.. sort variabile Si può ordinare il dataset secondo più variabili nidificate. Se si pensa di aver bisogno di tornare all ordine originario, è buona norma creare una variabile di tipo identificativo, ad esempio memorizzando l ordine delle osservazioni all acquisizione, informazione ricavabile dalla variabile di sistema n:. gen identificatore= n 3.7 append e merge Talvolta i dati che sono necessari per le analisi sono dislocati su file diversi. I casi sono due: 1. si desidera aggiungere nuove osservazioni, su cui sono state rilevate le stesse variabili del dataset attivo 2. si desidera aggiungere informazioni (quindi nuove variabili), rilevate sulle stesse osservazioni già caricate Si sta parlando comunque di dati che sono già stati precedentemente acquisiti in STATA e salvati in formato.dta. Nel primo caso si usa il comando append. Si supponga di avere caricato un file di dati e di voler aggiungere delle nuove osservazioni:. append using nomefiledaaggiungere 16

17 le informazioni contenute nel nuovo dataset saranno memorizzate alla fine del dataset già caricato. Qualsiasi variabile con nome differente nei due dataset presenterà dei dati mancanti per le osservazioni provenienti dall altro dataset. Nel secondo caso, invece, in cui abbiamo le stesse osservazioni ma nuove variabili, il comando è merge. Se non utilizziamo alcuna chiave per far corrispondere le osservazioni del primo (quello caricato in memoria, detto master dataset ) con quelle del secondo (detto using dataset ), merge compirà un semplice accoppiamento riga per riga ma questo non ci garantisce che le informazioni di un dataset si riferiscano esattamente alla stessa osservazione dell altro. Per poter utilizzare una chiave è necessario che questa esista o si possa creare sulla base delle informazioni esistenti e che sia presente e dello stesso formato in entrambi i dataset. Prima di procedere, inoltre, è necessario controllare che magari non siano stati utilizzati gli stessi nomi di variabili per informazioni che invece sono addizionali, in tal caso, infatti, STATA preseverà quelle del dataset caricato e non aggiungerà quelle del nuovo; bisognerà quindi rinominare le variabili prima di compiere l unione. In generale la sintassi per compiere l unione di due dataset è:. use primofile. sort variabilechiave. merge variabilechiave using secondofile dove il secondo file deve essere già memorizzato e ordinato secondo la stessa chiave. STATA creerà automaticamente una variabile chiamata merge che indicherà il risultato dell unione osservazione per osservazione; di seguito il significato dei valori assumibili da merge: 1 indica le osservazioni del primo dataset che non hanno trovato la corrispettiva nel secondo 2 indica le osservazioni del secondo dataset che non hanno trovato la corrispettiva nel primo 3 indica le osservazioni che risultano appaiate 4 indica le osservazioni che risultano appaiate e per le quali valori mancanti del primo dataset sono stati sostituiti da valori validi trovati nel secondo 5 indica le osservazioni che risultano appaiate e per le quali valori del primo dataset sono in contraddizione con valori del secondo Le modalità 4 e 5 possono presentarsi solo nel caso si sia utilizzata l opzione update, tramite la quale si aggiornano i dati mancanti del master dataset con quelli provenienti dall using dataset. 17

18 4 I grafici STATA consente di creare numerosi tipi di grafici; offre una grande flessibilità non solo per l impaginazione dei grafici ma soprattutto per il loro contenuto. Integra nei grafici le curve di aggiustamento e di lissage, gli intervalli di confidenza e tutti gli altri elementi grafici associati ai dati. Si possono modificare i titoli, i colori o i simboli in tutta semplicità grazie alle finestre di dialogo. Infine, è possibile esportare i risultati in formati diversi compresi PostScript e PNG. Di seguito si cercherà di focalizzare l attenzione su alcuni aspetti fondamentali mentre si lascia all utente l esplorazione nella vasta scelta di opzioni e caratterizzazioni. I grafici sono memorizzati nella memoria centrale o sul disco fisso. Quando si disegna un grafico questo verrà conservato in memoria centrale con il nome Graph e verrà sostituito dal comando graph successivo. STATA permette però di avere più finestre grafiche contemporaneamente; l opzione name() crea un grafico dotato di un proprio nome e presentato in una propria finestra.. graph twoway scatter nomevar1 nomevar2, name(nomegrafico1) Se non è salvato esplicitamente, qualsiasi grafico sarà cancellato alla chiusura della sessione di lavoro ed è cancellato anche nel caso si usino i comandi clear o discard. È possibile salvare i propri grafici su disco fisso in vari modi. Si può salvare il contenuto corrente della finestra grafica con il comando:. graph save grafico1salvato.gph oppure direttamente dallo stesso comando con cui lo si crea:. graph twoway scatter nomevar1 nomevar2, saving(grafico2salvato.gph) Qualsiasi grafico salvato può essere aperto all interno di STATA con il comando:. graph use grafico1salvato.gph, name(grafico1) ma si noti che senza l opzionename verrebbe aperto ingraph e quindi soggetto a successive sovrascrizioni. STATA offre comandi per gestire i grafici, sia quelli in memoria centrale che memorizzati su disco: graph dir fornisce l elenco dei grafici conservati sia in memoria che su disco (nella working directory) 18

19 graph describe fornisce dettagli riguardanti un grafico specificato, senza specificazione viene descritto l ultimo creato graph drop nomegrafico cancella dalla memoria centrale il grafico indicato graph rename nomevecchiografico nomegrafico cambia il nome di un grafico in memoria centrale graph copy nomegrafico produce una copia del grafico indicato graph export esporta il grafico nella finestra corrente in un file graph combine permette di combinare in un unico grafico grafici presenti in memoria centrale o su disco Tutti i comandi appena descritti sono accessibili anche via menù e finestre di dialogo: Graphics >> Manage Graphs >>... Tutti i comandi riguardanti i grafici iniziano con la parola graph, ma in molti casi la parola graph è opzionale. Ad esempio il comando:. graph twoway scatter nomevar1 nomevar2 che crea un grafico di dispersione tra due variabili, può essere ottenuto omettendo graph ed addirittura omettendo twoway. Ci sono diversi tipi ( famiglie ) di grafici, ciascuno dei quali prevede poi ulteriori caratterizzazioni con propri comandi specifici: twoway per la rappresentazione di coppie di variabili quantitative bar per la creazione di istogrammi matrix per la creazione di grafici di dispersione box per la creazione di boxplot (diagrammi a scatole e baffi) pie per la creazione di grafici a torta 4.1 Esportazione dei grafici Il modo più semplice per esportare un grafico da STATA ad un altra applicazione è via clipboard. Dopo la creazione del grafico si deve selezionare la finestra grafica, quindi si evoca il menù con il tasto destro del mouse e si seleziona la voce Copy. STATA farà una copia del file come Enhanced Metafile (EMF); questo assicura che l applicazione che riceverà il grafico l avrà con la risoluzione più alta possibile. Se l applicazione destinataria non è in grado di interpretare tale formato allora occorre cambiare alcune impostazioni: da Prefs >> Graph Preferences si scelga l aletta clipboard e si selezioni Windows Metafile (WMF). Dopo aver copiato il grafico nella clipboard si può passare all applicazione in cui si vuole importarlo e dove lo si può Incollare. 19

20 STATA può salvare un grafico anche come Encapsulated PostScript (EPS). Per salvarlo come tale occorre selezionare la voce File >> Save Graph... e scegliere il formato.eps dalla lista proposta. 20

Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati.

Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati. 1 Esercitazione Stata 18/11/2011 ore 9-12 Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati. Stata, che cos'è Stata è un software statistico

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Analisi di mercato II STATA TUTORIAL. Primi passi con STATA -Gestione dati, grafici e semplici modelli- Dott.ssa ELISA IEZZI elisa.iezzi@unibo.

Analisi di mercato II STATA TUTORIAL. Primi passi con STATA -Gestione dati, grafici e semplici modelli- Dott.ssa ELISA IEZZI elisa.iezzi@unibo. STATA TUTORIAL Primi passi con STATA -Gestione dati, grafici e semplici modelli- Dott.ssa ELISA IEZZI elisa.iezzi@unibo.it 1 Sommario ISTRUZIONI GENERALI...4 INTRODUZIONE... 4 Dove trovare STATA e i dati

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

STATA. e la BIOSTATISTICA di Norman - Streiner. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@univaq.it

STATA. e la BIOSTATISTICA di Norman - Streiner. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@univaq.it e la BIOSTATISTICA di Norman - Streiner pierpaolo.vittorini@univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 14 febbraio 2013 Contenuti e obiettivi Breve riassunto applicativo

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20

Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20 Guida rapida di IBM SPSS Statistics 20 Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili in Note legali a pag. 162. Questa versione si applica

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Laboratorio di Statistica con Excel

Laboratorio di Statistica con Excel Università di Torino QUADERNI DIDATTICI del Dipartimento di Matematica G. Peano MARIA GARETTO Laboratorio di Statistica con Excel Soluzioni Corso di Laurea in Biotecnologie A.A. 2009/2010 Quaderno # 46

Dettagli

Breve guida all uso di PubMed

Breve guida all uso di PubMed Breve guida all uso di PubMed http://www4.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/ I. Pagina iniziale A destra di appare una finestra di interrogazione dove è possibile inserire uno o più termini. Al di sotto di questa

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 Indice generale GUIDA A CALC 3.5... 3 1 Utilizzo dell'applicazione... 3 1.1 LAVORARE CON IL FOGLIO ELETTRONICO...3 1.2 MIGLIORARE LA

Dettagli

Excel basi e funzioni

Excel basi e funzioni Esercitazione di Laboratorio Excel basi e funzioni Contenuto delle celle 1. Testo 2. Numeri 3. Formule Formattazione delle celle (1) Formattazione del testo e dei singoli caratteri: Orientamento a 45 Allineamento

Dettagli

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN

2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche APPLICATIVO SBN-UNIX IN ARCHITETTURA CLIENT/SERVER 2. GESTIONE DOCUMENTI NON SBN Manuale d uso (Versione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Guida di Riferimento

Guida di Riferimento Guida di Riferimento Capitoli 1: STATISTICA: Panoramica Generale 1 2: Esempi Passo-Passo 9 Analitici 11 Gestione dei Dati 79 Installazioni Enterprise 107 3: Interfaccia Utente 139 4: Output delle Analisi

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

IBM SPSS Statistics 22 - Guida per l'utente del sistema principale

IBM SPSS Statistics 22 - Guida per l'utente del sistema principale IBM SPSS Statistics 22 - Guida per l'utente del sistema principale Nota Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto che supportano, leggere le informazioni in Avvisi a pagina 281. Informazioni

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli