Novità nei rapporti di lavoro: vincoli o opportunità per le imprese? Le partite Iva genuine, l Associazione in Partecipazione, il Progetto.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novità nei rapporti di lavoro: vincoli o opportunità per le imprese? Le partite Iva genuine, l Associazione in Partecipazione, il Progetto."

Transcript

1 Novità nei rapporti di lavoro: vincoli o opportunità per le imprese? Le partite Iva genuine, l Associazione in Partecipazione, il Progetto. Profili formativi dell Apprendistato PIERCARLO BAUSOLA Consigliere dell Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino

2 RIFORMA MERCATO DEL LAVORO (FORNERO) L.92 del 28/06/2012 Art. 1 co. 26 FINALITA REALIZZAZIONE DI UN MERCATO DEL LAVORO INCLUSIVO E DINAMICO; INSTAURAZIONE DI RAPPORTI PIU STABILI: VALORIZZAZIONE DEL LAVORO SUBORDINATO A TEMPO INDETERMINATO QUALE CONTRATTO DOMINANTE CONTRASTO ALL UTILIZZO IMPROPRIO E STRUMENTALE DI CONTRATTI DILAVORO FLESSIBILI COME CO.CO.CO./CO.CO.PRO. NONCHE PRESTAZIONI A PARTITA IVA PER ELUDERE CONTRATTI LAVORO SUBORDINATO

3 RIFORMA MERCATO DEL LAVORO (FORNERO) L.92 del 28/06/2012 Art. 1 co. 26 Aggiunto al Dlgs 276/2003 l Art. 69-Bis «Altre prestazioni rese in regime di LAVORO AUTONOMO» a chiusura del Capo I del Titolo VII Lavoro a progetto e lavoro occasionale le novità della L. 92/2012 non incidono sui principi generali concernenti i criteri di qualificazione dei rapporti di lavoro Principio giurisprudenziale: al di là del nomen iuris attribuito al contratto, per l ascrivibilità del rapporto valgono le effettive modalità di SVOLGIMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO sulla base di un apprezzamento delle evidenze fattuali emerse in sede ispettiva e/o giudiziale. Ai fini della corretta qualificazione il nomen iuris ha valore meramente indiziario, soprattutto in situazioni di labilità di confine tra SUBORDINAZIONE e AUTONOMIA

4 QUADRO NORMATIVO E DI PRASSI Art. 69-bis del Dlgs. 276/2003 Modificato dall art. 46-bis del DL 83/2012 (in sede di conversione in L.134/2012) ampliamento dal singolo anno al biennio dell arco temporale di riferimento per la verifica della ricorrenza dei presupposti (durata della collaborazione e volume del fatturato) che consentono di presumere l esistenza di un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa; DM Ministero del Lavoro dopo aver sentito le parti sociali, si è provveduto ad attuare la disposizione del co. 3 dell art. 69-bis del DLgs. 276/2003): sottratte all ambito di operatività della presunzione legale le prestazioni svolte nell esercizio di attività professionali per le quali l ordinamento richieda l iscrizione ad un ordine professionale ovvero ad appositi registri, albi, ruoli o elenchi professionali qualificati, Prassi: circ n. 32 del Ministero del Lavoro forniti i primi chiarimenti sulla nuova disciplina, in particolare sulle condizioni per l applicazione pratica della nuova norma

5 Operatività della norma: Il nuovo ART. 69-BIS, D.lgs 276/2003 prevede al co.4 1) Per i rapporti in corso al (entrata in vigore della L. 92/2012): applicazione dopo il decorso di 12 mesi (ossia a partire dal ), in modo da consentire alle parti di procedere agli opportuni adeguamenti. 2) Per i rapporti instaurati successivamente al : operatività immediata. il Ministero del Lavoro ha interpretato le nuove disposizioni prevedendo di differire (per lo meno fino al mese di luglio 2014) i primi controlli e, dunque, la concreta operatività del meccanismo presuntivo (benché ordinariamente vigente) anche con riferimento ai rapporti sorti dopo il

6 SOGGETTI INTERESSATI il Ministero del Lavoro individua i titolari di PARTITA IVA destinatari delle nuove disposizioni quali soggetti che ai sensi dell art. 35 DPR 633/72 intraprendono l esercizio di un impresa, arte o professione e che, ai sensi dell art C.C., si obbligano a compiere verso un corrispettivo un opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente RIENTREREBBERO QUINDI 1) gli esercenti attività di lavoro autonomo in forma professionale, privi di un organizzazione imprenditoriale 2) i soggetti organizzati in forma di piccola impresa individuale

7 IL LAVORO AUTONOMO Lavoro Autonomo PURO Art e ss. Del C.C. Rapporti di lavoro autonomo reso in forma coordinata o continuativa (o parasubordinati ) 1) contratto d opera (artt ss. c.c.), 2) contratto d opera intellettuale (artt c.c.) rapporti di lavoro autonomo in senso generale 1) Autonomia decisionale su tempi, modalità e mezzi necessari per l esecuzione della prestazione; 2) NO rapporto gerarchico nei confronti del committente, né soggetto a potere direttivo, organizzativo, disciplinare e di controllo; 3) NO coordinamento con l attività del committente, né inserimento funzionale nell organizzazione aziendale. 1) NO vincolo di subordinazione e dall autonomia nello svolgimento dell attività lavorativa ; 2) personalità della prestazione; 3) continuità del rapporto con il committente; 4) coordinamento (inserimento funzionale del lavoratore nell organizzazione del committente) quale elemento su cui si basa la distinzione rispetto ai rapporti di lavoro autonomo puro

8 ESCLUSIONI Restano esclusi dal campo di applicazione della presunzione di parasubordinazione stante il riferimento alla persona di cui al co. 1 dell art. 69-bis, LE SOCIETA Considerato che l art. 1 co. 2 del DLgs. 276/2003 sancisce la non applicabilità di tale norma all ambito del pubblico impiego le novità introdotte dalla riforma del mercato del lavoro in materia di prestazioni rese da lavoratori titolari di partita IVA NON trovano applicazione nei confronti delle P.A. A queste ultime è applicabile la disciplina di cui all art. 7 co. 6 del DLgs n. 165 che pone restrizioni al ricorso alle collaborazioni autonome da parte dei soggetti pubblici

9 PRESUPPOSTI PER L OPERATIVITA DELLA PRESUNZIONE RELATIVA Le prestazioni lavorative rese da soggetto con partita IVA vengono considerate AUTOMATICAMENTE rapporti di Collaborazione Coordinata e Continuativa qualora ricorrano almeno due dei seguenti presupposti: 1) criterio temporale: continuità della prestazione la collaborazione con il medesimo committente abbia una durata complessiva superiore a otto mesi annui per due anni consecutivi; 2) criterio del fatturato: sostanziale dipendenza economica il corrispettivo derivante dalla collaborazione, costituisca più dell 80% dei corrispettivi annui complessivamente percepiti dal collaboratore per due anni solari consecutivi (anche se fatturato a più soggetti riconducibili al medesimo centro d imputazione di interessi); 3) criterio organizzativo: inserimento nell organizzazione il collaboratore disponga di una postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente.

10 1) criterio temporale: continuità della prestazione La circolare 32/2012 del Ministero ha chiarito che: - il riferimento temporale all anno (a seguito delle modifiche apportate dal DL 83/2012) deve intendersi come riferimento NON come anno solare (criterio mobile), bensì come anno civile (dal 1 gennaio al 31 dicembre). Ai fini dell accertamento del verificarsi della condizione occorre considerare due anni civili consecutivi (due periodi completi dal 1 gennaio al 31 dicembre), precedenti a quello in cui si svolga la verifica; - convenzionalmente la durata di un mese è pari a 30 giorni quindi è necessario che, nell ambito di ciascuno dei due periodi annuali il rapporto abbia avuto una durata almeno pari a 241 giorni, anche non continuativi;

11 segue 1) criterio temporale: continuità della prestazione la verifica può essere effettuata: 1. su base documentale: qualsiasi documento in grado di fornire informazioni, anche indirette, sulla durata dell attività svolta (mandati, lettere di incarico o fatture); 2. su base testimoniale: in sede di accesso ispettivo da parte altri lavoratori o da terzi.

12 2) criterio del fatturato il Ministero del Lavoro ha precisato che l accertamento di tale condizione è possibile soltanto a posteriori occorre considerare: i corrispettivi fatturati indipendentemente dall effettivo incasso delle somme pattuite per le prestazione autonome, Sono escluse le eventuali somme derivanti da - prestazioni di lavoro subordinato - lavoro accessorio -redditi di altra natura; Vanno considerate le somme fatturate (anche se non incassate) dal lavoratore nei confronti di un medesimo Committente: -FORMALMENTE: unico soggetto giuridico; -SOSTANZIALMENTE: compensi dovuti da più soggetti giuridici formalmente diversi, ma riconducibili ad un unico centro d imputazione di interessi.

13 Segue 2) criterio del fatturato ARCO TEMPORALE DI RIFERIMENTO Due anni solari consecutivi: due periodi consecutivi di 365 giorni non necessariamente coincidenti con l anno civile. ECCEZIONE ai fini dell applicabilità della presunzione di fittizietà della partita IVA, se si intenda far valere il presupposto della preponderanza del corrispettivo unitamente a quello concernente la durata della prestazione lavorativa, la circ n. 32 specifica che il criterio dell anno civile attrae anche il criterio del fatturato.

14 3) criterio organizzativo Disponibilità del lavoratore a partita IVA di una postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente - Non necessariamente di uso esclusivo; - Indipendentemente dalla possibilità di utilizzare qualunque attrezzatura necessaria allo svolgimento dell attività. Questo requisito da solo non potrà mai far scattare alcuna presunzione di legge Circ. ministeriale n. 32: L accertamento deve essere effettuato con riferimento agli archi temporali utili alla realizzazione di una delle altre condizioni

15 Decorrenza della operatività della presunzione durata collaborazione + disponibilità della postazione fissa 2 anni civili consecutivi (durata collaborazione) Dal per rapporti instaurati dopo il Dal per rapporti in essere al durata collaborazione + corrispettivo corrispettivo + disponibilità della postazione fissa 2 anni civili consecutivi (durata collaborazione) 2 anni solari (365 gg.) consecutivi (corrispettivo) Dal per rapporti instaurati dopo il Dal per rapporti in essere al Dal per rapporti instaurati dopo il Dal per rapporti in essere al

16 ART. 69-Bis Dlgs 276/2003 Presunzione RELATIVA NON EFFETTIVITA PARTITA IVA DISCONOSCIMENTO rapporto lavoro autonomo conversione in CO.CO.CO. Art. 69 BIS TITOLO VII Capo I Dlgs 276/03 INCLUSO NELL AMBITO DEL LAVORO A PROGETTO Comma 4: integrale applicazione Se mancano ANCHE i presupposti del lavoro a progetto (no progetto, no finalità, lavoro meramente esecutivo e ripetitivo) Si applica l Art. 69: il rapporto di lavoro si considera di lavoro subordinato fin dall origine del rapporto

17 PRESUNZIONE RELATIVA Ex Art.1 co. 24 L.92/2012 Che il rapporto abbia carattere parasubordinato ONERE DELLA PROVA: E a carico del committente; E ammessa la produzione di una prova contraria da parte del committente. Tale prova deve concentrarsi sulla dimostrazione dell esistenza di un rapporto di lavoro autonomo puro e sulla dimostrazione dell inesistenza degli elementi della continuità e del coordinamento. La circ. Min. Lavoro n. 32 NON ha chiarito se la prova contraria possa essere fornita anche dal titolare di partita IVA. Non pare quindi riconosciuto alcun ruolo al lavoratore ed alla sua eventuale manifestazione di volontà.

18 ESIMENTI La norma individua 2 esimenti alla PRESUNZIONE DI NON EFFETTIVITA DELLA P.IVA NON soggetta ad Art. 69-Bis quando la PRESTAZIONE LAVORATIVA: PROFILO QUALITATIVO la prestazione lavorativa è connotata da competenze teoriche di grado elevato acquisite attraverso significativi percorsi formativi Ovvero da capacità tecnico-pratiche acquisite attraverso rilevanti esperienze maturate nell esercizio concreto di attività. PROFILO QUANTITATIVO la prestazione lavorativa sia svolta da un soggetto titolare di un reddito annuo da lavoro autonomo non inferiore a 1,25 volte il livello minimo imponibile previsto ai fini del versamento dei contributi previdenziali alle Gestioni dei commercianti e degli artigiani, ex art. 1 co. 3 della L n. 233 (per il 2012 il reddito minimo era di euro che moltiplicato per 1,25 da un risultato di18.662,50 euro

19 ESCLUSIONI Prestazioni svolte nell esercizio di attività professionali qualificate DM definisce il criterio cui fare riferimento per stabilire, se l appartenenza ad un determinato registro, albo, ruolo o elenco esoneri, o meno, il lavoratore con partita IVA dall applicazione della presunzione. Art. 2, co. 1 del DM gli ordini o collegi professionali, i registri, gli albi, i ruoli e gli elenchi professionali qualificati di cui all articolo 69-bis, comma 3, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, sono esclusivamente quelli tenuti o controllati da una amministrazione pubblica di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 nonché da federazioni sportive, in relazione ai quali l iscrizione è subordinata al superamento di un esame di stato o comunque alla necessaria valutazione, da parte di specifico organo, dei presupposti legittimanti lo svolgimento della attività

20 Elenco esemplificativo degli ordini professionali e collegi riconosciuti a mero titolo esemplificativo dall allegato 1 del DM , rileva, ai fini dell operatività della deroga in questione: - l iscrizione nei seguenti ordini professionali riconosciuti: - Consiglio Nazionale del Notariato; - Consiglio Nazionale degli Ingegneri; - Consiglio Nazionale dei Chimici; - Ordine Nazionale Forense; - Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori; - Ordine Nazionale degli Attuari; - Federazione Nazionale Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri; - Federazione Nazionale Ordini dei Veterinari Italiani; - Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani; - Ordine Nazionale dei Giornalisti; - Consiglio Nazionale dei Geologi; - Ordine Nazionale dei Biologi; - Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali; - Ordine Nazionale dei Consulenti del lavoro; - Ordine Nazionale degli Psicologi; - Ordine degli Assistenti Sociali; - Ordine dei Tecnologi Alimentari; - Ordine dei Consulenti in proprietà industriale; - Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili;

21 Elenco esemplificativo degli ordini professionali e collegi riconosciuti a mero titolo esemplificativo dall allegato 1 del DM , rileva, ai fini dell operatività della deroga in questione: l iscrizione nei seguenti collegi riconosciuti: - Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati; - Consiglio Nazionale dei Geometri e dei Geometri Laureati; - Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche; - Federazione Nazionale Collegio degli Infermieri e dei Vigilanti dell infanzia; - Collegio provinciale dei Tecnici di radiologia e relativa Federazione Nazionale; - Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati; - Collegi regionali e provinciali delle Guide Alpine; -Consiglio Nazionale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati; l appartenenza ai seguenti organismi che, pur gestendo un albo, non sono costituiti in forma di ordine professionale: - Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali; - Albo unico dei Promotori Finanziari.

22 Il DM all art. 3, precisa che l iscrizione ai soli fini di pubblicità dichiarativa di impresa individuale al registro delle imprese di cui alla legge 29 dicembre 1993, n. 580 non costituisce elemento di esclusione dalla applicazione della presunzione. Non soddisfano i criteri indicati dal decreto tutti quei registri, albi, ruoli o elenchi in cui l iscrizione venga effettuata sulla base della sola richiesta dell interessato, senza che sia previsto alcun controllo circa la sussistenza di requisiti e condizioni, e che abbiano una semplice funzione di pubblicità dichiarativa

23 DIFFICOLTA PRATICHE a)incertezza sul reddito annuo Determinabile solo a posteriori (dovendo poi gestire situazioni in ritardo) b)il committente non ha diritto di accertamento se il lavoratore non le fornisce; c)fattori imprevisti che fanno verificare le condizioni

24 L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Disciplina civilistica: titolo VII del cod. civ. agli artt art.2549 c.c.: l'associazione in partecipazione è un contratto in base al quale l'associante (l imprenditore) attribuisce all'associato una partecipazione agli utili della sua impresa o di uno o più affari, verso il corrispettivo di un determinato apporto. L'associazione in partecipazione è inquadrabile nella categoria dei contratti di collaborazione in quanto prevede il conseguimento di un risultato comune attraverso l'apporto dei partecipanti.

25 L ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE Tipologie di apporto: qualsiasi natura purché avente carattere strumentale per l'esercizio dell'impresa o dell'affare - somma di denaro - qualsiasi altro bene suscettibile di valutazione economica -godimento di un bene -prestazione di lavoro (Cass. 21 febbraio 2012, n. 2496). N.B.: durante il periodo di validità del contratto occorre il consenso dell'associato per far partecipare altre persone all Impresa.

26 Diritti dell associato 1) l'associato ha diritto a ricevere il rendiconto dell'affare compiuto, o quello annuale della gestione. L'art. 1, co. 30 della L. n. 92/2012 (Riforma del mercato del lavoro) prevede che: i rapporti di associazione in partecipazione con apporto di lavoro instaurati o attuati senza consegna del rendiconto previsto dall'art c.c., si presumono, salva prova contraria, rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato. 2) l'associato ha il diritto di partecipare agli utili e salvo patto contrario, partecipa alle perdite nella stessa misura in cui partecipa agli utili; Anche in questo caso l'art. 1, co. 30, della L. n. 92/2012 prevede che i rapporti di associazione in partecipazione con apporto di lavoro instaurati o attuati senza che vi sia stata un'effettiva partecipazione dell'associato agli utili dell'impresa o dell'affare si presumono, salva prova contraria, rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

27 Differenze rispetto al rapporto societario - la mancanza di un autonomo patrimonio comune l'assenza di una gestione in comune dell'impresa che è esercitata dal solo associante Differenze rispetto al lavoro subordinato secondo la giurisprudenza occorre effettuare un'indagine di merito volta a cogliere la prevalenza degli elementi che caratterizzano i due contratti, tenendo conto in particolare, che: - nel contratto di associazione sussiste l'obbligo del rendiconto periodico dell'associante e l'esistenza per l'associato di un rischio di impresa. - nel rapporto di lavoro subordinato vi è un vincolo di subordinazione più ampio del generico potere dell'associante di impartire direttive e istruzioni al cointeressato, con assoggettamento al potere gerarchico e disciplinare della persona o dell'organo che gestisce l'organizzazione dell'azienda. (Cass. 24 febbraio 2012, n. 2884; Cass. 24 febbraio 2011, n. 4524)

28 Limiti applicativi l'art c.c. è stato integrato dall'art. 1, co. 28, della L. n.92/2012 qualora l'apporto dell'associato consista anche in una prestazione di lavoro, il numero degli associati impegnati in una medesima attività non può essere superiore a tre, indipendentemente dal numero degli associanti. A tale limite fanno tuttavia eccezione le ipotesi in cui gli associati siano legati all'associante da rapporto: coniugale; di parentela entro il terzo grado o di affinità entro il secondo. Conseguenze in caso di violazione art. 2549, co. 2, c.c.: In caso di violazione del divieto, il rapporto con tutti gli associati il cui apporto consiste anche in una prestazione di lavoro si considera di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

29 Segue Limiti applicativi Inoltre, l'associazione in partecipazione si presume un rapporto di lavoro subordinato qualora l'apporto di lavoro non presenti i requisiti di cui all'art. 69 bis, co. 2, lett. a), del D.Lgs. n. 276/2003 OSSIA l'associato sia privo di "competenze teoriche di grado elevato acquisite attraverso significativi percorsi formativi, ovvero ( ) capacità tecnico-pratiche acquisite attraverso rilevanti esperienze maturate nell'esercizio concreto di attività". Deroghe per i rapporti già in essere Ai sensi dell'art. 1, co. 29, della L. n. 92/2012 i limiti applicativi sopra indicati non trovano applicazione per i contratti in essere alla data di entrata in vigore della stessa L. n. 92/2012 (18 luglio 2012) e fino alla loro cessazione a condizione che siano stati certificati ai sensi degli articoli 75 e seguenti del D.Lgs. n. 276/2003.

Ai gentili Clienti dello Studio

Ai gentili Clienti dello Studio INFORMATIVA PAGHE N. 1 / 2013 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: PARTITE IVA FITTIZIE - INDICAZIONI MINISTERIALI Riferimenti Legislativi: Art. 69-bis D.Lgs. n. 276/2003, D.M. 20 dicembre 2012; Circolare

Dettagli

I CHIARIMENTI MINISTERIALI SULLE PARTITE IVA TRA LA CIRCOLARE 32/2012 ED IL D.M. 20 DICEMBRE 2012

I CHIARIMENTI MINISTERIALI SULLE PARTITE IVA TRA LA CIRCOLARE 32/2012 ED IL D.M. 20 DICEMBRE 2012 I CHIARIMENTI MINISTERIALI SULLE PARTITE IVA TRA LA CIRCOLARE 32/2012 ED IL D.M. 20 DICEMBRE 2012 dott. Roberto Camera 1 funzionario della Direzione Territoriale del Lavoro di Modena Con la circolare n.

Dettagli

Partite Iva, riforma lavoro e la presunzione di collaborazione

Partite Iva, riforma lavoro e la presunzione di collaborazione Il problema sorge in corso d anno quando ci sono alcuni interessi contrapposti: quello del lavoratore di ottenere una commessa di lavoro e quelli del datore di lavoro di avvalersi sì della collaborazione

Dettagli

RIFORMA DELLA L. 92/2012: INTRODUZIONE

RIFORMA DELLA L. 92/2012: INTRODUZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CONTRATTO A PROGETTO, PARTITE IVA DOPO LA RIFORMA FORNERO RIFORMA DELLA L. 92/2012: INTRODUZIONE avv. Antonella Lo Sinno 12 Marzo 2013 Ordine dei Commercialisti

Dettagli

I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero

I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero I contratti a progetto e i lavoratori autonomi a partita Iva dopo la riforma Fornero La riforma del mercato del lavoro proposta da Elsa Fornero entrata in vigore il 18 Luglio 2012 è orientata a razionalizzare

Dettagli

FAQ PARTITE IVA. Cos è la Partita Iva?

FAQ PARTITE IVA. Cos è la Partita Iva? FAQ PARTITE IVA Cos è la Partita Iva? La Partita Iva è un particolare strumento fiscale riservato, oltre che alle imprese, ai lavoratori autonomi, ovvero a quei lavoratori che, ai sensi dell art. 2222

Dettagli

PARTITE IVA FITTIZIE

PARTITE IVA FITTIZIE PARTITE IVA FITTIZIE ART. 1 C. 26, L. 92/2012 IN G.U. N. 136 DEL 3 LUGLIO 2012 DALLA RIFORMA DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA FITTIZIE Con la pubblicazione in GU (n. 153 del 03/07/2012) della

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO NUOVE REGOLE PER LE PARTITE IVA dott. Francesco Lucrezio Monticelli Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero degli autori e non hanno carattere in

Dettagli

Lavoro & Previdenza N. 231. False partite Iva: l attività di verifica. La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici 09.12.

Lavoro & Previdenza N. 231. False partite Iva: l attività di verifica. La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici 09.12. Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 231 09.12.2014 False partite Iva: l attività di verifica Il 31.12.2014 scade il biennio necessario per avviare le attività

Dettagli

Definizione della tipologia contrattuale

Definizione della tipologia contrattuale LE COLLABORAZIONI AUTONOME CON PARTITA IVA novità della riforma Fornero con particolare riguardo ai riflessi sull attività degli organi di vigilanza del Ministero del Lavoro a cura di Umberto Ranucci,

Dettagli

PARTITE IVA FITTIZIE CHIARIMENTI RECENTI

PARTITE IVA FITTIZIE CHIARIMENTI RECENTI BALIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Padova 15 gennaio 2013 Ai Clienti dello Studio LORO SEDI Dott. Dario Fabris Dott. Alberto Gori

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO La riforma Fornero: - entra in vigore decorsi 15 giorni dalla pubblicazione sulla GU (pubblicata ieri entra in vigore il 18 luglio p.v.) - prevede un applicazione dei

Dettagli

Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015

Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015 Circolare N. 113 del 3 Agosto 2015 Presunzioni, riqualificazioni ed abrogazioni: come vanno gestiti i contratti a progetto e le partite IVA? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO

IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Convegno Fondazione Giuseppe Pera Lucca, 26 giugno 2015 Associato di diritto del lavoro Università di Pisa IL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO DIRITTO DEL LAVORO Il campo di applicazione del nuovo diritto

Dettagli

Avv. Marina Tona. - Partner - Trifirò & Partners - Avvocati. Via San Barnaba, 32 20122 Milano - Tel 02.550011 Fax 02.5460391 www.trifiro.

Avv. Marina Tona. - Partner - Trifirò & Partners - Avvocati. Via San Barnaba, 32 20122 Milano - Tel 02.550011 Fax 02.5460391 www.trifiro. Altre prestazioni lavorative rese in regime di lavoro autonomo Avv. Marina Tona - Partner - Trifirò & Partners - Avvocati Via San Barnaba, 32 20122 Milano - Tel 02.550011 Fax 02.5460391 www.trifiro.it

Dettagli

Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale

Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale Appunti per: Seminario Giuridico Fiscale I rapporti con collaboratori e tecnici Le possibili soluzioni rispetto alla normativa attuale A cura di Maurizio Annitto La Spezia 10 maggio 2014 Circolare del

Dettagli

LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI. Trento, 9 maggio 2013

LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI. Trento, 9 maggio 2013 LE COMPETENZE PROFESSIONALIZZANTI PER GLI INGEGNERI NEOLAUREATI Trento, 9 maggio 2013 Diego Uber dottore commercialista revisore legale dei conti «FORME ORGANIZZATIVE PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE:

Dettagli

I venerdì dell Avvocatura

I venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano I venerdì dell Avvocatura I contratti di lavoro 8 9 maggio 2014 Curia Arcivescovile Piazza Fontana, 2 Milano LAVORO SUBORDINATO Art. 2094 c.c.: «E prestatore di lavoro subordinato

Dettagli

IL LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA

IL LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA Le prestazioni lavorative rese da persona titolare di posizione fiscale ai fini dell'imposta sul valore aggiunto sono considerate, salvo che sia fornita prova contraria

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 26/2014 ARGOMENTO: CONTROLLI A TAPPETO PER VERIFICARE: I) LE FALSE PARTITE IVA E LE FALSE COLLABORAZIONI A PROGETTO. II) I CONTRATTI A TERMINE Gentile Cliente, con la presente

Dettagli

I contratti di lavoro a progetto, di collaborazione con titolari di partita IVA e di associazione in partecipazione

I contratti di lavoro a progetto, di collaborazione con titolari di partita IVA e di associazione in partecipazione I contratti di lavoro a progetto, di collaborazione con titolari di partita IVA e di associazione in partecipazione IL SUPERAMENTO DEI CO.CO.PRO. E IL RITORNO DEI CO.CO.CO. D. Lgs. n. 81/2015 Due norme

Dettagli

La riforma del mercato del lavoro: tipologie contrattuali, flessibilità in uscita e tutela del lavoratore prof. Francesco Basenghi Università di

La riforma del mercato del lavoro: tipologie contrattuali, flessibilità in uscita e tutela del lavoratore prof. Francesco Basenghi Università di La riforma del mercato del lavoro: tipologie contrattuali, flessibilità in uscita e tutela del lavoratore prof. Francesco Basenghi Università di Modena e Reggio Emilia francesco.basenghi@unimore.it Roma,

Dettagli

La riforma del lavoro

La riforma del lavoro La riforma del lavoro Cosa cambia per le imprese LAVORO A CHIAMATA Contratto di lavoro con cui il lavoratore si mette a disposizione del datore di lavoro che ne può utilizzare la prestazione in modo discontinuo

Dettagli

Il Temporary manager. Inquadramento giuridico-normativo: le diverse tipologie contrattuali. A cura di: Dott.ssa Francesca Torelli

Il Temporary manager. Inquadramento giuridico-normativo: le diverse tipologie contrattuali. A cura di: Dott.ssa Francesca Torelli Il Temporary manager Inquadramento giuridico-normativo: le diverse tipologie contrattuali A cura di: Dott.ssa Francesca Torelli 1 INDICE Premessa Temporary Manager con rapporto diretto Temporary manager

Dettagli

Circolare Informativa n 40/2013. Prestazioni autonome, Collaborazioni a progetto e in regime di partita IVA

Circolare Informativa n 40/2013. Prestazioni autonome, Collaborazioni a progetto e in regime di partita IVA Circolare Informativa n 40/2013 Prestazioni autonome, Collaborazioni a progetto e in regime di partita IVA Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag. 3 1) Ministero del Lavoro: circolare n.29/2012 Co.co.pro pag.

Dettagli

La nuova riforma del lavoro

La nuova riforma del lavoro Ai gentili clienti Loro sedi La nuova riforma del lavoro Premessa Con la riforma del lavoro, il legislatore ha modificato profondamente (se non riscritto) la disciplina dei rapporti di lavoro. Al fine

Dettagli

Patent box, rimborso IVA, aliquote INPS per la gestione separata artigiani e commercianti, e altre novità

Patent box, rimborso IVA, aliquote INPS per la gestione separata artigiani e commercianti, e altre novità Circolare n. 3/2015 Aggiornata al 18.02.2015 Patent box, rimborso IVA, aliquote INPS per la gestione separata artigiani e commercianti, e altre novità Tra le novità commentate l introduzione anche in Italia

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Comitato Olimpico Nazionale Italiano

Comitato Olimpico Nazionale Italiano Comitato Olimpico Nazionale Italiano Il CONI, emanazione del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), è autorità di disciplina regolazione e gestione delle attività sportive nazionali. Il Comitato Olimpico

Dettagli

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero.

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. La riforma del mercato del lavoro (c.d. riforma Fornero) è contenuta nella Legge 28 giugno 2012, n. 92, successivamente modificata dal decreto legge

Dettagli

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1

INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO. a cura dell'ufficio Attività e Collaborazioni Esterne 1 INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO A PERSONALE ESTERNO ALL ATENEO Collaborazioni Esterne 1 PROCEDURA DI ACCESSO L Università degli Studi di Milano- Bicocca, a seguito di procedura pubblica di selezione, può

Dettagli

Riforma del lavoro e tutela del credito:

Riforma del lavoro e tutela del credito: Riforma del lavoro e tutela del credito: nuovi scenari di un mercato in evoluzione. 26 luglio 2012 Roma ATA Hotel Villa Pamphili 2 LA NUOVA DISCIPLINA DELLE COLLABORAZIONI A PARTITA IVA E DELLE COLLABORAZIONI

Dettagli

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili Lo scorso 20 febbraio 2015 il Governo ha approvato lo schema di decreto attuativo sui contratti flessibili

Dettagli

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche

Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche CIRCOLARE A.F. N. 141 del 20 Settembre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Call center: collaborazioni a progetto anche per indagini di mercato, statistiche e scientifiche Gentile cliente, desideriamo informarla

Dettagli

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI

DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI DOVE NASCE IL PROBLEMA ENTI E CASSE PREVIDENZIALI SETTORE PUBBLICO Fondo dipendenti enti statali (ex INPDAP) Fondo dipendenti enti locali e Asl (ex IINPDAP) SETTORE PRIVATO Fondo lavoratori dipendenti

Dettagli

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO LE PRINCIPALI NOVITA Ancona, 9 luglio 202 Stefano Carotti Carotti Rodriguez Progetti Lavoro S.r.l. www.an.camcom.gov.it La riforma del lavoro (Riforma Fornero ) Legge

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA UIL F.P.L. TORINO - PIEMONTE

LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA UIL F.P.L. TORINO - PIEMONTE LA TOTALIZZAZIONE ITALIANA Con la totalizzazione il dipendente può cumulare i contributi versati presso due o più enti previdenziali per ottenere un unica pensione (decreto legislativo 42 del 2 febbraio

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

Docente: Domenico Comegna

Docente: Domenico Comegna Docente: Domenico Comegna Risorse destinate al Welfare ITALIA 26,5% PIL UE (15 paesi) 27,2% PIL Risorse destinate al Welfare Pensioni Sanità Famiglia Ammortizzatori Altre e disabilità Sociali voci GERMANIA

Dettagli

AZIENDE, AUTOPARCO, CATEGORIE PROFESSIONALI

AZIENDE, AUTOPARCO, CATEGORIE PROFESSIONALI AZIENDE, AUTOPARCO, CATEGORIE PROFESSIONALI VALIDITA dal 1 gennaio al 31 marzo 2014 Il presente Programma prevede il riconoscimento degli incentivi erogati a titolo di sconto (aggiuntivo alla normale scontistica

Dettagli

LE COLLABORAZIONI A PROGETTO

LE COLLABORAZIONI A PROGETTO LE COLLABORAZIONI A PROGETTO Un rapporto di collaborazione coordinata e continuativa esiste in quanto sussistano i requisiti di: continuità della prestazione; inserimento funzionale; personalità della

Dettagli

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e V d i A p r i l e 2 0 1 5

C i r c o l a r i. Siri. E d i z i o n e V d i A p r i l e 2 0 1 5 C i r c o l a r i E d i z i o n e V d i A p r i l e 2 0 1 5 Siri Consulenza e Organizzazione Srl Piazza IV Novembre, 5 20025 Legnano MI Tel. 0331-776177 Fax 0331-773216 www.siri.it 2 NOVITÀ CO.CO.PRO E

Dettagli

Il lavoro autonomo coordinato *** Il lavoro occasionale

Il lavoro autonomo coordinato *** Il lavoro occasionale Il lavoro autonomo coordinato *** Il lavoro occasionale Il lavoro autonomo coordinato Lavoro autonomo / Lavoro subordinato Lavoro autonomo (art. 2222 cod. civ.) Quando una persona si obbliga a compiere

Dettagli

Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi

Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Dichiarazione per l inquadramento fiscale, previdenziale ed assicurativo dei collaboratori coordinati e continuativi Il/la sottoscritto/a nato/a il Codice Fiscale residente

Dettagli

Guide operative. Le collaborazioni occasionali

Guide operative. Le collaborazioni occasionali Guide operative Schede di sintesi A cura di Stefano Liali - Consulente del lavoro Le collaborazioni occasionali Requisiti principali Differenze con le mini co.co.co. Caratteristiche lavoro autonomo occasionale

Dettagli

MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE

MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE MODULO PER IL PAGAMENTO DEL TRATTAMENTO ALTERNATIVO DI MISSIONE ALL ESTERO RISERVATO AL PERSONALE NON DIPENDENTE Comunicazione dati del personale non dipendente che ha richiesto il trattamento alternativo

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

Prot. n 200 Salerno, lì 4 Febbraio 2016

Prot. n 200 Salerno, lì 4 Febbraio 2016 COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail:collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot. n

Dettagli

OGGETTO: Gestione lavoratori autonomi. Decreto-legge 24 settembre 1996, n. 499.

OGGETTO: Gestione lavoratori autonomi. Decreto-legge 24 settembre 1996, n. 499. Gestione lavoratori autonomi. Decreto-legge 24 settembre 1996, n. 499. DIREZIONE CENTRALE CONTRIBUTI Roma, 17 ottobre 1996 Circolare n. 201 AI DIRIGENTI CENTRALI E PERIFERICI AI COORDINATORI GENERALI,

Dettagli

SPORTIVI DILETTANTI CHIARIMENTI SUGLI ADEMPIMENTI DELLE ASD

SPORTIVI DILETTANTI CHIARIMENTI SUGLI ADEMPIMENTI DELLE ASD SPORTIVI DILETTANTI CHIARIMENTI SUGLI ADEMPIMENTI DELLE ASD Premessa Adempimenti ridotti per le associazioni e società sportive dilettantistiche che si avvalgono delle prestazioni di natura non professionale

Dettagli

La Riforma Fornero. Prime riflessioni sui contratti flessibili *

La Riforma Fornero. Prime riflessioni sui contratti flessibili * La Riforma Fornero. Prime riflessioni sui contratti flessibili * *a cura di Giuseppe Cantisano, Direttore della Direzione Territoriale del Lavoro di Cosenza 1 Premessa La legge 92/2012, c.d. Riforma Fornero

Dettagli

COOPERATIVE PRODUZIONE & LAVORO

COOPERATIVE PRODUZIONE & LAVORO COOPERATIVE PRODUZIONE & LAVORO SCOPO MUTUALISTICO: Principio: mutualità senza fini di speculazione privata Scopo: perseguire in forma mutualistica l'autogestione dell'impresa che ne è l'oggetto dando

Dettagli

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Il tema del lavoro autonomo e della sua differenziazione dal lavoro subordinato. La recente legge n. 92/2012. In questo numero. N 30 - Gennaio 2013

Il tema del lavoro autonomo e della sua differenziazione dal lavoro subordinato. La recente legge n. 92/2012. In questo numero. N 30 - Gennaio 2013 Come complicarsi la vita e vivere felici e contenti N 30 - Gennaio 2013 In questo numero Partite Iva: regole operative per applicare la Riforma del lavoro Recentemente il Ministero del Lavoro ha fornito

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO

Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO Scheda approfondita LAVORO A PROGETTO Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Prospettive previdenziali del Fisioterapista

Prospettive previdenziali del Fisioterapista Convegno dei Fisioterapisti INPS GESTIONE SEPARATA relatore Anna Mazza Il Fisioterapista Libero Professionista: Attualità e nuovi orizzonti Prospettive previdenziali del Fisioterapista Anna Mazza INPS

Dettagli

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi

Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi Riforma Biagi 1 Le retribuzioni in piscina alla luce della riforma Biagi - Dott. Roberto Bresci - Riforma Biagi 2 Ambito normativo Legge 133/1999 Legge 342/2000 Legge 289/2002 (Finanziaria 2003) D. Lgs.

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA (ANCHE NELLA MODALITA A PROGETTO) Concetto di parasubordinazione: perché sia configurabile un rapporto di parasubordinazione ai sensi dell articolo

Dettagli

SCHEDA REGISTRAZIONE CEDENTI PRESTATORI. (sigla Prov.) nr.

SCHEDA REGISTRAZIONE CEDENTI PRESTATORI. (sigla Prov.) nr. SCHEDA REGISTRAZIONE CEDENTI PRESTATORI Ragione Sociale* Nome Cognome Indirizzo PEC invio fatture Indirizzo PEC CCIAA* P.IVA* Codice Fiscale* Regime Fiscale* (Vedi codifica tabella A) Esigibilità IVA (Vedi

Dettagli

Epigrafe. Premessa. 1. Enti privatizzati. 2. Gestione. 3. Vigilanza. 4. Albo. 5. Personale. Elenco A. D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 (1).

Epigrafe. Premessa. 1. Enti privatizzati. 2. Gestione. 3. Vigilanza. 4. Albo. 5. Personale. Elenco A. D.Lgs. 30 giugno 1994, n. 509 (1). D.Lgs. 30-6-1994 n. 509 Attuazione della delega conferita dall'art. 1, comma 32, della legge 24 dicembre 1993, n. 537, in materia di trasformazione in persone giuridiche private di enti gestori di forme

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI

COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI COMUNICAZIONE UNICA ISTRUZIONI COMPILAZIONE MODULISTICA GESTIONE PREVIDENZIALE COMMERCIANTI AUTONOMI PREMESSA I contributi previdenziali da lavoro autonomo derivano dallo svolgimento dell attività di impresa

Dettagli

ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD

ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD ASPETTI ECONOMICI, CONTABILI E DICHIARATIVI DELLE ASD Latina, 18 dicembre 2015 Dott. Massimiliano Lucaroni COSTITUZIONE DI UNA ASD - artt. 36 e seguenti del Codice Civile - per accedere ai benefici fiscali,

Dettagli

Pier Giorgio BEDOGNI Salvatore PETROZZINO

Pier Giorgio BEDOGNI Salvatore PETROZZINO Pier Giorgio BEDOGNI Salvatore PETROZZINO 1 CONTESTO DI MERCATO Il numero di Professionisti censiti dagli attuali Albi di categoria accredita una presenza complessiva di oltre 1,9 milioni di unità. I dati

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

GESTIONE SEPARATA ENPAPI FAQ RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI DEI COMMITTENTI

GESTIONE SEPARATA ENPAPI FAQ RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI DEI COMMITTENTI GESTIONE SEPARATA ENPAPI FAQ RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI DEI COMMITTENTI Qual è l ambito di applicazione della nuova normativa previdenziale? A decorrere dal 1 gennaio 2012 sono iscritti alla Gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA Art.1 Oggetto Il presente regolamento è emanato in attuazione dell art. 3-bis, comma 5, D. Lgs. 13/08/2011,

Dettagli

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il trasferimento di azienda farmacia Requisiti

Dettagli

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani Novità del Collegato Lavoro Dott. Massimo Brisciani Disposizioni varie in materia di previdenza ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DALL ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE art. 43 A decorrere dal 1 gennaio 2010, ai fini

Dettagli

Schema di decreto del Ministro della giustizia concernente Regolamento recante disposizioni per l accertamento dell esercizio della professione, a

Schema di decreto del Ministro della giustizia concernente Regolamento recante disposizioni per l accertamento dell esercizio della professione, a Schema di decreto del Ministro della giustizia concernente Regolamento recante disposizioni per l accertamento dell esercizio della professione, a norma dell articolo 21, comma 1, della legge 31 dicembre

Dettagli

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna -

Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - Testo coordinato del Regolamento sulle modalità di ripartizione dei proventi di cui all Art. 66 del DPR 382/80 derivanti da attività di ricerca e consulenza, eseguite mediante contratti e convenzioni stipulati

Dettagli

DOMANDA 5 DOMANDA 6 DOMANDA 7

DOMANDA 5 DOMANDA 6 DOMANDA 7 DOMANDA 1 Contribuzione alla gestione separata Il soggetto A cita in giudizio il soggetto B chiedendo al giudice di riconoscere l'esistenza di un rapporto di lavoro ed il diritto alla corresponsione di

Dettagli

Circolare N.38 del 28 Febbraio 2013

Circolare N.38 del 28 Febbraio 2013 Circolare N.38 del 28 Febbraio 2013 A rischio la collaborazione a progetto per le attività di promoter, contratto valido per ONG/ONLUS A rischio la collaborazione a progetto per le attività di promoter,

Dettagli

Fatture Professionisti

Fatture Professionisti Fatture Professionisti INTRODUZIONE I redditi di lavoro autonomo sono individuati dall'articolo 53 del Tuir, con la importante distinzione tra quelli derivanti dall'esercizio di arti e professioni e quelli

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE

PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE PROFILI FISCALI DELLE ATTIVITA MEDICHE a cura Antonino Pernice L attività medica può essere esercitata: alle dipendenze di un ente ospedaliero o di una casa di cura (Medico dipendente); in qualità di libero

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88 /E

RISOLUZIONE N. 88 /E RISOLUZIONE N. 88 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 ottobre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Fatturazione e regime fiscale dei compensi da versare ai medici, dipendenti

Dettagli

RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI

RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI RIORDINO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI Schema di decreto legislativo recante il testo organico delle tipologie contrattuali e la revisione della disciplina delle mansioni in attuazione della Legge delega

Dettagli

Circolare Inail 42 del 5 settembre 2012: Rivalutazione del minimale e del massimale di rendita a decorrere dal 1 gennaio 2012.

Circolare Inail 42 del 5 settembre 2012: Rivalutazione del minimale e del massimale di rendita a decorrere dal 1 gennaio 2012. Organo: DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI - DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI Documento: Circolare n. 13 del 19 febbraio 2013 Oggetto: Collaborazione coordinata e continuativa a progetto a lla

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli

In collaborazione con L A.GI.FOR.

In collaborazione con L A.GI.FOR. MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Nota n. 3 del 5 maggio 2009 Versamento dell IVA dopo la riscossione del

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile

PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile PRESTAZIONE DI LAVORO AUTONOMO OCCASIONALE ART. 2222 del codice civile Tra L Università di, Dipartimento di con sede in alla Via, codice fiscale, in persona del rappresentante legale sig., di seguito denominata

Dettagli

Comunicazioni obbligatorie ai Centri per l Impiego

Comunicazioni obbligatorie ai Centri per l Impiego Comunicazioni obbligatorie ai Centri per l Impiego La Legge finanziaria n. 296/2006 ha introdotto, a partire dal 1 gennaio 2007, l obbligo di comunicare al Centro per l Impiego le assunzioni, le trasformazioni

Dettagli

VK27U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore

VK27U. ntrate. genzia PERIODO D IMPOSTA 2013. Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2013 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore 2014 VK27U 58.21.00 Edizione di giochi per computer; 58.29.00 Edizione

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

lavoro a progetto partite iva associazione in partecipazione

lavoro a progetto partite iva associazione in partecipazione MERCATO DEL LAVORO: FLESSIBILITÀ IN entrata 4 lavoro a progetto partite iva associazione in partecipazione a cura di Cristian Valsiglio IN COLLABORAZIONE CON LA RIFORMA DEL LAVORO CONTRATTO A PROGETTO,

Dettagli

La Libera Professione Guida sintetica

La Libera Professione Guida sintetica INSERTO SPECIALE I.R. Giugno 2007 - N. 35 COLLEGIO INFERMIERI PROFESSIONALI ASSISTENTI SANITARI VIGILATRICI D INFANZIA DELLA PROVINCIA DI COMO Ist. ai sensi Legge 29-10-54 n. 1049 La Libera Professione

Dettagli

RESPONSABILITA TRIBUTARIE NEI CONTRATTI DI APPALTO 4. RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI TRASPORTO

RESPONSABILITA TRIBUTARIE NEI CONTRATTI DI APPALTO 4. RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI TRASPORTO NEWSLETTER n.19 13 febbraio 2015 RESPONSABILITA TRIBUTARIE NEI CONTRATTI DI APPALTO E RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI TRASPORTO ALLA LUCE DELLE NOVITA DEL DECRETO SEMPLIFICAZIONI E DELLA LEGGE

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

IL LAVORO DEI SOCI NELL IMPRESA

IL LAVORO DEI SOCI NELL IMPRESA IL LAVORO DEI SOCI NELL IMPRESA Il rapporto di lavoro Le implicazioni contributive Rapporto di lavoro Il socio prestatore d opera Il socio lavoratore Il socio amministratore della società Le collaborazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli