Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale"

Transcript

1 DELIBERAZIONE PRESIDENZIALE N. 109 / 2017 Il sottoscritto Presidente dell Autorità Portuale di Ravenna, Vista la Legge 28 gennaio 1994 n. 84 "Riordino della legislazione in materia portuale" e successive modificazioni e integrazioni; Visto il D.Lgs , n. 169 Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione della disciplina concernente le Autorità portuali di cui alla legge 28 gennaio 1994, n. 84, in attuazione dell'articolo 8, comma 1, lettera f), della legge 7 agosto 2015, n. 124 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie Generale n.203 del ); Visto il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti prot.n. 416 del , notificato in pari data, con cui il dott. Daniele Rossi è stato nominato Presidente dell Autorità di Sistema Portuale per la durata di un quadriennio; Visto il bilancio di previsione dell'autorità Portuale di Ravenna per l'esercizio finanziario 2017, adottato con Delibera del Comitato Portuale n. 20 del ed approvato ai sensi dell art. 12 della L. 84/94 dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con nota n del , ns. prot del ; Visto il Regolamento di amministrazione e contabilità dell Autorità Portuale di Ravenna approvato dall'ente con Delibera di Comitato Portuale n. 2 del e dal Ministero dei Trasporti con nota del rif. M_TRA/DINFR/Prot. n (ns. prot. n del ), così come modificato con Delibere di Comitato Portuale n. 18 del e n. 12 del ; Visto, inoltre il "Regolamento di organizzazione e di funzionamento della segreteria tecnico-operativa dell'autorità Portuale di Ravenna" approvato con Delibera Presidenziale n. 167 del ; Visto il D. Lgs. 25 maggio 2016, n. 97 in materia di Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, ai sensi dell articolo 7 della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche ; Viste la Determinazione A.N.A.C. n. 12 del recante l Aggiornamento 2015 al Piano Nazionale Anticorruzione, con le indicazioni integrative e chiarimenti rispetto ai contenuti del Piano Nazionale Anticorruzione, approvato con delibera 11 settembre 2013, n. 72 (PNA), nonché la Delibera A.N.A.C. n. 831 del 3 agosto 2016 e n contenente le Prime linee guida recanti indicazioni sull attuazione degli obblighi di pubblicità, di trasparenza e diffusione di informazioni contenute nel D. Lgs. 33/2013 come modificato dal D. Lgs. 97/2016 ; Vista il Piano triennale per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza dell'autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centro settentrionale, approvato con Delibera del Presidente n. 9 del ; Vista la normativa vigente in materia di appalti pubblici ed in particolare il D.Lgs , n. 50 Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d appalto degli enti erogatori nei settori dell acqua, dell energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 91 del 19 aprile 2016 Suppl. Ord. n. 10, in vigore dal 19 aprile 2016, che sostituisce il D.Lgs n. 163 e parte del D.P.R n. 207;

2 Visto, in particolare, l art. 216 del D.Lgs. 50/2016, recante Disposizioni transitorie, di coordinamento e abrogazioni, il quale disciplina il regime transitorio, in attesa dell entrata in vigore degli atti attuativi della nuova normativa; Visto il D.P.R n.207 Regolamento di esecuzione ed attuazione del D.Lgs n.163 e s.m.i., per le parti vigenti ai sensi dell art. 216 del D.Lgs. 50/2016, recante Disposizioni transitorie, di coordinamento e abrogazioni, di cui sopra; Viste le Linee guida di attuazione del D.Lgs. 50/2016 emanate dall ANAC; Viste, in particolare, le Linee Guida n. 3, recanti «Nomina, ruolo e compiti del responsabile unico del procedimento per l affidamento di appalti e concessioni», adottate dall ANAC con Delibera n del (pubblicate nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 273 del ) e le Linee Guida n. 5, recanti Criteri di scelta dei commissari di gara e di iscrizione degli esperti nell Albo nazionale obbligatorio dei componenti delle commissioni giudicatrici, adottate dall ANAC con Delibera n del (pubblicate nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 283 del ); Vista la Delibera del Comitato Portuale n. 10 del con la quale sono stati approvati gli elaborati relativi al progetto della «Concessione di servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020» e le modalità di affidamento mediante esperimento di procedura aperta ai sensi dell art. 60 del D.Lgs. 50/2016, richiamato dall art. 164, co. 2, del D.Lgs. 50/2016, ed aggiudicazione col criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 95 del D.Lgs. 50/2016, richiamato dall art. 164, comma 2, del D.Lgs. 50/2016, per un costo complessivo del servizio pari ad ,08 ed un quadro economico pari a ,00, nonché il correlato impegno di spesa; Vista la Delibera del Comitato Portuale n. 14 del di approvazione del progetto rivisitato della «Concessione e Servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020», che configura un contratto misto per appalto e concessione di servizi da aggiudicarsi, ai sensi dell art. 169 co.9 del D.Lgs. 50/2016, in conformità con le disposizioni che disciplinano gli appalti nei settori ordinari, per un importo stimato complessivo quadriennale dell'affidamento di ,82 (di cui ,80 quale importo del servizio ed ,12 quale valore stimato della concessione, al quale vanno sommati ,90 di oneri per la sicurezza da interferenza non soggetti a ribasso) ed un nuovo Quadro Economico complessivamente ammontante in ,50, e di conferma delle modalità di affidamento già approvate con Delibera del Comitato Portuale n.10 del mediante esperimento di procedura aperta ai sensi dell art. 60 del D.Lgs. 50/2016 ed aggiudicazione con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa; Considerato che il bando di gara per la «Concessione e Servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020» è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea n. S35 del , sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana V Serie Speciale - Contratti Pubblici n. 21 del , nonché, in pari data, sul Profilo di committente, sulla sezione Amministrazione Trasparente e sull Albo Pretorio di questa Autorità, sull Albo Pretorio del Comune di Ravenna e sui siti informatici di cui all art. 2 del D.M. 2 dicembre 2016;

3 Considerato che l estratto di bando di gara è stato pubblicato sul quotidiano Avvenire in data , in data su Gazzetta Aste e Appalti, e in data sui quotidiani Il Resto del Carlino e Emilia Romagna Finanza ; Tenuto conto che, a seguito delle pubblicazioni di cui sopra, il termine ultimo per il ricevimento delle offerte della procedura in oggetto era fissato alle ore del ; Vista la Determinazione Tecnica n. 14 del , con la quale - per le motivazioni espresse nel relativo atto - è stata disposta la proroga alle ore del del termine ultimo per il ricevimento delle offerte della procedura in oggetto, oltre che degli termini a questo correlati, disponendo la pubblicazione dell Avviso di proroga, nel rispetto della par condicio tra i potenziali concorrenti, onde garantire una corretta formulazione dell offerta; Visto l Avviso di proroga pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana V Serie Speciale - Contratti Pubblici n. 32 del , nonché, in pari data, sul Profilo di committente, sulla sezione Amministrazione Trasparente e sull Albo Pretorio di questa Autorità, sull Albo Pretorio del Comune di Ravenna e sui siti informatici di cui all art. 2 del D.M. 2 dicembre 2016, con cui è stato prorogato il termine per il ricevimento delle offerte della procedura in oggetto alle ore del ; Preso atto che, per effetto dell Avviso di proroga di cui sopra, la seduta pubblica originariamente prevista per il giorno , ore 10.00, è stata posticipata al giorno , ore 10.00; Dato atto che alle ore del è scaduto il termine per la presentazione delle offerte stabilito nel bando, come sopra prorogato, e che, entro tale termine sono pervenute n. 3 offerte; Vista la Delibera Presidenziale n. 77 del con cui è stata nominata una Commissione di gara per l espletamento delle procedure amministrative relative all affidamento del contratto in oggetto, l esame della regolarità formale della documentazione amministrativa, la verifica della sussistenza dei requisiti e delle condizioni di partecipazione in capo agli operatori economici concorrenti, e la successiva proposta di aggiudicazione, rimandando a successivo atto la nomina della Commissione giudicatrice per la scelta dell'offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art.77 e 216 co. 12 del D.Lgs. 50/2016; Visto l art. 77 del D.Lgs. 50/2016 il quale prevede che, per le ipotesi di affidamenti con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, la valutazione delle offerte dal punto di vista tecnico ed economico sia affidata ad una commissione giudicatrice, composta da esperti nello specifico settore cui afferisce l oggetto del contratto; Viste, in particolare, le previsioni del co. 3 del suddetto art. 77 del D.Lgs. 50/2016; Visto, inoltre, il co. 12 del sopracitato art. 216 del D.Lgs. 50/2016, recante Disposizioni transitorie, di coordinamento e abrogazioni, il quale stabilisce che fino alla adozione della disciplina in materia di iscrizione all'albo di cui all'articolo 78, la commissione giudicatrice continua ad essere nominata dall'organo della stazione appaltante competente ad effettuare la scelta del soggetto affidatario del contratto, secondo regole di competenza e trasparenza preventivamente individuate da ciascuna stazione appaltante ; Vista la Determinazione Tecnica n.27 del con cui il Direttore Tecnico e Responsabile unico del Procedimento, ad esito della valutazione dei requisiti soggettivi, economico-finanziari e tecnico-professionali in capo agli operatori economici concorrenti, nonché della documentazione amministrativa da essi presentata, ha approvato gli atti di gara e le attività preliminari di valutazione e ammissione dei concorrenti svolte dalla Commissione di gara e si

4 è determinato, per le motivazioni ivi esposte, nel senso di ammettere alle successive fasi della procedura tutti i n. 3 operatori economici concorrenti; Tenuto conto che, conclusasi la fase di esame della documentazione amministrativa e di verifica della sussistenza dei requisiti e del rispetto delle condizioni di partecipazione, è necessario procedere con l esame e la valutazione delle offerte tecniche degli operatori economici concorrenti ammessi alla successiva fase della procedura, secondo quanto previsto dalla vigente normativa e dal bando/disciplinare di gara di gara; Considerato che l ha necessità, pertanto, di avvalersi di una apposita Commissione giudicatrice, composta da esperti nello specifico settore cui afferisce l oggetto del contratto, in possesso delle idonee professionalità e competenze tecniche specialistiche, per la scelta dell'offerta economicamente più vantaggiosa, con il compito di esaminare e valutare le offerte tecniche e di attribuire i relativi punteggi, procedere alla valutazione delle offerte economiche, attribuendo i relativi punteggi, redigere la graduatoria degli operatori economici concorrenti ed, altresì, individuare, ai sensi dell art. 97, co. 3, del D.Lgs. 50/2016 le offerte anomale e, ove necessario, supportare il Responsabile Unico del Procedimento nella relativa verifica, secondo quanto previsto dalla vigente normativa e dal bando/disciplinare di gara; Ritenuto opportuno, ai sensi dell art. 216, co. 12, del D.Lgs. 50/2016 di procedere alla nomina della Commissione giudicatrice per la scelta dell'offerta economicamente più vantaggiosa secondo i tradizionali criteri di competenza e trasparenza stabiliti da questa ; Ritenuto opportuno che la Commissione giudicatrice, ai sensi dell art. 77, co. 2, del D.Lgs. 50/2016 sia composta da numero tre componenti dotati della necessaria professionalità e competenze tecniche specialistiche, considerata la natura del contratto da affidare; Dato atto che i soggetti, come sopra individuati, all uopo interpellati per le vie brevi, hanno dichiarato la loro disponibilità alla nomina quali componenti della Commissione giudicatrice in questione; Dato atto che, ai sensi dell art. 77, co. 4 del D.Lgs. 50/2016, i componenti della Commissione giudicatrice non hanno svolto alcun altra funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta; Dato atto che tutti i componenti della Commissione giudicatrice sono tenuti a produrre le dichiarazioni di non sussistenza di nessuna delle incompatibilità di cui ai commi 4, 5 e 6 dell art. 77 del D.Lgs. 50/2016, nonché delle altre condizioni di inconferibilità dell incarico o di incompatibilità, cause di astensione o situazioni di conflitto di interesse, anche potenziale, previste della normativa vigente, ed ostative ai fini dell incarico di Commissario in seno alla Commissione giudicatrice dell appalto in oggetto, e che l attività dei Commissari deve svolgersi nel rispetto delle prescrizioni e degli obblighi del "Codice di Comportamento dell'autorità Portuale di Ravenna"; Dato atto che i dipendenti di questa designati svolgeranno l attività nella Commissione giudicatrice durante l orario di servizio; DELIBERA - di nominare, ai sensi e per gli effetti dell art. 77 e 216, co. 12, del D.Lgs. 50/2016 per l espletamento delle procedure amministrative nell ambito dell affidamento del contratto per la «Concessione e Servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020», la sottoelencata Commissione giudicatrice:

5 Ing. Stefano Pasi Presidente (in forza all Area Progetti e Gestione Interventi) Ing. Marco Farinatti Componente (in forza all Area Progetti e Gestione Interventi) Geom. Giorgio Turchetti Componente (in forza all Area Progetti e Gestione Interventi) La Commissione giudicatrice procede ad esaminare e valutare le offerte tecniche degli operatori economici concorrenti e di attribuire i relativi punteggi, secondo quanto previsto dagli atti di gara. Sarà in capo a tale Commissione procedere alla valutazione delle offerte economiche, attribuendo i relativi punteggi secondo quanto previsto dagli atti di gara, e redigere la graduatoria degli operatori economici concorrenti. E, altresì, in capo alla suddetta Commissione il compito di individuare, ai sensi dell art. 97, co. 3, del D.Lgs. 50/2016, le eventuali offerte anomale e, ove necessario, supportare il responsabile Unico del Procedimento nella relativa verifica. - di delegare il Responsabile Unico del Procedimento, Dott. Ing. Fabio Maletti, ad adempiere agli obblighi di trasparenza di cui all art. 29, co.1, del D.Lgs. 50/2016. Quanto sopra nel pieno rispetto della vigente normativa in materia di pubblici appalti di lavori, nonché di quanto previsto dalla documentazione di gara. Ravenna lì, Il Presidente Daniele Rossi* Il Responsabile dell Ufficio Legale - Davide Gennari* Il Direttore Tecnico e Responsabile Unico del Procedimento - Fabio Maletti* Il Segretario Generale Paolo Ferrandino* *Firma autografa su originale, conservato presso l' del Mare Adriatico centro settentrionale e sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell'art.3 D.Lgs. 39/1993 T\DP_17_000_1610_Pulizie aree comuni_nomina Commissione giudicatrice.docx

6 Al Presidente Daniele Rossi Oggetto: Progetto n Procedura aperta per la «Concessione e Servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020» (CIG A00) Nomina Commissione giudicatrice ai sensi dell art. 77 e 216, co. 12, del D.Lgs. 50/2016 Ai sensi della vigente normativa, con riferimento alla procedura aperta per l affidamento della «Concessione e servizio di pulizia delle aree comuni e manutenzione delle aree verdi nel pubblico demanio marittimo del porto canale di Ravenna nonché nelle aree in gestione all Autorità Portuale di Ravenna per gli esercizi 2016/2020», da aggiudicarsi con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, essendosi conclusa la fase di esame della documentazione amministrativa e di verifica della sussistenza dei requisiti e del rispetto delle condizioni di partecipazione, si rende necessario nominare una Commissione giudicatrice per la scelta dell'offerta economicamente più vantaggiosa, ai sensi dell art. 77, del D.Lgs. 50/2016, di cui si sia verificata la sussistenza dei presupposti di legge e valutata positivamente la competenza in relazione ai rispettivi ruoli nell ambito delle procedure per l affidamento di cui all oggetto, come da Delibera allegata. Data e firma del Responsabile Unico del Procedimento: Fabio Maletti* Il Segretario Generale Paolo Ferrandino* data Firma:..... Conformità amministrativa (se richiesta): Claudia Toschi data Firma:.. /... Visto di legittimità (se richiesto): Davide Gennari* data Firma: *Firma autografa su originale, conservato presso l' del Mare Adriatico centro settentrionale e sostituita da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell'art.3 D.Lgs. 39/1993