La stele di Rosetta di SAS, R, SPSS e STATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La stele di Rosetta di SAS, R, SPSS e STATA"

Transcript

1 La stele di osetta di,, e Versione Aprile 2007 Silvia Sartorelli Dipartimento di Scienze Statistiche, Università degli Studi di Padova 1

2 Questa opera viene rilasciata sotto la licenza Creative Commons: Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia. Il fruitore è libero di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera e di modificare quest'opera. Alle seguenti condizioni: deve attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ha dato l'opera in licenza; non si può usare quest'opera per fini commerciali; se si altera o trasforma quest'opera, o se la si usa per crearne un'altra, si può distribuire l'opera risultante solo con una licenza identica a questa. Ogni volta che si usa o si distribuisce quest'opera, si deve farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza. In ogni caso, si può concordare col titolare dei diritti d'autore utilizzi di quest'opera non consentiti da questa licenza. Nothing in this license impairs or restricts the author's moral rights. 2

3 Introduzione Una delle cose più belle del mio lavoro è che imparo tante cose. Una di quelle più brutte è che le cose da imparare sono così tante e da imparare così in fretta che poi è facile dimenticarle. Ho raccolto in questa dispensa alcune cose che ho imparato a proposito dei principali pacchetti statistici usati nella Facoltà di Scienze Statistiche; è una specie di riassunto delle operazioni più frequenti, tradotte nei vari linguaggi. Nelle mie intenzioni dovrebbe essere uno strumento schematico, agile e di veloce consultazione per dare al lettore che già conosce (almeno un po', almeno uno tra) i pacchetti un suggerimento che gli permetta di procedere velocemente nel proprio lavoro. L'ho strutturato avendo in mente chi, come me, conosce abbastanza bene un pacchetto ma deve usarne (o vuole impararne) anche altri, nella speranza di dare una spinta a chi si trova nelle fasi di approccio ad un nuovo strumento, ma desidera lavorare subito (o quasi). I programmi che ho preso in considerazione sono: 9.1: pacchetto molto potente e complesso basato su un modulo Base e diversi moduli aggiuntivi (ad esempio STAT, IML, GAPH, ETS, etc). ichiede la conoscenza del proprio linguaggio di programmazione perché l'attuale gestione a finestre di dialogo secondo me non è ancora sufficientemente completa e amichevole. 2.3: pacchetto a linea comando, open source, completo e interessante; carica all'avvio una serie di funzioni base a cui si possono aggiungere funzioni tramite librerie aggiuntive di interesse; ha notevoli potenzialità grafiche complesse ed eleganti. 9: nasce a linea comando con il proprio linguaggio ma attualmente può essere utilizzato ampiamente tramite l'interfaccia a menù e finestre di dialogo. 14: pacchetto amichevole che ormai viene utilizzato quasi unicamente tramite l'interfaccia a menù e finestre di dialogo e per questo privilegiato in molti ambienti in cui c'è scarsa preparazione statistico-informatica. ingrazio quanti mi hanno già aiutato con suggerimenti, consigli e correzioni e quanti lo faranno in futuro; in particolare ringrazio Alberto Cammozzo, Stefano Mazzuco e Guido Masarotto, al quale devo anche l'idea per il bellissimo titolo. Notazione La dispensa è formata da schede; ogni scheda presenta un titolo che riporta l'operazione che verrà presa in considerazione, quindi una breve descrizione dell'operazione e infine come svolgerla nei quattro programmi presi in considerazione. Il codice è scritto in courier new e per riferirmi agli argomenti dei comandi ho cercato di inventare dei nomi autoesplicativi. I percorsi tra le voci dei menù sono evidenziati tramite una sottolineatura ed i passaggi da una voce all'altra tramite un doppio segno maggiore (>>). L'ultima scheda funge anche da indice. 3

4 Scheda 1 - Avvertenze sull'uso dei programmi all'avvio si aprono 5 finestre tra cui l'editor che è l'area in cui scrivere e/o caricare i programmi in linguaggio da mandare successivamente in esecuzione tramite il tasto F8 oppure l'icona dell'omino che corre oppure dal menù Esegui>>Sottometti 1 non è case-sensitive ogni riga di comando deve finire con un ; (punto e virgola) comandi diversi possono essere scritti sulla stessa riga, oppure un comando può continuare sulla riga successiva ma le parole non devono essere spezzate il codice può iniziare in qualsiasi colonna dell'editor le parole che compongono un comando devono essere isolate da uno spazio o da un operatore i nomi di variabili e dataset possono essere formati con un numero di caratteri da 1 a 32, il primo carattere deve essere una lettera o il sottolineato (_) ed i caratteri seguenti possono essere lettere, numeri o sottolineati, non vi possono invece comparire spazi all'interno ci si riferisce ai comandi che riguardano la manipolazione dei dataset (e che costituiscono il linguaggio vero e proprio) come comandi di DATA STEP mentre le procedure vengono genericamente definite POC STEP I comandi opzionali sono riportati tra i segni di maggiore e minore (<...>) all'avvio si apre una sola finestra che propone un prompt (>) per l'immissione di linee di comando che si mandano in esecuzione con l'invio ( ). E' possibile anche caricare programmi già memorizzati in un file è case-sensitive per i nomi delle variabili sono permesse lettere, numeri, il punto (.) e il sottolineato (_) con la restrizione che il primo carattere dev'essere il punto o una lettera e, nel caso del punto, il secondo carattere non può essere un numero; inoltre sono escluse alcune parole che sono parole riservate è basato su un linguaggio orientato agli oggetti che può essere arricchito anche dall'utente finale l'area di lavoro per si chiama workspace e contiene tutti gli oggetti necessari (dati, risultati delle elaborazioni, etc.) per lavorare; ogni cosa in è un oggetto e ogni oggetto ha delle proprietà (modo, lunghezza,...) ed appartiene ad una classe in particolare ci riferiremo agli oggetti data.frame che sono matrici di dati in cui le colonne sono di tipi non necessariamente uguali 1 Traduzione dell'inglese Submit 4

5 Scheda 1 - Avvertenze sull'uso dei programmi all'avvio si aprono 4 finestre tra cui Command in cui si scrivono le linee di comando che si mandano in esecuzione con l'invio ( ). E' possibile caricare programmi già memorizzati in un file oppure ottenere le stesse funzioni tramite menù e finestre di dialogo è case-sensitive e quasi tutti i comandi sono in minuscolo i nomi di comandi e variabili devono essere al massimo di 32 caratteri (caratteri, numeri e il sottolineato in cui il primo elemento è preferibilmente un carattere) è possibile usare abbreviazioni fintanto che non si creino ambiguità su ciò a cui ci si riferisce (il comando describe si può abbreviare con d, la finestra di sintassi di ciascun comando indica l'abbreviazione minima consentita tramite una sottolineatura) all'avvio si apre la finestra dei dati che si presenta vuota. Attualmente in ci si muove prevalentemente tramite menù e finestre di dialogo ma è possibile accedere ad una finestra di sintassi (File>>Nuovo>>Sintassi) in cui scrivere e/o caricare programmi in codice da mandare in esecuzione tramite menù: Esegui>>... oppure con l'icona con la freccetta (che corrisponde a Esegui>>Corrente) non è case-sensitive i nomi delle variabili possono essere formati con un numero di caratteri da 1 a 64, devono iniziare con una lettera e i caratteri successivi possono essere lettere, numeri o simboli, esclusi!,?,',* e lo spazio; inoltre sono escluse alcune parole che sono parole riservate ciascun comando deve terminare con un punto oppure deve essere seguito da una linea vuota per specificare un singolo comando è possibile utilizzare un numero illimitato di righe; è possibile aggiungere uno spazio o delle interruzioni di riga in qualsiasi punto in cui sia ammesso l'utilizzo di un singolo spazio vuoto, come prima e dopo le barre, le parentesi e gli operatori aritmetici o tra i nomi di variabili la maggior parte dei sottocomandi vengono separati da barre (/). La barra che precede il primo sottocomando di un comando è in genere opzionale 5

6 Scheda 2 - Help Per ottenere aiuto sui comandi L'intera documentazione riguardante è adesso accessibile dal programma stesso. Scegliendo dal menù?>>guida e documentazione viene avviata una apposita finestra con le schede Sommario (l'intero help per capitoli), Indice (tutti i comandi e la maggior parte delle problematiche d'interesse in ordine alfabetico con finestra di ricerca) e Cerca (finestra di ricerca che poi riporterà tutti gli argomenti collegati alla stringa richiesta). Data la vastità della documentazione, spesso le operazioni di ricerca riportano centinaia di argomenti ed è necessario particolarizzare la stringa di ricerca collegando più termini tramite gli operatori logici. help(comando), ed il suo equivalente?comando, aprono una nuova finestra che contiene una guida sul comando specificato. Altri comandi di aiuto interessanti sono: apropos( stringa ) che restituisce una lista di tutti gli oggetti il cui nome contiene la stringa richiesta e help.search( stringa ) che cerca la stringa specificata in tutta la documentazione ossia tra nomi, titoli, concetti e parole chiave. Una via alternativa è scegliere dalla barra dei menù Aiuto>>Guida Html che apre l'help in un browser e comprende un motore di ricerca (Search Engine & Keywords). 6

7 Scheda 2 - Help Per ottenere aiuto sui comandi Digitando: help argomento si apre la finestra chiamata Viewer con la lista delle voci inerenti l'argomento specificato, che deve essere un comando; le voci sono link a corrispondenti pagine di help, che a loro volta possono contenere link ad ulteriori pagine. Se non trova una corrispondenza, il programma propone di cercare su tutta la documentazione con il comando search stringa che invece riporta nella finestra esults descrizioni di comandi relativi al termine specificato nella stringa. Il risultato comprende anche articoli dello Technical Bulletin e programmi ottenibili dagli archivi di. Via menù, si può ottenere l'intera guida (Help>>Contents) oppure l'analogo di search (Help>>Search...) o l'analogo di help (Help>>Stata Command...) Scegliendo dal menù?>>argomenti si accede ad una finestra che presenta le schede Sommario (l'intero help per capitoli), Indice (tutti i comandi e la maggior parte delle problematiche d'interesse in ordine alfabetico con finestra di ricerca) e Cerca (finestra di ricerca che poi riporterà tutti gli argomenti collegati alla stringa richiesta). Esiste anche una Guida apida cliccando con il tasto destro sugli elementi di interesse delle varie finestre di lavoro. Infine, scegliendo altre voci del menù d'aiuto è possibile visualizzare esempi, analisi guidate, casi pratici, un aiuto specifico sulla sintassi e documentazione sugli algoritmi implementati. 7

8 Scheda 3 - Diario della sessione di lavoro Ogni programma permette di mantenere traccia delle operazioni compiute durante una sessione di lavoro La finestra di Log riporta tutte le linee di codice mandate in esecuzione, eventuali messaggi di errore oppure la comunicazione del corretto svolgimento delle operazioni richieste. La finestra è di sola lettura ed il contenuto va perduto alla chiusura del programma ma si può salvare in qualunque momento come testo con le consuete operazioni di Salva o Salva con nome. La sequenza dei comandi mandati in esecuzione durante una sessione di lavoro è memorizzata ed accessibile tramite i tasti cursore (Freccia su e Freccia giù). L'intera sequenza di comandi dati, inoltre, è memorizzata in un file di testo con estensione.history che può anche essere riproposta tramite copia e incolla al prompt dei comandi. La sequenza dei comandi mandati in esecuzione durante una sessione di lavoro è memorizzata ed accessibile tramite i tasti Pag+ e Pag-. La finestra esults riporta tutte le linee di codice mandate in esecuzione, eventuali messaggi di errore oppure i risultati delle funzioni richieste. La finestra è di sola lettura ed il contenuto va perduto alla chiusura del programma ma si possono memorizzare tutti comandi inviati ed il relativo output in un file di testo esterno chiamato log-file. La sintassi per la creazione di un file di log è: log using nomefiledilog Si può interrompere e far riprendere la memorizzazione più tardi, riaprirlo e aggiungere o rimpiazzare le informazioni. Le stesse operazioni si possono richiedere via menù: File>>Log>>Begin... Nella finestra Generale evocata dal menù Modifica>>Opzioni è possibile configurare un giornale di sessione (con estensione.jnl) che memorizza tutte le richieste fatte durante una sessione di lavoro, tradotte nel linguaggio di. E' possibile scegliere se sovrascriverlo ad ogni sessione o aggiungere le nuove informazioni che quindi vengono distinte da un titolo che riporta la data in cui sono state memorizzate. 8

9 Scheda 4 - Apri File Per caricare un file di dati che è già nel formato interno del programma L'estensione dei file in formato è.sas7bdat 2. Per accedere ad un file in.sas7bdat è sufficiente usare il comando che crea un collegamento tra e la directory in cui il file si trova: LIBNAME nomelib 'x:\percorsocompletodelladirectory'; Da quel momento si può accedere direttamente al file dalla finestra Explorer del, in cui sarà comparsa un'icona corrispondente a nomelib. Per caricare un file.sas7bdat in un DATA STEP il comando è SET: DATA (nomelib.)nuovofile; SET (nomelib.)filesistente; UN; Per specificare su quale file.sas7bdat vogliamo applicare le operazioni di una data procedura bisogna usare l'opzione DATA= in un POC STEP: POC nomeprocedura DATA=(nomelib.)filesistente;...codice procedura... UN; In non si carica il dataset ma un oggetto (workspace area di lavoro) che contiene anche i dati e ha estensione.data: load( x:\\percorsodirectory\\nome.data ) All'avvio carica l'area di lavoro (e anche la.history) della directory corrente, se esiste. L'ideale è che ciascun progetto abbia una directory dedicata e aprire di volta in volta dove interessa, ritrovando così tutto e solo ciò che si è fatto sul relativo progetto. L'estensione dei file in formato è.dta. Per caricare un file tramite codice bisogna digitare nella finestra Command il comando: use "x:\percorsodirectory\nomefile.dta" Oppure da menù tramite File>>Open... L'estensione dei file in formato è.sav e si può scegliere di aprire il file dal menù File>>Apri>>Dati. Per caricare un file tramite codice bisogna evocare la finestra di sintassi (dalla barra dei menù: File>>Nuovo>>Sintassi) e dare i comandi: GET FILE='x:\percorsodirectory\nomefile.sav'. 2 Nella versione 6 era.sd2 e precedentemente.ssd 9

10 Scheda 5 - Acquisizione File ASCII - formato libero Per acquisire file ASCII che si presentano in formato libero oppure in formato colonna ma con un delimitatore ed un simbolo per i dati mancanti. In tutti i casi è sufficiente specificare la lista dei nomi (validi) delle variabili nella giusta sequenza. Per acquisire dati in formato libero in : DATA nomedatset; INFILE 'x:\percorso\filedaacquisire.txt' ; INPUT v1 v2 v3...; UN; nomedati<-read.table("x:\\percorso\\filedaacquisire.txt") Se la prima riga presenta i nomi delle variabili e la prima colonna un'etichetta di riga non occorrono ulteriori specificazioni altrimenti bisogna utilizzare le opzioni opportune (vedi scheda 6). Il comando read.table() non è il comando giusto per acquisire grandi matrici, soprattutto quelle con molte colonne; read.table() infatti è stato pensato per leggere dataset che presentano colonne di classi differenti (e infatti nomedati sarà di classe data.frame). Negli altri casi è meglio usare scan(). Si noti che l'operatore di assegnazione è formato dai due caratteri < e -. In molti contesti, però, è possibile utilizzare il più comune operatore =. Il comando è: infile v1 v2 v3 using "x:\percorso\filedaacquisire.txt", clear Oppure si può usare il menù File>>Import>>Unformatted ASCII data, che evoca una finestra di dialogo da compilare. Si può scegliere dal menù File>>Leggi dati testo... che evoca un wizard in cui specificare le caratteristiche del file da acquisire. Il corrispondente codice è: GET DATA /TYPE = TXT /FILE = 'x:\percorsofiledaacquisire.txt' /VAIABLES = v1 v2 v3.... EXECUTE. 10

11 Scheda 6 - Acquisizione File ASCII - formato colonna Per acquisire file ASCII che si presentano in formato colonna. Subito dopo il nome della variabile va specificato il numero di colonna o il range di colonne corrispondenti nel dataset ASCII. DATA nomedataset; INFILE 'x:\percorso\filedaacquisire.txt' ; INPUT var1 1-2 var2 5 var ; UN; Il comando è read.fwf() (dove fwf sta per fixed-width-format) nomedati<-read.fwf("x:\\percorso\\filedaacquisire.txt", widths, sep= ) Con width=c(dim1, dim2,...) si definiscono le dimensioni delle variabili nell'ordine in cui si presentano e con sep qual è il separatore tra loro. Il comando è: infix var1 1-3 var2 4 using "x:\percorso\filedaacquisire.txt" Oppure da menù File>>Import>>ASCII data in fixed format, che evoca una finestra di dialogo da compilare. Dal menù File>>Leggi dati testo... evoca un wizard in cui specificare le caratteristiche del file da acquisire. Per indicare il range delle colonne, al quarto passo (dei sei) del wizard si inserisce una freccetta (cliccando con il mouse) tra le colonne di numeri 3. Il corrispondente codice è: GET DATA /TYPE = TXT /FILE = 'x:\percorso\filedaacquisire.txt' /AANGEMENT = FIXED /VAIABLES = var1 0-4 var2 5-6 var EXECUTE. 3 Quando le variabili sono di una sola colonna è molto difficile ottenerle correttamente con lo strumento grafico del wizard, meglio (o addiruttura necessario) passare per la sintassi. 11

12 Scheda 7 - Opzioni per l'acquisizione di file ASCII Se la prima osservazione non è sulla prima riga FISTOBS= numero di riga (opzione di INFILE) skip=numero righe da saltare /FISTCASE= numero di riga Variabili carattere 4 $ dopo il nome della variabile. La dimensione di default è 8, altrimenti bisogna usare il modificatore di formato :#. 5 str# prima del nome della variabile A# dopo il nome della variabile Le date 6 Si usa il modificatore di formato nell'istruzione INPUT dopo il nome della variabile :formatodata. La variabile si acquisisce come fattore e poi si trasforma in data con la funzione as.date() La data viene memorizzata come stringa e poi trasformata con il comando generate e la funzione date() Il formato va specificato dopo il nome della variabile Se c'è una riga con i nomi delle variabili Va saltata indicando dov'è la prima osservazione con FI STOBS= header=t La riga NON deve esserci con infile e infix, DEVE esserci con insheet /EADNAMES = on/off solo con file.xls e il default è on Delimitatore carattere DELIMITE='char' (opzione di INFILE) sep= char /DELIMITES = "char" Delimitatore tabulazione DELIMITE='09'x (opzione di INFILE) sep='\t' read.delim()) (con..., tab (con insheet) /DELIMITES = "\t" 4 # indica il numero che definisce il formato della variabile 5 sia i due punti che il punto fanno parte della sintassi 6 Per i dettagli sui formati si rimanda ai rispettivi manuali 12

13 Scheda 8 - Acquisizione File di altro formato Per acquisire file di formati diversi come ad esempio.xls,.dbf, etc. Il wizard evocato da File>>Importa dati... permette di importare automaticamente dati che siano in formato di varie versioni di Excel, Access, Lotus e dbase. Specularmente, il wizard evocato da File>>Esporta dati... permette di esportare automaticamente dati da in formati di varie versioni di Excel, Access, Lotus e dbase. Il pacchetto aggiuntivo (library) foreign fornisce delle utili funzioni per importare dati da EpiInfo, Minitab, S-PLUS,,, e Systat. Va caricata la libreria e poi utilizzata la funzione necessaria, ad esempio: library(foreign) read.spss() Con write.foreign() è possibile anche esportare in altri formati, attualmente in, e. Per approfondimenti si veda Data Import/Export nella Guida Html oppure dal menù Aiuto>>Manuali (in PDF)>> Data Import/Export. C'è la possibilità di leggere i XPOT Transport format files con fdause. Per altri casi presuppone che si passi per Excel oppure si usi un programma specifico per la trasformazione dei dati da un formato all'altro. Tramite il comando File>>Apri>>Dati... è possibile aprire automaticamente dati di vari formati tra cui file Excel, Lotus, dbase, e. Il comando File>>Salva con nome... invece, permette anche di esportare i dati da in altri formati tra cui Excel, Lotus, dbase, e scegliendo opportunamente l'estensione nel box Salva come. 13

14 Scheda 9 - I dati mancanti considera i dati mancanti come il valore più piccolo memorizzabile e come tale viene considerato nei confronti logici. Operazioni con dati mancanti restituiscono dati mancanti. Di default, nelle procedure le osservazioni con dati mancanti vengono eliminate e le operazioni svolte solo sui dati validi. rappresenta i valori mancanti con NA, ossia Not Available. Operazioni con dati mancanti restituiscono dati mancanti. Le varie funzioni prevedono un'opzione (na.action) tramite la quale si indica come vanno considerati i dati mancanti; il default va verificato caso per caso ed è possibile modificarlo. considera i dati mancanti come il valore più grande memorizzabile e come tale viene considerato nei confronti logici. Operazioni con dati mancanti restituiscono dati mancanti. La maggior parte dei comandi agisce ignorando le osservazioni con uno o più dati mancanti. Operazioni con dati mancanti restituiscono dati mancanti. Di default, nelle procedure le osservazioni con dati mancanti vengono eliminate e le operazioni svolte solo sui dati validi. 14

15 Scheda 10 - inominare Variabili Per cambiare il nome di una variabile in un dataset che è stato acquisito Il comando è: ENAME vecchionome=nuovonome; e va usato in un DATA STEP. Si può ripetere l'istruzione quante volte si desidera oppure scrivere un elenco separato da spazi prima del ;. Tra i molti modi per cambiare i nomi in, forse vale la pena sottolineare quello che richiama la diversa organizzazione e struttura dei dati rispetto agli altri programmi. In questo esempio prima si salvano i nomi delle variabili in un vettore a cui si accede tramite gli indici e poi si riassegna il nuovo vettore di nomi al dataframe a cui si riferiscono: nomivar<-names(dataframe) nomivar[j]<- nuovonome names(dataframe)<-nomivar Naturalmente si possono cambiare anche tutti i nomi definendo il contenuto di nomivar. Se si desidera rinominare una variabile esistente il comando è rename: rename vecchionome nuovonome e si può rinominare una sola variabile alla volta. Nel foglio di Visualizzazione variabili è sufficiente sostituire il vecchio nome con quello nuovo nella colonna che riporta il nome delle variabili. Il codice corrispondente è: ENAME VAIABLES (vecchionome=nuovonome). Si può scrivere un elenco di coppie separato da spazi e ciascuna racchiusa tra parentesi. 15

16 Scheda 11 - Selezione Variabili Per creare un dataset costituito da un sottoinsieme delle variabili originarie Si può scegliere se usare KEEP e/o DOP come comandi, ad esempio: DATA nuovo; SET vecchio; DOP varchenonvoglio1 varchenonvoglio2; UN; oppure come opzioni (in questo caso posso anche creare più dataset contemporaneamente): DATA nuovo1 (KEEP=varchevoglio1 varchevoglio2) nuovo2 (KEEP=varchevoglio1 varchevoglio3); SET vecchio; UN; Considerando di avere i dati in un oggetto di classe data.frame: subset(oggettodataframe,select=c(varchevoglio1, varchevoglio2,...)) Si può procedere anche utilizzando gli indici di colonna: nuovodataframe<-dataframe[,-n] Le parentesi quadre racchiudono gli indici di riga e colonna; nella scrittura riportata n indica il numero della colonna da cancellare e il segno meno (-) prima del numero indica che venga cancellata anziché selezionata. I comandi sono keep e/o drop di seguito ai quali specificare le variabili rispettivamente da tenere o da eliminare: keep varchevoglio1 varchevoglio2 oppure drop varchenonvoglio1 varchenonvoglio2 Oppure da menù Data>>Variable utilities>>keep or drop variables. Lavorando sulla matrice di dati nella finestra principale le variabili si possono eliminare dando il comando di cancella dal menù dopo averle selezionate. In fase di acquisizione è sottointesa l'opzione di tenere tutte le variabili che si presentano ma si può decidere di selezionare quelle di interesse: GET FILE='file.sav' /DOP=varlist 16

17 Scheda 12 - Selezione Osservazioni Per creare un dataset costituito da un sottoinsieme delle osservazioni originarie All'interno di un DATA STEP si scrive la condizione che individua le osservazioni di interesse e si dà il comando per tenerle o per cancellarle: IF condizione <THEN OUTPUT>; /*per tenerle*/ IF condizione THEN DELETE; /*per cancellarle*/ Considerando di avere i dati in un oggetto di classe data.frame: subset(oggettodataframe, condizione) verranno tenute le osservazioni per le quali è vera la condizione specificata. Si può procedere anche utilizzando gli indici di riga: nuovodataframe<-dataframe[condizione,] Le parentesi quadre racchiudono gli indici di riga e colonna; nella scrittura riportata condizione indica la condizione che deve essere verificata perché l'osservazione venga memorizzata in nuovodataframe. Si usano i comandi keep e drop, ponendo una condizione; verranno tenute (o eliminate) le osservazioni per le quali è vera la condizione specificata: keep if condizione drop if condizione Oppure da menù Data>>Variable utilities>>keep or drop observations. Evocando dal menù Dati>>Seleziona casi... si apre una finestra in cui specificare la condizione desiderata. A questo punto si può scegliere tra le varie opzioni, ossia che vengano eliminate le osservazioni non selezionate o che quelle selezionate vengano copiate in un nuovo file o che venga creata una variabile filtro (filter_$) che distingue i casi a seconda che la condizione sia verificata o meno. A questo punto sarà segnalato che il filtro è attivo (sulla barra di stato, in fondo alla finestra dei dati) e qualsiasi operazione successiva avrà effetto sulle osservazioni per le quali la variabile filtro è uguale a 1. Per disattivare il filtro occorre tornare nella finestra di Seleziona casi... e scegliere Tutti i casi. 17

18 Scheda 13 - Condizioni Per specificare condizioni che devono essere verificate prima di compiere una determinata operazione Esistono due possibilità: il comando IF ed il comando SELECT (all'interno di un DATA STEP): IF condizione THEN operazione1;<else operazione2>; oppure: SELECT; WHEN (condizione1) operazione1; WHEN (condizione2) operazione2;... OTHEWISE altraoperazione; END; Se invece si vuole porre la condizione all'interno di un POC STEP si usa il comando: WHEE condizione; Il comando which() restituisce gli indici degli elementi che soddisfano una determinata condizione; possiamo salvarli in un vettore da utilizzare in comandi successivi: which(condizione)->z dataframe$nomevar[z] Qualsiasi condizione inoltre può essere specificata tra parentesi quadre come indicatore di riga e/o colonna. I risultati dell'espressione che indica la condizione saranno appunto gli indicatori di riga e/o colonna per l'oggetto considerato. Un altro comando interessante è ifelse() in cui si specificano una condizione ed il valore da sostituire agli elementi dell'oggetto che la soddisfano e uno per quelli che non la soddisfano. ifelse(condizione,nuovovaloresesì,nuovovaloreseno) 18

19 Scheda 13 Condizioni Per specificare condizioni che devono essere verificate prima di compiere una determinata operazione Ogni comando di prevede l'opzione per specificare una condizione: comando if condizione in questo modo si restringe l'esecuzione di comando a quelle osservazioni per le quali il valore dell'espressione specificata è vera. In tutte le finestre è offerta la possibilità di porre delle condizioni (sottofinestra by/if/in ). Evocando dal menù Dati>>Seleziona casi... si apre una finestra in cui specificare la condizione desiderata. Viene creata una variabile filtro (filter_$) che distingue i casi a seconda che la condizione sia verificata o meno. A questo punto sarà segnalato che il filtro è attivo (sulla barra di stato, in fondo alla finestra dei dati) e qualsiasi operazione successiva avrà effetto sulle osservazioni per le quali la variabile filtro è uguale a 1. Per disattivare il filtro occorre tornare nella finestra di Seleziona casi... e scegliere Tutti i casi. 19

20 Scheda 14 - Ordinamento Per ordinare un dataset secondo una (o più) variabili. La procedura è la POC SOT: POC SOT DATA=originario OUT=ordinato; BY <DESCENDING> variabile1 <variabile2>...; UN; Si può ordinare il dataset secondo più variabili nidificate. Per default l'ordinamento sarà crescente o in ordine alfabetico; l'opzione DESCEN DING prima del nome della variabile indica se l'ordinamento debba essere fatto al contrario. Per ordinare vettori o fattori il comando è sort(). Il default è in ordine crescente, per invertire l'ordine c'è l'opzione descreasing, ad esempio: sort(nomevettore, decreasing=tue) Se invece si desidera ordinare un data.frame secondo una delle variabili presenti il comando è order(): datiordinati<-dataframe[order(dataframe$variabile),] Il comando sort ordina le osservazioni del dataset attivo solo in ordine crescente, secondo la variabile specificata: sort variabile Si può ordinare il dataset secondo più variabili nidificate. Per scegliere se ordinare in modo crescente o decrescente: gsort -variabile Il segno meno davanti al nome della variabile indica che si desidera l'ordine descrescente. Oppure dal menù Data>>Sort>>Ascending sort (per l'ordine crescente) e Data>>Sort>>Ascending e descending sort (per poter scegliere tra ordine crescente e decrescente). Dal menù si può scegliere Dati>> Ordina casi... Il codice corrispondente è: SOT CASES BY variabile (A). (A) indica che l'ordinamento sarà crescente (ascending) ma si può scegliere che sia decrescente (D - descending) 20

21 Scheda 15 - Unione Dataset (aggiungere nuove osservazioni) Per unire in un unico dataset informazioni che vengono da dataset diversi: in questo caso per aggiungere ad un primo dataset nuove osservazioni su cui sono state rilevate le stesse variabili Supponiamo che le stesse variabili siano state rilevate su osservazioni memorizzate in diversi dataset di nome dati1, dati2, etc. DATA nuovo; SET dati1 dati2...; UN; Sia dati1 che dati2 devono essere già in formato.sas7bdat Si possono collegare informazioni memorizzate in oggetti diversi tramite il comando: rbind(dati1, dati2) Se sono data.frame occorre che le variabili abbiano lo stesso nome. Si supponga di avere caricato in memoria dati1 e di voler aggiungere le informazioni memorizzate in dati2: append using dati2 dati2 deve essere già in formato.dta Oppure dal menù Data>>Combine Datasets>>Append datasets. Dal menù Dati>>Unisci file>>aggiungi casi... che evoca una finestra in cui specificare il dataset (caricato o esterno) da aggiungere ed ulteriori dettagli riguardo alle variabili. Il codice corrispondente è: ADD FILES /FILE=* /FILE='x:\percorso\filedaaggiungere.sav'. L'asterisco (*) indica il file corrente. Un'alternativa pratica consiste nell'aggiungere dati da un dataset all'altro utilizzando semplicemente il copia-incolla delle osservazioni di interesse dopo aver aperto i dataset in due finestre. Bisogna però selezionare nel file di destinazione un'area congrua (cioè il numero di righe necessarie). 21

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli

Introduzione a STATA. Silvia Sartorelli. Dipartimento di Scienze Statistiche Università di Padova

Introduzione a STATA. Silvia Sartorelli. Dipartimento di Scienze Statistiche Università di Padova Introduzione a STATA Silvia Sartorelli Dipartimento di Scienze Statistiche Università di Padova Indice 1 Struttura e sintassi 3 1.1 Introduzione.............................. 3 1.2 Indicazioni tipografiche........................

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati.

Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati. 1 Esercitazione Stata 18/11/2011 ore 9-12 Obiettivo: fornire rapidamente una introduzione di base a Stata; risolvere i problemi di inserimento e lettura dei dati. Stata, che cos'è Stata è un software statistico

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori.

Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Introduzione allo Scilab Parte 3: funzioni; vettori. Felice Iavernaro Dipartimento di Matematica Università di Bari http://dm.uniba.it/ iavernaro felix@dm.uniba.it 13 Giugno 2007 Felice Iavernaro (Univ.

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t.

if t>=0 x=1; else x=0; end fornisce, nella variabile x, il valore della funzione gradino a tempi continui, calcolata in t. Il programma MATLAB In queste pagine si introduce in maniera molto breve il programma di simulazione MAT- LAB (una abbreviazione di MATrix LABoratory). Introduzione MATLAB è un programma interattivo di

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

IBM SPSS Statistics 22 - Guida per l'utente del sistema principale

IBM SPSS Statistics 22 - Guida per l'utente del sistema principale IBM SPSS Statistics 22 - Guida per l'utente del sistema principale Nota Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto che supportano, leggere le informazioni in Avvisi a pagina 281. Informazioni

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 Indice generale GUIDA A CALC 3.5... 3 1 Utilizzo dell'applicazione... 3 1.1 LAVORARE CON IL FOGLIO ELETTRONICO...3 1.2 MIGLIORARE LA

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

SCUOLANET UTENTE DOCENTE

SCUOLANET UTENTE DOCENTE 1 ACCESSO A SCUOLANET Si accede al servizio Scuolanet della scuola mediante l'indirizzo www.xxx.scuolanet.info (dove a xxx corrisponde al codice meccanografico della scuola). ISTRUZIONI PER IL PRIMO ACCESSO

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Esempio sull'utilizzo dell'osservatorio Virtuale Gli asteroidi Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Distribuzione degli asteroidi Il Sistema Solare è composto

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo

Dispense di Informatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS. Dal Problema all'algoritmo stituto Tecnico Statale Commerciale Dante Alighieri Cerignola (FG) Dispense di nformatica Anno Scolastico 2008/2009 Classe 3APS Dal Problema all'algoritmo Pr.: 001 Ver.:1.0 Autore: prof. Michele Salvemini

Dettagli

Guida alla WebMail Horde

Guida alla WebMail Horde Guida alla WebMail Horde La funzione principale di un sistema Webmail è quella di gestire la propria posta elettronica senza dover utilizzare un programma client installato sul computer. Il vantaggio è

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi Laboratorio Database Docente Prof. Giuseppe Landolfi Manuale Laboratorio Database Scritto dal Prof.Giuseppe Landolfi per S.M.S Pietramelara Access 2000 Introduzione Che cos'è un Database Il modo migliore

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

STATA. e la BIOSTATISTICA di Norman - Streiner. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@univaq.it

STATA. e la BIOSTATISTICA di Norman - Streiner. Prof. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@univaq.it e la BIOSTATISTICA di Norman - Streiner pierpaolo.vittorini@univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 14 febbraio 2013 Contenuti e obiettivi Breve riassunto applicativo

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 1) Introduzione Pg 3 2) L area amministratore Pg 3 2.1) ECM Pg 4 2.1.1) Sezione Struttura Pg 5 2.1.2) Sezione Documento Pg 7 2.1.3) Sezione Pubblicazione

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

1) Le Espressioni regolari

1) Le Espressioni regolari ESPRESSIONI REGOLARI e FILTRI SED, GREP e AWK 1) Le Espressioni regolari Un'espressione regolare è un modello che descrive un insieme di stringhe. Le espressioni regolari sono costruite, in maniera analoga

Dettagli

Laboratorio di Statistica con Excel

Laboratorio di Statistica con Excel Università di Torino QUADERNI DIDATTICI del Dipartimento di Matematica G. Peano MARIA GARETTO Laboratorio di Statistica con Excel Soluzioni Corso di Laurea in Biotecnologie A.A. 2009/2010 Quaderno # 46

Dettagli