Quando è cronico il dolore assume una

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quando è cronico il dolore assume una"

Transcript

1 TERAPIA ANTALGICA ARTICOLI ORIGINALI MINERVA ANESTESIOL 2002;68: Validazione della versione italiana del Brief Pain Inventory nei pazienti con dolore cronico C. BONEZZI 1, A. NAVA 2, M. BARBIERI 1, R. BETTAGLIO 1, L. DEMARTINI 1, D. MIOTTI 1, L. PAULIN 1 A VALIDATION STUDY OF AN ITALIAN VERSION OF THE BRIEF PAIN INVENTORY IN THE PATIENTS WITH CHRONIC PAIN Background. The purpose of this study has been the validation of an Italian version of the Brief Pain Inventory (BPI), Breve Questionario per la valutazione del Dolore (BQVD), in patients with chronic pain not-caused by neoplastic illness. Methods. The analysis has been proposed to 113 patients affected by different kinds of chronic pain of non-neoplastic origin while hospitalized, both as outpatients or as inpatients. The descriptive analysis of the specimen and of each item of the BPI has been carried out. Moreover, the psychometric characteristics of the analysis, intended as an instrument to describe intensity of pain and its interference in the various aspects of life have been investigated, evaluating with factorial analysis its validity both as a construct, and its internal coherence calculating the Cronbach s alpha of the whole instrument and of each identifier with factorial analysis. Results. From the factorial analysis emerged a frame with three factors that have been identified as Pain intensity, Pain interference in emotional sphere and Interference in working activities. Conclusions. The Brief Pain Inventory can be Pervenuto il 28 agosto Accettato il 19 giugno Indirizzo per la richiesta di estratti: C. Bonezzi, Unità Operative di Cure Palliative e Terapia del Dolore, Fondazione S. Mauger, Pavia. 1Fondazione S. Maugeri, Istituto Scientifico, Pavia Unità Operativa di Cure Palliative e Terapia del Dolore 2Scuola di Specializzazione in Anestesia e Rianimazione Università degli Studi di Pavia, Pavia considered a suitable useful instrument in the global evaluation of patients affected by chronic pain since its allows a contemporaneous analysis of three factors that characterize the phenomenon and contribute equally in defining the various facet of the pain universe. The Italian version of the BPI may be included in the essential evaluation instruments in the diagnosis and therapy of chronic pain. Key words: Pain, diagnosis - Pain, psychology - Questionnaires - Work capacity evaluation - Factor analysis, statistical - Program, evaluation. Quando è cronico il dolore assume una centralità pressoché assoluta nella storia della malattia, la caratterizza, la qualifica come tale ed interferisce costantemente con la vita quotidiana del paziente 1. Si potrebbe forse affermare che quando è cronico il dolore diventa la malattia stessa, nella percezione del paziente; le attività quotidiane, le relazioni interpersonali, le emozioni, vengono profondamente scon- Vol. 68, N. 7-8 MINERVA ANESTESIOLOGICA 607

2 BONEZZI VALIDAZIONE DELLA VERSIONE ITALIANA DEL BRIEF PAIN INVENTORY NEI PAZIENTI CON DOLORE CRONICO volte dalla convivenza con il dolore 2. Nella pratica clinica la valutazione quantitativa e qualitativa del dolore costituisce una tappa fondamentale ed assolutamente indispensabile per impostare un efficace condotta terapeutica e per valutare il risultato della terapia. Allo scopo di completare la raccolta di dati sul paziente può essere utile il ricorso a strumenti di misura per una valutazione globale e multidimensionale del fenomeno 3. Il Brief Pain Inventory è un questionario nato per misurare l intensità e l impatto del dolore dovuto al cancro sulla vita quotidiana. Questo studio ha permesso di dimostrare la validità di questo strumento psicometrico anche nella valutazione clinica dei pazienti affetti da dolore cronico di origine non neoplastica. Materiali e metodi Un test multidimensionale è un test che consente di valutare più aspetti del medesimo oggetto. Il Brief Pain Inventory è uno strumento che ipotizza una struttura multidimensionale del dolore con componenti sensoriali, valutative ed affettive. Questo test, nominato inizialmente Wisconsin Brief Pain Questionnaire, è stato formulato da Cleeland 4 nel 1983 e proposto per la prima volta in USA a pazienti oncologici e a pazienti con artrite reumatoide 5. Il BPI è stato tradotto in diverse lingue e la sua validità, sperimentata in diversi paesi quali India 6, Cina 7, Giappone 8, Germania 9, Taiwan 10 e, sempre su pazienti oncologici, è stata dimostrata al di là delle differenze culturali. La versione italiana del BPI, Breve Questionario per la Valutazione del Dolore (BQVD), è stata tradotta per la prima volta da Marchettini ed è stata validata, su pazienti oncologici, da Caraceni nel La versione utilizzata in questo studio non è quella originariamente proposta da Marchettini, ma una versione sviluppata dall originale mediante back translation da Caraceni e Grassi. Tale versione conferma quella di Marchettini ad esclusione dell item Enjoyment of life tradotto come il gusto di vivere. Il BPI è stato formulato in una forma abbastanza comprensibile e richiede una spiegazione minima; in tal modo può essere utilizzato su un ampio numero di pazienti. Richiede mediamente quindici minuti sia per l autosomministrazione sia per la somministrazione tramite intervista. Tramite una scala numerica, presentata come una linea orizzontale di numeri che va da 0 (=assenza di dolore) a 10 (=massimo dolore immaginabile), viene considerata l intensità del dolore nelle ultime ventiquattro ore. Poiché il dolore può, nell arco della giornata, subire delle variazioni, viene chiesto al paziente di valutare l intensità del dolore peggiore, del dolore più lieve, del valore medio e quella del momento in cui si effettua il test. Un immagine del corpo umano consente di individuare la localizzazione del dolore, mentre una scala espressa in percentuale valuta l efficacia della terapia eventualmente instaurata. Sette domande valutano, anche in questo caso mediante una scala numerica presentata come una linea orizzontale di numeri che vanno da 0 (=assenza d interferenza) a 10 (=massima interferenza del dolore), quanto il dolore interferisca con l attività generale, con l umore, l abilità di camminare, l attività lavorativa, il sonno, i rapporti sociali, il gusto di vivere. Tutti i pazienti arruolati per lo studio erano affetti da patologie caratterizzate da dolore cronico. Poiché esiste già una conferma della validità di questo strumento nella misurazione del dolore su pazienti oncologici, non sono stati reclutati soggetti che, nel periodo di analisi del test, presentavano una diagnosi di neoplasia. Il numero di soggetti al quale proporre il test è stato stabilito nei termini di circa 10 pazienti per item. Il campione definitivo era costituito da 113 pazienti. Il test è stato proposto loro previo consenso informato, durante il loro ricovero sia in regime di day hospital (out-patients), sia in regime di ospedalizzazione superiore al giorno (inpatients). È stata effettuata l analisi descrittiva del campione; in particolare si sono analizzate le variabili sesso, età, e diagnosi al momen- 608 MINERVA ANESTESIOLOGICA Luglio-Agosto 2002

3 VALIDAZIONE DELLA VERSIONE ITALIANA DEL BRIEF PAIN INVENTORY NEI PAZIENTI CON DOLORE CRONICO BONEZZI to della selezione del campione, valutandone le distribuzioni di frequenza. È stata inoltre effettuata la statistica descrittiva (mediana e range) sia per ognuno dei quattro item che descrivono l intensità del dolore, sia per i 7 item descrittivi l interferenza del dolore. Le caratteristiche psicometriche del test, inteso come strumento descrivente l intensità del dolore e la sua interferenza nei vari aspetti della vita, sono state indagate valutando la validità di costrutto e la coerenza interna. Per quanto riguarda la validità di costrutto, prendendo come riferimento le analisi statistiche per validare la versione italiana su pazienti oncologici 11, 12, è stata effettuata l analisi fattoriale con rotazione Oblimin diretta definendo il numero di fattori in base al criterio di Kaiser (autovalori maggiori dell unità). La consistenza interna dello strumento è stata valutata calcolando l alpha di Cronbach globale e per ogni fattore identificato tramite l analisi fattoriale. Inoltre, per ciascun fattore emerso, è stato calcolato un punteggio globale, dato dalla somma dei punteggi ai singoli item, ed è stata infine svolta l analisi descrittiva dei tre punteggi relativi ai fattori identificati. Risultati Analisi descrittiva del campione e del test Il campione è risultato composto da 60 donne (53,1%) e 53 uomini (46,9%) con un età media di 58,9 anni (range 28-79). Al momento della somministrazione del test 39 soggetti (34,5%) risultavano avere una occupazione, 51 soggetti (45,2%) erano pensionati, 13 soggetti (11,5%) erano disoccupati e 10 soggetti (8,8%) erano momentaneamente o definitivamente inabili al lavoro a causa del dolore. Per quanto riguarda la diagnosi i pazienti risultavano così distribuiti: 44 (39%) di loro presentavano una diagnosi di radicolopatia, 20 (17,7%) presentavano quadri differenti di artrosi, 15 (13,3%) quadri di neuropatia, 13 (11,5%) quadri di osteoporosi, 8 TABELLA I. Analisi descrittiva degli item. Item Mediana Valore Valore massimo minimo Intensità peggiore Intensità lieve Intensità media Intensità ora Interferenza attività generali Interferenza umore Interferenza abilità camminare Interferenza lavoro Interferenza relazioni Interferenza sonno Interferenza gusto di vivere (7%) erano affetti da artrite reumatoide o da altre connettivopatie, 7 (6,2%) da distrofia simpatico-riflessa, 6 (5,3%) da dolore miofasciale. Nella Tabella I vengono riportati i risultati dell analisi descrittiva di ogni items del test. Validità di costrutto Dalla validazione della versione italiana del BPI sui pazienti oncologici era emersa una struttura a due fattori definiti rispettivamente Severità del dolore ed Interferenza del dolore. Tali risultati presentavano, inoltre, una similarità strutturale con i risultati ottenuti in altri paesi, sempre su pazienti oncologici, dove erano state utilizzate versioni del BPI nella rispettiva lingua. Dall analisi fattoriale con rotazione Oblimin sul nostro campione, è tuttavia emersa una struttura a tre fattori con una varianza spiegata pari al 51% che meglio si adatta al BQVD, almeno nel campo del dolore cronico. Imponendo, invece, una struttura a due fattori la varianza scende al 42% e l accorpamento degli item non è soddisfacente dal punto di vista clinico. È stata, quindi, ritenuta valida una struttura a tre fattori. I tre fattori sono stati identificati come Intensità del dolore (primo fattore, cinque item), Interferenza nella vita emotiva (secondo fattore, tre item), Interferenza nelle attività lavorative (terzo fattore, tre item). Nelle Tabelle II, III e IV sono riportate rispettiva- Vol. 68, N. 7-8 MINERVA ANESTESIOLOGICA 609

4 BONEZZI VALIDAZIONE DELLA VERSIONE ITALIANA DEL BRIEF PAIN INVENTORY NEI PAZIENTI CON DOLORE CRONICO TABELLA II. Matrice di saturazione. Item Fattore 1 Fattore 2 Fattore 3 D5: dolore in media 0,89957 D4: dolore più lieve 0,69445 D6: dolore ora 0,59535 D3: dolore più lieve 0,48495 D9F: interferenza sonno 0,43974 D9E: interferenza relazioni 0,82569 D9B: interferenza umore 0,78957 D9G: interferenza gusto di vivere 0,68970 D9D: interferenza lavoro 0,86627 D9A: interferenza attività generale 0,70415 D9C: interferenza abilità camminare 0,53976 TABELLA III. Matrice di correlazione. Fattore 1 Fattore 2 Fattore 3 Fattore 1 1,0000 Fattore 2 0,2876 1,0000 Fattore 3 0,4543 0,3026 1,0000 mente la matrice di saturazione degli item, la matrice di correlazione tra i fattori identificati dall analisi fattoriale e l analisi descrittiva dei punteggi relativi ai tre fattori. Analisi della fedeltà La consistenza interna è stata valutata calcolando l alpha di Cronbach per l intero questionario e per ciascun fattore identificato. I valori ottenuti sono buoni e sono rispettivamente: 0,71 per il primo fattore, Intensità del dolore, 0,81 per il secondo fattore, Interferenza nella vita emotiva, 0,71 per il terzo, Interferenza nelle attività lavorative, mentre l α per l intero strumento è risultata 0,79. Discussioni e conclusioni Il maggior risultato di questo studio è stato la dimostrazione della validità di questo strumento psicometrico. Il BQVD può essere considerato un valido strumento di aiuto, nella pratica clinica, nella valutazione delle caratteristiche del dolore dei pazienti con dolore cronico. Per quanto riguarda le caratteristiche psicometriche dello strumento, bisogna rilevare che i coefficienti alpha per i tre fattori e per l intero strumento sono moderatamente buoni e questo suggerisce che l affidabilità del BQVD possa essere migliorata. Una considerazione particolare merita l item «sonno»; la matrice di saturazione mostra come tale item presenti valori di saturazione simili per il fattore I, cioè il fattore «Intensità», e per il fattore III, cioè il fattore «Interferenza nelle attività lavorative». Il BQVD può essere utilizzato come ulteriore conferma della complessità e della multidimensionalità che caratterizzano il fenomeno dolore cronico. I tre fattori identificati sono ciascuno espressione di aspetti ugualmente importanti dello stesso fenomeno: questo significa che l intensità del dolore (fattore I), l interferenza di quest ultimo nella vita emotiva (fattore II) e l interferenza nelle attività lavorative (fattore III) contribuiscono in eguale misura a definire le sfaccettature dell universo «dolore cronico». Sono, dunque, fattori che devono essere contemporaneamente considerati nell approccio ad un paziente con tale forma di dolore. In prospettiva si può allora formulare l ipotesi che il vantaggio dell utilizzo del BQVD sui pazienti con dolore cronico consista nella possibilità di programmare un trattamento analgesico mirato alle diverse componenti del dolore, e non solamente alla sua intensità. La vera importanza di questo test è, infatti, quella di occuparsi di 610 MINERVA ANESTESIOLOGICA Luglio-Agosto 2002

5 VALIDAZIONE DELLA VERSIONE ITALIANA DEL BRIEF PAIN INVENTORY NEI PAZIENTI CON DOLORE CRONICO BONEZZI TABELLA IV. Analisi descrittiva dei tre fattori. Range Media±DS Asimmetria Curtosi 1 fattore: intensità del dolore ,473+9,229 0,164 0,661 2 fattore: interferenza vita emotiva ,965+9,521 0,141 1,257 3 fattore: interferenza vita lavorativa ,009+9,229 0,880 0,490 ogni aspetto del paziente sofferente e, quindi, di far emergere i differenti risultati che una scelta terapeutica è in grado di produrre. Nel dolore cronico, dove la completa analgesia è un risultato spesso impossibile, è importante cogliere ogni modificazione dei sintomi e dell impatto del dolore sulla vita del paziente. Il BQVD entra, quindi, a far parte degli strumenti valutativi essenziali nel percorso diagnostico-terapeutico del dolore cronico non legato a lesioni neoplastiche. Ringraziamenti. Si ringrazia per la collaborazione Augusto Caraceni, Dirigente Medico della Divisione di Cure Palliative e Terapia del Dolore dell Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Riassunto Obiettivo. Lo scopo di questo studio è stato la validazione della versione italiana del Brief Pain Inventory (BPI), breve questionario per la valutazione del dolore (BQVD), sui pazienti con dolore cronico non causato da malattia neoplastica. Metodi. Il test è stato proposto a 113 pazienti affetti da forme diverse di dolore cronico di natura non neoplastica durante il loro ricovero sia in regime di day hospital (out-patients), sia in regime di ospedalizzazione superiore al giorno (in-patients). È stata effettuata l analisi descrittiva del campione e l analisi descrittiva degli item che costituiscono il BPI. Sono, inoltre, state indagate le caratteristiche psicometriche del test, inteso come strumento descrivente l intensità del dolore e la sua interferenza nei vari aspetti della vita, valutando sia la validità di costrutto mediante analisi fattoriale, sia la coerenza interna calcolando l alpha di Cronbach dell intero strumento e di ogni fattore identificato mediante l analisi fattoriale. Risultati. Dall analisi fattoriale è emersa una struttura a tre fattori che sono stati identificati come Intensità del dolore, Interferenza del dolore nella sfera emotiva e Interferenza nelle attività lavorative. Conclusioni. Il Brief Pain Inventory può essere considerato un valido strumento di aiuto nella valutazione globale del paziente affetto da dolore cronico poiché consente di analizzare contemporaneamente tre fattori che caratterizzano questo fenomeno e contribuiscono in eguale misura a definire le sfaccettature dell universo dolore. Il BPI, nella sua versione italiana entra a far parte degli strumenti valutativi essenziali nel percorso diagnostico-terapeutico del dolore cronico. Key words: Dolore cronico, diagnosi - Questionari - Dolore, psicologia. Bibliografia 1. Bonica JJ. Considerazioni generali sul dolore cronico. Il Dolore: diagnosi prognosi e terapia. II edizione. Roma: Antonio Delfino Editore; p Loeser JD. Pain and suffering. Clin J Pain 2000;16(2 Suppl.):S Wolff BB. Laboratory methods of pain measurement. In: Melzack R, editor. Pain measurement and assessment. New York: Raven Press; Randall L, Daut E, Cleeland CS. Development of the Wisconsin Brief Pain Questionnaire to assess pain in cancer and other diseases. Pain 1983;17: Cleeland CS, Ryan KM. Pain assessment. Global use of the Brief Pain Inventory. Ann Acad Med 1994;23: Saxena A, Mendoza T, Cleeland CS. The assessment of cancer pain in north India: the validation of the Hindi Brief Pain Inventory-BPI-H. J Pain Symptom Manage; 1999;17: Wang XS, Mendoza TR, Gao SZ, Cleeland CS. The Chinese version of the Brief Pain Inventory (BPI-C): its development and use in a study of cancer pain. Pain 1996;67: Uki J, Mendoza T, Cleeland CS, Nakamura Y, Takeda F. A brief cancer pain assessment tool in Japanese: the utility of the Japanese Brief Pain Inventory-BPI-J. J Pain Symptom Manage 1998;16: Radbruch L, Loick G, Kiencke P, Lindena G, Sabatowski R, Grond S et al. Validation of the German version of the Brief Pain Inventory. J Pain Symptom Manage 1999; 18: Ger LP, Ho ST, Sun WZ, Wang MS, Cleeland CS. Validation of the Brief Pain Inventory in a Taiwanese population. J Pain Symptom Manage 1999;18: Caraceni A, Mendoza TR, Mercaglia E, Baratella C, Edwards K, Serlin CS et al. A validation study of an Italian version of the Brief Pain Inventory (Breve Questionario per la Valutazione del Dolore). Pain 1999; 65: Serlin CS, Mendoza TR, Nakamura Y, Edwards K, Cleeland CS. When is cancer pain mild, moderate, or severe? Grading pain severity by its interference whit function. Pain 1995;61: Vol. 68, N. 7-8 MINERVA ANESTESIOLOGICA 611

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti

La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore. Loreta Zenatti 9-10 Aprile Madonna di Campiglio La presa in carico del paziente con dolore acuto e cronico misurazione del dolore Loreta Zenatti La persona con dolore è la protagonista principale Che coinvolge tutti

Dettagli

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO 1. Quadro generale Il dolore in ambito oncologico è diventato una questione sociale, una sfida per la persona che lo vive, ma anche per il mondo medico e

Dettagli

Terapia del dolore in oncologia La rilevazione del dolore

Terapia del dolore in oncologia La rilevazione del dolore Terapia del dolore in oncologia La rilevazione del dolore B. Micheloni UOC Oncologia Medica Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Negrar 4 Dicembre 2014 Definizione di dolore Spiacevole esperienza sensoriale

Dettagli

Key words. American Pain Society: Patient Outcome Questionnaire,

Key words. American Pain Society: Patient Outcome Questionnaire, Osservatorio Recenti Prog Med 010; 101: - La soddisfazione del paziente per il trattamento del dolore: la versione italiana del Patient Outcome Questionnaire dell American Pain Society Renata Ferrari 1,

Dettagli

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008

Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 REGIONE VENETO Legnago (VR) Concorso Aziendale Qualità 2008 TITOLO DEL PROGETTO Monitoraggio del dolore e dell efficacia della terapia antalgica nel paziente oncologico seguito in DH o ambulatorio CONCORSO

Dettagli

IL DOLORE ONCOLOGICO VALUTAZIONE

IL DOLORE ONCOLOGICO VALUTAZIONE IL DOLORE ONCOLOGICO CARATTERISTICHE E VALUTAZIONE 1 LE CURE CONTINUATIVE Il dolore del paziente oncologico varia nel tempo, anche rapidamente, in relazione all evoluzione della malattia Necessità di frequente

Dettagli

MTC nel paziente oncologico

MTC nel paziente oncologico MTC nel paziente oncologico U.O Medicina Oncologica Ospedale di Carpi Giorgia Razzini La legge della domanda e dell offerta (1) L utilizzo delle Medicine Non Convenzionali subisce un incremento del 30%

Dettagli

LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE

LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE Azienda USL di Ferrara Ospedale del Delta U.O. di Medicina Interna DH Oncologico LE PRINCIPALI SCALE DI VALUTAZIONE DEL DOLORE a cura di M. Mangolini Master in Oncologia e Cure Palliative IL DOLORE Il

Dettagli

Validazione della «Scala del Dolore Neuropatico» (SDN) e sue applicazioni terapeutiche TERAPIA ANTALGICA ARTICOLI ORIGINALI

Validazione della «Scala del Dolore Neuropatico» (SDN) e sue applicazioni terapeutiche TERAPIA ANTALGICA ARTICOLI ORIGINALI TERAPIA ANTALGICA ARTICOLI ORIGINALI MINERVA ANESTESIOL 2002;68:95-104 Validazione della «Scala del Dolore Neuropatico» (SDN) e sue applicazioni terapeutiche E. NEGRI, R. BETTAGLIO, L. DEMARTINI, M. ALLEGRI,

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

2007 Progettoasco.it

2007 Progettoasco.it [Numero 13 - Articolo 3. Aprile 2007] Anamnesi Psichiatrica e Livello di Adattamento Psichico come Fattori di Rischio per Comportamenti Devianti Correlati a Farmaci in Pazienti con Dolore Cronico. Titolo

Dettagli

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Obiettivi La seguente ricerca si inserisce nell ambito di uno studio più ampio

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Efficacia del nuovo sistema di

Efficacia del nuovo sistema di Efficacia del nuovo sistema di Il Centro TAMMEF da diversi anni studia magnetoterapia gli effetti clinici TAMMEF e terapeutici dei campi nel trattamento magnetici a bassa della frequenza spalla dolorosa

Dettagli

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri:

Materiali e Metodi. I soggetti inclusi nello studio hanno dovuto soddisfare i seguenti criteri: Studio Materiali e Metodi 38 Materiali e Metodi A. Campione Il campione clinico utilizzato nello studio è costituito da pazienti in età evolutiva giunti a consultazione neuropsichiatrica infantile presso

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA. Corso di Laurea in Infermieristica. Tesi di Laurea

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA. Corso di Laurea in Infermieristica. Tesi di Laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Infermieristica Tesi di Laurea RUOLO DEL PERSONALE INFERMIERISTICO NEL PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DELLA PAZIENTE

Dettagli

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del

Le legge del marzo 2010 nonché il Piano Oncologico previsto dal Ministero della. Sanità per il bienno 2010-2012 propongono e rafforzano il modello del Progetto di un ambulatorio multidisciplinare di oncologia - cure palliative per pazienti in fase avanzata di malattia gestito dalla Associazione di Cure Palliative della Zona Elba Dott. A. Massaro Premessa

Dettagli

Quando il dolore è ancora un problema. XVII CIPOMO Congresso Nazionale Roma, 20-22 giugno 2013

Quando il dolore è ancora un problema. XVII CIPOMO Congresso Nazionale Roma, 20-22 giugno 2013 Quando il dolore è ancora un problema XVII CIPOMO Congresso Nazionale Roma, 20-22 giugno 2013 Marta Gentili vivere senza dolore onlus In Italia, nel 2012, si stimano circa 364 mila nuove diagnosi per tumore

Dettagli

Opinioni enti e imprese con accordi di stage / tirocinio

Opinioni enti e imprese con accordi di stage / tirocinio Opinioni enti e imprese con accordi di stage / tirocinio REPORT _ 26.09.13 a cura del Coordinatore e del Vice-coordinatore del Consiglio unificato dei Corsi di studio in Relazioni pubbliche e Comunicazione

Dettagli

BISOGNI E BURDEN DEI CAREGIVER DI PAZIENTI CON DEMENZA: INDAGINE NEL TERRITORIO MILANESE

BISOGNI E BURDEN DEI CAREGIVER DI PAZIENTI CON DEMENZA: INDAGINE NEL TERRITORIO MILANESE VIII CONVEGNO: Il contributo delle unità di valutazione Alzheimer (UVA) nell assistenza dei pazienti con demenza BISOGNI E BURDEN DEI CAREGIVER DI PAZIENTI CON DEMENZA: INDAGINE NEL TERRITORIO MILANESE

Dettagli

PROGETTO I.De.A. (Italian Delirium Assessment) Aniarti

PROGETTO I.De.A. (Italian Delirium Assessment) Aniarti PROGETTO I.De.A. (Italian Delirium Assessment) Aniarti Nel 2009 abbiamo promosso una ricerca totalmente strutturata e finanziata da Aniarti sul tema del Delirium in Terapia Intensiva, denominata Progetto

Dettagli

Approccio al paziente e misura del dolore

Approccio al paziente e misura del dolore IL MANAGEMENT DEL DOLORE NEL PAZIENTE CON LESIONI OSTEOARTICOLARI TRAUMATICHE in tutte le età della vita 1 EDIZIONE Approccio al paziente e misura del dolore Simona Caprilli- Psicologa Psicoterapeuta AOU

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

struttura di appartenenza : Fondazione S. Maugeri IRCCS; Istituto Scientifico di Montescano (PV) funzione: dirigente II livello

struttura di appartenenza : Fondazione S. Maugeri IRCCS; Istituto Scientifico di Montescano (PV) funzione: dirigente II livello MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA (Si devono presentare tanti moduli 2 bis quante sono le Unità Operative coinvolte) UNITÀ OPERATIVA: Servizio di Psicologia RESPONSABILE

Dettagli

Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia. Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma

Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia. Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma Censimento dell assistenza psico-oncologica in Italia Anita Caruso Istituto Regina Elena Roma Distress emozionale Da un indagine effettuata dalla Societa Italiana di Psico - Oncologia (SIPO) su 1108 pazienti

Dettagli

TITOLO INTRODUZIONE ALLO STUDIO

TITOLO INTRODUZIONE ALLO STUDIO PROGETTO DI RICERCA A CARATTERE INTERNAZIONALE VINCITORE DEL BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI BORSA DI STUDIO ANNO 2008- FONDAZIONE GIUSEPPE ALAZIO BORSISTA: DOTT.SSA MARIA GIULIA NANNI TITOLO Depressione e

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Valutazione da parte dei pazienti della presa in carico del dolore: un confronto fra setting di assistenza

Valutazione da parte dei pazienti della presa in carico del dolore: un confronto fra setting di assistenza Valutazione da parte dei pazienti della presa in carico del dolore: un confronto fra setting di assistenza A cura di: Agnese Accorsi ( AUSL di Bologna) e Barbara Cucrio Rubertini (Scuola di Dottorato in

Dettagli

La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA

La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA III Conferenza Regionale HPH del Friuli Venezia Giulia La rete HPH e il guadagno di salute in tutte le politiche: il valore della rete LA VALUTAZIONE DEL DISTRESS: SESTO PARAMETRO VITALE IN ONCOLOGIA Maria

Dettagli

Cross-cultural adaptation and validation of the Italian version of the HOOS (Hip disability and Osteoarthritis Outcome Score) questionnaire.

Cross-cultural adaptation and validation of the Italian version of the HOOS (Hip disability and Osteoarthritis Outcome Score) questionnaire. Cross-cultural adaptation and validation of the Italian version of the HOOS (Hip disability and Osteoarthritis Outcome Score) questionnaire. Abstract Objective: The aim of this multicenter study was to

Dettagli

DOPPIA DIAGNOSI E VALUTAZIONE DI ESITO, UN ESPERIENZA DI TRATTAMENTO INTEGRATO IN UN CONTESTO SEMIRESIDENZIALE.

DOPPIA DIAGNOSI E VALUTAZIONE DI ESITO, UN ESPERIENZA DI TRATTAMENTO INTEGRATO IN UN CONTESTO SEMIRESIDENZIALE. DOPPIA DIAGNOSI E VALUTAZIONE DI ESITO, UN ESPERIENZA DI TRATTAMENTO INTEGRATO IN UN CONTESTO SEMIRESIDENZIALE. Introduzione La compresenza di sintomi psichiatrici e disturbi connessi all assunzione di

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

EFFETTI DI UN MONITORAGGIO IN TELEMEDICINA SULL ADERENZA ALLA TERAPIA CON CPAP IN UNA POPOLAZIONE DI PAZIENTI AFFETTI DA OSA

EFFETTI DI UN MONITORAGGIO IN TELEMEDICINA SULL ADERENZA ALLA TERAPIA CON CPAP IN UNA POPOLAZIONE DI PAZIENTI AFFETTI DA OSA EFFETTI DI UN MONITORAGGIO IN TELEMEDICINA SULL ADERENZA ALLA TERAPIA CON CPAP IN UNA POPOLAZIONE DI PAZIENTI AFFETTI DA OSA PREMESSA L'OSA (Apnee Ostruttive nel Sonno) è un disturbo respiratorio caratterizzato

Dettagli

Analisi della soddisfazione degli utenti dei SERT della città di Bologna in trattamento con metadone

Analisi della soddisfazione degli utenti dei SERT della città di Bologna in trattamento con metadone Analisi della soddisfazione degli utenti dei SERT della città di Bologna in trattamento con metadone Articolo pubblicato su Mission n. 23/2007 la rivista è disponibile sul sito di FeDerSerD www.federserd.it

Dettagli

FREE AND CUED SELECTIVE REMINDING TEST (FCRST): studio di Validità di Costrutto in soggetti con disturbo di memoria

FREE AND CUED SELECTIVE REMINDING TEST (FCRST): studio di Validità di Costrutto in soggetti con disturbo di memoria FREE AND CUED SELECTIVE REMINDING TEST (FCRST): studio di Validità di Costrutto in soggetti con disturbo di memoria Ghiretti R 1, Vanacore N 2, Pomati S 1, Di Pucchio A 2, Cucumo V 1, Marcone A 3, Mariani

Dettagli

Anita Andreano e Antonio Russo

Anita Andreano e Antonio Russo DEFINIZIONE DI UN SET DI INDICATORI DEL PROCESSO DI DIAGNOSI E CURA DEL TUMORE POLMONARE TRAMITE METODO DELPHI-MODIFICATO E PRESENTAZIONE DEGLI INDICATORI CALCOLATI SULLA POPOLAZIONE DI DUE ASL DELLA PROVINCIA

Dettagli

La terapia del dolore

La terapia del dolore La terapia del dolore Dott. Piergiorgio Zuccaro Direttore Reparto Farmacodipendenza, Tossicodipendenza e Doping Dipartimento del Farmaco Istituto Superiore di Sanità Convegno ANALISI DELLA PRESCRIZIONE

Dettagli

ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA

ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA ABSTRACT DI UNA RICERCA SPERIMENTALE SU: IL METODO FELDENKRAIS NEL TRATTAMENTO DELLA LOMBALGIA E CERVICALGIA Abbiamo sentito l esigenza di sottoporre alla vostra attenzione i risultati di questa ricerca

Dettagli

MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA

MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA MODULO 2 BIS: DESCRIZIONE DEL CONTRIBUTO DI CIASCUNA UNITÀ OPERATIVA (Si devono presentare tanti moduli 2 bis quante sono le Unità Operative coinvolte) UNITÀ OPERATIVA: Servizio di Psicologia RESPONSABILE

Dettagli

Il Dolore Oncologico. Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca

Il Dolore Oncologico. Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca Il Dolore Oncologico Dott. Alessandro Fabrizio Sciacca Il dolore neoplastico Il dolore neoplastico è una sorta di dolore globale con più componenti. fisiche, psichiche e affettive Il dolore è principalmente

Dettagli

Studio Osservazionale sulla relazione tra Burn-Out e Bisogni Espressi dei Dirigenti e Operatori che prestano assistenza a persone affette da Neoplasia

Studio Osservazionale sulla relazione tra Burn-Out e Bisogni Espressi dei Dirigenti e Operatori che prestano assistenza a persone affette da Neoplasia Versione 1.5 Gennaio 2014 Studio Osservazionale sulla relazione tra Burn-Out e Bisogni Espressi dei Dirigenti e Operatori che prestano assistenza a persone affette da Neoplasia Studio Pilota Razionale

Dettagli

IL PROGETTO EUBIOSIA

IL PROGETTO EUBIOSIA INTEGRATAZIONE PUBBLICO NON PROFIT Esperienze di assistenza domiciliare agli anziani IL PROGETTO EUBIOSIA Raffaella Pannuti Presidente Fondazione ANT Italia ONLUS BACKGROUND AUMENTO DELLA MORTALITÀ PER

Dettagli

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva

VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva VALUTAZIONE DEL FUNZIONAMENTO SOCIALE 3_ questionari. Rilevazione dei problemi di disregolazione emotiva Problemi internalizzanti Tratti salienti: 1. Sintomi di ipercontrollo 2. Sviluppo e manifestazione

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease)

STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease) ABSTRACT STUDIO CO.ME.TA M.S.A.D. STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease) UTILIZZO DI UN DISPOSITIVO MEDICO COPRIMED-ARIA, COME COMPONENTE TERAPEUTICO NELTRATTAMENTO

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Studio della qualità delle Unità di Valutazione Alzheimer in Lombardia

Studio della qualità delle Unità di Valutazione Alzheimer in Lombardia G Gerontol 2010;58:278-282 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo originale Original article Sezione di Geriatria Clinica Studio della qualità delle Unità di Valutazione Alzheimer in Lombardia

Dettagli

La formazione pre-laurea sulla gestione del dolore

La formazione pre-laurea sulla gestione del dolore La formazione pre-laurea sulla gestione del dolore Giulio Masotti (Firenze) Firenze, Palazzo dei Congressi Venerdì 3 Dicembre 2010 large scale computer-assisted telephone survey was undertaken to explore

Dettagli

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa A cura della Rete europea per i diritti e i doveri dei pazienti e degli operatori sanitari della Association

Dettagli

Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione

Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione Presentazione di Nicola Torina Infermiere di Sala Operatoria IL Dolore e le Scale di misurazione Nulla e e cosi facilmente sopportabile come il dolore degli altri Rochefoucauld Concetto di dolore L International

Dettagli

Presidente Prof. A. Panucci Direttore Prof. M. Schiavone

Presidente Prof. A. Panucci Direttore Prof. M. Schiavone OSPEDALE SANDRO PERTINI Dott. Egidio Sesti Direttore Generale ff LA CHIRURGIA UROLOGICA ROMANA 2010 VIII Corso di Aggiornamento in Chirurgia Urologica Corso Teorico-Pratico per Medici e Infermieri Roma

Dettagli

Fare diagnosi di BTcP

Fare diagnosi di BTcP Fare diagnosi di BTcP Prevalenza del BTcP AUTORE ANNO PREVALENZA NOTE Kerr IG 1988 83% Portenoy RK 1990 63% Banning A 1991 93% Mercadante S 1992 31% Ashby MA 1992 95% Mercadante S 1994 24% soloincidente

Dettagli

PROTOCOLLO. Ostruzione gastro-intestinale maligna nei pazienti con patologia addominale.

PROTOCOLLO. Ostruzione gastro-intestinale maligna nei pazienti con patologia addominale. PROTOCOLLO Ostruzione gastro-intestinale maligna nei pazienti con patologia addominale. Principal Investigators: Augusto Caraceni Oscar Corli Introduzione L ostruzione maligna gastro-intestinale (MGIO)

Dettagli

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine

Matteo Balestrieri. Cattedra di Psichiatria - Università di Udine Matteo Balestrieri Cattedra di Psichiatria - Università di Udine ) "$$ "! $$ #$ " " (& %" &! '& *+,-,. //# 012)2"$ 3.4 4 5,!.#&&, 0 (67 4-!$6 7 4-8, 9:.7

Dettagli

BTP e dolore procedurale in cure palliative Centro studi e ricerca ANTEA

BTP e dolore procedurale in cure palliative Centro studi e ricerca ANTEA BTP e dolore procedurale in cure palliative Centro studi e ricerca ANTEA 1. Il dolore procedurale (DP) è un fenomeno non trascurabile 2. Non esiste una definizione univoca del DP e pertanto non sono unanimamente

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence

Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence Shift work and chronic disease: the epidemiological evidence X-S. Wang, M. E. G. Armstrong, B. J. Cairns, T. J. Key and R. C. Travis Cancer Epidemiology Unit, University of Oxford, Oxford, UK. Occupational

Dettagli

Pizzuto M & Corli O. Unità Operativa Cure Palliative, A. O. Istituti Clinici di Perfezionamento, Milano o.corli@virgilio.it

Pizzuto M & Corli O. Unità Operativa Cure Palliative, A. O. Istituti Clinici di Perfezionamento, Milano o.corli@virgilio.it Il dolore nel malato oncologico terminale: valutazione delle scelte terapeutiche adottate prima e dopo la presa in carico da parte di una Unità di Cure Palliative domiciliari. 1/9 Pizzuto M & Corli O Unità

Dettagli

I questionari per la rilevazione della salute percepita (Health Related Quality of Life)

I questionari per la rilevazione della salute percepita (Health Related Quality of Life) C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria Gestionale a.a.2013/14 I questionari per la rilevazione della salute percepita (Health Related Quality of Life) C.QUERCIOLI

Dettagli

PFA. N 20-2029 edizione 2 - PROGETTO COMPASS LA TERAPIA DEL DOLORE IN MEDICINA GENERALE

PFA. N 20-2029 edizione 2 - PROGETTO COMPASS LA TERAPIA DEL DOLORE IN MEDICINA GENERALE Apertura iscrizioni PFA. N 20-2029 edizione 2 - PROGETTO COMPASS LA TERAPIA DEL DOLORE IN MEDICINA GENERALE Foggia - 07/11/2015 Sala Sindacale Ordine dei Medici - Via Acquaviva, 48 La Commissione mista

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Documenti per lo studio Giuseppe Caracciolo, Cardiologist e Clinical Research Physician, Menarini Ricerche Alessandra Milani, Coordinatore

Dettagli

Cordiali Saluti. Risposte:

Cordiali Saluti. Risposte: From: MIA - Associazione Italiana Miastenia Onlus [cristina.vatteroni@telecomitalia.it] Sent: mercredi 30 janvier 2008 18:47 To: SANCO RAREDISEASES CONSULTATION Cc: Associazione Mia Subject: Rare Diseases

Dettagli

Psicoeducazione: risultati di 3 anni di attività

Psicoeducazione: risultati di 3 anni di attività Come ottenere l aderenza alla terapia e il raggiungimento dei target terapeutici: la rete post sindrome coronarica acuta. GIOVEDÌ 5 NOVEMBRE 2015 ore 14.20 19.10 Psicoeducazione: risultati di 3 anni di

Dettagli

Premessa. Presentazione Ricerca

Premessa. Presentazione Ricerca Premessa In ambito sanitario, come nell ambito sociale, la soddisfazione del cliente rappresenta il punto di riferimento sotteso al concetto di: QUALITA. Al riguardo la letteratura sulla qualità dei Servizi

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group

Milano, 28-30 Ottobre 2015. Carlotta Buzzoni 1, Donella Puliti 1, Alessandro Barchielli 1, Marco Zappa 1 e Jonas Hugosson 2 per ERSPC Working2 Group Approccio Incidence based mortality per la valutazione della riduzione di mortalità per carcinoma prostatico nello studio randomizzato europeo sullo screening per tumore della prostata (ERSPC) Milano,

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

Self- Management e Adherence nella persona con Asma

Self- Management e Adherence nella persona con Asma 1 Self- Management e Adherence nella persona con Asma (E. Semprini, P. Di Giacomo, CdL in Infermieristica; G.Gardini, Ambulatorio Asma; K. Falcone, L. Lazzari Agli, UO Pneumologia - AUSL Romagna, Rimini)

Dettagli

Psychological Distress Inventory PDI

Psychological Distress Inventory PDI Psychological Distress Inventory PDI Scheda tecnica riassuntiva del PDI Pag. 2 L accuratezza diagnostica del PDI Pag. 3 Bibliografia Pag. 6 PDI Pag. 7 - PDI Versione Maschile - PDI Versione Femminile Servizio

Dettagli

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA legge 38/2010 AOU San Luigi Gonzaga - Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Medicina del Dolore e Terapia Antalgica Tel.

Dettagli

La malattia allo specchio

La malattia allo specchio SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA Azienda USL di Ferrara IL RUOLO DELLA PSICONCOLOGIA Maria Giulia Nanni Luigi Grassi Sezione di Clinica Psichiatrica, Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico

Dettagli

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC La valutazione comportamentale Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC Ruolo dei disturbi comportamentali nella demenza sono la prima causa di stress nel care-giver (Rabins et al,

Dettagli

Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano

Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano LA RICERCA INFERMIERISTICA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE FUTURE Attitudini e atteggiamento degli infermieri nei confronti dell'assistenza nutrizionale nell'anziano BACKGROUND La malnutrizione nella persona

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

La valutazione del dolore in RSA. Luisa Guglielmi Venerdì, 16 settembre 2005

La valutazione del dolore in RSA. Luisa Guglielmi Venerdì, 16 settembre 2005 La valutazione del dolore in RSA Luisa Guglielmi Venerdì, 16 settembre 2005 INTRODUZIONE Il dolore è un problema frequente in RSA: gli studi di prevalenza riferiscono percentuali di sintomatologia dolorosa

Dettagli

Psicoterapia psicodinamica e trattamento in Day Hospital: focus on severe and enduring patients

Psicoterapia psicodinamica e trattamento in Day Hospital: focus on severe and enduring patients Psicoterapia psicodinamica e trattamento in Day Hospital: focus on severe and enduring patients Prof. Giovanni Abbate Daga Dipartimento di Neuroscienze dell Università di Torino 11 studi 2014 E nei

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Screening Psicometrico. psicometria Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Screening Psicometrico psicometria L approccio globale Il test di psicometria giunge a complemento della produzione Dietosystem nell Area Nutrizionale. Esso va ad

Dettagli

Etica nella ricerca nelle cure oncologiche. Ufficio di Sanità Comitato Etico cantonale

Etica nella ricerca nelle cure oncologiche. Ufficio di Sanità Comitato Etico cantonale Etica nella ricerca nelle cure oncologiche Ufficio di Sanità Comitato Etico cantonale Ricerca clinica e etica Autonomia Beneficienza Giustizia Informazione Consenso Volontarietà Libertà d interruzione

Dettagli

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio

Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Vinciamo insieme la vita Roma 13-16 maggio 2010 Rosa Oricchio Il tumore negli anziani e il suo caregiver "Nessuno è tanto vecchio da non ritenere di poter vivere ancora un anno (Cicerone, De Senectute,

Dettagli

La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche

La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche La qualità delle cure nei bambini con malattie croniche Paola Rucci Unità metodologica, epidemiologica e statistica DIBINEM, Università di Bologna Bambini con condizioni croniche Almeno 1 condizione cronica

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre CURE PALLIATIVE Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Il dolore neoplastico. Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004

Il dolore neoplastico. Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004 Il dolore neoplastico Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004 Definizione accademica Il dolore è una sgradevole esperienza emotiva e sensoriale

Dettagli

Protocollo di valutazione per la selettività alimentare e le anomalie sensoriali in bambini con disturbi dello spettro autistico

Protocollo di valutazione per la selettività alimentare e le anomalie sensoriali in bambini con disturbi dello spettro autistico Protocollo di valutazione per la selettività alimentare e le anomalie sensoriali in bambini con disturbi dello spettro autistico M A R C O E S P O S I T O ( C E N T R O D I R I C E R C A S U L L A U T

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287. Disposizioni per la realizzazione della rete di cure palliative

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287. Disposizioni per la realizzazione della rete di cure palliative Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 287 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BAIO, ADRAGNA e PAPANIA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per la realizzazione della rete

Dettagli

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E)

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) a cura di Domenico Cerasuolo, Manuela Furlan, Stefania Pizzini, Maria Giulia Sinigaglia INTRODUZIONE La valutazione interna riguarda la verifica della soddisfazione

Dettagli

PROGETTO REIKI IN OSPEDALE VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI REIKI NEL MALATO ONCOLOGICO

PROGETTO REIKI IN OSPEDALE VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI REIKI NEL MALATO ONCOLOGICO PROGETTO REIKI IN OSPEDALE VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI DI REIKI NEL MALATO ONCOLOGICO La Struttura Complessa di Oncologia Medica delle Molinette di Torino, afferente al Polo Oncologico della Cittadella Ospedaliera,

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO (PTDA) NEL DOLORE ONCOLOGICO

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO (PTDA) NEL DOLORE ONCOLOGICO Rassegna clinica PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO (PTDA) NEL DOLORE ONCOLOGICO PATHWAY FROM DIAGNOSIS TO THERAPY IN CANCER PAIN Francesco Amato Direttore UOC Anestesia, Terapia del Dolore, CP e Dipartimento

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Capitolo I: Il destino del corpo nelle età della vita 23 1. Il linguaggio dei corpi 23 2. Il corpo nella relazione di cura 26 Bibliografia 32

Capitolo I: Il destino del corpo nelle età della vita 23 1. Il linguaggio dei corpi 23 2. Il corpo nella relazione di cura 26 Bibliografia 32 Sommario Premessa 19 PARTE PRIMA: TEORICA 21 Capitolo I: Il destino del corpo nelle età della vita 23 1. Il linguaggio dei corpi 23 2. Il corpo nella relazione di cura 26 Bibliografia 32 Capitolo II: Il

Dettagli

La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative?

La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative? Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative? Evelina Bianchi Geriatria di Vicenza SEDAZIONE TERMINALE (ST) le mie convinzioni e la premessa

Dettagli

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile?

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Studio condotto presso i 5 Istituti di cura per anziani della Città di Lugano. Giornata RAI 2011 Lugano 27

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Sede legale e amministrativa: Via Salvatore Maugeri 4, 27100 Pavia Italy Tel. 0382 592504 Fax 0382 592576 www.fsm.it C.F. e P. IVA 00305700189 Registro Persone Giuridiche Private della Regione Lombardia

Dettagli