S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S"

Transcript

1 S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel fax C.F./P.IVA Quadro dei reati presupposto della Responsabilità amministrativa D.Lgs. 231/01 Reato Autore Comportamento Sanzione Pecuniaria (valore quota da 258 a 1549) Sanzione Interdittiva ART. 24 D. LGS. 231/01 Indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni pubbliche e frode informatica in danno dello Stato o di un ente pubblico - Art. 316-bis c.p. Malversazione ai danni dello Stato - Art. 316-ter c.p. Indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato - Art. 640, comma 2 n. 1, c.p. Truffa commessa ai danni dello Stato o di altro Ente pubblico - Art. 640-bis c.p. Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche - Art. 640-ter c.p. Frode informatica se commessa ai danni dello Stato o di altro Ente pubblico estraneo a P.A. o Omissivo - Fino a 500 quote - Da 200 a 600 quote se profitto di rilevante entità, ovvero danno di particolare entità - Divieto di contrarre con la amministrazione salvo che per ottenere un pubblico servizio - Esclusione da contributi, sussidi e quelli già concessi - Divieto di pubblicizzare beni o servizi

2 ART. 24 BIS D. LGS. 231/01 Delitti informatici e trattamento illecito di dati - Art. 615-ter c.p. Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico - Art. 617-quater c.p. Intercettazione, impedimento o interruzione illecita di comunicazioni informatiche o telematiche - Art. 617-quinquies c.p. Installazione di apparecchiature atte ad intercettare, impedire o interrompere comunicazioni informatiche o telematiche - Da 100 a 500 quote Art. 9 comma 2: - Art. 635-bis c.p. Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici - Art. 635-ter c.p. Danneggiamento di informazioni, dati e programmi informatici utilizzati dallo Stato od Ente Pubblico o di utilità - Art. 635-quater c.p. Danneggiamento di sistemi informatici o telematici - Art. 635-quinquies c.p. Danneggiamento di sistemi informatici o telematici di utilità - Art. 615-quater c.p. Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici - Art. 615-quinquies c.p. Diffusione di programmi diretti a danneggiare o interrompere un sistema informatico - Fino a 300 quote Art. 9 comma 2: la sospensione o la funzionali alla il divieto di pubblicizzare beni o servizi

3 - Art. 491-bis c.p. Falsità in documenti informatici* - Art. 640 quinquies c.p. Frode informatica del certificatore di firma elettronica * si applicano le disposizioni di cui al Libro II, Titolo VII, Capo III Chi presta servizi di certificazione di firma elettronica - Fino a 400 quote Art. 9 comma 2: ART. 24 TER D.LGS. 231/01 delitti di criminalità organizzata - Art. 416, co. 6 c.p. (associazione per delinquere) - Da 400 a 1000 quote Art. 9 comma 2 per una durata non inferiore all anno: - Art. 416 bis c.p. (associazione di tipo mafioso) - Art. 416 ter c.p. (scambio elettorale politicomafioso) - Art. 630 c.p. (sequestro di persona a scopo di estorsione) - Delitti commessi avvalendosi delle condizioni di cui all art. 416 bis o al fine di agevolare l attività di dette associazioni - Art. 74 D.Lgs. 309/1990 (associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope) - Se l Ente viene stabilmente utilizzato allo scopo unico o prevalente di consentire o agevolare la dei reati si applica

4 - Art. 416 c.p. (associazione per delinquere escluso co. 6) l interdizione definitiva dell attività. - Da 300 a 800 quote Art. 9 comma 2 per una durata non inferiore all anno: - Art. 407 co. 2 lett. a) n. 5) c.p.p. (illegale fabbricazione, introduzione nello Stato, messa in vendita, cessione, detenzione e porto in luogo pubblico o aperto al pubblico di armi da guerra o tipo guerra o parti di esse, di esplosivi, di armi clandestine nonché di più armi comuni da sparo) Se l Ente viene stabilmente utilizzato allo scopo unico o prevalente di consentire o agevolare la dei reati si applica l interdizione definitiva dell attività. ART. 25 D. LGS. 231/01 Concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità e corruzione - Art 318 e 321 c.p. Corruzione impropria; - Fino a 200 quote - Nessuna - Art. 322, comma 1 e 3, c.p. Istigazione alla corruzione - Art. 319 e 321 c.p. Corruzione propria; - Art. 319-ter, comma 1 e 321 c.p. Corruzione in atti Incaricato Pubbl. Serv. Per un periodo non inferiore ad un anno, tutte le sanzioni interdittive previste dall art. 9, 2 comma:

5 giudiziari - Art. 322, commi 2 e 4, c.p. Istigazione alla corruzione; - Reati compiuti da persone di cui agli artt. 320 e 322bis c.p. - Art. 317 c.p. Concussione; Incaricato Pubbl. Serv. Incaricato P. Serv. Membri di organi e funzionari CE e Stati esteri - Da 200 a 600 quote - Come sopra - Corruzione propria aggravata ex art. 319-bis c.p., quando dal fatto l Ente ha conseguito un profitto di rilevante entità; - Art. 319-ter, comma 2 e 321 c.p. Corruzione in atti giudiziari se dal fatto deriva ingiusta condanna ; - Art. 319-quater c.p. Induzione indebita a dare o promettere utilità Incaricato P. Serv. - Da 300 a 800 quote Reati compiuti da persone di cui agli artt. 320 e 322bis Incaricato P. Serv. Membri di organi e funzionari CE e Stati esteri ART. 25 BIS D. LGS. 231/01 Falsità in monete, in carte di pubblico credito, in valori di bollo e in strumenti o segni di riconoscimenti - Artt. 453 c.p. (falsificazione di monete, spendita e introduzione nello Stato, previo concerto di monete falsificate) - Da 300 a 800 quote Per un periodo non inferiore ad un anno, tutte le sanzioni interdittive previste dall art. 9, 2 comma:

6 - Art. 454 c.p. (alterazione di monete); il divieto di - Fino a 500 quote Come sopra - Art. 460 c.p. (contraffazione di carta filigranata in uso per la fabbricazione di pubblico carte di credito o di valori di bollo - Art. 461 c.p. (fabbricazione o detenzione di filigrane o strumenti destinati alla falsificazione di monete, di valori di bollo o di carta filigranata) - Art. 455 c.p. in relazione al reato di cui all art. 453 c.p. (spendita e introduzione nello stato, senza concerto, di monete falsificate); - Sanzione prevista per i reati di cui agli artt. 453 e 454 c.p. ridotta da un terzo alla metà - Come sopra - Art. 455 in relazione all art. 454 c.p. (alterazione di monete) - Art. 459 c.p. (falsificazione di valori di bollo, introduzione nello Stato, acquisto, detenzione o messa in circolazione degli stessi) - Art. 473 c.p. (contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi, ovvero di - Sanzioni previste per i reati di cui agli artt. 453, 455, 457 e 464 c.p. ridotte di un terzo - Come sopra - Fino a 500 quote - Come sopra

7 brevetti, modelli e disegni) - Art. 474 c.p. (introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi) - Art. 457 c.p. (spendita di monete falsificate ricevute in buona fede) - Art. 464, comma 2 c.p. (uso di valori di bollo contraffatti o alterati) - Art. 464, comma 1 c.p. (uso di valori di bollo contraffatti o alterati) - Fino a 200 quote - Nessuna - Fino a 300 quote - Nessuna ART 25 BIS.1 D. LGS.231/01 Delitti contro l industria e il commercio - Art. 513 c.p. (turbata libertà dell industria o del commercio) - Fino a 500 quote - Nessuna - Art. 515 c.p. (frode nell esercizio del commercio) - Art. 516 c.p. (vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine) - Art. 517 c.p. (vendita di prodotti industriali con segni mendaci) - Art. 517 ter c.p. (fabbricazione e commercio di beni realizzati usurpando titoli di proprietà industriale) Art. 517 quater c.p. (contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agro-alimentari) - Art. 513 bis c.p. (illecita concorrenza con minaccia o violenza) - Art. 514 c.p. (frodi contro le industrie nazionali) -Fino a 800 quote Art. 9 comma 2:

8 il divieto di pubblicizzare beni o servizi. ART 25 TER D. LGS. 231/01 Reati societari - Art c.c. False comunicazioni sociali; Senza danno - Art. 2622, 1 comma, c.c. False comunicazioni sociali, in danno dei soci e creditori; Società non quotate Con danno patrimoniale ai soci o ai creditori - Art. 2622, 3 comma, c.c. False comunicazioni sociali, in danno dei soci e creditori, Società quotate Con danno patrimoniale ai soci o ai creditori - Art. 173 bis TUF [Art. 2623, 1 comma c.c.] Falso in prospetto Senza danno - Art. 173 bis TUF [Art. 2623, 2 comma c.c.] Falso in prospetto Con danno patrimoniale ai destinatari - Art. 2624, 1 comma, c.c. Falso in relazioni o comunicazioni di società di revisione Art. 2624, 2 comma, c.c. Falso in relazioni o comunicazioni di società di revisione Abrogato articolo del c.c. Amministratori Direttori generali Sindaci Liquidatori Amministratori Direttori generali Sindaci Liquidatori Amministratori Direttori generali Sindaci Liquidatori Responsabili di revisione Responsabili di revisione Da 200 a 300 quote - Nessuna - Da 300 a 660 quote - Nessuna - Da 400 a 800 quote - Nessuna - Da 200 a 260 quote - Nessuna - - Da 400 a 660 quote - Nessuna - Da 200 a 260 quote Da 400 a 800 quote - Nessuna Nessuna - Art. 2625, 2 comma, c.c. Impedito controllo - Art c.c. Formazione fittizia di capitali Amministratori Amministratori Soci conferenti - Da 200 a 360 quote - Nessuna - Da 200 a 360 quote - Nessuna

9 - Art c.c. Indebita restituzione dei conferimenti - Art c.c. Illegale ripartizione degli utili e delle riserve - Art c.c. Illecite operazioni su azioni o quote sociali o della società controllante - Art c.c. Operazioni in pregiudizio dei creditori - Art bis c.c. Omessa comunicazione del conflitto di interessi con danno alla società o a terzi - Art c.c. Indebita ripartizione dei beni sociali da parte dei liquidatori - Art c.c. Illecita influenza sull assemblea - Art c.c. Aggiotaggio - Art c.c. Ostacolo all esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza - Art.2635 co.3 c.c. Corruzione tra privati Amministratori - Da 200 a 360 quote - Nessuna Amministratori - Da 200 a 260 quote - Nessuna Amministratori - Da 200 a 360 quote - Nessuna Amministratori - Da 300 a 660 quote - Nessuna Amministratori Componenti del consiglio di gestione Omissivo - Da 400 a 1000 quote - Nessuna Liquidatori - Da 300 a 660 quote - Nessuna - Da 300 a 660 quote - Nessuna - Da 400 a 1000quote - Nessuna Amministratori Direttori generali Sindaci Liquidatori Chi è sottoposto alle autorità pubbliche per legge o chi è tenuto ad obblighi nei loro confronti od Omissivo - Da 400 a 800 quote - Nessuna - Da 200 a 400 quote - Nessuna Se per i reati di cui all 25-ter D.Lgs 231/2001 l Ente ricava profitto di rilevante entità - Sanzioni aumentate di 1/3 - Nessuna ART 25 QUATER D. LGS. 231/01 Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico (delitti con finalità di terrorismo e di eversione dell ordine democratico) Si tratta di reati previsti dal codice penale e dalle leggi speciali - Da 200 a 700 quote per reati fino a 10 anni di reclusione - Da 400 a 1000 quote per reati con reclusione non inferiore a 10 anni o ergastolo Art. 9 comma 2 per una durata non inferiore all anno:

10 - Se l Ente viene stabilmente utilizzato allo scopo unico o prevalente di consentire o agevolare la dei reati si applica l interdizione definitiva dell attività. ART 25 QUATER.1 D. LGS. 231/01 Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili - Art. 583 bis c.p. Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili - Da 300 a 700 quote Art. 9 comma 2 per una durata non inferiore all anno:

11 - Nel caso si tratti di ente privato accreditato è revocato l accreditamento - Se l Ente viene stabilmente utilizzato allo scopo unico o prevalente di consentire o agevolare la dei reati si applica l interdizione definitiva dell attività. ART. 25 QUINQUES D. LGS. 231/01 Delitti contro la personalità individuale - Art. 600 c.p. Riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù - Da 400 a 1000 quote Art. 9 comma 2 per una durata non inferiore all anno: - Art. 601 c.p. Tratta di persone - Art. 602 c.p. Acquisto e alienazione di schiavi - L interdizione - Se l Ente viene stabilmente utilizzato allo scopo

12 - Art. 600 bis 1 comma c.p. Prostituzione minorile unico o prevalente di consentire o agevolare la dei reati si applica l interdizione definitiva dell attività. - Da 300 a 800 quote - Come sopra Anche se relativo a materiale di cui all art. 600quater1 - Art. 600 ter 1 e 2 comma c.p. Pornografia minorile Anche se relativo a materiale di cui all art. 600quater1 - Art. 600 quinquies c.p. Iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione - Art. 600 bis 2 comma c.p. Prostituzione minorile Anche se relativo a materiale di cui all art. 600quater1 - Art. 600 ter 3 e 4 comma c.p. Pornografia minorile Anche se relativo a materiale di cui all art. 600quater1 - Da 200 a 700 quote Se l Ente viene stabilmente utilizzato allo scopo unico o prevalente di consentire o agevolare la dei reati si applica l interdizione definitiva dell attività. - Art. 600 quater c.p. Detenzione di materiale pornografico Anche se relativo a materiale di cui all art. 600quater1 - Art. 609 undecies c.p. Adescamento di minore Parte V, Titolo I bis, Capo II D.Lgs , n Art. 184 Abuso di informazioni privilegiate - Art. 185 Manipolazione del mercato ART. 25 SEXIES D. LGS. 231/01 Abusi di mercato - Da 400 a 1000 quote - Se l Ente ricava prodotto o profitto di rilevante entità, la sanzione è aumentata fino a 10 volte tale prodotto o profitto - Nessuna

13 ART. 25 SEPTIES D. LGS. 231/01 Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro - Art. 589 c.p. Omicidio colposo commesso in violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro - Da 250 a 500 quote Sanzioni interdittive di cui art. 9 comma 2 per una durata non inferiore a tre mesi e non superiore ad un anno. - Art. 589 c.p. Omicidio colposo commesso in violazione dell art. 55 D.Lgs. 81/2008 Datore di Lavoro Omissivo - Pari a 1000 quote Sanzioni interdittive di cui art. 9 comma 2 per una durata non inferiore a tre mesi e non superiore ad un anno. - Art. 590, 2 e 3 comma c.p. Lesioni colpose gravi e gravissime commesso in violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro - Fino a 250 quote Sanzioni interdittive di cui art. 9 comma 2 per una durata non superiore a sei mesi. ART. 25 OCTIES D. LGS. 231/01 Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita - Art. 648 c.p. Ricettazione - Art. 648 bis c.p. Riciclaggio - Art. 648 ter c.p. Impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita - Da 200 a 800 quote - Da 400 a 1000 quote in caso di provenienza da delitti per i quali è stabilita la pena della reclusione superiore nel massimo a 5 anni Art. 9 comma 2 per una durata non superiore a due anni

14 ART. 25 NOVIES D. LGS. 231/01 Delitti in materia di violazione del diritto d autore (delitti in materia di violazione del diritto d autore) Delitti previsti dalla Legge 633/1941 artt. 171 co. 1 lett. a-bis) e co bis, 171 ter, 171 septies, 171 octies - Fino a 500 quote Art. 9 comma 2 con durata non superiore a 1 anno: il divieto di pubblicizzare beni o servizi. Resta fermo quanto previsto dall art. 174 quinquies L.633/1941 in tema di sospensione o cessazione dell esercizio o dell attività. ART. 25 DECIES D. LGS. 231/01 Induzione e non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all autorità giudiziaria - Art. 377 bis c.p. (induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all Autorità Giudiziaria) - Fino a 500 quote - Nessuna ART. 25 UNDECIES D. LGS. 231/01 Reati ambientali Per i reati presupposto in materia di Tutela ambientale introdotti nel D.Lgs. 231/2001 con il D.Lgs. 121/2011 si veda Tabella ad hoc.

15 ART. 25 DUODECIES D. LGS. 231/01 Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare - Art. 22, co. 12-bis D.Lgs. 286/98 Lavoro subordinato a tempo determinate e indeterminato Datore di lavoro - Da 100 a 200 quote entro il limite di euro - Nessuna ART. 26 D. LGS. 231/01 Delitti tentati Delitti, di cui sopra, tentati - Riduzione da un terzo alla metà Riduzione da un terzo alla metà

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);

APPENDICE 1. Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); APPENDICE 1 REATI ED ILLECITI (Generale)* I II Reati commessi nei rapporti con la pubblica amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto); Reati informatici e trattamento illecito di dati (art. 24 bis del

Dettagli

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001:

Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione del D.Lgs. 231/2001: MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 ADECCO ITALIA S.P.A. - ELENCO DEI REATI 231 - Si elencano di seguito i reati attualmente ricompresi nell ambito di applicazione

Dettagli

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili

Meda Pharma SpA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo - Allegato A Documento di mappatura dei processi sensibili Meda Pharma SpA - Allegato A al Modello Organizzativo Reato non rilevante Reato rilevante Articolo D.Lgs Fattispecie iilecito amministrativo Anno introduzione Reato Articolo 23 D. Lgs. Inosservanza delle

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 1 ALITALIA SOCIETÀ AEREA ITALIANA S.p.A. ALLEGATO 1 ELENCO REATI 1 Adottato con delibera del 25/03/2016. INDICE I Reati previsti dal Decreto

Dettagli

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1

APPENDICE 1. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 APPENDICE 1 Pagina 1 di 7 APPENDICE 1 Il D.Lgs 231/2001, recante la disciplina in tema di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, superando il principio che individuava nella persona fisica l unico

Dettagli

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01

MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 LAURO CANTIERI VALSESIA S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MAPPATURA DELLE AREE DI RISCHIO EX D. LGS. 231/01 Premessa Ai fini dell efficace predisposizione di un Modello Organizzativo,

Dettagli

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001)

- ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E ARTICOLI DEL CODICE PENALE RICHIAMATI DALL ART 4 DEL D.LGS. 231/2001) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DI WIND RETAIL S.R.L. AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 231/2001 Responsabilità amministrativa della Società - ALLEGATO A E B (FATTISPECIE DEI REATI E

Dettagli

Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001

Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 Allegato 1 - I REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 a) REATI IN TEMA DI EROGAZIONI PUBBLICHE (Art. 24, D. Lgs. n. - Malversazione a danno dello Stato (art. 316-bis c.p.): qualora, dopo aver ottenuto dallo

Dettagli

ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011

ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011 ELENCO REATI PRESUPPOSTO PREVISTI DAL D. LGS. 231/2001 AGGIORNATO AL 7/7/2011 Reati contro la Pubblica Amministrazione (art. 24 e art. 25, D.Lgs. 231/01) - Malversazione a danno dello Stato o di altro

Dettagli

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO

ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO ELENCO DEI REATI PRESUPPOSTO Reati contro la Pubblica Amministrazione (art. 24 e 25): Malversazione a danno dello Stato o di altro Ente Pubblico (art. 316 bis, cod. pen.); Indebita percezione di erogazioni

Dettagli

ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01

ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01 ALLEGATO 1 TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX DLGS 231/01 1. Indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni

Dettagli

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI

ALLEGATO C AREE DI ATTIVITA A RISCHIO REATO, REATI ASSOCIABILI E PRESIDI ORGANIZZATIVI Realizzazione di programmi di formazione e di servizi a favore del personale finanziati con contributi pubblici Area di attività a rischio diretto con riferimento ai Corruzione pubblica 1 Truffa in danno

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO

ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO Premessa Il presente elenco dei reati include l elenco di tutti i reati presupposto definiti dal Dlgs 231 dell 8 giugno 2001, recante la Disciplina della responsabilità

Dettagli

FATTISPECIE DI REATO PREVISTE DAL D.LGS. 231/01 E DALLA L. 190/2012. 2.1 Truffa ai danni dello Stato (art. 640, comma 2, c.p.).

FATTISPECIE DI REATO PREVISTE DAL D.LGS. 231/01 E DALLA L. 190/2012. 2.1 Truffa ai danni dello Stato (art. 640, comma 2, c.p.). FATTISPECIE DI REATO PREVISTE DAL D.LGS. 231/01 E DALLA L. 190/2012 N. CATEGORIE DI REATO N. FATTISPECIE DI REATO 1.1 Concussione (art. 317 c.p.). 1.2 Corruzione di persona incaricata di pubblico servizio

Dettagli

Modello organizzativo 231 OTIS Servizi S.r.l. OTIS SERVIZI Srl. Sede Legale in Cassina de Pecchi (MI) Via Roma n. 108

Modello organizzativo 231 OTIS Servizi S.r.l. OTIS SERVIZI Srl. Sede Legale in Cassina de Pecchi (MI) Via Roma n. 108 OTIS SERVIZI Srl Sede Legale in Cassina de Pecchi (MI) Via Roma n. 108 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 sulla Responsabilità Amministrativa

Dettagli

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015

Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 Mappa delle attività a rischio reato nella Fondazione Torino Wireless 2015 PREMESSA: per compilare le tabelle che seguono sono stati inizialmente presi in considerazione tutti i reati previsti dal D.lgs.

Dettagli

CEAM S.r.l. Sede Legale in Calderara di Reno (BO) Via Pradazzo 4/2 ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO

CEAM S.r.l. Sede Legale in Calderara di Reno (BO) Via Pradazzo 4/2 ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO CEAM S.r.l. Sede Legale in Calderara di Reno (BO) Via Pradazzo 4/2 ALLEGATO 1 ELENCO REATI PRESUPPOSTO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n.

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex Dlgs 231/2001 20 dicembre 2010

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex Dlgs 231/2001 20 dicembre 2010 ALLEGATO A. A.1 contro la Pubblica Amministrazione (artt. 24 e 25 del Dlgs 231/2001)... 2 A.2 societari (art. 25 ter del Dlgs 231/2001)... 3 A.3 Legenda altri reati previsti dal Dlgs 231/2001... 9 1 A.1

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione ANDREA MENEGOTTO DECRETO LEGISLATIVO 231/01 e s.m.i. Compliance aziendale, responsabilità d'impresa, analisi del rischio e Modelli di Organizzazione e Gestione Rev. 00 novembre 2012 Il decreto legislativo

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Novembre 2014 Approvata dall OdV del: 27/11/2014 Approvata dal CdA del: 27/11/2014 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Novembre 2014 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

ALLEGATO 1. SCHEDA EVIDENZA Rischio Reati ex D. Lgs. 231/2001

ALLEGATO 1. SCHEDA EVIDENZA Rischio Reati ex D. Lgs. 231/2001 ALLEGATO 1 SCHEDA EVIDENZA Rischio Reati ex D. Lgs. 231/2001 Funzione aziendale: Periodo : All Organismo di Vigilanza di Equitalia Servizi S.p.A. Premesso che: Equitalia Servizi S.p.A. ha predisposto il

Dettagli

PREMESSE. - soggetti che occupano una posizione apicale all interno dell ente ( ossia chi esercita, anche di fatto, le funzioni di rappresentanza,

PREMESSE. - soggetti che occupano una posizione apicale all interno dell ente ( ossia chi esercita, anche di fatto, le funzioni di rappresentanza, 1. Il regime di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per i reati commessi nel loro interesse ai sensi del D.Lgs. n. 231 del 2001 Il D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 (di seguito Decreto ),

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, N. 231

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, N. 231 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, N. 231 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Ansaldo

Dettagli

SIRAP INSULATION S.r.l.

SIRAP INSULATION S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIRAP INSULATION S.r.l. ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 di Chiara Assicurazioni Versione del: Settembre 2012 Approvata dall OdV del: 18/09/2012 Approvata dal CdA del: 24/09/2012 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Settembre

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Maggio 2015 Approvata dall OdV del: 06/5/2015 Approvata dal CdA del: 07/5/2015 Pag. 1 Elenco Reati Versione del Maggio 2015 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A.

Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. Modello Organizzativo D.Lgs. 231/01 COM METODI S.p.A. PARTE GENERALE e ORGANISMO di VIGILANZA 3 Adeguamento ed aggiornamento del Modello adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21 gennaio

Dettagli

SIRAP INSULATION S.r.l.

SIRAP INSULATION S.r.l. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO SIRAP INSULATION S.r.l. ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Ottobre 2015 Approvata dall OdV del: 5 novembre 2015 Approvata dal CdA del: 5 novembre 2015 1 di 57 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO... 3 1.1. ARTICOLO 24

Dettagli

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001

Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Elenco dei Reati ex D. Lgs. 231/2001 Versione del: Aprile 2015 Approvata dall OdV del: 23/4/2015 Approvata dal CdA del: 07/5/2015 Pag. 1 Elenco Reati Versione dell Aprile 2015 INDICE 1. I REATI PRESUPPOSTO...

Dettagli

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca Sommario - I fatti illeciti a vantaggio o nell interesse dell organizzazione - Le fattispecie di reato rilevanti - I modelli di organizzazione e controllo e la mappatura dei processi a rischio Il D. Lgs.

Dettagli

MANITAL SOCIETA CONSORTILE PER I SERVIZI INTEGRATI PER AZIONI CONSORZIO STABILE

MANITAL SOCIETA CONSORTILE PER I SERVIZI INTEGRATI PER AZIONI CONSORZIO STABILE MANITAL SOCIETA CONSORTILE PER I SERVIZI INTEGRATI PER AZIONI CONSORZIO STABILE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Revisione Approvazione

Dettagli

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo

Linee Guida. per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Linee Guida per l adozione, l implementazione e l attuazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo Ai sensi dell art. 6, 3 comma, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 «Disciplina

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 4 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Indice Pag. 2 di 4 I) PARTE GENERALE INTRODUZIONE 1 PRESENTAZIONE

Dettagli

3.1 Individuazione delle attività sensibili...17. 4.1 Codice di condotta...20 4.2 Principi di comportamento...20

3.1 Individuazione delle attività sensibili...17. 4.1 Codice di condotta...20 4.2 Principi di comportamento...20 Modello organizzativo di gestione e controllo di ETRA SPA per esimere la società dalla responsabilità amministrativa per i reati contemplati nel D.Lgs. 231/2001 e seguenti commessi nell interesse o a vantaggio

Dettagli

INAZ SRL Società Unipersonale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

INAZ SRL Società Unipersonale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. INAZ SRL Società Unipersonale MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Gennaio 2014 1 INDICE PARTE GENERALE... 3 1 - DESCRIZIONE DEL QUADRO

Dettagli

Introduzione al D.lgs 231/2001

Introduzione al D.lgs 231/2001 1. IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 1.1. LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231, che reca la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA

Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA Modello di Organizzazione Gestione e Controllo D.Lgs. 231/01 ALLEGATO 1 REATI EX D.LGS 231/01 Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 CdA SOMMARIO PREMESSA... 6 1. SOGGETTI...

Dettagli

ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA

ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA ENTE AUTONOMO PER LE FIERE DI VERONA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE A i s e n s i d e l D. L g s. 8 g i u g n o 2 0 0 1 n. 2 3 1 e s u c c e s s i v e m o d i f i c h e e i n t e g r a z i o n

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo

Modello di organizzazione, gestione e controllo FOMAS S.p.A. Ai sensi dell art 6, 3 comma, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n 231 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Edizione 6.0 (Anno 2013) - Aggiornamento Documento Adottato dall Amministratore Delegato in data 1 Agosto 2013 e

Dettagli

Modello 231 di Organizzazione e di Gestione Decreto Legislativo8 giugno 2001 n. 231

Modello 231 di Organizzazione e di Gestione Decreto Legislativo8 giugno 2001 n. 231 VALVITAL S.p.A. 1 Modello 231 di Organizzazione e di Gestione Decreto Legislativo8 giugno 2001 n. 231 Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera assembleare del _22/07/2014 Presidente Segretario

Dettagli

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Pag. 1 di 244 07/10/2014 INDICE DEFINIZIONI... 6 PREMESSA...

Dettagli

ELENCO DEI REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 E SS.MM.II. (aggiornato al 26 ottobre 2011)

ELENCO DEI REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 E SS.MM.II. (aggiornato al 26 ottobre 2011) ELENCO DEI REATI PREVISTI DAL D.LGS. 231/2001 E SS.MM.II. (aggiornato al 26 ottobre 2011) Reati commessi nei rapporti con la Pubblica Amministrazione (art. 24, D.Lgs. 231/01) Malversazione a danno dello

Dettagli

Genova Parcheggi S.p.A. MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE

Genova Parcheggi S.p.A. MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE Genova Parcheggi S.p.A. MODELLO ORGANIZZATIVO E DI GESTIONE Modello di organizzazione e gestione ex D.Lgs. n. 231/2001 Integrato ai sensi di Legge 190/2012 1 INDICE 1. PREMESSA pag. 3 2. PRINCIPI GENERALI

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO D. LGS. 231/2001 Il presente Modello è stato approvato dall Assemblea dei Soci di Pessina Tubi S.p.A. in data 05/06/2014. Pagina 2 di (172) SOMMARIO SOMMARIO...3

Dettagli

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A.

BOTTO POALA S.p.A. BOTTO POALA S.P.A. Pagina 1 di 9 BOTTO POALA S.P.A. ELENCO DEI REATI-PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI EX D.LGS. N. 231/2001 AGGIORNATO ALLA GAZZETTA UFFICIALE DEL 26 OTTOBRE 2011 approvato dal C.D.A.

Dettagli

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it La Corporate Governance nelle recenti best practices - I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it 27 Febbraio 2012 1 INTRODUZIONE Con il D. Lgs. 231/2001, il legislatore

Dettagli

IREN S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

IREN S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 IREN S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Revisione Approvazione

Dettagli

ALLEGATO 1 REATI EX D.LGS 231/01

ALLEGATO 1 REATI EX D.LGS 231/01 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo D.Lgs. 231/01 ALLEGATO 1 REATI EX D.LGS 231/01 Rev. Oggetto Approvazione Data 00 Allegato 1 Reati ex D.Lgs. 231/01 27 marzo 2013 01 Allegato 1 Reati ex D.Lgs.

Dettagli

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI IL D.LGS. 231/2001 INTRODUZIONE Su delega legislativa il Governo italiano ha emanato il D.lgs. 231/2001 intitolato Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. n. 231 del 8/6/2001. Allegato 1 I reati previsti dal D. Lgs. n.

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. n. 231 del 8/6/2001. Allegato 1 I reati previsti dal D. Lgs. n. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. n. 231 del 8/6/2001 Allegato 1 I reati previsti dal D. Lgs. n. 231/2001 Edizione settembre 2015 INDICE 1. REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE...

Dettagli

ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D.

ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D. ALLEGATO A ELENCO REATI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E DEGLI ENTI EX D. Lgs. 231/2001 1 INDICE Art. 24 Reati contro il patrimonio della Pubblica Amministrazione... 5 Truffa

Dettagli

Parte generale - Allegato A. Allegato A - Fattispecie di reato previste dal D. Lgs. 231/01 e modalità di commissione

Parte generale - Allegato A. Allegato A - Fattispecie di reato previste dal D. Lgs. 231/01 e modalità di commissione Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 Parte generale - Allegato A Fattispecie di reato previste dal D. Lgs. 231/01 e modalità di commissione 1 dicembre 2014 (rev. 1) Speziarisorse

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001 28 aprile 2009 Relatore: Co-relatore: Avv. Riccardo Nalin Ing. Andrea Semino D. LGS. 231/2001 Responsabilità Amministrativa Persone Giuridiche

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N.231

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N.231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 8 GIUGNO 2001 N.231 Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Selex Service Management S.p.A. nella seduta del 9 maggio 2013 Pagina 1 di 65

Dettagli

MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo

MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo MODELLO di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Testo adottato dal Consiglio di Amministrazione di SOPAF S.p.A. ( 13 Novembre 2007) Modificato dal

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 Tyco Flow Control Italia S.r.l. Prima Edizione 12 Marzo 2012 2 SOMMARIO PARTE GENERALE............

Dettagli

PRINCIPI DI RIFERIMENTO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 GIORGIO FEDON & FIGLI S.P.A.

PRINCIPI DI RIFERIMENTO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 GIORGIO FEDON & FIGLI S.P.A. PRINCIPI DI RIFERIMENTO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 GIORGIO FEDON & FIGLI S.P.A. 1 DESCRIZIONE DEL QUADRO NORMATIVO 1.1 Introduzione Il decreto legislativo 8 giugno

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 PARTE GENERALE. ALITALIA COMPAGNIA AEREA ITALIANA S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 PARTE GENERALE. ALITALIA COMPAGNIA AEREA ITALIANA S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/01 PARTE GENERALE ALITALIA COMPAGNIA AEREA ITALIANA S.p.A. Adottato con delibera del Comitato Esecutivo del 25 febbraio 2010 e da ultimo aggiornato

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS 231/2001 1. PREMESSA Il D.Lgs. 8 giugno 2001 n. 231 ( D.Lgs.231/01 ), recante la Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche,

Dettagli

SEZIONE SPECIFICA 1 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED ALTRI REATI

SEZIONE SPECIFICA 1 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED ALTRI REATI SEZIONE SPECIFICA 1 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ED ALTRI REATI INDICE Premessa... 3 1. Le fattispecie dei reati nei rapporti con la Pubblica Amministrazione (artt. 24 e 25 del D.Lgs.

Dettagli

Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231

Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Modello di organizzazione e di gestione ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. PARTE SPECIALE (definizione degli illeciti e mappatura delle attività sensibili) (Adottato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Il Modello di Organizzazione e Gestione

Il Modello di Organizzazione e Gestione Il Modello di Organizzazione e Gestione Ex D.Lgs. 8 Giugno 2001 N.231 PARTE GENERALE Adottato dal Consiglio di Amministrazione in data 13 gennaio 2014 Sommario 1. FINALITÀ E PRINCIPI DI LEGGE... 4 1.1

Dettagli

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX D.LGS. 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI (Rev. 19 del 14/06/2015)

TABELLA REATI/ILLECITI PRESUPPOSTO DELLA RESPONSABILITA' EX D.LGS. 231/01, CON RIFERIMENTI LEGISLATIVI E SANZIONI (Rev. 19 del 14/06/2015) ART. (Malversazione a danno dello Stato o di altro ente pubblico) Chiunque, estraneo alla pubblica amministrazione, avendo ottenuto 24 dallo Stato o da altro ente pubblico o dalle Comunità europee contributi,

Dettagli

GALLI srl FASCICOLO 1

GALLI srl FASCICOLO 1 FASCICOLO 1 Modello di Organizzazione, gestione e controllo Decreto Legislativo 8 giugno 2011 n. 231 e successive modificazioni e integrazioni di GALLI srl Parte Generale 1 Approvazione dell Amministratore

Dettagli

Modello di Organizzazione e Gestione ai sensi del Decreto Legislativo 8 Giugno 2001 n. 231

Modello di Organizzazione e Gestione ai sensi del Decreto Legislativo 8 Giugno 2001 n. 231 Modello di Organizzazione e Gestione ai sensi del Decreto Legislativo 8 Giugno 2001 n. 231 Parte Generale May 2014 This document is the property of PARTE GENERALE --------------------------------------------------------------------------

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONTROLLO Del: Dicembre 2012

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONTROLLO Del: Dicembre 2012 Ex D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 Pag.: 1 di 100 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 MODELLO ORGANIZZATIVO APPROVAZIONE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo di Pomellato S.p.A. (ai sensi del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231)

Modello di organizzazione, gestione e controllo di Pomellato S.p.A. (ai sensi del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231) Modello di organizzazione, gestione e controllo di Pomellato S.p.A. (ai sensi del Decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231) Edizione n. 1 Approvata il 2 febbraio 2016 INDICE SOMMARIO Definizioni e abbreviazioni.4

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE PRICEWATERHOUSECOOPERS ADVISORY SPA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 26 agosto 2013 STRUTTURA DEL MODELLO

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

A2A Servizi alla Distribuzione S.p.A.

A2A Servizi alla Distribuzione S.p.A. PARTE GENERALE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO A2A Servizi alla Distribuzione S.p.A. (Aggiornato dal Consiglio di Amministrazione in data 27 febbraio 2014) ai sensi del Decreto Legislativo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01 di BSH Elettrodomestici S.p.A.

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01 di BSH Elettrodomestici S.p.A. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01 di BSH Elettrodomestici S.p.A. Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 25 marzo 2011 e successivamente modificato

Dettagli

INSIEL INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

INSIEL INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. INSIEL INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE GENERALE Revisione n.00 Approvata dal C.d.A

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001)

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) Disciplina della responsabilita' amministrativa delle persone giuridiche, delle societa' e delle

Dettagli

Robert Bosch S.p.A. (RBIT) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

Robert Bosch S.p.A. (RBIT) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Robert Bosch S.p.A. (RBIT) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012 Pag. 1 di 51 INDICE

Dettagli

INDICE 1. FINALITÀ E PRINCIPI DI LEGGE...4

INDICE 1. FINALITÀ E PRINCIPI DI LEGGE...4 ESTRATTO DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 Parte Generale Volkswagen Group Firenze S.p.A. INDICE 1. FINALITÀ E PRINCIPI DI LEGGE...4 1.1

Dettagli

ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001

ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001 ELENCO DEI REATI RILEVANTI AI SENSI DEL D.LGS. N. 231/2001 Il presente documento costituisce parte integrante del Modello Organizzativo 231 adottato dalle Società del Gruppo Banco Desio ai sensi del D.Lgs

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Novelis S.p.A. in data 6 Dicembre 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione di Novelis S.p.A. in data 6 Dicembre 2012 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, DI GESTIONE E DI CONTROLLO DI NOVELIS ITALIA S.p.A. In attuazione del Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 e successive modifiche ed integrazioni Versione del 5 Novembre

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 22 ottobre 2007 ed aggiornato da ultimo il 22 aprile 2013 INDICE PARTE GENERALE... 5 PREMESSA...

Dettagli

Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo. ex Decreto Legislativo n. 231/2001

Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo. ex Decreto Legislativo n. 231/2001 Manuale di Organizzazione, Gestione e Controllo ex Decreto Legislativo n. 231/2001 Rev. 0 del 01/02/2011 Indice 1 INTRODUZIONE... 12 2 FINALITÀ... 16 3 MAPPATURA DEI REATI E IDENTIFICAZIONE DEI RISCHI...

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO AI SENSI DEL D. LGS. 231/01 PARTE GENERALE INDICE PARTE GENERALE 1 DESTINATARI DELLA PARTE GENERALE... 4 2 LA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DELLE

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Via G. Fara, 13 20124 Milano Tel: +39 02 66989111 Fax: +39 02 67391275 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi dell articolo 6, comma 3, del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 MERZ

Dettagli

DRAEGER MEDICAL ITALIA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE PREMESSA PRINCIPI DISPOSIZIONI GENERALI VIOLAZIONI DEL CODICE ETICO-SISTEMA SANZIONATORIO

DRAEGER MEDICAL ITALIA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE PREMESSA PRINCIPI DISPOSIZIONI GENERALI VIOLAZIONI DEL CODICE ETICO-SISTEMA SANZIONATORIO DRAEGER MEDICAL ITALIA S.P.A. CODICE ETICO AZIENDALE PREMESSA PRINCIPI DISPOSIZIONI GENERALI VIOLAZIONI DEL CODICE ETICO-SISTEMA SANZIONATORIO Pag. 1 di 17 Versione Marzo 2014 PREMESSA La Società Draeger

Dettagli

Fondazione Conte Carlo Busi Onlus Via Formis, 4 Casalmaggiore ( CR ) Modello Organizzativo di Gestione e Controllo

Fondazione Conte Carlo Busi Onlus Via Formis, 4 Casalmaggiore ( CR ) Modello Organizzativo di Gestione e Controllo Fondazione Conte Carlo Busi Onlus Modello Organizzativo di Gestione e Controllo ai sensi del d.lgs 231/2001 rev 01 approvato con delibera del Consiglio di amministrazione del 19/11/2012 Il presente Modello

Dettagli

Kiron Partner S.p.A. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001

Kiron Partner S.p.A. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001 Kiron Partner S.p.A. Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001 Milano, 18/12/2014 INDICE PARTE GENERALE 4 1. LA NORMATIVA 5 1.1 IL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001 N. 231 5 1.2.

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX D.LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 9 settembre 2013 INDICE PARTE GENERALE... 5 PREMESSA... 6 1. IL DECRETO LEGISLATIVO n. 231/2001...

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 SBB CARGO ITALIA S.R.L.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 SBB CARGO ITALIA S.R.L. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.LGS. 231/2001 SBB CARGO ITALIA S.R.L. Edizione aggiornata al 31 luglio 2013 1 INDICE PREFAZIONE... 4 CAPITOLO 1 - IL D. LGS 231/2001...6 1.1

Dettagli

BREVE SINTESI DEL MOGC

BREVE SINTESI DEL MOGC BREVE SINTESI DEL MOGC 1. Il d.lgs. 231/01 Con il decreto legislativo 231 del 2001 è stata introdotta la responsabilità amministrativa degli enti in conseguenza di reati commessi o tentati, da soggetti

Dettagli

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N.

L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. L.E.G.O. Legatoria Editoriale Giovanni Olivotto S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 Pag. 1 di 226 04/10/2011 INDICE DEFINIZIONI... 5 PREMESSA...

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO AI SENSI D.Lgs. 231 del 2001

VALUTAZIONE DEL RISCHIO AI SENSI D.Lgs. 231 del 2001 VALUTAZIONE DEL RISCHIO AI SENSI D.Lgs. 231 del 2001 INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...3 1.1 PREMESSA... 3 1.2 SCOPO... 3 1.3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2 METODOLOGIA DI ANALISI DEL RISCHIO DI REATO...4

Dettagli

Modello di Organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 adottato da. Cosmo S.p.A. (in seguito, per brevità, Cosmo o la Società )

Modello di Organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231/2001 adottato da. Cosmo S.p.A. (in seguito, per brevità, Cosmo o la Società ) 28/04/204 Modello di Organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 23/200 adottato da Cosmo S.p.A. (in seguito, per brevità, Cosmo o la Società ) STORICO DELLE MODIFICHE Descrizione della modifica

Dettagli

REATI PRESUPPOSTO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IL PATRIMONIO (ARTT. 24 E 25)

REATI PRESUPPOSTO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IL PATRIMONIO (ARTT. 24 E 25) REATI PRESUPPOSTO REATI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IL PATRIMONIO (ARTT. 24 E 25) Malversazione a danno dello Stato o dell Unione Europea (art. 316-bis c.p.): vi incorre chiunque, estraneo alla

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO D. LGS. 231/2001

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO D. LGS. 231/2001 SASOL ITALY S.P.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO D. LGS. 231/2001 PARTE GENERALE TESTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI SASOL ITALY S.P.A. NELLA SEDUTA DEL 24 SETTEMBRE 2013

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS.

A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS. A.P.A.M. S.P.A. (AZIENDA PUBBLICI AUTOSERVIZI MANTOVA S.P.A.) MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELLA SOCIETÀ D. LGS. 231/2001 (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del

Dettagli