Millon illo n Clin ical Clin Mult u iaxial I iaxial n I ve v n e tory MCMI-II I I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Millon illo n Clin ical Clin Mult u iaxial I iaxial n I ve v n e tory MCMI-II I I"

Transcript

1 Millon Clinical Multiaxial Inventory MCMI-IIIIII

2 LA TEORIA THEODORE MILLON Institute for Advanced Studies in Personology and Psychopathology Florida

3 LA TEORIA Th. Millon, è l'autore di ciò che molti ritengono essere una delle più complete teorie della personalità, è famosissimo negli States ed è anche una personalità influente nell'establishment psichiatrico e psicologico americano.

4 LA TEORIA Millon ritiene che un modello scientifico debba prevedere 4 elementi: 1) teoria coerente o schemi esplicativi, come nella biologia evolutiva; 2) nosologia o classificazioni basate sulla teoria (come nei disturbi di personalità del DSM-IV); 3) strumenti di valutazione del modello, empiricamente fondati (come il Millon Clinical Multiaxial Inventory); 4) interventi concreti a partire dai dati acquisiti (come la sua Synergistic psychotherapy).

5 LO STRUMENTO Il Millon Clinical Multiaxial Inventory MCMI-IIIIII

6 Caratteristiche IL MCMI e un questionario di autovalutazione (vero-falso di 175 item) Esso ha lo scopo di misurare tratti di personalita e la presenza di psicopatologia

7 Caratteristiche È composto da 24 scale cliniche che sono correlate con una specifica teoria della personalità e della psicopatologia

8 Caratteristiche Le scale sono direttamente collegate con il formato nosologico e la terminologia concettuale del DSM-IV (Millon era uno dei membri del gruppo di lavoro che ha creato il DSM-III. Ci sono pertanto ovvi paralleli diagnostici e concettuali)

9 Caratteristiche Sono state costruite scale diverse per distinguere: - caratteristiche di personalità durature (Asse II) - dai disturbi clinici acuti (Asse I) Questo permette di distinguere gli aspetti del comportamento patologico, che sono presenti in modo generale e continuativo, dagli aspetti di sindromi transitori o circoscritti.

10 Caratteristiche Il MCMI-III III è costituito da: - Scale di validità - Scale degli stili di personalità - Scale dei disturbi di personalità (Patologia grave) - Scale delle sindromi cliniche - Scale delle sindromi cliniche gravi

11 Caratteristiche E possibile distinguere: - la configurazione dei tratti che caratterizzano la struttura di base della personalità (le prime 8 scale) - dai livelli più impegnativi e gravi della stessa struttura (le scale 2b, 6b, 8b, S, C, P).

12 Caratteristiche Le prime 8 scale : (scale degli stili di personalità) 1 - Schizoide 2A - Evitante 3 - Dipendente 4 - Istrionico 5 - Narcisista 6A - Antisociale 7 - Compulsivo 8A - Negativista

13 Caratteristiche Livelli più impegnativi e gravi: (scale di personalità gravi) 2B - Depressivo 6B - Aggressivo 8B - Autolesionista P - Schizotipico C - Borderline S - Paranoide

14 Caratteristiche Nello stesso modo si distinguono bene: - sindromi cliniche meno gravi di tipo nevrotico (le scale A, H, N, D, B, T, R) - da quelle aventi aspetti simili ma di natura più psicotica (SS, CC, PP)

15 Caratteristiche A- Disturbi d'ansia H- Somatoforme SINDROMI CLINICHE MENO GRAVI N- Maniacale-bipolare D- Distimico B- Dipendenza alcool T- Dipendenza droga R- Post-traumaticotraumatico

16 Caratteristiche SINDROMI GRAVI SS- Disturbi del pensiero CC- Depressione Maggiore PP- Disturbi da delirio

17 Caratteristiche La validazione degli item è stata fatta sulla base di tre criteri: a. il criterio della solidità teorica; b. il criterio interno strutturale; c. il criterio esterno di confronto con altri strumenti.

18 Uso del MCMI Il Millon si può usare nelle più svariate condizioni cliniche e di consulenza: negli ospedali, nei tribunali, nella pratica privata

19 Elaborazione dei punteggi Il punteggio grezzo Se l'indice di validità V è entro i limiti appropriati, allora si calcolano i 24 punteggi delle scale usando le chiavi fornite

20 Le Norme Millon ha usato quattro punteggi-àncora: 35, 60, 75, 85 Un BR di 35 rappresenta la mediana per una popolazione non psichiatrica; un BR di 60 rappresenta la mediana per pazienti psichiatrici; un BR di 75 indica una presenza sicura della caratteristica misurata; un BR di 85 indica che la caratteristica nell'individuo è predominante.

21 Gli indici correttivi Le prime tre scale del Millon sono: la scala X: Apertura; la scala Y: Desiderabilità; la scala Z: Svalutazione

22 Le scale Cliniche Le scale cliniche sono suddivise in quattro sezioni: - Scale di configurazione della personalità (1-8) - Scale di disturbi patologici della personalità (2b, 6b, 8b, S, C, P) - Scale di sindromi cliniche moderate (A, H, N, D, B, T, R) - Sindromi cliniche impegnative - (SS, CC, PP)

23 GLI OTTO STILI DI PERSONALITA

24 Scala 1: Stile Schizoide Le persone con punteggi alti presentano un deficit affettivo (ad es. non mostrano di provare forti emozioni; riferiscono di non avere bisogno di affetti e di avere difficoltà a mostrare ed a provare piacere) ed una debolezza cognitiva blanda (ad es. mostrano processi di pensiero poco chiari ed impoveriti inappropriati al livello intellettivo; la comunicazione sociale è spesso tangenziale od irrilevante).

25 Scala 1: Stile Schizoide Mostrano inoltre di avere interessi "umani" minimi e nelle relazioni sociali e familiari hanno un ruolo periferico Sono di solito poco spontanei, apatici e passivi, sperimentano un basso livello di energia e mancanza di vitalità e mostrano deficit nell'espressività motoria Infine manifestano una bassa sensibilità percettiva (ad es. sembrano avere una capacità di introspezione minima ed una bassa consapevolezza di sé).

26 Scala 2: Stile Evitante Valori alti sulla scala individuano persone disforiche (ad es. si descrivono come tese, confuse ed oscillanti tra desiderio di affetto, paura e bassa sensibilità affettiva). Cognitivamente presentano interferenze moderate di pensiero (ad es. sono annoiati e distratti da pensieri che li confondono). Si percepiscono alienati (ad es. descrivono la loro vita come caratterizzata da isolamento e rifiuto). A livello interpersonale hanno un comportamento ostile (ad es. ricercano la privacy per evitare la disapprovazione). Infine sono ipersensibili a livello percettivo, ad es. hanno un atteggiamento di vigilanza per individuare eventuali minacce.

27 Scala 3: Stile Dipendente Il temperamento di queste persone è pacifico e docile, di solito evitano le tensioni sociali ed i conflitti interpersonali. A livello interpersonale mostrano sottomissione, cercano qualcuno che li sostenga e senza tale sostegno si sentono ansiosi; spesso sono individui accomodanti e disposti a sacrificarsi. Si percepiscono inadeguati, deboli, fragili ed inefficaci, e tendono a sminuire le proprie abilità e competenze. Mostrano uno stile cognitivo "di Polianna", ed infine hanno un deficit di iniziativa, il loro stile di vita è pacato, passivo e privo di eventi. Evitano di asserirsi e di prendersi responsabilità e spesso sopprimono emozioni "brutte" come la rabbia.

28 Scala 4: Stile Istrionico L'affettività di coloro che hanno un punteggio elevato in questa scala è incostante, i legami affettivi sono di breve durata, drammatici e superficiali; tendono ad essere facilmente eccitati o annoiati. Si percepiscono socievoli, stimolanti ed affascinanti, e la loro vita sociale è tipicamente fatta di conoscenze fugaci. Sono deduttivi (ad es. sollecitano attivamente lodi e manipolano gli altri per ottenere attenzione ed approvazione, mostrando un comportamento infantilmente esibizionistico). A livello cognitivo sono dissociati, integrano poco le esperienze e mostrano un giudizio incostante, infondato ed imprevedibile. Hanno un atteggiamento immaturo di ricerca di stimoli, non tollerano l'inattività e sono inclini ad eccitazioni momentanee.

29 Scala 5: Stile Narcisista Queste persone mostrano una sicurezza pretenziosa ed esagerano i successi. Gli altri le percepiscono come egoiste, alteri ed arroganti. Nelle relazioni usano gli altri per accrescere sé stessi e soddisfare i propri desideri senza assumersi reciproche responsabilità. Cognitivamente mostrano megalomania (ad es. hanno una immaginazione indisciplinata, si prendono libertà con i fatti e spesso mentono per salvare le proprie illusioni). Hanno un temperamento indifferente, caratterizzato da un'aria generale di non chalance e di imperturbabilità; appaiono freddi, poco impressionabili od ottimisti (tranne quando la sicurezza narcisista viene scossa). A livello sociale tendono ad essere indifferenti per i diritti degli altri.

30 Scala 6: Stile Antisociale Gli individui con stile antisociale (denominati da Millon "Aggressivi") mostrano una affettività caratterizzata da ostilità: hanno un temperamento irascibile e combattivo e si infiammano in discussioni o in scontri fisici; di frequente sono verbalmente ingiuriosi e crudeli a livello fisico. Si percepiscono assertivi ed indipendenti, energici e cocciuti; il loro stile di vita è competitivo ed orientato al potere.

31 Scala 6: Stile Antisociale A livello interpersonale sono vendicativi (ad es. si sentono soddisfatti nello screditare gli altri) e disprezzano valori umani quali la compassione sociale. Difficilmente avvertono la paura, e questo in quanto sono ipertimici: mostrano gli alti livelli di attivazione (rispondono impulsivamente ed in modo accelerato e vigoroso). Giustificano i propri atteggiamenti ostili, di sfiducia e vendicativi attribuendoli agli altri, che spesso accusano di essere controllanti e punitivi.

32 Scala 7: lo Stile Compulsivo Le persone con stile compulsivo mostrano affettività frenata, sono spesso tesi e senza gioia: l'espressione emotiva è tenuta infatti sotto stretto controllo. Si percepiscono coscienziose, industriose, dipendenti ed efficienti; apprezzano l'autodisciplina, la prudenza e la lealtà. Le loro relazioni (quelle formali e corrette sono preferite) sono improntate dal rispetto: mostrano una aderenza insolita alle convenzioni sociali ed al decoro.

33 Scala 7: lo Stile Compulsivo A livello cognitivo rivelano scarsa complessità e flessibilità: il mondo è letto in termini di ruoli, di regole e gerarchie. L'immaginazione è scarsa, e situazioni nuove o non familiari sono fonte di indecisione e disagio. Il comportamento risulta essere rigido: lo stile di vita è strutturato, altamente regolato e ripetitivo; nel lavoro preferiscono di solito attività organizzate e metodiche, da compiersi con meticolosità.

34 Scala 8: lo Stile Passivo-Aggressivo Affettivamente queste persone sono labili, frequentemente sono irascibili e mostrano stati d'animo incostanti. Spesso mostrano comportamenti di aggressione passiva, e sono gratificati dal demoralizzare gli altri e diminuirne la soddisfazione. Si percepiscono insoddisfatti, si sentono spesso incompresi, non apprezzati dagli altri, sono pessimisti e di cattivo umore.

35 Scala 8: lo Stile Passivo-Aggressivo I controlli regolatori sono carenti (ad es. gli stimoli esterni evocano reazioni capricciose ed oscillanti). A livello interpersonale sono ambivalenti, assumono ruoli conflittuali e mutevoli (passano dal consenso dipendente all'indipendenza assertiva) ed usano un comportamento imprevedibile per provocare disagio negli altri.

36 I DISTURBI DI PERSONALITA

37 I disturbi di Personalità Nelle ultime versioni del Millon sono state introdotte 3 nuove scale (scale dei disturbi di personalita )

38 Scala 2B: Scala di personalità depressiva Implica una tendenza alla tristezza, pessimismo, mancanza di gioia, inabilità ad esperienze di piacere e rallentamento motorio; Queste persone sperimentano un senso cronico di perdita e hanno spesso una bassa opinione di sé.

39 Scala 6B: Scala di personalità aggressiva-sadica sadica E una variante più patologica dello stile di personalita antisociale. La persona, competitiva per natura, prova piacere e soddisfazione dall umiliazione degli altri e dalla violazione dei loro diritti e sentimenti; e suscettibile nei rapporti interpersonali per cui tende a tagliare la corda quando viene confrontata o contrastata. La prioiezione e la difesa tipica.

40 Scala 8B: Scala di personalità Autofrustrante E considerata una variante più patologica dello stile di personalita negativistico. Tali persone hanno una immagine molto povera di se e credono di aver bisogno dell aiuto degli altri per raggiungere i propri scopi. Tipicamente la loro immagine e così povera che sono a disagio quando sono trattate bene e sembrano cercare situazioni in cui saranno ferite o respinte. E stata evidenziata una associazione tra picchi su questa scala e una storia di tentativi di suicidio, interruzione prematura delle terapie e una tendenza a virare verso una patologia più grave.

41 Scala S: il Disturbo Schizotipico di Personalità Preferiscono una vita di isolamento con un minimo attaccamento ed obblighi personali, e col tempo scivolano in ruoli periferici. Il comportamento di queste persone risulta eccentrico, caratterizzato com'è da abitudini particolari. Il pensiero è di tipo autistico e non-delirante, ad esempio mescolano la comunicazione sociale con cose personali non pertinenti, oscure e tangenziali; sembrano assorti e persi in un mondo di sogni con occasionale confusione tra fantasia e realtà.

42 Scala S: il Disturbo Schizotipico di Personalità Possono manifestare un atteggiamento prudente ed ansioso (ad es. riferiscono di essere in guardia, sospettosi e riservati in situazioni sociali) oppure una affettività piatta, risultando tetri, senza gioia e senza spirito. Negli altri il loro estraneamento suscita inquietudine e paura.

43 Scala C: il Disturbo Borderline Gli umori di queste persone sono intensi ed endogeni, nel senso che non coincidono necessariamente con eventi esterni; possono essere depressi o eccitati od avere periodi ricorrenti di abbattimento ed apatia costellati di periodi di rabbia, ansia od euforia. Il livello di attivazione non è regolare, sperimentano un livello di energia incostante ed un ciclo sonno-veglia anch'esso irregolare.

44 Scala C: il Disturbo Borderline Hanno pensieri ricorrenti di auto-mutilazione e suicidio e sono preoccupati dall'assicurarsi l'affetto e dal mantenere il sostegno emotivo degli altri. Alla separazione reagiscono in modo intenso e manifestano paura di perdita dell'altro e dell'isolamento. Sperimentano nei confronti degli altri emozioni e pensieri conflittuali, ad esempio amore, rabbia e colpa.

45 Scala P: il Disturbo Paranoide Queste persone sono caratterizzate da un atteggiamento vigilante in quanto sono sfiduciate, ad esempio mostrano difensività contro critiche ed inganni che essi stessi anticipano; comunicano una sospettosità estrema, invidia e gelosia. Il loro comportamento interpersonale è di tipo provocatorio, sono spesso irritabili, caustici, ostili e svalutanti.

46 Scala P: il Disturbo Paranoide Si percepiscono autonomi e tenaci, e spesso esprimono la paura di perdere l'indipendenza ed il potere di autodeterminarsi; resistono alle influenze esterne ed al controllo. L'ideazione è delirante in misura minima, ad es. distorcono gli eventi secondo credenze irrazionali che seguono una logica del tutto personale e sono presenti idee di riferimento di tipo persecutorio.

47 Le sindromi cliniche (Asse I)

48 Le sindromi cliniche (Asse I) Disturbi da sindrome cliniche: Sono estensioni o distorsioni delle configurazioni di personalità di base, ma piuttosto transitori e legati a situazioni di stress. Anche se legati a particolari stili di personalità questi sintomi possono nascere in diverse configurazioni di personalità. Ad esempio la depressione nevrotica (D) si manifesta più comunemente tra persone caratterizzate da stili evitante, dipendente e passivo aggressivo; l abuso di alcol si trova prevalentemente tra istrionici e compulsivi.

49 Scala A: Ansia Il paziente con punteggio elevato riferisce un sentimento di vaga apprensione o una fobia specifica, tipicamente è teso, indeciso, irrequieto e tende a lamentarsi di una varietà di disagi fisici, ad esempio tensione, eccessivo sudore, dolori muscolari e nausea.

50 Scala H: Somatizzazione Il paziente con punteggio alto esprime difficoltà psicologiche utilizzando un canale somatico, riferisce periodi di affaticamento e debolezza, e potrebbe essere preoccupato da malattie e da una vasta gamma di dolori non- specifici in parti del corpo differenti e non in relazione.

51 Scala N: Maniacale-bipolare Il paziente con un punteggio elevato evidenzia periodi di umore instabile, superficiale ed elevato, irrequietezza e distraibilità, iperattività, eloquio accelerato ed impulsività.

52 Scala D: Distimia Il paziente con punteggio alto rimane coinvolto nella vita di tutti i giorni, ma è scoraggiato, preoccupato da sentimenti di colpa, mostra mancanza di iniziativa ed apatia, e frequentemente esprime commenti auto-svalutanti.

53 Scala B: Abuso di alcool Il paziente con un alto punteggio probabilmente ha una storia di alcoolismo, ha fatto sforzi per superare la difficoltà con successi minimi e, come conseguenza, sperimenta disagio sia nell'ambito familiare che lavorativo.

54 Scala T: Abuso di sostanze Un punteggio elevato su questa scala evidenzia una storia ricorrente o recente di abuso di sostanze; la persona tende ad avere difficoltà nel contenere gli impulsi o nel mantenerli nei limiti della convenzionalità sociale, e mostra incapacità a gestire le conseguenze personali di questi comportamenti.

55 Scala R: Post-traumatico traumatico Un punteggio elevato su questa scala è presente in persone che hanno subito un trauma e indica la persistenza di immagini ed emozioni ad esso correlati. Sono presenti sintomi di ansia ed incubi ed il paziente evita le circostanze associate al trauma.

56 Le sindromi gravi (Asse I)

57 Scala SS: Pensiero Psicotico Il paziente con punteggio elevato, di solito classificato come schizofrenico, periodicamente mostra un comportamento incongruente, disorganizzato o regressivo, spesso appare confuso e disorientato, ed occasionalmente mostra affettività inadeguata, allucinazioni e deliri non sistematici.

58 Scala CC: Depressione Psicotica Di solito il paziente con un punteggio elevato è incapace di funzionare in un ambiente normale, è di umore gravemente depresso ed esprime terrore del futuro ed un senso di rassegnazione senza speranza. Alcuni mostrano un marcato rallentamento motorio, mentre altri mostrano agitazione (come se seguissero incessantemente col pensiero la loro triste condizione).

59 Scala PP: Delirio Psicotico Il paziente con punteggio elevato, di solito considerato paranoide, periodicamente diventa aggressivo, ostile, e spesso esprime insiemi irrazionali ma interconnessi di deliri di natura persecutoria o grandiosa.

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Disturbi dell Umore. Storia

Disturbi dell Umore. Storia Disturbi dell Umore Storia Classificazioni in base alla sintomatologia e alla gravità Depressione psicotica e Depressione nevrotica In origine connotavano due meccanismi patogenetici diversi (endogeno

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Cos e` la Psicosi da Depressione?

Cos e` la Psicosi da Depressione? Italian Cos e` la Psicosi da Depressione? (What is a depressive disorder?) Cos e` la psicosi depressiva? La parola depressione viene di solito usata per decrivere lo stato di tristezza di cui noi tutti

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato

Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Rischi correlati allo stress lavoro-correlato Non è possibile conoscere a priori quale sia la strada giusta per raggiungere un obiettivo se non cominciamo a percorrerla Dott. Marco Broccoli (Ausl di Ravenna)

Dettagli

Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva

Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva Comorbilità psicopatologica nei disturbi del comportamento in età evolutiva Dr.ssa Marialuigia Foresta Neuropsichiatra Infantile UOC di Neuropsichiatria Infantile ASL Pescara Perché un master sui disturbi

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE

COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE COME AFFORONTARE LA DEPRESSIONE Se sei una persona depressa le informazioni che verranno di seguito fornite ti aiuteranno a capire meglio la tua depressione e ad iniziare a fare qualcosa per affrontarla.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein

INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein INTRODUZIONE ALL OPERA DI MELANIE klein Hanna Segal Riassunto I contributi di Melanie Klein alla teoria e alla tecnica psicoanalitica possono essere suddivisi in tre fasi distinte. La prima ha inizio con

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Sindromi da scarso Sé 1

Sindromi da scarso Sé 1 Roberto Carlo Russo* Sindromi da scarso Sé 1 È frequente il riscontro, di norma all inizio delle elementari, di segnalazioni da parte degli insegnanti di bambini timidi, particolarmente riservati, richiedenti

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG

LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Psichiatria e Psicoterapia (2012) 31, 3, 149-169 LA STRUCTURED INTERVIEW OF PERSONALITY ORGANIZATION (STIPO). LA VALUTAZIONE DELLA PERSONALITÀ SECONDO IL MODELLO DI OTTO KERNBERG Emanuele Preti, Irene

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL

Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Patologia psichica da stress, mobbing e costrittività organizzativa. LA TUTELA DELL INAIL A cura di: Paolo PAPPONE Alberto CITRO Ornella NATULLO Emanuele DEL CASTELLO ISBN-13:

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Droga: ma il problema dov è?

Droga: ma il problema dov è? DROGA: MA IL PROBLEMA DOV È? 7 1 Droga: ma il problema dov è? 1.1 Un problema complesso È noto come il fenomeno dell uso e della diffusione di sostanze stupefacenti soprattutto nella fascia d età che tradizionalmente

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Come far accettare che il problema c è.

Come far accettare che il problema c è. Tredimensioni 2(2005) 81-92 Come far accettare che il problema c è. Vincenzo Percassi * I l cammino formativo, dato che mira a formare la persona nella sua motivazione profonda e interiore, deve tenere

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Lo stato psichico e gli stati della mente

Lo stato psichico e gli stati della mente Lo stato psichico e gli stati della mente 1 Paul E. Mullen È un dovere, e dovrebbe essere un privilegio per l esaminatore medico, passare diversi giorni a esaminare un lunatico prima di pronunciare una

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Salute mentale Che cos è?

Salute mentale Che cos è? Salute mentale Che cos è? 01 Burnout 02 Depressione 03 Sindromi ansiose 04 Sindrome da deficit di attenzione e iperattività 05 Maniacalità 06 Disturbo ossessivo compulsivo 07 Sindromi schizofreniche 08

Dettagli

VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO

VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO VIOLENZA TRA GENITORI: UN TRAUMA PER L INFANZIA ANCORA SOTTOVALUTATO Silvia Mazzoni 1, Brunella De Stefano 2 Introduzione Gli studi dei ricercatori e dei clinici sugli effetti della conflittualità dei

Dettagli

Un alcolista fra noi: che fare?

Un alcolista fra noi: che fare? Tredimensioni 3(2006) 180-187 S T U D I Un alcolista fra noi: che fare? Luciano Ruozzi * L immaginario comune dipinge l alcolista come un emarginato, mezzo barbone, con gravi deficit psichici e dal comportamento

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro

I rischi da stress lavoro-correlato. A cura di Franca Da Re. Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro I rischi da stress lavoro-correlato A cura di Franca Da Re Dirigente scolastica Psicologa del Lavoro Da diversi anni la psicologia e la medicina del lavoro si occupano delle patologie che possono avere

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Ambiente di lavoro improntato al rispetto

Ambiente di lavoro improntato al rispetto Principio: Tutti hanno diritto a un trattamento rispettoso nell ambiente di lavoro 3M. Essere rispettati significa essere trattati in maniera onesta e professionale, valorizzando il talento unico, le esperienze

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Cognitivismo clinico (2005) 2, 2, 171-194 INTRODUZIONE ALLA PSICOTERAPIA DEL DISTURBO POST-TRAUMATICO DI STRESS/DPTS Gabriele Lo Iacono Psicologo psicoterapeuta a Trento, didatta APC e SPC Riassunto Nella

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

COS'É il BULLISMO. Dott. Oliviero FACCHINETTI - www.facchinetti.net

COS'É il BULLISMO. Dott. Oliviero FACCHINETTI - www.facchinetti.net COS'É il BULLISMO Copyright - Documenti e testi non possono essere duplicati se non previo consenso scritto da parte dell' Autore. Il termine bullismo è la traduzione italiana dell'inglese " bullying "

Dettagli

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI

IL FUNZIONAMENTO CEREBRALE. I TRE CERVELLI DI MAC LEAN. IL CONFLITTO TRA CIÒ CHE VOGLIAMO E CIÒ CHE REALIZZIAMO. CAMBIARE GLI SCHEMI CORSO PER CHI VUOLE CAMBIARE LA PROPRIA VITA Questo corso si proporne di insegnare e cambiare. Alterna conoscenza e applicazione. Ha come obiettivo la trasformazione. Perché sono malato? Perché proprio

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Sono lieta di presentare al pubblico di lingua italiana l interessante contributo di Fordham a una patologia complessa come l autismo infantile. La pubblicazione di questo

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli