Millon illo n Clin ical Clin Mult u iaxial I iaxial n I ve v n e tory MCMI-II I I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Millon illo n Clin ical Clin Mult u iaxial I iaxial n I ve v n e tory MCMI-II I I"

Transcript

1 Millon Clinical Multiaxial Inventory MCMI-IIIIII

2 LA TEORIA THEODORE MILLON Institute for Advanced Studies in Personology and Psychopathology Florida

3 LA TEORIA Th. Millon, è l'autore di ciò che molti ritengono essere una delle più complete teorie della personalità, è famosissimo negli States ed è anche una personalità influente nell'establishment psichiatrico e psicologico americano.

4 LA TEORIA Millon ritiene che un modello scientifico debba prevedere 4 elementi: 1) teoria coerente o schemi esplicativi, come nella biologia evolutiva; 2) nosologia o classificazioni basate sulla teoria (come nei disturbi di personalità del DSM-IV); 3) strumenti di valutazione del modello, empiricamente fondati (come il Millon Clinical Multiaxial Inventory); 4) interventi concreti a partire dai dati acquisiti (come la sua Synergistic psychotherapy).

5 LO STRUMENTO Il Millon Clinical Multiaxial Inventory MCMI-IIIIII

6 Caratteristiche IL MCMI e un questionario di autovalutazione (vero-falso di 175 item) Esso ha lo scopo di misurare tratti di personalita e la presenza di psicopatologia

7 Caratteristiche È composto da 24 scale cliniche che sono correlate con una specifica teoria della personalità e della psicopatologia

8 Caratteristiche Le scale sono direttamente collegate con il formato nosologico e la terminologia concettuale del DSM-IV (Millon era uno dei membri del gruppo di lavoro che ha creato il DSM-III. Ci sono pertanto ovvi paralleli diagnostici e concettuali)

9 Caratteristiche Sono state costruite scale diverse per distinguere: - caratteristiche di personalità durature (Asse II) - dai disturbi clinici acuti (Asse I) Questo permette di distinguere gli aspetti del comportamento patologico, che sono presenti in modo generale e continuativo, dagli aspetti di sindromi transitori o circoscritti.

10 Caratteristiche Il MCMI-III III è costituito da: - Scale di validità - Scale degli stili di personalità - Scale dei disturbi di personalità (Patologia grave) - Scale delle sindromi cliniche - Scale delle sindromi cliniche gravi

11 Caratteristiche E possibile distinguere: - la configurazione dei tratti che caratterizzano la struttura di base della personalità (le prime 8 scale) - dai livelli più impegnativi e gravi della stessa struttura (le scale 2b, 6b, 8b, S, C, P).

12 Caratteristiche Le prime 8 scale : (scale degli stili di personalità) 1 - Schizoide 2A - Evitante 3 - Dipendente 4 - Istrionico 5 - Narcisista 6A - Antisociale 7 - Compulsivo 8A - Negativista

13 Caratteristiche Livelli più impegnativi e gravi: (scale di personalità gravi) 2B - Depressivo 6B - Aggressivo 8B - Autolesionista P - Schizotipico C - Borderline S - Paranoide

14 Caratteristiche Nello stesso modo si distinguono bene: - sindromi cliniche meno gravi di tipo nevrotico (le scale A, H, N, D, B, T, R) - da quelle aventi aspetti simili ma di natura più psicotica (SS, CC, PP)

15 Caratteristiche A- Disturbi d'ansia H- Somatoforme SINDROMI CLINICHE MENO GRAVI N- Maniacale-bipolare D- Distimico B- Dipendenza alcool T- Dipendenza droga R- Post-traumaticotraumatico

16 Caratteristiche SINDROMI GRAVI SS- Disturbi del pensiero CC- Depressione Maggiore PP- Disturbi da delirio

17 Caratteristiche La validazione degli item è stata fatta sulla base di tre criteri: a. il criterio della solidità teorica; b. il criterio interno strutturale; c. il criterio esterno di confronto con altri strumenti.

18 Uso del MCMI Il Millon si può usare nelle più svariate condizioni cliniche e di consulenza: negli ospedali, nei tribunali, nella pratica privata

19 Elaborazione dei punteggi Il punteggio grezzo Se l'indice di validità V è entro i limiti appropriati, allora si calcolano i 24 punteggi delle scale usando le chiavi fornite

20 Le Norme Millon ha usato quattro punteggi-àncora: 35, 60, 75, 85 Un BR di 35 rappresenta la mediana per una popolazione non psichiatrica; un BR di 60 rappresenta la mediana per pazienti psichiatrici; un BR di 75 indica una presenza sicura della caratteristica misurata; un BR di 85 indica che la caratteristica nell'individuo è predominante.

21 Gli indici correttivi Le prime tre scale del Millon sono: la scala X: Apertura; la scala Y: Desiderabilità; la scala Z: Svalutazione

22 Le scale Cliniche Le scale cliniche sono suddivise in quattro sezioni: - Scale di configurazione della personalità (1-8) - Scale di disturbi patologici della personalità (2b, 6b, 8b, S, C, P) - Scale di sindromi cliniche moderate (A, H, N, D, B, T, R) - Sindromi cliniche impegnative - (SS, CC, PP)

23 GLI OTTO STILI DI PERSONALITA

24 Scala 1: Stile Schizoide Le persone con punteggi alti presentano un deficit affettivo (ad es. non mostrano di provare forti emozioni; riferiscono di non avere bisogno di affetti e di avere difficoltà a mostrare ed a provare piacere) ed una debolezza cognitiva blanda (ad es. mostrano processi di pensiero poco chiari ed impoveriti inappropriati al livello intellettivo; la comunicazione sociale è spesso tangenziale od irrilevante).

25 Scala 1: Stile Schizoide Mostrano inoltre di avere interessi "umani" minimi e nelle relazioni sociali e familiari hanno un ruolo periferico Sono di solito poco spontanei, apatici e passivi, sperimentano un basso livello di energia e mancanza di vitalità e mostrano deficit nell'espressività motoria Infine manifestano una bassa sensibilità percettiva (ad es. sembrano avere una capacità di introspezione minima ed una bassa consapevolezza di sé).

26 Scala 2: Stile Evitante Valori alti sulla scala individuano persone disforiche (ad es. si descrivono come tese, confuse ed oscillanti tra desiderio di affetto, paura e bassa sensibilità affettiva). Cognitivamente presentano interferenze moderate di pensiero (ad es. sono annoiati e distratti da pensieri che li confondono). Si percepiscono alienati (ad es. descrivono la loro vita come caratterizzata da isolamento e rifiuto). A livello interpersonale hanno un comportamento ostile (ad es. ricercano la privacy per evitare la disapprovazione). Infine sono ipersensibili a livello percettivo, ad es. hanno un atteggiamento di vigilanza per individuare eventuali minacce.

27 Scala 3: Stile Dipendente Il temperamento di queste persone è pacifico e docile, di solito evitano le tensioni sociali ed i conflitti interpersonali. A livello interpersonale mostrano sottomissione, cercano qualcuno che li sostenga e senza tale sostegno si sentono ansiosi; spesso sono individui accomodanti e disposti a sacrificarsi. Si percepiscono inadeguati, deboli, fragili ed inefficaci, e tendono a sminuire le proprie abilità e competenze. Mostrano uno stile cognitivo "di Polianna", ed infine hanno un deficit di iniziativa, il loro stile di vita è pacato, passivo e privo di eventi. Evitano di asserirsi e di prendersi responsabilità e spesso sopprimono emozioni "brutte" come la rabbia.

28 Scala 4: Stile Istrionico L'affettività di coloro che hanno un punteggio elevato in questa scala è incostante, i legami affettivi sono di breve durata, drammatici e superficiali; tendono ad essere facilmente eccitati o annoiati. Si percepiscono socievoli, stimolanti ed affascinanti, e la loro vita sociale è tipicamente fatta di conoscenze fugaci. Sono deduttivi (ad es. sollecitano attivamente lodi e manipolano gli altri per ottenere attenzione ed approvazione, mostrando un comportamento infantilmente esibizionistico). A livello cognitivo sono dissociati, integrano poco le esperienze e mostrano un giudizio incostante, infondato ed imprevedibile. Hanno un atteggiamento immaturo di ricerca di stimoli, non tollerano l'inattività e sono inclini ad eccitazioni momentanee.

29 Scala 5: Stile Narcisista Queste persone mostrano una sicurezza pretenziosa ed esagerano i successi. Gli altri le percepiscono come egoiste, alteri ed arroganti. Nelle relazioni usano gli altri per accrescere sé stessi e soddisfare i propri desideri senza assumersi reciproche responsabilità. Cognitivamente mostrano megalomania (ad es. hanno una immaginazione indisciplinata, si prendono libertà con i fatti e spesso mentono per salvare le proprie illusioni). Hanno un temperamento indifferente, caratterizzato da un'aria generale di non chalance e di imperturbabilità; appaiono freddi, poco impressionabili od ottimisti (tranne quando la sicurezza narcisista viene scossa). A livello sociale tendono ad essere indifferenti per i diritti degli altri.

30 Scala 6: Stile Antisociale Gli individui con stile antisociale (denominati da Millon "Aggressivi") mostrano una affettività caratterizzata da ostilità: hanno un temperamento irascibile e combattivo e si infiammano in discussioni o in scontri fisici; di frequente sono verbalmente ingiuriosi e crudeli a livello fisico. Si percepiscono assertivi ed indipendenti, energici e cocciuti; il loro stile di vita è competitivo ed orientato al potere.

31 Scala 6: Stile Antisociale A livello interpersonale sono vendicativi (ad es. si sentono soddisfatti nello screditare gli altri) e disprezzano valori umani quali la compassione sociale. Difficilmente avvertono la paura, e questo in quanto sono ipertimici: mostrano gli alti livelli di attivazione (rispondono impulsivamente ed in modo accelerato e vigoroso). Giustificano i propri atteggiamenti ostili, di sfiducia e vendicativi attribuendoli agli altri, che spesso accusano di essere controllanti e punitivi.

32 Scala 7: lo Stile Compulsivo Le persone con stile compulsivo mostrano affettività frenata, sono spesso tesi e senza gioia: l'espressione emotiva è tenuta infatti sotto stretto controllo. Si percepiscono coscienziose, industriose, dipendenti ed efficienti; apprezzano l'autodisciplina, la prudenza e la lealtà. Le loro relazioni (quelle formali e corrette sono preferite) sono improntate dal rispetto: mostrano una aderenza insolita alle convenzioni sociali ed al decoro.

33 Scala 7: lo Stile Compulsivo A livello cognitivo rivelano scarsa complessità e flessibilità: il mondo è letto in termini di ruoli, di regole e gerarchie. L'immaginazione è scarsa, e situazioni nuove o non familiari sono fonte di indecisione e disagio. Il comportamento risulta essere rigido: lo stile di vita è strutturato, altamente regolato e ripetitivo; nel lavoro preferiscono di solito attività organizzate e metodiche, da compiersi con meticolosità.

34 Scala 8: lo Stile Passivo-Aggressivo Affettivamente queste persone sono labili, frequentemente sono irascibili e mostrano stati d'animo incostanti. Spesso mostrano comportamenti di aggressione passiva, e sono gratificati dal demoralizzare gli altri e diminuirne la soddisfazione. Si percepiscono insoddisfatti, si sentono spesso incompresi, non apprezzati dagli altri, sono pessimisti e di cattivo umore.

35 Scala 8: lo Stile Passivo-Aggressivo I controlli regolatori sono carenti (ad es. gli stimoli esterni evocano reazioni capricciose ed oscillanti). A livello interpersonale sono ambivalenti, assumono ruoli conflittuali e mutevoli (passano dal consenso dipendente all'indipendenza assertiva) ed usano un comportamento imprevedibile per provocare disagio negli altri.

36 I DISTURBI DI PERSONALITA

37 I disturbi di Personalità Nelle ultime versioni del Millon sono state introdotte 3 nuove scale (scale dei disturbi di personalita )

38 Scala 2B: Scala di personalità depressiva Implica una tendenza alla tristezza, pessimismo, mancanza di gioia, inabilità ad esperienze di piacere e rallentamento motorio; Queste persone sperimentano un senso cronico di perdita e hanno spesso una bassa opinione di sé.

39 Scala 6B: Scala di personalità aggressiva-sadica sadica E una variante più patologica dello stile di personalita antisociale. La persona, competitiva per natura, prova piacere e soddisfazione dall umiliazione degli altri e dalla violazione dei loro diritti e sentimenti; e suscettibile nei rapporti interpersonali per cui tende a tagliare la corda quando viene confrontata o contrastata. La prioiezione e la difesa tipica.

40 Scala 8B: Scala di personalità Autofrustrante E considerata una variante più patologica dello stile di personalita negativistico. Tali persone hanno una immagine molto povera di se e credono di aver bisogno dell aiuto degli altri per raggiungere i propri scopi. Tipicamente la loro immagine e così povera che sono a disagio quando sono trattate bene e sembrano cercare situazioni in cui saranno ferite o respinte. E stata evidenziata una associazione tra picchi su questa scala e una storia di tentativi di suicidio, interruzione prematura delle terapie e una tendenza a virare verso una patologia più grave.

41 Scala S: il Disturbo Schizotipico di Personalità Preferiscono una vita di isolamento con un minimo attaccamento ed obblighi personali, e col tempo scivolano in ruoli periferici. Il comportamento di queste persone risulta eccentrico, caratterizzato com'è da abitudini particolari. Il pensiero è di tipo autistico e non-delirante, ad esempio mescolano la comunicazione sociale con cose personali non pertinenti, oscure e tangenziali; sembrano assorti e persi in un mondo di sogni con occasionale confusione tra fantasia e realtà.

42 Scala S: il Disturbo Schizotipico di Personalità Possono manifestare un atteggiamento prudente ed ansioso (ad es. riferiscono di essere in guardia, sospettosi e riservati in situazioni sociali) oppure una affettività piatta, risultando tetri, senza gioia e senza spirito. Negli altri il loro estraneamento suscita inquietudine e paura.

43 Scala C: il Disturbo Borderline Gli umori di queste persone sono intensi ed endogeni, nel senso che non coincidono necessariamente con eventi esterni; possono essere depressi o eccitati od avere periodi ricorrenti di abbattimento ed apatia costellati di periodi di rabbia, ansia od euforia. Il livello di attivazione non è regolare, sperimentano un livello di energia incostante ed un ciclo sonno-veglia anch'esso irregolare.

44 Scala C: il Disturbo Borderline Hanno pensieri ricorrenti di auto-mutilazione e suicidio e sono preoccupati dall'assicurarsi l'affetto e dal mantenere il sostegno emotivo degli altri. Alla separazione reagiscono in modo intenso e manifestano paura di perdita dell'altro e dell'isolamento. Sperimentano nei confronti degli altri emozioni e pensieri conflittuali, ad esempio amore, rabbia e colpa.

45 Scala P: il Disturbo Paranoide Queste persone sono caratterizzate da un atteggiamento vigilante in quanto sono sfiduciate, ad esempio mostrano difensività contro critiche ed inganni che essi stessi anticipano; comunicano una sospettosità estrema, invidia e gelosia. Il loro comportamento interpersonale è di tipo provocatorio, sono spesso irritabili, caustici, ostili e svalutanti.

46 Scala P: il Disturbo Paranoide Si percepiscono autonomi e tenaci, e spesso esprimono la paura di perdere l'indipendenza ed il potere di autodeterminarsi; resistono alle influenze esterne ed al controllo. L'ideazione è delirante in misura minima, ad es. distorcono gli eventi secondo credenze irrazionali che seguono una logica del tutto personale e sono presenti idee di riferimento di tipo persecutorio.

47 Le sindromi cliniche (Asse I)

48 Le sindromi cliniche (Asse I) Disturbi da sindrome cliniche: Sono estensioni o distorsioni delle configurazioni di personalità di base, ma piuttosto transitori e legati a situazioni di stress. Anche se legati a particolari stili di personalità questi sintomi possono nascere in diverse configurazioni di personalità. Ad esempio la depressione nevrotica (D) si manifesta più comunemente tra persone caratterizzate da stili evitante, dipendente e passivo aggressivo; l abuso di alcol si trova prevalentemente tra istrionici e compulsivi.

49 Scala A: Ansia Il paziente con punteggio elevato riferisce un sentimento di vaga apprensione o una fobia specifica, tipicamente è teso, indeciso, irrequieto e tende a lamentarsi di una varietà di disagi fisici, ad esempio tensione, eccessivo sudore, dolori muscolari e nausea.

50 Scala H: Somatizzazione Il paziente con punteggio alto esprime difficoltà psicologiche utilizzando un canale somatico, riferisce periodi di affaticamento e debolezza, e potrebbe essere preoccupato da malattie e da una vasta gamma di dolori non- specifici in parti del corpo differenti e non in relazione.

51 Scala N: Maniacale-bipolare Il paziente con un punteggio elevato evidenzia periodi di umore instabile, superficiale ed elevato, irrequietezza e distraibilità, iperattività, eloquio accelerato ed impulsività.

52 Scala D: Distimia Il paziente con punteggio alto rimane coinvolto nella vita di tutti i giorni, ma è scoraggiato, preoccupato da sentimenti di colpa, mostra mancanza di iniziativa ed apatia, e frequentemente esprime commenti auto-svalutanti.

53 Scala B: Abuso di alcool Il paziente con un alto punteggio probabilmente ha una storia di alcoolismo, ha fatto sforzi per superare la difficoltà con successi minimi e, come conseguenza, sperimenta disagio sia nell'ambito familiare che lavorativo.

54 Scala T: Abuso di sostanze Un punteggio elevato su questa scala evidenzia una storia ricorrente o recente di abuso di sostanze; la persona tende ad avere difficoltà nel contenere gli impulsi o nel mantenerli nei limiti della convenzionalità sociale, e mostra incapacità a gestire le conseguenze personali di questi comportamenti.

55 Scala R: Post-traumatico traumatico Un punteggio elevato su questa scala è presente in persone che hanno subito un trauma e indica la persistenza di immagini ed emozioni ad esso correlati. Sono presenti sintomi di ansia ed incubi ed il paziente evita le circostanze associate al trauma.

56 Le sindromi gravi (Asse I)

57 Scala SS: Pensiero Psicotico Il paziente con punteggio elevato, di solito classificato come schizofrenico, periodicamente mostra un comportamento incongruente, disorganizzato o regressivo, spesso appare confuso e disorientato, ed occasionalmente mostra affettività inadeguata, allucinazioni e deliri non sistematici.

58 Scala CC: Depressione Psicotica Di solito il paziente con un punteggio elevato è incapace di funzionare in un ambiente normale, è di umore gravemente depresso ed esprime terrore del futuro ed un senso di rassegnazione senza speranza. Alcuni mostrano un marcato rallentamento motorio, mentre altri mostrano agitazione (come se seguissero incessantemente col pensiero la loro triste condizione).

59 Scala PP: Delirio Psicotico Il paziente con punteggio elevato, di solito considerato paranoide, periodicamente diventa aggressivo, ostile, e spesso esprime insiemi irrazionali ma interconnessi di deliri di natura persecutoria o grandiosa.

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma

gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma gabriele.giacomelli@asf.toscana.it simone.bacherini@asf.toscana.it IL CONFINE tra di!coltà e malattia Programma Obiettivi e punti di vista e presentazioni Ansia Pensiero irrazionale e psicosi Impulsività

Dettagli

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni

Affettività. disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Affettività disponibilità individuale a rispondere con modificazioni soggettive affettivo-emotive a eventi sia esterni che interni Semeiotica psichiatrica - 6 TIZIANA SCIARMA Affettività conscia inconscia

Dettagli

CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA

CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA CONSEGUENZE PSICOLOGICHE DELLA MANIPOLAZIONE EMOTIVA Dott.ssa Annalisa Barbier, PhD Psicologo - Indirizzo Clinico e di Comunità Dottore di Ricerca in Neuropsicologia Socio Fondatore dell Associazione «La

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Valutazione psicodiagnostica

Valutazione psicodiagnostica Valutazione psicodiagnostica L importanza della diagnosi Per favorire la condivisione e la comunicazione tra professionisti (in ambito clinico e forense) Per dirigere e orientare il progetto di terapia

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa

M. Lang - Una persona nervosa 13/11/2011. Una persona nervosa Una persona nervosa 1 Caso: Una persona nervosa modificato da DSM-IV-TR CASI CLINICI, p. 235 Un tappezziere coniugato di 27 anni lamenta vertigini, tremore alle mani, palpitazioni e ronzii alle orecchie

Dettagli

Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) Disturbo Bipolare. Dal sito : http://www.terzocentro.it

Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) Disturbo Bipolare. Dal sito : http://www.terzocentro.it Dal sito : Terzocentro di psicoterapia Cognitiva (Roma) http://www.terzocentro.it Disturbo Bipolare Che cos è il disturbo bipolare Il disturbo bipolare, anche conosciuto come malattia maniaco depressiva

Dettagli

Test di Personalità Basati sul Criterio

Test di Personalità Basati sul Criterio MMPI ed MMPI-2 Test di Personalità Basati sul Criterio Sono i Test di Personalità più Antichi. Non fanno riferimento a nessuna teoria della Personalità. Si basano più spesso su teorie classificatorie o

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006)

Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Rapporto ansia-depressione (R utter et al. 2006) Disturbi d Ansia in età prescolare Disturbi d Ansia in età di latenza Depressione in adolescenza Depressione in età di latenza ANSIA DEPRESSIONE Disturbi

Dettagli

Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale

Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi e trattamento della psicopatologia perinatale Dipartimento di Neuroscienze Direttore: Prof. Claudio Mencacci Corso di Porta Nuova 23, 20121 Milano Tel. 0263631 Indicazioni di Buona Pratica Clinica nella Depressione Perinatale Prevenzione, diagnosi

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3

INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA PREFAZIONE 3 INDICE GUIDA ALLA LETTURA L EDITORE RINGRAZIA PREFAZIONE ALL EDIZIONE ITALIANA X XII XIII PREFAZIONE 3 C A P I T O L O 1 PROSPETTIVE EPISTEMOLOGICHE IN PSICOLOGIA CLINICA 9 1.1 Ragioni e necessità di un

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo

I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it I familiari dei pazienti depressi: domande e risposte di Salvatore Di Salvo

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

La Classificazione dei Disturbi in Età Evolutiva

La Classificazione dei Disturbi in Età Evolutiva La Classificazione dei Disturbi in Età Evolutiva Corso di Psicologia Clinica dello Sviluppo Docente: Prof.Pasquale Chianura Anno Accademico 2013-2014 Sistemi Diagnostici e Valutazione dei disturbi Il problema

Dettagli

Il punto di vista psicologico e relazionale Dr.ssa Monia Pinelli SerT di Modena

Il punto di vista psicologico e relazionale Dr.ssa Monia Pinelli SerT di Modena Il punto di vista psicologico e relazionale Dr.ssa Monia Pinelli SerT di Modena PRIMA PARTE TIPOLOGIE DI UTENZA CON DIPENDENZA DA SOSTANZE E PROFILI DI PERSONALITÀ PSICOPATOLOGICA CORRELATI IL COCAINOMANE

Dettagli

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle

PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO. M. Pincherle PROBLEMATICHE COMPORTAMENTAMENTALI NEL BAMBINO IN AFFIDO M. Pincherle IMPORTANZA DELL AMBIENTE DI VITA E DELLE ESPERIENZE 1 Importanza di una buona relazione di attaccamento con la figura materna Concetto

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti.

Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Esempio di un percorso di educazione emotiva: le nostre emozioni diventano intelligenti. Obiettivi: 1. Autoconsapevolezza: Saper riconoscere sul nascere e monitorare le proprie emozioni, saper essere consapevoli

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

ASPETTI PSICHIATRICI

ASPETTI PSICHIATRICI Le nuove droghe e addiction comportamentali Varese, 5 dicembre 2012 ASPETTI PSICHIATRICI Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE 2011 DELL'OSSERVATORIO EUROPEO DELLE DROGHE E TOSSICODIPENDENZE Cannabis: Prevalenza

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza

Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza CORPOrat(t)ivaMENTE. Confronti e prospettive sulle pratiche di lavoro integrato in età evolutiva IL CASO CLINICO CHE NON TI ASPETTI Laura Ghiro Elena Fipaldini Ospedale San Bortolo Vicenza A. è giunto

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder

ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder 1 1. COS E ADHD: AttentionalDeficit HyperactivityDisorder E Un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, gestione

Dettagli

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI

AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI ASSISTENZA PSICOLOGICA AL PAZIENTE CON MIELODISPLASIA E AI SUOI FAMILIARI dott.ssa Carmela Tanese (Taranto) psiconcologa con il supporto incondizionato di Persone famiglie Spesso le persone le famiglie

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini

Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Effetti a breve e a lungo termine delle varie forme di maltrattamento e abuso sulla salute fisica e mentale dei bambini Caserta, 10 Gennaio 2014 Psicologa/Psicoterapeuta Consultorio Istituto Toniolo Napoli

Dettagli

Le caratteristiche principali del bambino disattento e iperattivo

Le caratteristiche principali del bambino disattento e iperattivo Le caratteristiche principali del bambino disattento e iperattivo Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca Presentazione di un caso Luca ha nove anni, frequenta la quarta elementare e da qualche

Dettagli

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI

DIPENDENZA DA CANNABINOIDI DIPENDENZA DA CANNABINOIDI La cannabis è forse la prima pianta ad essere stata coltivata dall uomo a scopo non commestibile Da sempre è utilizzata per le sue proprietà psicoattive e per produrre fibre

Dettagli

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA

Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Centro Territoriale per l Integrazione degli alunni con disabilità Treviso Centro Claudio Vio psicologo-psicoterapeuta UO di NPI San Donà di Piave, Direttivo AIRIPA Attention Deficit Hyperactivity Disorders

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino

IL BULLISMO NELLA SCUOLA. Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO NELLA SCUOLA Dott.ssa Michela Zancaner Dott.ssa Carolina Valentino IL BULLISMO CHE COS È IL BULLISMO? Elementi per riconoscere un vero atto di bullismo: L INTENZIONALITA dell atto avviene quando

Dettagli

SEMINARIO CONOSCERE E AFFRONTARE IL PANICO E GLI STATI D ANSIA

SEMINARIO CONOSCERE E AFFRONTARE IL PANICO E GLI STATI D ANSIA SEMINARIO CONOSCERE E AFFRONTARE IL PANICO E GLI STATI D ANSIA Che cos è l ansia? L ansia è uno stato di attivazione fisiologica e cognitiva in previsione di un pericolo futuro. E un termine che deriva

Dettagli

La Valutazione dell Attaccamento

La Valutazione dell Attaccamento La Valutazione dell Attaccamento La Strange Situation L Adult Attachment Interview La I.A.L. (Intervista sull Attaccamento in età di Latenza) La Strange Situation La S.S. è una modalità osservativa che

Dettagli

I disturbi d ansia nel bambino. La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli

I disturbi d ansia nel bambino. La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli I disturbi d ansia nel bambino La fobia sociale ed il mutismo selettivo dott.ssa Federica Trivelli Fobia Sociale Disturbo internalizzante Paura marcata, persistente e irrazionale relativa a situazioni

Dettagli

Andrea Fossati, Cesare Maffei Facoltà di Psicologia Università Vita-Salute San Raffaele, Milano

Andrea Fossati, Cesare Maffei Facoltà di Psicologia Università Vita-Salute San Raffaele, Milano Andrea Fossati, Cesare Maffei Facoltà di Psicologia Università Vita-Salute San Raffaele, Milano È risaputo inoltre dalla letteratura clinica che i DP: presentano alti tassi di comorbilità con un ampia

Dettagli

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012

FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 FORMAZIONE PER GLI INSEGNANTI TENUTA DA DOTT.SSA PAOLA MOROSINI DOTT.SSA ARIANNA BORCHIA DOTT.SSA TATIANA QUINTINI 24 E 31 OTTOBRE 2012 Cosa é l ADHD? Il Disturbo da Deficit dell attenzione ed iperattività,

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Disturbi d.ansia nell.età evolutiva di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

Disturbi d.ansia nell.età evolutiva di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Disturbi d.ansia nell.età evolutiva di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Stati di timore o di apprensione fanno parte del normale sviluppo emotivo del bambino e la loro presenza non è necessariamente

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza»

Gli obiettivi di piano per le demenze. «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Gli obiettivi di piano per le demenze Centro Regionale di Neurogenetica «Il sostegno psicologico ai caregivers e ai pazienti affetti da demenza» Maria Mirabelli psicologa-psicoterapeuta Centro Regionale

Dettagli

MANUALE DIAGNOSTICO PSICODINAMICO (PDM)

MANUALE DIAGNOSTICO PSICODINAMICO (PDM) MANUALE DIAGNOSTICO PSICODINAMICO (PDM) PARTE I CLASSIFICAZIONE DEI DISTURBI MENTALI DEGLI ADULTI INTRODUZIONE Il PDM è il risultato del rapporto tra psicoanalisi e psichiatria, e rappresenta il primo

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE

ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE CON GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE GRANDI INSUFFICIENZE D ORGANO END STAGE : CURE INTENSIVE E/O CURE PALLIATIVE? Aula Magna Nuovo Arcispedale S. Anna Cona, Ferrara - Sabato 4 Ottobre 2014 ASPETTI PSICOLOGICI NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

DSM V Principali cambiamenti rispetto al DSM-IV

DSM V Principali cambiamenti rispetto al DSM-IV DSM V Principali cambiamenti rispetto al DSM-IV Seminario d approfondimento Prof. Pasquale Chianura Corso di Psicologia Clinica dello Sviluppo Anno Accademico 2013-2014 Il DSM V: verso un migliore approccio

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine:

2. Definizioni. I criteri che definiscono una malattia sono, nell ordine: 2. Definizioni In considerazione della grande variabilità di linguaggio, anche per la presenza delle diverse discipline coinvolte nella discussione scientifica sul gioco d azzardo patologico (GAP), prima

Dettagli

DISTURBI D ANSIA. Comprendono dodici disturbi caratterizzati dall ansia o dall evitamento fobico come sintomi dominanti.

DISTURBI D ANSIA. Comprendono dodici disturbi caratterizzati dall ansia o dall evitamento fobico come sintomi dominanti. DISTURBI D ANSIA Comprendono dodici disturbi caratterizzati dall ansia o dall evitamento fobico come sintomi dominanti. - Fobia Specifica - Fobia sociale - Disturbo d Ansia Generalizzato - Disturbo Ossessivo-Compulsivo

Dettagli

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE

DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA (BED) Chi colpisce, che cos'è CHI COLPISCE Significativi problemi di abbuffate, cioè assunzione di un elevata quantità di cibo associata a un senso di perdita di

Dettagli

Valutazione della depressione/ansia

Valutazione della depressione/ansia Lezioni 7 & 8 Valutazione della depressione/ansia Per quanto riguarda la sfera psicoaffettiva dell'anziano, la patologia più frequente in questa categoria di persone risulta essere la depressione. Inoltre

Dettagli

! Alterazione nella regolazione degli affetti che presentano caratteristiche stereotipate e rigide, senza essere motivate.

! Alterazione nella regolazione degli affetti che presentano caratteristiche stereotipate e rigide, senza essere motivate. Disturbi dell Umore Definizione! Alterazione nella regolazione degli affetti che presentano caratteristiche stereotipate e rigide, senza essere motivate.! Alterazione dell umore, come caratteristica principale,

Dettagli

CARATTERISTICHE PRIMARIE

CARATTERISTICHE PRIMARIE IL PERCORSO DI PRESA IN CARICO MULTIMODALE DEL DISTURBO DA DEFICIT DELL ATTENZIONE E IPERATTIVITA. L INTERVENTO PSICOLOGICO Risultati di un esperienza pilota Dott.ssa Vanzin Laura Dott.ssa Valli Angela

Dettagli

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D)

I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) I DISTURBI DELL ATTENZIONE E L IPERATTIVITA (A.D.H.D) SEGNALI PREMONITORI IN ETA PRESCOLASTICA Laura Barbirato Mamma di tre figli Psicologa dell apprendimento Dirigente Scolastica 1 Normalità o patologia?

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO Perché e come gestire i conflitti nelle relazioni familiari. La PAS: Sindrome da alienazione parentale

GIORNATA DI STUDIO Perché e come gestire i conflitti nelle relazioni familiari. La PAS: Sindrome da alienazione parentale Dott. Massimo Camiolo Psicologo - Psicoterapeuta Via Lucano, 2-20135 MILANO Tel. 02.54.10.72.47 mcamiolo@tin.it ------------ Ordine degli Psicologi 03/1944 Iscritto Albo CTU - N. 9747 Tribunale di Milano

Dettagli

Torino 6 novembre 2013 RICONOSCERE E COMPRENDERE I RAGAZZI CON MUTISMO SELETTIVO

Torino 6 novembre 2013 RICONOSCERE E COMPRENDERE I RAGAZZI CON MUTISMO SELETTIVO Torino 6 novembre 2013 RICONOSCERE E COMPRENDERE I RAGAZZI CON MUTISMO SELETTIVO La caratteristica fondamentale del MS è la persistente incapacità di parlare in situazioni sociali specifiche (per es. a

Dettagli

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO

AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO AIUTARE I BAMBINI DOPO UN TERREMOTO E stato terribile, la mia casa è distrutta, il tetto è rimasto su solo sopra la mia camera.. Aspetti che tutto crolli. Quando ci sono state le altre scosse, pensavo

Dettagli

ETILISMO TOSSICODIPENDENZE ACUTE URGENZE PSICHIATIRCHE T.S.O.

ETILISMO TOSSICODIPENDENZE ACUTE URGENZE PSICHIATIRCHE T.S.O. SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA - VR CORSO PER SOCCORRITORI ETILISMO TOSSICODIPENDENZE ACUTE URGENZE PSICHIATIRCHE T.S.O. pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato

Dettagli

Salute fisica e psichica. Nei candidati al sacerdozio

Salute fisica e psichica. Nei candidati al sacerdozio Salute fisica e psichica Nei candidati al sacerdozio Roma, 4 febbraio 2014 Schema Introduzione 1. Salute psicofisica 2. Peculiarità della salute mentale 3. La salute nel discernimento 4. Lo psicologo e

Dettagli

Recessione economica e Disturbi Depressivi

Recessione economica e Disturbi Depressivi Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Recessione economica e Disturbi Depressivi L Associazione per la Ricerca sulla

Dettagli

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015

Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 Maria-Grazia Bacchini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Ravenna 11/03/2015 I diritti dei bambini e la Convenzione di New York 20 novembre 1989 ratificata in Italia il 27 maggio 1991 definisce

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

ANSIA E DEPRESSIONE. L ansia normale

ANSIA E DEPRESSIONE. L ansia normale ANSIA E DEPRESSIONE L ansia normale L ansia è uno stato affettivo fisiologico con funzioni adattive tese ad aumentare la motivazione, facilitare la concentrazione su un compito, migliorare il rendimento.

Dettagli

ADHD DIAGNOSI E IMPLICAZIONI FAMILIARI E SCOLASTICHE

ADHD DIAGNOSI E IMPLICAZIONI FAMILIARI E SCOLASTICHE Cesena 11 aprile 2012 Furio Lambruschi Daniela Fabbri ADHD DIAGNOSI E IMPLICAZIONI FAMILIARI E SCOLASTICHE AUSL - Cesena Scuola Bolognese di Psicoterapia Cognitiva Fattori centrali nell ADHD n Limitato

Dettagli

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2

Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 Sto male: test e auto-diagnosi. PARTE 2 11 Indice. Piano strategico. Pag. 13 Farsi la diagnosi con gli Alberi Decisionali (Algoritmi). Pag. 15 12 Piano strategico. Alla luce di quanto esposto fino ad ora,

Dettagli

Dal sintomo al mio operare nella relazione con l altro. Formazione 2007

Dal sintomo al mio operare nella relazione con l altro. Formazione 2007 Dal sintomo al mio operare nella relazione con l altro Formazione 2007 Cornice di riferimento Il cervello non registra la realtà ma la costruisce Psicologia della Gestalt Psicologia della Gestalt Non esiste

Dettagli

Come gestire le emozioni in classe

Come gestire le emozioni in classe Fiorenzuola, 25 febbraio 2015 Come gestire le emozioni in classe Dott.ssa Elena Miboli La qualità dell esistenza di ogni bambino è influenzata dal modo in cui egli apprende, fin dai primi anni di vita,

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

LE SINDROMI ANSIOSE PROVARE ANSIA È NORMALE L ansia è un emozione d importanza vitale che proviamo quando ci sentiamo esposti ad un pericolo o ad una

LE SINDROMI ANSIOSE PROVARE ANSIA È NORMALE L ansia è un emozione d importanza vitale che proviamo quando ci sentiamo esposti ad un pericolo o ad una LE SINDROMI ANSIOSE PROVARE ANSIA È NORMALE L ansia è un emozione d importanza vitale che proviamo quando ci sentiamo esposti ad un pericolo o ad una minaccia. Essa induce nel nostro organismo una situazione

Dettagli

PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON

PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON D O T T. S S A L U C I A C R E T E L L A PROBLEMATICHE PSICOLOGICHE nella MALATTIA di PARKINSON -Problemi psicologici correlati alla malattia (che

Dettagli

DALLA PSICOPATOLOGIA ALL ABUSO DI SOSTANZE

DALLA PSICOPATOLOGIA ALL ABUSO DI SOSTANZE DALLA PSICOPATOLOGIA ALL ABUSO DI SOSTANZE Dist. Ansia Dist. Bipolare Schizofrenia Altri Uso/Abuso Caffeina Tabacco Alcool Droghe illecite SOSTANZE DI SCELTA NEI DISTURBI PSICHICI D.Bipolare + Alcool Cocaina

Dettagli

La valutazione delle prestazioni

La valutazione delle prestazioni di Maria Soldati Che cosa è? La valutazione delle prestazioni E un sistema orientato allo sviluppo e alla valorizzazione delle persone e non una drammatica resa dei conti. Ha come campo di definizione,

Dettagli

Dai comportamenti aggressivi al bullismo

Dai comportamenti aggressivi al bullismo Dai comportamenti aggressivi al bullismo Ricercatore e Docente di Psicopatologia Clinica Università degli Studi di Udine I LIVELLI DEL COMPORTAMENTO AGGRESSIVO Livello 1. irritabile Livello 2. indisciplinato

Dettagli

RAPPORTO INTERPRETATIVO

RAPPORTO INTERPRETATIVO Gian Vittorio Caprara, Claudio Barbaranelli, Laura Borgogni, Michele Vecchione RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 26/05/2008 Sesso: Età: Norme di riferimento: femminile

Dettagli

Sentenza della Corte Costituzionale n. 179 del 18 febbraio 1988: introduzione del sistema misto di tutela delle malattie professionali.

Sentenza della Corte Costituzionale n. 179 del 18 febbraio 1988: introduzione del sistema misto di tutela delle malattie professionali. Organo: DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI - SOVRINTENDENZA MEDICA GENERALE Documento: Circolare n. 71 del 17 dicembre 2003(*) Oggetto:Disturbi psichici da costrittività organizzativa

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari

Progetto: Interventi Psicosociali per le Demenze. Protocollo operativo:psicoterapia di gruppo per pazienti con Demenza e i loro familiari CENTRO MEDICO H. BERGER AVERSA Convenzionato con il S.S.N. Regione Campania - I.N.P.S. NEUROLOGIA-PSICHIATRIA-PSICOLOGIA-PSICOTERAPIE Sede Legale :Via Orabona n 33 Sede Operativa: Via Vito di Jasi n 16

Dettagli

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA

DEFINIZIONE DI DIPENDENZA DIPENDENZA DA FUMO Il tabagismo è l'abitudine o dipendenza dal fumo di tabacco a cui consegue un'intossicazione di tipo cronico DEFINIZIONE DI DIPENDENZA Per dipendenza si intende una alterazione del comportamento

Dettagli

PSICOLOGIA DEL FUOCO E DEL PIROMANE. Dr. Marco Cannavicci psichiatra criminologo

PSICOLOGIA DEL FUOCO E DEL PIROMANE. Dr. Marco Cannavicci psichiatra criminologo PSICOLOGIA DEL FUOCO E DEL PIROMANE Dr. Marco Cannavicci psichiatra criminologo Argomenti 1. Il fuoco e la psiche 2. Il piromane e la piromania 3. Gli studi dell FBI 4. Le tipologie degli incendiari 5.

Dettagli

Report Leadership Matching

Report Leadership Matching Leader: Mario Rossi Collaboratore: Francesca Colombo Questo Report è un prodotto di PDA International. PDA International è leader nell approvvigionamento di valutazioni comportamentali utilizzate per reclutare,motivare

Dettagli

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l Burn out Sindrome di esaurimento emozionale, depersonalizzazione e ridotta realizzazione personale che può manifestarsi in soggetti che svolgono un lavoro sociale di diverso genere (Maslach 1986) Stato

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA

ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA ASPETTI PSICOLOGICI: DALLA PATOLOGIA ALLA DIETA BED: Binge Eating Disorder o Disturbo da alimentazione incontrollata (circa il 30% degli obesi) Abbuffate ricorrenti per almeno 2 giorni/settimana per almeno

Dettagli

Disturbo da deficit di attenzione con iperattività (ADHD) IL BAMBINO IPERATTIVO. Dispense a cura di. Dott.ssa Chiara Baiamonte

Disturbo da deficit di attenzione con iperattività (ADHD) IL BAMBINO IPERATTIVO. Dispense a cura di. Dott.ssa Chiara Baiamonte Disturbo da deficit di attenzione con iperattività (ADHD) IL BAMBINO IPERATTIVO Dispense a cura di Dott.ssa Chiara Baiamonte DISTURBI DA DEFICIT DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA E DISTURBI DELLA CONDOTTA Serie

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

La depressione nell anziano. Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A.

La depressione nell anziano. Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A. La depressione nell anziano Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A. 2007/2008 1 La depressione nell anziano Definizione e forme cliniche

Dettagli

Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1

Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1 Modello del Circolo Vizioso del Panico (Clark 1986) - 1 Secondo il modello cognitivo del DP gli attacchi di panico si verificano quando gli individui percepiscono alcune sensazioni corporee come molto

Dettagli

Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta. Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione

Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta. Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione Dott.ssa Elena Luisetti Psicologa- Psicoterapeuta Dott.ssa Ildiko Matyàs Psicologa- Psicoterapeuta in formazione I disturbi d ansia rappresentano il disagio mentale più diffuso nella società moderna sia

Dettagli