ISBN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISBN 978-88-903392-5-7"

Transcript

1

2

3

4 Pubblicato nel novembre 2008 da Time & Mind Press Via Riccardo Sineo 7/ Torino Tutti i diritti riservati ISBN

5

6

7 INDICE INTRODUZIONE. OBIETTIVI DELLA RICERCA... DESCRIZIONE SINTETICA DELL ATTIVITÀ DI RICERCA..... METODOLOGIA DI LAVORO ADOTTATA..... VII VII IX XI PARTE 1 - DEFINIZIONE DELLO SCENARIO 1 CONCETTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE NELL ARCHITETTURA E NEL DESIGN ECOCOMPATIBILITÀ NEL MONDO INDUSTRIALE E NEL DESIGN Life Cycle Thinking Approach Ecodesign Design per componenti ECOCOMPATIBILITÀ NEL SETTORE EDILIZIO Ciclo di vita dell edificio Edificio ecocompatibile Paradigma della complessità nella progettazione del sistema-edificio. 13 ARCHITETTURA E INDUSTRIA. PRODUZIONE INDUSTRIALE DI COMPONENTI EDILIZI Il componente edilizio Dalla prefabbricazione pesante a quella leggera Tecnologie di stratificazione a secco e uso di componenti edilizi industriali La modificazione del concetto tradizionale di cantiere e dell attività progettuale Situazione italiana ed europea. Alcuni esempi di costruzioni stratificate a secco PARTE 2 - STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DELL ECOCOMPATIBILITÀ. 23 CONCURRENT ECODESIGN 24 ECOTOOL METODOLOGIA DI LIFE CYCLE ASSESSMENT LCA.. 29 Metodologia di LCA in dettaglio STRUMENTI SEMPLIFICATI DI LCA. 45 INDICE - I

8 Eco-indicator Approach.. 46 Matrici di valutazione, MET Matrix LIFE CYCLE COST O TOTAL COST ASSESSMENT 53 STRATEGIE DI LIFE CYCLE DESIGN LCD. 59 SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE. 69 EMAS. 70 ISO CERTIFICAZIONE ED ECO-ETICHETTATURA DI PRODOTTO. 74 TIPO I Eco-label Europeo TIPO II Auto-dichiarazione. 76 TIPO III EDP - dichiarazione ambientale di prodotto. 77 PARTE 3 ECOSOFTWARE.. 83 STRUMENTI OPERATIVI. 84 SISTEMA DI ANALISI DEI SINGOLI SOFTWARE.. 86 Scheda di esempio Athena software 89 Scheda di esempio - SimaPrò software 93 PARTE 4 - DELINEAZIONE DEI RISULTATI.. 97 TIPOLOGIE DI ECOSOFTWARE ANALYSIS SOFTWARE LCI Life Cycle Inventory software LCA Life Cycle Assessment software Abridged LCA Abridged Life Cycle Assessment software LCC Life Cycle Cost software FOCUSED ANALYSIS SOFTWARE DFA - Design For Assembly software DFL - Design For Life software DFD - Design For Disassembly software M&P- Materials and Processes selection software UTILITÀ DEGLI STRUMENTI II - INDICE

9 Utilità degli strumenti nel percorso progettuale Ipotesi di travaso e impiego degli Ecodesign software nel percorso progettuale dell edificio. 121 Tipologie di utenza a cui sono destinati gli strumenti software CONSIDERAZIONI ECONOMICHE EFFETTI AMBIENTALI. 129 DATABASE A CONFRONTO Rilevanza rispetto al settore edilizio Importazione dati da altri database o applicazioni. 141 Esportazioni dati in altre applicazioni Inserimento dati specifici relativi all oggetto indagato o ad uno specifico settore merceologico Possibilità di acquistare dati aggiuntivi inerenti altri settori merceologici Dati espressi secondo i mix energetici caratteristici dei diversi paese Indicazioni sulla qualità dei dati MATRICE SINERGICO COMPARATIVA CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE BIBLIOGRAFIA RAGIONATA 163 INDICE - III

10 ELENCO DELLE ILLUSTRAZIONI PARTE 1: DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Fig. 1 Aspetti caratterizzanti il settore delle costruzioni oggi Fig. 2 Schema rappresentativo del sistema-prodotto Fig. 3 Confronto tra ciclo di vita del sistema-prodotto e del sistema-edificio Fig. 4 Ciclo di vita del sistema-edificio Fig. 5 La flessibilità tecnologica dell edificio Fig. 6 Esempi di edifici costruiti con la tecnologia stratificata a secco PARTE 2: STRUMENTI PER L ECOCOMPATIBILITÀ Fig. 7 Schema concettuale del Concurrent Ecodesign Fig. 8 Distinzione degli Ecotool in teorici e operativi Fig. 9 Le quattro fasi della procedura di LCA Fig. 10 Schema procedurale di LCA: definizione degli obiettivi Fig. 11 Schema procedurale di LCA: analisi di inventario, LCI Fig. 12 Modalità di raccolta dei dati energetici raccolti durante la fase d inventario Fig. 13 Schema procedurale di LCA: analisi degli impatti, LCIA Fig. 14 Indicatori di categoria dei principali effetti ambientali considerati in un analisi di LCA Fig. 15 Esempio di conversione delle emissioni rilevate da un processo in emissioni equivalenti di CO 2. Fig. 16 Principali sistemi di valutazione adottabili durante la fase di LCIA in un analisi di LCA Fig. 17 Schema procedurale di LCA: individuazione aree di miglioramento Fig. 18 Descrizione dei principali effetti ambientali Fig. 19 Procedura di calcolo di un Eco-indicator Fig. 20 Cinque archetipi del comportamento umano secondo la teoria di Thompson Fig. 21 Tre archetipi e relativi giudizi di valore assunti nel metodo degli Eco-indicator Fig. 22 MET Matrix: esempio di matrice per l analisi della fase di produzione Fig. 23 MET Matrix: valutazione dell intero ciclo di vita Fig. 24 Diverse tipologie di costo considerate in un analisi di LCC Fig. 25 Strategie di LCD e fasi del ciclo di vita del sistema-prodotto Fig. 26 Interazioni tra guidelines di LCD e fasi del ciclo di vita del sistema-prodotto Fig. 27 Interazioni tra guidelines di LCD e fasi del ciclo di vita del sistema-edificio Fig. 28 Schema organizzativo di un Sistema di Gestione Ambientale (SGA) Fig. 29 EMAS e ISO a confronto Fig. 30 Caratteristiche distintive delle tre diverse tipologie di certificazione di prodotto Fig. 31 Logo Eco-label Fig. 32 Logo EPD Fig. 33 Schema riassuntivo dei principali strumenti teorici applicabili al processo edilizio IV - INDICE

11 PARTE 3: ECOSOFTWARE Fig. 34 Ecosoftware tratti dai diversi contesti geografici Fig. 35 Scheda tipo impiegata per l analisi dei diversi ecosoftware esaminati PARTE 4: DELINEAZIONE DEI RISULTATI Fig. 36 Schema concettuale impiegato per la delineazione dei risultati articolati nella matrice sinergico - comparativa finale Fig. 37 Classificazione degli ecosoftware in due categorie, Analysis software e Focused Analysis software, contraddistinte da diverse tipologie di strumenti all interno di ognuna Fig. 38 Classificazione degli Analysis software Fig. 39 Classificazione dei Focused Analysis software Fig. 40 Schema del Process Design Fig. 41 Utilità nel Process Design Fig. 42 Ipotesi di travaso degli strumenti di Ecodesign nel Process Design dell edificio Fig. 43 Analisi dei diversi tipi di utenti che possono trarre utilità dalle analisi condotte dagli ecosoftware Fig. 44 Tipologie e sistemi di valutazione economica degli ecosoftware Fig. 45 Sistemi di valutazione degli effetti ambientali adottati dagli ecosoftware Fig. 46 Correlazione sistemi di valutazione-effetti ambientali sulle diverse scale Fig. 47 Correlazione ecosoftware-effetti ambientali sulle diverse scale Fig. 48 Database e relative fonti annessi ai software Fig. 49 Dati inclusi all interno dei database dei software Fig. 50 Confronto tra i database annessi agli ecosoftware Fig. 51 Criteri su cui si articolano i dati espressi secondo lo SPOLD Format Fig. 52 Legenda della matrice sinergico - comparativa finale Fig. 53 Matrice sinergico - comparativa finale che illustra i principali fattori caratterizzanti i diversi software in relazione a tutte le fasi del ciclo di vita dell edificio. Fig. 54 Matrice sinergico - comparativa relativa alla fase di pre-produzione dell edificio Fig. 55 Matrice sinergico-comparativa relativa alla fase di produzione fuori opera dell edificio Fig. 56 Matrice sinergico-comparativa relativa alla fase di produzione in opera dell edificio Fig. 57 Matrice sinergico-comparativa relativa alla fase di vita utile dell edificio Fig. 58 Matrice sinergico-comparativa relativa alla fase di vita utile dei componenti costituenti l edificio Fig. 59 Matrice sinergico-comparativa relativa alla fase di fine vita dell edificio Fig. 60 Matrice sinergico-comparativa relativa alla fase di fine vita dei componenti costituenti l edificio INDICE - V

12 VI - INDICE

13 INTRODUZIONE OBIETTIVI DELLA RICERCA La presente ricerca è nata dalla volontà di completare un precedente studio, la cui finalità era quella di aumentare la consapevolezza ambientale durante la progettazione ordinaria, in quanto la necessità di armonizzare le esigenze abitative e i conseguenti criteri di qualità architettonica con i fragili equilibri dell ecosistema, è un tema che solo negli ultimi anni si è posto come prioritario nella cultura del progetto e che, di conseguenza, sia a livello tecnologico che architettonico molti sono ancora gli aspetti da approfondire 1. Condividendo questa finalità, obiettivo generale di questo lavoro di ricerca è stato allora quello di sperimentare nuove forme di ibridazione culturale tra Ecodesign e Architettura, con lo scopo di individuare i punti di contatto concettuali tra le due culture e traslare in concreto da un campo all altro, strumenti e metodologie, utili ai fini del perseguimento dello Sviluppo Sostenibile. Il mondo industriale, e di conseguenza anche quello del disegno industriale, è stato uno dei primi settori in cui è stata affrontata la questione ambientale. Anche se spesso spinti principalmente da motivi economici, nel mondo dell industria da alcuni anni infatti si cerca di perseguire una maggiore ecoefficienza nei processi di produzione e di realizzare prodotti maggiormente ecocompatibili, rendendo possibile la diffusione ed il consolidamento di approcci, competenze e strumentazioni atte a questo controllo. Approcci e strumenti, che, sono diventati un punto di riferimento anche per altri settori e i cui benefici derivanti dal loro impiego ci inducono a verificarne una loro possibile applicazione anche nel settore delle costruzioni, dove invece si ritiene che sia ancora ridotto il numero delle sperimentazioni a cui fare riferimento e quello delle strumentazioni da utilizzare per il controllo degli impatti energetico-ambientali dell edificio. A questo scopo si pensa che per estendere la diffusione dei principi dello sviluppo sostenibile all ambito edilizio, discipline quali, Architettura, Tecnologia, Scienza Ambientali ed Industriali potrebbero sviluppare, a fianco delle operazioni di cooperazione già in atto, forme inedite di dialogo e di interazione 2. A complicare questo trasferimento di know-how, c è però il fatto che l edificio, a differenza del prodotto industriale, è un prodotto unico, come unici sono i processi che di volta in volta portano alla sua costruzione, rendendo complessa l applicazione di questi strumenti che invece per il loro impiego necessitano invece di procedure realizzative comuni e standardizzate. Alla luce di queste considerazioni, i componenti edilizi, possono allora assumere un ruolo centrale, diventando il potenziale fulcro, attorno a cui ruotare il perseguimento della sostenibilità architettonica, il trait d union tra mondo dell edilizia e quello della produzione industriale. Essi di fatto costituiscono l anello di congiunzione tra le scelte espressive frutto dell attività progettuale e la realtà della produzione industriale disponibile sul mercato. 1. LANZAVECCHIA, C., Ciclo di vita dell edificio e sostenibilità ambientale. Il possibile ruolo degli elementi componenti ottenuti da post-produzione, della progettazione edilizia per disassemblaggio e del possibile riuso/reimpiego di interi edifici o di alcune parti di esse, tesi di ricerca presso il Dottorato di ricerca in Tecnologia dell Architettura e dell Ambiente, XIV ciclo, Politecnico di Milano, LANZAVECCHIA, C., Op. cit. INTRODUZIONE - VII

14 Di conseguenza è lecito pensare che se i componenti edilizi non possiedono in partenza le necessarie caratteristiche di sostenibilità ambientale, nonostante un accorta attività progettuale, l edificio non potrà risultare ecocompatibile nel suo complesso. Ne consegue che i componenti edilizi, possono essere un nuovo canale di dialogo tra Architettura, Ecodesign e mondo industriale, una sorta di ponte attraverso cui veicolare, in un senso e nell altro, informazioni, approcci progettuali, metodologie e saperi. Allo stato attuale nel settore edilizio, malgrado gli esperti sottolineino l urgenza della problematica ambientale, manca ancora una metodologia unificata che sappia affrontare la questione in tutta la sua complessità. Di conseguenza, sebbene siano molti gli approcci e gli strumenti proposti, al singolo progettista (e al ricercatore) non resta che avventurarsi in territori poco battuti al fine di mettere a fuoco la problematica, tramite la raccolta e sistematizzazione di dati, strumenti, metodologie, teorie e approcci progettuali ritenuti più significativi, che possano costituire una sorta di cassetta per gli attrezzi ad uso del progettista. In coerenza con quanto detto e, sulla falsariga del Concurrent Ecodesign 3, approccio ideato nel settore dell Ecodesign per integrare la questione ambientale nel mondo industriale e produttivo ed il cui risultato concreto è stata la delineazione di una Toolbox per il progettista-designer, obiettivo specifico di questo lavoro di ricerca è stato proprio quello di sviluppare un analoga Toolbox per l architettura, che svolga la funzione di bussola orientativa per il progettista-architetto, dalla quale potrà attingere facilmente gli strumenti più adatti per l analisi delle prestazioni ambientali dei componenti edilizi, e quindi dell edificio intero, in relazione ai diversi contesti progettuali. 3. L approccio metodologico del Concurrent Ecodesign, ideato da Bistagnino, L., Lanzavecchia, C., Micheletti, G.F., è un approccio progettuale per certi aspetti ipermetodologico, finalizzato al perseguimento dell ecocompatibilità delle produzioni industriali e per questo con lo scopo dichiarato di fare dialogare e interagire retroterra culturali diversi, parametri qualitativi e quantitativi, indicatori economici ed esigenze ambientali. Per la descrizione operativa di tale approccio si rimanda ai paragrafi successivi. VIII - INTRODUZIONE

15 DESCRIZIONE SINTETICA DELL ATTIVITÀ DI RICERCA L attività di ricerca descritta in questo testo è articolata in quattro parti, corrispondenti ai quattro principali momenti in cui si è articolato il lavoro di ricerca stesso. 1. DEFINIZIONE DELLO SCENARIO: in questa prima parte sono state approfondite: le tematiche legate al concetto di sostenibilità, evidenziando come tali principi abbiano influito sia nel design che nell architettura, imponendo un cambiamento dell approccio progettuale e di considerare l oggetto progettuale durante il suo intero ciclo di vita secondo il concetto di Life Cycle Thinking; le relazioni sempre più strette tra Ecodesign e Architettura, grazie all impiego di componenti edilizi equiparabili sempre di più a veri e propri prodotti industriali, evidenziandone analogie e differenze. 2. ANALISI DEGLI ECOTOOL: una volta definito lo scenario della ricerca nella seconda parte di questa ricerca, sono stati analizzati gli Ecotool, oggetto principale di questo studio, da intendersi come gli strumenti, le metodologie e gli approcci progettuali, che agevolano il soddisfacimento dei requisiti ambientali sia nell architettura che nel design. A questo scopo è stato approfondito l approccio metodologico-progettuale del Concurrent Ecodesign, da cui si è attinto il principio ispiratore per la delineazione della cassetta degli attrezzi per l architettura, e sono stati esaminati i più diffusi Ecotool diffusi in ambito industriale, come la metodologia di valutazione di Life Cycle Assessment (LCA) nelle sue diverse forme semplificate o meno, le parallele procedure di Life Cycle Cost (LCC), le strategie e le linee guida progettuali basate sull approccio di Life Cycle Thinking e i diversi sistemi di certificazione ambientale. Strumenti e procedure, già diffusi con un certo successo in ambito industriale e che possono trovare un utile impiego anche in ambito edilizio. 3. ANALISI DEGLI ECOSOFTWARE: in questa terza parte l attenzione si è focalizzata in particolare sugli strumenti operativi, gli Ecosoftware, che derivando direttamente dalle teorie e metodologie analizzate nella seconda parte ne agevolano la loro applicazione. Gli Ecotool infatti, in coerenza con lo sviluppo informatico dei nostri tempi, hanno trovato nelle tecnologie informatiche il loro migliore modo di essere, perché consentono, in tempi abbastanza ridotti, la gestione e l elaborazione di un gran numero di dati e informazioni, quali sono quelli che entrano in gioco nelle diverse procedure di valutazione e analisi ambientale. Ponendosi nei panni del progettista, questi strumenti software possono essere un valido ausilio per la previsione e il controllo anticipato delle prestazioni di eco-compatibilità dell edificio. A questo scopo sono stati selezionati ed esaminati, sulla base di una scheda tipo comune, gli ecosoftware maggiormente diffusi e impiegati nei diversi contesti geografici, evidenziando vantaggi e svantaggi di ognuno, le cui singole schede analisi sono riportate in Appendice DELINEAZIONE DEI RISULTATI: in questa quarta e ultima parte sono riportate le considerazioni conclusive derivanti dall analisi svolta dei diversi ecosoftware indagati, dalle quali è possibile individuare quali tra questi strumenti, nati per l analisi di un prodotto industriale, possono anche essere impiegati in ambito edilizio a fianco dei pochi strumenti già presenti in questo settore. Nello specifico, in questa parte sono state svolte una serie di comparazioni tra i diversi ecosoftware, che ci consentono di individuare potenziali sinergie d uso o eventuali lacune, basate sui seguenti aspetti: sistema di classificazione adottabile per distinguere i diversi strumenti e basato sul fatto che sia considerato l intero ciclo di vita o solo alcune fasi di esso; finalità degli strumenti, evidenziando sia l utente tipo per cui sono stati sviluppati sia la loro diversa utilità nei vari momenti del Process Design; INTRODUZIONE - IX

16 sistemi di valutazione ambientale adottati, per prevedere ed individuare le prestazioni ambientali dei componenti edilizi o dell edificio stesso durante il ciclo di vita e quindi anche le conseguenze, in termini di effetti ambientali; sistemi di valutazione economica adottati o meno da questi strumenti per l analisi delle conseguenze economiche legate alle prestazioni ambientali dell oggetto di studio; database e tipologia di dati e informazioni disponibili nei diversi strumenti software analizzati. Da queste comparazioni e riflessioni conclusive è stato così possibile riassumere i caratteri peculiari visti sopra, in una matrice finale di tipo sinergico-comparativa che può essere intesa come la cassetta degli attrezzi operativi per l architettura, che ci si prefiggeva di elaborare all inizio di questo lavoro di ricerca. Comparativa perché tramite essa è infatti possibile correlare tutti i diversi ecosoftware analizzati e i loro caratteri peculiari sulla base di un unico e comune denominatore, il ciclo di vita dell edificio. Sinergica perché tramite la sua lettura è possibile individuare potenziali sinergie d uso di questi strumenti ed eventuali lacune o criticità. Lo scopo finale di questa analisi, infatti, non è tanto lo sviluppo di un ulteriore strumento, quanto piuttosto, vista la moltitudine di software già presenti, quello di fornire una bussola orientativa al progettista, che, oltre a descrivere lo stato dell arte di questi strumenti, gli indichi in che modo questi strumenti possono interagire tra loro e quali sono quelli che più si addicono al suo scopo. X - INTRODUZIONE

17 METODOLOGIA DI LAVORO ADOTTATA In mancanza di una metodologia di lavoro consolidata e per orientarsi alla ricerca di percorsi alternativi, durante il lavoro di ricerca è stato adottato un approccio allo studio in divenire, un atteggiamento di ricerca e analisi aperto alla possibilità di essere rimesso continuamente in discussione. Inoltre durante gli anni in cui è stata condotta questa ricerca di dottorato, come ulteriore metodo di validazione del lavoro svolto, si è ricorso ad un costante confronto con la comunità scientifica internazionale, partecipando ad una serie di convegni e conferenze internazionali dove è stato presentato il lavoro svolto e sono stati pubblicati nei relativi atti i diversi avanzamenti e la conclusione di questo lavoro di ricerca. Nello specifico sono state svolte presentazioni e pubblicazioni negli atti dei seguenti convegni: LMC 2005: Innovation By Life Cycle Management - 2nd International Conference on Life Cycle Management, organizzato da Catalan LCA Network and Spanish LCA Network, con la collaborazione del Centre per a l Empresa i el Medi Ambient and ALCAN, Barcelona, 5-7 settembre 2005 (platform presentation) Quantified Eco-Efficiency Analysis For Sustainability, organizzato dalla CML Leiden University (Netherlands) e dalla Kobe University (Japan), Egmond aan Zee, giugno, (platform presentation) Environmental Product Declaration, SETAC Europe 13th LCA Case Study Symposium organizzato da SETAC Europe e UNEP Life Cycle Initiative, Stuttgart, 7-8 dicembre 2006 (poster presentation) LMC From Analysis to implementation, 3rd international Conference on Life Cycle management, organizzata da ETH Zurich in collaborazione con The Journal of Life Cycle Assessment, Life Cycle Initiative, International Society for Industrial Ecology e SETAC, Zurigo, agosto (poster presentation) SB07 - Sustainable Building South Europe, sessione parallela LCA Buildings,organizzato da Environment Park Associazione Empirica Progetti in collaborazione con iisbe Italia, CNR, Politecnico di Torino e SiTi con il patrocinio di ITACA, Federal Association of the Italian Regions, Torino, 7-8 giugno La selezione di questi paper, sintesi di questo lavoro, da parte di comitati scientifici accreditati a livello internazione e la stessa partecipazione a questi convegni, è stata così colta, da parte chi scrive, come un importante occasione di verifica del lavoro svolto, ma soprattutto come un opportunità di confronto con la comunità scientifica internazionale per orientare nella maniera più corretta la direzione e gli obiettivi di questa ricerca. INTRODUZIONE - XI

18 XII - INTRODUZIONE

19 PARTE 1 DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Prima di avventurarsi nel travaso di know-how tra il settore dell Ecodesign e quello dell Architettura degli strumenti, metodi o procedure che in qualche modo possono contribuire a migliorare le prestazioni ambientali di un componente edilizio o dell intero edificio, innanzitutto si è partiti dalla delineazione dello scenario in cui si colloca il settore dell architettura oggi. Scenario caratterizzato e influenzato dai seguenti aspetti (Fig. 1): i principi di sostenibilità ambientale: che sia nel design che nell architettura hanno introdotto l esigenza di cambiamento nell approccio culturale alla base del progetto, imponendo la necessità di ripensare i prodotti o i componenti edilizi prodotti industrialmente, se non l edificio stesso, lungo l intero loro ciclo di vita; i sempre più stretti rapporti tra industria e architettura: nel settore edilizio è una pratica sempre più diffusa l impiego di componenti o elementi edilizi, equiparabili a veri e propri prodotti industriali, che arrivano in cantiere pronti per essere assemblati tramite innovativi sistemi tecnologici di assemblaggio a secco. Di conseguenza l impiego sempre più frequente di questi componenti ci porta a considerare l edificio stesso come un sofisticato e complesso prodotto industriale, dato dalla sommatoria di una di una serie di componenti edilizi, le cui prestazioni ambientali influiranno sulle prestazioni ambientali dell intero manufatto architettonico. SETTORE EDILIZIO BUILDING LIFE CYCLE THINKING APPROACH Visione sistemica del manufatto edilizio, orientata a pianificare ogni processo del suo ciclo di vita, per soddisfare sia i requisiti tradizionali che quelli energetico-ambientali PRINCIPI DI SOSTENIBILITÀ PROCESSI INDUSTRIALI COMPONENTI EDILIZI COME PRODOTTI INDUSTRALI Componenti che arrivano in cantiere come prodotti finiti o semifiniti, pronti per la loro messa in opera e che, una volta assemblati con altri, costituiscono elementi tecnici e unità tecnologiche Compostaggio Trattamento acque Riciclaggio Incenerimento Riuso Discarica DEMOLIZIONE DISASSEMBLAGGIO PRE- PRODUZIONE Riuso Riciclaggio FINE VITA VITA UTILE PRODUZIONE FUORI OPERA PRODUZIONE IN OPERA EDIFICIO SOFISTICATO PRODOTTO INDUSTRIALE Fig. 1 Aspetti caratterizzanti il settore delle costruzioni oggi. PARTE 1: DEFINIZIONE DELLO SCENARIO - 1

20 Sotto questa luce il componente edilizio, diventa quindi il trait d union tra i due settori disciplinari, tramite il quale veicolare e trasferire le strumentazioni per il controllo delle prestazioni ambientali da un settore all altro e indurre le diverse figure coinvolte durante il processo edilizio (amministrazioni centrali e locali del territorio, produttori di componenti edilizi, imprese e i progettisti stessi) ad aderire e adottare strategie mirate al miglioramento ambientale. È bene però sottolineare, da subito che, sebbene tra edificio e prodotto esistano molte analogie, come l approccio progettuale di tipo esigenzial-prestazionale, l urgenza della questione ambientale e i rapporti sempre più stretti con il settore industriale, l ecocompatibilità di un edificio, rispetto ad un prodotto industriale, non è data solo dalle interazioni tra i diversi componenti edilizi e gli elementi tecnici che lo costituiscono, ma anche dalle interazioni che l organismo edilizio avrà nel tempo con il contesto ambientale in cui si inserisce e con gli occupanti. Solo sulla base di questi tre parametri un edificio potrà dirsi veramente eco-compatibile. 2 - PARTE 1: DEFINIZIONE DELLO SCENARIO

21 CONCETTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE SETTORE EDILIZIO Il neologismo sostenibilità fu impiegato per la prima volta nei primi anni 80 da Lester Brown, fondatore del WorldWatch Institute, che definì una società sostenibile quella capace di soddisfare i bisogni presenti, senza compromettere la possibilità per le generazioni future di soddisfare i propri bisogni. PRINCIPI DI SOSTENIBILITÀ Alcuni anni più tardi questa definizione fu introdotta nel rapporto della Commissione Mondiale per lo Sviluppo e l Ambiente istituita dall Organizzazione delle Nazioni Unite (UNCED United Conference on Environmental and Development), denominato Our Common Future del 1987 e firmato dalla sua presidente Gro Harem Brundtland, dove con il concetto di Sviluppo Sostenibile ci si riferisce alle condizioni sistemiche per cui a livello planetario e a livello regionale, le attività umane non disturbino i cicli naturali su cui si basano più di quanto la resilienza 4 del pianeta lo permetta e, allo stesso tempo, non impoveriscano il capitale naturale 5 che verrà trasmesso alle generazioni future 6. Da questa definizione, la sostenibilità viene quindi intesa non solo come una questione morale, ma come una serie di azioni sinergiche e complesse da intraprendere, che fanno riferimento all ambito economico, a quello sociale e a quello ambientale e che rispondono alla necessità di conciliare crescita economica ed equa distribuzione delle risorse in un nuovo modello di sviluppo. Alla luce di questo principio, si è messo in discussione il nostro sistema di produzione e consumo, sottolineando l esigenza di un cambiamento anche piuttosto radicale delle nostre abitudini. Cambiamento, che coinvolge, oltre alle tematiche legate all esaurimento delle risorse e alla sopravvivenza di interi ecosistemi, anche tutta una serie di questioni come: la crescita demografica, la fornitura di cibo, il debito delle nazioni in via di sviluppo, lo sviluppo industriale, il mercato globalizzato, l ineguaglianza economica, geografica e transgenerazionale nella distribuzione e nella disponibilità dei beni e delle risorse. In altri termini perseguire un modello di sviluppo sostenibile significa andare molto al là dello specifico campo di azione delle attività progettuali, sino ad interfacciarsi con gli aspetti socio-economici della nostra società e del nostro modo di vivere, in modo trasversale e in una prospettiva a lunghissimo termine. Tale concetto fu così recepito nel 1992 dalla Conferenza delle Nazioni Unite tenutasi a Rio de Janeiro del 1992, dove si riconobbe che le problematiche ambientali dovevano essere affrontate in maniera universale coinvolgendo tutti i paesi. Durante questa conferenza venne istituita la Commissione per lo Sviluppo Sostenibile, con il mandato di elaborare indirizzi politici per le future attività e dove per la prima volta vennero dibattuti a scala internazionale questioni ambientali aventi ripercussioni su tutto il pianeta, quali l effetto serra, il degrado degli habitat naturali, il deficit idrico, l aggravamento degli squilibri abitanti/risorse, il rischio di estinzione di molte specie viventi e la eccessiva produzione di rifiuti e le problematiche connesse al loro smaltimento. Ed è in seguito all attenzione posta in questo conferenza per le questioni ambientali, che si cominciarono così a delineare programmi e politiche ambientali congiunte a livello mondiale. Come il noto protocollo di Kyoto 7, che stabilisce orientamenti comuni per le strategie industriali e comporta una revisione dei piani di sviluppo e consumo energetico dei diversi paesi industrializzati o l Agenda 21, cioè il 4. La Resilienza di un ecosistema è la sua capacità di subire un azione di disturbo senza uscire irreversibilmente dalla condizione di equilibrio. Lo stesso concetto esteso al Pianeta conduce all idea che il sistema naturale sul quale si fonda l attività umana abbia dei limiti di resilienza, oltre i quali iniziano degli irreversibili fenomeni di degrado. 5. Per capitale naturale si intende l insieme delle risorse non rinnovabili e delle capacità sistemiche dell ambiente di riprodurre le risorse rinnovabili, comprendendo anche la varietà delle specie viventi sul Pianeta. 6. LANZA, A, Lo sviluppo sostenibile, il Mulino, Bologna Il protocollo di Kyoto fu redatto durante la Conferenza delle Nazioni Unite del In questo documento vengono fissati degli obiettivi internazionali per la diminuzione dei gas serra nell atmosfera ritenuti responsabili del riscaldamento globale del pianeta (noto come effetto serra). Obiettivi di riduzione non inferiori al 5,2% nel periodo , rispetto alle emissioni rispettivamente registrate negli stessi paesi nel 1990 (considerato come anno base). Tuttavia ad oggi il protocollo, sebbene sia stato ratificato da più di 55 nazioni che producono più del 55% di emissioni inquinanti, non è ancora stato sottoscritto da paesi come gli Stati Uniti, che lo considerano non PARTE 1: DEFINIZIONE DELLO SCENARIO - 3

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Life-cycle cost analysis

Life-cycle cost analysis Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2013/14 Life-cycle cost analysis con esempi applicativi Docenti Collaboratori Lezione di prof. Stefano Stanghellini prof. Sergio Copiello arch. Valeria

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

STRUMENTI E METODI PER LA SOSTENIBILITÀ

STRUMENTI E METODI PER LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI E METODI PER LA SOSTENIBILITÀ A cura di: Maria Litido, Gaia Righini, Francesca Cappellaro, Rovena Preka, Mario Tarantini, Arianna Dominici, ENEA Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia

Dettagli

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione

Sintesi. Una nuova strategia per l ambiente. Introduzione 1 Sintesi Una nuova strategia per l ambiente Introduzione Nel corso di questi ultimi anni, l ambiente ha subito forti pressioni nei Paesi dell OCSE e nel mondo. Alcune pressioni tenderanno sicuramente

Dettagli

BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGRAMMI DI ATTIVAZIONE E DI ATTUAZIONE DI AGENDE 21 LOCALI Anno 2007 DESCRIZIONE TECNICA

BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGRAMMI DI ATTIVAZIONE E DI ATTUAZIONE DI AGENDE 21 LOCALI Anno 2007 DESCRIZIONE TECNICA Modulo B BANDO PER IL COFINANZIAMENTO DI PROGRAMMI DI ATTIVAZIONE E DI ATTUAZIONE DI AGENDE 21 LOCALI Anno 2007 PROGETTO REBIR RISPARMIO ENERGETICO, BIOEDILIZIA, RIUSO ENTE proponente PROVINCIA DI LUCCA

Dettagli

PIANO D AZIONE PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI CONSUMI NEL SETTORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

PIANO D AZIONE PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI CONSUMI NEL SETTORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Ministero dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare PIANO D AZIONE PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI CONSUMI NEL SETTORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (OVVERO PIANO NAZIONALE D AZIONE SUL

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia

Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia Carta programmatica dell Associazione Medici per l'ambiente ISDE Italia (affiliata all International Society of Doctors for the Environment, in rapporto consultivo con l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI

PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI G. Noci e E. Pizzurno I N D I C E 1. LA RILEVANZA DELLA PROBLEMATICA AMBIENTALE 246 2. LE OPZIONI STRATEGICHE A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE 247 3. IL PROCESSO

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile

Più intelligenti e più ecologici. Consumare e produrre in maniera sostenibile Più intelligenti e più ecologici Consumare e produrre in maniera sostenibile 1 Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea.

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana.

Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana. Un nuovo paradigma energetico quale driver nei processi di rigenerazione urbana. Da sempre, le città sono soggette a processi di adattamento/rinnovamento conseguenti al degrado fisico ed ambientale di

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Life 02 ENV/IT/000023. Provincia di Cremona Settore Ambiente

Life 02 ENV/IT/000023. Provincia di Cremona Settore Ambiente Life 02 ENV/IT/000023 Provincia di Cremona Settore Ambiente a cura di: Provincia di Cremona Settore Ambiente Via Dante, 134-26100 Cremona Tel. 0372-406672 Fax 0372-406461 agenda21@provincia.cremona.it

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli