Tecnologia ed evoluzione della cultura organizzativa Una sfida da cogliere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnologia ed evoluzione della cultura organizzativa Una sfida da cogliere"

Transcript

1 Tecnologia ed evoluzione della cultura organizzativa Una sfida da cogliere di Chiara Lupi Supply chain inventory management. Affrontiamo un tema di attualità, focalizzandoci nel settore alimentare, in un momento in cui i cicli economici si accorciano, la volatilità è alta e la necessità di fare chiarezza sulle potenzialità degli strumenti tecnologici a supporto è elevata. Ci siamo trovati con Simone Carotenuto, Direttore di Stabilimento Althea, Mirko Menecali, Responsabile Service Line Supply Chain Sinfo One, Roberto Pinto, Responsabile della ricerca in area Supply Chain Management CELS: Centro di Ricerca sulla Logistica e sui Servizi Post-Vendita, Università degli Studi di Bergamo e Paolo Ziliani, Responsabile Supply Chain Fruttagel. Althea produce sughi, condimenti per insalate e maionesi. Produce l 85% conto terzi e il restante con marchio proprio. Di questo 85% il 90% è destinato ai mercati esteri. Una complessità enorme, in cui quasi il 100% dei clienti è costituito dalla GDO. Fruttagel è un azienda cooperativa che produce succhi di frutta, conserve di pomodoro e ortaggi surgelati, trasformando annualmente circa ton di frutta, ton di pomodoro e ton di altri prodotti orticoli. Per tenere sotto controllo il capitale circolante è fondamentale gestire le ricongiunzioni delle campagne: in funzione delle eccedenze e delle mancanze attese da ciascuna campagna occorre decidere, al momento opportuno, le quantità di semilavorato da vendere (in quanto eccedenti rispetto ai fabbisogni di confezionamento) e quelle da acquistare (a causa di prodotto fresco mancante). La produzione è in prevalenza a marchio dei clienti ed è destinata per la maggior parte alla GDO e in misura minore ai canali Food Service ed Ho.Re.Ca. I punti cardine Quando parliamo di Supply Chain Inventory Management spiega Roberto Pinto affrontiamo un tema più ampio rispetto alla sola gestione delle scorte. Tra i molti aspetti, è interessante puntare l attenzione su alcuni dei temi più caldi: la previsione della domanda, la visibilità di filiera, il razionamento della capacità e la gestione del rischio. Partiamo dalla previsione della domanda (o forecasting), 20 - Sistemi&Impresa N.8 - novembre/dicembre 2010

2 componente fondamentale per la pianificazione. Essa infatti permette di affrontare diversi quesiti manageriali: come gestire le scorte e il dimensionamento dei lotti di acquisto e produzione? Quanto materiale tenere a magazzino? Come l informazione fornita dal forecasting influisce sulla gestione delle scorte e sul rapporto con clienti e fornitori? Come stimolare la domanda di prodotto (ad esempio, tramite politiche di pricing e promozione)? Al giorno d oggi, basare la pianificazione partendo dal budget annuale non è tra le metodologie più affidabili; a questo proposito le attività di forecasting devono aiutare ad anticipare gli eventi sia nel medio-lungo periodo che nell operatività del day-by-day. Il secondo punto caldo riguarda la visibilità di filiera sia a monte che a valle, che ci consente di avere maggiori informazioni sullo stato delle scorte di clienti e fornitori, presupposto basilare all instaurazione di approcci gestionali più evoluti di stampo collaborativo. La visibilità presuppone la condivisione delle informazioni, fattore non del tutto scontato visto che, storicamente, l attitudine alla condivisione da parte delle aziende è piuttosto bassa. Questo fatto inevitabilmente incide sulla difficoltà di pianificazione e gestione delle scorte. Terzo tema riguarda il razionamento della capacità. Come distribuire la capacità o la produzione a fronte di una domanda da parte di più clienti in modo da massimizzare le performance economiche e finanziarie? Un esteso filone di ricerca analizza il problema anche perché, nel caso esistano materiali da destinare a marchi diversi, è importante valutare opzioni alternative di comportamento. Infine, la gestione del rischio, intesa come l insieme di attività volte al governo di quelle situazioni possibili ma difficilmente prevedibili che potrebbero portare ad un interruzione dei flussi sia fisici che economici: una casistica molto varia che va dal rischio di fornitura (incluso il rischio di fallimento di un fornitore) al rischio di problemi legati ai clienti e al mercato in generale. Tutti questi aspetti (e altri ad essi collegati) rientrano nell ambito del macro-processo di Sales & Operations Planning (S&OP), che gioca un ruolo cardine nel governo delle attività di un azienda. Un approccio strutturato alla gestione del rischio Menecali approfondisce il tema della gestione del rischio. Difficile trovare l algoritmo magico dice, è necessario adottare un approccio strutturato. Quali sono i principali rischi da affrontare in ambito di supply chain inventory management? Si tende a soddisfare il cliente che arriva prima e questo costringe le operations a inseguire le urgenze. Con Roberto Pinto Responsabile della ricerca in area Supply Chain Management - CELS quale impatto? Si diminuisce l efficienza della catena del valore. La soluzione potrebbe essere quella di adottare un approccio strutturato al problema, impostare un processo di previsione della domanda e pianificazione delle scorte valutando anche gli impatti di natura organizzativa. L importante è che le decisioni siano frutto di una visione d insieme. In ogni passaggio della catena aggiunge Ziliani ognuno può prendersi un margine per limitare i rischi, i cosiddetti margini di sicurezza. Come sottolinea Pinto, l elemento critico è rappresentato dal processo sottostante. In questo senso l IT automatizza e sveltisce le decisioni che vengono prese sulla base di dati certi. Come detto in precedenza, i quattro punti che abbiamo introdotto sono legati nel concetto di Sales and Operation Planning, che mette in relazione l output con la domanda. Il S&OP è composto da molti sottoprocessi e l obiettivo è lavorare in un ottica di riallineamento. Ci confrontiamo con un processo organizzativo, alla fine. Simone Carotenuto ci presenta un caso concreto, con il quale si è dovuto confrontare con urgenza prima di raggiungere la nostra riunione: una richiesta straordinaria di vasi di pesto. Come risolvere? In base a quali informazioni prendere una decisione? Questa è l imprevedibilità con cui bisogna fare i conti. La volatilità non è dovuta alla crisi, anzi, la pasta e il sugo sono proprio i prodotti ai quali le famiglie rinunciano meno. Da anni l azienda mantiene scorte di semilavorato per richieste particolari. Questo ordine le esaurirebbe. Cosa fare? Ziliani sostiene che le decisioni che hanno un impatto rilevante sul capitale circolante e per le quali è fondamentale coordinare la gestione del rischio devono essere condivise tra le funzioni aziendali. Un esempio significativo in Fruttagel riguarda la prenotazione degli ettari di terreno, presso i Soci conferenti, da destinare ad una particolare coltura: in riferimento alle previsioni commerciali, alle rimanenze ed alle rese storiche (ton per ettaro) la funzione Agronimica, la Produzione e la Supply Chain devono condividere con la Direzione le valutazioni per arrivare alla decisione. Il processo sottostante Pinto sottolinea l importanza di definire in modo chiaro il processo che sta dietro a queste decisioni. L IT permette di automatizzare e velocizzare i processi, al fine di prendere decisioni su basi condivise ben costruite secondo un iter strutturato. Avere una piattaforma con uno strumento che ci abilita a prendere le decisioni, all interno dei quattro punti citati che rientrano nel S&OP, valutando non solo gli obiettivi di efficienza, ma magari anche guardando i bilanci, il magazzino, Sistemi&Impresa N.8 - novembre/dicembre

3 il servizio ai clienti è un esigenza sempre più sentita. Il processo di S&OP è in realtà composto da molti sottoprocessi, ma l obiettivo è raggiungere più obiettivi coordinando al meglio, con riunioni periodiche di riallineamento, facendo replanning, rescheduling e per questo il sistema informativo è fondamentale. L IT è un abilitatore più che una soluzione in sé. Certo conferma Ziliani, l IT aiuta, ma ci deve essere un processo organizzativo sottostante. Simone Carotenuto riporta la propria esperienza: Quando sono arrivato in Althea, la pianificazione la faceva l ufficio commerciale sulla base del budget semestrale. Ho creato un ufficio supply chain che non rispondesse più alla funzione commerciale, ma fosse il contradditorio del commerciale e ogni mese, durante lo stock meeting, si è iniziato a parlare di pianificazione. La pianificazione giornaliera la elaboro io, cercando anche di ottimizzare la produzione, mentre abbiamo una persona dedicata alla pianificazione di medio periodo degli stabilimenti, che in base a previsioni di vendita annuali, predispone una pianificazione rolling su 13 settimane con un mese bloccato. Insomma, adesso siamo strutturati meglio. Tutto questo è gestito con Excel, ma sono alla ricerca di un programma dedicato alla pianificazione della produzione, anche se poi non credo esista un programma che risolva tutti i problemi legati alla pianificazione, che consideri tutte le variabili in gioco. La soluzione di quanto successo stamattina (l ordinazione di 350 mila vasetti di pesto fuori campagna) non credo avrebbe trovato risposta in un software. Abbiamo sconvolto talmente tanti vincoli, che non credo un programma mi avrebbe fornito soluzioni effettivamente percorribili. Il ruolo del sistema interviene Pinto non è tanto (o solo) risolvere il problema, quanto piuttosto permettere di fare intelligence, analisi what-if, costruire e valutare scenari possibili. Personalmente, al momento attuale, nemmeno io credo all efficacia del paradigma del software onnisciente e pensante, dove basta cliccare un bottone per risolvere un problema. La decisione è ancora nella testa delle persone, le quali però possono essere supportate ed aiutate nel processo di valutazione delle alternative. In questo senso l IT è un abilitatore, un elemento che permette di raggiungere livelli di prestazione migliori. Il ruolo della tecnologia Abilitare i processi e renderli meno costosi. Aumentare la quantità di dati che si riescono a trattare e gestire. E, quindi, decidere meglio. Prendere decisioni anche in funzione Paolo Ziliani Responsabile Supply Chain Fruttagel Simone Carotenuto Direttore di Stabilimento Althea delle inefficienze legate ai costi. Valutare gli impatti in termini di costo, che è l unico elemento oggettivo e trasversale. Le soluzioni non sono mai solo tecnologiche interviene Menecali. Rispetto al S&OP la soluzione è organizzativa, di processo e tecnologica. Le tre cose vanno di pari passo. Certo, non esiste lo strumento che risolve tutto. Quale il ruolo delle tecnologie in questo caso? Excel è un ottimo strumento di analisi, ma sul mercato esistono molti software che ci aiutano su tutti i fronti: quello della raccolta dei dati e la loro analisi, che è un elemento essenziale per prendere decisioni; altro aspetto riguarda la capacità di far collaborare gli attori e, per questo, non si può prescindere dalla tecnologia. Rispetto al caso citato da Carotenuto, come avrebbe potuto aiutare la tecnologia? Stamattina argomenta Menecali il collega avrà analizzato uno o due scenari, per ovvi motivi. Probabilmente con un sistema più strutturato si sarebbero potuti valutare più scenari. Se ogni volta capita una situazione analoga invece di due scenari se ne possono valutare quattro, ci sono il doppio di probabilità di evitare errori. I software moderni facilitano la simulazione e rendono disponibile la valutazione di più scenari. Certo, in tutto questo, l uomo è ancora insostituibile. Ziliani ci racconta la propria esperienza quando, arrivato in Fruttagel nel 2008, nell azienda pianificazione operativa e budget non erano correlati. Le previsioni di vendita erano gestite dall Ufficio Pianificazione con un contributo limitato da parte dell Ufficio Commerciale. Ci si basava molto sullo storico e la prospettiva previsionale non superava i 12 mesi. L altro aspetto interessante era che l MPS (Master Production Schedule) veniva elaborato una volta al mese. Il processo di gestione delle previsioni e pianificazione in generale doveva essere migliorato; la mia proposta è stata quella di trasferire per prima cosa la responsabilità delle previsioni all ufficio commerciale. Sono in seguito state individuate le persone giuste nell area commerciale che si sono occupate di questo. Dopodiché ci si è posti il problema di rinnovare il processo di programmazione della produzione. Stiamo utilizzando in questo momento uno strumento JD Edwards e lo strumento si è rivelato importante per decidere in maniera rapida. Siamo passati da annullamenti sull ordinato con una media intorno al 3% nel 2008 ad una valore medio degli ultimi 12 mesi inferiore all 1%. Nel processo attuale l elaborazione MPS-MRP avviene due volte a settimana e consente di ottenere sia una qualificazione delle scorte sia una mag Sistemi&Impresa N.8 - novembre/dicembre 2010

4 giore flessibilità e reattività rispetto alla domanda. Per i confezionamenti dei prodotti caldi (succhi di frutta e pomodoro) si gestisce un piano di 5 settimane rolling. Il confezionamento dei prodotti surgelati è soggetto a minori vincoli produttivi ed è gestito con piani quindicinali. Per i Surgelati l aumento del livello di servizio è anche da ricondurre alla distinzione introdotta tra prodotti confezionati in modalità Make tu Stock e prodotti confezionati in modalità Make to Order. del Caldo, si fanno valutazioni di scenario. La valutazione dell adeguatezza della capacità produttiva si fa formato per formato considerando i possibili vincoli di produzione. I lotti di produzione vengono ridefiniti periodicamente. Il ruolo della tecnologia è certamente fondamentale per aiutare a valutare la capacità produttiva, condividere le informazioni, definire e gestire previsioni di vendita e supportare adeguatamente un processo articolato di pianificazione della produzione e degli approvvigionamenti. Tecnologia e organizzazione Come si interviene nell impianto organizzativo? Come la tecnologia ci aiuta a prendere decisioni? Come si può inserire la tecnologia nell impianto organizzativo? La tecnologia abilita il reperimento e l elaborazione dell informazione. Oggi è possibile formulare e analizzare diversi scenari in tempi più brevi e contemplando maggiori elementi rispetto al passato. Anche sulla base dei vincoli che esistono: vincoli sul packaging e sul lotto minimo d acquisto e di produzione sono solo due dei tanti vincoli che caratterizzano il settore food. Bisogna distinguere cosa è un obiettivo e cosa è un vincolo. Tenersi un cliente non sempre è un vincolo. Poter valutare un operazione anche con l unico confronto del prezzo è importante. La capacità simulativa è certamente interessante. La complessità da gestire è elevata prosegue Menecali. Prima di parlare della tecnologia vorrei fare un passo indietro sul processo di pianificazione che sappiamo tutti essere un processo di ottimizzazione che va per approssimazioni successive. Oggi abbiamo affrontato temi complessi, vincoli di formato, rischi di esposizione finanziaria, collaborazione con GDO. Un approccio strutturato impone di risolvere i problemi al giusto livello di analisi e di dettaglio, non tutti i vincoli possono essere risolti contemporaneamente, questo appunto perché si deve lavorare per approssimazioni successive che coinvolgono uomini e tecnologie. Al livello più alto, che è quello del S&OP, si possono risolvere alcuni problemi e alcuni vincoli (livello medio delle scorte, livello di servizio obiettivo, capacità produttiva necessaria), non certo quelli più di dettaglio, come i cambi di formato. Un processo strutturato porta alla condivisione di un piano unico e si evitano incongruenze. Certo, il tutto deve essere supportato da un organizzazione sottostante. Ziliani sottolinea come i vincoli reali e dettagliati non siano sempre completamente individuabili e prevedibili e quindi tali vincoli possono difficilmente essere codificati in un sistema informatico. Ogni mese, soprattutto nell area Mirco Menecali Responsabile Service Line Supply Chain Sinfo One Il ritorno dell investimento Esiste un sistema per calcolare il ROI? A volte, ci fa riflettere Roberto Pinto, l It invece di ridurre il fabbisogno di persone, potrebbe paradossalmente portare a incrementarlo, poiché è necessario poter contare su una professionalità dedicata allo sfruttamento delle potenzialità delle nuove tecnologie. La valutazione che si è chiamati a fare è se i costi del personale trovano una compensazione nelle attività di intelligence che il sistema consente. Il calcolo del ROI afferma Pinto è in ogni caso piuttosto semplice, perché va strutturato un progetto inquadrato in un cambio progettuale e l implementazione di un processo di demand planning agisce in modo abbastanza predeterminato. Inoltre, attraverso metriche di forecast accuracy, è possibile misurare tutti gli aspetti che si possono migliorare. E strutturare un processo di cambiamento organizzativo. L attenzione alla forecast accuracy ha un impatto sulla diminuzione delle scorte. Per migliorare la forecast accuracy sottolinea Ziliani abbiamo rivisto il processo di Demand Planning introducendo il sistema Board. L Ufficio Commerciale può così disporre in modo rapido ed efficace di tutte le informazioni necessarie alla gestione delle previsioni (venduto dell anno precedente, ultima previsione approvata, spedito recente, quantità impegnate, attività promozionali, ecc ). Il nuovo sistema di Demand Planning, essendo basato su uno strumento nato per la Business Intelligence, ci consente di misurare in modo efficace la forecast accuracy e di definire altre utili analisi (come ad esempio i confronti tra budget e spedito a livello di cliente). Il demand planning argomenta Menecali può essere value based, cioè pagato in base ai risultati attesi. Statisticamente parlando, dove il processo di demand planning è stato implementato, si possono vantare dei miglioramenti. Il processo di trasformazione impatta su progetti, organizzazione e tecnologie: le leve sono tre e bisogna agire su tutte queste. Ridurre lo stoccaggio è già un grande vantaggio. Il progetto Sistemi&Impresa N.8 - novembre/dicembre

5 Da sinistra: Paolo Ziliani, Mirco Menecali, Roberto Pinto e Simone Carotenuto è comunque costoso ma sicuramente efficace. La tecnologia non è un vincolo quando funziona, è un elemento abilitatore ma l organizzazione nella pianificazione è fondamentale. E, prescindere dagli aspetti organizzativi, non è possibile. Carotenuto introduce anche un altro tema: Per gli impatti organizzativi sostiene è fondamentale il commitment; l implementazione di un processo deve passare attraverso varie fasi, lo strumento deve essere funzionale a un obiettivo e, in larga misura, dipende dalle persone. Attuare un processo di trasformazione conferma Menecali non è banale, proprio perché il processo su cui si lavora (quello della pianificazione) è un processo di supporto decisionale e il rapporto uomo-tecnologia deve essere stringente. La metodologia di implementazione è un fattore competitivo tanto quanto la qualità della tecnologia che si implementa. Il progetto di trasformazione diventa vitale per ottenere un risultato ma è fondamentale adottare tutte quelle tecniche di change management per ottenere il commitment degli attori che saranno coinvolti nel nuovo processo. Le metodologie di implementazione diventano un fattore abilitante. In questi progetti di trasformazione è molto importante il valore del consulente e di chi supporta il cambiamento di questi processi. Ziliani ha aggiunto: Il Master Production Schedule di Fruttagel, viene elaborato sulla base delle previsioni, trascurando gli ordini cliente. Per questo motivo è fondamentale il processo di forecast netting (le previsioni devono essere rese coerenti con gli ordini già ricevuti dai clienti). Il nuovo sistema di Demand Planning ci ha permesso di definire anche un cruscotto apposito per la gestione del Forecast Netting. Si riescono anche a fare simulazioni velocemente con excel conferma Menecali ma quando si cresce e ci si cimenta con l approccio simulativo, la capacità di fare simulazioni incide sull elemento costo. Carotenuto sottolinea l importanza della valutazione strategica: capire quanto si va in rottura di stock, quanto costano le inefficienze. Se non si ha un sistema integrato che raccoglie le informazioni in un unico modo organizzato, valutare gli impatti diventa difficile. Con i moderni sistemi è più facile ricondurre tutto all unico elemento oggettivo e trasversale che è il costo. In conclusione possiamo affermare che la tecnologia, indubbiamente, ci aiuta molto. Pensiamo alla quantità di tempo che dedichiamo ad elaborare previsioni. È altrettanto indubbio che un progetto di informatizzazione deve andare di pari passo con un cambiamento organizzativo: le nuove tecnologie implementate su organizzazioni obsolete non saranno mai efficaci. E qui entra in scena il change management, il coinvolgimento delle risorse. Lo sforzo è organizzativo e di processo: fondamentale convincere l organizzazione a usare un nuovo strumento che diventa funzionale. La tecnologia deve andare di pari passo con l evoluzione della cultura organizzativa. Un progetto di demand planning, proprio perché è un progetto decisionale non è affatto banale. Un progetto di trasformazione diventa vitale per ottenere un risultato. Se non si implementa il change management, la tecnologia non sarà mai funzionale al raggiungimento degli obiettivi. E, il valore di questi strumenti, risiede nel fatto che consentono di elevare il livello culturale delle organizzazioni ristrutturando gli assetti organizzativi. Con vantaggi economici a cascata Sistemi&Impresa N.8 - novembre/dicembre 2010

Previsioni di vendita e pianificazione: leve per migliorare il livello di servizio. Bologna, 26 settembre 2013

Previsioni di vendita e pianificazione: leve per migliorare il livello di servizio. Bologna, 26 settembre 2013 Previsioni di vendita e pianificazione: leve per migliorare il livello di servizio Bologna, 26 settembre 2013 AGENDA Fruttagel Il percorso di revisione dei processi Il progetto Demand Planning Risultati

Dettagli

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: High Performance Supply Chain dal 1991 Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte prestazioni e per un'efficace pianificazione della produzione Sede principale a Trieste. Filiali a Milano,

Dettagli

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda

Si Fides R7. Il top della tecnologia. Su misura per la tua azienda. Una metodologia consolidata. Un ERP completo per gestire tutta la tua azienda Si Fides R7 Si Fides è un extended ERP realizzato interamente da Sinfo One. Si Fides nasce dalla conoscenza e dal monitoraggio dei processi dei nostri clienti e con i quali interagiamo in maniera proattiva.

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Opportunità per le PMI per ottimizzare la gestione della filiera logistico

Dettagli

La gestione delle informazioni eccellente

La gestione delle informazioni eccellente La gestione delle informazioni eccellente Le fasi del processo decisionale, gli orizzonti di pianificazione, la verifica del budget nell organizzazione interna e nel rapporto con i fornitori La gestione

Dettagli

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991

Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Cybertec: high performance Supply Chain dal 1991 Fondata dall'ing. Kirchner nel 1991 Sede principale a Trieste. Filiali a Milano, Bologna, Padova e Udine Fornisce soluzioni per una Supply Chain ad alte

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 6 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 6 Modulo 6 Integrare verso l alto e supportare Managers e Dirigenti nell Impresa: Decisioni più informate; Decisioni

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP integrata CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è un ERP innovativo, flessibile

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti

Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Come gestire supply chain complesse nel mondo del fashion: prassi adottate e risultati conseguiti Raffaele Secchi Operations & Technology Management Unit Agenda Il progetto di ricerca Fashion e SCM: gli

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA

PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA PROPOSTA FORMATIVA AREA SUPPLY CHAIN - LOGISTICA Chi conosce la storia del Mago di Oz, ricorderà perfettamente che il Mago non regala nulla che i bizzarri personaggi non abbiano già in sé. Nel corso delle

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN GESTIONE E OTTIMIZZAZIONE DEI TRASPORTI www.mip.polimi.it/scm/trasporti OBIETTIVI Fornire un quadro d insieme delle

Dettagli

ACCELERARE LO SVILUPPO

ACCELERARE LO SVILUPPO ACCELERARE LO SVILUPPO Metodi e strumenti operativi per il sostegno e lo sviluppo d impresa Novembre - Dicembre 2012 Il percorso si pone l obiettivo di fornire una formazione tecnica di alto livello, di

Dettagli

In momenti di incertezza e di instabilità

In momenti di incertezza e di instabilità LA GESTIONE DELLA TESORERIA ALLA LUCE DELLA CRISI DEI MERCATI FINANZIARI In momenti di incertezza e di instabilità finanziaria il governo dei flussi di tesoreria assume una notevole importanza all interno

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI

Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Microsoft Dynamics NAV 2009 REALIZZARE GLI OBIETTIVI Una soluzione ERP ALL AVANGUARDIA CONNETTERE Microsoft Dynamics NAV 2009 SEMPLIFICARE ANALIZZARE Microsoft Dynamics NAV 2009 è una soluzione di gestione

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

MANUFACTURING MANUFACTURING

MANUFACTURING MANUFACTURING MANUFACTURING MANUFACTURING 1 CRM Produzione Pianificazione EDI /RADIO Business Intelligence Demand Forecasting Ottimizzazione Approvvigionamento CMMS Finanza GESTIONE PROGETTO Assistenza Post-Vendita

Dettagli

Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità

Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità Pianificare il successo «programmando» la produzione: fasi e criticità di Alberto Stancari Consulente Senior Mondaini Partners Srl - Dimensione Consulting Un processo di pianificazione della produzione

Dettagli

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G

STOCK CUTTER. Previsioni. della domanda. Pianificazione delle scorte. Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Previsioni della domanda Pianificazione delle scorte Programmazione ordini a fornitori LOGISTIC C O N S U L T I N G Lo scenario nel quale le aziende si trovano oggi ad operare è spesso caratterizzato da

Dettagli

1. Il Mercato di riferimento

1. Il Mercato di riferimento IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELLA DOMANDA I risultati della filiera Farmaceutica e il caso GlaxoSmithKline Riccardo Bottura (Supply Chain Director) Andrea Giarola (Head Demand & Distribution) 1. Il Mercato

Dettagli

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail

Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Gruppo Fratelli Pietrini S.p.a - Scarpamondo. Utilizzata con concessione dell autore. Gestione completa della distribuzione ai punti vendita attraverso la soluzione SAP Retail Partner Nome dell azienda

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO GRADUATE SCHOOL OF BUSINESS

POLITECNICO DI MILANO GRADUATE SCHOOL OF BUSINESS POLITECNICO DI MILANO GRADUATE SCHOOL OF BUSINESS Operations & Supply Chain management CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT CALENDARIO

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

sfide del ventunesimo Secolo

sfide del ventunesimo Secolo 21 Century Finance Survey Ottimizzare i le potenzialità, garantire i risultati. ti Il CFO di fronte alle sfide del ventunesimo Secolo Copyright 2013 - Business International È vietata la riproduzione,

Dettagli

Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale

Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale Innovazione in produzione e logistica nell era dell economia digitale Andrea Sianesi 17 maggio 2010 L innovazione ICT, una leva strategica per la competitività del sistema Italia I benefici della banda

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni

SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE. Definizione, classificazioni SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? Esistono diverse prospettive tecnica, organizzativa, della comunicazione e quindi

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

Specialisti della Supply Chain

Specialisti della Supply Chain Specialisti della Supply Chain Link Management Srl Via S. Francesco, 32-35010 Limena (PD) Tel. 049 8848336 - Fax 049 8843546 www.linkmanagement.it - info@linkmanagement.it Analisi dei Processi Decisionali

Dettagli

Il contesto di business BICOCCA IMPRESE

Il contesto di business BICOCCA IMPRESE BICOCCA IMPRESE Demand e Supply Chain Management: Le iniziative e gli strumenti più efficaci per capire e sfruttare le evoluzioni della domanda e ridurre i costi ed i tempi logistici e produttivi Tecnologie

Dettagli

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com

roj X Soluzione SCM Experience the Innovation www.solgenia.com roj X Soluzione SCM www.solgenia.com Experience the Innovation OBIET T IVO: catena del valore www.solgenia.com Experience the Innovation 2 Proj è la soluzione Solgenia in ambito ERP e SCM per l ottimizzazione

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB

LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB LA GESTIONE DELLA CATENA DI FORNITURA DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO BRISTOL MAYER SQUIBB Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 L organizzazione della logistica B.M.S.: Nel caso di specie si

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN

GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN OPERATIONS & SUPPLY CHAIN CORSI BREVI IN GESTIONE DEGLI ACQUISTI E DELLA SUPPLY CHAIN EXECUTIVE OPEN PROGRAMS La Divisione Executive Open Programs di MIP disegna ed eroga Programmi a catalogo, ovvero percorsi

Dettagli

Corporate profile. Controllo di Gestione e Organizzazione Aziendale

Corporate profile. Controllo di Gestione e Organizzazione Aziendale Le informazioni contenute in questo documento sono di proprietà di MESA s.r.l. e del destinatario del documento. Tali informazioni sono strettamente legate ai commenti orali che le hanno accompagnate,

Dettagli

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI

Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI Tecnologie dell informatica per l azienda SISTEMA INFORMATIVO E SISTEMA INFORMATICO NEI PROCESSI AZIENDALI IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE Un azienda è caratterizzata da: 1. Persone legate tra loro da

Dettagli

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it

La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego. alessandro.perego@polimi.it La logistica e lo sviluppo economico: risorse umane Alessandro Perego alessandro.perego@polimi.it Milano, Matching 2009, 23 Novembre 2009 Non-solo-distribuzione La logistica non è solo distribuzione fisica

Dettagli

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE

GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE GESTIONE MAGAZZINO E SCORTE Nozioni di base In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 1 La logistica aziendale Qualsiasi impresa

Dettagli

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Il Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) è uno approccio di gestione a disposizione delle imprese che ha lo scopo di

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 4 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 4 Modulo 4 Il Sistema Informativo per la gestione della catena di fornitura: Supply Chain Management; Extended

Dettagli

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi

Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1. 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi Indice Prefazione Premessa Introduzione XI XV XIX Parte I Strategie di Supply Chain Management, Processi e Prestazioni 1 1 Supply Chain Management: definizioni e concetti introduttivi 5 1.1 L evoluzione

Dettagli

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato

DEMAND PLANNING. AREA Production Planning. Modulo Avanzato DEMAND PLANNING AREA Production Planning Modulo Avanzato DEMAND PLANNING Il corso Demand Planning ha l obiettivo di fornire un quadro completo degli elementi che concorrono alla definizione di un corretto

Dettagli

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11

INDICE. Prefazione alla seconda edizione 9. Prefazione alla prima edizione 11 INDICE Prefazione alla seconda edizione 9 Prefazione alla prima edizione 11 Mappatura, analisi e ottimizzazione dei processi 15 1. Il miglioramento dei processi aziendali 15 1.1. Il Business Process Modelling

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1

Corso di Automazione Industriale 1. Capitolo 1 Simona Sacone - DIST Corso di Automazione Industriale 1 Capitolo 1 Livelli decisionali nei processi produttivi Simona Sacone - DIST 2 Introduzione Marketing Livello strategico Design Ufficio commerciale

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto

Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Migliorare le prestazioni delle PMI collaborando con clienti e fornitori Sviluppo di nuove abilità e strumenti ICT di supporto Sistemi avanzati per la gestione della supply chain: i sistemi advanced planning

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

Demand Planning Segmentation

Demand Planning Segmentation Introduzione Come abbiamo avuto modo di rilevare più volte, una buona pianificazione della domanda è una condizione assolutamente necessaria non solo per essere in grado di servire efficacemente quella

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

Il benchmark sulla Supply Chain in Italia

Il benchmark sulla Supply Chain in Italia Il benchmark sulla Supply Chain in Italia Glossario 1 Advanced Planning System (APS) Gli APS sono motori di pianificazione (software) molto potenti che consentono elevate prestazioni al processo di pianificazione

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management MISURE DI COMMESSA E MISURE DI SISTEMA COSTRUIRE UN PONTE TRA IL SINGOLO PROGETTO E GLI OBIETTIVI AZIENDALI di Sara Baroni Produzione e logistica >> Sistemi di management IL RUOLO DEL SISTEMA DI MISURA

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli

SG Soluzioni Logistiche. SG Soluzioni Logistiche

SG Soluzioni Logistiche. SG Soluzioni Logistiche SG Soluzioni Logistiche SG Soluzioni Logistiche Information CommunicationTechnology elemento strategico per il consolidamento Information del vantaggio competitivo CommunicationTechnology elemento strategico

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Informatica, Gestionale e dell Automazione SUPPLY CHAIN MANAGEMENT STRATEGY AND LOGISTIC NETWORK relators: Marcello

Dettagli

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche.

Business Intelligence Revorg. Roadmap. Revorg Business Intelligence. trasforma i dati operativi quotidiani in informazioni strategiche. soluzioni di business intelligence Revorg Business Intelligence Utilizza al meglio i dati aziendali per le tue decisioni di business Business Intelligence Revorg Roadmap Definizione degli obiettivi di

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Il magazzino e le scorte

Il magazzino e le scorte Albez edutainment production Il magazzino e le scorte Classe IV ITC In questo modulo: La logistica aziendale Il magazzino Le scorte di magazzino La logistica integrata e la supply chain 2 La logistica

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Le soluzioni Axioma per l'industria Le soluzioni di Axioma per l'industria rispondono alle esigenze di tutte le aree funzionali dell azienda industriale.

Dettagli

CASO DI STUDIO - Gerbione Spa

CASO DI STUDIO - Gerbione Spa CASO DI STUDIO - Gerbione Spa Monica lavora per la divisione di approvvigionamento e fornitura di parti e ricambi di Gerbione Spa, una multinazionale produttrice di motori, trasmissioni e frizioni per

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Supply Chain Finance: nuove opportunità di. 16 giugno g 2014

Supply Chain Finance: nuove opportunità di. 16 giugno g 2014 Supply Chain Finance: nuove opportunità di collaborazione nella filiera Prof. Stefano Ronchi, Politecnico di Milano 16 giugno g 2014 Politecnico di Milano Fondato nel 1863 Tra le migliori 10 Università

Dettagli

Automazione gestionale

Automazione gestionale ERP, MRP, SCM e CRM Automazione gestionale verticale editoria banche assicurazioni orizzontale contabilita (ordini fatture bolle) magazzino logistica (supply chain) Funzioni orizzontali (ERP) ordini vendita

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 7 5. COMPETENZE... 8 Quali competenze sono necessarie... 8 Conoscenze... 12

Dettagli

Case study. AkzoNobel: siti multipli operanti all unisono

Case study. AkzoNobel: siti multipli operanti all unisono Case study AkzoNobel: siti multipli operanti all unisono Le componenti utente configurabili di Quintiq consentono un certo grado di personalizzazione pur utilizzando un unica architettura software presso

Dettagli

SIMCO E LA SIMULAZIONE

SIMCO E LA SIMULAZIONE SIMCO E LA SIMULAZIONE: Chi non vorrebbe avere la possibilità di sperimentare il differente comportamento di tutte le alternative di progetto prima di averle realizzate, per identificare la combinazione

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

Table of Contents. Il Workforce Management e i Processi Aziendali 3 Le Applicazioni in-house 4 Come Assicurare il Successo Dell Iniziativa 4

Table of Contents. Il Workforce Management e i Processi Aziendali 3 Le Applicazioni in-house 4 Come Assicurare il Successo Dell Iniziativa 4 White Paper Come affrontare un progetto di Workforce Management, dai Processi Aziendali al Ritorno Dell Investimento L adozione di un sistema integrato di workforce management nel contact center passa

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

Guida pratica alle applicazioni Smart Process

Guida pratica alle applicazioni Smart Process Guida pratica alle applicazioni Smart Process Aprile 2014 Kemsley Design Limited www.kemsleydesign.com www.column2.com Panoramica La qualità delle interazioni con clienti e partner è vitale per il successo

Dettagli

Performance management assesment per PMI

Performance management assesment per PMI PMI assesment Performance management assesment per PMI Il performance management assesment è un processo di valutazione della gestione aziendale integrato, che coniuga una analisi della strategia e della

Dettagli

Il libro affronta le tematiche di Demand Planning secondo differenti punti di vista, fralorointegrati:

Il libro affronta le tematiche di Demand Planning secondo differenti punti di vista, fralorointegrati: Introduzione Questo volume descrive i processi di business, le metodologie gestionali di supporto ed i modelli matematici per l analisi, la previsione ed il controllo della domanda commerciale, relativa

Dettagli

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli