Le carte tematiche e l uso del GIS nel progetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le carte tematiche e l uso del GIS nel progetto"

Transcript

1 LFE11/ENV/T/ settembre 2014 seminario tecnico Le carte tematiche e l uso del G nel progetto otto-azione 1e G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON e. cervelli s. pindozzi m. rigillo l. boccia arch. elena cervelli HD

2 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON OTZONE DEL LVORO: 1. G inventory 2. -D come supporto alle decisioni 2. D T arch. elena cervelli HD

3 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1. G inventory ottoazione 1e 1. Raccolta dati 2.Elaborazione dati 3. nalisi delle informazioni 4. redisposizione di strati/elaborati tematici ltre sotto-azioni 1. Raccolta strati predisposti dalle altre sub-azioni 2. Omogeneizzazione dei formati dei dati 2. D T arch. elena cervelli HD

4 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2. patial ultiriteria Decision nalysis (-D) come supporto alle decisioni 1. Rasterizzazione strati 2. ostruzione del criteria-tree 3. tandardizzazione dei valori 4. onderazione dei criteri 5. Elaborazione della appa di idoneità 2. D T arch. elena cervelli HD

5 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON omponenti naturali Dati climatici iogge medie annue ( ) Litosfera istema di Terre istemi di terre Tessiture () Digital Elevation odel Quote endenze drosfera Reticolo idrografico principale iosfera archi e riserve e Z ree Ramsar ed altre tipologie di aree protette intesi 1. G inventory sotto-azione 1e omponenti antropiche Noosfera usi del suolo U 2009 Noosfera coperture del suolo L06 oefficiente di ruralità oefficiente di urbanizzazione oefficiente di naturalità oefficiente di biopermeabilità Noosfera antropizzato l sistema infrastrutturale (rete stradale, rete ferroviaria, urbanizzato) oefficiente di dotazione infrastrutturale Distanze dalla rete stradale principale Regimi di tutela naturali e culturali archi e riserve regimi di tutela e Z ambiti prioritari Emergenze archeologiche storiche e culturali roblematiche ambientali Erosione Erosività delle piogge Erodibilità del suolo Fattore vegetazionale 2. D Fattore delle pratiche di controllo dell erosione Fattore topografico arta del rischio erosivo nquinamento T ree N arch. elena cervelli HD

6 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1. G inventory sotto-azione 1e TRE TOLOGE D ELORT: Territorio: ree naturali protette Territorio: Land over Territorio: Distanza dalle strade Tipologia di mappa: binaria Tipologia di mappa: categorie Tipologia di mappa: a valore progressivo OFTWRE UTLZZTO 2. D T arch. elena cervelli HD

7 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory REE NTURL ROTETTE: recupero dei dati 2. D T arch. elena cervelli HD

8 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory REE NTURL ROTETTE: recupero dei dati 2. D T arch. elena cervelli HD

9 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory REE NTURL ROTETTE: elaborazione dati RRE DT E VERFRNE LE RORET 2. D T arch. elena cervelli HD

10 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory REE NTURL ROTETTE: elaborazione dati VERFRE L TE D RFERENTO 2. D T arch. elena cervelli HD

11 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory REE NTURL ROTETTE: analisi e realizzazione della carta tematica 2. D T L OLOG arch. elena cervelli HD

12 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory REE NTURL ROTETTE: analisi e realizzazione della carta tematica OERZON TR TRT 2. D T erge arch. elena cervelli HD

13 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory REE NTURL ROTETTE: analisi e realizzazione della carta tematica OERZON TR TRT 2. D T ntersect arch. elena cervelli HD

14 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory REE NTURL ROTETTE: arta tematica (tavola binaria) 2. D T arch. elena cervelli HD

15 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory LND OVER: recupero dei dati 2. D T arch. elena cervelli HD

16 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory LND OVER: elaborazione dati RRE E LFRE DT 2. D T arch. elena cervelli HD

17 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory LND OVER: analisi e realizzazione della carta tematica OERZON FR TRT ntersect 2. D T imbology arch. elena cervelli HD

18 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory LND OVER: arta tematica (tavola per categorie) 2. D T arch. elena cervelli HD

19 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory DTNZ DLLE TRDE: recupero dei dati 2. D T arch. elena cervelli HD

20 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory DTNZ DLLE TRDE: elaborazione dati RRE DT 2. D T arch. elena cervelli HD

21 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON ELET per viabilità principale 1: G inventory DTNZ DLLE TRDE: elaborazione dati 2. D elect con Funzione or T arch. elena cervelli HD

22 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory DTNZ DLLE TRDE: elaborazione dati OERZON ZL 2. D T Euclidean distance arch. elena cervelli HD

23 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory DTNZ DLLE TRDE: elaborazione dati OERZON ZL 2. D T Extract by mask arch. elena cervelli HD

24 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory DTNZ DLLE TRDE: analisi e realizzazione della carta tematica er classi dimensionali OLOGY 2. D T rogressiva arch. elena cervelli HD

25 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory DTNZ DLLE TRDE: arta tematica (elaborazione per classi) 2. D T arch. elena cervelli HD

26 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory DTNZ DLLE TRDE: arta tematica (tavola a valore progressivo) 2. D T arch. elena cervelli HD

27 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1. G inventory da altre sotto-azioni TRT D UTLZZRE: uolo: oncentrazioni di fondo dell damantio OFTWRE UTLZZTO 2. D T arch. elena cervelli HD

28 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory oncentrazioni di fondo DNTO: caricare la carta tematica RRE E LFRE DT 2. D T arch. elena cervelli HD

29 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory oncentrazioni di fondo DNTO: omogeneizzazione del formato dei dati 2. D T arch. elena cervelli HD

30 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory oncentrazioni di fondo DNTO: arta Tematica 2. D T arch. elena cervelli HD

31 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 1: G inventory O DEGL TRT 2. D T arch. elena cervelli HD

32 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2. -D come supporto alle decisioni L pproccio ulticriteriale paziale (appartenente alla famiglia dei Decision upport ystem) ha il vantaggio di integrare: - Geographic nformation ystem-g - ulticriteria Decision nalysis-d Elaborazione dati e redazione arta delle Vocazioni rispetto all OETTVO preposto OFTWRE UTLZZTO 2. D T arch. elena cervelli HD

33 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2. -D come supporto alle decisioni L ROO ZLE ULTRTERLE, tra l altro: - Garantisce un approccio sistematico (quanto-cosa e dove) - Facilita la comunicazione tra i decisori e comunità (processo trasparente concertato e condiviso) - onsente la costruzione e comparazione di alternative progettuali - Le procedure coinvolgono le ragioni/preferenze del decisore ed il supporto di esperti - 2. D T arch. elena cervelli HD

34 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON D come supporto alle decisioni OETTVO: ndividuazione degli ambiti più idonei per il ripopolamento dell Unicornis RTOLZONE DEL LVORO: 1. Definizione dei criteri 2. Recupero degli strati necessari 3. ostruzione del riteria Tree 4. tandardizzazione dei valori 5. onderazione dei criteri 6. Redazione della arta delle Vocazioni 2. D T arch. elena cervelli HD

35 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni Definizione dei criteri OETTVO: ndividuazione degli ambiti più idonei per il ripopolamento dell Unicornis n funzione delle presenti considerazioni: 1. La specie non si adatta alle aree protette 2. Trova nutrimento all interno dei territori agricoli 3. Rimane distante dalle strade 4. l suo habitat ideale è costituito da terreni con elevate concentrazioni di damantio 2. D T arch. elena cervelli HD

36 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni Definizione dei criteri RTER DERZONE TRT NEER ree naturali protette ndividuazione delle aree protette nel territorio di riferimento Tavola binaria ree naturali protette Land cover ndividuazione delle aree ad uso agricolo Tavola Landcover Distanza strade Distinzione delle aree in funzione delle distanza dalle principali arterie stradali del territorio Tavola Distanza dalle strade 2. D damantio Distinzione delle aree in funzione delle concentrazioni di adamantio Tavola oncentrazioni di fondo dell damantio T arch. elena cervelli HD

37 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni Recupero degli strati necessari RRE GL TRT 2. D T arch. elena cervelli HD

38 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni Recupero degli strati necessari ree naturali rotette 2. D T arch. elena cervelli HD

39 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni Recupero degli strati necessari Landcover 2. D T arch. elena cervelli HD

40 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni Recupero degli strati necessari Distanza dalle strade 2. D T arch. elena cervelli HD

41 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni Recupero degli strati necessari damantio 2. D T arch. elena cervelli HD

42 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni ostruzione del riteria Tree ROLE NLY 2. D T arch. elena cervelli HD

43 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON RTOLZONE DE RTER GNFTV ingoli 2: D come supporto alle decisioni ostruzione del riteria Tree er Gruppi 2. D T arch. elena cervelli HD

44 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON RTOLZONE DE RTER GNFTV Vincoli riterio non-inclusivo 2: D come supporto alle decisioni ostruzione del riteria Tree Fattori Grado di rispondenza ed idoneità 2. D T arch. elena cervelli HD

45 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni ostruzione del riteria Tree RTER TREE 2. D T arch. elena cervelli HD

46 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni ostruzione del riteria Tree ORE GL TRT RTER 2. D T arch. elena cervelli HD

47 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni ostruzione del riteria Tree RTER TREE E TRT OT 2. D T arch. elena cervelli HD

48 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni tandardizzazione dei valori Nella fase di tandardizzazione, i valori e le classi di tutte le mappe sono convertiti in una scala comune (da 0 a 1) in cui i valori rappresentano «la misura per l apprezzamento del decisore (D) rispetto ad un particolare criterio» (harifi e Retsios, 2004) 2. D T arch. elena cervelli HD

49 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni tandardizzazione dei valori REE NTURL ROTETTE Funzione booleana 2. D T arch. elena cervelli HD

50 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni tandardizzazione dei valori REE NTURL ROTETTE Funzione booleana 2. D T arch. elena cervelli HD

51 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni tandardizzazione dei valori DTNZ DLLE TRDE Funzione lineare 2. D T arch. elena cervelli HD

52 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni tandardizzazione dei valori DTNZ DLLE TRDE Funzione lineare 2. D T arch. elena cervelli HD

53 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni tandardizzazione dei valori LNDOVER Valutazione per classi 2. D T arch. elena cervelli HD

54 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni tandardizzazione dei valori LNDOVER Valutazione per classi 2. D T arch. elena cervelli HD

55 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni tandardizzazione dei valori DNTO Valore progressivo 2. D T arch. elena cervelli HD

56 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni tandardizzazione dei valori DNTO Valore progressivo 2. D T arch. elena cervelli HD

57 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON O DEGL TRT TNDRDZZT 2: D come supporto alle decisioni tandardizzazione dei valori 2. D T arch. elena cervelli HD

58 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni onderazione dei criteri 2. D T celta del metodo arch. elena cervelli HD

59 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni onderazione dei criteri 2. D T cala di aaty arch. elena cervelli HD

60 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni onderazione dei criteri nconsistency Ratio 2. D T arch. elena cervelli HD

61 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni arta delle Vocazioni 2. D T arch. elena cervelli HD

62 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni arta delle Vocazioni 2. D T arch. elena cervelli HD

63 Le carte tematiche e l uso del G nel progetto 1e - G NVENTORY OF ENVRONENTL ONDTON 2: D come supporto alle decisioni arta delle Vocazioni 2. D T arch. elena cervelli HD

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Fantappiè M., Guaitoli F., Matranga M. G., De Meo I., Costantini E.A.C.

Fantappiè M., Guaitoli F., Matranga M. G., De Meo I., Costantini E.A.C. SOILPRO E possibile migliorare l efficienza delle amministrazioni regionali nella promozione di pratiche di conservazione del suolo attraverso l individuazione di azioni mirate ed efficaci. http://www.soilpro.eu/en/home

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto

Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto Curricolo di geografia Biennio scuola secondaria di primo grado Contenuti Obiettivi di apprendimento Attività messe in atto Gli elementi dello spazio geografico: Ambiente naturale Ambiente antropizzato

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato

2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato 2.4 Sistema di monitoraggio e indicatori di stato La VAS prevede l avvio di un sistema di monitoraggio dei caratteri territoriali. Obiettivo del monitoraggio è assicurare il controllo sugli impatti significativi

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni

PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni PROGETTO MONITOR La condivisione dei dati a supporto delle valutazioni ambientali Esperienze nei comuni Condivisione dei dati per il governo del territorio e per il monitoraggio dello stato dell ambiente

Dettagli

PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI

PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI Per creare la mappa del soleggiamento è stato utilizzato il software GRASS

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA

METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dipartimento di Studi Umanistici METODI E TECNICHE PER LA RICERCA ARCHEOLOGICA Dott.ssa Federica Fontana A.A. 2013-2014 Lezione 2 - Ricognizioni di superficie e aeree La scoperta Siti visibili, la cui

Dettagli

CONTRIBUTO DEL GIS ALL ANALISI AMBIENTALE TERRITORIALE

CONTRIBUTO DEL GIS ALL ANALISI AMBIENTALE TERRITORIALE II CONTRIBUTO DEL GIS ALL ANALISI AMBIENTALE TERRITORIALE (Emanuela Caiaffa - ENEA, Francesco Frattarelli - S.I.T. srl) Introduzione Qualunque processo di Analisi Ambientale che mira ad essere recepito

Dettagli

!"" #""$%&! #'$ " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$

! #$%&! #'$  # &%!$! ' &! &$)#$*!!# + $!# &'$!$!#$$ !"" #""$%&! #'$ % ( " # &%"!$! ' &!"" &$)#$*!"!# + $!# &'$!$"!#$"$ L anno duemilasette il giorno trenta del mese di maggio nella sala Informalavoro del Comune di Busalla, TRA Il Presidente in rappresentanza

Dettagli

Per il Piano strategico di frontiera sulla direttrice ofantina: le rete ecologica

Per il Piano strategico di frontiera sulla direttrice ofantina: le rete ecologica RETE ECOLOGICA - VISION 2020 Bozza aggiornata al 26 luglio 2005 Per il Piano strategico di frontiera sulla direttrice ofantina: le rete ecologica Il quadro d insieme Il sistema ofantino è un entità geografica

Dettagli

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO REGIONE TOSCANA REGIONE LAZIO Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO Legge 18 maggio 1989 n. 183 art. 17 comma 6 - ter, Legge 3 agosto 1998 n. 267 modificata con

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia

Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Ecologia e conservazione della Lepre in Italia Alberto Meriggi e Francesca Meriggi Dipartimento di Scienze della Terra e dell Ambiente Università di Pavia Premessa Declino generale della lepre in tutta

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO

MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO MODELLISTICA NUMERICA APPLICATA ALLA GESTIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO Laura Calcagni, Mauro Nalesso SEMINARI H2.0: ACQUA IN RETE A ROMA3 FACOLTA DI INGEGNERIA DI ROMA3, 25/03/2013 IDRAN 2012. All rights

Dettagli

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia

Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Cristiano Giorda I GIS per insegnare la geografia Le indicazioni Nazionali richiedono in tutti i gradi di scuola l inserimento dei GIS nella didattica della geografia: primo ciclo di istruzione Il raffronto

Dettagli

Valutazioni sui Programmi di Sviluppo Rurale dei giovani europei. Matteo Bartolini Presidente CEJA Consiglio Europeo dei Giovani Agricoltori

Valutazioni sui Programmi di Sviluppo Rurale dei giovani europei. Matteo Bartolini Presidente CEJA Consiglio Europeo dei Giovani Agricoltori Valutazioni sui Programmi di Sviluppo Rurale dei giovani europei Matteo Bartolini Presidente CEJA Consiglio Europeo dei Giovani Agricoltori Il consiglio europeo dei Giovani Agricoltori - CEJA Organizzazione

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

Il GIS per il monitoraggio del territorio... (Mattia Michelacci)

Il GIS per il monitoraggio del territorio... (Mattia Michelacci) Il GIS per il monitoraggio del territorio................. (Mattia Michelacci) PROGETTAZIONE DEL GIS L obiettivo di questo progetto è quello di realizzare un archivio digitale condivisibile e incrementabile

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI UFFICIO DEL PIANO EX ART. 12 L.R. 9/86 NODO PROVINCIALE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE PRESENTAZIONE BANCADATI CARTOGRAFICA E TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

La valutazione nella pianificazione

La valutazione nella pianificazione Corso di «Processi di pianificazione e processi di valutazione» a.a. 2014/15 La valutazione nella pianificazione Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch. Pietro

Dettagli

INTEGRAZIONE PAESAGGISTICA DEL PIANO DI INDIRIZZO TERRITORIALE REGIONALE

INTEGRAZIONE PAESAGGISTICA DEL PIANO DI INDIRIZZO TERRITORIALE REGIONALE INTEGRAZIONE PAESAGGISTICA DEL PIANO DI INDIRIZZO TERRITORIALE REGIONALE SINTESI NON TECNICA DEL RAPPORTO AMBIENTALE (ai sensi della l.r. 10/2010) Proponente: Direzione Generale Governo del territorio

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA

AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA AGENDA 21 Locale SAN FILIPPO DEL MELA Area tematica: AMBIENTE URBANO Indice documento 1 Area tematica ambiente urbano: individuazione delle sessioni di lavoro 3 Richiesta prime indagine a campione sul

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA. Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale"

REGIONE LOMBARDIA. Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura Infrastruttura per l'informazione Territoriale REGIONE LOMBARDIA Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale" Indirizzo Via F. Sassetti, 32/2-20124 Milano Telefono/Fax 02 67654333 / 02 67654620 E-Mail

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3. 4.1 Fognatura nera... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 3. INQUADRAMENTO INTERVENTO... 2 4. ANALISI AMBITO DI INTERVENTO D... 3 4.1 Fognatura nera... 3 4.2 Sistema di raccolta acque meteoriche aree pubbliche...

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità

Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Sergio Canobbio Il torrente Bozzente caratteristiche e criticità Gerenzano,, 27 aprile 2011 37 km, dal Parco Pineta a Rho Sorgenti: (1) torrente Antiga (2) Vari rami interni al Parco Pineta Gradaluso (separato

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

PROGETTO TRAKING SYSTEM TO WELD e altre iniziative presso Vision Device. 06 febbraio 2014

PROGETTO TRAKING SYSTEM TO WELD e altre iniziative presso Vision Device. 06 febbraio 2014 G KG YM WD e altre iniziative presso Vision Device 06 febbraio 2014 MM - ttività.1.1 linea b ü KG YM WD Controllo e guida dei processi relativi alle attività di saldatura rasferimento tecnologico olo ü

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)

GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011. Polemio M. irpi - Sede di Bari. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) GIT: Geology and Information Technology 2011 Molfetta, 14-16 giugno 2011 Il rischio idrogeologico e il contributo della ricerca Il caso della Puglia Polemio M. irpi - Sede di Bari Il Consiglio Nazionale

Dettagli

C I T TÀ D I A P R I C E N A Provincia di Foggia UFFICIO TECNICO C.so Generale Torelli n. 59-71011 - telef. 0882/646724 - fax 0882/646758

C I T TÀ D I A P R I C E N A Provincia di Foggia UFFICIO TECNICO C.so Generale Torelli n. 59-71011 - telef. 0882/646724 - fax 0882/646758 C I T TÀ D I A P R I C E N A Provincia di Foggia UFFICIO TECNICO C.so Generale Torelli n. 59-71011 - telef. 0882/646724 - fax 0882/646758 Prot. 10043 S U A P REGIONE PUGLIA Assessorato all Urbanistica

Dettagli

Il documento preliminare ha posto il seguente obiettivo generale per la Rete Ecologica provinciale:

Il documento preliminare ha posto il seguente obiettivo generale per la Rete Ecologica provinciale: RELAZIONE SULLA RETE ECOLOGICA Premessa Per la conservazione della natura in passato si è ritenuto sufficiente prevedere l istituzione di aree protette svincolate dal restante terrirorio quali isole dedicate

Dettagli

Strato 10 ad Alta Velocità

Strato 10 ad Alta Velocità General Contractor FIAT Esecutore opere civili Consorzio C.A.V.To.Mi. costituito da: Impregilo, Società Italiana Condotte d Acqua e Maire Enginnering 1) Tratta Funzionale Torino-Novara km. Da 00+000 a

Dettagli

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO Ora e sempre resilienza Interventi, pianificazione e cultura del rischio per la difesa e l autodifesa dalle alluvioni nelle aree urbane Roma 3 luglio 2015 BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

Dettagli

SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI. Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4

SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI. Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4 SARDEGNA NUOVE IDEE TAVOLO 2 NUOVE IDEE PER I PAESAGGI Cagliari 13 dicembre 2010 REPORT LABORATORIO 4 AMBITO n. 23 GALLURA COSTIERA NORD - OCCIDENTALE Comuni di Aggius, Aglientu, Badesi, Luogosanto, Tempio

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO 1 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE Area di Via Giuliano Da Sangallo Zona C 3 P di P.R.G. PROGETTO PRELIMINARE OPERE DI URBANIZZAZIONE Proprietà delle aree: COMUNE DI SANSEPOLCRO,

Dettagli

Studio di casi sul rapporto tra programmazione e pianificazione territoriale e urbanistica

Studio di casi sul rapporto tra programmazione e pianificazione territoriale e urbanistica Intesa Istituzionale di Programma Stato - Regione Piemonte Studio di casi sul rapporto tra programmazione e pianificazione territoriale e urbanistica IL TERRITORIO PRESUPPOSTO DELLE POLITICHE "L'unicità

Dettagli

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti

LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti LEPRE Il modello di gestione in uso in Emilia-Romagna: presente e prospettive Criticità, elementi di conflitto, fattori limitanti Le ultime due stagioni Il modello gestionale in uso LEPRE E ZRC Provenienza

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE (ALLEGATO ALLA DICHIARAZIONE DI SINTESI)

PIANO DI MONITORAGGIO AMBIENTALE (ALLEGATO ALLA DICHIARAZIONE DI SINTESI) IANO DI MONITOAGGIO AMBIENTALE (ALLEGATO ALLA DICHIAAZIONE DI INTEI) La direttiva 2001/42/CE all art 10 prevede che vengano monitorati gli effetti ambientali significativi dell'attuazione dei piani e dei

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

ACCORDO DI PIANIFICAZIONE TRA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA E LA PROVINCIA DI PIACENZA PER L ELABORAZIONE DELLA VARIANTE GENERALE

ACCORDO DI PIANIFICAZIONE TRA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA E LA PROVINCIA DI PIACENZA PER L ELABORAZIONE DELLA VARIANTE GENERALE ACCORDO DI PIANIFICAZIONE TRA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA E LA PROVINCIA DI PIACENZA PER L ELABORAZIONE DELLA VARIANTE GENERALE AL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (art.14 comma 7 della L.R.

Dettagli

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE. Al Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Per sapere - premesso che:

INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE. Al Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali. Per sapere - premesso che: INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE Al Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Per sapere - premesso che: l agricoltura rappresenta un settore fondamentale per lo sviluppo sostenibile,

Dettagli

inquadrare ing. elena grossi

inquadrare ing. elena grossi ing. elena grossi Assessorato Programmazione territoriale, urbanistica, reti di infrastrutture materiali e immateriali, mobilità, logistica e trasporti, D. G. Reti infrastrutturali, logistica e sistemi

Dettagli

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD

Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000. Fulvio CERFOLLI, PhD Struttura, obiettivi e strategia dei Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Fulvio CERFOLLI, PhD Che cos e un PIANO DI GESTIONE di un sito Natura 2000? E uno strumento di pianificazione del territorio

Dettagli

Il Serio: agire per tutelare

Il Serio: agire per tutelare Il Serio: agire per tutelare * 17 ottobre 2015 Bergamo a cura di ing. Merati Claudio ing. Rota Sperti Loretta STER Bergamo Perché tutelare? Risorse essenziali: funzioni Ambientale Culturale Energetica

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI I Servizi geografici del Portale Informativo Multicanale della Regione Molise I Sistemi Informativi per la Vigilanza Ambientale e la Gestione del Territorio sono stati realizzati all interno dell Accordo

Dettagli

Progetto SafeLand Sintesi dell incontro 3 1

Progetto SafeLand Sintesi dell incontro 3 1 Nocera Inferiore, 9 giugno 2011 Progetto SafeLand Sintesi dell incontro 3 1 Programma LE OPZIONI PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO SUL VERSANTE DI MONTE ALBINO 9 giugno 2011 ore 18:00, Centro Operativo Comunale

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva

Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo. Fase Conoscitiva Il Piano Urbano dei Servizi del Sottosuolo Fase Conoscitiva Quali fattori vanno analizzati La fase conoscitiva analizza: Realtà geoterritoriale (quadro strutturale) Quadro Urbano (infrastrutture, edificato,

Dettagli

INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA

INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA INTERREG INTERREG V ITALIA-FRANCIA ITALIA-FRANCIA ALCOTRA ALCOTRA 2014-2020 2014-2020 Nuove Nuove opportunità opportunità di di cooperazione cooperazione nell area nell area transfrontaliera transfrontaliera

Dettagli

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale

Eventi Estremi di Precipitazione e Criticità Geologico-Idrauliche nell Area Urbana della Capitale Marco Amanti, Domenico Berti, Mauro Lucarini & Alessandro Troccoli ISPRA Lo studio affronta le possibili relazioni tra dissesto geologico-idraulico e variazioni climatiche, attraverso un approfondimento

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria

CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA della scuola primaria CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI GEOGRAFIA al termine della classe seconda della scuola primaria...3

Dettagli

Il profilo ambientale *

Il profilo ambientale * LA VALUTAZIONE PUBBLICA Il profilo ambientale * di Francesco Karrer Nello studio dell advisor sul potenziamento dei collegamenti tra la Sicilia ed il Continente, il cosiddetto profılo ambientale è stato

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria Città di Biella Provincia di Biella Regione Piemonte PIANO PARTICOLAREGGIATO DI COMPLETAMENTO DEL COMPARTO ZONA SUD COMPRESO TRA VIA PER CANDELO E LA STRADA TROSSI U.I.2 GARDENVILLE - STRADA TROSSI 27/A,

Dettagli

Uso del suolo 2003 Documentazione. a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi

Uso del suolo 2003 Documentazione. a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi Uso del suolo 2003 Documentazione a cura di E. Campiani, S. Corticelli, M.L. Garberi, B. Guandalini, M.C. Mariani, S. Masi Edizione maggio 2011 1 Sommario Scheda riepilogativa database uso del suolo 2003...3

Dettagli

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio DB topografico multiscala a Arch. Chiara Dell Orto Sistema Informativo Territoriale Definizione del S.i.t Il Db topografico multiscala Procedure di

Dettagli

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance

Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance CONVEGNO INTERNAZIONALE DARE VALORE ALLA NATURA I Servizi ecosistemici per nutrire il pianeta venerdì 12 giugno 2015 EXPO 2015 - MILANO Il progetto LIFE+ MGN: dal Modello alla Governance Prof. GIUSEPPE

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO GIS. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People ESPERTO GIS. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA La Smart city è una città intelligente, dove la tecnologia ha un ruolo strategico nel soddisfare

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima

Programma UE LIFE 2014-2020. Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Programma UE LIFE 2014-2020 Programma per l Ambiente e l'azione per il Clima Regolamento UE n. 1293/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio dell 11 dicembre 2013 istituisce il Programma per l ambiente

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

2. La stima dei fondi rustici

2. La stima dei fondi rustici 2. La stima dei fondi rustici Per fondi rustici si intendono appezzamenti od aziende di diversa dimensione. La valutazione, detta a cancelli aperti, ha lo scopo di determinare il solo valore del capitale

Dettagli

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE

SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE SISTEMA DI ALLERTAMENTO REGIONALE ESTRATTO DELLA DIRETTIVA REGIONALE Per il testo integrale consulta la seguente pagina web http://www.cfcalabria.it/dativari/pdf/direttiva_allertamento%5b1%5d.pdf IL SISTEMA

Dettagli

Analisi ecologica territoriale

Analisi ecologica territoriale Come si distribuiscono gli ecosistemi nello spazio e come si possono delimitare? GEOGRAFIA DEGLI ECOSISTEMI ed ECOLOGIA DEL PAESAGGIO Sono tra le scienze che analizzano la distribuzione spaziale degli

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas)

ART. 1 (Disposizioni per il completamento del processo di liberalizzazione dei settori dell energia elettrica e del gas) Schema di disegno di legge recante misure per la liberalizzazione del mercato dell energia, per la razionalizzazione dell approvvigionamento, per il risparmio energetico e misure immediate per il settore

Dettagli

Anno Accademico 2011-2012. Docente: Arch. Sante FORESTA PROGRAMMA ED ESERCITAZIONE PRATICA

Anno Accademico 2011-2012. Docente: Arch. Sante FORESTA PROGRAMMA ED ESERCITAZIONE PRATICA Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Urbanistica Corso di Laurea: Primo Livello - Classe L-21 Classe delle lauree in scienze della pianificazione

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR: fra competitività e diversificazione Stella Caden Servizio Agricoltura - PAT Trento, 6 marzo 2014 Fasi principali della Programmazione

Dettagli

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE

Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE Atti parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E DAL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Dettagli

R 2 - LINEE DI INTERVENTO

R 2 - LINEE DI INTERVENTO Accordo di Pianificazione ai sensi dell art. 57 della L.R. 36/1997 tra Autorità di bacino del fiume Po Regione Liguria e Provincia di Genova R 2 - LINEE DI INTERVENTO PROGETTO Codice : 1.2/17/04 VARIANTE

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014

Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Tecniche di restauro vegetazionale nei lavori forestali della Provincia Autonoma di Trento La Plagne 13 giugno 2014 Gli interventi di ripristino vegetazionale rappresentano la fase conclusiva dei lavori

Dettagli

Ufficio provinciale di Reggio Emilia Sistema gestionale dei processi di aggiornamento. Relatore: Potito Scalzulli

Ufficio provinciale di Reggio Emilia Sistema gestionale dei processi di aggiornamento. Relatore: Potito Scalzulli Ufficio provinciale di Reggio Emilia Sistema gestionale dei processi di aggiornamento Relatore: Potito Scalzulli Agenzia del Territorio viale Regina Elena, 13/1 Reggio Emilia 23/04/2010 IL TESTO OPERATIVO

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Ravenna. PRU Darsena di città. Area progetto. Descrizione area progetto. Parte 1. Parte 4. Parte 2 Parte 3. Parte 5

Ravenna. PRU Darsena di città. Area progetto. Descrizione area progetto. Parte 1. Parte 4. Parte 2 Parte 3. Parte 5 PRU Darsena di città Area progetto Descrizione area progetto La porzione di territorio cittadino denominata Darsena di Città si stende per 136 ettari ed è attraversato dal tratto terminale del porto canale

Dettagli

Carta del Rischio di Erosione della Regione Emilia-Romagna in scala 1:250.000

Carta del Rischio di Erosione della Regione Emilia-Romagna in scala 1:250.000 Carta del Rischio di Erosione della Regione Emilia-Romagna in scala 1:250.000 Guermandi Marina Bertozzi Roberto Obiettivo Generale Supporto alla pianificazione territoriale Ausilio a livello: Regionale

Dettagli