Curriculum del Prof. Ing. Giovanni Celentano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Curriculum del Prof. Ing. Giovanni Celentano"

Transcript

1 Curriculum del Prof. Ing. Giovanni Celentano Academic position: Full Professor of Automatic Control Business Address: Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell'informazione (DIETI) Università degli Studi di Napoli Federico II, via Claudio 21, Napoli, Italy Telephone numbers: (Office) (Mob) - E nato a Vico Equense (NA) l'8/1/ Ha sette sorelle e tre fratelli. Sposato con due figli; la maggiore è ricercatore universitario (https://www.docenti.unina.it/laura.celentano), il secondo è cardiologo (http://www.centrocardiologico.it, e due cognati ingegneri, uno ex vicedirettore ed ora pensionato consulente e l atro dirigente di importanti aziende che operano a livello nazionale ed internazionale. - Durante tutti gli anni di formazione scolastica mostrò sempre un notevole interesse e bravura per le materie scientifiche che lo portarono a conseguire sempre eccellenti risultati scolastici (i voti in matematica e fisica andavano da 8/10 a 10/10). - Dopo la licenza elementare, per sostenere l esame di ammissione alla scuola media, andò per un anno intero a lezione presso il Parroco del Paese, dove trovò l altro amore, quello verso la futura moglie. - Dopo aver conseguito la licenza media si iscrisse all ITIS G. MARCONI di Torre Annunziata Indirizzo Elettrotecnica, contro la volontà del padre il quale voleva che facesse il carabiniere o si scrivesse all Istituto Tecnico Nautico. Lì incontrò un professore bravissimo di Matematica molto temuto, il prof. Vincenzo Iannone, ed un preside molto competente ed umano, Giovanni La Porta, autore di diversi libri ed ex docente universitario. Entrambi lo apprezzarono molto regalandogli anche libri scientifici universitari con dediche augurali. Il Preside gli aprì anche un libretto postale con una discreta somma per quei tempi e per le condizioni economiche della sua famiglia. In seguito si riporta la sua pagella dell a.s

2 - All Università supera (con i migliori Professori) moltissimi esami con lode tra cui: Analisi I, Geometria I, Fisica 2, Campi elettromagnetici e circuiti, Scienze delle costruzioni, Complementi di matematica, Meccanica applicata alle macchine e macchine, Tecniche di programmazione dei calcolatori elettronici. - Si laureò con lode in Ingegneria Elettronica presso la Facoltà di Ingegneria dell Università di Napoli nel 1973 (fu il miglior laureato dell anno sia per voti che per tempo impiegato, nonostante la protesta studentesca del 68). - Nel 1973 entrò a far parte del Gruppo di Automatica della Facoltà di Ingegneria dell'università Federico II di Napoli. - L attività svolta durante il primo periodo della sua carriera universitaria si può desumere dal libro CELENTANO G. (1981). Elementi Di Sintesi Diretta Dei Sistemi Multivariabili. NAPOLI: LIGUORI. - Ben presto diventò Professore Associato di Teoria dei Sistemi e nel 1985 Professore Ordinario. - E' stato Presidente del Consiglio di Corso di Laurea di Scienze dell'informazione dell'università di Salerno per il triennio 1986/89. - E' stato membro della Commissione Scientifica del Polo delle Scienze e delle Tecnologie dell'università degli Studi di Napoli. - Dal 1975 al 1990 ha svolto attività di collaborazione scientifica con l'euratom presso il NET Team del Max Planck Institut fur Plasma Phisik di Monaco (D) nel campo del controllo della fusione termonucleare. -Ha svolto attività di consulenza per la SAIPEM di Milano, la TECNOMARE di Venezia, la CMC di Como nel campo del controllo dinamico di navi speciali di lavoro, della robotica sottomarina, della stabilizzazione attiva del rollio di un mezzo navale. - Ha svolto attività di collaborazione tecnica-scientifica per il CIRA (Centro Italiano per la Ricerca Aerospaziale), l'esa, l'elasis, TILAB (Centro di ricerca TIM), MIT, vari Enti per la gestione delle 2

3 acque potabili e per il trattamento delle acque reflue, vari Cantieri navali, varie Società per la progettazione e la realizzazione di impianti di telemonitoraggio e telecontrollo, i reparti di Cardiologia della Facoltà di Medicina dell'università di Napoli Federico II e di alcune Aziende Ospedaliere della Campania, nei più svariati campi, tra cui la riduzione attiva del rumore all'interno degli aerei, la progettazione di un sistema di supervisione e controllo della più grande galleria al plasma, il progetto di un sistema di controllo di un velivolo per l'addestramento dei piloti, la modellazione di vari impianti di un autoveicolo, quali l impianto di avviamento di un motore a scoppio, l impianto frenante, l impianto di trazione elettrica, lo sviluppo di tecniche per la stima della posizione e della velocità di un cellulare, la progettazione di sistemi di monitoraggio e controllo e di telemedicina. - Ha tenuto diversi cicli di seminari e corsi di addestramento per vari enti. In particolare, ha tenuto una Plenary Lecture dal titolo "Robust Stability Bounds for Time-Varying Perturbations" all' IEEE Workshop on Robust Control via Variable Structure & Lyapunov Techniques tenutosi a Benevento nel 1994 ed un corso di Modellistica e Controllo Attivo delle Strutture Flessibili presso la Seconda Scuola Nazionale di Dottorato di Ricerca a Bertinoro nel Ha svolto un intensa ed ininterrotta attività scientifica inerente importanti temi di ricerca, quali: l'assegnazione della dinamica dei sistemi; le proprietà strutturali; la stabilità; la teoria degli osservatori; il progetto dei regolatori standard; il controllo adattativo; la modellistica ed il controllo dei robots; la modellistica ed il controllo dei plasmi termonucleari confinati magneticamente; la modellistica ed il controllo di navi da lavoro; la parametrizzazione dei controllori stabilizzanti; il controllo robusto; la modellistica, l'identificazione ed il controllo di veicoli aerospaziali; la modellistica e l'identificazione di impianti di autoveicoli; la riduzione attiva dei rumori; la stima della posizione e della velocità di cellulari; lo sviluppo di sistemi di controllo con microcontrollori embedded, la progettazione di sistemi esperti, E' il decano del gruppo di Automatica della Facoltà di Ingegneria Federico II di Napoli, che ha sede presso il DIETI in Via Claudio 21, Napoli. - E' stato il principale protagonista della nascita del nuovo corso di Laurea in Ingegneria dell'automazione. - Negli ultimi anni ha partecipato a livello progettuale e direttivo alla ristrutturazione del laboratorio di Robotica ed alla realizzazione di due nuovi laboratori: il Laboratorio di Supervisione e Controllo ed il Laboratorio di Microcontrollori Industriali Embedded, di cui è Direttore. - E' stato Responsabile Scientifico dell'unità di Ricerca del Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell'università di Napoli di diversi progetti di ricerca cofinanziati dal MIUR, quali: Controllo di Sistemi Dinamici Complessi, Metodi e Strumenti Innovativi per la Progettazione di Sistemi di Meccatronica,.... In sintesi, la sua intensa attività scientifica è stata in una prima fase prevalentemente di tipo teorico, in una seconda fase di tipo teorico-tecnologico e già da qualche anno, dopo una fase di intensa attività didattica connessa alla nascita del nuovo corso di laurea in Ingegneria dell'automazione e facendo tesoro della sua esperienza, delle potenzialità delle nuove tecnologie digitali e di nuovi validi giovani collaboratori, dopo la migrazione di quelli meno giovani verso università di nuova istituzione o verso centri di ricerca internazionali, la sua attività sta tornando ad essere prevalentemente di tipo teorico per risolvere però problemi concreti di rilevante interesse nazionale ed internazionali. Quasi tutti i risultati ottenuti su tali temi di ricerca sono stati oggetto di circa centocinquanta pubblicazioni scientifiche sulle più autorevoli riviste internazionali e/o su atti dei più importanti congressi internazionali. E' anche autore di otto libri di didattica, di cui tre in corso di stampa, di diverse dispense, di numerosissimi rapporti tecnici, di articoli divulgativi e di diversi pacchetti software per l'analisi di realtà ingegneristiche di rilevante interesse e la progettazione e la realizzazione, utilizzando le moderne tecnologie digitali, di sistemi di supervisione e controllo. Da qualche tempo sta ponendo particolare cura anche nella formazione e professionalizzazione dei laureandi, come testimoniano, a titolo esemplificativo, i seguenti lavori di tesi sviluppati negli ultimi anni sotto la sua direzione: 3

4 - Stima della posizione e della velocità di terminali radiomobili, in collaborazione con Telecom Italia s.p.a. - Stima del traffico automobilistico a partire da misure di localizzazione cellulare, in collaborazione con Telecom Italia s.p.a. - Progettazione e realizzazione di un sistema per la determinazione di mappe dinamiche, basate su segnali GSM, di flussi urbani, in collaborazione con l Associazione Tronchetti Provera ed il MIT di Boston. - Monitoraggio mediante telecamere e controllo della velocità di percorrenza di veicoli presenti su di un tronco stradale, in collaborazione con ELASIS s.p.a. - Monitoraggio satellitare e controllo da remoto di veicoli per scopi logistici o di sicurezza, in collaborazione con Merlino Servizi s.r.l. - Progettazione di un controllore per la riduzione del rollio di un imbarcazione, in collaborazione con la CMC s.r.l. - Progettazione di un sistema di visione per confezionare un prodotto medicinale, in collaborazione con la LOCCIONI s.p.a. - Progetto di un algoritmo di controllo per di un impianto frenante con ABS, in collaborazione con ELASIS s.p.a. - Sviluppo di un simulatore di un auto elettrica, in collaborazione con ELASIS s.p.a. - Sistema di regolazione dell INR mediante microcontrollore e sistema GSM, in collaborazione con la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Napoli Federico II. - Integrazione tra un sistema inerziale di navigazione ed il GPS. - Telecomando e telecontrollo mediante SMS. - Sistema di telemonitoraggio, telecomando e telecontrollo per la sicurezza della casa mediante SMS. - Realizzazione di un sistema prototipale per il controllo a livelli con microcontrollore. - Sistema di monitoraggio e telecontrollo di colture protette. - Monitoraggio e controllo di impianti domestici ed industriali mediante PIC e PLC. - Sistema prototipale per simulare e controllare scenari incendiari realistici. - Alcuni metodi grafico-numerici per agevolare l analisi di un elettrocardiogramma. - Riconoscitore dei punti caratteristici di un ECG ai fini della diagnosi basato sulla trasformata wavelet. - Gestione, automazione e controllo di impianti di depurazione di acque reflue. - Sistemi di monitoraggio e telecomando degli impianti di depurazione. - Tecniche di controllo dei motori brushless. - Sistemi di trasporto intelligenti. - Identificazione e controllo di un sistema di scansione laser. - Modello dinamico di un veicolo marino ai fini del controllo. - Progettazione e realizzazione di una scheda di controllo con microcontrollore di un motore a passo. - Progettazione e realizzazione di un controllore digitale per la fornitura di acqua calda con modalità di comando locale e remota. - Sviluppo di controllori PC-based. - Progettazione e realizzazione di un robot planare controllato mediante PCi. - Sviluppo di un linguaggio per la programmazione di un robot e sua integrazione con lo standard STEP-NC. - Evoluzione delle reti per la trasmissione di dati in tempo reale. - Sviluppo di una piattaforma informatica per la telemedicina. - Progettazione e sviluppo di un sistema esperto di supporto alle decisioni del personale medico per i pazienti affetti da ipertensione e/o da scompenso cardiaco. - Monitoraggio remoto di un ambiente domestico o industriale. - Gestione del processo di produzione e distribuzione della carta. 4

5 - Modello dinamico di una filiera commerciale di un insieme di prodotti affini. - Prototipazione Hardware di un Sistema Medicale di Telemonitoraggio e Telecontrollo. - Prototipazione Software di un Sistema Medicale di Telemonitoraggio e Telecontrollo - Realizzazione prototipale di un sistema per la stabilizzazione del rollio di una nave. - Tecniche di elaborazione di immagini ecografiche in campo medico ed industriale. - Modello FEM di un veicolo marino. - Ottimizzazione dei processi produttivi delle industrie manuatturiere. - Progettazione e realizzazione di un interfaccia grafica per un sistema domotico. Ha avuto dei rapporti di collaborazione scientifica con alcuni Enti per la formazione di vari esperti (con GORI per la gestione, il telemonitoraggio, il telecomando ed il telecontrollo, mediante sistemi ad alto contenuto tecnologico, di impianti di distribuzione delle acque potabili e di impianti di depurazione delle acque reflue, con ELASIS per la modellistica dei motori a combustione interna e per l analisi e la realizzazione di applicativi per la verifica e la validazione di un prodotto automobilistico a fine linea, con SALPA, con SIP&T. Ha avviato nuovi filoni di ricerca teorica, con ottimi risultati pubblicati su prestigiose riviste internazionali dai membri del suo gruppo, riguardanti la modellistica ed il controllo dei robot rigidi e flessibili, la progettazione di sistemi di controllo versatili, veloci, precisi e robusti per sistemi lineari e non lineari a parametri incerti, l analisi e la progettazione di sistemi positivi, la discretizzazione ed il controllo digitale dei sistemi con ritardo. Alcune pubblicazioni scientifiche più significative 1. CELENTANO G., IERVOLINO R., Global Modeling and Simulation for Analysis and Design of a Railway Vehicle, Speedam, CELENTANO G., CELENTANO L. (in fase di pubblicazione 2012). Fondamenti Di Controlli Automatici, NAPOLI: EDISES. 3. CELENTANO G., CELENTANO L. (2010). Fondamenti Di Dinamica Dei Sistemi, NAPOLI: EDISES. 4. CELENTANO G., CALABRESE F. (2009). Embedded Multi-Valued Control for Ceramic Manufacturing, IEEE Transaction on Industrial Electronic, n CELENTANO G., CALABRESE F. (2008). Multi-Valued Robust Tecnique for Uncertain Systems, 47 th IEEE Conference on Decision and Control, Cancum, Mexico. 6. CELENTANO G., CALABRESE F. (2008). Embedded Controller Implementation of a New Multi- Valued Control Law, IEEE International Symposium, Cambridge, UK. 7. ASCIONE L., CELENTANO E., IENGO R., ACCADIA M., RUMOLO S., MUTO C., CELENTANO G., TUCCILLO B. (2007). Ultrasonographic phase analysis of speckle strain signals: a new method to predict left ventricular reverse remodelling after CRT. EUROPEAN HEART JOURNAL; p , ISSN: X. 8. CELENTANO G., CALABRESE F. (2007). Design and Realization of a STEP-NC Compliant CNC Embedded Controller. 12th IEEE Conference on Emerging Technologies an Factory Automation. Patrasso (Grece). 9. CELENTANO G., R. IERVOLINO (2006). Active aircraft noise control via loudspeakers. In: Council of Scientific Information. CURRENT TOPICS IN ACOUSTICAL RESEARCH. vol. 4, p Research Trends, ISBN/ISSN: F.CALABRESE, CELENTANO G. (2005). INTEGRATION OF STRAPDOWN INERTIAL NAVIGATION SYSTEM AND GPS. In: 49 Convegno Nazionale ANIPLA. NAPOLI, Novembre, p

6 11. F.CALABRESE, CELENTANO G. (2005). Optimal Design Of Robust Control Systems With Large Band Reference Signals. In: The International Conference on Computer as a Tool EUROCON Serbia, Novembre, p CELENTANO G., R. IERVOLINO (2004). Active Noise Optimal Control For A Turboprop Aircraft. In: TRANSWORLD RESEARCH NETWORK. RECENT RESEARCH DEVELOPMENT IN SOUND AND VIBRATION. vol. 2, p Transwolrd Research Network, ISBN/ISSN: CELENTANO G., R. IERVOLINO (2004). Direct Synthesis Of Relay Control Systems. In: 12th IEEE MEDITERRANEAN CONFERENCE ON CONTROL AND AUTOMATION. KUSADASI (TR), GIUGNO 2004, p CELENTANO G., R.IERVOLINO, V.FONTANA, S.PORRECA (2004). Evaluation Of The Quality Of A Car Braking System By A Dynamic Simulator. QUALITY AND RELIABILITY ENGINEERING INTERNATIONAL, vol. 20; p , ISSN: R. IERVOLINO, CELENTANO G. (2004). Finite Valued Control Law Design. WSEAS TRANSACTIONS ON SYSTEMS, vol. 3; p , ISSN: CELENTANO G., R. IERVOLINO, V. FONTANA, S. PORRECA (2003). Car brake system modeling for longitudinal control design. In: IEEE Conference on Control Applications, Giugno IERVOLINO R, CELENTANO G., PORRECA S (2003). Una tecnica per modellare complessi sistemi elettro-meccanici interagenti. AUTOMAZIONE E STRUMENTAZIONE, vol. 3; p , ISSN: CELENTANO G., IERVOLINO R, PORRECA S (2002). A technique for complex electromechanical interacting systems modelling. In: 46 Convegno ANIPLA, Novembre CELENTANO G., IERVOLINO R. (2002). Finite-Valued Control Law Synthesis For Nonlinear Uncertain Systems. In: 15th IFAC WORLD CONGRESS. 20. F. AMATO, CELENTANO G., R. IERVOLINO, D. FRENI (2001). Modelling and experimental validation of a car starting system. In: IFAC Workshop on Advances in Automotive Control, Marzo G. AMBROSINO, CELENTANO G., M. MATTEI (2001). A Control Design Oriented Mathematical Model for the Scirocco Plasma Wind Tunnel. MATHEMATICAL AND COMPUTER MODELLING OF DYNAMICAL SYSTEMS, ISSN: CELENTANO G., SETOLA R. (1999). The Modeling Of A Flexible Beam With Piezoelectric Plates For Active Vibration Control. JOURNAL OF SOUND AND VIBRATION, ISSN: X. 23. F. AMATO, CELENTANO G., D. FRENI (1999). An "open loop" control methodology for sound reduction inside a car. In: European Control Conference. 24. CELENTANO G., SETOLA R. (1996). A Technique For Narrow-Banded Persistent- Disturbance Attenuation. In: 13 th IFAC WORLD CONGRESS. 25. F. AMATO, CELENTANO G., F. GAROFALO (1993). New sufficient conditions for the stability of slowly varying linear systems. IEEE TRANSACTIONS ON AUTOMATIC CONTROL, vol. AC-38; p , ISSN: F. GAROFALO, CELENTANO G., L. GLIELMO (1993). Stability robustness of interval matrices via Lyapunov quadratic forms. IEEE TRANSACTIONS ON AUTOMATIC CONTROL, vol. AC-38; p , ISSN: AMBROSINO G., CELENTANO G., GAROFALO F., GLIELMO L., PIRONTI A. (1992). On-Line Plasma Shape Identification Via Magnetic Measurements. IEEE TRANSACTIONS ON MAGNETICS, ISSN: CAVALLO A., CELENTANO G., DE MARIA G. (1991). Robust Stability Analysis Of Polynomials With Linearly Dependent Coefficient Perturbations. IEEE TRANSACTIONS ON AUTOMATIC CONTROL, ISSN: G. AMBROSINO, CELENTANO G., F. GAROFALO (1988). Adaptive Tracking control of industrial robots. JOURNAL OF DYNAMIC SYSTEMS, MEASUREMENT AND CONTROL, vol. 110; p , ISSN:

7 30. AMBROSINO G., CELENTANO G., GAROFALO F. (1986). Tracking Control of High Performance Robots via Stabilizing Controllers for Uncertain Systems. JOURNAL OF OPTIMIZATION THEORY AND APPLICATIONS, ISSN: AMBROSINO G., CELENTANO G., GAROFALO F. (1985). Robust Model Tracking Control for a Class of Nonlinear Plants. IEEE TRANSACTIONS ON AUTOMATIC CONTROL, ISSN: BALESTRINO A., CELENTANO G. (1984). New Techniques for the Design of Observers. IEEE TRANSACTIONS ON AUTOMATIC CONTROL, ISSN: AMBROSINO G., CELENTANO G., GAROFALO F. (1984). Optimal Controllers for Stabilization of Plasma Vertical Position in an Elongated Tokamak, 9-th IFAC WORLD CONGRESS, Budapest, Hungary, Vol. I. 34. CELENTANO G. (1983). Modal Synthesis of Multivariable Systems with Observers of Specified Order. SYSTEMS & CONTROL LETTERS, ISSN: BALESTRINO A., CELENTANO G. (1982). Teoria Dei Sistemi. NAPOLI: LIGUORI, vol. 1,2,3 36. BALESTRINO A., CELENTANO G. (1981). Dynamic Controllers in Linear Multivariable systems, AUTOMATICA Vol. 17, n CELENTANO G. (1981). Elementi Di Sintesi Diretta Dei Sistemi Multivariabili. NAPOLI: LIGUORI. 38. BALESTRINO A., CELENTANO G. (1978). Stabilization by Digital Controlloers of Multivariable linear Systems with Tile-lags, 7-th IFAC WORLD CONGRESS, Helsinki, Vol BALESTRINO A., CELENTANO G., SCIAVICCO L. (1977). Asymptotic Stability Regions for Classes of Nonlinearities, RICERCHE DI AUTOMATICA. 40. BALESTRINO A., CELENTANO G. (1976). On the Structural Properties and on the Input and Output Reducibility of Multivariable Linear Systems, RICERCHE DI AUTOMATICA. 41. BALESTRINO A., CELENTANO G., SCIAVICCO L. (1976). On Incomplete Pole Assignment in Linear Systems, SYSTEMS SCIENCE, Vol. 2, N.1. E stato docente di diversi insegnamenti (Teoria dei sistemi, Controlli automatici, Complementi di controllo, Modellistica e simulazione, Elementi di automazione, Fondamenti di sistemi dinamici, Automazione e controllo industriale, Progettazione di sistemi di controllo, Sistemi di controllo dei veicoli ferroviari, Fisica generale, ) per vari corsi di laurea di varie Università ed Enti di formazione (Federico II, Seconda Università di Napoli, Parthenope, Salerno, Benevento, ). Per quanto concerne la reperibilità e la disponibilità del Prof. Celentano nei confronti degli studenti dei suoi insegnamenti di titolarità, dai risultati della valutazione didattica dell a.a. 2011/12 emerge un punteggio di 6,46 rispetto alla media di Facoltà di 5,70 (con massimo pari a 7). Per quanto concerne, invece, il suo impegno a stimolare/motivare l interesse verso la sua disciplina emerge un punteggio di 5,89 rispetto alla media di Facoltà di 5,16 (con massimo pari a 6,89). Nel seguito si riportano le ATTIVITA DI RICERCA RECENTI del Prof. Celentano e del suo Gruppo (si veda anche 7

8 AMERICA (Automation Modeling Engineering Realization Intelligent Control Applications) RESPONSABILE: Prof. Ing. Giovanni Celentano L attività scientifica del gruppo AMERICA è stata in una prima fase prevalentemente di tipo teorico, in una seconda fase di tipo teorico-tecnologico e già da qualche anno sta tornando ad essere prevalentemente di tipo teorico per risolvere problemi concreti di rilevante interesse nazionale ed internazionale. Questa nuova linea di ricerca nasce a seguito di una fase di intensa attività didattica, connessa alla professionalizzazione del nuovo corso di laurea in Ingegneria dell Automazione ed alle riforme universitarie, e facendo tesoro della notevole esperienza del responsabile, delle potenzialità delle nuove tecnologie digitali e di validi collaboratori, dopo la migrazione di quelli meno giovani verso università di nuova istituzione o importanti centri di ricerca internazionali. Tra i principali temi di ricerca del passato vi sono: l'assegnazione della dinamica dei sistemi; le proprietà strutturali dei sistemi; la stabilità; la teoria degli osservatori; il progetto di regolatori standard; il controllo adattativo; la parametrizzazione di controllori stabilizzanti; il controllo robusto; la modellistica ed il controllo dei robots; la modellistica ed il controllo dei plasmi termonucleari confinati magneticamente; la modellistica ed il controllo di navi da lavoro; la modellistica, l identificazione ed il controllo di veicoli aerospaziali; la modellistica e l identificazione di impianti di autoveicoli; la riduzione attiva del rumore; la stima della posizione dei cellulari; lo sviluppo di sistemi di controllo con microcontrollori embedded. L attività di ricerca corrente del gruppo consiste sostanzialmente nello sviluppo di metodologie di progetto di validità generale per automatizzare prevalentemente sistemi meccanici di potenza inerenti la lavorazione, la movimentazione ed il trasporto, in modo da avere sistemi automatizzati con buone prestazioni in termini di velocità, precisione e consumi energetici, sufficientemente sicuri ed intelligenti per quanto concerne l autonomia di funzionamento, l autodiagnosi dei guasti e l interazione con le persone. Le leggi di controllo che si stanno sviluppando sono tali da garantire l inseguimento di traiettorie sufficientemente regolari (non necessariamente polinomiali) con errori e velocità di convergenza prefissati, anche in presenza di disturbi limitati e di nonlinearità e/o parametri incerti e limitati ed implementabili mediante tecnologie digitali, attuatori prevalentemente di tipo elettrico e sensori sia tradizionali che di visione. 8

9 PERSONE Prof. Giovanni Celentano, Professore Ordinario Ing. Laura Celentano, Ricercatore Ing. Raffaele Iervolino, Ricercatore Ricercatori e Professionisti di Enti ed Aziende pubbliche e/o private ATTIVITA' Modellistica e controllo robusto di sistemi lineari e non lineari di rilevante interesse ingegneristico con applicazione nel campo dei sistemi meccanici rigidi e flessibili e dei sistemi termici Referente: Ing. Laura Celentano L attività di ricerca riguarda: La progettazione di sistemi di controllo versatili, veloci, precisi e robusti per sistemi lineari e non lineari incerti, I metodi per l analisi della stabilità e per la stabilizzazione di sistemi lineari e non lineari a parametri incerti (anche MIMO ed a tempo discreto), La modellistica ed il controllo di sistemi meccanici rigidi e flessibili, Le metodologie di controllo a livelli, La modellistica ed il controllo di sistemi aeronautici, navali e strutturali, La robotica per la sicurezza e/o soccorso in ambienti pericolosi, La robotica medica. Realizzazione hardware-software di sistemi di telemonitoraggio, telecontrollo e teleassistenza in ambito industriale, ambientale, urbano e medicale Referente: Prof. Giovanni Celentano L attività di ricerca riguarda la realizzazione di sistemi di controllo prototipali, in grado di prendere decisioni e inviare comandi allo scopo di aumentare la produttività e migliorare i servizi, sviluppati secondo un architettura comprendente: alcuni processi remoti da monitorare e/o controllare (paziente a rischio; ambienti urbani e marini; colture per la produzione di fiori, frutta e verdura di qualità; sistema integrato di gestione delle acque; rete stradale; galleria stradale o ferroviaria; porto; aeroporto); una o più reti di sensori e/o attuatori; la rete Internet; le reti di telefonia fissa e mobile, per la trasmissione delle informazioni riguardanti i processi monitorati e/o controllati; una centrale operativa, che consente di elaborare i dati provenienti dalle reti di sensori. 9

10 Sistemi di controllo di impianti automobilistici, navali, aeronautici, civili ed elettromedicali Referente: Prof. Giovanni Celentano L attività di ricerca riguarda: La realizzazione di sistemi prototipali embedded per l identificazione e/o il monitoraggio ed il controllo di impianti navali (sistema di posizionamento di navi cisterne e di navi speciali da lavoro, sistema di stabilizzazione del rollio), di impianti automobilistici, ferroviari, navali, aeronautici e civili per la sicurezza attiva e passiva, per l efficienza energetica e/o la riduzione di inquinamento diretto o indiretto, Le tecniche di controllo di minicentrali elettriche non convenzionali, Le tecniche e le apparecchiature per lo studio elettrofisiologico, la stimolazione cardiaca e l ablazione. Automazione sicura ed a risparmio energetico dei sistemi meccanici Referente: Prof. Giovanni Celentano L attività di ricerca riguarda: l automazione di sistemi meccanici di potenza, in modo da garantire buone prestazioni in termini di velocità, precisione e consumi energetici, che siano sufficientemente sicuri ed, infine, "intelligenti" per quanto concerne l'autonomia di funzionamento, la capacità di autodiagnosi dei guasti e l'interazione con gli operatori. Le potenzialità applicative riguardano anche l'automazione di sistemi meccanici adibiti alla lavorazione (robot, macchine automatiche per incisione e taglio laser), alla movimentazione di carichi pesanti (gru, nastri trasportatori) e al trasporto di merci e persone (navi, treni). Per ulteriori dettagli sull attività di ricerca si vedano i Curricula dei singoli Membri del Gruppo su ed i seguenti Libri: G. Celentano. Elementi di sintesi diretta dei sistemi multivariabili. LIGUORI Editore, Napoli, G. Celentano, L. Celentano, Modellistica, Simulazione, Analisi, Controllo e Tecnologie dei Sistemi Dinamici, FONDAMENTI DI DINAMICA DEI SISTEMI, EdiSES Editore, L. Celentano, New results on practical stability for linear and nonlinear uncertain systems, Edizioni Nuova Cultura, Roma, L. Celentano, Robust Tracking Controllers Design with Generic References for Continuous and Discrete Uncertain Linear SISO Systems, LAP LAMBERT Academic Publishing,

11 ll prof. Celentano visto da alcuni suoi studenti Il mitico Celentano Il mitico professor Celentano in una esilarante discussione Giudizi di alcuni studenti sul prof. Giovanni Celentano Il prof. Giovanni Celentano è titolare della cattedra di Teoria dei Sistemi presso la Facoltà di Ingegneria dell Università di Napoli. E da tutti considerato un professore molto severo, ed in effetti lo è se si pensa alla percentuale dei promossi. Io ritengo che sia un professore molto in gamba. Una volta superato l esame con lui si può dire di conoscere veramente la materia. Il lavoro di tesi mi ha impegnato per un bel po. Ringrazio il prof. Giovanni Celentano, uomo di una umiltà e bontà rara. Oltre ad attingere concetti importanti riguardanti l ingegneria ho imparato che alla base di ogni vero professionista c è il valore dell onestà, il quale non deve essere perso mai di vista. Solo in questo modo le idee potranno fruttificare soltanto se sono ricche di onestà e purezza. Lo ringrazio di vero cuore In ogni suo discorso traspariva l amore verso il prossimo. Grazie davvero! E mio desiderio ringraziarla sinceramente per quanto mi ha donato nei mesi trascorsi al Suo fianco, così come solo una persona Colta e di grande spessore umano e morale avrebbe potuto fare: una continua opportunità di crescita sia in ambito scientifico che dal punto di vista della formazione personale. Attento e generoso si è rivelato un modello da seguire. Quando si segue la sua prima lezione si rimane sconcertati: il suo modo di parlare ci si fa chiedere se è una persona normale o è un po esaurito. Solo successivamente ci si rende conto che in effetti non è una persona del tutto normale, ma è dotato di capacità intellettive superiori. 11

12 Le sue lezioni risultano essere molto chiare. C è da dire che quando si segue una sua lezione si è sempre allegri, un po per il suo modo di essere e di parlare, un po per le sue battute sempre abbondanti. Penso che sia un genio. Molto in gamba, il migliore. Pretende molto essendo un genio. Il prof. Giovanni Celentano è uno dei più grandi personaggi della nostra Università. In verità si vede che è un genio: sa tutto e di tutto; ma questo lo rende molto ostico alle persone, specie a chi non lo conosce bene. Rigrazio il prof. Giovanni Celentano per avermi risolto i numerosi problemi nascosti nel lavoro di tesi. Sono profondamente grato al prof. Giovanni Celentano per i suoi costanti stimoli, i suoi preziosi ed illuminanti consigli e per la notevole fiducia accordatami. Sono immensamente grata al mio tutore perché mi ha fornito robuste fondamenta su cui costruire: solidità, sostegno, fiducia e senso del dovere, coraggio nel credere nei propri ideali e nella possibilità di migliorare noi stessi ed il mondo in cui viviamo con l immenso potere delle idee, il rigore e l onestà intellettuale. Io sinceramente non ho un idea di che tipo di tesi scegliere Escludendo vari professori una volta sentito i miei colleghi che si sono già laureati, avevo pensato al buon Giovanni Celentano perché il suo estro, la sua professionalità e il suo sorriso catturerebbero chiunque; ho sempre l immagine di lui come il professore di Ritorno al futuro che ha costruito la macchina per viaggiare nel tempo. Egr. prof. Celentano, con grande piacere quest'oggi mi sono imbattuto in un link alle sue considerazioni sull'istituzione accademica (Ottobre 1999) e sul suo personale modello di sviluppo. Sono veramente contento. Finalmente qualcuno che dica come andrebbero fatte certe cose, rompendo tutti gli schemi istituzionali. Mi fa piacere che chi in quegli anni, oggi combatte e si schiera a favore di una giusta interpretazione del corso di laurea. Oggi serve una istituzione universitaria a servizio delle imprese. In sintesi gli ingegneri devono essere operativi e non possono conoscere tutto e poi non saper fa nulla. Ciò che serve è praticità, professionalità, mentalità aperta al cambiamento. Questo si può fare con docenti che sono vicini alle esigenze delle aziende e con una docenza universitaria misurabile e valutabile. Quanto alle indicazioni su quali devono essere gli argomenti da trattare, la sua elencazione per disciplina scientifica è molto precisa ed oculata. Suggerirei più laboratorio e lavoro di team. Nel mondo reale si lavora in TEAM. 12

13 Da: Inviato: martedì 29 giugno A: Oggetto: Saluto al Prof. Celentano Caro professor Celentano, Le scrivo innanzitutto per salutarla e per scusarmi se in questi mesi non sono mai riuscito a venire all'università per un saluto. Sicuramente i suoi insegnamenti mi sono stati davvero utili poiché Lei è riuscito a farmi comprendere quanto l'ingegneria vada oltre un libro e come sia possibile applicarla in ogni settore. L'ingegneria è dappertutto come ha sempre detto e il successo lavorativo che sto riscontrando è frutto del percorso che ho seguito ed in particolare delle due tesi che ho svolto con Lei. Il professor Celentano è l'ingegneria! La saluto con affetto e spero di venire presto all'università perché parlando con lei non si può fare altro che apprendere, xxxxxx Da: Inviato: lunedì 22 marzo A: Oggetto: Saluti da un suo studente di qualche anno fa Gentile Prof Celentano, Mi scuso in anticipo se questa mia le potrà sembrare del tutto superflua e/o magari toglierle del tempo che avrebbe potuto trascorrere dedicandosi al suo lavoro, ma - da quando mi sono laureato in Ing. delle Telecomunicazioni nel non ho mai colto la possibilità di ringraziarla di cuore per gli insegnamenti, e non solo ingegneristici, che hanno contraddistinto le ore di lezione che ho trascorso con Lei, durante il corso di Fondamenti di Sistemi Dinamici (2006). Lei è una delle persone che - senza saperlo - hanno influito di più sulle mie scelte future e sul mio modo di ragionare. Dal 2007 vivo nel Regno Unito e lavoro come TechnologySpecialist alla Symbian Foundation, che come probabilmente saprà - sviluppa la piattaforma per smart phone Symbian, al momento la più utilizzata al mondo. Proprio oggi pomeriggio parlavamo - per caso - di Lei con un mio amico (e collega di Ingegneria) e ho pensato che avrei dovuto inviarle un messaggio di ringraziamento. Grazie di essere un docente fuori dal comune che mantiene vivo l'interesse degli studenti con la Sua genialità. Cordiali Saluti, xxxxxx Da: Inviato: lunedì 21 luglio A: Oggetto: Omaggio al Professore Priorità: Alta Egregio Prof.re Celentano, sono xxxxxx, studente del CdL in Ingegneria Informatica. Quest anno ho seguito il Suo corso di Elementi di Automazione e devo dirle che Le sono enormemente riconoscente perché ascoltando le sue lezioni penso di aver acquisito una forma mentis molto vicina a quella della figura dell ingegnere. Durante il corso ho appuntato alcune Sue frasi che più mi hanno colpito. Alcune riguardano il campo dell ingegneria mentre altre sono più generali. Alcune sono nude e crude, altre molto profonde. 13

14 Per questo vorrei che accettasse come omaggio il file allegato. Cordiali saluti xxxxxx P.S. forse può ricordarsi ancora di me. Ho sempre presenziato le Sue lezioni. In seduta d esame (10/06) appena mi sono seduto mi ha definito una persona dalla faccia pulita, solare. Comunque, anche se non si ricorda più di me sarò ugualmente felice se questo omaggio Le sarà gradito. Alcuni aforismi Se non esistesse la scienza esatta ognuno s inventerebbe la propria verità Un errore piccolo non è un errore per un ingegnere Occorre modellare tutto matematicamente Con i microcontrollori programmabili e i modelli matematici è possibile realizzare sistemi fisici che esternamente non obbediscono alle usuali leggi fisiche La politica divide, la scienza unisce; è uguale per tutti Per imparare a guidare l auto la gente pensa di dover andare da Napoli a Roma; invece basta guidarla nel proprio cortile È normale che a volte uno non capisce. È il non capire di non aver capito ad essere grave Se hai capito che sono un genio allora lo sei anche tu Quando uno ha capito sa fare. Uno che non ha capito si attrezza per fare ma combina solo guai L uomo è nato per imparare; è la mia filosofia L ingegneria non è una cosa semplice; non è il semplice assemblaggio di pezzi La formula di Shannon non va bene per ricostruire i segnali: occorre fare la sommatoria da meno infinito a più infinito; inoltre nei sistemi in tempo reale i campioni futuri non sono disponibili. Avete capito!? Quanto è potente e strana la matematica Le formule per risolvere le equazioni algebriche di grado maggiore di 4 le conosce solo il Padre Eterno Il sapere non è mai troppo Un paese, per uscire dalla morsa delle nuove tecnologie e della manodopera a basso costo degli altri paesi, deve tenere alto il livello di istruzione e formazione dei propri cittadini Da: Inviato: mercoledì 23 aprile A: Oggetto: Pregiatissimo Prof. Celentano sono un Ing. che all epoca (20 anni fa) ha seguito e sostenuto Teoria dei Sistemi con Lei (con ottimi risultati). Oggi mi occupo di ingegneria della pubblica amministrazione (sciocchezze!) e mi è venuto in mente di sfogliare il sito della Facoltà di Ingegneria quando ho rivisto il suo nome e, pensando ai bei tempi, ho pensato di scriverle così tanto per salutarla. Mi sono anche laureato in Matematica (successivamente) poiché è stata sempre quella la mia passione e, per hobby, studio e approfondisco teorie varie. Volevo solo dirle che di Lei ho avuto un buon ricordo e infinita stima. Sono stato sempre convinto (senza retorica) che Lei è un genio. Non Le dico altro. La saluto affettuosamente. Che Dio La Benedica! xxxxxx 14

15 Da: Inviato: martedì 28 dicembre A: Oggetto: Ringraziamenti e un saluto... Salve Prof. Celentano, Lei sicuramente non si ricorderà di me. Sono stato un suo studente di Teoria dei Sistemi nell'anno (oramai molto lontano) in cui Lei decise di assegnare delle tesine agli studenti come sostituzione degli scritti. A me capitò l'elettrovalvola. Non me lo potrò mai scordare l'orale con Lei. Fu un vero e proprio confronto...andato bene per fortuna, ma sempre chiaro e limpido. Le voglio dire che Lei mi è sempre rimasto nel cuore. Sia come inesauribile fonte di sapere, come approccio metodologico ai problemi e come obiettivo intellettuale da raggiungere. Io La considero un genio, sinceramente e penso che la sua severità sia stata solo un insegnamento molto importante per tutti noi. Nel mio percorso di studi, di persone esigenti ne ho incontrate parecchie: Prof.ssa Montagnaro, Prof.ssa Pica, Prof.ssa Benevento, Prof.re Ambrosino, Prof.re Celentano, Prof.re Savy, Prof.re Mazzeo, etc.ma tutti mi hanno dato grandissimi insegnamenti e hanno contribuito a formare la mia personalità professionale attuale. Sono orgoglioso di aver studiano a Napoli. Oggi mi trovo a confrontarmi con degli studenti che dopo 3 soli anni, si fregiano del titolo di Ingegnere e non sanno della nostra fatica, delle nostre rinuncie, in fondo della nostra scelta di vita. Concludendo, le rinnovo i miei più cordiali saluti e auguri di una vita professionale lunghissima a tutto guadagno delle persone che la incontreranno. Un suo ex-studente. xxxxxx 15

16 16

17 17

18 Incontro del Prof. Celentano e dei cognati ingegneri con i giovani del suo paese di nascita Discorso del Prof. Celentano in occasione del conferimento del premio Giano 18

19 Premio Giano al Prof. G. Celentano 19

20 Laboratorio di Supervisione e Controllo Laboratorio di Microcontrollori Industriali Embedded 20

21 Realizzazione di un sistema di monitoraggio e controllo di un impianto navale Foto con un imprenditore di impianti navali 21

22 Studio del Prof. G. Celentano Foto gruppo 22

23 Realizzazioni ed attività sperimentali del Prof. G. Celentano 23

24 Sensori di prossimità 8. Trasportatore 12. Spia luminosa+suoneria 5. Scheda relè elettromagnetici 9. PIC per Alimentatore 18V 6. Piattaforma girevole 10. S. PIC con C.P. per Alimentatore 12V 7. Robot 11. PLC 15. Regolatore 12V/5V Realizzazioni ed attività sperimentali del Prof. G. Celentano 24

Corso di Studio in Ingegneria dell Automazione. Open Day 28 Marzo 2015

Corso di Studio in Ingegneria dell Automazione. Open Day 28 Marzo 2015 Corso di Studio in Ingegneria dell Automazione Open Day 28 Marzo 2015 L Ingegneria dell Automazione E la scienza, la tecnica, la professione che si prefigge di progettare sistemi di controllo automatici,

Dettagli

Corso di Studio in Ingegneria dell Automazione. Open Day 15 Febbraio 2014

Corso di Studio in Ingegneria dell Automazione. Open Day 15 Febbraio 2014 Corso di Studio in Ingegneria dell Automazione Open Day 15 Febbraio 2014 L Ingegneria dell Automazione E la scienza, la tecnica, la professione che si prefigge di progettare sistemi di controllo automatici,

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L)

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L) POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell'informazione V Facoltà di Ingegneria ANNO ACCADEMICO 2003/2004 Regolamento Didattico del Corso di Studio in INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como Corso di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome Indirizzo BRIANTE CLAUDIO 51/A, via Drizza 20020 Solaro (Mi) Telefono 02 61 29 13 32 Cellulare 347 33 42

Dettagli

Elettrotecnica Elettronica Informatica Meccanica e Meccatronica. Automazione Logistica Biotecnologie Ambientali

Elettrotecnica Elettronica Informatica Meccanica e Meccatronica. Automazione Logistica Biotecnologie Ambientali l Istituto Tecnico Euganeo di oggi è la tecnologia di domani Elettrotecnica Elettronica Informatica Meccanica e Meccatronica Automazione Logistica Biotecnologie Ambientali ITIS Euganeo Istituto tecnico

Dettagli

FAQ. Master in Shipping 2016. (aggiornate a luglio 2015)

FAQ. Master in Shipping 2016. (aggiornate a luglio 2015) FAQ Master in Shipping 2016 (aggiornate a luglio 2015) SELEZIONI E AMMISSIONI 1. Qual è la data di scadenza del bando? La scadenza per la presentazione della domanda è giovedì 14 gennaio 2016 alle ore

Dettagli

Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione Corso di Studi in Ingegneria Informatica Allievi con cognome da E(incluso) a P(escluso)

Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione Corso di Studi in Ingegneria Informatica Allievi con cognome da E(incluso) a P(escluso) Introduzione al corso Fondamenti di Automatica Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione Corso di Studi in Ingegneria Informatica Allievi con cognome da E(incluso) a P(escluso) Informazioni

Dettagli

Regolamento didattico

Regolamento didattico Regolamento didattico Corso di studio: Facoltà: Classe: Ingegneria dell Automazione Ingegneria Sede di Bologna 9 Ingegneria dell informazione Obiettivi formativi specifici I laureati verranno a conoscenza

Dettagli

Prefazione e ringraziamenti

Prefazione e ringraziamenti Prefazione e ringraziamenti Ho accettato con sincero piacere l'invito rivoltomi da Lorenzo Rossano, che ricordo brillante allievo del corso di Dispositivi Elettronici da me tenuto presso l'università di

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Automatica. Master of Science in Control Engineering. www.dis.uniroma1.it/automatica

Laurea Magistrale in Ingegneria Automatica. Master of Science in Control Engineering. www.dis.uniroma1.it/automatica Laurea Magistrale in Ingegneria Automatica Master of Science in Control Engineering www.dis.uniroma1.it/automatica Ingegneria Automatica L ingegneria automatica è la branca dell'ingegneria che si occupa

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria. Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria. Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corsi di Studio in Ingegneria Informatica Laurea - Laurea Magistrale a.a. 2010/2011 Presidente: Prof. Stefano Russo [titolo presentazione]

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI DI INGEGNERIA CIVILE A.A. 2006-07 Laurea specialistica - Percorso didattico IDRAULICA

MANIFESTO DEGLI STUDI DI INGEGNERIA CIVILE A.A. 2006-07 Laurea specialistica - Percorso didattico IDRAULICA MANIFESTO DEGLI STUDI DI INGEGNERIA CIVILE A.A. 2006-07 Laurea specialistica - Percorso didattico IDRAULICA 1 Anno: 1 semestre Analisi matematica 3 A MAT/05 6 60 Metodi della ricerca operativa A MAT/09

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Indirizzo(i) Via Michele Morelli, 21 I-88100 Catanzaro (Italia) Telefono(i) 0961795515 Cellulare 3204934375 3204405419 E-mail cruglianovincenzo@yahoo.it

Dettagli

Pag 1 di 41. BUSACCA Alessandro

Pag 1 di 41. BUSACCA Alessandro BUSACCA Alessandro Giudizio del Prof. Castagnolo Il candidato ha svolto un attività di ricerca di buon livello ed arricchita da periodi di ricerca all estero, come testimoniato dalla produzione scientifica.

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Liceo Scientifico Sezione A. Maserati Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Cos è il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate La recente riforma della scuola secondaria ha ripreso la

Dettagli

II Facoltà di Ingegneria

II Facoltà di Ingegneria II Facoltà di Ingegneria La II Facoltà di Ingegneria è una Facoltà giovane come te, in continua evoluzione, dove le nuove idee sono di casa. Ti offre la possibilità di seguire, sin dal primo anno, un percorso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E SCIENZE MATEMATICHE orientamento.diism.unisi.it www.diism.unisi.it Nuovo Ordinamento degli Studi Universitari Dall Anno Accademico

Dettagli

FAQ. Master in Finanza Avanzata 2015 (aggiornate a giugno 2014)

FAQ. Master in Finanza Avanzata 2015 (aggiornate a giugno 2014) FAQ Master in Finanza Avanzata 2015 (aggiornate a giugno 2014) SELEZIONI E AMMISSIONI 1. Qual è la data di scadenza del bando? La scadenza per la presentazione della domanda è giovedì 23 ottobre 2014 alle

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28 Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria dell'università

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Corso di laurea magistrale in Dipartimento di Automatica e Informatica Collegio di Ingegneria Informatica, del Cinema e Meccatronica Anno accademico 2016/2017 In attesa di emanazione

Dettagli

Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni

Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Consultazione delle organizzazioni rappresentative della produzione e delle professioni Questionario Ridefinizione del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica INTRODUZIONE Il Consiglio di Corso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA. Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELL'INFORMAZIONE (CLASSE N. 35/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Dettagli

Lezione E1. Sistemi embedded e real-time

Lezione E1. Sistemi embedded e real-time Lezione E1 Sistemi embedded e real-time 3 ottobre 2012 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SERT 13 E1.1 Di cosa parliamo in questa lezione?

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata INGEGNERIA. Corsi di Laurea e Corsi di Laurea Magistrale

Università degli Studi di Roma Tor Vergata INGEGNERIA. Corsi di Laurea e Corsi di Laurea Magistrale Università degli Studi di Roma Tor Vergata INGEGNERIA GUIDA DELLO STUDENTE Corsi di Laurea e Corsi di Laurea Magistrale Bachelor Degree in Engineering Sciences Master Degree in Mathematical Engineering

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

mediterranean FabLab @ School

mediterranean FabLab @ School mediterranean FabLab @ School mediterranean FabLab @ School Il Mediterranean FabLab @ School, propone un offerta formativa che garantisce l incremento dell alternanza scuola-lavoro, in ottemperanza alla

Dettagli

Curriculum di GEMME Luciano

Curriculum di GEMME Luciano Curriculum di GEMME Luciano Dati anagrafici: Nome: GEMME Luciano data di nascita: 14 agosto 1964 luogo di nascita: Serravalle Scrivia (AL) Telefono: 0143-65947 Cellulare: 392-0398907 E-mail: luciano@gemmeinformatica.it

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE E SCIENZE MATEMATICHE orientamento.diism.unisi.it www.diism.unisi.it Nuovo Ordinamento degli Studi Universitari Dall Anno Accademico

Dettagli

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA C è una giovane speranza dell Università di Catania, Lucia Gionfriddo. C era, anzi. Perché un male incurabile l ha trascinata via in una manciata di giorni. Pensa. Era un

Dettagli

"Insegnamenti a scelta" suggeriti per il Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica (ex DM 270/04)

Insegnamenti a scelta suggeriti per il Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica (ex DM 270/04) "Insegnamenti a scelta" suggeriti per il Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica (ex DM 270/04) Settore dell'informazione Campi elettromagnetici ING- INF/02 9 1 1 LM Ingegneria Elettronica Dispositivi

Dettagli

Candidato Domenico Cotroneo

Candidato Domenico Cotroneo VALUTAZIONE COMPARATIVA PER LA COPERTURA DI N.1 POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI SECONDA FASCIA PER IL SETTORE SCIENTIFICO-DISCIPLINARE ING-INF/05 DELLA FACOLTA' DI INGEGNERIA DELL'UNIVERSITA'

Dettagli

CORSO DI LAUREA E DI LAUREA SPECIALISTICA. IN INGEGNERIA GESTIONALE (www.ingegneria.unical.it/cdl/ges) (www.ingegneria.unical.

CORSO DI LAUREA E DI LAUREA SPECIALISTICA. IN INGEGNERIA GESTIONALE (www.ingegneria.unical.it/cdl/ges) (www.ingegneria.unical. CORSO DI LAUREA E DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE (www.ingegneria.unical.it/cdl/ges) (www.ingegneria.unical.it/cdls/ges) 1. Informazioni Generali Presidente del Consiglio di Corso di Laurea:

Dettagli

SEZIONE I OFFERTA DIDATTICA

SEZIONE I OFFERTA DIDATTICA 1 SEZIONE I OFFERTA DIDATTICA INTRODUZIONE 1 Per i Corsi di Studi di Ingegneria dell Università degli Studi di Roma Tor Vergata viene applicato, dall A.A. 2008/2009, un ordinamento didattico conforme

Dettagli

P. Schiano, CIRA. Che cosa noi vogliamo con la nostra ricerca? guida, navigazione e controllo con capacità adattive in linea;

P. Schiano, CIRA. Che cosa noi vogliamo con la nostra ricerca? guida, navigazione e controllo con capacità adattive in linea; Guidance, Navigation and Control Technologies for Hypersonic Flight, P. Schiano, CIRA P. Schiano CIRA: grazie dell introduzione, io presenterò in italiano anche se le mie slides sono in inglese così da

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea Specialistica (LS)

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea Specialistica (LS) POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell'informazione V Facoltà di Ingegneria ANNO ACCADEMICO 2003/2004 Regolamento Didattico del Corso di Studio in INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como Corso di

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM 33 Ingegneria Meccanica Ordine degli Studi 2009/2010 Anni attivati I Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Classe di appartenenza: L-8 Ingegneria dell Informazione Computer Science and Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Obiettivi formativi specifici Classe LM 33 Ingegneria Meccanica Ordine degli Studi 2014/2015 Anni attivati I e II Nell ambito

Dettagli

La scuola per il tuo futuro

La scuola per il tuo futuro Il Copernico: un Liceo, un Istituto Tecnico, tanti laboratori La scuola per il tuo futuro Guida alle iscrizioni a.s. 2015-2016 Il Copernico è il polo scolastico di Barcellona P.G che offre gli indirizzi

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

f a c o l t à d i INGEGNERIA

f a c o l t à d i INGEGNERIA f a c o l t à d i INGEGNERIA UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 60131 Tel. 071 2204778 INGEGNERIA Per informazioni più approfondite relative alla didattica dei singoli

Dettagli

U N I F E. http://www.unife.it/dipartimento/ingegneria. Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico

U N I F E. http://www.unife.it/dipartimento/ingegneria. Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico Dipartimento di Ingegneria di Ferrara Polo Scientifico Tecnologico via Saragat 1 44122, Ferrara url:www.unife.it/dipartimento/ingegneria telefono: 0532.974800 Direttore: prof. Giorgio Vannini Offerta Formativa:

Dettagli

SUPPORTO TECNICO E GESTIONALE

SUPPORTO TECNICO E GESTIONALE SUPPORTO TECNICO E GESTIONALE PER TITOLO LE IMPRESE COVER TITLE PROFILO Descrizione Polaris aggrega know-how e professionalità degli azionisti Rina e Ansaldo Energia mettendo a disposizione delle imprese

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio ART. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento s intende:

Dettagli

CURRICULUM VITAE di PAOLA RUBBIONI

CURRICULUM VITAE di PAOLA RUBBIONI CURRICULUM VITAE di PAOLA RUBBIONI DATI ANAGRAFICI Nome: PAOLA RUBBIONI Luogo e data di nascita: Perugia, 16.09.1968 Nazionalità: italiana Stato civile: coniugata CURRICULUM STUDIORUM ed ITER LAVORATIVO

Dettagli

Curriculum Vitae Scientifico

Curriculum Vitae Scientifico Curriculum Vitae Scientifico Marco Berardi Nome: Marco; cognome: Berardi; data di nascita: 11 settembre 1980; cittadinanza: italiana; stato civile: coniugato; uff.: Ricerche. stanza 60a, I piano, Istituto

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE POLO LICEALE LICEO SCIENTIFICO DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la

Dettagli

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali

La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali La carriera universitaria e l inserimento nel mondo del lavoro dei laureati in Ingegneria dei Materiali Studenti che hanno conseguito la laurea specialistica nell anno solare 2009 Questa indagine statistica

Dettagli

CURRICULUM'VITAE'ET'STUDIORUM''/'PROF.'ING.'VINCENZO'GALDI'

CURRICULUM'VITAE'ET'STUDIORUM''/'PROF.'ING.'VINCENZO'GALDI' CURRICULUM'VITAE'ET'STUDIORUM''/'PROF.'ING.'VINCENZO'GALDI' VincenzoGaldi,ènatoaSalerno,doverisiede,il03Marzo1967.ÈsposatoconMariaRosaria. Formazione' Nel 1994 ha conseguito con Lode la laurea in Ingegneria

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe L9 Ingegneria Industriale Ordine degli Studi 2009/2010 Anni attivati I, II III Obiettivi formativi specifici Nell ambito degli obiettivi

Dettagli

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica

Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica Università Federico II, Napoli Facoltà di Scienze Corsi di Studio in Fisica I Corsi di Studio in Fisica comprendono quattro percorsi didattici. Al termine di ciascun percorso si consegue uno dei seguenti

Dettagli

FUNZIONE ORIENTAMENTO AGLI STUDI UNIVERSITARI

FUNZIONE ORIENTAMENTO AGLI STUDI UNIVERSITARI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. SCALFARO Catanzaro FUNZIONE ORIENTAMENTO AGLI STUDI UNIVERSITARI REFERENTE FUNZIONE Prof.ssa Elisabetta CAROLEI MONITORAGGIO E VALUTAZIONE SULL ORIENTAMENTO IN USCITA DEGLI

Dettagli

I.T.I. M. FARADAY PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014 2015

I.T.I. M. FARADAY PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2014 2015 INDIRIZZI DI STUDIO QUADRI ORARI - PROFILI Il riordino degli Istituti tecnici, in vigore dal a.s. 2010-2011 e da quest anno a regime, ha modificato l articolazione del nostro Istituto. La nuova struttura,

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Classe LM 33 Ingegneria Meccanica Ordine degli Studi 2010/2011 Anni attivati I e II Obiettivi formativi specifici Nell ambito

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Classe di appartenenza: L-9 Ingegneria Industriale Management Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato

Dettagli

Il Copernico di Barcellona P.G. un Liceo & un Tecnico Tecnologico Tanti laboratori

Il Copernico di Barcellona P.G. un Liceo & un Tecnico Tecnologico Tanti laboratori Il Copernico di Barcellona P.G. un Liceo & un Tecnico Tecnologico Tanti laboratori La scuola per il tuo futuro: nuove frontiere e orizzonti per gli studenti della Generazione Copernico Liceo Scientifico

Dettagli

FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CLASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali

FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE CLASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali FAOLTA DI INGEGNERIA ORSO DI LAUREA SPEIALISTIA in INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE LASSE 29 S Obbiettivi Formativi e Ambiti Occupazionali Il orso di Laurea Specialistica in Ingegneria dell Automazione ha come

Dettagli

Presentazione dell Orientamento

Presentazione dell Orientamento Università di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Elettronica Presentazione dell Orientamento Robotica e Automazione 11 giugno 2009 Obiettivo formativo formare un ingegnere

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà di Ingegneria Anno Accademico 2007/2008

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI LECCE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica/Automazione (Ad esaurimento) Sbocchi occupazionali Le ragioni che hanno spinto ad attivare questo corso di

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA

Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire

Dettagli

POLITECNICO di BARI. I FACOLTA DI INGEGNERIA Anno Accademico 2007/08 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI. LAUREA IN INGEGNERIA dell AUTOMAZIONE

POLITECNICO di BARI. I FACOLTA DI INGEGNERIA Anno Accademico 2007/08 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI. LAUREA IN INGEGNERIA dell AUTOMAZIONE POLITECNICO di BARI I FACOLTA DI INGEGNERIA Anno Accademico 2007/08 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA dell AUTOMAZIONE CONTROL SYSTEMS ENGINEERING (first level degree) CLASSE 9 DELLE

Dettagli

Sistema Meccanica, Meccatronica (e settori collegati)

Sistema Meccanica, Meccatronica (e settori collegati) Ministero della Ministero Pubblica della Istruzione Pubblica Istruzione Regione Puglia Assessorato al Diritto allo Regione Puglia Studio e alla Formazione ISTITUTO TECNICO SUPERIORE Sistema Meccanica,

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

INGEGNERIA INFORMATICA ED ELETTRONICA CORSO DI LAUREA TRIENNALE

INGEGNERIA INFORMATICA ED ELETTRONICA CORSO DI LAUREA TRIENNALE INGEGNERIA INFORMATICA ED ELETTRONICA CORSO DI LAUREA TRIENNALE Obiettivo didattico CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA INFORMATICA ED ELETTRONICA Il Corso di Laurea triennale (I livello, classe L-8,

Dettagli

I4I LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA E AUTOMATICA (Master Degree Program in Computer and Systems Engineering)

I4I LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA E AUTOMATICA (Master Degree Program in Computer and Systems Engineering) I4I LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA E AUTOMATICA (Master Degree Program in Computer and Systems Engineering) 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-32 Ingegneria Informatica NORMATIVA

Dettagli

RELAZIONE RIASSUNTIVA

RELAZIONE RIASSUNTIVA Procedura di selezione per un posto di ruolo di Seconda Fascia da ricoprire mediante chiamata, ai sensi dell articolo 18, comma 1, della Legge 30 dicembre 2010, numero 240 - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

QUESTIONARIO MATRICOLE A.A. 2011/2012. Studenti Intervistati=1153

QUESTIONARIO MATRICOLE A.A. 2011/2012. Studenti Intervistati=1153 QUESTIONARIO MATRICOLE A.A. 2011/2012 Studenti Intervistati=1153 1 1) Possiedi un tablet (es. Ipad, Galaxy Tab, HTC ecc..) o un cellulare/palmare (es. iphone, galaxy s, htc ecc..) dotato di connessione

Dettagli

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation

Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Esperto in Impianti e Sistemi per la Domotica e la Building Automation Sede: PALERMO - Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Coordinatore: prof. ing. Mariano Giuseppe

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa

Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa ESPERIA Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa Prospetto informativo per l orientamento agli studi Tecnici Superiori Per informazioni via Gavazzeni 29, Bergamo tel. 035-319388 fax 035-318741 Sito internet:

Dettagli

Curriculum vitae del prof. Nicola Mazzocca

Curriculum vitae del prof. Nicola Mazzocca Curriculum vitae del prof. Nicola Mazzocca Attuale posizione accademica Nicola Mazzocca è professore ordinario di Sistemi di Elaborazione (settore ING INF/05) presso il Dipartimento di Informatica e Sistemistica

Dettagli

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza

Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI CLASSE DELLE LAUREE SPECIALISTICHE IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI (CLASSE N. 30/S) Art. 1 Denominazione e classe di appartenenza 1. E istituito presso la Facoltà

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372

A. Tarsia in Curia/Turismo e Psicologia 2 (2009) 365-372 La formazione turistica universitaria in Italia 365 Amedeo Tarsia in Curia Touring Club Italiano Abstract: Il boom dei corsi di laurea in turismo sembra essersi esaurito. Dopo anni di entusiasmo, l attuale

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante.

Scegliere cosa fare dopo la terza media era quindi per lui una questione un po complicata, anche se non troppo preoccupante. I RAGAZZI E LE RAGAZZE RACCONTANO Daniele Quando aveva 13 anni Daniele viveva vicino a Milano con la sua famiglia: mamma, papà e Emanuele, il fratello maggiore, con cui andava molto d accordo; anzi, possiamo

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO PALA Anno di nascita 1969 Struttura di afferenza Ufficio per la Valutazione Categoria D Telefono dell ufficio 070 675 2087 Fax dell ufficio

Dettagli

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA

I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA Ordine degli Studi a.a. 2015/201 I4M LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA MECCANICA 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: LM-33 Ingegneria meccanica NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 270/2004 DIPARTIMENTO

Dettagli

Casi di studio e progetti sull'innovazione informatica dei servizi logistici Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna Piattaforma ICT & Design

Casi di studio e progetti sull'innovazione informatica dei servizi logistici Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna Piattaforma ICT & Design Casi di studio e progetti sull'innovazione informatica dei servizi logistici Rete Alta Tecnologia dell Emilia-Romagna Piattaforma ICT & Design Lucia Mazzoni, ASTER IL SISTEMA REGIONALE DELLA RICERCA Università

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti

Università degli Studi di Roma Tor Vergata. Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Relazione Annuale 2015 della Commissione Paritetica Docenti Studenti Dipartimento di : Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Denominazione del Corso di Studio: Informatica Classe:L-31 Sede: Università

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING)

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE IN MECHANICAL ENGINEERING) POLITECNICO DI BARI I Facoltà di Ingegneria Laurea specialistica in Ingegneria Meccanica (classe 36/S) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA (SECOND LEVEL DEGREE

Dettagli

L Istituto Galileo GALILEI di Crema

L Istituto Galileo GALILEI di Crema L Istituto Galileo GALILEI di Crema in continuità con la sua proposta formativa propone, a partire dall a.s. 2010/11, corsi quinquennali di: - ISTITUTO TECNOLOGICO, diurni e serali (ex ITIS) - LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

La Facoltà di Ingegneria gg dell Università Federico II di Napoli

La Facoltà di Ingegneria gg dell Università Federico II di Napoli La Facoltà di Ingegneria gg dell Università Federico II di Napoli Istruzioni per l uso Giovanni Poggi, liceo Severi di Castellammare di Stabia, 5 maggio 2011 Di cosa parleremo OBIETTIVI Orientamento: come

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA Regolamento dattico del Corso Laurea in Ingegneria ed Classe L- 8 Ingegneria dell Informazione a.a.2014-2015 TITOLO I Dati generali ARTICOLO 1 Funzioni e struttura del

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

Formazione, attività scientifica e/o professionale

Formazione, attività scientifica e/o professionale IDA DE BONIS NATA A FONDI l'8/11/1985 Formazione, attività scientifica e/o professionale Titoli accademici e altri titoli Diploma di maturità classica con indirizzo piano nazionale informatico (PNI), c/o

Dettagli

ESAMI PREVISTI NELLA COLONNA DELLE NOTE DELLA TABELLA A FENOMENOLOGIA DEGLI STILI SEMIOTICA DELLE ARTI STORIA DELL ARTE TEORIA DELLE FORME

ESAMI PREVISTI NELLA COLONNA DELLE NOTE DELLA TABELLA A FENOMENOLOGIA DEGLI STILI SEMIOTICA DELLE ARTI STORIA DELL ARTE TEORIA DELLE FORME 1 TABELLA A/1 OMOGENEITA DEGLI ESAMI PREVISTI NEI PIANI DI STUDIO DEI TITOLI DI VECCHIO ORDINAMENTO per l ACCESSO ALLE CLASSI DI CONCORSO LIMITATAMENTE AI TITOLI PREVISTI DALLA TABELLA A NELLA COLONNA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE - FACOLTÀ DI ECONOMIA DOMANDE FREQUENTI SUL NUOVO ORDINAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE - FACOLTÀ DI ECONOMIA DOMANDE FREQUENTI SUL NUOVO ORDINAMENTO aggiornato al 23 ottobre 2001 1 2 3 4 5 6 7 DOMANDE sono iscritto al I anno di corso nell a.a. 2000/01, se scelgo di optare per il NO, cosa riporterà il mio certificato degli studi? sono iscritto al II

Dettagli

10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso

10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso Università Università degli studi di Genova Trieste Altre Università (convenzioni Pisa interuniversitarie) Napoli Federico II Classe 10-Classe delle lauree in ingegneria industriale Nome del corso Ingegneria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali CLASSE L 24, ai SENSI DEL D.M. 270/2004 A.A. 2014-2015 TITOLO I - SCIENZE

Dettagli