Mondo verticale Vertical World. Maurizio Vogliazzo*

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mondo verticale Vertical World. Maurizio Vogliazzo*"

Transcript

1 26 Projects Verso il cielo o verso il cuore della Terra, la verticalità in architettura è da sempre utopia, sfida, sogno o incubo, folie, ma anche opportunità, prospettiva, soluzione. Sempre alla ricerca dell equilibrio e della sintesi tra queste varie interpretazioni, i progettisti continuano a proporre le proprie visioni di questa tipologia, simbolo universale della capacità umana di imporsi sul territorio. Up into the sky or down into the center of the Earth, in the world of architecture verticality has always been a challenge, utopian dream/nightmare or folly, but it has also provided opportunities, prospects and solutions. Constantly seeking a balance and synthesis of these various interpretations, architectural designers keep on proposing their own visions for this stylistic type, a universal symbol of mankind s capacity to impose itself on the land. Mondo verticale Vertical World Maurizio Vogliazzo* La popolazione del pianeta Terra, che poco dopo la fine della seconda guerra mondiale si aggirava attorno ai 2 miliardi di persone, al momento ammonta circa a 7 miliardi e 250 milioni. Anche se non ha senso dire al momento, visto il ritmo della crescita, valutabile soltanto in via teorica, secondo per secondo. Le conseguenze sono imprevedibili e di fatto incontrollabili. Ma ciò che da tempo è ben noto come irreversibile è il progressivo concentrarsi delle popolazioni nelle grandi aree urbane, dando luogo a continue mutazioni fra di loro poco comparabili, rendendo incerti e rapidamente obsoleti i numerosi modelli interpretativi che si sono susseguiti nel tempo. Mentre il consumo di suolo non conosce soste, come dimostrano gli indici in continua crescita della densità e dell abbandono, apparentemente opposti ma fra loro complementari. Al momento sul piano della geopolitica non paiono darsi strategie alle quali potersi affidare per far fronte in qualche modo ragionevole e sostenibile a questo insieme di accadimenti il cui unico comune carattere di fondo è quello di una estrema instabilità. Può essere interessante rilevare come, fra le tante conseguenze di questa situazione contemporanea priva di precedenti (per di più in ambiente globale ormai completamente ICT in mutamento inarrestabile), tutte le discipline volte alla previsione, alla regolazione e alla pianificazione o, come si usa dire di questi tempi, alla messa a punto di sistemi di governance, si trovino in uno stato di imbarazzata sofferenza. Non fanno eccezione quelle che dichiarano ancora di occuparsi degli assetti territoriali, pur avendo da tempo abbandonato la nozione tradizionale dell urbanistica, ben altrimenti fisica, per scivolare e infine essere incorporate nell alveo indistinto e dagli esiti ben poco palpabili delle politiche gestionali, delle tecniche negoziali, delle pratiche dell intermediazione. Con la confusione che ne deriva in termini operativi: una selva di prescrizioni, o meglio di piani (termine talmente abusato da avere ormai perduto ogni significato) dalla quale è impossibile districarsi, una sorta di folle e sterile tabella Excel, e questo proprio quando l indeterminatezza delle attuali condizioni richiederebbe il coraggio della sperimentazione e di un pensiero seriamente utopico. Assorbire l inesorabile aumento della densità demografica nelle grandi aree urbane e nel medesimo tempo cercare di contenere il consumo di suolo, evitando tra l altro il fenomeno tanto studiato (invano) e tanto deprecato dello sprawl, è un problema che induce a pensare che non ci siano altre soluzioni se non quella di una progressiva verticalizzazione, se così si può dire, degli insediamenti. Percorso per altro già ampiamente praticato, in scala ridotta (generalmente una ventina di piani al massimo) da almeno un secolo in Europa soprattutto, ma anche altrove, seguendo sia input di interessi meramente immobiliari, sia dettami di una urbanistica rozza, sia suggestioni di rovinose ideologie sociologiche, accompagnate spesso e volentieri da sollecitazioni tecnologiche prefabbricatorie palesemente insostenibili nel tempo. Con il risultato di dar luogo a periferie desolate, deprimenti, inaccettabili, e soprattutto non riscattabili in alcun modo, come dimostra la inagibilità delle molte proposte avanzate spesso e da varie parti. Nello stesso tempo è bene tentare qualche chiarimento in tema di verticalizzazione. Partendo per così dire dall alto, come l argomento suggerisce, si trovano i cosiddetti grattacieli, una famiglia ormai sterminata, per i quali è ancora sostanzialmente valida la nota definizione originaria compiutamente formulata già da Louis Sullivan a Chicago, finora mai contraddetta o integrata, salvo alcuni esperimenti di arricchimento funzionale, percentualmente nel complesso poco rilevanti. La loro destinazione d uso o, per meglio dire, la loro ragion d essere continua a riguardare soprattutto gli uffici e i servizi terziari delle varie generazioni che si sono susseguite, ivi comprendendo l ospitalità temporanea e il loisir metropolitano, a partire dal caso leggendario dell Athletic Club Manhattan per arrivare, esempio fra i tanti possibili, ai Giardini Pensili di Singapore. Questi manufatti hanno dato luogo a una forma urbis del tutto nuova e stupefacente. Una vera e propria città verticale, che agli occhi affascinati di Sinbad, il piccolo indimenticabile esploratore urbano uscito dal calamaio di Claude Bragdon, appare come una megalopoli fatta di fontane ghiacciate. Non sono più le avventure di Little Nemo a Slumberland, il paese dei sogni, disegnate anni prima dalla penna di Winsor McCay. Ora è un viaggio in un mondo reale, che la fantasia di un ragazzino percepisce come una magia straordinaria. La suggestione di questa immagine è potente, sarebbe certamente piaciuta a Bruno Munari, che ne avrebbe colto il prezioso contributo di metodo, visto che questa capacità di trasfigurazione poetica, un vero e proprio pensiero laterale, è davvero cosa ben poco diffusa oggi nella progettazione architettonica. Viene anche da pensare a quale formidabile ibridazione potrebbe dare luogo l enorme cupola geodetica pensata da Richard Buckminster Fuller per Midtown Manhattan: una porzione considerevole di questa città verticale incorporata in un macroambiente perfettamente controllato. Nel corso di ormai più di un secolo la vicenda dei grattacieli è punteggiata da una serie fittissima di episodi memorabili, tesi a inseguire condizioni al limite. Per tutti basta ricordare il mai realizzato (forse fortunatamente) grattacielo alto un miglio, pensato nel 1956 da Frank Lloyd Wright per Chicago: 528 piani, impiegati, posti per auto, piattaforme per 150 elicotteri. Un record di densità e concentrazione puntiforme, potenzialmente in grado di liberare una distesa di suolo sgarbatamente occupata da una edilizia diffusa prevalentemente mediocre od obsoleta; nel medesimo tempo una quantità di problemi logistici probabilmente insuperabili. Ma siamo negli Stati Uniti, in una fase di sviluppo mai più eguagliata, dove prendono corpo nuovi modelli di assetti territoriali at-

2 INDUSTRIARSI INDUSTRIOUSNESS tentamente sostenuti da nuove reti di infrastrutture: modelli parzialmente in crisi ma ancora largamente praticati e che comunque in larga misura costituiscono oggi il paesaggio delle aree metropolitane, ovunque esse si trovino. Con il passare del tempo, e in maniera sempre più accelerata dall inarrestabile diffusione dell ICT, nei paesi occidentali a sviluppo maturo, dopo la decimazione dei blue-collars, è tuttora in corso quella dei white-collars, o per lo meno una loro profonda trasformazione, con rilevanti cambiamenti in termini di collocazione territoriale e di morfologia dei luoghi di lavoro. Non per questo si deve pensare che il modello yankee di grattacielo venga abbandonato. Tutt altro: diventa anzi planetario, migrando nei paesi dove ora si registrano alti tassi di crescita, modificando radicalmente e, va detto, violentemente il paesaggio e l assetto fisico di più recenti ed enormi aree metropolitane. Notizie di superamento del record mondiale di altezza si susseguono rapidamente, provenendo da luoghi inconsueti. Ma le Manhattan non sono replicabili, né avrebbe senso il tentare di farlo. Prevalgono di conseguenza le intenzioni dimostrative, i desideri di affermazione e di riconoscimento, che si suppone possano realizzarsi replicando quello che più di ogni altra cosa per cent anni è stato considerato in qualche modo il simbolo di un grande potere: il grattacielo, appunto. Valga per tutti l esempio della BOC Tower di Hong Kong (all epoca ancora protettorato inglese), progettata da Ieoh Ming Pei, che fra il 1988 e il 1992 ha detenuto il primato del più alto edificio mai costruito fuori dagli Stati Uniti. Tuttavia la situazione rispetto a quegli anni non ancora lontani è poi radicalmente cambiata. Nelle sterminate aree urbane della Repubblica Popolare Cinese, i grattacieli si sono trasformati rapidamente in una vera e propria necessità, dovendo far fronte, da un lato, a inurbamenti massicci e, dall altro, all esplosione economica con l infinità di servizi e spazi che tutto ciò comporta. Sicché, con una certa cautela, si può dire che in questo caso è così venuta a configurarsi una sorta di nuova conformazione di città verticale, con caratteri propri, non facilmente decifrabili da occhi occidentali. Una situazione di estremo interesse, da non confondersi nella maniera più assoluta con gli exploits che si susseguono negli Emirati, i quali fungono essenzialmente da vessilli di potenza finanziaria e da richiamo immobiliare che, riducendo le architetture a una sorta di simulazione costruita, non si vede in quale maniera potranno mai dar luogo a formazioni urbane in qualche modo corrispondenti, e tanto meno adatte, a reali e importanti mutamenti sociali ormai poco differibili. Al di là della grande attenzione che va dedicata a tutti questi casi interessanti, e fra loro così differenti, di verticalizzazione, rimane il fatto che la loro reale incidenza per influire sulla condizione di stress globale che si darà sul nostro pianeta fra una quarantina di anni, quando la popolazione ammonterà a circa nove miliardi di persone, sei dei quali concentrati nelle grandi aree metropolitane, sarà generalmente molto limitata. Ma allora, che scenario ci si deve attendere? Distese sterminate di favelas, baraccopoli e via di seguito? Una sorta di inesorabile e divorante Città del Messico? Non certo comunque un revival di Mietskasernen sotto mentite spoglie, alte quaranta, cinquanta piani. E neppure una distesa di Suburbs in the Sky, la definizione dice tutto, spacciati come sostenibili per via di suggeriti intrecci con dotazioni vegetali verticali, come la Eco Town di Ken Yeang o come Cloud, pensata da MVRDV per Seoul. E tuttavia quanti sostengono di possedere le competenze per mettere a punto per tempo politiche opportune e conseguenti strategie e agende di interventi paiono curiosamente afasici e sterili sotto il profilo progettuale e propositivo, finendo col ridursi a cercare di inseguire quello che è già da tempo avvenuto, cincischiando nel frattempo con questioni di scarso rilievo. È chiaro che cercare soluzioni non azzardate è tutt altro che facile. Eppure questi problemi sono già stati affrontati diverse volte da parte dell architettura, per esempio attorno agli anni sessanta del secolo scorso dal movimento megastrutturalista, e segnatamente dagli architetti giapponesi del gruppo Metabolism, appassionatamente tesi a progettare e mettere a punto attentamente una ampia gamma di proposte che con il passare del tempo hanno ormai perduto ogni risvolto utopico, anche per quanto riguarda la tecnologia, trasformandosi in possibilità del tutto concrete, realizzabili, attuabili anche sotto il profilo economico, attente a salvaguardare ragionevolmente la natura dei valori urbani, considerati a ragione come irrinunciabili in una società che possa continuare a definirsi civile. Come dichiara appunto Fumihiko Maki (fondatore nel 1959 del gruppo, con Kurokawa, Kikutake e Otaka), nelle sue Investigations in Collective Form dando una delle decisive definizioni di megastruttura: una vasta intelaiatura dove sono ospitate tutte le funzioni di una città o di una parte di essa. L ha resa possibile la tecnologia contemporanea. In un certo senso, si tratta di un elemento artificiale del paesaggio. È come la grande collina sulla quale venivano edificate le città italiane. Difficile essere più chiari di così. Altrettanto difficile non condividere la definizione, e le intenzioni sottostanti. Oggi poi, nell era dell ICT, allora ancora lontana, sono disponibili nuovi potenti supporti. Delineando una sorta di megalopoli-paesaggio verticale ad alta qualità diffusa, questa direzione di ricerca e di progetto indicata da Metabolism sembra davvero l unica rimasta sul campo in grado di garantire una via d uscita sostenibile sotto ogni aspetto, dando forma, costruendo e sviluppando le condizioni di fondo necessarie a un ambiente diversamente organizzato, piacevole, dove poter condurre esistenze che possano definirsi tali. Ecco, per l ennesima volta, la prova che l architettura dimostra il suo ruolo davvero importante per la vita degli uomini. * Maurizio Vogliazzo, architetto, è professore ordinario di Progettazione Architettonica presso il Politecnico di Milano. Inoltre è titolare di History and Theory of 20th-century Italian Design presso la University College di Londra (UCL), visiting professor a Barcellona (ETSAB), Lisbona (FAUTL, UAL), Matosinhos (ESAD), Parigi (EHESS), Brisbane (QUT); è direttore di ricerca per CNR, MIUR, UE ed enti pubblici e privati. Già direttore del CRIFA (Politecnico Milano) e della Scuola estiva internazionale di Mantova, è coordinatore Erasmus dal Dirige ALAD Laboratories (Architecture&Land Ambient Design, Premiato in concorsi nazionali e internazionali, è autore di architetture realizzate e pubblicate. Ha esposto a New York, Chicago, Berlino, Parigi, Milano, Venezia. Membro di giurie nazionali e internazionali, è autore di articoli, saggi e libri, apparsi in Italia e all estero. 27

3 28 T he population of planet Earth, which was around two billion people at the end of the Second World War, has, at the moment, reached a total of approximately seven billion, two hundred and fifty million. Although it actually makes no sense to say at the moment, considering the rate at which it is growing that means it can only be estimated theoretically, second by second. The consequences are unpredictable and, in actual fact, uncontrollable. But what for some time now is known to be an irreversible phenomenon is the gradual concentration of populations in major urban areas, resulting in constant changes that cannot really be compared and making all the various interpretive models developed over the years distinctly uncertain and soon obsolete. Meanwhile land is being relentlessly used up, as demonstrated by the constantly increasing indexes of density and abandonment that may seem to be conflicting but are actually complementary to each other. At the moment there do not seem to be any geopolitical strategies that can be relied on to tackle this combination of events in a reasonable and sustainable manner. Events whose only underlying common denominator is their extreme instability. It might be interesting to note that, among all the various consequences of this current situation that is quite unprecedented (and, moreover, evolving in a totally ICT-dominated global environment undergoing unstoppable changes), all the various disciplines involved in forecasting, governing and planning or, as we now say, aimed at developing governance systems, find themselves in an embarrassingly awkward state. Those claiming to be involved in handling territorial layouts are no exception to this, although for some time now they have abandoned the traditional notion of town-planning (of a much more physical nature) and are sliding into and ultimately being engulfed in an indistinguishable quagmire of management policies, negotiation techniques and mediation practices, whose results are anything but tangible. This is inevitably leading to confusion on a practical level: a swarm of provisions or other plans (an expression that is so abused that it is now quite meaningless) that it is impossible to break free from, a kind of crazy and sterile Excel chart: at a time when the indeterminacy of the current state of affairs calls for the boldness to experiment and think along genuinely utopian lines. Absorbing the inevitable rise in population density in major urban areas and, at the same time, attempting to constrain the amount of land used up, significantly avoiding the much studied (in vain) and highly deplored phenomenon of sprawl, is an issue that makes us think that the gradual verticalization (if we might call it that) of settlements is the only solution. An approach that has already been widely practiced on a reduced scale (generally speaking about 20 urban plans at the most) for at least a century in Europe in particular, but also elsewhere, based on input from property-related interests or following the dictates of course urban planning or even destructive sociological ideologies, often drawing on prefabricated building technology that is clearly unsustainable over time. This has resulted in the creation of desolate, depressing, unacceptable and, above all, unredeemable suburbs, as demonstrated by the unfeasibility of all the various ideas proposed so often by so many different people. In the same time it is certainly worth clarifying certain matters regarding the issue of verticalization. Starting, so to speak, from the top (as the subject matter suggests), we have our so-called skyscrapers, an endless array of them, whose original definition fully explicated by Louis Sullivan in Chicago and as of yet never contradicted or supplemented, except for the odd functional consideration of very little relevance in percentage terms is still basically valid. Their purpose or, rather, their reason for being is still connected with various generations of offices and services, including temporary hospitality and inner-city leisure, starting with the legendary case of the Manhattan Athletic Club and extending to include, among the numerous possible examples, to the Hanging Gardens of Singapore. These constructions have resulted in a totally new and astounding kind of urban form. Authentic vertical cities, which, in the startled eyes of Sinbad, Claude Bragdon s unforgettable little urban explorer, look like megalopolises made of frozen fountains. We are no longer talking about the adventures of Little Nemo in Slumberland, a kind of dreamland drawn so skillfully by Winsor McCay many years ago. It is now a journey through the real world, which a young boy s imagination sees as some kind of extraordinary magic. This is an extremely powerful image that would certainly have been appreciated by Bruno Munari, who would certainly have realized its invaluable contribution in terms of method, bearing in mind that this capacity for poetic transfiguration, authentic lateral thinking, is rarely found in architectural design nowadays. We cannot help imagining what kind of hybrid form could be created from the gigantic geodetic dome designed by Richard Buckminster Fuller for Midtown Manhattan: a considerable portion of this vertical city incorporated in a carefully controlled macro-environment. For over a century now the history of skyscrapers contains a whole array of memorable episodes in the quest to reach their limits: first and foremost the never actually constructed (perhaps fortunately) mile high skyscraper designed by Frank Lloyd Wright for Chicago in Five hundred and twenty-eight floors, a hundred thousand staff, room for fifteen thousand cars, landing pads for one hundred and fifty helicopters. A record in terms of density and concentration, potentially capable of freeing up a large expanse of land so ungraciously taken up by predominantly mediocre and obsolete buildings; but also a huge number of logistic issues that probably could not be dealt with. But we are talking about the United States during a period of unparalleled growth, when new territorial organiza-

4 tion models took shape carefully supported by new networks of infrastructures: models now partly in jeopardy but still widely implemented and which, nevertheless, now largely constitute the landscape of metropolitan areas everywhere. As time has gone by and on an increasingly rapid basis due to the unstoppable spread of ICT, the decimation of blue-collar workers in fully developed Western countries is now being followed by the elimination (or, at least, profound transformation) of white-collar workers with radical changes in terms of the territorial location and morphology of workplaces. This should not fool us into thinking that the Yankee model of skyscrapers is being abandoned. On the contrary: it is now taking on a planetary scale, migrating to those countries currently experiencing the highest growth rates, radically modifying and, it needs to be said, violently altering the physical layout and landscape of more recent, gigantic metropolitan areas. News about new records in terms of height are coming from the most unusual places at a startling rate. But Manhattan cannot be copied, neither would it make any sense to try and do so. This means that everything is now deliberately demonstrative, striving to make a mark or gain recognition, which is assumed to be achievable by copying what has, more than anything else over the last hundred years, been considered in some sense to be the ultimate symbol of a great power: the skyscraper. Exemplary in this respect is BOC Tower in Hong Kong (at the time still under British rule) designed by Ieoh Ming Pei, which from held the record for the tallest building ever constructed outside the United States. Nevertheless the situation has radically changed compared to back then, even though that was not so long ago. Skyscrapers have rapidly become an authentic necessity in the boundless urban areas of the People s Republic of China, as the country strives to get to grips with, on one hand, the masses of people flowing into the nation s cities and, on the other, an economic boom inevitably requiring an endless array of services and spaces. This means we can rather cautiously claim that, in this instance, a sort of new configuration of the vertical city has come about with its own distinctive traits that our Western eyes struggle to decipher. An extremely interesting situation that must in no way be confused with the exploits going on in the Emirates, whose constructions are basically vessels of financial power and real-estate appeal. It is hard to imagine how, by reducing architecture to a kind of built simulation, they will be able to create urban layouts in any way corresponding to or adapted to those real and important social changes that cannot be put off any longer. Apart from the considerable attention devoted to these interesting and all very different cases of verticalization, the fact remains that their real capacity to influence the amount of global stress our planet will be subjected to in about forty years time when its population will be approximately nine billion people, six billion of whom concentrated in major metropolitan areas, will, generally speaking, be rather constrained. So what kind of scenario can we actually expect? Boundless expanses of favelas, shanty towns etc.? Some sort of relentless, all-consuming Mexico City? Certainly not a revival in Mietskasernen in disguise that are forty or fifty stories high. Neither will there be an expanse of Suburbs in the Sky, the name says it all, passed off as sustainable due to some suggestive intertwining of vertical vegetation, like for instance Ken Yeang s Eco Town or Cloud devised by MVRDV for the city of Seoul. And yet all those people who claim to have the skill and expertise required to duly develop suitable policies and subsequent strategies and agendas of projects seem to be strangely aphasic and sterile from a design/project viewpoint, ultimately ending up merely trying to follow what has already happened some time ago, in the meantime dillydallying over highly insignificant issues. Obviously coming up with solutions that are not reckless is anything but easy. But these issues have already been tackled on several occasions by architecture, for example back in the 1960s by the mega-structuralist movement and, most notably, by Japanese architects from the Metabolism group, who passionately set about carefully designing and developing a wide range of solutions, which, as time has gone by, have lost all their utopian implications, even as regards technology, turning into genuinely feasible possibilities that could actually be constructed even from a financial viewpoint, while carefully safeguarding (as is only reasonable) the true nature of urban values, which are rightly considered to be so essential for a society that wants to carry on describing itself as civil. As Fumihiko Maki (the group s founder back in 1959 together with Kurokawa, Kikutake and Otaka) wrote in his Investigations in Collective Form providing one of the most incisive definitions of a mega-structure: a vast framework accommodating all the functions of a city or part of it. This is been made possible by modern-day technology. In some sense it is an artificial part of the landscape. It is like those big hills on which Italian cities were once built. Nothing could be clearer than that. And it is hard not to agree with this definition and what it entails. And then nowadays in the age of ICT, a distant prospect back then, powerful new means are now available. By outlining a sort of diffused high-quality vertical landscape-megalopolis, this line of experimentation and design proposed by Metabolism really does seem to be the only means left for guaranteeing a sustainable way out in every respect, giving shape to, contriving and developing the underlying conditions required for an environment organized in a different and more pleasurable way, where people can live lives worthy of that name. Here, yet again, we have proof that architecture has a genuinely important role to play in people s lives. * Maurizio Vogliazzo is an Architect and Full Professor of Architectural Design at Milan Polytechnic. He also holds a chair in the History and Theory of 20th-century Italian Design at University College London (UCL) and is a Visiting Professor in Barcelona (ETSAB), Lisbon (FAUTL, UAL), Matosinhos (ESAD), Paris (EHESS) and Brisbane (QUT); he is the Head of Research for CNR, MIUR, UE and other private/public bodies. Head of CRIFA (Milan Polytechnic) and the Mantua Summer School, he has also been an Erasmus Coordinator since He is also in charge of ALAD Laboratories (Architecture&Land Ambient Design, The winner of both national and international competitions, his works of architecture had been constructed and published. His work has been displayed in New York, Chicago, Berlin, Paris, Milan, Venice. He is a frequent member of both national and international panels of judges and the author of articles, essays and books published in Italy and abroad. 29

5 Altezze fiabesche Fairy-Tale Heights Stoccolma, il Castello Spröjs Stockholm, Spröjs Castle Progetto di Visiondivision Project by Visiondivision 30

6 INDUSTRIARSI INDUSTRIOUSNESS 31

7 32 Nel 2008 Anders Berensson e Ulf Mejergren, fondatori del gruppo Visiondivision a Stoccolma, hanno stupito la stampa internazionale con l audace progetto di Tornado Tower. Una torre a forma di tornado, autosufficiente in termini di produzione energetica, che include tra gli altri un maestoso teatro e servizi commerciali e residenziali, presentata in concorso a Taipei, Taiwan, ma scartata perché considerata troppo pionieristica. A distanza di pochi anni, gli autori, abili nel mescolare design, ingegneristica, sostenibilità e appeal immaginifico applicato all architettura, per rilanciare l immagine di Stoccolma e risolvere la problematica di carenza di residenze della città, hanno proposto un progetto tecnofiabesco, il Castello Spröjs, flottante su un isola collegata al centro della città da un ponte, che rende possibile combinare una serie di torri modulari in un unica grande struttura con differenti soluzioni di layout. Stoccolma, che nel 2010 è stata capitale verde d Europa, è nota per i suoi progetti di architettura e design sostenibile. Questa incantevole città sospesa sull acqua, e non a caso chiamata la Venezia del Nord, negli ultimi anni ha investito molto nell architettura contemporanea per rifarsi il look e richiamare più turismo internazionale. Tra le proposte più interessanti, il progetto Under Bridge (2014), presentato sempre dal gruppo Visiondivision, che sfrutta il sistema di ponti caratteristico della capitale svedese. Stoccolma, infatti, si estende su piccole isole, che separano il centro dalla periferia dove i ponti assumono una funzione primaria di collegamento tra i diversi quartieri della città. Il progetto Under Bridge consiste nella pedonalizzazione del più importante ponte della città, il Tranebergsbron, risalente al 1934, che collega l isola Kungsholmen ai quartieri occidentali, attualmente attraversato dalle macchine, trasformandolo in un nevralgico passaggio pedonale e in una galleria d arte con cinema all aperto: un centro vitale e di cultura al servizio del cittadino. Ma Stoccolma è anche la città dei castelli, tra cui il famoso Drottningholm, residenza reale del XVII secolo e dimora ufficiale della famiglia reale dal 1981, detto la Versailles del Nord, dichiarato Patrimonio dell Umanità da parte dell Unesco. E chissà che nel 2020 non sorga dall acqua il visionario e fiabesco Castello Spröjs, un assemblaggio di torri di diversa altezza che modificherà radicalmente lo skyline della città. La proposta di Visiondivision si propone come una soluzione architettonica per contenere in un unico spazio il concept di una città polifunzionale e autonoma dal centro, puntando sull impatto scenografico e su un design tecno-dreamcreativo, possibile grazie alle nuove tecniche costruttive. Il castello invita a riflettere sul cambiamento di atteggiamento del verticalismo, che in questo caso non punta sul modello modernista del grattacielo americano, ma guarda a un passato leggendario, rielaborando gli stilemi dell immaginario collettivo in stile Walt Disney. Il verticalismo più o meno eco-sostenibile, qui si spinge oltre e ancora una volta prevede uno sforzo ingegneristico di progettazione, possibile grazie alle tecnologie sostenibili. Il verticalismo in chiave fantasy nell età dell ecologia prevede un architettura più legata all immaginazione che ai modelli modernisti-funzionalisti del Novecento, più evocativa, monumentale e scenografica, che si pone con la natura in un rapporto non di diversità, bensì di integrazione. Anche la creatività può interagire con l ingegneria green, come dimostra questo castello sorprendente, da interpretare non secondo i canoni di un verticalismo di facciata rivestito con forme più o meno organiche, ma come ritorno strutturaleformale a prototipi del passato declinati in chiave fantasy ed edificati su canoni post-funzionalisti dalle intenzioni emozionali.

8 Rendering del Castello Spröjs e del nuovo skyline di Stoccolma. Rendering of the Spröjs Castle and the new Stockholm s skyline. 33

9 34 Vista notturna del castello e, pagina a fianco, particolare delle torri. Nighttime view of the castle and, opposite page, detail of the towers. Anders Berensson and Ulf Mejergren, the founders of the Visiondivision team based in Stockholm, astounded the international press in 2008 with their bold Tornado Tower project. A tornado-shaped tower that is self-sufficient in terms of energy generation, incorporating, amongst other things, a magnificent theater and commercial-residential facilities. The project was entered in a competition in Taipei, Taiwan, but was rejected because it was considered to be too pioneering. Just a few years later, the architects, who are extremely clever at combining design, engineering, sustainability and visual appeal applied to architecture, have come up with a technical/fairy tale-style project to revamp Stockholm s image and solve the issue of housing shortages in the city. Spröjs Castle, floating on an island connected to the city center by a bridge, makes it possible to integrate a set of modular towers into one giant structure with various different layouts. Stockholm, which was the green capital of Europe in 2010, is renowned for its sustainable architecture and design projects. This charming city suspended above water and, hardly surprisingly, known as the Venice of the North, has invested heavily in modern-day architecture over recent years to revamp its look and attract even more international tourism. Among the most interesting projects, the Under Bridge project (2014), again designed by the Visiondivision team, which exploits the system of bridges found in the Swedish capital. Stockholm actually extends across small islands separating the city center from the suburbs, where the bridges serve the primary purpose of connecting together the city s various different neighborhoods. The Under Bridge project involves pedestrianizing the city s most important bridge, Tranebergsbron Bridge, dating back to 1934, which connects Kungsholmen Island to the Western quarters, currently open to road traffic, transforming it into a key pedestrian way and art gallery with an outdoor cinema: a vibrant cultural center serving the city s inhabitants. But Stockholm is also a city of castles including famous Drottningholm Castle, a royal residence ever since the 17th century and the official home of the Royal family since 1981, also known as Versailles of the North and a UNESCO World Heritage site. And who knows, may be visionary, fairy tale-like Spröjs Castle will emerge from the water in 2020 in a combination of towers of various different heights that will radically alter the city skyline. Visiondivision s project is an architectural means of incorporating in one single space the concept of a multifunctional city, independent from the main center, focusing on visual impact and creative-techno-dream design made possible by the latest building techniques. The castle invites us to think about a change in attitude towards vertical design, which, in this case, does not focus on the modernist model of the American skyscraper but rather harks towards a legendary past by reworking the stylistic features of the Walt Disney style embedded in our collective psyche. More or less eco-sustainable verticalism is taken even further here and, once again, calls for the kind of cutting-edge engineering design made possible by sustainable technology. Fantasy-style verticalism in the age of ecology envisages architecture more closely tied to the imagination rather than more striking, monumental and visually-impacting 20th-century modernist-functionalist models, interacting with nature not in terms of diversity but rather integration. Creativity can indeed interact with green engineering, as demonstrated by this striking castle that needs to be interpreted not along the lines of superficial verticalism clad in more or less organic forms, but rather as a structural-formal return to the prototypes of the past interpreted with greater imagination and constructed along more emotional post-functionalist lines.

10 35

11 36

12 Stoccolma è costituita essenzialmente da isolati con cortili interni, che non vengono sfruttati a pieno. Questo progetto mira a cambiare le regole edilizie per i cortili per consentire sperimentazioni senza limite di altezza che saranno in grado di risolvere la grave carenza di abitazioni che affligge Stoccolma. Stockholm consists chiefly of blocks with inner courtyards, yards that are not used to their full potential. This project aims to change the planning regulations for the courtyards to allow a no limit height experimentation that will be able to solve the dire lack of housing that Stockholm faces. 37

13 Torri schierate Array Of Towers Ras Al Khaimah, Città Verticale Ras Al Khaimah, Vertical City Progetto di Helmut Jahn Project by Helmut Jahn 38 Ras Al Khaimah è tra i luoghi più affascinanti dei sette Emirati Arabi Uniti, in via di trasformazione urbanistica e architettonica, in bilico tra innovazione, tradizione e svolta eco-sostenibile, situato all imbocco del Golfo d Arabia. A seguito di una rapida crescita demografica e al miglioramento delle infrastrutture del turismo, negli ultimi anni, la città sta attuando ambiziose iniziative di pianificazione e di restyling del look all insegna del verticalismo e della sostenibilità ambientale. Tra i segni più evidenti di una Città che sale, basta uno sguardo ai progetti per la nuova Gateway City, a 35 chilometri dalla Città Vecchia e facilmente raggiungibile dall Aeroporto Internazionale di Ras Al Khaimah e dalla Emirates Highway che collega Dubai ad Abu Dhabi, due centri nevralgici della movida araba. Il master plan per la nuova RAK Gateway City è pensato per una popolazione di abitanti in un contesto confortevole e pedonale dotato di infrastrutture all avanguardia. Caratterizzerà quest area la Vertical City, perfettamente integrata con il tessuto urbano di questa nuova città nata in poco tempo dal deserto e innovativa non soltanto dal punto di vista formale, ma anche strutturale e funzionale. La torre più alta del complesso farà capolino da tutti i lati della città, con la sua spirale multifunzionale alta 800 metri. Questa torre iconica e totemica, di forte impatto scenografico, diventerà l elemento distintivo della Gateway City, con servizi commerciali, uffici, hotel, residenze e spazi di lusso all ultimo piano, da dove si godrà un panorama mozzafiato sul Golfo Persico. Le altre nove torri materializzano innovativi concept strutturali-ingegneristici eco-sostenibili che prevedono un trasporto verticale e ingegneria green. Al contrario di altre città verticali, comuni nel Medio Oriente, questa si distinguerà non tanto per la sua forma, ma per l impiego di materiali innovativi e sostenibili, poiché sarà la prima a mirare all integrazione di architetturaingegneria e tecnologia naturale e a sperimentare energia prodotta con il sole, la luce, il vento, l acqua e non con macchinari sofisticati. Funzionalismo e sostenibilità saranno le caratteristiche fondamentali della nuova Vertical City, che potrebbe assurgere a modello architettonico anche per gli altri Emirati Arabi. Le strade e i porticati si interfacceranno direttamente con l infrastruttura, così i sistemi di trasporto e le vie pedonali all interno di Vertical City faciliteranno il transito da un punto all altro. Le coperture leggere in tessuto, un omaggio alla cultura nomadica locale, produrranno ombra, protezione dal sole e riparo dai venti e dalle occasionali piogge. Sul piano formale sarà interessante la contrapposizione tra le torri più alte e gli edifici più bassi, che ospiteranno i parcheggi e gli accessi ai servizi, aperti su ampi spazi pedonali. Dal master plan è chiaro che non si tratta della solita foresta di torri ascensionali di diversa grandezza, ma di un progetto più strutturato e unitario, progettato come una sinfonia di architetture mai tentata prima in Medio Oriente. E infatti, la stessa momentanea interruzione del progetto per motivi finanziari testimonia come gli Emirati Arabi non siano ancora pronti per raggiungere tali altezze e una tale simbiosi tra architettura, ingegneria e sostenibilità. Schizzo concettuale e, nella pagina a fianco, modello della Vertical City, asse centrale di Gateway City. Concept sketch and, opposite page, model of the Vertical City, the central axis of Gateway City.

14 INDUSTRIARSI INDUSTRIOUSNESS 39

15 40 Schizzo per lo studio dell incidenza delle ombre sulle facciate delle varie torri del complesso. Sketch for the study of the shades incidence on the facades of the complex of towers. Ras Al Khaimah is one of the most fascinating of the seven United Arab Emirates that is currently undergoing urban-architectural transformation on the cusp between innovation, tradition and a turn towards eco-sustainability. It is situated at the mouth of the Arabian Gulf. Following a boom in the population and improvements in tourist infrastructures, over the last few years the city has been undertaking ambitious planning and image-making operations in the name of verticalism and environmental sustainability. One of the most striking symbols of a City that is rising upwards is the series of projects for the new Gateway City, just 35 km away from the Old City that can easily be reached from Ras Al Khaimah International Airport and Emirates Highway connecting Dubai to Abu Dhabi, two of the nerve centers of Arabian night/society life. The master plan for new RAK Gateway City is designed for a population of 220,000 in a comfortable, pedestrian setting equipped with cutting-edge infrastructures. One of the distinctive features of this area is Vertical City, perfectly knit into the urban fabric of this new city that has been created in a very short period of time out in the desert and is extremely innovative not just from a formal but also a structural and functional viewpoint. The highest tower in the complex will be visible from all over the city with its 800-meter-tall multipurpose spiral. This iconic and highly visually striking tower will become the most distinctive trait of Gateway City, offering commercial facilities, offices, hotels, housing and luxury spaces upon the top floor, which offers breath-taking views across the Persian Gulf. The other nine towers will give material form to innovative eco-sustainable structural-engineering

16 concepts involving vertical transportation and green engineering. In contrast with other Vertical Cities found throughout the Middle East, this city will not stand out so much for its form as for the use of innovative and sustainable materials, because it will be the first to attempt to integrate architecture-engineering with natural technology and experiment with solar, light, wind and water power and not just sophisticated machinery. Functionalism and sustainability will be the key features of new Vertical City, which could set the architectural benchmark for the other Arab Emirates. The roads and colonnades will interface directly with the main infrastructure, and new transport systems and pedestrian parts will make it easier to move from one point to another. The lightweight roofs made of fabric as a tribute to local nomadic culture will create shade, protection against the sunshine and shelter from the winds and occasional rainfall. On a stylistic level there will be an interesting contrast between the tallest towers and lower buildings accommodating the parking facilities and entrances to the various services opening onto spacious pedestrian areas. The master plan clearly shows that this is not the usual forest of upward-thrusting towers of various heights and sizes, but rather a more carefully structured and unitary project designed according to a symphony of architectural works never previously tested out in the Middle East. And even the fact that the project has momentarily been interrupted for financial reasons shows that the Arab Emirates still are not ready to achieve these heights or this kind of symbiosis between architecture, engineering and sustainability. 41

17 42

18 L elemento centrale della Gateway City sarà una torre polifunzionale alta 800 m. Central element of Gateway City will be a multifunctional 800-m high tower. 43

19 Rendering della Vertical City, immaginata come riflesso contemporaneo dello skyline di Chicago. Rendering of Vertical City, imagined as the contemporary reflection of Chicago skyline. 44

20 45

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

PRESTIGIOUS VILLAS. 1201 beverly hills - los angeles

PRESTIGIOUS VILLAS. 1201 beverly hills - los angeles OLIVIERI Azienda dinamica giovane, orientata al design metropolitano, da più di 80 anni produce mobili per la zona giorno e notte con cura artigianale. Da sempre i progetti Olivieri nascono dalla volontà

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura:

trovando in loro, veramente ma non pomposamente, le leggi principali della nostra natura: From : The principal object - To : notions in simple and unelaborated expressions. The principal object, then, proposed in these Poems was to choose incidents L oggetto principale, poi, proposto in queste

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente.

Solar Impulse Revillard Rezo.ch. Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. Solar Impulse Revillard Rezo.ch Vivere il nostro pianeta senza esaurirne le risorse? Naturalmente. La visione di ABB ABB è orgogliosa della sua alleanza tecnologica e innovativa con Solar Impulse, l aereo

Dettagli

ORIENT. Italian design made in Emirates. your style, your bathroom

ORIENT. Italian design made in Emirates. your style, your bathroom ORIENT ORIENT Italian design made in Emirates your style, your bathroom ORIENT Orient, collezione tradizionale, dal design morbido e semplice si adatta perfettamente a qualsiasi bagno. Facile ed immediata

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi

Conjugate: prendere ammirare camminare entrare visitare sedersi divertirsi The IMPERFECT is used to express an action that took place in the past but whose duration cannot be specified. Its endings are identical in all three conjugations. io tu lui/lei noi voi loro -vo -vi -va

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Kaba PAS - Pubblic Access Solution

Kaba PAS - Pubblic Access Solution Kaba PAS - Pubblic Access Solution Fondata nel 1950, Gallenschütz, oggi Kaba Pubblic Access Solution, ha sviluppato, prodotto e venduto per oltre 30 anni soluzioni per varchi di sicurezza automatici. Oggi

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

La via del acqua e del sole The Way of The Sea and The Sun

La via del acqua e del sole The Way of The Sea and The Sun La via dell acqua e del sole The Way of The Sea and The Sun ABRUZZO La via dell acqua e del sole The Way of The Sea and The sun 133 chilometri di costa, lungo la quale si alternano arenili di sabbia dorata

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori

Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori Scegliere la sostenibilità: decisioni e decisori Claudio Cecchi Lezioni di Ecoomia del Turismo Roma, 26 novembre 2012 Dall agire al governo delle azioni nella sostenibilità I soggetti che agiscono Individui

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING

Politecnico di Milano Scuola Master Fratelli Pesenti CONSTRUCTION INNOVATION SUSTAINABILITY ENGINEERING Innovazione nei contenuti e nelle modalità della formazione: il BIM per l integrazione dei diversi aspetti progettuali e oltre gli aspetti manageriali, gestionali, progettuali e costruttivi con strumento

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati

Lezione 20: Strutture di controllo di robot. avanzati Robotica Mobile Lezione 20: Strutture di controllo di robot Come costruire un architettura BARCS L architettura BARCS Behavioural Architecture Robot Control System Strategie Strategie Obiettivi Obiettivi

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW

ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW Technical-scientific seminar on Analysis and design of tall building structures University of Patras 16 May 214 h. 11:-18: ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW OFFICE BUILDING IN MILAN (21-214) Structural

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS

LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS LEZIONE 4: PRESENT SIMPLE / PRESENT CONTINUOUS TEMPO PRESENTE In italiano non vi sono differenze particolari tra le due frasi: MANGIO UNA MELA e STO MANGIANDO UNA MELA Entrambe le frasi si possono riferire

Dettagli

LA DIFFERENZA È NECTA

LA DIFFERENZA È NECTA LA DIFFERENZA È NECTA SOLUZIONI BREVETTATE PER UNA BEVANDA PERFETTA Gruppo Caffè Z4000 in versione singolo o doppio espresso Tecnologia Sigma per bevande fresh brew Dispositivo Dual Cup per scegliere il

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCO PROF SE 2 SeccoProf, SeccoProf EL, SeccoUltra, SeccoMust Tolgono l umidità dappertutto Removing humidity everywhere Un intera gamma professionale

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS

E INNOVAZIONE EFFICIENZA AND INNOVATION EFFICIENCY PER CRESCERE IN EDEFFICACIA TO GROW IN AND EFFECTIVENESS Una società certificata di qualità UNI EN ISO 9001-2000 per: Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza per l accesso ai programmi di finanziamento europei, nazionali e regionali. FIT Consulting

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual.

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual. MANUALE CASALINI M10 A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even people who come from the same brand

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli