Sistema dei controlli interni e g estione dei risch i

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistema dei controlli interni e g estione dei risch i"

Transcript

1 Associazione Amici della Scuola Normale Superiore Pisa Istituto Italiano deg li Attuari M. D e F elice F. M oriconi Sistema dei controlli interni e g estione dei risch i C onsiderazioni in marg ine alla circolare / D dell ISV AP ANIA M ilano, 2 3 feb b raio

2 Indirizzo degli autori Massimo De Felice Dip artimen to d i S cien ze A ttu ariali e Fin an ziarie U n iv ersità d i R oma L a S ap ien za V ia N omen tan a, R oma massimo.d u n iroma1.it Fran co Moricon i Dip artimen to d i E con omia, Fin an za, S tatistica U n iv ersità d i P eru g ia V ia A. P ascoli, P eru g ia moricon u n ip g.it C op y rig h t c b y M. De Felice, F. Moricon i. È v ietata la rip rod u zion e, an ch e p arziale, con q u alsiasi mezzo eff ettu ata, comp resa la fotocop ia, an ch e a u so in tern o o d id attico, n on au torizzata.

3 INDICE DEGLI ARGOMENTI Preambolo Una svolta nella governance dell assicurazione.1 1 L a C ircolare IS V A P del 3 0 dicem bre I documenti di riferimento. Punti di partenza. Le affermazioni di principio. Questioni tecniche e di tecnolog ia. La C ircolare 5 7 7, le imprese di assicurazione. 2 L e grandezze da defi nire, com e eff ettuare i calcoli.1 1 I report per rispondere alla C ircolare. La fi liera dei v alori. La prob ab ilità entra nel b ilancio. R appresentazione asset-liab ility del portafog lio. La fair v aluation. V alutazione mark ed-to-model. R appresentazioni del prezzo. A spettativ e naturali e risk -neutral. N el caso di indipendenza. Il surplus. Importanza di un modello g enerale e coerente di v alutazione. La solv ib ilità. La massima perdita potenziale nella log ica di b ilancio. E uropean E mb edded V alue Principles (in assicurazione v ita). D are forma alla misura di rischio. R elazione con la log ica della riserv a. Il tutto dalle parti (analisi elementare, ag g reg azione, allocazione del capitale assorb ito). Il costo del risk capital. 3 A spetti particolari del controllo.3 1 La rappresentazione formale delle prestazioni v ita. L ipotesi di indipendenza. Possib ili approcci alla fair v aluation dei pay off tecnici. R isk capital di tasso. R isk capital di riscatto, di mortalità. La rappresentazione formale delle liab ility danni. U na struttura tipica dei dati. R isk capital di riserv a. E ffetti della riassicurazione. R isk capital di premio. Il modello di riferimento per il rischio di tasso. Potenzialità e cautele nell utilizzazione del modello (funzioni di densità risk neutral, densità naturale v s densità risk neutral, considerare la v olatilità, un modo potente per descriv ere il mercato, attenzione allo stress test con shift parallelo, log iche di netting ). C ontrollare il rischio di credito. S ul rischio operativ o. 4 L a form a tecnologica del sistem a di controllo interno.5 8 Il modello stocastico, l alta tecnolog ia. D ati, alg oritmi, defi nizioni. D are forma al sistema di controllo interno. S ulla trasparenza deg li alg oritmi. D ata sy stem e cultura d impresa. R iferimen ti bibliog rafi ci

4 Preambolo Una svolta nella governance dell assicurazione Con la circolare 577 sulle disposizioni in materia di sistema dei controlli interni e g estione dei risch i l IS V A P h a prestato un g rande serv i- g io di consulenza alle imprese di assicurazione e al mercato, perch é con l autorev olezza della v ig ilanza h a imposto la diff usione della cultura del risch io, e ne h a indicato principî, modi e mezzi. S e le modalità attuativ e manterranno la q ualità e il rig ore delle premesse, le imprese per ottemperare alla v ig ilanza si trov eranno a disporre di un sistema di alta q ualità g estionale da utilizzare per le scelte strateg ich e e nell attiv ità del g iornoper-g iorno, ch e mig liorerà il controllo del business e produrrà creazione di v alore. D altra parte la Circolare seg na una sv olta tecnica ineludib ile in riferimento al q uadro reg olamentare europeo su S o lv enc y e IA S nella go verna nce dell assicurazione v ita e danni: rig uardo ai metodi di calcolo della risch iosità, per il ruolo riconosciuto ai sistemi informatici, per l org anizzazione delle responsab ilità. S ull a d egua tezza d ei ca lco li Il punto di sv olta è seg nato dalla Circolare g ià nell articolo 1 : i calcoli in v ia semplifi cata utilizzati nelle prassi della v ig ilanza prudenziale non sono in g rado da soli di assicurare uno sv iluppo eq uilib rato dell impresa, perciò è necessario utilizzare nuov e e più rob uste tecnich e. P er realizzare la sv olta, i div ersi risch i in particolare il risch io di mercato, il risch io di credito e il risch io operativ o v anno misurati con l ammontare della perdita massima potenziale (articolo 1 5, comma 2 ), av endo a riferimento la v isione integ rata delle attiv ità e delle passiv ità di b ilancio (comma 4 ). N el processo di controllo dei risch i q uindi, dov endo calcolare la perdita potenziale, non si può fare a meno delle distrib uzioni di prob ab ilità dei v alori futuri, ch e div entano anzi il mezzo per determinare e g iustifi care alcune poste rilev anti del b ilancio corrente: il fa ir va lue delle attiv ità e delle passiv ità, il v a lue-o f-business-in-fo rce, il surp lus, il capitale assorb ito dag li aff ari, il v alore creato, il capitale lib ero. In q uesto senso la redazione e la lettura del b ilancio h anno b isog no di nuov e log ich e; e, se sintetizzato in g rafi ca, il b ilancio assume una nuov a forma, colleg ata al futuro tramite la prob ab ilità. M olti concetti a Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

5 esempio la reputazione dell impresa, altrimenti reclusi nell ambito qualitativo, acquistano dimensione quantitativa, hanno un ruolo negli algoritmi di valutazione e possono essere discussi perciò nell impresa e col mercato in modo più oggettivo, ponendo, con la forza del calcolo, limiti alla retorica. Il concetto di perdita massima potenziale è emblematico: misura il capitale assorbito dal business (il risk capital), quindi entra nel dibattito sulla sovra o sotto capitalizzazione d impresa, determina il costo del capitale per l azionista, pesa sulla valutazione del valore creato, quindi sugli indici di redditività che non possono che essere in questo senso risk adjusted. Inoltre, confrontato col margine di solvibilità regolamentare, consente di calcolare il costo (positivo o negativo) della regolamentazione. D altra parte la perdita massima potenziale è definita in riferimento al livello di tolleranza al rischio e collegata alla reputazione dell impresa per le imprese quotate al rating, quindi è anche mezzo effi cace che l impresa ha per giudicare se stessa e per discutere col mercato che giudica l impresa. È importante segnalare, com è fatto all articolo 15 comma 4, che nel calcolo e nel controllo del capitale assorbito, oltre alle distribuzioni di probabilità entrano le correlazioni tra i rischi delle diverse linee di business, perché i rischi non si possono comporre per somma algebrica, e bisogna considerare per la loro corretta comprensione e gestione le interrelazioni, anche quelle che derivano dal mancato equilibrio tra attività e passività ; inoltre è essenziale considerare che i processi di individuazione e valutazione dei rischi vanno effettuati su base continuativa, per tener conto delle modifiche nella natura e dimensione degli affari e nel contesto di mercato (comma 5). Il sistem a inform atico L a complessità dei calcoli necessari per misurare adeguatamente i rischi e il bisogno di misurazioni tempestive, per esercitare il controllo continuo, richiedono sistemi informatici a alta tecnologia, che garantiscano anche la qualità dei dati, dei fl ussi informativi e dei canali di comunicazione (art. 10 ). L a cultura del rischio ha come prerequisito operativo quindi la cultura dei dati e dei processi di calcolo : il sistema di controllo deve poter utilizzare informazioni accurate, complete, tempestive, coerenti, trasparenti, pertinenti (com è prescritto al comma 2), ma soprattutto formalizzate in modo da poter essere input degli algoritmi di misurazione; inoltre il sistema deve essere altamente integrato (comma 10.7), cioè deve essere unica la logica della valutazione, per valutare coe- Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

6 rentemente l attivo e il passivo insieme. Ne consegue che in questo ambito la pratica dei fogli elettronici, della programmazione debole e creativa va accantonata; e la system integration che integri sistemi specializzati separatamente nel trattamento degli attivi e dei passivi non può ridursi a curare l efficienza informatica, ma deve poter garantire la coerenza tra metodi e tecniche di valutazione cui vengono assoggettati i due lati del bilancio. Altrimenti i pericoli diventano certezze letali: un sistema incoerente vale una bussola impazzita; e allora come insegna la saggezza dei navigatori è meglio farne a meno e seguir le stelle. R esponsabilità e cultura del controllo D altra parte la Circolare pone in primo piano la qualità del sistema di calcolo, anche in termini di responsabilità (art. 4 e art. 6 ); e l importanza della coerenza metodologica e della validazione dei dati, in input agli algoritmi. Sono Consiglio di amministrazione e Alta direzione che garantiscono della costante completezza, funzionalità e efficacia e adeguatezza degli strumenti di controllo, anche se utilizzati in outsourcing; è la funzione di risk management indipendente da funzioni operative che concorre alla definizione delle metodologie e che valida i flussi informativi necessari al tempestivo controllo (art. 17). Anche agli obblighi e alla responsabilità dell aggiornamento professionale (posti dalla Circolare all art. 12) si può ottemperare per via tecnologica, con l ausilio del sistema, se il sistema è di qualità alta. Alcune esperienze hanno mostrato come un sistema a alta tecnologia oltre che strumento di gestione può essere strumento di formazione continua, per imparare in modo guidato, facendo, guardando all opera sui dati dell impresa gli algoritmi, ragionando sulle formule passo-passo, per vedere in diretta gli input che si trasformano in risultati. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

7 La circolare ISVAP 577 del 30 dicembre 2005 I documenti di riferimento P unti di p artenza L e aff ermazioni di p rincip io Q uestioni tecniche e di tecnologia L a circolare 5 7 7, le imp rese di assicurazione Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

8 I documenti di riferimento ISVAP, Disposizioni in materia di sistema dei controlli interni e gestione dei risch i, C ircolare n. 577/ D, 30 dicembre ISVAP, S istema di controllo interno, ru olo e responsabilità degli organi amministrativi e di controllo, C ircolare n. 366/ D, 3 marzo ISVAP, Decreto legislativo 2 6 maggio n P rime indicazioni ed istru zioni generali, C ircolare 366/ D del 3 marzo ISVAP, Disposizioni per la determinazione del rendimento prev edib i- le delle attività rappresentative delle riserve tecnich e per le imprese di assicu razione esercenti i rami vita, Prov v edimento 18 01G del 21 febbraio ISVAP, A ttu ario incaricato r.c. au to, C ircolare 531/ D del 14 maggio ISVAP, S tress test del settore assicu rativo italiano (rich iesti dal F M I nell ambito del F S A P ), R oma, ISVAP, Serv izio Studi, C E IO PS, Internal C ontrol for Insu rance U ndertakings, C E IO PS, E u ropean S olvency II Discu ssions P reparatory F ield S tu - dy, C F O F orum, E u ropean E mbedded V alu e P rinciples, IAA, A G lobal F ramew ork for Insu rer S olvency A ssessment, IAIS, Insu rance C ore P rinciples and M eth odology, SF O PI, W h ite P aper on th e S w iss S olvency T est, O ctober Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

9 Punti di partenza controllo delle strategie e politiche di assunzione, valutazione e gestione dei rischi maggiormente signifi cativi, in coerenza con il livello di adeguatezza patrimoniale dell impresa, processi di individuazione e valutazione dei rischi, monitoraggio delle esposizioni ai rischi e rispetto dei livelli di tolleranza, revisione periodica dei livelli di tolleranza art. 4-e, 6.2-b adozione di metodologie di misurazione dell esposizione al rischio, inclusi... sistemi di determinazione dell ammontare della massima perdita potenziale 15.2 lo sviluppo di tecniche e modelli di asset-liability management è fondamentale per la corretta comprensione e la gestione delle esposizioni al rischio 15.4! la massima perdita potenziale caratterizza la metodologia del controllo! non si può prescindere dalla valutazione congiunta di attivo e passivo. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

10 Le affermazioni di principio 1 inadeguatezza degli strumenti di vigilanza prudenziale 1 2 approccio per rischi : rischio di assunzione, di riservazione, di mercato (tassi di interesse, corsi azionari, tassi di cambio, prezzi degli immobili), di credito (strumenti finanziari, riassicuratori), di liq uidità, operativo, di appartenenza al gruppo, rischio legale, rischio reputazionale 1, come individuare e gestire i rischi: raccogliere in via continuativa informazioni sui rischi, evidenziare con tempestività l insorgere di rischi che possono danneggiare la situazione patrimoniale e economica o il superamento delle soglie di tolleranza fissate 15.1, 15.5, lo stress test: l impresa è tenuta a effettuare analisi prospettiche q uantitative attraverso l uso di stress test per valutare l impatto... dei fattori di rischio singolarmente considerati o combinati, modelli deterministici o stocastici, effettuazione di stress test... sulla base di... parametri prefissati 16.1, 16.2, 16.3 Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

11 5 alta qualità della tecnologia (dei sistemi informatici): architettura complessiva dei sistemi altamente integrata sia dal punto di vista applicativo che tecnologico e adeguata ai bisogni dell impresa ; garantire che le informazioni abbiano le caratteristiche di accuratezza, completezza, tempestività, coerenza, trasparenza, pertinenza, verifica dei limiti assegnati alle strutture operative a, 10.2, cultura del controllo : continue iniziative formative e di comunicazione, risorse umane e tecnologiche adeguate, l aggiornamento professionale, le modalità di reportistica verso il CdA, l alta direzione, i responsabili delle strutture operative, la verifica della coerenza dei modelli di misurazione dei rischi con l operatività svolta dall impresa 8.1, e, b, organizzazione e outsourcing: la funzione di revisione interna non dipende gerarchicamente da alcun responsabile di aree operative, adottare idonei presidi organizzativi e contrattuali che consentano di monitorare costantemente le attività esternalizzate , a, 11 la funzione di risk management 17 responsabilità del CdA e dell alta direzione 4, 6, 8.1, 10.7, 17.2 Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

12 Questioni tecniche e di tecnologia Per rispettare le indicazioni imposte dalla Circolare: 1 nel controllo interno e nella gestione dei rischi non si può prescindere dalla asset-liability valuation 2 è necessario trattare distribuzioni di probabilità: per calcolare valori e risk capital (massima perdita potenziale), per verificare i livelli di tolleranza al rischio, per verificare l adeguatezza del patrimonio, e per effettuare gli stress test, in modo coerente e utilizzabile 3 è necessario trattare le correlazioni: per controllare l effetto dei rischi combinati, per misurare i contributi al rischio (complessivo) di singoli contratti 4 utilizzare con accortezza probabilità aggiustate (risk neutral) e probabilità naturali (real w ord) 5 definire coerentemente fair value e risk capital per garantire coerenza alla filiera dei valori! disponibilità di motori di calcolo dati e algoritmi parametrici validazione dei dati in input, produzione automatica dei report = la pratica dei fogli elettronici, della programmazione debole e creativa va abbandonata = la sy stem integration non può ridursi a curare l effi cienza informatica, ma deve poter garantire la coerenza tra metodi e tecniche di valutazione cui vengono assoggettati i due lati del bilancio. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

13 La circolare 577, le imprese di assicurazione Superare la logica della vigilanza prudenziale : i criteri e le regole della vigilanza diventano strumenti di gestione, tattica e strategica controllo continuo dei livelli di tolleranza al rischio controllo delle esposizioni, capital allocation, controllo della redditività e della produttività risk adjusted, processo di creazione del valore, piani di incentivazione si potenziano gli strumenti di governance nuove responsabilità (CdA, ad), nuovi ruoli (risk management) gestire deleghe e deroghe il sistema tecnologico dei controlli interni e gestione dei rischi diventa mezzo di informazione, e di diffusione della cultura del controllo ; definisce lo schema di organizzazione (dei presidî di controllo, delle funzionalità che devono attraversare l impresa) l insieme di dati e algoritmi applicato all impresa è un mezzo di formazione continua, nello stile del fare e formare = tutto ciò pone limiti alla retorica con cui il mercato valuta l impresa: il mercato dovrà valutare l impresa di assicurazione anche per la qualità del patrimonio di dati e di algoritmi con cui darà forma al suo sistema di gestione superare il luogo comune dell opacità [DFM-1997]; [DFM-2001]; [CDFM-2005a, pp ] Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

14 Le grandezze da definire, come effettuare i calcoli I report per rispondere alla Circolare La filiera dei valori La probabilità entra nel bilancio Rappresentazione asset-liability del portafoglio La fair valuation Valutazione marked-to-model Rappresentazioni del prezzo. Aspettative naturali e risk-neutral Nel caso di indipendenza Il surplus Importanza di un modello generale e coerente di valutazione La solvibilità La massima perdita potenziale nella logica di bilancio European Embedded Value Principles (in assicurazione vita) Dare forma alla misura di rischio Relazione con la logica della riserva Il tutto dalle parti analisi elementare aggregazione allocazione del capitale assorbito Il costo del risk capital Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

15 I report per rispondere alla Circolare contratti finanziari : valori, Value-at-Risk, risk capital, duration di Macaulay e stocastica, sensitività, analisi per rating, misure di rischio di credito portafogli vita : riserva di bilancio, riserva stocastica, valore delle opzioni implicite, spese e caricamenti, risk capital finanziari, risk capital tecnici, duration delle passività, value-of-business-in-force (VB IF), componenti di utile, analisi per componenti del VB IF creato. portafogli danni : analisi delle riserve, analisi delle spese, embedded value (del businessin-force, dei rinnovi), risk capital (delle riserve, dei premi, diversificato per linea di business e globale). i consolidamenti : asset-liability management, aggregazioni di risk capital, costo del risk capital, rendimento prevedibile, stress test. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

16 La filiera dei valori V : fair value del passivo best estimate (L)+ premio al rischio (λ) A : fair value dell attivo R : riserva di bilancio E : value of business in force (VBIF) K : risk based capital κ : costo del risk capital e c : ex cess capital F : free capital Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

17 La probabilità entra nel bilancio V : fair value del passivo best estimate (L)+ premio al rischio (λ) A : fair value dell attivo R : riserva di bilancio E : value of business in force (VBIF) K : risk based capital F : free capital Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

18 Rappresentazione asset-liability del portafoglio Al tempo t: portafoglio in-essere di polizze scadenzario: τ = t + 1,t + 2,...,t + n. fl usso di liability: Ỹ := {Ỹτ } Assicurazione vita prestazioni premi; Assicurazione danni outstanding loss liabilities (OLL: componente non ancora pagata dei costi ultimi). fl usso di asset: X := {X τ } cash-fl ow generati dal portafoglio di investimento. I fl ussi: Ỹ e X sono vettori di variabili aleatorie. Fonti di incertezza: incertezza tecnica (attuariale) (indicata con ): mortalità/longevità, sinistralità, catastrofi,... + rinnovi, riscatti,...; incertezza finanziaria: dai mercati dei capitali (rischio di tasso, rischio azionario, di credito,...). vita: Ỹ τ prestazioni indicizzate prodotte da polizze rivalutabili incertezza finanziaria (prevalente) + incertezza tecnica. danni: payoff Ỹτ di natura essenzialmente reale incertezza tecnica (preponderante) + incertezza infl attiva. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

19 La fair valuation Il problema del fair value: definire il valore di asset e liability. Fair value di X e Ỹ: Definizioni di fair value: A t := V(t; X), V t := V(t; Ỹ).... the amount for which an asset could be exchanged, or a liability settled, between knowledgeable, willing parties in an arm s-length transaction. [IASC-1999]... an estimate of an exit price determined by market interactions. [FASB-1999]... the market value, if a suffi ciently active market exists, O R an estimated market value, otherwise. [CAS Fair Value T ask Force ] [CDFM-2005b, p. 41], in particolare nota 5. Fair value V di un portafoglio in-essere di contratti per contratti quotati V mark ed to mark et cioè basato su prezzi osservati; per contratti non quotati V mark ed to model cioè ricavato sulla base di un modello stocastico di pricing. Essendo, in genere, ricavato da un modello stocastico, V t = V(t; Ỹ) può essere qualificato riserva stocastica. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

20 Valutazione marked-to-model! Il modello di valutazione dovrebbe essere market consistent, cioè dovrebbe incorporare: sia le aspettative naturali che i premi al rischio prevalenti sul mercato alla data di valutazione. a) Se risultano disponibili quotazioni di contratti analoghi: 1) calibratura del modello sui prezzi osservati (spesso identificando le probabilità risk-neutral), 2) applicazione ai contratti non-quotati; b) altrimenti: come specificare le aspettative? come determinare premi al rischio market-consistent? Caso (a): tipico per l incertezza finanziaria; caso (b): tipico per l incertezza tecnica. Fair valuation: naturale per il lato asset, problematica per i rischi attuariali. Formalmente (prescindendo dal discounting): essendo: V t = L t + λ t, L t : best estimate in t delle liability in-essere Ỹ; λ t 0 : premio al rischio di mercato in t (market value margin, market risk loading). Dovrebbe essere L t = E t (Ỹ), dove l aspettativa è quella prevalente in t sul mercato. In una logica di probabilità risk-adjusted: V t = E Q t (Ỹ), dove l aspettativa è calcolata con la misura risk-neutral di mercato. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

21 Rappresentazioni del prezzo Al tempo t, si consideri un importo aleatorio Y τ esigibile in τ > t. Aspettative naturali ( real world ) V(t; Y τ ) = E t (ϕ τ Y τ ), dove: ϕ τ : state-price deflator, E t : l aspettativa rispetto alla probabilità naturale. Aspettative risk-neutral V(t; Y τ ) = E Q t (ξ τ Y τ ), dove: ξ τ =e τ r(z) d z t : deflattore risk-free (fattore di sconto stocastico), E Q t : aspettativa rispetto alla misura di probabilità risk-neutral (o risk-adjusted ) Q. Le due espressioni sono teoricamente equivalenti: E Q t ( ξτ Y τ ) = Et ( ϕt Y τ ). Nelle applicazioni pratiche se esiste un mercato efficiente per il payoff Y τ, Q può essere ricavata stimando un opportuno modello stocastico sui dati osservati marked-to-model pricing; se è richiesto l uso della probabilità naturale, questa dovrebbe essere specificata coerentemente coi prezzi osservati. In assenza di un mercato di riferimento è di solito preferito l approccio delle aspettative naturali; la scelta della probabilità naturale è suggerita dalle opinioni personali e la misura Q, se richiesta, dovrebbe essere ottenuta con una opportuna trasformazione. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

22 Nel caso di indipendenza Se i payoff sono indipendenti dai fattori di sconto (sotto le relative misure), si ha: Aspettative naturali: V(t; Y τ ) = v τ E t (Y τ ), con vτ : fattore di sconto risk-adjusted Risk-Adjusted Discounting (RAD). Aspettative risk-neutral: V(t; Y τ ) = v τ E Q t (Y τ ), con v τ := E Q t (ξ τ ) : fattore di sconto risk-free Discounted Certainty Eq uivalent (DCE). Nel caso di importo certo Y τ si ha: E Q t (Y τ ) = E t (Y τ ) = Y τ e v τ = v τ, per cui: V(t; Y τ ) = v τ Y τ. Si ha comunque linearità del prezzo: V(t; a X τ + b Y τ ) = a V(t; X τ ) + b V(t; Y τ ), e: V(t; Y) = t+n V(t; Y τ ). τ=t+1 Anche in presenza di rischio di tasso si può ottenere la rappresentazione DCE: V(t; Y τ ) = v τ E F τ t (Y τ ), con F τ misura di probabilità forward risk-neutral. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

23 Il surplus Il (fair value del) surplus del portafoglio al tempo t è: S t := A t V t. La riserva di bilancio come riferimento. Al tempo t, si definisca: una riserva di bilancio (o comunque un requisito di riserva ) R t Vincolo di bilancio: A t R t. La tipica scomposizione di S t. Il surplus può essere scomposto come: dove: S t = (A t R t ) + (R t V t ) = F t + E t, F t := A t R t : free surplus, E t := R t V t : value of business in force (VBIF). vita: R t è determinata da una formula specificata contrattualmente. danni: R t è ricavata da una stima prudenziale delle OLL: R t = best estimate + risk margin = L + δ t. Per il risk margin dovrebbe aversi: δ t = λ t + ε t, ε t 0 margine di prudenzialità (estimation error, model risk,...). U n ε t > 0 genera VBIF.! Il livello di prudenzialità di ε t non è quello della solvency. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

24 una rappresentazione bilancistica Importanza di un modello generale e coerente di valutazione Tradizionalmente, la valutazione di F t (cioè di A t ) e quella di E t (cioè di V t ) comportano una diversità di metodi e di competenze i metodi dovrebbero essere coerenti per garantire una misurazione non distorta del surplus. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

25 La solvibilità Al tempo t = 0 si consideri (per semplicità) un portafoglio di polizze che scadono dopo 1 anno. S 0 = K 0 + K 0 = F 0 + E 0 è l available risk capital. La solvibilità è definita riferendosi al valore di fine periodo del surplus: S 1 := A 1 V 1, al tempo zero S 1 è una v.a. In t = 0 il Regolamentatore definisce un valore prudenziale di S 1 : W 0 (S 1 ): valore worst case di S 1 S 1 è accettabile se W 0 (S 1 ) 0; se W 0 (S 1 ) < 0 deve essere almeno garantita la disponibilità in t = 1 di un importo aggiuntivo deterministico K 1 tale che W 0 (S 1 ) + K 1 = 0. W 0 (S 1 ): Risk-Adjusted Value (RAV) di S 1. Il RAV è definito sulla distribuzione di probabilità di S 1, specificata in t = 0. Tipicamente è W 0 (S 1 ) E 0 (S 1 ). La differenza E 0 (S 1 ) W 0 (S 1 ) esprime il margine di prudenzialità. = Il requisito patrimoniale in t = 1 è: K 1 = W 0 (S 1 ) (in linea di principio, se K 1 < 0 si può avere uno storno). Il requisito patrimoniale in t = 0 (capitale da aggiungere a S 0 ) è: K 0 := K i, dove i è il tasso annuo risk-free di mercato al tempo zero. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

26 K 0 è una misura di rischio ρ(s 1 ) nel senso di ADEH : ρ(s 1 ) è la somma da investire in t = 0 affinché S 1 := S 1 + (1 + i) ρ(s 1 ) sia accettabile. [ADEH -1999].! Oltre che con logica di regolamentazione il RAV può essere anche fissato dal mercato, per es. a fini di rating. Confronti con schemi delle società di rating. La massima perdita potenziale nella logica di bilancio (assumendo i = 0) European Embedded Value Principles (in assicurazione vita) L Embedded value (prima di spese e tasse) è la somma: EV 0 := F 0 + E 0 + K 0 κ 0 dove κ 0 è il costo (per interessi) del risk capital su tutta la durata del ptf in essere. [CFO-2004]. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

27 Dare forma alla misura di rischio Esempio. Value-at-Risk. W 0 (S 1 ) := Q ε (S 1 ) = inf {x : P (S 1 x) > ε}, (per es. ε = 0.1% ). Quindi: ρ(s 1 ) = W 0(S 1 ) 1 + i ( ) = Q ε S1 1 + i. Misura non coerente : non è garantito che sia ρ(x + Y ) ρ(x) + ρ(y ). Esempio. Ex pected Shortfall. W 0 (S 1 ) := S ε (S 1 ) = E 0 ( S1 S 1 < Q ε), Quindi: ρ(s 1 ) = Sε (S 1 ) 1 + i ( ) S1 = E S i 1 + i Qε. Misura coerente. Esempio. Normalità: S 1 N (µ, σ 2 ). Si ha: Q ε (S 1 ) = σ N 1 (ε) + µ. Quindi: σ ρ(s 1 ) = η 1 + i µ 1 + i, con η := N 1 (1 ε) > 0 (dato che ε < 0.5) misura σ-affi ne (coerente, se vale la normalità). Esempio: Swiss Solvency Test [SFOPI-2004], [BBMW -2005], [L-2005]. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

28 Relazione con la logica della riserva Sia (per es.): W 0 (S 1 ) := Q ε (S 1 ), con ε = 0.1%. Se fosse A 1 = 0 si avrebbe: D altra parte: W 0 (S 1 ) = Q ε ( V 1 ). Q ε ( V 1 ) = Q 1 ε (V 1 ). fissare come RAV del surplus il percentile allo 0.1% della distribuzione del NAV a fine anno corrisponde, se le passività sono totalmente scoperte, a fissare come RAV delle liability un impegno corrispondente al percentile al 99.9% della distribuzione delle OLL di fine anno. Il requisito di capitale è stato definito come: Ponendo A 1 = 0 è dunque: ρ(s 1 ) := W 0(S 1 ) (1 + i). ρ(s 1 ) = ρ( V 1 ) = Q1 ε (V 1 ) 1 + i D altra parte il requisito di riserva si può esprimere come: R 0 = E(V 1) + δ i La separazione tra logica di riserva e logica di solvency corrisponde alla disuguaglianza significativa: R 0 < ρ( V 1 ); cioè: E(V 1 ) + δ 1 < Q 1 ε (V 1 ). Per esempio, se E(V 1 ) + δ 1 è definito come Q α (V 1 ), il livello di confidenza α deve essere significativamente più basso di 1 ε. Sistema dei controlli interni e gestione dei rischi ANIA Milano, 23 febbraio

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli

Le passività senza attività corrispondenti. Franco Moriconi Membro del Consiglio dei Garanti Università di Perugia

Le passività senza attività corrispondenti. Franco Moriconi Membro del Consiglio dei Garanti Università di Perugia Le passività senza attività corrispondenti Franco Moriconi Membro del Consiglio dei Garanti Università di Perugia Avversione al rischio e remunerazione del rischio Price of time e Price of risk Valutazione

Dettagli

Acra - Quantum. ACRA Quantum Studio ACRA EXALTECH S.r.l. 1

Acra - Quantum. ACRA Quantum Studio ACRA EXALTECH S.r.l. 1 Acra - Quantum Software multifunzionale che consente di eseguire analisi sulle attività e/o sulle passività assicurative, in maniera congiunta o disgiunta, in ambiente deterministico o stocastico; Approccio

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE

Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE Standard qualitativi in Solvency 2 G I A MPAOLO CRENCA E MIF - E X E CUTIVE MASTER IN INSURANCE & F I NANCE MILANO 28/03 / 2015 Indice 1. Solvency 2 2. Data quality 3. Riassicurazione 4. Modello interno

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Esperienza PolRiv Valutazione market-consistent di una polizza vita rivalutabile

Esperienza PolRiv Valutazione market-consistent di una polizza vita rivalutabile Università degli Studi di Perugia Laurea specialistica in Finanza a.a. 2009-10 Corso di Laboratorio di calcolo finanziario prof. Franco Moriconi Esperienza PolRiv Valutazione market-consistent di una polizza

Dettagli

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE

L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE L APPROCCIO ATTUARIALE PER LA GESTIONE DEI RISCHI ECONOMICO-FINANZIARI E COME SUPPORTO DELLE AZIONI DI GOVERNANCE Stefano Visintin Studio Attuariale Visintin & Associati SAVA S.r.l. INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi

LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA. Aspetti applicativi e recenti sviluppi LA MATEMATICA FINANZIARIA DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA Aspetti applicativi e recenti sviluppi IL RISCHIO COME AFFARE ALLA BASE DEL BUSINESS DI UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI C Ѐ IL RISCHIO LA PROBABILITÀ

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

La Valutazione delle Best Estimate Vita in Solvency II

La Valutazione delle Best Estimate Vita in Solvency II Francesco Cuzzucrea La Valutazione delle Best Estimate Vita in Solvency II Incontro Attuari Incaricati Vita 1 La Direttiva 2009/138/CE: Best Estimate Articolo 77: La Best Estimate corrisponde alla media

Dettagli

Insight. Direttiva Solvency II

Insight. Direttiva Solvency II Insight N. 22 Dicembre 2008 Direttiva Solvency II Effetti sul Solvency Capital Requirement (SCR) derivanti dall applicazione del Modello Interno rispetto alla Formula Standard: il caso di una Compagnia

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo Università degli Studi di Perugia Laurea specialistica in Finanza a.a. 2009-10 Corso di Laboratorio di calcolo finanziario prof. Franco Moriconi Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche

Dettagli

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario

Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Solvency II: punto di vista dell industria assicurativa alla luce dell attuale contesto finanziario Dott. Bettina Corves Wunderer CFO Allianz SpA Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il ruolo dell industria

Dettagli

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009

Assicura: Convegno Solvency II Enterprise Risk Management, il caso UGF. Milano, 29 aprile 2009 Assicura: Convegno Solvency II Enterprise, il caso UGF Milano, 29 aprile 2009 Tassonomia e perimetro dei rischi nel Gruppo UGF Tipologia RISCHIO UGF Compagnie Banca SGR 1.3x 1.7x 580 1.300 26.2% UGF BANCA

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Milliman ALM Per Fondi Pensione

Milliman ALM Per Fondi Pensione Entro il prossimo 31 dicembre 2013, anche le forme pensionistiche iscritte all Albo COVIP aventi numero di iscritti compreso tra le 100 e 1000 unità saranno obbligate ad adeguarsi a quanto disposto da

Dettagli

Il framework di riferimento del costo del capitale

Il framework di riferimento del costo del capitale Il framework di riferimento del costo del capitale Franco Moriconi Dipartimento di Economia, Università di Perugia Università Bocconi Milano, 22 settembre 2014 1 / 33 Un esempio, per cominciare Siamo al

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni

Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Comitato Solvency II Stato dell arte del progetto Solvency II per le assicurazioni vita e danni Francesco Cuzzucrea Salvatore Forte Roma, 6 giugno 2013 Agenda Il Comitato Solvency II dell ONA La Funzione

Dettagli

ANIA - QUESITI STRESS TEST LETTERA CIRCOLARE ISVAP MONITORAGGIO DEGLI INVESTIMENTI E RICHIESTA DI INFORMATIVA SUPPLEMENTARE

ANIA - QUESITI STRESS TEST LETTERA CIRCOLARE ISVAP MONITORAGGIO DEGLI INVESTIMENTI E RICHIESTA DI INFORMATIVA SUPPLEMENTARE ANIA - QUESITI STRESS TEST LETTERA CIRCOLARE ISVAP MONITORAGGIO DEGLI INVESTIMENTI E RICHIESTA DI INFORMATIVA SUPPLEMENTARE 1. Tempistiche Stress Test La scadenza per l invio in ISVAP dei risultati degli

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

L attuazione pratica della normativa: lo strumento dell Asset Liability Management

L attuazione pratica della normativa: lo strumento dell Asset Liability Management roma 15 marzo 2012 L attuazione pratica della normativa: lo strumento dell Asset Liability Management Seminario tecnico Assoprevidenza Le nuove sfide della gestione previdenziale Davide Squarzoni Direttore

Dettagli

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico This report is solely for the use of client personnel. No part of it may be circulated, quoted, or reproduced for distribution

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Concepito per il futuro. Disponibile oggi.

Concepito per il futuro. Disponibile oggi. La soluzione di Milliman per i modelli di proiezione finanziaria Milliman MG-ALFA Concepito per il futuro. Disponibile oggi. Milliman MG-ALFA In breve: Il futuro dei sistemi di proiezione finanziaria

Dettagli

Il profit test (delle polizze rivalutabili) tra Regolamento 21 e Solvency II

Il profit test (delle polizze rivalutabili) tra Regolamento 21 e Solvency II Istituto Italiano degli Attuari BOZZA Il profit test (delle polizze rivalutabili) tra Regolamento 21 e Solvency II Massimo De Felice Università di Roma La Sapienza Facoltà di Scienze Statistiche Roma,

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione delle riserve tecniche

Orientamenti sulla valutazione delle riserve tecniche EIOPA-BoS-14/166 IT Orientamenti sulla valutazione delle riserve tecniche EIOPA Westhafen Tower, Westhafenplatz 1-60327 Frankfurt Germany - Tel. + 49 69-951119-20; Fax. + 49 69-951119-19; email: info@eiopa.europa.eu

Dettagli

Modelli operativi di Asset & liability management. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

Modelli operativi di Asset & liability management. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Modelli operativi di Asset & liability management 1 Il controllo dei rischi Uno dei primi obiettivi di un

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Christian Mahlknecht Servizio Normativa e politiche di vigilanza Roma,

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La principali attività della Funzione Attuariale: la contribuzione all applicazione del sistema di gestione dei rischi ed al calcolo dei requisiti patrimoniali Salvatore Forte Roma, 1 luglio 2014 Agenda

Dettagli

L APPROCCIO DELLE ASSICURAZIONI AI RISCHI NATURALI

L APPROCCIO DELLE ASSICURAZIONI AI RISCHI NATURALI L APPROCCIO DELLE ASSICURAZIONI AI RISCHI NATURALI III Forum di partecipazione pubblica Il linguaggio del rischio: discipline a confronto Parma, 15 gennaio 2013 CONTENUTI L approccio delle assicurazioni

Dettagli

Corso di Risk Management

Corso di Risk Management Concetti fondamentali di risk management Tutti i concetti della lezione odierna sono presi da McNeil, Frey, Embrechts (2005), Quantitative Risk Management, Princeton, Princeton University Press, cap. 2.

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

Camera dei Deputati - 4 4 9 - Senato della Repubblica

Camera dei Deputati - 4 4 9 - Senato della Repubblica Camera dei Deputati - 4 4 9 - Senato della Repubblica SACE SRV, attiva nella gestione dei dossier informativi strumentali alla valutazione del rischio controparte, nelle attività di recupero crediti e

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE

LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE LA VALUTAZIONE DEL REQUISITO DI CAPITALE PER L'UNDERWRITING RISK NON-LIFE MODELLO INTERNO PER IL CALCOLO DEL PREMIUM E RESERVE RISK Studio Attuariale Visintin & Associati (SAVA S.r.l.) 1 INDICE DEGLI ARGOMENTI

Dettagli

Le operazioni di assicurazione e la teoria

Le operazioni di assicurazione e la teoria Capitolo 1 Le operazioni di assicurazione e la teoria dell utilità 1.1 Introduzione In questo capitolo si discutono alcuni aspetti di base della teoria delle assicurazioni. In particolare, si formalizza

Dettagli

Best estimate delle riserve tecniche e risk margin

Best estimate delle riserve tecniche e risk margin Bilanci IAS/IFRS Problematiche applicative e prospettive future nel settore assicurativo Best estimate delle riserve tecniche e risk margin Massimo De Felice, Università di Roma La Sapienza Franco Moriconi,

Dettagli

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Proposte metodologiche dall esperienza del Gruppo UBI Banca Giulia Marini Claudio Andreatta BASILEA 3 2012 RISCHIO OPERATIVO-CONVEGNO ANNUALE

Dettagli

Prologo La fiducia come asset

Prologo La fiducia come asset Ringraziamenti Prefazione, di Fabio Cerchiai Introduzione Prologo La fiducia come asset 1 Il nuovo regime di solvibilità: obiettivi, linee guida, implicazioni strategiche 1.1 LÕevoluzione della disciplina

Dettagli

La copertura delle aree di rischio nel Risk Report è la seguente:

La copertura delle aree di rischio nel Risk Report è la seguente: 1 Risk Overview e Governance All interno del, Unipol Gruppo Finanziario intende fornire le informazioni integrative e di supporto per permettere di effettuare una valutazione della situazione patrimoniale

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

ORDINE NAZIONALE ATTUARI CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI

ORDINE NAZIONALE ATTUARI CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI ORDINE NAZIONALE ATTUARI CONSIGLIO NAZIONALE ATTUARI LINEE GUIDA PER LA VERIFICA DI CONGRUITA DELLE RISERVE TECNICHE (LIABILITY ADEQUACY TEST) DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE VITA IN BASE AI PRINCIPI

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL EMBEDDED VALUE IN UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI SULLA VITA

LA VALUTAZIONE DELL EMBEDDED VALUE IN UNA COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI SULLA VITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE STATISTICHE ED ATTUARIALI TESI DI LAUREA IN TECNICA ATTUARIALE DELLE ASSICURAZIONI SULLA VITA LA VALUTAZIONE DELL EMBEDDED

Dettagli

NUMERICA RISK STP FUNZIONI FONDAMENTALI SII

NUMERICA RISK STP FUNZIONI FONDAMENTALI SII NUMERICA RISK STP FUNZIONE ATTUARIALE, SOLVENCY II DIRETTIVA SOLVENCY II FUNZIONI FONDAMENTALI In conformità agli articoli 44, 46, 47 e 48 della direttiva 2009/138/CE Solvency II, le autorità nazionali

Dettagli

data valutazione: 30/06/2005 società:

data valutazione: 30/06/2005 società: Rapporto titoli ESTRATTO data valutazione: 30/06/2005 società: AAAA portafoglio: AAAA B divisa contabile: EUR Le basi della valutazione I I dati aziendali utilizzati II Il mercato di riferimento III Struttura

Dettagli

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale

ASSICURAZIONI GENERALI. Il sistema della gestione dei rischi. Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale ASSICURAZIONI GENERALI Il sistema della gestione dei rischi Conferenza Governare i rischi per crescere nell economia globale - ROMA, 10 giugno 2008 - INDICE Il modello ERM di Generali e punti di interazione

Dettagli

120 UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO

120 UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO 120 UNIPOL GRUPPO FINANZIARIO 5.11 Risk Report Il Risk Report intende fornire le informazioni integrative e di supporto per permettere agli stakeholders di effettuare una valutazione della situazione patrimoniale

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE 1 Delibera istitutiva - C.d.A. del 24.08.2011 1 aggiornamento delibera CdA del 27.06.2013 (mandato a Direttore Generale

Dettagli

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo

La gestione del rischio di interesse e di mercato. Giuseppe Squeo La gestione del rischio di interesse e di mercato Giuseppe Squeo 1 Il rischio di interesse: modalità esposizione Le modalità di esposizione al rischio di interesse sono: rischio di riprezzamento, quando

Dettagli

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014

La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014 La tua Assicurazione svizzera. Longevity Risk Laura Romanello 7 Aprile 2014 L assicurazione vita Contratto Assicurativo Assicurazioni Vita: Gestione professionale dei rischi In un contratto di assicurazione

Dettagli

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale

1) Premessa. 2) Indicazioni di carattere generale CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI 00187 Roma - Via Sicilia, 57 tel. 06 3236373 CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI ATTUARI 00186 Roma Via del Corea, 3 tel. 06 3210350 REGOLE APPLICATIVE DEI PRINCIPI ATTUARIALI

Dettagli

I rischi operativi in banca. Giampaolo Gabbi

I rischi operativi in banca. Giampaolo Gabbi I rischi operativi in banca Giampaolo Gabbi Gestione dei rischi finanziari Corso di Laurea in Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Anno Accademico 2013-2014 1 Agenda La definizione La regolamentazione

Dettagli

SUL CONTROLLO DEL RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE *

SUL CONTROLLO DEL RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE * GIANCARLO CAPOZZA, DARIO CUSATELLI Dipartimento di Scienze statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari SUL CONTROLLO DEL RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE * SOMMARIO 1. Introduzione 2. Definizioni

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice

Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Il Risk Management nelle SGR immobiliari tra regole e best practice Gallipoli, Venerdì 2 luglio 2010 Claudio Giannotti Università LUM Laboratorio di Finanza immobiliare Dottorato di Ricerca in Banca e

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione Indice Presentazione di Pier Luigi Fabrizi pag. XIII 1 L economia del mercato mobiliare di Pier Luigi Fabrizi» 1 1.1 Premessa» 1 1.2 L esercizio semantico» 1 1.3 La collocazione della disciplina» 4 Bibliogra

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

Mondo Alternative. Le sfide dell assetallocationin una nuova era

Mondo Alternative. Le sfide dell assetallocationin una nuova era Mondo Alternative Workshop Le sfide dell assetallocationin una nuova era Giovedì11 ottobre 2012 L impatto dell'analisi delle attivitàe passivitàdi un ente previdenziale sull'assetallocation Attuario Indice

Dettagli

Principali tipologie di rischio finanziario

Principali tipologie di rischio finanziario Principali tipologie di rischio finanziario Rischio di mercato: dovuto alla variabilità dei prezzi delle attività finanziarie Rischio di credito: dovuto alla possibilità che la controparte venga meno ai

Dettagli

LE OPERAZIONI DI SWAP: FAIR VALUE E MARGINE DI INTERMEDIAZIONE

LE OPERAZIONI DI SWAP: FAIR VALUE E MARGINE DI INTERMEDIAZIONE LE OPERAZIONI DI SWAP: FAIR VALUE E MARGINE DI INTERMEDIAZIONE ABI, Forum BANCHE E PA 2012 Gestione delle passività degli enti locali e operatività in strumenti finanziari Roma, 23 febbraio 2012 Roberto

Dettagli

3 Note informative integrative

3 Note informative integrative 5.14 Risk Report Il Risk Report intende fornire le informazioni integrative e di supporto per permettere agli stakeholders di effettuare una valutazione della situazione patrimoniale e finanziaria del

Dettagli

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa Policy di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari della BCC Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 17/02/2011 Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007 Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Milano, 25 febbraio 2009 CONTENUTI 1. I risultati della nuova statistica annuale RC Auto gli

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa

Enel.factor espone l Informativa al Pubblico sul sito internet www.enelfactor.it. Premessa Enel.factor Spa Basilea 2 Terzo pilastro al pubblico Esercizio 2009 Premessa La normativa prudenziale Basilea 2 ha lo scopo di sviluppare all interno di banche e intermediari finanziari un sistema di controlli

Dettagli

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari emessi (P.O.) Delibera CdA del 30/03/2012

Policy di valutazione e pricing dei prestiti obbligazionari emessi (P.O.) Delibera CdA del 30/03/2012 Sede legale e amministrativa: Via Madonna di Pompei, 4-81022 Casagiove (CE) Iscritta all Albo degli Enti creditizi al n. 562.9.0 Iscrizione al Registro delle Imprese di Caserta al n. 00094970613 Iscrizione

Dettagli

Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Economia. I flussi monetari generati dalle gestioni assicurative

Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Economia. I flussi monetari generati dalle gestioni assicurative Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I flussi monetari generati dalle gestioni assicurative 1 Le passività della compagnia di assicurazione La

Dettagli

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1

RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI. Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT ALCUNE CONSIDERAZIONI Piatti --- Corso Rischi Bancari: risk management 1 RISK MANAGEMENT Metodologie, processi per: a) misurare e controllare i rischi b) gestire il modo efficiente il capitale

Dettagli

Consulenza Attuariale e di Risk Management

Consulenza Attuariale e di Risk Management Consulenza Attuariale e di Risk Management Dall esperienza maturata, a partire dal 1991, dal Prof. Giampaolo Crenca nel mercato assicurativo, previdenziale, bancario, finanziario ed aziendale, nasce lo

Dettagli

Osservatorio Solvency II

Osservatorio Solvency II Divisione Ricerche Claudio Dematté Osservatorio Solvency II Operational Transformation Risk & capital management Prof.ssa Simona Cosma 02.02.201 Agenda Il Framework di riferimento Obiettivi dell indagine

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II

QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II COMMISSIONE EUROPEA DG Mercato interno e servizi ISTITUZIONI FINANZIARIE Assicurazioni e pensioni Aprile 2006 MARKT/2515/06 QUADRO DI CONSULTAZIONE MODIFICATO SOLVIBILITÀ II Finalità del presente documento

Dettagli

LA QUESTIONE DEI COSTI NEL PROFIT TEST DEI PRODOTTI VITA. Fabrizio Tocci

LA QUESTIONE DEI COSTI NEL PROFIT TEST DEI PRODOTTI VITA. Fabrizio Tocci LA QUESTIONE DEI COSTI NEL PROFIT TEST DEI PRODOTTI VITA Fabrizio Tocci Questo libro viene pubblicato su Amazon ed è disponibile in forma gratuita. Edizione febbraio 2013 Se chiedi a dieci attuari un tasso

Dettagli

Regolamentazione e Monitoraggio del Rischio nei Fondi Pensione Negoziali

Regolamentazione e Monitoraggio del Rischio nei Fondi Pensione Negoziali Regolamentazione e Monitoraggio del Rischio nei Fondi Pensione Negoziali Marco Micocci Ordinario di Matematica Finanziaria ed Attuariale Attuario Dottore Commercialista e R.C. Università di Cagliari Luiss

Dettagli

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali

Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Soluzioni Assicurativo/Finanziarie per Rispondere alle Esigenze di ALM degli Investitori Previdenziali Contenuti 1. Tendenze nel Settore degli Investitori Previdenziali 2. Soluzioni Assicurativo/Finanziarie

Dettagli

Contributo alla discussione su La rappresentazione del rischio nella stima della pensione complementare

Contributo alla discussione su La rappresentazione del rischio nella stima della pensione complementare Roma, 15/07/2013 Contributo alla discussione su La rappresentazione del rischio nella stima della pensione complementare Mefop Tel: 06 48073531 Fax: 06 48073548 E-mail: mefop@mefop.it Capitale sociale

Dettagli

Chi è Cassa Forense?

Chi è Cassa Forense? Chi è Cassa Forense? Una fondazione di diritto privato che cura la previdenza e l assistenza degli Avvocati 10 0 % altri investimenti 415 e che gestisce un patrimonio a valori di mercato al 31.12.2011

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA?

RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA? Crenca & Associati CORPORATE CONSULTING SERVICES RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA? Ufficio Studi Milano, 3 aprile 2008 Introduzione al Risk Management

Dettagli

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Corso tecnico - pratico MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Modulo 1 (base): 22-23 aprile 2015 Modulo 2 (avanzato):

Dettagli

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009

REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO N. 32 DELL 11 GIUGNO 2009 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLE POLIZZE CON PRESTAZIONI DIRETTAMENTE COLLEGATE AD UN INDICE AZIONARIO O ALTRO VALORE DI RIFERIMENTO DI CUI ALL ARTICOLO 41,

Dettagli

Nell approccio varianze-covarianze, il VaR di un azione viene calcolato sulla base del CAPM come. VaR = z α β σ M,

Nell approccio varianze-covarianze, il VaR di un azione viene calcolato sulla base del CAPM come. VaR = z α β σ M, Il VaR di un azione Nell approccio varianze-covarianze, il VaR di un azione viene calcolato sulla base del CAPM come VaR = z α β σ M, dove σ M è la volatilità dell indice di mercato scelto per l azione.

Dettagli

Solvency II e la Riassicurazione Vita

Solvency II e la Riassicurazione Vita Solvency II e la Riassicurazione Vita Alessandra Zorza Ordine degli Attuari Bologna, 3 novembre 2011 Solvency II e la riassicurazione vita 1 Solvency II Basics 2 Riassicurazione non proporzionale 3 Solvency

Dettagli

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010

CONSULENZA AVANZATA Obiettivi e evoluzione del modello organizzativo. Convegno Sec - 22 ottobre 2010 CONSULENZA AVANZATA Convegno Sec - 22 ottobre 2010 - Indice - - Premessa e benchmark di mercato - Come cambia il modello di relazione con il cliente - Come cambia il raccordo tra direzioni centrali e rete

Dettagli

La valutazione delle polizze rivalutabili

La valutazione delle polizze rivalutabili Capitolo 7 La valutazione delle polizze rivalutabili 7.1 I fattori di rivalutazione Si consideri una polizza generica, stipulata al tempo zero da un assicurato di età x, con prestazioni vita e morte rivalutabili

Dettagli