La potenza di Linux in un francobollo!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La potenza di Linux in un francobollo!"

Transcript

1 La potenza di Linux in un francobollo! L italiana Acme Systems porta una ventata di Aria nuova nella spietata arena del mercato elettronico embedded L autore Roberto Premoli Divide il suo tempo tra la scrittura di articoli tecnici e la programmazione embedded su ARM. Chi volesse contattarlo può scrivergli all indirizzo tiscali.it. 24 LINUX PRO 126 Ascanso di equivoci, cominciamo subito col dire cosa non è Aria. Aria assomiglia ma non è un PC, punto. Per trovarle una giusta collocazione, diciamo che è di parecchie lunghezze avanti a un Arduino e un po indietro rispetto alla più nota scheda Raspberry Pi. La differenza più evidente è che Aria non dispone di uscita video, che non è un difetto ma una precisa scelta implementativa: niente silicio per la grafi ca signifi ca ridurre costi, ingombri e consumi. In compenso ha un totale di 60 si avete capito bene 60 linee GPIO, cioè linee di Ingresso/Uscita di utilizzo generale, alcune delle quali già preimpostate per una porta Ethernet, 3 USB, 6 RS232, 2 I 2 C, 2 SPI e 4 ingressi analogici a 10 bit. Se poi aggiungiamo che ha 128/256 MB di RAM, una CPU e che è spinta da GNU/Linux, è facile capire che ci si trova di fronte a qualcosa a cui guardare con rispetto. Ma cosa ci faccio? Ma a cosa potrebbe servire Aria? Sicuramente trova la sua ragion d essere in un ambito di controllo, gestione, registrazione eventi e reportistica. Siamo stati un po oscuri? Va bene, proviamo a buttare lì qualche altra idea: DHCP server, fi le server, print

2 SoC e SoM, facciamo chiarezza SoC, ovvero, System on Chip. Si tratta di una fi losofi a che porta all estremo l integrazione della componentistica, cioè si condensa su un unico integrato tutto quello che si suppone servirà all utente fi nale. Un esempio tipico sono i μc (microcontrollori), in quanto essi dispongono di RAM, Flash per memorizzare il programma e gli eventuali dati da salvare, linee di input/output analogiche e digitali, circuiteria dedicata come generatori di PWM, linee seriali ad alta velocità e così via. Il prezzo da pagare per avere questi sistemi è che si tratta di hardware limitato da un punto di vista delle prestazioni, per cui occorre sapere prima di comprare l hardware che esso soddisferà i bisogni del programma da realizzare e, a volte, il programmatore deve fare i salti mortali per poter stare entro i limiti imposti dall hardware. Inoltre il SoC non ha nessuna fl essibilità, una volta prodotto non può essere modifi cato. Il SoM, ovvero System on Module, è un differente concetto: in questo caso, si sceglie di realizzare un sistema completo residente però su un piccolo circuito stampato (il modulo, appunto) dedicato a contenere i chip e la circuiteria necessaria. Questo tipo di approccio consente al produttore un maggior grado di fl essibilità progettuale, permettendo di migliorare la scheda (ad esempio: raddoppiare la RAM o usare un microprocessore più prestante) rimpiazzando semplicemente un unico componente, salvaguardando e ammortizzando su più versioni del prodotto i costi progettuali iniziali. Utenti smaliziati e abili col saldatore per SMD (surface mounting device, componenti elettronici a montaggio superfi ciale) possono addirittura agire autonomamente, per esempio sostituendo il quarzo standard con uno più veloce: un modo pratico ancorché rischioso per pompare le prestazioni del SoM: ma sia chiaro che voi sarete gli unici responsabili se vi ritroverete tra le mani un hardware non funzionante, uomo avvisato... Dimensioni a confronto tra Aria (SoM) e un classico μc (SoC) da 40 piedini server, centralina climatica, gestione luci, antifurto evoluto, monitoraggio video, robotica, domotica, controllo di processo, allarme perimetrale, ripetitore wireless... continuiamo? Crediamo sia chiara la potenzialità di questo modulino 4x4 : eh si, perché oltre a tirare come un veicolo a trazione integrale, è anche molto piccolo: solo 16 cm 2, cosa che permette di infi larlo praticamente ovunque. Finalmente potrete costruire quel controllo luci per il Presepe che rimandate da anni o automatizzare l impianto di irrigazione come dite voi e non come dice il venditore di quella costosissima centralina. In un mondo altamente competitivo quale è il mercato dell elettronica, ci fa particolarmente piacere che questa scheda sia stata progettata e venga assemblata in Italia: riteniamo che questo fatto dia di per sé un valore aggiunto al prodotto che ce lo dovrebbe far preferire rispetto a merce analoga dagli occhi a mandorla. Il prezzo è alla portata di tutti: comprando direttamente dal produttore si salta via tutta la catena di distribuzione (e relativi ricarichi), quindi ci si priva volentieri di 24 Euro per poter mettere le mani su questo gioiellino (29 Euro per la versione con 256 MB di RAM). Un paragone con Raspberry Pi Premettiamo che non è un confronto alla pari perché sono prodotti pensati per ambiti differenti, ma poiché per alcuni aspetti hardware si somigliano e dato che potrebbero essere usate per gli stessi scopi (pensiamo a compiti di controllo e gestione I/O), ecco che abbiamo deciso di fare una piccola gara tra le due. Δ Costi: vince RP, il cui prezzo fi nale superiore è giustifi cato dalle maggiori quantità e prestazione dell hardware (GPU, connettori, ecc.). Δ Ingombri: vince Aria (4x4cm sono veramente diffi cili da battere). Δ Linee I/O: vince Aria (il punto forte di Aria sono appunto quantità e tipi di linee I/O). Δ RAM: pareggio (solo da un paio di mesi RP ha raddoppiato la RAM a 512 MB). Δ Prestazioni: vince RP, dotata di una CPU più veloce. Δ Consumi: vince Aria (minore silicio, CPU più lenta e quindi risparmiosa di energia). La RP è stata pensata come un compromesso un po di tutto per accontentare utenti desktop, studenti e hobbisti elettronici. Ma si sa: il miglior compromesso è quando nessuno è contento del tutto. Aria non vuole Caratteristiche tecniche Δ CPU: 400MHz CPU Atmel AT91SAM9G25 (ARMv4) Δ RAM: 128 MB o 256 MB (DDR2) Δ Rete: 10/100 Mbit Δ Poste USB 2.0: max 3 confi gurate come segue: one hi-speed host/device one hi-speed host one full-speed Δ Linee RS232: max 6 Δ Linee I2C: max 2 Δ Linee SPI: max 2 Δ Ingressi analogici: 10 bit 1 FOX Board, la mamma di Aria œ Δ Linee GPIO: max 60 Δ Consumi: 0.3 Watt Δ Temperatura di esercizio: 0-70 C (seguiranno modelli con intervalli di temperatura più estesi) Δ Dimensioni: 40 x 40 mm Δ RoHS compliant Δ Basse emissioni Elettromagnetiche Δ Livelli logici: 0/3.3 volt Δ Distanza tra i piedini: 1.27 mm Δ LED a bordo confi gurabile dall utente: uno. Δ Alimentazione: singola a 3.3 volt LINUX PRO

3 2 Chi fa cosa a bordo di Aria TABELLA 1 MicroControllori (μc) microprocessori (μp) Il futuro? ARM e Linux Lo scorso trentennio è stato dominato dall accoppiata x86/windows, ma negli ultimi anni si sono affacciati sul mercato nuovi protagonisti: ARM sul fronte dei processori e Linux sul fronte dei sistemi operativi. Riconoscendone il potenziale, Microsoft ha deciso di portare Windows 8 su architettura ARM, ma blindando le installazioni al solo market proprietario, tentando di replicare il giardino recintato tipico dell ecosistema chiuso del mondo Apple. Noi ammiratori delle idee propugnate dalla Free Software Foundation (https://fsfe.org/index.it.html) sappiamo che invece il vantaggio per l utente fi nale e per la comunità è sul fronte opposto: libertà di intervento, apertura dei codici, standard pubblici e diffusi, condivisione del Sapere. Sul fronte hardware, ARM ha sempre navigato in acque basse, dove importavano di più i consumi limitati che la potenza di calcolo, ma ora non è più così: pur mantenendo basse le richieste energetiche, le CPU ARM sono cresciute molto sul fronte prestazionale. Piccoli mostri da 4 core a 32nm accontentare tutti ma solo un certo di tipo di pubblico (escludendo quindi le attività simil-desktop) e lo vuole accontentare bene: anticipiamo che, secondo noi, l obiettivo è stato centrato. PRO - Costo contenuto - Ingombro minimo - Periferiche on board - Bassi consumi - Molta RAM - Clock veloce - Disponibilità di sistemi operativi - Disponibilità di linguaggi ad alto livello CONTRO - Poca RAM - Bassa velocità di clock - Assenza di linguaggi ad alto livello - Elevata curva di apprendimento - Costi elevati - Nessuna periferica on board - Elevati ingombri - Elevato consumo energetico - Necessità di raffreddamento sono già in circolazione (il passaggio ai 14nm è previsto per il 2014) e recentemente è stata assestata la prima spallata al mercato delle GPU con l ultimo nato sul fronte della grafi ca, il Mali-T604 espressamente progettato per attività ibride CPU-GPU e compatibile OpenCL, che sulla carta promette grandi cose: vedremo nei prossimi mesi se la fi ducia che riponiamo in esso sarà stata onorata o meno. Sia chiaro che non ci troviamo ancora di fronte a nulla di estremo sul fronte delle prestazioni: per dare un idea, quel core grafi co è un po meno prestante di una ATI Radeon 6470M; (2.1 GPixel/s contro 2.8) pur avendo la stessa ampiezza di banda di I/O. Nulla di particolarmente esaltante, ma nemmeno da disprezzare visto che la 6470M fa girare Crysis (www.youtube.com/ watch?v=k0o2f4-xota), quindi ci si aspettano prestazioni non tanto peggiori da Mali, il quale ci auguriamo sia il progenitore di una famiglia di GPU al gusto ARM che vada a scombinare le carte al duopolio ATI-NVIDIA, a tutto vantaggio degli utenti fi nali. Forza ARM! Come nasce Aria Due parole: Sergio Tanzilli. A molti questo nome non dirà nulla ma per le decine di migliaia di persone che hanno bazzicato l ambiente dei μc (microcontrollori) della MicroChip, lui è *il* Tanzilli, quello che ha scritto il corso Pic by Examples, meglio noto come la bibbia di hobbisti e professionisti ai tempi del Web 1.0, quando si viaggiava con modem analogico a 56kbps e il massimo dei punti geek era avere il proprio sito su geocities.com. Passati gli anni ed evolutesi le prestazioni del silicio, il nostro eroe ha inizialmente debuttato nel mondo Linuxembedded-ARM con la FOX Board (Fig.1), per poi creare una versione più piccola ma più potente: il risultato è Aria. Chi scrive si è scontrato per anni con μc dotati di 128 byte (si, centoventotto byte!) di RAM e 3 KB per lo spazio programma: su quel tipo di hardware, il solo modo per programmare era usare il linguaggio macchina. Ne consegue che apprezziamo molto il concetto sotteso a questo francobollo hardware, perché ci si trova di fronte alla fusione di due mondi: μc e μp, cioè microprocessori. Da sempre, chi desiderava creare schede elettroniche da zero doveva fare i conti con la Tabella 1. Nel tempo c è stato un miglioramento della situazione sul fronte μc, con la comparsa di tool di programmazione e di hardware facile per hobbisti ma la praticità d uso tipica delle CPU era ancora molto lontana. In questo panorama i produttori di circuiti integrati sono arrivati a scombinare le carte offrendo agli utenti fi nali il passo evolutivo successivo. Parliamo di sistemi che raccolgono e condensano gli aspetti positivi di entrambi i mondi e cioè la fl essibilità e le risorse hardware messe a disposizione dal mondo dei μc unite alla potenza e velocità di un μp a 32 bit. Ma l aspetto che secondo noi è veramente vincente è che il tutto viene gestito da un sistema operativo di indiscussa e provata qualità Linux che offre la comodità di avere a disposizione linguaggi ad alto livello come C e Python, senza dimenticarci di C++, Perl, PHP, Javascript, Bash... L hardware in dettaglio Su un scheda dalle dimensioni così contenute, analizzare l hardware equivale ad analizzare principalmente il SoC (Fig.2): nella fattispecie, un ARMEL AT91SAM9G25. Spulciando la documentazione tecnica, risaliamo la catena dei basato su per approdare all informazione che ci interessa: il core è un ARMv4, cioè il minimo sindacale per supportare un sistema operativo come Linux o Windows CE. Questa condizione non disturba affatto, dato che il microprocessore non dovrà reggere carichi multimediali o altre attività desktop: per fare un paragone a quattro zampe, non ci troviamo di fronte a un delicato cavallo da corsa ma a un robusto cammello che affronterà con successo il deserto. Si noti che l ARMv4 è mancante di coprocessore matematico, quindi il sistema se la caverà bene con i calcoli di numeri interi ma sarà meno prestante sul fronte dei numeri con la virgola. Intendiamoci, non è nulla di grave in quanto il sistema operativo si occuperà di ogni tipo di calcolo, anche se con più calma: d altronde nessuno di noi ha 26 LINUX PRO 126

4 dimenticato gli eroici tempi del con le routine numeriche emulate via software, giusto? Tra l altro, la velocità impostata a 400MHz gioca a nostro favore sul fronte della dissipazione termica dato che i progettisti hanno volutamente favorito l aspetto microcontrollore puntando su dimensioni contenute e consumi energetici ridotti: questa schedina è fatta apposta per strumentazione alimentata a batteria o per apparati che devono stare accesi 24 ore al giorno. A vederla cosi piccolina e compatta, viene naturale non chiamarla scheda ma modulo : infatti il suo naturale impiego è quello di fare da intellighenzia per un hardware già esistente o comunque da progettare intorno all Aria stessa. Ma come è possibile che in così poco ci sia così tanto? Ci riferiamo alla lunga lista di periferiche disponibili. La spiegazione è molto semplice: ARM Holding, la società detentrice delle proprietà intellettuali dei core ARM, dà in licenza ai propri clienti Texas Instruments, Rockchip, ecc. la possibilità di integrare le proprie CPU all interno di chip che provvedono all elettronica di contorno, cioè le varie porte USB/RS232/ecc., convertitori analogico/digitale e così via. In altre parole, nascosta in quel quadratino nero c è la CPU accompagnata da tutta una serie di circuiti digitali accessori che però fanno la differenza, personalizzando il circuito integrato. In questo modo si possono avere una miriade di chip simili ma non uguali, che si adattano alle più diverse necessità del cliente fi nale. Ci sembra giusto spendere una parola anche sui costi, che sono veramente aggressivi: come è possibile che Aria costi così poco? Il trucco sta ancora una volta nei processori ARM: essi hanno rispetto ad una tipica CPU x86 una architettura molto più effi ciente, cosa che si traduce in un numero incredibilmente basso di transistor necessari. Ne consegue che i chip sono piccoli e non richiedono tecnologie produttive di punta, potendo essere costruiti con macchinari di 3 o 4 generazioni fa e quindi molto più economici. Sugli x86 tutti si chiedono qual è la scala nanometrica dei transistor perché si sa che più piccolo è meglio è, ma questa domanda ha poco senso sugli ARM entry level: che venga prodotta a 65 o 50nm non cambia molto, perché la leggerezza dell architettura compensa più che abbondantemente l ineffi cienza della geometria dei transistor (cioè l esatto opposto del mondo x86, dove per contenere i consumi energetici sempre crescenti devono ogni volta rimpicciolire la geometria dei transistor, con conseguenti costi di ricerca e sviluppo che si abbattono inesorabilmente sulle tasche degli utenti fi nali). Terra, la scheda di sviluppo Aria non presenta alcun tipo di connettore, anche perché sarebbe impossibile saldarci sopra qualunque cosa visto che lo spazio è già tutto occupato: per dare un esempio delle dimensioni in gioco, un connettore Ethernet occuperebbe più del 20% dello superfi cie totale, impensabile saldarcelo sopra, quindi. Non resta altro che rispolverare il nostro fi dato saldatore e darci da fare cablando i connettori con dei fi li volanti ai piedini che circondano la scheda. Sul sito troviamo tutti gli schemi necessari per attaccare alla scheda i vari connettori USB, Ethernet e quant altro. Attenzione che alcune periferiche (ad esempio le porte USB) necessitano dei classici 5V, ma la circuiteria della scheda adotta ormai il nuovo standard da 3V3: va quindi prestata la dovuta cura per evitare di mischiare livelli di tensione differenti (5V0 e 3V3) in quanto tale azione avrebbe come risultato solo di fare un fritto misto per poi buttare via la scheda. Per chi invece come noi preferisce a volte le cose già fatte seguendo la fi losofi a del Tutto & Subito, una soluzione potrebbe essere quella di procurarsi un hardware già pronto che utilizzi l Aria quale cervello, cioè un contenitore con dimensioni più generose, già dotato di tutti i connettori e che porti fuori i segnali logici dall ARM in modo da poterli gestire più comodamente (Fig.4). Il vantaggio nell uso di una scheda di sviluppo già pronta oltre a quello di avere un sistema compatto e senza instabili fi li volanti è quello di essere immediatamente operativi, riducendo i tempi di sviluppo e prototipazione dei propri progetti. Al momento in cui scriviamo, il prezzo di tale soluzione varia dai 200 ai 250 Euro in base alla presenza o meno del modulo GSM, ai quali dovrete aggiungere qualche decina di Euro in caso di ulteriori accessori (come la porta di debug seriale, la barra di LED, ecc.). I costi sono leggermente maggiori di quelli di una classica scheda di prototipazione basata su μc ma queste ultime sono accompagnate da un tool di sviluppo limitato: se si vogliono fare le cose sul serio occorre un pacchetto di sviluppo software professionale da pagarsi a parte, dal costo di centinaia di euro. In questo caso, ci troviamo a sborsare un po di più per l hardware ma poi non avremo alcun tipo di uscita economica sul fronte del software, dato che possiamo disporre a costo zero di una distro GNU/Linux già pronta con tutti i tool software necessari: alla fi ne dei conti, si risparmia. Volendo fare un parallelo con un PC tradizionale, possiamo considerare Aria come la CPU e Terra come la piastra madre anche se misura solo 10x10cm (poco più di un fl oppy!); visto che rende disponibili comodamente tutte le periferiche e linee di I/O, potremmo eleggerla direttamente quale scheda fi nale dei nostri progetti. Viceversa, se si è tirati con lo spazio o se si necessita di poche periferiche hardware, una volta conclusa la progettazione del software sarà suffi ciente riversare il software nella microsd connessa al modulo Aria fi nale. Parliamo del software Qui ormai è un classico: in tutte le occasioni in cui serve fl essibilità, affi dabilità, vasto parco di applicativi disponibili e certezze per quanto riguarda il supporto della comunità, c è a parere di chi scrive un solo 3 Il kit completo di Aria per essere subito operativi œ LINUX PRO

5 L imbarazzo del nome Nel testo ci riferiamo ad ARM indifferentemente con i termini μc (microcontrollore) o μp (microprocessore): non si tratta di errori ma di imbarazzo della scelta. Se guardiamo alle periferiche disponibili è un μc, se invece guardiamo alla potenza di calcolo e alla fl essibilità di programmazione, è un μp. Quindi ci siamo decisi a usare il nome che sembrava più adatto a sottolineare l aspetto saliente a cui ci si riferisce di volta in volta. 4 La scheda Terra in dettaglio nome e cioè Debian GNU/Linux. Il produttore mette a disposizione delle microsd con Debian 6.0 precaricata, ma dal link developers è possibile scaricare la immagini e procedere autonomamente, cosa che permette di risparmiare qualche soldino e di riciclare una delle tante memoriette che avete in casa. Colleghiamoci alla scheda Sul sito del venditore (www.acmesystems.it/dpi) vengono presentati un paio di modi per connettersi alla scheda, tramite la linea di debug seriale oppure tramite SSH: in questo caso serve scoprire l IP, dato che è attivo di default il client DHCP dovremo collegarla al nostro router e poi nella pagina di confi gurazione dello stesso scoprire quale indirizzo è stato assegnato. Noi ricorreremo a un trucco Jedi per saltare via tutto questa parte. Visto che ci troviamo di fronte a un sistema Debian al 100% e che preferiamo un indirizzo statico, non faremo altro che montare la scheda microsd sul nostro PC e confi gurare opportunamente il fi le /etc/network/ interfaces. Rimettete la scheda SD su Terra e fate il boot. Ora che la scheda è nella vostra rete locale, potete controllarla con SSH: (la coppia utente:password è root:ariag25). Da qui in poi è facile: con il solito apt-get potete aggiornare il sistema e installare nuovi applicativi. Ah, un regalo per voi: se vi connettete alla scheda tramite un navigatore Web, potrete vedere che è attivo un server HTTP che potrà fare da base per i vostri esperimenti programmatori: non vi diciamo di più per non rovinarvi la sorpresa. TABELLA 2 Qualche test sulle prestazioni Da vecchi utenti PC, abbiamo la solita deformazione professionale che ci porta a chiederci quanto pompa la CPU: per rispondere a questa domanda abbiamo bisogno di un confronto e abbiamo scelto come avversari una Raspberry e un vecchio portatile Thinkpad con un Pentium II a 400 MHz. Abbiamo quindi eseguito qualche test: trasferimento fi le in SSH, compilazione del programma aircrack-ng e suo utilizzo a scopo di elaborazione numerica. Nella Tabella 2 potete vedere i risultati ottenuti. Si noti che il test SSH è stato fatto connettendo i concorrenti a una macchina molto più carrozzata, quindi non c erano vincoli prestazionali all altro capo del cavo di rete che avrebbero potuto falsare i risultati. Inoltre, per non sottrarre potenza elaborativa ai test, le prove su portatile e Raspberry sono state fatte a riga di comando. Tre test possono essere pochi, ma quanto meno danno un indicazione di massima. Come vedete dalla tabella, Aria e Raspberry Pi sono sconfi tte sull I/O di rete e sulla velocità di compilazione ma si riscattano nell elaborazione numerica che, in fondo, è la parte più importante che si richiede a questo tipo di hardware. Inoltre, fatte le dovute proporzioni per quanto riguarda la frequenza di clock, le due schede basate su ARM hanno più o meno le stesse prestazioni, questo signifi ca che basterebbe alzare la velocità di Aria a 700 MHz per avvicinarsi parecchio alla RP: il gap che resterebbe è dovuto probabilmente alla miglior architettura dell ARMv6 che batte nella RP rispetto all ARMv4 che spinge Aria. Per quanto riguarda la dissipazione termica, durante le prove il SoC non ha dato segni di riscaldamento e alla prova dito il chip non ha superato in modo apprezzabile la temperatura ambiente. Interagire con l hardware In tutti i linguaggi di programmazione, il primo programma che si impara a scrivere è l Hello World, cioè la realizzazione di un comando semplicissimo ARIA PENTIUM II Raspberry Pi SSH (MB/s) 1,7 5,0 3,6 Aircrack (pass/s) Compilazione (s) Clock (MHz) LINUX PRO 126

6 quale la stampa di una scritta a video. Nel mondo dei μc l equivalente dell Hello World è far lampeggiare un LED (cioè comandare un uscita digitale) e rilevare lo stato di un pulsante (cioè leggere un ingresso digitale). Una volta padroneggiati questi due concetti base, allora saprete già il 60% di quello che c è da sapere sulla gestione degli I/O: il resto come si dice è tutta strada in discesa. Un esempio pratico? Cablate un LED e un pulsante come si vede in Fig.6 e poi potrete usare i due esempi seguenti in Python. Δ LED che lampeggia import ablib import time print Blinking led print Type ctrl-c to exit led = ablib.pin( W, 9, low ) while True: time.sleep(0.2) led.on() time.sleep(0.2) led.off() Δ Lettura pulsante import ablib import time print Press the push-button print or type ctrl-c to exit led = ablib.pin( W, 9, low ) button = ablib.pin( W, 15, in ) while True: if button.get_value()==0: led.on() else: led.off() Niente monitor? No, forse sì! Nel mondo PC per uscita video si intende un monitor da connettere per avere un output ricco di informazioni. Nel mondo μc, molto più spartano, il chip parla a volte solo attraverso un unico LED, magari con un codice: lampeggio veloce = tutto bene lampeggio lento = attesa comandi, luce fi ssa = errore e così via. Avendo a disposizione qualche I/O in più, il passo successivo è un classico display LCD a 2x16 (due righe da 16 caratteri l una): la scheda Terra prevede già i connettori per il montaggio (Fig.7). Ma se non ci si accontenta, si può ricorrere a un pannello da 320x240 pixel che abbiamo trovato scavando nel sito Web dell Aria (Fig.8). Forse non ci potete giocare a Doom, ma si possono fare parecchie cosette visto che può fungere sia da output visivo che da input (è touchscreen) sostituendo quindi tastierini e pulsanti. Facile da interfacciare (linea seriale o parallela), intelligente (ha un microprocessore dedicato per la gestione delle primitive grafi che come linee, cerchi, ecc.) e abbordabile nel prezzo (63 Euro al momento in cui scriviamo), con i suoi colori disponibili è sicuramente un accessorio di cui almeno deve essere nota l esistenza. Speriamo che questi pochi dati vi abbiano incuriosito abbastanza per andare a cercare ulteriori informazioni (www.acmesystems.it/ ULCD-32PT) e chissà mai che tra qualche mese non pervenga in redazione una missiva che ci annuncia la vostra versione di Tretis o Pacman sull Aria... 6 Gestire LED e pulsanti non è mai stato così facile 5 Midnight Commander all opera œ LINUX PRO

7 7 Un augurio ai nostri lettori 8 Pannello touchscreen per i vostri progetti grafici Driver per le uscite analogiche Come tutti i progettisti sanno, il top per un μc è avere delle uscite analogiche, cioè la possibilità di produrre un segnale che varii in modo continuo tra lo 0 e l 1 logico (in questo caso, tra 0 e 3V3 a passi costanti). È possibile simulare tali uscite con dell hardware dedicato chiamato PWM (Pulse With Modulation). In pratica si tratta di una circuiteria dedicata che si occupa previa confi gurazione di alcune variabili di sistema di cambiare l uscita di un piedino da zero a uno e viceversa, ma con una frequenza tale che il risultato fi nale è il valore intermedio voluto (per esempio 0.9V, 2.5V, ecc.). L hardware mette a disposizione almeno quattro PWM, purtroppo nel kernel di default (2.6.39) mancano ancora i driver adatti e occorre Linux 3.7 per poter sfruttare questa risorsa: comunque al tempo in cui leggerete questo scritto troverete già tutto pronto sul sito di Acme Systems. 256 MB non sono pochi Qualcuno potrebbe essere perplesso dal fatto che Aria abbia a seconda del modello 256 MB o addirittura solo 128 MB di RAM. Per prima cosa, ricordiamo che è la stessa dotazione che avevano i due modelli A e B di Raspberry Pi fi no a qualche mese fa (che solo recentemente ha raddoppiato a 256 e 512 MB). Secondo, invitiamo il lettore a non pensare alla scheda come a un PC ma come a un super Arduino (il quale dispone, lo ricordiamo, di soli 16 KB di RAM). Certo, Linux è un sistema operativo e come tale ha bisogno di spazio, ma la possibilità di intervenire sui sorgenti risolve la situazione. È infatti possibile far dimagrire il software di base affi nché kernel e fi lesystem si accontentino di qualche Megabyte (il sistema GNU/Linux che fa andare il vostro router wireless può accontentarsi tranquillamente di 6-8 MB) lasciando tutto il resto disponibile per le necessità progettuali e gli applicativi degli utenti fi nali. Qualche idea d uso Abbiamo detto che Aria è molto di più di un Arduino e meno di una Raspberry: che sia meglio di Arduino è palese leggendo le specifi che hardware, mentre dai test abbiamo visto che la sua potenza è poco meno che proporzionale a quella della RP, tenuto conto del differente clock. Ma che dire sul puro fronte PC? Dopotutto, fi no a una decina di anni fa una CPU a 400 MHz con 128 MB di RAM era più che dignitosa e provvedeva a ogni nostra necessità informatica. Un facile uso che ci viene in mente è un impiego di rete: con una microsd adeguata ecco che avete un effi ciente e discreto deposito-fi le 30 LINUX PRO 126

8 addirittura posizionabile all interno di una presa di rete, sempre in linea 24 ore al giorno e completamente fuori vista. Se invece occorre maggiore capienza di archiviazione, basta aggiungere un disco USB. L utilizzo non è certo limitato a cose classiche come DHCP o fi le server, ma può essere un valido client per il protocollo BitTorrent: in questo caso il trucco è usare programmi a riga di comando come rtorrent abbinato a un controllo via Web, come rtgui in modo da rendere inutile un uscita video diretta e controllando il tutto da remoto. Cercando difetti Ci siamo sforzati per cercare dei difetti ma non ne abbiamo trovati. Non c è il connettore per la microsd? Sì, ma saldarlo a bordo comportava la rinuncia ad almeno 8 linee di I/O e a più del 10% di superfi cie disponibile: decisamente troppo. Magari nella prossima versione (leggete l intervista al progettista nel box relativo) verrà integrata. Si poteva mettere una seconda porta di rete? Sì, ma Aria non è stato pensato per svolgere funzioni di fi rewall/router. La CPU è lenta? Gente, parliamo sempre di 400 MHz, che usati per controllare delle linee di I/O sembrano addirittura oltre quanto necessario: la potenza in più e dedicabile per gestire la roba ad alto livello che non potrebbe essere elaborata da un normale microcontrollore, come un Web server o attività di elaborazione numerica diffi cilmente processabile da sistemi a 8/16 bit. Siccome siamo pignoli (ma soprattutto perché ci sarebbe servita per un nostro progettino!) abbiamo notato la mancanza di una porta RS485 (http://it.wikipedia.org/wiki/ RS485), un tipo di connessione seriale molto usata in ambito industriale, che permette il networking di decine di unità senza il disturbo di dover appoggiarsi a una linea Ethernet. Anche se a nostro avviso la presenza della RS485 a bordo avrebbe completato al 100% la vocazione microcontrolloristica di questo SoM, riconosciamo che si tratta di una chicca hardware richiesta solo da un ristretto numero di utenti. Se proprio si vuole il protocollo RS485 occorre quindi appoggiarsi a modulini-adattatori esterni, già previsti e disponibili sul sito del produttore. L ultimo pin Per analizzare approfonditamente questo SoM servirebbe molto spazio ma le prove effettuate hanno comunque confermato la prima impressione. Per l hardware; robusto, affi dabile, economico ed espandibile sono i primi quattro aggettivi che ci vengono in mente, mentre il quinto che riguarda il software secondo noi è quello più importante: standard, cioè con una versione di Debian praticamente identica a quella tipica per x86, cosa che azzera di fatto i tempi per la formazione di tecnici e programmatori embedded che, se sanno già lavorare e programmare su PC, impiegheranno pochissimo tempo a padroneggiare i segreti di Aria. Buon lavoro a tutti! LXP Intervista al progettista Linux Pro: Eccoci a tu per tu con Sergio Tanzilli. Sergio, parlaci di te. Sergio Tanzilli: Classe Ho cominciato smontando una vecchia radio del nonno e da li non mi sono più fermato. Scuola Radio Electra, poi il primo microcomputer autocostruito (basato sul mitico Z80) grazie a Nuova Elettronica, dopodiché il salto nel mondo dei PC. Negli anni novanta scopro i μc, l esplosione del Web veicola il mio corso Pic by Example : la scoperta di Linux su ARM, portano alla fondazione della società Acme Systems nei primi anni 2000, grazie alla quale realizziamo la prima FOX Board venduta in 60 mila esemplari e ora Aria, la sua degna erede. LXP: Acme Systems, una scelta imprenditoriale coraggiosa in una realtà come quella italiana, che di solito è terra di conquista da parte di produttori stranieri. ST: La maggior parte delle società famose per aver realizzato schede a microprocessore sono nate e cresciute in zone già conosciute per l elettronica: Silicon Valley, Hong Kong, Shenzen, ecc. Acme Systems S.r.L. va controcorrente in quanto localizzata in una zona famosa per il carciofo romanesco: speriamo che altri si impegneranno come noi per rivitalizzare l industria tricolore del silicio. LXP: Sul Web corre voce che addirittura i cinesi comprino da voi. Successo italiano o leggenda metropolitana? ST: Aria è un modulo pensato per essere il cervello di schede a cui può essere facilmente aggiunto. È una offerta che riempie una nicchia di mercato che era scoperta. È diffi cile fare grossi volumi se non si è appoggiati dalle ditte produttrici dei chip, ma ci stiamo prendendo delle belle soddisfazioni: abbiamo ricevuto ordini consistenti non solo dalla Cina ma da diversi paesi asiatici, nazioni che di solito sono fornitori e non clienti dell Italia in ambito elettronico. LXP: Secondo noi Aria sarebbe più attraente se avesse della memoria Flash a bordo, alternativa alla microsd esterna: cosa ne pensi? ST: Pianifi cando con il mio socio e amico Roberto Asquini quella che sarebbe diventata Aria, abbiamo puntato fortemente sulla memoria esterna più fl essibile e sicura discostandoci dalla fi losofi a allora corrente tra gli sviluppatori di schede ARM. Anche Raspberry Pi segue la via della microsd, cosa che ci conforta sulla giustezza della nostra scelta. LXP: Visto il successo della scheda, possiamo aspettarci una versione 2.0 di Aria? ST: Ci piace l idea di aumentare l integrazione impilando SoC e RAM. Pensiamo a una versione con maggiore quantità di memoria e una CPU più potente, una Aria 2.0 proposta a prezzi molto aggressivi. Non posso scendere in dettagli, ma sarà una bella sorpresa per i nostri clienti. LINUX PRO

Acme Systems srl Profilo Aziendale

Acme Systems srl Profilo Aziendale Roberto ASQUINI Sergio TANZILLI Acme Systems srl Profilo Aziendale 10 anni di attività Progettazione interna Più fornitori per gli stessi prodotti Montaggio in sede Vendita diretta in 50 paesi 80% mercato

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED Fasar Elettronica propone un innovativa e performante famiglia di prodotti per l'ambiente embedded, che comprende sistemi completi e singoli

Dettagli

Caratteristiche HW. Clock Speed 16 MHz

Caratteristiche HW. Clock Speed 16 MHz ARDUINO YÚN Caratteristiche HW AVR Arduino Microcontroller ATmega32u4 Operating Voltage 5V Input Voltage 5V Digital I/O Pins 20 PWM Channels 7 Analog Input Channels 12 DC Current per I/O Pin 40 ma DC Current

Dettagli

Raspberry Pi B+ APPENDICE. A.1 Cosa non è cambiato... Difficoltà Tempo Risorse

Raspberry Pi B+ APPENDICE. A.1 Cosa non è cambiato... Difficoltà Tempo Risorse APPENDICE A Raspberry Pi B+ Difficoltà Tempo Risorse Il 14 luglio 2014 i creatori di Raspberry Pi hanno annunciato ufficialmente l uscita sul mercato del nuovo modello Raspberry Pi B+. Andiamo a scoprire

Dettagli

VINCENZO IAVAZZO CREA IL TUO SOFTWARE

VINCENZO IAVAZZO CREA IL TUO SOFTWARE VINCENZO IAVAZZO CREA IL TUO SOFTWARE Imparare a programmare e a realizzare software con i più grandi linguaggi di programmazione 2 Titolo CREA IL TUO SOFTWARE Autore Vincenzo Iavazzo Editore Bruno Editore

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto

Raspberry Pi: Hardware Programming. Rossi Pietro Alberto Rossi Pietro Alberto Agenda Introduzione Hardware Software Programmazione, primi passi Protocolli di comunicazione Programmazione Conclusioni Introduzione Il Raspberry Pi è una scheda elettronica impementante

Dettagli

INDICE PROGRAMMA CORSO

INDICE PROGRAMMA CORSO INDICE PROGRAMMA CORSO PRIMA LEZIONE: Componenti di un computer: Hardware, Software e caratteristiche delle periferiche. SECONDA LEZIONE: Elementi principali dello schermo di Windows: Desktop, Icone, Mouse,

Dettagli

CatalogoProdotti. Co.Fin Elettronica s.r.l. Presentazione

CatalogoProdotti. Co.Fin Elettronica s.r.l. Presentazione Co.Fin Elettronica s.r.l. CatalogoProdotti Presentazione Co.fin Elettronica è un'azienda di provata esperienza nel campo dell'automazione industriale, con uno sguardo particolare per il settore ceramico.

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio

EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio Dr Stefano Vianelli EURINS srl Categoria Automotive Prodotti utilizzati LabVIEW 6i,

Dettagli

Catalogo Prodotti e Semilavorati Anno 2010

Catalogo Prodotti e Semilavorati Anno 2010 Catalogo Prodotti e Semilavorati Anno 2010 Pag 1 di 10 Sommario 1 SMALL EMBEDDED BOARD MC9S08D FREESCALE... 3 2 MEDIUM EMBEDDED BOARD MC9S12X FREESCALE... 4 3 SMALL EMBEDDED DISPLAY ARM 7 LPC2478 NXP...

Dettagli

Capitolo 1. Da dove iniziare

Capitolo 1. Da dove iniziare Capitolo 1 Da dove iniziare Breve storia di Raspberry Pi Il progetto Raspberry Pi venne annunciato alla comunità mondiale alla fine del 2011 dalla Raspberry Pi Foundation, una fondazione no-profit con

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

Rilheva. La soluzione per il monitoraggio

Rilheva. La soluzione per il monitoraggio Rilheva. La soluzione per il monitoraggio non presidiato. Vemer-Siber Group S.p.A. - Sede Commerciale di Brugherio - Via Belvedere, 11-20047 Brugherio (MI) Tel. 039 20901 - Fax 039 2090222 - www.vemersiber.it

Dettagli

DA OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSI Rilassati mentre lui si prende cura del tuo giardino. WWW.GARDENA.COM

DA OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSI Rilassati mentre lui si prende cura del tuo giardino. WWW.GARDENA.COM WWW.GARDENA.COM Robot Gardena R70Li: per superfici fino a 700 m 2. Autonomo, affidabile e silenzioso. Robot Gardena R40Li: per superfici fino a 400 m 2. Autonomo, affidabile e silenzioso. DA OGGI IL PRATO

Dettagli

Intermec 6650. Computer per uso mobile e veicolare. Caratteristiche chiave:

Intermec 6650. Computer per uso mobile e veicolare. Caratteristiche chiave: Computer per uso mobile e veicolare. Caratteristiche chiave: costruito per resistere agli ambienti più ostili comunicazione wireless integrata con switch opzionale per antenna remota display SVGA leggibile

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

A cosa puo servire un server casalingo per la maggioranza di utenti? Bhe partiamo da applicazionid i uso comune. Il peer2peer. ( emule e torrent)

A cosa puo servire un server casalingo per la maggioranza di utenti? Bhe partiamo da applicazionid i uso comune. Il peer2peer. ( emule e torrent) How to (come fare) : Configurare un muletto OR server di allocazione e movimento file casalingo OR nas con hardware ritenuto obsoleto OR vecchio OR anziano A causa della diffusione della tecnologia informatica,

Dettagli

Arduino UNO. Single board microcontroller

Arduino UNO. Single board microcontroller Arduino UNO Single board microcontroller Che cos è Arduino? Arduino è una piattaforma hardware basata su un microcontrollore, per lo sviluppo di applicazioni che possono interagire con il mondo esterno.

Dettagli

1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore

1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore 1.3 Concetti base dell Informatica: Elaboratore Insegnamento di Informatica Elisabetta Ronchieri Corso di Laurea di Economia, Universitá di Ferrara I semestre, anno 2014-2015 Elisabetta Ronchieri (Universitá)

Dettagli

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA Interfacciare il PC con il mondo esterno LA PORTA SERIALE DEL PC in uscita con il PIC In questa puntata interfacceremo il Personal Computer con le nostre apparecchiature

Dettagli

Microelettronica Corso di progettazione su SoC ARM:

Microelettronica Corso di progettazione su SoC ARM: Microelettronica Corso di progettazione su SoC ARM: Introduzione Stefano Salvatori Università degli Studi Roma Tre (stefano.salvatori@uniroma3.it) Università degli Studi Roma Tre Microelettronica 2013

Dettagli

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni.

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Book 1 Conoscere i computer Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara

Dettagli

PDA ADFL Consulting Srl

PDA ADFL Consulting Srl PDA ADFL Consulting Srl Il punto 13/04/2007 PDA ARM9 - ADFL Consulting - 1 Analisi del Mercato Al settore di business che per primo ha richiesto un intervento, è stata applicata un analisi con logica top-down

Dettagli

FPGA alla portata di tutti

FPGA alla portata di tutti di ANTONIO ACQUASANTA Igloo nano Starter kit FPGA alla portata di tutti Questo articolo presenta nel dettaglio l IGLOO nano STARTER KIT di ACTEL, dal costo contenuto, per FPGA, che potrà essere usato come

Dettagli

Dalle dimensioni di 13,9 x 8,7 x 3,2cm è più piccola di un Nintendo(TM) 3DS XL.

Dalle dimensioni di 13,9 x 8,7 x 3,2cm è più piccola di un Nintendo(TM) 3DS XL. Nota: Il contenuto di questo testo può essere usato integralmente o in parte senza restrizioni. Ovviamente può essere integrato o cambiato a proprio piacimento naturalmente rispettando le informazioni

Dettagli

SISTEMI DI SICUREZZA A 32 ZONE

SISTEMI DI SICUREZZA A 32 ZONE SISTEMI DI SICUREZZA A 32 ZONE Provate il nuovo modo di vivere con l esclusiva modalità di funzionamento StayD disponibile sulle centrali Spectra serie SP. StayD rappresenta una nuova fi losofi a di protezione

Dettagli

IL COMPUTER. INTRODUZIONE - un po di storia CPU

IL COMPUTER. INTRODUZIONE - un po di storia CPU IL COMPUTER INTRODUZIONE - un po di storia Il computer è una macchina, uno strumento diventato ormai indispensabile nella vita di tutti i giorni per la maggior parte delle persone dei Paesi sviluppati.

Dettagli

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Introduzione La RTU B200, ultima nata del sistema TMC-2000, si propone come valida risposta alle esigenze di chi progetta e implementa sistemi di automazione

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1309 Pag.1 di - 111 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava

Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava Linux?!? A cura di: Carmine Stolfi Roberto Lacava Panoramica su Linux Cosè Linux Perchè Linux è libero Cosè Linux? Linux è un Sistema Operativo Agisce da interfaccia tra l' uomo e la macchina fornendo

Dettagli

Un sistema dedicato è per sua. Sistemi embedded modulari con PC/104 e PC/104 Plus. appunti

Un sistema dedicato è per sua. Sistemi embedded modulari con PC/104 e PC/104 Plus. appunti Sistemi embedded modulari con PC/104 e PC/104 Plus Costruire un sistema embedded con i componenti della famiglia PC/104 non è molto diverso dall assemblare un PC con componenti off-the-shelf. La differenza

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xiii. Breve storia di Raspberry Pi...1. Fuori dalla scatola...5

Indice generale. Introduzione...xiii. Breve storia di Raspberry Pi...1. Fuori dalla scatola...5 Introduzione...xiii Un progetto nato per passione... xiii La comunità educativa...xiv Piattaforme educative, ma non solo...xv Istruzioni per l uso...xv Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Breve storia di

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer 18 Hardware 1 Hardware: componenti fisiche dell elaboratore; la forma e le prestazioni dell hardware variano in funzione del tipo di elaboratore Principali componenti hardware: unità

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

Cablaggio Sistemi Hardware

Cablaggio Sistemi Hardware Cablaggio Sistemi Hardware Supponiamo di eseguire un cablaggio in una nuova infrastruttura di rete da zero. Dobbiamo installare nuovi pc e server, di conseguenza bisogna conoscere alcune nuove specifiche

Dettagli

REDPITAYA: IL LABORATORIO ELETTRONICO OPEN SOURCE

REDPITAYA: IL LABORATORIO ELETTRONICO OPEN SOURCE REDPITAYA: IL LABORATORIO ELETTRONICO OPEN SOURCE di MARCO MAGAGNIN Presentiamo uno strumento programmabile di misura ed acquisizione dati, open source, realizzato utilizzando il SoC Xilinx Zynq 7010,

Dettagli

Soluzione Immobiliare

Soluzione Immobiliare SOLUZIONE IMMOBILIARE SOLUZIONE IMMOBILIARE è un software studiato appositamente per la gestione di una Agenzia. Creato in collaborazione con operatori del settore, Soluzione si pone sul mercato con l

Dettagli

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili:

Calcolatore: Elaborare: Input: Output: John von Neumann: Device: Embedded: Sistemi programmabili: Autore: Maria Chiara Cavaliere Informatica di base Lezione 1 del 21/3/2016 Il corso di Informatica di base si baserà sulla spiegazione di tre moduli: -Architettura Hardware; -Sistema operativo; Parte teorica

Dettagli

Hardware, software e dati

Hardware, software e dati Hardware, software e dati. Hardware il corpo del computer. Software i programmi del computer. Dati la memoria del computer ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva

Dettagli

La grande limitazione che noto è che il sistema è installato a 32 bit mentre tutto l HW supporta i 64 bit nativamente.

La grande limitazione che noto è che il sistema è installato a 32 bit mentre tutto l HW supporta i 64 bit nativamente. Recensione completa MEEGO_PAD modello T01 L oggetto in questione è basato su Intel Atom Z3735F operante a 1.33GHz. Il prodotto arriva completo di windows 8.1 inglese multilingua non licenziato. Al primo

Dettagli

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2

Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Centralina di acquisizione dati e telecontrollo ECO2 Fascicolo centralina Eco2 Revisione: GG.01.05-04 Autore: Giorgio Gentili Centralina elettronica ECO2 La centralina ECO2 offre una ampia flessibilità

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE Lingua del manuale Serie Prodotto Descrizione Contenuti:

MANUALE DI INSTALLAZIONE Lingua del manuale Serie Prodotto Descrizione Contenuti: MANUALE DI INSTALLAZIONE Lingua del manuale Serie Prodotto Descrizione Contenuti: ITALIANO Z-PC Z-PASS1-0 Modbus Ethernet/Serial Gateway and Serial Device Server with VPN 1. AVVERTENZE PRELIMINARI 2. ISTRUZIONI

Dettagli

Ottieni di più dal tuo impianto fotovoltaico!

Ottieni di più dal tuo impianto fotovoltaico! Monitoraggio Ottieni di più dal tuo impianto fotovoltaico! Dettaglio dei valori in uscita e storico delle performance Sicurezza e allarmi Per PC, laptop e iphone Soluzioni per sistemi da 500 W a 200 kw

Dettagli

Nessie 2013 prende il volo

Nessie 2013 prende il volo La scienza, qualsivoglia siano i suoi ultimi sviluppi, ha le sue origini nelle tecniche, nelle arti e nei mestieri. La scienza emerge nel contatto con le cose, dipende dall evidenza dei sensi, e, per quanto

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

i l s i s t e m a d i a u t o m a z i o n e u n i c o:

i l s i s t e m a d i a u t o m a z i o n e u n i c o: home and building automa tion Una, i l s i s t e m a d i a u t o m a z i o n e u n i c o: una sola scheda gestisce tutte le funzionalità dell impianto domotico. Eva la solidità. Eva è concreta efficienza.

Dettagli

Sommario. Introduzione...7

Sommario. Introduzione...7 Sommario Introduzione...7 1. Acquisto e sincronizzazione dell ipad...11 Con ios 5 l ipad è PC-Free...11 Requisiti di sistema... 12 Rubrica indirizzi, appuntamenti e preferiti Internet... 13 Caricare foto

Dettagli

Computer Portatili: Ultraportatili, Netbook e Notebook

Computer Portatili: Ultraportatili, Netbook e Notebook Computer Portatili: Ultraportatili, Netbook e Notebook Questo articolo vuole essere una breve guida per illustrare le caratteristiche principali delle varie tipologie di Computer Portatili e di conseguenza

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1401 Pag.1 di - 114 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Corso per i docenti neo assunti due incontri di formazione sulle tecnologie

Corso per i docenti neo assunti due incontri di formazione sulle tecnologie Corso per i docenti neo assunti due incontri di formazione sulle tecnologie BREVI CENNI DI STORIA - 35 anni sono come 100.000 di evoluzione L HARDWARE: componenti input, output e di elaborazione IL SOFTWARE:

Dettagli

PICOTEP - Ing. Ferdinando FUSCO

PICOTEP - Ing. Ferdinando FUSCO 1 2 Il nome del dispositivo nasce tra la fusione di quattro parole: PI CO TE P P.I.C. - Microcontrollore CONTROL Controllo TEMPERATURE - Temperatura P.W.M. Pulse Width Modulation (Modulazione di larghezza

Dettagli

Introduzione: {jospagebreak_scroll title=materiale necessario per procedere:&heading=introduzione:} Recupero BIOS tramite porta SPI HW Legend

Introduzione: {jospagebreak_scroll title=materiale necessario per procedere:&heading=introduzione:} Recupero BIOS tramite porta SPI HW Legend In questa guida, viene descritto in maniera semplice e veloce, il modo di recuperare una scheda madre con BIOS corrotto tramite porta SPI. Abbiamo quindi deciso di aiutare chiunque si trovi nella situazione

Dettagli

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012

Elementi hardware di un personal computer desktop 2012 IIS Bonfantini Novara -Laboratorio di informatica 2012 Pagina 1 PERSONAL COMPUTER I personal computer sono quelli usati per lavoro d'ufficio o in ambito domestico da un solo utente per volta. Un ulteriore

Dettagli

Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi

Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi Manuale d uso scheda irrigazione domotica per Raspberry pi Il pacchetto OSPI include i seguenti elementi: - scheda di espansione per Rasberry pi - morsetti a vite - un cavo a 8 pin e un cavo a 3 pin -

Dettagli

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC Pagina 1 1. Che cos'è il Case? A Unità di Peso dei Computer. B Microprocessore. C Scatola metallica che racchiude tutte le componenti fisiche di un computer

Dettagli

BOGE AIR. THE AIR TO WORK. SISTEMI DI COMANDO

BOGE AIR. THE AIR TO WORK. SISTEMI DI COMANDO BOGE AIR. THE AIR TO WORK. SISTEMI DI COMANDO Oltre 100.000 industrie e imprese artigiane chiedono di più ai sistemi di produzione di aria compressa. Aria BOGE, l aria ideale per lavorare. I costi energetici

Dettagli

Touch screen, mille dati con un dito

Touch screen, mille dati con un dito DD 1050 Terminale di pesatura Serie Diade Touch screen, mille dati con un dito Strumenti e Tecnologie per Pesare Terminale di pesatura Serie Diade DD 1050 DIADE in matematica indica la combinazione di

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xi. Capitolo 1 Da dove iniziare... 1. Capitolo 2 Collegamenti con il mondo esterno... 9

Indice generale. Introduzione...xi. Capitolo 1 Da dove iniziare... 1. Capitolo 2 Collegamenti con il mondo esterno... 9 Introduzione...xi Capitolo 1 Da dove iniziare... 1 Breve storia di Raspberry Pi... 1 Un progetto nato per passione... 2 Piattaforma educativa, ma non solo... 3 Il primo Raspberry Pi... 3 I modelli in produzione...

Dettagli

Punti di forza della serie

Punti di forza della serie Samsung ATIV Smart PC Pro (XE700T1C-A03IT) Samsung ATIV Smart PC Pro - Clamshell keyboard dock - C 847 / 1.1 GHz - Windows 8 Pro 64-bit - 2 GB RAM - 64 GB SSD - 11.6" largo 1920 x 1080 / Full HD - Intel

Dettagli

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

Come realizzare un MICROPLC con programmazione in AWL.

Come realizzare un MICROPLC con programmazione in AWL. G&G Progetto FACILEPLC Rev.0.0.A Pag. 1 di 5 Data: 19/07/2010 Rev.Doc: 0.2 FACILEPLC http://facileplc.blogspot.com By G&G Editor:G&G E-Mail:cimice96@hotmail.it Come realizzare un MICROPLC con programmazione

Dettagli

Arduino e l Internet delle cose

Arduino e l Internet delle cose Arduino e l Internet delle cose Cristian Maglie (c.maglie@arduino.cc) 1 Notizie sul relatore - Programmatore Freelance - Entusiasta utilizzatore di tecnologie Open - Collabora con Arduino da oltre 5 anni

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST

SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST La regolazione è il cuore efficiente del sistema NEST di riscaldamento e di raffrescamento degli ambienti. Il sistema permette in primo luogo di tenere sotto controllo continuamente

Dettagli

Samsung SUR40: la tecnologia touch-screen che rivoluziona l interazione tra consumatore e brand

Samsung SUR40: la tecnologia touch-screen che rivoluziona l interazione tra consumatore e brand Samsung SUR40: la tecnologia touch-screen che rivoluziona l interazione tra consumatore e brand Perché Samsung SUR40 Display Surface Riconoscimento degli oggetti e delle mani Scoprite la vera differenza

Dettagli

plasduino Congresso Nazionale della SIF Trieste, 23 27 settembre 2013 Open source data acquisition framework

plasduino Congresso Nazionale della SIF Trieste, 23 27 settembre 2013 Open source data acquisition framework plasduino Open source data acquisition framework Luca Baldini 1,2, Carmelo Sgrò 2, Enrico Andreoni 1, Franco Angelini 1, Andrea Bianchi 1, Johan Bregeon 3, Francesco Fidecaro 1, Marco Maria Massai 1, Virginio

Dettagli

HERCOLINO IC2 I/O DIGITALI. Modulo Potenza Timer Comando Motori. Domotica TRIAC ... HERCOLINO Modulo di potenza programmabile

HERCOLINO IC2 I/O DIGITALI. Modulo Potenza Timer Comando Motori. Domotica TRIAC ... HERCOLINO Modulo di potenza programmabile HERCOLINO HERCOLINO Modulo di potenza programmabile Modulo Potenza Timer Comando Motori Contattore Statico Automazione Industriale IC2 Domotica I/O DIGITALI Relay Stato Solido Attuatore Motori TRIAC RealTimeClock

Dettagli

EURINS HAL - Sistema di acquisizione e configurazione delle centraline elettroniche mediante la linea K

EURINS HAL - Sistema di acquisizione e configurazione delle centraline elettroniche mediante la linea K EURINS HAL - Sistema di acquisizione e configurazione delle centraline elettroniche mediante la linea K Obiettivo Lo scopo è realizzare un sistema compatto che permetta di accedere ai parametri di configurazione

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE

DESCRIZIONE GENERALE DESCRIZIONE GENERALE Il DGM (Display Grafico Monocolor) e il DGT (Display Grafico Tricolor) rappresentano uno strumento elettronico digitale, studiati per soddisfare l esigenza di comunicare in modo visivo

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX Windows vs LINUX 1 di 20 Windows vs LINUX In che termini ha senso un confronto? Un O.S. è condizionato dall architettura su cui gira Un O.S. è condizionato dalle applicazioni Difficile effettuare un rapporto

Dettagli

OptiFiber OTDR per la certificazione. Certificazione. Diagnostica. Documentazione. I primi OTDR per la certificazione progettati per installatori LAN.

OptiFiber OTDR per la certificazione. Certificazione. Diagnostica. Documentazione. I primi OTDR per la certificazione progettati per installatori LAN. Certificazione. Diagnostica. Documentazione. I primi OTDR per la certificazione progettati per installatori LAN. L impiego delle fibre per reti locali e di campus è in continua espansione e impone nuovi

Dettagli

APPUNTI CONCETTI DI BASE

APPUNTI CONCETTI DI BASE www.informarsi.net APPUNTI CONCETTI DI BASE Struttura di un elaboratore Un computer è paragonabile a una grande scatola in cui sono immessi dei dati, i quali, una volta immagazzinati, elaborati e processati,

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE

DESCRIZIONE GENERALE DESCRIZIONE GENERALE Il DRGM (doppia riga grafico monocolor) e il DRGT (doppia riga grafico tricolor) rappresentano uno strumento elettronico digitale, studiati per soddisfare l esigenza di comunicare

Dettagli

Incontro #0: Voi pensate che questo sia il corso/laboratorio di elettronica ed informatica libera? (renzo rd235 iz4dje)

Incontro #0: Voi pensate che questo sia il corso/laboratorio di elettronica ed informatica libera? (renzo rd235 iz4dje) Incontro #0: Voi pensate che questo sia il corso/laboratorio di elettronica ed informatica libera? (renzo rd235 iz4dje) Non e' vero. Questo e' il NON corso/laboratorio di elettronica ed informatica libera

Dettagli

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto.

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto. La Radio nelle scuole, storia di un progetto portato a termine dalla Sezione ARI di Padova in collaborazione con l Istituto Tecnico Industriale F. Severi di Padova. è importante farci conoscere e comunicare

Dettagli

EC099000 MINI PC ANDROID 4.0 PER SMART TV

EC099000 MINI PC ANDROID 4.0 PER SMART TV EC099000 MINI PC ANDROID 4.0 PER SMART TV PC in miniatura a forma di chiavetta con Wi Fi integrato che, collegato a un televisore con HDMI, lo trasforma in uno smart TV con cui è possibile navigare in

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

Questo manuale è stato redatto per l FDX kit Edizione: Settembre 2004 1-2

Questo manuale è stato redatto per l FDX kit Edizione: Settembre 2004 1-2 Questo manuale è stato redatto per l Edizione: Settembre 2004 1-2 Indice 1. Specifiche dei componenti...1-4 2. Installazione...2-7 2.1 Installazione del convertitoreda USB a RS-232...2-7 2.1.1 Generalità...2-7

Dettagli

ARDUINO ARDUINODUE. la piattaforma OPEN SOURCE alla portata di tutti. New. New. futurashop.it. S i s t e m i d i s v i l u ppo, software e didattica

ARDUINO ARDUINODUE. la piattaforma OPEN SOURCE alla portata di tutti. New. New. futurashop.it. S i s t e m i d i s v i l u ppo, software e didattica S i s t e m i d i s v i l u ppo, software e didattica ARDUINO la piattaforma OPEN SOURCE alla portata di tutti Realizza i tuoi progetti sfruttando questa innovativa piattaforma a basso costo, che mette

Dettagli

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione

51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione Conoscenze Informatiche 51) Linux è: A) un sistema operativo B) una periferica C) un applicazione 52) Un provider è: A) un ente che fornisce a terzi l accesso a Internet B) un protocollo di connessione

Dettagli

Gestione del riscaldamento della casa via App e web. ThermoAPP. il geotermostato intelligente

Gestione del riscaldamento della casa via App e web. ThermoAPP. il geotermostato intelligente ThermoAPP il geotermostato intelligente ThermoAPP è il termostato hi-tech creato per la gestione intelligente degli impianti di riscaldamento. Un dispositivo ad alto tasso tecnologico che consente l interazione,

Dettagli

Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows?

Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows? Come fare a leggere questi dati generati da un programma windows? A questo punto siamo in possesso di tutti gli elementi per sfruttare appieno le potenzialità di Linux: sappiamo destreggiarci (mai abbastanza)

Dettagli

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA Sulla scia dei differenti tipi di display multifunzionali già presentati, ecco un nuovo dispositivo che utilizza i moduli giganti a sette segmenti con led

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

informazioni sui prodotti solarwatt energy solution starter kit IT STARTER KIT

informazioni sui prodotti solarwatt energy solution starter kit IT STARTER KIT informazioni sui prodotti solarwatt energy solution starter kit IT STARTER KIT Energy SOLUTION ENERGY SOLUTION CONTROLLO ENERGETICO INTELLIGENTE SOLARWATT AG INFORMAZIONI SUI PRODOTTI 03 SOLARWATT ENERGY

Dettagli

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE TCP/IP

RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE TCP/IP RECS 101: UN WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI CONTROLLO REMOTO TRAMITE TCP/IP seconda parte di Cristian Randieri randieri@intellisystem.it In questa seconda parte della presentazione del dispositivo

Dettagli

Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN

Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN Percorsi Abilitanti Speciali A.A. 2013/2014 classe abilitazione C320 LABORATORIO MECCANICO TECNOLOGICO Esercitazione Controllo di un motore DC mediante Arduino YUN Pag. 2 SOMMARIO Presentazione delle caratteristiche

Dettagli

K8076 Manuale utente

K8076 Manuale utente K8076 Manuale utente Informazioni generali 1. Introduzione La ringraziamo per aver acquistato e realizzato questo kit Velleman. Il K8076 rappresenta un programmatore per uso didattico, in grado di programmare

Dettagli

Dimensioni massime dell impianto: 15 kwp. Powermanagement opzionale. Possibilità di monitoraggio, ottimizzazione e regolazione dell autoconsumo

Dimensioni massime dell impianto: 15 kwp. Powermanagement opzionale. Possibilità di monitoraggio, ottimizzazione e regolazione dell autoconsumo Dimensioni massime dell impianto: 15 kwp Powermanagement opzionale Display di stato LCD dinamico Possibilità di monitoraggio, ottimizzazione e regolazione dell autoconsumo Solar-Log 300 Per impianti di

Dettagli

Compatto e robusto. Trasmissione dati e comunicazione. Datalogic 8600

Compatto e robusto. Trasmissione dati e comunicazione. Datalogic 8600 Opzioni radio WLan 802.11b o OpenAir Ampio ed innovativo display (160 x 240 pixel) Tastiera siliconica completa Modularità (lettore laser, PC Card WLan) Ampia autonomia, pacco batteria Ni Mh o Li Ion Gestione

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY

INFORMATION TECNOLOGY PROGETTAZIONE CLASSI PRIMA A E B CONCETTI DI BASE INFORMATION TECNOLOGY SIGNIFICATO DI INFORMATION TECNOLOGY il sistema informatico La classificazione dei computer in base all uso Principali componenti

Dettagli