L ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI NUCLEARI ITALIANI ALL ESTERO: IMBROGLIO O REALTA?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI NUCLEARI ITALIANI ALL ESTERO: IMBROGLIO O REALTA?"

Transcript

1 L ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI NUCLEARI ITALIANI ALL ESTERO: IMBROGLIO O REALTA? Nel 1997 Greenpeace denunciò la realtà del mercato clandestino dello smaltimento incontrollato di rifiuti, radioattivi e non, in Italia e l esistenza di una rete di operatori economici e finanziari senza scrupoli che aveva tentato di effettuare, a volte con successo, operazioni illegali di smaltimento in Paesi poveri. Alla base delle attività rivelate in quel rapporto c era un unica preoccupazione: quella di liberarsi in fretta e a costi minimi delle scorie tossiche e radioattive prodotte in Italia e in altri Paesi industrializzati, spedendole verso territori poveri o seppellendole in fondali marini, senza curarsi né delle leggi esistenti in materia che proibiscono tali attività, né delle conseguenze per l ambiente e la salute umana che simili operazioni avrebbero comportato. Nel dicembre 2004, il governo italiano ha deciso di gestire direttamente e con la stessa logica i rifiuti radioattivi lasciati in eredità dalla scellerata stagione nucleare italiana: lontano dagli occhi lontano dal cuore. L esportazione totale e definitiva delle 235 tonnellate di combustibile irraggiato ancora stoccato negli impianti nucleari di Trino Vercellese, Saluggia e Caorso (cioè il 99% della radioattività esistente presso gli impianti nucleari dimessi) è stata annunciata in grande pompa dalla Sogin, la società pubblica presieduta da un generale che ha l esclusiva gestione di tutto il nucleare italiano, ed anche di più. Questo annuncio contraddice clamorosamente le scelte precedenti che avevano individuato nello stoccaggio a secco presso gli impianti esistenti la soluzione intermedia al problema, in attesa dell individuazione di un sito di stoccaggio in Italia. A questo riguardo, la Sogin aveva già ordinato alla ditta tedesca GNB GbH un certo numero di contenitori (casks) per il contenimento del combustibile irraggiato ancora non trattato. A cambiare le carte in tavola è il cosiddetto decreto Marzano del 2 dicembre 2004, cui ha fatto seguito l ordinanza del Commissario Carlo Jean del La gara internazionale per aggiudicare il contratto di esportazione partirà a giorni. A metà 2005 si prevede l aggiudicazione, entro fine anno la conclusione delle pratiche autorizzative e all inizio del 2006 il primo carico potrebbe partire: destinazione Sellafield, Inghilterra o La Hague, Francia. L operazione potrebbe essere completata entro il Questo significa che in 24 mesi dovranno essere effettuati trasporti eccezionali di combustibile irraggiato dall Italia. Non si conosce esattamente come verranno organizzate le spedizioni in quanto gli impianti interessati saranno tre, distribuiti in due regioni e tre province. Non è dato conoscere quale tipo di misure di sicurezza verranno adottate, quali siano i piani di informazione e protezione della cittadinanza e dell ambiente. Dopo le operazioni di estrazione del plutonio dai rifiuti per confezionare qualche ordigno nucleare, questi dovrebbero rientrare in Italia, entro circa 20 anni. Ma ecco un altra sorpresa di Natale: i rifiuti si vorrebbe non farli tornare più. Un ipotesi che caricherebbe altre popolazioni di un fardello pericoloso considerando che nel mondo esiste un solo sito geologico per lo smaltimento finale delle scorie nucleari, negli Stati Uniti, mentre paesi come Francia e Gran Bretagna sono ancora in fase di studio e sperimentazione. E se invece i rifiuti nucleari torneranno in Italia, dove li metteremo? Scaduto il 9 gennaio 2005 il termine previsto dal cosiddetto decreto Scanzano (successivamente convertito nella legge n. 368 del 24/12/03) per l individuazione del sito unico nazionale di deposito, nulla si è saputo ufficialmente: la legge è stata disattesa. L Italia si libererà delle proprie responsabilità a spese di qualcun altro? 1

2 L esportazione definitiva dei rifiuti nucleari italiani non è possibile La gestione delle 235 tonnellate di combustibile irraggiato ancora stoccati in Italia richiede un nuovo contratto e l avvio di nuove procedure nei paesi importatori. Ma richiede, in ogni caso, la costruzione di un sito di stoccaggio nazionale. Allo stato dei fatti, né la legge inglese né quella francese autorizzano gli operatori locali a tenersi i rifiuti nucleari stranieri per sempre. L Inghilterra, grazie ad una modifica apportata ai propri regolamenti, annunciata nel dicembre 2004 potrebbe restituirci solamente i rifiuti ad alta radioattività, riducendo quindi il volume ma non la pericolosità dei residui da riconsegnarci. La Francia invece ce li rispedirebbe indietro tutti. Il ritorno dei rifiuti in Italia non avverrebbe comunque prima di 20 anni. Il regalo di Natale agli italiani quindi verrà pagato a caro prezzo dall ambiente e dalle popolazioni circostanti gli impianti di riprocessamento di Sellafield o La Hague che sono tra i siti più contaminati del pianeta. Ma finirà per essere a carico in ogni caso della prossima generazione di italiani, che si ritroveranno a dover cercare una soluzione che oggi non si ha né la volontà, né la capacità di trovare. La Sogin ha dichiarato recentemente alla stampa inglese l intenzione di provare a lasciare alla società BNFL, responsabile degli impianti di Sellafield, tutto il materiale radioattivo eventualmente esportato, nel caso BNFL si aggiudicasse il contratto. Eppure, visto che lo scopo delle operazioni di riprocessamento è quello di riutilizzare nelle centrali nucleari l uranio recuperato, e visto che l Italia non ha impianti nucleari attivi, l operazione tentata da Sogin non trova alcun riscontro nelle legislazioni nazionali e convenzioni internazionali vigenti. Al contrario, lo schema proposto da Sogin è contrario almeno a 7 strumenti legali inglesi ed internazionali che regolano il settore dei rifiuti nucleari: 1. IAEA Joint Convention on the Safety of Spent Fuel Management and on the Safety of Radioactive Waste Management. (INFCIRC/546, ). 2. IAEA Code of Practice on the International Transboundary Movement of Radioactive Waste. (INFCIRC/386, ). 3. Council Directive 92/3/EURATOM on the supervision and control of shipments of radioactive waste between MemberStates and into and out of the Community (3.2.92). 4. UK Statutory Instrument 1993 No.3031 The Transfrontier Shipment of Radioactive Waste Regulations UK Review of Radioactive Waste Management Policy Cm 2919 July The Bergen Declaration, Fifth International Conference on the Protection of the North Sea, March The Radioactive Waste Management Advisory Committee s Report on The Import and Export of Radioactive Waste. RWMAC September Greenpeace si batte contro il riprocessamento delle scorie nucleari, in quanto fattore principale di proliferazione di armi di distruzione di massa e di contaminazione radioattiva globale. I siti di riprocessamento in Europa sono due: Sellafield, Inghilterra, e La Hague, Francia, gestiti rispettivamente da BNFL e AREVA/COGEMA. L Inghilterra potrebbe costituire l opzione più vantaggiosa per Sogin: l impianto di Sellafield infatti ha già trattato volumi significativi di rifiuti italiani e attualmente ospita tutti i rifiuti, il plutonio e l uranio derivati dal riprocessamento dei materiali provenienti dalle centrali di Latina e Garigliano. Ma le operazioni di trattamento dei rifiuti nucleari producono una terribile contaminazione ambientale ed enormi rischi sanitari per i lavoratori e le popolazioni circostanti gli impianti. Senza contare il fatto che, come spesso accade, simili attività sono situate in aree povere. La regione West Cumbria dove è situato l impianto Thorp, Sellafield, è tra le più povere del Regno Unito, con redditi ben al di sotto della media nazionale. Circa il 25% della popolazione rurale ha un reddito al di sotto della soglia di povertà, mentre c è una tendenza accentuata all invecchiamento in quanto i giovani, appena possono, scappano per non tornare più. 2

3 L esportazione dei rifiuti nucleari italiani provoca danni sanitari Gli effetti sanitari e l elevata incidenza di leucemia e tumori infantili intorno agli impianti di Sellafield costituiscono uno degli argomenti più dibattuti e studiati negli ultimi 20 anni dalla comunità scientifica inglese. Nel 1983 un documentario televisivo mostrò che l incidenza di leucemia infantile nel paese di Seascale, il centro abitato più vicino al sito di Sellafield, era di 10 volte la media nazionale. Nel 1993 un rapporto governativo (HSE Investigation of leukaemia and other cancers in the children of male workers at Sellafield) calcolò che il numero di casi di leucemia era 14 volte superiore alla media nazionale. L intera regione di West Cumbria è stata dichiarata zona ad alto rischio sanitario a causa degli alti tassi di tumori e malattie cardiocircolatorie. Disordini alla tiroide e tumori della pelle sono anche al di sopra della media nazionale britannica. Esami effettuati post-mortem hanno riscontrato concentrazioni di plutonio nei lavoratori di Sellafield pari a volte i livelli trovati altrove. Le stesse analisi effettuate su scala regionale, in persone non impiegate a Sellafield, hanno rilevato livelli di plutonio superiori di 250 volte a quelli generalmente riscontrati nelle popolazioni inglesi. Alcuni campionamenti di polveri domestiche effettuati in abitazioni vicine a Sellafield hanno evidenziato una presenza di plutonio pari a volte quella registrata altrove (National Radiological Protection Board, 1985). Plutonio e radioattività sono presenti nel cibo, nei denti dei bambini e sono riscontrati nell intero Oceano Artico, fino al Canada settentrionale (New Scientist, 10 May 1997). Nonostante BNFL abbia sempre rigettato qualsiasi legame diretto tra le operazioni di riprocessamento a Sellafield e il devastante quadro sanitario appena illustrato, la società ha negoziato coi sindacati una forma di compensazione finanziaria per quei lavoratori che dovessero contrarre un tumore, sulla base che ognuno di essi ha il 20% di possibilità di cadere ammalato! Nessuna forma di compensazione è stata invece garantita agli abitanti circostanti l impianto. L esportazione dei rifiuti nucleari italiani provoca danni ambientali Gli scarichi liquidi radioattivi di Sellafield finiscono nel Mare d Irlanda per un volume di 9 milioni di litri al giorno. Essi contengono un cocktail di circa 30 radionuclidi differenti, così come le emissioni in atmosfera dalle ciminiere. La contaminazione radioattiva degli scarichi e delle emissioni riguarda acque, suoli, sabbia, argille, animali e prodotti agricoli. Negli ultimi 20 anni i livelli di contaminazione sono diminuiti, grazie alla protesta di abitanti e associazioni ambientaliste. Ma la radioattività dura decenni e decenni. Questa può oggi essere misurata lungo l intera costa inglese e della Groenlandia, fino alla Svezia e al Canada. Nel corso della sua attività il sito di Sellafield ha rilasciato oltre mezza tonnellata di plutonio nel mare. A causa dell azione combinata di venti e maree, il plutonio viene trascinato a riva e sospeso nell aerosol che ricade sulla costa. Azioni di monitoraggio indipendenti hanno regolarmente trovato livelli di radioattività volte superiori a quelli dichiarati dalle rilevazioni ufficiali svolte regolarmente da enti governativi britannici e da BNFL. Nel 1999 Greenpeace ha effettuato un monitoraggio su larga scala sia lungo la costa che nell area circostante gli scarichi liquidi di Sellafield. I risultati mostrano che: molto del materiale analizzato (sabbia, suoli) ha livelli talmente alti di contaminazione da poter essere classificato come rifiuto radioattivo. Alcuni dei campioni hanno livelli di radioattività più alti di quelli riscontrati a Chernobyl dopo la fusione del nocciolo del reattore. I livelli di radioattività riscontrati nell ambiente intorno a Sellafield sono illegali nei Paesi clienti di BNFL, Italia inclusa. La contaminazione radioattiva riscontrata dipende quasi interamente dalle operazioni di riprocessamento effettuate a Sellafield. 3

4 Conclusioni Il governo italiano sta cercando di liberarsi della parte più pericolosa dei rifiuti radioattivi lasciatici in eredità dalla scelta nuclearista operata 40 anni fa, non essendo stato in grado di proporre alcuna opzione per una gestione trasparente e responsabile della contaminazione radioattiva che durerà nei secoli a venire. Il tentativo di esportare il combustibile nucleare irraggiato all estero è un modo di prendere tempo, un sotterfugio per lasciare alla prossima generazione l onere di prendere decisioni che sono moralmente e politicamente fuori dalla portata dell attuale classe governativa. Questa esportazione aumenta inutilmente i rischi per l ambiente e le popolazioni interessate dal trasporto e alle attività di trattamento del combustibile irraggiato. L Italia infatti non ha centrali attive che potrebbero utilizzare l uranio recuperato. Questa esportazione, in ogni caso, non risolverebbe il problema di come sistemare le scorie radioattive di 2 categoria e quelle provenienti dallo smantellamento dei reattori nucleari. L attuale militarizzazione della gestione delle scorie nucleari italiane sottrae al controllo democratico un processo importante e va completamente rigettata. Gli scenari strategico-militari che si vanno disegnando nel Mediterraneo e nel Golfo Persico, e che vedono l opzione nucleare ormai vicina alla realtà, richiedono massima chiarezza e controllo democratico sull intera filiera nucleare italiana. E grottesco che, nel momento stesso in cui si cerca di scaricare su ambienti e popolazioni stranieri il peso di politiche energetiche fallimentari anche dal punto di vista economico, si parli della possibilità di aprire nuove centrali nucleari in Italia. Va ricordato infatti che, senza calcolare i costi eventuali biologici e ambientali di un incidente anche piccolo, il costo dell energia nucleare è oggi il più elevato tra tutte le fonti energetiche convenzionali (carbone e gas) ed è più caro dell elettricità da fonte eolica. Non esiste ancora una soluzione al problema della sistemazione definitiva delle scorie. La gestione meno rischiosa del combustibile irraggiato è quella dello stoccaggio a secco, che può essere effettuata presso gli impianti opportunamente strutturati - come avviene in molte parti del mondo - in attesa di una sistemazione di lungo periodo, ancora da definire persino in Paesi con un'industria nucleare attiva e con un volume di scorie ben maggiori del nostro come Francia e Gran Bretagna. Nucleare sotto la lente 1. CENTRALI. Nel mondo, solo India, Ucraina, Russia e Cina stanno costruendo nuove centrali nucleari. Gli stessi Stati Uniti non costruiscono un reattore dal 1979 (dati Aiea - Agenzia internazionale per l energia atomica). In Europa, cinque degli otto Paesi nuclearizzati hanno deciso da tempo la moratoria: Svezia 1980, Spagna 1984, Olanda 1994, Germania 1998 (entro il 2021), Belgio 1999 (entro il 2025). L unico Paese dell Ue che ha deciso di costruire un nuovo reattore è la Finlandia. L Italia ha chiuso con il referendum del Danimarca, Portogallo, Grecia, Austria, Irlanda e Lussemburgo non hanno programmi nucleari. In Italia ci sono gli impianti Enel (la centrale del Garigliano è uscita dall esercizio commerciale nel 1978; Latina nel 1986; Trino Vercellese nel 1987; Caorso nel 1986) e quelli Enea (l impianto Itrec della Trisaia ha concluso il ciclo di prove nucleari nel 1978, da allora non ha più riprocessato combustibile; l impianto Eurex ha terminato le attività di riprocessamento nel 1983). 2. ITALIA. Nell anno del referendum (1987) l Italia produceva circa 200 TWh dal nucleare. 4

5 L unico reattore di potenza allora era Caorso (840 MW). L impianto che ha avuto diversi episodi di arresto nei suoi 3 anni circa di funzionamento, era in grado di produrre a pieno regime ( ore/anno) circa 5-6 TWh e dunque meno del 3% della produzione elettrica di quell anno. Già all epoca l Italia importava una quota di elettricità superiore al 10% di quella prodotta, e questo perché la Francia esportava sottocosto, avendo una sovracapacità rispetto alle proprie esigenze. Il deficit elettrico dell Italia è attualmente di circa 45 TWh, pari alla produzione di 7 centrali da 1000 MW. Saremmo stati in grado di far fronte a questa quantità se il processo di privatizzazione non si fosse tradotto in un sostanziale rallentamento degli investimenti per recuperare quella potenza elettrica che c è ma non è disponibile e per rimodernare gli impianti esistenti. 3. PERICOLOSITA. Le scorie direttamente prodotte da una centrale nucleare sono quantitativamente limitate, nell ordine di 0,5-1 tonnellata di prodotti di fissione a vita medio-lunga all anno. Il problema non è tanto di volumi quanto di pericolosità e del fatto che contengono elementi il cui decadimento radioattivo si prolunga da qualche secolo a qualche milione di anni. Ma le scorie prodotte lungo tutto il ciclo di fabbricazione nucleare indispensabile al funzionamento delle centrali - rappresentano volumi assai più significativi, dai residui di lavorazione in miniera all uranio impoverito che proviene sia dalla fabbricazione del combustibile nucleare che dal ritrattamento delle scorie. A fine vita, poi, va considerato che una buona parte dell impianto in particolare le strutture metalliche, è scoria. Andrebbe smantellata e depositata in un sito idoneo; alcuni vorrebbero invece che venisse intombata costruendo un mausoleo nucleare perenne nel sito. 4. RISCHI. Il rischio è definito come prodotto di una probabilità per l entità delle conseguenze. Così, anche se incidenti nucleari di una certa gravità sono stati pochi ma molto più frequenti di quelli previsti a suo tempo dall industria nucleare il rischio risulta elevato per le conseguenze che si sono avute e si possono avere. Con la privatizzazione del settore elettrico in Gran Bretagna, il nucleare è stato di fatto congelato per due ragioni: la prima è che il costo industriale del kwh da nucleare è più elevato di quello degli impianti a gas (oltre 6 centesimi di $ contro 4 del gas); la seconda è che nessun altra fonte presenta i rischi del nucleare e dunque la possibilità nel migliore dei casi (incidenti di entità lieve) di fermo impianto prolungato e nel peggiore dei casi dover risarcire un danno biologico a una popolazione vasta. 5. INCIDENTI. L incidente di Three Miles Island di entità media, ma poteva finire peggio causò l evacuazione di donne incinte e bambini in un raggio di 8 km; oggi per lo stesso incidente le procedure di sicurezza porterebbero a una azione di prevenzione in un raggio ben maggiore (30-50 km). Con la densità media del nostro Paese si tratta di diverse centinaia di migliaia di persone da coinvolgere per ridurre i danni dall esposizione a un incidente. Nessuna altra fonte presenta rischi di questo genere. Un incidente di gravità maggiore, che sia però una frazione piccola di quello di Chernobyl e che coinvolga un area di 200 volte inferiore, avrebbe un impatto in pianura padana (assenza di montagne) pari a tutta la Lombardia. 6. BLACK OUT. I black out estivi dovuti a siccità e consumo di punta (anche per i condizionatori) non sarebbero evitabili con più centrali nucleari: senza acqua anche questi impianti andrebbero fermati (l acqua serve al raffreddamento del reattore). Se esiste una regolamentazione sulla temperatura massima invernale (20 C ) andrebbe adottata anche per il raffrescamento estivo (per esempio a 26 C ). Inoltre, le nuove tecnologie per il condizionamento consentono risparmi dell ordine del 30%: una politica della rottamazione potrebbe aiutare. 5

6 7. RISPARMIO. Gia nel 2001, su 400 milioni circa di lampade installate solo 10 milioni erano a basso consumo (2,5%). Ciò determinava una riduzione della richiesta di picco pomeridiano (invernale) di 420 MW. Se ci fosse una politica di incentivazione all uso di lampade a basso consumo che portasse la quota a 1/3 dell installato, avremmo una centrale virtuale dell ordine dei MW. Installare le migliori tecnologie in tutti i settori entro il 2012 potrebbe ridurre del 50% i consumi di elettricità: più efficienza e meno centrali, cosa indigeribile per le lobby energetiche. 8. COSTI. Continuano a circolare dati sui costi inattendibili (vedi, ad esempio, Il Sole24ore del 23/1/2005). Non vanno presi i costi medi che includono impianti costruiti in epoche diverse a costi diversi e in parte già ammortizzati ma i costi degli impianti nuovi. Le stime del Dipartimento statunitense dell energia (DOE) effettuate nel 2004 per impianti che entrano in funzione nel 2010 sono chiaramente a sfavore del nucleare. Infatti danno: 4,97 centesimi/kwh per i nuovi impianti a gas, 5,05 per le nuove pale eoliche, 5,31 centesimi per il carbone pulito e 6,13 per le centrali nucleari. Il costo del kwh del nucleare peraltro è previsto in lieve crescita nel 2025 a 6,33 centesimi. A questi costi industriali va aggiunta la conseguenza economica non solo ambientale e sanitaria di incidenti. Anche incidenti non gravi, infatti, comportano un fermo impianto potenzialmente lungo che incide sulla produzione. In caso di incidenti rilevanti, poi, chi paga il danno biologico e ambientale? Il principio rimane uno solo: chi inquina paga. Tempi di costruzione per centrali di pari potenza: gas a ciclo combinato 2-3 anni carbone pulito: 4-5 anni nucleare 8-10 anni Il nucleare non riduce i costi, anzi presenta i costi industriali più elevati (senza conteggiare incidenti e imprevisti): in aggiunta, per l'italia i costi stimati per gli USA non sono credibili. Dovendo ricostruire almeno in buona parte il tessuto di competenze e di tecnologie del ciclo del combustibile, da noi costerebbe certamente di più. Ricordiamo che uno dei fallimenti più clamorosi della storia dell'industria si chiama Superphenix - progetto francese a partecipazione italiana al 33% - che non ha mai funzionato e ha bruciato risorse ingenti: solo per i contribuenti italiani, miliardi di lire dell'epoca (anni 70-80). 9. BOLLETTA. Fino al 2000 gli italiani hanno rimborsato all Enel e alle imprese produttrici per il maggior onere determinato dalla anticipata chiusura delle centrali nucleari circa miliardi di vecchie lire, pagati attraverso le bollette. Da allora, secondo quanto stabilito dall Autorità per l energia elettrica e il gas, l onere nucleare in bolletta è stato ridotto da 3,6 a 0,6 lire per kwh, destinato a finanziare le attività di smantellamento delle centrali e di messa in sicurezza del combustibile nucleare, passate alla Sogin. Ora, l'emendamento del governo alla manovra Finanziaria 2005 ha previsto di togliere 100 milioni di euro alla Sogin provenienti proprio dalle tariffe elettriche pagate dagli utenti. Questo vuol dire che è in vista un nuovo aumento delle bollette per rimpinguare il fondo della Sogin per la gestione dello smaltimento dei rifiuti nucleari? 10. SUSSIDI. A dimostrazione di quanto il nucleare necessiti di ingenti sovvenzioni pubbliche per mantenersi in vita diamo due dati esemplificativi. L Unione europeacontinua a dare sussidi alle imprese per ricerca e sviluppo nel campo dell'energia nucleare a scapito di altre fonti: nell'ultimo programma quadro per la ricerca europea, le tecnologie nucleari hanno ricevuto più di 1,2 miliardi di euro, mentre le energie rinnovabili solo 390 milioni di euro. L'industria nucleare ha inoltre beneficiato di prestiti stanziati nel quadro del trattato Euratom per un totale di 3,2 miliardi di euro dal In Finlandia, l unico paese europeo deciso a costruire nuovi impianti, il governo ha 6

7 dovuto dare al raggruppamento di imprese che lo realizzeranno una serie di garanzie decisamente svantaggiose per la collettività: sono a carico del pubblico, fra l altro, i costi di sicurezza della centrale nonché quelli di smaltimento e gestione dei rifiuti radioattivi. Le alternative L eolico Secondo lo studio di Greenpeace Eolo o plutonio? (in francese su nel quale il nucleare viene confrontato con l eolico, è possibile con un investimento equivalente produrre 2,3 volte più energia e ottenere 5 volte più posti di lavoro investendo nell eolico. A parità di investimento, con l eolico si darebbe energia al doppio delle abitazioni rispetto al nucleare. L energia eolica sta vivendo un forte sviluppo tecnologico e una crescita della potenza installata: nella sola Germania, oltre 3.200MW di eolico sono stati installati lo scorso anno e forniscono energia a più di 2 milioni di case. Nell Unione europea, si prevede l installazione di MW di eolico entro il 2010, triplicando la potenza installata oggi e aggiungendo l equivalente della produzione di 14 grandi centrali nucleari. Il solare Secondo il rapporto "Solar Generation 2", presentato di recente a Bruxelles da Greenpeace e dall'associazione europea dell'industria fotovoltaica (EPIA), un miliardo di persone utilizzerà l'energia fotovoltaica entro il 2020 e nasceranno grazie a quest'industria 2 milioni di posti di lavoro, mentre le emissioni di gas serra si ridurranno di 169 milioni di tonnellate l'anno, l'equivalente di 75 centrali a carbone. Dal 1998 il fotovoltaico cresce del 35% l'anno: entro il 2040, il solare potrebbe coprire oltre il 20% del fabbisogno globale, anche nei luoghi più remoti e senza contribuire ai cambiamenti climatici. Si tratta di un'industria, quella del fotovoltaico, che raggiungerà il valore di 62 miliardi di euro nei prossimi 15 anni. Paesi come la Germania hanno visto una crescita esponenziale del solare, ma è l'unione europea che deve impegnarsi e fissare obiettivi vincolanti per il 2020, oltre a bloccare i sussidi ai combustibili fossili e all'energia nucleare. Ogni euro investito in energia solare aiuta il clima, l'innovazione e diminuisce la dipendenza nei confronti dei combustibili fossili. Secondo la Commissione europea, due terzi del fabbisogno energetico europeo sarà soddisfatto con l'importazione per il 2020: il solare offre un'alternativa a questa dipendenza (il rapporto su: Febbraio

AIN ASSOCIAZIONE ITALIANA NUCLEARE

AIN ASSOCIAZIONE ITALIANA NUCLEARE ASSOCIAZIONE ITALIANA NUCLEARE Sede legale: Palazzo Baleani Corso Vittorio Emanuele II, 244 00186 Roma Segreteria operativa: Via Ottaviano, 42 00192 Roma Tel. +39 06 39750799 E-mail: info@assonucleare.it

Dettagli

SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER

SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER SCUOLA DIOCESANA REDEMPTORIS MATER L ENERGIA IN ITALIA E LA CREAZIONE DELLE CENTRALI NUCLEARI Azione del Governo in merito all energia nucleare e alle fonti di energia rinnovabili (Albenga, 27 aprile 2009)

Dettagli

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro

Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Per un sistema energetico moderno, pulito e sicuro Fermare la febbre del pianeta! Aumento delle temperature medie, scioglimento dei ghiacciai, uragani e tifoni sempre più frequenti, desertificazione in

Dettagli

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico

Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Rapporto Statistico UE 27 Settore elettrico Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Evoluzione della produzione e della potenza per fonte nell UE 27... 5 Produzione e Potenza nel 2010 nell UE27... 6

Dettagli

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO Tolmezzo, 27 maggio 2011 L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO G. Comini CISM Dipartimento di Energia e Ambiente Preoccupazioni Sicurezza, in quanto le centrali nucleari sono viste come un rischio per la salute

Dettagli

Acqua, vento, terra, sole

Acqua, vento, terra, sole Acqua, vento, terra, sole Energie rinnovabili nella generazione elettrica in Italia Roberto Meregalli 12 agosto 2010 Il 2009 sarà ricordato a lungo come l annus horribilis 1 dell economia mondiale. A livello

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone Produzione di CO2 da fonti energetiche fossili e non fossili Produzione specifica di CO 2 da centrali a combustibili fossili Produzione specifica di CO 2 da diversi mix energetici Ruolo dell energia nucleare

Dettagli

Energia nucleare e problematiche ambientali

Energia nucleare e problematiche ambientali Energia nucleare e problematiche ambientali R. Mezzanotte, M. Altavilla Giornata di Studio: Energia nucleare nuove prospettive ed opportunità Terni, 7 Marzo 2008 Energia nucleare e problematiche ambientali

Dettagli

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive

Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Disattivazione degli impianti nucleari italiani situazione e prospettive Roberto Mezzanotte ISPRA Vercelli, 24 Marzo 2009 Prime esperienze Reattore Avogadro - Saluggia trasformato in deposito temporaneo

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità

1.1.1 Crescita della domanda di elettricità 1.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE 1.1.1 Crescita della domanda di elettricità In Italia, come in tutti i paesi industrializzati, la domanda di energia elettrica continua ad aumentare

Dettagli

I rifiuti radioattivi in Italia

I rifiuti radioattivi in Italia La disattivazione degli impianti nucleari piemontesi e la gestione dei rifiuti radioattivi I rifiuti radioattivi in Italia Roberto Mezzanotte Torino, 28 Gennaio 2016 Classificazione attuale ex Decreto

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria. Corso di Pianificazione Energetica Prof. ing. Francesco Asdrubali a.a.

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria. Corso di Pianificazione Energetica Prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica Prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2012-13 ENERGIA NUCLEARE Contributo alla produzione di energia elettrica al

Dettagli

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3:

Per valutare questi dati è opportuno tener presente i valori medi attuali del costo del KWh, già in parte esposti al 6.1.3: Le fonti pulite e rinnovabili Rispetto alla difficoltà che presenta oggi il ricorso all energia nucleare e ai combustibili fossili, le fonti rinnovabili, pur partendo da contributi assai modesti al fabbisogno

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

Ritorno all'energia nucleare. Una scelta sbagliata per l'italia

Ritorno all'energia nucleare. Una scelta sbagliata per l'italia Ritorno all'energia nucleare Una scelta sbagliata per l'italia Il nuovo governo di centrodestra sta promuovendo un ritorno all'energia nucleare. Perché mai? Ridurre la dipendenza energetica dall'estero

Dettagli

Modulo n 2 La dimensione energetica dello sviluppo sostenibile

Modulo n 2 La dimensione energetica dello sviluppo sostenibile POR CALABRIA 2000/2006 - ASSE III RISORSE UMANE MISURA 3.9 SVILUPPO DELLA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE PUBBLICHE E PRIVATE CON PRIORITÀ ALLE PMI GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE ENERGETICHE NEI SETTORI

Dettagli

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi di Giancarlo Bolognini* In tutto il mondo sono state a oggi costruite e messe in funzione oltre 500 centrali nucleari; la maggior parte di esse

Dettagli

E possibile una ripresa dell impegno nucleare in Italia?

E possibile una ripresa dell impegno nucleare in Italia? 1 E possibile una ripresa dell impegno nucleare in Italia? L organizzazione del decommissioning italiano Università Bocconi 7 maggio 2008 2 Il mercato Numero di reattori* in decommissioning 300 26 3 2

Dettagli

Contestatori del nucleare davanti alla centrale di Biblis in Germania (Aprile 2010)

Contestatori del nucleare davanti alla centrale di Biblis in Germania (Aprile 2010) CENTRALI NUCLEARI Addio al nucleare? Di Uwe Wienke L incidente alla centrale nucleare giapponese di Fukushima ha indotto il governo tedesco ad abbandonare la tecnologia atomica e a disattivare le centrali

Dettagli

La nostra storia dell energia

La nostra storia dell energia La nostra storia dell energia Lo sviluppo della produzione dell energia in Italia è poco noto e poco responsabile. Carlo Bernardini, Genova 3 novembre 2010 Referenze bibliografiche Ugo Spezia Italia nucleare:

Dettagli

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Briefing Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Luglio 2009 I leader del G8 a L Aquila hanno l opportunità di dare impulso all economia e all occupazione

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli

L energia sostenibile nel futuro dell Italia

L energia sostenibile nel futuro dell Italia FORUM AMBIENTE FORUM AMBIENTE DEL PARTITO DEMOCRATICO L energia sostenibile nel futuro dell Italia Sintesi a cura di: Edo Ronchi Hanno collaborato ai lavori del Forum per Energia Sostenibile: Dario Esposito,

Dettagli

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE

ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE ENERGIA AMBIENTE E MACCHINE SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente di soddisfare le necessità della presente generazione senza compromettere la capacità delle generazioni

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Convegno INFN-Energia e Industria verso Horizon 2020 e nuovi mercati 1 Genova, 15 Gennaio 2014 2 Decommissioning in Italia Centrali ed

Dettagli

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente

Cristiana Viti. CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente Cristiana Viti CENTRO NAZIONALE PER LE ENERGIE RINNOVABILI di Legambiente ENERGIA ED AMBIENTE PROBLEMA ENERGETICO è STRETTAMENTE CORRELATO ALLA TUTELA DELL AMBIENTE perché per produrre energia consumiamo

Dettagli

Gli usi prevalenti dell energia

Gli usi prevalenti dell energia Gli usi prevalenti dell energia la produzione diretta di mobilità (trasporti) la produzione diretta di calore la produzione diretta di elettricità Nei paesi industriali avanzati 1/3 dell energia primaria

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

ENERGIE SENZA BUGIE. illustrazioni di Emilio Giannelli. a cura di APER - Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili

ENERGIE SENZA BUGIE. illustrazioni di Emilio Giannelli. a cura di APER - Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili ENERGIE SENZA BUGIE illustrazioni di Emilio Giannelli a cura di APER - Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili LO SAPEVI CHE RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI SULLE RINNOVABILI TI COSTERÀ SOLO UN

Dettagli

COMUNE DI PALERMO CITTA' PER LA PACE. GRUPPO CONSILIARE UN ALTRA STORIA Piazza Pretoria n. 1 90100 Palermo

COMUNE DI PALERMO CITTA' PER LA PACE. GRUPPO CONSILIARE UN ALTRA STORIA Piazza Pretoria n. 1 90100 Palermo COMUNE DI PALERMO CITTA' PER LA PACE GRUPPO CONSILIARE UN ALTRA STORIA Piazza Pretoria n. 1 90100 Palermo Telefono: 091740-2273/2276 - Fax: 0917402290 unaltrastoria@comune.palermo.it Prot. n. 76 Palermo,

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009 DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anni 2006-2009 RETI LOCALI DI MONITORAGGIO DEI SITI NUCLEARI La Regione Piemonte ospita sul proprio territorio tre siti

Dettagli

Ambiente e territorio

Ambiente e territorio Ambiente e territorio I vantaggi del nucleare A parità di elettricità prodotta, l'energia nucleare viene considerata una delle risorse a minor impatto ambientale. Infatti, non è fonte di emissioni inquinanti,

Dettagli

Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005

Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005 Comitato per la valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche Prospettive dell'energia nucleare in Italia Sala del Mappamondo, Palazzo Montecitorio, Camera dei deputati, giovedì 20 ottobre 2005

Dettagli

14 DOMANDE E RISPOSTE SUL NUCLEARE

14 DOMANDE E RISPOSTE SUL NUCLEARE 14 DOMANDE E RISPOSTE SUL NUCLEARE 1. Il Nucleare potrà risolvere i problemi del fabbisogno energetico mondiale? R: Dal momento che l Uranio è una fonte limitata ed esauribile, come le fonti fossili (carbone,

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

SOMMARIO 11 FEBBRAIO 2014. Finmeccanica scarica Ansaldo Breda. Alitalia verso l intesa sugli esuberi. Spread in calo, l Italia ferma le riforme

SOMMARIO 11 FEBBRAIO 2014. Finmeccanica scarica Ansaldo Breda. Alitalia verso l intesa sugli esuberi. Spread in calo, l Italia ferma le riforme SOMMARIO 11 FEBBRAIO 2014 Il Messaggero Italia Oggi La Stampa La Repubblica Prima Pagina L energia è una zavorra Da Fiat 5 miliardi al fondo Veba Finmeccanica scarica Ansaldo Breda Il Giornale Cade la

Dettagli

Le centrali elettriche

Le centrali elettriche Le centrali elettriche Prof. Giuseppe Capuano Presentazione realizzata nell a.s. 2000/2001 dagli alunni della S.M. di Navacchio e aggiornata negli anni seguenti Vantaggi uso energia elettrica 1. L energia

Dettagli

Ban the bulb. Ad aprire le attività nella primavera LUCE & LUCI

Ban the bulb. Ad aprire le attività nella primavera LUCE & LUCI di Furio Mattans Ban the bulb Oggi si pensa sempre più a un uso razionale dell energia e al contenimento della spesa energetica. Per questo le lampadine a incandescenza potrebbero essere tolte dal commercio

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato

Audizione sui Prezzi dell Energia Elettrica e del Gas 10 a Commissione Permanente del Senato Audizione sui Prezzi dell Elettrica e del Gas 1 a Commissione Permanente del Senato Dott. Nando Pasquali Presidente e Amministratore Delegato GSE Roma, 18 giugno 213-1 - Il Gruppo GSE Autorità per l Elettrica

Dettagli

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE

LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE LA VERITÀ SULLE BOLLETTE ELETTRICHE 10 anni di aumenti per le famiglie italiane a causa della dipendenza dalle fonti fossili! Telegiornali e quotidiani lo hanno raccontato con grande enfasi negli ultimi

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

lenewsdienergiambiente

lenewsdienergiambiente lenewsdienergiambiente Agenzia di informazione quotidiana su Energia e Ambiente di Enza Plotino. Numero del 14 gennaio 2010. P.Iva 06318681001, tel.3471541463 news.energiambiente@gmail.com eplotino@libero.it

Dettagli

SOGIN - Profilo Istituzionale

SOGIN - Profilo Istituzionale SOGIN - Profilo Istituzionale Proteggiamo il presente Garantiamo il futuro CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Giuseppe Zollino -Presidente Riccardo Casale -Amministratore Delegato Lorenzo Mastroeni -Vice Presidente

Dettagli

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1 Energia felice Roberto Meregalli 1 L Italia è uno dei paesi più avanzati in Europa e nel mondo in materia di energie rinnovabili. Ricordiamo che già lo scorso anno abbiamo raggiunto il target previsto

Dettagli

Percezione del Nucleare e accettazione sociale Il caso italiano. Piero Risoluti

Percezione del Nucleare e accettazione sociale Il caso italiano. Piero Risoluti ENERGIA NUCLEARE E ACCETTAZIONE SOCIALE La Scelta dei siti il vero banco di prova Università Bocconi, Milano, 21 Giugno 2010 Percezione del Nucleare e accettazione sociale Il caso italiano Piero Risoluti

Dettagli

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia

II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia IMPATTO AMBIENTALE CAUSATO DALLA LIBERALIZ- ZAZIONE DEL MERCATO DELL'ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA II. Produzioni e consumi di energia elettrica in Italia di Marco CALDIROLI e Luigi MARA Queste note focalizzano

Dettagli

IMPIANTI EOLICI. Che cos è

IMPIANTI EOLICI. Che cos è IMPIANTI EOLICI Che cos è Il vento è un fenomeno provocato dalla differenza di riscaldamento delle masse d'aria che si trovano al di sopra della terra ferma e del mare. Le zone al di sopra delle terre

Dettagli

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano

Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico. Ennio Macchi Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il ruolo delle pompe di calore nel futuro contesto energetico Dipartimento di Energetica - Politecnico di Milano Il quesito cui cercherò di rispondere 2 La pompa di calore utilizza energia elettrica per

Dettagli

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA?

ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? ENERGIA RINNOVABILE: UTOPIA O REALTA? Il vertice sul clima a Bruxelles in data 8 marzo 2007 ha impegnato i capi di Stato e di governo dei Ventisette dell Unione Europea. Gli obiettivi del vertice sono

Dettagli

AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici. Lezione 1 - Introduzione

AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici. Lezione 1 - Introduzione AA 2002 2003 Corso di impianti elettrici Lezione 1 - Introduzione Sistema elettrico di produzione, trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Struttura del sistema Un sistema elettrico di produzione,

Dettagli

Comeback del nucleare

Comeback del nucleare SICUREZZA ENERGETICA Comeback del nucleare Il prezzo del petrolio, già alle stelle, sale ancora, mentre le emissioni di gas serra minacciano vieppiù il nostro clima. In questa situazione, l energia nucleare

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Medicina Democratica

Medicina Democratica -- Rivista - Articoli della Rivista -- Articoli della Rivista Impatto ambientale causato dalla liberalizzazione della enegia elettrica in Italia II.Produzione e consumi di energia elettrica in Italia 15

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO ANCHE LA NOSTRA SCUOLA HA UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO Il settore energetico è ormai ampiamente orientato verso l utilizzo delle fonti di energie alternative, in particolare verso l'energia solare. L impiego

Dettagli

Riflessioni sul problema energetico: luci ed ombre del nucleare

Riflessioni sul problema energetico: luci ed ombre del nucleare Riflessioni sul problema energetico: luci ed ombre del nucleare Giorgio Turchetti Dipartimento di Fisica Università di Bologna. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare sezione di Bologna Per capire che cosa

Dettagli

DELIBERAZIONE AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 23 aprile 2002, n. 71/02

DELIBERAZIONE AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 23 aprile 2002, n. 71/02 DELIBERAZIONE AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 23 aprile 2002, n. 71/02 Rideterminazione degli oneri conseguenti allo smantellamento delle centrali elettronucleari dismesse, alla chiusura del

Dettagli

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014

Chiudere il cerchio. Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 Chiudere il cerchio Massimo Medugno Conferenza nazionale sui rifiuti Milano, 6 ottobre 2014 L infrastruttura della filiera della carta L industria della carta italiana anno 2013 Produzione di 8,5 milioni

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI IL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO: OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI SCENARI 3 marzo 212 Davide Tabarelli, Nomisma Energia 1 Agenda Domanda di energia mondiale L Italia ha bisogno di energia La CO2 è meno importante

Dettagli

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010.

Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel 2010. Note sul Piano di Azione Nazionale per le energie rinnovabili (PAN). Nei prossimi anni ingenti capitali saranno destinati al settore della green economy ; solo in Italia già oltre 3 miliardi di Euro nel

Dettagli

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali

IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE. Francesco Asdrubali IL CONTESTO ENERGETICO MONDIALE Francesco Asdrubali INDICE FATTORI DOMINANTI DEL PANORAMA ENERGETICO MONDIALE CRESCITA ECONOMICA CRESCITA DELLA POPOLAZIONE PREZZI CO2 PRICING DOMANDA E OFFERTA DI ENERGIA

Dettagli

L energia nucleare La radioattività

L energia nucleare La radioattività L energia nucleare La radioattività La radioattività fu scoperta nel 1896 da Henri Bequerel, un fisico francese che per primo osservò l emissione spontanea di radiazioni da un pezzo di un minerale di uranio,

Dettagli

Introduzione. Fonte: European Energy & Transport - Trends to 2030

Introduzione. Fonte: European Energy & Transport - Trends to 2030 Introduzione In Italia la produzione di energia elettrica avviene in gran parte grazie all utilizzo di fonti non rinnovabili e, in misura minore, con fonti rinnovabili che per loro natura hanno un minor

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE Ing. Mauro Venturini Ing. Mauro Venturini Dipartimento di Ingegneria Sommario Produzione di energia da fonte fossile Impianti a vapore d acqua Turbine

Dettagli

INTERVISTA AL PROF. FRANCO CASALI

INTERVISTA AL PROF. FRANCO CASALI INTERVISTA AL PROF. FRANCO CASALI DOCENTE DI FISICA DEI NEUTRONI NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA ENERGIA NUCLEARE UNA SCELTA ETICA E INDIFFERIBILE CURRICULUM Franco Casali si è laureato in Fisica, nel 1959,

Dettagli

L inventario dei rifiuti radioattivi di II categoria presenti sul territorio nazionale e da conferire al deposito definitivo comprende:

L inventario dei rifiuti radioattivi di II categoria presenti sul territorio nazionale e da conferire al deposito definitivo comprende: Pag. 36 di 114 6 INVENTARIO DI II CATEGORIA 6.1 Premessa La Guida Tecnica n. 26 definisce come rifiuti di II categoria i rifiuti a bassa e media attività che contengono essenzialmente radionuclidi con

Dettagli

Dieci anni di domanda di petrolio

Dieci anni di domanda di petrolio Dieci anni di domanda di petrolio La domanda mondiale di petrolio Eni ha recentemente pubblicato la tredicesima edizione del World Oil and Gas Review 2014, la rassegna statistica annuale sul mercato mondiale

Dettagli

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A.

COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. COS.MO. COSTRUZIONI S.P.A. Via Gorizia 76 38122 TRENTO tel. 0461 932330 fax. 0461 933241 e-mail: info@cosmocostruzioni.it Cos è l energia? I fisici definiscono l'energia come la capacità di compiere un

Dettagli

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica

elettrodotti. grandi centrali elettriche combustibili fossili produzione elettrica 1 2 3 4 Uno dei grandi vantaggi dell energia elettrica è che essa può essere prodotta in luoghi lontani dai centri di consumo. L energia elettrica può essere trasportata facilmente attraverso condutture

Dettagli

EMERGENZA AMBIENTE IN EUROPA Unità Didattica di Geografia, classe 2 F sede Scuola Secondaria I grado A.Rosas Quartu Sant Elena 2013-2014 Lavoro

EMERGENZA AMBIENTE IN EUROPA Unità Didattica di Geografia, classe 2 F sede Scuola Secondaria I grado A.Rosas Quartu Sant Elena 2013-2014 Lavoro EMERGENZA AMBIENTE IN EUROPA Unità Didattica di Geografia, classe 2 F sede Scuola Secondaria I grado A.Rosas Quartu Sant Elena 2013-2014 Lavoro interamente realizzato dall alunna Chiara Serra Obie%vi forma-vi

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA DEL PIANETA

LE FONTI DI ENERGIA DEL PIANETA LE FONTI DI ENERGIA DEL PIANETA FOSSILE DI PROCESSO RINNOVABILE CARBONE PETROLIO NUCLEARE IDROGENO SOLARE IDRAULICA GAS RISPARMIO ENERGETICO BIOGAS GEOTERMIA EOLICA BIOMASSA LE FONTI ENERGETICHE IN USO

Dettagli

RICICLO ECO EFFICIENTE

RICICLO ECO EFFICIENTE RICICLO ECO EFFICIENTE L industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi Duccio Bianchi Istituto di ricerche Ambiente Italia I temi del rapporto L industria del riciclo e la green

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

LE ENERGIE RINNOVABILI IN PUGLIA: Un occasione sprecata?

LE ENERGIE RINNOVABILI IN PUGLIA: Un occasione sprecata? LE ENERGIE RINNOVABILI IN PUGLIA: Un occasione sprecata? Ing. Matteo Morelli studio_morelli@yahoo.it GLI OBBLIGHI INTERNAZIONALI Protocollo di Kyoto L Italia deve ridurre nel quinquennio 2008 2012 le emissionidel

Dettagli

Il NUCLEARE IN ITALIA E NEL MONDO

Il NUCLEARE IN ITALIA E NEL MONDO RotaryClub di Rieti Distretto 2080 - Italia Il NUCLEARE IN ITALIA E NEL MONDO Esperienze - strategie ed opportunità con le nuove fonti Rieti 10 aprile 2008 Ing. Bruno Ianni Il nucleare in Italia e nel

Dettagli

paragrafo UNITÀ D L Europa delle energie Copyright 2009 Zanichelli editore

paragrafo UNITÀ D L Europa delle energie Copyright 2009 Zanichelli editore D L Europa delle energie paragrafo 1 Il quadro energetico 1 Il quadro energetico 2 I combustibili fossili 2 I combustibili fossili 2 I combustibili fossili 2 I combustibili fossili 1 Il quadro energetico

Dettagli

Scenario sulle rinnovabili

Scenario sulle rinnovabili Scenario sulle rinnovabili Gabriele NICOLIS Direzione Commerciale e Marketing Verona, 10 febbraio 2012 Energia: il target dell Europa Libro Verde sul Risparmio energetico dell'unione Europea... la necessità

Dettagli

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 25 luglio 2006 Delibera n. 103/06 Determinazione a consuntivo, per l anno 2005, degli oneri conseguenti allo smantellamento delle centrali elettronucleari

Dettagli

Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri

Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri Programma Conversione delle armi nucleari in Progetti di sviluppo nei Paesi Poveri AGGIORNAMENTO Comitato per una Civiltà dell Amore ENRICO CERRAI GPNP Energia e risorse per un uso Razionale Nell era di

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica ed Astronomia Università di Bologna Pesaro, 22

Dettagli

RILEVATO CHE: KWh nucleare sicurezza degli impianti

RILEVATO CHE: KWh nucleare sicurezza degli impianti Proposta di iniziativa popolare promossa dalle Associazione Legambiente di Pisa per LA DICHIARAZIONE DI PISA QUALE "TERRITORIO COMUNALE DENUCLEARIZZATO" PREMESSO CHE: - il Circolo Legambiente di Pisa,

Dettagli

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 RISCHI SANITARI DA FALL OUT RADIOATTIVO Giampiero Tosi Fall

Dettagli

Energia nucleare e risorse energetiche

Energia nucleare e risorse energetiche Energia nucleare e risorse energetiche Vera Montalbano Dipartimento di Fisica Università di Siena Riserva Naturale del Pigelleto 7-10 settembre 2009 Le conquiste della fisica moderna L'elemento più usato

Dettagli

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata ENERGIA RINNOVABILE (fonti alternative energie pulite green energy) Si definisce energia rinnovabile "una qualsiasi fonte energetica che si rigenera almeno alla stessa velocità con cui si utilizza". In

Dettagli

deterioramento compreso tra il 25% e il 30% del livello di rating. Moody s: 3. Il costo medio del capitale nel nucleare

deterioramento compreso tra il 25% e il 30% del livello di rating. Moody s: 3. Il costo medio del capitale nel nucleare 1. Premessa Una recente analisi dell agenzia di rating Moody s sulle implicazioni finanziarie dell investimento nucleare ci permette alcune riflessioni e confronti con la situazione italiana, dove Enel,

Dettagli

9. Energia. 9.1. Introduzione

9. Energia. 9.1. Introduzione 9. Energia 9.1. Introduzione Negli ultimi anni il tema energia è diventato di grande attualità, prefigurandosi come una delle principali problematiche che dovranno essere affrontate nel prossimo futuro.

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività RELAZIONE ILLUSTRATIVA I rifiuti radioattivi in Italia I rifiuti

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo

VALUTAZIONI. Paesi europei e cercare di capire le cause della variabilità di questa commodity in Europa. In questo articolo Spazio a perto VALUTAZIONI Il costo dell energia elettrica per le imprese italiane: un analisi comparata a livello europeo I costi sostenuti dalle imprese italiane per l energia elettrica sono considerati

Dettagli

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara Dipartimento di Fisica Università di Ferrara INFM/CNR UdR di Ferrara L energia solare per la produzione di idrogeno Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università

Dettagli

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile DIMNP (University of Pisa) & DIPTEM (University of Genova) e-mail: g.lomonaco@ing.unipi.it Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile Dr. Ing. Scorie Nucleari e Cicli Innovatici 1 Le scorie nucleari

Dettagli