Relazione di valutazione Neuropsicologica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione di valutazione Neuropsicologica"

Transcript

1 Dott.ssa Federica Ritorto psicologa Dott.ssa Laura Carriero logopedista Relazione di valutazione Neuropsicologica Roma maggio2013 MG MG è una bambina di 8 anni, nata nel 2005 a Roma; sta concludendo il II anno della scuola primaria. Esegue terapia logopedica presso il nostro ambulatorio da settembre 2012 per difficoltà negli apprendimenti della letto-scrittura evidenziatesi fin dalla fine della prima elementare. MG ha effettuato terapia logopedica per difficoltà specifica di linguaggio durante l ultimo anno della scuola dell infanzia. La bambina è sottoposta a valutazione neuropsicologica al fine di valutare il livello di sviluppo attuale e il grado di efficienza di alcune delle funzioni cognitive, di seguito sono elencati i test utilizzati. Scala d intelligenza Wechsler III edizione (WISC-III); Peabody,Test di vocabolario recettivo (G. Stella,2000); Boston Naming test, per la valutazione del vocabolario in produzione; Rustioni, test per la valutazione della competenza morfosintattica; CMF, valutazione delle competenze meta- fonologiche ( Marotta e coll.2008); DDE-2, Batteria per la valutazione della dislessia e della Disortografia Evolutiva (Job, Tressoldi, 2007); Prova MT-2 (Cornoldi e Colpo, 1998), comprensione, rapidità e correttezza della lettura per la fine della II elementare; Dettato di un brano (sub-test da Cornoldi: Batteria per la valutazione della scrittura e della competenza ortografica nella scuola dell obbligo); PRCR-2/2009 Prove di Prerequisito per la diagnosi delle difficoltà di lettura e scrittura Alcuni sub-test inerenti la memoria, l attenzione e le funzioni esecutive della Batteria di valutazione neuropsicologica (BVN); Prova delle abilità numeriche e di calcolo II elementare AC-MT Cornoldi, Lucangeli). COMPORTAMENTO La bambina interagisce in modo congruo al contesto di testing e all interazione comunicativa con l esaminatore. Durante la prova MG evidenzia segni di insicurezza circa le proprie prestazioni, situazione che si verifica anche in altre circostanze e che fa riferimento alla correttezza o meno di quanto ha prodotto. La bambina è attenta e lavora con tenacia cercando di fornire la sua prestazione migliore anche nelle prove che non si riferiscono ai suoi punti di forza. Lo stile di lavoro è accurato e ordinato.

2 Nelle prove verbali o in quelle con più informazioni la bambina chiede spesso di ripetere la domanda o si accerta che quanto ha compreso sia corretto ripetendo lei stessa alcuni frammenti della consegna. Questa situazione si associa a una difficoltà di recupero lessicale così che la bambina è costretta ad utilizzare circonlocuzioni, generalizzazioni e/o ulteriori spiegazioni che la mettono in ansia e le fanno perdere di vista l organizzazione del compito. MG è molto sensibile a tutte le forme di lode e questo agisce positivamente sia sulla relazione sia sulla prestazione. LIVELLO COGNITIVO Le competenze cognitive di M G sono state valutate con un test multifattoriale (WISC III). Questo test è formato da tredici sub test ognuno dei quali rileva aspetti diversi dell intelligenza. Sono presenti sub test che misurano le abilità verbali, le performance, la memoria di lavoro e il tempo di elaborazione dell informazione. Il test è suddiviso in due batterie: Test Verbali e rispettivo Q.I.V. e Test di Performance e rispettivo Q.I.P.. La sommatoria dei due Q.I. fornisce il Quoziente intellettivo Totale. I punteggi ponderati vanno da 1 a si riferisce al cinquantesimo percentile della popolazione normale. Sara ha un Quoziente Intellettivo Totale pari a 108 nella media. Un Quoziente verbale di 99 nella media Un Quoziente di performance di 116 nella media. Sara presenta un profilo nella norma con un quoziente di performance più alto del verbale come spesso si rileva nei bambini con DSA. Nell area verbale M G ottiene i seguenti risultati ai vari sub test: INFORMAZIONI Rileva la cultura generale, acquisita sia formalmente sia informalmente. I bambini che ottengono buoni risultati in questo test sono generalmente attenti all ambiente e hanno una buona memoria a lungo termine per i fatti ( p.p. 10) M G si mostra abile nel richiamare istantaneamente le informazioni recepite dall ambiente. Si evidenzia una buona capacità di accesso al lessico. SOMIGLIANZE Esamina l'abilità a rilevare relazioni tra cose e idee, e a categorizzare logicamente. Misura la capacità di formare unità concettuali da materiale verbale ed esprimere questi concetti in parole. (p.p.=12). M G ha ottenuto un punteggio superiore alla media. RAGIONAMENTO ARITMETICO Richiede al bambino di risolvere problemi numerici senza carta e matita. Non sono richieste cognizioni particolari ma solo l'applicazione delle funzioni aritmetiche di base a problemi esposti verbalmente. (p.p.=9). In questa prova M G ottiene un punteggio nella media. VOCABOLARIO Il punteggio indica la conoscenza dei significati delle parole e la capacità di esprimerli verbalmente. (p.p.=10). M G ha dimostrato di avere un vocabolario adeguato alla sua età cronologica, così come adeguata è la conoscenza delle parole. COMPRENSIONE Esamina il modo di ragionare secondo il senso comune e la capacità di esercitare un giudizio sociale in situazioni pratiche, nonché il grado di coinvolgimento rispetto alla cultura dominante. (p.p.= 8) Sufficiente la sua capacità di giudizio sociale di e di applicare conoscenze apprese secondo i criteri di appropriatezza e di buon senso.

3 MEMORIA di CIFRE Misura la memoria uditiva a breve termine per le sequenze numeriche. Riflette anche la durata dell'attenzione e la capacità di concentrazione (p.p.=5) M G presenta delle importanti difficoltà soprattutto a carico della memoria di lavoro. Nell area performance M G ottiene i seguenti risultati ai vari sub test: COMPLETAMENTO DI FIGURE Misura l'attenzione a dettagli visivi e la capacità di afferrare il significato dei dettagli nel contesto dell'immagine. Misura indirettamente anche la memoria visiva (p.p.=12) M G ha ottenuto un punteggio superiore alla media. CIFRARIO Misura la velocità visivo-motoria. Il punteggio è influenzato dalla memoria visiva, dal coordinamento e dall'abilità di acquisire materiale non verbale. (p.p.=15) Ottima la capacità di M G nell organizzazione mentale e rappresentativa seguite da competenze funzionali a livello prassico-esecutivo e fino-motorio. Adeguato lo spostamento dell attenzione da un contesto visivo e visuo-percettivo all altro. Alta la capacità di pianificare un attività prevedendo i vari passaggi per raggiungere la meta. Adeguato il controllo manuale durante l attività grafo-motoria. STORIE FIGURATE Richiede la valutazione della rilevanza sociale di situazioni rappresentate visivamente, per prevedere le conseguenze delle azioni e distinguere i dettagli essenziali da quelli irrilevanti. Questo sub test è talvolta considerato una misura della capacità di pianificazione. (p.p.=12) Ottima la capacità di analizzare i diversi momenti della storia, sia in base al loro significato specifico sia a quello complessivo all interno della sequenzialità. DISEGNO CON CUBI E' una misura della capacità di analizzare visivamente figure astratte e ricostruirle a partire dai loro componenti. E' essenzialmente una misura della capacità di gestire relazioni spaziali. (p.p.=9) M G mostra in questa prova discrete capacità nel concettualizzare l obiettivo su dati visuo-percettivi, di pianificare una strategia risolutiva e di eseguirla per via prassico-costruttiva. RICOSTRUZIONE DI OGGETTI Una serie di oggetti ritagliati in pezzi e presentati in configurazione standard che il bambino deve ricostruire formando un insieme significativo ( un puzzle) (p.p.=10). La prestazione in questa prova a tempo è nella media. Efficace la capacità di analizzare e sintetizzare flessibilmente gli indizi visuo-percettivi di elementi isolati giungendo ad organizzarli in una struttura significativa. LINGUAGGIO La competenza formale del linguaggio è stata valutata attraverso il protocollo 7 del test Rustioni in cui Maria G. ottiene un punteggio grezzo di 92,4/100 attestandosi nella fascia di merito tra buono e molto buono. Qualitativamente la bambina non risolve la frase espressa nella forma relativa (n 27). Al Boston Naming Test che valuta la competenza lessicale, la bambina produce correttamente 20/60 item collocandosi al di sotto della media con -4ds rispetto alla media per la sua classe ed età. La bambina recupera l etichetta dell immagine mostrata con l aiuto fonologico per alcune parole, mentre per altre dice di non ricordare il nome.

4 Per verificare quanto è emerso le è stata somministrata anche la prova di Denominazione visiva della BVN in cui Maria G. ottiene una prestazione adeguata con un pg di 16/20. Tuttavia anche in questa prova sono presenti generalizzazioni semantiche (es.: grano per pannocchia; mosca per uccello; sgabello per tavolo). A una prova di fluenza categoriale, che aiuta la capacità di generare parole in base ad una categoria, il numero delle parole prodotte dalla bambina è pari a 23, prestazione che si colloca al di sotto della media con ds. COMPETENZA METAFONOLOGICA Il test che valuta la competenza meta -fonologica, cioè l abilità di manipolare i suoni della lingua in modo analitico ha rilevato alcune difficoltà solo nella prova di delezione della sillaba iniziale (pg13 = al 25 percentile) e nello spoonerismo in cui la bambina non è riuscita a svolgere neanche l esempio. Mentre nella Classificazione di rime, nella Fluidità verbale su base fonemica, nella sintesi e nella segmentazione fonemica, Maria G. si colloca al 50 percentile. PROVE DI PREREQUISITO PER LA DIAGNOSI DELLE DIFFICOLTA DI LETTURA E SCRITTURA Prova dei semicerchi B e C: punt. 1, criterio raggiunto Denominazione di oggetti seminascosti 1 sub test: err. 0 tempo 121, criterio raggiunto Denominazione di oggetti seminascosti 2 sub test: err. 0 tempo 23, criterio raggiunto Ricerca di due lettere: err. 4 tempo 117, criterio raggiunto Ricerca di sequenze di lettere: err. 1, tempo 43, criterio raggiunto Ripetizione di parole senza senso: punt. 57, difficoltà severa Analisi e segmentazione fonetica: punt. 112, difficoltà severa Span di vocali: punt. 8, criterio raggiunto Span di sillabe: punt. 4, criterio raggiunto Fusione di fonemi: punt. 30, criterio raggiunto Ricerca di lettera scritta in modi diversi: err.1, tempo 40, criterio raggiunto Lettura di non-parole: err.2, difficoltà severa Lettura di parole: err. 3, criterio raggiunto Ricerca di parola: elefante : err. 1, criterio raggiunto Ricerca di parola: cane : err. 2, criterio raggiunto LETTURA La lettura è stata valutata tenendo conto delle diverse abilità: la rapidità di lettura di un brano, di parole e non parole, la correttezza della decodifica e la capacità di comprensione. In particolare si evidenzia: -Lettura del brano MT: MG legge il brano superando i 4 minuti concessi dalla prova, tuttavia il punteggio ottenuto è pari a 1,30 sillabe al sec. per il criterio di rapidità ( il calcolo è stato fatto sulle sillabe lette diviso i 4 ) Richiesta di Intervento Immediato. Rispetto al parametro di correttezza la prestazione si colloca nella fascia di sufficienza con n 8 errori. MG commette molte esitazioni, sostituzioni dei fonemi visibilmente simili soprattutto (vocali a ed e ), sono presenti anche aggiunte di fonemi ( es: c era per era).

5 -Lettura di parole: punteggio di rapidità ai limiti inferiore della media per la classe frequentata (tempo totale di 292 sec. pari a -1.3ds). Il parametro di correttezza si colloca ai limiti inferiori con15 errori pari a -1ds rispetto alla media. -Lettura di Non Parole: il punteggio ottenuto dalla bambina in questa prova è pienamente nella media sia per il parametro di velocità (tempo totale 128 sec.) sia nella correttezza n errori 10 pari a -0,6 ds. La comprensione del testo è stata valutata attraverso la lettura del brano MT- Cornoldi, II finale scuola primaria, in cui la bambina raggiunge un punteggio di Richiesta di Attenzione (RA) rispondendo a solo 5/10 domande. Qualitativamente, le difficoltà di MG riguardano lo scarso recupero delle inferenze lessicali/semantiche e il saper cogliere le incongruenze presenti nel testo riformulando nuove ipotesi interpretative che la domanda le propone. SCRITTURA La scrittura è stata valutata attraverso la somministrazione del dettato di un brano, del dettato di parole e non parole isolate dal contesto e di alcune frasi contenenti parole omofone ma non omografe. Tutte le proposte evidenziano una notevole disortografia (abilità costruttiva) che si evidenzia nel dettato di parole ( otto errori pari a -1ds), ma soprattutto nel dettato del brano ( Il cieco e la fiaccola n errori 12 pari a -2,28ds). Qualitativamente MG commette molti errori di tipo fonologico (scambio di grafemi, inversioni, grafema inesatto e omissioni), non fonologico: omissione o aggiunta di h e altri come le doppie e le fusioni improprie. Per quanto riguarda l abilità esecutiva MG non presenta disgrafia. ABILITA DI NUMERO CALCOLO E stato proposto a MG il test di valutazione delle abilità di calcolo AC-MT II elementare finale dal quale emerge il seguente profilo: prestazione ottimale nelle prestazioni scritte in classe e la conoscenza numerica mentre emerge un profilo di sufficienza per l accuratezza e nel tempo totale della prova. FUNZIONI ESECUTIVE Nell ambito delle funzioni esecutive sono stati somministrati a MG alcuni sub test della BVN che hanno valutato l attenzione, la memoria a breve termine (BT) e quella di lavoro. I risultati emersi evidenziano una buona attenzione visiva e uditiva, mentre si rilevano alcune difficoltà nella memoria a Breve Termine verbale ( span numeri diretto 3 pari a 1,8ds rispetto alla media; span numero inverso 2 pari a -1,1ds rispetto alla media). Anche nella memoria di apprendimento nella coppia di parole la bambina ottiene un punteggio complessivo di 5 pari a -1,4ds rispetto alla media. Abbiamo somministrato, inoltre, il test della Torre di Londra (TOL) per esaminare la capacità di pianificazione e problem-solving di MG dal quale emerge un punteggio adeguato all età: pg 25 pari al 25. CONCLUSIONI Considerando la valutazione cognitiva e il rapporto tra QI e prove specifiche dell apprendimento, si evidenzia un Disturbo Specifico di Apprendimento misto (cod. ICD10 F81.3) caratterizzato da: disortografia (di grado medio), disturbo della lettura (di grado lieve). Sono presenti difficoltà nell area verbale, nella memoria e nell attenzione.

6 La terapia logopedica effettuata durante l anno ha modificato notevolmente il quadro iniziale delle difficoltà che erano emerse nella competenza di letto-scrittura alla fine della I elementare,anche se permangono le difficoltà sopra descritte. Si consiglia, pertanto di proseguire l intervento logopedico specifico.

7 SCHEDA RIASSUNTIVA MG, 8 anni (fine II elementare) Maggio 2013 LIVELLO COGNITIVO SCALA WISC-III WISC III Punteggio Punteggio VERBALE PERFORMANCE Informazioni 10 Completamento figure 12 Somiglianze 12 Cifrario 15 Rag. aritmetico 9 Riordinamento Storie 12 Vocabolario 10 Disegno cubi 9 Comprensione 8 Ricostruzione Oggetti 10 (Memoria di cifre) 5 QUOZIENTI INTELLETTIVI VERBALE 99 PERFORMANCE 116 TOTALE 108 COMPETENZA LINGUISTICA Test di vocabolario ricettivo Peabody-r (Stella, Pizzoli, Tressoldi 2000) Pg= 90, pari a un Quoziente Standard Equivalente (QSE) di 85-1ds Test Boston Naming (Riva 2000) Rustioni : test di comprensione morfosintattica Denominazione visiva (sub test BVN) Fluenza Ctegoriale (sub test BVN) Pg 20/60 prestazione pari a -4ds Pg 92,4 pari a una prestazione tra Buono e Molto buono Pg 16/20 prestazione adeguata Pg,23 prestazione a ds

8 COMPETENZA METAFONOLOGICA PROVA Sintesi fonemica Delezione sillaba iniziale Ricognizione di rime Segmentazione fonemica Fluidità verbale (FAS) Delezione sillaba finale Spoonerismo NUMERO DI RISPOSTE CORRETTE Pg 15, 50 centile prestazione adeguata. Pg.12, tra 25 e il 50 centile. Pg,15, 50 centile prestazione adeguata. Pg,15, 50 centile prestazione adeguata. Pg, 18, >50 centile, prestazione oltre la media Pg,15, 50 centile,prestazione adeguata Attività non eseguita PRCR 2 Prova dei semicerchi B e C Denominazione di oggetti seminascosti 1 sub test Denominazione di oggetti seminascosti 2 sub test: Ricerca di due lettere: Ricerca di sequenze di lettere: Ripetizione di parole senza senso punt. 1 err. 0 tempo 121 err. 0 tempo 23 err. 4 tempo 117 err. 1, tempo 43 punt. 57 criterio raggiunto criterio raggiunto criterio raggiunto criterio raggiunto criterio raggiunto difficoltà severa Analisi e segmentazione fonetica: punt. 112 difficoltà severa Span di vocali Span di sillabe Fusione di fonemi Ricerca di lettera scritta in modi diversi Lettura di non-parole Lettura di parole: Ricerca di parola: elefante punt. 8 punt. 4 punt. 30 err.1, tempo 40 err.2 err. 3 err. 1 criterio raggiunto criterio raggiunto criterio raggiunto criterio raggiunto difficoltà severa criterio raggiunto criterio raggiunto

9 Ricerca di parola: cane err. 2 criterio raggiunto LETTURA Correttezza e rapidità Lettura di parole Lettura di non parole Comprensione del testo Batteria MT (Cornoldi, Colpo, gruppo MT) Prova finale II Elementare I topi Campanari Batteria per la DDE ((Sartori, Job, Tressoldi, 2007) Batteria per la DDE (Sartori, Job, Tressoldi,2007) Batteria MT (Cornoldi,Colpo, GruppoMT) Prova ingresso I elementare Il nanetto Correttezza n err 8 = prest. sufficiente (esitazioni, sostituzioni e aggiunte di fonemi. Rapidità: tempo >4 minuti pari a: Richiesta di Intervento Immediato (RII) Tempo tot. 292, pari a 1,30 ds n di er. 15 pari a -1ds Tempo tot. 128 prestazione adeguata n di er.10 pari a -0,6 ds Totale delle risposte corrette 5/10 prestazione pari a Richiesta di Attenzione (RA) SCRITTURA Dettato di un brano, MT Cornoldi Dettati di Parole, DDE Dettato di Non Parole, DDE n er,3 pari a +0,66 Dettato di Frasi, DDE N er,11 pari a -0,75 n er, 12, pari a -2,28 ds (scambio di grafemi, inversioni, grafema inesatto, omissioni). n er. 8, pari a -1ds COMPTENZA DI NUMERO E CALCOLO TEST AC-MT Calcolo scritto collettivo Pg 4,prestazione OTTIMALE Conoscenza numerica Accuratezza Tempo totale Pg,22,prestazione OTTIMALE Pg, 4 prestazione SUFFICIENTE Pg, 86,7 prestazione Sufficiente FUNZIONI ESECUTIVE Attenzione visiva e uditiva (BVN) Adeguata all età Span numeri diretto 3 pari a -1,8 ds Memoria Breve Termine (MBT) Span numeri inverso 2 pari a -1,1 ds

10 Memoria di Apprendimento (BVN) TOL (Torre di Londra) Pg, 5 pari a -1,4 ds rispetto alla media Pg,25 pari a 25 percentile.

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

RELAZIONE SU M.M. Consulenza e valutazione neuropsicologica

RELAZIONE SU M.M. Consulenza e valutazione neuropsicologica Dott.ssa Federica Ritorto Psicologa Dott.ssa Anna Rita Onofri Logopedista RELAZIONE SU M.M. Consulenza e valutazione neuropsicologica Nome: M.M. Data N: 2001 Data V: Maggio 2013 M è un ragazzo di 11 anni

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Consultorio CEAF di Vimercate, Comune di Ornago e Università di Parma trubini.chiara@libero.it F 81.0 Disturbo specifico

Dettagli

Come leggere una diagnosi

Come leggere una diagnosi Come leggere una diagnosi Maristella Scorza Università di Modena e Reggio Emilia maristella.scorza@unimore.it Protocollo Diagnostico La segnalazione La raccolta anamnestica La valutazione clinica L interpretazione

Dettagli

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com

Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com DSA: Diversi Strumenti per l Apprendimento La Relazione clinica Dott.ssa Gabrielli Lorenza Psicologa Esperta in Psicopatologia dell apprendimento lorenzagabrielli@gmail.com Il PEP dello studente, in linea

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Psicologa, Psicoterapeuta, PhD in psicologia dell educazione e delle disabilità trubini.chiara@libero.it Con la pubblicazione

Dettagli

WISC Wechsler D. 1949 WISC-R Wechsler D. 1974 WISC-III 1991 WISC-IV 2003. Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence (WPPSI)

WISC Wechsler D. 1949 WISC-R Wechsler D. 1974 WISC-III 1991 WISC-IV 2003. Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence (WPPSI) WISC Wechsler D. 1949 WISC-R Wechsler D. 1974 WISC-III 1991 WISC-IV 2003 Wechsler Preschool and Primary Scale of Intelligence (WPPSI) Scala Wechsler WISC (1949) 1956 Falorni, M. L. WISC-R (1974) 1986 Rubini,

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO

DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO WAIS IV Wechsler Adult Intelligence Scale - IV Edition (2013) Esercitazioni Università di Bergamo INDICE o Descrizione dello strumento o Regole di somministrazione o Punteggi o Campione Normativo INDICE

Dettagli

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008 Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento 4 ottobre 2008 Il principale criterio necessario per effettuare una diagnosi di DSA è quello della discrepanza tra abilità nel dominio

Dettagli

Comprendere la diagnosi per capire il. Roberto Segala, Laura Bertezzolo

Comprendere la diagnosi per capire il. Roberto Segala, Laura Bertezzolo Comprendere la diagnosi per capire il funzionamento dell alunno Roberto Segala, Laura Bertezzolo i disturbi specifici dell apprendimento hanno a che vedere con le cose che acquisiamo in maniera esplicita

Dettagli

Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado

Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Sezione di Parma Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado San Secondo (PR) 23 novembre

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

PROGETTO DI RETE AD-AGIO

PROGETTO DI RETE AD-AGIO PROGETTO DI RETE AD-AGIO a.s. 2010-2011 PREVENZIONE DEL DISAGIO SCOLASTICO E PROMOZIONE DEL BENESSERE (forma estesa) Il gruppo di lavoro: Andreini Sara psicologa I.C. Momo, I.C. Arona, D.D. Arona Calligari

Dettagli

LA LETTURA DELLA DIAGNOSI

LA LETTURA DELLA DIAGNOSI LA LETTURA DELLA DIAGNOSI Riferimenti: 1. LEGGE 170 2. CONSENSUS CONFERENCE Montecatini 2006, presentata a Milano 2007 2. P.A.R.C.C. Bologna 1 febbraio 2011, Raccomandazioni cliniche sui DSA Documento

Dettagli

Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia

Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Associazione Italiana Dislessia Formazione MPI-AID Giornate di supporto alla formazione dei referenti per la dislessia

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari

Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Direzione Didattica Gioacchino Gesmundo A.A. 2009-2010 Corso di aggiornamento per insegnanti sull apprendimento matematico dott.ssa Claudia Lipari Secondo incontro- 8/2/2010 Programma: Primo incontro:

Dettagli

Scrittura. Batteria per la valutazione della scrittura e della competenza ortografica nella scuola dell obbligo

Scrittura. Batteria per la valutazione della scrittura e della competenza ortografica nella scuola dell obbligo Scrittura Batteria per la valutazione della scrittura e della competenza ortografica nella scuola dell obbligo Tressoldi - Cornoldi Dettato di un brano! In base alla classe d appartenenza viene dettato

Dettagli

DUE COMPONENTI COGNITIVA COMUNICATIVA

DUE COMPONENTI COGNITIVA COMUNICATIVA Monte di Procida, settembre 2012 SCRITTURA Operazione cognitiva di decodificazione e di collocazione che utilizza segni grafici arbitrari e convenzionali; le esperienze evocate dalla rappresentazione grafica

Dettagli

Disturbo Specifico di Lettura LA DISLESSIA

Disturbo Specifico di Lettura LA DISLESSIA Con il termine LETTURA si possono intendersi, in realtà, almeno due cose: Disturbo Specifico di Lettura LA DISLESSIA LETTURA STRUMENTALE COMPRENSIONE Università degli studi di Padova Capacità di riconoscere

Dettagli

Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV), 14 giugno 2012

Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV), 14 giugno 2012 Prima di arrivare ai DSA Modulo letto-scrittura Dr.ssa Laura Landi Psicologa dell Apprendimento Dr.ssa Maria Carmela Valente Logopedista Insegnante per l Infanzia Scuola infanzia e primaria di Mortara(PV),

Dettagli

Strumenti per la valutazione delle abilità di scrittura

Strumenti per la valutazione delle abilità di scrittura Dipartimento di Psicologia Generale Università degli Studi di Padova Gli strumenti di valutazione per i Disturbi Specifici dell Apprendimento Strumenti per la valutazione delle abilità di scrittura Martina

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Metafonologia. Luciana Ventriglia. insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D

Metafonologia. Luciana Ventriglia. insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D Metafonologia Luciana Ventriglia insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D Definizione di competenza metafonologica È una particolare conoscenza metalinguistica che consiste nella capacità di percepire

Dettagli

Presentazione a cura di Dott.ssa Lucia Cacciò e Dott.ssa Monica Maran

Presentazione a cura di Dott.ssa Lucia Cacciò e Dott.ssa Monica Maran Presentazione a cura di Dott.ssa Lucia Cacciò e Dott.ssa Monica Maran Fasi di apprendimento della lingua scritta 1) ALFABETIZZAZIONE 2) CONSOLIDAMENTO Costruzione dell abilità 3) VELOCIZZAZIONE Automatizzazione

Dettagli

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva Cos è la Neuropsicologia E la disciplina che studia i rapporti tra cervello e funzioni cognitive. Disciplina che studia i rapporti tra il cervello (strutture

Dettagli

Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof.

Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof. Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Via Cavour, 24 Rovigo Direttore: Prof. Cesare Cornoldi I prerequisiti dell apprendimento della lettura e della scrittura

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

08/09/2014. Rispetto alle valutazioni sovrafunzionali (attenzione, memoria, percezione), quali differenze hanno maggior rilevanza?

08/09/2014. Rispetto alle valutazioni sovrafunzionali (attenzione, memoria, percezione), quali differenze hanno maggior rilevanza? L apprendimento della lettoscrittura nei bambini con problematiche di bilinguismo e multiculturalità l intervento logopedico L apprendimento del linguaggio scritto del bambino straniero: strumenti di valutazione

Dettagli

LETTURA DELLA DIAGNOSI E PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Germana Englaro, 9 settembre 2011

LETTURA DELLA DIAGNOSI E PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Germana Englaro, 9 settembre 2011 LETTURA DELLA DIAGNOSI E PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Germana Englaro, 9 settembre 2011 Edoardo, 8 anni, classe III Diagnosi: Disturbo Misto delle Capacità Scolastiche [F81.3] Disturbo Misto degli Apprendimenti

Dettagli

Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione

Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione A. M. Re Università degli studi di Padova Servizio per i Disturbi dell Apprendimento Evoluzione della velocità di lettura in normo-lettori

Dettagli

Discussione di casi clinici

Discussione di casi clinici Discussione di casi clinici Marcella Ferrari marcella.ferrari@unipv.it Dipartimento di Studi Umanistici, Università di Pavia Laboratorio di Psicologia dell Apprendimento Master in Esperto in Disturbi dell

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PROPOSTA DI SCREENING DSA NELLA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO PROPOSTA DI SCREENING DSA NELLA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Centro di Psicomotricità e Studio di Psicologia Via Adige, n.9 10098 Cascine Vica Rivoli (TO) Tel. 011 953.99.18 info@centro-gea.it psy.ficili@centro-gea.it www.centro-gea.it DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella

N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella XX CONGRESSO NAZIONALE AIRIPA, I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO PRATO 21-22 OTTOBRE 2011 N. Caldarola *, A. M. Antonucci **, C. D Amato ** e I.C. Mammarella * Dipartimento di Psicologia Generale, Università

Dettagli

1 Giornata DSA Legge 170/2010 Decreto attuativo e linee guida

1 Giornata DSA Legge 170/2010 Decreto attuativo e linee guida 1 Giornata DSA Legge 170/2010 Decreto attuativo e linee guida Servizio TSMREE ASLRM/B II Distretto Dott.ssa Vincenza di Paolo Psicologa Antonella Congiu Logopedista Patrizia Proietto Logopedista Programma

Dettagli

Approccio clinico-terapeutico ai DSA

Approccio clinico-terapeutico ai DSA Approccio clinico-terapeutico ai DSA Ruolo e Funzione degli operatori sanitari Strumenti di Valutazione Dott.ssa Irene Costanza Psicologa Centro Regionale Specializzato sui Disturbi dell Apprendimento

Dettagli

AC-MT 11-14 Test di Valutazione delle Abilità di Calcolo e Problem Solving dagli 11 ai 14 anni

AC-MT 11-14 Test di Valutazione delle Abilità di Calcolo e Problem Solving dagli 11 ai 14 anni AC-MT 11-14 Test di Valutazione delle Abilità di Calcolo e Problem Solving dagli 11 ai 14 anni Cornoldi & Cazzola, 2003 AC-MT Prova di primo livello: Finalizzata ad un primo screening capace di individuare

Dettagli

WORKSHOP: Prove di screening per l individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento

WORKSHOP: Prove di screening per l individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento WORKSHOP: Prove di screening per l individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento dott.ssa Maria Grazia Lamparelli psicologa psicoterapeuta Tolmezzo, 9 settembre 2011 art.3 comma 3 L.170/10 E

Dettagli

Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato

Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato Come leggere una diagnosi per la stesura del Piano Didattico Personalizzato Maristella Scorza Università di Modena e Reggio Emilia maristella.scorza@unimore.it Protocollo Diagnostico La segnalazione La

Dettagli

Dalla valutazione al trattamento della dislessia. Lucina Tretti

Dalla valutazione al trattamento della dislessia. Lucina Tretti Dalla valutazione al trattamento della dislessia Lucina Tretti scopo della pratica clinica è la ricerca della causa (l identificazione) di un disturbo e dei mezzi per risolverlo La realizzazione di un

Dettagli

Raccogliere i segnali: perché è così difficile?

Raccogliere i segnali: perché è così difficile? Raccogliere i segnali: perché è così difficile? Mestre 16 dicembre 2015 Silvia Tabarelli Si vede solo ciò che si conosce Saper osservare non consiste semplicemente nel neutro saper vedere, ma più complessivamente

Dettagli

nell ambito della lettoscrittura

nell ambito della lettoscrittura Uno studente con dislessia è generalmente Una persona brillante Con difficoltà specifiche nell ambito della lettoscrittura LA LETTURA E un processo che ha come scopo la comprensione del significato di

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia. Dott.ssa Patrizia Nagliati

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia. Dott.ssa Patrizia Nagliati I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia, disortografia, disgrafia, discalculia. Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo perf. In Neuropsicologia COME SI SVILUPPA UN ABILITA Predisposizione innata

Dettagli

COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE?

COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE? COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE? a cura della Counselor Psicopedagogica dott.ssa P. Paolini Ogni bambino ha una sua SCRITTURA SPONTANEA TEORIA LINGUISTICA: idee e regole che ha ricavato osservando

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I.C. di MEDIGLIA Elena Colombo

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I.C. di MEDIGLIA Elena Colombo DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO D.S.A significa: DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Essi fanno parte di quei disordini evolutivi (= dello sviluppo) che possono manifestarsi nell acquisizione

Dettagli

Dalla Competenza Linguistica all Abilità di Scrittura. Struttura del linguaggio orale e acquisizione della scrittura Ins.te Leandri Giuliana

Dalla Competenza Linguistica all Abilità di Scrittura. Struttura del linguaggio orale e acquisizione della scrittura Ins.te Leandri Giuliana Dalla Competenza Linguistica all Abilità di Scrittura Struttura del linguaggio orale e acquisizione della scrittura Ins.te Leandri Giuliana Cosa è necessario al fine dello sviluppo di una buona Competenza

Dettagli

Assenza di cause neurologiche o sensoriali; Persistenza del disturbo nel tempo 5.

Assenza di cause neurologiche o sensoriali; Persistenza del disturbo nel tempo 5. I Dsa: disturbi specifici dell apprendimento Lettura, scrittura e calcolo sono funzioni fondamentali per l apprendimento. Un soggetto con capacità intellettive nella norma e privo di deficit (sensoriali,

Dettagli

Strumenti Operativi e Strategie Didattiche per i D.S.A.

Strumenti Operativi e Strategie Didattiche per i D.S.A. Strumenti Operativi e Strategie Didattiche per i D.S.A. Corso di formazione di base Ideato e condotto dall'equipe Psicopedagogica del Centro Servizi Scolastici Sapere Più Ognuno è un GENIO. Ma se si giudica

Dettagli

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A. 2012/2013 CORSO AGGIUNTIVO PER LE ATTIVITÀ FORMATIVE PER GLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP NELLA SCUOLA DELL INFANZIA (MATERNA) E NELLA SCUOLA PRIMARIA (ELEMENTARE) Educazione

Dettagli

26/05/2015. Uno studente su 5 incontra difficoltà scolastiche, tali da richiedere l aiuto di un esperto. 25 maggio 2015. pamela@studioliberamente.

26/05/2015. Uno studente su 5 incontra difficoltà scolastiche, tali da richiedere l aiuto di un esperto. 25 maggio 2015. pamela@studioliberamente. Progetto di screening per Disturbi Specifici dell Apprendimento Tutti imparano a leggere e scrivere L apprendimento della lettura e della scrittura è un processo dato spesso per scontato In realtà richiede

Dettagli

misurazione dell intelligenza

misurazione dell intelligenza DIAGNOSTICA PSICOLOGICA lezione! Paola Magnano paola.magnano@unikore.it misurazione dell intelligenza alcune riflessioni sul concetto di intelligenza Intelligenza generale, determinata e misurata oggettivamente

Dettagli

Applicazione della WISC III per la diagnosi del Disturbo Non-Verbale

Applicazione della WISC III per la diagnosi del Disturbo Non-Verbale Dalla WISC-R alla WISC III e WISC IV Padova, 27 Aprile 2007 Applicazione della WISC III per la diagnosi del Disturbo Non-Verbale Irene C. Mammarella Dipartimento di Psicologia Generale Università degli

Dettagli

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Disturbi Specifici dell apprendimento Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Con il termine Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) vengono indicate una serie di difficoltà

Dettagli

Applicazioni della WISC III per la diagnosi dei Disturbi Specifici dell Apprendimento

Applicazioni della WISC III per la diagnosi dei Disturbi Specifici dell Apprendimento dalla WISC-R alla WISC III Padova, 27 Aprile 2007 Applicazioni della WISC III per la diagnosi dei Disturbi Specifici dell Apprendimento C. Vio, M. L. Tretti Cosa sono i DSA? Le nuove Raccomandazioni per

Dettagli

DSA: CAMPANELLI D ALLARME

DSA: CAMPANELLI D ALLARME TANGRAM Centro Studi Processi e disturbi dell Apprendimento DSA: CAMPANELLI D ALLARME Dott.ssa Alessandra Petrolati, psicologa e psicoterapeuta, perfezionata in Psicopatologia dell Apprendimento Dott.ssa

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino da sei a dieci anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino da sei a dieci anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino da sei a dieci anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA.

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E LA SCUOLA: LA PROSPETTIVA PSICOPEDAGOGICA A cura di C.M. Gentile Psicologo, Coordinatore Osservatorio Provinciale contro i Fenomeni della D.S. e per la promozione

Dettagli

LA LETTURA DELLE DIAGNOSI

LA LETTURA DELLE DIAGNOSI LA LETTURA DELLE DIAGNOSI Quali informazioni ricavare dal confronto con i clinici e dalla lettura del documento diagnostico di un alunno con DSA TRATTO DA: RACCOMANDAZIONI CLINICHE SUI DSA Risposte ai

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.)

I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) Logopedista: Amitrano Luisa Logopedista: Falco Daniela I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) ( dislessia- disgrafia- disortografia-

Dettagli

Pensiero logico, lettura, Autori: Sestili, Moalli, Vianello

Pensiero logico, lettura, Autori: Sestili, Moalli, Vianello Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di 2 2 e 3 3 media Autori: Sestili, Moalli, Vianello Toffolon Sara Introduzione La ricerca si propone di rilevare

Dettagli

Mantova, 2 Ottobre 2015

Mantova, 2 Ottobre 2015 Apprendere Serenamente Monitoraggio Provinciale dell apprendimento della lettura, scrittura e calcolo classi Prime e Seconde Identificazione precoce delle difficoltà e dei disturbi d apprendimento Logopedista

Dettagli

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011.

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011. Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura Belluno, ottobre dicembre 2011 Michela Cendron Centro Regionale Specializzato per i Disturbi dell Apprendimento ULSS20

Dettagli

Convegno AIAS Dislessia, Disortografia, Discalculia e Disgrafia. Incontro e confronto con esperienze che possono aiutare.

Convegno AIAS Dislessia, Disortografia, Discalculia e Disgrafia. Incontro e confronto con esperienze che possono aiutare. Convegno AIAS Dislessia, Disortografia, Discalculia e Disgrafia. Incontro e confronto con esperienze che possono aiutare La disortografia Gallarate (VA) 03.12.2011 Lorenzo Caligaris Struttura Semplice

Dettagli

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

Dettagli

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano DALLA DIAGNOSI AL PDP TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano SU COSA CI SI BASA PER LA DIAGNOSI? QUALI BASI? QUALI TEST? QUALI ANALISI? Le basi! Criterio della discrepanza! Il principale criterio

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) Scrittura. Logopedista: Amitrano Luisa. Logopedista: Falco Daniela

I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) Scrittura. Logopedista: Amitrano Luisa. Logopedista: Falco Daniela I disturbi specifici dell apprendimento (D.S.A. D.S.A.) Scrittura Logopedista: Amitrano Luisa Logopedista: Falco Daniela La Scrittura SCRIVERE è un abilità complessa e multicomponenziale che si costruisce

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON ADHD I S T I T U TO C O M P R E N S I V O S TATAL E D I S O S S AN O Via San Giovanni Bosco, 4 36040 SOSSANO (VI) Tel. 0444/885284 viic89000e@istruzione.it viic89000e@pec.istruzione.it www.icsossano.it C.F.

Dettagli

La Dislessia Evolutiva

La Dislessia Evolutiva La Dislessia Evolutiva Dislessia Evolutiva (DE) Disabilità specifica dell apprendimento di origine neurobiologica. Si manifesta quando un bambino non sviluppa, o sviluppa con molta difficoltà, la capacità

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

Valutare le competenze di lettura, scrittura e comprensione e calcolo

Valutare le competenze di lettura, scrittura e comprensione e calcolo Cooperativa La Sorgente Istituto Comprensivo di Calcinato Valutare le competenze di lettura, scrittura e comprensione e calcolo Dott.ssa Lara Consigli Calcinato, 6 novembre 2013 Progetto di ricercazione,

Dettagli

4. Disturbo Specifico di Apprendimento

4. Disturbo Specifico di Apprendimento 4. Disturbo Specifico di Apprendimento Disturbo Specifico di Apprendimento Testi di riferimento: Cornoldi C. (a cura di), Difficoltà e disturbi dell'apprendimento, Ed. Il Mulino, Collana "Strumenti", Bologna,

Dettagli

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce DAL PROTOCOLLO REGIONALE ALL AZIONE SCOLASTICA PROGETTO DI INDIVIDUAZIONE PRECOCE IN RETE CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

Dettagli

LA COMPETENZA METAFONOLOGICA

LA COMPETENZA METAFONOLOGICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Associazione Italiana Dislessia Giornate di formazione rivolte ai docenti referenti LA COMPETENZA

Dettagli

Casi di sospetto DSA nella Scuola Primaria. Quali prospettive per gli alunni che cambiano scuola?

Casi di sospetto DSA nella Scuola Primaria. Quali prospettive per gli alunni che cambiano scuola? Casi di sospetto DSA nella Scuola Primaria Quali prospettive per gli alunni che cambiano scuola? Il presente contributo deriva da un percorso di Esperienze dirette realizzato durante l a.s. 2012/13 in

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

LABDA, Università di Padova, 20 Settembre 2014

LABDA, Università di Padova, 20 Settembre 2014 LABDA, Università di Padova, 20 Settembre 2014 Adolescenti con DSA C. Cornoldi, Università degli studi di Padova Con la collaborazione di M. Candela, V. Fenzi, M.G. Martino e A.M. Re Overview 1 L evoluzione

Dettagli

ANALISI E RISVOLTI OPERATIVI NEI DSA. Chiara De Candia Psicologa-psicoterapeuta Ass. La Nostra Famiglia (Oderzo)

ANALISI E RISVOLTI OPERATIVI NEI DSA. Chiara De Candia Psicologa-psicoterapeuta Ass. La Nostra Famiglia (Oderzo) ANALISI E RISVOLTI OPERATIVI NEI DSA Chiara De Candia Psicologa-psicoterapeuta Ass. La Nostra Famiglia (Oderzo) Documenti di riferimento: Normativa: DGR n. 1123 del 26 luglio 2011 Interventi a sostegno

Dettagli

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale)

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale) Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo Neuropsicologia Cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento Formatore AID LA DISCALCULIA EVOLUTIVA E un disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche che si manifesta

Dettagli

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011.

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011. Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura Belluno, ottobre dicembre 2011 Michela Cendron Centro Regionale Specializzato per i Disturbi dell Apprendimento ULSS20

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

DSA? Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente Cassano d Adda www.studioabilmente.com

DSA? Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente Cassano d Adda www.studioabilmente.com DSA? Dott.ssa Roberta Donini Studio Abilmente Cassano d Adda www.studioabilmente.com Essere docenti fra Alunni Famiglia Specialisti Sigle DSA BES PDP 170 104 DS PERCENTILI DSA : dubbi come minaccia Non

Dettagli

MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170)

MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170) MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170) Anno scolastico:.. Cognome e Nome dello studente Data e luogo di nascita:...

Dettagli

s.c. di NPI Savigliano-Fossano-Saluzzo Log.Allamandri Valeria (mail: valeria.allamandri@aslcn1.it)

s.c. di NPI Savigliano-Fossano-Saluzzo Log.Allamandri Valeria (mail: valeria.allamandri@aslcn1.it) s.c. di NPI Savigliano-Fossano-Saluzzo Log.Allamandri Valeria (mail: valeria.allamandri@aslcn1.it) Criteri Un trattamento riabilitativo dipenda da: Condizioni cliniche Età Motivazione Disponibilità e tempi

Dettagli

Valutazione della conoscenza numerica e delle abilità di calcolo. Ilaria Rota ilaria.rota@centroetaevolutiva.it

Valutazione della conoscenza numerica e delle abilità di calcolo. Ilaria Rota ilaria.rota@centroetaevolutiva.it Valutazione della conoscenza numerica e delle abilità di calcolo Ilaria Rota ilaria.rota@centroetaevolutiva.it Le componenti della conoscenza numerica LESSICALE Regola il nome del numero 1 uno SEMANTICA

Dettagli

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie

I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie I disturbi dell'apprendimento contesti, buone prassi, strategie Mercoledì 20 marzo 2013 Dott.ssa Roberta Riccioni Psicologa Neuropsicologia dei DSA - Legislazione I disturbi dell'apprendimento contesti,

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO RUOLO DEL PEDIATRA DI FAMIGLIA

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO RUOLO DEL PEDIATRA DI FAMIGLIA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO RUOLO DEL PEDIATRA DI FAMIGLIA DSA COSA SONO? costituiscono un termine di carattere generale che si riferisce ad un gruppo eterogeneo di disordini che si manifestano

Dettagli

AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo

AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo AC-MT 6-11 Test di valutazione delle abilità di calcolo C. Cornoldi, D. Lucangeli, M. Bellina Irene C. Mammarella Università degli Studi di Padova irene.mammarella@unipd.it AC-MT Prova di primo livello:

Dettagli

A SCUOLA DI PAROLE. ATTIVITA PER I BIMBI DI 5 ANNI lavori di gruppo per docenti della Scuola dell Infanzia

A SCUOLA DI PAROLE. ATTIVITA PER I BIMBI DI 5 ANNI lavori di gruppo per docenti della Scuola dell Infanzia A SCUOLA DI PAROLE ATTIVITA PER I BIMBI DI 5 ANNI lavori di gruppo per docenti della Scuola dell Infanzia Lunedì 17 novembre 2014 Venerdì 30 gennaio 2015 Lunedì 11 maggio 2015 Chiara Portoraro - logopedista

Dettagli

IL LABORATORIO DELLA LETTURA: un progetto di intervento sul disturbo specifico della lettura all interno di una scuola primaria

IL LABORATORIO DELLA LETTURA: un progetto di intervento sul disturbo specifico della lettura all interno di una scuola primaria IL LABORATORIO DELLA LETTURA: un progetto di intervento sul disturbo specifico della lettura all interno di una scuola primaria Dott.ssa Giovanna Chiatti, Psicologa Master Universitario in Psicopatologia

Dettagli

La dislessia evolutiva all università Giacomo STELLA. Università di Modena e Reggio Emilia I.RI.D.E.

La dislessia evolutiva all università Giacomo STELLA. Università di Modena e Reggio Emilia I.RI.D.E. La dislessia evolutiva all università Giacomo STELLA Università di Modena e Reggio Emilia I.RI.D.E. La dislessia evolutiva (Lyon, Shaywitz & Shaywitz 2003) La Dislessia è una disabilità specifica dell

Dettagli

Conoscenza lessicale

Conoscenza lessicale Conoscenza lessicale Per una corretta ed efficace comprensione di un brano occorre conoscere il significato delle parole che lo compongono. Quindi più è ampio il vocabolario individuale più facile sarà

Dettagli

I disturbi dell apprendimento

I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento si dividono in: Disturbi specifici dell apprendimento (DSA) (sono quei disturbi che si manifestano in soggetti con adeguato sviluppo cognitivo,

Dettagli

Disturbi Specifici di Apprendimento

Disturbi Specifici di Apprendimento Disturbi Specifici di Apprendimento Pennabilli - 28 Aprile 2014 Enrico Savelli Il Disturbo Specifico di Apprendimento della Letto-Scrittura Alla fine del primo anno scolastico, in quasi ogni classe, almeno

Dettagli

IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO. A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni

IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO. A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni IL BAMBINO E LE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A cura di Sofia Carbonero Fabia Genoni I DISTURBI DEL FUNZIONAMENTO MOTORIO Disprassia I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO I DISTURBI DI LINGUAGGIO Articolazione linguaggio

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO R e l a t r i c e : D o t t. s s a C r i s t i n a E l e f a n t e (insegnante, pedagogista) email: elefantecristina@yahoo.it DSA definizione La principale caratteristica

Dettagli

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO

SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO SVILUPPO DEL LINGUAGGIO NEL BAMBINO L.Carretti-logopedista- HSA - Como 1 1 2 L.Carretti-logopedista- HSA 2 - Como 3 L.Carretti-logopedista- HSA 3 - Como 4 L.Carretti-logopedista- HSA 4 - Como L.Carretti-logopedista-

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

Prot. n. 3396/C27 Lovere, 17 dicembre 2014 Circ. N. 73 TUTTI I DOCENTI

Prot. n. 3396/C27 Lovere, 17 dicembre 2014 Circ. N. 73 TUTTI I DOCENTI Prot. n. 3396/C27 Lovere, 17 dicembre 2014 Circ. N. 73 TUTTI I DOCENTI Oggetto: Servizio di Intervento per BES (bisogni educativi speciali) Come già riferito in Collegio Docenti, è attivo dal 17 Dicembre

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

Log. Marzia Lorenzini. S. Giorgio di Mantova 09 Dicembre 2013

Log. Marzia Lorenzini. S. Giorgio di Mantova 09 Dicembre 2013 Log. Marzia Lorenzini S. Giorgio di Mantova 09 Dicembre 2013 Da Giocare con le parole 2 ED Erickson Capacità di percepire e riconoscere per via uditiva i fonemi che compongono le parole del linguaggio

Dettagli