Ambienti Virtuali e Giochi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambienti Virtuali e Giochi"

Transcript

1 Ambienti Virtuali e Giochi Vivere una Vita Alternativa dentro un Ambiente Sintetico Stefano Cacciaguerra 1

2 Contenuti Introduzione Esempi Caratteristiche Come Programmarli Come Gestire la Partecipazione in essi 2

3 Introduzione 2500 a.c. Nella città sumera di Ur nasce il Gioco Reale di Ur. Il primo gioco da tavolo in cui il giocatore è rappresentato da una pedina d.c. Un certo C. Weikmann inventa Konigsspiel il gioco del re. Un esercito di 30 figurine preso dagli scacchi e antenate dei soldatini per ciascuno dei 14 diversi ruoli di combattimento simulando le lotte del potere dell epoca d.c. L. Carroll scrive Alice nel Paese delle Meraviglie. Prende forma l idea di un viaggio paradossale nei territori della fantasia d.c. Per facilitare la comunicazione tra poli universitari in america R. Talyor dell agenzia Arpa collega 4 calcolatori di università differenti. Arpanet sarà la madre di Internet d.c. D. Arneson e G. Gygax creano il primo sistema di regole per Dungeons&Dragons. Il primo gioco di ruolo moderno. 3

4 Introduzione 1978 d.c. Nell Università di Essex, in Inghilterra, fa la comparsa il primo Multi-User Dungeon (MUD), ideato da R. Trubshaw. È ancora un gioco fatto di solo testo che permette agli utilizzatori di spostarsi in zone virtuale diverse e di dialogare tra loro d.c. I Mondi Virtuali ed i Massive Multiplayer Online Role Play Games (MMORPG) diventano popolari negli USA. Il più famoso è Ultima Online di R. Garriot, una simulazione della vita medioevale in 3D. Il gioco conta abbonati d.c. World of Warcraft, un mondo virtuale di ambientazione fantasy ispirato ad un saga di Massive Multiplayer Online Real time Strategy games (MMORTS) totalizza 5 milioni di abbonati. Tratto dall articolo Vite Parallele apparso sul mensile Quark, marzo

5 Domande Perché uno studente australiano di 24 anni dovrebbe comprare un isola che non c è per dollari sul pianeta entropia? Chi comprerebbe un paio di nike o di levi s 501 per la propria controparte artificiale? Chi ucciderebbe (per davvero) un concorrente rivale dopo che ti ha rubato la preziosa spada magica? Domande assurde, eppure trovano la stessa risposta! Un partecipante ad un Ambiente Virtuale 5

6 Gli AV Costituiscono una Realtà Gli Ambienti Virtuali (AV) stanno entrando prepotentemente nelle nostre vite tanto da costituire una seconda chance per molti umani. Gli AV hanno un economia, un governo, una valuta. Migliaia di Abitanti vi ci nascono e vi ci muoiono. Sono mondi di fantasia accessibili via web. World of Warcraft Oltre 5 milioni di abbonati Project Entropia Turnover di dollari in gennaio 2005 Second Life Centinaia di negozi dalla Ferrari all i-pod 6

7 Ambienti Virtuali Ambiente virtuale (AV) è il termine utilizzato per indicare una realtà simulata creata attraverso l uso del computer. Attualmente, il termine è utilizzato per la rappresentazione virtuale di un sistema complesso: dai videogiochi ai simulatori di volo. Alcune delle caratteristiche principali degli ambienti virtuali sono: di sfruttare una rappresentazione sensoriale talmente immersiva da essere percepita come reale dai partecipanti, di supportare le azioni di più utenti contemporaneamente e la formazione di gruppi, di permettere l interazione con entità sintetiche intelligenti, di usufruire di dispositivi embedded come PDA e SmartPhone od oggetti ad hoc come casco od occhialini, auricolari, cyberglove e cybertuta. 7

8 Rappresentazione Sensoriale Realistica Un AV deve dare al partecipante la sensazione di essere inserito all interno di un ambiente talmente immersivo da permettergli di sviluppare abilità che potrebbe sfruttare nel mondo reale. Esempio eclatante: Simulatore di Volo. Problema il livello di dettaglio costa sia in termini computazionali sia in termini di memoria utilizzata! Negli AV è importante sviluppare solo i dettagli che sono fondamentali per la realizzazione della simulazione. Esempio eclatante: Gara di automobili. È interessante la realizzazione del circuito, non dello sfondo (platea, box, ) 8

9 Ambiguità Attenzione all ambiguità della parola realistica. Non è legata al fatto che l ambiente riprodotto ne deve per forza richiamare uno esistente. Possono esistere degli ambienti virtuali che vogliono promuoverne una supposta o riprodurre una realtà fantastica. Ad esempio, si cambiano le leggi della fisica da quella terrestre a quella lunare. Ad esempio, mondi fantastici come EverQuest II. 9

10 Graphical Processor Unit Cmq le moderne schede video montano micro processori e buffer di memoria dedicati che permettono alla scheda grafica di sostituire nei calcoli la CPU. Questo effetto è talmente rilevante che le schede video sono definite GPU (Graphical Processor Unit). Ad esempio Nvidia ed ATI. In questo senso, risulta possibile utilizzare una grafica spinta: 10

11 Massive Multi-Player La realizzazione di un gioco in modalità multi-player dipende dalla gestione di 2 fattori principali: Responsiveness gli eventi che descrivono l evoluzione del gioco devono essere ricevuti dagli utenti in tempo reale (vincoli real-time). Reliability and Game Consistency L evoluzione del gioco deve essere descritta a tutti i partecipanti nello stesso modo preciso e Corretto ( tutti i giocatori adottano una strategia in base allo stesso contenuto informativo). 11

12 Dispositivi Mobili e Reti Wireless Dispositivi Mobili come PDA e Smart-phone dispongono di sufficiente potenza computazionale ed un antenna che gli permettono di partecipare ad AV. Altri dispositivi dedicati: Sony PSP, Nintendo Dual Screen e Nokia ngage Due tipi di rete: La rete cellulare di 3G garantisce la disponibilità di connettività su ampio raggio ma con transmission throughput limitato. Le reti Wi-Fi, Bluetooth e HomeRF offrono una bandwidth maggiore ma dentro un raggio limitato. 12

13 Interazione a Gruppi Molte volte gli AV promuovano la formazione di team per risolvere un problema comune. Ad esempio, in Travian le alleanza proteggono i propri membri. Gli AV promuovono la nascita di comunità virtuali: gruppo di persone che utilizzano la stessa tecnologia via Internet per attività sociali. la creazione di vere e proprie società artificiali. Ad esempio, in Travian, ogni partecipante deve competere con migliaia di altri giocatori per il controllo delle risorse naturali e gestire l evoluzione di un piccolo villaggio. 13

14 Interazione con Entità Intelligenti Gli AV moderni necessitano di un largo numero di partecipanti che spendono il loro tempo nella creazione e nel mantenimento di relazioni sociali per un lungo periodo. Una possibile soluzione per popolare gli AV è realizzare entità autonome ed intelligenti in grado di competere e cooperare con i partecipanti umani. Dovrebbe essere indistinguibile il comportamento di un entità software da quello di un umano (passare un Turing Test cooperativo). Per raggiungere questo scopo esistono due possibili approcci: dotare l entità di una conoscenza più approfondita dell ambiente (Reinforcement Learning) permettere ad un entità di analizzare il comportamento di un umano e cercare di riprodurlo (Machine Learning) 14

15 Interazione con Entità Intelligenti Neuro-Evolving Robotic Operatives (NERO): un progetto di ricerca in collaborazione tra il Department of Computer Sciences and the Digital Media Collaboratory at the University of Texas at Austin. Utilizza un algoritmo real-time di NeuroEvolution of Augmenting Topologies. Per giocare ogni partecipante deve evolvere il proprio esercito di robot cercando di insegnargli come comportarsi in alcune situazioni. Questo è possibile facendo il tuning del cervello artificiale dei robot. 15

16 Reale-Virtuale-Reale Esistono dispositivi pervasivi che permettono di aumentare l esperienza sensoriale all interno di un AV (Realtà Virtuale): Casco permette la visione stereoscopica ed un effetto sonoro immersivo Cyberglove e Cybertuta permettono la sensazione tattile Real Tournament Ogni partecipante usa un dispositivo che integra tecnologie GPS, sensori, Wi-Fi, GPRS, su un PDA per competere alla cattura di una serie di mostri in una arena virtuale mappata sulla città di Lancaster. 16

17 Realizzare un AV tramite SPADES SPADES (System for Parallel Agent Discrete Agent Simulation) è un sistema middleware per simulazioni multi-agenti distribuite. Permette di realizzare un AV all interno del quale vivono entità artificiali pensanti chiamate agenti. Promuove la creazione di simulazioni ripetibili ed efficienti distribuite tra più computer. Un agente riceve delle sensazioni dal mondo simulato, pensa ad una strategia per raggiungere il suo scopo, attua una mossa. Il modello del mondo simulato riproduce la leggi del sistema complesso riprodotto, spedendo sensazioni agli agenti e attuando le loro azioni. 17

18 La Architettura di SPADES CLIENT SERVER Computer 1 Agent pipe Communication Server tcp/ip Simulation Engine World Model Computer 2 Agent pipe Communication Server Computer A Computer N Agent pipe Communication Server 18

19 Ciclo del World Model #include. main(.) { inizialize(); pausemodecallback (); getmonitorheaderinfo (); agentconnect (AgentID agent, AgentTypeDB::AgentTypeConstIterator at); } while (!fine_simulazione) { simtotime (SimTime time_curr, SimTime time_desired); getmonitorinfo (SimTime time); controllo_stato_della_simulazione(); } finalize(); 19

20 World Model bool BallWorldModel::initialize (SimEngine * pse) Permette di inizializzare l evoluzione del World Model. bool BallWorldModel::finalize () Permette di gestire la chiusura dell evoluzione del World Model. void BallWorldModel::pauseModeCallback () Quando il sistema SPADES si attiva la simulazione viene bloccata in attesa della connessione di tutti i componenti. bool BallWorldModel::agentConnect (AgentID agent, AgentTypeDB::AgentTypeConstIterator at) Si occupa dell inizializzazione del communication server e degli agenti spades::simtime BallWorldModel::simToTime (SimTime time_curr, SimTime time_desired) Ogni volta che il world model deve aggiornare l evoluzione del mondo richiama questa metodo che setta il tempo attuale a quello desiderato. All interno di questa chiamata risulta possibile controllare quello che sta accadendo nel mondo controllando le azioni degli agenti e inviando le nuove sensazioni. 20

21 World Model: Monitor Interface Monitor Interface: Componente del SE che permette di estrarre informazioni sullo stato del mondo Simulation Engine M.I. tcp/ip World Model spades::dataarray BallWorldModel::getMonitorHeaderInfo () Permette di esportare all esterno della simulazione informazioni sul suo andamento. In particolare, questa permette di scrivere un header per le informazioni successive. spades::dataarray BallWorldModel::getMonitorInfo (SimTime time) Come sopra solo che si occupa di spedire le informazioni. 21

22 Agenti #include. main(.) { processinitsense( ); switch (atype){ case 0: pagentbehavior = new BuildingBehavior( ); break; case 1: pagentbehavior = new CarBehavior( ); break; case n: break; } while (! done) { pacs_interface->receivemessage(); pagentbehavior->processmessage(m) } } 22

23 Agenti BallWorldAgentBehavior::processInitSense( parametri..) Ritorna la initsense che è il messaggio di inizializzazione di un agente, ritorna il contenuto attraverso diversi parametri (prodotta generalmente dall agentconnect). CarBehavior( parametri..) o BuildingBehavior( parametri..) Attivano agenti di tipo Car o di tipo Building. FromCSMessage* pacs_interface->receivemessage() Si occupa di gestire l arrivo delle sensazioni bool pagentbehavior->processmessage(m) Si occupa di gestire l invio delle azioni 23

24 Agenti CarBehavior(int n, AgentSpeed s, AgentCommInterface* pcomminterface, ActionServer* pactionserver, int p_hsize, int p_vsize, int p_asize, int p_viewl) n = numero degli agenti s = velocità dell agente (numero di pixel per unità di tempo) pcomminterface = puntatore alla common interface pactionserver = puntatore al proprio Action Server p_hsize = parametro dimensione della piazzola dell edificio (altezza) p_vsize = parametro dimensione della piazzola dell edificio (larghezza) p_asize = parametro alla dimensione dell agente p_viewl = parametro alla distanza massima (in numero di pixel) a cui l agente può vedere Altri parametri PolarPosition lastmove = contiene l ultima mossa in coordinate polari Vector lastpos = contiene l ultima mossa in coordinate cartesiane paa = new AgentAction(); int id = id dell agente int offset[3] = le tre coordinate cartesiane che individuano la posizione dell agente int rotation[3] = le tre rotazioni rispetto gli assi cartesiani int state = lo stato dell agente 24

25 Partecipazione all AV Un umano partecipa all AV prendendo il controllo di un agente sostituendosi alla sua capacità di elaborare un strategia. Per fare questo, abbiamo esteso il sistema middleware di SPADES attraverso un participatory framework. Interfaccia Recver Sender Agent Avatar pipe Communication Server tcp/ip S E M.I. W M tcp/ip 25

26 Controllo dell Agente #include. void CarBehavior::doAgentAction() { /* scrivere il codice per il comportamento dell agente quando non è pilotato */ } void CarBehavior::doUserAction(void* actionstruct) { /* scrivere il codice per il comportamento dell agente quando riceve le azioni dall umano*/ } 26

27 Ultima Ora Il mondo virtuale di Hive7 è stato interamente realizzato con tecnologia AJAX, da molti considerata l'ossatura principale del cosiddetto Web 2.0. Un prototipo di metaverso, termine della letteratura cyberpunk che indica un mondo digitale accessibile tramite interfaccia telematica. 27

28 Riferimenti Vite Parallele Travian Neuro-Evolving Robotic Operatives Project Entropia Age of Empire III Second Life World of Warcraft Quake IV Punto Informatico Hive7 28

29 Riferimenti S. Cacciaguerra, S. Mirri, P. Salomoni & M. Pracucci Wandering About the City, Multi-Playing a Game, in Proc. the 2nd IEEE International Workshop on Networking Issues in Multimedia Entertainment, Las Vegas (USA), January S. Cacciaguerra, C. Cagneschi & R. Fabbri The Architectonical Design of Virtual Environments Fuels a new Form of the WWW, in Proc. European Simulation and Modelling Conference 2005, Porto (Portugal), October S. Cacciaguerra, M. Roffilli Agent-based participatory simulation activities for the emergence of complex social behaviours, in Proc. of AISB05, Social Intelligence and Interaction in Animals, Robots and Agents, Hatfield, (England), April S. Cacciaguerra, S. Mirri, P. Salomoni & M. Baldassarri Almost Blue: The Design of a Cooperative Game by Integrating Accessible Interaction, in Proc. of Euromedia 2005 Toulouse, (France), April S. Cacciaguerra, M. Roccetti & P. Salomoni, Multimedia Entertainment Applications, in Encyclopedia of Multimedia, ((B. Furht Ed.), Springer, 2005, , included also "Digital Cinema", "In-home, In-car, In-flight Entertainment", "Interactive Story Telling". S. Ferretti, M. Roccetti & P. Salomoni On-line Gaming, in Encyclopedia of Multimedia, (B. Furht Ed.), Springer, January 2006, , included also Dead Reckoning, Fairness in Online Games, Game Accessibility, Game Event Synchronization. K. Mitchell, D. McCaffery, G. Metaxas, J. Finney, S. Schmid, A. Scott, Six in the city: introducing Real Tournament - a mobile IPv6 based context-aware multiplayer game, Proc. of the 2nd workshop on Network and system support for games, ACM press, 2003, pp To appear S. Cacciaguerra e M. Roffilli, The Artificial Intelligence promotes Internet communities. 29

E-Learning e Entertainment: Edutainment. Stefano Cacciaguerra Ph.D. in Informatica. Stefano Cacciaguerra Ph.D. in Informatica

E-Learning e Entertainment: Edutainment. Stefano Cacciaguerra Ph.D. in Informatica. Stefano Cacciaguerra Ph.D. in Informatica E-Learning e Entertainment: Edutainment di Stefano Cacciaguerra Ph.D. in Informatica 1 Edutainment È un neologismo nato dalla fusione delle parole educational ed entertainment. È la riproposizione del

Dettagli

Curriculum Vitae et Studiorum

Curriculum Vitae et Studiorum Curriculum Vitae et Studiorum Dr. Stefano Cacciaguerra Dipartimento di Scienze dell Informazione Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Università degli Studi di Bologna DATI PERSONALI Nome

Dettagli

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali

Percorso Video Game. Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica. Obiettivi generali. Sbocchi professionali Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dr. Dario Maggiorini, Dr. Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo

Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura. Carmine Spagnuolo Un framework per simulazione massiva distribuita basata su Agenti D-MASON: Architettura Carmine Spagnuolo 1 Simulazione Multi-Agente Una simulazione multi-agente è un sistema in cui entità (agenti) intelligenti

Dettagli

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi):

È possibile caratterizzare un percorso formativo per gli studenti sulla base di due aree di specializzazione (indirizzi): Percorsi per la Laurea Magistrale in Informatica Percorso Video Game Docenti di riferimento: Dario Maggiorini, Laura Anna Ripamonti Sede di erogazione: Milano LIKE THIS! Obiettivi generali Il mercato dei

Dettagli

Visualizzazione e Controllo Remoto di Agenti in Ambienti Virtuali Tramite la Libreria OpenSceneGraph

Visualizzazione e Controllo Remoto di Agenti in Ambienti Virtuali Tramite la Libreria OpenSceneGraph ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISCHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL INFORMAZIONE Visualizzazione e Controllo Remoto di Agenti in

Dettagli

Domenico Soldo Ingegnere

Domenico Soldo Ingegnere Curriculum VITÆ Novembre 2010 Domenico Soldo Dati personali Nome Cognome Data di nascita Indirizzo abitazione E-mail P. IVA Domenico Soldo 21/03/1983 Viale Liguria, 60, 74121, Taranto, Italy d.soldo@aeflab.net

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica)

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica. Corso di Laurea Magistrale in Informatica. CLASSE LM18 (Informatica) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea Magistrale in Informatica CLASSE LM18 (Informatica) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico

Dettagli

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Sistemi Operativi per Ubiquitous Computing Palm OS Symbian OS

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod.

Sistemi Distribuiti. Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto. Sistemi Operativi mod. Sistemi Distribuiti Introduzione Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto 19.1 Introduzione A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici

Dettagli

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione

Introduzione. Sistemi Distribuiti. Introduzione. Introduzione. Definizione di sistema distribuito. Introduzione Sistemi Distribuiti Definizione Vantaggi e svantaggi Architetture hardware e software Problemi di progetto A metà degli anni quaranta inizia l era dei calcolatori elettronici moderni: grandi, costosi e

Dettagli

Tecnologie informatiche e multimediali A.A. 2012/2013 - Elenco Obiettivi Prova scritta (STEP 1)

Tecnologie informatiche e multimediali A.A. 2012/2013 - Elenco Obiettivi Prova scritta (STEP 1) Tecnologie informatiche e multimediali A.A. 0/03 - Elenco Obiettivi Prova scritta (STEP ) Obiettivo didattico Descrivere gli elementi caratteristici delle tecnologie informatiche Numero item definire i

Dettagli

Internet: Come siamo arriva/ fin qui e come possiamo andare oltre. Antonio Capone. Antonio Capone: Internet del futuro

Internet: Come siamo arriva/ fin qui e come possiamo andare oltre. Antonio Capone. Antonio Capone: Internet del futuro Internet: Come siamo arriva/ fin qui e come possiamo andare oltre Antonio Capone Come tutto è cominciato 2 La nascita di Internet: anni 60 o 1961: Kleinrock dimostra l efficacia della commutazione di pacchetto

Dettagli

Un analisi della VQR04-10. A cura di P. Ciancarini, membro GEV area1 Riunione GRIN Milano, 20 novembre 2013

Un analisi della VQR04-10. A cura di P. Ciancarini, membro GEV area1 Riunione GRIN Milano, 20 novembre 2013 Un analisi della VQR04-10 A cura di P. Ciancarini, membro GEV area1 Riunione GRIN Milano, 20 novembre 2013 Agenda Il passato: come è stata impostata la VQR2004-2010 Il presente: analisi e conseguenze dei

Dettagli

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer

Reti di Calcolatori. Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di Calcolatori 1. Introduzione Telematica: Si occupa della trasmissione di informazioni a distanza tra sistemi informatici, attraverso reti di computer Reti di calcolatori : Un certo numero di elaboratori

Dettagli

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348

Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014. https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 Strumenti e tecnologie per il web Gianluca Merlo 28/10/2014 https://www.flickr.com/photos/kalexanderson/52773348 https://www.flickr.com/photos/81171474@n06/7437936 Internet vs Web. Quale differenza? https://www.flickr.com/photos/pocphotography/12462536895/sizes/l

Dettagli

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi A. Rossi, P.L. Emiliani Seconda Parte 2012-30 anni di Ausilioteca GIORNATA DI STUDIO La proposta di tecnologie assistive: fattori di qualità

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali

Università di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in Informatica (classe 23/S: Informatica) Corso di Laurea Specialistica in Tecnologie Informatiche (classe 23/S: Informatica)

Dettagli

Psicologia e videogames

Psicologia e videogames Prof.ssa Michela De Luca Corso Cyberpsicologia-Lumsa Dott. Massimiliano Marzocca Psicologo - Psicoterapeuta massimilianomarzocca.blogspot.it wwww.massimilianomarzocca.it Psicologia e videogames CHE COSA

Dettagli

Automazione di Test di Sistemi Embedded. Sintesi

Automazione di Test di Sistemi Embedded. Sintesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica Sistemistica e Comunicazione Corso di Laurea Magistrale in Informatica Automazione

Dettagli

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni.

Book 1. Conoscere i computer. Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Book 1 Conoscere i computer Cos'è un dispositivo: Hardware, Software, Sistemi operativi e Applicazioni. Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi, Sara

Dettagli

Streaming Super Veloce In HD: WD entra nel mercato dell home networking wireless HW Legend

Streaming Super Veloce In HD: WD entra nel mercato dell home networking wireless HW Legend Western Digital, leader da anni nelle soluzioni storage, annuncia durante la giornata odierna, la sua prima linea di interessanti prodotti di home networking wireless, appositamente pensati per accelerare

Dettagli

DALLA VISIONE NATURALE ALLA VISIONE ARTIFICIALE

DALLA VISIONE NATURALE ALLA VISIONE ARTIFICIALE DALLA VISIONE NATURALE ALLA VISIONE ARTIFICIALE Prof. Gian Luca Foresti Università di Udine Dipartimento di Matematica ed Informatica (DIMI) Laboratorio di Visione e Sistemi Real-Time (AVIRES) Gli esseri

Dettagli

Rendering. Visione Artificiale - 11 dicembre 2008. Agenda (1 di 2) - Rendering Real-Time e non Real Time. - Ambienti di moodellazione non Real Time

Rendering. Visione Artificiale - 11 dicembre 2008. Agenda (1 di 2) - Rendering Real-Time e non Real Time. - Ambienti di moodellazione non Real Time Rendering Visione Artificiale - 11 dicembre 2008 21/02/2008 Agenda (1 di 2) - Rendering Real-Time e non Real Time - Ambienti di moodellazione non Real Time 3D Studio MAX Maya Ambienti OpenSource: Blender

Dettagli

State of the art in distributed collaborative virtual environments.

State of the art in distributed collaborative virtual environments. State of the art in distributed collaborative virtual environments. Allo stato attuale il panorama della tecnologia della grafica 3d e della realtà virtuale in genere è pieno di applicativi che ne fanno

Dettagli

Partners and pioneers in automation.

Partners and pioneers in automation. Partners and pioneers in automation. AIS/ANIPLA Wireless Workshop Milano, 6 Maggio 2015 www.pepperl-fuchs.com DIWINE Un progetto europeo per il wireless del futuro in ambito industriale. www.pepperl-fuchs.com

Dettagli

ICT: nuove tecnologie

ICT: nuove tecnologie ICT: nuove tecnologie Internet of things Oggetti intelligenti in grado di ricevere dati da altri oggetti e comunicare i propri Hanno un ruolo attivo grazie al collegamento alla Rete Campi di applicabilità:

Dettagli

Commercio elettronico mobile e pervasive computing

Commercio elettronico mobile e pervasive computing Commercio elettronico mobile e pervasive computing Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Mobile commerce mobile

Dettagli

Pisa, 15/02/2012. Corsi di studi in Ingegneria Informatica

Pisa, 15/02/2012. Corsi di studi in Ingegneria Informatica Pisa, 15/02/2012 Corsi di studi in Ingegneria Informatica Corsi di studi in Ingegneria Informatica Laurea triennale in Ingegneria Informatica Lauree magistrali in Computer Engineering Embedded Computing

Dettagli

Fondamenti di Computer Graphics

Fondamenti di Computer Graphics Fondamenti di Computer Graphics Andrea Giachetti Department of Computer Science, University of Verona, Italy andrea.giachetti@univr.it 1 Il corso Simile al corso tenuto nella laurea triennale, solo teoria,

Dettagli

Sistemi Informativi di relazione - Internet

Sistemi Informativi di relazione - Internet Sistemi Informativi di relazione - Internet Obiettivi. Presentare i concetti base di Internet. Illustrare l evoluzione storica di Internet. Familiarizzare con gli elementi fondamentali di Internet: Il

Dettagli

Il fenomeno iphone 54 PC PHOTO. Tecnologia Mobile

Il fenomeno iphone 54 PC PHOTO. Tecnologia Mobile Tecnologia Mobile Il fenomeno iphone Lo smartphone di Apple ha rivoluzionato il mercato dei cellulari, ma alcuni inconvenienti non sono da sottovalutare, come il blocco dell operatore o la batteria non

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I.

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I. PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE PIEMONTE FESR 2007/2013 Asse 1: Innovazione e transizione produttiva Attività I.1.3 Innovazione e P.M.I. ALLEGATO 2 al Bando Progetti innovativi di Creatività Digitale ideati

Dettagli

Il quarto stadio evolutivo della logistica integrata

Il quarto stadio evolutivo della logistica integrata insider reports COLLANA WHITE PAPERS Con i link alle lezioni di Marco Locatelli sulla logistica integrata real-time Il quarto stadio evolutivo della logistica integrata Come le nuove tecnologie di identificazione

Dettagli

La Rete siamo Noi. Guida per i genitori

La Rete siamo Noi. Guida per i genitori La Rete siamo Noi Guida per i genitori La Rete siamo Noi 0 2 r Gli adolescenti si muovono sempre più con sicurezza, facilità e curiosità nel mondo tecnologico. Si evidenzia tuttavia negli adulti preoccupazione

Dettagli

Automatic Control Telelab: un Laboratorio Remoto per E-learning

Automatic Control Telelab: un Laboratorio Remoto per E-learning Automatic Control Telelab: un Laboratorio Remoto per E-learning Marco Casini, Domenico Prattichizzo, Antonio Vicino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Siena Via Roma 56 53100 Siena

Dettagli

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ

VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ COMPETITIVITA 2.0? VERSO LA SMART SPECIALIZATION TRE LEVE MOLTO IMPORTANTI PER UNA NUOVA COMPETITIVITÀ F.Boccia/B.IT sas 1 SOMMARIO PROGETTAZIONE ASSISTITA DA CAE/SIMULAZIONE/SUPERCALCOLO LOGISTICA INTELLIGENTE

Dettagli

Dal punto di vista concettuale c è poca differenza rispetto al Web

Dal punto di vista concettuale c è poca differenza rispetto al Web Aspetti avanzati dell interazione multimediale 1 Non solo on-line Contenitori multimediali off-line (CD (CD-ROM/DVD) Dal punto di vista concettuale c è poca differenza rispetto al Web si ottengono strumenti

Dettagli

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006 tesi di laurea Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Massimo Ficco candidato Giorgio

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI Il Software Software di Base Sistema Operativo (Software di base essenziale) Software di base non essenziale Utility Driver Software applicativi (Applicazioni)

Dettagli

Introduzione ai Microcontroller

Introduzione ai Microcontroller Corso di Percezione Robotica - Prof.ssa Cecilia Laschi 23/04/2009 Introduzione ai Microcontroller Dr. Virgilio Mattoli (mattoli@crim.sssup.it) Processori Embedded I microprocessori embedded sono contenuti

Dettagli

Android con App Inventor

Android con App Inventor www.creativecommons.org/ Android con App Inventor App Inventor è un applicazione web open-source per realizzare App Android senza programmare e molto semplice da utilizzare. App inventor è stato ideato

Dettagli

LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE

LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE MADD-SPOT, 2, 2013 LA STEREO FOTOMETRIA, OLTRE L IMMAGINAZIONE DI ROBERTO MECCA Il mercato dell animazione 3D è in forte crescita in questi anni. Stampanti tridimensionali, nuovi strumenti per l analisi

Dettagli

Capitolo 1: Introduzione

Capitolo 1: Introduzione Capitolo 1: ntroduzione Che cos è un sistema operativo? Sistemi mainframe. Sistemi desktop. Sistemi multiprocessore. Sistemi distribuiti. Sistemi cluster. Sistemi in tempo reale. Sistemi palmari. Migrazione

Dettagli

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi

Calcolo numerico e programmazione. Sistemi operativi Calcolo numerico e programmazione Sistemi operativi Tullio Facchinetti 25 maggio 2012 13:47 http://robot.unipv.it/toolleeo Sistemi operativi insieme di programmi che rendono

Dettagli

Le reti In informatica, la rete è un sistema di connessione tra più computer, che consente la condivisione di informazioni e servizi.

Le reti In informatica, la rete è un sistema di connessione tra più computer, che consente la condivisione di informazioni e servizi. Le reti In informatica, la rete è un sistema di connessione tra più computer, che consente la condivisione di informazioni e servizi. TIPI DI RETE telematica (per dimensione) LAN Local Area Network MAN

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION

EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION EMERGENCE OF SELF ORGANIZATION AND SEARCH FOR OPTIMAL ENTERPRISE STRUCTURE: AI EVOLUTIONARY METHODS APPLIED TO AGENT BASED PROCESS SIMULATION remond@di.unito.it Department of Computer Science University

Dettagli

Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point

Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point 1 Un Sistema Location-based per la mappatura degli Access Point Pasquale Cautela pasquale.cautela@studio.unibo.it Marco Peca marco.peca@studio.unibo.it Rosario Salpietro rosario.salpietro@studio.unibo.it

Dettagli

In genere i portatili possono essere differenziati, per tipologia e uso, in due grandi categorie:

In genere i portatili possono essere differenziati, per tipologia e uso, in due grandi categorie: Pagina 1 di 8 Piattaforme hardware Personal Computer In questa parte verranno elencate le più diffuse tipologie di piattaforme hardware, descrivendo per ciascuna esempi di utilizzo e modelli e suggerendo

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Il Machine Controller piattaforma integrata di Controllo, Motion, Robotica, Visione e Sicurezza su bus EtherCAT Omron Electronics spa Ing. Marco Filippis Product Manager Servo,

Dettagli

Corso di Architettura degli Elaboratori

Corso di Architettura degli Elaboratori Corso di Architettura degli Elaboratori Introduzione DOCENTE Luigi Palopoli AA. 2011/2012 Calcolatori I calcolatori elettronici sono il prodotto di una tecnologia estremamente vitale Produce il 10% del

Dettagli

Blu Sky. Security System

Blu Sky. Security System Blu Sky Security System blu sky Chi siamo Blu Sky sviluppa e vende sistemi esclusivi per la visione e per i processi di immagine, realizza inoltre strumenti per il real time video e lo streaming. Elemento

Dettagli

Piattaforme hardware Personal Computer

Piattaforme hardware Personal Computer Pagina 1 di 8 Piattaforme hardware Personal Computer In questa parte verranno elencate le più diffuse tipologie di piattaforme hardware, descrivendo per ciascuna esempi di utilizzo e modelli e suggerendo

Dettagli

Realizzazione di un core grafico con un FPGA a basso costo

Realizzazione di un core grafico con un FPGA a basso costo Realizzazione di un core grafico con un FPGA a basso costo Un team di progettisti di Virtual Logic ha creato un engine di visualizzazione grafica basato su un FPGA sfruttando tecniche tipiche degli anni

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX Windows vs LINUX 1 di 20 Windows vs LINUX In che termini ha senso un confronto? Un O.S. è condizionato dall architettura su cui gira Un O.S. è condizionato dalle applicazioni Difficile effettuare un rapporto

Dettagli

Introduzione alla Realtà Virtuale e Realtà Aumentata in Medicina

Introduzione alla Realtà Virtuale e Realtà Aumentata in Medicina Dipartimento di Ingegneria dell Innovazione Università del Salento, Lecce & Consorzio SPACI (Southern Partnership for Advanced Computational Infrastructure) Introduzione alla Realtà Virtuale e Realtà Aumentata

Dettagli

Testo Esame di Stato 2011-2012 YABC ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. CORSO SPERIMENTALE PROGETTO «ABACUS» Indirizzo: INFORMATICA

Testo Esame di Stato 2011-2012 YABC ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. CORSO SPERIMENTALE PROGETTO «ABACUS» Indirizzo: INFORMATICA A.S. 2011-2012 Testo Esame di Stato 2011-2012 YABC ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECICO USTRIALE CORSO SPERIMETALE PROGETTO «ABACUS» Indirizzo: IFORMATICA Tema di: SISTEMI DI ELABORAZIOE E TRASMISSIOE DELLE

Dettagli

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete

Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Classificazione delle applicazioni multimediali su rete Davide Quaglia a.a. 2006/2007 1 Sommario Architettura di riferimento Classificazione per funzionalità

Dettagli

PLANET REAVERS INTRODUZIONE: CARATTERISTICHE

PLANET REAVERS INTRODUZIONE: CARATTERISTICHE PLANET REAVERS Per testare l attuale versione del gioco visitare il sito: http://baenor.altervista.org/alphatest.html Attenzione: non sarà possibile connettersi al Photon Cloud (e quindi giocare) se la

Dettagli

ANDROID. Domenico Talia. Università della Calabria. talia@dimes.unical.it

ANDROID. Domenico Talia. Università della Calabria. talia@dimes.unical.it ANDROID Domenico Talia Università della Calabria talia@dimes.unical.it Sistemi Operativi per Mobile! I sistemi operativi per sistemi mobili seguono i principi dei SO classici ma devono gestire risorse

Dettagli

Internet of Things, Big Data e Intelligenza Artificiale.

Internet of Things, Big Data e Intelligenza Artificiale. Oracle Ticino Day Lugano 26 Marzo 2015 Internet of Things, Big Data e Intelligenza Artificiale. Prof. Luca Maria Gambardella direttore IDSIA, istituto USI-SUPSI, Manno Le nuove sfide La società globale

Dettagli

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids

Wireless Grids e Pervasive Grids. Pervasive Grids Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Wireless Grids e Pervasive Grids Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Wireless Grids e Pervasive Grids Wireless Grids Caratteristiche Sistemi Applicazioni

Dettagli

invisibile Bluetooth, la porta

invisibile Bluetooth, la porta Tecnologia Mobile Bluetooth, la porta invisibile L interfaccia Bluetooth, presente ormai in una gran parte dei moderni telefoni cellulari, permette di collegare numerose periferiche: ecco come funziona

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. BENASSI ANDREA a.benassi@indire.it ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE.

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. BENASSI ANDREA a.benassi@indire.it ESPERIENZA LAVORATIVA PER IL CURRICULUM VITAE. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail BENASSI ANDREA a.benassi@indire.it Nazionalità italiana Data di nascita 10 MAGGIO 1971 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) DAL

Dettagli

ICT e SmartGrid. Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it

ICT e SmartGrid. Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it ICT e SmartGrid Massimiliano Chiandone mchiandone@units.it Sommario Introduzione Nuove Architetture dei Sistemi Elettrici Motivazioni, requisiti, caratteristiche Comunicazioni Dispositivi Un esempio Applicazioni

Dettagli

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software

www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software www.zetaqlab.com C-Light Web-based Management Software WEB-BASED MANAGEMENT SOFTWARE C-Light è l applicazione per la gestione locale (intranet) e remota (internet) di ogni impianto d automazione integrabile

Dettagli

MoniThor di IDC-Informatica www.idc-informatica.it. Centralizzazione di controlli per apparati eterogenei

MoniThor di IDC-Informatica www.idc-informatica.it. Centralizzazione di controlli per apparati eterogenei MoniThor di IDC-Informatica www.idc-informatica.it Centralizzazione di controlli per apparati eterogenei Cos'è MoniThor è una suite di strumenti per il controllo a distanza di dispositivi collegati o collegabili

Dettagli

Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti.

Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti. Consulenza, progettazione, realizzazione e gestione reti. La 3S Telematica offre servizi di consulenza, progettazione, realizzazione e gestione di reti informatiche con particolare risvolto legato alla

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia

Informatica. Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia Informatica Prof. M. Colajanni Università di Modena Reggio Emilia PARTE 3 - COMUNICAZIONI INFORMATICHE (Internet) Importanza delle comunicazioni Tutti vogliono comunicare Oggi un computer che non è in

Dettagli

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica. Ing. Alessandro Pisano Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.it Cagliari, 25 settembre 2009 Impianti domotici Una opportuna interconnessione

Dettagli

WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI DOMOTICA. Fig. 1 - Architettura di un web server embedded

WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI DOMOTICA. Fig. 1 - Architettura di un web server embedded WEB SERVER EMBEDDED PER APPLICAZIONI DI Cristian Randieri Per far fronte alle esigenze di sviluppatori che intendono gestire applicazioni professionali per la domotica e la home building automation sfruttando

Dettagli

Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri

Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM. Davide Barbieri Introduzione alla GPGPU Corso di sviluppo Nvidia CUDATM Davide Barbieri Contatti skype: davbar86 mail: davide.barbieri@ghostshark.it Panoramica corso Introduzione al mondo delle GPU Modello GPGPU Nvidia

Dettagli

Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili. I principali sistemi operativi. Esempio di dispositivo Smartphone

Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili. I principali sistemi operativi. Esempio di dispositivo Smartphone 1 2 I dispositivi ICT mobili: tablet e smartphone Ausili e applicazioni software per dispositivi iti i mobili Valerio Gower 3 4 Android (Google) ios (Apple) Symbian (Nokia) Blackberry (RIM) Windows Phone

Dettagli

FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO

FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO FLEET MONITORING SCHEMA DI FUNZIONAMENTO Fleet Monitoring è costituito da un software client ed un software server. Il software client, dato in dotazione alla centrale operativa, ha il compito di permettere

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce

Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA, GESTIONALE, INFORMATICA, MECCANICA Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Organizzazione applicazioni multimediali.

Dettagli

1 Scopo del Progetto. 2 Il Mondo Virtuale

1 Scopo del Progetto. 2 Il Mondo Virtuale Progetto di Laboratorio di Programmazione di Rete Laurea Triennale in Informatica Applicata Anno Accademico 2011/2012 Mordor: Un Gioco Multiplayer Distribuito 1 Scopo del Progetto Il progetto consiste

Dettagli

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Sistemi Operativi per Ubiquitous Computing Palm OS SymbianOS

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei di Emanuele Crescentini

Dettagli

Robot e Agenti Hardware

Robot e Agenti Hardware Robot e Agenti Hardware Sumowar: Studio e Sviluppo di Algoritmi per la Competizione tra Agenti Robotici Stefano Cacciaguerra (scacciag@cs.unibo.it) Contenuti Introduzione Esempi Caratteristiche Come Programmarli

Dettagli

MotoTRBO IPSC: le chiamate.!

MotoTRBO IPSC: le chiamate.! MotoTRBO IPSC: le chiamate. Versione del documento v1.0 Aggiornato a Febbraio 2014 Realizzazione a cura di Armando Accardo, IK2XYP Email: ik2xyp@ik2xyp.it Team ircddb-italia http://www.ircddb-italia.it

Dettagli

La Laurea Magistrale in Informatica 2014-15

La Laurea Magistrale in Informatica 2014-15 Università degli studi di Udine La Laurea Magistrale in Informatica 2014-15 Consiglio del Corso di Studi (CCS) in Materie Informatiche Aprile 2014 E-mail: tutoratoinformatica@uniud.it Il piano di studi

Dettagli

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE

UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE IDROID 86 LAB pagg 12-13 23-04-2007 14:57 Pagina 12 I-D01 LAB UN CLONE IN CLIKE C-LIKE DI SEGUIVISIONE PROGRAMMAZIONE Alcuni comportamenti predefiniti attivabili su I-Droid01 sono facilmente riproducibili

Dettagli

Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti. Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto.

Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti. Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto. Le Aziende del Distretto Green & High Tech presentano i loro progetti Valorizzare le sinergie della rete per creare valore aggiunto Azcom Technology Relatore: Claudio Canosi 10-15 Aprile 2014 APA Confartigianato

Dettagli

Tecnologie 3D. Realtà Virtuale. Progetto: CreAttività 09/12/13

Tecnologie 3D. Realtà Virtuale. Progetto: CreAttività 09/12/13 Tecnologie 3D e Realtà Virtuale Progetto: CreAttività 09/12/13 Tecnologie 3D e Realtà Virtuale La Realtà Virtuale intesa come replica digitale di oggetti e ambienti fisici quanto più possibile prossima

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE

REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONN INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE REAL WORLD AND VIRTUAL WORLD ARCHITECTURE FOR INTERCONNECTING FIRST AND SECOND LIFE Università degli studi di Catania Facoltà di Ingegneria 26 Gennaio 2009 Sommario 1 Introduzione 2 Middleware Middleware:

Dettagli

Una rete informatica collegata a Internet non è utile

Una rete informatica collegata a Internet non è utile Capitolo 12 La rete per lo svago 12.1 Convergenza delle reti: i nuovi formati digitali 12.2 Collegare in rete l impianto televisivo e Hi-Fi 12.3 Windows Media Center: la proposta Microsoft 12.4 Videogiochi

Dettagli

Performance metrics Reliability metrics Resilience Metrics Conoscere il sistema Osservare e misurare per caratterizzare Altri obiettivi della misura

Performance metrics Reliability metrics Resilience Metrics Conoscere il sistema Osservare e misurare per caratterizzare Altri obiettivi della misura Lezione 1 Performance metrics Reliability metrics Resilience Metrics Conoscere il sistema Osservare e misurare per caratterizzare Altri obiettivi della misura Individuare le grandezze da misurare Rappresentazione

Dettagli

Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili

Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili 1 Ausili e applicazioni software per dispositivi mobili Valerio Gower 2 I dispositivi ICT mobili: tablet e smartphone 3 I principali sistemi operativi Android (Google) ios (Apple) Symbian (Nokia) Blackberry

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

Concorrenza nel settore dei videogiochi: la battaglia per il predominio fra Sony, Microsoft e Nintendo.

Concorrenza nel settore dei videogiochi: la battaglia per il predominio fra Sony, Microsoft e Nintendo. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE D AZIENDA Concorrenza nel settore dei videogiochi: la battaglia per il predominio fra

Dettagli

Tesina. Evoluzione dei giochi online

Tesina. Evoluzione dei giochi online Tesina Evoluzione dei giochi online Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa - A.A. 2007/08 di Pier Luigi Capucci Di: Frignani Tiziano Laureando in Scienze di Internet Mail: mrtizio@hotmail.it Evoluzione

Dettagli

La persona al centro della tecnologia informatica

La persona al centro della tecnologia informatica La persona al centro della tecnologia informatica La CMC (Computer-mediated communication) come strumento di interazione e organizzazione del lavoro, apprendimento e divertimento in un istituto alberghiero

Dettagli

.onway. Orange Mobility srl

.onway. Orange Mobility srl .onway Orange Mobility srl .onway OnWay è la soluzione completa per la gestione della distribuzione alimentare. Ideata per rispondere alle problematiche della distribuzione in tentata vendita, consente

Dettagli