LA RADIOPROTEZIONE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI PRODOTTI DAI PAZIENTI TRATTATI CON RADIOFARMACI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RADIOPROTEZIONE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI PRODOTTI DAI PAZIENTI TRATTATI CON RADIOFARMACI"

Transcript

1 -In". 1st. Super. Sanità Vol. il, N. 3 (1985). pp LA RADIOPROTEZIONE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI PRODOTTI DAI PAZIENTI TRATTATI CON RADIOFARMACI M. Belli Laboratorio di Fisica, Istituto Superiore di Sanità, Roma Riassunto. - La somministrazione di radiofarmaci per scopi terapeutici o diagnostici implica la produzione di rifiuti radioattivi, costituiti dagli escreti dei pazienti. Ciò va tenuto presente in particolare nel caso di trattamenti terapeutici, per i quali sono impiegate attività relativamente alte. Rischi di contaminazione radioattiva possono interessare non soltanto le strutture sanitarie, dove i radiofarmaci sono impiegati, ma anche l'ambiente esterno, per effetto degli scarichi radioattivi e dei pazienti dimessi. Viene mostrato che, nella valutazione della contaminazione attraverso le diverse vie possibili, dovrebbero essere considerati separatamente i contributi dei pazienti ricoverati e quelli dei pazienti ambulatoriali. Ciò è particolarmente pertinente alla situazione italiana, per la quale si ha mediamente un rapporto 1:l tra le due classi di pazienti nei centri di medicina nucleare. Come conseguenza dell'analisi di vari problemi, sono riportati vari suggerimenti operativi, utili a1 conseguimento degli obiettivi generali di radioprotezione. Summary (Radiation protection in the management of radioactive wastes generated from patients treated with radiopharmaceuticals). - The administration of radiopharmaceuticals to patients or therapeutic or diagnostic purposes involves production of radioactive wastes coming frorn patients excreta. Consideration should be given to the therapeutic treatment, where higher activities are used. Radioactive contamination may occur not only in the hospital, but also in the outer environment, because of the effluent released and of the patients discharged from the hospital. It is shown that the contribution of in- and out-patients should be separately considered when studying the various contamination routes. This is of some consequence or the Italian situation, where the average ratio between tbe two classes of patients is close to one. Relevant practices for implementing the genera1 principles o radiation protection are suggested. These include appropriate procedures or waste release into the environment, measures for preventing spread of contamination at the hospital facilities, discharge of patients only when their activity is enough low, and proper briefing o patient's family. Introduzione Nell'uso dei radiofarmaci, una parte delle sostanze radioattive resta come residuo delle manipolazioni, mentre la maggior parte viene somministrata ai pazienti e da questi scaricata attraverso gli escreti. La presenza dei rifiuti radioattivi di origine organica e la necessità di provvedere al loro smaltimento fanno nascere problemi di radioprotezione, sia nell'arnbito della struttura sanitaria (che chiameremo, per semplicità, ospedale), sia nell'ambito esterno a tale struttura (Fig.1).

2 SOMMINISTRAZIONE / \ RIFIUTI PRODOTTI - PAZIENTI A l I POPOLAZIONE + AMBIENTE e 1 SMALTIMENTO DEGLI ESCRETI Fig.1. - Schema semplificato delle modalità con le quali i rifiuti radioattivi prodotti nelle strutture ospedaliere possono raggiungere le persone del pubblico. Questi problemi, che presentano aspetti peculiari, risultano alquanto ricorrenti anche per il consistente numero di strutture sanitarie con attività di medicina nucleare operanti in Italia, e la loro soluzione va tenuta nella giusta considerazione se si vuole ottenere un elevato livello di radioprotezione nel corso dell'impiego di radiofarmaci, sia a scopo diagnosico sia terapeutico. La situazione italiana Un censimento della Società Italiana di Biologia e Medicina Nucleare (SIBMN), relativo al 1980 (l), ha rilevato 128 servizi, o centri, che svolgono attività di medicina nucleare in strutture pubbliche e private sul territorio nazionale; dai dati si nota una grande varietà di situazioni diverse, e soprattutto una evidente disomogeneità territoriale. Comunque, la maggioranza dei servizi (65%) risulta svolgere attività diagnostica, sia in vivo sia in vitro, ospitando quasi sempre pazienti sia ospedalizzati sia ambulatoriali, con un rapporto tra i due casi che è tipicamente intorno all'unità. Relativamente ai rifiuti liquidi in generale, risulta che una gran parte dei centri (72%) provvede alla loro conservazione in attesa di decadimento, mentre non si hanno informazioni sui rifiuti biologici in particolare. Benché il censimento non fornisca dati sulla quantità di radiofarmaci utilizzati, si può far riferimento ai valori tipici, riportati nella Tab. 1, basati su dati di letteratura (2-4).

3 Tabella l. - Valori tipici delle attività dei radionuclidi utilizzati generalmente nell'impiego diagnostico e terapeutico dei radiofarmaci (2-4). I valori sono espressi secondo le unità del SI, riportando tra parentesi i valori approssimativamente corrispondenti espressi in Ci. Radionuclide T& (11) Attività impiegata Attività annua singolarmente impiegata Impiego diagnostico: 0,4-12 MBq ( wci) kbq -0,2 MBq (-5 wci) 2-4 MBq ( Ci) 8-14 MBq ( pci) MBq (0,l-5 mci) -40 MBq (-1 mci) 0,2-4 MBq (5-100 p Ci) -4 GBq (-0.1 Ci) -40 MBq (-1 mci) -40 MBq (-1 mci) -40 CBq (-1 Ci) -40 MBq (-1 mci) -400 GBq (-10 Ci) -20 GBq (-0,5 Ci) -40 GBq (-1 Ci) Impiego terapeutico: d 54 GBq (SI00 mci) -400 GBq (-10 Ci) lg8~u 2,7 d -4 GBq (-100 mci) -40 GBq (-1 Ci) 3 2 ~ 14,3 d -400 MBq (-10 mci) -4 GBq (-0.1 Ci) Dalla tabella si nota che le quantità di radionuclidi impiegate singolarmente nel caso di trattamenti terapeutici sono in generale molto maggiori di quelle usate per esami diagnostici; per questi ultimi, inoltre, si tende sempre di più ad usare radionuclidi a breve tempo di dimezzamento, soprattutto per ridurre la dose assorbita dai pazienti. Considerazioni di radioprotezione I radionuclidi introdotti nell'organismo del paziente a seguito della somministrazione di radiofarmaci sono espulsi, dopo un tempo più o meno lungo, attraverso gli escreti; si noti che, per motivi di radioprotezione del paziente, è fortemente sconsigliato l'uso di radionuclidi la cui funzione di ritenzione (5,6) nell'organismo umano si mantiene a valori significativi anche a tempi relativamente lunghi. La maggior parte delle sostanze radioattive viene espulsa con le urine e con le feci, mentre è normalmente trascurabile la frazione emessa attraverso la sudorazione e la respirazione. Quest'ultima via è rilevante solo nell'impiego di radiofarmaci allo stato gassoso (ad es., xenon- -33 per prove di ventilazione polmonare); in tal caso il gas espirato viene normalmente trattenuto con opportune trappole ed è quindi convertito in rifiuto liquido o solido. In grandissima parte, i rifiuti radioattivi provenienti dai pazienti sono, in conclusione, quelli liquidi o ad essi assimilabili, ed a

4 questo tipo di rifiuti si farà riferimento quasi costante nel presente lavoro. La quantità di radionuclidi scaricati da un paziente, espressa in termini di attività, è sempre inferiore a quella somministrata a causa del decadimento radioattivo che si verifica nell'intervallo di tempo compreso tra il momento della somministrazione e quello dell'espulsione. La velocità di allontanamento del radionuclide dall'organismo è governata dalla curva di escrezione (5,6). Nella valutazione dell'attività scaricata vanno tenuti presenti due punti importanti: a) devono essere eseguite valutazioni separate per ogni specifico radiofarmaco, in quanto la curva di escrezione dipende dal metabolismo di quel radiofarmaco ed il decadimento del11attivit2 dipende dal radionuclide in esso contenuto; b) l'attività effettivamente scaricata nell'ospedale può dipendere anche da altri fattori, ad esempio dal tempo di permanenza del paziente nell'ospedale e dalla frequenza di svuotamento della vescica. Un calcolo effettuato per lo iodio-131 utilizzando i modelli di ritenzione e di escrezione standard pubblicati dalllicrp (6.7) è riportato in dettaglio nelllappendice A; esso mostra che la quantità di iodio-131 scaricata complessivamente nell'ospedale dai pazienti interni (ricoverati) è pari a circa il 70% dell'attività somministrata; nel caso dei pazienti esterni (in regime ambulatoriale), nell'ipotesi che questi scarichino nell'ospedale le urine di prima minzione in media dopo quattro ore dalla somministrazione, si avrebbe in queste urine solo il 20% circa dell'attività somministrata, mentre il resto, tenuto conto del decadimento, sarebbe scaricato al di fuori dell'ospedale (verosimilmente nelle rispettive abitazioni). Va notato che l'introduzione di modelli più accurati per la funzione di ritenzione standard (7,8) non modifica sostanzialmente le conclusioni sopra riportate. La limitazione più rilevante di queste conclusioni è, semmai, legata all'esistenza di deviazioni sensibili dalla funzione standard (bambini, pazienti con metabolismo tiroideo alterato); si può però ritenere che il procedimento sopra delineato sia utilizzabile per una stima di prima approssimazione dell'attività scaricata dai pazienti all'interno e all'esterno dell'ospedale. Allo scopo di procedere ad una sommaria rassegna dei rischi connessi con la possibile contaminazione radioattiva, è opportuno esaminare separatamente quelli che si riferiscono all'ambiente interno all'ospedale e quelli che coinvolgono l'ambiente esterno. I rischi nell'ambiente ospedaliero sono legati alla possibilità di contaminazione degli stessi pazienti trattati con radiofamaci, di altri pazienti e del personale, sia direttamente sia indirettamente. Va considerata in particolare la possibilità che vengano contaminati biancheria ed indumenti vari, attrezzature ed oggetti di uso comune ad altri pazienti, soprattutto nell'ambito dei servizi igienici; questi ultimi risultano infatti i luoghi di più probabile contaminazione, come è stato confermato anche da recenti risultati sperimentali (9). In genere i pazienti che arrivano ai Servizi di Medicina Nucleare per gli esami diagnostici non vi permangono a lungo, poiché quelli ricoverati ritornano nei rispettivi reparti, mentre quelli ambulatoriali lasciano al più presto la struttura os~edaliera. Ciò configura una disseminazione, anche all'interno dell'ospedale, dei punti di smaltimento, con una più difficoltosa possibilità di controllo. Si noti che l'uso di radionuclidi a vita breve. mentre riduce la dose assorbita dal paziente e dalla popolazione, può, a causa delle più alte attività usate, aumentare i problemi di contaminazj.one sui tempi brevi, oltre che i rischi per il personale addetto. In queste condizioni risulta quindi di particolare importanza l'adozione di una corretta organizzazione radioprotezionistica, che preveda l'uso sistematico di specifiche attrezzature atte a ridurre i rischi di contaminazione. la misura periodica della contaminazione nei luoghi più esposti a tali rischi, la puntuale informazione del paziente e del personale sui rischi e sul comportamento da seguire nelle varie situazioni. Questi accorgimenti sono particolarmente importanti quando vengono impiegati radiofarmaci a scopo terapeutico (come nella terapia della tiroide con iodio-131). in ragione delle maggiori quantità di radionuclidi somministrati ai

5 pazienti in questi casi. Passando ad esaminare i riflessi esterni all'ospedale, si può notare che l'ambiente esterno può essere interessato attraverso due vie principali: in primo luogo, mediante gli scarichi che l'ospedale convoglia all'esterno; in secondo luogo, attraverso quei pazienti che. dopo la somministrazione, ritornano alle proprie abitazioni, dove continuano a scaricare una certa attività (pazienti in regime ambulatoriale). Si è visto in precedenza quale è il procedimento che consente di giungere ad una stima, più o meno approssimata, della quantità di radionuclidi scaricata nell'ospedale e di quella scaricata al di fuori di esso. Si è anche visto, nel caso dello iodio-131 (il quale è in genere il radionuclide più rilevante se si considerano congiuntamente le attività impiegate ed il tempo di dimezzamento) che, mentre la quantità complessiva scaricata rimane mediamente la stessa nei due casi di pazienti ricoverati e di pazienti ambulatoriali, ci si aspetta una diversa ripartizione tra l'attività scaricata in ospedale e quella scaricata nelle abitazioni. La valutazione degli smaltimenti di rifiuti radioattivi da parte delisl'ospedale (sia attraverso modelli matematici. sia tramite misure dirette) è la base di partenza per una eventuale stima del loro impatto sanitario e, in ogni caso, per verificare se i valori di attività e di concentrazione dei radionuclidi smaltiti rientrano nei limiti di esenzione o nei livelli autorizzati (per la definizione di queste grandezze e per informazioni sulla normativa in questo settore si veda l'appendice B). Si noti che il superamento dei limiti di esenzione non comporta necessariamente un rischio inaccettabile per l'ambiente e la popolazione; a questi limiti si può attribuire in realtà un significato di livelli di riferimento, il superamento dei quali richiede una valutazione del rischio sanitario attraverso l'analisi ambientale. Una considerazione particolare va fatta per i pazienti sottoposti a terapia e dimessi dall'ospedale, in vista dell'eventuale esposizione alle radiazioni di persone (in particolare bambini) prossime al paziente, e dell'eventuale contaminazione prodotta. La Commissione Internazionale per la Protezione Radiologica (ICRP) raccomanda (10) un sistema autorizzativo che stabilisca le quantità massime permesse nel paziente da dimettere; viene indicata, a titolo di esempio, in 15 mci l'attività massima ammissibile al momento della dimissione di pazienti trattati con iodio-131, valutata in relazione all'irradiazione esterna di passeggeri durante viaggi su mezzi pubblici; per ridurre al minimo i rischi di contaminazione, viene raccomandata, inoltre, una chiara istruzione del paziente sulle precauzioni che deve osservare dopo essere stato dimesso dall'osp,edale. Alcuni suggerimenti operativi Allo scopo di assicurare un buon livello di protezione sanitaria ai pazienti, al personale ospedaliero e alla popolazione, in relazione allo smaltimento dei rifiuti radioattivi prodotti dai pazienti stessi, è importante tener presente alcuni criteri che vengono qui riassunti: a) effettuazione degli smaltimenti di rifiuti radioattivi solo dopo un'adeguata valutazione dell'entità degli scarichi, anche per verificare il rispetto dei limiti di esenzione o dei livelli autorizzati; per quanto è ragionevolmente possibile, tali valutazioni saranno completate da controlli radiometrici periodici o continui; b) impiego, per quanto possible, di sistemi di diluizione e/o di raccolta in attesa di decadimento; ciò è indispensabile qualora i livelli di concentrazione o di attività dei rifiuti superino i limiti di esenzione o i limiti autorizzati per lo scarico diretto nelle fognature; C) separazione, per quanto è possibile, delle attrezzature ospedaliere di uso comune, soprattutto servizi igienici. da quelle utilizzate dai pazienti ai quali sono stati somministrati radiofarmaci; tale separazione è indispensabile

6 nel caso di trattamento con alte dosi per impieghi terapeutici; d) adozione di attrezzature idonee a prevenire ed a limitare gli effetti di una eventuale contaminazione prodotta dai pazienti (superfici facilmente decontaminabili, impiego di copri-sedili a perdere nei servizi igienici, ecc.); e) adeguata informazione ed istruzione del paziente e del personale sulle precauzioni da osservare nell'ospedale; f) adozione di un limite per l'attività portata da un paziente, perché a questo sia consentito di lasciare l'ospedale; g) adeguata informazione ed istruzione del paziente che lascia l'ospedale (ed eventualmente dei suoi familiari) sulle precauzioni da osservare per ridurre i rischi di contaminazione presso la sua abitazione. APPENDICE A. - Calcolo dell'attività scaricata nel caso di singole sommistrazioni di radiofarmaci Si consideri un determinato radiofarmaco, contenente un certo radionuclide, somministrato al tempo t = O. Per descrivere l'andamento temporale dell'attività nell'organismo di una persona-tipo, si può far riferimento alle funzioni di ritenzione e di escrezione considerate dalllicrp (5,6). Siano: r(t) la funzione di ritenzione tenendo conto del decadimento; y(t) la funzione di escrezione differenziale; x(t) la funzione di escrezione integrale tenendo conto del decadimento; A la costante di decadimento del radionuclide. I1 bilancio, in termini di attività, tra ritenzione ed escrezione, è dato dalle seguenti relazioni: da cui x(t) = e -"lyt(t ) e -at ' dt' = e [r(~) - eat r(t)] o Dalla formula (3) è possibile calcolare l'attività totale escreta dopo un certo tempo t, se sono note la funzione di ritenzione per il radiofarmaco considerato e la costante di decadimento del radionuclide. Nel caso in cui il radiofarmaco sia ioduro di sodio contenente iodio-131 (impiegato nella terapia e a volte nell'esplorazione della tiroide), si può assumere, secondo il modello riportato dalle pubblicazioni ICRP n. 10 e n. 10 A (5,6), una funzione di ritenzione data da: con: K = 0.7; K2 = 0.3; 1 = 1.98 (d-l); a2 = A = lo-' (d-l) (d-l);

7 Kisulta quindi: La formula (4) permette di calcolare la frazione di iodio-131 che si accumula nella vescica del paziente. La quantita effettivamente scaricata dipende anche dalla frequenza di svuotamento della vescica. Se si ipotizza un intervallo medio di svuotamento pari a At, tale quantità, espressa in termini di frazione dell'attività somministrata, è data da: La frazione complessivamente scaricata risulta allora pari a e At Sono interessanti i seguenti casi particolari: a) paziente che permane in ospedale alcuni giorni dopo la soministrazione; in tal caso si ha ~ ~ 0. 7(nell'ospedale); 0 b) paziente che lascia l'ospedale avendovi smaltito le urine di prima minzione mediamente dopo quattro ore; si ottiene ~ ~ 0. 2(nell'ospedale). 0 APPENDICE B. - Cenni di normativa sullo smaltimento dei rifiuti radioattivi Lo smaltimento dei rifiuti radioattivi è attualmente regolamentato in Italia dalla legge di base della radioprotezione, cioè dal DPR n. 185 del 13 febbraio 1964 e dai relativi decreti applicativi. L'attuale legislazione nazionale è in fase di revisione per l'adeguamento alle Direttive Euratom del 1980 e del 1984, ma è probabile che non vi saranno notevoli mutamenti in questo specifico settore. Le disposizioni comprese nel Cap. IX del citato DPR forniscono con l'art. 104 delle prescrizioni di carattere generale, stabilendo che "chiunque produce. tratta, manipola, utilizza, commercia, detiene, ha in deposito sostanze radioattive naturali o artificiali, deve disporre le misure necessarie affinché la raccolta, l'allontanamento o lo smaltimento - trattamento e scarico - dei rifiuti radioattivi solidi, liquidi o gassosi, avvengano in modo tale da assicurare che non ne derivi pericolo o danno diretto o indiretto ai singoli individui e alla popolazione". L'art. 105 stabilisce che lo smaltimento dei rifiuti radioattivi sia subordinato ad autorizzazione rilasciata dal medico provinciale per le attività di cui all'art. 96 (impieghi di sostanze radioattive a scopo medico). L'autorizzazione deve essere concessa in funzione della ricettività dell'ambiente e del numero delle autorizzazioni previste. L'art. 110 prevede che lo smaltimento possa essere esente da autorizzazioni ove non si superino determinati limiti (limiti di esenzione). A tale scopo, il DM 14 luglio 1970 (G.U. n. 225 de11'8/10/1970) fissa per i rifiuti radioattivi solidi, liquidi o gassosi, i valori di attività totale per anno solare e di concentrazione nel punto di scarico nell'ambiente esterno che non debbono venire superati per lo scarico in regime di esenzione. L'art. 106 stabilisce che l'utente debba predisporre i mezzi di rilevamento e di sorveglianza onde assicurare il rispetto delle disposizioni di cui al citato art. 104 e delle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni allo smaltimento rilasciate ai sensi dell'art. 105, o che non siano superati i limiti per lo scarico dei rifiuti radioattivi in regime di esenzione. Nell'art. 107 si fa obbligo della registrazione ed eventualmente della trasmissione alle amministrazioni competenti, dei dati relativi ai rilevamenti di cui all'art. 106.

8 Si noti che, anche per effetto della legge che ha istituito il Servizio Sanitario Nazionale, la struttura tecnico-amministrativa che sovraintende allo smaltimento dei rifiuti radioattivi è di tipo decentrato essendo l'autorizzazione emanata dalle autorità che hanno assunto le attribuzioni del medico provinciale, ed essendo il controllo della radioattiviti ambientale di competenza della Regione. Rimangono naturalmente di pertinenza degli organi centrali dello Stato, e del Ministero della Sanità, in particolare, le funzioni di indirizzo e di coordinamento a livello nazionale, e le funzioni di coordinamento tecnico delltenea, secondo le direttive del Ministero della Sanità, sul controllo della radioattività ambientale (art. 109). Ricevuto il 27 maggio 1985 Accettato il 10 ottobre 1985 BIBLIOGRAFIA SOCIETA' ITALIANA DI BIOLOGIA E MEDICINA NUCLEARE (SIBMN) Censimento delle strutture e delle attività di medicina nucleare in Italia. SIBMN. I N T E R N A T I O N A L r o t e c t i o n of the patient in radionuclide investigations. Pergamon Press, Oxford (ICRP Publication, 17). BELLETTI, SI & BELLI, M La situazione italiana in tema di smaltimento dei rifiuti radioattivi in campo sanitario. In: Atti del convegno congiunto SFRP-AIRP su "La protezione nell'impiego medico delle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti". Cannes, dicembre SCIELZO, G. et al Criteri di gestione dei rifiuti radioattivi in campo sanitario. In: Atti del convegno AIRP "I rifiuti radioattivi a media - e bassa attività". Venezia, ottobre pp INTERNATIONAL COMMISSION ON RADIOLOGICAL PROTECTION Evaluation of radiation doses to body tissues from internal contamination due to occupational exposure. Pergamon Press, Oxford (ICRP Publication. 10). INTERNATIONAL COMMISSION ON RADIOLOGICAL PROTECTION The assessment of internal contamination resulting from recurrent or prolonged uptakes. Pergamon Press, Oxford (ICRP Publication, 10A). INTERNATIONAL COMMISSION ON RADIOLOGICAL PROTECTION Limits for intakes of radionuclides by workers. Ann. ICRP 2(1): (ICRP Publication, 30). BREUR, F. & DE BARTOLI, M Behaviour of radioiodine in the environment and in man. (Rapporto CNEN RT/PROT 73/13). WIATROWSKI, W.A., COOKE, E.P., KOPP, D.T. & JORDAN. D.W Radiocontamination in medical centers from diaenostic., nuclear medicine ~ ~rocedures. Health Physics 47: INTERNATIONAL COMMISSION ON RADIOLOGICAL PROTECTION The handling, storage, use and disposal of unsealed radionuclides in hospital and medical research establishments. Ann. ICRP 1: 1-53 (ICRP Publication, 26). 11. INTERNATIONAL COMMISSION ON RADIOLOGICAL PROTECTION Radionuclide transformations. Ann. ICRP 11-13: (ICRP Publication, 38).

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 Testo non ufficiale del D.Lgs. 230/95, come modificato da: D.Lgs. 187/00, D.Lgs. 241/00, Avviso di rettifica ed errata corrige G.U. 23/3/01, D.Lgs. 257/01 (senza gli allegati) DECRETO-LEGGE 17 marzo

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

RACCOMANDAZIONI 2007 DELLA COMMISSIONE INTERNAZIONALE PER LA PROTEZIONE RADIOLOGICA

RACCOMANDAZIONI 2007 DELLA COMMISSIONE INTERNAZIONALE PER LA PROTEZIONE RADIOLOGICA Pubblicazione ICRP 103 RACCOMANDAZIONI 2007 DELLA COMMISSIONE INTERNAZIONALE PER LA PROTEZIONE RADIOLOGICA Adottate dalla Commissione nel marzo 2007 Traduzione della ICRP Publication 103 The 2007 Recommendations

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO

LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO Pubblicazione ICRP Supporting Guidance 2 LE RADIAZIONI ED IL VOSTRO PAZIENTE: UNA GUIDA PER IL MEDICO GENERICO Traduzione della ICRP SG2 Radiation and your patient: A guide for medical practitioners Annals

Dettagli

ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI

ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI ASPETTI TECNICI, SANITARI E NORMATIVI Dott. Carlo Cicardi Università degli Studi di Milano Decreto Legislativo del Governo 17 marzo 1995 n 230 modificato dal D. Lgs. 26 maggio 2000 n. 187, dal D. Lgs.

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

RADIOPROTEZIONE IN MEDICINA

RADIOPROTEZIONE IN MEDICINA Pubblicazione ICRP 105 RADIOPROTEZIONE IN MEDICINA Traduzione della ICRP Publication 105 Radiological Protection in Medicine Annals of the ICRP Volume 37 Issue 6, 2007 ISBN 978-88-88648-16-3 (versione

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 Raccomandazione 114 RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015

D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 D.M. 2 DICEMBRE 2014 entrato in vigore il 06 gennaio 2015 (Fonte Ministero Dell'ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare) Linee guida, relative alla definizione delle modalità con cui gli operatori

Dettagli

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria -

Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - Regolamento sulle modalità di tenuta, conservazione e rilascio delle cartelle cliniche, referti clinici ed altra documentazione sanitaria - ART. 1 - Oggetto: Il presente Regolamento disciplina i casi e

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE d'intesa con IL MINISTRO DELLA SANITA' e IL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI Decreto Ministeriale n. 381 del 10/09/1998 Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. (Gazzetta Ufficiale n. 257 del 3/11/1998) IL MINISTRO

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto

La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Sicurezza La gestione della sicurezza nei contratti di appalto Con l'emanazione del D.Lgs. n. 81/2008 sono stati definiti gli obblighi inerenti alla sicurezza sul lavoro in caso di affidamento di lavori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A.

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Radiodays. Elio e le Storie Tese

Radiodays. Elio e le Storie Tese Radiodays Elio e le Storie Tese EFFETTI DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI SULL UOMO Elio Giroletti Dip. Fisica nucleare e teorica, Università di Pavia Ist. Naz. di Fisica Nucleare Sez. Pavia elio.giroletti@pv.infn.it

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali

Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali Dipartimento Immagini Strutture Complesse e Semplici Dipartimentali S.C. Fisica Sanitaria S.C. Medicina Nucleare Pietra Ligure S.C. Neuroradiologia Diagnostica ed Interventistica S.C. Radiologia Diagnostica

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341;

IL RETTORE. Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19 novembre 1990, n. 341; UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DICA IL RETTORE Ii[NyMITÀ DEGLI STUDI MI I ACATANIA Protocollo Generale 0 8 APR. 2014 Prot. 4 2_ 5 7.0 M. Vit.C11.1 - Visto il D.P.R. 11 luglio 1980, n. 382; - vista la legge 19

Dettagli

ma: serve a qualcosa?

ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? ma: serve a qualcosa? Michael Faraday (1791-67): a proposito dei suoi studi sull induzione elettromagnetica, rispose al Primo Ministro Sir Robert Peel: I know not, but I wager that

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici Altri atti o documenti - 13 maggio 2004 Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici sottoscritto da: Conferenza dei Rettori delle Università

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli