LA RADIOPROTEZIONE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI PRODOTTI DAI PAZIENTI TRATTATI CON RADIOFARMACI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA RADIOPROTEZIONE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI PRODOTTI DAI PAZIENTI TRATTATI CON RADIOFARMACI"

Transcript

1 -In". 1st. Super. Sanità Vol. il, N. 3 (1985). pp LA RADIOPROTEZIONE NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI PRODOTTI DAI PAZIENTI TRATTATI CON RADIOFARMACI M. Belli Laboratorio di Fisica, Istituto Superiore di Sanità, Roma Riassunto. - La somministrazione di radiofarmaci per scopi terapeutici o diagnostici implica la produzione di rifiuti radioattivi, costituiti dagli escreti dei pazienti. Ciò va tenuto presente in particolare nel caso di trattamenti terapeutici, per i quali sono impiegate attività relativamente alte. Rischi di contaminazione radioattiva possono interessare non soltanto le strutture sanitarie, dove i radiofarmaci sono impiegati, ma anche l'ambiente esterno, per effetto degli scarichi radioattivi e dei pazienti dimessi. Viene mostrato che, nella valutazione della contaminazione attraverso le diverse vie possibili, dovrebbero essere considerati separatamente i contributi dei pazienti ricoverati e quelli dei pazienti ambulatoriali. Ciò è particolarmente pertinente alla situazione italiana, per la quale si ha mediamente un rapporto 1:l tra le due classi di pazienti nei centri di medicina nucleare. Come conseguenza dell'analisi di vari problemi, sono riportati vari suggerimenti operativi, utili a1 conseguimento degli obiettivi generali di radioprotezione. Summary (Radiation protection in the management of radioactive wastes generated from patients treated with radiopharmaceuticals). - The administration of radiopharmaceuticals to patients or therapeutic or diagnostic purposes involves production of radioactive wastes coming frorn patients excreta. Consideration should be given to the therapeutic treatment, where higher activities are used. Radioactive contamination may occur not only in the hospital, but also in the outer environment, because of the effluent released and of the patients discharged from the hospital. It is shown that the contribution of in- and out-patients should be separately considered when studying the various contamination routes. This is of some consequence or the Italian situation, where the average ratio between tbe two classes of patients is close to one. Relevant practices for implementing the genera1 principles o radiation protection are suggested. These include appropriate procedures or waste release into the environment, measures for preventing spread of contamination at the hospital facilities, discharge of patients only when their activity is enough low, and proper briefing o patient's family. Introduzione Nell'uso dei radiofarmaci, una parte delle sostanze radioattive resta come residuo delle manipolazioni, mentre la maggior parte viene somministrata ai pazienti e da questi scaricata attraverso gli escreti. La presenza dei rifiuti radioattivi di origine organica e la necessità di provvedere al loro smaltimento fanno nascere problemi di radioprotezione, sia nell'arnbito della struttura sanitaria (che chiameremo, per semplicità, ospedale), sia nell'ambito esterno a tale struttura (Fig.1).

2 SOMMINISTRAZIONE / \ RIFIUTI PRODOTTI - PAZIENTI A l I POPOLAZIONE + AMBIENTE e 1 SMALTIMENTO DEGLI ESCRETI Fig.1. - Schema semplificato delle modalità con le quali i rifiuti radioattivi prodotti nelle strutture ospedaliere possono raggiungere le persone del pubblico. Questi problemi, che presentano aspetti peculiari, risultano alquanto ricorrenti anche per il consistente numero di strutture sanitarie con attività di medicina nucleare operanti in Italia, e la loro soluzione va tenuta nella giusta considerazione se si vuole ottenere un elevato livello di radioprotezione nel corso dell'impiego di radiofarmaci, sia a scopo diagnosico sia terapeutico. La situazione italiana Un censimento della Società Italiana di Biologia e Medicina Nucleare (SIBMN), relativo al 1980 (l), ha rilevato 128 servizi, o centri, che svolgono attività di medicina nucleare in strutture pubbliche e private sul territorio nazionale; dai dati si nota una grande varietà di situazioni diverse, e soprattutto una evidente disomogeneità territoriale. Comunque, la maggioranza dei servizi (65%) risulta svolgere attività diagnostica, sia in vivo sia in vitro, ospitando quasi sempre pazienti sia ospedalizzati sia ambulatoriali, con un rapporto tra i due casi che è tipicamente intorno all'unità. Relativamente ai rifiuti liquidi in generale, risulta che una gran parte dei centri (72%) provvede alla loro conservazione in attesa di decadimento, mentre non si hanno informazioni sui rifiuti biologici in particolare. Benché il censimento non fornisca dati sulla quantità di radiofarmaci utilizzati, si può far riferimento ai valori tipici, riportati nella Tab. 1, basati su dati di letteratura (2-4).

3 Tabella l. - Valori tipici delle attività dei radionuclidi utilizzati generalmente nell'impiego diagnostico e terapeutico dei radiofarmaci (2-4). I valori sono espressi secondo le unità del SI, riportando tra parentesi i valori approssimativamente corrispondenti espressi in Ci. Radionuclide T& (11) Attività impiegata Attività annua singolarmente impiegata Impiego diagnostico: 0,4-12 MBq ( wci) kbq -0,2 MBq (-5 wci) 2-4 MBq ( Ci) 8-14 MBq ( pci) MBq (0,l-5 mci) -40 MBq (-1 mci) 0,2-4 MBq (5-100 p Ci) -4 GBq (-0.1 Ci) -40 MBq (-1 mci) -40 MBq (-1 mci) -40 CBq (-1 Ci) -40 MBq (-1 mci) -400 GBq (-10 Ci) -20 GBq (-0,5 Ci) -40 GBq (-1 Ci) Impiego terapeutico: d 54 GBq (SI00 mci) -400 GBq (-10 Ci) lg8~u 2,7 d -4 GBq (-100 mci) -40 GBq (-1 Ci) 3 2 ~ 14,3 d -400 MBq (-10 mci) -4 GBq (-0.1 Ci) Dalla tabella si nota che le quantità di radionuclidi impiegate singolarmente nel caso di trattamenti terapeutici sono in generale molto maggiori di quelle usate per esami diagnostici; per questi ultimi, inoltre, si tende sempre di più ad usare radionuclidi a breve tempo di dimezzamento, soprattutto per ridurre la dose assorbita dai pazienti. Considerazioni di radioprotezione I radionuclidi introdotti nell'organismo del paziente a seguito della somministrazione di radiofarmaci sono espulsi, dopo un tempo più o meno lungo, attraverso gli escreti; si noti che, per motivi di radioprotezione del paziente, è fortemente sconsigliato l'uso di radionuclidi la cui funzione di ritenzione (5,6) nell'organismo umano si mantiene a valori significativi anche a tempi relativamente lunghi. La maggior parte delle sostanze radioattive viene espulsa con le urine e con le feci, mentre è normalmente trascurabile la frazione emessa attraverso la sudorazione e la respirazione. Quest'ultima via è rilevante solo nell'impiego di radiofarmaci allo stato gassoso (ad es., xenon- -33 per prove di ventilazione polmonare); in tal caso il gas espirato viene normalmente trattenuto con opportune trappole ed è quindi convertito in rifiuto liquido o solido. In grandissima parte, i rifiuti radioattivi provenienti dai pazienti sono, in conclusione, quelli liquidi o ad essi assimilabili, ed a

4 questo tipo di rifiuti si farà riferimento quasi costante nel presente lavoro. La quantità di radionuclidi scaricati da un paziente, espressa in termini di attività, è sempre inferiore a quella somministrata a causa del decadimento radioattivo che si verifica nell'intervallo di tempo compreso tra il momento della somministrazione e quello dell'espulsione. La velocità di allontanamento del radionuclide dall'organismo è governata dalla curva di escrezione (5,6). Nella valutazione dell'attività scaricata vanno tenuti presenti due punti importanti: a) devono essere eseguite valutazioni separate per ogni specifico radiofarmaco, in quanto la curva di escrezione dipende dal metabolismo di quel radiofarmaco ed il decadimento del11attivit2 dipende dal radionuclide in esso contenuto; b) l'attività effettivamente scaricata nell'ospedale può dipendere anche da altri fattori, ad esempio dal tempo di permanenza del paziente nell'ospedale e dalla frequenza di svuotamento della vescica. Un calcolo effettuato per lo iodio-131 utilizzando i modelli di ritenzione e di escrezione standard pubblicati dalllicrp (6.7) è riportato in dettaglio nelllappendice A; esso mostra che la quantità di iodio-131 scaricata complessivamente nell'ospedale dai pazienti interni (ricoverati) è pari a circa il 70% dell'attività somministrata; nel caso dei pazienti esterni (in regime ambulatoriale), nell'ipotesi che questi scarichino nell'ospedale le urine di prima minzione in media dopo quattro ore dalla somministrazione, si avrebbe in queste urine solo il 20% circa dell'attività somministrata, mentre il resto, tenuto conto del decadimento, sarebbe scaricato al di fuori dell'ospedale (verosimilmente nelle rispettive abitazioni). Va notato che l'introduzione di modelli più accurati per la funzione di ritenzione standard (7,8) non modifica sostanzialmente le conclusioni sopra riportate. La limitazione più rilevante di queste conclusioni è, semmai, legata all'esistenza di deviazioni sensibili dalla funzione standard (bambini, pazienti con metabolismo tiroideo alterato); si può però ritenere che il procedimento sopra delineato sia utilizzabile per una stima di prima approssimazione dell'attività scaricata dai pazienti all'interno e all'esterno dell'ospedale. Allo scopo di procedere ad una sommaria rassegna dei rischi connessi con la possibile contaminazione radioattiva, è opportuno esaminare separatamente quelli che si riferiscono all'ambiente interno all'ospedale e quelli che coinvolgono l'ambiente esterno. I rischi nell'ambiente ospedaliero sono legati alla possibilità di contaminazione degli stessi pazienti trattati con radiofamaci, di altri pazienti e del personale, sia direttamente sia indirettamente. Va considerata in particolare la possibilità che vengano contaminati biancheria ed indumenti vari, attrezzature ed oggetti di uso comune ad altri pazienti, soprattutto nell'ambito dei servizi igienici; questi ultimi risultano infatti i luoghi di più probabile contaminazione, come è stato confermato anche da recenti risultati sperimentali (9). In genere i pazienti che arrivano ai Servizi di Medicina Nucleare per gli esami diagnostici non vi permangono a lungo, poiché quelli ricoverati ritornano nei rispettivi reparti, mentre quelli ambulatoriali lasciano al più presto la struttura os~edaliera. Ciò configura una disseminazione, anche all'interno dell'ospedale, dei punti di smaltimento, con una più difficoltosa possibilità di controllo. Si noti che l'uso di radionuclidi a vita breve. mentre riduce la dose assorbita dal paziente e dalla popolazione, può, a causa delle più alte attività usate, aumentare i problemi di contaminazj.one sui tempi brevi, oltre che i rischi per il personale addetto. In queste condizioni risulta quindi di particolare importanza l'adozione di una corretta organizzazione radioprotezionistica, che preveda l'uso sistematico di specifiche attrezzature atte a ridurre i rischi di contaminazione. la misura periodica della contaminazione nei luoghi più esposti a tali rischi, la puntuale informazione del paziente e del personale sui rischi e sul comportamento da seguire nelle varie situazioni. Questi accorgimenti sono particolarmente importanti quando vengono impiegati radiofarmaci a scopo terapeutico (come nella terapia della tiroide con iodio-131). in ragione delle maggiori quantità di radionuclidi somministrati ai

5 pazienti in questi casi. Passando ad esaminare i riflessi esterni all'ospedale, si può notare che l'ambiente esterno può essere interessato attraverso due vie principali: in primo luogo, mediante gli scarichi che l'ospedale convoglia all'esterno; in secondo luogo, attraverso quei pazienti che. dopo la somministrazione, ritornano alle proprie abitazioni, dove continuano a scaricare una certa attività (pazienti in regime ambulatoriale). Si è visto in precedenza quale è il procedimento che consente di giungere ad una stima, più o meno approssimata, della quantità di radionuclidi scaricata nell'ospedale e di quella scaricata al di fuori di esso. Si è anche visto, nel caso dello iodio-131 (il quale è in genere il radionuclide più rilevante se si considerano congiuntamente le attività impiegate ed il tempo di dimezzamento) che, mentre la quantità complessiva scaricata rimane mediamente la stessa nei due casi di pazienti ricoverati e di pazienti ambulatoriali, ci si aspetta una diversa ripartizione tra l'attività scaricata in ospedale e quella scaricata nelle abitazioni. La valutazione degli smaltimenti di rifiuti radioattivi da parte delisl'ospedale (sia attraverso modelli matematici. sia tramite misure dirette) è la base di partenza per una eventuale stima del loro impatto sanitario e, in ogni caso, per verificare se i valori di attività e di concentrazione dei radionuclidi smaltiti rientrano nei limiti di esenzione o nei livelli autorizzati (per la definizione di queste grandezze e per informazioni sulla normativa in questo settore si veda l'appendice B). Si noti che il superamento dei limiti di esenzione non comporta necessariamente un rischio inaccettabile per l'ambiente e la popolazione; a questi limiti si può attribuire in realtà un significato di livelli di riferimento, il superamento dei quali richiede una valutazione del rischio sanitario attraverso l'analisi ambientale. Una considerazione particolare va fatta per i pazienti sottoposti a terapia e dimessi dall'ospedale, in vista dell'eventuale esposizione alle radiazioni di persone (in particolare bambini) prossime al paziente, e dell'eventuale contaminazione prodotta. La Commissione Internazionale per la Protezione Radiologica (ICRP) raccomanda (10) un sistema autorizzativo che stabilisca le quantità massime permesse nel paziente da dimettere; viene indicata, a titolo di esempio, in 15 mci l'attività massima ammissibile al momento della dimissione di pazienti trattati con iodio-131, valutata in relazione all'irradiazione esterna di passeggeri durante viaggi su mezzi pubblici; per ridurre al minimo i rischi di contaminazione, viene raccomandata, inoltre, una chiara istruzione del paziente sulle precauzioni che deve osservare dopo essere stato dimesso dall'osp,edale. Alcuni suggerimenti operativi Allo scopo di assicurare un buon livello di protezione sanitaria ai pazienti, al personale ospedaliero e alla popolazione, in relazione allo smaltimento dei rifiuti radioattivi prodotti dai pazienti stessi, è importante tener presente alcuni criteri che vengono qui riassunti: a) effettuazione degli smaltimenti di rifiuti radioattivi solo dopo un'adeguata valutazione dell'entità degli scarichi, anche per verificare il rispetto dei limiti di esenzione o dei livelli autorizzati; per quanto è ragionevolmente possibile, tali valutazioni saranno completate da controlli radiometrici periodici o continui; b) impiego, per quanto possible, di sistemi di diluizione e/o di raccolta in attesa di decadimento; ciò è indispensabile qualora i livelli di concentrazione o di attività dei rifiuti superino i limiti di esenzione o i limiti autorizzati per lo scarico diretto nelle fognature; C) separazione, per quanto è possibile, delle attrezzature ospedaliere di uso comune, soprattutto servizi igienici. da quelle utilizzate dai pazienti ai quali sono stati somministrati radiofarmaci; tale separazione è indispensabile

6 nel caso di trattamento con alte dosi per impieghi terapeutici; d) adozione di attrezzature idonee a prevenire ed a limitare gli effetti di una eventuale contaminazione prodotta dai pazienti (superfici facilmente decontaminabili, impiego di copri-sedili a perdere nei servizi igienici, ecc.); e) adeguata informazione ed istruzione del paziente e del personale sulle precauzioni da osservare nell'ospedale; f) adozione di un limite per l'attività portata da un paziente, perché a questo sia consentito di lasciare l'ospedale; g) adeguata informazione ed istruzione del paziente che lascia l'ospedale (ed eventualmente dei suoi familiari) sulle precauzioni da osservare per ridurre i rischi di contaminazione presso la sua abitazione. APPENDICE A. - Calcolo dell'attività scaricata nel caso di singole sommistrazioni di radiofarmaci Si consideri un determinato radiofarmaco, contenente un certo radionuclide, somministrato al tempo t = O. Per descrivere l'andamento temporale dell'attività nell'organismo di una persona-tipo, si può far riferimento alle funzioni di ritenzione e di escrezione considerate dalllicrp (5,6). Siano: r(t) la funzione di ritenzione tenendo conto del decadimento; y(t) la funzione di escrezione differenziale; x(t) la funzione di escrezione integrale tenendo conto del decadimento; A la costante di decadimento del radionuclide. I1 bilancio, in termini di attività, tra ritenzione ed escrezione, è dato dalle seguenti relazioni: da cui x(t) = e -"lyt(t ) e -at ' dt' = e [r(~) - eat r(t)] o Dalla formula (3) è possibile calcolare l'attività totale escreta dopo un certo tempo t, se sono note la funzione di ritenzione per il radiofarmaco considerato e la costante di decadimento del radionuclide. Nel caso in cui il radiofarmaco sia ioduro di sodio contenente iodio-131 (impiegato nella terapia e a volte nell'esplorazione della tiroide), si può assumere, secondo il modello riportato dalle pubblicazioni ICRP n. 10 e n. 10 A (5,6), una funzione di ritenzione data da: con: K = 0.7; K2 = 0.3; 1 = 1.98 (d-l); a2 = A = lo-' (d-l) (d-l);

7 Kisulta quindi: La formula (4) permette di calcolare la frazione di iodio-131 che si accumula nella vescica del paziente. La quantita effettivamente scaricata dipende anche dalla frequenza di svuotamento della vescica. Se si ipotizza un intervallo medio di svuotamento pari a At, tale quantità, espressa in termini di frazione dell'attività somministrata, è data da: La frazione complessivamente scaricata risulta allora pari a e At Sono interessanti i seguenti casi particolari: a) paziente che permane in ospedale alcuni giorni dopo la soministrazione; in tal caso si ha ~ ~ 0. 7(nell'ospedale); 0 b) paziente che lascia l'ospedale avendovi smaltito le urine di prima minzione mediamente dopo quattro ore; si ottiene ~ ~ 0. 2(nell'ospedale). 0 APPENDICE B. - Cenni di normativa sullo smaltimento dei rifiuti radioattivi Lo smaltimento dei rifiuti radioattivi è attualmente regolamentato in Italia dalla legge di base della radioprotezione, cioè dal DPR n. 185 del 13 febbraio 1964 e dai relativi decreti applicativi. L'attuale legislazione nazionale è in fase di revisione per l'adeguamento alle Direttive Euratom del 1980 e del 1984, ma è probabile che non vi saranno notevoli mutamenti in questo specifico settore. Le disposizioni comprese nel Cap. IX del citato DPR forniscono con l'art. 104 delle prescrizioni di carattere generale, stabilendo che "chiunque produce. tratta, manipola, utilizza, commercia, detiene, ha in deposito sostanze radioattive naturali o artificiali, deve disporre le misure necessarie affinché la raccolta, l'allontanamento o lo smaltimento - trattamento e scarico - dei rifiuti radioattivi solidi, liquidi o gassosi, avvengano in modo tale da assicurare che non ne derivi pericolo o danno diretto o indiretto ai singoli individui e alla popolazione". L'art. 105 stabilisce che lo smaltimento dei rifiuti radioattivi sia subordinato ad autorizzazione rilasciata dal medico provinciale per le attività di cui all'art. 96 (impieghi di sostanze radioattive a scopo medico). L'autorizzazione deve essere concessa in funzione della ricettività dell'ambiente e del numero delle autorizzazioni previste. L'art. 110 prevede che lo smaltimento possa essere esente da autorizzazioni ove non si superino determinati limiti (limiti di esenzione). A tale scopo, il DM 14 luglio 1970 (G.U. n. 225 de11'8/10/1970) fissa per i rifiuti radioattivi solidi, liquidi o gassosi, i valori di attività totale per anno solare e di concentrazione nel punto di scarico nell'ambiente esterno che non debbono venire superati per lo scarico in regime di esenzione. L'art. 106 stabilisce che l'utente debba predisporre i mezzi di rilevamento e di sorveglianza onde assicurare il rispetto delle disposizioni di cui al citato art. 104 e delle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni allo smaltimento rilasciate ai sensi dell'art. 105, o che non siano superati i limiti per lo scarico dei rifiuti radioattivi in regime di esenzione. Nell'art. 107 si fa obbligo della registrazione ed eventualmente della trasmissione alle amministrazioni competenti, dei dati relativi ai rilevamenti di cui all'art. 106.

8 Si noti che, anche per effetto della legge che ha istituito il Servizio Sanitario Nazionale, la struttura tecnico-amministrativa che sovraintende allo smaltimento dei rifiuti radioattivi è di tipo decentrato essendo l'autorizzazione emanata dalle autorità che hanno assunto le attribuzioni del medico provinciale, ed essendo il controllo della radioattiviti ambientale di competenza della Regione. Rimangono naturalmente di pertinenza degli organi centrali dello Stato, e del Ministero della Sanità, in particolare, le funzioni di indirizzo e di coordinamento a livello nazionale, e le funzioni di coordinamento tecnico delltenea, secondo le direttive del Ministero della Sanità, sul controllo della radioattività ambientale (art. 109). Ricevuto il 27 maggio 1985 Accettato il 10 ottobre 1985 BIBLIOGRAFIA SOCIETA' ITALIANA DI BIOLOGIA E MEDICINA NUCLEARE (SIBMN) Censimento delle strutture e delle attività di medicina nucleare in Italia. SIBMN. I N T E R N A T I O N A L r o t e c t i o n of the patient in radionuclide investigations. Pergamon Press, Oxford (ICRP Publication, 17). BELLETTI, SI & BELLI, M La situazione italiana in tema di smaltimento dei rifiuti radioattivi in campo sanitario. In: Atti del convegno congiunto SFRP-AIRP su "La protezione nell'impiego medico delle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti". Cannes, dicembre SCIELZO, G. et al Criteri di gestione dei rifiuti radioattivi in campo sanitario. In: Atti del convegno AIRP "I rifiuti radioattivi a media - e bassa attività". Venezia, ottobre pp INTERNATIONAL COMMISSION ON RADIOLOGICAL PROTECTION Evaluation of radiation doses to body tissues from internal contamination due to occupational exposure. Pergamon Press, Oxford (ICRP Publication. 10). INTERNATIONAL COMMISSION ON RADIOLOGICAL PROTECTION The assessment of internal contamination resulting from recurrent or prolonged uptakes. Pergamon Press, Oxford (ICRP Publication, 10A). INTERNATIONAL COMMISSION ON RADIOLOGICAL PROTECTION Limits for intakes of radionuclides by workers. Ann. ICRP 2(1): (ICRP Publication, 30). BREUR, F. & DE BARTOLI, M Behaviour of radioiodine in the environment and in man. (Rapporto CNEN RT/PROT 73/13). WIATROWSKI, W.A., COOKE, E.P., KOPP, D.T. & JORDAN. D.W Radiocontamination in medical centers from diaenostic., nuclear medicine ~ ~rocedures. Health Physics 47: INTERNATIONAL COMMISSION ON RADIOLOGICAL PROTECTION The handling, storage, use and disposal of unsealed radionuclides in hospital and medical research establishments. Ann. ICRP 1: 1-53 (ICRP Publication, 26). 11. INTERNATIONAL COMMISSION ON RADIOLOGICAL PROTECTION Radionuclide transformations. Ann. ICRP 11-13: (ICRP Publication, 38).

L Unità di ricovero protetto della Medicina Nucleare

L Unità di ricovero protetto della Medicina Nucleare L Unità di ricovero protetto della Medicina Nucleare Come si realizza una degenza protetta Scelta della ubicazione Definizione dei percorsi Caratteristiche strutturali Caratteristiche radioprotezionistiche

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI FISICA MEDICA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI FISICA MEDICA ASSOCIAZIONE ITALIANA DI FISICA MEDICA RACCOMANDAZIONI PER LA DIMISSIONE DEI PAZIENTI A SEGUITO DI TERAPIA MEDICO NUCLEARE CON 131 I AL FINE DELLA PROTEZIONE CONTRO I RISCHI DA RADIAZIONI IONIZZANTI Gruppo

Dettagli

la radioprotezione del paziente, compiti e responsabilità alla luce del recente D.Lgs 167/00, attuazione direttiva 97/43/Euratom

la radioprotezione del paziente, compiti e responsabilità alla luce del recente D.Lgs 167/00, attuazione direttiva 97/43/Euratom la radioprotezione del paziente, compiti e responsabilità alla luce del recente D.Lgs 167/00, attuazione direttiva 97/43/Euratom pubblicato su La Radiologia Medica Radiol Med 100: 484-486, 2000 Ciancia

Dettagli

La nuova direttiva EURATOM 2013/59 e le relative figure professionali

La nuova direttiva EURATOM 2013/59 e le relative figure professionali International Panel sullo Sviluppo della Cultura e della Legislazione a livello Internazionale, dell Unione Europea e in Italia in ambito OS,H & E Roma, 31 ottobre 2014 Parlamento italiano Palazzo Marini,

Dettagli

Ai Direttori Generali - D.G. "Servizi di pubblica utilità" - D.G. "Qualità dell ambiente"

Ai Direttori Generali - D.G. Servizi di pubblica utilità - D.G. Qualità dell ambiente Giunta Regionale Direzione Generale Sanità Data: Protocollo: Ai Direttori Generali delle ASL e delle Aziende Ospedaliere Ai Commissari degli IRCCS di diritto pubblico Ai Legali Rappresentanti degli IRCCS

Dettagli

Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non

Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non Problemi connessi all esercizio della sorveglianza fisica della radioprotezione nelle installazioni in cui si impiegano sostanze radioattive non sigillate a scopo medico Riferimenti tecnici I.C.R.P. Pubblication

Dettagli

DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione

DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione V Convegno Nazionale NAD 10 Anni di impegno guardando al futuro DECOMMISSIONING DEGLI IMPIANTI NUCLEARI: Compatibilità Ambientale, Sicurezza e Radioprotezione Fabio Chiaravalli - SOGIN Direttore Ambiente,

Dettagli

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE Ufficio Stampa I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE VALUTAZIONE DEL RISCHIO E STRATEGIE PER RIDURLO In generale, la somministrazione di materiale radioattivo a pazienti sottoposti

Dettagli

e D.Lgs. 26/5/2000 n.187 e s.m.i.

e D.Lgs. 26/5/2000 n.187 e s.m.i. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE CDL in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia! Sede di Padova 3 anno, 1 semestre! RADIOPROTEZIONE e D.Lgs. 26/5/2000 n.187 e s.m.i.

Dettagli

Approvvigionamento radiofarmaci e gestione dei rifiuti. Vincenzo Rizzo AORN S G Moscati AV

Approvvigionamento radiofarmaci e gestione dei rifiuti. Vincenzo Rizzo AORN S G Moscati AV Approvvigionamento radiofarmaci e gestione dei rifiuti Vincenzo Rizzo AORN S G Moscati AV LEGGE 31 gennaio 1983, n. 25 (Gazz. Uff. n. 38-9 febbraio 1983) ART.8 3) Servizio di medicina nucleare I tecnici

Dettagli

DELLA FIGURA E DEL RELATIVO PROFILO PROFESSIONALE DEL TECNICO SANITARIO DI RADIOLOGIA MEDICA.

DELLA FIGURA E DEL RELATIVO PROFILO PROFESSIONALE DEL TECNICO SANITARIO DI RADIOLOGIA MEDICA. Decreto 26 settembre 1994, n. 746. REGOLAMENTO CONCERNENTE l' INDIVIDUAZIONE DELLA FIGURA E DEL RELATIVO PROFILO PROFESSIONALE DEL TECNICO SANITARIO DI RADIOLOGIA MEDICA. IL MINISTRO DELLA SANITA' Visto

Dettagli

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA.

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA. PU_O6 TITOLO: PROCEDURA di AVVIAMENTO DI LAVORATORE ESPOSTO: CLASSIFICAZIONE, SORVEGLIANZA DOSIMETRICA, VISITA MEDICA PREVENTIVA, FORMAZIONE FINALIZZATA ALLA RADIOPROTEZIONE, MEZZI DI PROTEZIONE. Codice

Dettagli

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo

Modulo di Registrazione RIFIUTI RADIOATTIVI. Sopralluogo Pagina 1 di 6 Sopralluogo Materiale a corredo del sopralluogo: dosimetri personale e integratore, geiger, camera a ionizzazione Si No copia dei N.O. ex art. 27 D. Lgs. 230/95 o convalida di autorizzazione

Dettagli

ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU

ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU La presente circolare, ha lo scopo di fare il punto sulla problematica allarmi radiometrici presso gli impianti

Dettagli

Le fasi operative caratteristiche di un deposito definitivo di rifiuti radioattivi sono le seguenti:

Le fasi operative caratteristiche di un deposito definitivo di rifiuti radioattivi sono le seguenti: Pag. 28 di 114 4 CRITERI GENERALI DI SICUREZZA 4.1 Riferimenti I criteri di sicurezza e radioprotezione relativi al deposito definitivo dei rifiuti radioattivi, qui di seguito enunciati, fanno diretto

Dettagli

ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA

ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA ORGANISMO TECNICO DI SUPPORTO ALL AZIENDA USL DI FERRARA PER LA TUTELA SANITARIA DELLA POPOLAZIONE DAI RISCHI DERIVANTI DALL IMPIEGO DI SORGENTI DI RADIAZIONI IONIZZANTI L Organismo Tecnico istituito ai

Dettagli

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro

A. Utilizzo di radio-farmaci a scopo diagnostico e in vitro E una disciplina la cui specificità risiede nell impiego regolamentato di radionuclidi artificiali in forma non sigillata per attività sia di tipo diagnostico che terapeutico. E strutturata in due settori

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45.

Dettagli

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI 1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI La normativa di riferimento in materia di protezione contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti è rappresentato

Dettagli

Struttura Complessa Fisica Sanitaria

Struttura Complessa Fisica Sanitaria Struttura Complessa Fisica Sanitaria DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Direttore: prof.ssa Maria Assunta Cova STRUTTURA COMPLESSA DI FISICA SANITARIA Direttore: dott. Mario

Dettagli

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive

Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Lavorare in sicurezza con le sorgenti radioattive Prevenire Proteggere Misurare gli effetti Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Prevenzione Anche se è banale,

Dettagli

LA DOSE IN MEDICINA NUCLEARE

LA DOSE IN MEDICINA NUCLEARE LA DOSE IN MEDICINA NUCLEARE G. Pedroli Servizio di Fisica Sanitaria Istituto Europeo di Oncologia, Milano. Disclosure Slide Il sottoscritto Guido Pedroli DICHIARA che, nell esercizio delle funzioni di

Dettagli

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi CONVEGNO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza 6 Dicembre 2005 Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi Flavio Trotti, Elena Caldognetto (ARPA Veneto) Rosella

Dettagli

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO)

ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) ESPERTA ed ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE (SECONDO GRADO) Aggiornato il 7 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE...

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

3URWH]LRQHGDOOHUDGLD]LRQL

3URWH]LRQHGDOOHUDGLD]LRQL 3URWH]LRQHGDOOHUDGLD]LRQL /LQHHJXLGDSHUOHHVSRVL]LRQL DVFRSRPHGLFRQHOODULFHUFD PHGLFDHELRPHGLFD &RPPLVVLRQHÃHXURSHD Commissione europea 3URWH]LRQHGDOOHUDGLD]LRQL /,1((Ã*8,'$Ã3(5Ã/(Ã(6326,=,21,Ã$Ã6&232Ã0(',&2Ã1(//$Ã5,&(5&$Ã0(',&$Ã(

Dettagli

Documento su: SISTEMI BODY SCANNER PER CONTROLLI ANTITERRORISTICI. (Gruppo di lavoro: SIRM, AIFM, AIRM, AIRP)

Documento su: SISTEMI BODY SCANNER PER CONTROLLI ANTITERRORISTICI. (Gruppo di lavoro: SIRM, AIFM, AIRM, AIRP) Documento su: SISTEMI BODY SCANNER PER CONTROLLI ANTITERRORISTICI (Gruppo di lavoro: SIRM, AIFM, AIRM, AIRP) I sistemi per l acquisizione di immagini impiegano sostanzialmente tre regioni dello spettro

Dettagli

Raccomandazione 90/143/Euratom

Raccomandazione 90/143/Euratom Raccomandazione 90/143/Euratom TITOLO: Raccomandazione della Commissione sulla tutela della popolazione contro l esposizione al radon in ambienti chiusi DATA: 21 febbraio 1990 LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45. (15A06407)

Dettagli

MICROCOPY RESOLUTION TEST CHART NATIONAL BUREAU OF STANDARDS STANDARO REFERENCE MATERIAL 1010,1 (ANSI nrh ISO TEST CHART No 2)

MICROCOPY RESOLUTION TEST CHART NATIONAL BUREAU OF STANDARDS STANDARO REFERENCE MATERIAL 1010,1 (ANSI nrh ISO TEST CHART No 2) MICROCOPY RESOLUTION TEST CHART NATIONAL BUREAU OF STANDARDS STANDARO REFERENCE MATERIAL 1010,1 (ANSI nrh ISO TEST CHART No 2) SSN/0393-6309 Bfc»EA* RT/PAS/87/20 L. MONTE UN MODELLO STOCASTICO PER LA VALUTAZIONE

Dettagli

1st page. Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica

1st page. Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica 1st page Cosa dovrebbero sapere i genitori a proposito della sicurezza radiologica nella Radiologia Interventistica Pediatrica 1 2nd page Le tecniche di produzione di immagini aiutano i medici a vedere

Dettagli

MASTER di PRIMO LIVELLO

MASTER di PRIMO LIVELLO MASTER di PRIMO LIVELLO VERIFICHE DI QUALITA IN RADIODIAGNOSTICA, MEDICINA NUCLEARE E RADIOTERAPIA CONTROLLI delle PRESTAZIONI delle APPARECCHIATURE RADIOLOGICHE e RADIOPROTEZIONE del PAZIENTE Parte I

Dettagli

Normativa di riferimento. Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena

Normativa di riferimento. Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena Normativa di riferimento Relatore Dr. Domenico Acchiappati Direttore S.C. Fisica Sanitaria AUSL Modena 1 Comma 3 Art. 180 D.Lgs. 81/08 La Protezione dei lavoratori dalle radiazioni Ionizzanti è disciplinata

Dettagli

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Compiti e responsabilità L organizzazione della radioprotezione è strutturata in modo da distribuire alle varie figure di riferimento

Dettagli

30 1997, 97/43/EURATOM

30 1997, 97/43/EURATOM DIRETTIVA DEL CONSIGLIO 30 giugno 1997, 97/43/EURATOM Direttiva del Consiglio riguardante la protezione sanitaria delle persone contro i pericoli delle radiazioni ionizzanti connesse a esposizioni mediche

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 1 LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 Convegno Le emergenze radiologiche e nucleari Problematiche radioprotezionistiche, operative

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI REPARTI DI DIAGNOSTICA DI MEDICINA NUCLEARE CON SORGENTI RADIOATTIVE NON SIGILLATE

GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI REPARTI DI DIAGNOSTICA DI MEDICINA NUCLEARE CON SORGENTI RADIOATTIVE NON SIGILLATE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di laurea per l Ambiente e il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI

Dettagli

Paola Angelini. Servizio Sanità pubblica

Paola Angelini. Servizio Sanità pubblica Paola Angelini Servizio Sanità pubblica Modena, 1 aprile 2011 D.Lgs. 230/95 e s.m.i. detenzione = impiego comunicazione preventiva nulla osta all'impiego Categoria B Categoria A LIMITI LIMITI INFERIORI

Dettagli

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa

IL RADON. Decadimento del Radon. protone Radon 222 neutrone. elettrone. radiazione alfa IL RADON Il Radon è un gas radioattivo presente nel suolo e nei materiali da costruzione. La presenza di Radon è legata all abbondanza di minerali radioattivi naturali nella crosta terrestre: le due forme

Dettagli

ADEGUAMENTO DELLA CAMERA CALDA ALLA NUOVA NORMATIVA SUI RADIOFARMACI. Biagia Saitta

ADEGUAMENTO DELLA CAMERA CALDA ALLA NUOVA NORMATIVA SUI RADIOFARMACI. Biagia Saitta Giornata di Studio: Il Ciclotrone per la Produzione di Radiofarmaci per uso clinico in Pet: Installazione, Impiego e Radioprotezione 25 MARZO 2010 CASTELFRANCO VENETO ADEGUAMENTO DELLA CAMERA CALDA ALLA

Dettagli

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo

E evidente che il sistema di protezione sarà diverso a seconda del tipo di esposizione. Non vi è alcun beneficio diretto dell individuo RISCHIO DA ESPOSIZIONE L attenzione, la valutazione e la conseguente gestione del rischio va posta con la moderna pratica clinica anche al di fuori dei reparti solitamente ritenuti a rischio di Radiazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33

LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 LEGGE REGIONALE 15 dicembre 2008, n. 33 Norme per il rilascio del nulla osta all impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti di categoria B per le attività comportanti esposizioni a scopo medico. IL CONSIGLIO

Dettagli

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA

PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA PROCEDURA DI SELEZIONE ESPERTO QUALIFICATO IN RADIOPROTEZIONE/ ESPERTO RESPONSABILE DELLA SICUREZZA IN RISONANZA MAGNETICA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II ALLEGATO TECNICO 1 A) OGGETTO DELLE

Dettagli

TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO

TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO TESTI DI RIFERIMENTO PER LA PREPARAZIONE DELL ESAME DI ESPERTO QUALIFICATO: PARTE II: ABILITAZIONE DI PRIMO GRADO Gli argomenti specifici all esame di abilitazione di I grado sono qui di séguito riportati

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

D.M. 22-2-1996 n. 261

D.M. 22-2-1996 n. 261 D.M. 22-2-1996 n. 261 Regolamento recante norme sui servizi di vigilanza antincendio da parte dei Vigili del fuoco sui luoghi di spettacolo e trattenimento. Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 16 maggio

Dettagli

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso 1 Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso Ing. Lamberto Matteocci Il Decommissioning della Centrale di Caorso e la Gestione dei Rifiuti Radioattivi 30 Settembre 2015 2 FUNZIONI e

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei Ing. Esperto Qualificato grado III Gestione e smaltimento dei. Obiettivi Fornire il tessuto regolatorio per la Gestione dei Rifiuti Radioattivi Fornire le linee guida base per una corretta

Dettagli

STRUTTURE SANITARIE E SOCIOSANITARIE

STRUTTURE SANITARIE E SOCIOSANITARIE Sono i requisiti minimi autorizzativi che devono essere soddisfatti da tutte le strutture sanitarie e socio sanitarie pubbliche e private per l esercizio dell attività sanitaria. REQUISITI STRUTTURALI

Dettagli

Resource planning for hospitals

Resource planning for hospitals Resource planning for hospitals G. G. van Merode et al. Enterprise resource planning for hospitals International Journal of Medical Informatics (2004) 73, 493 501 Resource planning for hospitals Gli ospedali

Dettagli

REGIONE LAZIO ASL-VITERBO Dipartimento dei Servizi U.O. Medicina Nucleare. Strada Sammartinese 01100 Viterbo tel. fax 0761 338675

REGIONE LAZIO ASL-VITERBO Dipartimento dei Servizi U.O. Medicina Nucleare. Strada Sammartinese 01100 Viterbo tel. fax 0761 338675 REGIONE LAZIO ASL-VITERBO Dipartimento dei Servizi U.O. Medicina Nucleare Strada Sammartinese 01100 Viterbo tel. fax 0761 338675 1 INFORMAZIONI AL PAZIENTE Gentile Signore/a Sappiamo che quando si parla

Dettagli

DEFINIZIONI. è l'energia media ceduta dalle radiazioni ionizzanti alla materia in un elemento di volume;

DEFINIZIONI. è l'energia media ceduta dalle radiazioni ionizzanti alla materia in un elemento di volume; DIRETTIVA 2013/59/EURATOM DEL CONSIGLIO del 5 dicembre 2013 che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall esposizione alle radiazioni ionizzanti,

Dettagli

Impieghi medici delle radiazioni e società

Impieghi medici delle radiazioni e società Impieghi medici delle radiazioni e società Mario Marengo Ospedale Policlinico S.Orsola Malpighi, Bologna Danilo Cinti Scuola Internazionale di Studi Superiori Avanzati, Trieste I soggetti Per la legge

Dettagli

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute

La Direttiva 2013/51/EURATOM. Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute La Direttiva 2013/51/EURATOM Dott. Alessandro Magliano - Ministero della Salute Stabilisce i requisiti per la tutela della salute della popolazione relativamente alle sostanze radioattive presenti nelle

Dettagli

Modello di rapporto di revisione * Revisione dei dati 2015. nell'ospedale X

Modello di rapporto di revisione * Revisione dei dati 2015. nell'ospedale X Allegato 2 del regolamento concernente la revisione della codifica nell'ambito degli SwissDRG Modello di rapporto di revisione * Revisione dei dati 2015 nell'ospedale X Versione 5.0 * Concretizzazione

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

I CONTROLLI E LE VERIFICHE. Giancarlo Ettorre Sezione Scienze Radiologiche Dip. Specialità Medico-Chirurgiche Università degli Studi di Catania

I CONTROLLI E LE VERIFICHE. Giancarlo Ettorre Sezione Scienze Radiologiche Dip. Specialità Medico-Chirurgiche Università degli Studi di Catania I CONTROLLI E LE VERIFICHE Giancarlo Ettorre Sezione Scienze Radiologiche Dip. Specialità Medico-Chirurgiche Università degli Studi di Catania 10. I CONTROLLI E LE VERIFICHE Il CRI è un sistema complesso

Dettagli

RIFIUTI RADIOATTIVI. Servizio di Fisica Sanitaria AOU di Parma. Comacchio, 23 ottobre 2009

RIFIUTI RADIOATTIVI. Servizio di Fisica Sanitaria AOU di Parma. Comacchio, 23 ottobre 2009 RIFIUTI RADIOATTIVI Servizio di Fisica Sanitaria AOU di Parma Comacchio, 23 ottobre 2009 Quadro conoscitivo Indagine sui rifiuti radioattivi prodotti nelle 17 Aziende sanitarie della Regione nel 2007,

Dettagli

VISTA la l.r.20.3.1998;n.1 2 "Disposizioni in materia di inquinamento acustico"

VISTA la l.r.20.3.1998;n.1 2 Disposizioni in materia di inquinamento acustico REGIONE LIGURIA Deliberazione della giunta regionale n.2510 del 18/12/98 ad oggetto: Definizione degli indirizzi per la predisposizione di regolamenti comunali in materia di attività all'aperto e di attività

Dettagli

Il mondo della diagnostica per immagini ha visto il concludersi del

Il mondo della diagnostica per immagini ha visto il concludersi del DIAGNOSTICA PER IMMAGINI I controlli di qualità sui sistemi per la visualizzazione di immagini mediche: il nuovo protocollo dell Associazione Italiana di Fisica Medica Giacomo Belli U.O.C. Fisica Sanitaria,

Dettagli

Le norme di buona preparazione dei radiofarmaci in medicina nucleare

Le norme di buona preparazione dei radiofarmaci in medicina nucleare Le norme di buona preparazione dei radiofarmaci in medicina nucleare UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Materiale didattico a cura del Prof. Giovanni Lucignani e del Dr. Angelo Del Sole L impiego dei radiofarmaci

Dettagli

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati

Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Convegno ANCE - Gardacuore 98 Convegno ANCE - 12-13 Settembre 1998 Verifica di Qualità dell Assistenza Sanitaria tra procedure e risultati Plinio Pinna Pintor Paradigma di Donabedian Oggetti della Verifica

Dettagli

Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione

Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Programma Obblighi del Datore di Lavoro, Dirigenti e Preposti Attribuzioni dell Esperto Qualificato Classificazione dei Lavoratori Classificazione delle Zone Obblighi dei Lavoratori Calcolo della Dose

Dettagli

ORDINAMENTO DIDATTICO

ORDINAMENTO DIDATTICO ORDINAMENTO DIDATTICO Corso di laurea in tecniche di radiologia medica per immagini e radioterapia (abilitante alla professione di tecnico sanitario di radiologia medica) Università Classe Nome del corso

Dettagli

Avvertenza. http://old.unipr.it/arpa/spp/norme/decreto%2011%20giugno%202001%20n488.htm

Avvertenza. http://old.unipr.it/arpa/spp/norme/decreto%2011%20giugno%202001%20n488.htm Page 1 of 5 DECRETO 11 giugno 2001 n.488 Regolamento recante criteri indicativi per la valutazione dell'idoneita' dei lavoratori all'esposizione alle radiazioni ionizzanti, ai sensi dell'articolo 84, comma

Dettagli

La ricerca di standard

La ricerca di standard Pisa Odontoiatrica Roberto Trivelli Consigliere CAO Pisa - Presidente ANDI Pisa Radiologia e odontoiatria: raccomandazioni La ricerca di standard qualitativi sempre più alti nella diagnosi e nel trattamento

Dettagli

REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli

REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (DUVRI) Allegato al Capitolato Speciale

Dettagli

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm.

WORKSHOP INTERASSOCIATIVO. EFOMP Malaga Declaration: quale possibile applicazione in Italia? Danilo Aragno daragno@scamilloforlanini.rm. WORKSHOP INTERASSOCIATIVO La dimensione etica della professione nella radioprotezione e nella fisica medica 19 Giugno 2015 Università degli Studi Sapienza Roma EFOMP Malaga Declaration: quale possibile

Dettagli

IL PROFILO PROFESSIONALE DEL MEDICO DI RADIOPROTEZIONE SECONDO LA CIIP

IL PROFILO PROFESSIONALE DEL MEDICO DI RADIOPROTEZIONE SECONDO LA CIIP IL PROFILO PROFESSIONALE DEL MEDICO DI RADIOPROTEZIONE SECONDO LA CIIP Introduzione. Nelle attività di sorveglianza sanitaria dello stato di salute del lavoratore esposto a rischi professionali sono in

Dettagli

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI TRIESTE AREA SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE INFORMAZIONE PER LA POPOLAZIONE IN CASO DI SOSTA DI NAVI MILITARI A PROPULSIONE NUCLEARE Trieste, Luglio 2007 INFORMAZIONE PER LA

Dettagli

I rifiuti radioattivi: aspetti tecnico normativi del sistema regolatorio

I rifiuti radioattivi: aspetti tecnico normativi del sistema regolatorio I rifiuti radioattivi: aspetti tecnico normativi del sistema regolatorio Stefano De Crescenzo stefano.decrescenzo@unimi.it Premessa La normativa relativa alla gestione dei rifiuti radioattivi ha subito

Dettagli

Valutazione di Dose alla popolazione della Regione Veneto nell anno 2012 e criticità rilevate. Elena Bellan UOSD Fisica Sanitaria ULSS 18 - ROVIGO

Valutazione di Dose alla popolazione della Regione Veneto nell anno 2012 e criticità rilevate. Elena Bellan UOSD Fisica Sanitaria ULSS 18 - ROVIGO Valutazione di Dose alla popolazione della Regione Veneto nell anno 2012 e criticità rilevate Elena Bellan UOSD Fisica Sanitaria ULSS 18 - ROVIGO Ad estate 2012 sono state inviate le seguenti schede dalla

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dispositivi medici in rete. Normativa sui Dispositivi Medici. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A.

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dispositivi medici in rete. Normativa sui Dispositivi Medici. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016 Dispositivi medici in rete La normativa sui DM Direttiva 93/42/CEE Recepita in Italia nel 1997 (DLgs. 46 del 24/2/1997)

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Qualità e innovazione nel Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Medicina di Laboratorio di Ferrara: II edizione

Qualità e innovazione nel Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Medicina di Laboratorio di Ferrara: II edizione Qualità e innovazione nel Dipartimento di Diagnostica per Immagini e Medicina di Laboratorio di Ferrara: II edizione Aula Magna Nuovo Arcispedale S.Anna 25 Maggio 2013 1971 - Nascita c/o l Arcispedale

Dettagli

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA

IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E MEDICINA GENERALE L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E L ALLARME EBOLA: CLINICA E MANAGEMENT DELLE EPIDEMIE DEL TERZO MILLENNIO NEL SETTING DELLA MEDICINA GENERALE CORSO DI FORMAZIONE A DISTANZA IL TRIAGE TELEFONICO LA GESTIONE

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00)

Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00) Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00) Lavoratori non esposti ( All. III par 1.2 D. Lgs 241/00) Soggetti che per la loro attività, in un anno solare, non sono suscettibili di ricevere una esposizione

Dettagli

Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X.

Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X. Macchine radiogene Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X. Analogamente ad una lampadina che emette luce solamente quando

Dettagli

FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA

FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE FASCICOLO 6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA COMPLESSIVA STRUTTURE UNIVERSITARIE IL RETTORE Fabio Rugge IL RESPONSABILE SERVIZIO PREVENZIONE

Dettagli

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43 Iter e modelli per l abilitazione dell esperto qualificato in radioprotezione Giroletti E. (*), Manera S. (*), Vergine A.L. (+) (*) esperti qualificati dell Università degli Studi di Pavia (+) docente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA. Pellet radioattivo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA. Pellet radioattivo Pellet radioattivo Indagine radiometrica e considerazioni di radioprotezione Introduzione Nel mese di giugno 009, su segnalazione degli organi di stampa nazionali, è emerso il problema di presunte contaminazioni

Dettagli

MASTER DI 1 LIVELLO IN RADIOFARMACI: GESTIONE, PREPARAZIONE E ASSICURAZIONE DI QUALITA

MASTER DI 1 LIVELLO IN RADIOFARMACI: GESTIONE, PREPARAZIONE E ASSICURAZIONE DI QUALITA MASTER DI 1 LIVELLO IN RAD ASSIC Facoltà Univer Diretto F.U. Ed. XII (D.M. 30/03/2005) in vigore dal 1 luglio 2011 Sistema di Assicurazione della Qualità un RADIOFARMACO sicuro e conforme alle specifiche

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO NORME E LEGGI DI RADIOPROTEZIONE E. Richetta MASTER DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE In questo modulo saranno presentati

Dettagli

Evoluzione della diagnostica per immagini. Cos'è cambiato? Wide-area. Information Technology (Wikipedia) RIS-PACS

Evoluzione della diagnostica per immagini. Cos'è cambiato? Wide-area. Information Technology (Wikipedia) RIS-PACS Gestione informatica del dato dosimetrico e comunicazione al paziente sottoposto ad esami di diagnostica per immagini Evoluzione della diagnostica per immagini Prima... La risorsa del sistema ris-pacs

Dettagli

Dispositivi Medici Direttive

Dispositivi Medici Direttive Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Medica Dispositivi Medici Direttive La Comunità Europea (CE) Secondo gli accordi comunitari il Parlamento

Dettagli

D.Lgs. 230/1995 - art. 85

D.Lgs. 230/1995 - art. 85 UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE CDL in Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia! Sede di Padova 3 anno, 1 semestre! CRITERI DELLA SORVEGLIANZA MEDICA DELLA RADIOPROTEZIONE

Dettagli

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Luca Moro Servizio di Fisica Sanitaria, Fondazione Salvatore Maugeri - IRCCS, Pavia Il ruolo

Dettagli

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016

Sistemi informatici in ambito radiologico. Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016 Sistemi informatici in ambito radiologico Dott. Ing. Andrea Badaloni A.A. 2015-2016 Dispositivi medici in rete La normativa sui DM Direttiva 93/42/CEE Recepita in Italia nel 1997 (DLgs. 46 del 24/2/1997)

Dettagli

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie

Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Agenzia Sanitaria Regionale Area Rischio infettivo Unità Gestione Rischio e Sicurezza Come prevenire e gestire l infezione da Clostridium difficile nelle strutture sanitarie Pietro Ragni Reggio Emilia,

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli