Approvvigionamento radiofarmaci e gestione dei rifiuti. Vincenzo Rizzo AORN S G Moscati AV

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Approvvigionamento radiofarmaci e gestione dei rifiuti. Vincenzo Rizzo AORN S G Moscati AV"

Transcript

1 Approvvigionamento radiofarmaci e gestione dei rifiuti Vincenzo Rizzo AORN S G Moscati AV

2 LEGGE 31 gennaio 1983, n. 25 (Gazz. Uff. n febbraio 1983) ART.8 3) Servizio di medicina nucleare I tecnici sanitari di radiologia medica addetti ai servizi di medicina nucleare: a) prendono in consegna le sorgenti radio-attive, curando il loro carico e scarico oltre che lo smaltimento dei rifiuti radio-attivi; segnalano al preposto il movimento e la giacenza del materiale radio-attivo e provvedono alle relative registrazioni

3 Approvvigionamento AUTORIZZAZIONE ALLA DETENZIONE E ALL IMPIEGO Decreto Legislativo del Governo 17 marzo 1995 n 230 modificato dal D.Lgs. 26 maggio 2000, n. 187, dal D.Lgs. 26 maggio 2000, n. 241 dal D.Lgs. 9 maggio 2001, n. 257 dal D.Lgs. 26 marzo 2001, n.151 e dalla Legge 1 marzo 2002, n. 39 "Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 92/3/Euratom e 96/29/Euratom in materia di radiazioni ionizzanti.". 31 dicembre 1962, n e s.m.i.

4 Approvvigionamento Art. 27, 28 e 29 e allegato IX del D.L.vo 230/95 Art Nulla osta all'impiego di sorgenti di radiazioni. 1. Gli impianti, stabilimenti, istituti, reparti, gabinetti medici,laboratori, adibiti ad attività comportanti, a qualsiasi titolo, la detenzione,l'utilizzazione, la manipolazione di materie radioattive, prodotti, apparecchiature in genere contenenti dette materie, il trattamento, il deposito e l'eventuale smaltimento nell'ambiente di rifiuti nonché l'utilizzazione di apparecchi generatori di radiazioni ionizzanti, debbono essere muniti di nulla osta preventivo secondo quanto stabilito nel presente capo. Le attività di cui al presente comma sono tutte di seguito indicate come impiego di sorgenti di radiazioni ionizzanti.

5 Approvvigionamento NULLA OSTA CATEGORIA A CATEGORIA B La differenziazione fra le due categorie è legata alla concentrazione delle materie radioattive che si intende manipolare e detenere nel corso di un intero anno solare o all impiego di acceleratori di particelle con una produzione di neutroni superiore a 107 n/s. Art. 27, 28 e 29 e allegato IX del D.L.vo 230/95

6 Art Impiego di categoria A. 1. L'impiego di categoria A è soggetto a nulla osta preventivo da parte del Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato di concerto con i Ministeri dell'ambiente, dell'interno, del lavoro e della previdenza sociale, della sanità sentite l'anpa e le regioni territorialmente competenti, in relazione all'ubicazione delle installazioni, all'idoneità dei locali, delle strutture di radioprotezione, delle modalità di esercizio, delle attrezzature e della qualificazione del personale addetto, alle conseguenze di eventuali incidenti nonché delle modalità dell'eventuale allontanamento o smaltimento nell'ambiente dei rifiuti radioattivi. Copia del nulla osta è inviata dal Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato ai ministeri concertanti, al presidente della regione o provincia autonoma interessata, al sindaco, al prefetto, al comando provinciale dei vigili del fuoco competenti per territorio e all'anpa. 2. Nel nulla osta possono essere stabilite particolari prescrizioni per gli aspetti connessi alla costruzione, per le prove e per l'esercizio, nonché per l'eventuale disattivazione degli impianti AUTORITA CENTRALI

7 Art Impiego di categoria B. 1. L'impiego di categoria B è soggetto a nulla osta preventivo in relazione all'idoneità dell'ubicazione dei locali, dei mezzi i radioprotezione, delle modalità di esercizio, delle attrezzature e della qualificazione del personale addetto, alle conseguenze di eventuali incidenti nonché delle modalità dell'eventuale allontanamento o smaltimento nell'ambiente di rifiuti radioattivi. 2. Con leggi delle regioni e delle province autonome, da emanarsi entro centottanta giorni dall'entrata in vigore del decreto di cui all'articolo 27, sono stabilite le autorità competenti per il rilascio del nulla osta di cui al comma 1, per le attività comportanti esposizioni a scopo medico, nonché le modalità per il rilascio medesimo, e sono individuati o costituiti gli organismi tecnici da consultare ai fini del rilascio di detto nulla osta; i tali organismi debbono essere rappresentate le competenze necessarie, inclusa quella del Comando provinciale dei vigili del fuoco. Negli altri casi il nulla osta è rilasciato dal prefetto, sentiti i competenti organismi tecnici, tra i quali il Comando provinciale dei vigili del fuoco. Copia del nulla osta vene inviata all'anpa. 3. Nel nulla osta, rilasciato sulla base della documentazione tecnica presentata, possono essere stabilite particolari prescrizioni, per le prove e per l'esercizio. Autorità locali: più precisamente dalle Regioni e Province Autonome, o da enti da esse delegati.

8 ALLEGATO IX Determinazione, ai sensi dell articolo 27, comma 2 del presente decreto, delle condizioni per la classificazione in Categoria A ed in Categoria B dell'impiego delle sorgenti di radiazioni, delle condizioni per l'esenzione dal nulla osta e delle modalità per il rilascio e la revoca del nullaosta.

9 CATEGORIA A CATEGORIA B

10 Medicina Nucleare semplificare + CATEGORIA B Libro Bianco della Medicina Nucleare

11 Medicina Nucleare semplificare + CATEGORIA A Libro Bianco della Medicina Nucleare

12 Elenco dei radioisotopi autorizzati Esperto Qualificato

13 Aspetti Burocratici SSN GARE

14

15 Aspetti Burocratici GARA DI ACQUISTO consegna Reparto Farmacia Ufficio acquisti

16 Aspetti Burocratici GARA DI ACQUISTO Consegna e fattura

17 GESTIONE DEL MAGAZZINO E DELLE MATERIE PRIME NBP Istruzioni operative approvvigionamento ricevimento accettazione approvazione conservazione

18 GESTIONE DEL MAGAZZINO E DELLE MATERIE PRIME TSRM Kit freddi generatori Prodotti pronti all uso Conformità ordine Integrità delle confezioni Data di scadenza Particolari necessità di stoccaggio pet

19 Carico/Scarico Art. 22 Detenzione di sorgenti di radiazioni ionizzanti 1. Ferme restando le disposizioni di cui all'articolo 3 della legge 31 dicembre 1962, n. 1860, e successive modificazioni e integrazioni, chiunque detiene a qualsiasi titolo sorgenti di radiazioni, ivi comprese le macchine radiogene, deve farne denuncia entro dieci giorni agli organi del Servizio sanitario nazionale competenti per territorio, al Comando provinciale dei vigili del fuoco e all'anpa, nonchè, ove di loro competenza, all'ispettorato del lavoro, al Comandante di porto e all'ufficio di sanità marittima, indicando i mezzi di protezione posti in atto. 2. Le disposizioni di cui al comma 1 non si applicano: a) ai combustibili nucleari e alle materie fissili speciali, utilizzati o destinati ad impianti di cui al capo VII, ancorchè in corso di trasporto; b) alle sorgenti di radiazioni trasportate, nonchè a quelle depositate nel corso del trasporto per un periodo non superiore a dieci giorni; c) alle materie radioattive estratte nel corso delle lavorazioni minerarie, depositate nell'area oggetto del permesso di ricerca o della concessione della coltivazione. 3. I detentori delle sorgenti di cui al comma 1 devono provvedere alla registrazione delle sorgenti detenute, con le indicazioni della presa in carico e dello scarico delle stesse, per decadimento, per smaltimento nell'ambiente o conferimento di rifiuti e comunque per cessazione della detenzione. 4. Con decreto del Ministro della sanità, di concerto con i Ministri dell'ambiente, dell'industria, del commercio e dell'artigianato, del lavoro e della previdenza sociale e dell'interno, sentita l'anpa, sono stabiliti i modi, le condizioni e le quantità ai fini della denuncia di materie radioattive, i modi e le caratteristiche ai fini della denuncia delle macchine radiogene e le modalità di registrazione.

20 Carico - la data di arrivo del radionuclide; - il tipo di radionuclide; - l attività del radionuclide; - la descrizione del radiofarmaco

21 GESTIONE DEL MAGAZZINO E DELLE MATERIE PRIME

22

23 Scarico

24 Scarico

25 Scarico

26 Scarico

27 Gestione dei rifiuti radioattivi

28 Rifiuti Radioattivi Materiali di scarto, in forma solida, liquida o gassosa, ancorchè contenuti in apparecchiature o dispositivi, che contengono o sono contaminati da radionuclidi, la cui concentrazione o attività specifica e maggiore dei valori soglia definiti dalla normativa e per i quali non e previsto alcun ulteriore uso, riciclo o riutilizzazione.

29 Riferimenti Normativi D.Lgs. 230/95 e s.m.i., D.Lgs. 187/2000. Leggi regionali.

30 Agenzia internazionale dell energia atomica (AIEA) classificazione

31 Guida Tecnica 26 ENEA Prima categoria: in questa categoria sono classificati i rifiuti radioattivi che, per decadere a concentrazioni di radioattività di trascurabile rilevanza (ordine delle centinaia Bq/g), richiedono tempi dell ordine di mesi, sino ad un tempo di migliaia di anni. Questi rifiuti provengono essenzialmente dagli impieghi medici, industriali e di ricerca, che utilizzano generalmente radionuclidi caratterizzati da tempi di decadimento relativamente brevi (tranne alcuni casi specifici quali quelli del 3H e del 14C) e, nella maggior parte dei casi, inferiori ai 2 mesi.

32 Guida Tecnica 26 ENEA Seconda categoria: appartengono a questa categoria i rifiuti che richiedono tempi variabili da qualche decina fino ad alcune centinaia di anni per raggiungere concentrazioni di radioattività di trascurabile rilevanza (ordine delle centinaia di Bq/g). Questi rifiuti, che necessitano di tempi di confinamento più lunghi dei precedenti, derivano da impianti nucleari e da particolari impieghi medici, industriali e di ricerca.

33 Guida Tecnica 26 ENEA Terza categoria: rientrano in questa categoria i rifiuti che richiedono tempi di confinamento di alcuni migliaia di anni per raggiungere concentrazioni dell ordine di alcune centinaia di Bq/g. In particolare si tratta delle scorie provenienti dagli impianti di trattamento del combustibile irraggiato, dagli impianti di fabbricazione degli elementi dei combustibile e dei rifiuti contenti emettitori alfa provenienti da laboratori di ricerca scientifica.

34 Classificazione Rifiuti radioattivi di origine sanitaria appartengono in genere alla prima categoria

35 articolo 154 d. l. 17 marzo 1995, n. 230 condizioni per lo smaltimento dei rifiuti radioattivi, in funzione del tempo di decadimento e della concentrazione in attività Isotopi utilizzati in Medicina Nucleare T/2<75gg

36 Schema semplificato delle modalità con le quali i rifiuti radioattivi prodotti nelle strutture ospedaliere possono raggiungere le persone del pubblico.

37 Obiettivi della gestione dei rifiuti sanitari radioattivi derivanti da attività sanitarie Obiettivo principale per ciascun esercente è una gestione ottimizzata della/e pratica/che sanitarie comportante/i l impiego di sostanze radioattive, che consenta da un lato di limitare la produzione di rifiuti radioattivi alla fonte, dall altro di contenerne l immissione in ambiente per quanto ragionevolmente ottenibile nel rispetto dei limiti prescritti nell atto autorizzativo e, ogni qualvolta applicabile, del criterio della non rilevanza radiologica.

38 Medicina Nucleare rifiuti solidi costituiti da flaconi con residui di soluzioni, fiale, aghi, siringhe, guanti monouso, ovatta; escreti dei pazienti, convogliati negli impianti a scarico controllato e distinguibili in liquidi e solidi, ovvero i fanghi presenti nelle fosse Imhoff; generatori di Tc99m costituiti dagli involucri in piombo delle colonne di molibdeno esaurite;

39 rifiuti solidi costituiti da flaconi con residui di soluzioni, aghi, siringhe, guanti monouso, ovatta; tecneziati Differenti energie Diversi T/2 pet fiale,

40 Camera Calda I 131 In 111 Tl 201 Tc99m

41 Caratteristiche dei fusti fusti in acciaio, della capacita di circa 60 litri, contenenti un sacco in polietilene coperchio con chiusura a cravatta taniche in polietilene coperchio con chiusura a cravatta rifiuti a rischio infettivo

42 Smaltimento Fusti ESENZIONE T/2<75 gg C<1bq/g spettrometro Fisica Sanitaria Data ultimo versamento Procedure scritte nel manuale di qualità

43 Discarica sistema radiometrico

44 Smaltimento Fusti T/2<75 gg C<1bq/g Decadimento e successivo smaltimento in esenzione Mancanza di locali idonei allo stoccaggio spettrometro T/2 270gg Ditte autorizzate

45 Smaltimento Fusti T/2<75 gg C<1bq/g Ditte autorizzate

46 Smaltimento Fusti

47 Smaltimento Fusti

48 Smaltimento Fusti costi ESENZIONE 0,60 Euro/kg 6 Euro 10kg Ditte autorizzate

49 Smaltimento Fusti costi

50 Deposito ospedaliero stoccaggio Deve garantire: la protezione dagli agenti meteorici e dall allagamento; la prevenzione e protezione dall incendio; l accesso regolamentato; la pavimentazione e le pareti lavabili e facilmente decontaminabili; la disponibilità di materiale per eventuale decontaminazione; un sistema in grado di impedire la dispersione all esterno di eventuali liquidi contaminati, come lo zoccolo rialzato in ingresso, il pavimento inclinato in modo da convogliare eventuali liquidi di spargimento in un unico punto di raccolta e il pozzetto di raccolta; una cubatura idonea alla quantità di rifiuti prodotti, che devono essere facilmente ispezionabili e raggiungibili; un opportuno ricambio d aria

51 escreti dei pazienti decreto del Presidente della Repubblica 14 gennaio 1997 requisiti minimi strutturali e impiantistici presso i reparti di medicina nucleare e di radioterapia metabolica è obbligatoria presenza di servizi igienici collegati a un sistema di vasche a scarico controllato un sistema di raccolta e monitoraggio degli effluenti per lo scarico dei rifiuti liquidi radioattivi collegato con il servizio igienico destinato agli utenti iniettati con radio farmaci e alla doccia zona filtro raggiungimento della concentrazione di 1 Bq/g prima del suo svuotamento in fogna in esenzione

52 Scarico controllato Separazione solido/liquido Raccolta liquido

53

54 Gestione in remoto

55 Gestione in remoto

56 Gestione in remoto

57 misura

58 Gestione in remoto

59 Registro scarichi

60 Taratura strumento di misura Ogni manutenzione

61 Svuotamento vasche Imhoff Data ultimo versamento Esperto Qualificato spettrometro

62 Generatori di Tc99m Riconsegna alla ditta fornitrice Attività residua Indice di trasporto

63 Generatore esaurito colli esenti: nessuna caratteristica di resistenza o obblighi di prove classe 7: qualsiasi materiale contenente radionuclidi UN MATERIALI RADIOATTIVI, COLLI ESENTI QUANTITA LIMITATE L'intensità d'irraggiamento in ogni punto della superficie esterna di un collo esente non deve essere superiore a 5 μsv/h.

64 Bolla consegna generatore Med. Nucleare Moscati Avellino Lotti: 7743/7756/7768/ GBq 16 gg 17 gg 0,71 < 0,6 Trasport index 0,0 excepted

65

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE

I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE Ufficio Stampa I SISTEMI DI RADIOPROTEZIONE NELLA STRUTTURA DI MEDICINA NUCLEARE VALUTAZIONE DEL RISCHIO E STRATEGIE PER RIDURLO In generale, la somministrazione di materiale radioattivo a pazienti sottoposti

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45. (15A06407)

Dettagli

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI

1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI 1 - IL REGIME AUTORIZZATIVO PER LE INSTALLAZIONI CHE IMPIEGANO RADIAZIONI IONIZZANTI La normativa di riferimento in materia di protezione contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti è rappresentato

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei Ing. Esperto Qualificato grado III Gestione e smaltimento dei. Obiettivi Fornire il tessuto regolatorio per la Gestione dei Rifiuti Radioattivi Fornire le linee guida base per una corretta

Dettagli

RIFIUTI RADIOATTIVI. Servizio di Fisica Sanitaria AOU di Parma. Comacchio, 23 ottobre 2009

RIFIUTI RADIOATTIVI. Servizio di Fisica Sanitaria AOU di Parma. Comacchio, 23 ottobre 2009 RIFIUTI RADIOATTIVI Servizio di Fisica Sanitaria AOU di Parma Comacchio, 23 ottobre 2009 Quadro conoscitivo Indagine sui rifiuti radioattivi prodotti nelle 17 Aziende sanitarie della Regione nel 2007,

Dettagli

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi

Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi CONVEGNO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi Piacenza 6 Dicembre 2005 Attività delle ARPA/APPA in materia di rifiuti radioattivi Flavio Trotti, Elena Caldognetto (ARPA Veneto) Rosella

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini

Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini Organizzazione della radioprotezione Dott.ssa Alessandra Bernardini 1 Compiti e responsabilità L organizzazione della radioprotezione è strutturata in modo da distribuire alle varie figure di riferimento

Dettagli

MINISTERO DELL'INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO CIRCOLARE 26 maggio 1997, n. 244/F.

MINISTERO DELL'INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO CIRCOLARE 26 maggio 1997, n. 244/F. MINISTERO DELL'INDUSTRIA DEL COMMERCIO E DELL'ARTIGIANATO CIRCOLARE 26 maggio 1997, n. 244/F. Disposizioni amministrative relative alla autorizzazione per la effettuazione dei trasporti stradali di materie

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI IONIZZANTI OBIETTIVI Determinare la presenza di materie radioattive e di macchine generatrici di radiazioni ionizzanti Sorvegliare l esposizione della popolazione a radionuclidi presenti in matrici ambientali Proteggere

Dettagli

DEPOSITO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI CIRCOLAZIONE E DIVIETI

DEPOSITO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI CIRCOLAZIONE E DIVIETI DEPOSITO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI RADIOATTIVI CIRCOLAZIONE E DIVIETI I IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE Definizioni D. lgs. 230/95 art. 4 i) rifiuti radioattivi: qualsiasi materia radioattiva, ancorché contenuta

Dettagli

In tabella sono indicate le diverse fasi relative al corretto confezionamento e conferimento dei fusti contenenti rifiuti radioattivi

In tabella sono indicate le diverse fasi relative al corretto confezionamento e conferimento dei fusti contenenti rifiuti radioattivi 1. OGGETTO E SCOPO Scopo di questa procedura è descrivere le responsabilità e le modalità di corretto confezionamento/conferimento rifiuti radioattivi per loro smaltimento, nel rispetto del D. Lgs. 230/95

Dettagli

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA.

1. IL PREPOSTO NON DEVE ADIBIRE I LAVORATORI ALLE PRATICHE CHE IMPLICANO L USO DI RADIAZIONI IONIZZANTI PRIMA DELLA CONCLUSIONE DI QUESTA PROCEDURA. PU_O6 TITOLO: PROCEDURA di AVVIAMENTO DI LAVORATORE ESPOSTO: CLASSIFICAZIONE, SORVEGLIANZA DOSIMETRICA, VISITA MEDICA PREVENTIVA, FORMAZIONE FINALIZZATA ALLA RADIOPROTEZIONE, MEZZI DI PROTEZIONE. Codice

Dettagli

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO

Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Rifiuti radioattivi derivanti da situazioni incidentali relative alla fusione di sorgenti orfane. Ing. Pietro Bitonti APAT Ing. Sandro Rizzo NUCLECO Produzione, gestione e confinamento dei rifiuti radioattivi

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica

Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 17 Senato della Repubblica stabilite le condizioni necessarie affinché l autorizzazione possa essere concessa: si tratta esattamente dei due criteri per i quali la direttiva europea

Dettagli

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario ATTO CAMERA RISOLUZIONE IN COMMISSIONE CONCLUSIVA DI DIBATTITO 8/00032 Dati di presentazione dell'atto Legislatura: 17 Seduta di annuncio: del / / Firmatari Primo firmatario: BENAMATI GIANLUCA Gruppo:

Dettagli

Struttura Complessa Fisica Sanitaria

Struttura Complessa Fisica Sanitaria Struttura Complessa Fisica Sanitaria DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI Direttore: prof.ssa Maria Assunta Cova STRUTTURA COMPLESSA DI FISICA SANITARIA Direttore: dott. Mario

Dettagli

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti

Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/08 connessi con la Radioprotezione dalle radiazioni ionizzanti Luca Moro Servizio di Fisica Sanitaria, Fondazione Salvatore Maugeri - IRCCS, Pavia Il ruolo

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

Ai Direttori Generali - D.G. "Servizi di pubblica utilità" - D.G. "Qualità dell ambiente"

Ai Direttori Generali - D.G. Servizi di pubblica utilità - D.G. Qualità dell ambiente Giunta Regionale Direzione Generale Sanità Data: Protocollo: Ai Direttori Generali delle ASL e delle Aziende Ospedaliere Ai Commissari degli IRCCS di diritto pubblico Ai Legali Rappresentanti degli IRCCS

Dettagli

VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA

VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA M.Magnoni, S.Bertino, F.Righino, M.Ghione, M.C.Losana, E.Chiaberto,

Dettagli

Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X.

Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X. Macchine radiogene Le macchine radiogene sono apparecchiature in grado di produrre ed emettere radiazioni ionizzanti, tipicamente raggi X. Analogamente ad una lampadina che emette luce solamente quando

Dettagli

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi di Giancarlo Bolognini* In tutto il mondo sono state a oggi costruite e messe in funzione oltre 500 centrali nucleari; la maggior parte di esse

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma

Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma Azienda Ospedaliera Policlinico di Tor Vergata - Roma Corso di formazione obbligatoria sulla sicurezza e salute sui luoghi di lavoro La sicurezza ed il lavoro con le Radiazioni Ionizzanti (Art. 22, D.Lgs.

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: RAVENNA

Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: RAVENNA Formazione obbligatoria in materia di Radioprotezione: RAVENNA Dott. Pier Luca Rossi U.O. Fisica Sanitaria Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Viale Berti Pichat 6/2 QUADRO NORMATIVO PRATICHE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Corso di formazione per i Rappresentanti del Lavoratori per la sicurezza eireferentiperlaprevenzione e sicurezza dei dipartimenti SICUREZZA AMBIENTE IENE IG SERVIZI INTEGRATI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Vista la legge 5 febbraio 1999, n. 25, ed in particolare, l'articolo 19;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Vista la legge 5 febbraio 1999, n. 25, ed in particolare, l'articolo 19; DECRETO LEGISLATIVO 26 maggio 2000, n. 241 - Attuazione della direttiva 96/29/EURATOM in materia di protezione sanitaria della popolazione e dei lavoratori contro i rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti.

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI GUIDA TECNICA N. 26 GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI I. INTRODUZIONE I.1 Premessa I principi fondamentali a cui si deve far riferimento per la gestione dei rifiuti radioattivi sono quelli della protezione

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei rifiuti radioattivi Università degli Studi di Cagliari Servizio di Fisica Sanitaria e Radioprotezione Come smaltire rifiuti contaminati da sostanze radioattive? Per la legge i rifiuti si distinguono

Dettagli

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze

IL RISCHIO NUCLEARE. Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze IL RISCHIO NUCLEARE Il rischio nucleare deriva dalla propagazione di radiazioni ionizzanti nell'aria, emanate da sostanze radioattive o in seguito a esplosioni di centrali o armi nucleari. L'esposizione

Dettagli

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013

Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 1 Radioattività e rilevazioni radiometriche, metodologie e normativa 2013 Dr. Gabriele Galassi gabrielegalassi@gmail.com Ing. Francesco Pastremoli francesco.pastremoli@techno-hse.com GENERALITA SULLE RADIAZIONI

Dettagli

Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00)

Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00) Definizioni ( art.4 comma 2 D.Lgs 241/00) Lavoratori non esposti ( All. III par 1.2 D. Lgs 241/00) Soggetti che per la loro attività, in un anno solare, non sono suscettibili di ricevere una esposizione

Dettagli

DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti

DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti DIPARTIMENTO RADIAZIONI Struttura Semplice 21.01 Radiazioni ionizzanti TITOLO Smaltimento e risanamento del deposito di rifiuti radioattivi ex Controlsonic di Tortona Relazione tecnica n. 573/IR Redazione

Dettagli

SUI CARICHI DI RIFIUTI IN INGRESSO ALL'IMPIANTO

SUI CARICHI DI RIFIUTI IN INGRESSO ALL'IMPIANTO 'ISTRUZIONE OPERATIVA PER IL CONTROLLO DELLA RADIOATTIVITA' SUI CARICHI DI RIFIUTI IN INGRESSO ALL'IMPIANTO 01. SCOPO DELLA PRESENTE PROCEDURA 02. CONTROLLO DEI CARICHI IN INGRESSOED IN USCITA DALLO STABILIMENTO

Dettagli

SORGENTI ORFANE. Massimo Garavaglia Concettina Giovani ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito - Fisica ambientale

SORGENTI ORFANE. Massimo Garavaglia Concettina Giovani ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito - Fisica ambientale AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 198 SORGENTI ORFANE Sorgenti radiologiche o materiali radioattivi possono essere rinvenuti nei rottami metallici o nei rifiuti urbani. ARPA FVG è fortemente impegnata

Dettagli

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Genova

Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Genova Area 5 Protezione Civile PIANO DI INTERVENTO PER LA MESSA IN SICUREZZA IN CASO DI RINVENIMENTO O DI SOSPETTO DI PRESENZA DI SORGENTI ORFANE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI GENOVA Versione 1.5 Data 10/08/2012

Dettagli

Nota al titolo: - Il testo dell'art. 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, è riportato nelle note alle premesse.

Nota al titolo: - Il testo dell'art. 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, è riportato nelle note alle premesse. D.M. n 388/03, Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale,in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni G.U.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 Testo non ufficiale del D.Lgs. 230/95, come modificato da: D.Lgs. 187/00, D.Lgs. 241/00, Avviso di rettifica ed errata corrige G.U. 23/3/01, D.Lgs. 257/01 (senza gli allegati) DECRETO-LEGGE 17 marzo

Dettagli

Breve excursus sulla recente normativa in materia di energia nucleare

Breve excursus sulla recente normativa in materia di energia nucleare Francesca Scardina Università di Palermo f.scardina@libero.it Data di pubblicazione: 21 dicembre Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente Francesca Scardina Breve excursus sulla

Dettagli

I rifiuti radioattivi in ambito sanitario. Ghetti Caterina SFS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

I rifiuti radioattivi in ambito sanitario. Ghetti Caterina SFS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma I rifiuti radioattivi in ambito sanitario Ghetti Caterina SFS Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma Dlgs. 230/95 e s.m.i Guida Tecnica ENEA 26 1987 IAEA safety series Quadro di riferimento NCRP Report

Dettagli

LEGGE 26 FEBBRAIO 1999 n. 42

LEGGE 26 FEBBRAIO 1999 n. 42 LEGGE 26 FEBBRAIO 1999 n. 42 Disposizioni in materia di professioni sanitarie. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE della REPUBBLICA PROMULGA la seguente

Dettagli

1 Congresso Nazionale Roma 2 Dicembre 2011 Auditorium ISPRA. Giacomo Zambelli. 1 Congresso Nazionale Roma 2 Dicembre 2011 Auditorium ISPRA

1 Congresso Nazionale Roma 2 Dicembre 2011 Auditorium ISPRA. Giacomo Zambelli. 1 Congresso Nazionale Roma 2 Dicembre 2011 Auditorium ISPRA 1 Congresso Nazionale Roma 2 Dicembre 2011 Auditorium ISPRA Presenza di materiale contaminato da radionuclidi nei rifiuti urbani Monitoraggio e gestione del contenuti di radionuclidi naturali (NORM/TENORM)

Dettagli

Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 209

Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 209 Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 209 "Attuazione della direttiva 96/59/CE relativa allo smaltimento dei policlorodifenili e dei policlorotrifenili" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 151 del

Dettagli

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici

Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici Esperienze di gestione RAEE sulla base del rapporto costi/benefici -Esempio di classificazione delle apparecchiature da smaltire - Esempio di organizzazione del servizio di smaltimento - Costi del servizio

Dettagli

SPEDIRE MATERIALE RADIOATTIVO. di Franco CIOCE

SPEDIRE MATERIALE RADIOATTIVO. di Franco CIOCE SPEDIRE MATERIALE RADIOATTIVO. di Franco CIOCE Consulente ADR per il trasporto di merci pericolose Esperto Qualificato - Università degli Studi della Tuscia di Viterbo Premessa La scelta di utilizzare

Dettagli

DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 - Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto

DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 - Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto DECRETO 15 luglio 2003, n. 388 - Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive

Dettagli

Decreto del Presidente della Giunta Regionale 7 aprile 2003, n. 6/R Regolamento regionale delle Attività di solarium.

Decreto del Presidente della Giunta Regionale 7 aprile 2003, n. 6/R Regolamento regionale delle Attività di solarium. - ART. 3 - NOTIFICA ART. 4 - REGISTRO ART. 5 - MANUALE D USO ART. 6 - NOTA INFORMATIVA ART. 7 - SCHEDA INDIVIDUALE ART. 8 - APPARECCHIATURE UV DI TIPO 4 ART. 9 - REQUISITI IGIENICO SANITARI DELL ESER-

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi. RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI Origine, prevenzione dai rischi e impieghi RADIAZIONI IONIZZANTI e rischi connessi 2 La struttura dell atomo nucleo elettrone protone neutrone 3 Numero di protoni (e di elettroni)

Dettagli

"Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 92/3/Euratom e 96/29/Euratom in materia di radiazioni ionizzanti.".

Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 92/3/Euratom e 96/29/Euratom in materia di radiazioni ionizzanti.. Decreto Legislativo del Governo 17 marzo 1995 n 230 modificato dal D.Lgs. 26 maggio 2000, n. 187, dal D.Lgs. 26 maggio 2000, n. 241 dal D.Lgs. 9 maggio 2001, n. 257 dal D.Lgs. 26 marzo 2001, n.151 e dalla

Dettagli

MASTER DI 1 LIVELLO IN RADIOFARMACI: GESTIONE, PREPARAZIONE E ASSICURAZIONE DI QUALITA

MASTER DI 1 LIVELLO IN RADIOFARMACI: GESTIONE, PREPARAZIONE E ASSICURAZIONE DI QUALITA MASTER DI 1 LIVELLO IN RAD ASSIC Facoltà Univer Diretto F.U. Ed. XII (D.M. 30/03/2005) in vigore dal 1 luglio 2011 Sistema di Assicurazione della Qualità un RADIOFARMACO sicuro e conforme alle specifiche

Dettagli

Revisione Data ------14/07/2009--------

Revisione Data ------14/07/2009-------- CONTRATTO DI APPALTO O CONTRATTO D OPERA PRIMA INFORMAZIONE sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui l appaltatore è destinato a operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate,

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino Prefettura di Avellino Ufficio Territoriale del Governo Area V Protezione Civile Difesa Civile e Coordinamento del Soccorso Pubblico Piano di intervento per la messa in sicurezza in caso di rinvenimento

Dettagli

Amianto: La sicurezza nei cantieri e nelle operazioni di bonifica

Amianto: La sicurezza nei cantieri e nelle operazioni di bonifica Amianto: La sicurezza nei cantieri e nelle operazioni di bonifica Programma del Modulo Didattico La sicurezza nei Cantieri e nelle operazioni di Bonifica Allestimento del cantiere e realizzazione del confinamento;

Dettagli

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria

Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 8.25 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Fisica Sanitaria 1 Premessa Nell ambito dell Azienda Sanitaria il Servizio di Fisica Sanitaria è una struttura che svolge attività specialistiche

Dettagli

SEZIONE AMIANTO - METODI DI GESTIONE CAMPIONAMENTO

SEZIONE AMIANTO - METODI DI GESTIONE CAMPIONAMENTO CAMPIONAMENTO Per valutare la quantità di fibre aerodisperse nell ambiente circostante i materiali MCA si deve fare ricorso a: Preliminare valutazione visiva delle condizioni generali di friabilità dei

Dettagli

1 of 45 08/04/2007 19.50

1 of 45 08/04/2007 19.50 Organo: Presidenza della Repubblica Documento: Decreto del 13 febbraio 1964, n. 185 (G.U. n. 95 del 16 aprile 1964 - Suppl. Ord.). Oggetto: Sicurezza degli impianti e protezione sanitaria dei lavoratori

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO. REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE Decreto Legislativo 17.3.1995 n. 230. (approvato con DR n. 181607 del 3.3.

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO. REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE Decreto Legislativo 17.3.1995 n. 230. (approvato con DR n. 181607 del 3.3. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE Decreto Legislativo 17.3.1995 n. 230 (approvato con DR n. 181607 del 3.3.1998) Elaborazione a cura dell Ufficio del Servizio Prevenzione e

Dettagli

Dm MinAmbiente 11 ottobre 2001 (utilizzo dei trasformatori contenenti PCB)

Dm MinAmbiente 11 ottobre 2001 (utilizzo dei trasformatori contenenti PCB) Dm MinAmbiente 11 ottobre 2001 (utilizzo dei trasformatori contenenti PCB) Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio Decreto 11 ottobre 2001 (Gazzetta ufficiale 2 novembre 2001 n. 255) Condizioni

Dettagli

Condizioni per l'utilizzo dei trasformatori contenenti PCB in attesa della decontaminazione o dello smaltimento (G.U. n. 255 del 2 novembre 2001)

Condizioni per l'utilizzo dei trasformatori contenenti PCB in attesa della decontaminazione o dello smaltimento (G.U. n. 255 del 2 novembre 2001) DECRETO MINISTERIALE 11 ottobre 2001 Condizioni per l'utilizzo dei trasformatori contenenti PCB in attesa della decontaminazione o dello smaltimento (G.U. n. 255 del 2 novembre 2001) IL MINISTRO DELL'AMBIENTE

Dettagli

Indicazioni per l elaborazione della

Indicazioni per l elaborazione della Indicazioni per l elaborazione della Pianificazione provinciale di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili 31 12-2010 2 1 SCOPO DEL DOCUMENTO Lo scopo del presente documento è fornire

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA IO01

ISTRUZIONE OPERATIVA IO01 ISTRUZIONE OPERATIVA IO01 Controllllo delllla radiioattiiviità 'ISTRUZIONE OPERATIVA PER IL CONTROLLO DELLA RADIOATTIVITA' SUI CARICHI DI RIFIUTI IN INGRESSO E USCITA ALL'IMPIANTO INDICE 01. SCOPO DELLA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R.

SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA DI NUOVI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI, AMPLIAMENTI DI LOCALI E/O IMPIANTI GIA ESISTENTI ( EX ART. 48 D.P.R. UNITA SANITARIA LOCALE PESCARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Ufficio Tutela della Salute nei Luoghi di Lavoro Via Paolini, 45 Pescara - 085 4253401/5/6/7 Penne - 085 8276319 Alanno-Popoli 085 8542995 SCHEDA

Dettagli

Vigente al: 10-4-2014 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Vigente al: 10-4-2014 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2014, n. 45 Attuazione della direttiva 2011/70/EURATOM, che istituisce un quadro comunitario per la gestione responsabile e sicura del combustibile nucleare esaurito e dei rifiuti

Dettagli

REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli

REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (DUVRI) Allegato al Capitolato Speciale

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 13 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2014, n. 45 Attuazione della direttiva 2011/70/EURATOM, che istituisce un quadro comunitario per la gestione responsabile e sicura del combustibile nucleare esaurito

Dettagli

TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE

TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE TITOLO VIII - VIGILANZA SULLE ATTIVITÀ SANITARIE IN MATERIA DI IGIENE, SANITÀ PUBBLICA E TUTELA AMBIENTALE CAPO I - ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE, DELLE PROFESSIONI SANITARIE AUSILIARIE Art. 189

Dettagli

AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI

AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI ALLEGATO 2 AUTORIZZAZIONE DEGLI STUDI PROFESSIONALI MEDICI ED ODONTOIATRICI INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELL ELENCO DEI DOCUMENTI Contenuto: 1. indicazioni generali, 2. elenco dei requisiti che prevedono

Dettagli

Unità Operativa di Fisica Sanitaria (già Radioprotezione Fisica)

Unità Operativa di Fisica Sanitaria (già Radioprotezione Fisica) Azienda Ospedaliero - Universitaria Consorziale Policlinico di Bari Unità Operativa di Fisica Sanitaria (già Radioprotezione Fisica) J Presentazione L Unità Operativa di Fisica Sanitaria svolge nell ambito

Dettagli

Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009

Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009 Il trasporto del combustibile nucleare irraggiato dalla centrale di Caorso al centro di riprocessamento di La Hague. Ruolo di ARPA Emilia Romagna ed aspetti di radioprotezione R. Sogni, L. Gaidolfi, A.

Dettagli

AMETEK srl Divisione AMT ECOFORUM RAEE San Donato Milanese, 28 aprile 2009

AMETEK srl Divisione AMT ECOFORUM RAEE San Donato Milanese, 28 aprile 2009 AMETEK srl Divisione AMT ECOFORUM RAEE San Donato Milanese, 28 aprile 2009 Radioattività nei rottami elettronici e metallici Legislazione vigente Prodotti AMT per l identificazione della radioattività

Dettagli

Il sottoscritto. Titolare della Ditta. Legale Rappresentante della Ditta con sede legale nel Comune di località Via...n... CAP.Prov...

Il sottoscritto. Titolare della Ditta. Legale Rappresentante della Ditta con sede legale nel Comune di località Via...n... CAP.Prov... A.O.O. Provincia di Roma Servizi di Tutela Ambientale Anno Classificazione Fascicolo.. N.. DATA. Modello I-5bis (Provincia Modello_E-bis Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di Civitavecchia

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE:

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE: PRINCIPALI ASPETTI ED ELEMENTI DI CONOSCENZA TERRITORIALE Daniela de Bartolo Settore Aria ed Agenti Fisici U.O. Agenti Fisici ed Energia ARPA Lombardia Sede Centrale Viale

Dettagli

Prefettura di Avellino

Prefettura di Avellino Prefettura di Avellino Ufficio Territoriale del Governo Area V Protezione Civile Difesa Civile e Coordinamento del Soccorso Pubblico Piano di intervento per emergenza esterna in caso di rilascio di radioisotopi

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali

PROVINCIA DI VERONA SETTORE ECOLOGIA Servizio Gestione Rifiuti U.O. Rifiuti Speciali Oggetto: Rinnovo dell autorizzazione all esercizio dell impianto di recupero di proprietà della Ditta Benassuti Rottami S.a.s., sito in Località Pigno del Comune di Sommacampagna (Vr) e contestuale presa

Dettagli

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM)

Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina. F. Paolo Gentile FISICA MEDICA. Canale Monterano (RM) F. Paolo Gentile Canale Monterano (RM) FISICA MEDICA Applicazione dei principi e delle metodologie della Fisica alla medicina 1 Chi è il Fisico medico? Il Fisico medico è una figura professionale che applica

Dettagli

(Pubblicato sulla GUSG n. 95 del 24 aprile 2007) DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n.52

(Pubblicato sulla GUSG n. 95 del 24 aprile 2007) DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n.52 (Pubblicato sulla GUSG n. 95 del 24 aprile 2007) DECRETO LEGISLATIVO 6 febbraio 2007, n.52 Attuazione della direttiva 2003/122/CE Euratom sul controllo delle sorgenti radioattive sigillate ad alta attivita'

Dettagli

La gestione dei rifiuti sanitari

La gestione dei rifiuti sanitari I RIFIUTI SANITARI (NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE) Legnago Ottobre-Novembre 2014 La gestione dei rifiuti sanitari Dott.ssa Giuliana Bonizzato Direzione Medica Ospedaliera il cambiamento

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

Elementi di Radioprotezione

Elementi di Radioprotezione Elementi di Radioprotezione Programma di formazione generale sui rischi da radiazioni ionizzanti in ambito sanitario AREA LABORATORI Realizzato con la collaborazione di: Dott. Luigi Frittelli Dott. Deleana

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 10 febbraio 2006

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 10 febbraio 2006 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 10 febbraio 2006 Linee guida per la pianificazione di emergenza per il trasporto di materie radioattive e fissili, in attuazione dell'articolo 125 del

Dettagli

Articolo 1 (Autorizzazione alla ratifica)

Articolo 1 (Autorizzazione alla ratifica) Schema di disegno di legge recante Ratifica ed esecuzione della convenzione internazionale per la repressione di atti di terrorismo nucleare, adottata a New York il 13 aprile 2005. Articolo 1 (Autorizzazione

Dettagli

(il testo del decreto è aggiornato secondo le indicazioni della direttiva Ministero dell Ambiente del 9 aprile 2002)

(il testo del decreto è aggiornato secondo le indicazioni della direttiva Ministero dell Ambiente del 9 aprile 2002) Ministero dell'ambiente Decreto 1 aprile 1998, n. 148 Regolamento recante approvazione del modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli articoli 12, 18, comma 2, lettera m), e 18,

Dettagli

Regione Lombardia. Legge Regionale n. 17 del 29-09-2003. Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto.

Regione Lombardia. Legge Regionale n. 17 del 29-09-2003. Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto. Regione Lombardia. Legge Regionale n. 17 del 29-09-2003 Norme per il risanamento dell'ambiente, bonifica e smaltimento dell'amianto. (B.U.R. Lombardia n. 40 del 3 ottobre 2003 - S.O. n.1) IL CONSIGLIO

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2014, n. 45. Attuazione della direttiva 2011/70/EURATOM, che istituisce un quadro comunitario per la gestione responsabile e sicura del combustibile

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-3 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUGLI AMBIENTI DI LAVORO perseguito

Dettagli

AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA

AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA AGENZIA NAZIONALE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E LO SVILUPPO ECONOMICO SOSTENIBILE - ENEA POSITION PAPER ENEA SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2011/70 EURATOM

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE DI LAVORO

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Le gestione della sicurezza antincendio nelle fasi di adeguamento

Dettagli

gammacell - Cella di Manipolazione per Radiofarmaci con Isolatore Cella di Manipolazione e Isolatore Schermato versione TWIN (Gemellata)

gammacell - Cella di Manipolazione per Radiofarmaci con Isolatore Cella di Manipolazione e Isolatore Schermato versione TWIN (Gemellata) Tel. 0331 420303 Pag.1 di 9 gammacell - Cella di Manipolazione per Radiofarmaci con Isolatore Cella di Manipolazione e Isolatore Schermato versione TWIN (Gemellata) Esempio di realizzazione - installata

Dettagli

Comune di Agerola Provincia di Napoli --------

Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- 1 Comune di Agerola Provincia di Napoli -------- SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA PER SCUOLE MATERNE REQUISITI CENTRO COTTURA ALLEGATO C LOCALI: I locali devono essere distinti l uno dall altro in funzione

Dettagli

La nuova direttiva EURATOM 2013/59 e le relative figure professionali

La nuova direttiva EURATOM 2013/59 e le relative figure professionali International Panel sullo Sviluppo della Cultura e della Legislazione a livello Internazionale, dell Unione Europea e in Italia in ambito OS,H & E Roma, 31 ottobre 2014 Parlamento italiano Palazzo Marini,

Dettagli

L Unità di ricovero protetto della Medicina Nucleare

L Unità di ricovero protetto della Medicina Nucleare L Unità di ricovero protetto della Medicina Nucleare Come si realizza una degenza protetta Scelta della ubicazione Definizione dei percorsi Caratteristiche strutturali Caratteristiche radioprotezionistiche

Dettagli

ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI ATTIVITÀ NUCLECO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI La storia ed il territorio 1981 Costituzione della Nucleco come società per la gestione dei rifiuti radioattivi e nei servizi radiologici 1985 Incarico

Dettagli

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO

LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO LA RADIOPROTEZIONE NELL AMBIENTE SANITARIO NORME E LEGGI DI RADIOPROTEZIONE E. Richetta MASTER DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE In questo modulo saranno presentati

Dettagli

ADEGUAMENTO DELLA CAMERA CALDA ALLA NUOVA NORMATIVA SUI RADIOFARMACI. Biagia Saitta

ADEGUAMENTO DELLA CAMERA CALDA ALLA NUOVA NORMATIVA SUI RADIOFARMACI. Biagia Saitta Giornata di Studio: Il Ciclotrone per la Produzione di Radiofarmaci per uso clinico in Pet: Installazione, Impiego e Radioprotezione 25 MARZO 2010 CASTELFRANCO VENETO ADEGUAMENTO DELLA CAMERA CALDA ALLA

Dettagli