RISERViTOL^^*' 1^- RISERVATO SISDE LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISERViTOL^^*' 1^- RISERVATO SISDE LA GESTIONE DEI RIFIUTI"

Transcript

1 RISERViTOL^^*' 1^- i SISDE LA GESTIONE DEI RIFIUTI Roma 11/04/ fi RISERVATO 1

2 LA GESTIONE DEI RIFIUTI PREMESSA Pag 1 A. ASSETTO DELLA MATERIA. RIFERIMENTI Pag. 2 B. IL DANNO E LA SICUREZZA AMBIENTALI Pag.3 C. IL PROBLEMA: CENNI DI SITUAZIONE Pag. 5 D. POSSIBILI LINEE D'AZIONE Pag. 18-2

3 PREMESSA La gestione dei rifiuti rappresenta un'importante "voce di costo" per la collettività ed al tempo stesso costituisce una considerevole fonte di profitto per gli addetti al settore. Essa assurge a parametro essenziale della politica ecologica e sanitaria delle autorità competenti, su cui incidono significativamente sia il progresso tecnologico sia la normativa internazionale di riferimento. La redditività "dell'affare rifiuti" è appetita da numerosi soggetti, istituzionali e non, i quali, eludendo o violando la normativa vigente, hanno creato un mercato illegale, con servizi a basso costo, che ha amplificato il volume dei profitti a danno dell'ambiente e del tessuto economico. Tanto, negli anni, ha attratto l'attenzione di soggetti anche riconducibili a strutture criminali, divenendo campo d'azione anche di organizzazioni di tipo mafioso. Tale profilo, le cui peculiari connotazioni risultano in continua evoluzione, costituisce obbiettivo integrato d'intelligence, siccome fortemente correlato agli ambiti dell'economia nazionale ed alle linee d'azione della grande criminalità. m - 3

4 A. ASSETTO DELLA MATERIA. RIFERIMENTI Fino a pochi anni orsono la materia veniva definita con il termine "smaltimento dei rifiuti" mentre dal 1997 è stato introdotto il concetto innovativo di "gestione dei rifiuti". La legislazione sui rifiuti ha subito una profonda modificazione, a seguito dell'emanazione del decreto legislativo 5 febbraio 1997 n.22 (decreto Ronchi) che abbandona la "logica dell'emergenza" della precedente normativa, adottando i seguenti criteri cardine: - modernizza il pregresso orientamento, ispirato all'eliminazione dei rifiuti mediante lo smaltimento in discarica ; - si impernia sul concetto di "gestione dei rifiuti", uniformandosi alle direttive comunitarie, intendendo con esso: la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, nonché il controllo delle discariche e degli impianti di smaltimento. Quindi attualmente lo smaltimento costituisce solo la fase residuale della gestione dei rifiuti (deposito, discarica, trattamento, biodegradazione, incenerimento) mentre in precedenza conglobava le attività di gestione; - si prefìgge lo sviluppo di iniziative volte al recupero ed al riciclaggio dei rifiuti; - prevede una nuova classificazione dei rifiuti, che assume un'importanza fondamentale soprattutto in sede sanzionatoria. I rifiuti sono classificati in apposite tabelle, sulla base dei seguenti parametri: secondo l'origine, distinguendo gli urbani, dagli speciali (derivanti da attività agricole, industriali, edili, artigianali, di recupero e smaltimento di rifiuti, sanitarie, i macchinari obsoleti); secondo le caratteristiche di pericolosità, suddividendoli in pericolosi e non pericolosi.

5 - focalizza i compiti della pubblica amministrazione che, per conseguire un elevato livello di tutela ambientale, deve assumere iniziative dirette a: favorire la prevenzione e la riduzione della produzione e della pericolosità dei rifiuti; effettuare la raccolta differenziata; redigere appositi piani; assicurare la periodicità dei controlli; regolamentare il recupero e lo smaltimento dei rifiuti in modo tale da evitare procedimenti pregiudizievoli per l'ambiente. E' di tutta evidenza lo spettro di penetrabilità di tale sistema, da parte di soggetti portatori di condotte ed interessi illeciti. B.IL DANNO E LA SICUREZZA AMBIENTALI L'inquinamento è il danno ambientale causato dall'illecita gestione dei rifiuti, origine di conseguenze molteplici e subdole, la cui individuazione deve essere necessariamente tempestiva. Esso non è riferibile solo al territorio ma ricade sulle attività economiche, la salute pubblica, la qualità della vita, l'occupazione e la libera concorrenza. Le cause sono: il profitto illecito, l'ignoranza degli effetti inquinanti, la facile esecuzione materiale della prassi abusiva, lo scarso allarme sociale. Il pericolo del danno ambientale dipende dai seguenti fattori: - potenziale di contaminazione del rifiuto stesso; - illegale gestione dei rifiuti da parte degli addetti al settore; - esasperata ricerca di minimizzare i costi da parte dei produttori di rifiuti, specie del settore industriale;

6 4 - grado di "contaminazione criminale" di una determinata area geografica; - applicazione locale della normativa che disciplina la materia ambientale; - efficacia dell'azione svolta dalla pubblica amministrazione a tutela l'ambiente e dai costi sostenibili dalla società. Un altro prioritario aspetto di pericolosità è originato dalla presunzione che, una volta effettuato "lo smaltimento", il potenziale nocivo dei rifiuti si esaurisca. Infatti, tutti gli impianti di smaltimento esigono periodiche e onerose revisioni che, qualora male eseguite, in termini di ispezione, manutenzione e di bonifica del sito ove sono ubicati, lasciano invariato il danno ambientale. Peraltro il danno ambientale, sotto il profilo economico: - influenza le dinamiche imprenditoriali ed occupazionali, - emargina le società che agiscono in regime di legalità; - innesca procedure di concorrenza sleale; - inibisce la nascita di nuove iniziative imprenditoriali giovanili; - costringe gli operatori onesti, in taluni casi, a ricorrere all'illecito per garantirsi la competitività. 6

7 5 C. IL PROBLEMA. CENNI DI SITUAZIONE Il SISDE, dall'anno 1994, ha iniziato ad occuparsi della materia, compiendo un cammino in quest'ambito inesplorato. I primi passi sono stati mossi verso la conoscenza di base del fenomeno e della normativa vigente, per poi passare all'acquisizione di informazioni fiduciarie e all'analisi settoriale. La ricerca informativa è stata indirizzata in particolare verso: - le discariche abusive di rifiuti pericolosi e speciali 1 ; - i traffici di rifiuti radioattivi 2 ; - le "triangolazioni" estere. L'allocazione dell'illecito è concentrato nel meridione, fatto che evidenzia una direttrice nord-sud del traffico avente come obbiettivo primario il trasporto degli speciali e dei pericolosi in luoghi non abilitati al loro smaltimento. I mezzi impiegati per realizzare concretamente gli illeciti sono molto variegati ed a volte originali, ma per quanto riguarda i rifiuti pericolosi e speciali, essi vengono comunemente: 1 Sono una categoria più inquinante e quantitativamente maggiore rispetto agli urbani. Su di essi si incentra principalmente l'attività illecita in relazione al profitto. La quasi totalità delle discariche autorizzate al loro smaltimento è localizzata nel Sud dell'italia, sebbene la produzione di questa tipologia di rifiuti è residuale rispetto a quella delle industrie ubicate nel Nord. In Italia è elevata la differenza quantitativa fra la produzione e lo smaltimento di rifiuti pericolosi e speciali, cosicché un enorme volume di rifiuti sparisce nel nulla 2 Sono rifiuti derivanti dalla produzione di energia atomica e da alcuni rifiuti ospedalieri. Sono caratterizzati da una notevole eterogeneità, determinata da fattori estremamente variabili quali ad esempio il tipo e l'energia di radiazione emessa, la concentrazione del rifiuto ed il tempo di dimezzamento dei radionuclidi. 3 Un'impresa lombarda denominata Petrol Drago, anni addietro, ha sfruttato commercialmente una discarica per lo smaltimento dei rifiuti tossico nocivi, pur non essendo in possesso delle previste autorizzazioni, in quanto millantava di essere proprietaria di un brevetto in grado di trasformare i rifiuti in 7

8 - classificati, per mezzo di false certificazioni ; - caricati, in orari notturni, su mezzi di trasporto non autorizzati, per eludere ogni tipo di controllo; - conseguentemente celati, spediti, e smaltiti in discarica abusiva. Si è rilevato che l'illecita gestione dei rifiuti viene svolta, quasi sempre, attraverso la complicità di più soggetti, seguendo due distinti sistemi: - il "produttore disonesto" di rifiuti entra in contatto con una delle società denominate "commerciali" 5, la quale richiede un prezzo del 30-50% inferiore a quello medio di mercato, che può essere notevolmente ridotto, qualora il rapporto di "collaborazione" si consolidi; - il "produttore onesto" viene truffato poiché si affida ad una ditta che richiede un prezzo equo di mercato, mentre i rifiuti vengono smaltiti fraudolentemente, con la complicità di uno o più soggetti, appartenenti al circuito (la commerciale, l'autotrasportatore, la ditta di stoccaggio etc), che si spartiscono il ricavato. petrolio per mezzo di un impianto speciale. Successivamente ha convertito l'impianto per la rigenerazione di oli esausti e ne ha acquistato un altro in Veneto per la raffinazione illegale del gasolio in benzina. 4 Particolare attenzione viene rivolta alle false attestazioni che dovrebbero fotografare la vita del rifiuto come ad esempio i registri di carico e scarico (dei produttori, degli autotrasportatori, delle discariche) che non riportano alcuna traccia scritta delle operazioni illecite effettuate o dai quali sono rilevabili operazioni fittizie, grazie alla complicità di personaggi insospettabili del settore pubblico e privato ed al sistema delle tangenti. Di sovente un carico di rifiuti pericolosi viene trasformato in speciali sugli stessi automezzi adibiti al trasporto. A tal fine vengono utilizzati vari tipi di diluenti come l'acqua o altri tipi di materiali, come la segatura, che abbassano il grado di tossicità. Effettuata l'operazione, il carico può così essere inviato presso discariche autorizzate allo smaltimento di rifiuti speciali, che hanno un costo nettamente minore rispetto a quello dei pericolosi. 5 Esse svolgono attività d'intermediazione e di servizi collaterali nel settore, che abbraccia tutte le attività di gestione dei rifiuti e che consente di fornire alla clientela un prodotto finito. Inoltre esercitano la loro influenza da una posizione apicale della struttura gestione rifiuti, grazie alla quale: - distorcono il funzionamento della libera concorrenza, imponendo il loro margine di guadagno soprattutto alle piccole società, ad esempio di autotrasporto o che producono rifiuti; - obbligano qualunque operatore alla loro "intermediazione"; - pur non essendo autorizzate, svolgono di fatto tutte le attività inerenti alla gestione dei rifiuti, lavorando per conto terzi o facendo lavorare al loro interno ex funzionari dell'asl.

9 7 L'analisi incrociata dei dati permette, potenzialmente, di individuare gli indici di anomalia del sistema e di sviluppare specifici approfondimenti in direzione di quei circuiti societari che: - producono rifiuti pericolosi o pur producendoli, li classificano in maniera inesatta per eludere la normativa vigente; - offrono i propri servizi (trasporto, stoccaggio, smaltimento, riciclaggio) a prezzi nettamente inferiori a quelli di mercato; - rilasciano attestazioni certificanti la regolarità dello smaltimento pur non essendo autorizzate; - presentano emergenti profitti, a fronte di prestazioni esigue, in ambiti territoriali a forte incidenza criminale. Da oltre un decennio la criminalità organizzata si è inserita fortemente nella gestione dei rifiuti specie nelle regioni meridionali, operando attraverso società di comodo ed adottando metodologie tipicamente imprenditoriali proiettatesi, in progressione crescente, in altre aree del territorio nazionale. Tale processo si è opportunamente adeguato alle innovazioni apportate, in materia, dal decreto Ronchi e dal regime sanzionatorio 6, evidenziando una nuova tendenza, la quale, variamente: - si ispira, in alcuni casi, alla tecnica "mordi e fuggi", cioè disperdendo i rifiuti direttamente per strada o in mare; - prevede l'utilizzo di piccole discariche, di strutture industriali in disuso, di cave minerarie abbandonate ; - privilegia i traffici di rifiuti meno ingombranti rispetto ai rifiuti solidi urbani, ma più redditizi, come i rifiuti ospedalieri, le scorie di 6 La Legge 23 marzo 2001 ha introdotto il reato di organizzazione di traffico illecito di rifiuti. 9

10 8 fonderia, i solventi chimici, i fanghi di depurazione, i materiali contaminati da sostanze radioattive ed i rifiuti pericolosi in genere. L'efficienza del servizio reso alla collettività, dall'apparato che si occupa della gestione di rifiuti, rischia di essere abbattuta dalla capacità di strutture illegali di: - gestire il controllo del settore attraverso autonome prestazioni (prestanome, amministratori), mezzi (discariche, terreni, laghi artificiali) e società di comodo; - assumere, nel "mercato", il monopolio/oligopolio del sistema complessivo di gestione, attraendo "de facto"finanziamentied attività imprenditoriali d'indotto. La paventata egemonia mafiosa nel settore, con particolare riferimento al Sud del Paese, essendo strettamente collegata al controllo del territorio, impone strutturali approfondimenti informativi, in via di sviluppo, in ordine a: - ascrivibilità episodica o sistematica degli illeciti, a strutture criminali di specifica matrice; - elezione di tali illeciti a campo d'azione prioritario, da parte di tali organizzazioni, attraverso processi e progettualità di lungo periodo; - verifica di eventuali indici di globalizzazione degli ambiti attualmente gestiti da soggetti di sicuro riferimento criminale. Le risultanze di tale processo informativo consentirebbero di connettere puntualmente la "minaccia" alle strategie operative della grande criminalità. La regione con maggior incidenza di reati ambientali è la Campania seguita dalla Sicilia, Calabria e Puglia.

11 Le organizzazioni camorriste, dedite a tale attività, hanno: - proiettato la loro operatività, tramite prestanome, in altre regioni quali l'abruzzo e il basso Lazio, attente a limitare perdite economiche a causa dell'installazione di impianti di riciclaggio dei rifiuti, nelle aree di diretto riferimento; - incrementato il volume di traffico illecito di rifiuti e l'infiltrazione in pubblici appalti, relativi alla realizzazione di opere di bonifica di siti contaminati. Particolarmente attivi risultano i clan CASALESI 8, LAGO, MALLARDO e NUVOLETTA. -t In Sicilia talune imprese di settore, con sede a Trapani, Agrigento e Caltanissetta sono rappresentate da amministratori indiziati di appartenere ad associazioni mafiose. Nel gennaio 2003 si è conclusa l'operazione "Mar Rosso" della Guardia di Finanza di Siracusa, riguardante lo stabilimento della Enichem, sito a Priolo (SR), ed un traffico illecito di ingenti quantità di rifiuti pericolosi. In Calabria la cosca MANCUSO risulta interessata alla costruzione e gestione delle discariche per i rifiuti urbani nella provincia di Vibo Valenzia, così come a Reggio Calabria è percepibile un crescente interesse imprenditoriale in direzione della realizzazione di servizi ed opere attinenti allo stoccaggio e smaltimento. Tale interesse, assunto come prioritario da 7 L'operazione CASSIOPEA, condotta dai Carabinieri del N.O.E., oggi C.T.A., nel periodo , che ha individuato un'organizzazione criminale operante in tutta la provincia di Caserta che ha smaltito illegalmente, in 4 anni, quasi un milione di tonnellate di rifiuti di ogni tipo. 8 I1 riferimento è all'arresto eseguito dalla Squadra Mobile di Caserta nei confronti di CERCI Gaetano, referente per il clan dei CASALESI, titolare di numerose società sequestrate, quali la Irte S.r.l. e altre. Le società non svolgevano alcuna attività concreta nel settore dei rifiuti, ma si occupavano di intermediazioni tra i trasportatori e le discariche lucrando una percentuale sull'attività di trasporto e smaltimento imposta ai camionisti, che non potevano scaricare i rifiuti pericolosi, provenienti dal nord Italia, senza l'assenso dell'organizzazione. I proventi dell'intermediazione venivano, poi corrisposti a BIDOGNETTI Francesco e a SCHIAVONE Francesco!

12 10 alcuni "locali" rischia di alimentare conflittualità areali, nel quadro di più vasta instabilità causata dall'avvento di altre grandi opere edili. In tale ambito, peraltro, nel corso del 2002 è stata sviluppata dal SISDE un' attività informativa riguardante gli interessi economici e criminali della cosca DE STEFANO-TEGANO nel settore dei rifiuti. In particolare sono emerse infiltrazioni mafiose nella gestione della discarica di Fiumara (RC) ed il coinvolgimento di soggetti collegati al gruppo criminale e della società SERVIZI AMBIENTALI S.p.a. Qui di seguito un sintetico schema, frutto di acquisizioni infoinvestigative, relative a manifeste influenze di gruppi criminali nel "sistema rifiuti". matrice criminale "gruppo" Area geografica 'Ndrangheta Araniti Provincia di Reggio Calabria 'Ndrangheta Zavattieri Melito P.to Salvo (RC) 'Ndrangheta Molè-Piromalli Gioia Tauro (RC) Cosa nostra Pulvirenti Provincia di Catania Cosa nostra Di Falco Palma di Montechiaro (AG) Cosa nostra Virga Provincia di Trapani Camorra Marfella Napoli Camorra Moccia-Maione Provincia di Napoli Camorra Pesacane Provincia di Napoli Camorra Nuvoletta Napoli-Caserta Camorra Schiavone Provincia di Caserta Camorra Grimaldi Provincia di Caserta Sacra corona unita Vincenti Surbo (LE) 12

13 11 Per quanto concerne i rifiuti radioattivi, è indispensabile affrontare il "problema sicurezza" degli ex impianti di produzione e della destinazione finale delle scorie. Dal 1987 l'italia ha rinunciato all'uso massivo della ed. energia nucleare. In Europa e nel resto del mondo, esistono, peraltro, numerose centrali nucleari in funzione o dismesse, le quali rendono attuale il pericolo della contaminazione radioattiva attraverso: - materiali "irradiati" (macchinari per la produzione di energia); - siti ove vengono conservate le scorie; - rifiuti radioattivi derivanti dall'uso pacifico dell'energia nucleare. Spesso la potenziale contaminazione dei materiali ferrosi importati è sottovalutata anche dalle stesse aziende si occupano delle movimentazioni, aventi come destinazione finale il nostro Paese. Tale aspetto impone l'effettuazione di un censimento definitivo delle sostanze radioattive presenti in Italia, necessario per l'adozione di efficaci soluzioni del problema "dell'eredità nucleare" 9. Ciò affinché lo smantellamento degli impianti dismessi e lo smaltimento dei rifiuti radioattivi avvengano in totale sicurezza. Tali siti, peraltro, potrebbero - in epoca di tensione- costituire obbiettivo per eventuali: atti terroristici ("colpi di mano") finalizzati ad acquisire materiale di risulta; atti di sabotaggio finalizzati alla fuoriuscita di materiale radioattivo in smaltimento. Il Governo ha recentemente deliberato lo "stato di emergenza" nei territori occupati da centrali nucleari al fine di garantire la sicurezza degli impianti in relazione allo smaltimento e stoccaggio dei rifiuti radioattivi. ^ ^

14 12 In Italia esistono diverse tipologie di rifiuti radioattivi. Alcune hanno vita media, lunga o lunghissima (da centinaia a migliaia di anni) ed ammontano a circa metri cubi di materiale. Per queste ultime, è previsto uno stoccaggio in un deposito nazionale, la cui realizzazione ed ubicazione pone problemi di sicurezza ambientale per migliaia di anni. Alcune soluzioni, prevedono l'individuazione di centri di deposito internazionali, che sembrano essere ostacolate da ragioni di tipo socio-politico. L'alternativa oggi allo studio è quella di bruciare quegli elementi che hanno vita troppo lunga per garantire la sicurezza ambientale futura. Controllare lo smaltimento dei rifiuti significa principalmente proteggere il nostro territorio dall'invasione di materiali contaminati, provenienti da altri Paesi industrializzati. E' essenziale monitorare, dunque, i flussi leciti ed illeciti di rifiuti, soprattutto pericolosi/ radioattivi, importati in Italia o in transito verso destinazioni europee o altri paesi in via di sviluppo. Tali dinamiche costituiscono il "cuore" del problema, poiché investono aree multinazionali, caratterizzate da discipline poliedriche e spesso non omogenee di trattazione; peraltro la sensibilità alla minaccia non è comunemente avvertita, talché l'opera di contenimento ed intelligence risulta di difficile progressione o, comunque, episodica. Inevitabili, specie per quanto riguarda la migrazione illecita trasnazionale o transcontinentale dei rifiuti tossico-nocivi o nucleari, sono gli accordi ed i contatti tra le varie organizzazioni criminali. 14

15 13 A tal proposito giova tener presente che, operando in regime di apparente legalità, numerose aziende italiane "esportano" il servizio di smaltimento e di riciclaggio di rifiuti all'estero, in particolare nell'est Europa e nell'africa, aree geografiche a rischio, sotto il profilo della sicurezza ambientale. Altre società riconducibili a cittadini italiani acquistano, proprio in quelle zone, discariche o siti per effettuare traffici illeciti di rifiuti di vario genere, impiegando capitali di istituti bancari con sede alle Bahamas, in Svizzera e nelle isole britanniche. Tali traffici sono gestiti al pari di un'attività di import/export, con le proprie rotte terrestri, aeree e marittime, siti di destinazione finale spesso ubicati in località remote ed incontrollate di Paesi in via di sviluppo. Per ciò che riguarda i tossico-nocivi, bisogna distinguere quelli destinati allo smaltimento definitivo (ammasso, incenerimento) da quelli recuperabili (riciclaggio). Entrambi costituiscono una doppia fonte di guadagno illecito per la criminalità che, attraverso il metodo delle "false attestazioni", può trasformare i primi in solidi urbani e non effettuando alcun recupero dei secondi, li disperde tutti nel terreno o in mare. Questa "bomba ecologica", per i suoi effetti contaminanti, è per l'ambiente assolutamente devastante. In realtà, non tutte le attività illecite nel settore dei rifiuti possono essere ricondotte all'azione della criminalità organizzata, in quanto il "settore rifiuti" attira l'attenzione anche di altri soggetti privi di scrupoli che, senza avere alcun rapporto con gruppi delinquenziali, operano illegalmente perché attratti dalla prospettiva di facili e rapidi guadagni. 15

16 14 Mentre il traffico di droga e di armi lasciano poco spazio ad autonome iniziative, l'illecita gestione dei rifiuti offre notevoli possibilità di guadagno individuali, realizzabili nell'ambito della semplice, rapida ed incontrollabile attività abusiva. In essa incorrono: - gli stessi produttori di rifiuti, che cercano di economizzare o azzerare l'onere dello smaltimento; - gli addetti al settore gestione dei rifiuti, che eliminano i rifiuti in discariche non autorizzate in Italia o all'estero; - gli intermediari, che a latere dell'apparatofinanziario,sono in contatto con tutti gli operatori del settore rifiuti ed attraverso canali creditizi, spesso di matrice estera, gestiscono in proprio l'attività, usufruendo anche dei finanziamenti pubblici e comunitari di settore. La gestione dei rifiuti viene svolta da una molteplicità di aziende specializzate, dotate di apposite attrezzature e macchinari idonei al trasporto, stoccaggio e smaltimento, cui si affianca, sempre più in numero crescente, un altro gruppo di società, alcune delle quali quotate in borsa, che riciclano i rifiuti per produrre energia o materiali riutilizzabili nei cicli di produzione, specie nel settore chimicofarmaceutico ed edilizio. La normativa comunitaria apre nuove prospettive in questo settore, che, attraverso la cosiddetta raccolta differenziata, esalta il valore aggiunto del rifiuto, facendolo diventare vera e propria materia prima, riutilizzabile per produrre altri beni a costi ridottissimi, di cui l'energia occupa sicuramente il primo posto per importanza. Questo scenario presenta le seguenti peculiari caratteristiche: i D

17 15 - dopo sei anni dall'entrata in vigore del decreto Ronchi, il sistema di smaltimento in discarica è rimasto pressoché invariato, in quanto la raccolta differenziata rappresenta uno strumento rilevante solo al Nord. Ben l'82% dei rifiuti viene destinato alle discariche, ma solo il 18% al riciclaggio e il 7% alla "termovalorizazione" (produzione di energia) contro il 20% in Europa; - l'ubicazione delle discariche è disomogenea in quanto è concentrata per il 75 % al Sud ed al Centro; - sono stati brevettati in Italia macchinari mobili, capaci di effettuare singolarmente il riciclaggio di diversi tipi di rifiuti, e di produrre differenti tipi di materie secondarie, ma la loro diffusione è limitata; - esiste la possibilità che i rifiuti pericolosi, attraverso il sistema delle false attestazioni, possano subire un cambio di qualifica in rifiuti riutilizzabili, e sparire nel nulla. In tal modo le organizzazioni criminali avrebbero la possibilità di estendere la loro egemonia anche a questa fase di trattamento. Di conseguenza il settore in argomento presenta ambiti di penetrazione illecita assai ampli, quali quello industriale, delle fonti energetiche alternative, idrico, chimico, edilizio, della manutenzione degli impianti, della bonifica industriale. Tale prospettiva assume rilevanza strategica, poiché racchiude interessi: - dell'imprenditoria rispettosa della legalità, motore del cosiddetto "sviluppo sostenibile", che coniuga il progresso tecnologico alla tutela dell'ambiente; - della criminalità che oppone al mercato legale un altro modello di tipo antitetico, fondato principalmente sull'abbassamento dei costi e 17

18 16 sull'imposizione di "proprie regole" che "contaminano" il tessuto economico-sociale e l'ambiente (competitività intossicata). Anche in questi ambiti, gli spazi saturabili dalla criminalità possono essere : - lo smaltimento di scarti elettronici e il recupero di gas o di altri rifiuti pericolosi da elettrodomestici di ultima generazione come condizionatori, monitor, computer, telefoni cellulari, batterie; - la commercializzazione dell'acqua, soprattutto nelle regioni meridionali, dove marcata è l'inadeguatezza delle risorse idriche e più incisivo è il fenomeno della desertificazione. In tale specifico ambito il SISDE sta assumendo significative conferme ed originali informazioni, proprio in Calabria. Il riciclaggio dei rifiuti è collegato anche a tale problematica, in quanto è allo studio la possibilità di realizzare in impianto, per la dissalazione e/o purificazione delle acque reflue (rifiuti liquidi che causano l'inquinamento delle acque), alimentato da energia ottenibile dallo smaltimento dei rifiuti. - la produzione di energia "non controllata", attraverso il riciclaggio di rifiuti. Nei prossimi anni la produzione dei rifiuti nel nostro Paese è destinata ad aumentare. La gestione dei rifiuti assumerà un valore sempre più strategico per l'imprenditoria criminale che già oggi si presenta sul mercato con..aziende apparentemente in regola, in realtà pronte a sfruttare qualsiasi spiraglio offerto dalle lacune normative, per operare illegalmente e perseguire il massimo profitto, spiralizzando la minaccia. Uno degli aspetti più nebulosi di tutta la problematica in argomento è la stima quantitativa e qualitativa della produzione, nonché la mappatura dei produttori sul territorio nazionale. ^ n

19 17 Circa il monitoraggio del settore, la tecnologia informatica assume un "ruolo chiave" per il controllo dell'attività della gestione dei rifiuti. Uno degli aspetti di maggior criticità è infatti rappresentata dalla difficoltà di disporre di dati aggiornati, che consentano di analizzare eventuali anomalie causate da incidenze di tipo micro o macro criminale. Emerge l'esigenza di rendere più compatta la manovra di contrasto prescindendo dall'individuazione del soggetto, persona fisica o società, coinvolti in illeciti di contesto. E' necessario infatti indirizzare la ricerca informativa ad un livello superiore, quello "organizzativo", per scardinare la pianificazione criminale di controllo e gestione, globale o settoriale del settore rifiuti, in micro o macro aree. E' questo un compito arduo ma realizzabile, in quanto le infiltrazioni mafiose o le imprese "deviate" hanno potuto proliferare per una pregressa disattenzione dell'apparato pubblico ed anche per i seguenti motivi, in parte superati: - la facilità di inserimento criminale in qualunque ciclo di attività (dalla costituzione delle società miste, all'associazione temporanea d'impresa, dagli appalti d'opera o di servizi, alla gestione degli impianti di smaltimento); - l'iniziale stato emergenziale di intervento pubblico in questa materia; - la scarsa incisività dei controlli; - la inadeguatezza del precedente sistema sanzionatorio applicato agli illeciti ambientali, che solo attraverso la Legge 23 marzo 2001 ha introdotto il reato di "organizzazione di traffico illecito di rifiuti", previsto dall'art. 53 bis ; 19

20 18 - le indubbie difficoltà di monitoraggio delle attività lecite ed illecite da parte della pubblica amministrazione. D.POSSIBILI LINEE D'AZIONE Il quadro di situazione, comprensivo sia delle risultanze ottenute dagli organismi competenti che dalle assunzioni informative, indica la necessità di strutturare più coerentemente la complessiva manovra di contrasto. Le priorità di tale percorso possono essere così riassunte: - individuazione di eventuali strategie criminali a sostegno delle oggettive acquisizioni sino ad ora ottenute; - esplorazione puntuale di iniziative imprenditoriali dedicate, con particolare riferimento ai circuiti finanziari di supporto; - ulteriore sensibilizzazione del comparto investigativo-giudiziario in direzione di eventi ed indicatori sistematicamente riconducibili al fenomeno in esame; - incremento sistematico della collaborazione internazionale, attraverso la omogeneizzazione delle legislazioni e la valorizzazione dell'"intelligence" dedicata. Nel senso ed in aderenza allo sforzo crescente di altre Istituzioni, il Servizio ha recentemente incrementato la propria azione di ricerca informativa orientando adeguatamente le risorse alfine di: - delineare orginali profili di condotta delle organizzazioni mafiose italiane nel settore di interesse, focalizzandone gli aspetti di incidenza diretta e di collusione con soggetti preposti alla trattazione legittima; - individuare iniziative imprenditoriali, di portata ultranazionale, tese all'elusione della normativa vigente ed alla mimetizzazione di capitali sospetti di finanziamento; 20

Seminario: CONTROLLI SULLA GESTIONE DI RIFIUTI NELLA PROVINCIA DI VERONA. CAP. DAVIDE RAVAROTTO C.te N.O.E. CC di Treviso

Seminario: CONTROLLI SULLA GESTIONE DI RIFIUTI NELLA PROVINCIA DI VERONA. CAP. DAVIDE RAVAROTTO C.te N.O.E. CC di Treviso Seminario: CONTROLLI SULLA GESTIONE DI RIFIUTI NELLA PROVINCIA DI VERONA CAP. DAVIDE RAVAROTTO C.te N.O.E. CC di Treviso II C.DO GRUPPO CARABINIERI TV x II II C.DO GRUPPO CARABINIERI RM C.DO GRUPPO CARABINIERI

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

schede di approfondimento.

schede di approfondimento. I macro temi segnalati nella mappa sono trattati nella presentazione e fruibili attraverso schede di approfondimento. 2 è l insieme delle attività volte a smaltirli, riducendo lo spreco(inparticolaredirisorsenaturaliedienergia)elimitandoipericoliperlasalutee

Dettagli

LE ECOMAFIE. Il ruolo delle organizzazioni criminali nel ciclo illegale dei rifiuti. Stefano Ciafani Responsabile scientifico nazionale di Legambiente

LE ECOMAFIE. Il ruolo delle organizzazioni criminali nel ciclo illegale dei rifiuti. Stefano Ciafani Responsabile scientifico nazionale di Legambiente LE ECOMAFIE Il ruolo delle organizzazioni criminali nel ciclo illegale dei rifiuti Stefano Ciafani Responsabile scientifico nazionale di Legambiente Che cosa s intende per ecomafia? Coniato da Legambiente

Dettagli

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013

GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE. Reggio Calabria, 5 aprile 2013 GLI INVESTIMENTI DELLE ORGANIZZAZIONI MAFIOSE NELL ECONOMIA LEGALE Reggio Calabria, 5 aprile 2013 Introduzione L obiettivo della lezione odierna è individuare: i motivi per cui le mafie investono nell

Dettagli

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie Progetto PON Sicurezza 2007-2013 I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento della criminalità all impiego di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

The Environmental Technologies Eve

The Environmental Technologies Eve The Environmental Technologies Eve Milano, 24-27 gennaio 2006 24-27 gennaio 2006 Aria di rinnovamento a TAU, che diventa INTERNATIONAL Da quest anno la mostra si presenta completamente rinnovata: nuova

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI

PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI PROVINCIA DI CATANZARO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI INERTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE LINEE-GUIDA PER I COMUNI Obiettivo dell Accordo di Programma per la gestione dei rifiuti inerti

Dettagli

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento

Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Claudio Clemente Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF) Le segnalazioni di operazioni sospette: ambito dell analisi finanziaria e nuove aree di approfondimento Convegno «Economia illegale

Dettagli

L ultima classifica di Transparency International, che misura la percezione della corruzione, ci vede scivolare al 69 posto. Tale graduatoria segnala

L ultima classifica di Transparency International, che misura la percezione della corruzione, ci vede scivolare al 69 posto. Tale graduatoria segnala L ultima classifica di Transparency International, che misura la percezione della corruzione, ci vede scivolare al 69 posto. Tale graduatoria segnala un guaio molto grave: godiamo di una pessima reputazione.

Dettagli

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it.

Formazione. Corsi di. Anno Accademico 2014/2015. Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence. e-learning. www.unised.it. Dipartimento di Scienze Criminologiche Dipartimento di Scienze della Security e Intelligence Corsi di Formazione e Master Anno Accademico 2014/2015 Criminologia Sicurezza Pubblica Security Privata Intelligence

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007 2013 (OMISSIS) 4.3.4. Bonifica dei Siti Inquinati 4.3.4.1. Obiettivo Specifico e Obiettivi Operativi Restituire all uso collettivo le aree compromesse da

Dettagli

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti

Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti SCUOLA PRIMARIA PERCORSI PER LE CLASSI I E II MATERIALE DI APPROFONDIMENTO Rifiuti: quali e quanti sono e come sono gestiti I rifiuti vengono classificati secondo la loro origine e pericolosità. La loro

Dettagli

PANORAMICA SULLE ISO 14000

PANORAMICA SULLE ISO 14000 PANORAMICA SULLE ISO 14000 Premessa La motivazione di fondo che induce un azienda, sia essa pubblica o privata, ad investire nell ambiente è sostanzialmente fondata sulla volontà di organizzare attività

Dettagli

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata:

Una metodologia da utilizzare può essere così sintetizzata: 10 CRITERI TECNICI DELLE PRIORITÀ L elenco dei siti con gli indici di priorità contenuti nel presente piano, dovrà essere rivisto ed aggiornato alla luce delle risultanze emergenti dai piani di caratterizzazione.

Dettagli

FLAEI-Cisl. Segreteria Nazionale FLAEI Cisl Via Salaria 83, 00198 Roma Tel. 06 8440421 email: nazionale@flaeicisl.org

FLAEI-Cisl. Segreteria Nazionale FLAEI Cisl Via Salaria 83, 00198 Roma Tel. 06 8440421 email: nazionale@flaeicisl.org 3-4-5 giugno Il Lavoro #adottaungiovanedisoccupatoo La Formazione #adottaungiovanefuturoo ANALISI E PROPOSTE DELLA FLAEI-Cisl Il Sistema Elettrico Nazionale tra passato, presente e futuro Le politiche

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45. (15A06407)

Dettagli

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45.

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER.

Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Capitolo 9 - Rifiuti 201 Figura 4. Andamento della produzione di rifiuti speciali non pericolosi per macro CER. Figura 5. Andamento della produzione di rifiuti speciali pericolosi per macro CER. Da un

Dettagli

D.lgs. 152/06 art. 197

D.lgs. 152/06 art. 197 FUNZIONI DELLA PROVINCIA D.lgs. 152/06 art. 197 1. In attuazione dell'articolo 19 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, alle province competono: a) il controllo e la verifica degli interventi

Dettagli

QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE)

QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE) QUIZ DI AUTOVALUTAZIONE TEMI DI DIRITTO AMBIENTALE (RIFIUTI ACQUE) Le risposte esatte sono riportate in file a parte pubblicato nella stessa pagina del nostro sito --------------------------------------------

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro

Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Per l ambiente Politica di tutela ambientale, salute e sicurezza sul lavoro Tenaris si impegna a realizzare le proprie attività salvaguardando l ambiente, la salute e la sicurezza dei propri dipendenti,

Dettagli

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a )

dott. Pasquale De Vita Audizione del presidente dell Unione Petrolifera Senato Commissione Industria (10 a ) Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell uso dell energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE Audizione del presidente

Dettagli

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi

I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi I riflessi sugli assetti gestionali e organizzativi III 1 La sostenibilità del piano strategico e i riflessi sul finanziamento dell Istituto Come sottolineato nella Premessa, la capacità della Consob di

Dettagli

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo

Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Il settimo programma d'azione per l'ambiente (2014-2020) e il consumo di suolo Luca Marmo Commissione europea Direzione generale dell'ambiente Unità ENV.B.1 Agricoltura, foreste e suoli BU-5, 5/178 1049

Dettagli

COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA. Vito Ziccardi Amministratore Delegato

COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA. Vito Ziccardi Amministratore Delegato COPYRIGHT ALAVIE SRL RIPRODUZIONE VIETATA Vito Ziccardi Amministratore Delegato 1 CHI SIAMO LA RETTA VIA UN AZIENDA CHE LAVORA PER LE AZIENDE UN ORGANIZZAZIONE NAZIONALE LA RETTA VIA CHI SIAMO In termini

Dettagli

Brochure_Zanetti_2014:Layout 1 31/10/14 14:17 Pagina 1

Brochure_Zanetti_2014:Layout 1 31/10/14 14:17 Pagina 1 Brochure_Zanetti_2014:Layout 1 31/10/14 14:17 Pagina 1 Brochure_Zanetti_2014:Layout 1 31/10/14 14:17 Pagina 2 Oltre 4500 servizi mensili di raccolta e trasporto di rifiuti 80 automezzi di proprietà impiegati

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

ECOMAFIE DEL NORD. Sergio Cannavò, Legambiente Lombardia

ECOMAFIE DEL NORD. Sergio Cannavò, Legambiente Lombardia ECOMAFIE DEL NORD Sergio Cannavò, Legambiente Lombardia La parola ecomafia è un termine coniato da Legambiente nel 1994 per indicare le organizzazioni criminali e altri soggetti che commettono reati arrecanti

Dettagli

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi

Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi Scheda 5.1 Iscrizione al Registro provinciale delle imprese esercenti attività di recupero dei rifiuti non pericolosi SOGGETTI RICHIEDENTI Le imprese che intendono avviare l attività di recupero di rifiuti

Dettagli

Scheda 5 «La gestione integrata dei rifiuti» LA SITUAZIONE ITALIANA. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 5 «La gestione integrata dei rifiuti» LA SITUAZIONE ITALIANA. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 5 «La gestione integrata dei rifiuti» GREEN JOBS Formazione e Orientamento La disciplina italiana della gestione dei rifiuti è oggi contenuta principalmente nel codice dell ambiente (Decreto Legislativo

Dettagli

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011

Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Programma di Azione AIPO ai sensi del Reg. CE 867/2008 modificato dal Reg. UE 1220/2011 Campagna finanziata dall Unione Europea e dall Italia Chi siamo AIPO è un Unione Nazionale di Associazioni provinciali

Dettagli

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0)

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0) TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile Milano 3/20141 (R.0) Perché il Fotovoltaico? La storia dell Umanità ci conferma la stretta correlazione che ha legato e lega sempre di più lo sviluppo socio-economico

Dettagli

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32).

Le lingue di lavoro nell ambito della cooperazione sono l italiano e il tedesco, o, in alternativa, l inglese (articolo 32). DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELL ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA D AUSTRIA IN MATERIA IN MATERIA DI COOPERAZIONE DI POLIZIA, FATTO A VIENNA

Dettagli

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 SR.G.GE.S.A..S.A. SRL Società Gestione Servizi Ambientali www.sogesa.biz Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 Il contenuto di questo documento è di proprietà della So.. La riproduzione, la comunicazione

Dettagli

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia

RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia RISK MANAGEMENT: Gestione integrata dei sistemi nell esperienza di Aler Brescia Si definisce Risk Management - o gestione del rischio - il complesso di attività mediante le quali si misura o si stima il

Dettagli

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016

Guardia di Finanza COMANDO PROVINCIALE PIACENZA. Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 Comunicato stampa Piacenza, 15 marzo 2016 GUARDIA DI FINANZA DI PIACENZA BILANCIO OPERATIVO ANNUALE ANNO 2015 Nel 2015 è proseguita l attività delle Fiamme Gialle piacentine indirizzata al raggiungimento

Dettagli

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni

PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Newsletter n.74 Aprile 2010 Approfondimento_22 PO REGIONE PUGLIA FESR 2007-2013: Strategia regionale per la Ricerca e l Innovazione Descrizione Assi e Azioni Assi Asse 1 - Asse 2 - Asse 3 - Asse 4 - Sostegno

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Premio per la Qualità Bruno Agricola

Premio per la Qualità Bruno Agricola La Valutazione Ambientale Strategica nel nuovo ciclo di Programmazione Comunitaria 2014-2020 Roma, 15 luglio 2013 Premio per la Qualità Bruno Agricola Nel settembre 2012 è stato istituito il "Premio per

Dettagli

La valutazione dei danno ambientale

La valutazione dei danno ambientale La valutazione dei danno ambientale Valmontone - Convegno: La Nuova Normativa Ambientale Ecoreati Ing. Leonardo Arru IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DANNO AMBIENTALE La riparazione del danno ambientale

Dettagli

Gli investimenti delle mafie

Gli investimenti delle mafie . Gli investimenti delle mafie Ernesto Savona ernesto.savona@unicatt.it Transcrime - Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano www.transcrime.it Milano, 16 gennaio 2013 Da dove partiamo Background

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

5. Le risorse finanziarie disponibili e il PON Sicurezza

5. Le risorse finanziarie disponibili e il PON Sicurezza interno20x28.qxd 31-01-2011 13:18 Pagina 22 5. Le risorse finanziarie disponibili e il PON Sicurezza Il PON Sicurezza Per la gestione 2007/2013, la dotazione finanziaria dell Obiettivo Operativo 2.5 Migliorare

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL

STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL STUDIO DI SETTORE SD30U ATTIVITÀ 37.10.0 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI CASCAMI E ROTTAMI METALLICI ATTIVITÀ 37.20.1 RECUPERO E PREPARAZIONE PER IL RICICLAGGIO DI MATERIALE PLASTICO PER

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

La maggior parte dei processi produttivi

La maggior parte dei processi produttivi METODI Controllo valorizzare gli scarti della lavorazione: come trasformare un costo in opportunità La maggior parte dei processi produttivi comporta la produzione di scarti di lavorazione sotto forma

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE E REGIONE ABRUZZO PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI BARISCIANO COMUNE DI L AQUILA Polo tecnologico pubblico per lo stoccaggio

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL

L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL 1 Nocera Inferiore 19/11/2012 L ENERGIA E L AMBIENTE: IL CASO NEW THAT SRL La New That Srl è presente sul mercato da oltre 40 anni. L azienda da sempre interessata alle più significative dinamiche di mercato,

Dettagli

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte Trade Commercio in Counterfeit di merci contraffatte and e di merci Pirated usurpative: Goods MaPPinG UNA MAPPA The DELL IMPATTO economic ECONOMICO impact Aprile 2016 SINTESI Questo studio analizza l impatto

Dettagli

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011

SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI SISTRI Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti previsto dal DM N. 52 del 18/02/2011 Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE Il SISTRI (Sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA

MACCHINE MOVIMENTO TERRA, DA CANTIERE E PER L EDILIZIA PUNTI DI FORZA Le Persone Filiera della distribuzione. Organizzazione della fi liera della distribuzione, assistenza tecnica, noleggio e servizi, fondata sulla formazione, qualifi cazione e certifi cazione

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse

Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Le procedure delle operazioni di bonifica nell ambito delle aree industriali dismesse Decreto Legislativo 3 aprile 2006, N 152/06 Dott.ssa Raffaella Savelli Funzionario del Servizio Ambiente dell Amministrazione

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 settembre 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE I: REATI IN TEMA DI AMBIENTE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO INVESTIMENTI INNOVATIVI: FINANZIAMENTO AGEVOLATO E CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LE PICCOLE, MEDIE E GRANDI IMPRESE DELLE REGIONI CONVERGENZA BENEFICIARI Le agevolazioni,

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Informativa per i clienti (ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003)

Informativa per i clienti (ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003) Informativa per i clienti (ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003) Con l'entrata in vigore del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali (di seguito, Codice )

Dettagli

Comunicazione 02/2010

Comunicazione 02/2010 Carpi, 17/02/ Comunicazione 02/ Oggetto: Nuovo sistema di gestione rifiuti - SISTRI. Il Decreto del Ministero dell Ambiente del 17 dicembre 2009 ha introdotto una rivoluzione nelle modalità di gestione

Dettagli

La RSA: introduzione metodologica

La RSA: introduzione metodologica La RSA: introduzione metodologica Cos è la RSA La Relazione sullo Stato dell Ambiente (RSA) è uno strumento di informazione con il quale le Pubbliche Amministrazioni presentano periodicamente ai cittadini

Dettagli

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING

SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING SISTEMI PER LA QUALIFICAZIONE AZIENDALE AL RATING ItaliaRating Via Moncenisio, 4 20052 Monza MI www.italiarating.com Pag. 1 BASILEA 2 Nota introduttiva Basilea 2 e il nuovo accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Reparto Ambientale Marino del Corpo delle Capitanerie di Porto Ufficio Secondo DESTINATARI: CAPITANERIE DI PORTO (tutte) Ministero dell Ambiente e della Tutela UFFICI CIRCONDARIALI MARITTIMI (tutti - tramite le Capitanerie di Porto) e, per conoscenza: DIREZIONE GENERALE PER LA QUALITÀ

Dettagli

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA

RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA RIUNIONE COMITATO PROVINCIALE PER L ORDINE E LA SICUREZZA PUBBLICA ROGHI TOSSICI PREFETTURA DI CASERTA La materia dei roghi tossici si presta ad una prima applicazione del «processo di legalità» che abbiamo

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) (all. A alla Direttiva P.C.M. 16 gennaio 2013)

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) (all. A alla Direttiva P.C.M. 16 gennaio 2013) ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (A.I.R.) (all. A alla Direttiva P.C.M. 16 gennaio 2013) Titolo: schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva 2013/56/UE del Parlamento Europeo

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE Aggiornato il 12 Marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE

ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE ATTIVITÀ DI INDAGINE SUL FENOMENO DELLA CONTRAFFAZIONE IMPRESE E CONSUMATORI FOCUS CALZATURE E OCCHIALI SINTESI La Direzione Generale per la lotta alla contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi

Dettagli

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali

In calo la spesa per l ambiente delle amministrazioni regionali 10 gennaio 2014 Anni 2004-2011 LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI Nel 2011 l ammontare della spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane è pari a 4.094 milioni di euro, con

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ON LINE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 I Servizi ed i Prodotti Finanziari On Line ---------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

All. 2. Profili professionali

All. 2. Profili professionali Profili professionali All. 2 Commerciale energie rinnovabili Mansioni La figura professionale individuata è un tecnico-commerciale con una specifica conoscenza del mercato e del territorio su cui opera.

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Prot.n.143/DS/SS/FP Novembre 2008. Nota di chiarimento. Tarsu o TIA per le istituzioni scolastiche statali

Prot.n.143/DS/SS/FP Novembre 2008. Nota di chiarimento. Tarsu o TIA per le istituzioni scolastiche statali Prot.n.143/DS/SS/FP Novembre 2008 Nota di chiarimento Tarsu o TIA per le istituzioni scolastiche statali Ad integrazione di quanto già inoltrato da ANCI in data 25 agosto 2008 a tutti i Comuni italiani

Dettagli

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP

CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP CARTA DEGLI IMPEGNI PER LA PROMOZIONE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT TRA GLI ENTI LOCALI LOMBARDI CHE HANNO ADERITO AL PROGETTO A scuola di GPP PREMESSO CHE: L art. 6 della versione consolidata del Trattato

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

Eni Corporate University

Eni Corporate University I fondamenti delle professionalità Health, Safety, Environment & Quality Eni Corporate University E n i ' s k n owledge company AMBIENTE Il nostro sguardo sul territorio Internet www.enicorporateuniversity.it

Dettagli

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro

Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE Ottimizzazione delle attività di raccolta e riciclaggio del vetro Relatore:

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

In altre parole, non può esservi raccolta senza riciclo, né riciclo senza trasformazione finale.

In altre parole, non può esservi raccolta senza riciclo, né riciclo senza trasformazione finale. PLASTICA ASSORIMAP - Associazione Nazionale Riciclatori e Rigeneratori di Materie Plastiche - che dal 1978 rappresenta le aziende che riciclano o rigenerano materie plastiche pre-consumo e post-consumo,

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio DITTA A.E.T.

Dettagli

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO

PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI PREVENZIONE, RICICLO E RECUPERO milioni di t 10.0 9.0 8.0 7.0 6.0 5.0 4.0 3.0 2.0 1.0 0.0 La produzione dei rifiuti in Toscana 1998-2011

Dettagli

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni

IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni IL LAVORO OFFESO Indagine sul difficile percorso per il riconoscimento dei diritti delle vittime di infortuni sul lavoro nelle costruzioni La prima ricerca realizzata in Italia sul tema del post infortunio:

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

3 Rifiuti speciali DATI 2010

3 Rifiuti speciali DATI 2010 3 Rifiuti speciali DATI 2010 Relazione produzione rifiuti, art. 18, l.r. 26/2003 Come già accennato nell introduzione, per la produzione e gestione dei rifiuti speciali relativi al 2010, la fonte dei dati

Dettagli

L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE

L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE Leonarda Troiano Settore Consulenza Gestione Rifiuti Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RAEE Le Università producono rifiuti da

Dettagli

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT)

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) La Banca dati Conti Pubblici Territoriali (Ministero dell Economia e delle Finanze DPS) ricostruisce

Dettagli