MANUALE DI RADIOPROTEZIONE PER I REPARTI DI MEDICINA NUCLEARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DI RADIOPROTEZIONE PER I REPARTI DI MEDICINA NUCLEARE"

Transcript

1 Fisica MANUALE DI SICUREZZA OPERATIVA Ad uso del personale dei reparti di MEDICINA NUCLEARE del POLICLINICO UMBERTO I DI ROMA Pagina 1 di 43

2 Fisica SOMMARIO DEL MANUALE MANUALE DI SICUREZZA OPERATIVA... 1 SOMMARIO DEL MANUALE... 2 PREMESSA... 4 I - REGOLAMENTAZIONE DEGLI ACCESSI NELLE ZONE DELIMITATE DEL REPARTO... 5 I - REGOLAMENTAZIONE DEGLI ACCESSI NELLE ZONE DELIMITATE DEL REPARTO... 5 II - NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO PER GLI OPERATORI AUTORIZZATI : E obbligatorio: : E vietato: : Attività ricorrenti... 8 III - NORME DI RADIOPROTEZIONE PER LA PREPARAZIONE DEI RADIOFARMACI E LA SOMMINISTRAZIONE AL PAZIENTE : Preparazione dei radio farmaci : Somministrazione dei radio farmaci ai pazienti : PROCEDURE PER L UTILIZZO DEL CALIBRATORE DI DOSE CAPINTEC CRC-15R...12 IV - NORME OPERATIVE NEI LOCALI DI DIAGNOSTICA (sale Gamma-camere) :.E obbligatorio!: :.E vietato!...16 V - NORME OPERATIVE PER USO DEL MONITOR A GRANDE SUPERFICIE: MANI, PIEDI, VESTI. Sistema VLB : Cosa è il MONTOR VLB : Come si attiva : Misurazione della contaminazione di mani e piedi : Misurazione vestiti : Cambiare l isotopo selezionato : Livelli di allarme, funzioni automatiche e segnalazioni di malfunzionamento...24 VI - NORME DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE ADDETTO ALLE PULIZIE DEI LOCALI DELLA MEDICINA NUCLEARE : Norme per la pulizia depositi rifiuti radioattivi e camere calde...26 VII GESTIONE DELL IMPIANTO VASCHE DI RACCOLTA E SMALTIMENTO REFLUI RADIOATTIVI LIQUIDI : Registrazione dei carichi e degli scarichi delle vasche : Procedure di gestione ordinaria e straordinaria delle vasche : Descrizione dell apparecchiatura : Generalità : Caratteristiche costruttive : Descrizione componenti principali : descrizione comandi...31 CAUTELA n CAUTELA n CAUTELA n VIII - PROCEDURE PER L ALLONTANAMENTO DELLE SORGENTI ESAURITE E DEI RIFIUTI CONTAMINATI...34 PROCEDURE PER L ALLONTANAMENTO DELLE COLONNE...34 PROCEDURE PER L ALLONTANAMENTO DEGLI ALTRI RIFIUTI CONTAMINATI...35 IX - DECONTAMINAZIONE DELLE SUPERFICI...35 X - CONTAMINAZIONE PERSONALE: PROCEDURA DI GESTIONE DELLA RIMOZIONE : Prima di ogni altra attività..: : Per la decontaminazione procedere così: : Contaminazione localizzata senza ferite: : Contaminazione diffusa senza ferite: : Contaminazione complicata da ferite e/o ustioni: : Contaminazione complicata da lesioni gravi: :Ingestione di materiale radioattivo...37 Pagina 2 di 43

3 Fisica XI - PROCEDURE PER L USO DEL MONITOR D AREA...38 XII - PROTEZIONE DEL PAZIENTE : E Obbligatorio...39 XIII PROCEDURE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE : Premesse : Incendio : Gestione del principio di incendio : Evacuazione conseguente ad incendio : Allagamento...43 Pagina 3 di 43

4 Fisica PREMESSA Lo scopo del è di dare certezza agli operatori delle procedure di sicurezza da applicare nella situazione operativa nella quale sono concretamente coinvolti. Per questa ragione il manuale è preceduto da un indice nel quale sono riepilogate le procedure di sicurezza alla quale fare riferimento; inoltre nel presente manuale vengono forniti riferimenti (titolo sottolineato) ad altre procedure tecniche o organizzative relative alla radioprotezione che sono tutte reperibili e scaricabili dal sito aziendale all indirizzo : Pagina 4 di 43

5 Fisica I - REGOLAMENTAZIONE DEGLI ACCESSI NELLE ZONE DELIMITATE DEL REPARTO. 1) L accesso ai locali del servizio di Medicina Nucleare è consentito solo al personale medico e sanitario di Reparto (ivi compresi i medici in formazione o gli allievi del CDL Tecnici di Radiologia Medica), opportunamente istruito, dotato di dosimetro/i individuale e sottoposto o sorveglianza di radioprotezione. (per la segnalazione della destinazione lavorativa a rischio di radiazioni ionizzanti vedi procedura Procedura di avviamento di lavoratore esposto: classificazione, sorveglianza dosimetrica, visita medica preventiva, formazione finalizzata alla radioprotezione, mezzi di protezione I) Pagina 5 di 43

6 Fisica II - NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO PER GLI OPERATORI AUTORIZZATI 2.1.: E obbligatorio: 1) Indossare sopra al camice personale durante il servizio nelle aree soggette a rischio da contaminazione anche il camice in TNT monouso, 2) Indossare durante il servizio i dosimetri personali assegnati (film-badge; TLD) con le modalità indicate nella procedura di gestione dei dosimetri individuali ( Procedure per l utilizzo dei dosimetri (Lavoratori)) 3) Il dosimetro termoluminescente, a bracciale, per la valutazione della dose alle mani va portato sulla mano che risulti più vicina alla sorgente radiante, sotto i guanti protettivi. 4) Segnalare tempestivamente al Responsabile del Servizio o del Reparto ogni deficienza dei mezzi di protezione individuali e ambientali (insufficienza di guanti, grembiuli, barriere anti-x, deterioramenti dei propri dosimetri personali ecc.) 5) Segnalare, per il personale di sesso femminile, eventuali gravidanze in atto. In tal caso la persona deve essere allontanata dal rischio di radiazioni, adibendo la lavoratrice a mansioni che non sono proprie dei lavoratori esposti alle radiazioni ionizzanti all esterno di Zone Controllate e Sorvegliate. 6) I locali della sezione di Medicina Nucleare ed in particolare quelli dei laboratori, della camera calda, delle diagnostiche e della sala di attesa calda, devono essere sempre mantenuti puliti e sgombri da materiali inutili. Pagina 6 di 43

7 Fisica 2.2.: E vietato: 1. Mangiare, bere, fumare nel Reparto. 2. Portare alla bocca oggetti in genere e compiere operazioni con l'ausilio della bocca. 3. Maneggiare, introdurre nel o asportare dal laboratorio materiale radioattivo senza l'autorizzazione del responsabile. 4. Posare all'esterno delle apposite aree oggetti di qualsiasi genere che possano essere contaminati. 5. Toccare superfici o oggetti puliti con i guanti da lavoro, anche se ritenuti non contaminati. 6. Uscire dai locali di manipolazione radioisotopi (zona laboratorio e camera calda) della Medicina Nucleare con indosso il camice da lavoro. 7. Utilizzare nel Reparto gli zoccoli in dotazione, questi ultimi devono essere sempre riposti nell'apposito locale (spogliatoio indumenti di lavoro) dopo aver verificato con il monitor la loro non contaminazione. 8. Portate all'esterno del reparto le attrezzature per la pulizia (spazzoloni, stracci, secchi ecc.) impiegate in Medicina Nucleare Pagina 7 di 43

8 Fisica 2.3.: Attività ricorrenti 1. Prima di entrare nei locali laboratorio e camera calda: a. indossare l'apposito camice e zoccoli, allo scopo di evitare contaminazioni del camice ordinario o degli abiti b. munirsi dei dosimetri personali. 2. Controllare tutte le mattine, prima di iniziare la manipolazione di sostanze radioattive, che: a) l'impianto di ventilazione funzioni; b) l aspirazione della cella calda di manipolazione funzioni; c) i monitor ambientali siano in funzione. 3. Prima di manipolare le sostanze radioattive indossare i guanti a perdere. I medesimi guanti andranno tolti e gettati nel contenitore apposito al termine della fase di manipolazione. Pagina 8 di 43

9 Fisica III - NORME DI RADIOPROTEZIONE PER LA PREPARAZIONE DEI RADIOFARMACI E LA SOMMINISTRAZIONE AL PAZIENTE 3.1.: Preparazione dei radio farmaci. Le manipolazioni per la preparazione dei radiofarmaci da somministrare ai pazienti devono essere eseguite esclusivamente all interno della cappa di manipolazione dopo aver eseguito le seguenti verifiche e adottato le seguenti cautele: 1. L aspirazione della cappa di manipolazione deve essere in funzione. 2. I circuiti elettrici devono essere attivati prima di qualsiasi attività comportante la manipolazione di radiofarmaci. 3. Le parti esterne della cappa di manipolazione (coperchio, pulsantiera interruttori, maniglie ecc. ) devono essere sicuramente non contaminate, pertanto la loro manipolazione è vietata dopo aver indossato i guanti utilizzati per la protezione delle mani da eventuali contaminazioni. 4. Prima di iniziare la manipolazione, indossare i guanti di protezione a perdere. 5. Gli oggetti e gli strumenti, consentiti sul piano di lavoro e utilizzati per le procedure di manipolazione, devono essere introdotti prima di procedere alla eluizione del primo generatore di Tecnezio 99m impiegato. La loro disposizione, standardizzata e ottimizzata, deve essere rispettata dal personale addetto. 6. Il piano di lavoro deve essere mantenuto libero da ogni oggetto o strumento non indispensabile alla manipolazione dei radiofarmaci per la fase di sviluppo prevista all interno della cella di manipolazione. 7. Devono essere evitati contenitori non indispensabili. 8. Le dosi individuali, identificate per radiofarmaco e destinatario, sono predisposte sul lato destro del piano di lavoro all interno di una bacinella con il fondo ricoperto da carta da filtro, e preparate nei limiti degli schermi in dotazione e quindi prelevate singolarmente per essere destinate al Medico Nucleare nel locale somministrazione attraverso il vano passa-dosi oppure, in caso di somministrazione in sala diagnostica, introdotte nelle valigette schermate. 9. La pulizia della cella di manipolazione deve essere effettuata al termine dell attività giornaliera e deve comprendere: Pagina 9 di 43

10 Fisica la rimozione dei contenitori dei rifiuti secondo quanto indicato sulla gestione dei rifiuti radioattivi ; il ripristino degli eventuali materiali a perdere utilizzati. 10. Particolare attenzione deve essere destinata al contenitore degli aghi. 11. La preparazione dei radiofarmaci deve avvenire nelle apposite cappe predisposte (cappa per preparazioni da kit e per preparazioni estemporanee). 12. la dose preparata deve essere verificata e l attività certificata mediante misura nel Calibratore di dose. L etichetta recante la misura dovrà essere apposta sul foglio di refertazione, 13. I radiofarmaci, inseriti nelle apposite schermature devono essere passati al Medico Nucleare in "Sala Somministrazione, ponendoli singolarmente nella apposita bacinella di plastica con fondo ricoperto di carta assorbente, esclusivamente attraverso la finestra che mette in comunicazione i due locali. 14. Sostare nel locale "DEPOSITO e MANIPOLAZIONE" solo il tempo necessario per effettuare le manipolazioni programmate. 15. Alla fine della manipolazione, riporre tutte le sorgenti radioattive entro i contenitori di piombo e conservarli all interno della cappa e delle schermature. Pagina 10 di 43

11 Fisica 3.2.: Somministrazione dei radio farmaci ai pazienti. La somministrazione dei radiofarmaci ai pazienti deve essere eseguita osservando le seguenti cautele: 1. Prima di iniziare le operazioni di somministrazione assicurarsi che la porta di accesso sia debitamente chiusa; 2. indossare i guanti a perdere; 3. indossare il camice apposito: 4. predisporre un telo di copertura nella zona di iniezione al fine di evitare possibili contaminazioni della poltrona e del pavimento. Il telino di copertura deve essere sostituito ad ogni sospetto gocciolamento e posto a decadere prima di essere avviato a lavaggio 5. utilizzare siringhe schermate; 6. dopo la somministrazione NON reincappucciare l ago bensì eliminarlo utilizzando gli appositi contenitori in plastica rigida che permettono il loro deposito diretto senza manipolazioni e riporre la siringa e tutto il materiale eventualmente contaminato (es. cotone, garze ecc.) nell'apposita vaschetta ricoperta con carta da filtro ponendola sul ripiano schermato della finestra di comunicazione con la sala di manipolazione; 7. monitorare i guanti, se contaminati toglierli avendo cura di rovesciarli, quindi gettarli nell'apposito bidone; in caso di contaminazione o sospetto gocciolamento procedere al monitoraggio delle mani, del camice e delle scarpe, (vedi norme operative per l uso del monitor a grande superficie: mani, piedi, vesti) 8. alla fine della giornata di lavoro e ogniqualvolta si sospetti una contaminazione, effettuare il controllo con il monitor portatile delle superfici interessate 9. al fine di impedire accessi non consentiti alla sala di somministrazione da parte di persone non autorizzate, la porta di accesso deve rimanere chiusa durante l assenza degli operatori della Medicina Nucleare. Pagina 11 di 43

12 Fisica 3.3.: PROCEDURE PER L UTILIZZO DEL CALIBRATORE DI DOSE CAPINTEC CRC- 15R Posizionare lo strumento dove il livello di radiazione di fondo è il più basso e costante possibile e la temperatura è stabile entro un range C Accendere il calibratore con il tasto sul pannello posteriore e attendere circa 30 per la sua stabilizzazione Premere enter per accedere alla schermata di misura Verifica della data e ora impostati Premere Util, poi tasto 4 Set-up, poi tasto1 Time. Se la data e/o l ora non sono corrette premere il tasto N e modificarle, quindi premere enter, altrimenti premere Y e poi Home per tornare alla schermata di misura Tests Quotidiani (da eseguire prima delle misure di campioni) Premere Test, quindi tasto 1 daily. Auto zero: Rimuovere tutte le sorgenti dalle vicinanze della camera e premere un tasto. Il valore misurato deve essere nel range 0±0,05 mv, altrimenti controllare che non vi siano sorgenti nelle vicinanze, eventualmente allontanarle e ripetere la misura. Se il valore non rientra ancora nel range di accettabilità contattare la ditta produttrice. Premere enter. Fondo (Background): Annotare il valore della misura in tabella Se il fondo è alto, ma ancora accettabile (>27 µci e <500 µci oppure >1MBq e <20MBq)comparirà la parola HIGH. Anche se il valore è accettabile bisogna controllare il motivo per cui è alto. Se il fondo è superiore al range di accettabilità (>500 µci o > 20 MBq) comparirà il messaggio TOO HIGH SEE MANUAL. Se non si trova la causa di tale valore elevato contattare la ditta produttrice Premere enter Data Check (Verifica nuclidi inseriti nel sistema): Se viene visualizzato Ok premere enter, altrimenti contattare la ditta prodruttrice Test del sistema Premere TEST, quindi tasto2 Daily. Il valore visualizzato deve essere compreso nel range 155±15V. Premere enter Se il risultato è fuori range compare il messaggio FAIL SEE MANUAL e si deve contattare la ditta produttrice. Pagina 12 di 43

13 Fisica Procedure di misura dell attività di un campione Inserire il campione nel portacampione (dipper) e introdurlo nella camera Specificare il nuclide Per stampare un rapporto della misura premere enter sull unità di lettura e il tasto Sel sulla stampante. Attività del nuclide in tempi differenti Premere TIME. Usare i tasti freccia per spostarsi nei campi. Cambiare i valori dell ora e della data con quelli in cui si vuole conoscere l attività. Premere enter Oltre alla misura eseguita verrà visualizzata (angolo in basso a destra) l attività alla data richiesta. Controllo contaminazione (da eseguire alla fine della giornata lavorativa) Assicurarsi che il portacampione (dipper) e il pozzetto in plastica (liner) siano nella camera e che non vi siano sorgenti Premere 57Co e poi SPC Annotare in tabella l attività visualizzata Se l attività risulta <3 µci oppure 0.1 MBq, allora il sistema non presenta contaminazione significativa, altrimenti passare al punto successivo Rimuovere il dipper dalla camera ed annotare in tabella la nuova attività visualizzata. Se l attività risulta <3 µci oppure 0.1 MBq, decontaminare il dipper, altrimenti Sottrarre le due attività misurate (contaminazione del liner) Decontaminare il liner e dipper Ripetere la procedura finchè la contaminazione totale non sia <3 µci oppure 0.1 MBq. Pagina 13 di 43

14 Fisica TABELLA PER ANNOTAZIONE DEI VALORI DEL FONDO DI RADIAZIONE E DEL LIVELLO DI CONTAMINAZIONE DEL SUPPORTO PER I CAMPIONI DI MISURA Data Fondo (µci) Contaminazione (µci) Misura con Misura senza dipper Differenza dipper+liner Pagina 14 di 43

15 Fisica IV - NORME OPERATIVE NEI LOCALI DI DIAGNOSTICA (sale Gamma-camere) 4.1.:.E obbligatorio!: 1. Indossare sempre l'apposito camice in TNT, durante l'espletamento delle proprie funzioni, allo scopo di evitare eventuali contaminazioni degli abiti 2. L'operatore, una volta posizionato il paziente per l'esecuzione dell'esame, deve sostare dietro la protezione schermata sorvegliando il paziente dall apposita finestra. 3. All'interno del locale di diagnostica deve rimanere, durante l'esecuzione dell'esame diagnostico, il minor numero di persone possibile compatibilmente con le esigenze dell'esame diagnostico. 4. I pazienti a cui é stato somministrato il radiofarmaco, devono essere accompagnati in "Sala di attesa calda" dal personale della Medicina Nucleare. 5. I pazienti a cui è stato somministrato un radiofarmaco ed in attesa di effettuare l'esame diagnostico, devono rimanere nel locale denominato "Sala attesa calda" ed usare il servizio igienico loro destinato. 6. I pazienti devono essere sempre accompagnati in sala somministrazione o sala diagnostica dal personale della Medicina Nucleare. 7. I pazienti in attesa di ricevere la somministrazione del radiofarmaco o gli eventuali accompagnatori (senza eccezioni) devono invece attendere nella zona denominata "Sala di attesa fredda". 8. Nei casi in cui sia indispensabile, per la esecuzione della indagine diagnostica, somministrare il radiofarmaco con paziente già in posizione di esecuzione dell'esame nelle diagnostiche "Gamma camera", è possibile portare fuori della camera calda la dose da somministrare con le seguenti precauzioni: a) la siringa schermata con ago coperto dal puntale va posta entro la valigetta schermata con il fondo ricoperto di carta assorbente; b) dopo la somministrazione, rimettere la siringa nella valigetta schermata, e riportare il tutto in camera calda; 10. in caso di sospetta contaminazione, dopo gli esami, monitorare il lettino o le poltrone porta paziente ed il pavimento del locale di diagnostica. Pagina 15 di 43

16 Fisica 4.2.:.E vietato! 1. Introdurre nei locali di diagnostica, oggetti o materiali non necessari. 2. Mangiare, bere, fumare. 3. Portare alla bocca oggetti in genere e compiere operazioni con l'ausilio della bocca. 4. Posare all'esterno delle apposite bacinelle oggetti di qualsiasi genere che possano essere contaminati. 5. Uscire dai locali della Medicina Nucleare con indosso il camice da lavoro, esso deve essere sempre riposto nell'apposito locale dopo aver verificato con il monitor la sua non contaminazione. Pagina 16 di 43

17 Fisica V - NORME OPERATIVE PER USO DEL MONITOR A GRANDE SUPERFICIE: MANI, PIEDI, VESTI. Sistema VLB : Cosa è il MONTOR VLB-202. Il VLB-202 è un monitor per mani, piedi e vesti dotato di due rivelatori plastici indipendenti. Uno per la mani e l altro per i piedi. Il VLB-202 è equipaggiato di un display LCD e tre pulsanti per i comandi. Il sistema di impostazioni può essere cambiato interattivamente con il menu. Il monitor può misurare in CPS o in Bq/cm 2, con o senza sottrazione di fondo. E consigliabile lasciare sempre acceso il sistema. Pagina 17 di 43

18 Fisica 5.2.: Come si attiva. 1. Non appena l apparecchio rivela la mani sul rivelatore per le mani comincerà un ciclo di misurazione. 2. Lo schermo LCD mostrerà un conteggio di valori alla rovescia. Quando il conteggio raggiunge lo 0, il risultato apparirà sul display. 3. Se nessuna contaminazione è rilevata il VLB-202 produrrà un beep di OK. Un messaggio sullo schermo LCD informa l utilizzatore che non c è nessuna contaminazione rivelata. 4. Se, invece, è stata rivelata una contaminazione lo schermo mostrerà un immagine del VLB-202 con il livello di contaminazione vicino al rivelatore. 5. All atto dell accensione Il VLB-202 misurerà prima il livello di fondo per un certo lasso di tempo. 6. Un numero minimo di conteggi deve essere effettuato per ottenere un realistico valore del livello di fondo. Il tempo che il VLB-202 impiega per ottenere questo valore di fondo dipende dal numero minimo di conteggi che sono necessari. Questo numero minimo di conteggi è stato definito in relazione alle caratteristiche ed al posizionamento del sistema. 5.3.: Misurazione della contaminazione di mani e piedi 1. Se il valore di fondo è stato calcolato, il VLB-202 è pronto per misurare, il che verrà indicato mostrando il seguente messaggio nello schermo LCD. Pagina 18 di 43

19 Fisica 4. E possibile che il SET FOR : isotope non venga mostrato. Questo significa che il VLB-202 è programmato al CPS (conteggio per secondo). Il VLB-202 è adesso pronto per essere utilizzato. 5. E necessario che sia il rilevatore per mani/vesti, che quello per i piedi siano sempre coperti da un foglio di plastica (da rinnovare periodicamente) per evitarne la contaminazione e mantenerli puliti. 6. Una misurazione normale inizia quando due oggetti sono rivelati da entrambi i lati del rivelatore per mani. Dal momento in cui entrambe le mani sono sul rivelatore per mani inizia un conteggio alla rovescia. 7. Il valore del conteggio mostrato nello schermo indica il tempo di misurazione in secondi. E importante posizionare le mani sulla superficie grigia del rivelatore. Altrimenti il metallo lungo i bordi del rivelatore schermerà l attività. E anche importante stare sulla griglia del rivelatore di piedi quando si attivano i sensori delle mani. 8. Lo schermo del conteggio alla rovescia appare così: 9. Mantenere entrambe le mani sul rivelatore durante il conteggio. Se una mano lascia il rivelatore anche se per un attimo il conteggio si interrompe e l operazione di misurazione viene terminata. Se le mani non sono sul rivelatore durante tutto il ciclo del conteggio lo schermo LCD può mostrare due messaggi. Pagina 19 di 43

20 Fisica 10. Il livello di attività per rivelatore non ha superato la soglia d allarme stabilita per quel rivelatore. 11. Il messaggio dello schermo è: Prima di tornare allo status Ready to measure un beep prolungato suonerà. 12. Almeno uno dei rilevatore registra un livello di attività superiore al livello di allarme corrispondente a quel rilevatore. Lo schermo indica quale rivelatore causa l allarme, e mostra il livello di attività misurato o in conteggio per secondo o in Bq/cm 2. Pagina 20 di 43

21 Fisica 13. Lo schermo LCD potrebbe apparire come nelle seguenti foto: 14. In caso di allarme il VLB-202 emetterà 4 brevi beep. 15. L indicatore di contaminazione starà sullo schermo per cinque secondi, anche dopo che sono stati rilasciati i rivelatori per mani. Pagina 21 di 43

22 Fisica 16. Dopo cinque secondi lo schermo tornerà normale e mostrerà il messaggio di pronto a misurare (ready to measure). 17. Il rivelatore per mani consiste in un singolo rivelatore sensibile da entrambe le parti. Questo significa che le mani producono un valore di misurazione combinato. 18. Se una o entrambe le mani sono contaminate, appare la contaminazione combinata di entrambe le mani ed è richiesto all utilizzatore di togliere la mano destra e misura solo la mano sinistra (figura sopra). 19. Dopo il conteggio alla rovescia, che inizia automaticamente, è richiesto all utilizzatore di togliere la mano sinistra e misurare la mano destra. 20. Anche i piedi sono misurati con un solo rivelatore. Se uno o entrambi i piedi sono contaminati, è richiesto all utilizzatore di utilizzare il rivelatore per le vesti per determinare quale piede è contaminato e dove localizzata la contaminazione. 21. Dopo aver lavato, strofinato e/o rimosso l indumento contaminato, la procedura di misurazione deve essere ripetuta. Pagina 22 di 43

23 Fisica 5.4.: Misurazione vestiti 1. Il rivelatore per mani può anche essere utilizzato come rivelatore per i vestiti, sollevandolo dal VLB Staccando il rivelatore dal VLB-202 si trasferisce automaticamente il VLB-202 alla funzione monitor per vesti. 3. Nella modalità monitor per vesti lo schermo appare così: 4. A seconda della modalità la misurazione apparirà in CPS o in Bq/cm 2. Il valore sarà visualizzato in cifre decimali e come barra logaritmica 5. Il livello di allarme corrispondente al rivelatore per mani sarà utilizzato per controllare. 6. Se il livello di allarme è superato si udirà un beep di allarme. C è un 10% di isteresi nell algoritmo di controllo del livello di allarme. 7. Se, per esempio, l allarme è attivato per livelli che superano 100 CPS, l allarme viene disattivato quando il livello scende sotto 90 CPS. Pagina 23 di 43

24 Fisica 5.5.: Cambiare l isotopo selezionato 1. Il VLB-202 può essere programmato per misurare diversi isotopi. Sotto è riportata una lista di tutti gli isotopi selezionabili e il valore di efficienza della misura. 2. E necessario selezionare gli isotopi corretti a causa della differenza di efficienza tra diversi isotopi. 3. Se la programmazione dell isotopo è sbagliata la misurazione produrrà un risultato sbagliato. 4. La selezione dell isotopo è possibile solo se il VLB-202 funziona in modalità Becquerel. 5. Se il VLB-202 funziona in modalità Becquerel premendo il tasto E è possibile selezionare un isotopo. 6. Lo schermo LCD dopo aver premuto E : SELECT ISOTOPE Am-241 Ba-133 Co-57 Co-60 Cs-137 Cr-51 F-18 Ga-67 I-123 I-125 I-131 In-111 P-32 Re-186 Tc-99m TI-201 TI-204 Sr90 / Y % MIX 1 MIX 2 MIX 3 7. Nel menu di selezione isotopi, gli isotopi possono essere selezionati muovendo la barra di selezione sull isotopo preferito con il tasto cursore e premendo il tasto E (enter). 5.6.: Livelli di allarme, funzioni automatiche e segnalazioni di malfunzionamento. 1. I livelli di allarme attuali dei rilevatori sono stati impostati ai seguenti valori: mani e piedi : 3 Bq/cmq o 100 cps 2. E attivata la funzione automatica di sottrazione del fondo. 3. I controlli vanno effettuati a fine di ogni attività comportante rischio di contaminazione e comunque sempre prima di lasciare il reparto. 4. In caso di contaminazione accertata, la prova deve essere ripetuta dopo il procedimento di decontaminazione. Pagina 24 di 43

25 Fisica 5. Le situazioni di contaminazione accertata vanno registrate e segnalate alla UOC Fisica. 6. Ogni malfunzionamento va segnalato alla. Pagina 25 di 43

26 Fisica VI - NORME DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE ADDETTO ALLE PULIZIE DEI LOCALI DELLA MEDICINA NUCLEARE 6.1.: Norme per la pulizia depositi rifiuti radioattivi e camere calde Si forniscono semplici regole che devono caratterizzare l attività di pulizia dei locali classificati come zone a rischio da radiazioni ionizzanti, a norma del D. Lgs. 230/95. 1) Ogni operatore classificato esposto alle radiazioni ionizzanti ed autorizzato all utilizzo delle sorgenti radioattive, prima di lasciare la zona classificata DEVE: a) chiudere le sorgenti radioattive e riporle nell area di deposito (frigo, cassaforte, etc) b) rimuovere e gettare tra i rifiuti radioattivi ogni oggetto utilizzato durante la manipolazione (carta assorbente, siringa, ecc.) c) accertarsi, tramite lo strumento in dotazione al laboratorio, che non siano presenti contaminazioni residue sulle diverse superfici e/o oggetti presenti nel laboratorio d) qualora si riscontrino contaminazioni, seguire le modalità di rimozione delle stesse indicate nelle Norme Interne di Radioprotezione 2) Se sono rispettati i criteri di cui sopra, non vi sono pericoli per coloro che effettuano le pulizie, i quali comunque dovranno: a) Non effettuare alcuna operazione che comporti lo spostamento e/o la manipolazione delle sorgenti radioattive e/o dei fusti contenenti i rifiuti radioattivi. Il segnale di pericolo presente sui fusti indica la presenza di materiale radioattivo. b) Non effettuare alcuna operazione con solventi e/o liquidi sulle sorgenti e/o sui fusti di rifiuti radioattivi. c) Ove possibile effettuare le operazioni di pulizia con materiali monouso d) Rimanere all interno dei locali classificati solo il tempo necessario all effettuazione delle operazioni di pulizia e) Astenersi da fumare, mangiare, bere o svolgere alcuna altra attività che non sia strettamente connessa alle operazioni di pulizia all interno del deposito f) Eventuali ulteriori indicazioni saranno contenute nelle Norme Interne di Radioprotezione affisse nell area delimitata. Pagina 26 di 43

27 Fisica VII GESTIONE DELL IMPIANTO VASCHE DI RACCOLTA E SMALTIMENTO REFLUI RADIOATTIVI LIQUIDI 7.1: Registrazione dei carichi e degli scarichi delle vasche. Le registrazioni nel modulo allegato sono necessarie per consentire all Esperto Qualificato di effettuare le valutazioni prescritte dalla leggi vigenti, pertanto, le registrazioni devono essere effettuate con la massima attenzione. 7.2: Procedure di gestione ordinaria e straordinaria delle vasche. La manutenzione ordinaria e straordinaria del sistema di raccolta delle deiezioni dei pazienti è, per contratto, affidata alla Ditta fornitrice del sistema (COMECER), deve essere richiesta all AFC Servizi Tecnici e avviene attraverso l opera di personale terzo, idoneo ad attività a rischio di contaminazione e opportunamente sottoposto a controllo fisicodosimetrico, da parte della Ditta di appartenenza. Nel paragrafo che segue, si riportano le principali indicazioni di sicurezza tratte dal manuale di gestione delle vasche prodotto dal fornitore, alle quali l utilizzatore si deve comunque attenere. Pagina 27 di 43

28 Fisica REGISTRAZIONE DEI CARICHI E DEGLI SCARICHI DELLE VASCHE VAS CA I VAS CA II INIZIO RIEMPIMENTO DATA ORA ORE DI DECADIME NTO RILEVATE SMALTIMENTO ORA DATA FIRMA Pagina 28 di 43

29 Fisica 7.3: Descrizione dell apparecchiatura 7.3.1: Generalità Il sistema consente lo stoccaggio di liquami radiattivi, derivanti da deiezioni di pazienti trattati a scopo diagnostico con isotopi radioattivi, ed il successivo scarico in esenzione nella rete fognaria degli stessi. L apparecchio è essenzialmente costituito da due serbatoi di stoccaggio corredati di sensori di livello massimo riempimento e livello di allarme troppo pieno. Il paziente usufruisce del apposito vaso in ceramica, corredato di elettropompa trituratrice al suo interno, che, dopo l azionamento dello sciacquone, invia i liquami alla prima vasca in riempimento: al raggiungimento del livello massimo di quast ultima, si inserisce automaticamente una valvola deviatrice motorizzata che invia i liquami sulla seconda vasca. Contemporaneamente si inserisce un contaore corrispondente alla prima vasca arrivata al massimo livello in modo da determinare il tempo di stoccaggio dei liquami in essa contenuti. Nel caso anche la seconda vasca sia arrivata al massimo livello, occorre procedere allo scarico della prima vasca onde permettere di deviare i successivi liquami su di essa. Alla fine di ogni scarico vasche i contaore si azzerano automaticamente. L apparecchio è dotato anche di valvola motorizzata che consente di poter selezionare l invio dei liquami provenienti dal sedile wc direttamente nella rete fognaria anziché nelle vasche di stoccaggio : Caratteristiche costruttive La struttura esterna e realizzata in lamiera di acciaio INOX AISI 304 con finitura Scotch- Brite con elevate caratteristiche di decontaminabilità e resistenza alla corrosione. I due serbatoi da litri 300 cad. sono in vetroresina, dotati di attacchi idraulici nelle parti superiori e tramoggia di scarico inferiore; il materiale presenta elevate caratteristiche di resistenza agli aggressivi chimici. La schermatura dei serbatoi viene realizzata con pannelli tipo sandwich schermati con piombo spessore mm 3. Il vaso WC e realizzato in porcellana con incorporato sistema di scarico acqua pulita, comandato tramite pulsante. Pagina 29 di 43

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1

La manovra manuale di ritorno al piano. Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano Ing. Raffaele Sabatino 1 La manovra manuale di ritorno al piano D.P.R. 30 aprile 1999, n. 162 (Regolamento recante norme per l'attuazione della direttiva 95/16/CE

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma

Manuale di Istruzioni. HI 931002 Simulatore 4-20 ma Manuale di Istruzioni HI 931002 Simulatore 4-20 ma w w w. h a n n a. i t Gentile Cliente, grazie di aver scelto un prodotto Hanna Instruments. Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare la strumentazione,

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1

RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 Raccomandazione 114 RACCOMANDAZIONE SULLA PROTEZIONE DEI LAVORATORI CONTRO LE RADIAZIONI IONIZZANTI 1 La Conferenza generale dell Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Il cavo di alimentazione è rigidamente fissato nella parte inferiore del terminale (fig.1), tale cavo deve essere connesso al trasformatore esterno (fig. ) e, questi,

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 11 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 11 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle fornito

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO

Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO Ricevitore con fascia pettorale per la misurazione della frequenza cardiaca con gli smartphone ISTRUZIONI PER L USO VOLUME DI FORNITURA 1 ricevitore (n. art. RUNDC1, modello: 92-1103800-01) incluse batterie

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE PIANI A INDUZIONE. cod. 7372 241

MANUALE D ISTRUZIONE PIANI A INDUZIONE. cod. 7372 241 MANUALE D ISTRUZIONE PIANI A INDUZIONE cod. 7372 241 Gentile cliente Il piano cottura induzione ad incasso è destinato all uso domestico. Per l imballaggio dei nostri prodotti usiamo materiali che rispettano

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual

DEOS DEOS 16 DEOS 20 DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER. Manuale d uso User manual DEOS Manuale d uso User manual DEUMIDIFICATORE DEHUMIDIFIER DEOS 16 DEOS 20 Egregio Signore, desideriamo ringraziarla per aver preferito nel suo acquisto un nostro deumidificatore. Siamo certi di averle

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia

BacPac con LCD. Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia BacPac con LCD Manuale dell utente + Informazioni sulla garanzia AGGIORNAMENTO FIRMWARE Per determinare se è necessario effettuare un aggiornamento del firmware, seguire questi passi: Con l apparecchio

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless Gentile Cliente, Ti ringraziamo per aver scelto Aladino Vision. Aladino Vision è unico, essenziale, elegante e definisce un nuovo concetto per la telefonia cordless assegnando un ruolo attivo alla stazione

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR

Manuale d Istruzioni. Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Manuale d Istruzioni Extech EX820 Pinza Amperometrica 1000 A RMS con Termometro IR Introduzione Congratulazioni per aver acquistato la Pinza Amperometrica Extech EX820 da 1000 A RMS. Questo strumento misura

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania.

WQuesto orologio è un modello a W onde radio che riceve le onde radio dell orario standard trasmesso in Germania. LQuesto orologio indica con il terminale più corto della lancetta dei secondi, il livello di ricezione e il risultato di ricezione. Lancetta dei secondi Lancetta dei minuti Lancetta delle ore Pulsante

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli