BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Lunedì 09 gennaio 2012 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Lunedì 09 gennaio 2012 C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI"

Transcript

1 Anno XLI N. 006 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, Milano Direttore resp.: Marco Pilloni Informazioni: tel. 02/6765 int ; 2 Serie Ordinaria - Lunedì 09 gennaio 2012 BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI Deliberazione Giunta regionale 29 dicembre n. IX/2838 Variazioni al bilancio per l esercizio finanziario 2011 e bilancio pluriennale (art. 40, co. 3 l.r. 34/78 - Prelievi da fondi) 5 provvedimento Deliberazione Giunta regionale 29 dicembre n. IX/2880 Ricognizione sistematica e riordino degli atti amministrativi regionali in materia di gestione dei rifiuti D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta Regionale Presidenza Decreto dirigente struttura 28 dicembre n Direzione centrale Programmazione integrata - Accordo di Programma per lo sviluppo economico e la competitività del sistema lombardo Asse 1 innovazione Bando «Progetti ed interventi innovativi sulle tematiche sicurezza sul lavoro ed energia e ambiente»: presa d atto delle sostituzioni intervenute all interno dei partenariati, delle variazioni di ragione sociale e delle rinunce e approvazione delle decadenze totali e delle rideterminazioni del contributo concesso a seguito delle verifiche delle rendicontazioni D.G. Sistemi verdi e paesaggio Decreto dirigente struttura 28 dicembre n Reg. CE 1698/ Programma di sviluppo rurale Misura 221 «Imboschimento dei terreni agricoli». Riparto delle risorse finanziarie alle amministrazioni provinciali - Ottavo periodo, anno D.G. Sanità Circolare 29 dicembre 2011, n. 14 Flusso informativo di rilevazione dell attività specialistica ambulatoriale per l anno 2012 con particolare attenzione alla MAC ed indicazioni sulla rendicontazione dei farmaci utilizzati in MAC D.G. Agricoltura Decreto dirigente unità organizzativa 29 dicembre n Reg. CE 1698/05. Programma di sviluppo rurale Asse 4 leader - Misura Assegnazione delle risorse finanziarie ai gruppi di azione locale (GAL) D.G. Commercio, turismo e servizi Decreto direttore generale 21 dicembre n Iscrizione all elenco di cui al paragrafo 4 comma 6 della d.g.r. 28 ottobre 2009 n dei distretti del commercio che hanno concorso con esito positivo al bando di finanziamento previsto con d.g.r. 15 dicembre 2010, n.993 (1 gruppo) D.G. Industria, artigianato, edilizia e cooperazione Decreto dirigente struttura 22 dicembre n Approvazione esiti istruttori delle domande presentate ai sensi del bando approvato con decreto n del 30 luglio Misura C del fondo regionale per le agevolazioni finanziarie all artigianato (d.g.r. n del 18 aprile 2007): XI Provvedimento

2 2 Bollettino Ufficiale C) GIUNTA REGIONALE E ASSESSORI D.g.r. 29 dicembre n. IX/2838 Variazioni al bilancio per l esercizio finanziario 2011 e bilancio pluriennale (art. 40, co. 3 l.r. 34/78 - Prelievi da fondi) 5 provvedimento LA GIUNTA REGIONALE Visto l art. 40, comma 3, della l.r. 31 marzo 1978, n. 34, e successive modificazioni ed integrazioni che consente di disporre, con deliberazione della Giunta regionale, il prelievo dal fondo di riserva per far fronte a spese impreviste; Visto l art. 1 comma 6 della legge regionale 29 dicembre 2005, n. 22, «Legge finanziaria 2006» che al fine di assicurare la necessaria flessibilità di bilancio istituisce un fondo per il rispetto degli obblighi di stabilità finanziaria che consente di effettuare il prelievo da detto fondo, secondo le modalità di cui all art. 40 comma 3 della l.r. 34/78, sulla base delle esigenze e della verifica degli andamenti di spesa, comunque garantendo il rispetto dei limiti individuati nell applicazione del comma 4 della legge stessa; Vista la deliberazione del Consiglio Regionale del 28 settembre 2010 n.ix/56 Programma Regionale di Sviluppo della IX Legislatura; Vista la legge regionale 28 dicembre 2010, n. 22 «Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2011 e bilancio pluriennale 2011/2013 a legislazione vigente e programmatico»; Vista la d.g.r. n. IX/1155 del 29 dicembre 2010 «Documento tecnico di accompagnamento al Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2011 e bilancio pluriennale 2011/2013 a legislazione vigente e programmatico» e programmi annuali di attività degli enti ed aziende dipendenti; Vista la richiesta della Direzione Centrale Affari Istituzionali e Legislativo, Struttura Rapporti Istituzionali del 22 dicembre 2011 con la quale viene chiesto un prelievo dal capitolo «Fondo patto sostenibile» - spese di investimento in capitale, per ,00 ad incremento del cap «Spese in capitale per l adesione o la partecipazione regionale a fondazioni o altre istituzioni e per la costituzione di fondazioni o altre istituzioni»; Visti altresì gli stati di previsione delle entrate e delle spese del bilancio regionale per l esercizio finanziario 2011 e successivi; Verificato da parte del Dirigente dell Unità Organizzativa Programmazione e Gestione Finanziaria la regolarità dell istruttoria e della proposta di deliberazione sia sotto il profilo tecnico che di legittimità; Vagliate ed assunte come proprie le predette valutazioni e considerazioni; Ad unanimita dei voti espressi nelle forme di legge: DELIBERA 1. Di apportare al bilancio per l esercizio finanziario 2011 e pluriennale 2011/2013 e al documento tecnico di accompagnamento le variazioni indicate all allegato A della presente deliberazione di cui costituisce parte integrante e sostanziale. 2. Di trasmettere la presente deliberazione al Consiglio Regionale ai sensi e nei termini stabiliti dall art. 40, comma 3 della l.r. 31 marzo 1978, n. 34 e successive modificazioni ed integrazioni. 3. Di disporre la pubblicazione della presente deliberazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia, ai sensi dell art. 49, comma 10, della l.r. 31 marzo 1978 n.34 e successive modificazioni ed integrazioni. Il segretario: Marco Pilloni

3 Bollettino Ufficiale 3 ALLEGATO A Stato di previsione delle spese: SVILUPPO DELL ORGANIZZAZIONE IN UNA PROSPETTIVA DI GOVERNO 5846 SPESE IN CAPITALE PER L ADESIONE O LA PARTECIPAZIONE REGIONALE A FONDAZIONI O ALTRE ISTITUZIONI E PER LA COSTITUZIONE DI FONDAZIONI O ALTRE ISTITUZIONI Competenza Cassa Competenza Competenza ,00 0,00 0,00 0, FONDO PER IL FINANZIAMENTO DI SPESE DI INVESTIMENTO 7429 FONDO PATTO SVILUPPO SOSTENIBILE Competenza Cassa Competenza Competenza ,00 0,00 0,00 0,00

4 4 Bollettino Ufficiale D.g.r. 29 dicembre n. IX/2880 Ricognizione sistematica e riordino degli atti amministrativi regionali in materia di gestione dei rifiuti Visti: LA GIUNTA REGIONALE il d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152, «Norme in materia ambientale», Parte IV; la l.r. 12 dicembre 2003, n. 26; «Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche»; Preso atto che, a seguito del notevole e complesso sviluppo del corpo normativo comunitario, nazionale e regionale in materia di gestione dei rifiuti, si è assistito, nel corso degli anni, ad un ingente e parallela diffusione in Regione Lombardia di atti di normazione terziaria riguardanti la medesima materia quali ordinanze presidenziali, delibere di Giunta regionale, decreti dei direttori generali o dirigenziali, regolamenti, nonché di atti interni aventi rilevanza esterna quali circolari o note di indirizzo emanate dai dirigenti delle competenti Strutture; Considerato che trattasi, in via generale, di normativa terziaria regionale di attuazione, di dettaglio, di integrazione nonché di atti di indirizzo, di chiarimento, di interpretazione, di approfondimento, di divulgazione rivolti sia alle pubbliche amministrazioni sia agli operatori pubblici e privati in materia di gestione di rifiuti; Rilevato che il quadro normativo in materia di gestione dei rifiuti appare caratterizzato da una notevole complessità in ragione sia della elevata molteplicità degli atti sopra considerati sia della valenza dei medesimi quali indispensabili strumenti posti a corollario della legislazione comunitaria, nazionale e regionale e con funzione di indirizzo e coordinamento dell attività degli enti locali in materia; Stabilito che si pone la necessità di procedere ad un riordino di tutti i provvedimenti sopramenzionati in materia di gestione dei rifiuti, al fine di offrire maggiore chiarezza e certezza a tutti gli enti aventi competenza in materia ed agli operatori interessati, in ossequio al principio di efficienza e di semplificazione dell azione amministrativa, fornendo un elenco esaustivo dei provvedimenti di normazione terziaria nonché degli atti aventi rilevanza esterna oggi in vigore; Richiamati altresì il Programma Regionale di Sviluppo della IX legislatura approvato con d.c.r. n. 56 del 28 settembre 2010 e l obiettivo operativo riguardante l azione n «Norme tecniche di riferimento per tipologia di impianto con riordino e riduzione del corpo normativo regionale, in prima istanza per gli impianti di competenza regionale»; Ritenuto, pertanto, di dover procedere ad una ricognizione dei provvedimenti vigenti sopracitati, tale funzione è stata sussunta negli elenchi di cui agli Allegati A) e B), costituenti parte integrante della presente deliberazione, che ripartiscono gli atti in esame in ordine cronologico crescente, con annotazione dell oggetto dell atto medesimo e delle eventuali modifiche o integrazioni intervenute, suddivisi come nel seguito: Allegato A) Atti vigenti; Allegato B) Atti non più in vigore; Ritenuto, altresì, opportuno procedere alla formale abrogazione delle deliberazioni di giunta regionale, emanate in materia di gestione dei rifiuti, che risultano non più applicabili in quanto superate da normativa sopravvenuta, indicate nell elenco di cui all Allegato C), costituente parte integrante della presente deliberazione, come nel seguito: Allegato C) d.g.r. abrogate dal presente provvedimento; Valutata, infine, l importanza che riveste, per gli enti e per gli operatori interessati, un aggiornamento costante e certo degli elenchi dei provvedimenti amministrativi assunti da Regione Lombardia in materia di gestione dei rifiuti, i sopraddetti elenchi di cui agli Allegati A) e B) saranno pubblicati a cura della competente Direzione Generale sul B.U.R.L. e sul sito web di Direzione e ivi verranno sottoposti, da parte della medesima Direzione, ad un periodico aggiornamento ricognitivo degli stessi, ove necessario; A voti unanimi espressi nelle forme di legge DELIBERA 1. di approvare l elenco ricognitivo, in materia di gestione dei rifiuti, dei provvedimenti amministrativi vigenti di normazione terziaria nonché degli atti amministrativi in vigore aventi rilevanza esterna, denominato Allegato A) e che costituisce parte integrante della presente deliberazione; 2. di approvare l elenco ricognitivo, in materia dei gestione di rifiuti, dei provvedimenti amministrativi non più vigenti di normazione terziaria nonché degli atti amministrativi non più in vigore aventi rilevanza esterna, denominato Allegato B) e che costituisce parte integrante della presente deliberazione; 3. di abrogare le deliberazioni di giunta regionale, emanate in materia di gestione dei rifiuti, che risultano non più applicabili in quanto superate da normativa sopravvenuta, indicate nell elenco di cui all Allegato C) e che costituisce parte integrante della presente deliberazione; 4. di incaricare la competente Direzione Generale affinché provveda alla pubblicazione dei suddetti elenchi di cui agli Allegati A), B) e C) sul sito web di Direzione, nonché al periodico aggiornamento ricognitivo degli Allegati A) e B), ove necessario; 5. di disporre la pubblicazione integrale del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (B.U.R.L.). Il segretario: Marco Pilloni

5 Bollettino Ufficiale 5 ATTI VIGENTI ALLEGATO A Numero e data Oggetto Contenuti D.g.r. n del 01/06/82 Circolare n del 27/12/93 D.g.r. n del 28/03/95 D.g.r. n del 11/04/95 D.d.g. n. 36 del 7/01/98 D.d.g. n del 08/07/98 D.d.g. n del 05/08/98 D.g.r. n del 14/05/99 D.g.r. n del 16/07/99 D.d.g. n del 05/11/99 D.g.r. n del 08/11/99 D.g.r. n del 14/02/00 D.g.r. n del 11/04/01 D.d.g. n del 22/05/01 Attività di ammasso, trasporto, smaltimento e recupero dei rifiuti speciali contenenti policlorodifenili, policlorotrifenili e miscele degli stessi Controlli analitici sui rifiuti messi a dimora in discarica per rifiuti speciali e/o tossico-nocivi Approvazione dei requisiti minimi e documentazione richiesta per la progettazione di discarica controllata per i rifiuti solidi urbani ed assimilabili e della metodologia di controllo relativa alla gestione ed alla protezione ambientale delle discariche di r.s.u. ed r.s.a.u. Piano regionale stralcio di bonifica delle aree inquinate Direttive e linee guida in ordine al deposito temporaneo e allo stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Approvazione dello schema di comunicazione e dei contenuti e della relazione da allegare a tale comunicazione relativa all inizio-prosecuzione di attività di recupero ai sensi dell art. 33 comma 1 e art. 57, comma 5 e 6 del d.lgs. 22/97 modificato e integrato con d.lgs. 389/97 Circolare sugli effetti della deliberazione della giunta regionale ex art. 27 d.lgs. 22/97 Determinazioni relative all applicazione delle procedure semplificate ex artt. 31 del 33 d.lgs. 22/97 per le attività di smaltimento dei rifiuti Determinazioni ad integrazione delle autorizzazioni alle attività di esercizio di delle operazioni di deposito preliminare di rifiuti sanitari pericolosi - Art. 28 del d.lgs. 22/97 Determinazioni in merito alla definizione di variante sostanziale in corso di esercizio di cui all art. 27, 8 comma, del d.lgs. 22/97, nonché in merito ai rifiuti individuati come materiali quotati presso le C.C.I.A.A., di cui all allegato 1 del d.m. 5 settembre Approvazione criteri e modalità per l esercizio delle operazioni di trasporto transfrontaliero di rifiuti in attuazione del regolamento CEE 1 febbraio 1993, n. 259 e del decreto ministeriale 3 settembre 1998, n. 370 Determinazioni in merito alle modalità tecniche e procedurali per la corretta gestione dei contenitori vuoti di prodotti fitosanitari utilizzati in agricoltura Procedure semplificate per la realizzazione degli interventi di bonifica e ripristino ambientale ai sensi dell art. 13 del decreto ministeriale n. 471 del 25 ottobre 1999 Revisione delle Direttive e linee guida in ordine alla classificazione, relativa codifica C.E.R. e modalità di gestione dei rifiuti provenienti da strutture sanitarie, già approvate con d.d.g. n /99 e 36633/99 modalità di gestione dei rifiuti di PCB nelle varie fasi Realizzazione ed all esercizio di discariche di rifiuti speciali, caratteristiche che devono avere i rifiuti speciali accumulabili in giacimenti, test di cessione sia con CO2 che con acido acetico. Resta vigente il solo punto 1) relativamente al valore statistico degli esiti dei carotaggi in discarica - Il resto superato dal d.m. 03/08/05 Requisiti minimi, progetto, elaborati grafici, metologie di controllo di gestione e post-gestione, ecc. Individua: i siti per i quali intervenire prioritariamente, le misure di riparazione e ripristino ambientale e l ordine di priorità degli interventi. Modificato con D.c.r. n. 958 del 17/02/04 e D.c.r. n. 70 del 30/09/08. Approvazione della Circolare n. 4 del 26/01/98 - Circolare della Direzione tutela Ambientale: direttive e linee guida in ordine al deposito temporaneo ed allo stoccaggio dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Approvazione dello schema di comunicazione per inizio/prosecuzione di attività di recupero ecc.. Modificata ed integrata dal D.d.u.o. n del 24/06/03 L approvazione, da parte della Giunta regionale, del progetto per la realizzazione di impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti, sostituisce ad ogni effetto visti, pareri, autorizzazioni e concessioni di organi regionali, provinciali e comunali; La variante al piano regolatore è temporanea nel senso che persiste per il periodo di esistenza dell impianto; ecc... Applicabilità della procedura di V.I.A. o di verifica ex D.P.R. 12 aprile 96 ai progetti per la realizzazione di opere o di varianti sostanziali al seguito delle quali gli impianti non sono più conformi all autorizzazione rilasciata, nonchè agli incrementi di attività a seguito dei quali gli impianti risultano assoggettabili. Parzialmente modificata dalla d.g.r del 07/08/09 Tempistica di stoccaggio presso depositi preliminari con cella frigorifera dei rifiuti sanitari pericolosi non sterilizzati. Approvazione della circolare: Determinazioni in merito alla definizione di variante sostanziale Approvazione delle procedure per la spedizione transfrontaliera dei rifiuti. Modificata ed integrata con d.g.r. n del 13/02/04 Finalità, definizioni, operazione di lavaggio aziendale dei contenitori vuoti di prodotti fitosanitari, criteri generali per gli utilizzatori dei prodotti fitosanitari, divieti ecc Approvazione delle procedure per le opere di bonifica e ripristino ambientale non oggetto di specifica autorizzazione Dettagli tecnici sull aggiornamento delle linee guida di cui all oggetto.

6 6 Bollettino Ufficiale Numero e data Oggetto Contenuti D.g.r. n del 01/10/01 Circolare n del 16/10/01 Circolare n del 29/10/01 D.g.r. n del 18/01/02 D.g.r. n del 25/01/02 D.g.r. n del 24/04/02 D.g.r. n del 21/06/02 D.g.r. n del 06/08/02 Circolare n del 11/09/02 D.g.r. n del 25/11/02 D.g.r. n del 16/04/03 Avviso di rettifica n. 22/1 S.O D.g.r. n del 16/04/03 Delega alle Province delle funzioni amministrative, ai sensi degli artt. 27 e 28 del d.lgs. 22/97 e s.m.i., in materia di approvazione dei progetti ed autorizzazione alla realizzazione dei centri di raccolta ed all esercizio delle inerenti operazioni di messa in sicurezza, demolizione, recupero dei materiali e rottamazione dei veicoli a motore e rimorchi. Art. 1 della l.r. 3 aprile 2001 n 6. Determinazioni in merito al trasbordo rifiuti Rifiuti provenienti da strutture sanitarie. D.m. Ambiente e Sanità 26/06/2000 n. 219 Approvazione dello schema e delle modalità di presentazione dell istanza di aggiornamento dell autorizzazione all esercizio delle operazioni di recupero e/o smaltimento di rifiuti ai sensi del d.lgs. 22/97, in adeguamento alla Decisione della commissione delle Comunità Europee n. 2001/118/CE del 16 gennaio 2001 e s.m.i. Delega alle province delle funzioni amministrative, ai sensi degli art. 27 e 28 del d.lgs. 22/97 e s.m.i., in materia di approvazione dei progetti ed autorizzazione alla realizzazione degli impianti ed all esercizio delle inerenti operazioni di recupero (R13, R3, R4, R5) e smaltimento (D15, D13, D14) limitatamente allo stoccaggio e/o cernita di rifiuti speciali non pericolosi e di rifiuti speciali pericolosi. Art. 1 della l.r. 3 aprile 2001, n. 6. Individuazione dei criteri per la determinazione dell importo e delle modalità di versamento degli oneri a carico dei richiedenti l approvazione dei progetti e l autorizzazione alla realizzazione degli impianti ed all esercizio delle inerenti operazioni di recupero e/o smaltimento di rifiuti speciali, ai sensi degli artt. 27 e 28 del d.lgs. 22/97 e s.m.i., per l istruttoria tecnica, per il controllo durante l attività e per il collaudo finale. Art. 1 della l.r. 3 aprile 2001, n. 6 Delega alle province delle funzioni amministrative, ai sensi degli artt.27 e 28 del d.lgs. 5 febbraio 1997 e s.m.i., in materia di approvazione dei progetti ed autorizzazione alla realizzazione degli impianti ed all esercizio delle inerenti operazioni di recupero di rifiuti speciali pericolosi e di rifiuti speciali pericolosi, ad esclusione di quelle relative al compostaggio (R3) ed allo spandimento su suolo a beneficio dell agricoltura (R10). Art.1 della l.r. 3 aprile 2001, n. 6 Approvazione schemi istanze, documenti di rito e progetto definitivo da presentare ex 27 e 28 Chiarimenti in ordine all esercizio delle funzioni delegate alle Province in materia di smaltimento e recupero rifiuti l.r. 3 aprile 2001, n. 6. Delega alle province delle funzioni amministrative, ai sensi degli artt. 27 e 28 del d.lgs.22/97 e successive modifiche ed integrazioni, in materia di approvazione dei progetti ed autorizzazione alla realizzazione degli impianti ed all esercizio delle inerenti operazioni di smaltimento mediante trattamento (D8, D9) di rifiuti speciali non pericolosi e di rifiuti speciali pericolosi, non tossici e nocivi, nonchè all esercizio degli impianti mobili - art. 1 della l.r. 3 aprile 2001, n. 6 Linee guida relative a costruzione e all esercizio degli impianti di produzione di compost - revoca della d.g.r. 16 luglio 1999, n Deliberazione Giunta Regionale 16 aprile 2003, n. 7/12764 Linee guida relative a costruzione e all esercizio degli impianti di produzione di compost - revoca della d.g.r. 16 luglio 1999, n pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia n. 20, 1 Supplemento Straordinario del 13 maggio 2003 Modello di autorizzazione ed allegato tecnico per i centri di raccolta ed all esercizio delle inerenti operazioni di messa in sicurezza, demolizione, recupero dei materiali e rottamazione dei veicoli a motore e rimorchi. Art. 1 della l.r. 3 aprile 2001, n. 6. Modalità di trasbordo rifiuti Conferma contenuti d.d.g /01 e precisazioni come ad es.: CER e possibile termodistruzione (con caricamento separato); sterilizzazione per gli infettivi di competenza comunale (d.m. 219/00); ecc Fac-simile moduli con lo schema di domanda di autorizzazione alla prosecuzione dell attività di recupero/smaltimento dei rifiuti Modello di autorizzazione ed allegato tecnico per impianti di stoccaggio e/o cernita Tabelle di quantificazione oraria delle istruttorie per singola tipologia di impianto. Integrata dalla d.g.r. n del 07/08/09 Modello di autorizzazione ed allegato tecnico per impianti di recupero Fac-simile Impianti ex art. 32 della l.r. 21/93 ed oli usati. Modello di autorizzazione ed allegato tecnico per impianti di smaltimento mediante trattamento Linee guida compost. Ripubblicazione del testo dell allegato B Test di fitotossicità alla d.g.r. di cui all oggetto

7 Bollettino Ufficiale 7 Numero e data Oggetto Contenuti D.g.r. n del 09/05/03 Circolare n del 11/06/03 D.g.r. n del 20/06/03 D.d.u.o. n del 24/06/03 D.g.r. n del 25/07/03 D.g.r. n del 1/08/03 D.g.r. n del 30/09/03 D.d.u.o. n del 23/12/03 D.g.r. n del 30/12/03 D.d.u.o. n del 30/01/04 D.g.r. n del 13/02/04 D.c.r. n. 958 del 17/02/04 D.g.r. n del 31/03/04 Circolare n. 18 del 20/04/04 Delega alle province delle funzioni amministrative, ai sensi degli artt. 27 e 28 del d.lgs. 22/97 e s.m.i, in materia di approvazione dei progetti ed autorizzazione alla realizzazione degli impianti ed all esercizio delle inerenti operazioni di recupero mediante compostaggio (R3) di rifiuti speciali non pericolosi ed urbani. Art. 1 della l.r. 3 aprile 2001, n. 6 Chiarimenti in ordine all esercizio delle funzioni delegate alle Province in materia di smaltimento e recupero rifiuti. L.r. 3 aprile 2001, n. 6 Definizione delle Procedure da applicarsi alla caratterizzazione, alla movimentazione ed alla destinazione dei terreni inquinati provenienti da aree oggetto di interventi di bonifica, ai sensi e per gli effetti dell art. 17 del d.lgs. 5 febbraio 1997, n. 22 Approvazione dello schema di comunicazione dei contenuti e della relazione da allegare a tale comunicazione relativa ad inizio di attività di recupero di rifiuti pericolosi ai sensi dell art. 33 del d.lgs. 22/97 e successive modifiche ed integrazioni, e contestuale modifica ed integrazione del d.d.g. 8 luglio 1998, n Programma regionale di gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio ai sensi dell art. 42 del d.lgs. 22/97 Programma regionale per la decontaminazione e lo smaltimento di apparecchi contenenti PCB Determinazioni in merito alla prima applicazione del d.lgs. 36/2003 di applicazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti e del d.m. 13 marzo 2003 relativo ai criteri di ammissibilità dei rifiuti in discarica. Indirizzi per l applicazione del Regolamento CE n. 1774/2002 del Parlamento e del Consiglio del 3 ottobre 2002 recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano Delega alle province delle funzioni amministrative, ai sensi degli artt. 27 e 28 del d.lgs. 22/97 e s.m.i., in materia di approvazione dei progetti ed autorizzazione alla realizzazione degli impianti ed all esercizio delle inerenti operazioni di messa in riserva (R13), trattamento e condizionamento (R3) e spandimento sul suolo a beneficio dell agricoltura (R10) di rifiuti speciali non pericolosi. Art. 1 della l.r. 3 aprile 2001, n.6 Criteri e procedure per la gestione dei Sistemi di Monitoraggio delle Emissioni (SME) da impianti di incenerimento rifiuti. Revoca del decreto 29 dicembre 2000, n Modifiche alla d.g.r. 8 novembre 1999, n. 6/46131, «Approvazione criteri e modalità per l esercizio delle operazioni di trasporto transfrontaliero di rifiuti in attuazione del regolamento CEE 1º febbraio 1993, n. 259 e del decreto Ministeriale 3 settembre 1988, n. 370» Piano regionale stralcio di bonifica delle aree inquinate Programma regionale riduzione del rifiuto urbano biodegradabile da collocare in discarica Gestione dei rifiuti radioattivi di origine sanitaria Schema tipo di decreto dirigenziale Determinazione dell Amministrazione procedente in caso di impianto ubicato sul territorio a cavallo di due Province confinanti. Procedure relative ai terreni inquinati derivanti da bonifica Approvazione allegati: Comunicazione di esercizio attività di recupero di rifiuti pericolosi ai sensi dell art. 33, comma 1 del d.lgs. 22/97; Messa in riserva e recupero di materia di rifiuti pericolosi; Relazione tecnica; Dichiarazione sostitutiva di certificazioni. Formula una stima dei consumi e del recupero degli imballaggi sul territorio regionale e definisce gli obiettivi e le linee guida per il raggiungimento della finalità di tutela ambientale Contiene i dati sulla presenza e il relativo smaltimento delle apparecchiature contenenti PCB in Lombardia. Piano approvato con D.c.r. n. 993 del 06/04/04 Soggetti a cui si applica, tempi e modalità di applicazione interpretazione sul testo. Vigente per il solo punto 1 del deliberato Procedure per le fasi di raccolta, trasporto e smaltimento dei sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano Schema tipo di decreto dirigenziale Manuale di gestione del sistema di monitoraggio delle emissioni. Parzialmente modificato dal d.d.s del 27/04/10 Modifica delle modalità di comunicazione dei rifiuti in partenza Formula previsioni sulla produzione e sullo smaltimento dei R.U.B. (Rifiuto Urbano Biodegradabile) in base agli obiettivi formulati. Integrato con D.g.r. n del 17/05/04 Campo di applicazione, quadro normativo, indicazioni specifiche sulle modalità di applicazione della norma nelle strutture sanitarie, indicazioni in merito all individuazione delle fonti di produzione, linee di indirizzo relative alla gestione dei rifiuti radioattivi prodotti a seguito di pratiche sanitarie comportanti l impiego di sostanze radioattive in forma non sigillata, linee di indirizzo relative alla gestione di sorgenti radioattive in forma sigillata in disuso, compiti dell esercente e dell esperto qualificato, compiti della ASL, eventi anomali, conclusioni

8 8 Bollettino Ufficiale Numero e data Oggetto Contenuti D.d.u.o. n del 29/04/04 Circolare n del 05/05/04 D.g.r. n del 17/05/04 D.c.r. n. 993 del 06/04/04 D.c.r. n del 18/05/04 Nota D.G. Sanità n del 20/09/04 D.g.r. n del 19/11/04 Circolare n. 41 del 03/12/04 D.g.r. n del 21/01/2005 r.r. n. 5 28/02/05 D.d.g. n del 9/03/05 D.g.r. n del 11/03/05 D.g.r. n del 24/03/05 del Circolare n del 06/06/05 Individuazione delle modalità per il versamento delle somme per l attività istruttoria ai sensi degli artt. 27 e 28 del d.lgs. 22/97 Chiarimenti in ordine all esercizio delle funzioni delegate alle Province in materia di smaltimento e recupero rifiuti. L.r. 3 aprile 2001, n. 6 Integrazione della d.g.r. n del 31 marzo 2004: Programma regionale per la riduzione del rifiuto urbano biodegradabile da collocare in discarica Programma regionale per la decontaminazione e lo smaltimento degli apparecchi contenenti PCB Atto di indirizzo in materia di pianificazione regionale per la gestione dei rifiuti in attuazione della legge regionale 12 dicembre 2003, n. 26, art. 19 Gestione rifiuti sanitari pericolosi. Nota interpretativa relativa all applicazione del d.p.r. 15 luglio 2003, n. 254 Nuove disposizioni in materia di garanzie finanziarie a carico dei soggetti autorizzati alla realizzazione di impianti ed all esercizio delle operazioni di smaltimento e/o recupero di rifiuti, ai sensi del d.lgs. 22/97 e s.m.i.. Revoca parziale delle dd.g.r. nn /99, 48055/00 e 5964/01. Tributo speciale per il conferimento in discarica dei rifiuti solidi. Modalità applicative delle disposizioni recate dalla Sezione V, del Capo I - Titolo III della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 Criteri per la redazione, da parte delle Province della relazione annuale di cui all art. 16, comma 2 della l.r. 12 dicembre 2003, n. 26 avente per oggetto: «Disciplina dei servizi locali di interesse economico generale. Norme in materia di gestione dei rifiuti, di energia, di utilizzo del sottosuolo e di risorse idriche», ai sensi dell art. 55 comma 6 della l.r. 26/2003 Regolamentazione ed omogeneizzazione dei costi per il conferimento dei rifiuti in discarica Approvazione della circolare di Precisazioni in merito all applicazione della d.g.r. 19 novembre 2004 n , avente per oggetto: Nuove disposizioni in materia di garanzie finanziarie a carico dei soggetti autorizzati alla realizzazione di impianti ed all esercizio delle inerenti operazioni di smaltimento e/o recupero dei rifiuti, ai sensi del d.lgs. 22/97 e s.m.i.. Revoca parziale delle dd.g.r. nn /99, 48055/00 e 5964/01 Determinazioni in merito all applicazione della d.g.r. 19 novembre 2004, n avente per oggetto: Nuove disposizioni in materia di garanzie finanziarie a carico dei soggetti autorizzati ala realizzazione di impianti ed all esercizio delle inerenti operazioni di smaltimento e/o recupero di rifiuti, ai sensi del d.lgs. 22/97 e s.m.i.. Revoca parziale delle dd.g.r. nn /99, 48055/00 e 5964/01. Documento tecnico Termodistruttori a bassa capacità in applicazione del regolamento Ce. N. 1774/2002 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 3 ottobre 2002 recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano. Obiettivo : interventi regionali per il miglioramento della qualità dell aria e il contenimento dell inquinamento atmosferico. D.d.g. 9 marzo 2005, n di approvazione della circolare di Precisazioni in merito all applicazione della d.g.r. 19/11/04 n Precisazioni in ordine al rilascio delle autorizzazioni all utilizzo di fanghi in agricoltura (validità temporale, fidejussioni, nullaosta, relazioni, quantitativi massimi, C.E.R., tempo utile per lo spandimento, analisi post-utilizzo dei terreni, d.m. 367/03). Integra il piano R.U.B. Approvazione del piano Indirizzi del consiglio regionale alla Giunta funzionali alla redazione del Programma Regionale di Gestione dei rifiuti - Piano regionale per la gestione dei rifiuti urbani e speciali Obblighi delle Strutture Sanitarie Pubbliche per la gestione dei propri rifiuti sanitari pericolosi Allegato contenente criteri e modalità per la presentazione e l utilizzo di garanzie finanziarie per la realizzazione degli impianti di cui all oggetto; allegato contenente la tabella dei criteri e dei parametri per la determinazione dell importo minimo delle garanzie finanziarie da prestare ai sensi del d.lgs. 22/97, del d.lgs. 36/03 e della l.r. 26/03. Informazioni relative alla compilazione della modulistica, facsimile dichiarazione sostitutiva dell atto di notorietà, Linee guida per la redazione dello stato di attuazione dei Piani Provinciali di Gestione dei Rifiuti in carico alle Province, sulla funzione autorizzatoria e di controllo. Contiene voci di costo dettagliate di: spese preliminari, costi di acquisizione, costruzione, gestione, sigillatura e recupero ambientale e la post chiusura Precisazioni in merito alle garanzie finanziarie, anche relative ai lotti non più in esercizio. Modifica del termine previsto dai punti 5 e 6 della d.g.r /04 stabilendo che il nuovo termine per la presentazione delle garanzie finanziarie da parte dei soggetti titolari delle autorizzazioni ex. D.lgs. 22/97 individuati agli stessi punti è fissato al 6 giugno Valori limite di emissioni, normalizzazione, metodi di campionamento analisi e valutazione delle emissioni, emissioni diffuse, prescrizioni in caso di avarie e mal funzionamenti, altezza del camino, camera di combustione, bruciatori ausiliari, controllo dell alimentazione dei sottoprodotti di origine animale, efficienza di incenerimento, migliori tecnologie disponibili, criteri di manutenzione Modalità di presentazione fidejussioni discariche

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2031 Seduta del 01/07/2014

DELIBERAZIONE N X / 2031 Seduta del 01/07/2014 DELIBERAZIONE N X / 2031 Seduta del 01/07/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive

Parte I. VISTA la L.R. 2 marzo 1996 n. 12 e sue successive Parte I N. 19 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 19-6-2012 4849 Contenzioso n. 160 - Tribunale di Potenza - Procedimento penale n. 3608/08 - R.G.N.R. n. 485/09 R.G.GIP - Costituzione in

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011)

Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) Testo Consolidato del Decreto n 30125 del 22 dicembre 2009 (come modificato dal DM 10346 del 13 maggio 2011) L AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI Documento prodotto nell ambito della Rete Rurale Nazionale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 ALLEGATO A D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 TESTO COORDINATO CON NORME SUCCESSIVE D.G.R. N. 47-2981 del 14/5/2001 pubblicata su B.U. n. 21 del 23.5.2001 D.G.R. N. 50-3471 del 9/7/2001 pubblicata su B.U.

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI IN MATERIA VIVAISTICA E DI DIFESA FITOSANITARIA

DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI IN MATERIA VIVAISTICA E DI DIFESA FITOSANITARIA PRESIDENZA / ASSESSORATO: Assessorato regionale dell'agricoltura dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea DIPARTIMENTO/UFFICIO SPECIALE/UFFICIO: Dipartimento dell Agricoltura SERVIZIO 5 - INTERVENTI

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI

MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI MANUALE PER I CONTROLLI SULLE OPERAZIONI COSTITUITE DA EROGAZIONI DI FINANZIAMENTI DIRETTI FSE 2007-2013 A cura della Direzione Istruzione Formazione Professionale Lavoro Allegato a alla dd. n. 608 del

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli