CONFERIMENTO DI RSU, RSA, ROT E FANGHI ALL INTERNO DEL SITO AZIENDALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFERIMENTO DI RSU, RSA, ROT E FANGHI ALL INTERNO DEL SITO AZIENDALE"

Transcript

1 PAG. 1 DI 14 CONFERIMENTO DI RSU, RSA, ROT E FANGHI ALL INTERNO DEL SITO AZIENDALE n 13 Aggiunto paragrafo Smaltimento di sostanze stupefacenti Data 28/11/2012 Preparato Revisione Descrizione revisione Verificato RQAS Verificato DI Approvato

2 PAG. 2 DI 14 INDICE 1. SCOPO 3 2. APPLICABILITÀ 3 3. RESPONSABILITÀ 3 4. MODALITÀ OPERATIVE Modalità per il conferimento dei rifiuti urbani, assimilabili e assimilati Verifica di conformità del rifiuto Conferimenti di sostanze stupefacenti Portale di monitoraggio della radioattività Modalità per il conferimento dei rifiuti sanitari Lavaggio dei cassonetti Modalità per il conferimento dei fanghi Modalità di verifica della quantità di rifiuti conferita rispetto alla quantità autorizzata Modalità di gestione rifiuti prodotti Regolamento per le operazioni di pesatura Modalità di scarico dei rifiuti in fossa (RSU e RSA) Misure di tutela del lavoratore Misure di tutela per l ambiente RIFERIMENTI ALLEGATI 13

3 PAG. 3 DI SCOPO Scopo della presente istruzione operativa è di definire le modalità di conferimento dei rifiuti presso l impianto di Tecnoborgo nel pieno rispetto dell Ambiente e delle normative vigenti. 2. APPLICABILITÀ La presente istruzione è applicabile a tutti i trasportatori che operano presso l impianto di termovalorizzazione. 3. RESPONSABILITÀ La responsabilità del controllo delle attività di conferimento dei rifiuti presso l impianto è attribuita a RQAS. 4. MODALITÀ OPERATIVE L impianto di termovalorizzazione sarà in funzione 365 giorni all anno, 24 ore su 24, salvo quanto previsto all art. II.8 del Contratto per il Conferimento e lo Smaltimento dei Rifiuti Urbani ed Assimilabili (1) e dai limiti previsti dall Autorizzazione Integrata Ambientale. Le modalità per il conferimento dei rifiuti urbani, assimilabili ed assimilati, dei rifiuti sanitari, dei fanghi e per il carico delle scorie, delle ceneri e del materiale ferroso sono descritte nei successivi art. 4.1, 4.2, 4.3 e 4.4 rispettivamente. L ingresso di fornitori, mezzi che non conferiscono rifiuti, pedoni etc. viene invece regolamentato nel seguente modo: 1) i mezzi verranno inizialmente registrati all ingresso di Iren rilasciando il documento di identità o mostrando il pass. Arrivati al cancello di Tecnoborgo entreranno suonando il citofono e successivamente verranno registrati presso la segreteria che rilascerà il tesserino numerato per i visitatori esterni. 2) i pedoni accederanno all impianto attraverso il relativo cancello pedonale comunicante con l area di parcheggio e successivamente verranno registrati dalla Segreteria che rilascerà il tesserino numerato per i visitatori. L uscita avverrà premendo l apposito pulsante posto in prossimità del cancello.

4 PAG. 4 DI Modalità per il conferimento dei rifiuti urbani, assimilabili e assimilati I compattatori che conferiscono i rifiuti urbani e gli automezzi che conferiscono i rifiuti assimilabili e assimilati potranno accedere all impianto per le operazioni di scarico nella fossa dei rifiuti durante le ore di funzionamento dell impianto o, in caso di fermata, secondo modalità da concordare di volta in volta con la direzione dell impianto. L accesso degli automezzi all impianto avverrà tramite lettura ottica alla pesa di Tecnoborgo, ove è inoltre installato un sistema a due sensori plastici affacciati, posto tra le due sbarre presenti sulla pesa, così che nel caso in cui il sistema rilevasse la presenza di rifiuti radioattivi, opportuni blocchi impediranno all automezzo di accedere all impianto e di conseguenza all area di scarico. I rifiuti portati all impianto dovranno essere conformi al processo di combustione e a quanto indicato all art. II.3 del Contratto per il Conferimento e lo Smaltimento dei Rifiuti Urbani e Assimilabili. Non sono conformi i materiali che per loro volume e/o loro composizione fisicochimica non possono essere assimilati ai RSU come indicato di seguito, essendo l elenco indicativo e non esaustivo: - Pneumatici - Scorie e ceneri di impianti di smaltimento - Metalli - Rifiuti in amianto - Sabbia e calcinacci - Munizioni ed esplosivi - Rifiuti provenienti dai macelli - Terra imbevuta di olio o idrocarburi - Sali e residui chimici - Pile e rifiuti di fabbricazione delle pile - Residui di tinteggiatura - Fanghi provenienti dalla fabbricazione di prodotti ceramici - Acidi - Benzene - Liscivie alcaline - Acqua di risciacquatura da galvanoplastica e trattamento termico - Effluenti chimici - Emulsioni di acqua e olio - Bidoni - Materiale ingombrante (materassi, divani, elettrodomestici, matasse di cavi etc.) - Bobine e balle in materiale plastico - Bobine di carta Nell eventualità che tale materiale venga rilevato e separato da Tecnoborgo, questo verrà recuperato dal conferitore a proprie spese.

5 PAG. 5 DI 14 Allo scopo sarà a disposizione di Tecnoborgo un cassone su rimorchio da posizionare sotto la tramoggia di scarico posta in corrispondenza della fossa allo stesso piano della hall di scarico dei rifiuti. I rifiuti assimilabili dovranno essere portati all interno dell impianto in modo che questo sia il più diluibile possibile con i rifiuti urbani. I mezzi che conferiscono non devono eccedere la portata netta di circa kg ed arrivare in modo da essere suddivisi omogeneamente nell arco della giornata. Con cadenza indicativa di 3 volte al giorno l addetto al ponte verifica la conformità del rifiuto conferito analizzando visivamente lo scarico in fossa e rilevando la targa del mezzo che ha effettuato lo scarico. Il suddetto consegna il modulo AS All.1, compilato nelle parti di sua competenza, al RRA che verifica, attraverso il programma software collegato con la pesa di IREN, il codice CER e la sua conformità con il rifiuto scaricato Verifica di conformità del rifiuto La verifica della composizione media dei rifiuti viene effettuata con periodicità mensile mediante il prelievo di un campione medio di rifiuto dalla fossa per eseguire: > analisi merceologica > determinazione del potere calorifico Metodologia: la metodologia di prelievo per la realizzazione del campione medio da sottoporre ad analisi utilizza come riferimento quella utilizzata da ARPA negli interventi di controllo I prelievi verranno effettuati il mercoledì. Per realizzare un campionamento rappresentativo del rifiuto destinato all incenerimento, tenuto conto che dalle ore 9 alle ore 12 vengono consegnati la maggior parte dei rifiuti urbani, si realizzerà un campione medio composito; dalla fossa dei rifiuti, con bennate costanti, procedendo a prelievi nei seguenti orari: - ore 3; - ore 10; - ore 11; - ore 12; - ore 16; - ore 18. Il quantitativo di rifiuti così ottenuto rappresenterà il campione iniziale, sul quale dopo pesatura e prima della triturazione, si procederà a selezionare e pesare a parte, il metallo e il vetro, in quanto questi materiali non combustibili e inoltre possono dare problemi nella successiva fase di triturazione. Dopo la cernita del metallo e del vetro il campione verrà passato in un trituratore per poterlo ridurre ad una granulometria adeguata. Sul triturato e sulla polvere così ottenuti verranno eseguiti mediante il metodo della quartatura manuale per la preparazione del campione finale compreso tra 2,4-5,8 kg.

6 PAG. 6 DI Conferimenti di sostanze stupefacenti Su specifica richiesta delle autorità competenti, vengono smaltite sostanze stupefacenti sotto diretto controllo delle autorità stesse. Al termine della distruzione devono essere firmati i verbali di distruzione con firma congiunta del Capo Impianto (o di un suo delegato) e dei verbalizzanti che hanno conferito le sostanze all impianto. Copia di tale documentazione viene conservata dal Capo Impianto Portale di monitoraggio della radioattività Il portale di monitoraggio dei mezzi in ingresso, ha la funzione di verificare l assenza di radioattività sufficiente a produrre variazioni significative del rateo di rilevazione del fondo naturale. Il portale è costituito da due sensori plastici affacciati, di grande superficie, posti a distanza sufficiente a consentire il transito, a bassa velocità, di un camion dedicato al trasporto dei rifiuti. Il sistema è dotato di un unità di controllo con segnalazione automatica, di potenziale presenza di radioattività. I rilevatori del sistema sono posti tra le due sbarre di accesso al termovalorizzatore. Quando l automezzo, imbocca il cancello d ingresso affacciato alla carreggiata dedicata, inizia il transito tra i due rilevatori che termina all apposita sbarra. La sequenza posizionale, cancello, rilevatore, sbarra, obbliga di fatto le società Tecnoborgo ed Iren, ad ottemperare agli obblighi di sicurezza nel caso di segnalazione di allarme per rilevamento di radioattività. Al fine di evitare false indicazioni sulla presenza di radioattività, l automezzo che abbia evidenziato una qualche attività viene fatto transitare due volte attraverso il portale. L automezzo stesso sarà considerato potenzialmente trasportatore di radioattività se entrambe le letture daranno esito positivo. Nel caso in cui su un automezzo sia individuata la presenza di radioattività opportuni blocchi impediranno all automezzo di entrare nell area di scarico di Tecnoborgo. Indicazioni specifiche condurranno l automezzo nell area di parcheggio adibita. Al momento della rilevazione il capo turno presente provvederà ad avvisare il personale Iren presente in pesa al numero di telefono 0523/ il quale a sua volta avviserà il reperibile di turno, ed il responsabile impianto di Tecnoborgo al numero di telefono 0523/ il quale chiamerà l esperto nominato. L esperto valuterà la reale consistenza del rinvenimento e conseguentemente indicherà al personale dirigente Tecnoborgo ed Iren le azioni da intraprendere presso le autorità. Di ogni evento sarà tenuta opportuna ed esaustiva documentazione. Tutto quanto precedentemente indicato è citato all interno dell allegato 3 della presente Procedura di ingresso mezzo con segnalazione di radioattività, inoltre presso la sala controllo di Tecnoborgo e la portineria e pesa di Iren.

7 PAG. 7 DI 14 La possibile sequenza di eventi è riportata nel seguente diagramma di flusso. INIZIO Transito autocarro tra i rilevatori o ripetizione del transito. Transito a velocità sufficientemente bassa con lettura corretta della radioattività? No Si Si Identificazione autocarro Presenza di radioattività oltre i limiti fissati? Si Primo Passaggio? No Alle procedure di carico interne al termovalorizzatore No Emergenza Trattenere l automezzo nell area di parcheggio dedicata. Avvisare l esperto qualificato per confermare o smentire la presenza di attività non consentita. Su indicazione dell esperto qualificato avvisare le autorità (ARPA, AUSL, Pubblica Sicurezza). L esperto qualificato redige in ogni caso una relazione sull accaduto.

8 PAG. 8 DI Modalità per il conferimento dei rifiuti sanitari L orario per il conferimento dei rifiuti sanitari portati all impianto con furgoni e che dovranno essere scaricati manualmente dal conferitore nei cassonetti posti all interno dell area rifiuti sanitari, dovrà tassativamente essere il seguente: dal lunedì al giovedì: dalle 8.00 alle e dalle alle venerdì: dalle 8.00 alle In caso di arrivo del mezzo fuori dall orario sopra indicato, il conferitore provvederà a caricare i contenitori nei cassonetti di Tecnoborogo a propria cura e sotto la sua responsabilità. I container invece potranno essere conferiti dalle ore 7,00 alle ore 20,00 dal lunedì al sabato. Normalmente verrà conferito un container pieno che verrà lasciato nell apposita area realizzata in adiacenza all ingresso del locale di scarico dei rifiuti sanitari, asportando contemporaneamente il container vuoto. I rifiuti sanitari, sia conferiti con furgoni sia con container, verranno pesati dalla pesa principale all ingresso dell impianto e verrà controllata l eventuale presenza di radioattività Tale sistema dovrà essere sottoposto a verifica trimestrale per la verifica di corretto funzionamento. Le verifiche verranno successivamente annotate su apposito registro AS All. 04. Sul registro prima citato verranno inoltre annotati gli eventi che hanno determinato il rifiuto di cassonetti per concentrazione di radioattività superiore al valore ambientale I rifiuti conferiti dovranno essere conformi alle modalità di combustione dell impianto. Ogni contenitore dovrà essere in materiale plastico, sigillato e dotato di contrassegno per il riconoscimento del produttore. I rifiuti potranno anche essere contenuti in scatole in cui dovrà essere ben visibile il contrassegno di assenza siringhe e in contenitori di recupero. In quest ultimo caso il conferitore dovrà recuperare i propri contenitori. In caso di rifiuto non conforme, in particolare contenente sorgenti radioattive, il relativo contenitore verrà immediatamente restituito al produttore (secondo quanto previsto nella procedura AS 1601 All. 2: preparazione alle emergenze e capacità di risposta).in tal caso Tecnoborgo provvederà inoltre ad effettuare in modo tempestivo una comunicazione al Servizio Territoriale ARPA sezione di Piacenza per i controlli del caso. Giornalmente l addetto ai rifiuti sanitari provvederà a compilare l allegato 02 della seguente procedura, nel quale inserirà il numero di cassonetti utilizzati per ogni conferitore.

9 PAG. 9 DI Lavaggio dei cassonetti Ogni cassonetto, una volta che ha completato il ciclo di scarico nella tramoggia dei forni di incenerimento, viene lavato nell apposita lavatrice presente all interno dell area rifiuti sanitari e separata dall area cassonetti pieni da opportune porte. La disinfezione dei cassonetti deve essere appropriata utilizzando ipoclorito di sodio. Viene inoltre aggiunto un detergente per la pulizia completa. Con cadenza mensile vengono effettuate analisi dello scarico della lavatrice dei cassonetti nella zona rifiuti ospedalieri. L analisi avrà lo scopo di mettere in evidenza l efficacia del lavaggio mediante evidenziazione del contenuto di carica batterica e del contenuto di cloro residuo nel campione (v. istruzione A150106). 4.3 Modalità per il conferimento dei fanghi I fanghi verranno conferiti all impianto in forma liquida attraverso apposita tubazione. Le pompe di adduzione sono installate nella stazione di trattamento fanghi dell impianto di depurazione di Iren. e saranno pilotate dagli interruttori di livello posti nel bacino di stoccaggio di ricezione dei fanghi del termoutilizzatore. Normalmente l impianto di trattamento fanghi sarà in funzione 365 giorni all anno, 24 ore su 24, salvo quanto previsto all art. II.8 del Contratto per il Conferimento e lo Smaltimento dei Rifiuti Urbani ed Assimilabili (vedi nota a fine procedura). Il trasferimento fanghi da Iren e Tecnoborgo è effettuato mediante una pompa di mandata che, in caso avaria, viene sostituita da una pompa analoga mantenuta da Iren stessa. La misura della quantità dei fanghi dovrà avvenire almeno giornalmente mediante apposito contatore installato nel punto di arrivo del fangodotto all impianto di termovalorizzazione, prima dei trattamenti di centrifugazione ed incenerimento. I valori misurati saranno registrati su apposito registro vidimato dall Ente di controllo. Il calcolo delle tonnellate di sostanza secca presente nei fanghi avviati ad incenerimento verrà effettuato provvedendo all esecuzione di campionamenti e misure almeno settimanali sulla percentuale di SS. sul fango in arrivo da Iren. I dati analitici verranno utilizzati, in riferimento ai volumi caricati nella corrispondente settimana, per il calcolo dei quantitativi di fanghi essiccati effettivamente inviati ad incenerimento. I fanghi biologici potranno essere avviati ad incenerimento solo per la disponibilità residua dello smaltimento dei rifiuti urbani. Le interruzioni per cause di forza maggiore possono essere riassunte nei seguenti casi: Caso di guasto all essiccatore: Iren metterà a disposizione di Tecnoborgo un cassone scarrabile (o su rimorchio) per lo smaltimento del fango disidratato prodotto dall impianto. Le operazioni di pesatura, di tenuta del registro di carico/scarico e dei formulari avverrà analogamente a quanto previsto nella procedura A La frequenza dei trasporti dovrà avvenire considerando una produzione giornaliera di circa tonnellate di fango disidratato al 23%.

10 PAG DI a) Caso di guasto al sistema di disidratazione: Il fango non potrà essere ricevuto, pertanto Tecnoborgo comunicherà a Iren la durata prevista di arresto dell impianto. In base alla durata prevista Iren deciderà se stoccare il fango prodotto presso il proprio impianto di digestione o se effettuare lo smaltimento in modo alternativo. b) Caso di divieto di bruciare i fanghi essiccati: E installato un by-pass che raccoglie i fanghi essiccati. Iren metterà a disposizione un cassone scarrabile (o su rimorchio) per lo smaltimento del fango essiccato prodotto dall impianto. Le operazioni di pesatura, di tenuta del registro di carico/scarico e dei formulari avverrà analogamente a quanto previsto nella procedura A La frequenza dei trasporti dovrà avvenire considerando una produzione giornaliera di circa 8 tonnellate di fango essiccato al 65%. I rapporti di prova vengono attualmente effettuati a cura di Iren e vengono conservati presso il Laboratorio Iren e presso Tecnoborgo. Verranno effettuate trimestralmente analisi sul fango liquido relativamente ai parametri: ph, sostanza secca e residuo secco + parametri di cui alla Del. G.R. 2773/04, allegato4: tab. A2 e tab. B. 4.4 Modalità di verifica della quantità di rifiuti conferita rispetto alla quantità autorizzata. Mensilmente il responsabile esercizio compila il report con le quantità di rifiuti conferiti all impianto, sulla base delle quantità registrate sul registro di carico/scarico compilato da RRA. Il responsabile impianto sulla base del programma annuale ne verifica il rispetto e concorda eventualmente con Iren le quantità da conferire nel rispetto della quantità autorizzata ( t). 4.5 Modalità di gestione rifiuti prodotti. L orario per il carico delle scorie, delle ceneri e del materiale ferroso in uscita dall impianto dovrà tassativamente essere il seguente: dal lunedì al giovedì: dalle 8.00 alle e dalle alle venerdì: dalle 8.00 alle Sarà responsabilità di Iren programmare il numero di viaggi necessario ad evitare accumuli nell area di stoccaggio delle scorie e del materiale ferroso superiori alla quantità di circa t 180 e circa t 30 rispettivamente, corrispondenti a 3 giorni di stoccaggio. Allo scopo il personale di Iren che dovrà controllare le quantità presenti nell area potrà

11 PAG DI accedere all impianto previa opportuno accordo con la direzione dell impianto. Per quanto riguarda le ceneri, il numero di viaggi giornalieri sarà fissato da Tecnoborgo. In caso di arrivo del mezzo fuori dall orario sopra indicato, Iren, a proprie spese e sotto la sua responsabilità, metterà a disposizione di Tecnoborgo la pala meccanica per il carico del materiale. Iren metterà inoltre a disposizione di Tecnoborgo la propria pala meccanica per il carico del rottame ferroso ed eventualmente anche delle scorie qualora Tecnoborgo ne ravvisi la necessità. Queste prestazioni saranno regolamentate da apposito contratto per la fornitura di servizi da parte di Iren a Tecnoborgo. Lo stoccaggio dei rifiuti aventi CER , , e dovrà costituire fase preliminare al conferimento in altri impianti di smaltimento o di recupero autorizzati. Preventivamente Tecnoborgo controllerà che tali impianti siano in possesso delle necessarie autorizzazioni. I rifiuti dovranno essere collocati unicamente negli appositi contenitori e/o aree così come individuati nella planimetria presentata allegata all istanza effettuata per l Autorizzazione Integrata Ambientale con le rispettive quantità: nella porzione capannone destinata allo stoccaggio delle ceneri pesanti e scorie (CER ) per una quantità massima di 50 mc; nella porzione di capannone destinata allo stoccaggio dei materiali ferrosi estratti dalle ceneri pesanti (CER ) per un quantitativo massimo di 500 mc; nel silo verticale destinato alle ceneri leggere, contenti sostanze pericolose (CER ) costituite dall insieme non separato delle ceneri provenienti dalla caldaia e da quelle provenienti dall elettrofiltro, per una quantità massima di 90 mc; nel silo verticale destinato ai residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi (CER ) costituite dai prodotti sodici residui provenienti dal filtro a maniche, per una capacità massima di stoccaggio di 100 mc. I quantitativi massimi stoccabili non dovranno superare i quantitativi massimi sopra riportati, cercando comunque di rispettare la periodicità di smaltimento individuata con frequenza quotidiana, eccetto per i giorni di sabato e festivi. Per gli altri rifiuti prodotti, non citati sopra, è consentito il deposito temporaneo secondo i tempi e le modalità stabilite dall art. 183, lettera m del D.Lgs. 152/06. Tutti i rifiuti saranno identificabili mediante i cartelli ben visibili riportanti la denominazione estesa e la tipologia del rifiuto stoccato con il relativo codice CER e, in caso di rifiuti pericolosi, con l apposizione della prevista R nera in campo giallo. I succinti rifiuti saranno gestiti con adeguate modalità. In particolare saranno evitati sversamenti al di fuori dei siti di stoccaggio, ponendo particolare cura durante le operazioni di carico dei veicoli utilizzati per il trasporto dei rifiuti. 4.6 Regolamento per le operazioni di pesatura

12 PAG DI Tutti i mezzi per il conferimento dei rifiuti in ingresso e per lo smaltimento dei rifiuti (ceneri, scorie etc) in uscita dall impianto potranno effettuare tali operazioni solo se le targhe dei mezzi utilizzati sono stati preventivamente registrate da Tecnoborgo in modo che il lettore ottico possa individuare il mezzo e aprire le sbarre della pesa. I mezzi non registrati dovranno citofonare presso la sala controllo dalla quale i capi turno verificheranno se la targa del mezzo rientra nelle autorizzazioni dei trasportatori e in caso positivo apriranno manualmente le sbarre. A tale scopo verrà chiuso il cancello di accesso libero, quindi i mezzi saranno obbligati ad accedere all impianto solo attraverso le pese. Le operazioni da effettuare sono le seguenti: 1) Avvicinando l automezzo alla sbarra le sbarre si apriranno; 2) A seguito dell effettuazione della pesata si aprirà automaticamente anche la seconda sbarra; 3) Dopo aver effettuato lo scarico, occorre passare sulla pesa in uscita compiendo le stesse operazioni. Non verrà consegnata alcuna ricevuta della pesatura 4) In caso di problemi, si può premere il pulsante del citofono per avvisare la sala comandi. In questo caso l autista del mezzo dovrà fornire all operatore di Tecnoborgo il codice del mezzo (E ) per la registrazione del peso in manuale 4.7 Modalità di scarico dei rifiuti in fossa (RSU e RSA) Lo scarico in fossa sarà regolamentato dalla seguente procedura di sicurezza: Sulla rampa di salita alla hall di scarico mantenere la destra Entrare ed uscire nella hall di scarico attraverso i portoni mantenendo la destra. In caso di semaforo rosso non entrare nella hall di scarico Effettuare la manovra per immettersi in retromarcia nella prima pista di scarico libera da mezzi o da rifiuti, partendo da quella più lontana rispetto all ingresso della hall di scarico Avvicinarsi in retromarcia allo scivolo fino a che la ruota posteriore si arresta contro il cordolo Se occorre compiere qualche manovra prima di effettuare lo scarico (per esempio apertura delle porte dei cassoni scarrabili) questa deve essere effettuata senza oltrepassare la linea gialla all uopo predisposta. Scaricare i rifiuti nella fossa. In caso l operatore scenda dal mezzo, è vietato superare la linea di sicurezza. In caso sia necessario pulire il cassone, la manovra deve essere effettuata spostando il mezzo in avanti, in modo da intervenire in sicurezza 4.8 Misure di tutela del lavoratore

13 PAG DI Durante le operazioni di conferimento gli operatori utilizzano i dispositivi di protezione individuale in accordo al D.Lgs.81/08 e s.m.i Misure di tutela per l ambiente Durante le operazioni di conferimento del rifiuto gli operatori devono essere abili a non provocare sversamenti e fuoriuscite accidentali di prodotto. Nel caso si verifichino spandimenti di notevole entità l autista deve immediatamente informare il RQAS di Tecnoborgo e provvedere alla pulizia e al lavaggio della zona interessata. 5. RIFERIMENTI 1. D.Lgs 152/ DM 145 del 01/04/ DM 148 del 01/04/ UNI EN ISO 14001: Reg. (CE) 1221/2009 (EMAS) 6. D. Lgs 133/05 7. Autorizzazione Integrata Ambientale 8. OHSAS18001: ALLEGATI Modulo di verifica della conformità del rifiuto All. 1 Registrazione utilizzo cassonetti All. 2 Procedura di ingesso mezzo con segnalazione di radioattività All. 3 NOTA(1): Art. II.8. del Contratto per il conferimento e lo smaltimento dei rifiuti urbani e assimilabili Interruzioni tecniche

14 PAG DI II.8.1 Interruzioni tecniche programmate Per assicurare la manutenzione ordinaria e straordinaria, saranno necessarie le seguenti interruzioni tecniche nell arco di ogni anno solare: - arresto totale delle due linee dell impianto: 20 giorni - possibilità di ulteriore arresto di una singola linea (a condizione che l altra rimanga in funzione durante il periodo di arresto): 30 giorni per ciascuna linea Tecnoborgo comunicherà a Iren i periodi di manutenzione programmata per l anno solare successivo almeno 30 giorni prima della fine di ciascun anno solare ed eventuali variazioni a detti periodi di manutenzione, nel corso dell anno, con un congruo anticipo. Durante i periodi di manutenzione programmata Iren sospenderà il conferimento dei rifiuti ovvero conferirà un quantitativo limitato di rifiuti, secondo le istruzioni impartite da Tecnoborgo a Iren con un preavviso di almeno 7 giorni e senza alcun onere per Tecnoborgo. II.8.2 Interruzioni tecniche non dovute a manutenzione programmata II Interruzioni tecniche per cause di Forza Maggiore Qualora si verifichi una interruzione tecnica dell impianto per causa di Forza Maggiore, Tecnoborgo provvederà a comunicare tempestivamente a Iren, la quale sospenderà o ridurrà immediatamente il conferimento dei rifiuti, secondo le istruzioni impartite da Tecnoborgo nella stessa comunicazione e senza alcun onere per quest ultima; II Interruzioni tecniche non riconducibili a cause di Forza Maggiore Qualora si verifichi una interruzione tecnica dell impianto non attribuibile a causa di Forza Maggiore, Tecnoborgo provvederà a comunicare tale interruzione tempestivamente a Iren la quale sospenderà immediatamente il conferimento dei rifiuti all impianto, secondo le istruzioni impartite da Tecnoborgo in tale comunicazione, senza alcun onere per Tecnoborgo. Qualora le istruzioni di cui sopra superino, complessivamente, 5 giorni all anno, Iren addebiterà a Tecnoborgo una penale pari al maggior costo sostenuto da Iren per lo smaltimento dei rifiuti non trattati dall impianto nel periodo eccedente la predetta franchigia. Resta comunque fermo l impegno di Tecnoborgo nel caso di una interruzione improvvisa (anche se parziale), per qualunque evenienza, dell impianto di adottare d urgenza le misure necessarie per ristabilire, nella misura del possibile, il buon funzionamento del servizio, e di avvisare Iren nel più breve tempo possibile.

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico monofase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che vive con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura.

Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. DELIBERAZIONE N. 32/71 DEL 15.9.2010 Oggetto: Direttive regionali per la gestione e l autorizzazione all utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura. L Assessore della Difesa dell Ambiente riferisce

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava

La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava La gestione dei limi di decantazione del lavaggio degli inerti di cava Ordine dei Geologi della Toscana Commissione Terre e rocce da scavo Firenze 09/12/2008 ORIGINE impianti di lavaggio degli inerti di

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Presentazione La sicurezza strutturale e l affidabilità dei materiali e dei relativi sistemi costruttivi investono direttamente la competenza istituzionale

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP:

Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' ATTIVITA' DI ASILO

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Informazioni per il cliente. Responsabilità del tecnico di manutenzione. Altre indicazioni

Informazioni per il cliente. Responsabilità del tecnico di manutenzione. Altre indicazioni La Manutenzione preventiva (PM, Preventive Maintenance) di Agilent offre l'assistenza di fabbrica consigliata affinché i sistemi analitici funzionino correttamente e forniscano risultati sempre precisi.

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 10 luglio 2002 (Pubblicato sulla GU n. 226 del 26-9-2002- Suppl. Straordinario) Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Stampare in modalità fronte-retro

Stampare in modalità fronte-retro CODICE DI RETE TIPO PER LA DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE ALLEGATO 2 DELIBERAZIONE 6 GIUGNO 2006, N. 108/06 COME MODIFICATO DALLE DELIBERAZIONI 2 OTTOBRE 2007, N. 247/07, 14 DI- CEMBRE 2007, N. 324/07,

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010)

CALCOLO DELLA SPESA E PROSPETTO ECONOMICO (art. 279, comma 1, lett. c) e d) del D.P.R.n. 207/2010) UNIONE DI COMUNI VIGATA-SCALA DEI TURCHI (Porto Empedocle e Realmonte) UFFICIO A.R.O. Servizio di spazzamento, raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani differenziati e indifferenziati,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Manuale dell'operatore

Manuale dell'operatore Manuale dell'operatore con informazioni sulla manutenzione Second Edition Fifth Printing Part No. 82785IT CE Models Manuale dell operatore Seconda edizione Quinta ristampa Importante Leggere, comprendere

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

SERVIZIO DI NOLEGGIO E LAVAGGIO BIANCHERIA PIANA/CONFEZIONATA, FORNITURA DI CALZATURE, MATERASSERIA E CUSCINI/GUANCIALI NECESSARI ALL AZIENDA U.S.

SERVIZIO DI NOLEGGIO E LAVAGGIO BIANCHERIA PIANA/CONFEZIONATA, FORNITURA DI CALZATURE, MATERASSERIA E CUSCINI/GUANCIALI NECESSARI ALL AZIENDA U.S. SERVIZIO DI NOLEGGIO E LAVAGGIO BIANCHERIA PIANA/CONFEZIONATA, FORNITURA DI CALZATURE, MATERASSERIA E CUSCINI/GUANCIALI NECESSARI ALL AZIENDA U.S.L. DI PIACENZA CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1. OGGETTO DEL

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFPA T 3.10.17) FILTI OLEODINMICI Serie F-1 Filtri con cartuccia avvitabile (spin-on) Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (acc. to NFP T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (acc. to NFP

Dettagli