CONFERIMENTO DI RSU, RSA, ROT E FANGHI ALL INTERNO DEL SITO AZIENDALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFERIMENTO DI RSU, RSA, ROT E FANGHI ALL INTERNO DEL SITO AZIENDALE"

Transcript

1 PAG. 1 DI 14 CONFERIMENTO DI RSU, RSA, ROT E FANGHI ALL INTERNO DEL SITO AZIENDALE n 13 Aggiunto paragrafo Smaltimento di sostanze stupefacenti Data 28/11/2012 Preparato Revisione Descrizione revisione Verificato RQAS Verificato DI Approvato

2 PAG. 2 DI 14 INDICE 1. SCOPO 3 2. APPLICABILITÀ 3 3. RESPONSABILITÀ 3 4. MODALITÀ OPERATIVE Modalità per il conferimento dei rifiuti urbani, assimilabili e assimilati Verifica di conformità del rifiuto Conferimenti di sostanze stupefacenti Portale di monitoraggio della radioattività Modalità per il conferimento dei rifiuti sanitari Lavaggio dei cassonetti Modalità per il conferimento dei fanghi Modalità di verifica della quantità di rifiuti conferita rispetto alla quantità autorizzata Modalità di gestione rifiuti prodotti Regolamento per le operazioni di pesatura Modalità di scarico dei rifiuti in fossa (RSU e RSA) Misure di tutela del lavoratore Misure di tutela per l ambiente RIFERIMENTI ALLEGATI 13

3 PAG. 3 DI SCOPO Scopo della presente istruzione operativa è di definire le modalità di conferimento dei rifiuti presso l impianto di Tecnoborgo nel pieno rispetto dell Ambiente e delle normative vigenti. 2. APPLICABILITÀ La presente istruzione è applicabile a tutti i trasportatori che operano presso l impianto di termovalorizzazione. 3. RESPONSABILITÀ La responsabilità del controllo delle attività di conferimento dei rifiuti presso l impianto è attribuita a RQAS. 4. MODALITÀ OPERATIVE L impianto di termovalorizzazione sarà in funzione 365 giorni all anno, 24 ore su 24, salvo quanto previsto all art. II.8 del Contratto per il Conferimento e lo Smaltimento dei Rifiuti Urbani ed Assimilabili (1) e dai limiti previsti dall Autorizzazione Integrata Ambientale. Le modalità per il conferimento dei rifiuti urbani, assimilabili ed assimilati, dei rifiuti sanitari, dei fanghi e per il carico delle scorie, delle ceneri e del materiale ferroso sono descritte nei successivi art. 4.1, 4.2, 4.3 e 4.4 rispettivamente. L ingresso di fornitori, mezzi che non conferiscono rifiuti, pedoni etc. viene invece regolamentato nel seguente modo: 1) i mezzi verranno inizialmente registrati all ingresso di Iren rilasciando il documento di identità o mostrando il pass. Arrivati al cancello di Tecnoborgo entreranno suonando il citofono e successivamente verranno registrati presso la segreteria che rilascerà il tesserino numerato per i visitatori esterni. 2) i pedoni accederanno all impianto attraverso il relativo cancello pedonale comunicante con l area di parcheggio e successivamente verranno registrati dalla Segreteria che rilascerà il tesserino numerato per i visitatori. L uscita avverrà premendo l apposito pulsante posto in prossimità del cancello.

4 PAG. 4 DI Modalità per il conferimento dei rifiuti urbani, assimilabili e assimilati I compattatori che conferiscono i rifiuti urbani e gli automezzi che conferiscono i rifiuti assimilabili e assimilati potranno accedere all impianto per le operazioni di scarico nella fossa dei rifiuti durante le ore di funzionamento dell impianto o, in caso di fermata, secondo modalità da concordare di volta in volta con la direzione dell impianto. L accesso degli automezzi all impianto avverrà tramite lettura ottica alla pesa di Tecnoborgo, ove è inoltre installato un sistema a due sensori plastici affacciati, posto tra le due sbarre presenti sulla pesa, così che nel caso in cui il sistema rilevasse la presenza di rifiuti radioattivi, opportuni blocchi impediranno all automezzo di accedere all impianto e di conseguenza all area di scarico. I rifiuti portati all impianto dovranno essere conformi al processo di combustione e a quanto indicato all art. II.3 del Contratto per il Conferimento e lo Smaltimento dei Rifiuti Urbani e Assimilabili. Non sono conformi i materiali che per loro volume e/o loro composizione fisicochimica non possono essere assimilati ai RSU come indicato di seguito, essendo l elenco indicativo e non esaustivo: - Pneumatici - Scorie e ceneri di impianti di smaltimento - Metalli - Rifiuti in amianto - Sabbia e calcinacci - Munizioni ed esplosivi - Rifiuti provenienti dai macelli - Terra imbevuta di olio o idrocarburi - Sali e residui chimici - Pile e rifiuti di fabbricazione delle pile - Residui di tinteggiatura - Fanghi provenienti dalla fabbricazione di prodotti ceramici - Acidi - Benzene - Liscivie alcaline - Acqua di risciacquatura da galvanoplastica e trattamento termico - Effluenti chimici - Emulsioni di acqua e olio - Bidoni - Materiale ingombrante (materassi, divani, elettrodomestici, matasse di cavi etc.) - Bobine e balle in materiale plastico - Bobine di carta Nell eventualità che tale materiale venga rilevato e separato da Tecnoborgo, questo verrà recuperato dal conferitore a proprie spese.

5 PAG. 5 DI 14 Allo scopo sarà a disposizione di Tecnoborgo un cassone su rimorchio da posizionare sotto la tramoggia di scarico posta in corrispondenza della fossa allo stesso piano della hall di scarico dei rifiuti. I rifiuti assimilabili dovranno essere portati all interno dell impianto in modo che questo sia il più diluibile possibile con i rifiuti urbani. I mezzi che conferiscono non devono eccedere la portata netta di circa kg ed arrivare in modo da essere suddivisi omogeneamente nell arco della giornata. Con cadenza indicativa di 3 volte al giorno l addetto al ponte verifica la conformità del rifiuto conferito analizzando visivamente lo scarico in fossa e rilevando la targa del mezzo che ha effettuato lo scarico. Il suddetto consegna il modulo AS All.1, compilato nelle parti di sua competenza, al RRA che verifica, attraverso il programma software collegato con la pesa di IREN, il codice CER e la sua conformità con il rifiuto scaricato Verifica di conformità del rifiuto La verifica della composizione media dei rifiuti viene effettuata con periodicità mensile mediante il prelievo di un campione medio di rifiuto dalla fossa per eseguire: > analisi merceologica > determinazione del potere calorifico Metodologia: la metodologia di prelievo per la realizzazione del campione medio da sottoporre ad analisi utilizza come riferimento quella utilizzata da ARPA negli interventi di controllo I prelievi verranno effettuati il mercoledì. Per realizzare un campionamento rappresentativo del rifiuto destinato all incenerimento, tenuto conto che dalle ore 9 alle ore 12 vengono consegnati la maggior parte dei rifiuti urbani, si realizzerà un campione medio composito; dalla fossa dei rifiuti, con bennate costanti, procedendo a prelievi nei seguenti orari: - ore 3; - ore 10; - ore 11; - ore 12; - ore 16; - ore 18. Il quantitativo di rifiuti così ottenuto rappresenterà il campione iniziale, sul quale dopo pesatura e prima della triturazione, si procederà a selezionare e pesare a parte, il metallo e il vetro, in quanto questi materiali non combustibili e inoltre possono dare problemi nella successiva fase di triturazione. Dopo la cernita del metallo e del vetro il campione verrà passato in un trituratore per poterlo ridurre ad una granulometria adeguata. Sul triturato e sulla polvere così ottenuti verranno eseguiti mediante il metodo della quartatura manuale per la preparazione del campione finale compreso tra 2,4-5,8 kg.

6 PAG. 6 DI Conferimenti di sostanze stupefacenti Su specifica richiesta delle autorità competenti, vengono smaltite sostanze stupefacenti sotto diretto controllo delle autorità stesse. Al termine della distruzione devono essere firmati i verbali di distruzione con firma congiunta del Capo Impianto (o di un suo delegato) e dei verbalizzanti che hanno conferito le sostanze all impianto. Copia di tale documentazione viene conservata dal Capo Impianto Portale di monitoraggio della radioattività Il portale di monitoraggio dei mezzi in ingresso, ha la funzione di verificare l assenza di radioattività sufficiente a produrre variazioni significative del rateo di rilevazione del fondo naturale. Il portale è costituito da due sensori plastici affacciati, di grande superficie, posti a distanza sufficiente a consentire il transito, a bassa velocità, di un camion dedicato al trasporto dei rifiuti. Il sistema è dotato di un unità di controllo con segnalazione automatica, di potenziale presenza di radioattività. I rilevatori del sistema sono posti tra le due sbarre di accesso al termovalorizzatore. Quando l automezzo, imbocca il cancello d ingresso affacciato alla carreggiata dedicata, inizia il transito tra i due rilevatori che termina all apposita sbarra. La sequenza posizionale, cancello, rilevatore, sbarra, obbliga di fatto le società Tecnoborgo ed Iren, ad ottemperare agli obblighi di sicurezza nel caso di segnalazione di allarme per rilevamento di radioattività. Al fine di evitare false indicazioni sulla presenza di radioattività, l automezzo che abbia evidenziato una qualche attività viene fatto transitare due volte attraverso il portale. L automezzo stesso sarà considerato potenzialmente trasportatore di radioattività se entrambe le letture daranno esito positivo. Nel caso in cui su un automezzo sia individuata la presenza di radioattività opportuni blocchi impediranno all automezzo di entrare nell area di scarico di Tecnoborgo. Indicazioni specifiche condurranno l automezzo nell area di parcheggio adibita. Al momento della rilevazione il capo turno presente provvederà ad avvisare il personale Iren presente in pesa al numero di telefono 0523/ il quale a sua volta avviserà il reperibile di turno, ed il responsabile impianto di Tecnoborgo al numero di telefono 0523/ il quale chiamerà l esperto nominato. L esperto valuterà la reale consistenza del rinvenimento e conseguentemente indicherà al personale dirigente Tecnoborgo ed Iren le azioni da intraprendere presso le autorità. Di ogni evento sarà tenuta opportuna ed esaustiva documentazione. Tutto quanto precedentemente indicato è citato all interno dell allegato 3 della presente Procedura di ingresso mezzo con segnalazione di radioattività, inoltre presso la sala controllo di Tecnoborgo e la portineria e pesa di Iren.

7 PAG. 7 DI 14 La possibile sequenza di eventi è riportata nel seguente diagramma di flusso. INIZIO Transito autocarro tra i rilevatori o ripetizione del transito. Transito a velocità sufficientemente bassa con lettura corretta della radioattività? No Si Si Identificazione autocarro Presenza di radioattività oltre i limiti fissati? Si Primo Passaggio? No Alle procedure di carico interne al termovalorizzatore No Emergenza Trattenere l automezzo nell area di parcheggio dedicata. Avvisare l esperto qualificato per confermare o smentire la presenza di attività non consentita. Su indicazione dell esperto qualificato avvisare le autorità (ARPA, AUSL, Pubblica Sicurezza). L esperto qualificato redige in ogni caso una relazione sull accaduto.

8 PAG. 8 DI Modalità per il conferimento dei rifiuti sanitari L orario per il conferimento dei rifiuti sanitari portati all impianto con furgoni e che dovranno essere scaricati manualmente dal conferitore nei cassonetti posti all interno dell area rifiuti sanitari, dovrà tassativamente essere il seguente: dal lunedì al giovedì: dalle 8.00 alle e dalle alle venerdì: dalle 8.00 alle In caso di arrivo del mezzo fuori dall orario sopra indicato, il conferitore provvederà a caricare i contenitori nei cassonetti di Tecnoborogo a propria cura e sotto la sua responsabilità. I container invece potranno essere conferiti dalle ore 7,00 alle ore 20,00 dal lunedì al sabato. Normalmente verrà conferito un container pieno che verrà lasciato nell apposita area realizzata in adiacenza all ingresso del locale di scarico dei rifiuti sanitari, asportando contemporaneamente il container vuoto. I rifiuti sanitari, sia conferiti con furgoni sia con container, verranno pesati dalla pesa principale all ingresso dell impianto e verrà controllata l eventuale presenza di radioattività Tale sistema dovrà essere sottoposto a verifica trimestrale per la verifica di corretto funzionamento. Le verifiche verranno successivamente annotate su apposito registro AS All. 04. Sul registro prima citato verranno inoltre annotati gli eventi che hanno determinato il rifiuto di cassonetti per concentrazione di radioattività superiore al valore ambientale I rifiuti conferiti dovranno essere conformi alle modalità di combustione dell impianto. Ogni contenitore dovrà essere in materiale plastico, sigillato e dotato di contrassegno per il riconoscimento del produttore. I rifiuti potranno anche essere contenuti in scatole in cui dovrà essere ben visibile il contrassegno di assenza siringhe e in contenitori di recupero. In quest ultimo caso il conferitore dovrà recuperare i propri contenitori. In caso di rifiuto non conforme, in particolare contenente sorgenti radioattive, il relativo contenitore verrà immediatamente restituito al produttore (secondo quanto previsto nella procedura AS 1601 All. 2: preparazione alle emergenze e capacità di risposta).in tal caso Tecnoborgo provvederà inoltre ad effettuare in modo tempestivo una comunicazione al Servizio Territoriale ARPA sezione di Piacenza per i controlli del caso. Giornalmente l addetto ai rifiuti sanitari provvederà a compilare l allegato 02 della seguente procedura, nel quale inserirà il numero di cassonetti utilizzati per ogni conferitore.

9 PAG. 9 DI Lavaggio dei cassonetti Ogni cassonetto, una volta che ha completato il ciclo di scarico nella tramoggia dei forni di incenerimento, viene lavato nell apposita lavatrice presente all interno dell area rifiuti sanitari e separata dall area cassonetti pieni da opportune porte. La disinfezione dei cassonetti deve essere appropriata utilizzando ipoclorito di sodio. Viene inoltre aggiunto un detergente per la pulizia completa. Con cadenza mensile vengono effettuate analisi dello scarico della lavatrice dei cassonetti nella zona rifiuti ospedalieri. L analisi avrà lo scopo di mettere in evidenza l efficacia del lavaggio mediante evidenziazione del contenuto di carica batterica e del contenuto di cloro residuo nel campione (v. istruzione A150106). 4.3 Modalità per il conferimento dei fanghi I fanghi verranno conferiti all impianto in forma liquida attraverso apposita tubazione. Le pompe di adduzione sono installate nella stazione di trattamento fanghi dell impianto di depurazione di Iren. e saranno pilotate dagli interruttori di livello posti nel bacino di stoccaggio di ricezione dei fanghi del termoutilizzatore. Normalmente l impianto di trattamento fanghi sarà in funzione 365 giorni all anno, 24 ore su 24, salvo quanto previsto all art. II.8 del Contratto per il Conferimento e lo Smaltimento dei Rifiuti Urbani ed Assimilabili (vedi nota a fine procedura). Il trasferimento fanghi da Iren e Tecnoborgo è effettuato mediante una pompa di mandata che, in caso avaria, viene sostituita da una pompa analoga mantenuta da Iren stessa. La misura della quantità dei fanghi dovrà avvenire almeno giornalmente mediante apposito contatore installato nel punto di arrivo del fangodotto all impianto di termovalorizzazione, prima dei trattamenti di centrifugazione ed incenerimento. I valori misurati saranno registrati su apposito registro vidimato dall Ente di controllo. Il calcolo delle tonnellate di sostanza secca presente nei fanghi avviati ad incenerimento verrà effettuato provvedendo all esecuzione di campionamenti e misure almeno settimanali sulla percentuale di SS. sul fango in arrivo da Iren. I dati analitici verranno utilizzati, in riferimento ai volumi caricati nella corrispondente settimana, per il calcolo dei quantitativi di fanghi essiccati effettivamente inviati ad incenerimento. I fanghi biologici potranno essere avviati ad incenerimento solo per la disponibilità residua dello smaltimento dei rifiuti urbani. Le interruzioni per cause di forza maggiore possono essere riassunte nei seguenti casi: Caso di guasto all essiccatore: Iren metterà a disposizione di Tecnoborgo un cassone scarrabile (o su rimorchio) per lo smaltimento del fango disidratato prodotto dall impianto. Le operazioni di pesatura, di tenuta del registro di carico/scarico e dei formulari avverrà analogamente a quanto previsto nella procedura A La frequenza dei trasporti dovrà avvenire considerando una produzione giornaliera di circa tonnellate di fango disidratato al 23%.

10 PAG DI a) Caso di guasto al sistema di disidratazione: Il fango non potrà essere ricevuto, pertanto Tecnoborgo comunicherà a Iren la durata prevista di arresto dell impianto. In base alla durata prevista Iren deciderà se stoccare il fango prodotto presso il proprio impianto di digestione o se effettuare lo smaltimento in modo alternativo. b) Caso di divieto di bruciare i fanghi essiccati: E installato un by-pass che raccoglie i fanghi essiccati. Iren metterà a disposizione un cassone scarrabile (o su rimorchio) per lo smaltimento del fango essiccato prodotto dall impianto. Le operazioni di pesatura, di tenuta del registro di carico/scarico e dei formulari avverrà analogamente a quanto previsto nella procedura A La frequenza dei trasporti dovrà avvenire considerando una produzione giornaliera di circa 8 tonnellate di fango essiccato al 65%. I rapporti di prova vengono attualmente effettuati a cura di Iren e vengono conservati presso il Laboratorio Iren e presso Tecnoborgo. Verranno effettuate trimestralmente analisi sul fango liquido relativamente ai parametri: ph, sostanza secca e residuo secco + parametri di cui alla Del. G.R. 2773/04, allegato4: tab. A2 e tab. B. 4.4 Modalità di verifica della quantità di rifiuti conferita rispetto alla quantità autorizzata. Mensilmente il responsabile esercizio compila il report con le quantità di rifiuti conferiti all impianto, sulla base delle quantità registrate sul registro di carico/scarico compilato da RRA. Il responsabile impianto sulla base del programma annuale ne verifica il rispetto e concorda eventualmente con Iren le quantità da conferire nel rispetto della quantità autorizzata ( t). 4.5 Modalità di gestione rifiuti prodotti. L orario per il carico delle scorie, delle ceneri e del materiale ferroso in uscita dall impianto dovrà tassativamente essere il seguente: dal lunedì al giovedì: dalle 8.00 alle e dalle alle venerdì: dalle 8.00 alle Sarà responsabilità di Iren programmare il numero di viaggi necessario ad evitare accumuli nell area di stoccaggio delle scorie e del materiale ferroso superiori alla quantità di circa t 180 e circa t 30 rispettivamente, corrispondenti a 3 giorni di stoccaggio. Allo scopo il personale di Iren che dovrà controllare le quantità presenti nell area potrà

11 PAG DI accedere all impianto previa opportuno accordo con la direzione dell impianto. Per quanto riguarda le ceneri, il numero di viaggi giornalieri sarà fissato da Tecnoborgo. In caso di arrivo del mezzo fuori dall orario sopra indicato, Iren, a proprie spese e sotto la sua responsabilità, metterà a disposizione di Tecnoborgo la pala meccanica per il carico del materiale. Iren metterà inoltre a disposizione di Tecnoborgo la propria pala meccanica per il carico del rottame ferroso ed eventualmente anche delle scorie qualora Tecnoborgo ne ravvisi la necessità. Queste prestazioni saranno regolamentate da apposito contratto per la fornitura di servizi da parte di Iren a Tecnoborgo. Lo stoccaggio dei rifiuti aventi CER , , e dovrà costituire fase preliminare al conferimento in altri impianti di smaltimento o di recupero autorizzati. Preventivamente Tecnoborgo controllerà che tali impianti siano in possesso delle necessarie autorizzazioni. I rifiuti dovranno essere collocati unicamente negli appositi contenitori e/o aree così come individuati nella planimetria presentata allegata all istanza effettuata per l Autorizzazione Integrata Ambientale con le rispettive quantità: nella porzione capannone destinata allo stoccaggio delle ceneri pesanti e scorie (CER ) per una quantità massima di 50 mc; nella porzione di capannone destinata allo stoccaggio dei materiali ferrosi estratti dalle ceneri pesanti (CER ) per un quantitativo massimo di 500 mc; nel silo verticale destinato alle ceneri leggere, contenti sostanze pericolose (CER ) costituite dall insieme non separato delle ceneri provenienti dalla caldaia e da quelle provenienti dall elettrofiltro, per una quantità massima di 90 mc; nel silo verticale destinato ai residui di filtrazione prodotti dal trattamento dei fumi (CER ) costituite dai prodotti sodici residui provenienti dal filtro a maniche, per una capacità massima di stoccaggio di 100 mc. I quantitativi massimi stoccabili non dovranno superare i quantitativi massimi sopra riportati, cercando comunque di rispettare la periodicità di smaltimento individuata con frequenza quotidiana, eccetto per i giorni di sabato e festivi. Per gli altri rifiuti prodotti, non citati sopra, è consentito il deposito temporaneo secondo i tempi e le modalità stabilite dall art. 183, lettera m del D.Lgs. 152/06. Tutti i rifiuti saranno identificabili mediante i cartelli ben visibili riportanti la denominazione estesa e la tipologia del rifiuto stoccato con il relativo codice CER e, in caso di rifiuti pericolosi, con l apposizione della prevista R nera in campo giallo. I succinti rifiuti saranno gestiti con adeguate modalità. In particolare saranno evitati sversamenti al di fuori dei siti di stoccaggio, ponendo particolare cura durante le operazioni di carico dei veicoli utilizzati per il trasporto dei rifiuti. 4.6 Regolamento per le operazioni di pesatura

12 PAG DI Tutti i mezzi per il conferimento dei rifiuti in ingresso e per lo smaltimento dei rifiuti (ceneri, scorie etc) in uscita dall impianto potranno effettuare tali operazioni solo se le targhe dei mezzi utilizzati sono stati preventivamente registrate da Tecnoborgo in modo che il lettore ottico possa individuare il mezzo e aprire le sbarre della pesa. I mezzi non registrati dovranno citofonare presso la sala controllo dalla quale i capi turno verificheranno se la targa del mezzo rientra nelle autorizzazioni dei trasportatori e in caso positivo apriranno manualmente le sbarre. A tale scopo verrà chiuso il cancello di accesso libero, quindi i mezzi saranno obbligati ad accedere all impianto solo attraverso le pese. Le operazioni da effettuare sono le seguenti: 1) Avvicinando l automezzo alla sbarra le sbarre si apriranno; 2) A seguito dell effettuazione della pesata si aprirà automaticamente anche la seconda sbarra; 3) Dopo aver effettuato lo scarico, occorre passare sulla pesa in uscita compiendo le stesse operazioni. Non verrà consegnata alcuna ricevuta della pesatura 4) In caso di problemi, si può premere il pulsante del citofono per avvisare la sala comandi. In questo caso l autista del mezzo dovrà fornire all operatore di Tecnoborgo il codice del mezzo (E ) per la registrazione del peso in manuale 4.7 Modalità di scarico dei rifiuti in fossa (RSU e RSA) Lo scarico in fossa sarà regolamentato dalla seguente procedura di sicurezza: Sulla rampa di salita alla hall di scarico mantenere la destra Entrare ed uscire nella hall di scarico attraverso i portoni mantenendo la destra. In caso di semaforo rosso non entrare nella hall di scarico Effettuare la manovra per immettersi in retromarcia nella prima pista di scarico libera da mezzi o da rifiuti, partendo da quella più lontana rispetto all ingresso della hall di scarico Avvicinarsi in retromarcia allo scivolo fino a che la ruota posteriore si arresta contro il cordolo Se occorre compiere qualche manovra prima di effettuare lo scarico (per esempio apertura delle porte dei cassoni scarrabili) questa deve essere effettuata senza oltrepassare la linea gialla all uopo predisposta. Scaricare i rifiuti nella fossa. In caso l operatore scenda dal mezzo, è vietato superare la linea di sicurezza. In caso sia necessario pulire il cassone, la manovra deve essere effettuata spostando il mezzo in avanti, in modo da intervenire in sicurezza 4.8 Misure di tutela del lavoratore

13 PAG DI Durante le operazioni di conferimento gli operatori utilizzano i dispositivi di protezione individuale in accordo al D.Lgs.81/08 e s.m.i Misure di tutela per l ambiente Durante le operazioni di conferimento del rifiuto gli operatori devono essere abili a non provocare sversamenti e fuoriuscite accidentali di prodotto. Nel caso si verifichino spandimenti di notevole entità l autista deve immediatamente informare il RQAS di Tecnoborgo e provvedere alla pulizia e al lavaggio della zona interessata. 5. RIFERIMENTI 1. D.Lgs 152/ DM 145 del 01/04/ DM 148 del 01/04/ UNI EN ISO 14001: Reg. (CE) 1221/2009 (EMAS) 6. D. Lgs 133/05 7. Autorizzazione Integrata Ambientale 8. OHSAS18001: ALLEGATI Modulo di verifica della conformità del rifiuto All. 1 Registrazione utilizzo cassonetti All. 2 Procedura di ingesso mezzo con segnalazione di radioattività All. 3 NOTA(1): Art. II.8. del Contratto per il conferimento e lo smaltimento dei rifiuti urbani e assimilabili Interruzioni tecniche

14 PAG DI II.8.1 Interruzioni tecniche programmate Per assicurare la manutenzione ordinaria e straordinaria, saranno necessarie le seguenti interruzioni tecniche nell arco di ogni anno solare: - arresto totale delle due linee dell impianto: 20 giorni - possibilità di ulteriore arresto di una singola linea (a condizione che l altra rimanga in funzione durante il periodo di arresto): 30 giorni per ciascuna linea Tecnoborgo comunicherà a Iren i periodi di manutenzione programmata per l anno solare successivo almeno 30 giorni prima della fine di ciascun anno solare ed eventuali variazioni a detti periodi di manutenzione, nel corso dell anno, con un congruo anticipo. Durante i periodi di manutenzione programmata Iren sospenderà il conferimento dei rifiuti ovvero conferirà un quantitativo limitato di rifiuti, secondo le istruzioni impartite da Tecnoborgo a Iren con un preavviso di almeno 7 giorni e senza alcun onere per Tecnoborgo. II.8.2 Interruzioni tecniche non dovute a manutenzione programmata II Interruzioni tecniche per cause di Forza Maggiore Qualora si verifichi una interruzione tecnica dell impianto per causa di Forza Maggiore, Tecnoborgo provvederà a comunicare tempestivamente a Iren, la quale sospenderà o ridurrà immediatamente il conferimento dei rifiuti, secondo le istruzioni impartite da Tecnoborgo nella stessa comunicazione e senza alcun onere per quest ultima; II Interruzioni tecniche non riconducibili a cause di Forza Maggiore Qualora si verifichi una interruzione tecnica dell impianto non attribuibile a causa di Forza Maggiore, Tecnoborgo provvederà a comunicare tale interruzione tempestivamente a Iren la quale sospenderà immediatamente il conferimento dei rifiuti all impianto, secondo le istruzioni impartite da Tecnoborgo in tale comunicazione, senza alcun onere per Tecnoborgo. Qualora le istruzioni di cui sopra superino, complessivamente, 5 giorni all anno, Iren addebiterà a Tecnoborgo una penale pari al maggior costo sostenuto da Iren per lo smaltimento dei rifiuti non trattati dall impianto nel periodo eccedente la predetta franchigia. Resta comunque fermo l impegno di Tecnoborgo nel caso di una interruzione improvvisa (anche se parziale), per qualunque evenienza, dell impianto di adottare d urgenza le misure necessarie per ristabilire, nella misura del possibile, il buon funzionamento del servizio, e di avvisare Iren nel più breve tempo possibile.

7IS12- Accesso ai siti di Siena Ambiente clienti 7IS03 - Gestione accessi ai siti di Siena Ambiente

7IS12- Accesso ai siti di Siena Ambiente clienti 7IS03 - Gestione accessi ai siti di Siena Ambiente IMPIANTO DI TERMOUTILIZZAZIONE Loc. Pian dei Foci Comune di POGGIBONSI RICHIESTA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Integrazioni di cui alle note dell Amministrazione Provinciale di Siena Prot. 100963

Dettagli

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 3 Aprile 2006 n 152 e successive

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE **** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE Servizio di noleggio contenitori, trasporto, smaltimento o recupero dei rifiuti speciali provenienti da impianto di depurazione periodo dal 01-01-2016 al 31-12-2016.

Dettagli

A PREMESSA...3 ACCETTAZIONE RIFIUTO...4 C GESTIONE DEL PROCESSO...8 D GESTIONE DEI RIFIUTI...10 GESTIONE ACQUE REFLUE...11

A PREMESSA...3 ACCETTAZIONE RIFIUTO...4 C GESTIONE DEL PROCESSO...8 D GESTIONE DEI RIFIUTI...10 GESTIONE ACQUE REFLUE...11 SOMMAR I O A PREMESSA...3 B ACCETTAZIONE RIFIUTO...4 B.1 OMOLOGA RIFIUTI... 4 B.2 ACCETTAZIONE... 4 B.2.1 Controllo amministrativo sui rifiuti fase di Scarico... 5 B.2.2 Accesso all impianto per il conferimento

Dettagli

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione

ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione ISOLA ECOLOGICA ARECHI Regolamento di gestione 1 ART. 1) OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola ecologica comunale denominata Arechi. In particolare il presente

Dettagli

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO 1. OGGETTO DEL DISCIPLINARE Il presente disciplinare determina i criteri

Dettagli

IL2301 TERMOVALORIZZATORE MONTALE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ DEL REPARTO ACCETTAZIONE

IL2301 TERMOVALORIZZATORE MONTALE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ DEL REPARTO ACCETTAZIONE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO QUALITA' E AMBIENTE IL2301 TERMOVALORIZZATORE MONTALE DESCRIZIONE DELL ATTIVITÀ DEL REPARTO REDATTA/MODIFICATA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Marco Cavalli Elisa Stefani

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D 1 MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER UN SERVIZIO DI TRATTAMENTO FINALIZZATO AL RECUPERO DI R.U. - R.D. E DI UN SERVIZIO DI SMALTIMENTO SOVVALLI CONFERITI DALL ASIA NAPOLI SPA Disciplinare tecnico 2 1. Principi

Dettagli

Ingresso, scarico ed uscita conferitori rifiuti

Ingresso, scarico ed uscita conferitori rifiuti 1. Scopo Scopo della procedura è di stabilire delle linee guida per una corretta gestione degli automezzi conferenti rifiuti in ingresso al sito. 2. Campo di applicazione La presente procedura è rivolta

Dettagli

Gestione rifiuti prodotti Rev. 03

Gestione rifiuti prodotti Rev. 03 ACCAM S.P.A. Strada Comunale di Arconate 21052 Busto Arsizio Tel 0331-351560 Fax 0331-351780 COD FISC PIVA 00234060127 Rev. 03 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. ABBREVIAZIONI... 2 4. MODALITÀ

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

ACCESSO SCARICO-CARICO IMPIANTO SELEZIONE E RECUPERO CORIANO

ACCESSO SCARICO-CARICO IMPIANTO SELEZIONE E RECUPERO CORIANO Argomento: PAG. 1 DI 13 ACCESSO SCARICO-CARICO IMPIANTO SELEZIONE E RECUPERO CORIANO Impianto Coriano (3) Accettazione Rifiuti (2) CAMPO DI APPLICAZIONE Rev. Sintetico modifiche 0 Approvazione Stato Funzione

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO POLO RIFIUTI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO POLO RIFIUTI BASSANO DEL GRAPPA Reg. n. 6 REGOLAMENTO AZIENDALE DI ACCESSO POLO RIFIUTI BASSANO DEL GRAPPA Art. 26 D.Lgs. 81/08 In relazione alle disposizioni previste dall art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 comma 1, il quale prevede che

Dettagli

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE

COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE COMUNE DI MARRUBIU Provincia di ORISTANO Piazza Roma, 5-09094 MARRUBIU (OR) REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 13/05/2008 1. FINALITA DELLA STAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo Pagina 1 di 9 Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo REVISIONI N Data Modifiche rispetto alla precedente revisione 00 30/09/2011 Prima edizione. 01 26/05/2014 Integrazione

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

PROCEDURA PREACCETTAZIONE E ACCETTAZIONE RIFIUTI SOLIDI IN INGRESSO

PROCEDURA PREACCETTAZIONE E ACCETTAZIONE RIFIUTI SOLIDI IN INGRESSO LOCALITÀ SCARLINO (PROVINCIA DI GROSSETO) IMPIANTO DI TRATTAMENTO RIFIUTI LIQUIDI DI SCARLINO INTERVENTI DI PROCEDURA PREACCETTAZIONE E ACCETTAZIONE RIFIUTI SOLIDI IN INGRESSO 0 Aprile 2012 REV. Descrizione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA. Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo

RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA. Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo RELAZIONE TECNICA SERVIZIO DI RACCOLTA Il Tecnico Ing. Pierangelo Sanfilippo 1 Servizi in appalto I servizi oggetto dell appalto consistono nell espletamento, da parte dell appaltatore, secondo le modalità

Dettagli

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo Pagina 1 di 9 Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo REVISIONI N Data Modifiche rispetto alla precedente revisione 00 30/09/2011 Prima edizione. 01 Integrazione

Dettagli

SEZIONE 1 - Notizie generali. Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi e non pericolosi

SEZIONE 1 - Notizie generali. Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi e non pericolosi Pagina 1 di 7 SEZIONE 1 - Notizie generali Azienda : CLERICO PRIMINO s.r.l. Indirizzo sede operativa: Via Provinciale, n. 54 - Camburzano Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

7IS14-G ACCESSO AI SITI DI SIENAMBIENTE FORNITORI

7IS14-G ACCESSO AI SITI DI SIENAMBIENTE FORNITORI 7IS14-G ACCESSO AI SITI DI SIENAMBIENTE FORNITORI Rev Data Motivo della revisione A 20/02/2004 Emissione G 15/6/2015 Esplicitazione comportamenti idonei par.3.3 Preparato da SPP - Approvato da SM Distribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta è un area presidiata

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO, IL PARCHEGGIO, LA CIRCOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLE AREE DI PERTINENZA DELL OSPEDALE S. BASSIANO DI BASSANO DEL GRAPPA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO, IL PARCHEGGIO, LA CIRCOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLE AREE DI PERTINENZA DELL OSPEDALE S. BASSIANO DI BASSANO DEL GRAPPA REGIONE VENETO AZIENDA SANITARIA ULSS n. 3 REGOLAMENTO PER L ACCESSO, IL PARCHEGGIO, LA CIRCOLAZIONE ED IL CONTROLLO DELLE AREE DI PERTINENZA DELL OSPEDALE S. BASSIANO DI BASSANO DEL GRAPPA (Atto Deliberativo

Dettagli

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi)

Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Comune di SAN DONATO MILANESE Provincia di Milano Via C. Battisti 2-20097 San Donato Milanese (Mi) Area Gestione Territorio Ambiente e Attività Produttive DISCIPLINARE DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA

Dettagli

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta REGOLAMENTO DI GESTIONE CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI DIFFERENZIATI PER FRAZIONI OMOGENEE Art.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e

Dettagli

Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI

Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI Comune di Talmassons MODALITA OPERATIVE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEI RIFIUTI URBANI Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 184 del 25.11.2010 Art. 1 NORME GENERALI

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 GESTIONE DEL CENTRO Art. 3 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 4 ACCESSO SOGGETTI AUTORIZZATI (UTENTI) - MODALITÀ Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO Allegato 2) REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEI CENTRI DI RACCOLTA CONSORTILI TESTO COORDINATO Approvato con deliberazione n. 39 del 29/12/2011 Regolamento_AggDic2011_Approvato.doc pagina 2 di 13 Co.S.R.A.B.

Dettagli

APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 56 del 26.07.2001

APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 56 del 26.07.2001 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI LIQUAMI E/O RIFIUTI LIQUIDI AL DEPURATORE COMUNALE MEDIANTE AUTOBOTTE ALL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI CAORLE VIA TRAGHETE. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione

Dettagli

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO

Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO 1. OGGETTO: Accordo ANCI-RICREA ALLEGATO TECNICO IMBALLAGGI IN ACCIAIO Nell ambito dell Accordo Quadro ANCI-CONAI, siglato il 01/04/2014 il presente Allegato Tecnico definisce le modalità di gestione dei

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Procedura della Qualità Pag. 2 di 9

Procedura della Qualità Pag. 2 di 9 1 SCOPO Scopo di questa Procedura è quello di descrivere le modalità con le quali la nostra Società fa eseguire il servizio di spurgo e di trasporto ai propri autisti, dalla presa in carico dei documenti

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia ************************************ PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA MARCO BIAGI ************************************ REGOLAMENTO Approvato con Deliberazione di

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani

Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani Regolamento sulla gestione dei centri comunali per la raccolta dei rifiuti urbani [Approvato con Delib. C.C. n. 37 del 27.3.2012 Testo coordinato approvato con Delib. C.C. n. _ del _] Art. 1 Finalità 1.

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA

COMUNE DI CALVENZANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNE DI CALVENZANO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n 27 del 29/06/2005 1 INDICE Art. 1 PIATTAFORMA

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P.

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. 72 Rapagnanese; 2. Oggetto del presente regolamento è la gestione, l organizzazione

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Cordenons Pagina 1 di 10 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Cordenons Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma OHSAS

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano

Disciplinare per l accesso e l utilizzo del Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Pagina 1 di 8 Disciplinare per l accesso e l utilizzo Centro di Raccolta Comune di Roveredo in Piano Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme alla Norma

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 12 del 21.01.2012 In vigore dal 21.01.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI CROTONE

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI CROTONE CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI CROTONE Allegato A REGOLAMENTO PER L ACCESSO ED IL CONFERIMENTO DI RIFIUTI LIQUIDI SPECIALI, COSÌ COME INDIVIDUATI NEL D. LGS. 152/2006 e s.m.i.,

Dettagli

In data.. TRA PREMESSO

In data.. TRA PREMESSO i.e.s. CONVENZIONE PER IL CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI, SPECIALI NON PERICOLOSI E PERICOLOSI AI SENSI DEL D.LGS. 03/04/2006 N.152 ARTICOLO 188 COMMA 2 LETTERA C). In data.. TRA AnconAmbiente S.p.A.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

rifiuto da catalogare

rifiuto da catalogare rifiuto da catalogare rifiuto da catalogare famiglia da 01 a 12 o da 17 a 20? rifiuto da catalogare famiglia da 01 a 12 o da 17 a 20? rifiuto da catalogare famiglia da 01 a 12 o da 17 a 20? (esclusi XX

Dettagli

Regolamento di accesso. Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi)

Regolamento di accesso. Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi) Regolamento di accesso Fisicompost S.r.l. Via Vialba 78 - Novate Milanese (Mi) 1 di 7 Responsabilità E responsabilità della funzione di Accettazione documenti e di Accettazione materiali / rifiuti, applicare

Dettagli

ISTRUZIONE PER IL RICEVIMENTO E L ACCETTAZIONE DEI RIFIUTI

ISTRUZIONE PER IL RICEVIMENTO E L ACCETTAZIONE DEI RIFIUTI ISTRUZIONE PER IL RICEVIMENTO E L ACCETTAZIONE DEI RIFIUTI Art. 1 orario di funzionamento del centro e di apertura per gli utenti * per il conferimento di RU, RSAU: Dal Lunedi' al Venerdi': 07.00-13.00

Dettagli

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Cava Medicea Inferiore e Cava Medicea Superiore PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Edizione numero 1 emessa nel mese di settembre 2015 Copia Nr.: CONTROLLATA NON CONTROLLATA Assegnata a Questa Procedura

Dettagli

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.16 del 26 Giugno 2008 IL SEGRETARIO COMUNALE DIRETTORE GENERALE Brando dr. Giuseppe COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

MODALITA DI GESTIONE ISOLA ECOLOGICA DI COGOLETO (GE)

MODALITA DI GESTIONE ISOLA ECOLOGICA DI COGOLETO (GE) REVISIONE: 0 MODALITA DI GESTIONE ISOLA ECOLOGICA DI COGOLETO (GE) REDATTA DA: SATER DATA: NOV 2007 CONCORDATA CON: COMUNE DI COGOLETO DATA: NOV 2007 1/11 Premessa La fruibilità dell isola ecologica in

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA FORMOSI

STUDIO ASSOCIATO DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA FORMOSI Procedura gestione rifiuti L impianto è ubicato appena fuori dal centro abitato di Francavilla Fontana, sulla strada per Grottaglie, prossima alla grossa arteria stradale SS. 7. L impianto è totalmente

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Comune di Osio Sotto (Provincia di Bergamo) Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Novembre 2011 Art. 1 Istituzione del servizio Il Comune di Osio Sotto istituisce il servizio

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Scopo del regolamento Scopo del presente Regolamento è di fornire, al personale strutturato e non strutturato del Dipartimento, tutte le informazioni

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa

ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa ROSIGNANO ENERGIA AMBIENTE spa REA IMPIANTI srl Relatore: Dott. Massimiliano Monti GESTIONE DEI RIFIUTI: ASPETTI TECNICI ECONOMICI E FINANZIARI SISTEMI DI RACCOLTA Con mezzo automatizzato-monoperatore

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA

COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA COMUNE DI GARLASCO Provincia di Pavia AREA TERRITORIO - UFFICIO ECOLOGIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA Approvato con deliberazione di C.C. n. 28 del 22.05.2003 Art. 1 FINALITA

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica

Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica 1 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art.21 comma 2 del D.Lvo. n.22 del 5/2/1997, ha per oggetto

Dettagli

ACCESSO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI DISCARICA DI ZOCCA

ACCESSO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI DISCARICA DI ZOCCA Argomento: PAG. 1 DI 8 ACCESSO, SCARICO E MOVIMENTAZIONE RIFIUTI DISCARICA DI ZOCCA Discarica Non Pericolosi Zocca (4) CAMPO DI APPLICAZIONE Rev. Sintetico modifiche 0 Approvazione Stato Funzione Firma

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

Consegne c/o Feralpi Siderurgica S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO

Consegne c/o Feralpi Siderurgica S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO Consegne c/o Feralpi Siderurgica S.p.A DISPOSIZIONI GENERALI RITIRO ROTTAME FERROSO Ragione Sociale FERALPI SIDERURGICA SPA Via Aurelio Saffi nr. 15 25122 BRESCIA (BS) Sede Amministrativa FERALPI SIDERURGICA

Dettagli

GUIDA alla compilazione della Comunicazione ai sensi dell art. 216 del D.Lgs. n. 152/2006

GUIDA alla compilazione della Comunicazione ai sensi dell art. 216 del D.Lgs. n. 152/2006 GUIDA alla compilazione della Comunicazione ai sensi dell art. 216 del D.Lgs. n. 152/2006 Premessa La comunicazione per l esercizio dell attività di recupero rifiuti non pericolosi viene presentata ai

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Gestore: Fratelli Lupoli srl P.IVA e C.F.: 01231150598 Sede Legale

Dettagli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli

Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli Depuratore di Milano Nosedo Aspetti Gestionali e Controlli SEMINARIO: Sistema depurativo delle acque di rifiuto Impianto di Milano Nosedo 16 giugno 2014 1 Lo scopo delle attività di gestione e controllo

Dettagli

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE

DATA STATO REVISIONE REDAZIONE VERIFICA E APPROVAZIONE IO_11_Regole comportamentali per Fornitori Gentile Fornitore, Eco-recuperi srl ha stabilito una propria politica per la Qualità, la Sicurezza e l Ambiente (disponibile sul sito http://www.ecorecuperi.it/it/918-qualita.htm

Dettagli

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO (Edizione 1 Gennaio 2007) Questa procedura è di proprietà del Gruppo Acam. Ogni divulgazione e/o riproduzione e/o cessione

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata

Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Allegato A) Delibera Giunta Comunale n. 79 del 03.07.2009 Comune di Castelvetro Piacentino Provincia di Piacenza Disciplina per il funzionamento e l utilizzo della nuova Stazione Ecologica Attrezzata Approvato

Dettagli

DATI CLIENTE. CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DEI MATERIALI (rifiuti speciali non pericolosi)

DATI CLIENTE. CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DEI MATERIALI (rifiuti speciali non pericolosi) DATI CLIENTE RAGIONE SOCIALE INDIRIZZO COMUNE P. IVA e CODICE FISCALE TEL e FAX e CELL. IBAN Indirizzo E-MAIL FOTOCOPIA di un DOCUMENTO CONDIZIONI GENERALI PER IL CONFERIMENTO DEI MATERIALI (rifiuti speciali

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO Approvato con atto C.C. n. 28/2000 - Modificato con atto C.C. n. 23 del

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN AUTOSTRADA E RELATIVE PERTINENZE 2014-2017

SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DI RIFIUTI IN AUTOSTRADA E RELATIVE PERTINENZE 2014-2017 S.p.A. Autovie Venete Concessionaria dell Autostrada Venezia Trieste con diramazi Palmanova Udine e Portogruaro Pordenone Conegliano Società soggetta all attività di direzione e coordinamento da parte

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena Via Panoramica, 60-41055 Montese REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA 1. FINALITA DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA La stazione ecologica è una struttura

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE DI LAVORO

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A.

Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti. ATAF S.p.A. Servizio di Prevenzione e Protezione Documento di Valutazione dei Rischi Interferenti in Applicazione a quanto previsto dall Art.28 del D.Lgs. 81/08 tra ATAF S.p.A e Azienda Affidataria per il servizio

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO ECOCENTRO REGOLAMENTO AREA ATTREZZATA DI RAGGRUPPAMENTO

PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO ECOCENTRO REGOLAMENTO AREA ATTREZZATA DI RAGGRUPPAMENTO PROVINCIA DI ROMA!"#!"$%& REGOLAMENTO ECOCENTRO REGOLAMENTO AREA ATTREZZATA DI RAGGRUPPAMENTO Approvato con delibera di C.C. n. 36 del 29.07.2008 1 !" " # $ %&'%&'(&) ) #*! '+(&,-!,. $&, / ""!" ", 0++&.

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli