Azienda sanitaria Locale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda sanitaria Locale"

Transcript

1 1 Centro CAPITOLATO TECNICO PER L'APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO, SMALTIMENTO, RECUPERO E TERMODISTRUZIONE DEI RIFIUTI SANITARI PERICOLOSI E NON, PRODOTTI DALLE STRUTTURE SANITARIE DELL'ASL NA 1 CENTRO. ART. 1 - Oggetto dell'appalto Il presente disciplinare regola l'affidamento ai sensi del D. Lgs. n. 152/2006 e s.m.i. e del D.P.R n. 254 del e s.m.ì. del servizio di prelievo, trasporto e conferimento ad impianti dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi - riportati all'art 3 del presente Capitolato (tipologie e quantitativi presunti) - derivanti dalle attività di prevenzione, diagnosi e cura, riabilitazione, prodotti dalle strutture afferenti all'as.l. NA l Centro, elencate in coda al presente Capitolato in modo indicativo e non esaustivo. Il servizio s'intende comprensivo della fornitura dei contenitori, idonei per caratteristiche tecnico-qualitative ed in quantitativi congrui a soddisfare le esigenze dell'ente appaltante di cui all'art. 4 del presente Capitolato tecnico, fornitura per tutta la durata dell'appalto dì idonei contenitori. Sono esclusi dal servizio di cui alla, presente gara i rifiuti assimilati (smaltiti dal gestore del servizio pubblico di raccolta), i rifiuti radioattivi, disciplinati dal D.Lgs. 230/05, le sostanze stupefacenti di cui al DPR 309/1990 e s.m.i. e le parti anatomiche riconoscibili. ART. 2 - Durata ed ammontare dell'appalto L'appalto avrà durata di tre anni, con facoltà per l'amministrazione aggiudicatrice di prorogare il termine di scadenza, con preavviso di 15 giorni, agli stessi prezzi, patti e condizioni, per ulteriori periodi trimestrali complessivamente non superiori ad un anno. La Società appaltatrice si impegna ad iniziare il servizio anche prima della stipula del contatto e, comunque, dopo la notifica dell'aggiudicazione della gara, entro il termine massimo di lo giorni. Nel periodo di tre mesi, a decorrere dalla data di inizio dell'appalto, l'amministrazione dell'as.l., a proprio insindacabile giudizio, si riserva la facoltà, qualora il servizio non sia reso in modo soddisfacente, di recedere dal contratto dando comunicazione di disdetta alla Società almeno dieci giorni prima, anche solo per via telegrafica. L'importo presunto annuo dell'appalto, ammonta complessivamente ad ,00 oltre IV A, La produzione netta annua dei rifiuti oggetto di appalto, espressa in peso, è stimata in circa Kg ART. 3 - Tipologie di rifiuti. A puro titolo indicativo si livu~l<:tj.lu i ::;c;gw::r " codici CER delle varie tipo]opìe di rifiuti: RIFIUTI CODICE CER Descrizione CER CER CER CER I CER CER Soluzioni di sviluppo e attivanti a base acquosa Soluzioni fissative ". Imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati da tali sostanze Rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni Sostanze chimiche pericolose o contenenti sostanze pericolose Rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni CER Tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio CER ]80108 Medicinali atossici e citostatici I

2 !CER ISostanze chimiche diverse da~q~-elle di cui alla voce 180 I 06 i-=:-=--:-=~-:---r-'-:=------~--~--~ i CER rifiuti che non devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare f--._-- _~ infezioni Lr:s~~ende, in_gessature, lenzuola., indumenti monouso, assorbenti igienic~ I CER 180 Il O rifiuti di amalgama prodotti da interventi odontoiatrici I ~--_.----~--~ ~ CER resine di scambio ionico I CER rifiuti CER 090 l 08,carta e pellicole per fotografia non contenenti argento o composti ~ER 160_6 lbatterie eaccumulatori ICER toner per stampa contenenti sostanze!cer toner per stampa esauriti, da 17 i-==-:=-:-::-c---~ ~----~ ~ CERI50104 imballaggi in metallo (es. piombo, alluminio) e rifiuti metallici non CER CER Lastre radiografiche Imballaggi di carta e cartone e non ; CER CER CER CER CER CER CER Secondo le esigenze dell'amministrazione, le tipologie potranno variare e l'aggiudicatario sarà comunque tenuto alla prestazione del servizio. Si precisa che le sopra riportate tipologie dei rifiuti sono indicative e che, quindi, l'impresa aggiudicataria dovrà provvedere, per tutta la durata del contratto, allo smaltimento di tutte le tipologie di rifiuti prodotti dal settore sanitario, veterinario e di ricerca contemplati nell'oggetto dell'appalto, comprese quelle tipologie prodotte occasionalmente. Per queste ultime, trattandosi solitamente di quantitativi limitati, dovrà essere effettuata la raccolta unitamente ad altre raccolte programmate. Sarà cura della società aggiudicataria accertarsi che i rifiuti occasionali presentino caratteristiche merceologiche analoghe ai rifiuti oggetto di raccolta programmata e siano con essi compatibili durante il trasporto. Nel caso sia necessario procedere all'analisi chimico-fisica di un rifiuto per verificare l'esatta codifica, l'analisi medesima sarà a carico della società aggiudicataria senza alcun onere per l'a.s.l., su richiesta delle Direzioni Sanitarie. Art. 4 - Modalità di svolgimento del sèivizio Il servizio in argomento deve essere espletato in conformità delle prescrizioni normative vigenti, nonché di altre disposizioni e prescrizioni, anche più restrittive, eventualmente emanate dagli Enti Locali. La Società deve, inoltre, porre in essere tutte le misure idonee ad evitare un deterioramento delle condizioni igienico-ambientali nel rispetto della vigente normativa in materia. Deve altresì garantire ampia assicurazione al produttore dei rifiuti sull'idoneità dei recapiti finali proposti e della loro compatibilità alle qualità e quantità dei rifiuti trasportati, utilizzando, quali recapiti fmali, siti all'uopo autorizzati. I servizi 2

3 oggetto della fornitura possono essere così distinti: 1) servizio base articolato in: a) analisi merceologiche, chimiche e fisiche, finalizzate alla corretta gestione del rifiuto; b) fornitura di contenitori ed etichette; c) pesatura del rifiuto, prima del trasporto; d) gestione dei depositi temporanei e delle isole ecologiche; e) raccolta dei rifiuti dai depositi temporanei e dalle isole ecologiche e trasporto esterno; f) confermato ad impianti autorizzarti alle operazioni di smaltimento e recupero; g) fornitura di formulari, registri regolarmente vidimati e compilazione e consegna dei formulari ed eventuale altra documentazione (documento di trasporto, istruzione scritte ecc) ove richiesta; h) dal momento dell'entrata in funzione del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti - SISTRl - di cui al decreto e s.m.i. durante il trasporto i rifiuti dovranno essere accompagnati dalla copia cartacea della scheda SISTRl - area movimentazione, relativa ai rifiuti movimentati stampata dal produttore dei rifiuti al momento della presa in carico dei rifiuti da parte del conducente dell'impresa di trasporto. Tale copia, sottoscritta dal produttore e dal trasportatore dei rifiuti. Ove necessario sulla base della normativa suddetta i rifiuti sono accompagnati da copia del certificato analitico che ne identifica le caratteristiche che il produttore dei rifiuti allega in formato "PDF" alla scheda SISTRl- area movimentazione; Nel caso in cui uno dei soggetti tenuti alla compilazione della scheda sistri (struttura, Azienda o trasportatore) si trovi a non disporre temporaneamente dei mezzi informatici necessari a causa di furto, perdita, distruzione o danneggiamento dei dispositivi o non funzionamento del sistema, la compilazione della scheda è effettuata, per conto di tali soggetti e su sua dichiarazione, da sottoscriversi su copia stampata della scheda dal soggetto tenuto alla compilazione della parte precedente o successiva della scheda medesima. Nel caso di temporanea interruzione del sistema SISTRl, i soggetti tenuti alla compilazione delle schede sono tenuti ad annotare le movimentazioni dei rifiuti su apposita scheda sistri in bianco tenuta a disposizione da scaricarsi dal sistema e ad inserire i dati relativi alle movimentazioni dei rifiuti effettuate entro le 24 ore dalla ripresa del funzionamento del sistema. i) trasmissione delle informazioni necessarie alla compilazione del modello unico di dichiarazione ambientale (MUD) di cui alla legge n. 70 e s.m.i. Per ciascun servizio richiesto la ditta deve presentare una proposta precisa, dettagliata e articolata "relazione tecnica", a pena di esclusione, articolata come prevede il Disciplinare di gara. Tale relazione tecnica è ritenuta adeguatà solo se completamente rispondente ai requisiti specificati nel presente capitolato ed è vincolante per il fornitore che si impegna ad erogare tutti i prodotti e servizi con le modalità in essa prevista. In particolare, l'impresa aggiudicataria dovrà provvedere alle seguenti prestazioni: A. Per tutta la durata dell'appalto, la ditta aggiudicataria dovrà provvedere alla fornitura di tutto il materiale elencato nel presente paragrafo, necessario all'espletamento del servizio, in quantità tali da soddisfare le esigenze della A.S.L. Napoli 1 Centro. Tutti i contenitori (compresi i sacchi, laddove utilizzati) devono: - essere consegnati integri, puliti, asciutti, privi di contaminazioni e residui èd esenti da cattivi odori, con modalità tali da conversare tali caratteristiche. - -essere etichettati o serigrafati, a cura della ditta, secondo quanto indicato dalla normativa vigente; - -possedere adeguati requisiti di resistenza in relazione alle proprietà chimico fisiche ed alle caratteristiche di pericolosità dei rifiuti ai quali sono destinati; - -essere facilmente stoccabili e possibilmente impilabili; - -essere distinti secondo un codice colore in funzione della tipologia di rifiuto contenuto; 3

4 1 Centro essere provvisti di sistemi di presa agevole all'impugnatura e resistenti; - possedere una chiusura finale di facile attuazione; - essere costituiti da materiali il cui smaltirnento (es. termodistruzione) non produce sostanze tossiche (es. PVC); - non contenere lattice (latex Free) ; - Per quanto riguarda il trasporto delle merci pericolose, gli imballaggi devono essere conformi dia normativa vigente; - Sono preferibili le soluzioni che prevengono la produzione dei rifiuti di imballaggio e la riduzione dell'impiego di materie prime vergini; La ditta concorrente deve specificare quali contenitori intende fornire come monouso e quali come riutilizzabili; per questi ultimi, la ditta concorrente deve fornire una descrizione dettagliata dei processi che ne consentono un riutilizzo, specificando: - -natura e ubicazione di attrezzature e impianti di trattamento impiegati (fornire adeguata documentazione in merito) - capacità produttiva degli impianti espressa in numero di contenitori trattati al giorno; - sostanze e preparati impiegati (fornire schede tecniche e di sicurezza); - procedure seguite del processo adottato con controllo dell'efficacia del trattamento e sua validazione. I contenitori dovranno essere specifici per le singole tipologie di rifiuto secondo lo schema di seguito riportato: del rifiuto CER Tipologia del contenitore. Sacchi in monouso interni: in plastica non clorurata, impermeabili, di colore facilmente identificabile, di spessore adeguato (non inferiore a 0,080mm), aventi adeguate caratteristiche di resistenza meccanica e chimica, a tenuta di sicurezza per i liquidi tali da evitare tracimazioni durante il trasporto. I sacchi devono avere dimensioni adeguate al contenitore esterno, tali che una volta introdotti nel suddetto contenitore devono sporgere dal bordo per almeno 10cm. Detti contenitori dovranno recare la scritta "Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo" e del simbolo del rischio biologico. Contenitori esterni riutilizzabili o monouso: in plastica non clorurata, rigidi, di colore facilmente identificabile, resistenti, impermeabili ed idonei alla vigente normativa ADR, agevolmente stoccabili e jmpilabili sia da vuoti che da pieni, con chiusura tale da impedire dispersioni accidentali del materiale all'esterno. Devono essere provvisti di coperchio per la chiusura temporanea e dotati di un sistema di chiusura ermetica e definitiva per tutta la durata del trasporto. I contenitori devono essere completi di fascette per i sacchi, che devono essere facilmente chiudibiii, non riapribili per evitare spargimenti accidentali del contenuto e di lunghezza e resistenza adeguata. I contenitori forniti devono essere di formato diverso con capacità di litri 40/60. Detti contenitori oltre ai simboli ed alle scritte obbligatori per legge (in particolare la scritta " Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo") dovranno recare su almeno due facciate non contigue la seguente dicitura: "AS.L. Napoli 1 Centro" ed altresì una etichetta su cui sia possibile scrivere con una comune penna o con un pennarello indelebile la data di chiusura, il nome della struttura e della unità operativa produttrice. Nel caso in cui il fornitore offra contenitori riutilizzabili devono essere documentate le modalità adottate per la disinfezione e /0 per la rigenerazione dei contenitori riutilizzabili, nonché, con periodicità mensile deve essere fornita copia dei risultati dei controlli condotti p~r verificare l'idoneità del processo di disinfezione. Contenitori monouso per rifiuti taglienti e pungenti: in plastica non clorurata, dì 4

5 colore facilmente identificabile, resistenti alla puntura, agli urti, a perdere, dotati di sistema di chiusura sia temporaneo sia definitivo, impilabili da vuoti, provvisti di indicazione del livello massimo riempimento di varia volumetria, indicativamente da Lt 1/2/3. I contenitori devono essere idonei altresì, a contenere aghi lunghi e cannule, vetrerie da laboratorio, da utilizzare sotto cappa per rnicrobiologia. Detti imballaggi dovranno recare la scritta "rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e pungenti". La chiusura finale deve essere ermetica. I contenitori devono essere certificati BS o in alternativa, garantire condizioni di sicurezza equivalenti per gli operatori sanitari (resistenza alla caduta, al taglio, alle perforazioni). Il possesso di tali requisiti deve essere attestato da un certificato in lingua italiana emesso dal laboratorio accreditato che ha effettuato le prove. Tali imballaggi dovranno essere dotati, quale ausilio alle attività assistenziali di sistemi di ancoraggio a muro, su ripiano, per asta da flebo e per carrelli. i liquidi (sostanze infiammabili, formalina, disinfettanti, reagenti scaduti derivanti da attività di laboratorio analisi, anatomia patologica, centro trasfusionale ) ; Contenitori rigidi riutilizzabili o monouso in materiale compatibile con la composizione e la pericolosità del rifiuto, di varia volumetria (indicativamente 5,10,20 lt), stabili, con apertura adeguata, preferibilmente impilabili, dotati di indicatore visivo di livello, provvisti di idonee chiusure e di idonee maniglie per la movimentazione. Devono essere corredati di accessori e di dispositivi atti ad effettuare in condizioni di sicurezza le operazioni di riempimento e svuotamento. Devono essere conformi alle normative ADR. I contenitori riutilizzabili devono essere bonificati dopo ogni ciclo di utilizzo. I contenitori, oltre ai simboli obbligatori per legge, devono riportare una etichetta, su cui sia possibile scrivere con una comune penna a sfera o con un pennarello indelebile il cod. CER, la data di chiusura, il nome della V.O. produttrice, la descrizione aggiuntiva, la categoria di pericolo. Si richiedono altresì vasche di contenimento di volume adeguato per eventuali fuoriuscite di liquidi dai suddetti contenitori. Per rifiuti solidi (es. reagenti scaduti): contenitori rigidi riutilizzabili o monouso in materiale compatibile con la composizione e la pericolosità del rifiuto, di varia volumetria indicativamente lo, 20, 40, 60 lt), a perfetta tenuta. I contenitori riutilizzabili devono essere bonificati dopo ogni ciclo di utilizzo. I contenitori, oltre ai simboli obbligatori por legge, devono riportare una etichetta su cui sia possibile scrivere con una comune penna a sfera o con un pennarello indelebile la data, di chiusura, il nome della V.O. produttrice, la descrizione aggiurttiva, la categoria di pericolo. Si richiede altreslaenza oneri economici aggiuntivi, la fornitura alle UV.OO. di làt di pronto InterVento, da utilizzare in caso di spandimenti accidentali, composto da idoneo materiale assorbente inerte (es. sabbia fossile). I Tipologia del rifiuto: CER ~ I rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni (es. bende, ingessature, lenzuola, indumenti monouso, assorbenti igienici) Sacchi in plastica non clorurata di colore distinto, con spessore non inferiore a 0,060mm., di capacità indicativa di 40,60, 1201t I sacchi devono riportare una serigrafia o una etichetta che indica il CER o descrizione del rifiuto. 5

6 "",,'v.:;;.,,~ del rifiuto: CER medicinali citotossici e citostatici. I contenitori, oltre ai simboli e alle scritte obbligatorie par legge, devono riportare una etichetta che reca il cod. CER, descrizione del rifiuto, categoria di pericolo su cui sia possibile scrivere con una comune penna o con pennarello indelebile la data di chiusura, il nome della U.O. produttrice, la descrizione aggiuntiva Contenitori monouso rigidi in plastica non clorurata di colore facilmente identificabile, di capacità indicativa di 20,40,60 lt, resistenti al taglio impermeabili, a tenuta di sicurezza per liquidi, con chiusura ermetica, in modo da evitare spandimenti accidentali. Devono essere provvisti di coperchio per là chiusura temporanea e dotati di un sistema di chiusura ermetica e definitiva. del rifiuto: CER : medicinali diversi da quelli di Sacchi monouso da in plastica non clorurata, impermeabili, di colore facilmente identificabile, di spessore adeguato, aventi adeguate caratteristiche di resistenza meccanica e chimica, a tenuta di sicurezza per i liquidi e facilmente richiudibili, da distribuire alle unoo. I sacchi devono riportare una etichetta che reca il cod. CER e la descrizione del rifiuto, su cui sia possibile scrivere con una comune penna o con un pennarello indelebile il nome della U.O. produttrice. rifiuto: : rifiuti di ~...r.rlryrn da interventi nn,r.nl-n Contenitori monouso rigidi in materiale plastico (capacità indicativa 0,2-0,5, lt), a bocca larga, provvisti di idonee chiusure. I contenitori, oltre ai simboli obbligatori per legge, devono riportare una etichetta che reca il cod. CER, descrizione del rifiuto, categoria di pericolo, su cui sia possibile scrivere con una comune penna o pennarello indelebile la data di chiusura, il nome della U.O. produttrice, la descrizione aggiuntiva. I Tipolo.gia del rifiuto:190905: resine a scambio ionico J Roll Container in materiale plastico rifiuto: ; tubi fluorescenti ed altri rifiuti contenenti mercurio. Per ì neon: contenitori riutilizzabili o monouso in materiale plastico, cartone. I contenitori, oltre ai simboli obbligatori per legge, devono riportare una etichetta, che reca il cod. CER descrizione del rifiuto, categoria di pericolo, su cui sia possibile scrivere con una comune penna o pennarello indelebile la data di chiusura, il nome della U.O. produttrice, la descrizione aggiuntiva. Per gli sfigmomanometri: contenitori monouso rigidi in materiale plastico, di capacità indicativa, pari a 401t, provvisti di idonee chiusure atti ad impedire la fuoriuscita del contenuto. --_.-----~-- Tipologia del rifiuto: CER090107:cart-a e pellicole per fotografia, contenenti argento o composti dell'argento. CER : carta e pellicole per fotografia non contenenti argento o composti dell'argento. Contenitori riuti1izzabili rigidi in materiale plastico, di capacità indicativa di 40 lt, provvisti di coperchio per evitare la fuoriuscita del contenuto durante l'utilizzo ed il trasporto. Tipologia del rifiuto: " I CER : imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminati da tali 6

7 ostanze ,02: assorbe,nti, materiali filtran,tì (incl,usi filtri dell'olio non specificati altrimenti)j stracci e indumenti protettivi, contaminati da sostanze pericolose. I ~~o~tenitori, oltr;;-~atsi;:;boli e all;;~scritte~ obbligatori per legge, devono riportare lilla etichetta che reca il cod. CER e descrizione del rifiuto su cui sia possibile scrivere con una comune penna o con pennarello indelebile la descrizione aggiuntiva e la categoria di pericolo. Contenitori riutilizzabili in materiale plastico di dimensioni adeguate facilmente movimentabili. Sacchi monouso da circa 60,1 001t in plastica non clorurata, impermeabili, di colore facilmente identificabile, di spessore adeguato, aventi adeguata resistenza, a tenuta di sicurezza per i liquidi. U del rifiuto: : assorbenti, materiali filtranti, stracci e non contaminati da sostanze,",prh'n Contenitori riutilizzabili o monouso resistenti dì varie dimensioni. '."JO.V<;;. '" del rifiuto 1606 e : batterie ed accumulatori Si richiede la fornitura delle seguenti tipologie contenitori provvisti dei simboli obbligatori per legge, riutilizzabili, rigidi, dotati di coperchio: di capacità indicativa di 20-30lt per batterie alcaline a tubo per le UU.OO di capacità indicativa di un metro cubo per gli accumulatori al piombo di adeguata resistenza, meccanica e chimica. del rifiuto: toner per stampa esautori, contenti sostanze pericolose toner esauriti diversi da di cui alla voce I contenitori, oltre ai simboli obbligatori per legge, devono essere dotati di una etichetta che riporta il cod. CER e la descrizione del rifiuto su cui sia possibile scrivere con lilla penna o con pennarello indelebile la descrizione aggiuntiva e la categoria di pericolo. Contenitori riutilizzabili rigidi e dotati di coperchio di capacità indicativa di '~~~'~-~~---~--'-~~-l Tipologia del rifiuto: CER : imballaggi in carta e cartone CER : imballaggi in plastica CER : imballaggi ID vetro Sacchi in plastica non clorurata di diverso colore e di adeguate dimensioni da inserire nei contenitori rigidi in cartone od in plastica lavabili e disinfettabili di capacità indicativa di 30,60,1201t Bidoni carrellati di capacità indicativa di 120 e 240 lt Per gli imballaggi in vetro: contenitori rigidi in materiale plastico lavabili, disinfettabili, di capacità indicativa di 30, 60, r ~ ~ Tipologia del rifiuto: CER , , , , , , ,170407, Contenitori riutilizzabili in plastica o metallo della capacità indicativa di 40 lt. B. Consegna, ogni 15 gg., dei contenitori dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo direttamente presso le singole Direzioni Sanitarie delle strutture funzionali dell'a.s.l. e Servizi, concordando con le stesse le modalità di consegna, i giorni e gli orari. C. Consegna, presso il Magazzino economale e previo accordi con le Direzioni Sanitarie, 7 I

8 1 Centro di un'adeguata scorta di contenitori per tutte le tipologie e per tutte le misure, sufficiente per le necessità delle Strutture per quindici giorni. Tale scorta dovrà essere di volta in volta integrata. D. Prelievo dei contenitori dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo, presso i depositi temporanei delle strutture dell' A.S.L. Napoli l - Centro. Il prelievo deve essere effettuato tutti i giorni dal lunedì al sabato, salvo diverse direttive delle Direzioni Sanitarie, che potranno interessare anche i giorni festivi. In casi di sopravvenuta necessità la Società sarà tenuta ad effettuare nella stessa giornata ulteriori prelievi, su richiesta, anche telefonica, dei Direttori Sanitari, senza ulteriore aggravio di spesa. E. Prelievo dei contenitori dei rifiuti sanitari di prevalente natura chimica. Le operazioni di prelievo dei liquidi di radiologia dovranno essere effettuati presso i punti di raccolta centralizzata e presso le altre strutture sopraindicate di norma una volta a settimana. Per i rifiuti sanitari di prevalente natura chimica le operazioni di prelievo dovranno avvenire almeno una volta a settimana presso le Strutture con produzione minima fatto salvo diverse indicazioni da parte delle Direzioni Sanitarie o dai Responsabili delle Strutture interessate. Presso le strutture con maggiore produzione la Società aggiudicataria dovrà concordare con i Responsabili di sede il programma di ritiro dei contenitori. A tal proposito, la Società effettuerà, comunque, un accesso settimanale per il ritiro dei rifiuti prodotti, onde evitare ogni e qualsiasi stoccaggio, anche temporaneo, presso le strutture dell' ASL.. Su richiesta delle Direzioni Sanitarie o dei Responsabili delle Strutture, tale frequenza potrà essere modificata, in funzione delle attività assistenziali. Per eventuali interventi straordinari e/o urgenti, che si dovessero rendere necessari nel corso di esecuzione del servizio, la Società dovrà istituire un servizio di intervento 24 ore su 24 (compreso i festivi) per ogni richiesta di intervento urgente da parte dei Responsabili delle Strutture o dalle Direzioni Sanitarie, senza alcun onere aggiuntivo. Il programma annuale di tutti gli interventi "routinari" da eseguire deve essere comunicato ai Direttori Sanitari almeno 20 giorni dall'inizio del programma stesso. La società, cori proprio personale, deve prelevare i contenitori presso i singoli depositi temporanei delle Strutture produttrici dei rifiuti, secondo il programma di ritiro concordato. F. Attrezzature. La ditta aggiudicataria dovrà utilizzare proprie attrezzature (pianali, trans pallet, carrelli elevatori, etc.) nel rispetto della normativa in materia di prevenzlone e sicurezza sul lavoro. G. Verifica del peso dei rifiuti a norma della vigente legislazione in materia: la ditta aggiudicataria si deve dotare di sistema di pesatura presente a bordo degli automezzi e la pesa dei rifiuti prelevati e da smaltire dovrà avvenire sotto la continua e diretta presenza e sorveglianza di un responsabile della Struttura dell'a.s.l., che sarà espressamente individuato dal Direttore Sanitario. Per assicurare i risultati delle misurazioni validi, si richiedeçhe i sist~mi di pesatura siano: tarati o verificati prima del loro utilizzo e ad intervalli regolari; la taratura o verifica deve essere documentata; deve produrre una registrazione (scontrinolbolla) che deve essere allegata alla prima copia del formulario di identificazione. Lo scontrino o bolla deve almeno riportare: 1) Peso lordo, Tara, Peso netto; 2) Data e ora. 3) Numero contenitori o imballaggi. All'atto del ritiro dei rifiuti, la Società è tenuta a rilasciare la 1Q copia del formulario, 8

9 riportante l'effettivo quantitativo prelevato e la finna del Responsabile della Struttura e del trasportatore della Società, per la regolare registrazione nel Registro di carico e scarico dell'as.l. H. Trasporto dei rifiuti, con automezzi di proprietà della Società in possesso di tutte le autorizzazioni richieste dalla normativa vigente, in particolare l'iscrizione all'albo, nonché il rispetto delle disposizioni in materia di documentazione relativa all'abilitazione ADR, presso i centri di trattamento e smaltimento autorizzati, comunicati in sede di gara, che rilasceranno idoneo certificato di consegna e di avvenuto trattamento e smaltimento dei rifiuti come previsto dalla normativa, con l'indicazione del peso complessivo dei rifiuti ricevuti e smaltiti e delle Strutture di provenienza. Copia di tale certificato dovrà essere allegato alle fatture di pagamento. I mezzi impiegati nel trasporto devono essere idonei a garantire la protezione dagli agenti atmosferici dei rifiuti trasportati e la totale messa in sicurezza dei rifiuti stessi; detti automezzi andranno sottoposti ad adeguate bonifiche periodiche, di cui dovranno essere fomite periodicamente le relative attestazioni. Il trasporto dei contenitori vuoti dovrà essere effettuato con modalità tali da assicurarne l'integrità e la pulizia Ogni qualvolta la società aggiudicataria sia costretta per motivi tecnici o intenda, in seguito ad acquisizione di nuovi autoveicoli nel proprio parco mezzi, impiegare veicoli diversi da quelli presentati in fase di gara, dovrà inviare a questa A.S.L. la documentazione comprovante la relativa autorizzazione al trasporto. I. Smaltimento dei rifiuti conferiti avagli impiantoli indicati in fase di gara, che rilasceranno la quarta copia del formulario debitamente timbrata e finnata dalla società destinataria del rifiuto, va restituita entro il tennine di 90 giorni dalla data di conferimento dei rifiuti, come previsto dalla normativa, con l'indicazione della Struttura di provenienza, del quantitativo dei rifiuti ricevuti e smaltiti. Se necessario la Società può servirsi di altroli impiantoli di smaltimento diversi/i da quelloli comunicatoli in sede di gara, fermo restando l'invio delle necessarie autorizzaziopj. In ogni caso la società aggiudicataria dovrà garantire la continuità e la puntualità del servizio, anche in caso di chiusura elo temporanea fennata degli impianti di destinazione, provvedendo a proprie totali cure e spese al trasferimento dei rifiuti raccolti verso l'impianto di smaltimento alternativo, che dovrà presentare le caratteristiche richieste in fise di gara. Sono a carico della società aggiudicataria tutte le responsabilità civili e penali qualora, senza preventiva autorizzazione degli organi competenti ed all'insaputa dell'a.s.l., il carico dei rifiuti venisse dirottato ad inceneritori non autorizzati o èentri di recupero e smaltirnento. Lo smaltirnento, pena la risoluzione immediata del contratto, deve essere effettuato nella piena conformità delle vigenti normative igienico-sanitarie ed in conformità di quanto stabilito dalle attuali norme previste in materia di rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo di cui al Dlgs. n. 22 del 05/02/1997 e al D.P.R. n.254 del e ss.mm-ii. nonché ad ogni altra normativa vigente in proposito. In.caso di differimento del termine di scadenza del presente appalto, qualora dovessero scadere le autorizzazioni regionali e/o provinciali ed altre autorizzazioni ~Yentualmente richieste dalla legge in vigore in materia di smaltimento di rifiuti sanitari, è fatto obbìigo' alla Società aggiudicataria, pena la risoluzione del contratto, di far pervenire entro 15 giorni dalla data di scadenza, tutti i documenti comprovanti il rinnovo di tali autorizzazioni, al fme di sollevare l'amministrazione appaltante da ogni responsabilità. Non devono assolutamente esservi giorni non coperti da autorizzazioni per tutta la durata del contratto, pena la risoluzione del rapporto contrattuale. ART. 5 - Personale da adibire al servizio. 9

10 l) La società appaltatrice dovrà provvedere all'organizzazione ed alla conduzione effettiva del servizio, ivi compresi i trasporti con attrezzature e assumerà l'obbligo di adibire all'espletamento del servizio personale proprio dipendente, con idonea qualificazione e buone capacità professionali, nel numero necessario per assicurare il servizio con continuità e rapidità negli orari fissati. 2) La società appaltatrice si impegnerà ad assumere regolarmente alle proprie dipendenze il personale anzidetto;, a soddisfare a propria cura e spesa tutti gli obblighi derivanti dalla normativa vigente o che dovessero intervenire successivamente.ed a sollevare l'amministrazione da ogni obbligo e responsabilità per retribuzioni (che si obbliga a corrispondere in misura non inferiore ai minimi tabellari previsti dal Contratto Nazionale di Lavoro della categoria), contributi assicurativi e previdenziali, assicurazione ed infortuni. La Società appaltatrice assume, inoltre, l'obbligo di continuare ad applicare i su indicati contratti collettivi anche dopo la loro scadenza e fino alla loro sostituzione. Tutto il personale in servizio dovrà essere fornito di libretto sanitario, secondo le vigenti disposizioni. Tale libretto dovrà essere regolarmente aggiornato e tenuto a disposizione per eventuali controlli, sia da parte delle Autorità sanitarie che da parte deil' Amministrazione appaltante. 3) La società appaltatrice si impegnerà a provvedere l'amministrazione (assunzioni, licenziamenti, paghe, assicurazioni sociali, previdenza, etc.) nonché alla disciplina (buona condotta, puntualità, scrupolosa osservanza del lavoro) del personale dipendente impiegato, che dovrà offrire la massima fiducia e garantire la più corretta conduzione del servizio e comunque, al rispetto degli accordi sindacali del settore in materia di assunzione del personale. L'Amministrazione, sentita la società appaltatrice, si riserva comunque la più. ampia facoltà di chiedere in qualsiasi momento alla stessa l'allontanamento di quegli elementi che si dimostrassero poco idonei e/o non compissero il loro dovere o che, in ogni caso, non fossero di completo gradimento. 4) La società appaltatrice assumerà l'obbligo, altresì, di munire il proprio personale di tesserino di riconoscimento munito di fotografia. 5) La Società si obbliga, altresì, ad applicare le misure generali per la protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori, introdotte dal D. Lgs.9 aprile 2008 n.81, con indicazione del Responsabile di Sicurezza e a redigere il DlNRI a norma dell'art 26 del D.Lgs 81/2008. Tutto il personale dovrà essere qualificato per incarichi specifici e opportunamente informato dei rischi, dovrà essere dotato di apposita uniforme, con regolare contrassegno distintivo nominativo da indossare durante il servizio e dovrà essere irreprensibile dal punto di vista dell'igiene, del vestiario e dotato dei necessari D.P.I. 6) La società appaltatrice individuerà un Preposto suo dipendente, che sia sempre rintracciabile telefonicamente 240re/24, che sarà responsabile di tutta Fattività della società stessa e che dovrà intervenire tempestivamente in caso di necessità, max entro l ora dalle 07,00 alle 19,00 e max entro 3 ore per eventuali interventi dalle 19,00 alle 07,00. 7) ART. 6 - Sdoperie senizi di emergenza. In caso di scioperi, la Società aggiudicataria darà informativa all'a.s.l. almeno 3 giorni prima dello sciopero e garantirà sempre un servizio di emergenza, previa opportuni accordi con le organizzazioni sindacali, trattandosi di servizio di pubblica utilità. Le mancate prestazioni contrattuali saranno quindi quantificate dall'as.l. che provvederà alla conseguente rideterminazione del primo pagamento in scadenza. La società aggiudicataria, inoltre, dovrà rendersi disponibile ad intervenire tutte le volte che l'a.s.l., per sopravvenute necessità, per il tramite della Direzione Sanitaria, ne taccia specifica richiesta, senza aggravio di spesa. lo

11 ART. 7 - Vigilanza e controlli. Il coordinamento, l'organizzazione ed il controllo dell'esecuzione dell'appalto sarà effettuato a cura dei Direttori Sanitari dei Dipartimenti Territoriali ed Ospedalieri di questa AS.L. La società appaltatrice dovrà predisporre un sistema di autocontrollo per la verifica della qualità relativa al processo lavorativo in ottemperanza a quanto previsto dal presente Capitolato. Tale sistema di autocontrollo verrà concordato con le Direzioni Sanitarie, le quali si riservano di effettuare verifiche ispettive e valutative del sistema di autocontrollo ed eventualmente chiederne variazioni. L'AS.L. si riserva la facoltà: di esercitare la più ampia sorveglianza sul tipo di organizzazione del servizio e sulle operazioni dì raccolta, trasporto e smaitimento dei rifiuti di cui al presente appalto; di esercitare il controllo dell'esatta osservanza delle nonne disciplinanti la materia; di impartire eventuali disposizioni ritenute opportune per il buon andamento del servizio. I suddetti controlli sono di competenza delle singole Strutture. Seguono le tabelle delle strutture di questa ASL da servire. N.E. Le strutture in esse elencate sono indicative e non esaustive. Il

Servizio di raccolta, trasporto e conferimento ad impianti di smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non, derivanti da attività sanitarie

Servizio di raccolta, trasporto e conferimento ad impianti di smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non, derivanti da attività sanitarie Servizio di raccolta, trasporto e conferimento ad impianti di smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non, derivanti da ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER L ASSEGNAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

Cig 0825724100. art. 10. Descrizione e quantitativi dei contenitori monouso loro fornitura 7 art. 11. Svolgimento del servizio 13

Cig 0825724100. art. 10. Descrizione e quantitativi dei contenitori monouso loro fornitura 7 art. 11. Svolgimento del servizio 13 DISCIPLINARE TECNICO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SANITARI E NON PRODOTTI PRESSO L'ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI FONDAZIONE G. PASCALE - NAPOLI Cig 0825724100 art. 1. Oggetto

Dettagli

TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO

TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO ALLEGATO I CARATTERISTICHE SPECIFICHE DEI CONTENITORI E TIPOLOGIE TITOLO I CONTENITORI PER RIFIUTI a RISCHIO INFETTIVO Tutti i contenitori esterni dovranno essere forniti completi di sistema di chiusura

Dettagli

ALLEGATO TECNICO D) SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI. Art. 1 Oggetto del servizio

ALLEGATO TECNICO D) SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI. Art. 1 Oggetto del servizio ALLEGATO TECNICO D) SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI Art. 1 Oggetto del servizio Oggetto del servizio è il ritiro e conferimento ai punti di stoccaggio temporaneo dei rifiuti urbani

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO TECNICO PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO, CONFERIMENTO A SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SANITARI E FORNITURA DI CONTENITORI PER L AZIENDA ULSS 19 ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E CONFERIMENTO AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI 2, DERIVANTI DA ATTIVITA' SANITARIE DI

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, LIQUIDI E SOLIDI E DI NOLEGGIO E MANUTENZIONE DI CONTENITORI IGIENICI

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DOCUMENTO TECNICO DI DESCRIZIONE DEL SERVIZIO PER I SERVIZI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO E RACCOLTA RIFIUTI SPECIALI PER LE SEDI DELLE REGIONI VENETO, TRENTINO ALTO ADIGE E FRIULI VENEZIA GIULIA

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA

CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI SANITARI PERICOLOSI A RISCHIO INFETTIVO (LOTTO 1) E PERICOLOSI E NON, NON A

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532

DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532 DOUGLAS ECOLOGY S.R.L. Via Podgora 10-20122 Milano Via G.Fantoli 28/12-20138 Milano TEL 02 58018373 FAX 02 55400532 OFFERTA / CONVENZIONE LA FIRST N / md del. PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E SMALTIMENTO

Dettagli

Regione Campania ASL Caserta Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

Regione Campania ASL Caserta Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Regione Campania ASL Caserta Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Servizio Provveditorato TEL. 0823/445226- FAX 0823/279581 Lotto CIG5631134EC4 AVVISO DI GARA Questa ASL di Caserta indice Procedura Aperta

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE D.ssa Rossana Becarelli Direttore Sanitario Ospedale San Giovanni Antica Sede A.S.O. San Giovanni Battista. Torino LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE 22 September 2013 0 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

Richiesta chiarimenti n. 6

Richiesta chiarimenti n. 6 Codice Fiscale/Partita Iva 09737190018 Sede legale: C.so Svizzera, 164-10149 Torino 011/4393111 S.C. ECONOMATO Via Botticelli n. 151-10154 Torino 011240.2613/2616 011/2402686 email: area.economato@aslto2nord.it

Dettagli

ISPRA. Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale

ISPRA. Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale GARA CON PROCEDURA APERTA N. 18/09/GAR LOTTO 10 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SPECIFICA TECNICA SERVIZIO DI RITIRO, TRASPORTO E AVVIO

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER 20.01.40. CAPITOLATO TECNICO

CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER 20.01.40. CAPITOLATO TECNICO CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CARICO,TRASPORTO E RECUPERO/RICICLO DI RIFIUTI METALLO CODICE CER CAPITOLATO TECNICO Pagina 1 di 8 Art. 1 - Oggetto dell appalto L appalto ha per oggetto

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 21/10/2009 Verificato DIR Dott.ssa A. Di Mella 26/10/2009 Approvato DG IN VIGORE

Dettagli

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Scopo del regolamento Scopo del presente Regolamento è di fornire, al personale strutturato e non strutturato del Dipartimento, tutte le informazioni

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 4 DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE **** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE Servizio di noleggio contenitori, trasporto, smaltimento o recupero dei rifiuti speciali provenienti da impianto di depurazione periodo dal 01-01-2016 al 31-12-2016.

Dettagli

***** ***** Università degli Studi di Siena Via Banchi di Sotto 55, Siena tel +39 0577 235038 rettore@pec.unisipec.it www.unisi.it

***** ***** Università degli Studi di Siena Via Banchi di Sotto 55, Siena tel +39 0577 235038 rettore@pec.unisipec.it www.unisi.it DIVISIONE APPALTI, CONVENZIONI E PATRIMONIO Procedura aperta per l affidamento del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti speciali e pericolosi dell - CIG 6249706C88 Quesito 1 In merito

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Art.1 OGGETTO DELL APPALTO. Art.2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DELL APPALTO

CAPITOLATO TECNICO. Art.1 OGGETTO DELL APPALTO. Art.2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DELL APPALTO U.O.C. Acquisti Attrezzature e Beni Sanitari CAPITOLATO TECNICO Servizio di produzione, gestione, distribuzione dei documenti e degli stampati in uso presso l Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO

CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO Procedura Aperta per l affidamento del Servizio Raccolta e Smaltimento Rifiuti Radioattivi presso l Azienda Sanitaria Locale n. 8 Cagliari. CIG 0014981AB3. CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Università di Sassari

Università di Sassari Università di Sassari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI PRODOTTI NELL UNIVERSITÀ DI SASSARI Art. 1 - Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento è emanato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PRODOTTI DALLE STRUTTURE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Emanato con Decreto 9 marzo 2015, n. 166 Entrato in vigore il 27 marzo 2015 UFFICIO PREVENZIONE

Dettagli

RISPOSTE A QUESITI. Disciplinare Tecnico. Quesito n. 1. Risposta n. 1. Chiari, 04.11.2009. Art. 7 del Disciplinare Tecnico:

RISPOSTE A QUESITI. Disciplinare Tecnico. Quesito n. 1. Risposta n. 1. Chiari, 04.11.2009. Art. 7 del Disciplinare Tecnico: Area Gestione Risorse Logistiche Settore Gare Tel. 030/7102763 Fax 030/7102337 E-mail: settore.garellpp@aochiari.it www.aochiari.it Chiari, 04.11.2009 AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA INTERNA, TRASPORTO,

Dettagli

SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI

SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI INTRODUZIONE Per accedere al servizio di raccolta rifiuti agricoli è necessario stipulare una convenzione con Alisea Spa. Tale convenzione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI PRELIEVO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SANITARI E SPECIALI IN UNIONE DI ACQUISTO CON IL C.R.O.B. DI RIONERO IN VULTURE (PZ) E CON LE AZIENDE SANITARIE NN. 1-2-3-4-5 DELLA REGIONE BASILICATA

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli

Capitolato prestazionale

Capitolato prestazionale Lotto C Servizio di ritiro, trasporto e smaltimento dei rifiuti pericolosi e non pericolosi dell Università degli Studi di Brescia periodo 01/07/2015 30/06/2018 Capitolato prestazionale CODICE CIG n. 622083074F

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P.

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. 72 Rapagnanese; 2. Oggetto del presente regolamento è la gestione, l organizzazione

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO CIG 5101744C52 REPERTORIO: N. RACCOLTA: N.

SCHEMA DI CONTRATTO CIG 5101744C52 REPERTORIO: N. RACCOLTA: N. SCHEMA DI CONTRATTO CIG 5101744C52 REPERTORIO: N. RACCOLTA: N. L anno, il mese di, il giorno, presso la sede centrale dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana, sito in Roma,

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 4096/08 30.11.07 ag. 1/9 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4. Modalità operative... 3 4.1 Gestione rifiuti Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 3 4.2

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 3 Aprile 2006 n 152 e successive

Dettagli

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI

ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI C.E.R. DESCRIZIONE RIFIUTO ELENCO CODICI RIFIUTI AUTORIZZATI 02 01 08* rifiuti agrochimici contenenti sostanze pericolose 02 01 09 rifiuti agrochimici diversi da quelli della voce 02 01 08 02 02 04 fanghi

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 OGGETTO DEL CONTRATTO L appalto ha per oggetto la fornitura del servizio di assistenza domiciliare a favore degli

Dettagli

PARTE AMMINISTRATIVA. Art 1 OGGETTO. Art. 2 ACCETTAZIONE DEL LAVORO. Art. 3 OFFERTA ECONOMICA E IMPORTO DI CONTRATTO. Art. 4 TEMPO CONTRATTUALE

PARTE AMMINISTRATIVA. Art 1 OGGETTO. Art. 2 ACCETTAZIONE DEL LAVORO. Art. 3 OFFERTA ECONOMICA E IMPORTO DI CONTRATTO. Art. 4 TEMPO CONTRATTUALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER IL SERVIZIO TRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, PERICOLOSI E NON PERICOLOSI, PRODOTTI DALL UNIVERSITÀ DI PISA. PARTE AMMINISTRATIVA Art 1

Dettagli

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI

Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI Roma, 26/10/2011 Prot. N. 255 Pos. AAGG11 Al personale del DICMA LORO SEDI INFORMAZIONI E PROCEDURE PER LO STOCCAGGIO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI A seguito dell informatizzazione del

Dettagli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli ARPA FVG Gestione dei rifiuti agricoli SOC Dipartimento Provinciale di Pordenone ARPA FVG Palmanova - Italy dott. Elena Della Donna Deposito temporaneo Sommario: Raccolta e smaltimento dei contenitori

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AATTLLPP Servizio Igiene Urbana e Tutela Ambientale 081/8529852 - Fax 081/8523876 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA C.I.G.N.: 60524049C6 GARA N. 5866064 INDICE

Dettagli

PREMESSA. Art.1 - Oggetto del contratto CIG N 0338715C72

PREMESSA. Art.1 - Oggetto del contratto CIG N 0338715C72 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GARA PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DI RIFIUTI SANITARI CON FORNITURA DI CONTENITORI PER UN PERIODO DI TRE ANNI PROCEDURA APERTA PREMESSA Con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI GAS MEDICINALI OCCORRENTI ALLE STRUTTURE DELLA ASL NAPOLI 1 CENTRO

CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI GAS MEDICINALI OCCORRENTI ALLE STRUTTURE DELLA ASL NAPOLI 1 CENTRO CAPITOLATO SPECIALE PER LA FORNITURA DI GAS MEDICINALI OCCORRENTI ALLE STRUTTURE DELLA ASL NAPOLI 1 CENTRO Art.1 Oggetto della fornitura Il presente capitolato disciplina il contratto di somministrazione

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. n.7/2002 e successive modifiche ed

Dettagli

IL RESPONSABILE DELL AREA TECNICA

IL RESPONSABILE DELL AREA TECNICA INDAGINE COMUNE ESPLORATIVA DI LANUSEI DEL MERCATO Area dei Servizi Tecnici Prot. n 14060 Lanusei, 23.11.2015 PREMESSO ACQUISIZIONE che MANIFESTAZIONI differenziati nel territorio il Comune comunale Lanusei,

Dettagli

Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo. Settore Logistica e fornitori Ufficio Analisi e liquidazioni

Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo. Settore Logistica e fornitori Ufficio Analisi e liquidazioni Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Settore Logistica e fornitori Ufficio Analisi e liquidazioni SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASPORTO E TRASLOCO PER LE SEDI DEGLI UFFICI DI ALCUNE

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SC ECONOMATO

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SC ECONOMATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SC ECONOMATO 00000570 del 08/04/2016 OGGETTO: SERVIZIO DI PRELIEVO TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SANITARI SOLIDI E LIQUIDI PER L ASLCN1 AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART.

Dettagli

SEZIONE B CAPITOLATO SPECIALE

SEZIONE B CAPITOLATO SPECIALE SEZIONE B CAPITOLATO SPECIALE Fornitura mediante Procedura Aperta di ENDOPROTESI VASCOLARI ADDOMINALI occorrenti alle AA.SS.LL., AA.OO. e IRCCS della Regione Liguria N. gara 4863881 periodo di 24 mesi

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA www.ulss16.padova.it

REGIONE DEL VENETO AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA www.ulss16.padova.it REGIONE DEL VENETO AZIENDA U.L.S.S. N. 16 PADOVA www.ulss16.padova.it PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO, SMALTIMENTO E CONFERIMENTO AD IMPIANTI DI SMALTIMENTO/RECUPERO

Dettagli

PARTE I : PRESTAZIONI COMPRESE NELL APPALTO

PARTE I : PRESTAZIONI COMPRESE NELL APPALTO CAPITOLATO TECNICO E D ONERI PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO, CONFERIMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SANITARI E FORNITURA DI CONTENITORI PER L AZIENDA ULSS 18. PARTE I : PRESTAZIONI

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

INDICE. Introduzione pag. 4. Oggetto pag. 4. Scopo pag. 4. Campo d applicazione pag. 5

INDICE. Introduzione pag. 4. Oggetto pag. 4. Scopo pag. 4. Campo d applicazione pag. 5 INDICE Introduzione pag. 4 Oggetto pag. 4 Scopo pag. 4 Campo d applicazione pag. 5 Tabella 1: matrice delle responsabilità nel processo di gestione dei rifiuti pag. 6 Definizioni pag. 8 Normative di riferimento

Dettagli

SEZIONE E CONTRATTO IN CONTO DEPOSITO

SEZIONE E CONTRATTO IN CONTO DEPOSITO SEZIONE E CONTRATTO IN CONTO DEPOSITO Procedura aperta per la fornitura di Dispositivi medici per odontoiatria, odontostomatologia Attrezzature - Impianti osteointegrati Mini impianti monofasici conici

Dettagli

Città di Portici Provincia di Napoli

Città di Portici Provincia di Napoli CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEGLI OLII ESAUSTI DI ORIGINE DOMESTICA CLASSIFICATI CON IL C.E.R. 20.01.25 (OLI E GRASSI COMMESTIBILI) ART. 1 NATURA E OGGETTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119

Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura quelle di cui alla voce 080119 CER Nome comune Nome ufficiale 120109* Acqua e olio Emulsioni e soluzioni per macchinari non contenenti alogeni 80120 Acque cabine Sospensioni acquose conetnenti pitture e vernici, diverse da verniciatura

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rifiuti

Regolamento per la gestione dei rifiuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche Regolamento per la gestione dei rifiuti revisione maggio 2015 1 INDICE SCOPO DEL REGOLAMENTO NORMATIVA AMBITO D APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi dell art. 4 comma 1 del Regolamento comunale

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Pag.1 di 7

CAPITOLATO TECNICO. Pag.1 di 7 SERVIZIO DI CARICO, TRASPORTO E RECUPERO/VALORIZZAZIONE DI RIFIUTI DI LEGNO DA RACCOLTA DIFFERENZIATA (CODICE CER 20 01 38) E IMBALLAGGI IN LEGNO (CODICE CER 15 01 03) CAPITOLATO TECNICO Pag.1 di 7 Art.

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica

Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica 1 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art.21 comma 2 del D.Lvo. n.22 del 5/2/1997, ha per oggetto

Dettagli

TARIFFE TRASPORTO A VIAGGIO

TARIFFE TRASPORTO A VIAGGIO TARIFFE TRASPORTO A VIAGGIO PER LE SEGUENTI PROVINCE : FIRENZE, PRATO, PISTOIA, PISA, LUCCA, SIENA, LIVORNO, AREZZO VEICOLO Furgone Misure Lunghezza 4,50m - Larghezza 2,00m - Altezza1,60m COSTO /viaggio

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO n.1

CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO n.1 CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO n.1 "SERVIZIO DI SANIFICAZIONE, PRELIEVO, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI PRODOTTIDALLE STRUTTURERESIDENZIALI PER ANZIANIDI ROMA CAPITALE" ARTICOLO 1 -

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506*

Descrizione rifiuto Codice CER Deposito max istantaneo (mc.) 070501* 070703* 2 m 3 (deposito) 160506* Descrizione rifiuto Codice CER Rifiuti liquidi pericolosi soluzioni acquose di lavaggio ed acque madri - Acque 070501* di lavaggio di laboratorio solventi organici alogenati, soluzioni di lavaggio ed 070703*

Dettagli

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA

marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA marca da bollo da 16,00 ALLEGATO A/3 ( modulo dell offerta economica ) MODULO DELL OFFERTA ECONOMICA (Da inserire in BUSTA B -Offerta Economica- ) OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

Albo Nazionale Gestori Ambientali. Iscrizione N: NA10736 Il Presidente della Sezione regionale della Campania dell'albo Nazionale Gestori Ambientali

Albo Nazionale Gestori Ambientali. Iscrizione N: NA10736 Il Presidente della Sezione regionale della Campania dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Iscrizione N: NA10736 Il Presidente della Sezione regionale della Campania dell'albo Nazionale Gestori Ambientali Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

SERVIZIO DI RITIRO CARTA E CARTONE PROVENIENTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

SERVIZIO DI RITIRO CARTA E CARTONE PROVENIENTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI RITIRO CARTA E CARTONE PROVENIENTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SOMMARIO Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Oggetto dell'appalto, stima quantitativi e importo

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 8 DEL 13.04.2015 INDICE Premessa Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 - DEFINIZIONI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO INCARICO DI ESPLETAMENTO DEGLI ADEMPIMENTI OBBLIGATORI CONNESSI ALLA GESTIONE DEL PERSONALE E DEI COLLABORATORI PER IL PERIODO 1/1/2012-31/12/2013 CIG Z990278489 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 -

Dettagli

Allegato 10. Al chilogrammo uro 0,200 (zero virgola duecento millesimi);

Allegato 10. Al chilogrammo uro 0,200 (zero virgola duecento millesimi); Allegato 10 CODICE RIFIUTO DESCRIZIONE PREZZO 1) CER 08 01.composto da:08.01.12;08.01.14;08.01.16;08.01.18;08.01.20;08.0 1.99 Rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso e della rimozione

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative:

L ammissione di rifiuti in discarica potrà avvenire secondo le seguenti modalità operative: Allegato CRITERI E PROCEDURE PER AMMISSIBILITA DI RIFIUTI SPECIALI NON PERICOLOSI IN DISCARICHE PER RIFIUTI NON PERICOLOSI DAL 01/07/2009 AI SENSI DEL DM 3 AGOSTO 2005 Il presente documento ha lo scopo

Dettagli

Convegno GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE MOLISE

Convegno GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE MOLISE Convegno GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE MOLISE Norme di riferimento D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 - Norme in materia ambientale Pubblicato nella Gazz. Uff. 14 aprile 2006, n. 88, S.O. D.P.R.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO UFFICIO CONTRATTI E APPALTI AOU Procedura aperta

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO UFFICIO CONTRATTI E APPALTI AOU Procedura aperta CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO UFFICIO CONTRATTI E APPALTI AOU Procedura aperta FORNITURA TRIENNALE DI GAS TERAPEUTICI DIAGNOSTICI PER R.M.N. E PER CRIOCONSERVAZIONE PER LE ESIGENZE DELLE STRUTTURE DELL

Dettagli

ENTE PARCO DELL'ETNA Via del Convento 45 Nicolosi (CT)

ENTE PARCO DELL'ETNA Via del Convento 45 Nicolosi (CT) ENTE PARCO DELL'ETNA Via del Convento 45 Nicolosi (CT) Capitolato speciale di appalto per l'affidamento del servizio di pulizia dei locali adibiti a sede ed uffici dell'ente Parco. Art. 1 L'appalto ha

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A

PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A PROVINCIA DELL AQUILA ALLEGATO A DISCIPLINARE PROVINCIA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ASSICURATIVO RIGUARDANTE GLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE PER LA COPERTURA DEL RISCHIO RC AUTO, INCENDIO,

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

Spett.le Dipartimento Ambiente. Il sottoscritto..., nato a..., il..., nella sua qualità di legale rappresentante di..., con sede legale in.

Spett.le Dipartimento Ambiente. Il sottoscritto..., nato a..., il..., nella sua qualità di legale rappresentante di..., con sede legale in. Approvazione del progetto e autorizzazione alla realizzazione dell'impianto di smaltimento e contestuale autorizzazione all'esercizio delle attivita' di deposito preliminare per chi non rispetta le condizioni

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO

CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO Servizio Sanitario Nazionale Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI TRASLOCO TRASPORTO E FACCHINAGGIO ART. 1 - OGGETTO Il presente Capitolato Speciale ha per

Dettagli

Comune di Monte di Procida (Provincia di Napoli)

Comune di Monte di Procida (Provincia di Napoli) Segreteria AA.GG. Responsabile del procedimento dr.ssa Giovanna Romeo DETERMINAZIONE N. 32 DEL 4 Marzo 2015 REG. GEN. N.147 del 04.03.2015 OGGETTO: Gara informale per il recupero/ smaltimento rifiuti da

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI GENERALI E SANITARI

GESTIONE RIFIUTI GENERALI E SANITARI Pag. 1 di 10 INDICE DELLE REVISIONI Numero Data Descrizione Paragrafi Variati Pagine Variate 00 01/02/16 Prima emissione TUTTI TUTTE RESPONSABILITA ELABORAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE DATA 01/02/16 01/02/16

Dettagli

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari SAURO SACCHETTI Servizio Rifiuti e Bonifica Siti Regione Emilia-Romagna pag. 1 di 20 NORMATIVA NAZIONALE: D.Lgs. 152/2006 (1 di 4) Definizioni

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SERVIZIO DI RECUPERO E/O SMALTIMENTO RIFIUTI INGOMBRANTI, RUP ED ALTRI RIFIUTI SPECIALI, DERIVANTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA NEL COMUNE DI CARDITO PER LA DURATA DI ANNI 1. CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dettagli

1) ASPETTI GENERALI. DEFINIZIONI:

1) ASPETTI GENERALI. DEFINIZIONI: AVVISO PUBBLICO Per l individuazione di una impresa del settore con cui sottoscrivere apposito accordo /convenzione per l attività di rimozione e smaltimento di manufatti contenenti amianto. Questo Comune

Dettagli

BANDO DI GARA Settore gara: Speciale Fornitura di energia elettrica per il periodo 2014-2016

BANDO DI GARA Settore gara: Speciale Fornitura di energia elettrica per il periodo 2014-2016 CIG: 5575299248 BANDO DI GARA Settore gara: Speciale Fornitura di energia elettrica per il periodo 2014-2016 1.) Stazione Appaltante: ASMAzienda Speciale - Via Fiume, 64 Pomigliano D Arco (NA) Tel:0818841083

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli