IMPIANTI I.P.P.C. ATTIVITA DI CONTROLLO PROGRAMMATA ANNO 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPIANTI I.P.P.C. ATTIVITA DI CONTROLLO PROGRAMMATA ANNO 2009"

Transcript

1 IMPIANTI I.P.P.C. ATTIVITA DI CONTROLLO PROGRAMMATA ANNO 2009 ARPA - Sezione Provinciale di Bologna Servizio Territoriale Unita Operativa IPPC Novembre 2010 Attività di controllo programmata 2009 svolta dagli operatori del Servizio Territoriale Arpa Sezione Provinciale di Bologna. Documento redatto a cura dell U.O. IPPC - Arpa Sezione Provinciale di Bologna. 1

2 SOMMARIO Gli impianti in possesso di Autorizzazione Integrata Ambientale...3 Programmazione dell attività di controllo Tariffazione dell attività di controllo ARPA...6 Il modello organizzativo...7 La modulistica...8 La visita ispettiva programmata...9 1) preparazione dell ispezione la ceck list...9 2) esecuzione dell ispezione presso l impianto ) stesura del rapporto tecnico ambientale da trasmettere ad Azienda e Autorità Competente.10 Risultati dell attività ispettiva ) la visita ispettiva ) l attività di campionamento...12 Le violazioni

3 Gli impianti in possesso di Autorizzazione Integrata Ambientale Sul territorio della Provincia di Bologna gli impianti in possesso di Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dall Autorità Competente sono risultati essere, alla data del , complessivamente 92, pari a circa il 12% di tutti gli impianti autorizzati nella Regione Emilia Romagna. In figura 1 si riporta la distribuzione degli impianti autorizzati in Provincia di Bologna in funzione della categoria di attività industriale, secondo quanto previsto dal D.Lgs. 152/06 parte II allegato VIII, così come modificato dal D.Lgs 128/10. Figura 1 Provincia di Bologna - Impianti con A.I.A. - anno 2009 Attività energetiche 3 Industria chimica 6 Altre attività 8 Industria dei prodotti minerari 10 Allevamenti 14 Gestione dei rifiuti 19 Produzione e trasformazione dei metalli Come si può osservare la Provincia di Bologna è caratterizzata dalla significativa presenza di insediamenti industriali che svolgono attività di produzione e trasformazione dei metalli; si tratta in particolare di galvaniche (n.25) e fonderie (n.7), realtà industriali assai spesso diversificate per dimensioni, tipologia di lavorazione e prodotto finito. Numerose sono anche le aziende che operano nelle diverse attività facenti riferimento alla gestione dei rifiuti (n.6 discariche, n.1 inceneritore, n.12 impianti di stoccaggio di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi), gli allevamenti intensivi di pollame e suini (n.14) e le industrie dei prodotti minerari (n.7 ceramiche e n.3 produzione laterizi). Sono inoltre presenti n.6 industrie chimiche (fabbricazione di prodotti chimici organici ed inorganici di base, produzione di fertilizzanti), realtà produttive caratterizzate da elevata complessità e significativi impatti ambientali, n.3 attività energetiche (n.2 centrali di cogenerazione, n.1 impianto di compressione e trattamento gas naturale) e n.8 attività varie (n.3 alimentari, n.2 3

4 cartiere, n.1 produzione di cavi e fili isolati, n.1 produzione nastri adesivi, n.1 trattamento di superfici con solventi organici). L atto autorizzativo rilasciato dall Autorità Competente, in Emilia Romagna costituita dalla Provincia territorialmente competente, nella sezione denominata D.3 PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO DELL IMPIANTO, oltre a prevedere la tipologia e la frequenza degli autocontrolli da parte del Gestore dello stesso, riporta anche il piano di controlli (visite ispettive e campionamenti) in capo ad ARPA. Di seguito si riporta a titolo di esempio una tabella riassuntiva dell attività di ARPA prevista per un impianto tipo. Tabella 22 - Attività di Arpa Componente o aspetto ambientale interessato Visita di controllo in esercizio Frequenza Tipo di intervento Numero di interventi nel periodo di validità del Piano Annuale Generale 5 Scarichi idrici (scarico S2) Annuale Campionamento annuale degli stessi parametri su cui viene eseguito l autocontrollo; 5 verifica degli autocontrolli Acque sotterranee Annuale verifica degli autocontrolli 5 Emissioni in atmosfera Annuale Verifica annuale degli autocontrolli 5 Triennale Eventuale campionamento triennale dei parametri ritenuti più significativi Rifiuti Annuale Verifica degli autocontrolli e verifica visiva dello stato di usura degli stoccaggi (contenitori, bacini di contenimento, ecc.) Rumore Ogni 5 anni Valutazione della relazione di impatto acustico 5 1 Prelievi idrici Annuale Valutazione degli autocontrolli 5 Materie prime Annuale Valutazione degli autocontrolli 5 Combustibili Annuale Valutazione degli autocontrolli 5 Energia Annuale Valutazione degli autocontrolli 5 Indicatori di performance ambientale Annuale Valutazione degli autocontrolli 5 Fatta eccezione per gli allevamenti, per i quali è stata prevista fin da subito una cadenza biennale della visita ispettiva da parte di ARPA, per tutti gli altri impianti è stata prevista una frequenza di controllo annuale (5 visite ispettive nei 5 anni di validità dell autorizzazione). 4

5 Programmazione dell attività di controllo 2009 L elevato numero di impianti in possesso di Autorizzazione Integrata Ambientale, nonché la necessità di garantire livelli soddisfacenti relativamente a tutta la restante attività istituzionale in capo al Servizio Territoriale della Sezione Provinciale, ha tuttavia reso improponibile il rispetto di una frequenza di controllo così ravvicinata nel tempo. Si è pertanto ritenuto, in accordo con l Autorità Competente, di individuare per l anno 2009 n.60 impianti da sottoporre alla visita ispettiva ARPA e contestualmente procedere ad una rivisitazione delle autorizzazioni rimodulando la frequenza di controllo delle stesse con una cadenza biennale, ad eccezione delle industrie chimiche e delle discariche per le quali si è mantenuta la frequenza di controllo annuale stante il significativo impatto ambientale rappresentato da queste attività. In figura 2 si riporta la distribuzione degli impianti in possesso di Autorizzazione Integrata Ambientale oggetto di visita ispettiva programmata per l anno Figura 2 Provincia di Bologna - Impianti con A.I.A. ispezionati - anno 2009 Attività energetiche 2 Altre attività 2 Industria chimica 5 Industria dei prodotti minerari 6 Allevamenti 12 Produzione e trasformazione dei metalli 14 Gestione dei rifiuti Contestualmente alle visite ispettive l attività programmata sui 60 impianti sopra citati comporta, in ottemperanza ai controlli previsti in capo ad ARPA dai piani di monitoraggio delle rispettive Autorizzazioni Integrate Ambientali, l esecuzione di un intensa campagna di campionamento sulle diverse matrici ambientali. Nello specifico (Figura 3) è stata programmata l esecuzione di n. 186 campioni complessivi, suddivisi in acque reflue industriali, acque superficiali, acque sotterranee, percolato di discarica, emissioni in atmosfera. 5

6 Figura 3 Campioni programmati - anno Acque sotterranee Acque reflue industriali Percolato discarica Emissioni in atmosfera Acque superficiali Serie Tariffazione dell attività di controllo ARPA Come previsto dal D.Lgs. 152/06, dal D.M. 24 aprile 2008 e da successive delibere regionali, i costi delle visite ispettive programmate e dei campionamenti previsti dall Autorizzazione Integrata Ambientale in capo all ente di controllo (ARPA) sono a carico del Gestore dell impianto. E stato inoltre stabilito che quest ultimo, entro il 30 gennaio, debba provvedere a versare ad ARPA l importo dovuto per i controlli programmati nel corso del medesimo anno. Si viene pertanto a delineare una situazione in cui il Gestore deve effettuare il pagamento della quota economica prevista in anticipo rispetto all esecuzione dell attività da parte dell ente di controllo. Questo comporta che il Gestore, preventivamente informato dall Autorità Competente delle attività di controllo previste presso quel dato impianto nell anno in corso, provveda a determinare la quota economica relativa a tale attività, versando l importo dovuto, entro il termine previsto del 30 gennaio, su un conto corrente ARPA appositamente istituito. Al fine di agevolare la determinazione della tariffa per gli impianti IPCC è stato predisposto un applicativo (modulo di calcolo tariffe AIA) che consente il calcolo delle tariffe per l attività di controllo ARPA e permette la traduzione contabile del dettato normativo; l applicativo, corredato delle relative istruzioni, è reperibile sul sito web di Arpa - Sezione Provinciale di Bologna. Importante in questa fase la collaborazione con il personale del Laboratorio Integrato della Sezione al fine di concordare metodologie e tariffe delle diverse prestazioni analitiche. 6

7 Nel periodo immediatamente successivo al 30 gennaio si è provveduto, sulla base di riscontri sullo specifico conto corrente ARPA (periodicamente forniti dalla Direzione Tecnica), a verificare l esattezza degli importi versati, provvedendo se necessario (in collaborazione con lo staff Amministrativo della Sezione) ad effettuare le dovute comunicazioni in caso di importi non corretti o mancanti. Per l anno 2009 si segnala che il versamento delle quote previste per i controlli ARPA è stato effettuato da 58 delle 60 aziende programmate. Come previsto dalla normativa vigente in materia si è provveduto a segnalare all Autorità Competente il nominativo delle due aziende inadempienti. Il modello organizzativo La complessità dell attività di controllo prevista per gli impianti in possesso di Autorizzazione Integrata Ambientale, unita alla necessità di garantire uniformità di comportamento su tutto il territorio provinciale nell attività di vigilanza, permettere nel tempo un alternanza degli operatori del Servizio Territoriale coinvolti, facilitare la conoscenza dei diversi processi produttivi, ottimizzare le risorse in relazione anche alla necessità di mantenere standard qualitativi e quantitativi accettabili per quanto concerne le altre attività istituzionali in capo all Agenzia, hanno comportato la predisposizione di uno specifico modello organizzativo caratterizzato da Gruppi interdistrettutali di operatori. Sono stati pertanto individuate squadre composte da 3-4 operatori, appartenenti a diversi Distretti, ad ognuna delle quali è stato assegnato il compito di svolgere l attività di controllo su un determinato numero di impianti appartenenti alla medesima categoria IPPC. Per ogni squadra è stato individuato un referente con il compito di coordinare l azione del gruppo, garantire l esecuzione dei controlli nei tempi previsti e con le modalità stabilite in sede di programmazione delle attività del Servizio Territoriale. Altri compiti assegnati al referente della squadra ispettiva consistono nel coordinare le attività preparatorie per l ispezione, ovvero l analisi dell autorizzazione e della documentazione prodotta dall azienda secondo quanto previsto dall autorizzazione, curare l organizzazione dell ispezione e fungere da interlocutore primario con l azienda durante le fasi della stessa. Complessivamente sono state costituite n.13 squadre interdistrettuali così suddivise: 7

8 N ATTIVITA SQUADRE GALVANICHE 2 FONDERIE / ZINCATURA 1 CERAMICHE 1 ENERGETICHE 1 LATERIZI 1 DISCARICHE 1 ELIMINAZIONE RIFIUTI 3 ALLEVAMENTI 1 CHIMICHE 1 ALIMENTARI 1 Si precisa che al momento della definizione delle modalità organizzative relative all attività di controllo 2009 non erano ancora presenti, a livello regionale, indirizzi di carattere generale sull argomento. Successivamente in data è stata prodotta una Circolare della Direzione Tecnica dell Agenzia avente per oggetto Gestione delle ispezioni programmate per la verifica dell Autorizzazione Integrale Ambientale. I contenuti di tale Circolare confermano il modello organizzativo predisposto dalla Sezione Provinciale di Bologna, sia per quanto concerne la costituzione di squadre ispettive che per le modalità operative seguite nelle fasi di preparazione, esecuzione e conclusione dell ispezione. La modulistica La particolarità della visita ispettiva sugli impianti IPPC, la necessità di coordinare l operato dei gruppi sia nella fase preparatoria dell ispezione, che durante l ispezione stessa, nonché nella redazione e trasmissione alla Provincia del Rapporto Tecnico Ambientale conclusivo dell intervento, ha comportato la predisposizione di una specifica modulistica costituita da : - check list ispezione: modulistica da predisporre, sulla base dei contenuti dell Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata all azienda in esame, e da utilizzare come guida all ispezione programmata durante l esecuzione della stessa - verbale ispezione: modulistica da utilizzare al termine di ogni giornata di ispezione per rendicontare in forma generale l attività svolta, lasciandone copia controfirmata all azienda - verbale di ispezione per campionamento non effettuato: modulistica da redigere ogni qual volta non sia stato possibile eseguire il prelievo di campioni; anche in questo caso copia 8

9 del verbale, controfirmata e riportante le motivazioni che hanno impedito agli operatori ARPA l esecuzione dell attività di campionamento prevista, viene lasciata all azienda - rapporto tecnico ambientale: modulistica da utilizzare per la stesura del rapporto conclusivo sull intervento, comprensivo dei risultati della visita ispettiva e dell esito dei campionamenti effettuati. - modulo campionamenti: modulistica specifica per ogni singola azienda e ogni singola attività di campionamento, da utilizzare al fine di consentire allo sportello Arpa Accettazione Campioni della Sezione Provinciale la corretta individuazione e registrazione dei campioni effettuati nell ambito dell attività di controllo IPPC La visita ispettiva programmata Per ispezione programmata si intende l attività di controllo (visite all impianto e campionamenti) prevista in capo ad ARPA dal Piano di Monitoraggio e Controllo dell Autorizzazione Integrata Ambientale. Non deve essere confusa con l ispezione straordinaria, richiesta dall Autorità Competente a seguito di problemi emersi nel corso delle ispezioni programmate o in caso di rinnovo o riesame dell autorizzazione; per quest ultima non sono previsti oneri economici a carico del Gestore dell impianto. La visita ispettiva è di norma suddivisa nelle seguenti fasi: 1) preparazione dell ispezione predisposizione della ceck list 2) esecuzione dell ispezione presso l impianto 3) stesura del rapporto tecnico ambientale da trasmettere ad Autorità Competente e Azienda 1) preparazione dell ispezione la ceck list La visita ispettiva è preceduta da un adeguata preparazione che vede impegnata la squadra nell analisi di tutta la documentazione amministrativa e tecnica disponibile: documentazione relativa all istruttoria tecnica finalizzata al rilascio dell Autorizzazione, contenuti dell Autorizzazione rilasciata, documentazione storica agli atti del Distretto, eventuali interventi in emergenza ambientale, segnalazioni pervenute, ecc.. In questa fase viene redatta una check list, basata sul piano di controllo previsto in Autorizzazione, che costituirà lo schema operativo da seguire nel corso dell ispezione. La definizione di una buona check list permette di verificare in sede di ispezione tutte le prescrizioni presenti in Autorizzazione, ottimizzare i tempi dell ispezione, organizzare le 9

10 informazioni acquisite facilitando e velocizzando la redazione del rapporto tecnico ambientale finale. 2) esecuzione dell ispezione presso l impianto Durante l attività ispettiva la squadra ARPA procede a: verificare l ottemperanza alle prescrizioni impiantistiche contenute nell autorizzazione, verificare il rispetto dei limiti di emissione e degli impatti ambientali, anche facendo ricorso a controlli analitici e tecnici se necessari, verificare i pertinenti registri tenuti dal Gestore dell impianto, rilevare la necessità di eventuali adeguamenti gestionali a carico dell Azienda, nonché di misure atte al contenimento delle emissioni, verificare la rispondenza delle misure eseguite in fase di autocontrollo ai contenuti dell autorizzazione. Si procede altresì a verificare il corretto posizionamento, funzionamento, taratura, manutenzione degli strumenti installati dall azienda per il monitoraggio in continuo delle emissioni o finalizzati alla prevenzione delle emissioni stesse, oltre che verificare la regolare trasmissione dei dati, delle informazioni e delle relazioni, cui il Gestore è tenuto nei confronti dell Autorità Competente. L ispezione si presenta quindi come attività complessa, può comprendere anche campionamenti sulle diverse matrici ambientali e non si esaurisce necessariamente in una sola giornata. 3) stesura del rapporto tecnico ambientale da trasmettere ad Azienda e Autorità Competente Al termine dell ispezione, dopo aver acquisito i rapporti di prova dei campionamenti eventualmente effettuati, viene redatto il rapporto tecnico ambientale. Questo documento sintetizza i risultati dell attività di controllo eseguita presso l impianto in esame e contiene i seguenti elementi: - localizzazione dell impianto, legale rappresentante, data del sopralluogo, nominativi delle persone che hanno presenziato alle attività ispettive (compresi i campionamenti) - sintesi degli interventi effettuati - esiti degli eventuali controlli analitici e strumentali - esiti dei controlli documentali - valutazione delle conformità alle prescrizioni autorizzative Qualora nel corso dell attività ispettiva venga riscontrato il mancato rispetto delle prescrizioni contenute in Autorizzazione, la trasmissione del Rapporto Tecnico Ambientale all Autorità Competente è accompagnata da proposta di provvedimenti ai sensi dell art. 29-decies comma 6 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. 10

11 Risultati dell attività ispettiva La novità rappresentata dalle modalità di controllo previste per gli impianti in possesso di Autorizzazione Integrata Ambientale, la necessità di garantire l esecuzione delle attività previste in quanto già tariffate alle Aziende interessate, l obbligo di dover giustificare l eventuale mancata realizzazione di ispezioni o campionamenti sia all Autorità Competente che alle Aziende stesse (con rimborso dei relativi importi economici fatturati), ha reso indispensabile una programmazione di dettaglio dell attività con certezza dei tempi di esecuzione dei controlli, anche attraverso una continua verifica dello stato di avanzamento lavori. Nel corso dell anno si è quindi provveduto ad effettuare periodici incontri con le squadre incaricate dell esecuzione dei controlli sugli impianti IPPC, verificando lo stato di avanzamento dei lavori ed adottando, qualora necessario, opportune azioni correttive. 1) la visita ispettiva Sulla base di quanto sopra nel corso del 2009 sono state effettuate visite ispettive programmate su 55 dei 60 impianti previsti (figura 4) pari al 91,7% dell attività prevista. Figura 4 Impianti IPPC - Visite ispettive anno Programma Attività svolta Aziende A causa di difficoltà dovute alla crisi economica che ha investito tutti i settori produttivi nel corso dell anno, oppure a seguito di importanti lavori di ristrutturazione interna, 5 delle 60 aziende interessate dai controlli ARPA hanno richiesto all Autorità Competente un rinvio della visita ispettiva programmata motivandola con condizioni di fermo attività o attività fortemente 11

12 ridimensionata e pertanto non significativa al fine di una verifica complessa come quella prevista dal piano di monitoraggio e controllo dell Autorizzazione Integrata Ambientale. Dopo aver verificato la sussistenza di quanto dichiarato si è stabilito, in accordo con l Autorità Competente, di accogliere la richiesta avanzata e di rimandare al 2010 la visita ispettiva programmata nel 2009 presso le 5 aziende interessate. In considerazione di quanto sopra si può pertanto affermare che tutte le visite ispettive sono state realizzate nei tempi e modi previsti dal piano delle attività. 2) l attività di campionamento In figura 5 si riporta il risultato dell attività di campionamento effettuato nel corso dell anno. Figura 5 Impianti IPPC - Campioni - Anno Acque sotterranee Acque reflue industriali Percolato discarica Emissioni in atmosfera Acque superficiali TOTALE Programmati Eseguiti Complessivamente è stato effettuata l 88,7 % dell attività di campionamento programmata, così suddivisa: Acque superficiali 100,0 % Percolato discarica 100,0 % Acque sotterranee: 92,1 % Acque reflue industriali: 84,4 % Emissioni in atmosfera 50,0 % 12

13 I campionamenti non effettuati sono così giustificati: Acque sotterranee (n. 9 campioni mancanti) - n. 3 campioni dovevano essere effettuati presso una delle 5 aziende rimandate al 2010 per le ragioni sopra descritte; - n. 3 campioni non sono stati eseguiti in quanto i piezometri sono stati riscontrati più volte privi di acqua (redatto verbale di mancato campionamento in occasione di ogni sopralluogo); - n. 3 campioni non sono stati eseguiti in quanto nel corso dell anno è sopraggiunta una modifica dell A.I.A. che ha eliminato dal piano di monitoraggio e controllo l obbligo di campionare tali piezometri; Acque reflue industriali (n. 5 campioni mancanti) - n. 3 campioni dovevano essere effettuati presso 2 delle 5 aziende rimandate al 2010 per le ragioni sopra descritte; - n. 2 campioni non sono stati eseguiti in quanto gli scarichi sono risultati più volte non attivi (redatto verbale di mancato campionamento in occasione di ogni sopralluogo); Emissioni in atmosfera (n. 7 campioni mancanti) - n. 5 campioni dovevano essere effettuati presso 3 delle 5 aziende rimandate al 2010 per le ragioni sopra descritte; - n. 1 campione non è stato eseguito in quanto l emissione è risultata più volte non attiva (redatto verbale di mancato campionamento in occasione di ogni sopralluogo); - n. 1 campione non è stato eseguito in quanto il punto di prelievo è risultato privo di accesso in sicurezza (redatto verbale di mancato campionamento in occasione di ogni sopralluogo); Anche per quanto riguarda l attività di campionamento si può pertanto affermare che il programma annuale 2009 è stato pienamente rispettato in quanto l attività non svolta trova motivazioni ( sopra specificate) che prescindono dalla volontà degli operatori ARPA. Gli importi economici relativi alle attività non svolte sono stati restituiti alle ditte o, in alternativa e in accordo con le stesse, sono stati stornati dalle tariffe relative ai controlli previsti per l anno

14 Le violazioni Come già più volte ribadito l Autorizzazione Integrata Ambientale è un atto complesso e per tale motivo deve essere conosciuta e compresa in ogni sua parte. In particolare tutta la Sezione D risulta essere prescrittiva e pertanto vincolante per il Gestore dell impianto. Appare quindi indispensabile la presenza in Azienda di personale a cui sia affidato il compito di conoscere in modo approfondito l atto autorizzativo, modifiche comprese, mantenendo monitorato il rispetto delle prescrizioni, siano esse di tipo gestionale, documentale o relative ad obblighi di comunicazione. Questo anche in considerazione del fatto che ai sensi del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. art.29- quattuordecies agli impianti IPPC, dalla data di rilascio dell AIA, non si applicano più le sanzioni previste dalle norme di settore, bensì quanto stabilito dal medesimo articolo che nella maggior parte dei casi prevede l inoltro di una informativa all Autorità Giudiziaria. Per quanto concerne l anno 2009 l attività ispettiva programmata ha messo in evidenza un rilevante numero di violazioni. In particolare per 30 impianti sui 55 complessivamente ispezionati si è provveduto a proporre all Autorità Competente l adozione di specifici provvedimenti amministrativi finalizzati a regolarizzare le inadempienze riscontrate (figura 6). Figura 6 Impianti IPPC - Esito controlli ,5% 54,5% Impianti a norma Impianti con violazioni Per 27 impianti si è reso necessario inoltrare un informativa all Autorità Giudiziaria. Complessivamente sono risultati 6 (3,6 % del totale) i campionamenti in cui si sono registrati superamenti dei valori limite autorizzati; trattasi di n.5 campioni di acque reflue industriali 14

15 (pertanto per tale tipologia di scarico i rapporti di prova non conformi sono risultati pari al 18,5%) e n.1 campione di emissioni in atmosfera (14,3% dei campioni effettuati ai camini). Analizzando nello specifico le singole categorie IPPC (Figura 7) si osserva l elevato numero di inottemperanze riscontrate per l industria dei prodotti minerari, l industria chimica, la produzione e trasformazione dei metalli; più contenute, seppur rilevanti, le violazioni relative ad allevamenti e gestione dei rifiuti. Figura 7 Impianti IPPC - Violazioni anno 2009 Industria dei prodotti minerari 100,0 Altre attività Industria chimica Produzione e trasformazione dei metalli Allevamenti Gestione dei rifiuti Attività energetiche 100,0 80,0 80,0 33,0 31,5 0, Dall analisi delle inadempienze riscontrate si è constatato che parte delle violazioni sono risultate essere dovute a fattori riconducibili alla complessità insita nell atto autorizzativo stesso. In alcuni casi, infatti, le autorizzazioni riportavano prescrizioni di carattere generale, pensate per un determinato comparto produttivo, che non necessariamente si ritagliavano su una specifica azienda, ancorchè appartenente a quel medesimo comparto; potevano inoltre essere presenti prescrizioni scritte in coerenza con la norma ma che si prestavano a possibili interpretazioni. In accordo con l Autorità Competente, anche alla luce di tutti gli aggiornamenti tecnici e normativi, è pertanto iniziata nel 2009 una rivisitazione delle Autorizzazioni Integrali Ambientali rilasciate, con particolare riferimento alla Sezione D, e ad una sua parziale riscrittura volta a chiarire aspetti, anche prescrittivi, che hanno dato luogo o possono dare luogo ad interpretazioni diverse contrastanti tra ente di controllo e gestore, nonché eliminare prescrizioni di carattere generale, laddove non necessarie. 15

16 Il lavoro in questione procederà anche nel corso del 2010 ed interesserà progressivamente tutti gli impianti in possesso di autorizzazione. 16

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Sergio Ceradini Arpalazio Sezione provinciale di Roma Convegno Tutela del territorio, gestione dei rifiuti e controlli ambientali

Dettagli

ARPAV e CONTROLLI AMBIENTALI. Dipartimento Provinciale di Treviso Ing. Loris Tomiato

ARPAV e CONTROLLI AMBIENTALI. Dipartimento Provinciale di Treviso Ing. Loris Tomiato ARPAV e CONTROLLI AMBIENTALI Dipartimento Provinciale di Treviso Ing. Loris Tomiato Auditorium Provincia di Treviso - 4 maggio 2011 MODELLO CONTROLLO-PRESCRIZIONE A LEGISLAZIONE (fissa (fissa i i valori

Dettagli

Provvedimento n. 588 del 10/09/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO

Provvedimento n. 588 del 10/09/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO Provincia di Ravenna settore ambiente e suolo Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 588 del 10/09/2007 Oggetto: D.LGS. 59/05 - L.R. 21/04 DITTA CABOT ITALIANA S.P.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA

Dettagli

P r o v i n c i a d i P a d o v a

P r o v i n c i a d i P a d o v a 1 Decreto n. 131/VIA/2014 Prot. n. 94709 del 03/07/2014 Ditta n. 71048 Sede Settore Ambiente: P.zza Bardella, 2 35131 Padova tel. 049/8201811 VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA' (art. 20 del D.Lgs 152/06 e s.m.i.)

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI. (Del. C.P. n. 36/2009) Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO

PROVINCIA DI ORISTANO PROVINCIA DI ORISTANO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE O SUL SUOLO DI ACQUE REFLUE URBANE, INDUSTRIALI E DOMESTICHE AI SENSI DEL D. LGS 3 APRILE

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI. Provincia di Perugia. Confindustria Perugia. Confapi Perugia.

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI. Provincia di Perugia. Confindustria Perugia. Confapi Perugia. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI Provincia di Perugia Confindustria Perugia Confapi Perugia CNA Perugia Confartigianato Perugia Adiconsum Umbria ADOC Umbria ACU

Dettagli

Discarica per rifiuti non pericolosi Le Fornaci - Viterbo (VT) Piano di Monitoraggio e Controllo

Discarica per rifiuti non pericolosi Le Fornaci - Viterbo (VT) Piano di Monitoraggio e Controllo Discarica per rifiuti non pericolosi Le Fornaci - Viterbo (VT) Piano di Monitoraggio e Controllo Descrizione sintetica del PMeC Il Piano di Monitoraggio e Controllo ha la finalità principale della verifica

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO

Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO Provincia di Ravenna settore ambiente e suolo Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 Oggetto: D.LGS. 59/05 - L.R. 21/04 DITTA SOL S.P.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO

AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR02 - Audit Interni Edizione 1 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente Aziendale per la Qualità

Dettagli

Controllo integrato ambientale in impianti di trattamento rifiuti e discariche

Controllo integrato ambientale in impianti di trattamento rifiuti e discariche Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala conferenze Controllo integrato ambientale in impianti di trattamento rifiuti e discariche a cura di Elena Vescovo ARPAV Hanno collaborato: Francesca Bergamini

Dettagli

EcoGeo S.r.l. Novità Normative Autorizzazione Allo Scarico Provincia di Parma

EcoGeo S.r.l. Novità Normative Autorizzazione Allo Scarico Provincia di Parma EcoGeo S.r.l. Novità Normative Autorizzazione Allo Scarico Provincia di Parma Adempimento: Autorizzazioni allo scarico in acque superficiali Con la Determinazione del Dirigente n. 3316 del 13/10/2010 esecutiva

Dettagli

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA Attività Rifiuti ed Inquinamento Atmosferico Autorizzazioni Integrate Ambientali ed impianti termici Affidamento del servizio di ispezione dello stato di esercizio e manutenzione,

Dettagli

Principali novità e criticità introdotte dal Dlgs n. 46/2014. Annalisa Oddone. Confindustria Marche, 11 giugno 2014

Principali novità e criticità introdotte dal Dlgs n. 46/2014. Annalisa Oddone. Confindustria Marche, 11 giugno 2014 Principali novità e criticità introdotte dal Dlgs n. 46/2014 Annalisa Oddone Confindustria Marche, 11 giugno 2014 IL RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA Direttiva 2010/75/UE: Direttiva relativa alle Emissioni

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

Servizio Politiche Energetiche

Servizio Politiche Energetiche Servizio Politiche Energetiche FUNZIONI DEL SERVIZIO Controlli impianti termici 1. Sensibilizzazione utenti E l attività di diffusione presso i cittadini delle informazioni (tramite avvisi pubblici affissi

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA N. 53-14382/2010 OGGETTO: Autorizzazione Integrata Ambientale ex D.Lgs. 18 febbraio 2005, n. 59. Aggiornamento per modifica non sostanziale.

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA REGISTRAZIONE AL CET

PROCEDURA OPERATIVA PER LA REGISTRAZIONE AL CET PROCEDURA OPERATIVA PER LA REGISTRAZIONE AL CET Revisioni Redatto Rev 01 del 28/02/2013 Gruppo di Lavoro Catasto Emissioni Territoriali Approvato 1/6 1. Premessa e obiettivi La Regione Puglia ha realizzato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di

SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di SIAL srl è in grado di garantire alle aziende richiedenti, sia di piccole che di medie e grandi dimensioni, una qualificata assistenza tecnica ed amministrativa, in ordine ai più diversi profili concernenti

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Pianificazione e Gestione Rifiuti, Bonifiche, Sostenibilità Ambientale N. 39 9353 / 2013 (numero - protocollo / anno) OGGETTO: AUTORIZZAZIONE DI IMPIANTO DI RICERCA

Dettagli

PROCEDURA PRODOTTO FINITO 25 DOC. N. 25 COPIA IN DISTRIBUZIONE TRAMITE SOFTWARE ROBOT. Rev. Data Descrizione Modifica Emessa Visto Approvata Visto RAQ

PROCEDURA PRODOTTO FINITO 25 DOC. N. 25 COPIA IN DISTRIBUZIONE TRAMITE SOFTWARE ROBOT. Rev. Data Descrizione Modifica Emessa Visto Approvata Visto RAQ Dipartimento di Prevenzione Azienda U.S.L. 2 di Lucca U.F. PISLL Resp. Ing. Franco Becarelli PROCEDURA PRODOTTO FINITO 25 (sopralluogo nei luoghi di lavoro ad eccezione del cantiere edile e attività estrattiva)

Dettagli

ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013

ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013 RIMOZIONE MACERIE

Dettagli

CORSO BREVE. Il Collaudo

CORSO BREVE. Il Collaudo Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli CORSO BREVE sulla normativa inerente la PROGETTAZIONE e la REALIZZAZIONE di OPERE PUBBLICHE

Dettagli

COMUNICAZIONE Modifiche non sostanziali Autorizzazione Integrata Ambientale Art. 29-nonies del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.

COMUNICAZIONE Modifiche non sostanziali Autorizzazione Integrata Ambientale Art. 29-nonies del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. COMUNICAZIONE Modifiche non sostanziali Autorizzazione Integrata Ambientale Art. 29-nonies del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Città metropolitana di Milano Area Tutela e Valorizzazione Ambientale (selezionare

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica

PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica DOCUMENTO REDATTO IN COLLABORAZIONE CON: PIANO DI MONITORAGGIO REPORT ANNO 2014 Relazione Tecnica Il presente documento costituisce la relazione annuale sul piano di monitoraggio e controllo come prevista

Dettagli

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI

ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI ALLEGATO TECNICO CONDIZIONI DA RISPETTARE NELLA CONDUZIONE DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO E STOCCAGGIO RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI Gestore: Fratelli Lupoli srl P.IVA e C.F.: 01231150598 Sede Legale

Dettagli

l agenzia delle aziende

l agenzia delle aziende l agenzia un nuovo servizio di ETRA dedicato alle imprese del territorio l agenzia Futuro sostenibile l agenzia Nasce un nuovo servizio per rispondere rapidamente alle aziende. Un numero diretto per dialogare

Dettagli

Sintesi delle fasi operative del processo di certificazione

Sintesi delle fasi operative del processo di certificazione Sintesi delle fasi operative del processo di certificazione Sintesi delle fasi operative, nel processo di Certificazione secondo la norma ISO 25639:2008 ed il PROTOCOLLO PROPRIETARIO PER ACCREDIA 12/116/CR13c/C11

Dettagli

Progetto Coordinatori della Provincia di Varese

Progetto Coordinatori della Provincia di Varese Informiamo e comunichiamo che è operativo il Progetto Coordinatori della Provincia di Varese che vede coinvolti i seguenti promotori: ASL della Provincia di Varese Dipartimento di prevenzione medico S.I.S.L.;

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale OGGETTO: Progetto: Ampliamento dell attività di deposito preliminare Comune: Avigliana (TO) Proponente: Ecoidea Ambiente s.r.l.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

SOMMARIO. Introduzione...3. L applicativo di registrazione dell attività...3

SOMMARIO. Introduzione...3. L applicativo di registrazione dell attività...3 1 SOMMARIO Introduzione...3 L applicativo di registrazione dell attività...3 Processo primario EMISSIONE DI RAPPORTI TECNICI CON EMISSIONE DI PARERE: Categorie e Sottocategorie...4 La definizione degli

Dettagli

Dipartimento Territoriale di Prevenzione

Dipartimento Territoriale di Prevenzione Servizio Sanitario - REGIONE SARDEGNA Dipartimento Territoriale di Prevenzione Prot. Oristano lì Oggetto: Progetto relativo alla verifica periodica degli Ascensori e Montacarichi ai sensi del Decreto del

Dettagli

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA

PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA PIANO DEI CONTROLLI DI CONFORMITÀ AL DISCIPLINARE GRANO DELLA MAREMMA GROSSETANA INDICE GENERALE 1. 2. PREMESSA... 3 GENERALITÀ... 3 2.1 SCOPO DELLE VERIFICHE DI AGROQUALITÀ... 3 2.2 RIFERIMENTI... 4 2.3

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XL REPUBBLICA ITALIANA N. 27 Speciale Ambiente BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE ABRUZZO LíAQUILA, 17 LUGLIO 2009 Pag. 66 Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Anno XL - N. 27 Speciale (17.07.2009)

Dettagli

DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015

DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015 DECRETO N. 5703 Del 07/07/2015 Identificativo Atto n. 515 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Oggetto AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (A.I.A.) ALLA DITTA SAN PELLEGRINO SPA

Dettagli

http://server01/atti/attimono.nsf/atticopertina/05cacb5a90330f66c... PROVINCIA DI FERRARA Atto del dirigente

http://server01/atti/attimono.nsf/atticopertina/05cacb5a90330f66c... PROVINCIA DI FERRARA Atto del dirigente Atto monocratico Copertina http://server01/atti/attimono.nsf/atticopertina/05cacb5a90330f66c... 1 di 1 27/07/2012 12.26 PROVINCIA DI FERRARA Atto del dirigente DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: AMBIENTE E AGRICOLTURA

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Bozza di Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale

Dettagli

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE OGGETTO: DPR N. 59/2013 MODIFICA NON SOSTANZIALE DELLA DETERMINAZIONE N. 4690 DEL 14.7.2014

Dettagli

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati

L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati Cagliari, 25-26 marzo 2010 Caesar s Hotel Sala Conferenze L attività di coordinamento delle strutture di Arpa Piemonte per l attuazione dell IPPC e dei controlli integrati a cura di Massimo Boasso - Area

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE

PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE PROVINCIA DI BENEVENTO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE Art. 1 - Oggetto del Regolamento: 1. Il presente regolamento disciplina le procedure da seguire per

Dettagli

MOD 36 Regolamento Contrattuale per le Verifiche Periodiche e Straordinarie di Elevatori Artt. 13 e 14 del DPR 162/99 - Artt. 13 e 14 del DPR 214/10

MOD 36 Regolamento Contrattuale per le Verifiche Periodiche e Straordinarie di Elevatori Artt. 13 e 14 del DPR 162/99 - Artt. 13 e 14 del DPR 214/10 MOD 36 Regolamento Contrattuale Elevatori Artt. 13 e 14 del DPR 162/99 - Artt. 13 e 14 del DPR 214/10 (MOD 04) Stato delle Revisioni Rev. Data Motivo Aggiornamento RQ Approvazione DT 00 27-04-2013 Definizione

Dettagli

Oggetto: autocontrollo nelle industrie alimentari indicazioni a seguito delle modifiche al D.Lvo 155/97

Oggetto: autocontrollo nelle industrie alimentari indicazioni a seguito delle modifiche al D.Lvo 155/97 Direzione Sanità Pubblica Settore Vigilanza e Controllo Alimenti di Origine Animale Prot. n. /27.004 Torino, lì Ai Responsabili del SIAN delle ASL del Piemonte Ai Responsabili del Servizio Veterinario

Dettagli

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO

GESTIONE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON IL PUBBLICO rev. 03 Data: 04-12-2012 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Effettuare gli audit interni

Effettuare gli audit interni Scopo Definire le modalità per la gestione delle verifiche ispettive interne Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Qualità (centrale) e Referenti Qualità delle sedi territoriali Direzione Qualità

Dettagli

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Settore Attività industriali, Controlli e Coordinamento Laboratori Viale Restelli, 3/1-20124 Milano Tel. 02-69666385 Fax. 0269666254 e-mail: d.cristofaro@arpalombardia.it

Dettagli

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di Prot. N. (PRC/07/58324) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la Legge Regionale 12 luglio 1994 n. 27 "Disciplina dello smaltimento dei rifiuti", così come successivamente modificata ed integrata;

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI ENTI COOPERATIVI VISTO l'articolo 13 della legge 31 gennaio 1992, n. 59 - Nuove norme in materia di società cooperative - concernente l'

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

PROVINCIA DI PESARO-URBINO PROVINCIA DI PESARO-URBINO SERVIZIO 4.3.4 PREVENZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2

PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 Pag.: 1/9 INDICE 1. FINALITÀ DEL PIANO DI MONITORAGGIO E CONTROLLO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...2 4. MODALITÀ OPERATIVE...3 4.2. Identificazione dei parametri da monitorare...3

Dettagli

COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE

COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE COMUNE DI NONANTOLA PROVINCIA DI MODENA CARTA DEI SERVIZI DEL CONTRIBUENTE Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 31/05/2001 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

LE ESPERIENZE DELL AUTORITA COMPETENTE REGIONALE E LA FUTURA GESTIONE DEGLI SME IN LOMBARDIA

LE ESPERIENZE DELL AUTORITA COMPETENTE REGIONALE E LA FUTURA GESTIONE DEGLI SME IN LOMBARDIA Presentazione della Guida Tecnica del sistema agenziale per la redazione dei manuali di gestione dei Sistemi di Monitoraggio in continuo alle Emissioni in atmosfera (SME) e con particolare riferimento

Dettagli

PSR CAMPANIA 2007/2013 FONDO FEASR MANUALE OPERATIVO DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO DELL AUDIT

PSR CAMPANIA 2007/2013 FONDO FEASR MANUALE OPERATIVO DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO DELL AUDIT PSR CAMPANIA 2007/2013 FONDO FEASR MANUALE OPERATIVO DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO DELL AUDIT INDICE - Premessa Pag 1 1 Tipologia dei controlli 1 1a Controlli di gestione 1 1b Controlli di ammissibilità

Dettagli

Linee guida recanti criteri e procedure per la conduzione, nelle more del decreto previsto dall articolo 25, comma 3 del D.Lgs.334/99, delle verifiche ispettive di cui al decreto del Ministero dell Ambiente

Dettagli

Regolamento di Audit ALLEGATO 8 AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE 231/2001

Regolamento di Audit ALLEGATO 8 AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE 231/2001 ALLEGATO 8 AL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE 231/2001 Conforme alla Norma UNI EN ISO 9001:2008 Conforme alla Norma UNI EN ISO 14001:2004 Conforme al D.Lgs 231/01 Conforme a: L. 190/12; D.Lgs 33/2013; D.Lgs

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 17/2007 (Atti del Consiglio) Norme per l emergenza idrica per l anno 2007. Modifiche alla legge regionale 21 luglio 1995, n. 81 (Norme di attuazione

Dettagli

POLITICHE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE

POLITICHE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE POLITICHE PER LA TUTELA DELL AMBIENTE REDATTRICE: Francesca Casalotti Le proposte di legge esaminate nel corso del 2013 dalla Sesta Commissione in materia di ambiente e successivamente approvate dal Consiglio

Dettagli

RELATIVA ALLA POSISP 05

RELATIVA ALLA POSISP 05 IOSISP10-2 Pag. 1/6 RELATIVA ALLA POSISP 05 INDICE 1. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI... 2 3. RESPONSABILITA... 2 4. MODALITÀ OPERATIVE... 2 5. GRADI DI RISCHIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE BOLLINO VERDE Che cosa è un sistema obbligatorio di autocertificazione di tutti gli impianti termici In vigore dal 15 ottobre 2009

Dettagli

Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini

Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini Giovanni Michele Sai La prevenzione delle esplosioni da polvere, La è uno strumento necessario

Dettagli

ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014

ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA N. 45 DEL 3 GIUGNO 2014 ASSEGNAZIONE AL COMUNE

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

Via Fiorentina, 54 Pescia - 51017 PT - Italy Tel/fax +39 0572 74 912 info@tuscanyengineering.it - www.tuscanyengineering.it

Via Fiorentina, 54 Pescia - 51017 PT - Italy Tel/fax +39 0572 74 912 info@tuscanyengineering.it - www.tuscanyengineering.it Via Fiorentina, 54 Pescia - 51017 PT - Italy Tel/fax +39 0572 74 912 info@tuscanyengineering.it - www.tuscanyengineering.it Riferimento: Profilo.docx Revisione: A/10.03.2014 pag. 1 di 5 Profilo Aziendale

Dettagli

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO

COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO COMUNE DI MONTECORVINO PUGLIANO Sportello Unico per le Attività Produttive PRAT. SUAP PROT. DEL / / PERCORSO GUIDATO ALLA INDIVIDUAZIONE DEGLI ENDOPROCEDIMENTI E DELLA DOCUMENTAZIONE MINIMA PER INOLTRO

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

PROVINCIA DI PESARO-URBINO PROVINCIA DI PESARO-URBINO SERVIZIO 4.3.4 PREVENZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ED ISPEZIONE DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO

Dettagli

5. SEZIONI AUTOCONTROLLO. Sotto viene riportata la schermata principale con tutte le sezioni attivate.

5. SEZIONI AUTOCONTROLLO. Sotto viene riportata la schermata principale con tutte le sezioni attivate. Applicativo Integrato Di Autocontrollo Applicativo per la gestione integrata degli Autocontrolli IPPC-AIA, parte del Sistema di Gestione delle Verifiche Ispettive (VISPO) di ARPA Lombardia Manuale d uso

Dettagli

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti Controllo dei cantieri in corso d opera Francesco Perotti Controllo Ambientale Cantieri Riferimenti progettuali ed obblighi contrattuali per la gestione ambientale dei cantieri Riferimenti per la gestione

Dettagli

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DEL CON- TROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 736 DEL 31/12/2013 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 740 DEL 31/12/2013

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA?

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 Richiesta di consulenza da parte delle aziende

Dettagli

CAMPO DI ATTIVITÁ: PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO

CAMPO DI ATTIVITÁ: PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO CAMPO DI ATTIVITÁ: PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO A) ATTIVITÁ MONITORATA ATTRAVERSO I LEA 1) Attività di vigilanza per comparto Grandi Opere (GO) e altri cantieri complessi* EDILIZIA (comparto)

Dettagli

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA

REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA REGIONE LAZIO ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI LOCALI DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 Allegato

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale

Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale Determinazione del Dirigente del Servizio Valutazione Impatto Ambientale N. 47-20746/2011 OGGETTO: Progetto: Aumento quantitativi di lavorazione carta e cartone provenienti da raccolta differenziata Comune:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Decreto Ministeriale Ministero dello Sviluppo Economico recante Attuazione dell'articolo 42 del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28 sulla disciplina dei controlli e delle sanzioni in materia di incentivi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Area: CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Area: CICLO INTEGRATO DEI RIFIUTI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 864 09/12/2014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 20854 DEL 01/12/2014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: TERRITORIO, URBANISTICA, MOBILITA E RIFIUTI Area: CICLO INTEGRATO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 863 del 15 maggio 2012

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 863 del 15 maggio 2012 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Tutela Ambiente Presidente Luca Zaia X Vicepresidente Marino Zorzato X Assessori Renato Chisso X Roberto Ciambetti X Luca Coletto X Maurizio

Dettagli

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI PROVINCIA DI BARLETTA-ANDRIA-TRANI REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 3 del 11 Marzo 2013 Sommario TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ...1 ART. 1 (Finalità)...1

Dettagli

una squadra di esperti, un solo interlocutore

una squadra di esperti, un solo interlocutore una squadra di esperti, un solo interlocutore Il vantaggio di avere una squadra di esperti e la comodità di parlare con un solo interlocutore CHI SIAMO Il Gruppo E.S.G. EURO SERVICE GROUP - SYNTESY - A.IN.COM.

Dettagli

Co m u n e d i S a n V i t o Provincia di Cagliari

Co m u n e d i S a n V i t o Provincia di Cagliari Co m u n e d i S a n V i t o Provincia di Cagliari IL SEGRETARIO COMUNALE Prot. n. 1575 San Vito 03/02/2014 Ai Responsabili di Servizio e p.c. Al Sindaco Agli Assessori SEDE OGGETTO: direttiva n. 2/2014:

Dettagli

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono:

Le principali attività per adempiere agli obblighi relativi alla sicurezza e salute negli ambienti di lavoro (Testo Unico 81/2008) sono: Principali obblighi per i Datori di Lavoro di piccole/medie imprese (settore commercio) in seguito all entrata in vigore del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro D.Lgs 81/2008 Le principali attività

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI ALLA PROMOZIONE DELL E-COMMERCE SCADENZA PRESENTAZIONE DOMANDE 27/02/2016 IL SEGRETARIO COMUNALE QUALE RESPONSABILE

Dettagli

Caldaie domestiche: come gestirle al meglio alla luce del D.P.R. 74/13.

Caldaie domestiche: come gestirle al meglio alla luce del D.P.R. 74/13. Caldaie domestiche: come gestirle al meglio alla luce del D.P.R. 74/13. Ancora una volta, i cittadini si trovano dinanzi a dubbi ed interrogativi circa la corretta gestione del proprio impianto termico.

Dettagli

IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE

IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE DELIBERAZIONE 21 MAGGIO 2015 234/2015/S/GAS IRROGAZIONE DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA IN MATERIA DI OBBLIGHI DI SICUREZZA DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE

PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE Allegato 1 s Modello metodologico procedurale e organizzativo della valutazione ambientale di piani e programmi (VAS) PIANO DELLA RISERVA NATURALE REGIONALE 1. INTRODUZIONE 1.1 Quadro di riferimento Il

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO SANITÀ PUBBLICA CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17

Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17 Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17 Fabio Olivieri ATEX DAY Desenzano del Garda, 26 giugno 2015 DPR 462 del 22 Ottobre 2001

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore di Dipartimento Il Consiglio Direttivo Il Presidente 2013-09-30 Titolo Sigla Prescrizioni per l accreditamento di Organismi operanti le certificazioni dei servizi di: - installazione, manutenzione o riparazione di apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI IN MATERIA DI CONTROLLI AMBIENTALI SULLE IMPRESE. Premessa 2

LINEE GUIDA REGIONALI IN MATERIA DI CONTROLLI AMBIENTALI SULLE IMPRESE. Premessa 2 Allegato A) LINEE GUIDA REGIONALI IN MATERIA DI CONTROLLI AMBIENTALI SULLE IMPRESE Premessa 2 1. Finalità e ambito di applicazione 3 2. Definizione dei controlli 3 3. Quadro di riferimento normativo. 4

Dettagli

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO (Edizione 1 Gennaio 2007) Questa procedura è di proprietà del Gruppo Acam. Ogni divulgazione e/o riproduzione e/o cessione

Dettagli