POLITECNICO DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI MILANO"

Transcript

1 Rep. N 1386 Prot. n Data 04 giugno 2009 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO VISTO il D.Lgs. del , n. 152, recante norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati, in particolare la parte IV, e successive modificazioni; VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.R. n. 590/AG del con cui è stato emanato il Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano; CONSIDERATO che si è resa necessaria una revisione generale del Regolamento citato per meglio disciplinare il processo della gestione dei rifiuti dell Ateneo; ACQUISITO il parere favorevole espresso dal Consiglio di amministrazione, nella seduta del , in ordine alla nuova proposta di Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano; RAVVISATA la necessità; DECRETA Per le motivazioni citate in premessa, è emanato il Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano, unitamente agli allegati indicati nell art. 15. Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano ART. 1 OGGETTO E FINALITA' Oggetto. Il presente Regolamento definisce le modalità organizzative per la gestione dei rifiuti, prodotti nel Politecnico di Milano. Finalità. La puntuale applicazione del Regolamento consente che: i rifiuti prodotti non vengano dispersi nell ambiente; le modalità della loro gestione siano omogenee in tutto l Ateneo; i rifiuti vengano conferiti in modo sostanzialmente e formalmente corretto ai Pubblici Gestori della Raccolta Urbana ed alle imprese che effettuano il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti speciali; si possa ottenere una riduzione sulle tariffe, applicate dai Comuni, per la raccolta dei rifiuti solidi urbani. ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento disciplina la gestione dei rifiuti prodotti all interno dell Ateneo, con esclusione, in quanto disciplinati da specifica normativa, per:

2 i rifiuti radioattivi; gli effluenti gassosi emessi nell'atmosfera; le acque di scarico, eccettuati i rifiuti allo stato liquido. ART. 3 TITOLARE DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DAL POLITECNICO DI MILANO Ai fini degli adempimenti di legge, il Direttore amministrativo, o suo delegato, è titolare della gestione dei rifiuti prodotti dalle Strutture del Politecnico di Milano ed è il Responsabile del Sistema di Gestione dei Rifiuti. ART. 4 IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI Il Sistema di Gestione dei Rifiuti è costituito dalla struttura organizzativa, dalle attività di pianificazione, dalla definizione di responsabilità, prassi, procedure, processi e risorse per elaborare, mettere in atto e conseguire le finalità del presente Regolamento. ART. 5 RESPONSABILI DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI Per quanto di competenza della propria struttura sono responsabili della gestione dei rifiuti, in termini di rispetto degli adempimenti di legge, a seconda della tipologia statutaria della struttura, i: Presidi di Facoltà (limitatamente alle Presidenze di Facoltà). Direttori di Dipartimento. Direttore/Presidente/Coordinatore delle strutture di supporto. Dirigenti di Area. Prorettori dei Poli Regionali. I responsabili di struttura si attengono, nella gestione dei rifiuti prodotti, alle procedure approvate dal Direttore Amministrativo. ART. 6 IL GESTORE DEI RIFIUTI E istituito presso il Servizio Prevenzione e Protezione, il Gestore dei Rifiuti, operante in staff al Direttore amministrativo e Rappresentante della Direzione del Sistema di Gestione dei Rifiuti, con il compito di organizzare e gestire la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti e di far rispettare il presente Regolamento da parte di tutte le Strutture dell Ateneo e da chiunque, a vario titolo, produca rifiuti presso il Politecnico di Milano. Il Gestore inoltre avrà il compito di: verificare la corretta applicazione del presente Regolamento ed assicurare che i requisiti del Sistema di Gestione dei Rifiuti siano stabiliti, applicati e mantenuti, in conformità al presente Regolamento; riferire al Direttore amministrativo sulle prestazioni del sistema di Gestione dei Rifiuti al fine del riesame e del miglioramento; verificare la corretta tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti; definire corrette procedure interne di raccolta, stoccaggio, e conferimento dei rifiuti atte alla costituzione del Sistema di gestione dei rifiuti; definire obiettivi traguardi e programmi del Sistema di gestione dei rifiuti; individuare per ogni struttura, sulla base dei processi che generano rifiuti, il numero e il fabbisogno formativo dei referenti locali; informare e formare i referenti in merito alle suddette procedure; coordinare l attività dei referenti locali per la gestione dei rifiuti; indire e gestire le riunioni periodiche fra referenti e gli altri soggetti coinvolti; gestire ed aggiornare la banca dati sui rifiuti prodotti e detenuti nell Ateneo su comunicazione (via telematica) dei referenti locali; 2

3 gestire i rapporti con le autorità di vigilanza e di controllo; gestire i rapporti con le ditte che effettuano la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti speciali, con le Imprese assegnatarie dei servizi di igiene ambientale e raccolta differenziata dei rifiuti in Ateneo e con i Pubblici Gestori della Raccolta Urbana; verificare periodicamente l idoneità dei siti di stoccaggio e la relativa cartellonistica; predisporre e consegnare modulistica (registri, formulari, MUD, comunicazioni, ecc.); mantenere un continuo aggiornamento sulla legislazione; convocare il Coordinamento di Gestione. Il Gestore svolge a favore delle strutture dell'ateneo attività di consulenza tecnico amministrativa inerente allo smaltimento dei rifiuti. Il Gestore dei rifiuti è designato con provvedimento del Direttore amministrativo, tra il personale di ruolo in possesso di attitudini e capacità adeguati. ART. 7 COORDINAMENTO DI GESTIONE E' costituito il Coordinamento di Gestione con il compito di coadiuvare il Gestore nell'attività di applicazione del presente Regolamento. Detto Coordinamento è composto da: il Gestore dei Rifiuti; il Responsabile dell Area Approvvigionamenti e Logistica o suo delegato; il Responsabile dell Area Tecnico Edilizia o suo delegato. ART. 8 IL REFERENTE DI STRUTTURA Il Responsabile di ogni struttura, di cui all art.5, nomina, sulla base delle indicazioni del Gestore dei Rifiuti, uno o più Referenti di Struttura (o Referente Locale), che, coordinandosi con il Gestore dei Rifiuti, hanno il compito di organizzare e di gestire presso la propria struttura la raccolta e lo stoccaggio dei rifiuti in applicazione del presente Regolamento, nel rispetto della normativa locale vigente nel Comune di appartenenza della Struttura e conformemente a quanto previsto dalle procedure del Sistema di Gestione dei Rifiuti. ART. 9 COMPITI E RESPONSABILITA Sono definiti nel Sistema di Gestione dei Rifiuti, i compiti e le responsabilità di tutte le figure coinvolte nel processo di produzione, raccolta, stoccaggio e smaltimento dei rifiuti dell Ateneo. ART. 10 COMUNICAZIONE NUOVE ATTIVITA Le Strutture esistenti o quelle di nuova istituzione che dovessero porre in atto attività di ricerca e non, comportanti la produzione di rifiuti, debbono darne preventiva comunicazione al Gestore dei Rifiuti, conformandosi agli obblighi di legge ed alle disposizioni del Sistema di Gestione dei Rifiuti. ART. 11 GESTIONE DEI RIFIUTI Le modalità di pianificazione, attuazione, controllo e riesame di tutti i processi relativi alla gestione dei rifiuti, urbani o assimilati e speciali, compresi nell ambito di applicazione del presente Regolamento, sono definite dalle procedure del Sistema di Gestione dei Rifiuti. 3

4 ART. 12 RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO, PCB O PCT Vista la particolarità dei rifiuti, nonché la legislazione che tratta i rifiuti in oggetto in maniera differente rispetto a quelli fino ad ora considerati, chi si trovi a dover trattare e/o smaltire rifiuti o apparecchiature contenenti amianto, PCB o PCT deve preventivamente contattare il Gestore dei rifiuti con il quale definirà un appropriata procedura. ART. 13 RIFIUTI DERIVANTI DA LAVORI, SERVIZI E FORNITURE AFFIDATI A TERZI Nell affidamento a terzi di lavori, servizi e forniture che comportano la produzione di rifiuti, la struttura committente, sentito preventivamente il Gestore dei Rifiuti, definisce opportune clausole contrattuali in merito alla titolarità, gli oneri e le modalità di gestione dei rifiuti. La gestione dei rifiuti derivanti dagli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sugli impianti tecnologici e sugli edifici dell'ateneo, sono di norma competenza della Ditta incaricata della conduzione e gestione degli impianti medesimi, nonché dell'esecuzione degli interventi, secondo quanto espressamente formalizzato nel contratto sottoscritto. La struttura committente lavori e servizi dovrà accertarsi della corretta gestione dei rifiuti da parte della ditta appaltatrice facendosi consegnare copia del formulario di trasporto dei rifiuti attestante l avvenuto smaltimento (quarta copia). ART. 14 OSSERVANZA Tutti coloro i quali frequentano gli spazi del Politecnico sono tenuti ad osservare il presente Regolamento. I Responsabili delle strutture sono tenuti a predisporre gli strumenti necessari affinché il Regolamento possa essere portato a conoscenza e applicato all interno delle Strutture. ART. 15 ALLEGATI Sono parte integrante del presente Regolamento i seguenti allegati: a) documento per la descrizione dei processi; b) documento per la gestione dei rifiuti di processo; c) documento per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati; d) documento per la gestione dei rifiuti derivanti dall affidamento a terzi di lavori e servizi; e) procedura di gestione della documentazione. Eventuali modifiche, aggiornamenti o ulteriori allegati che si rendessero necessarie per l efficienza, l efficacia e l operatività del sistema di gestione dei rifiuti, saranno adottate con immediato provvedimento del Direttore amministrativo. ART. 16 NORME FINALI E DI RINVIO L entrata in vigore del presente Regolamento determina l abrogazione del precedente, emanato con D.R. n. 590/AG del IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO F.to Dr. Giuseppino Molinari 4

5 Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Documento descrittivo di sistema del SGR n. 01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione Competenza Soggetto Nome, Cognome, Firma Titolarità e Approvazione Direttore Amministrativo Redazione e Revisione Gestore dei Rifiuti Dott. Giuseppino Molinari Ing. Lorenzo Bozzini

6 SOMMARIO Servizio Prevenzione e Protezione 1. PREMESSA SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI SOGGETTI COINVOLTI COMPITI E RESPONSABILITA ACRONIMI TABELLA DELLE REVISIONI DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO...4 Approccio per processi...4 Modalità di gestione rifiuti di Ateneo...5 ALLEGATO I - Descrizione dei servizi integrati di gestione dei rifiuti...7 Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 2 di 7

7 1. PREMESSA Il presente documento di sistema nasce dall esigenza di un riordino del Sistema di Gestione dei Rifiuti (SGR) al fine di assicurare una maggiore efficienza ed efficacia nella gestione dei rifiuti di Ateneo. Tale riordino consiste principalmente: Passaggio da un approccio di gestione per struttura ad uno per processo Semplificazione della struttura organizzativa in base alle reali esigenze nei diversi processi Organizzazione di un servizio di raccolta a misura dell utente con coinvolgimento diretto e responsabilizzazione dell utente stesso. Integrazione dei servizi di raccolta urbana e di raccolta dei rifiuti speciali. Con la formalizzazione del presente documento sono abrogate tutte le precedenti procedure operative del SGR e sono emanate nuove procedure e linee guida. Piano di Attuazione del D.Lgs 151/05 relativo alla Gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) del 3/10/2005 è parimenti abrogato. 2. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento ha validità generale e si applica a tutte le strutture di Ateneo. Il suo scopo è quello di definire i processi che generano i rifiuti e delineare per ognuno le modalità di gestione. 3. RIFERIMENTI D.Lgs 152/06 Norme in materia ambientale Parte IV Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati. D.Lgs 163/06 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE" D.R. 590/AG del 08/03/2008 Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano. PO.SGR.SPP.01 Gestione dei rifiuti di processo PO.SGR.SPP.02 Gestione dei rifiuti urbani ed assimilabili LG.SGR.SPP.01 Gestione dei rifiuti derivanti dall affidamento a terzi di lavori e servizi 4. SOGGETTI COINVOLTI COMPITI E RESPONSABILITA Direttore Amministrativo Approvazione del presente documento. Gestore dei Rifiuti Redazione e revisione del presente documento. 5. ACRONIMI SGR Sistema di Gestione dei Rifiuti RP Rifiuto di processo RU Rifiuti urbani RSA Rifiuti speciali assimilabili agli urbani Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 3 di 7

8 RT Rifiuti derivanti dall affidamento a terzi di lavori e servizi RSD Rifiuti soggetti a specifica disciplina SIA Servizio di Igiene Ambientale SSR Servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti (speciali) PGRU Pubblico Gestore della Raccolta Urbana RLR Referente Locale per la Gestione dei Rifiuti PR Produttore del Rifiuto RUP Responsabile Unico del Procedimento EC Esperto Competente 6. TABELLA DELLE REVISIONI N Revisione Data Descrizione 1 17/04/2009 Prima stesura del documento 7. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO Approccio per processi In base a questo tipo di visione, le modalità di gestione dei rifiuti dipendono dal processo che li originano. Nel SGR del Politecnico si distinguono cinque tipologie di rifiuti dipendenti da altrettante attività: 1. Rifiuti di processo Rifiuti provenienti da attività di ricerca/didattica in laboratorio. Si dividono in: Rif. di proc. chimico o Processi sia di analisi sia di sintesi chimica (organica e/o inorganica) ed in generale qualsiasi processo che prevede l impiego di sostanze o preparati chimici con generazione di scarti delle sostanze impiegate, ivi comprese le acque di lavaggio, soluzioni di sviluppo e fissaggio ed i relativi imballaggi. o Processi biochimici e sanitari con produzione di scarti di sostanze, tessuti e fluidi organici ed i relativi imballaggi. Rif. di proc. meccanico o Processi di prova atti ad individuare le caratteristiche prestazionali di un materiale sintetico o naturale ed a definirne l ambito applicativo, attraverso misure tensili di compressione o flessione, con generazione di scarti dei materiali provati (compresi gli imballaggi) e/o di fluidi di lavoro o lubrificanti esausti (oli, emulsioni, ecc.) della macchina di prova. o Processi di lavorazione meccanica con generazione di scarti dei materiali lavorati (compresi gli imballaggi) e/o di fluidi di lavoro o lubrificanti esausti (oli, emulsioni, ecc.) della macchina utensile. Rif. da dismissione di o Dismissione di impianti, macchine, componenti e dispositivi attrezzature obsoleti o mal funzionanti e relativi imballaggi. Rif. da dismissione beni o RAEE Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 4 di 7

9 non assimilabili per quantità/ qualità agli urbani o Arredi e ingombranti. 2. Rifiuti speciali assimilabili agli urbani Rifiuti derivanti dall attività didattica universitaria e dall attività tecnica ed amministrativa. Si dividono in: Rif. consumabili da uffici o Imballaggi di forniture da ufficio (cartone) o Toner e cartucce stampanti o Pile alcaline. Rif. da dismissione beni o RAEE informatici mobili assimilabili per o Arredi e ingombranti. quantità/ qualità Rifiuti da infrastrutture e impianti tecnologici non rientranti nel gruppo 4 o Cavi, apparecchi di condizionamento/ riscaldamento, apparecchi di illuminazione, batterie 3. Rifiuti urbani Rifiuti urbani (oggetto di raccolta differenziata e residuali) prodotti dalla popolazione studentesca, lavoratori e ospiti. 4. Rifiuti derivanti dall affidamento a terzi di lavori e servizi Rifiuti (di norma di competenza degli appaltatori), derivanti da cantieri edili, manutenzioni, ecc. In questa categoria rientrano anche rifiuti di competenza delle strutture di Ateneo che si originano in fase di esecuzione di un lavoro o servizio affidato in appalto ed i fanghi da espurgo di fosse settiche e caditoie 5. Rifiuti soggetti a disciplina specifica Rifiuti, esclusi dal campo di applicazione del Regolamento per la Gestione dei Rifiuti, quali PCB, amianto, terreni di bonifica, rif. radioattivi, ecc., che richiedono l avviamento di procedure specifiche a cura di un esperto tecnico con competenza specifica. Modalità di gestione rifiuti di Ateneo Il SGR fornisce per tutte le tipologie di rifiuto di cui al paragrafo precedente (ad esclusione dei gruppo 4 e 5) un sistema adeguato di raccolta in siti di deposito temporaneo e successivo avvio a smaltimento/ recupero tramite soggetto autorizzato, pubblico (per i rifiuti urbani, il Pubblico Gestore della Raccolta Urbana) o privato (rifiuti speciali). Il sistema sopra descritto si compone di due servizi integrati fra loro ed un centro servizi. I servizi integrati, la cui descrizione è riportata in ALLEGATO I, sono: Il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti (speciali) di Ateneo (SSR) Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 5 di 7

10 Il servizio di igiene ambientale (SIA) Il centro servizi è costituito dalle strutture organizzative e dai supporti telematici di servizio in grado di attivare i servizi integrati. Il coordinamento dei servizi integrati e del centro servizi è di competenza del gestore dei rifiuti. La gestione dei rifiuti all interno delle strutture, in base al Regolamento di Ateneo e a quanto descritto nel presente documento, avviene in conformità alle disposizioni delle specifiche procedure operative del SGR. Il soggetto di riferimento per l avvio delle procedure all interno delle diverse strutture varia a seconda della tipologia di rifiuto. Lo schema generale per la gestione dei rifiuti è il seguente: Rifiuto Raccolta Deposito temporaneo Avvio a smaltimento Riferimento nelle strutture Procedura di riferim. RP SSR RLR PO.SGR.SPP.01 RSA IA SSR PR RU IA PGRU - PO.GR.SPP.02 RT Secondo il progetto RUP LG.SGR.SPP.01 RSD Procedure specifiche EC - Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 6 di 7

11 ALLEGATO I - Descrizione dei servizi integrati di gestione dei rifiuti Servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti (speciali) di Ateneo (SSR) Il servizio, gestito direttamente dal Gestore dei Rifiuti Servizio Prevenzione e Protezione, avvalendosi delle imprese assegnatarie del servizio, si attua nei seguenti punti: Raccolta dei rifiuti speciali presso i depositi temporanei interni della struttura richiedente o presso siti di deposito temporaneo comuni, con l invio di automezzi autorizzati al ritiro dei codici di rifiuto richiesti, personale qualificato e dotato di attrezzature (pianali, transpallet, carrelli elevatori, ecc.) adeguate alla movimentazione dei rifiuti dal luogo di stoccaggio, nel rispetto delle normative in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro. Disponibilità di siti di centri di raccolta comuni per le strutture di Ateneo Trasporto e smaltimento dei rifiuti speciali prodotti sia pericolosi sia non pericolosi presso idoneo ed autorizzato impianto di stoccaggio e/o smaltimento finale. Fornitura di contenitori e di etichette da apporre su i colli dei rifiuti pericolosi in fase preliminare alla consegna, in conformità alla Delibera del Comitato Interministeriale per i Rifiuti del 27/7/84 e all'accordo europeo sul trasporto internazionale di merci pericolose su strada (ADR). Compilazione e rilascio dei formulari, conformemente alle disposizioni dell'articolo 193 del D.Lgs. 152/06, e redazione di tutta la documentazione ADR (documento di trasporto, informazioni addizionali, istruzioni scritte). Fornitura dei registri di carico e scarico di cui all art. 190 del D.Lgs. 152/06 alle strutture che producono con continuità rifiuti speciali pericolosi. Distribuzione del software per la compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) di cui alla L. 70/94 e consegna dei modelli alla Camera di Commercio competente. Formazione ed informazione di tutto il personale del Politecnico sulla corretta gestione dei rifiuti. Fornitura di un servizio di consulenza tecnico-normativa di supporto alla gestione dei rifiuti per tutte le strutture di Ateneo. Servizio di igiene ambientale (SIA) Il servizio, gestito dalle strutture competenti, avvalendosi di imprese assegnatarie, unitamente ai servizi di pulizia, consiste: Nella raccolta direttamente presso l utente richiedente di rifiuti assimilabili agli urbani per quantità e qualità e trasporto nei siti di deposito temporaneo nello svuotamento dei contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani ed il trasferimento degli stessi nei siti di stoccaggio, accessibili al Pubblico Gestore della Raccolta Urbana (PGRU) Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 7 di 7

12 Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Procedura operativa del SGR n. 01 Gestione dei rifiuti di processo Competenza Soggetto Nome, Cognome, Firma Titolarità e Approvazione Direttore Amministrativo Redazione e Revisione Gestore dei Rifiuti Dott. Giuseppino Molinari Ing. Lorenzo Bozzini

13 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI SOGGETTI COINVOLTI COMPITI E RESPONSABILITA ACRONIMI TABELLA DELLE REVISIONI MODALITA OPERATIVE...5 Fase 1 Classificazione del RP...5 Fase 2 Allestimento del deposito temporaneo...5 Fase 3 Raccolta...6 Fase 4 Gestione delle copie dei formulari...6 ALLEGATO I Algoritmo per l attribuzione del codice CER...8 Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 2 di 8

14 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La procedura si applica a tutte le strutture di Ateneo con sede a Milano. Per le strutture con diversa sede la presente procedura assume le caratteristiche di linea guida. Essa fornisce modalità operative per assicurare la corretta gestione dei rifiuti di processo come definiti dal DS.SGR.SPP RIFERIMENTI D.Lgs 152/06 Norme in materia ambientale Parte IV Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati. Delibera del Comitato Interministeriale del 27/07/ Disposizioni per la prima applicazione dell'articolo 4 del D.P.R. 10 settembre 1982, n. 915, concernente lo smaltimento dei rifiuti. D.R. 590/AG del 08/03/2008 Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano. ADR 2009 European Agreement concerning the transport of Dangerous goods by Road, pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea il 14 maggio DS.SPP.GR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione 3. SOGGETTI COINVOLTI COMPITI E RESPONSABILITA Direttore Amministrativo Approvazione della presente procedura. Gestore dei Rifiuti Redazione e revisione della presente procedura. Verifica della corretta applicazione della procedura. Gestione del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti speciali (SSR) come definito al DS.SGR.SPP.01. Amministrazione dei servizi telematici on-line sulla gestione dei rifiuti sul sito web del Servizio Prevenzione e Protezione. Gestione del contratto in essere con le Imprese Assegnatarie del SSR (IASSR). Verifica (della validità e della compatibilità dei rifiuti da smaltire con i codici autorizzati al trasporto e allo smaltimento) ed archiviazione delle Autorizzazioni delle IASSR e dei subappaltatori. Archivio, elaborazione e divulgazione dei dati di produzione dei Rifiuti di Processo (RP). Fornitura di nuovi contenitori per la raccolta ed il deposito temporaneo dei RP. Fornitura alle strutture produttrici di RP pericolosi del registro di carico e scarico di cui all art. 190 del D.Lgs 152/06). Trasmissione ai Referenti Locali per la Gestione dei Rifiuti (RLR) nella forma indicata nella presente procedura delle 4e copie dei formulari (art. 193 del D.Lgs 152/06) di competenza. Coordinamento fra i RLR e le IASSR. Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 3 di 8

15 Responsabile di Struttura Assicurarsi del rispetto della presente procedura all interno della struttura di competenza. Provvedere, con la consulenza del RLR, alla formazione ed informazione del proprio personale, in merito all applicazione della presente procedura. Referente Locale per la Gestione dei Rifiuti Verificare la corretta applicazione della procedura all interno della propria struttura. Coadiuvare i produttori di RP della propria struttura ai fini della caratterizzare del rifiuto codice CER, classi di pericolosità, classe ADR e numero ONU e tutti gli altri parametri necessari alla corretta gestione. Regolamentare l accesso ai luoghi di deposito temporaneo dei RP all interno della propria struttura. Verificare lo stato di manutenzione ed il rispetto delle norme tecniche vigenti in materia di deposito temporaneo di rifiuti. Registrare sul registro di carico e scarico in dotazione alla propria struttura i RP pericolosi prodotti ed avviati a smaltimento. Seguire a vista la raccolta dei propri RP da parte delle Imprese Assegnatarie del Servizio di raccolta, trasporto e Smaltimento Rifiuti (IASSR). Se la raccolta è effettuata da trasportatori terzi diversi IASSR, verificare che l automezzo impiegato sia autorizzato, anche ai fini ADR, a trasportare il rifiuto oggetto della raccolta. Verificare la correttezza e completezza del Formulario di Trasporto in sede di rilascio. Trasmettere al Gestore dei Rifiuti (GR) la 1 a copia dei formulari di trasporto dei RP nelle forme indicate nella presente procedura. Coordinare i produttori di RP della propria struttura e il GR. Produttori dei rifiuti di processo Informare, per ogni nuova attività di lavoro che comporta la produzione di un RP, il Referente per la Gestione dei Rifiuti della propria struttura in modo che provveda a gestire il rifiuto secondo le modalità operative della presente procedura. Contattare per tutte le operazioni di classificazione, deposito temporaneo, raccolta, trasporto e smaltimento dei RP prodotti il proprio RLR. Classificazione del rifiuto con il supporto del RLR. Seguire le disposizioni interne fissate dal Referente Locale per la corretta gestione dei rifiuti. Imprese Assegnatarie del Servizio di raccolta, trasporto e Smaltimento Rifiuti Emissione e rilascio in fase di raccolta del Formulario di Trasporto. Restituzione della 4a copia del Formulario nei tempi previsti dalla legge. Trasmissione delle Autorizzazioni di trasportatori e smaltitori terzi incaricati della raccolta dei RP. Fornitura su richiesta del GR di contenitori idonei al deposito temporaneo di RP. Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 4 di 8

16 4. ACRONIMI SGR Sistema di Gestione dei Rifiuti SPP Servizio Prevenzione e Protezione PO Procedura operativa RP Rifiuti di processo GR Gestore dei Rifiuti RLR Referente Locale per la Gestione dei Rifiuti SSR Servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti (speciali) IASSR Imprese assegnatarie del SSR CER Catalogo Europeo dei Rifiuti ADR - Agreement concerning the transport of Dangerous goods by Road SOLR Servizi On Line per la Gestione dei Rifiuti 5. TABELLA DELLE REVISIONI N Revisione Data Descrizione 1 17/04/2009 Prima stesura della procedura 6. MODALITA OPERATIVE La gestione dei RP si articola in diverse fasi di seguito descritte: 1. Classificazione del RP 2. Allestimento del deposito temporaneo 3. Raccolta del RP 4. Gestione delle copie dei formulari Fase 1 Classificazione del RP Il produttore con l ausilio del Referente Locale per la Gestione dei Rifiuti caratterizza il rifiuto con i seguenti parametri: a. Codice CER, tramite l algoritmo di attribuzione dell Allegato I b. Stato Fisico c. Classe di pericolosità d. Numero ONU e classe ADR secondo le disposizione dell ADR vigente Il Catalogo Europeo dei Rifiuti (CER) completo è riportato nell ALLEGATO D alla Parte IV del D.Lgs 152/06 ed è disponibile nella sezione normativa del sito web del Servizio Prevenzione e Protezione (SPP). Fase 2 Allestimento del deposito temporaneo Sulla base della caratterizzazione del rifiuto e dei quantitativi prodotti il RLR fa richiesta, accedendo ai Servizi On Line per la Gestione dei Rifiuti (SOLR) disponibili sul sito web Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 5 di 8

17 https://www.spp.polimi.it/, di un numero adeguato di contenitori per lo stoccaggio del RP prodotto da collocare nel sito di deposito temporaneo idoneo per quella tipologia di rifiuto, in ottemperanza alle norme tecniche vigenti ed ai requisiti di sicurezza. Qualora la struttura non disponga di un area attrezzata al deposito del RP prodotto, il RLR può richiedere al GR di effettuare la raccolta senza effettuare un deposito temporaneo preliminare (cioè passando direttamente alla fase 3) o di accedere a siti di deposito comuni di RP attrezzati per quella tipologia di rifiuto. In quest ultimo caso il processo per RLR s interrompe e le fasi successive sono in carico direttamente al Gestore dei Rifiuti. L elenco delle tipologie di rifiuti conferibili nei depositi temporanei comuni di RP è disponibile sul sito web del Servizio Prevenzione e Protezione. Al termine della fase 2, se il RP è stato classificato come pericoloso, il RLR provvede ad annotarlo, secondo le disposizioni di cui all art. 190 del D.Lgs 152/06, sul proprio Registro di Carico e Scarico. Le strutture che non dispongono del registro devono richiederlo al GR che provvederà alla vidimazione e alla fornitura. Fase 3 Raccolta La raccolta è richiesta dal RLR al GR tramite la compilazione della maschera relativa all interno dei SOLR. Il sistema rilascia automaticamente una ricevuta via al RLR di avvenuta richiesta di smaltimento del RP. Il GR invia la richiesta di raccolta alle IASSR, le quali provvedono: a comunicare al GR la Ragione Sociale e le Autorizzazione al trasporto/ smaltimento di eventuali nuovi trasportatori e/o smaltitori ed inviano le Autorizzazioni degli stessi. a redigere il formulario di trasporto In caso di raccolta con nuovi fornitori incaricati dalle IASSR, il GR effettua un controllo preventivo alla raccolta sull idoneità dell azienda incaricata al trasporto e/o allo smaltimento del rifiuto da raccogliere ed invia al RLR l elenco degli automezzi autorizzati (targhe) perché possa effettuare la verifica in fase di raccolta. Il formulario emesso dalle IASS viene rilasciato al RLR in fase di raccolta. In tale fase il RLR effettua i controlli: del formulario di trasporto, volto alla verifica della corretta compilazione del documento da parte delle IASS nei confronti delle informazioni fornite (assegnazione del codice CER, quantità presunte, eventuale classe di pericolosità, n ONU e classe per il trasporto in ADR. Queste ultime informazioni se pertinenti sono riportate nel campo annotazioni del formulario). delle targhe degli automezzi di trasportatori non IASSR, volto alla verifica del rispetto della autorizzazione dei singoli veicoli al trasporto del rifiuto da smaltire della dotazione dei veicoli di trasportatori non IASSR prevista dalle norme ADR In caso di raccolta di RP pericoloso, al termine delle operazioni di raccolta il RLR effettua l operazione di scarico del RP sul registro riportando il corrispondente numero di formulario. Fase 4 Gestione delle copie dei formulari Ultimata la raccolta i RLR inviano al GR: Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 6 di 8

18 la 1 a copia originale del formulario relativo ai RP non pericolosi la copia fotostatica (o file pdf) della 1 a copia dei formulari relativi ai RP pericolosi. Al termine delle operazioni di smaltimento le IASSR inviano al GR le 4e copie dei formulari. Conseguentemente il GR invia al RLR: la 4 a copia in originale dei formulari relativi ai RP pericolosi. La copia fotostatica (o file pdf) della 4 a copia dei formulari relativi ai RP non pericolosi Ogni registrazione di scarico sui registri deve essere accompagnata dal rispettivo formulario di trasporto (1a e 4a copia appena disponibile). Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 7 di 8

19 ALLEGATO I Algoritmo per l attribuzione del codice CER Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 8 di 8

20 Cod. Proc.: PG.SGR.SPP.01 Procedura gestionale del SGR n. 01 Documentazione del SGR Competenza Soggetto Nome, Cognome, Firma Titolarità e Approvazione Direttore Amministrativo Redazione e Revisione Gestore dei Rifiuti Dott. Giuseppino Molinari Ing. Lorenzo Bozzini

SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI (S.G.R) del POLITECNICO. Foglio informativo per tutto il personale del DCMIC sede MANCINELLI

SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI (S.G.R) del POLITECNICO. Foglio informativo per tutto il personale del DCMIC sede MANCINELLI SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI (S.G.R) del POLITECNICO Foglio informativo per tutto il personale del DCMIC sede MANCINELLI Sommario PREMESSA... 2 RESPONSABILITÀ... 3 MODALITÀ OPERATIVE... 4 Il Piano di

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

DOCUMENTO DI SICUREZZA

DOCUMENTO DI SICUREZZA C.R. FRASCATI SERVIZIO SICUREZZA E SALVAGUARDIA DOCUMENTO DI SICUREZZA Sigla di Identificazione Distribuzione Tipologia Documento Pagina di: _RIF L Procedura Operativa di Sicurezza 1 24 TITOLO: PROCEDURA

Dettagli

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i.

Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Sezione di Milano Bicocca Procedura Generale n. 001-2014 Gestione ambientale Decreto Legislativo n. 152/2006 s.m.i. Procedura relativa alla richiesta di conferimento

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 3037 Prot. n. 36210 Data 13 novembre 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168, e successive modificazioni; VISTO l art. 2087 Tutela delle

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

Università di Sassari

Università di Sassari Università di Sassari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI PRODOTTI NELL UNIVERSITÀ DI SASSARI Art. 1 - Campo di applicazione 1. Il presente Regolamento è emanato

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI RIFIUTI SPECIALI Pag. 1/12 PROCEDURA RIFIUTI SPECIALI LISTA DELLE REVISIONI REV/ED DATA REDATTA VERIFICATA APPROVATA 0/0 16.02.04 File: PR 09_RIFIUTI_SPECIALI definitivo 1 RIFIUTI SPECIALI Pag. 2/12 Indice

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012

LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 LINEE GUIDA REGIONALI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA ATTIVITA DI COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE DGRV 1773, 28 agosto 2012 Laura Fornasiero Limena 14 dicembre 2012 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE OBIETTIVI: indicazioni

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO

UFFICIO DEL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 1 Destinatari 1. Il presente Regolamento si applica a tutte le strutture dell Università degli Studi di Milano, nonché alle seguenti categorie di personale: 1) personale docente, ricercatore, tecnico

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale C O M U N E D I P I A N O D I S O R R E N T O Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

MUD 2015. Confindustria Ravenna 27 marzo 2015. Servizio QSAE Confindustria Ravenna

MUD 2015. Confindustria Ravenna 27 marzo 2015. Servizio QSAE Confindustria Ravenna MUD 2015 Confindustria Ravenna 27 marzo 2015 Servizio QSAE Confindustria Ravenna Riferimenti normativi Sulla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 è stato pubblicato il Decreto del Presidente

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

Presentazione alla CCIA I A

Presentazione alla CCIA I A Presentazione alla CCIAA 1 Compilazione Produttori Chi Cosa Come Produttori iniziali che, nella propria Unità Locale, producono non più di 7 rifiuti e, per ogni rifiuto, utilizzano non più di 3 trasportatori

Dettagli

SEZIONE 1 - Notizie generali. Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi e non pericolosi

SEZIONE 1 - Notizie generali. Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi e non pericolosi Pagina 1 di 7 SEZIONE 1 - Notizie generali Azienda : CLERICO PRIMINO s.r.l. Indirizzo sede operativa: Via Provinciale, n. 54 - Camburzano Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi

Dettagli

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle.

Manuale B2B. Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA. Documento a cura di: Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia. www.raecycle. Manuale B2B Guida alla corretta gestione dei RAEE Professionali e dei RPA Documento a cura di: RAEcycle Via Aldo Moro, 10-25124 Brescia www.raecycle.it Contatti servizio B2B: Mail: b2b@raecycle.it Tel:

Dettagli

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASLOCO DI ARREDI, APPARECCHIATURE, MATERIALE CARTACEO VARIO, MATERIALE FUORI USO, PER TRASFERIMENTO SEDE DELL ENTE

AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASLOCO DI ARREDI, APPARECCHIATURE, MATERIALE CARTACEO VARIO, MATERIALE FUORI USO, PER TRASFERIMENTO SEDE DELL ENTE AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASLOCO DI ARREDI, APPARECCHIATURE, MATERIALE CARTACEO VARIO, MATERIALE FUORI USO, PER TRASFERIMENTO SEDE DELL ENTE CIG. Z370ABCA10 1. OGGETTO DELL APPALTO CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI

PROCEDURA GESTIONE DEI RIFIUTI PROCEDURA N. REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 0 Prima emissione STATUS FUNZIONE NOME DATA FIRMA Elaborato RQ Servizio Prev. e Prot. 21/10/2009 Verificato DIR Dott.ssa A. Di Mella 26/10/2009 Approvato DG IN VIGORE

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz

Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in. Andrea M. Lanz Comunicazione Rifiuti Urbani e assimilati e rifiuti raccolti in convenzione Andrea M. Lanz Premessa (1/4) La Comunicazione Rifiuti urbani e assimilati e raccolti in convenzione (composta dalle Schede RU

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica 3.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 12 Assegnata alla 1^ Commissione consiliare Messaggio della Commissione in data 3 febbraio 2010 Approvata in data 9 febbraio 2010 Divenuta legge

Dettagli

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ;

IL RETTORE. il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; IL RETTORE DECRETO RETTORALE NR. 81/2015 il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, nr. 152 Norme in materia ambientale ; il Decreto Legislativo 3 dicembre 2010, n. 205 Disposizioni di attuazione della direttiva

Dettagli

ALLEGATO A Norme generali

ALLEGATO A Norme generali ALLEGATO A Norme generali Rinnovo Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) - dell Impianto di trattamento rifiuti solidi urbani e valorizzazione della accolta differenziata a servizio dell Ambito Ottimale

Dettagli

SIMPLY SIMPLY S.R.L. Soluzioni per l Ambiente

SIMPLY SIMPLY S.R.L. Soluzioni per l Ambiente SIMPLY SIMPLY S.R.L. Soluzioni per l Ambiente Cosa dice la Legge Il Decreto Legislativo 152/2006 e s.m.i. sancisce le prescrizioni in materia Ambientale. La Legge prevede aspre pene sia pecuniarie che

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

ALBO GESTORI AMBIENTALI

ALBO GESTORI AMBIENTALI SEZIONE REGIONALE DEL VENETO ALBO GESTORI AMBIENTALI ISCRIZIONE CATEGORIA 1 GESTORI DEI CENTRI DI RACCOLTA Partner ufficiale 2008 della Camera di Commercio di Venezia Categoria 1 CENTRI DI RACCOLTA Riferimenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPROVVIGIONAMENTI DI BENI E SERVIZI Sommario CAPO I - OGGETTO E SCOPO... 2 Art. 1 - Oggetto... 2 Art. 2 - Scopo... 2 CAPO II - DISPOSIZIONI GENERALI... 2 Art. 3 - Campo

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

1. Gestione delle risorse

1. Gestione delle risorse pag. 1 1. Gestione delle risorse La Direzione individua i mezzi e le risorse necessarie per attuare e tenere aggiornato il Sistema di gestione per la qualità, per migliorare in modo continuo la sua efficacia

Dettagli

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO

CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO CONTROLLO SULLA GESTIONE DEI SERVIZI: IDRICO INTEGRATO, IGIENE URBANA ED ENERGETICO (Edizione 1 Gennaio 2007) Questa procedura è di proprietà del Gruppo Acam. Ogni divulgazione e/o riproduzione e/o cessione

Dettagli

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI

GESTIONE DOCUMENTI E REGISTRAZIONI rev. 02 Data: 04-12-2012 pag. 1 9 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 2234 Prot. n. 25403 Data 05 agosto 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTO il D.P.R. 10.03.1982, n. 162 Riordinamento delle scuole dirette a fini speciali, delle scuole

Dettagli

RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA

RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA RIFIUTI PRODOTTI DA ATTIVITA IN GESTIONE APPALTATA Dipartimento Attività Tecnico-Patrimoniali e Tecnologiche U.O.Edile Impiantistica Azienda USL di Ferrara Comacchio, 23 ottobre 2009 COMPITI DEL SERVIZIO

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti

SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti SISTRI e Modello ex D.Lgs. 231/2001: reati ambientali e di abbandono rifiuti di Alberto Pesenato (*) e Paolo Cozzi (**) Il sistema SISTRI, rinviato al 2013, è un punto fermo anche nell applicazione del

Dettagli

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente

Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente Assessorato territorio e ambiente Dipartimento territorio e ambiente LINEE-GUIDA PER LA GESTIONE DEI MATERIALI/RIFIUTI INERTI DERIVANTI DALLE ATTIVITÀ DI DEMOLIZIONE, COSTRUZIONE E SCAVO, COMPRESE LE COSTRUZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO. - vista la procedura, delineata nell allegato al presente accordo quale parte integrante;

PROTOCOLLO. - vista la procedura, delineata nell allegato al presente accordo quale parte integrante; PROTOCOLLO TRA IL COMUNE DI CASTEL GUELFO DI BOLOGNA, L'AUSL DI IMOLA - DIPARTIMENTO DI SANITA' PUBBLICA, HERA SPA, PER L APPROVAZIONE DELLA PROCEDURA RELATIVA ALLA RIMOZIONE CONTROLLATA DI RIDOTTE QUANTITÀ

Dettagli

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DI CONCERTO CON IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E IL MINISTRO DELLA SALUTE REGOLAMENTO AI SENSI DELL ARTICOLO 195, COMMA 2, LETTERA

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

Università degli Studi di Catania IL RETTORE

Università degli Studi di Catania IL RETTORE REP. DECRETI N 11766 Università degli Studi di Catania IL RETTORE Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168; Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Catania, emanato con D.R. 6 maggio 1996, n. 1885,

Dettagli

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti

Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenti Introduzione: si parla di rischi interferenti quando si verifica un contatto rischioso tra il personale ASL di Nuoro e quello dell appaltatore o tra il personale di imprese diverse che operano nella stessa

Dettagli

Confederazione Italiana Esercenti Attività Commerciali,Turistiche e dei Servizi 00184 Roma via Nazionale, 60 Tel. 0647251 Fax 4817211

Confederazione Italiana Esercenti Attività Commerciali,Turistiche e dei Servizi 00184 Roma via Nazionale, 60 Tel. 0647251 Fax 4817211 RE.TE. Imprese Italia ha lanciato la proposta dell organizzazione, in stretta collaborazione con il Ministero dell Ambiente, di una Giornata dedicata alla utilizzazione concreta del SISTRI, in occasione

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI SECONDO REPARTO- SESTA DIVISIONE

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI SECONDO REPARTO- SESTA DIVISIONE MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEL COMMISSARIATO E DEI SERVIZI GENERALI SECONDO REPARTO- SESTA DIVISIONE CONDIZIONI TECNICHE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

Dettagli

l agenzia delle aziende

l agenzia delle aziende l agenzia un nuovo servizio di ETRA dedicato alle imprese del territorio l agenzia Futuro sostenibile l agenzia Nasce un nuovo servizio per rispondere rapidamente alle aziende. Un numero diretto per dialogare

Dettagli

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4

SETTEMBRE 2010. 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori. Quaderni ReMedia 4 SETTEMBRE 2010 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione, Centri di Assistenza Tecnica e Installatori 4 1contro1 il Decreto Semplificazioni per Negozi, Grande Distribuzione,

Dettagli

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO

NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO CEM TRASPORTO E CONFERIMENTO DEI RIFIUTI ASSIMILATI AGLI URBANI PRESSO LA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE NUOVE REGOLE IN VIGORE A PARTIRE DAL 1 GIUGNO 2015 PER UTENZE CON PARTITA IVA PRONTUARIO NUMERO

Dettagli

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16 Pag. 2 di 14 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 3. RIFERIMENTI... 4 4. DEFINIZIONI... 6 5. RESPONSABILITA'... 7 6. GENERALITA... 8 6.1 Definizione di rifiuto... 8 7. PRODUZIONE

Dettagli

Sede: VIA TRENTO 33/8 20017 - PASSIRANA DI RHO (MILANO) ITALIA. Telefono: 02/93508197 (r.a.) - 02/93184238 Fax: 02/93508237

Sede: VIA TRENTO 33/8 20017 - PASSIRANA DI RHO (MILANO) ITALIA. Telefono: 02/93508197 (r.a.) - 02/93184238 Fax: 02/93508237 Sede: VIA TRENTO 33/8 20017 - PASSIRANA DI RHO (MILANO) ITALIA Telefono: 02/93508197 (r.a.) - 02/93184238 Fax: 02/93508237 ATTIVITA' DI RACCOLTA FINALIZZATA AL RECUPERO O ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NON

Dettagli

AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ COMPETENZA. ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI

AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ COMPETENZA. ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI COMPETENZA AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI SERVIZI AMBIENTALI 20 1993-2013 Soluzioni Ambientali Integrate ECOTRASPORTI, nata nel

Dettagli

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale

Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale COMUNE DI PIANO DI SORRENTO Regolamento sulla gestione del Centro di raccolta Comunale [Art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152 del 12 aprile 2006 e successive modificazioni e integrazioni, DM 08

Dettagli

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE

RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE 1 RIFIUTO URBANO RIFIUTO SPECIALE RIFIUTO PERICOLOSO (* asterisco) RIFIUTO NON PERICOLOSO 2 MANUTENZIONE RIFIUTI SPECIALI IN OFFICINA Rifiuti prodotti all interno dell azienda Ricambi vari Derivati dalla

Dettagli

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU

SISTRI. Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU SISTRI Informazioni, domande e risposte presenti sul sito www.sistri.it con attinenza ai centri di raccolta RSU e Piattaforme RD RSU 14 gennaio 2010 definizioni SISTRI: il sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA

PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA UFFICIO TECNICO PROGETTO PER L ATTIVAZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA ALLA FRAZIONE STARZA PROGETTO A CURA DELL UFFICIO TECNICO Istruttore Amministrativo Geometra Ingegnere PORCARO OLINDO SALVATORE BARBATO

Dettagli

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO)

ALLEGATO A/4 (DESCRIZIONE OPERAZIONI DI FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA, DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE, PORTIERATO, FACCHINAGGIO INTERNO ED ESTERNO, PER UFFICI E SERVIZI PROVINCIALI CIG: 4178959A0D ALLEGATO A/4

Dettagli

MD-09-01-DL/DSp rev.0 Pag. 1 di 12. Sigla.. Sede. Pag... di... 7. REQUISITI TECNICI

MD-09-01-DL/DSp rev.0 Pag. 1 di 12. Sigla.. Sede. Pag... di... 7. REQUISITI TECNICI Pag. 1 di 12 7. REQUISITI TECNICI L ispettore tecnico deve compilare l intestazione della propria check list con i dati pertinenti dell organizzazione. A fine visita, deve consegnare all ispettore di sistema

Dettagli

Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane.

Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane. Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane. Amedeo Urbano De Marco, Responsabile di Commessa, CNS Consorzio Nazionale Servizi Poste Italiane: un

Dettagli

Gestione dei rifiuti

Gestione dei rifiuti SEMINARIO GRATUITO Gestione dei rifiuti ing. Marco Borile Pordenone 5 aprile 2011 Società di ingegneria ENERGIA SICUREZZA AMBIENTE PROGETTAZIONE CONSULENZA FORMAZIONE Veneto Trentino Alto Adige Lombardia

Dettagli

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica

SITO DI PASTORANO 1. Consumi energetici Energia elettrica La Geos Environment, nell ambito del proprio Sistema di Gestione Ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001/2004, ha valutato la significatività dei propri aspetti ambientali e tiene sotto controllo

Dettagli

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI

PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE PARLIAMO DI. ATTIVITA PRODUTTIVE E RIFIUTI SPECIALI Tutte le attività produttive, che nell esercizio del ciclo lavorativo producono rifiuti speciali, devono

Dettagli

COMUNE DI MIRANDOLA (Provincia di Modena)

COMUNE DI MIRANDOLA (Provincia di Modena) Prot. 19079 6.10 del 17/11/2010 n. 18 del 17 novembre 2010 Oggetto: Raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati con modalità domiciliare nel centro storico e nell area urbana di Mirandola. IL

Dettagli

Master Gestione Rifiuti Modulo 6 Albo Gestori Ambientali. A cura di ing. Francesco Sicilia

Master Gestione Rifiuti Modulo 6 Albo Gestori Ambientali. A cura di ing. Francesco Sicilia Master Gestione Rifiuti Modulo 6 Albo Gestori Ambientali A cura di ing. Francesco Sicilia Organizzazione e struttura Per poter effettuare l attività di trasporto rifiuti occorre iscriversi all Albo Gestori

Dettagli

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L.

FRIULANA COSTRUZIONI S.R.L. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Direzione centrale ambiente e lavori pubblici Servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico e ambientale Via Giulia, 75 34126 TRIESTE (TS) FRIULANA COSTRUZIONI

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ALLEGATO D) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO ESTERNO DI SUPPORTO AL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE E PROTEZIONE NEL LUOGO DI LAVORO PER IL TRIENNIO 2011/2013. ART. 1 OGGETTO

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA'

MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA' Edizione 2 MANUALE DELLA QUALITA Copertina rev. 2 Settembre 03 Pagina 1/1 PROVINCIA DI PADOVA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI Piazza Antenore 3 35121 Padova MANUALE DI GESTIONE PER LA QUALITA' Copia controllata

Dettagli

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi

COMUNE DI MERLINO Provincia di Lodi REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI PRESSO LA PIAZZOLA ECOLOGICA COMUNALE Il presente regolamento determina i criteri per un ordinato e corretto utilizzo della piazzola ecologica

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

Regolamento per la gestione dei rifiuti

Regolamento per la gestione dei rifiuti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche Regolamento per la gestione dei rifiuti revisione maggio 2015 1 INDICE SCOPO DEL REGOLAMENTO NORMATIVA AMBITO D APPLICAZIONE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA In riferimento alla normativa vigente in materia di sicurezza cantieri il sottoscritto ing. Pillinini Valentino, incaricato dall'amministrazione Comunale di

Dettagli

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo

Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo Pagina 1 di 9 Gestione Centri di Raccolta Comunali in gestione a GEA SpA Protocollo operativo REVISIONI N Data Modifiche rispetto alla precedente revisione 00 30/09/2011 Prima edizione. 01 Integrazione

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA CITTA DI AFRAGOLA Provincia di Napoli Settore AATTLLPP Servizio Igiene Urbana e Tutela Ambientale 081/8529852 - Fax 081/8523876 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA C.I.G.N.: 60524049C6 GARA N. 5866064 INDICE

Dettagli

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F.

MODULO. Richiesta di ammissibilità rifiuti presso la discarica di Bellolampo. Il legale rappresentante della ditta P. IVA C.F. 1/11 Spett.le R.A.P. S.p.A. Piazzetta Cairoli 90123 Palermo OGGETTO: RICHIESTA DI AMMISSIBILITÀ RIFIUTI PRESSO LA DISCARICA DI BELLOLAMPO. ISTANZA DEL PRODUTTORE Il legale rappresentante della ditta P.

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche. Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65

Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche. Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65 Rifiuti Apparecchiature Elettriche Elettroniche Decreto Ministeriale del 8 marzo 2010, n. 65 Il quadro Legislativo ed operativo Decreto n 15 del 25 Luglio 2005 Decreto n 152 del 3 Aprile 2006 Decreto n

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli