POLITECNICO DI MILANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI MILANO"

Transcript

1 Rep. N 1386 Prot. n Data 04 giugno 2009 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO VISTO il D.Lgs. del , n. 152, recante norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati, in particolare la parte IV, e successive modificazioni; VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.R. n. 590/AG del con cui è stato emanato il Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano; CONSIDERATO che si è resa necessaria una revisione generale del Regolamento citato per meglio disciplinare il processo della gestione dei rifiuti dell Ateneo; ACQUISITO il parere favorevole espresso dal Consiglio di amministrazione, nella seduta del , in ordine alla nuova proposta di Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano; RAVVISATA la necessità; DECRETA Per le motivazioni citate in premessa, è emanato il Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano, unitamente agli allegati indicati nell art. 15. Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano ART. 1 OGGETTO E FINALITA' Oggetto. Il presente Regolamento definisce le modalità organizzative per la gestione dei rifiuti, prodotti nel Politecnico di Milano. Finalità. La puntuale applicazione del Regolamento consente che: i rifiuti prodotti non vengano dispersi nell ambiente; le modalità della loro gestione siano omogenee in tutto l Ateneo; i rifiuti vengano conferiti in modo sostanzialmente e formalmente corretto ai Pubblici Gestori della Raccolta Urbana ed alle imprese che effettuano il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti speciali; si possa ottenere una riduzione sulle tariffe, applicate dai Comuni, per la raccolta dei rifiuti solidi urbani. ART. 2 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente Regolamento disciplina la gestione dei rifiuti prodotti all interno dell Ateneo, con esclusione, in quanto disciplinati da specifica normativa, per:

2 i rifiuti radioattivi; gli effluenti gassosi emessi nell'atmosfera; le acque di scarico, eccettuati i rifiuti allo stato liquido. ART. 3 TITOLARE DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DAL POLITECNICO DI MILANO Ai fini degli adempimenti di legge, il Direttore amministrativo, o suo delegato, è titolare della gestione dei rifiuti prodotti dalle Strutture del Politecnico di Milano ed è il Responsabile del Sistema di Gestione dei Rifiuti. ART. 4 IL SISTEMA DI GESTIONE DEI RIFIUTI Il Sistema di Gestione dei Rifiuti è costituito dalla struttura organizzativa, dalle attività di pianificazione, dalla definizione di responsabilità, prassi, procedure, processi e risorse per elaborare, mettere in atto e conseguire le finalità del presente Regolamento. ART. 5 RESPONSABILI DELLA GESTIONE DEI RIFIUTI Per quanto di competenza della propria struttura sono responsabili della gestione dei rifiuti, in termini di rispetto degli adempimenti di legge, a seconda della tipologia statutaria della struttura, i: Presidi di Facoltà (limitatamente alle Presidenze di Facoltà). Direttori di Dipartimento. Direttore/Presidente/Coordinatore delle strutture di supporto. Dirigenti di Area. Prorettori dei Poli Regionali. I responsabili di struttura si attengono, nella gestione dei rifiuti prodotti, alle procedure approvate dal Direttore Amministrativo. ART. 6 IL GESTORE DEI RIFIUTI E istituito presso il Servizio Prevenzione e Protezione, il Gestore dei Rifiuti, operante in staff al Direttore amministrativo e Rappresentante della Direzione del Sistema di Gestione dei Rifiuti, con il compito di organizzare e gestire la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti e di far rispettare il presente Regolamento da parte di tutte le Strutture dell Ateneo e da chiunque, a vario titolo, produca rifiuti presso il Politecnico di Milano. Il Gestore inoltre avrà il compito di: verificare la corretta applicazione del presente Regolamento ed assicurare che i requisiti del Sistema di Gestione dei Rifiuti siano stabiliti, applicati e mantenuti, in conformità al presente Regolamento; riferire al Direttore amministrativo sulle prestazioni del sistema di Gestione dei Rifiuti al fine del riesame e del miglioramento; verificare la corretta tenuta dei registri di carico e scarico dei rifiuti; definire corrette procedure interne di raccolta, stoccaggio, e conferimento dei rifiuti atte alla costituzione del Sistema di gestione dei rifiuti; definire obiettivi traguardi e programmi del Sistema di gestione dei rifiuti; individuare per ogni struttura, sulla base dei processi che generano rifiuti, il numero e il fabbisogno formativo dei referenti locali; informare e formare i referenti in merito alle suddette procedure; coordinare l attività dei referenti locali per la gestione dei rifiuti; indire e gestire le riunioni periodiche fra referenti e gli altri soggetti coinvolti; gestire ed aggiornare la banca dati sui rifiuti prodotti e detenuti nell Ateneo su comunicazione (via telematica) dei referenti locali; 2

3 gestire i rapporti con le autorità di vigilanza e di controllo; gestire i rapporti con le ditte che effettuano la raccolta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti speciali, con le Imprese assegnatarie dei servizi di igiene ambientale e raccolta differenziata dei rifiuti in Ateneo e con i Pubblici Gestori della Raccolta Urbana; verificare periodicamente l idoneità dei siti di stoccaggio e la relativa cartellonistica; predisporre e consegnare modulistica (registri, formulari, MUD, comunicazioni, ecc.); mantenere un continuo aggiornamento sulla legislazione; convocare il Coordinamento di Gestione. Il Gestore svolge a favore delle strutture dell'ateneo attività di consulenza tecnico amministrativa inerente allo smaltimento dei rifiuti. Il Gestore dei rifiuti è designato con provvedimento del Direttore amministrativo, tra il personale di ruolo in possesso di attitudini e capacità adeguati. ART. 7 COORDINAMENTO DI GESTIONE E' costituito il Coordinamento di Gestione con il compito di coadiuvare il Gestore nell'attività di applicazione del presente Regolamento. Detto Coordinamento è composto da: il Gestore dei Rifiuti; il Responsabile dell Area Approvvigionamenti e Logistica o suo delegato; il Responsabile dell Area Tecnico Edilizia o suo delegato. ART. 8 IL REFERENTE DI STRUTTURA Il Responsabile di ogni struttura, di cui all art.5, nomina, sulla base delle indicazioni del Gestore dei Rifiuti, uno o più Referenti di Struttura (o Referente Locale), che, coordinandosi con il Gestore dei Rifiuti, hanno il compito di organizzare e di gestire presso la propria struttura la raccolta e lo stoccaggio dei rifiuti in applicazione del presente Regolamento, nel rispetto della normativa locale vigente nel Comune di appartenenza della Struttura e conformemente a quanto previsto dalle procedure del Sistema di Gestione dei Rifiuti. ART. 9 COMPITI E RESPONSABILITA Sono definiti nel Sistema di Gestione dei Rifiuti, i compiti e le responsabilità di tutte le figure coinvolte nel processo di produzione, raccolta, stoccaggio e smaltimento dei rifiuti dell Ateneo. ART. 10 COMUNICAZIONE NUOVE ATTIVITA Le Strutture esistenti o quelle di nuova istituzione che dovessero porre in atto attività di ricerca e non, comportanti la produzione di rifiuti, debbono darne preventiva comunicazione al Gestore dei Rifiuti, conformandosi agli obblighi di legge ed alle disposizioni del Sistema di Gestione dei Rifiuti. ART. 11 GESTIONE DEI RIFIUTI Le modalità di pianificazione, attuazione, controllo e riesame di tutti i processi relativi alla gestione dei rifiuti, urbani o assimilati e speciali, compresi nell ambito di applicazione del presente Regolamento, sono definite dalle procedure del Sistema di Gestione dei Rifiuti. 3

4 ART. 12 RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO, PCB O PCT Vista la particolarità dei rifiuti, nonché la legislazione che tratta i rifiuti in oggetto in maniera differente rispetto a quelli fino ad ora considerati, chi si trovi a dover trattare e/o smaltire rifiuti o apparecchiature contenenti amianto, PCB o PCT deve preventivamente contattare il Gestore dei rifiuti con il quale definirà un appropriata procedura. ART. 13 RIFIUTI DERIVANTI DA LAVORI, SERVIZI E FORNITURE AFFIDATI A TERZI Nell affidamento a terzi di lavori, servizi e forniture che comportano la produzione di rifiuti, la struttura committente, sentito preventivamente il Gestore dei Rifiuti, definisce opportune clausole contrattuali in merito alla titolarità, gli oneri e le modalità di gestione dei rifiuti. La gestione dei rifiuti derivanti dagli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sugli impianti tecnologici e sugli edifici dell'ateneo, sono di norma competenza della Ditta incaricata della conduzione e gestione degli impianti medesimi, nonché dell'esecuzione degli interventi, secondo quanto espressamente formalizzato nel contratto sottoscritto. La struttura committente lavori e servizi dovrà accertarsi della corretta gestione dei rifiuti da parte della ditta appaltatrice facendosi consegnare copia del formulario di trasporto dei rifiuti attestante l avvenuto smaltimento (quarta copia). ART. 14 OSSERVANZA Tutti coloro i quali frequentano gli spazi del Politecnico sono tenuti ad osservare il presente Regolamento. I Responsabili delle strutture sono tenuti a predisporre gli strumenti necessari affinché il Regolamento possa essere portato a conoscenza e applicato all interno delle Strutture. ART. 15 ALLEGATI Sono parte integrante del presente Regolamento i seguenti allegati: a) documento per la descrizione dei processi; b) documento per la gestione dei rifiuti di processo; c) documento per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati; d) documento per la gestione dei rifiuti derivanti dall affidamento a terzi di lavori e servizi; e) procedura di gestione della documentazione. Eventuali modifiche, aggiornamenti o ulteriori allegati che si rendessero necessarie per l efficienza, l efficacia e l operatività del sistema di gestione dei rifiuti, saranno adottate con immediato provvedimento del Direttore amministrativo. ART. 16 NORME FINALI E DI RINVIO L entrata in vigore del presente Regolamento determina l abrogazione del precedente, emanato con D.R. n. 590/AG del IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO F.to Dr. Giuseppino Molinari 4

5 Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Documento descrittivo di sistema del SGR n. 01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione Competenza Soggetto Nome, Cognome, Firma Titolarità e Approvazione Direttore Amministrativo Redazione e Revisione Gestore dei Rifiuti Dott. Giuseppino Molinari Ing. Lorenzo Bozzini

6 SOMMARIO Servizio Prevenzione e Protezione 1. PREMESSA SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI SOGGETTI COINVOLTI COMPITI E RESPONSABILITA ACRONIMI TABELLA DELLE REVISIONI DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO...4 Approccio per processi...4 Modalità di gestione rifiuti di Ateneo...5 ALLEGATO I - Descrizione dei servizi integrati di gestione dei rifiuti...7 Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 2 di 7

7 1. PREMESSA Il presente documento di sistema nasce dall esigenza di un riordino del Sistema di Gestione dei Rifiuti (SGR) al fine di assicurare una maggiore efficienza ed efficacia nella gestione dei rifiuti di Ateneo. Tale riordino consiste principalmente: Passaggio da un approccio di gestione per struttura ad uno per processo Semplificazione della struttura organizzativa in base alle reali esigenze nei diversi processi Organizzazione di un servizio di raccolta a misura dell utente con coinvolgimento diretto e responsabilizzazione dell utente stesso. Integrazione dei servizi di raccolta urbana e di raccolta dei rifiuti speciali. Con la formalizzazione del presente documento sono abrogate tutte le precedenti procedure operative del SGR e sono emanate nuove procedure e linee guida. Piano di Attuazione del D.Lgs 151/05 relativo alla Gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) del 3/10/2005 è parimenti abrogato. 2. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente documento ha validità generale e si applica a tutte le strutture di Ateneo. Il suo scopo è quello di definire i processi che generano i rifiuti e delineare per ognuno le modalità di gestione. 3. RIFERIMENTI D.Lgs 152/06 Norme in materia ambientale Parte IV Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati. D.Lgs 163/06 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE" D.R. 590/AG del 08/03/2008 Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano. PO.SGR.SPP.01 Gestione dei rifiuti di processo PO.SGR.SPP.02 Gestione dei rifiuti urbani ed assimilabili LG.SGR.SPP.01 Gestione dei rifiuti derivanti dall affidamento a terzi di lavori e servizi 4. SOGGETTI COINVOLTI COMPITI E RESPONSABILITA Direttore Amministrativo Approvazione del presente documento. Gestore dei Rifiuti Redazione e revisione del presente documento. 5. ACRONIMI SGR Sistema di Gestione dei Rifiuti RP Rifiuto di processo RU Rifiuti urbani RSA Rifiuti speciali assimilabili agli urbani Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 3 di 7

8 RT Rifiuti derivanti dall affidamento a terzi di lavori e servizi RSD Rifiuti soggetti a specifica disciplina SIA Servizio di Igiene Ambientale SSR Servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti (speciali) PGRU Pubblico Gestore della Raccolta Urbana RLR Referente Locale per la Gestione dei Rifiuti PR Produttore del Rifiuto RUP Responsabile Unico del Procedimento EC Esperto Competente 6. TABELLA DELLE REVISIONI N Revisione Data Descrizione 1 17/04/2009 Prima stesura del documento 7. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO Approccio per processi In base a questo tipo di visione, le modalità di gestione dei rifiuti dipendono dal processo che li originano. Nel SGR del Politecnico si distinguono cinque tipologie di rifiuti dipendenti da altrettante attività: 1. Rifiuti di processo Rifiuti provenienti da attività di ricerca/didattica in laboratorio. Si dividono in: Rif. di proc. chimico o Processi sia di analisi sia di sintesi chimica (organica e/o inorganica) ed in generale qualsiasi processo che prevede l impiego di sostanze o preparati chimici con generazione di scarti delle sostanze impiegate, ivi comprese le acque di lavaggio, soluzioni di sviluppo e fissaggio ed i relativi imballaggi. o Processi biochimici e sanitari con produzione di scarti di sostanze, tessuti e fluidi organici ed i relativi imballaggi. Rif. di proc. meccanico o Processi di prova atti ad individuare le caratteristiche prestazionali di un materiale sintetico o naturale ed a definirne l ambito applicativo, attraverso misure tensili di compressione o flessione, con generazione di scarti dei materiali provati (compresi gli imballaggi) e/o di fluidi di lavoro o lubrificanti esausti (oli, emulsioni, ecc.) della macchina di prova. o Processi di lavorazione meccanica con generazione di scarti dei materiali lavorati (compresi gli imballaggi) e/o di fluidi di lavoro o lubrificanti esausti (oli, emulsioni, ecc.) della macchina utensile. Rif. da dismissione di o Dismissione di impianti, macchine, componenti e dispositivi attrezzature obsoleti o mal funzionanti e relativi imballaggi. Rif. da dismissione beni o RAEE Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 4 di 7

9 non assimilabili per quantità/ qualità agli urbani o Arredi e ingombranti. 2. Rifiuti speciali assimilabili agli urbani Rifiuti derivanti dall attività didattica universitaria e dall attività tecnica ed amministrativa. Si dividono in: Rif. consumabili da uffici o Imballaggi di forniture da ufficio (cartone) o Toner e cartucce stampanti o Pile alcaline. Rif. da dismissione beni o RAEE informatici mobili assimilabili per o Arredi e ingombranti. quantità/ qualità Rifiuti da infrastrutture e impianti tecnologici non rientranti nel gruppo 4 o Cavi, apparecchi di condizionamento/ riscaldamento, apparecchi di illuminazione, batterie 3. Rifiuti urbani Rifiuti urbani (oggetto di raccolta differenziata e residuali) prodotti dalla popolazione studentesca, lavoratori e ospiti. 4. Rifiuti derivanti dall affidamento a terzi di lavori e servizi Rifiuti (di norma di competenza degli appaltatori), derivanti da cantieri edili, manutenzioni, ecc. In questa categoria rientrano anche rifiuti di competenza delle strutture di Ateneo che si originano in fase di esecuzione di un lavoro o servizio affidato in appalto ed i fanghi da espurgo di fosse settiche e caditoie 5. Rifiuti soggetti a disciplina specifica Rifiuti, esclusi dal campo di applicazione del Regolamento per la Gestione dei Rifiuti, quali PCB, amianto, terreni di bonifica, rif. radioattivi, ecc., che richiedono l avviamento di procedure specifiche a cura di un esperto tecnico con competenza specifica. Modalità di gestione rifiuti di Ateneo Il SGR fornisce per tutte le tipologie di rifiuto di cui al paragrafo precedente (ad esclusione dei gruppo 4 e 5) un sistema adeguato di raccolta in siti di deposito temporaneo e successivo avvio a smaltimento/ recupero tramite soggetto autorizzato, pubblico (per i rifiuti urbani, il Pubblico Gestore della Raccolta Urbana) o privato (rifiuti speciali). Il sistema sopra descritto si compone di due servizi integrati fra loro ed un centro servizi. I servizi integrati, la cui descrizione è riportata in ALLEGATO I, sono: Il servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti (speciali) di Ateneo (SSR) Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 5 di 7

10 Il servizio di igiene ambientale (SIA) Il centro servizi è costituito dalle strutture organizzative e dai supporti telematici di servizio in grado di attivare i servizi integrati. Il coordinamento dei servizi integrati e del centro servizi è di competenza del gestore dei rifiuti. La gestione dei rifiuti all interno delle strutture, in base al Regolamento di Ateneo e a quanto descritto nel presente documento, avviene in conformità alle disposizioni delle specifiche procedure operative del SGR. Il soggetto di riferimento per l avvio delle procedure all interno delle diverse strutture varia a seconda della tipologia di rifiuto. Lo schema generale per la gestione dei rifiuti è il seguente: Rifiuto Raccolta Deposito temporaneo Avvio a smaltimento Riferimento nelle strutture Procedura di riferim. RP SSR RLR PO.SGR.SPP.01 RSA IA SSR PR RU IA PGRU - PO.GR.SPP.02 RT Secondo il progetto RUP LG.SGR.SPP.01 RSD Procedure specifiche EC - Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 6 di 7

11 ALLEGATO I - Descrizione dei servizi integrati di gestione dei rifiuti Servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti (speciali) di Ateneo (SSR) Il servizio, gestito direttamente dal Gestore dei Rifiuti Servizio Prevenzione e Protezione, avvalendosi delle imprese assegnatarie del servizio, si attua nei seguenti punti: Raccolta dei rifiuti speciali presso i depositi temporanei interni della struttura richiedente o presso siti di deposito temporaneo comuni, con l invio di automezzi autorizzati al ritiro dei codici di rifiuto richiesti, personale qualificato e dotato di attrezzature (pianali, transpallet, carrelli elevatori, ecc.) adeguate alla movimentazione dei rifiuti dal luogo di stoccaggio, nel rispetto delle normative in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro. Disponibilità di siti di centri di raccolta comuni per le strutture di Ateneo Trasporto e smaltimento dei rifiuti speciali prodotti sia pericolosi sia non pericolosi presso idoneo ed autorizzato impianto di stoccaggio e/o smaltimento finale. Fornitura di contenitori e di etichette da apporre su i colli dei rifiuti pericolosi in fase preliminare alla consegna, in conformità alla Delibera del Comitato Interministeriale per i Rifiuti del 27/7/84 e all'accordo europeo sul trasporto internazionale di merci pericolose su strada (ADR). Compilazione e rilascio dei formulari, conformemente alle disposizioni dell'articolo 193 del D.Lgs. 152/06, e redazione di tutta la documentazione ADR (documento di trasporto, informazioni addizionali, istruzioni scritte). Fornitura dei registri di carico e scarico di cui all art. 190 del D.Lgs. 152/06 alle strutture che producono con continuità rifiuti speciali pericolosi. Distribuzione del software per la compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale (MUD) di cui alla L. 70/94 e consegna dei modelli alla Camera di Commercio competente. Formazione ed informazione di tutto il personale del Politecnico sulla corretta gestione dei rifiuti. Fornitura di un servizio di consulenza tecnico-normativa di supporto alla gestione dei rifiuti per tutte le strutture di Ateneo. Servizio di igiene ambientale (SIA) Il servizio, gestito dalle strutture competenti, avvalendosi di imprese assegnatarie, unitamente ai servizi di pulizia, consiste: Nella raccolta direttamente presso l utente richiedente di rifiuti assimilabili agli urbani per quantità e qualità e trasporto nei siti di deposito temporaneo nello svuotamento dei contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani ed il trasferimento degli stessi nei siti di stoccaggio, accessibili al Pubblico Gestore della Raccolta Urbana (PGRU) Cod. Proc.: DS.SGR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione. Pag. 7 di 7

12 Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Procedura operativa del SGR n. 01 Gestione dei rifiuti di processo Competenza Soggetto Nome, Cognome, Firma Titolarità e Approvazione Direttore Amministrativo Redazione e Revisione Gestore dei Rifiuti Dott. Giuseppino Molinari Ing. Lorenzo Bozzini

13 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI SOGGETTI COINVOLTI COMPITI E RESPONSABILITA ACRONIMI TABELLA DELLE REVISIONI MODALITA OPERATIVE...5 Fase 1 Classificazione del RP...5 Fase 2 Allestimento del deposito temporaneo...5 Fase 3 Raccolta...6 Fase 4 Gestione delle copie dei formulari...6 ALLEGATO I Algoritmo per l attribuzione del codice CER...8 Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 2 di 8

14 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La procedura si applica a tutte le strutture di Ateneo con sede a Milano. Per le strutture con diversa sede la presente procedura assume le caratteristiche di linea guida. Essa fornisce modalità operative per assicurare la corretta gestione dei rifiuti di processo come definiti dal DS.SGR.SPP RIFERIMENTI D.Lgs 152/06 Norme in materia ambientale Parte IV Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati. Delibera del Comitato Interministeriale del 27/07/ Disposizioni per la prima applicazione dell'articolo 4 del D.P.R. 10 settembre 1982, n. 915, concernente lo smaltimento dei rifiuti. D.R. 590/AG del 08/03/2008 Regolamento della gestione dei rifiuti prodotti nel Politecnico di Milano. ADR 2009 European Agreement concerning the transport of Dangerous goods by Road, pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea il 14 maggio DS.SPP.GR.SPP.01 Matrice dei processi di generazione dei rifiuti e della relativa gestione 3. SOGGETTI COINVOLTI COMPITI E RESPONSABILITA Direttore Amministrativo Approvazione della presente procedura. Gestore dei Rifiuti Redazione e revisione della presente procedura. Verifica della corretta applicazione della procedura. Gestione del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti speciali (SSR) come definito al DS.SGR.SPP.01. Amministrazione dei servizi telematici on-line sulla gestione dei rifiuti sul sito web del Servizio Prevenzione e Protezione. Gestione del contratto in essere con le Imprese Assegnatarie del SSR (IASSR). Verifica (della validità e della compatibilità dei rifiuti da smaltire con i codici autorizzati al trasporto e allo smaltimento) ed archiviazione delle Autorizzazioni delle IASSR e dei subappaltatori. Archivio, elaborazione e divulgazione dei dati di produzione dei Rifiuti di Processo (RP). Fornitura di nuovi contenitori per la raccolta ed il deposito temporaneo dei RP. Fornitura alle strutture produttrici di RP pericolosi del registro di carico e scarico di cui all art. 190 del D.Lgs 152/06). Trasmissione ai Referenti Locali per la Gestione dei Rifiuti (RLR) nella forma indicata nella presente procedura delle 4e copie dei formulari (art. 193 del D.Lgs 152/06) di competenza. Coordinamento fra i RLR e le IASSR. Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 3 di 8

15 Responsabile di Struttura Assicurarsi del rispetto della presente procedura all interno della struttura di competenza. Provvedere, con la consulenza del RLR, alla formazione ed informazione del proprio personale, in merito all applicazione della presente procedura. Referente Locale per la Gestione dei Rifiuti Verificare la corretta applicazione della procedura all interno della propria struttura. Coadiuvare i produttori di RP della propria struttura ai fini della caratterizzare del rifiuto codice CER, classi di pericolosità, classe ADR e numero ONU e tutti gli altri parametri necessari alla corretta gestione. Regolamentare l accesso ai luoghi di deposito temporaneo dei RP all interno della propria struttura. Verificare lo stato di manutenzione ed il rispetto delle norme tecniche vigenti in materia di deposito temporaneo di rifiuti. Registrare sul registro di carico e scarico in dotazione alla propria struttura i RP pericolosi prodotti ed avviati a smaltimento. Seguire a vista la raccolta dei propri RP da parte delle Imprese Assegnatarie del Servizio di raccolta, trasporto e Smaltimento Rifiuti (IASSR). Se la raccolta è effettuata da trasportatori terzi diversi IASSR, verificare che l automezzo impiegato sia autorizzato, anche ai fini ADR, a trasportare il rifiuto oggetto della raccolta. Verificare la correttezza e completezza del Formulario di Trasporto in sede di rilascio. Trasmettere al Gestore dei Rifiuti (GR) la 1 a copia dei formulari di trasporto dei RP nelle forme indicate nella presente procedura. Coordinare i produttori di RP della propria struttura e il GR. Produttori dei rifiuti di processo Informare, per ogni nuova attività di lavoro che comporta la produzione di un RP, il Referente per la Gestione dei Rifiuti della propria struttura in modo che provveda a gestire il rifiuto secondo le modalità operative della presente procedura. Contattare per tutte le operazioni di classificazione, deposito temporaneo, raccolta, trasporto e smaltimento dei RP prodotti il proprio RLR. Classificazione del rifiuto con il supporto del RLR. Seguire le disposizioni interne fissate dal Referente Locale per la corretta gestione dei rifiuti. Imprese Assegnatarie del Servizio di raccolta, trasporto e Smaltimento Rifiuti Emissione e rilascio in fase di raccolta del Formulario di Trasporto. Restituzione della 4a copia del Formulario nei tempi previsti dalla legge. Trasmissione delle Autorizzazioni di trasportatori e smaltitori terzi incaricati della raccolta dei RP. Fornitura su richiesta del GR di contenitori idonei al deposito temporaneo di RP. Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 4 di 8

16 4. ACRONIMI SGR Sistema di Gestione dei Rifiuti SPP Servizio Prevenzione e Protezione PO Procedura operativa RP Rifiuti di processo GR Gestore dei Rifiuti RLR Referente Locale per la Gestione dei Rifiuti SSR Servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti (speciali) IASSR Imprese assegnatarie del SSR CER Catalogo Europeo dei Rifiuti ADR - Agreement concerning the transport of Dangerous goods by Road SOLR Servizi On Line per la Gestione dei Rifiuti 5. TABELLA DELLE REVISIONI N Revisione Data Descrizione 1 17/04/2009 Prima stesura della procedura 6. MODALITA OPERATIVE La gestione dei RP si articola in diverse fasi di seguito descritte: 1. Classificazione del RP 2. Allestimento del deposito temporaneo 3. Raccolta del RP 4. Gestione delle copie dei formulari Fase 1 Classificazione del RP Il produttore con l ausilio del Referente Locale per la Gestione dei Rifiuti caratterizza il rifiuto con i seguenti parametri: a. Codice CER, tramite l algoritmo di attribuzione dell Allegato I b. Stato Fisico c. Classe di pericolosità d. Numero ONU e classe ADR secondo le disposizione dell ADR vigente Il Catalogo Europeo dei Rifiuti (CER) completo è riportato nell ALLEGATO D alla Parte IV del D.Lgs 152/06 ed è disponibile nella sezione normativa del sito web del Servizio Prevenzione e Protezione (SPP). Fase 2 Allestimento del deposito temporaneo Sulla base della caratterizzazione del rifiuto e dei quantitativi prodotti il RLR fa richiesta, accedendo ai Servizi On Line per la Gestione dei Rifiuti (SOLR) disponibili sul sito web Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 5 di 8

17 https://www.spp.polimi.it/, di un numero adeguato di contenitori per lo stoccaggio del RP prodotto da collocare nel sito di deposito temporaneo idoneo per quella tipologia di rifiuto, in ottemperanza alle norme tecniche vigenti ed ai requisiti di sicurezza. Qualora la struttura non disponga di un area attrezzata al deposito del RP prodotto, il RLR può richiedere al GR di effettuare la raccolta senza effettuare un deposito temporaneo preliminare (cioè passando direttamente alla fase 3) o di accedere a siti di deposito comuni di RP attrezzati per quella tipologia di rifiuto. In quest ultimo caso il processo per RLR s interrompe e le fasi successive sono in carico direttamente al Gestore dei Rifiuti. L elenco delle tipologie di rifiuti conferibili nei depositi temporanei comuni di RP è disponibile sul sito web del Servizio Prevenzione e Protezione. Al termine della fase 2, se il RP è stato classificato come pericoloso, il RLR provvede ad annotarlo, secondo le disposizioni di cui all art. 190 del D.Lgs 152/06, sul proprio Registro di Carico e Scarico. Le strutture che non dispongono del registro devono richiederlo al GR che provvederà alla vidimazione e alla fornitura. Fase 3 Raccolta La raccolta è richiesta dal RLR al GR tramite la compilazione della maschera relativa all interno dei SOLR. Il sistema rilascia automaticamente una ricevuta via al RLR di avvenuta richiesta di smaltimento del RP. Il GR invia la richiesta di raccolta alle IASSR, le quali provvedono: a comunicare al GR la Ragione Sociale e le Autorizzazione al trasporto/ smaltimento di eventuali nuovi trasportatori e/o smaltitori ed inviano le Autorizzazioni degli stessi. a redigere il formulario di trasporto In caso di raccolta con nuovi fornitori incaricati dalle IASSR, il GR effettua un controllo preventivo alla raccolta sull idoneità dell azienda incaricata al trasporto e/o allo smaltimento del rifiuto da raccogliere ed invia al RLR l elenco degli automezzi autorizzati (targhe) perché possa effettuare la verifica in fase di raccolta. Il formulario emesso dalle IASS viene rilasciato al RLR in fase di raccolta. In tale fase il RLR effettua i controlli: del formulario di trasporto, volto alla verifica della corretta compilazione del documento da parte delle IASS nei confronti delle informazioni fornite (assegnazione del codice CER, quantità presunte, eventuale classe di pericolosità, n ONU e classe per il trasporto in ADR. Queste ultime informazioni se pertinenti sono riportate nel campo annotazioni del formulario). delle targhe degli automezzi di trasportatori non IASSR, volto alla verifica del rispetto della autorizzazione dei singoli veicoli al trasporto del rifiuto da smaltire della dotazione dei veicoli di trasportatori non IASSR prevista dalle norme ADR In caso di raccolta di RP pericoloso, al termine delle operazioni di raccolta il RLR effettua l operazione di scarico del RP sul registro riportando il corrispondente numero di formulario. Fase 4 Gestione delle copie dei formulari Ultimata la raccolta i RLR inviano al GR: Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 6 di 8

18 la 1 a copia originale del formulario relativo ai RP non pericolosi la copia fotostatica (o file pdf) della 1 a copia dei formulari relativi ai RP pericolosi. Al termine delle operazioni di smaltimento le IASSR inviano al GR le 4e copie dei formulari. Conseguentemente il GR invia al RLR: la 4 a copia in originale dei formulari relativi ai RP pericolosi. La copia fotostatica (o file pdf) della 4 a copia dei formulari relativi ai RP non pericolosi Ogni registrazione di scarico sui registri deve essere accompagnata dal rispettivo formulario di trasporto (1a e 4a copia appena disponibile). Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 7 di 8

19 ALLEGATO I Algoritmo per l attribuzione del codice CER Cod. Proc.: PO.SGR.SPP.01 Data aggiornamento: 27/04/09 Gestione dei rifiuti di processo. Pag. 8 di 8

20 Cod. Proc.: PG.SGR.SPP.01 Procedura gestionale del SGR n. 01 Documentazione del SGR Competenza Soggetto Nome, Cognome, Firma Titolarità e Approvazione Direttore Amministrativo Redazione e Revisione Gestore dei Rifiuti Dott. Giuseppino Molinari Ing. Lorenzo Bozzini

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI

MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI MODULO DI DESIGNAZIONE/REVOCA DEI BENEFICIARI (Da inviare ad Arca SGR S.p.A. in originale, per posta, unitamente a copia dei documenti di identità dell Iscritto e dei beneficiari) Spett.le ARCA SGR S.p.A.

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli