Regolamento dei servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, differenziata e igiene urbana.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento dei servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, differenziata e igiene urbana."

Transcript

1 Regolamento dei servizi di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, differenziata e igiene urbana. INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Principi generali Articolo 3 Classificazione dei rifiuti Articolo 4 Rifiuti urbani Articolo 5 Rifiuti speciali assimilati agli urbani Articolo 6 Rifiuti speciali Articolo 7 Rifiuti pericolosi Articolo 8 Rifiuti esclusi dal regolamento Articolo 9 Competenze del comune Articolo 10 Definizioni Articolo 11 Modalità di conferimento dei rifiuti solidi urbani non ingombranti Articolo 12 Aree in cui viene svolto il servizio e prescrizioni di carattere generale Articolo 13 Modalità di controllo e verifica dell effettuazione dei servizi Articolo 14 Finalità del servizio di raccolta differenziata Articolo 15 Modalità di svolgimento della raccolta differenziata Articolo 16 Modalità di svolgimento della raccolta differenziata porta a porta Articolo 17 Modalità di svolgimento della raccolta differenziata tramite contenitori dislocati sul territorio Articolo 18 Campane e contenitori Articolo 19 Piattaforma per la raccolta differenziata Articolo 20 Modalità di conferimento dei rifiuti ingombranti Articolo 21 Modalità di conferimento dei beni durevoli Articolo 22 Modalità di conferimento dei rifiuti urbani pericolosi Articolo 23 Modalità di conferimento dei rifiuti derivanti da potatura, sfalcio giardini e simili Articolo 24 Modalità di conferimento di rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni Articolo 25 Modalità di conferimento dei rifiuti speciali assimilati Articolo 26 Modalità di effettuazione del trasporto dei rifiuti solidi urbani Articolo 27 Modalità di trattamento e smaltimento dei rifiuti solidi urbani Articolo 28 Pulizia delle strade Articolo 29 Pulizia e vuotatura dei cestini portarifiuti Articolo 30 Pulizia delle aree comuni dei fabbricati e delle scoperte private Articolo 31 Pulizia delle aree adibite temporaneamente a fiere e mercati Articolo 32 Pulizia delle aree occupate da spettacoli viaggianti Articolo 33 Pulizia delle aree occupate da esercizi pubblici Articolo 34 Attività di carico e scarico delle merci e materiali Articolo 35 Pozzetti stradali Articolo 36 Carogne di animali Articolo 37 Animali domestici Articolo 38 Cantieri Articolo 39 Veicoli a motore, rimorchi e simili Articolo 40 Rifiuti inerti Articolo 41 Discariche abusive Articolo 42 Abbandono di rifiuti. Sanzioni Articolo 43 Riferimento alla legge Articolo 44 Entrata in vigore ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, nel rispetto dei principi e delle finalità del D. Lgs 5 febbraio 1997, n. 22 e successive modificazioni e integrazioni, lo svolgimento dei servizi relativi alla

2 gestione dei rifiuti solidi urbani e rifiuti speciali assimilati nelle varie fasi di conferimento raccolta, trasporto, spazzamento, trattamento, inteso come operazione di trasformazione necessaria per il riutilizzo, riciclo, recupero dei rifiuti e di smaltimento finale. ARTICOLO 2 PRINCIPI GENERALI L attività di raccolta e smaltimento rifiuti, nelle varie fasi, costituisce attività di pubblico interesse e deve essere esercitata assicurando protezione all ambiente e controlli efficaci nel rispetto dei principi di efficienza, efficacia ed economicità. Tali attività devono essere svolte: -evitando ogni danno o pericolo per la salute della collettività e dei singoli; -salvaguardando la flora e la fauna; -evitando qualsiasi azione che potrebbe determinare rischi di inquinamento dell acqua, dell aria e del suolo o sottosuolo; -senza causare inconvenienti da rumori o odori; -senza danneggiare il paesaggio e i siti di particolare interesse, tutelati dalla normativa vigente. ARTICOLO 3 CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Ai fini del presente Regolamento, i rifiuti sono classificati, secondo l origine, in rifiuti urbani e rifiuti speciali e secondo le caratteristiche di pericolosità in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi. È rifiuto qualsiasi sostanza od oggetto riportato nell allegato A del D. Lgs 5 febbraio 1997, n. 22 di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi. ARTICOLO 4 RIFIUTI URBANI Sono rifiuti urbani : a) i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione; b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a), assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità, ai sensi dell articolo 21, comma 2, lettera g) del D. Lgs n. 22/97; c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade; d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico e sulle rive dei corsi d acqua; e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali; f) i rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni, nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriale diversi da quelli di cui alle lettere b), c) ed e). ARTICOLO 5 RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI AGLI URBANI 1. Nelle more della pubblicazione del provvedimento di cui all articolo 18, secondo comma, punto d), del D. Lgs 22/97 che fisserà i criteri per l assimilazione qualitativa e quantitativa dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani, ai fini della raccolta e dello smaltimento si intendono per rifiuti speciali assimilati agli urbani: -imballaggi in genere (di carta, cartone, plastica, legno, metallo e simili), ad eccezione degli

3 imballaggi secondari qualora siano conferiti in raccolta indifferenziata e teriziari; -contenitori vuoti (fusti, latte e lattine, plastica e metalli, vetro e simili) -sacchi e sacchetti di carta e plastica; -fogli di carta, plastica e cellophane, cassette, pallet; -frammenti e manufatti di vimini e di sughero; -paglia e prodotti di paglia; -accoppiati quali carta adesiva, carta catramata, carta metallizzata e plastificata; -accoppiati quali fogli di plastica metallizzati e simili; -fibra di legno e pasta di legno anche umida (a condizione che sia palabile) -scarti di legno provenienti da falegnameria e carpenteria, trucioli e segatura; -feltri e tessuti non tessuti; -pelle e similpelle; -ritagli e scarti di tessuto di fibra naturale e sintetica, stracci e juta; -gomma e caucciù (polvere e ritagli) e manufatti composti prevalentemente da tali materiali tipo camere d aria e copertoni; -resine termoplastiche e termo-indurenti in genere allo stato solido e manufatti composti di tali materiali; -rifiuti ingombranti, quali beni di consumo durevoli, di arredamento, di impiego domestico, di uso comune, provenienti da fabbricati o da altri insediamenti civili in genere; -cavi e materiale elettrico in genere; -imbottiture isolanti termiche ed acustiche costituite da sostanze naturali e sintetiche, quali lane di vetro e di roccia; espansi plastici e minerali e simili; -moquette, linoleum, tappezzerie, pavimenti e rivestimenti in genere; -materiali vari in pannello (legno, gesso, plastica e simili); -frammenti e manufatti di stucco e di gesso essiccati; -manufatti di ferro tipo paglietta metallica, filo di ferro, spugna di ferro e simili; -nastri abrasivi ed adesivi; -pellicole e lastre fotografiche e radiografiche sviluppate; -residui vegetali e animali provenienti dall estrazione di principi attivi; -scarti in genere provenienti dalla produzione di alimentari, purché non allo stato liquido, quali ad esempio scarti dell industria molitoria e della pastificazione, scarti di caffè, scarti derivanti dalla lavorazione e/o la vendita di frutta ed ortaggi, caseina, salse esauste e simili, partite di alimenti deteriorati, compresi quelli inscatolati e comunque imballati; -accessori per l informatica; -materiali vari in pannello; -rifiuti provenienti dagli uffici e dai locali relativi ai servizi ed alla mensa all interno delle unità produttive; -rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi provenienti da attività agricole o florovivaistiche o da aree di pertinenza non domestica. I rifiuti elencati nel presente articolo e quelli suscettibili di esservi compresi per similarità nel detto elenco, sono considerati assimilati se la loro produzione annua riferita alla superficie complessivamente utilizzata dall attività economica non superi i 5 Kg/mq. ARTICOLO 6 RIFIUTI SPECIALI Sono rifiuti speciali : a) i rifiuti di attività agricole e agro-industriali; b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione nonché i rifiuti pericolosi che derivano dalle attività di scavo; c) i rifiuti da lavorazioni industriali;

4 d) i rifiuti da lavorazioni artigianali; e) i rifiuti da attività commerciali; f) i rifiuti da attività di servizio; g) i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi; h) i rifiuti derivanti da attività sanitarie; i) i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti; j) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti; k) il combustibile derivato da rifiuti. ARTICOLO 7 RIFIUTI PERICOLOSI Sono pericolosi i rifiuti non domestici precisati nell elenco europeo dei rifiuti riportato nell'allegato A alla Direttiva Ministeriale del 9 aprile ARTICOLO 8 RIFIUTI ESCLUSI DAL REGOLAMENTO Sono esclusi dal campo di applicazione del presente Regolamento gli effluenti gassosi emessi nell atmosfera nonché 4 : a. i rifiuti radioattivi; b. i rifiuti risultanti dalla prospezione, estrazione e trattamento ed ammasso delle risorse minerali e dallo sfruttamento delle cave; c. le carogne ed i seguenti rifiuti agricoli: materie fecali ed altre sostanze naturali non pericolose utilizzate nell attività agricola ed in particolare i materiali litoidi o vegetali riutilizzati nelle normali pratiche agricole e di conduzione dei fondi rustici e le terre da coltivazione provenienti dalla pulizia dei prodotti vegetali eduli; d. i residui e le eccedenze derivanti dalle preparazioni nelle cucine di qualsiasi tipo di cibi solidi, cotti e crudi, non entranti nel circuito distributivo di somministrazione, destinati alle strutture di ricovero di animali di affezione di cui alla L. n.281/91 e successive modifiche, nel rispetto della vigente normativa; e. le acque di scarico, esclusi i rifiuti allo stato liquido; f. i materiali esplosivi in disuso. ARTICOLO 9 COMPETENZE DEL COMUNE La gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento è di competenza del Comune che la esercita in regime di privativa nelle forme previste dalla normativa vigente e, in particolare, dall articolo 23 del D. Lgs 5 febbraio 1997, n. 22. Competono al Comune le operazioni di raccolta, spazzamento, trasporto e trattamento dei rifiuti urbani non ingombranti e ingombranti, dei rifiuti speciali assimilati agli urbani, dei rifiuti urbani pericolosi e dei residui delle attività di trattamento dei rifiuti urbani. Il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani è istituito su tutto il territorio comunale. È istituito inoltre il servizio di spazzamento dei rifiuti di qualunque natura o provenienza giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade ed aree private comunque soggette ad uso pubblico.

5 ARTICOLO 10 DEFINIZIONI Ai fini dell applicazione del presente Regolamento, per smaltimento si intende il complesso delle seguenti attività: a) rifiuto: qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie riportate nell'allegato A del D.Lgs n. 22/97 e di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l'obbligo di disfarsi; b) produttore: la persona la cui attività ha prodotto rifiuti e la persona che ha effettuato operazioni di pretrattamento o di miscuglio o altre operazioni che hanno mutato la natura o la composizione dei rifiuti; c) detentore: il produttore dei rifiuti o la persona fisica o giuridica che li detiene; d) gestione: la raccolta, il trasporto, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di queste operazioni, nonché il controllo delle discariche e degli impianti di smaltimento dopo la chiusura; e) raccolta: l'operazione di prelievo, di cernita e di raggruppamento dei rifiuti per il loro trasporto; f) raccolta differenziata: la raccolta idonea a raggruppare i rifiuti urbani in frazioni merceologiche omogenee, compresa la frazione organica umida, destinate al riutilizzo, al riciclaggio ed al recupero di materia prima; g) smaltimento: le operazioni previste nell'allegato B del D. Lgs n. 22/97; h) recupero: le operazioni previste nell'allegato C del D. Lgs n. 22/97; i) luogo di produzione dei rifiuti: uno o più edifici o stabilimenti o siti infrastrutturali collegati tra loro all'interno di un'area delimitata in cui si svolgono le attività di produzione dalle quali originano i rifiuti; j) stoccaggio: le attività di smaltimento consistenti nelle operazioni di deposito preliminare di rifiuti di cui al punto D15 dell'allegato B del D. Lgs n. 22/97, nonché le attività di recupero consistenti nelle operazioni di messa in riserva di materiali di cui al punto R13 dell'allegato C del D. Lgs n. 22/97; k) deposito temporaneo: il raggruppamento dei rifiuti effettuato, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti alle seguenti condizioni: 1. i rifiuti depositati non devono contenere policlorodibenzodiossine, policlorodibenzofurani, policlorodibenzofenoli in quantità superiore a 2,5 ppm né policlorobifenile, policlorotrifenili in quantità superiore a 25 ppm; 2. i rifiuti pericolosi devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento con cadenza almeno bimestrale indipendentemente dalle quantità in deposito, ovvero, in alternativa, quando il quantitativo di rifiuti pericolosi in deposito raggiunge i 10 metri cubi; il termine di durata del deposito temporaneo è di un anno se il quantitativo di rifiuti in deposito non supera i 10 metri cubi nell'anno o se, indipendentemente dalle quantità, il deposito temporaneo è effettuato in stabilimenti localizzati nelle isole minori; 3. i rifiuti non pericolosi devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o di smaltimento con cadenza almeno trimestrale indipendentemente dalle quantità in deposito, ovvero, in alternativa, quando il quantitativo di rifiuti non pericolosi in deposito raggiunge i 20 metri cubi; il termine di durata del deposito temporaneo è di un anno se il quantitativo di rifiuti in deposito non supera i 20 metri cubi nell'anno; 4. il deposito temporaneo deve essere effettuato per tipi omogenei e nel rispetto delle relative norme tecniche, nonché, per i rifiuti pericolosi, nel rispetto delle norme che disciplinano il deposito delle sostanze pericolose in essi contenute; 5. devono essere rispettate le norme che disciplinano l'imballaggio e l'etichettatura dei rifiuti pericolosi; n) bonifica: ogni intervento di rimozione della fonte inquinante e di quanto dalla stessa contaminato fino al raggiungimento dei valori limite conformi all'utilizzo previsto dell'area; o) messa in sicurezza: ogni intervento per il contenimento o isolamento definitivo della fonte

6 inquinante rispetto alle matrici ambientali circostanti; p) combustibile da rifiuti: il combustibile ricavato dai rifiuti urbani mediante trattamento finalizzato all'eliminazione delle sostanze pericolose per la combustione ed a garantire un adeguato potere calorico e che possieda caratteristiche specificate con apposite norme tecniche; q) compost da rifiuti: prodotto ottenuto dal compostaggio della frazione organica dei rifiuti urbani nel rispetto di apposite norme tecniche finalizzate a definirne contenuti e usi compatibili con la tutela ambientale e sanitaria e in particolare a definirne i gradi di qualità. 2. Inoltre sempre ai fini del presente Regolamento si intende per: a) conferimento: le modalità secondo le quali i rifiuti sono consegnati al servizio di raccolta ( porta a porta, nei contenitori o campane, nella piazzola) da parte del produttore; b) trasporto: movimentazione del rifiuto dal luogo di produzione al luogo di stoccaggio, trattamento, riutilizzo e/o smaltimento finale; c) spazzamento: le operazioni di rimozione dei rifiuti giacenti su strade ed aree pubbliche o su strade privati soggette ad uso pubblico o sulle rive dei laghi, dei fiumi, dei fossi o dei canali; d) trattamento: le operazioni necessarie per il riutilizzo, il recupero e il riciclo dei rifiuti. ARTICOLO 11 MODALITÀ DI CONFERIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI NON INGOMBRANTI I rifiuti urbani domestici non ingombranti devono essere conferiti, a cura del produttore, (salvo diverse disposizioni per le frazioni da differenziare) in appositi sacchi protettivi in modo da evitare qualsiasi dispersione o cattivo odore. Possono essere utilizzati esclusivamente sacchi normalizzati in polietilene. L approvvigionamento dei sacchi è a cura dell utente. Il servizio di raccolta RSU sarà effettuato due volte la settimana secondo il calendario fissato dall Amministrazione comunale. Il conferimento di tali rifiuti deve avvenire nelle ore antimeridiane del giorno stabilito per la raccolta. I sacchi chiusi devono essere esposti a cura del produttore, al di fuori della propria abitazione, sul marciapiede o al bordo della strada. Non è effettuata la raccolta all interno di cortili o presso spazi condominiali interni comuni, salvo specifici accordi. Il sacco non deve contenere: carta, cartone, vetro, imballaggi in plastica, lattine e barattoli, legno, ramaglie e scarti vegetali da giardino, stracci, tessuto, materiali pericolosi, materiali infiammabili o in fase di combustione, sostanze allo stato liquido ed ogni altro materiale di cui dovesse essere decisa la raccolta differenziata. È vietato conferire rifiuti in condizioni e con modalità diverse da quelle indicate nel presente articolo. ARTICOLO 12 AREE IN CUI VIENE SVOLTO IL SERVIZIO E PRESCRIZIONI DI CARATTERE GENERALE Il servizio di raccolta dei Rifiuti solidi urbani porta a porta è garantito su tutta la rete viaria comunale, frazioni e cascine comprese, salvo specifici accordi. Si intendono coperti dal pubblico servizio anche quegli edifici ai quali si acceda mediante strada privata il cui sbocco, comunque, sia in area pubblica soggetta al servizio di raccolta. È vietato bruciare i rifiuti. I rifiuti per i quali sono previste forme di raccolta separata, devono essere puliti, conservati e conferiti negli appositi contenitori predisposti nell area urbana e nei centri di conferimento attrezzati o, se previsto il servizio di raccolta porta a porta, conferiti opportunamente confezionati fuori della propria abitazione, sul marciapiede o al bordo della strada. Le norme relative al conferimento separato si applicano anche ai rifiuti pericolosi.

7 ARTICOLO 13 MODALITÀ DI CONTROLLO E VERIFICA DELL EFFETTUAZIONE DEI SERVIZI Il Comune provvede con personale proprio o appositamente incaricato ad effettuare controlli periodici sulla regolarità di esecuzione dei servizi e sui pesi dei rifiuti raccolti prima di inviarli al recupero o allo smaltimento. La verifica sui pesi potrà avvenire richiedendo la pesatura degli automezzi a vuoto e successivamente a carico completato. ARTICOLO 14 FINALITÀ DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA L organizzazione del servizio di raccolta differenziata è finalizzato alla diminuzione della quantità di rifiuti non trattati da smaltire, a favorire la valorizzazione dei rifiuti attraverso il recupero di materiali fin dalla base (produzione, distribuzione, consumo e raccolta); a ridurre la quantità e la pericolosità delle frazioni non recuperabili da avviare allo smaltimento finale assicurando maggiori garanzie di protezione ambientale; a migliorare i processi tecnologici degli impianti per il recupero e lo smaltimento dei rifiuti anche per ridurre i consumi energetici; a favorire il recupero di materiale e di energia anche nello smaltimento finale. ARTICOLO 15 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA La raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani interessa principalmente quelle categorie di rifiuti il cui riutilizzo si dimostri economicamente conveniente o presenti vantaggi per l ambiente e quelle sostanze che, se smaltite unitamente agli altri rifiuti solidi urbani, potrebbero comportare, per possibilità di contaminazione, problemi di inquinamento ambientale o risultare pericolose per la salute pubblica. Il Comune istituisce servizi di raccolte differenziate. Per i servizi attivati è obbligatorio avvalersi delle strutture appositamente predisposte. Pertanto, per i rifiuti per i quali sia stata istituita la raccolta differenziata, è vietato il conferimento unitamente ai rifiuti domestici. La raccolta differenziata può essere organizzata anche mediante convenzioni con Enti, Imprese, Associazioni di volontariato, Cittadini e loro Associazioni. In tal caso dovranno essere rispettate le norme previste dall articolo 11 del D. Lgs n. 22/97. Possono essere attivate forme di raccolta differenziata sperimentale volte al conseguimento di risparmio energetico o di ottimizzazione del servizio. Compatibilmente con l attivazione dei singoli servizi è obbligatorio il conferimento differenziato dei seguenti rifiuti solidi urbani: pile e batterie, prodotti e relativi contenitori con simbolo T e F, prodotti farmaceutici, lampade a scarica e tubi catodici, siringhe, cartucce di toner per fotocopiatrici e stampanti. (pericolosi) oli minerali, oli e grassi vegetali ed animali residui dalla cottura degli alimenti di provenienza domestica. (liquidi) rifiuti di provenienza alimentare collettiva e domestica. (organici domestici compostabili) ramaglie e verde derivante da potatura e sfalcio dei giardini (organici da giardino compostabili) rifiuti ingombranti, vetro, lattine e barattoli, imballaggi di plastica, metalli, carta e cartone, legno, elettrodomestici, componenti elettronici, polistirolo, materiali inerti. (solidi)

8 ARTICOLO 16 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA Carta e cartone Il servizio di raccolta differenziata della carta e del cartone, è garantito su tutta la reteviaria comunale, frazioni e cascine comprese. La carta ed il cartone devono essere conferiti confezionati a pacchi o in cartoni. Il conferimento di tali rifiuti deve avvenire nelle ore antimeridiane del giorno stabilito per la raccolta. I materiali imballati e impacchettati devono essere esposti a cura del produttore, al di fuori della propria abitazione, sul marciapiede o al bordo della strada. Non è prevista la raccolta all interno di cortili o presso spazi condominiali interni comuni, salvo specifici accordi. Imballaggi di plastica Il servizio di raccolta differenziata degli imballaggi di plastica, è garantito su tutta la rete viaria comunale, frazioni e cascine comprese. Il materiale sarà conferito in appositi sacchi in polietilene semitrasparente. L approvvigionamento dei sacchi è a cura dell utente. Il conferimento di tali rifiuti deve avvenire nelle ore antimeridiane del giorno stabilito per la raccolta. I sacchi chiusi devono essere esposti a cura del produttore, al di fuori della propria abitazione, sul marciapiede o al bordo della strada. Non è prevista la raccolta all interno di cortili o presso spazi condominiali interni comuni, salvo specifici accordi. 1 Vetro Il servizio di raccolta differenziata del vetro è garantito su tutta la rete viaria comunale, frazioni e cascine comprese. Il materiale sarà conferito in appositi contenitori in plastica. Il primo approvvigionamento dei contenitori, per ogni nucleo familiare, è a cura del Comune. I contenitori successivi al primo, che per qualsiasi motivo si rendano necessari per sostituire quelli usurati, danneggiati, smarriti, saranno forniti dal Comune dietro versamento del costo di acquisto dei contenitori stessi. I contenitori dovranno essere richiesti direttamente al Comune, e non si provvederà al ritiro di contenitori diversi da quelli distribuiti dall'ente, non riportanti la dicitura "Comune di Cirimido". Il conferimento di tali rifiuti deve avvenire nelle ore antimeridiane del giorno stabilito per la raccolta. I contenitori devono essere esposti a cura del produttore, al di fuori della propria abitazione, sul marciapiede o al bordo della strada. Non è prevista la raccolta all interno di cortili o presso spazi condominiali interni comuni, salvo specifici accordi. ARTICOLO 17 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA TRAMITE CONTENITORI DISLOCATI SUL TERRITORIO 2 [Vetro Il vetro deve essere conferito direttamente dai produttori nelle apposite campane presenti sul 1 disposizione aggiunta con deliberazione C.C. n. 36 del disposizione abrogata con deliberazione C.C. n. 36 del

9 territorio comunale e negli appositi contenitori situati nelle piattaforme intercomunali per la raccolta differenziata. Il conferimento del vetro nelle campane dovrà essere effettuato tutti i giorni dalle 8,00 alle 20,00.] Indumenti usati Gli abiti usati devono essere lavati e confezionati in pacchi o sacchetti e devono essere conferiti negli appositi contenitori posizionati sul territorio comunale o presso le piattaforme intercomunali per la raccolta differenziata. Le scarpe usate devono essere conferite, distinte dagli indumenti, nei medesimi contenitori, confezionate in pacchi o sacchetti. Il Comune inoltre potrà organizzare la raccolta differenziata di materiale recuperabile anche attraverso la stipula di apposite convenzioni con Associazioni di volontariato. ARTICOLO 18 CAMPANE E CONTENITORI Qualora le campane ed i contenitori dislocati in paese o nelle piattaforme intercomunali risultassero già colmi, è vietato abbandonare i rifiuti ai lati degli stessi. I materiali dovranno essere riportati al domicilio del conferente o, se disponibili, presso altre campane o contenitori utilizzabili. È vietato altresì danneggiare campane e contenitori, eseguirvi scritte o affiggervi materiali di qualsiasi natura, fatto salvo quanto espressamente autorizzato dal Comune. ARTICOLO 19 PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA La piattaforma per la raccolta differenziata sita nel Comune di Fenegrò, in via Marconi, è area attrezzata per la raccolta e lo stoccaggio delle varie frazioni differenziate dei rifiuti da recuperare o da smaltire. Presso la piattaforma intercomunale di Fenegrò possono accedere, indistintamente, i soggetti iscritti a ruolo per il Comune di Cirimido. L utilizzo della predette aree è riservato ai contribuenti muniti di tessera magnetica personalizzata che sarà consegnata ad ogni iscritto a ruolo a cura del Comune. Le attività e le modalità di accesso saranno definite dalle Amministrazioni Comunali, tramite apposito regolamento per la gestione della piattaforma intercomunale. Il regolamento regolerà altresì le modalità di conferimento da parte delle Aziende che detengono o occupano superfici tassabili ai sensi del Capo III del decreto legislativo 15 novembre 1993, n.507, insistenti sul territorio del Comune. ARTICOLO 20 MODALITÀ DI CONFERIMENTO DEI RIFIUTI INGOMBRANTI I rifiuti ingombranti non devono essere conferiti mediante gli ordinari sistemi di raccolta né devono essere abbandonati sui marciapiedi o sulle strade. Il conferimento deve avvenire direttamente da parte dei produttori nei contenitori posizionati nella piattaforma intercomunale.

10 ARTICOLO 21 MODALITÀ DI CONFERIMENTO DEI BENI DUREVOLI I beni durevoli per uso domestico, così come individuati dal comma 5 dell articolo 44 del D. Lgs 5 febbraio 1997, n. 22, e precisamente: a) frigoriferi, surgelatori, congelatori; b) televisori; c) computer; d) lavatrici e lavastoviglie; e) condizionatori d aria; ad esaurimento della loro durata operativa devono essere consegnati ad un rivenditore contestualmente all acquisto di un bene durevole di tipologia equivalente oppure essere conferiti presso la piattaforma intercomunale. ARTICOLO 22 MODALITÀ DI CONFERIMENTO DEI RIFIUTI URBANI PERICOLOSI I rifiuti urbani pericolosi sono oggetto di conferimento e raccolta separata nell osservanza della normativa vigente. Devono essere raccolti, a cura del produttore, separatamente e in condizioni tali da non causare situazioni di pericolo per la salute e per l ambiente e, successivamente, direttamente conferiti negli appositi contenitori dislocati sul territorio comunale, in punti indicati dall Amministrazione Comunale o nelle piattaforme intercomunali per la raccolta differenziata. Sono oggetto di raccolta differenziata: pile e batterie; accumulatori al piombo; prodotti farmaceutici; prodotti e relativi contenitori etichettati con il simbolo T e/o F ; lampade a scarica e tubi catodici; cartucce esauste di toner per fotocopiatrici e stampanti; siringhe provenienti da raccolta effettuata sul territorio comunale; oli minerali; ARTICOLO 23 MODALITÀ DI CONFERIMENTO DEI RIFIUTI DERIVANTI DA POTATURA, SFALCIO DI GIARDINI E SIMILI I residui di potatura e sfalcio di giardini, orti ed aree alberate, costituenti pertinenza di edifici privati che presentino i requisiti per essere considerati rifiuti urbani assimilati, devono essere smaltiti con le modalità previste per la raccolta di rifiuti ingombranti (articolo 20). ARTICOLO 24 MODALITÀ DI CONFERIMENTO DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ESUMAZIONI ED ESTUMULAZIONI I rifiuti cimiteriali provenienti dalle operazioni di esumazione ed estumulazione costituiti da resti lignei di feretro, oggetti ed elementi metallici e avanzi di indumenti, opportunamente manipolati e trattati, dovranno essere allocati, in appositi contenitori a tenuta (distinguendo i resti lignei e di indumenti dai resti metallici). Il presente Regolamento non si applica ai resti (parti anatomiche) di esumazioni e estumulazioni, per i quali valgono le norme chiarite con Circolare 31 luglio 1998, n. 10 del Ministero della Sanità.

11 Per gli altri rifiuti quali fiori, ceri, corone, carta, ecc., si applicano le disposizioni del presente Regolamento relative ai rifiuti solidi urbani. ARTICOLO 25 MODALITÀ DI CONFERIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI ASSIMILATI Il conferimento dei rifiuti speciali assimilati deve essere effettuato presso la piattaforma di cui all articolo 19 del presente Regolamento. In caso di quantitativi tali da non poter essere effettuato secondo le modalità sopra descritte il conferimento, a cura ed a carico del produttore, deve avvenire in contenitori riservati installati nelle aree limitrofe o interne all insediamento del produttore medesimo. ARTICOLO 26 MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE DEL TRASPORTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Il trasporto dei rifiuti solidi urbani e degli altri tipi di rifiuto, durante l operazione di raccolta e di trasferimento all impianto di smaltimento, deve avvenire in ottemperanza a quanto previsto dal D.Lgs 5 febbraio 1997, n. 22. Gli automezzi usati per il trasporto devono essere idonei ad assicurare il rispetto delle norme igienico-sanitarie. I veicoli devono ottemperare alle norme previste dal vigente Codice della Strada e alle norme sulla circolazione vigenti nel territorio comunale, salvo particolari deroghe o autorizzazioni (ammesse dall ordinamento giuridico) da concedersi per agevolare lo svolgimento del pubblico servizio (accesso a corsie preferenziali, fermata e sosta anche in zone soggette a divieto, limitazioni d orario, dimensioni del veicolo, ecc.). ARTICOLO 27 MODALITÀ DI TRATTAMENTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI La fase finale di smaltimento dei rifiuti conferiti all ordinario servizio di raccolta avviene presso gli impianti debitamente autorizzati dalle autorità competenti, nel rispetto delle vigenti disposizioni di legge, a cura del Comune. ARTICOLO 28 PULIZIA DELLE STRADE Il servizio di pulizia delle strade è da eseguirsi sulla rete viaria delle sole zone abitate e consiste nella pulizia della sede stradale, dei marciapiedi, delle caditoie, dei parcheggi. ARTICOLO 29 PULIZIA E VUOTATURA DEI CESTINI PORTARIFIUTI I cestini portarifiuti presenti sulle pubbliche vie, piazze, aree pubbliche e giardini devono periodicamente essere svuotati e disinfettati a cura dell Amministrazione Comunale. È proibito conferire nei cestini portarifiuti: rifiuti domestici, differenziati o ingombranti. ARTICOLO 30 PULIZIA DELLE AREE COMUNI DEI FABBRICATI E DELLE AREE SCOPERTE PRIVATE Le aree di uso comune dei fabbricati, nonché le aree scoperte private non di uso pubblico,

12 recintate e non, devono essere tenute pulite a cura dei rispettivi conduttori, amministratori o proprietari, che devono inoltre conservarle libere da materiali di scarto, anche se abbandonati da terzi. I terreni non edificati, a qualunque uso o destinazione siano adibiti, devono essere conservati in buono stato di decoro e costantemente liberi da materiali di scarto, abbandonati anche da terzi, a cura dei proprietari o di coloro che ne hanno la disponibilità. Devono essere realizzati canali di scolo e altre opere idonee ad evitare l inquinamento dei terreni stessi, curandone con diligenza la manutenzione e il corretto stato di efficienza. In caso di scarico abusivo di rifiuti sulle aree indicate al comma precedente, anche ad opera di terzi e/o di ignoti, il proprietario in solido con chi eventualmente ne abbia la disponibilità, è obbligato alla pulizia, bonifica e ripristino delle condizioni originarie dell area, nonché all asporto e allontanamento dei rifiuti abusivamente immessi. ARTICOLO 31 PULIZIA DELLE AREE ADIBITE TEMPORANEAMENTE A FIERE E MERCATI Le aree pubbliche adibite periodicamente o occasionalmente a mercati, fiere, sagre, manifestazioni di tipo culturale, sportivo, ecc., devono essere mantenute pulite dai rispettivi concessionari ed occupanti, i quali devono raccogliere i rifiuti di qualsiasi tipo provenienti dalla propria attività, secondo le modalità indicate dall Amministrazione, in sacchi normalizzati da conferire in appositi cassonetti o in luogo preposto dal gestore del servizio RSU. Carta, cartoni, cassette, rifiuti di imballaggi, ecc., devono essere depositati separati in luogo preposto, in modo da consentirne la raccolta agli operatori e non procurare intralcio alla circolazione. Gli oneri di tale servizio sono a carico degli organizzatori, salvo il caso in cui promotore della manifestazione sia l Amministrazione Comunale. ARTICOLO 32 PULIZIA DELLE AREE OCCUPATE DA SPETTACOLI VIAGGIANTI Le aree occupate da spettacoli viaggianti, luna park, ecc. devono essere mantenute pulite, a cura degli occupanti, durante l uso e lasciate pulite al termine dell utilizzo delle stesse. I rifiuti prodotti devono essere conferiti secondo le modalità previste per i rifiuti solidi urbani. ARTICOLO 33 PULIZIA DELLE AREE OCCUPATE DA ESERCIZI PUBBLICI Le aree pubbliche o di uso pubblico occupate da posteggi di pertinenza di pubblici esercizi, quali bar, alberghi, trattorie, ristoranti e simili e le aree date in concessione ad uso parcheggio, devono essere tenute pulite dai rispettivi gestori. I rifiuti così raccolti devono essere conferiti con le stesse modalità previste per i rifiuti solidi urbani. ARTICOLO 34 ATTIVITÀ DI CARICO E SCARICO DI MERCI E MATERIALI Chi effettua operazioni di carico e scarico di merci e materiali su area pubblica o di uso pubblico e sulla pubblica via deve provvedere, ad operazioni ultimate, alla pulizia delle aree medesime. In caso di inosservanza, il destinatario della merce deve provvedere a propria cura e spese alla pulizia suddetta.

13 In caso di inadempienza di entrambi i soggetti, la pulizia verrà effettuata direttamente dal Comune sostituendosi ai soggetti interessati, ferma restando l imposizione a carico dei responsabili degli oneri sostenuti e l applicazione delle sanzioni in materia. ARTICOLO 35 POZZETTI STRADALI Il Comune o la Società incaricata dall Amministrazione comunale provvede a mantenere sgombra la superficie dei pozzetti stradali, degli elementi di adduzione e di immissione alle condotte fognarie e le caditoie di raccolta delle acque meteoriche, al fine di assicurarne il regolare deflusso. È assolutamente vietato introdurre rifiuti di qualsiasi genere negli stessi. Lo smaltimento di tali rifiuti avverrà secondo le modalità previste dalle disposizioni vigenti in materia. ARTICOLO 36 CAROGNE DI ANIMALI Le carogne di animali giacenti su suolo pubblico devono essere asportate e smaltite, a cura dell Amministrazione, secondo le disposizioni e le modalità stabilite dalla A.S.L. competente o prescritte nel Regolamento Comunale di Igiene e Sanità. ARTICOLO 37 ANIMALI DOMESTICI I proprietari, conduttori o possessori di animali devono evitare che gli stessi sporchino le strade e le aree pubbliche o di uso pubblico, compresi i giardini e i parchi pubblici. Essi sono tenuti a dotarsi di attrezzatura idonea all immediata rimozione e asportazione degli escrementi e delle lordure degli animali stessi, nonché a pulire l area eventualmente sporcata. ARTICOLO 38 CANTIERI Coloro che effettuano attività di scavo, di costruzione e ristrutturazione di fabbricati o altre opere analoghe, sono tenuti a adottare tutte le precauzioni occorrenti a prevenire la diffusione di polveri e di ogni altro tipo di rifiuto. Qualora, nonostante le precauzioni adottate le aree pubbliche o di uso pubblico e le sedi stradali fossero lordate sarà obbligo di chi esegue le opere provvedere tempestivamente alla pulizia delle aree medesime ed alla rimozione dei rifiuti raccolti. ARTICOLO 39 VEICOLI A MOTORE, RIMORCHI E SIMILI I rifiuti costituiti da parti di veicoli a motore, carcasse di autoveicoli e motoveicoli, carcasse di autocarri, trattori stradali, rimorchi, caravan, macchine operatrici e simili, devono essere conferiti dai proprietari ai centri di raccolta appositamente autorizzati per la demolizione, l eventuale recupero di parti e la rottamazione. ARTICOLO 40 RIFIUTI INERTI

14 Il conferimento dei materiali provenienti da demolizioni o costruzioni deve avvenire presso discariche autorizzate. Gli stessi non possono pertanto essere conferiti nei sacchi o nei contenitori. Presso le piattaforme intercomunali per la raccolta differenziata potranno essere conferiti, esclusivamente da privati, i predetti materiali derivanti da piccoli interventi edili svolti in economia sino ad un massimo di q.li 1 per anno solare. ARTICOLO 41 DISCARICHE ABUSIVE In caso di deposito abusivo di rifiuti su aree pubbliche o di uso pubblico i responsabili dovranno provvedere alla pulizia dell area ed alla rimozione dei rifiuti raccolti. Qualora i responsabili non procedessero alla pulizia dell area ed alla rimozione dei rifiuti o non fosse possibile accertare l identità dei responsabili, il Comune eseguirà direttamente i lavori di bonifica dell area interessata e in caso di identità nota dei responsabili, al recupero degli oneri sostenuti. ARTICOLO 42 ABBANDONO DI RIFIUTI SANZIONI 1. Chiunque viola le disposizione del presente Regolamento, in tema di abbandono o deposito di rifiuti, è punito con la sanzione amministrative pecuniaria di cui all articolo 50 del decreto legislativo 22 dicembre 1997 e successive modificazioni ed integrazioni. 2. Chiunque non ottempera all ordinanza sindacale di cui all articolo 14, comma 3, del decreto legislativo 22 dicembre 1997, è punito con la sanzione prevista dall articolo 50 dello stesso decreto. ARTICOLO 43 RIFERIMENTO ALLA LEGGE Per quanto non previsto nel presente Regolamento vale quanto disposto dal D. Lgs 5 febbraio 1997, n. 22 e dalla legislazione in materia di rifiuti urbani, e dalle norme igienico-sanitarie emanate dalla C.E.E., dallo Stato Italiano e dalla Regione. ARTICOLO 44 ENTRATA IN VIGORE DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento entra in vigore dopo l esame della deliberazione comunale di adozione, trascorsi 15 giorni dalla data di pubblicazione all Albo Pretorio del Comune e annulla e sostituisce ogni precedente norma regolamentare.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Consorzio Intercomunale di Servizi per l Ambiente LOGO COMUNE COMUNE di REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E PER L IGIENE DEL SUOLO data: OTTOBRE 2012 SOMMARIO

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 - Oggetto del regolamento TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina dei servizi di raccolta, trasporto e conferimento a smaltitori finali dei rifiuti

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Venerdì, 10 dicembre 2010 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 10 dicembre 2010 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA UFFICIALE PARTE

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Deliberazione n. 105

Deliberazione n. 105 Protocollo RC n. 856/03! Anno 2005 VERBALE N. 32 Deliberazione n. 105 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Seduta Pubblica del 12 maggio 2005 Presidenza: MANNINO - CIRINNA' L

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

CO M U N E D I AV E L L I N O

CO M U N E D I AV E L L I N O COMUNE DI AVELLINO R E G O L A M E N T O P E R L I S T I T U Z I O N E E L A P P L I C A Z I O N E D E L T R I B U T O C O M U N A L E S U I R I F I U T I E S U I S E R V I Z I ( T A R E S ) R I F E R

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ;

Regolamento per l utilizzo delle aree verdi comunali e di libero accesso ; Allegato A RICHIESTA AFFIDAMENTO AREE VERDI COMUNALI E RIDUZIONE TARES OGGETTO: Richiesta affidamento area verde comunale e riduzione TARES. Il sottoscritto.. nato a il.. residente a in Via.. n... CHIEDE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Comune di Lavis PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l utilizzo dei parcheggi di proprietà comunale Approvato con deliberazione consiliare n. 57 di data 11/08/2011 1 ARTICOLO 1 OGGETTO

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Etra S.p.A. Energia Territorio Risorse Ambiente REGOLAMENTO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Approvato dall Assemblea di ATO Brenta il 26 aprile 2010 con deliberazione n. 2 INDICE TITOLO I Disposizioni generali...

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 29.01.2013 SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE INDICE NORME GENERALI...

Dettagli

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA

che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... CoMPoStAggio CARtieRA VetReRiA che fine fanno i tuoi Rifiuti? ognuno ha la sua strada... VetReRiA CARtieRA CoMPoStAggio Regione del Veneto Presidente Giancarlo Galan Assessore alle Politiche dell Ambiente Giancarlo Conta Segretario

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 305 del 29.11.2006 modificato con deliberazioni del C. C. n. 183 del 03.08.2007, n. 270

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli