BRUCIAMENTO DI ATTINIDI MINORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BRUCIAMENTO DI ATTINIDI MINORI"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Nucleare Dottorato di Ricerca in SCIENZA E TECNOLOGIA NEGLI IMPIANTI NUCLEARI XIII ciclo - A. A. 1997/ /2000 BRUCIAMENTO DI ATTINIDI MINORI E PLUTONIO IN REATTORI PWR Tesi di Dottorato di: Dott. Ing. CLAUDIO SUDATI Tutore: Prof. VINCENZO SANJUST Coordinatore: Prof. MARZIO MARSEGUERRA

2 Indice Indice I INTRODUZIONE 1 CAPITOLO 1 Bruciamento di Attinidi Introduzione I rifiuti radioattivi Smaltimento dei rifiuti radioattivi ad alta attività Bruciamento dei rifiuti radioattivi Bruciamento degli Attinidi Processo di spallazione Bruciamento di Attinidi in LWRs Bruciamento di Attinidi in matrice inerte Conclusioni 18 BIBLIOGRAFIA 19 CAPITOLO 2 Strumenti di calcolo Introduzione Il sistema integrato SCALE e la procedura SAS2H SCALE-4: moduli funzionali e librerie SAS2H: descrizione generale della procedura di calcolo SAS2H: preparazione delle sezioni d urto del combustibile SAS2H: approssimazioni e considerazioni finali Il codice Monte Carlo MCNP MCNP: metodi statistici e metodi deterministici Le librerie nucleari di MCNP Sorgenti in MCNP

3 Indice Tallies e Output Stima degli errori e metodi di riduzione della varianza La geometria in MCNP Sorgenti e calcoli di criticità Stime del coefficiente k eff Tallies Accoppiamento MCNP-ORIGEN-S Il codice ORIGEN-S MCNP in funzione di ORIGEN-S 71 BIBLIOGRAFIA 73 CAPITOLO 3 Bruciamento di Np, Am e Cm Introduzione Impostazioni del bruciamento: ipotesi e semplificazioni La simulazione MCNP Bruciamento di Np, Am e Cm in 4 tubi guida Bruciamento di Np: risultati e analisi Bruciamento di Am: risultati e analisi Bruciamento di Cm: risultati e analisi Considerazioni sul bruciamento 98 BIBLIOGRAFIA 99 CAPITOLO 4 Bruciamento di una miscela di MA Introduzione Composizione della miscela di MA Risultati e analisi 110 BIBLIOGRAFIA

4 Indice 111 CAPITOLO 5 Radiotossicità Introduzione Determinazione della radiotossicità Risultati ed analisi Conclusioni 122 BIBLIOGRAFIA 123 CAPITOLO 6 Il problema del Plutonio Introduzione Lo sfruttamento dell Uranio nei reattori termici L eliminazione del Plutonio Il bruciamento del Plutonio Bruciamento di Pu militare: confronto tra MOX e TOX 137 BIBLIOGRAFIA 139 CAPITOLO 7 Bruciamento di Pu militare Introduzione Definizioni Impostazione delle simulazioni: ipotesi e semplificazioni Impostazione delle simulazioni: metodo di calcolo Bruciamento: risultati ed analisi Radiotossicità Conclusioni 162 BIBLIOGRAFIA

5 Indice 163 CONCLUSIONI 168 INDICE DELLE TABELLE 171 INDICE DELLE FIGURE 174 APPENDICE A 180 APPENDICE B 182 RINGRAZIAMENTI

6 Alla mia Famiglia, per l amore con cui mi sostiene A fratel Tobia Mapelli, autentica testimonianza dell amore di Gesù

7 Introduzione I INTRODUZIONE L incidente verificatosi il 26 Aprile 1986 presso la centrale elettronucleare di Chernobyl (Ucraina) ha rappresentato un punto di svolta nella storia dell energia nucleare. La gravità dell evento e la conseguente enorme ondata emotiva nell opinione pubblica hanno, di fatto, portato ad un ripensamento generale della via nucleare, per lo meno nel mondo occidentale. La progettazione degli impianti di tipo nucleare è stata rivista per tener conto di un fenomeno fino allora ritenuto praticamente impossibile (la fusione del nocciolo), e nuovo impulso è stato dato nella ricerca di tipologie di impianti a sicurezza avanzata (intrinseca e passiva). Nel contempo, l opinione pubblica si è resa conto del pericolo associato ad un utilizzo improprio di una tale fonte di energia, ed il grado di diffidenza verso lo sfruttamento di questa forma energetica si è rafforzato a tal punto da costringere alcuni stati europei a rivedere la propria politica energetica (Svezia e Germania hanno recentemente annunciato di voler progressivamente abbandonare la produzione di energia elettrica per via nucleare). Ma il problema dell accettazione della fonte energetica nucleare non si ferma solo alle tematiche legate alla sicurezza degli impianti nucleari. Agli occhi dell opinione pubblica emerge come sempre più pressante il problema della gestione delle scorie radioattive e delle crescenti scorte di Plutonio, causate dal funzionamento dei reattori commerciali e dall attività di riciclo del combustibile attuata in quelle nazioni che sposano la politica dei

8 Introduzione II cicli chiusi. A tutto ciò si deve aggiungere un altra problematica, fonte di serie preoccupazioni non solo per l opinione pubblica ma anche per la comunità scientifica internazionale, relativa allo smaltimento delle ingenti quantità di Plutonio di origine militare che i recenti trattati di smilitarizzazione tra USA e URSS rendono ora disponibile (Start II, Gennaio 1993). Sui problemi dell eliminazione dei rifiuti radioattivi e delle scorte di Plutonio è incentrato questo lavoro di ricerca. Come possibile soluzione per il problema dei rifiuti radioattivi, si è cercato di valutare l efficacia del bruciamento (1) prolungato di Attinidi Minori (MA) in reattori PWRs. Per il problema del Plutonio, tenendo presente che, per considerazioni strategiche ed energetiche, non può essere classificato come rifiuto, è stata proposta ed analizzata una plausibile strategia di riutilizzo del Plutonio di grado militare (Pu WG) impiegato come combustibile insieme al Torio in reattori PWRs, dimostrando la validità di impiego del Torio rispetto ad un analogo sistema basato su combustibile MOX. BRUCIAMENTO DI ATTINIDI MINORI L utilizzo di reattori termici per il bruciamento di Attinidi Minori, i principali rifiuti derivanti dalla reazione di fissione insieme ai Prodotti di Fissione, è una soluzione su cui si concentrano rilevanti sforzi della comunità scientifica internazionale [1, 2] e nasce dall osservazione che, benché teoricamente uno spettro veloce consenta risultati migliori, la stragrande maggioranza dei reattori commerciali attualmente in esercizio è costituita da reattori LWRs (in particolare PWRs). Diverse ricerche, in tal senso, sono state condotte presso il Dipartimento di Ingegneria Nucleare del (1) La definizione di bruciamento è data nel Capitolo 1

9 Introduzione III Politecnico di Milano [3, 4, 5, 6, 7,8]; in particolare, questo lavoro prosegue quanto fatto in [8], sia per l impostazione che per la metodologia di calcolo. In base alle conclusioni a cui sono giunti i lavori citati, per impostare una strategia in grado di ottenere risultati significativi con spettri termici è necessario prevedere bruciamenti prolungati nel tempo. Il lavoro svolto ha quindi simulato il bruciamento separato di 237 Np, di Am ( 241 Am e 243 Am) e di Cm ( 243 Cm, 244 Cm e 245 Cm) e di alcuni Prodotti di Fissione a lunga vita ( 99 Tc, 129 I e 135 Cs) sotto forma di ossidi dispersi in matrice inerte, per un periodo di 30 anni (allo scopo di valutarne il diverso comportamento), e il bruciamento di una miscela costituita dall insieme degli stessi isotopi. L analisi ha posto l accento, oltre che sul consumo degli isotopi irraggiati, sui parametri fondamentali per la valutazione del corretto funzionamento del reattore e sul calcolo della radiotossicità, parametro fondamentale per valutare correttamente l adeguatezza delle operazioni di bruciamento dei rifiuti radioattivi in reattore. I risultati ottenuti dimostrano in maniera inconfutabile che, a fronte di un notevole dispendio economico e di difficoltà tecnologiche tuttora da risolvere (in particolare, il problema più difficile da risolvere riguarda la progettazione di guaine in grado di resistere a campi neutronici elevati per tempi così prolungati) e nonostante tempi di irraggiamento così lunghi, il bruciamento di Attinidi Minori in reattori termici non porta a vantaggi tali da giustificarne il ricorso. Nel Capitolo 1 viene analizzato, in termini qualitativi, il problema del bruciamento di Attinidi, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista

10 Introduzione IV tecnologico, con particolare attenzione ai problemi legati al bruciamento in reattori PWRs. Nel Capitolo 2 sono descritti gli strumenti di calcolo utilizzati, costituiti dal sistema integrato di codici calcolo SCALE e dal codice Monte Carlo MCNP. In particolare, dopo aver brevemente illustrato le funzionalità dei diversi codici appartenenti a SCALE e al modo operativo con cui il modulo di controllo SAS2H li gestisce, viene descritta la catena di accoppiamento tra MCNP e il codice ORIGEN-S appartenente a SCALE, utilizzata per il bruciamento di Attinidi Minori. Tale catena di calcolo, messa a punto precedentemente in [8], è stata sottoposta ad un processo di ottimazione che ha consentito di ottenere significative riduzioni dei tempi di calcolo e l implementazioni di nuove caratteristiche necessarie per il lavoro svolto. Nei Capitoli 3 e 4 sono riportati i risultati riguardanti, rispettivamente, il bruciamento separato di Np, Am e Cm ed il bruciamento della miscela costituita dall insieme degli stessi. In particolare, il Capitolo 3 elenca le ipotesi e le semplificazioni introdotte nelle simulazioni effettuate. Nel Capitolo 5, dopo aver decritto il programma SUMDANC, realizzato ed ottimizzato per i calcoli di radiotossicità effettuati in questo lavoro, sono riportati i risultati relativi alla valutazione della radiotossicità prodotta nei casi analizzati. BRUCIAMENTO DI PLUTONIO MILITARE Nel corso degli anni, a causa del progressivo mutamento dello scenario geo-politico internazionale, si è assistito ad un completo ribaltamento del ruolo del Plutonio all interno del ciclo di combustibile. Inizialmente reputato di fondamentale importanza, a causa dell alto valore di energia estraibile, il Plutonio fu oggetto di notevoli sforzi nella ricerca di soluzioni volte ad

11 Introduzione V incrementarne la produzione in reattore. Logica conseguenza di tutti questi tentativi era l introduzione su larga scala dei reattori veloci, in grado di compiere la completa rigenerazione del combustibile e quindi di risolvere i problemi di approvvigionamento dell Uranio. In seguito al forte rallentamento dell incremento della produzione di energia elettrica per via nucleare nel mondo, che ha prodotto un accumulo di consistenti scorte di U arricchito e causato una flessione del suo prezzo, l approvvigionamento di Uranio non sembra più essere un problema attuale. Di conseguenza, ha perso parte della sua originaria importanza il progetto relativo ai reattori veloci, la cui introduzione, peraltro, risulta ostacolata da problemi tecnici e da costi eccessivi. Neanche l introduzione su scala commerciale dei reattori termici alimentati a combustibile MOX ha sortito l effetto desiderato di eliminazione delle sempre più crescenti scorte di Plutonio di origine civile. A tutto ciò si deve aggiungere l allarme che nasce dal problema dello smantellamento delle testate nucleari previsto dal trattato START II, stipulato nel Gennaio 1993 tra gli allora presidenti R. Regan (USA) e M. Gorbaciov (ex-urss): si stima che circa 100 ton di Plutonio di origine militare andranno ad aggiungersi alle scorte derivanti dal ritrattamento del combustibile civile. Queste considerazioni sono ampiamente analizzate nel Capitolo 6 insieme ad una panoramica il più possibile esaustiva (anche se necessariamente qualitativa) sulle possibili strategie di risoluzione di quello che oramai viene considerato a tutti gli effetti il problema del Plutonio. In questa Tesi, il problema è stato affrontato proponendo una possibile strategia di riutilizzo energetico del Plutonio di origine militare, che preve-

12 Introduzione VI de il suo impiego come combustibile insieme al Torio all interno di reattori PWRs. A tale scopo, è stato realizzato un confronto completo tra un ciclo chiuso basato sull utilizzo di un combustibile di tipo MOX e un ciclo chiuso basato su un combustibile di tipo TOX con l aggiunta di piccole percentuali di Uranio depleto. In entrambe le simulazioni effettuate, si è utilizzato il Plutonio di origine civile per il combustibile iniziale, mentre i ricicli sono stati effettuati introducendo, come materiale fissile di rabbocco, il Pu di origine militare. Il Capitolo 7 presenta i risultati di questo confronto ed elenca le ipotesi assunte come base del confronto. I risultati dimostrano che, oltre ad ottenere la quasi completa eliminazione del Pu, il combustibile TOX risulta essere superiore al combustibile MOX sia in termini di bruciamento del Pu globalmente introdotto che di radiotossicità residua.

13 Introduzione VII BIBLIOGRAFIA [1] - TESI DI DOTTORATO, UNIVERSITÀ DI MARSIGLIA OTTOBRE 1996 HUANG Shio-Ling Physique et Modelisation des Systemes Complexes - Concepts de coeur a neutrons thermiques pour la reduction des Actinides Mineurs [2] - EU Contract F14I-CT Evaluation of Possible Partitioning and Transmutation Strategies and of Means for Implementing Them 1 February January 1999 FINAL REPORT [3] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO LUGLIO 1992 C. Bruschetta Trasmutazione di Transuranici in Reattori Nucleari Termici [4] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO FEBBRAIO 1994 A. Falciai Analisi Spaziale e Funzionamento del Nocciolo di un PWR Bruciatore di Radionuclidi a Lunga Vita [5] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO DICEMBRE 1994 D. Pinciroli Bruciamento di Plutonio e Attinidi in Reattori PWR [6] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO FEBBRAIO 1995 G. Cantù Bruciamento di 237 Np e Am in PWR [7] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO DICEMBRE 1996 C. Sudati Bruciamento di Attinidi in reattori PWR [8] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO APRILE 1997 G. S. Ancona, D. Fontana Bruciamento di Attinidi Minori in reticoli PWR

14 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 1 CAPITOLO 1 Bruciamento di Attinidi 1.1 Introduzione Diverse ipotesi, riguardanti il bruciamento di Attinidi, sono attualmente in fase di studio nella comunità scientifica internazionale. Questo capitolo presenta qualitativamente il problema dal punto di vista fisico e si concentra sulle soluzioni proposte per i reattori LWRs; per una descrizione più esaustiva si rimanda alla letteratura specializzata (in particolare, l articolo [1] presenta alcuni progetti relativi a sistemi veloci). 1.2 I rifiuti radioattivi In ambito internazionale sono considerati rifiuti radioattivi tutti quei materiali prodotti durante l irraggiamento di combustibile nucleare, con l unica eccezione degli isotopi del Plutonio nel ciclo del combustibile tradizionale U-Pu e dell 233 U nel ciclo U-Th. Il Plutonio, infatti, a causa della sua importanza dal punto di vista energetico e strategico, non può essere considerato come tale; esistono, quindi, soluzioni specifiche per il recupero di Plutonio e si parla separatamente di bruciamento di Attinidi e di bruciamento di Plutonio, pur appartenendo quest ultimo a tutti gli effetti al complesso chimico degli Attinidi. Il bruciamento del Plutonio verrà trattato separatamente a partire dal Capitolo 6.

15 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 2 I rifiuti radioattivi si dividono solitamente in due categorie: 1) I Prodotti di Fissione (Fission Products, FP) 2) Gli Attinidi. I primi hanno una distribuzione di massa atomica che va da 76 uma fino a 160 uma circa con un andamento a sella caratterizzato da due massimi i cui valori dipendono dal tipo di materiale fissile impiegato ( 233 U, 235 U, 239 Pu) (1). Dal punto di vista radiologico, sono emettitori $ e ( e sono caratterizzati da una vita media inferiore ai 100 anni con l eccezione di pochi nuclidi tra cui: 14 C, 79 Se, 93 Zr, 99 Tc, 107 Pd, 129 I, 135 Cs (Tabella 1.1). Con il nome di Attinidi si raggruppano tutti gli elementi con numero atomico superiore a quello dell Attinio; a causa della diversa importanza specifica nei cicli di combustibile, si suole distinguerli in Attinidi Principali (Main Actinides), costituiti da Uranio e Plutonio, e in Attinidi Minori (Minor Actinides, MA), costituiti da Nettunio, Americio, Curio e altri transplutonici di minore rilevanza. Dal punto di vista radiologico, hanno caratteristiche differenti dai prodotti di fissione, e precisamente: sono emettitori ", quindi molto più pericolosi dal punto di vista biologico in caso di ingestione o inalazione; hanno tempi di dimezzamento che arrivano a diversi milioni di anni, quindi mantengono la loro attività sostanzialmente inalterata per periodi lunghissimi (Tabella 1.2). I prodotti di fissione sono i responsabili praticamente di tutta l attività residua del combustibile di un reattore LWR fino a circa dieci anni di raffreddamento, mentre l azione degli Attinidi diventa prevalente dopo poche centinaia di anni. (1) Nel caso più comune di 235 U, i massimi sono compresi tra 94 e 100 uma e tra 136 e 142 uma (=unità di massa atomica).

16 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 3 Nuclidi 14 C 79 Se 93 Zr 99 Tc 107 Pd 129 I 135 Cs s a th (barn) T 1/2 (anni) Tabella 1.1 (rif. [1,9]) Nuclidi 232 Th 231 Pa 233 U 235 U 238 U 237 Np 238 Pu 239 Pu 240 Pu 241 Pu 242 Pu 241 Am 242m Am 243 Am 242 Cm 243 Cm 244 Cm 245 Cm 246 Cm 248 Cm 249 Bk 251 Cf 252 Cf s a th (barn) s f th (barn) n sf (2) sf sf sf sf sf 3.157sf 3.395sf sf T 1/2 (anni) giorni giorni Tabella 1.2 (rif. [1, 9]) (2) SF= spontaneus fission

17 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 4 In figura 1.1 è rappresentata la catena di formazione degli Attinidi per irraggiamenti brevi (3) ; questi vengono prodotti sostanzialmente per cattura (n,() a partire dagli elementi costituenti il combustibile iniziale, nonché da decadimenti $ a vita breve nel caso in cui il composto formato in seguito alla cattura neutronica sia particolarmente instabile. Il meccanismo di formazione degli Attinidi viene ulteriormente complicato dal fatto che ciascun nuclide formatosi decade secondo uno schema che dipende dalla catena di decadimento di appartenenza. In Appendice A sono rappresentate le catene di decadimento naturali dell 235 U, dell 238 U, dell 232 Th e la catena artificiale del 237 Np. 1.3 Smaltimento dei rifiuti radioattivi ad alta attività Nei paesi in cui si persegue la strategia del ciclo aperto, il combustibile che ha terminato il ciclo in reattore viene considerato il principale rifiuto ad alta attività e viene quindi destinato direttamente allo smaltimento (4) definitivo previo condizionamento in appositi contenitori, dopo un periodo di raffreddamento opportuno in depositi temporanei. Nei paesi in cui invece si persegue la politica dei cicli chiusi, il combustibile esaurito viene ritrattato chimicamente (processo Purex) con lo scopo di separare il combustibile fissile residuo (U e Pu) dai rifiuti radioattivi: questi sono i residui di tale processo, inizialmente allo stato liquido (HLLW, High Level Liquid Waste), e contengono tutti i prodotti di fissione e gli Attinidi minori, nonché percentuali inferiori all 1% di U e Pu costituenti le inevitabili perdite di lavorazione. (3) Di durata paragonabile ai tempi di permanenza in reattore: non sono inclusi quindi i nuclidi con T ½ superiori. (4) Per smaltimento si intendono quell insieme di operazioni che conducono al definitivo allontanamento ed isolamento dei rifiuti dalla biosfera; una volta compiuto, non sono previsti ulteriori interventi a parte i continui monitoraggi previsti dalla normativa.

18 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 5 Th230 n,g b Th h n,g n,2n Pa231 n,g Th232 Pa232 b n,g n,g Th233 Pa233 n,g n,g Th234 b Pa234 b 24 g 1 m U232 n,g U233 n,g U234 n,g Nuclidi non fissili o fissili per neutroni veloci Nuclidi fissili U235 n,g U236 Np236 b Pu236 n,g n,2n U237 b 6,8 g Np237 n,g n,2n n,g U238 Np238 b Pu238 2,1 g n,g n,g U239 b Np239 b Pu239 23,5 m 2,3 g n,g n,2n Pu240 Figura 1.1: Catena di formazione sotto irraggiamento (fonte: riferimenti [1,8] n,g n,g Pu241 b Am241 n,g 14 a 11% 89% Pu242 Am242m Am242 b Cm h n,g 84% n,g b+ b Pu243 Am h Cm243 5 h 16% n,g n,g b a Am244 Cm h n,g 18,11 h Cm245 a 163 g Z=

19 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 6 Questi vengono in seguito solidificati e immobilizzati in matrici generalmente di tipo vetroso (5) destinate allo smaltimento definitivo in formazioni biologiche profonde. Tale soluzione è ritenuta affidabile e sicura dalla comunità scientifica internazionale, ma si scontra di fatto con la sempre più crescente opposizione all individuazione e qualificazione dei depositi geologici esercitata dalle autorità locali e dalle popolazioni interessate sui territori di propria competenza. I motivi di fondo di tale opposizione sono legati non tanto alla presunta o meno affidabilità di tali siti, quanto piuttosto all incertezza sulle previsioni a lunghissimo termine legate al comportamento dei radionuclidi che richiedono forzatamente un isolamento plurimillenario. Nasce proprio da questa consapevolezza (che non può essere ignorata nella realizzazione di una politica di smaltimento dei rifiuti radioattivi) l idea di una distruzione totale dei radionuclidi a vita più lunga ottenuta per bruciamento. Con questo termine si fa riferimento alla scomparsa dei radionuclidi, ottenuta per trasmutazione (trasformazione dei radionuclidi a vita lunga in altri a vita più breve o stabili o comunque meno pericolosi dal punto di vista radiologico) e fissione degli stessi, mediante irraggiamento neutronico. 1.4 Bruciamento dei rifiuti radioattivi Il tasso di scomparsa di un dato nuclide risulta definito dalla seguente espressione: dn dt ( λ σ( ) φ( ) ) ( λ σ Φ) = N + E E de = N + < > (1.1) (5) O altri materiali a bassa dilavabilità.

20 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 7 dove: N = numero di atomi del nuclide; 8 = costante di decadimento del nuclide; F(E) = sezione d urto di assorbimento N(E) = flusso neutronico differenziale M = flusso neutronico totale <F> = sezione d urto media di assorbimento Una volta fissato lo spettro neutronico, la sola variabile che influenza la scomparsa è il flusso neutronico totale, in quanto <F> risulta essere costante. Per i Prodotti di Fissione, ad eccezione dello 129 I e del 99 Tc, le sezioni d urto di assorbimento sono molto piccole, il che implica la necessità di raggiungere flussi neutronici piuttosto elevati per rendere apprezzabile il rateo di scomparsa per irraggiamento rispetto a quello dovuto al decadimento naturale sempre presente. Come esempio, possiamo citare lo 90 Sr. Avendo questi T 1/2 =28.9 anni e <F a th >= 1.2 b, se ipotizziamo come flusso corrispondente ad un reattore PWR con densità di potenza media di 30 MW/tU e arricchimento del 3.3% in 235 U il valore M= 13 n/cm si ottiene un valore corrispondente di <F>M= /s, da confrontare con 8= /s. In questo caso, si può notare che l effetto del flusso neutronico è inferiore a quello dovuto al semplice decadimento. Va comunque osservato che la pericolosità dei FP viene mitigata dalla possibilità di effettuare la cosiddetta diluizione isotopica (che si ottiene mescolando i nuclidi radioattivi con isotopi stabili degli elementi cui appartengono) (6), soluzione non praticabile con i transuranici. (6) Con l eccezione del 99 Tc, che non può essere diluito in quanto non esistono suoi nuclidi stabili.

21 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 8 Diverso è il caso degli Attinidi. Se come esempio si considera l 241 Am, che ha T 1/2 = 433 anni e <F a th >= 590 b, risulta <F a th >M= /s che confrontato con 8= /s dimostra come in questo caso l irraggiamento neutronico sia senz altro più efficace del semplice decadimento radioattivo. Dato che la maggioranza degli Attinidi si trova nelle stesse condizioni dell 241 Am, sussistono le condizioni per poter effettuare il bruciamento. Naturalmente, occorre tenere presente che gli Attinidi, in maggioranza, si comportano come veleni neutronici quando inseriti in uno spettro termico; esistono, tuttavia, anche ottimi fissili e quindi, per realizzare un efficiente bruciamento, occorre valorizzare la fertilizzazione degli assorbitori e il bruciamento dei fissili. 1.5 Bruciamento degli Attinidi Dalla tabella 1.2, in cui sono elencate le sezioni d urto di fissione e di assorbimento in zona termica ed il numero di neutroni emessi per fissione, si può osservare che gli Attinidi si comportano come veleni neutronici, con l eccezione di qualche ottimo fissile come il 242m Am, il 243 Cm, il 245 Cm e il 251 Cf. Dalla tabella 1.1, in cui sono riportati gli analoghi valori per i FP, si può invece notare che le proprietà di cattura in zona termica di questi ultimi sono sostanzialmente basse. Infine, in tabella 1.3 viene riportato il rapporto " tra le sezioni d urto medie di cattura e di fissione valutate su uno spettro termico e su uno veloce. Si evince facilmente come il passaggio dalla zona termica a quella veloce porti ad una diminuzione di tale rapporto in favore della fissione (7). (7) L 238 U, non citato in tabella, rappresenta un caso limite: in campo termico ha un rapporto " = 1, che diminuisce in seguito all effetto della fissione veloce ad un valore " = 0,14.

22 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 9 Sezioni d urto medie (barn) M Y reattore PWR M Y reattore FBR F f F c " F f F c " Np Np Pu Am Am Am242m Am Cm Cm Cm Cm U Pu Tabella 1.3: Confronto tra spettro termico e spettro veloce per l efficacia del bruciamento σ σ = ( E ) Φ ( E ) de Φ ( E ) de α = σ c σ f

23 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 10 Risulta chiaro come quanto più uno spettro diventa veloce tanto più diventa efficiente per bruciare gli Attinidi, sia perché la fissione diventa prevalente sulla cattura sia perché nel campo veloce diventano fissili anche quegli Attinidi che in campo termico non lo sono (i nuclidi di massa pari). Lo svantaggio è legato al fatto che, se è pur vero che un po tutti fissionano, è anche vero che le sezioni d urto si abbassano drasticamente (8), e quindi è necessario compensare questo fenomeno innalzando i valori di flusso neutronico. Un ulteriore vantaggio che lo spettro veloce consente di sfruttare è il fatto che i veleni neutronici (in particolare le terre rare) fanno certamente sentire molto meno il loro peso. Dal punto di vista tecnologico, si può pensare quindi a sistemi di ritrattamento del combustibile con fattori di decontaminazione assai più bassi; in particolare, è possibile riconsiderare il trattamento di tipo pirometallurgico che, pur non garantendo i fattori di decontaminazione raggiungibili con i sistemi per via acquosa, mantiene tutto in forma solida, consente di lavorare con ridotti volumi di materiale ed elimina la produzione di rifiuti radioattivi liquidi. 1.6 Processo di spallazione Un ulteriore metodo che sempre più sta assumendo importanza nell ambito del bruciamento degli Attinidi è il processo di spallazione. In maniera qualitativa, tale processo consiste nello sbucciare il guscio esterno di un nucleo atomico mediante protoni ad alta energia (9) (circa1000 Mev). Durante il processo vengono prodotti un numero di neutroni variabile tra (8) Come esempio, l 235 U passa da una sezione d urto termica di circa 580 b ad una veloce di circa 1,4 b. (9) È necessario un valore elevato di energia in quanto la lunghezza d onda associata al protone incidente deve avere lo stesso ordine di grandezza della dimensione del nucleo.

24 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi e 40 per ciascun protone incidente con uno spettro del tutto simile a quello di fissione. La moltiplicazione indotta per neutroni di spallazione può essere sfruttata adeguatamente in reattori sottocritici (i cosiddetti Accelerator Driven System, ADS). Il numero totale di fissioni si calcola mediante la seguente relazione: N f = N h + S h k / < (1 - k) dove: N f = n/ totale di fissioni N h = n/ totale di fissioni dovute ai protoni ad alta energia S h = n/ di neutroni prodotti dovuti alle reazioni indotte dai protoni ad alta energia (spallazione, vaporizzazione e fissioni ad alta energia) < = n/ di neutroni per fissioni normali k = fattore di moltiplicazione per fissioni normali Da dati sperimentali è possibile dedurre che l utilizzo della spallazione in reattori sottocritici risulta particolarmente efficace per il bruciamento: solo il 7 % circa degli Attinidi viene bruciato dai protoni incidenti, mentre il restante 93 % circa risulta essere eliminato grazie alle fissioni indotte dai neutroni nati dal processo di spallazione. Come aspetto negativo occorre ricordare che la spallazione realizzata su bersagli di Attinidi porta alla nascita di altri Attinidi. 1.7 Bruciamento di Attinidi in LWRs Il bruciamento di Attinidi in reattori termici ad acqua leggera è certamente la soluzione più analizzata. Infatti, se è pur vero in base a quanto detto finora che un sistema veloce è preferibile ad uno termico per l elimi-

25 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 12 nazione dei rifiuti radioattivi, è altrettanto vero che i reattori LWRs costituiscono la stragrande maggioranza dei rettori commerciali attualmente in esercizio, mentre i programmi relativi ai reattori veloci commerciali continuano a subire interruzioni e non è fuori luogo affermare che la prospettiva economica di tali sistemi sia raggiungibile solo tra qualche decennio. Quando si considerano reattori LWRs come bruciatori di Attinidi, nascono due problemi fondamentali: la penalizzazione del funzionamento del reattore e dei suoi parametri di sicurezza conseguente all introduzione di MA (in quanto veleni neutronici), e la loro gestione extra-reattore, che (a causa della loro alta attività) introduce problemi più critici di quelli derivanti invece dall utilizzo di combustibile tradizionale. Le diverse modalità realizzabili per il bruciamento di Attinidi in reattori termici sono le seguenti: bruciamento omogeneo: riciclo uniforme degli Attinidi estratti dal combustibile irraggiato in tutte le barrette che costituiscono gli elementi di combustibile del reattore bruciatore; bruciamento eterogeneo in barre speciali: alcune barrette degli elementi di combustibile introdotti nel reattore bruciatore vengono sostituite con barrette contenenti Attinidi (special pin, SP); bruciamento eterogeneo in strutture speciali: riciclo di tutti gli Attinidi scaricati in un numero limitato di elementi speciali di combustibile (ad esempio le CROCIERE [2, 3, 4, 5, 6, 7]). La scelta di una delle alternative possibili deve essere fatta sulla base della valutazione dei parametri determinanti per sicurezza del reattore, del

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile DIMNP (University of Pisa) & DIPTEM (University of Genova) e-mail: g.lomonaco@ing.unipi.it Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile Dr. Ing. Scorie Nucleari e Cicli Innovatici 1 Le scorie nucleari

Dettagli

Per innovativi si intendono quei sistemi che, rispetto alla generazione attuale, presentano una o più delle seguenti caratteristiche:

Per innovativi si intendono quei sistemi che, rispetto alla generazione attuale, presentano una o più delle seguenti caratteristiche: 18. Ciclo del combustibile Fino verso la fine degli anni '70 vi è stato un forte interesse allo sviluppo dei reattori veloci, in quanto sistemi capaci di produrre, attraverso il meccanismo della fertilizzazione

Dettagli

Energia nucleare e problematiche ambientali

Energia nucleare e problematiche ambientali Energia nucleare e problematiche ambientali R. Mezzanotte, M. Altavilla Giornata di Studio: Energia nucleare nuove prospettive ed opportunità Terni, 7 Marzo 2008 Energia nucleare e problematiche ambientali

Dettagli

Energia nucleare e risorse energetiche

Energia nucleare e risorse energetiche Energia nucleare e risorse energetiche Vera Montalbano Dipartimento di Fisica Università di Siena Riserva Naturale del Pigelleto 7-10 settembre 2009 Le conquiste della fisica moderna L'elemento più usato

Dettagli

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone Produzione di CO2 da fonti energetiche fossili e non fossili Produzione specifica di CO 2 da centrali a combustibili fossili Produzione specifica di CO 2 da diversi mix energetici Ruolo dell energia nucleare

Dettagli

Il nucleo degli atomi

Il nucleo degli atomi Il nucleo atomico 1. Energia di legame nucleare 2. La radioattività naturale 3. Banda di stabilità degli isotopi degli elementi naturali 4. Decadimenti radioattivi 5. Reazioni nucleari Il nucleo degli

Dettagli

Antonio De Blasiis Modelli matematici per l ingegneria nucleare

Antonio De Blasiis Modelli matematici per l ingegneria nucleare A09 Antonio De Blasiis Modelli matematici per l ingegneria nucleare Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca

Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Misure di fallout radioattivo da Fukushima al Dipartimento di Fisica di Milano-Bicocca Ezio Previtali INFN Sezione Milano Bicocca Università di Milano Bicocca Misure di Elementi in Ultra-Tracce Fisica

Dettagli

Aumento costante del consumo di energia nel mondo (+ 50 % nel 2020):

Aumento costante del consumo di energia nel mondo (+ 50 % nel 2020): La produzione di energia nel mondo Passato e presente Futuro Aumento della popolazione mondiale (10 miliardi nel 2050) Miglioramento generale degli standard di vita (soprattutto nell area BRIC) Aumento

Dettagli

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario

Data firma: 14/01/2014 Elenco dei co-firmatari dell'atto. Nominativo co-firmatario ATTO CAMERA RISOLUZIONE IN COMMISSIONE CONCLUSIVA DI DIBATTITO 8/00032 Dati di presentazione dell'atto Legislatura: 17 Seduta di annuncio: del / / Firmatari Primo firmatario: BENAMATI GIANLUCA Gruppo:

Dettagli

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011

Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente. Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 Energia nucleare e nuove tecnologie: riflessioni su sicurezza e ambiente Lezioni Lincee di Fisica Università di Milano Bicocca 20 maggio 2011 RISCHI SANITARI DA FALL OUT RADIOATTIVO Giampiero Tosi Fall

Dettagli

Capitolo 4 Le scorie nucleari e la radiotossicità

Capitolo 4 Le scorie nucleari e la radiotossicità Capitolo 4 Le scorie nucleari e la radiotossicità 4.1 - Le scorie nucleari Con il termine di scorie nucleari si intende indicare il combustibile esausto originatosi all interno dei reattori nucleari nel

Dettagli

L energia nucleare La radioattività

L energia nucleare La radioattività L energia nucleare La radioattività La radioattività fu scoperta nel 1896 da Henri Bequerel, un fisico francese che per primo osservò l emissione spontanea di radiazioni da un pezzo di un minerale di uranio,

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

L incidente di Fukushima

L incidente di Fukushima L incidente di Fukushima DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Nel distretto di Fukushima vi sono due centrali nucleari: Fukushima

Dettagli

L inventario dei rifiuti radioattivi di II categoria presenti sul territorio nazionale e da conferire al deposito definitivo comprende:

L inventario dei rifiuti radioattivi di II categoria presenti sul territorio nazionale e da conferire al deposito definitivo comprende: Pag. 36 di 114 6 INVENTARIO DI II CATEGORIA 6.1 Premessa La Guida Tecnica n. 26 definisce come rifiuti di II categoria i rifiuti a bassa e media attività che contengono essenzialmente radionuclidi con

Dettagli

Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it

Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it Reattori Nucleari di IV Generazione Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it Enrico MAINARDI, ingegnere nucleare e dottorato in Energetica, ha collaborato con università

Dettagli

Visita al reattore nucleare di Pavia

Visita al reattore nucleare di Pavia Visita al reattore nucleare di Pavia Relazioni degli studenti Classe 4A Samuele Anelli Paolo Bramini Giorgia Cantoni Alice Cigognini Nicola Citi Ines Jihel Nicole Milani Luca Rizzo Francesco Vergnaghi

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi

Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi Sicurezza degli impianti e gestione dei rifiuti radioattivi di Giancarlo Bolognini* In tutto il mondo sono state a oggi costruite e messe in funzione oltre 500 centrali nucleari; la maggior parte di esse

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

Energia dal Nucleo. Ezio Previtali

Energia dal Nucleo. Ezio Previtali Energia dal Nucleo Ezio Previtali Struttura dell atomo m = 5.5x10-4 a.m.u. r ~ 1 Å = 10-10 m m = 1 a.m.u.= 1.7x10-27 kg r ~ 1 fm = 10-15 m R n = R 0 A 1/3 R 0 = 1.2 fm La carta dei nuclidi Isotopi = stesso

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006

LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 1 LA PIANIFICAZIONE DELLE EMERGENZE RADIOLOGICHE NEL TRASPORTO DI MATERIALE RADIOATTIVO ALLA LUCE DEL DPCM 10/2/2006 Convegno Le emergenze radiologiche e nucleari Problematiche radioprotezionistiche, operative

Dettagli

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015

Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Decreto del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45.

Dettagli

Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare

Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare Fisica nucleare radioattività, fusione e fissione nucleare Christian Ferrari Liceo di Locarno Il nucleo atomico: aspetti storici 1 L ipotesi del nucleo atomico risale al 1911 e fu formulata da Rutherford

Dettagli

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO

RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Caratterizzazione del flusso neutronico in uscita del collimatore del canale tangenziale

Dettagli

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone

1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone Unità n 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

Radioattività e dosimetria

Radioattività e dosimetria Radioattività e dosimetria Un nucleo atomico è caratterizzato da: IL IL NUCLEO ATOMICO numero atomico (Z) che indica il numero di protoni numero di massa (A) che rappresenta il numero totale di nucleoni

Dettagli

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO

ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO ANALISI AGLI ELEMENTI FINITI IN GEOTECNICA: UN PRIMO APPROFONDIMENTO 2 GENERALITA SUL METODO AGLI ELEMENTI FINITI. Il Metodo agli Elementi Finiti (F.E.M.) è una tecnica avanzata di risoluzione di equazioni

Dettagli

Il problema dei residui radioattivi del ciclo del combustibile nucleare: Trasmutazione con sistemi sottocritici pilotati da acceleratore.

Il problema dei residui radioattivi del ciclo del combustibile nucleare: Trasmutazione con sistemi sottocritici pilotati da acceleratore. Il problema dei residui radioattivi del ciclo del combustibile nucleare: Trasmutazione con sistemi sottocritici pilotati da acceleratore. Marco Napolitano Università Federico II e INFN, Napoli La sfida

Dettagli

Energia da processi nucleari

Energia da processi nucleari Energia da processi nucleari G. Bosia Dipartimento di Fisica Università di Torino Produzione di energia nucleare La possibilità di estrarre energia da processi nucleari è legata all eccesso di massa. Fusion

Dettagli

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO

L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO Tolmezzo, 27 maggio 2011 L ENERGIA NUCLEARE NEL MONDO G. Comini CISM Dipartimento di Energia e Ambiente Preoccupazioni Sicurezza, in quanto le centrali nucleari sono viste come un rischio per la salute

Dettagli

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015

MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 7 agosto 2015 Classificazione dei rifiuti radioattivi, ai sensi dell'articolo 5 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 45. (15A06407)

Dettagli

Indice. Bibliografia... 23

Indice. Bibliografia... 23 Indice 1 Legge del decadimento radioattivo......................... 1 1.1 I fenomeni radioattivi.................................... 1 1.2 La legge esponenziale del decadimento radioattivo........... 4

Dettagli

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione.

tutela. Il richiedente deve altresì dimostrare di conoscere gli elementi essenziali della sorveglianza fisica della protezione. ALLEGATO V ISTITUZIONE DEGLI ELENCHI DEGLI ESPERTI QUALIFICATI E DEI MEDICI AUTORIZZATI E DETERMINAZIONE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 78 E 88 DELLE MODALITÀ, TITOLI DI STUDIO, ACCERTAMENTO DELLA CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE

Dettagli

Metodi di datazione di interesse archeologico

Metodi di datazione di interesse archeologico Metodi di datazione di interesse archeologico Radioattività La radioattività, o decadimento radioattivo, è un insieme di processi fisico-nucleari attraverso i quali alcuni nuclei atomici instabili o radioattivi

Dettagli

April 11, 2011. Fisica Nucleare. Monica Sambo. Sommario. Introduzione. Radioattivitá. Fisica del nucleo. Bibliografia. Esempio. Raggi emessi Esempio

April 11, 2011. Fisica Nucleare. Monica Sambo. Sommario. Introduzione. Radioattivitá. Fisica del nucleo. Bibliografia. Esempio. Raggi emessi Esempio April 11, 2011 1 2 3 4 Indicando con Z il numero dei protoni (numero atomico dell atomo) e con N il numero dei neutroni si definisce A il numero di massa del : A = Z + N (1) Nei nuclei leggeri si ha la

Dettagli

L energia nucleare. Tesina di SCIENZE. Studente: Filippo Turchi ESAME DI Classe 3ª Sez. E LICENZA MEDIA Anno scolastico 2008/2009

L energia nucleare. Tesina di SCIENZE. Studente: Filippo Turchi ESAME DI Classe 3ª Sez. E LICENZA MEDIA Anno scolastico 2008/2009 SCUOLA MEDIA STATALE BUSONI - VANGHETTI EMPOLI L energia nucleare Studente: Filippo Turchi ESAME DI Classe 3ª Sez. E LICENZA MEDIA Anno scolastico 2008/2009 Tesina di SCIENZE L ENERGIA NUCLEARE Massa ed

Dettagli

Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV. I-131 nel particolato atmosferico

Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV. I-131 nel particolato atmosferico mbq/m3 Controllo degli effetti in Veneto degli incidenti alle centrali nucleari giapponesi (06.05.11), a cura dell ARPAV PARTICOLATO ATMOSFERICO Ogni giorno (con eventuale integrazione nei fine settimana

Dettagli

Sistemi nucleari per l energia

Sistemi nucleari per l energia DIPTEM/TEC, Università di Genova, Italy Sistemi nucleari per l energia Prof. Giovanni Guglielmini Breve storia dell energia nucleare -1896 La scoperta della radioattività (Becquerel) -1898 Studi sulla

Dettagli

ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU

ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU ALLEGATO Circolare Gestione allarmi radiometrici in impianti di trattamento/smaltimento RSU La presente circolare, ha lo scopo di fare il punto sulla problematica allarmi radiometrici presso gli impianti

Dettagli

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso

Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso 1 Iter autorizzativo per la dismissione della Centrale di Caorso Ing. Lamberto Matteocci Il Decommissioning della Centrale di Caorso e la Gestione dei Rifiuti Radioattivi 30 Settembre 2015 2 FUNZIONI e

Dettagli

b) Conversione diretta dell energia solare in energia elettrica: i pannelli fotovoltaici Pesaro, 21 e 28 Maggio 2014

b) Conversione diretta dell energia solare in energia elettrica: i pannelli fotovoltaici Pesaro, 21 e 28 Maggio 2014 Parte 1 - La questione energetica Parte 2 : alcune fonti per produzione di energia elettrica a) L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione b) Conversione diretta dell energia solare in

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009

LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE. Rapporto anni 2006-2009 DIPARTIMENTO TEMATICO RADIAZIONI LA RADIOATTIVITA AMBIENTALE IN PIEMONTE Rapporto anni 2006-2009 RETI LOCALI DI MONITORAGGIO DEI SITI NUCLEARI La Regione Piemonte ospita sul proprio territorio tre siti

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E L ENERGIA NUCLEARE

IL NUCLEO ATOMICO E L ENERGIA NUCLEARE IL NUCLEO ATOMICO E L ENERGIA NUCLEARE Il nucleo atomico Struttura atomica Elementi e isotopi Forze nucleari Decadimento radioattivo Fissione e fusione L energia nucleare Reattori nucleari Centrali nucleari

Dettagli

Idee e possibili soluzioni per il problema delle scorie nucleari

Idee e possibili soluzioni per il problema delle scorie nucleari Corso di Perfezionamento in Tecnologie della Pace e del Disarmo Anno accademico 2004-2005 2 a Parte della Lezione n o 10 Idee e possibili soluzioni per il problema delle scorie nucleari Alexis POMPILI

Dettagli

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank.

LE RADIAZIONI. E = h. in cui è la frequenza ed h una costante, detta costante di Plank. LE RADIAZIONI Nel campo specifico di nostro interesse la radiazione è un flusso di energia elettromagnetica o di particelle, generato da processi fisici che si producono nell atomo o nel nucleo atomico.

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

Domande alla scienza: Come funzionano le centrali nucleari e cosa è successo a Fukushima?

Domande alla scienza: Come funzionano le centrali nucleari e cosa è successo a Fukushima? Domande alla scienza: Come funzionano le centrali nucleari e cosa è successo a Fukushima? Stefano Covino INAF / Osservatorio Astronomico di Brera Vimercate UTL 2011 Quanto è importante il nucleare? Il

Dettagli

3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA

3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA 3.2 CARATTERIZZAZIONE MECCANICA DELLE FIBRE DI JUTA La caratterizzazione meccanica delle fibre di juta è stata effettuata in collaborazione con il Dott. S. S. Tripathy [21], sia per la conduzione sperimentale

Dettagli

Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature. Ing. Giuseppe Sedda

Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature. Ing. Giuseppe Sedda Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature Ing. Giuseppe Sedda Allegato I: Attività di cui all articolo 2, lettera a, punto iv Ciascuno Stato rilascia all Agenzia.: iv) una descrizione

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTE FOSSILE E NUCLEARE Ing. Mauro Venturini Ing. Mauro Venturini Dipartimento di Ingegneria Sommario Produzione di energia da fonte fossile Impianti a vapore d acqua Turbine

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI

GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI GUIDA TECNICA N. 26 GESTIONE DEI RIFIUTI RADIOATTIVI I. INTRODUZIONE I.1 Premessa I principi fondamentali a cui si deve far riferimento per la gestione dei rifiuti radioattivi sono quelli della protezione

Dettagli

Gestione dei rifiuti radioattivi

Gestione dei rifiuti radioattivi Gestione dei Ing. Esperto Qualificato grado III Gestione e smaltimento dei. Obiettivi Fornire il tessuto regolatorio per la Gestione dei Rifiuti Radioattivi Fornire le linee guida base per una corretta

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività

GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività GUIDA TECNICA N. 29 Criteri per la localizzazione di un impianto di smaltimento superficiale di rifiuti radioattivi a bassa e media attività RELAZIONE ILLUSTRATIVA I rifiuti radioattivi in Italia I rifiuti

Dettagli

Confronto Energetico. Un case study sulle tecniche di produzione dell energia

Confronto Energetico. Un case study sulle tecniche di produzione dell energia Confronto Energetico Un case study sulle tecniche di produzione dell energia Jacopo Barbati GFE Pescara Giugno 2011 Sommario Introduzione... 3 Petrolio... 4 Nucleare... 5 Fotovoltaico... 6 Eolico... 7

Dettagli

L energia nucleare. INFN Sezione di Bari

L energia nucleare. INFN Sezione di Bari L energia nucleare Vantaggi, limiti e prospettive future N. Colonna INFN Sezione di Bari 1 La produzione di CO 2 Report of the Intergovernmental Panel on Climate Changes (IPCC), 2007 www.ipcc wg1.unibe.ch/publications/wg1

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI

RADIAZIONI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI IONIZZANTI RADIAZIONI Le radiazioni ionizzanti sono quelle onde elettromagnetiche in grado di produrre coppie di ioni al loro passaggio nella materia (raggi X, raggi gamma, raggi corpuscolari). Le radiazioni non

Dettagli

Corso acceleratori per la produzione di radioisotopi: Progetto impianto produzione radioisotopi

Corso acceleratori per la produzione di radioisotopi: Progetto impianto produzione radioisotopi Corso acceleratori per la produzione di radioisotopi: Progetto impianto produzione radioisotopi Gabriele Chiodini Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Lecce! Progetto di ricerca e formazione Rif. PON01_03054

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi

Dettagli

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR

Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Valutazione comparativa delle tecnologie di termovalorizzazione dei rifiuti urbani attraverso l incenerimento diretto o dopo trasformazione in CDR Angelo Bonomi Consulente ambientale Verbania (VB) angelo.bonomi2@tin.it

Dettagli

Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 termofisica dell involucro edilizio

Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 termofisica dell involucro edilizio Scuola Estiva di Fisica Tecnica 2008 Benevento, 7-11 luglio 2008 termofisica dell involucro edilizio L attivazione della massa e i materiali a cambiamento di fase per l involucro edilizio opaco: presentazione

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA INGEGNERIA ENERGETICA UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di Laurea Specialistica in INGEGNERIA ENERGETICA STRATEGIE DI OTTIMIZZAZIONE PER L INCREMENTO DELLA PENETRAZIONE DELLE FONTI RINNOVABILI IN UN SISTEMA ENERGETICO

Dettagli

Varie forme di energia

Varie forme di energia ENERGIA DAL NUCLEO La fissione nucleare : il processo Teoria della fissione nucleare I reattori nucleari Un reattore naturale La fusione nucleare : il processo Fusione nucleare nelle stelle Fusione nucleare

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o una sua formalizzazione

Dettagli

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015 Modelli numerici finalizzati allo studio del rilascio e del trasporto dei contaminanti radioattivi nelle acque sotterranee. Caso studio: sito di Saluggia Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone

Dettagli

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico

estratto da Competenze assi culturali Raccolta delle rubriche di competenza formulate secondo i livelli EFQ a cura USP Treviso Asse matematico Competenza matematica n. BIENNIO, BIENNIO Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico ed algebrico, rappresentandole anche sotto forma grafica BIENNIO BIENNIO Operare sui dati comprendendone

Dettagli

INTERVISTA AL PROF. FRANCO CASALI

INTERVISTA AL PROF. FRANCO CASALI INTERVISTA AL PROF. FRANCO CASALI DOCENTE DI FISICA DEI NEUTRONI NELL UNIVERSITA DI BOLOGNA ENERGIA NUCLEARE UNA SCELTA ETICA E INDIFFERIBILE CURRICULUM Franco Casali si è laureato in Fisica, nel 1959,

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

> SVILUPPO SOFTWARE PER IL CALCOLO IMPIANTI DI POTENZA

> SVILUPPO SOFTWARE PER IL CALCOLO IMPIANTI DI POTENZA Località Piacenza Doc. n. R 4.1/1 CONSORZIO LEAP Laboratorio Energia Ambiente Piacenza Progetto ECATE Rev. 0 Progetto E.C.A.T.E. Efficienza e Compatibilità Ambientale delle Tecnologie Energetiche > SVILUPPO

Dettagli

PROGETTO STRATEGICO INFN-ENERGIA

PROGETTO STRATEGICO INFN-ENERGIA PROGETTO STRATEGICO INFN-ENERGIA APPROFONDIMENTO (dal Piano Triennale) INFN- E è una nuova linea di ricerca dell Ente, il cui fine è lo sviluppo di competenze e strumentazioni nel settore delle applicazioni

Dettagli

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti

Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Sicurezza nel Laboratorio: Radiazioni ionizzanti Per questo corso non si consiglia nessun libro di testo t pertanto t il file contiene sia pagine didattiche sia pagine di approfondimento messe a punto

Dettagli

Rapporto N. H.0611.S.393.EMCP-Produzione

Rapporto N. H.0611.S.393.EMCP-Produzione INTRODUZIONE Da alcuni anni si è diffusa l abitudine di riscaldare fabbricati industriali con i pannelli radianti a pavimento. La nostra associazione EMCP di produttori di pannelli radianti a soffitto

Dettagli

PARTE II - Radioattività naturale ed energia nucleare. 1. Decadimenti naturali del nucleo

PARTE II - Radioattività naturale ed energia nucleare. 1. Decadimenti naturali del nucleo PARTE II - Radioattività naturale ed energia nucleare 1. Decadimenti naturali del nucleo Escludendo gli elementi più leggeri (idrogeno ed elio), tutti gli altri sono stati prodotti da reazioni nucleari

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck

Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Progetto A1e Un esperimento in prestito di Lauree Scientifiche G. Rinaudo Dicembre 2005 Il diodo emettitore di luce e la costante di Planck Scopo dell esperimento Indagare il doppio comportamento corpuscolare

Dettagli

DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO. Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To

DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO. Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To INTRODUZIONE La gamma dei gas e dei liquidi di tempra commercialmente disponibili

Dettagli

V-1.1. Stadi di sviluppo e affermazione

V-1.1. Stadi di sviluppo e affermazione V-1. FINALITÀ DEI REATTORI NUCLEARI V-1.1. Stadi di sviluppo e affermazione Tra le varie classificazioni dei reattori esaminate nel paragrafo III-4 è interessante richiamare quella che assume come parametro

Dettagli

Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo

Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo Isolamento acustico: teoria e quadro legislativo Dott. Edoardo Piana, Dip. Ingegneria Meccanica e Industriale Università degli Studi di Brescia, via Branze 38, 513 Brescia piana@ing.unibs.it Ing. Ugo Pannuti,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA. Pellet radioattivo

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA. Pellet radioattivo Pellet radioattivo Indagine radiometrica e considerazioni di radioprotezione Introduzione Nel mese di giugno 009, su segnalazione degli organi di stampa nazionali, è emerso il problema di presunte contaminazioni

Dettagli

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto

Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione Tipologie di sorgenti e variabili di progetto Tecnologia degli impianti di aspirazione e ventilazione di Renato Rota - Politecnico di Milano Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria chimica G. Natta Tra le numerose postazioni presenti negli

Dettagli

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43

pubblicato su AMBIENTE & SICUREZZA ed. Il sole 24 Ore-Pirola n.10 del 1 giugno 2004 pp: 37 43 Iter e modelli per l abilitazione dell esperto qualificato in radioprotezione Giroletti E. (*), Manera S. (*), Vergine A.L. (+) (*) esperti qualificati dell Università degli Studi di Pavia (+) docente

Dettagli

ENERGIA NUCLEARE Ing. Andrea Nicolini

ENERGIA NUCLEARE Ing. Andrea Nicolini Università degli Studi di Perugia ENERGIA NUCLEARE Ing. Andrea Nicolini RADIOATTIVITA L energia di legame (ovvero l energia che occorre somministrare dall esterno per spaccare un nucleo) è funzione del

Dettagli

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico

Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Decommissioning in Italia, Deposito Nazionale e Parco Tecnologico Convegno INFN-Energia e Industria verso Horizon 2020 e nuovi mercati 1 Genova, 15 Gennaio 2014 2 Decommissioning in Italia Centrali ed

Dettagli

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA

LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA LA PROGETTAZIONE GEOTECNICA E LA NORMATIVA L. Mongiovì Università di Trento Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Via Mesiano 77, 38050 Trento, Italia Sommario. Si fanno preliminarmente alcune

Dettagli

GLOSSARIO. ), l Americio-243 (Am

GLOSSARIO. ), l Americio-243 (Am GLOSSARIO ADS (Accelerator Driven System). Sistemi costituiti dalla combinazione di un acceleratore di particelle con un reattore nucleare a fissione sottocritico. AGR (Advanced Gas-cooled Reactor, reattore

Dettagli

Simulazione di una catena logistica

Simulazione di una catena logistica Simulazione di una catena logistica La logistica aziendale richiede l organizzazione di approvvigionamento e trasporto dei prodotti e dei servizi. La catena di distribuzione, supply chain, comprende il

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria. Corso di Pianificazione Energetica Prof. ing. Francesco Asdrubali a.a.

Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria. Corso di Pianificazione Energetica Prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria Corso di Pianificazione Energetica Prof. ing. Francesco Asdrubali a.a. 2012-13 ENERGIA NUCLEARE Contributo alla produzione di energia elettrica al

Dettagli

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0.

Numeri Complessi. 4. Ricordando che, se z è un numero complesso, zz è un numero reale, mettere sotto la forma. z 2 + 2z + 2 = 0. z 2 + 2z + 6 = 0. Numeri Complessi. Siano z = + i e z 2 = i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 2. Siano z = 2 5 + i 2 e z 2 = 5 2 2i. Calcolare z + z 2, z z 2, z z 2 e z z 2. 3. Ricordando che, se z è un numero complesso,

Dettagli