BRUCIAMENTO DI ATTINIDI MINORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BRUCIAMENTO DI ATTINIDI MINORI"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Nucleare Dottorato di Ricerca in SCIENZA E TECNOLOGIA NEGLI IMPIANTI NUCLEARI XIII ciclo - A. A. 1997/ /2000 BRUCIAMENTO DI ATTINIDI MINORI E PLUTONIO IN REATTORI PWR Tesi di Dottorato di: Dott. Ing. CLAUDIO SUDATI Tutore: Prof. VINCENZO SANJUST Coordinatore: Prof. MARZIO MARSEGUERRA

2 Indice Indice I INTRODUZIONE 1 CAPITOLO 1 Bruciamento di Attinidi Introduzione I rifiuti radioattivi Smaltimento dei rifiuti radioattivi ad alta attività Bruciamento dei rifiuti radioattivi Bruciamento degli Attinidi Processo di spallazione Bruciamento di Attinidi in LWRs Bruciamento di Attinidi in matrice inerte Conclusioni 18 BIBLIOGRAFIA 19 CAPITOLO 2 Strumenti di calcolo Introduzione Il sistema integrato SCALE e la procedura SAS2H SCALE-4: moduli funzionali e librerie SAS2H: descrizione generale della procedura di calcolo SAS2H: preparazione delle sezioni d urto del combustibile SAS2H: approssimazioni e considerazioni finali Il codice Monte Carlo MCNP MCNP: metodi statistici e metodi deterministici Le librerie nucleari di MCNP Sorgenti in MCNP

3 Indice Tallies e Output Stima degli errori e metodi di riduzione della varianza La geometria in MCNP Sorgenti e calcoli di criticità Stime del coefficiente k eff Tallies Accoppiamento MCNP-ORIGEN-S Il codice ORIGEN-S MCNP in funzione di ORIGEN-S 71 BIBLIOGRAFIA 73 CAPITOLO 3 Bruciamento di Np, Am e Cm Introduzione Impostazioni del bruciamento: ipotesi e semplificazioni La simulazione MCNP Bruciamento di Np, Am e Cm in 4 tubi guida Bruciamento di Np: risultati e analisi Bruciamento di Am: risultati e analisi Bruciamento di Cm: risultati e analisi Considerazioni sul bruciamento 98 BIBLIOGRAFIA 99 CAPITOLO 4 Bruciamento di una miscela di MA Introduzione Composizione della miscela di MA Risultati e analisi 110 BIBLIOGRAFIA

4 Indice 111 CAPITOLO 5 Radiotossicità Introduzione Determinazione della radiotossicità Risultati ed analisi Conclusioni 122 BIBLIOGRAFIA 123 CAPITOLO 6 Il problema del Plutonio Introduzione Lo sfruttamento dell Uranio nei reattori termici L eliminazione del Plutonio Il bruciamento del Plutonio Bruciamento di Pu militare: confronto tra MOX e TOX 137 BIBLIOGRAFIA 139 CAPITOLO 7 Bruciamento di Pu militare Introduzione Definizioni Impostazione delle simulazioni: ipotesi e semplificazioni Impostazione delle simulazioni: metodo di calcolo Bruciamento: risultati ed analisi Radiotossicità Conclusioni 162 BIBLIOGRAFIA

5 Indice 163 CONCLUSIONI 168 INDICE DELLE TABELLE 171 INDICE DELLE FIGURE 174 APPENDICE A 180 APPENDICE B 182 RINGRAZIAMENTI

6 Alla mia Famiglia, per l amore con cui mi sostiene A fratel Tobia Mapelli, autentica testimonianza dell amore di Gesù

7 Introduzione I INTRODUZIONE L incidente verificatosi il 26 Aprile 1986 presso la centrale elettronucleare di Chernobyl (Ucraina) ha rappresentato un punto di svolta nella storia dell energia nucleare. La gravità dell evento e la conseguente enorme ondata emotiva nell opinione pubblica hanno, di fatto, portato ad un ripensamento generale della via nucleare, per lo meno nel mondo occidentale. La progettazione degli impianti di tipo nucleare è stata rivista per tener conto di un fenomeno fino allora ritenuto praticamente impossibile (la fusione del nocciolo), e nuovo impulso è stato dato nella ricerca di tipologie di impianti a sicurezza avanzata (intrinseca e passiva). Nel contempo, l opinione pubblica si è resa conto del pericolo associato ad un utilizzo improprio di una tale fonte di energia, ed il grado di diffidenza verso lo sfruttamento di questa forma energetica si è rafforzato a tal punto da costringere alcuni stati europei a rivedere la propria politica energetica (Svezia e Germania hanno recentemente annunciato di voler progressivamente abbandonare la produzione di energia elettrica per via nucleare). Ma il problema dell accettazione della fonte energetica nucleare non si ferma solo alle tematiche legate alla sicurezza degli impianti nucleari. Agli occhi dell opinione pubblica emerge come sempre più pressante il problema della gestione delle scorie radioattive e delle crescenti scorte di Plutonio, causate dal funzionamento dei reattori commerciali e dall attività di riciclo del combustibile attuata in quelle nazioni che sposano la politica dei

8 Introduzione II cicli chiusi. A tutto ciò si deve aggiungere un altra problematica, fonte di serie preoccupazioni non solo per l opinione pubblica ma anche per la comunità scientifica internazionale, relativa allo smaltimento delle ingenti quantità di Plutonio di origine militare che i recenti trattati di smilitarizzazione tra USA e URSS rendono ora disponibile (Start II, Gennaio 1993). Sui problemi dell eliminazione dei rifiuti radioattivi e delle scorte di Plutonio è incentrato questo lavoro di ricerca. Come possibile soluzione per il problema dei rifiuti radioattivi, si è cercato di valutare l efficacia del bruciamento (1) prolungato di Attinidi Minori (MA) in reattori PWRs. Per il problema del Plutonio, tenendo presente che, per considerazioni strategiche ed energetiche, non può essere classificato come rifiuto, è stata proposta ed analizzata una plausibile strategia di riutilizzo del Plutonio di grado militare (Pu WG) impiegato come combustibile insieme al Torio in reattori PWRs, dimostrando la validità di impiego del Torio rispetto ad un analogo sistema basato su combustibile MOX. BRUCIAMENTO DI ATTINIDI MINORI L utilizzo di reattori termici per il bruciamento di Attinidi Minori, i principali rifiuti derivanti dalla reazione di fissione insieme ai Prodotti di Fissione, è una soluzione su cui si concentrano rilevanti sforzi della comunità scientifica internazionale [1, 2] e nasce dall osservazione che, benché teoricamente uno spettro veloce consenta risultati migliori, la stragrande maggioranza dei reattori commerciali attualmente in esercizio è costituita da reattori LWRs (in particolare PWRs). Diverse ricerche, in tal senso, sono state condotte presso il Dipartimento di Ingegneria Nucleare del (1) La definizione di bruciamento è data nel Capitolo 1

9 Introduzione III Politecnico di Milano [3, 4, 5, 6, 7,8]; in particolare, questo lavoro prosegue quanto fatto in [8], sia per l impostazione che per la metodologia di calcolo. In base alle conclusioni a cui sono giunti i lavori citati, per impostare una strategia in grado di ottenere risultati significativi con spettri termici è necessario prevedere bruciamenti prolungati nel tempo. Il lavoro svolto ha quindi simulato il bruciamento separato di 237 Np, di Am ( 241 Am e 243 Am) e di Cm ( 243 Cm, 244 Cm e 245 Cm) e di alcuni Prodotti di Fissione a lunga vita ( 99 Tc, 129 I e 135 Cs) sotto forma di ossidi dispersi in matrice inerte, per un periodo di 30 anni (allo scopo di valutarne il diverso comportamento), e il bruciamento di una miscela costituita dall insieme degli stessi isotopi. L analisi ha posto l accento, oltre che sul consumo degli isotopi irraggiati, sui parametri fondamentali per la valutazione del corretto funzionamento del reattore e sul calcolo della radiotossicità, parametro fondamentale per valutare correttamente l adeguatezza delle operazioni di bruciamento dei rifiuti radioattivi in reattore. I risultati ottenuti dimostrano in maniera inconfutabile che, a fronte di un notevole dispendio economico e di difficoltà tecnologiche tuttora da risolvere (in particolare, il problema più difficile da risolvere riguarda la progettazione di guaine in grado di resistere a campi neutronici elevati per tempi così prolungati) e nonostante tempi di irraggiamento così lunghi, il bruciamento di Attinidi Minori in reattori termici non porta a vantaggi tali da giustificarne il ricorso. Nel Capitolo 1 viene analizzato, in termini qualitativi, il problema del bruciamento di Attinidi, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista

10 Introduzione IV tecnologico, con particolare attenzione ai problemi legati al bruciamento in reattori PWRs. Nel Capitolo 2 sono descritti gli strumenti di calcolo utilizzati, costituiti dal sistema integrato di codici calcolo SCALE e dal codice Monte Carlo MCNP. In particolare, dopo aver brevemente illustrato le funzionalità dei diversi codici appartenenti a SCALE e al modo operativo con cui il modulo di controllo SAS2H li gestisce, viene descritta la catena di accoppiamento tra MCNP e il codice ORIGEN-S appartenente a SCALE, utilizzata per il bruciamento di Attinidi Minori. Tale catena di calcolo, messa a punto precedentemente in [8], è stata sottoposta ad un processo di ottimazione che ha consentito di ottenere significative riduzioni dei tempi di calcolo e l implementazioni di nuove caratteristiche necessarie per il lavoro svolto. Nei Capitoli 3 e 4 sono riportati i risultati riguardanti, rispettivamente, il bruciamento separato di Np, Am e Cm ed il bruciamento della miscela costituita dall insieme degli stessi. In particolare, il Capitolo 3 elenca le ipotesi e le semplificazioni introdotte nelle simulazioni effettuate. Nel Capitolo 5, dopo aver decritto il programma SUMDANC, realizzato ed ottimizzato per i calcoli di radiotossicità effettuati in questo lavoro, sono riportati i risultati relativi alla valutazione della radiotossicità prodotta nei casi analizzati. BRUCIAMENTO DI PLUTONIO MILITARE Nel corso degli anni, a causa del progressivo mutamento dello scenario geo-politico internazionale, si è assistito ad un completo ribaltamento del ruolo del Plutonio all interno del ciclo di combustibile. Inizialmente reputato di fondamentale importanza, a causa dell alto valore di energia estraibile, il Plutonio fu oggetto di notevoli sforzi nella ricerca di soluzioni volte ad

11 Introduzione V incrementarne la produzione in reattore. Logica conseguenza di tutti questi tentativi era l introduzione su larga scala dei reattori veloci, in grado di compiere la completa rigenerazione del combustibile e quindi di risolvere i problemi di approvvigionamento dell Uranio. In seguito al forte rallentamento dell incremento della produzione di energia elettrica per via nucleare nel mondo, che ha prodotto un accumulo di consistenti scorte di U arricchito e causato una flessione del suo prezzo, l approvvigionamento di Uranio non sembra più essere un problema attuale. Di conseguenza, ha perso parte della sua originaria importanza il progetto relativo ai reattori veloci, la cui introduzione, peraltro, risulta ostacolata da problemi tecnici e da costi eccessivi. Neanche l introduzione su scala commerciale dei reattori termici alimentati a combustibile MOX ha sortito l effetto desiderato di eliminazione delle sempre più crescenti scorte di Plutonio di origine civile. A tutto ciò si deve aggiungere l allarme che nasce dal problema dello smantellamento delle testate nucleari previsto dal trattato START II, stipulato nel Gennaio 1993 tra gli allora presidenti R. Regan (USA) e M. Gorbaciov (ex-urss): si stima che circa 100 ton di Plutonio di origine militare andranno ad aggiungersi alle scorte derivanti dal ritrattamento del combustibile civile. Queste considerazioni sono ampiamente analizzate nel Capitolo 6 insieme ad una panoramica il più possibile esaustiva (anche se necessariamente qualitativa) sulle possibili strategie di risoluzione di quello che oramai viene considerato a tutti gli effetti il problema del Plutonio. In questa Tesi, il problema è stato affrontato proponendo una possibile strategia di riutilizzo energetico del Plutonio di origine militare, che preve-

12 Introduzione VI de il suo impiego come combustibile insieme al Torio all interno di reattori PWRs. A tale scopo, è stato realizzato un confronto completo tra un ciclo chiuso basato sull utilizzo di un combustibile di tipo MOX e un ciclo chiuso basato su un combustibile di tipo TOX con l aggiunta di piccole percentuali di Uranio depleto. In entrambe le simulazioni effettuate, si è utilizzato il Plutonio di origine civile per il combustibile iniziale, mentre i ricicli sono stati effettuati introducendo, come materiale fissile di rabbocco, il Pu di origine militare. Il Capitolo 7 presenta i risultati di questo confronto ed elenca le ipotesi assunte come base del confronto. I risultati dimostrano che, oltre ad ottenere la quasi completa eliminazione del Pu, il combustibile TOX risulta essere superiore al combustibile MOX sia in termini di bruciamento del Pu globalmente introdotto che di radiotossicità residua.

13 Introduzione VII BIBLIOGRAFIA [1] - TESI DI DOTTORATO, UNIVERSITÀ DI MARSIGLIA OTTOBRE 1996 HUANG Shio-Ling Physique et Modelisation des Systemes Complexes - Concepts de coeur a neutrons thermiques pour la reduction des Actinides Mineurs [2] - EU Contract F14I-CT Evaluation of Possible Partitioning and Transmutation Strategies and of Means for Implementing Them 1 February January 1999 FINAL REPORT [3] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO LUGLIO 1992 C. Bruschetta Trasmutazione di Transuranici in Reattori Nucleari Termici [4] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO FEBBRAIO 1994 A. Falciai Analisi Spaziale e Funzionamento del Nocciolo di un PWR Bruciatore di Radionuclidi a Lunga Vita [5] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO DICEMBRE 1994 D. Pinciroli Bruciamento di Plutonio e Attinidi in Reattori PWR [6] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO FEBBRAIO 1995 G. Cantù Bruciamento di 237 Np e Am in PWR [7] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO DICEMBRE 1996 C. Sudati Bruciamento di Attinidi in reattori PWR [8] - TESI DI LAUREA, POLITECNICO DI MILANO APRILE 1997 G. S. Ancona, D. Fontana Bruciamento di Attinidi Minori in reticoli PWR

14 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 1 CAPITOLO 1 Bruciamento di Attinidi 1.1 Introduzione Diverse ipotesi, riguardanti il bruciamento di Attinidi, sono attualmente in fase di studio nella comunità scientifica internazionale. Questo capitolo presenta qualitativamente il problema dal punto di vista fisico e si concentra sulle soluzioni proposte per i reattori LWRs; per una descrizione più esaustiva si rimanda alla letteratura specializzata (in particolare, l articolo [1] presenta alcuni progetti relativi a sistemi veloci). 1.2 I rifiuti radioattivi In ambito internazionale sono considerati rifiuti radioattivi tutti quei materiali prodotti durante l irraggiamento di combustibile nucleare, con l unica eccezione degli isotopi del Plutonio nel ciclo del combustibile tradizionale U-Pu e dell 233 U nel ciclo U-Th. Il Plutonio, infatti, a causa della sua importanza dal punto di vista energetico e strategico, non può essere considerato come tale; esistono, quindi, soluzioni specifiche per il recupero di Plutonio e si parla separatamente di bruciamento di Attinidi e di bruciamento di Plutonio, pur appartenendo quest ultimo a tutti gli effetti al complesso chimico degli Attinidi. Il bruciamento del Plutonio verrà trattato separatamente a partire dal Capitolo 6.

15 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 2 I rifiuti radioattivi si dividono solitamente in due categorie: 1) I Prodotti di Fissione (Fission Products, FP) 2) Gli Attinidi. I primi hanno una distribuzione di massa atomica che va da 76 uma fino a 160 uma circa con un andamento a sella caratterizzato da due massimi i cui valori dipendono dal tipo di materiale fissile impiegato ( 233 U, 235 U, 239 Pu) (1). Dal punto di vista radiologico, sono emettitori $ e ( e sono caratterizzati da una vita media inferiore ai 100 anni con l eccezione di pochi nuclidi tra cui: 14 C, 79 Se, 93 Zr, 99 Tc, 107 Pd, 129 I, 135 Cs (Tabella 1.1). Con il nome di Attinidi si raggruppano tutti gli elementi con numero atomico superiore a quello dell Attinio; a causa della diversa importanza specifica nei cicli di combustibile, si suole distinguerli in Attinidi Principali (Main Actinides), costituiti da Uranio e Plutonio, e in Attinidi Minori (Minor Actinides, MA), costituiti da Nettunio, Americio, Curio e altri transplutonici di minore rilevanza. Dal punto di vista radiologico, hanno caratteristiche differenti dai prodotti di fissione, e precisamente: sono emettitori ", quindi molto più pericolosi dal punto di vista biologico in caso di ingestione o inalazione; hanno tempi di dimezzamento che arrivano a diversi milioni di anni, quindi mantengono la loro attività sostanzialmente inalterata per periodi lunghissimi (Tabella 1.2). I prodotti di fissione sono i responsabili praticamente di tutta l attività residua del combustibile di un reattore LWR fino a circa dieci anni di raffreddamento, mentre l azione degli Attinidi diventa prevalente dopo poche centinaia di anni. (1) Nel caso più comune di 235 U, i massimi sono compresi tra 94 e 100 uma e tra 136 e 142 uma (=unità di massa atomica).

16 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 3 Nuclidi 14 C 79 Se 93 Zr 99 Tc 107 Pd 129 I 135 Cs s a th (barn) T 1/2 (anni) Tabella 1.1 (rif. [1,9]) Nuclidi 232 Th 231 Pa 233 U 235 U 238 U 237 Np 238 Pu 239 Pu 240 Pu 241 Pu 242 Pu 241 Am 242m Am 243 Am 242 Cm 243 Cm 244 Cm 245 Cm 246 Cm 248 Cm 249 Bk 251 Cf 252 Cf s a th (barn) s f th (barn) n sf (2) sf sf sf sf sf 3.157sf 3.395sf sf T 1/2 (anni) giorni giorni Tabella 1.2 (rif. [1, 9]) (2) SF= spontaneus fission

17 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 4 In figura 1.1 è rappresentata la catena di formazione degli Attinidi per irraggiamenti brevi (3) ; questi vengono prodotti sostanzialmente per cattura (n,() a partire dagli elementi costituenti il combustibile iniziale, nonché da decadimenti $ a vita breve nel caso in cui il composto formato in seguito alla cattura neutronica sia particolarmente instabile. Il meccanismo di formazione degli Attinidi viene ulteriormente complicato dal fatto che ciascun nuclide formatosi decade secondo uno schema che dipende dalla catena di decadimento di appartenenza. In Appendice A sono rappresentate le catene di decadimento naturali dell 235 U, dell 238 U, dell 232 Th e la catena artificiale del 237 Np. 1.3 Smaltimento dei rifiuti radioattivi ad alta attività Nei paesi in cui si persegue la strategia del ciclo aperto, il combustibile che ha terminato il ciclo in reattore viene considerato il principale rifiuto ad alta attività e viene quindi destinato direttamente allo smaltimento (4) definitivo previo condizionamento in appositi contenitori, dopo un periodo di raffreddamento opportuno in depositi temporanei. Nei paesi in cui invece si persegue la politica dei cicli chiusi, il combustibile esaurito viene ritrattato chimicamente (processo Purex) con lo scopo di separare il combustibile fissile residuo (U e Pu) dai rifiuti radioattivi: questi sono i residui di tale processo, inizialmente allo stato liquido (HLLW, High Level Liquid Waste), e contengono tutti i prodotti di fissione e gli Attinidi minori, nonché percentuali inferiori all 1% di U e Pu costituenti le inevitabili perdite di lavorazione. (3) Di durata paragonabile ai tempi di permanenza in reattore: non sono inclusi quindi i nuclidi con T ½ superiori. (4) Per smaltimento si intendono quell insieme di operazioni che conducono al definitivo allontanamento ed isolamento dei rifiuti dalla biosfera; una volta compiuto, non sono previsti ulteriori interventi a parte i continui monitoraggi previsti dalla normativa.

18 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 5 Th230 n,g b Th h n,g n,2n Pa231 n,g Th232 Pa232 b n,g n,g Th233 Pa233 n,g n,g Th234 b Pa234 b 24 g 1 m U232 n,g U233 n,g U234 n,g Nuclidi non fissili o fissili per neutroni veloci Nuclidi fissili U235 n,g U236 Np236 b Pu236 n,g n,2n U237 b 6,8 g Np237 n,g n,2n n,g U238 Np238 b Pu238 2,1 g n,g n,g U239 b Np239 b Pu239 23,5 m 2,3 g n,g n,2n Pu240 Figura 1.1: Catena di formazione sotto irraggiamento (fonte: riferimenti [1,8] n,g n,g Pu241 b Am241 n,g 14 a 11% 89% Pu242 Am242m Am242 b Cm h n,g 84% n,g b+ b Pu243 Am h Cm243 5 h 16% n,g n,g b a Am244 Cm h n,g 18,11 h Cm245 a 163 g Z=

19 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 6 Questi vengono in seguito solidificati e immobilizzati in matrici generalmente di tipo vetroso (5) destinate allo smaltimento definitivo in formazioni biologiche profonde. Tale soluzione è ritenuta affidabile e sicura dalla comunità scientifica internazionale, ma si scontra di fatto con la sempre più crescente opposizione all individuazione e qualificazione dei depositi geologici esercitata dalle autorità locali e dalle popolazioni interessate sui territori di propria competenza. I motivi di fondo di tale opposizione sono legati non tanto alla presunta o meno affidabilità di tali siti, quanto piuttosto all incertezza sulle previsioni a lunghissimo termine legate al comportamento dei radionuclidi che richiedono forzatamente un isolamento plurimillenario. Nasce proprio da questa consapevolezza (che non può essere ignorata nella realizzazione di una politica di smaltimento dei rifiuti radioattivi) l idea di una distruzione totale dei radionuclidi a vita più lunga ottenuta per bruciamento. Con questo termine si fa riferimento alla scomparsa dei radionuclidi, ottenuta per trasmutazione (trasformazione dei radionuclidi a vita lunga in altri a vita più breve o stabili o comunque meno pericolosi dal punto di vista radiologico) e fissione degli stessi, mediante irraggiamento neutronico. 1.4 Bruciamento dei rifiuti radioattivi Il tasso di scomparsa di un dato nuclide risulta definito dalla seguente espressione: dn dt ( λ σ( ) φ( ) ) ( λ σ Φ) = N + E E de = N + < > (1.1) (5) O altri materiali a bassa dilavabilità.

20 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 7 dove: N = numero di atomi del nuclide; 8 = costante di decadimento del nuclide; F(E) = sezione d urto di assorbimento N(E) = flusso neutronico differenziale M = flusso neutronico totale <F> = sezione d urto media di assorbimento Una volta fissato lo spettro neutronico, la sola variabile che influenza la scomparsa è il flusso neutronico totale, in quanto <F> risulta essere costante. Per i Prodotti di Fissione, ad eccezione dello 129 I e del 99 Tc, le sezioni d urto di assorbimento sono molto piccole, il che implica la necessità di raggiungere flussi neutronici piuttosto elevati per rendere apprezzabile il rateo di scomparsa per irraggiamento rispetto a quello dovuto al decadimento naturale sempre presente. Come esempio, possiamo citare lo 90 Sr. Avendo questi T 1/2 =28.9 anni e <F a th >= 1.2 b, se ipotizziamo come flusso corrispondente ad un reattore PWR con densità di potenza media di 30 MW/tU e arricchimento del 3.3% in 235 U il valore M= 13 n/cm si ottiene un valore corrispondente di <F>M= /s, da confrontare con 8= /s. In questo caso, si può notare che l effetto del flusso neutronico è inferiore a quello dovuto al semplice decadimento. Va comunque osservato che la pericolosità dei FP viene mitigata dalla possibilità di effettuare la cosiddetta diluizione isotopica (che si ottiene mescolando i nuclidi radioattivi con isotopi stabili degli elementi cui appartengono) (6), soluzione non praticabile con i transuranici. (6) Con l eccezione del 99 Tc, che non può essere diluito in quanto non esistono suoi nuclidi stabili.

21 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 8 Diverso è il caso degli Attinidi. Se come esempio si considera l 241 Am, che ha T 1/2 = 433 anni e <F a th >= 590 b, risulta <F a th >M= /s che confrontato con 8= /s dimostra come in questo caso l irraggiamento neutronico sia senz altro più efficace del semplice decadimento radioattivo. Dato che la maggioranza degli Attinidi si trova nelle stesse condizioni dell 241 Am, sussistono le condizioni per poter effettuare il bruciamento. Naturalmente, occorre tenere presente che gli Attinidi, in maggioranza, si comportano come veleni neutronici quando inseriti in uno spettro termico; esistono, tuttavia, anche ottimi fissili e quindi, per realizzare un efficiente bruciamento, occorre valorizzare la fertilizzazione degli assorbitori e il bruciamento dei fissili. 1.5 Bruciamento degli Attinidi Dalla tabella 1.2, in cui sono elencate le sezioni d urto di fissione e di assorbimento in zona termica ed il numero di neutroni emessi per fissione, si può osservare che gli Attinidi si comportano come veleni neutronici, con l eccezione di qualche ottimo fissile come il 242m Am, il 243 Cm, il 245 Cm e il 251 Cf. Dalla tabella 1.1, in cui sono riportati gli analoghi valori per i FP, si può invece notare che le proprietà di cattura in zona termica di questi ultimi sono sostanzialmente basse. Infine, in tabella 1.3 viene riportato il rapporto " tra le sezioni d urto medie di cattura e di fissione valutate su uno spettro termico e su uno veloce. Si evince facilmente come il passaggio dalla zona termica a quella veloce porti ad una diminuzione di tale rapporto in favore della fissione (7). (7) L 238 U, non citato in tabella, rappresenta un caso limite: in campo termico ha un rapporto " = 1, che diminuisce in seguito all effetto della fissione veloce ad un valore " = 0,14.

22 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 9 Sezioni d urto medie (barn) M Y reattore PWR M Y reattore FBR F f F c " F f F c " Np Np Pu Am Am Am242m Am Cm Cm Cm Cm U Pu Tabella 1.3: Confronto tra spettro termico e spettro veloce per l efficacia del bruciamento σ σ = ( E ) Φ ( E ) de Φ ( E ) de α = σ c σ f

23 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 10 Risulta chiaro come quanto più uno spettro diventa veloce tanto più diventa efficiente per bruciare gli Attinidi, sia perché la fissione diventa prevalente sulla cattura sia perché nel campo veloce diventano fissili anche quegli Attinidi che in campo termico non lo sono (i nuclidi di massa pari). Lo svantaggio è legato al fatto che, se è pur vero che un po tutti fissionano, è anche vero che le sezioni d urto si abbassano drasticamente (8), e quindi è necessario compensare questo fenomeno innalzando i valori di flusso neutronico. Un ulteriore vantaggio che lo spettro veloce consente di sfruttare è il fatto che i veleni neutronici (in particolare le terre rare) fanno certamente sentire molto meno il loro peso. Dal punto di vista tecnologico, si può pensare quindi a sistemi di ritrattamento del combustibile con fattori di decontaminazione assai più bassi; in particolare, è possibile riconsiderare il trattamento di tipo pirometallurgico che, pur non garantendo i fattori di decontaminazione raggiungibili con i sistemi per via acquosa, mantiene tutto in forma solida, consente di lavorare con ridotti volumi di materiale ed elimina la produzione di rifiuti radioattivi liquidi. 1.6 Processo di spallazione Un ulteriore metodo che sempre più sta assumendo importanza nell ambito del bruciamento degli Attinidi è il processo di spallazione. In maniera qualitativa, tale processo consiste nello sbucciare il guscio esterno di un nucleo atomico mediante protoni ad alta energia (9) (circa1000 Mev). Durante il processo vengono prodotti un numero di neutroni variabile tra (8) Come esempio, l 235 U passa da una sezione d urto termica di circa 580 b ad una veloce di circa 1,4 b. (9) È necessario un valore elevato di energia in quanto la lunghezza d onda associata al protone incidente deve avere lo stesso ordine di grandezza della dimensione del nucleo.

24 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi e 40 per ciascun protone incidente con uno spettro del tutto simile a quello di fissione. La moltiplicazione indotta per neutroni di spallazione può essere sfruttata adeguatamente in reattori sottocritici (i cosiddetti Accelerator Driven System, ADS). Il numero totale di fissioni si calcola mediante la seguente relazione: N f = N h + S h k / < (1 - k) dove: N f = n/ totale di fissioni N h = n/ totale di fissioni dovute ai protoni ad alta energia S h = n/ di neutroni prodotti dovuti alle reazioni indotte dai protoni ad alta energia (spallazione, vaporizzazione e fissioni ad alta energia) < = n/ di neutroni per fissioni normali k = fattore di moltiplicazione per fissioni normali Da dati sperimentali è possibile dedurre che l utilizzo della spallazione in reattori sottocritici risulta particolarmente efficace per il bruciamento: solo il 7 % circa degli Attinidi viene bruciato dai protoni incidenti, mentre il restante 93 % circa risulta essere eliminato grazie alle fissioni indotte dai neutroni nati dal processo di spallazione. Come aspetto negativo occorre ricordare che la spallazione realizzata su bersagli di Attinidi porta alla nascita di altri Attinidi. 1.7 Bruciamento di Attinidi in LWRs Il bruciamento di Attinidi in reattori termici ad acqua leggera è certamente la soluzione più analizzata. Infatti, se è pur vero in base a quanto detto finora che un sistema veloce è preferibile ad uno termico per l elimi-

25 Capitolo 1: Bruciamento di Attinidi 12 nazione dei rifiuti radioattivi, è altrettanto vero che i reattori LWRs costituiscono la stragrande maggioranza dei rettori commerciali attualmente in esercizio, mentre i programmi relativi ai reattori veloci commerciali continuano a subire interruzioni e non è fuori luogo affermare che la prospettiva economica di tali sistemi sia raggiungibile solo tra qualche decennio. Quando si considerano reattori LWRs come bruciatori di Attinidi, nascono due problemi fondamentali: la penalizzazione del funzionamento del reattore e dei suoi parametri di sicurezza conseguente all introduzione di MA (in quanto veleni neutronici), e la loro gestione extra-reattore, che (a causa della loro alta attività) introduce problemi più critici di quelli derivanti invece dall utilizzo di combustibile tradizionale. Le diverse modalità realizzabili per il bruciamento di Attinidi in reattori termici sono le seguenti: bruciamento omogeneo: riciclo uniforme degli Attinidi estratti dal combustibile irraggiato in tutte le barrette che costituiscono gli elementi di combustibile del reattore bruciatore; bruciamento eterogeneo in barre speciali: alcune barrette degli elementi di combustibile introdotti nel reattore bruciatore vengono sostituite con barrette contenenti Attinidi (special pin, SP); bruciamento eterogeneo in strutture speciali: riciclo di tutti gli Attinidi scaricati in un numero limitato di elementi speciali di combustibile (ad esempio le CROCIERE [2, 3, 4, 5, 6, 7]). La scelta di una delle alternative possibili deve essere fatta sulla base della valutazione dei parametri determinanti per sicurezza del reattore, del

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015

Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Piacenza Liceo Respighi 17 e 24 marzo 2015 Paolo Montagna, Paolo Vitulo Dipartimento di Fisica Università di Pavia INFN Sezione di Pavia paolo.montagna@unipv.it, it paolo.vitulo@unipv.it http://fisica.unipv.it/fisnucl/

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Campioni atomici al cesio

Campioni atomici al cesio Campioni atomici al cesio Introduzione Gli orologi con oscillatore a cristallo di quarzo, che si sono via via rivelati più affidabili e precisi degli orologi a pendolo, hanno iniziato a sostituire questi

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 Testo non ufficiale del D.Lgs. 230/95, come modificato da: D.Lgs. 187/00, D.Lgs. 241/00, Avviso di rettifica ed errata corrige G.U. 23/3/01, D.Lgs. 257/01 (senza gli allegati) DECRETO-LEGGE 17 marzo

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico

Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico Esercitazione N. 1 Misurazione di resistenza con metodo volt-amperometrico 1.1 Lo schema di misurazione Le principali grandezze elettriche che caratterizzano un bipolo in corrente continua, quali per esempio

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Alice e la zuppa di quark e gluoni

Alice e la zuppa di quark e gluoni Alice e la zuppa di quark e gluoni Disegnatore: Jordi Boixader Storia e testo: Federico Antinori, Hans de Groot, Catherine Decosse, Yiota Foka, Yves Schutz e Christine Vanoli Produzione: Christine Vanoli

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli