Contributo al Multi-Stakeholder Forum europeo sulla CSR

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contributo al Multi-Stakeholder Forum europeo sulla CSR"

Transcript

1 Contributo al Multi-Stakeholder Forum europeo sulla CSR ABI partecipa alla discussione a Bruxelles il 29 e il 30 novembre 2010 Il Multi-Stakeholder Forum europeo sulla CSR Il Multi-Stakeholder Forum europeo sulla CSR, nato nel 2002, è un piattaforma multistakeholder sulla CSR promossa dalle DG Impresa e Industria, DG Mercato Interno e Servizi, DG Affari Sociali e Pari Opportunità. I partecipanti includono rappresentanti dei maggiori gruppi di stakeholder come le imprese, i sindacati, gli investitori, le organizzazioni non governative, l università e i governi nazionali. L obiettivo della riunione di novembre è stato quello di raccogliere informazioni utili allo sviluppo di una prossima Comunicazione sul tema che si prevede nel I documenti che la Commissione europea ha preparato per l incontro e i contributi di alcune organizzazioni sono disponibili su: meetings/index_en.htm Il contributo di ABI ABI è stata inviata a partecipare all incontro e ha preparato un contributo che illustra: le attività sviluppate nel biennio 2009/2010 alcune priorità per la futura politica della Commissione su CSR. Contributo al Multi-Stakeholder Forum europeo sulla Csr Pagina 1 di 3

2 Le attività sviluppate nel biennio 2009/2010 Le principali iniziative sviluppate dalle banche e da ABI sono interfunzionali - lato ABI e lato banche/ct e Gruppi di lavoro misti - e sono dirette a favorire un approccio trasversale della CSR, per raggiungere una sempre maggiore integrazione della sostenibilità economica ambientale e sociale nelle diverse aree di business. I principali ambiti di intervento riguardano l analisi biennale di posizionamento delle banche italiane sull integrazione della responsabilità d impresa nella strategia aziendale la relazione con le organizzazioni dei consumatori indicatori di sostenibilità diretti a favorire la relazione tra banca e piccole e medie imprese l inclusione finanziaria e il microcredito gli investimenti socialmente responsabili e i fondi pensione la relazione tra performance management, sistemi di incentivazione e le variabili extra finanziarie. La maggior parte delle iniziative sono realizzate tramite tavoli multistakeholder dedicati, per promuovere soluzioni convergenti e concertate, in una prospettiva di sviluppo e di ascolto degli interessi coinvolti. Grande attenzione è stata dedicata alle attività dirette a favorire la relazione tra banche e impresa/small business/organizzazioni non profit (ong), per favorire la realizzazione di percorsi condivisi di valutazione dei piani di impresa, o della microimpresa, o delle ong; formare e assistere gli operatori; individuare modelli semplificati di business plan, adatti ai diversi settori produttivi promuovere una maggiore sensibilità dell interlocutore rispetto alle variabili dell'equilibrio economico-finanziario e alla pianificazione più puntuale del business futuro. Alcune priorità per la futura politica della Commissione su CSR ABI segnala elementi che possano facilitare l integrazione strategico-gestionale della sostenibilità all interno del sistema impresa, anche con riferimento alle PMI: sviluppare una sintesi degli elementi da prendere in considerazione per l integrazione della CSR nel business e quindi nella rendicontazione d impresa, a vantaggio della comparabilità delle informazioni, della maggiore trasparenza e della loro valutazione sul mercato incrementare la domanda di CSR, aumentando il grado di consapevolezza, di conoscenza e di giudizio da parte dei soggetti direttamente o indirettamente destinatari delle azioni di responsabilità d impresa. promuovere un percorso volto a diffondere l esperienza maturata dalle imprese e dagli stakeholder. Contributo al Multi-Stakeholder Forum europeo sulla Csr Pagina 2 di 3

3 L ABI continuerà a supportare le banche nella promozione dell integrazione della sostenibilità economico finanziaria, sociale, ambientale e a contribuire al dibattito attraverso il confronto delle esperienze raccolte. Il percorso comprende sicuramente l impegno a rendere interfunzionale la CSR in banca e il rafforzamento delle relazioni con gli stakeholder, in un ottica di ingaggio responsabile da parte di tutti gli attori che contribuiscono alla realizzazione della missione dell impresa. Di seguito il testo completo del contributo ABI. Contatti: ABI, Ufficio Responsabilità Sociale dell Impresa, 06/ Contributo al Multi-Stakeholder Forum europeo sulla Csr Pagina 3 di 3

4 European Multistakeholder Forum on CSR Plenary Meeting European Commission November 2010 Il contributo di ABI DOCUMENTI 2010

5 L Associazione Bancaria Italiana (ABI) si pone come punto di raccordo per il sistema bancario e finanziario su informazioni ed iniziative in tema di CSR. Conformemente ai propri compiti e obiettivi organizzativi, l ABI svolge un duplice ruolo: contribuire a sviluppare il dibattito e la diffusione del tema tramite ricognizioni e approfondimenti, ai diversi livelli nella comunità bancaria fornire ai propri Associati gli strumenti necessari per integrare strategie di responsabilità sociale nel proprio business. In sede interbancaria è attivo un tavolo permanente su CSR, cui partecipano rappresentanti della quasi totalità delle banche italiane: l 88,1% del totale attivo di sistema e il 92,3% degli sportelli sul territorio nazionale (dati a dicembre 2009.) Nei lavori che ABI svolge con le banche, CSR mira a favorire una migliore sostenibilità sul mercato, anche in termini di credibilità, reputazione e vantaggio competitivo, tramite: il rafforzamento del controllo a largo raggio degli impatti prodotti dalle attività delle banche, valorizzando gli effetti sull economia e sulla società in generale e contribuendo alla determinazione di un quadro di economia legale, anche attraverso la formazione dedicata degli addetti lo sviluppo di un governo proattivo dei rischi, di varia natura, anche tramite l integrazione di variabili sociali, ambientali e di governance nel business tipico. In raccordo con le banche, nel biennio il lavoro associativo sulla responsabilità d impresa si è sviluppato su due direttrici: 1. la promozione delle relazioni con le strutture interne (a livello associativo e delle singole banche) su temi materiali per l industry bancaria, per supportare l integrazione della CSR in banca, anche grazie allo sviluppo di strumenti operativi 2. il rafforzamento delle relazioni con gli stakeholder, in un ottica di engagement di tutti gli attori che contribuiscono alla realizzazione della missione dell impresa. Le principali azioni sviluppate hanno riguardato diversi ambiti tematici: le attività sono state tutte interfunzionali con il coinvolgimento delle diverse strutture, sia associative che delle banche, competenti sulle materie trattate. CSR Benchmark sviluppo della seconda edizione del CSR Benchmark, un analisi biennale di posizionamento delle banche italiane sull integrazione della responsabilità d impresa nella strategia, nell organizzazione, nei processi e nella relativa rendicontazione delle attività della banca. Obiettivo: mettere a disposizione delle banche dati aggregati di settore che indicano il trend evolutivo dell integrazione della CSR nell industria bancaria italiana, fornendo una base per il confronto internazionale, Pagina 2 di 8

6 come auspicato dai più autorevoli standard setter istituzionali e non (v. Financial Supplement Service Sector, Global Reporting Iniziative (GRI). Alcuni dati dalla sezione Business lines - CSR Benchmark 2009: integrazione nelle politiche con lo sviluppo di una pianificazione strategica di CSR: l 80% dell industria bancaria italiana ha formalizzato l impegno di CSR. Per il 41% esiste una pianificazione strategica; per il 72,5% è stata istituita una unità dedicata alla CSR integrazione nell organizzazione con un ampio e diffuso coinvolgimento interfunzionale che vede soprattutto coinvolti CSR e risorse umane/relazioni interne, comunicazione/pubbliche relazioni, identità aziendale, vertice e investor relations, marketing, commerciale/settori operativi integrazione nelle procedure per la migliore identificazione e valutazione dei rischi: politiche che includono fattori ESG sono adottate dal 77% del totale attivo di sistema; nel segmento corporate, il dato è supportato dall applicazione di tali politiche in procedure specifiche attuate da banche pari al 72,2%, che nel 65,2 % dei casi sviluppano programmi di formazioni ad hoc affinché le procedure siano implementate correttamente. CSR e Associazioni dei Consumatori interpretazione della nuova linea guida ISO26000 relativamente ai Consumer issues. Obiettivo: declinare i parametri Consumer identificati dallo standard per il settore bancario italiano, mettendo a sistema i requisiti normativi attuali, le iniziative di autoregolamentazione promosse dal sistema e le esperienze delle singole banche organizzazione di un primo incontro di approfondimento su CSR con le banche e le Associazioni dei Consumatori (AACC) presenti al Tavolo di dialogo permanente attivo in sede ABI. Obiettivo: presentare l agenda CSR a livello nazionale e internazionale, le attività e le pratiche di coinvolgimento sviluppate congiuntamente da banche e AACC, i possibili ambiti di collaborazione. Forum CSR organizzazione di un evento annuale. Obiettivo: offrire uno spazio di confronto tra gli specialisti CSR, gli stakeholder, le istituzioni. La sesta edizione del CSR Forum si svolgerà a Roma il 20 e il 21 gennaio 2011 e sarà dedicata al tema della rendicontazione integrata ( Indicatori di sostenibilità SMEs nella promozione di attività per migliorare il dialogo banca-impresa, ABI ha avviato con Confindustria e Piccola Industria un confronto sui temi della sostenibilità e della valorizzazione della rendicontazione ambientale, sociale e di governance (ESG). Obiettivo: verificare se e come gli indicatori ESG possano essere utilizzati dalle banche come ulteriori elementi qualitativi che consentono di favorire la relazione banca-impresa. Pagina 3 di 8

7 Inclusione finanziaria. ABI fornisce alle banche indicazioni di scenario per favorire lo sviluppo di un offerta bancaria che contemperi le esigenze di concorrenzialità ed efficienza con le dinamiche evolutive che richiedono un approccio integrativo e responsabile al business tipico bancario. ABI ha coordinato il Laboratorio europeo sull inclusione finanziaria, promosso nell'ambito dell'alleanza Europea per la CSR: focus su organizzazioni non profit. Obiettivo: piano di attività per supportare lo sviluppo di un offerta bancaria maggiormente tarata sulle necessità delle organizzazioni non profit (Ong). Con le Istituzioni e le Ong destinatarie degli interventi, ABI lavora su: sistemi di pagamento per raccolta fondi, accesso al credito, rafforzamento reti relazionali focus su migranti. Obiettivo: aggiornamento dell analisi biennale dell offerta dei servizi bancari alla clientela immigrata; alfabetizzazione finanziaria. Con diverse organizzazioni rappresentative del non profit si sta sviluppando una guida multilingua destinata ai cittadini immigrati, per favorire l accesso alla banca illustrando le risposte (prodotti e servizi) che il sistema bancario può dare ai loro principali bisogni finanziari, anche fornendo indicazioni sui documenti che consentono ai soggetti immigrati di accedere al sistema giuridico e finanziario italiano. ABI ha partecipato all iniziativa della Banca Mondiale diretta a favorire trasparenza e comparabilità dei costi delle rimesse nei singoli Paesi ( Il Consorzio PattiChiari ha realizzato iniziative specifiche di alfabetizzazione finanziaria per il segmento dei migranti, sul territorio e sul sito con una sezione contenente anche la documentazione bancaria richiesta per l apertura di un attività in proprio. La sezione, realizzata con CNAWorld, è disponibile nelle cinque lingue più parlate dai cittadini immigrati in Italia: inglese, spagnolo, francese, rumeno e albanese ( Il numero complessivo di conti correnti intestati a clienti migranti è cresciuto quasi dell 8%, dal 2007 al L inclusione finanziaria dei 4 milioni di immigrati presenti in Italia, di cui 165 mila imprenditori, rappresenta una importante leva per l integrazione sociale. I processi di up selling sviluppati negli ultimi anni dalle banche hanno permesso di raggiungere il 61% di bancarizzazione dei clienti immigrati (Fonte: ABI-CeSPI 2010: Indagine sulla bancarizzazione degli immigrati in Italia ). focus su piccole imprese, progetti di formazione e informazione. Obiettivo: facilitare la relazione banca-impresa, costruire percorsi condivisi di valutazione dei piani di impresa, investire in attività di formazione e assistenza per gli operatori. L ABI e il Consorzio PattiChiari, con il contributo delle rappresentanze del mondo imprenditoriale, hanno predisposto un modello semplificato di business plan, declinabile su diversi settori produttivi, con l obiettivo di orientare l imprenditore sulle variabili chiave dell equilibrio economico-finanziario del suo progetto di Pagina 4 di 8

8 impresa al fine di acquisire maggiore consapevolezza sulle caratteristiche della gestione attuale e una maggiore capacità di pianificazione per il futuro. focus su microcredito. Obiettivo: contribuire al dibattito professionale tra gli operatori e individuare metodologie, prodotti e processi aziendali finalizzati ad aumentare il livello di inclusione finanziaria. In coerenza con le recenti disposizioni legislative emanate in materia, l ABI promuove lo sviluppo del microcredito inteso come social business per le banche attraverso la predisposizione degli opportuni strumenti di mercato caratterizzati da economicità. L ABI ha avviato partnership con istituzioni ed enti privati per iniziative di microcredito a livello nazionale (Conferenza Episcopale Italiana per il Prestito della Speranza ) e locale (fondi di garanzia conferiti da Regioni ed Enti Locali). Investimenti Socialmente Responsabili (ISR) e Fondi Pensione sviluppo di un piano di lavoro per approfondire i criteri di investimento responsabile con i gruppi interbancari, i rappresentanti dei maggiori Fondi Pensione italiani e il Forum per la Finanza Sostenibile. Obiettivo: promuovere lo sviluppo di politiche di investimento responsabile nella gestione dei fondi pensione. ABI intende coinvolgere anche Principles for Responsible Investment (PRI) per continuare a promuovere il dialogo con i Fondi Pensione sul tema. Mobilità sostenibile sviluppo di un toolkit dedicato. Obiettivo: linea guida diretta a supportare la promozione e l'attuazione di misure e strumenti per una migliore gestione degli impatti ambientali derivanti dagli spostamenti casa lavoro e business dei dipendenti della banca, con una ricaduta positiva sul territorio e sulla qualità di vita dei cittadini. Alcuni dati: banche che rappresentano il 79,6% del totale attivo di sistema (70,1% in termini di sportelli) dichiarano di aver attivato strumenti di mobilità sostenibile; nel 72,4% dei casi è stato attivato un mobility manager aziendale. Pari Opportunità contributo alla promozione del dialogo tra le banche e le Istituzioni per approfondire il tema, con particolare riferimento alle politiche occupazionali femminili e alla conciliazione lavoro-vita privata. Obiettivo: creare una base di confronto sulle pratiche migliori e innovative adottate dalle banche. Performance Management e sistemi di incentivazione contributo alla definizione di una metodologia e di linee guida per integrare nei sistemi di incentivazione la misurazione delle performance corrette per il rischio. Obiettivo: integrare nella misurazione delle performance anche indicatori non finanziari in grado di contribuire a una Pagina 5 di 8

9 migliore gestione dei rischi. L'attività ha come riferimento le previsioni normative e le best practice nazionali e internazionali Rendicontazione di sostenibilità aggiornamento e diffusione alle banche del Prospetto di creazione e redistribuzione del Valore Aggiunto realizzato sulla base dei dati di conto economico. Obiettivo: sostenere la promozione di una rendicontazione sempre più integrata e comparabile nel tempo. In questo ambito ABI segue con interesse l iniziativa promossa dall International Integrated Reporting Committee (IIRC), per contribuire a sviluppare un modello di rendicontazione unico Alcuni dati: l 80,75% del totale attivo di sistema pubblica un bilancio di sostenibilità; il 35,6% del totale attivo del sistema bancario inserisce parte del bilancio di sostenibilità nella relazione sulla gestione; il 52% del totale attivo del sistema bancario lo allega e distribuisce con il bilancio di esercizio (ABI CSR Benchmark 2009). ABI ha continuato a rappresentare il sistema bancario su tavoli di discussione multistakeholder e a fornire informativa alle banche su progetti e iniziative avviate su CSR a livello nazionale e internazionale, tra cui: ISO e UNI partecipazione alla Commissione Tecnica dell UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione) sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni e delegazione italiana coinvolta nel processo di sviluppo della nuova linea guida ISO Global Compact e Global Compact Network Italia - adesione al Global Compact (GC) dell ONU e supporto per lo sviluppo del GC Network Italia; presentazione del Laboratorio on Financial Inclusion nell ambito della raccolta di buone pratiche divulgata al Leader Summit (giugno 2010) a sostegno dei MDGs (in allegato). Forum per la Finanza Sostenibile ABI è socio fondatore del Forum per la Finanza Sostenibile, associazione multistakeholder che mira a promuovere la cultura della responsabilità sociale nella pratica degli investimenti finanziari in Italia. FFS è membro di Eurosif. Comitato Nazionale Italiano Permanente per il Microcredito (istituito sotto l Alto Patronato Permanente del Presidente della Repubblica) ABI partecipa in rappresentanza dell industry bancaria. Obiettivo primario del Comitato è promuovere la conoscenza e lo sviluppo del microcredito. CSR Manager Network partecipazione al gruppo intersettoriale di CSR Manager promosso da ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società dell Università Cattolica di Milano) e ISVI (Istituto per i Valori d Impresa) per scambiare Pagina 6 di 8

10 esperienze e soluzioni di integrazione della CSR nelle aziende, attraverso ricerche e workshop di approfondimento e tavoli di discussione. FBE nell ambito del Communication Committee, del WG SMEs, ABI ha contribuito allo sviluppo di iniziative volte a scambiare pratiche di responsabilità sociale d impresa nei rispettivi ambiti di competenza. *** L integrazione strategico - gestionale della sostenibilità all interno del sistema impresa rappresenta oggi un opportunità per contribuire a promuovere la credibilità e l efficacia della CSR. Considerando che il tema della corporate sustainability ha tradizionalmente caratterizzato le imprese di grandi dimensioni, l estensione della CSR alle piccole e medie imprese è un interessante sfida per l Europa. La CSR è oggi un movimento globale e l approvazione della guideline ISO26000 sulla responsabilità sociale delle organizzazioni ne è un ulteriore testimonianza. Eppure, CSR continua ad essere una pratica di nicchia. Lavorare per integrare i criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) nelle politiche e nelle pratiche delle imprese e delle organizzazioni è il contributo che la CSR può portare al conseguimento degli obiettivi della Strategia Europa Occorre incrementare la domanda di CSR: aumentare il grado di consapevolezza, di conoscenza e di giudizio da parte dei soggetti direttamente o indirettamente destinatari delle azioni di responsabilità d impresa. Si pensi ad esempio al ruolo degli investitori per integrare sempre più gli impatti ambientali, sociali e di governance nella valutazione delle imprese. Le attività delle aziende non bastano per creare una domanda consapevole. Questo è sicuramente un ambito in cui si apre uno spazio di intervento, non invasivo, da parte delle politiche pubbliche. Il dibattito sulla fattibilità dell integrazione delle ESG nel business è stato promosso con successo dalla Commissione europea, che ha convogliato in un unica piattaforma le diverse organizzazioni attive sul tema. L auspicio è che il lavoro continui con il sempre maggiore coinvolgimento e coordinamento trasversale tra le DG della Commissione europea interessate, con specifico riferimento a DG Enterprise and Industry, DG Internal Market and Services, DG Social Affairs and Equal Opportunities, per: portare a valore l esperienza maturata dalle imprese e dagli stakeholder promuovere un percorso volto a diffondere le migliori pratiche sviluppare una sintesi degli elementi da prendere in considerazione per l integrazione della CSR nel business e quindi nella rendicontazione Pagina 7 di 8

11 d impresa, a vantaggio della comparabilità delle informazioni, della maggiore trasparenza e della loro valutazione sul mercato. L ABI continuerà a supportare le banche nella promozione dell integrazione della sostenibilità economico finanziaria, sociale, ambientale e a contribuire al dibattito attraverso il confronto delle esperienze raccolte. Il percorso comprende sicuramente l impegno a contaminare la struttura aziendale nella sua interezza e il rafforzamento delle relazioni con gli stakeholder, in un ottica di engagement responsabile da parte di tutti gli attori che contribuiscono alla realizzazione della missione dell impresa. Pagina 8 di 8

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA NAZIONALE PER I GIOVANI PROTOCOLLO D INTESA Tra la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e l Agenzia Nazionale per i Giovani in relazione alle attività e

Dettagli

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di:

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di: Chi siamo Il Forum per la Finanza Sostenibile è un Associazione senza scopo di lucro nata nel 2001. È un organizzazione multistakeholder; ne fanno parte sia operatori del mondo finanziario che soggetti

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

da una parte dall altra

da una parte dall altra Area Generale di Coordinamento 17 - Istruzione, Educazione, Formazione Professionale, Osservatorio Regionale Settore 03 - Politiche Giovanili e del Forum Regionale della Gioventù Agenzia Nazionale per

Dettagli

Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali

Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali Giornata conclusiva della Settimana SRI 2013 Conferenza su L engagement: una nuova sfida per gli investitori istituzionali Le Linee Guida sull engagement per le forme di previdenza complementare Roma,

Dettagli

TE SOCIAL CORPORA RESPONSIBILITY TE SOCIAL

TE SOCIAL CORPORA RESPONSIBILITY TE SOCIAL LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY COME STRUMENTO DI PREMIALITA PER LE IMPRESE Filippo Amadei Centro Studi BilanciaRSI Ricerca consulenza e formazione per la sostenibilità aziendale 16 aprile 2013 Dalla

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE

IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE IL NUOVO PROGRAMMA EUROPEO HORIZON 2020: OPPORTUNITÀ DI FINANZIAMENTO NEL SETTORE BIOTECNOLOGIE I SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ALLE IMPRESE PER LA PARTECIPAZIONE AI BANDI Ludovico Monforte EURODESK Brussels

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali Centro di Ricerche su Etica negli Affari e Responsabilità Sociale Università degli Studi dell'insubria Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E.

Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. Progetto L Europrogettazione a Scuola: opportunità di studio, lavoro e formazione nell U.E. SPERIMENTAZIONE IN MATERIA DI ORIENTAMENTO AL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ISTRUZIONE IN AMBITO EUROPEO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE!

HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! HAI UNA PICCOLA IMPRESA? INSIEME A NOI PUOI FARLA CRESCERE! 2014 FORMAPER SVILUPPO DELL IMPRENDITORIALITÀ Formaper è un azienda speciale della Camera di Commercio di Milano nata nel 1987 con la missione

Dettagli

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione

Professione Welfare. Gestione e sviluppo del welfare in azienda CORSO DI ALTA FORMAZIONE. Milano - II edizione CORSO DI ALTA FORMAZIONE Professione Welfare Gestione e sviluppo del welfare in azienda Milano - II edizione Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS - Alta Scuola Impresa e Società 6 giornate di lezione

Dettagli

Governare il cambiamento per creare valore condiviso

Governare il cambiamento per creare valore condiviso ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Percorsi formativi per una nuova Pubblica Amministrazione Governare il cambiamento per creare valore condiviso Corsi settembre - dicembre 2012: 1. Il nuovo governo locale

Dettagli

Banche, CSR e gender gap: stato dell'arte e prospettive

Banche, CSR e gender gap: stato dell'arte e prospettive Banche, CSR e gender gap: stato dell'arte e prospettive Equilibrio tra vita e lavoro L integrazione della donna nell economia Gianna Zappi CSR Manager ABI Roma, 17 giugno 2011 idee, Associazione delle

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese

Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese IISS Eugenio Bona Biella 11 novembre 2015 Roberto Ramasco, Fondazione Sodalitas Lo sviluppo sostenibile e la responsabilità delle Imprese www.sodalitas.it Definizione di Responsabilità Sociale d Impresa

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA

ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA ACCORDO QUADRO PER LA DIFFUSIONE E L IMPLEMENTAZIONE DI BUONE PRATICHE DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO Tra UFFICIO SCOLASTICO TERRITORIALE DI NOVARA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

Economia sociale e impresa sociale

Economia sociale e impresa sociale Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali DG Terzo settore e formazioni sociali Economia sociale e impresa sociale Intervento di Anna Chiara Giorio 9 gennaio 2014 Indice dell intervento Terzo settore,

Dettagli

Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna

Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna Programma di Recupero Rilancio Riposizionamento commerciale delle Piccole Imprese del Commercio Turismo e Servizi della Provincia di Ravenna Da un idea e progettazione del CAT (Centro di Assistenza Tecnica)

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CORSO COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE I DESTINATARI Il percorso formativo è stato specificamente modulato

Dettagli

OSSERVATORIO Corporate Social Responsibility

OSSERVATORIO Corporate Social Responsibility OSSERVATORIO Corporate Social Responsibility Milano, 26 maggio 2008 MOBILITY MANAGEMENT E CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Federico Isenburg LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Il Libro Verde dell Unione

Dettagli

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese

Obiettivo: EQUITY! Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Obiettivo: EQUITY! 0 Programma di assistenza per l accesso ai capitali di rischio da parte delle neo, piccole e medie imprese Settembre 2012 IL PROGRAMMA Il Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Dettagli

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma

Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato. 1 Ottobre 2014, Roma Il Risk Management Integrato in eni Stefano Leofreddi Senior Vice President Risk Management Integrato 1 Ottobre 2014, Roma Indice - Sviluppo del Modello RMI - Governance e Policy - Processo e Strumenti

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

Centro di competenze qualificate in ambito servizi di valutazione immobiliare

Centro di competenze qualificate in ambito servizi di valutazione immobiliare Centro di competenze qualificate in ambito servizi di valutazione immobiliare La partnership Ribes e Nomisma Ribes ha avviato nel corso del 2010 la predisposizione di un nuovo Piano Industriale con l obiettivo

Dettagli

COMUNICAZIONE INFORMATIVA, PUBBLICITA E MARKETING LEGALE

COMUNICAZIONE INFORMATIVA, PUBBLICITA E MARKETING LEGALE COMUNICAZIONE INFORMATIVA, PUBBLICITA E MARKETING LEGALE Avv. Giovanna Raffaella Stumpo MASTER BREVE FONDAZIONE FORENSE- CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI MILANO AULA DEL CONSIGLIO -11,19 E 25 MARZO

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza

Consorzio Nazionale Serramentisti. Insieme per fare la differenza Consorzio Nazionale Serramentisti Insieme per fare la differenza Insieme LegnoLegno è un Consorzio Nazionale di servizi per la valorizzazione delle attività imprenditoriali del settore serramento. Il marchio

Dettagli

II tavolo di redazione del 23 aprile 2013 Programma Strategico Turismo 2014-2016 Destination Management Organisation

II tavolo di redazione del 23 aprile 2013 Programma Strategico Turismo 2014-2016 Destination Management Organisation II tavolo di redazione del 23 aprile 2013 Programma Strategico Turismo 2014-2016 Destination Management Organisation Cos è una Destination Management Organisation DMO? Il Destination Management è l insieme

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010

L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it. Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 L esperienza della Banca Dati BuoniEsempi.it Rita Pastore Roma, 4 marzo 2010 Mission Il progetto fin dal 2001 si è posto un duplice obiettivo: offrire alle P.A. - in particolare alle amministrazioni locali

Dettagli

Legnano, 26 ottobre 2011

Legnano, 26 ottobre 2011 Legnano, 26 ottobre 2011 Euroimpresa Legnano nasce nel luglio del 1996 quale naturale evoluzione del Comitato di reindustrializzazione di Legnano, costituito su spinta della Provincia di Milano e del Comune

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile

CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Tavola Rotonda CSR, Globalizzazione e Modelli di Capitalismo Sostenibile Mauro Cicchinè,, Presidente Dexia Crediop S.p.A. Milano 14 Luglio 2005 Capitalismo Sostenibile e CSR fra globale e locale : dai

Dettagli

Sviluppare la Responsabilità Sociale nelle PMI: l esperienza della Camera di Commercio di Milano. Parabiago, 18 marzo 2005

Sviluppare la Responsabilità Sociale nelle PMI: l esperienza della Camera di Commercio di Milano. Parabiago, 18 marzo 2005 Sviluppare la Responsabilità Sociale nelle PMI: l esperienza della Camera di Commercio di Milano Parabiago, 18 marzo 2005 1 IL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE (dal Libro Verde della Commissione

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

Pari Opportunità e performance nella PA

Pari Opportunità e performance nella PA Pari Opportunità e performance nella PA Enrica Castignola Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS (Alta Scuola Impresa e Società) Divisione Public Management Sommario 1. Le pari opportunità nella PA

Dettagli

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio

tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DELLE RETI D IMPRESA In data tra Provincia di Lecce, Provincia di Torino, Camera di Commercio I.A.A. di Lecce e BIC Lazio premesso che Con l'art. 3, comma 4-ter, del

Dettagli

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE Con riferimento agli Ordini di Servizio n. 6 e 7 del 02.02.2015, si comunica che, con effetto immediato, le attività relative agli affari legislativi, precedentemente

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze P 2 M. Commissione Program & Project Management

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze P 2 M. Commissione Program & Project Management Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze P 2 M Commissione Program & Project Management Firenze, 15 Dicembre 2008 Benvenuto Un caloroso benvenuto nel mondo dell arte di organizzare, coordinare

Dettagli

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO

Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO Allegato 1 DOCUMENTO DESCRITTIVO 1. TITOLO PROVVISORIO DEL PROGETTO Bilancio di Genere per le Pubbliche Amministrazioni (GeRPA) A valere sul Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali

Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Il Project Manager nelle Organizzazioni Non Profit e nelle Imprese Sociali VII edizione 13 marzo - 3 luglio 2015 Università Cattolica del Sacro Cuore ALTIS, Alta Scuola Impresa

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

Create new Connections, Improve, Grow

Create new Connections, Improve, Grow Consulting Strategy Business Requirement Investment MILANO VENTURE COMPANY Group Create new Connections, Improve, Grow We are Milano Venture Company Agenda Chi siamo I nostri servizi Servizio di Funding

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Rescaldina per EXPO Milano 2015 Progetto Internazionalizzazione Rescaldina, 20 marzo 2014

Rescaldina per EXPO Milano 2015 Progetto Internazionalizzazione Rescaldina, 20 marzo 2014 Rescaldina per EXPO Milano 2015 Progetto Internazionalizzazione Rescaldina, 20 marzo 2014 Tema: NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA Date: 1 maggio 31 ottobre 2015 (184 giorni) Principali obiettivi:

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa

Responsabilità Sociale d Impresa Responsabilità Sociale d Impresa Sessione Formativa Modulo 1 1 CSR La competitività dell impresa è molto condizionata dalla capacità di dare al mercato un immagine di eccellenza. Un buon esempio di comunicazione

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

Il Business Plandi Rete

Il Business Plandi Rete Il Business Plandi Rete 30 Settembre 2015 Agenda Perché redigere un business plan di Rete? Obiettivi e destinatari della Guida Gruppo di lavoro Rapporto Rete d Impresa Banche Progetto d Impresa VS Progetto

Dettagli

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP

ITE. INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP ITE INCLUSION Through ENTREPRENEURSHIP GLI ATTORI DELLA COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE La Partnership di Sviluppo Geografica FUTURO REMOTO IT G2 CAM 017, costituita da: CONFORM Consorzio di Formazione Manageriale;

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile

Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Il ruolo degli investitori assicurativi verso un economia sostenibile Sergio Paci Dipartimento di Finanza Responsabile Divisione Pensions and Insurance Carefin Roma, 4 novembre 2014 Assicurazione, sostenibilità

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca

Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Il Project Management a supporto del percorso di trasformazione di una Banca Clément PERRIN / Daniela TAVERNA - Senior Project Manager Milano, 20 Aprile 2012 Con l acquisizione da parte di BNPP 6 anni

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Dalla CSR al Social Commitment

Dalla CSR al Social Commitment Dalla CSR al Social Commitment il progetto del Governo Italiano per il semestre di Presidenza dell UEd 1 Definizione di CSR Il Libro Verde della Commissione Europea (luglio 2001) definisce la CSR come

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

L INDEBITAMENTO SOSTENIBILE DELLE IMPRESE

L INDEBITAMENTO SOSTENIBILE DELLE IMPRESE L INDEBITAMENTO SOSTENIBILE DELLE IMPRESE Principi teorici, modelli ed applicazioni pratiche per la valutazione della corretta struttura finanziaria e del rischio d impresa. 1ª EDIZIONE 13 e 14 OTTOBRE

Dettagli

FONDACA Fondazione per la cittadinanza attiva. Attività di supporto e consulenza alle imprese

FONDACA Fondazione per la cittadinanza attiva. Attività di supporto e consulenza alle imprese FONDACA Fondazione per la cittadinanza attiva Attività di supporto e consulenza alle imprese Prendere sul serio la cittadinanza d impresa Sebbene negli ultimi anni, accademici ed esperti abbiano ampiamente

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato L esperienza del Rapporto Annuale Integrato Angelo Bettinzoli Amministratore Delegato Sabaf S.p.A. Roma, 24 ottobre 2006 Chi è Sabaf Sabaf è il principale produttore mondiale di componenti per apparecchi

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo.

Vuole rappresentare un punto di riferimento affidabile in quei delicati momenti di cambiamento e di sviluppo del nuovo. MASTER si propone come facilitatore nella costruzione e pianificazione di strategie di medio e lungo termine necessarie ad interagire con gli scenari economici e sociali ad elevato dinamismo. Vuole rappresentare

Dettagli

Figure Professionali «Eco-innovazioni»

Figure Professionali «Eco-innovazioni» Figure Professionali «Eco-innovazioni» FACILITATORE DI PROGETTI GREEN IN PARTNERSHIP MULTISTAKEHOLDER GREEN JOBS Formazione e Orientamento FACILITATORE DI PROGETTI GREEN IN PARTNERSHIP MULTISTAKEHOLDER

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT

LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT LA RENDICONTAZIONE SOCIALE NEL SETTORE NON FOR PROFIT Varese, 16 luglio 2007 Mario Mazzoleni info@mariomazzoleni.com www.mariomazzoleni.com LA CSR L integrazione su base volontaria delle preoccupazioni

Dettagli