Modulo Interfaccia (MI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Modulo Interfaccia (MI)"

Transcript

1 NIKLAUS SA 50 anni ( ) BERGAUER AG Täfernstrasse 16a 5405 Baden-Dättwil Tel: Fax: NIKLAUS SA Via Concordia 13b 6906 Lugano Tel: Fax: Modulo Interfaccia (MI) Interfacce di sistema degli impianti Sistema di gestione (SGE) Abbrev. progetto: +T1-4=SGE Nome File: MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Versione V1-2-0 Data: Autori: U.Friess (uf), D.Stalder (std), Ch. Mutti (cmu) i

2

3 Documenti di riferimento Ref. Descrizione, Versione, Data, Autore [0] Sistema di gestione, Appalto - Prescrizioni speciali, IM, V. 2.0, maggio 03 [1] Quaderno oneri funzionali - SGE, Master Document - Questo documento [2] Quaderno oneri funzionali - SGE, Indice - Allegato A [3] Quaderno oneri funzionali - SGE, Schemi di principio - Allegato B [4] Quaderno oneri funzionali - SGE, Componenti hardware e software - Allegato C [5] Quaderno oneri funzionali - SGE, Interfacce di comunicazione - Allegato D [6] Quaderno oneri funzionali - SGE, IUM Style Guide - Allegato E [7] Quaderno oneri funzionali - SGE, AlertMaster - Allegato F [8] Documentazione CDR v1.2 [9] Konzept / Interface Reporting Tool [10] Documento di riferimento per i sistemi di telegestione degli impianti v3.0 Revisioni Versione Data Autore / Motivo Stato Revisore Ch.Mutti Versione approvata Non valida D. Stalder NDEF -> UDEF, Timesync eliminiert Non valida D. Stalder Integration aller durch den Anlagelieferanten zu Non valida integrierenden Schnisttstellen -> Umbenennung Dokument D. Stalder Überarbeitung gemäss Feedback IBRO Non valida I. Perseghini Übersetzung auf Italienisch D. Stalder Bereinigung für Veröffentlichung Non valida D. Stalder Korrektur WD Spez., Kap Non valida D. Stalder Korrektur WD Spez., Kap , UDEF -> Non valida D. Stalder / Überarbeitung: Non valida M. Bergauer - Kap. 3.4: Configurazione della interfaccia OPC - Kap. 3.5: Transizioni di stato logico - Kap. 3.6: OPC - Kap. 3.7: Compiti dei fornitori degli impianti - Kap : SGE Benutzergruppen - Kap : (Auto) Login via VCBus / JS - Kap. 8.7: Definition SNMP Schnittstelle D. Stalder Überarbeitung gemäss Feedback IBRO Non valida D. Stalder, Überarbeitung gemäss Feedback Giovanni Amato: Non valida Ch. Mutti - Kap und 3.4.3: scrittura dell'valore di reset - Kap Präzisierung Benutzergruppen D. Stalder, - Ergänzung Kap Modo d'uso Non valida Ch. Mutti D. Stalder - Ergänzung Kap. 4.3, SingleSignOn Non valida D. Stalder - Ergänzung um Kap und 4.6 Non valida Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina i Autore: uf, std, cmu :32

4 D.Stalder Anpassung Kap. 4: VCBus ersetzt Clickbus, Non valida Präzisierung der Schnittstellenbeschreibung in Kap. 4.5 und Ch. Mutti Traduzione ed adattamenti Non valida Ch. Mutti Aggiunta attributo "Interfaccia" nel Cap Non valida Ch. Mutti Aggiornamento "Stato DP maschertai" nel Cap In uso Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina ii Autore: uf, std, cmu :32

5 Indice 1 Sommario Introduzione Comunicazione punti-dato Architettura del sistema Regole applicative per punti-dato Tipi di punto-dato Regole per DP Struttura dei punti-dato Attributi dei punti-dato Configurazione dell' interfaccia OPC Convenzioni Punti-dato applicazione dell impianto Punti-dato di sistema Transizioni di stato logico Inizializzazione Watchdog Comando Allarmi e disturbi collettivi (raggruppati) OPC Versione OPC Configurazione OPC Gruppi OPC predefiniti Compiti dei fornitori degli impianti Operazioni da fare dei fornitori dell impianto Interfaccia delle informazioni di navigazione e degli operatori Principio del VCBus Configurazione dei diritti dell utente Gruppi di utenti predefiniti SingleSignOn Login nell SGE e nel CT impianto API dell interfaccia VCBus SingleSignOn Verifica dei dati dell utente sull impianto Installazione e Configurazione del VCBus Commenti sulla struttura della pagina index.htm Commenti sulla struttura della pagina anlage.htm Adattamenti alla pagina vcbus.htm da parte del fornitore dell'impianto Sincronizzazione VCBus - Aplicazione Client Fase 1: Dichiarazione, inizializzazione e definizione delle variabili globali Accesso alle variabili globali dall'applicazione del Client con Java Browserinterface di componenti ActiveX Runtime Environment Opzioni di Browser Restrizioni Uso di componenti ActiveX Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina iii Autore: uf, std, cmu :32

6 6 Interfaccia ODBC per i giornali eventi locali Concetto livello di reporting e interfaccia ODBC Specificazione interfaccia ODBC Tabella del giornale eventi Sincronizzazione orologio via SNTP Funzionamento del protocollo SNTP Installazione del client SNTP Configurazione Client Windows XP Gestione errori Sorveglianza delle macchine tramite SNMP Funzionamento del protocollo SNMP Principio di configurazione in una rete Installazione e configurazione di "Servizio SNMP" Installazione e configurazione di "Server View Agent" Installazione e configurazione di "Global Array Manager" Elementi sorvegliati dall'interfaccia SNMP Requisiti minimi di sistema del CT dell'impianto A Indice delle tabelle e figure... 1 A.1 Definizioni e abbreviazioni... 1 A.2 Figure... 1 A.3 Tabelle... 2 B Printscreens del registro... 3 B.1 Printscreens del registro di Windows 2000 Server... 3 B.2 Printscreens del registro di Windows XP... 6 Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina iv Autore: uf, std, cmu :32

7 1 Sommario Questo documento descrive tutte le interfacce che concernono i fornitori degli impianti: Modulo Interfaccia (MI): modulo software sviluppato nell'ambito del progetto SGC- A2-TI/P1; esso realizza l interfacciamento mediante scambio di punti-dato tra il sistema di gestione dell autostrada (SGE) dell autostrada A2 da Chiasso ad Airolo Passo del San Gottardo e gli impianti elettromeccanici. Interfaccia di scambio di informazioni di navigazione e di informazioni sugli operatori: gli impianti e l SGE sono aperti in diverse finestre del browser. Le informazioni tra i vari processi del browser sono scambiate via VCBus. Per l accesso dell utente si presentano due scenari: o L utente lavora su un Posto di Lavoro (PDL): il login viene indirizzato dalla finestra dell SGE attraverso VCBus all istanza del browser che visualizza l impianto. (SingleSignOn) o L utente lavora direttamente sul CT dell impianto: il login viene verificato dal VCBus in base alla configurazione locale dell utente. Interfaccia ODBC per i giornali eventi locali: descrive l interfaccia standard che tutte le banche dati dei giornali eventi delle impianti elettromeccanici devono implementare. Grazie a ciò si possono generare i reports degli eventi sia per l SGE sia per gli impianti. Sincronizzazione orologio con NTP: su ogni impianto è installato e configurato un client NTP per la sincronizzazione dell orologio. Controllo di HW e componenti sistema operativo con SNMP: Un comportamento inaspettato di un componente hardware o del sistema operativo viene rilevato da SNMP e viene comunicato all SGE via interfaccia files. Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 1 / 44

8 2 Introduzione Questo documento descrive l architettura del Modulo Interfaccia (MI) e le modalità per l interfacciamento degli impianti elettromeccanici da parte dei rispettivi fornitori. La documentazione del tool (amplantconfigurator), necessario per la configurazione dei puntidato (DP), viene fornito separatamente sotto forma di manuale d uso. 3 Comunicazione punti-dato 3.1 Architettura del sistema GO amcore InfoBus IOGate ambus IDCHandler IDC CT tipo OPC IDCGate Modulo Interfaccia (amidc) OPCClient OPC- Server Appl. CT Figura 1: Architettura del Modulo Interfaccia Il Modulo Interfaccia, che consiste nella componente software amidc, si occupa dello scambio di punti-dato tra l'sge e gli impianti. Tale componente, oltre a tradurre i dati, che vengono letti/scritti sull'interfaccia OPC (via OPC Client), in telegrammi dell'sge, offre le seguenti funzionalità: Store&Forward: in caso di caduta della comunicazione MI - GO, vengono salvati i dati (fino a ca. 1'000 segnalazioni) - Store - e successivamente riallineati in seguito al ritorno della comunicazione - Forward. Nessun salvataggio deve essere quindi realizzato nel CT a monte dell interfaccia OPC con il MI. Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 2 / 44

9 Gestione delle ridondanze: nel caso di una ridondanza a livello GO, questa viene gestita dal MI. Un'eventuale ridondanza a livello CT dell'impianto deve essere gestita dal fornitore stesso. 3.2 Regole applicative per punti-dato In linea di principio i punti-dato (DP) dell SGE rappresentano l immagine di processo di un impianto elettromeccanico. Si definisce punto-dato un attributo di un'entità ("Parte Oggetto" nel CDR). Un DP puo' avere a sua volta attributi dinamici o statici. Gli attributi statici (priorità, classificazione del DP, tipo di valore del DP, ecc.) vengono definiti e configurati durante la fase di engineering, mentre quelli dinamici vengono attualizzati dal CT (periodicamente o in maniera asincrona) e pubblicati" sull interfaccia OPC del MI Tipi di punto-dato Punto-dato elementare (DP-E) Un punto-dato elementare si riferisce alla parte di un oggetto secondo le definizioni CDR. Esistono i seguenti tipi di punto-dato elementare: Comandi: servono per la trasmissione delle istruzioni da parte dell SGE agli impianti. Il comando viene accettato immediatamente dall'impianto a condizione che il CT non sia in modo d'uso Locale o Isolato. Stati e Misure: sono valori trasmessi dagli impianti all SGE; essi contengono nel proprio campo "Value" il corrispondente valore analogico o digitale in base al tipo di punto-dato. La priorità è 0 (intesa come nessuna priorità). Disturbi Un disturbo è la segnalazione data agli operatori del fatto che si è verificata una condizione tecnica non pericolosa, ma anomala, per gli impianti (ad esempio un guasto). Un disturbo non richiede un intervento immediato. Il campo "Value" contiene il valore 1, se il disturbo persiste, mentre mostra il valore 0 se il disturbo è scomparso. La priorità è 2. Allarmi: un allarme è la segnalazione data agli operatori del fatto che in un impianto si è verificato un evento operativo o che in un impianto è presente un malfunzionamento tecnico tale da inficiare la sicurezza degli automobilisti. Un allarme richiede sempre un intervento immediato. La priorità in questo caso è fissata a 1. Misure (valori, stati), disturbi e allarmi vengono letti dal MI sulla tabella OPC e spedite all'sge. I comandi vengono spediti dall'sge al MI sotto forma di telegrammi e vengono scritti, grazie al MI, sulle variabili OPC corrispondenti nell impianto. Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 3 / 44

10 Parte Ogg. Direzione Tipo di DP Valori Prio Stato DP spento(0), marcia(1) 0 Misura DP P.es. temp Allarme DP 0, 1 1 Disturbo DP 0, 1 2 Comando DP P.es % 0 SGE DP Figura 2: Tipi di punti-dato Punto-dato collettivi (DP-G) I punti-dato collettivi vengono utilizzati per concentrare i DP-E dello stesso tipo e con la stessa priorità. L'SGE utilizza i DP-G per la visualizzazione e per i riflessi automatici di sicurezza. Come regola generale per la spedizione all SGE è richiesto: raggruppamento dei DP tecnici per impianto, priorità, e centrale di provenienza della segnalazione (es.: ILL disturbo centrale 1/4, TRF allarme centrale nord, ecc.) raggruppamento per i DP operativi per la generazione di riflessi a livello dell SGE (es.: DP-G prelievo estintore nel tubo N-S); assieme al DP-G operativo viene sempre spedito all SGE anche il DP-E. La definizione di altri DP-G, sulla base delle caratteristiche dell impianto e delle necessità di gestione/visualizzazione, è un compito del fornitore dell impianto. Il punto-dato colletivo è il risultato della funzione logica OR di punti-dato elementari. Per esempio possono essere raggruppati tutti quei punti-dato relativi alle parti di un oggetto (per es. tutti i sensori antifumo di un settore in una galleria). Parte ogg. DP 1 DP 2 OR DP-G 1 SGE Icona Evento Parte ogg. DP 3 DP 4 OR DP-G 2 Figura 3: Punto-dato raggruppato Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 4 / 44

11 3.2.2 Regole per DP Nel grafico seguente viene mostrato il verificarsi di un allarme/disturbo tecnico e in che modo i tre tipi di DP, DP-elementare, DP-raggruppato e DP-impianto vengono utilizzati. Ricezione di un allarme/ disturbo Entità Entità Situazione anomala viene rilevata Il DP-E viene spedito CT impianto Esiste un DP-G per quel DP-E? Si Spedire DPraggruppato No DP-impianto DP - raggruppato DP-elementare DP-E ha un livello piu alto di diturbo/allarme dello stato attuale dell impianto Si Spedire DPimpianto No Figura 4: Invio di un DP La parte dell oggetto, sulla quale viene rilevata una situazione anomala, annuncia la segnlazione al CT dell impianto. Il CT dell impianto spedisce il corrispondente DP-elementare con priorità 1 (allarme) o 2 (disturbo) a seconda della segnalazione o dei valori predefiniti (soglie) a livello di impianto. Se il DP-elementare appartiene ad un DP-raggruppato, esso deve essere spedito (questo accade una sola volta, in corrispondenza alla spedizione del primo DP-E del gruppo) Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 5 / 44

12 Se si stratta di un DP-elementare tecnico (per es. il difetto di un sensore antiincendio), deve essere spedito anche il punto-dato dell impianto (DP-impianto), se la priorità del DP-E è maggiore di quella presente nel campo Value del DPimpianto attuale. Nota: un DP-E operativo non causa un cambiamento dello stato del DP-impianto. (per es. innalzamento del valore di CO). 3.3 Struttura dei punti-dato Un punto dato è dotato di attributi statici, che lo identificano univocamente e ne descrivono le caratteristiche, e di attributi dinamici,.che contengono il suo valore istantaneo. In questo capitolo vengono descritti gli attributi statici dei punti-dato Per ogni attributo verrà specificato se la sua definizione compete al fornitore dell impianto o a quello dell SGE. Per la compilazione degli attributi che gli competono, il fornitore dell impianto si avvarrà del tool amplantconfigurator messo a disposizione dal fornitore SGE Attributi dei punti-dato La tabella seguente descrive i singoli attributi. Per una visione migliore la tabella è stata suddivisa in vari blocchi funzionali. DP-Informazione di base Identificazione DP Campo d informazione DP-parametri suppl. Parametri d azione Informazioni suppl. Figura 5: Struttura di un DP Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 6 / 44

13 Identificazione DP Attributi statici univoci: l identificazione del DP viene generata automaticamente dal fornitore dell'sge. Quindi questi due campi non sono devono essere compilati dal fornitore dell'impianto. Essi vengono qui menzionati a puro scopo informativo in quanto poi richiamati nel capitolo 6.1 (costituiscono la parte Prefix del DP-Name). Campo ID-Impianto DP-ID Descrizione Abbreviazione, p.es. CEN_VEN (Ventilazione Ceneri) in base al CDR ID fisso del punto-dato di un fornitore (integer) Attributi statici del codice CdR: il fornitore dell impianto deve inserire il codice CDR dei propri punti-dato nei segmenti predefiniti (tratta, sotto-tratta, ecc.). Nota: informazioni dettagliate sulla struttura del codice CdR si trovano in [8]. - Informazioni complementari: Per tutti quei dati che vengono trasmessi tra due impianti elettromeccanici tramite contatti paralleli, il segmento oggetto deve essere uguale a RIFLE sia per l emettitore che per il ricevente. Il contenuto viene definito dall emittitore. Essendo il tool amplantcongurator anche tool CDR, il fornitore deve "validare" sia la lista dei DP che vanno ad interfacciarsi con l'sge sia quelli interni propri dell'impianto Campo d informazione Il fornitore dell impianto descrive nel campo d informazione le caratteristiche dei propri punti-dato. Campo Funzione Valore Tipo di DP Descrizione Questo campo indica la funzione delle entità. Esempi: stato, comando, temperatura Questo campo indica la gamma de possibili valori del campo funzione della funzione di un entità. Esempi: 1/2/3/4/disinserito, normale/guasto, inserire/disinserire Definisce il formato del campo Value (valore) nel telegramma Valori per il tipo di DP: A: Analogico; DP sensore con valore analogico (tipicamente una misura) D: Digitale; DP digitale con due stati On (1) e Off (0) S: Stato; DP con più stati possibili I DP-E con Prio > 0 sono sempre di natura digitale e descrivono il persistere o la scomparsa del disturbo/allarme Natura del DP TEC: DP tecnico rilevante per gli operatori della Manutenzione OP: DP operativo rilevante per gli operatori della Polizia Prio (priorità) Per tutti i punti-dato viene fissato un livello di priorità nel campo prio del DP (1=Allarme, 2= Disturbo, 0=Misure, Stati e Comandi). Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 7 / 44

14 Parametri d azione La configurazione dei parametri d azione compete al fornitore dell SGE Informazioni supplementari Il fornitore dell impianto descrive nel campo d informazione le caratteristiche dei propri punti-dato. Campo Unità di misura Timeout Retrosegnalazione Descrizione Comando Interfaccia Descrizione Se applicabile, unità di misura del valore del punto-dato. Campo utilizzato per la registrazione nel giornale eventi. Tempo in secondi, dopo il quale viene interpretata come errore l assenza della retrosegnalazione corrispondente al comando. Vedi cap. 7 CMD_TO Testo di descrizione del segnale. La descrizione viene visualizzata nel frame allarmi/disturbi e nel protocollo. Se il DP è un comando (Si/No) Definisce se un DP appartiene all'impianto stesso oppure se è presente sull'interfaccia con l'sge. (false = DP impianto, true = DP interfaccia) Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 8 / 44

15 Esempi di punti-dato Punto Dato DP-Informazioni di base DP-Parametri supplementari Identificazione DP Campo d informazione Parametri d azione Informazioni supplementari IDimpianto DP-ID CdR +Luogo =Impianto Funzione Valore Tipo DP Natura DP Priorità Unità di misura Timeout comando Descrizione Comando Definizione di un punto dato tipo digitale CEN_ILL GAL.CEN N 1/2PSLOTEC 01 =ILL230AC stato normale,disturbo D TEC s Alimentazione F131 0 Definizione di un punto dato tipo analogico CEN_ILL GAL.CEN N PSSTRAD =ILLSENS valore A OP 0 0 cd 0 s Misurazione luminanza portale sud 0 Definizione di un punto dato tipo comando CEN_VEN GAL.CEN N STRAD =VENCDO comando A OP 0 0 gradino 60 s Comando gradino ventilatori carreggiata S-N 1 Configurato da fornitore impianto Configurato da fornitore SGE Figura 6: Esempi di punto-dato Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 9 / 44

16 3.4 Configurazione dell' interfaccia OPC Il capitolo descive l'interfaccia OPC tra il MI (OPC-Client) l'applicazione dell'impianto Convenzioni Nomenclatura delle variabili OPC I nomi dei OPC-Item sono da definire dal fornitore dell'impianto. La definizione dei nomi è generalmente libera. Per semplificare la comprensione e la comunicazione tra il fornitore SGE ed il fornitore impianto si consiglia tuttavia di seguire le seguenti convenzioni. DP-Funzione Nome base delle variabili OPC Separatore Estensione specifica opcvar Comando Nome derivato del CdR CMD Quietanza Nome deviato del CdR QUI Retrosegnalazione Nome deviato del CdR EFB (Execution Feedback) Status Nome derivato del CdR VAL Allarme Nome derivato del CdR VAL Disturbo Nome derivato del CdR VAL Misura Nome derivato del CdR VAL Tabella 1: Nomenclatura per OPC Items Valori predefiniti delle variabili OPC I seguenti valori delle variabili OPS sono predefiniti e devono essere rispettati. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Valore di reset Comando opcvar.cmd Integer specifico dell impianto, <> opcvar.cmd String specifico dell impianto, <> UDEF UDEF= undefined scritto da IMP Quietanza opcvar.qui String ACK = acknowledgement quietanza positiva di ricezione UDEF scritto da SGE NACK = negative acknowledgement quietanza negativa di ricezione Retrosegnali sazione opcvar.efb String OK = retrosegnalazione è ok NOK = retrosegnalazione non è ok UDEF scritto da SGE Tabelle 2: Valori predefinitidi variabili OPC Punti-dato applicazione dell impianto I punti dato applicazione dell impianto rappresentano il cambiamento di stato, delle misure dell'impianto stesso come pure i comandi che vengono spediti dall'sge. Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 10 / 44

17 Punto-dato Comando I DP di comando segnalano un comando dall'sge all'impianto. L'impianto deve quietanzare la ricezione del comando e retrosegnalarne l'esecuzione.. Per ogni DP di comando sono definite tre variabili OPC. opcvar.cmd (comando) opcvar.qui (quietanza) opcvar.efb (retrosegnalazione, EFB = Execution Feedback) DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di Scritto da reset Comando opcvar.cmd Integer specifico dell SGE SGE String impianto UDEF opcvar.qui String ACK, NACK IMP UDEF SGE opcvar.efb String OK, NOK IMP UDEF SGE Punto-dato di Allarme / Disturbo Il punto-dato di allarme / disturbo segnala un cambiamento di stato con priorità dell'impianto. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di reset Stato allarme opcvar.val Integer 0 = rientrato IMP nessuno / disturbo 1 = attivo Scritto da Punto-dato di Stato Il punto-dato di stato segnala il cambiamento di uno stato in generale dell'impianto. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di reset Stato opcvar.val Integer specifico dell IMP nessuno String impianto Scritto da Punto-dato di Misura Il punto-dato di misura viene letto periodocamente dall'sge. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di reset Misura opcvar.val Float specifico dell IMP nessuno Integer impianto String Scritto da Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 11 / 44

18 3.4.3 Punti-dato di sistema I punti dato di sistema definiscono le funzioni per la comunicazione tra il CT dell impianto e l SGE. Questi DP sono uguali per tutti gli impianti Punto-dato INIT Il DP INIT viene spedito come primo comando dall'sge all'impianto per stabilirne la connessione. L'impianto deve quietanzare e retrosegnalare il comando. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di Scritto da reset INIT INIT.CMD String INIT SGE UDEF SGE INIT.QUI String ACK, NACK IMP UDEF SGE INIT.EFB String OK, NOK IMP UDEF SGE Punto-dato Watchdog Il DP WATCHDOG vine utilizzato per sorvegliare la connessione tra SGE ed impianto. I telegrammi del Watchdog vengono scambiati periodicamente tra SGe ed impianto. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di Scritto da reset Watchdog WD.CMD Integer SGE nessuno WD.QUI String ACK, NACK IMP UDEF SGE WD.EFB Integer IMP nessuno Punto-dato Impianto Il punto-dato dell'impianto si rende necessario per rappresentare lo stato dell'impianto (normale (=3), disturbo (=2), allarme (=1), e annuncia all'sge il livello piu alto di disturbo/allarme di natura tecnica presente nell'impianto (che corrisponde al valore piu basso di priorità). Questa informazione si trova nel campo "Value" del DP-impianto. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di reset Stato STIMP.VAL Integer 0 = normale IMP nessuno Impianto 1 = allarme 2 = disturbo Scritto da Punto-dato Conduzione Il punto-dato di conduzione indica all'sge, se qualcuno ha preso la conduzione dell impianto e di chi si tratta. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di reset Stato COND.VAL String Username SGE nessuno Conduzione Scritto da Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 12 / 44

19 Punti-dato Modo d uso L impianto cambia il proprio modo d uso della comunicazione con l'sge (Isolato/Locale/Distante) e lo annuncia con l aiuto del DP-modo d uso. Una volta che l impianto ritorna in modo d uso distante, sempre con il DP-impianto, aspetta il DP di inizializzazione che proviene dall SGE. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di reset Stato Modo MD.VAL Integer 1 = distante IMP nessuno d uso 2 = locale 4 = isolato Scritto da Punto-dato Modo di funzionamento L impianto comunica all SGE se il proprio modo di funzionamento è Automatico, Manuale o Parziale. Quest ultimo viene usato per indicare che un CS ha cambiato il proprio modo (Distante/Locale/Isolato) della comunicazione con il CT, oppure che una parte di impianto (gruppo, quadro) è stata posta in Revisione mediante selettore su quadro. Per la definizione dei modi d uso e dei modi di funzionamento si faccia riferimento al documento [10]. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di reset Stato Modo MF.VAL Integer 0 = auto IMP nessuno funzionale 1 = manuale 2 = parziale 5 = undefined Scritto da Stato allarmi/disturbi mascherati L impianto comunica all SGE se il al suo interno sono stato mascherati dei allarmi o disturbi. Questo punto-dato viene usato per indicare graficamente, a livello SGE, se sull'impianto vi sono DP che sono stato mascherati. DP-Funzione OPC-Item Datatype Valore di set Scritto da Valore di reset Stato A/D AUSTA.VAL Integer 0 = normale IMP nessuno mascherati 1 = attivo Scritto da Sincronizzazione del tempo La sincronizzazione del tempo viene effettuata via NTP. Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 13 / 44

20 3.5 Transizioni di stato logico Questo capitolo descrive la comunicazione tra la GO ed il CT via Modulo interfaccia (MI), e piu specificatamente tra l applicazione a livello GO e quella a livello CT. L interfaccia è rappresentata dall OPC Client (del fornitore SGE) e l OPC Server, messo a disposizione dal fornitore dell impianto. Lo scambio di informazioni avviene con i DP che vengono riconosciuti dall interfaccia OPC tramite le OPC Item Inizializzazione Stati logici degli impianti in base alla comunicazione dei DP dopo che viene effettuato il collegamento fisico Aspetta il DP Init di SGE Pronto per la comunicazione con il calcolatore di SGE Avviene DP Init Eseguire l intizializzazione della comunicazione. Spedire DP-quietanza, spedire DPretrosegnalazione. Avviene il comando Elaborare comando, quietanzare e retrosegnalare Pronto (online) Stato dell impianto è cambiato Cambiamento da segnalare al CT (o SGE) Essegui Watchdog Eseguire la sorveglianza del sistema Sistema di sorveglianza Timeout Andare off-line Figura 7: Inizializzazione del CT Il punto-dato di inizializzazione (DP-Init) serve per l inizializzazione del CT dell impianto. Non appena viene acceso, il CT dell impianto non accetta comandi e non invia segnalazioni e misure dalla/alla GO finchè non riceve il DP-Init, e l impianto va in modo d uso sicuro (Locale). Finchè la GO non riceve la conferma di ricezione (di seguito chiamata quietanza-item) del DP-Init da parte del CT, essa non spedisce né riceve nessun DP. Non appena avviene con successo l inizializzazione del CT, questo ritorna nel modo d uso Distante. N.B. Per essere sicuri che ogni comando viene correttamente "propagato" all'impianto, l OPC Client del MI deve resettare il valore dell'opc Items init.cmd, init.qui, init.efb del comando con UDEF o Viene in questo modo assicurato che, una successiva spedizione di dello comandopossa venire catturata dall'impianto. Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 14 / 44

21 Nr. Applicazione GO / MI amidc SGE DP-ID Opc-Item Valore Applicazione CT 0 Aspetta il DP-Init 1 Scrive comando Init-Item INIT-DP init.cmd INIT Riceve Init-Item 1.1 Riceve la quietanza Stato: transazione funziona INIT-DP init.qui ACK, NACK 1.2 Resettare quietanza-item INIT-DP init.qui UDEF - Scrive quietanza-item 1.3 Aspetta la retrosegnalazione Registra lo stato online 1.4 Riceve la retrosegnalazione INIT-DP init.efb OK, NOK Scrive retrosegnalazione-item 1.5 Resettare retrosegnalazione - Item INIT-DP init.efb UDEF Resettare comando Init-Item INIT-DP init.cmd UDEF Stato: CT = up Tabelle 3: Sequenza d inizializzazione del interfaccia GO - CT Watchdog Il DP-watchdog viene spedito regolarmente in intervalli di tempo (ogni 30 secondi) dalla GO. Il DP-watchdog viene quietanzato subito dal CT dell impianto. Questa procedura permette di controllare la disponibiltà del canale di comunicazione. La OPC-Item-Value del DP-watchdog contiene un contatore di transazioni che viene incrementato sia dalla GO che dal CT. Il contatore (counter) delle transazioni viene rappresentato come un numero integer, tra 0 a 999'999 (Z=(Z+1) MOD 1'000'000) e una volta raggiunto il valore massimo (999'999) ricomincia da 0. MI amgateopc wd.cmd wd.qui wd.efb max 5 s CMD_TO Applicazione CT Figura 8: Watchdog Consorzio Bergauer-Niklaus MI_interfaccie_V1-2-0_it.doc Pagina 15 / 44

Concetto di sicurezza CoSi - UT4 Sistemi di gestione e comunicazione

Concetto di sicurezza CoSi - UT4 Sistemi di gestione e comunicazione Unità territoriale 4 Dipartimento del territorio Divisione delle costruzioni Via C. Ghiringhelli 19 Casella postale 1134 6502 BELLINZONA Strade Nazionali A2 - A13 Strade Principali Cantonali Impianti Elettromeccanici

Dettagli

WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL. Manuale Programmatore

WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL. Manuale Programmatore WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL Manuale Programmatore Pagina 1 SOMMARIO Webgate400 ActiveX Control... 3 1 A Chi è destinato... 3 2 Pre requisiti... 3 3 Introduzione... 3 3.1 Requisiti di sistema... 3 3.2 Distribuzione

Dettagli

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili http://213.26.67.117/ce_test Guida all uso del servizio Internet On-Line CASSA EDILE NUOVA INFORMATICA Software prodotto da Nuova Informatica srl Pag. 1 Il Servizio

Dettagli

CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 2 PROCEDURA

CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 2 PROCEDURA SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 2 PROCEDURA DI INSTALLAZIONE SOFTWARE RICAMBI CAPITOLO 3 ISTRUZIONI PER L USO 1 CAPITOLO 1 PREREQUISITI DI INSTALLAZIONE

Dettagli

Istruzioni operative

Istruzioni operative Manuale d'uso dello strumento di compilazione Bilanci con foglio di calcolo Istruzioni operative Manuale d uso - versione 4 - febbraio 2014 pag. 1 di 25 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Redazione del

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012 Per WebReporter 2012 Ultimo aggiornamento: 13 settembre, 2012 Indice Installazione dei componenti essenziali... 1 Panoramica... 1 Passo 1 : Abilitare gli Internet Information Services... 1 Passo 2: Eseguire

Dettagli

SYNERGY. Software di supervisione ed energy management MANUALE OPERATIVO

SYNERGY. Software di supervisione ed energy management MANUALE OPERATIVO SYNERGY Software di supervisione ed energy management MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 4 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 4 3 SETUP... 4 4 ACCESSO A SYNERGY E UTENTI... 5 4.1 Utenti... 5 4.2

Dettagli

SYNERGY. Software di supervisione ed energy management MANUALE OPERATIVO

SYNERGY. Software di supervisione ed energy management MANUALE OPERATIVO SYNERGY Software di supervisione ed energy management MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 4 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 4 3 SETUP... 4 4 ACCESSO A SYNERGY E UTENTI... 5 4.1 Utenti... 5 4.2

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT Pagina 1 di 36 Requisiti necessari all installazione... 3 Configurazione del browser (Internet Explorer)... 4 Installazione di una nuova Omnistation... 10 Installazione

Dettagli

Intel Server Management Pack per Windows

Intel Server Management Pack per Windows Intel Server Management Pack per Windows Manuale dell'utente Revisione 1.0 Dichiarazioni legali LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO DOCUMENTO SONO FORNITE IN ABBINAMENTO AI PRODOTTI INTEL ALLO SCOPO DI

Dettagli

Manuale. di configurazione. Interfaccia di gestione. Configurazioni. Storage. Stampanti SOMMARIO

Manuale. di configurazione. Interfaccia di gestione. Configurazioni. Storage. Stampanti SOMMARIO Manuale di configurazione 2 Configurazioni 8 Storage 30 Stampanti 41 Manuale Interfaccia di gestione di configurazione SOMMARIO Interfaccia di gestione INTRODUZIONE La configurazione del modem può essere

Dettagli

Istruzioni operative

Istruzioni operative Manuale d'uso dello strumento di compilazione Bilanci con foglio di calcolo Istruzioni operative Manuale d uso - versione 2 - aprile 2010 pag. 1 di 26 Indice Indice...2 Introduzione...3 Redazione del bilancio

Dettagli

Infinity Connect. Guida di riferimento

Infinity Connect. Guida di riferimento Infinity Connect Guida di riferimento La flessibilità, il dinamismo e la continua ricerca di Innovazione tecnologica che, da sempre, caratterizzano Il gruppo Zucchetti, hanno consentito la realizzazione

Dettagli

IUM Style Guide. Pagine degli Impianti SGC-A2-TI / P1. Sistema di gestione (SGE) NIKLAUS SA 50 anni (1952-2002)

IUM Style Guide. Pagine degli Impianti SGC-A2-TI / P1. Sistema di gestione (SGE) NIKLAUS SA 50 anni (1952-2002) NIKLAU A 50 anni (1952-2002) BERGAUER AG Täfernstrasse 16a 5405 Baden-Dättwil Tel: 056-483 00 10 Fax: 056-483 00 11 E-Mail: info@bergauer.ch NIKLAU A Via Concordia 13b 6906 Lugano Tel: 091-971 29 44 Fax:

Dettagli

PC Crash Course: OBIETTIVI

PC Crash Course: OBIETTIVI PC Crash Course: OBIETTIVI 1. PC: uno strumento 2. Microsoft Windows XP: alcuni concetti chiave della interfaccia grafica 3. File System: file, direttori, link, 4. Il prompt dei comandi 5. Un occhiata

Dettagli

Network Camera Manuale di istruzioni

Network Camera Manuale di istruzioni Network Camera Manuale di istruzioni Modello No. WV-NW484SE Prima di collegare o utilizzare il presente prodotto, leggere attentamente le istruzioni e conservare il manuale per riferimento futuro. Il numero

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Il Sistema Operativo Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela Fogli Cos

Dettagli

REGIONE BASILICATA Sistema per la Gestione Unificata del Protocollo Informatico Manuale di installazione Vers. 3.0

REGIONE BASILICATA Sistema per la Gestione Unificata del Protocollo Informatico Manuale di installazione Vers. 3.0 0 REGIONE BASILICATA Sistema per la Gestione Unificata del Protocollo Informatico Manuale di installazione Vers. 3.0 CONTENUTI 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTO DEL CD DI INSTALLAZIONE... 2 3 INSTALLAZIONE...

Dettagli

Questa versione permette di stampare la configurazione dell impianto e risolve alcuni problemi riscontrati nelle versioni precedenti.

Questa versione permette di stampare la configurazione dell impianto e risolve alcuni problemi riscontrati nelle versioni precedenti. SOFTWARE PER CENTRALI FENICE Software_Fenice_1.2.0 12/09/2012 Questo Software permette all'installatore di programmare le centrali della serie Fenice, di aggiornare i firmware dei vari componenti del sistema

Dettagli

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC FileMaker 12 Guida ODBC e JDBC 2004 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker, Inc.

Dettagli

Gestione Ordini On Line

Gestione Ordini On Line Gestione Ordini On Line Guida utente INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 REQUISITI SOFTWARE E HARDWARE... 3 1.2 ACCESSO AL SITO... 3 1.3 UTILIZZO DELL'INTERFACCIA DI NAVIGAZIONE... 4 1.4 INSERIMENTO...5 1.5

Dettagli

IT DA2 Kit Guida al a programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.4 10 09 2015

IT DA2 Kit Guida al a programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.4 10 09 2015 DA2 Kit IT Guida alla programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.4 10 09 2015 GUIDA AI SIMBOLI DI QUESTO MANUALE Al fine di agevolare la consultazione del documento

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved

Versione 2014. Installazione GSL. Copyright 2014 All Rights Reserved Versione 2014 Installazione GSL Copyright 2014 All Rights Reserved Indice Indice... 2 Installazione del programma... 3 Licenza d'uso del software... 3 Requisiti minimi postazione lavoro... 3 Requisiti

Dettagli

LUCA VACCARO. Politecnico di Milano. S2MS Guida di Riferimento

LUCA VACCARO. Politecnico di Milano. S2MS Guida di Riferimento LUCA VACCARO Politecnico di Milano S2MS Guida di Riferimento L U C A V A C C A R O S2MS Guida di Riferimento Software sviluppato da Luca Vaccaro luck87@gmail.com Progetto del corso Internetworking TCP/IP

Dettagli

IT DA2 Kit Guida al a programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.5 07 01 2016

IT DA2 Kit Guida al a programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.5 07 01 2016 DA2 Kit IT Guida alla programmazione per lettori di banconote NV9 NV9 USB NV10 NV10 USB NV11 - BV100 Rev. 1.5 07 01 2016 GUIDA AI SIMBOLI DI QUESTO MANUALE Al fine di agevolare la consultazione del documento

Dettagli

MANUALE D USO SWEDA MASTER

MANUALE D USO SWEDA MASTER MANUALE D USO SWEDA MASTER COMPATIBILE WINDOWS VISTA Versione 1.2.0.3 Manuale RTS WPOS1 INDICE INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA... 3 VERSIONI DEL PROGRAMMA... 3 COMPATIBILITA CON WINDOWS VISTA... 3 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Tipi fondamentali di documenti web

Tipi fondamentali di documenti web Tipi fondamentali di documenti web Statici. File associati al web server il cui contenuto non cambia. Tutte le richieste di accesso conducano alla visualizzazione della stessa informazione. Dinamici. Non

Dettagli

TeamUpdate Client. TeamPortal TeamUpdate Client 20120300

TeamUpdate Client. TeamPortal TeamUpdate Client 20120300 Client Client INDICE Introduzione... 3 Specifiche Client... 4 Contenuti... 5 Gestione contenuto... 6 Gestione documenti... 8 Contenuti locali... 11 Da gestire... 11 Cronologia... 12 Consultazione... 13

Dettagli

L'elaborazione dei dati su client Linguaggi di script

L'elaborazione dei dati su client Linguaggi di script Pagina 1 di 5 L'elaborazione dei dati su client Linguaggi di script Attualmente si tende a scaricare sul computer dell'utente piccoli programmi (Javascript o applet Java) che svolgano parte dell'elaborazione

Dettagli

PREPARAZIONE NUOVO PC. Start > tasto destro su Computer > Impostazioni avanzate > Nome Computer

PREPARAZIONE NUOVO PC. Start > tasto destro su Computer > Impostazioni avanzate > Nome Computer DATA INIZIO G TECNICO M A DATA FINE G M A FIRMA TECNICO AB ED FB GV TIPO MARCA MODELLO S/N PC NB WS UTENTE FIRMA UTENTE PER ACCETTAZIONE PREPARAZIONE NUOVO PC Check ATTIVITA' PROCEDURA 01 PRIMO AVVIO DI

Dettagli

PROGRAMMA FORMAZIONE SCADA/HMI MOVICON

PROGRAMMA FORMAZIONE SCADA/HMI MOVICON PROGRAMMA FORMAZIONE SCADA/HMI MOVICON Il programma di formazione Movicon prevede la disponibilità dei seguenti corsi: Corso base : Nr. 1 gg. Presso sede Progea o centro autorizzato. Su accordo, presso

Dettagli

APPENDICE B Le Active Server Page

APPENDICE B Le Active Server Page APPENDICE B Le Active Server Page B.1 Introduzione ad ASP La programmazione web è nata con la Common Gateway Interface. L interfaccia CGI tuttavia presenta dei limiti: ad esempio anche per semplici elaborazioni

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE

PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE ENTERPRISE 2006 INTERFACCIA GRAFICA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DI SISTEMI 1019 MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE Enterprise-ITA-27-05-2008 2006 1 Sommario Introduzione... 3 Release... 3 Principali caratteristiche...

Dettagli

Guida rapida DVR HD Parte prima: Operazioni di base Parte due: Controllo remoto

Guida rapida DVR HD Parte prima: Operazioni di base Parte due: Controllo remoto Guida rapida DVR HD Parte prima: Operazioni di base... 2 1. Installazione di base... 2 2. Avvio... 2 3. Spegnimento... 2 4. Accesso... 2 5. Anteprima... 3 6. Configurazione registrazione... 3 7. Riproduzione...

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT

MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT MANUALE DI INSTALLAZIONE OMNIPOINT Pagina 1 di 31 Requisiti necessari all installazione:... 3 Configurazione Browser per WIN7... 3 Installazione Software... 6 Configurazione Java Runtime Environment...

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Novità di Crystal Reports XI

Novità di Crystal Reports XI Introduzione Introduzione Questa sezione offre una panoramica di dettagliata dei componenti, delle funzioni e dei vantaggi forniti dalla versione più recente di Crystal Reports. Alcuni tra i più importanti

Dettagli

Manuale istruzioni. Software Vimar By-web per dispositivi mobili Android Manuale per l'uso

Manuale istruzioni. Software Vimar By-web per dispositivi mobili Android Manuale per l'uso Manuale istruzioni Software Vimar By-web per dispositivi mobili Android Manuale per l'uso Contratto di licenza Vimar con l'utente finale VIMAR SPA con sede in Marostica (VI), Viale Vicenza n. 14 (http://www.vimar.com),

Dettagli

Stress-Lav. Guida all uso

Stress-Lav. Guida all uso Stress-Lav Guida all uso 1 Indice Presentazione... 3 I requisiti del sistema... 4 L'installazione del programma... 4 La protezione del programma... 4 Per iniziare... 5 Struttura delle schermate... 6 Password...

Dettagli

COMPATIBILE WINDOWS VISTA

COMPATIBILE WINDOWS VISTA MANUALE D USO CORIS ZERO7 e compatibili COMPATIBILE WINDOWS VISTA / 7 / 8 Versione 1.1.0.5 Manuale RTS WPOS1 INDICE MANUALE D USO...1 CORIS...1 ZERO7 e compatibili...1 INDICE... 2 LEGENDA... 2 PREMESSA...

Dettagli

Esercizi di JavaScript

Esercizi di JavaScript Esercizi di JavaScript JavaScript JavaScript é un linguaggio di programmazione interpretato e leggero, creato dalla Netscape. E' presente a patire da Netscape 2 in tutti i browser ed é dunque il linguaggio

Dettagli

ELSTER A1700i. Manuale software di lettura Dati Power Master Unit Read Olny. Contatore ELSTER A1700i. Manuale software di lettura dati PMU Read Olny

ELSTER A1700i. Manuale software di lettura Dati Power Master Unit Read Olny. Contatore ELSTER A1700i. Manuale software di lettura dati PMU Read Olny ELSTER A1700i Manuale software di lettura Dati Power Master Unit Read Olny Revisione : 0 Data : Aprile 2011 Software : Power Master Unit Read only 2.4 Firmware : Enel Pagina 1 di 20 1. Presentazione del

Dettagli

LOCALIZZAZIONE SATELLITARE GEOREFENRENZIATA

LOCALIZZAZIONE SATELLITARE GEOREFENRENZIATA LOCALIZZAZIONE SATELLITARE GEOREFENRENZIATA 1 Indice 1 Indice... 2 2 Introduzione... 3 2.1 Glossario... 3 2.2 Generalità... 3 3 Applicativo... 4 4 Stato del mezzo... 6 4.1 Toolbar Mezzo... 6 4.2 Identificativo

Dettagli

Configurazione moduli I/O serie EX

Configurazione moduli I/O serie EX Configurazione moduli I/O serie EX aggiornamento: 20-12-2014 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com Tabella dei contenuti 1. Moduli di I/O con protocollo Modbus... 3 1.1. Parametri di comunicazione... 4 1.2.

Dettagli

Architetture Web parte 2

Architetture Web parte 2 Architetture Web parte 2 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2004-05 Sessione Un insieme di richieste, provenienti dallo stesso browser e dirette allo stesso server, confinate in un dato lasso

Dettagli

Serie IMZ-RS3. Software Real Shot Manager V3. www.sonybiz.net/nvm

Serie IMZ-RS3. Software Real Shot Manager V3. www.sonybiz.net/nvm Serie IMZ-RS3 Software Real Shot Manager V3 www.sonybiz.net/nvm Flessibilità delle applicazioni di Network Video Monitoring Grazie a una vasta gamma di prodotti innovativi predisposti per il funzionamento

Dettagli

Redatto da: Alfredo Scacchi Marco Vitulli

Redatto da: Alfredo Scacchi Marco Vitulli AxSync e AxSynClient Acquisizione Dati PDA Manuale di Installazione, Configurazione e Gestione Redatto da: Alfredo Scacchi Marco Vitulli Sommario Sommario 2 Introduzione 3 Requisiti 4 Hardware Consigliato

Dettagli

Istruzioni per l uso. (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems. Installazione. Sommario.

Istruzioni per l uso. (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems. Installazione. Sommario. Istruzioni per l uso (Per l installazione Panasonic Document Management System) Digital Imaging Systems N. modello DP-800E / 800P / 806P Installazione Sommario Installazione Installazione del driver di

Dettagli

MANUALE UTENTE V.1.1

MANUALE UTENTE V.1.1 MANUALE UTENTE V.1.1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 Prerequisiti utilizzo sito myfasi... 4 3 Primo accesso al Sito Web... 5 4 Attivazione dispositivo USB myfasi... 9 5 Accesso al sito web tramite dispositivo

Dettagli

Manuale Utente Archivierete Novembre 2008 Pagina 2 di 17

Manuale Utente Archivierete Novembre 2008 Pagina 2 di 17 Manuale utente 1. Introduzione ad Archivierete... 3 1.1. Il salvataggio dei dati... 3 1.2. Come funziona Archivierete... 3 1.3. Primo salvataggio e salvataggi successivi... 5 1.4. Versioni dei salvataggi...

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services)

Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Manuale d uso e manutenzione (client Web e Web services) Rev. 01-15 ITA Versione Telenet 2015.09.01 Versione DB 2015.09.01 ELECTRICAL BOARDS FOR REFRIGERATING INSTALLATIONS 1 3232 3 INSTALLAZIONE HARDWARE

Dettagli

Xenta 511. dati tecnici. identificativo prodotto. Web server per LonWorks network

Xenta 511. dati tecnici. identificativo prodotto. Web server per LonWorks network Xenta 511 Web server per LonWorks network Xenta 511 è insieme ad un web browser standard (che viene utilizzato come interfaccia grafica) un sistema di presentazione dei network LonWorks. L operatore può

Dettagli

Alcune configurazioni del browser Internet Explorer e del runtime Java necessarie per utilizzare l'interfaccia GIS del sistema gestionale ARTEA.

Alcune configurazioni del browser Internet Explorer e del runtime Java necessarie per utilizzare l'interfaccia GIS del sistema gestionale ARTEA. 16 maggio 2011 Alcune configurazioni del browser Internet Explorer e del runtime Java necessarie per utilizzare l'interfaccia GIS del sistema gestionale ARTEA. Leonardo Danza - leonardo.danza@artea.toscana.it

Dettagli

GEODROP APPLICATIONS. Developer. Public. Private. Reseller

GEODROP APPLICATIONS. Developer. Public. Private. Reseller GEODROP APPLICATIONS Public Developer Reseller Private Le Applicazioni di Geodrop Guida per Developer alle Applicazioni Guida alle applicazioni v1.1-it, 21 Dicembre 2012 Indice Indice...2 Cronologia delle

Dettagli

1. Introduzione...3 2. Requisiti Tecnici per PC Client...3 3. Avvio di GALILEO...4. 3.1 Login...4 3.2 Logout...7. 4. GALILEO: Interfaccia Utente...

1. Introduzione...3 2. Requisiti Tecnici per PC Client...3 3. Avvio di GALILEO...4. 3.1 Login...4 3.2 Logout...7. 4. GALILEO: Interfaccia Utente... INDICE 1. Introduzione...3 2. Requisiti Tecnici per PC Client...3 3. Avvio di GALILEO...4 3.1 Login...4 3.2 Logout...7 4. GALILEO: Interfaccia Utente...8 4.1 Lista dei Reparti...8 4.1.1 Ricerca Pazienti...8

Dettagli

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011 Manuale utente ver 1.0 del 31/10/2011 Sommario 1. Il Servizio... 2 2. Requisiti minimi... 2 3. L architettura... 2 4. Creazione del profilo... 3 5. Aggiunta di un nuovo dispositivo... 3 5.1. Installazione

Dettagli

Ajax. Introdotta da Microsoft nel 1998 è stata standardizzata e adottata da tutti i browser moderni.

Ajax. Introdotta da Microsoft nel 1998 è stata standardizzata e adottata da tutti i browser moderni. Ajax AJAX (Asynchronous JavaScript And XML) è una tecnica fondamentale per la creazione di siti e applicazioni web ad alta interattività, che consente di evitare di ricaricare intere pagine ad ogni richiesta

Dettagli

Architetture Software

Architetture Software Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software Architetture Software Giulio Destri Ing. del Sw: Architettura - 1 Scopo del modulo

Dettagli

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC versione base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte uno dei pregi è la completa indipendenza del codice

Dettagli

Manuale Operativo per la firma digitale

Manuale Operativo per la firma digitale Manuale Operativo per la firma digitale Indice 1. Introduzione... 1 2. Installazione del lettore di smart card... 1 3. Installazione del Dike e Dike Util... 7 1. Premessa... 8 2. Installazione DikeUtil...

Dettagli

Sistema SMSWeb Monitoring

Sistema SMSWeb Monitoring scheda tecnica Sistema SMSWeb Monitoring 1 SICUREZZA ANTIFURTO Cos è il sistema SMSWebMonitoring SMSWebMonitoring è un ricevitore di segnali di tipo CONTACT ID, che consente alla clientela finale di accedere

Dettagli

Manuale Operativo P2P Web

Manuale Operativo P2P Web Manuale Operativo P2P Web Menu Capitolo 1 Configurazione dispositivo... Errore. Il segnalibro non è definito. 1.1 Configurazione funzione P2P dispositivo... 2 Capitolo 2 Operazioni P2P Web... Errore. Il

Dettagli

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni COS È? principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni un programma gratuito: la versione base offre 300 MB di spazio disco

Dettagli

REVISIONI. 1.0 07 ottobre 2010 RTI Prima stesura

REVISIONI. 1.0 07 ottobre 2010 RTI Prima stesura Data: 07 ottobre 2010 Redatto da: RTI REVISIONI Rev. Data Redatto da Descrizione/Commenti 1.0 07 ottobre 2010 RTI Prima stesura Si precisa che la seguente procedura necessita, nel computer con il quale

Dettagli

Istruzioni per l uso Display grafico per SINEAX CAM

Istruzioni per l uso Display grafico per SINEAX CAM Istruzioni per l uso Display grafico per SINEAX CAM CAM Display Bi 162 602 06.10 Camille Bauer AG Aargauerstrasse 7 CH-5610 Wohlen / Svizzera Telefono +41 56 618 21 11 Fax +41 56 618 35 35 e-mail: info@camillebauer.com

Dettagli

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC di base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte completa indipendenza del codice dal tipo di database o di

Dettagli

Controllo Accessi. Software di configurazione e scrittura smart card

Controllo Accessi. Software di configurazione e scrittura smart card Controllo Accessi Software di configurazione e scrittura smart card REQUISITI MINIMI HARDWARE E SOFTWARE Software: Sistema Operativo Microsoft: - Windows XP. - Windows 8 a 32 bit o 64 bit. - Windows 7

Dettagli

Questa scelta è stata suggerita dal fatto che la stragrande maggioranza dei navigatori usa effettivamente IE come browser predefinito.

Questa scelta è stata suggerita dal fatto che la stragrande maggioranza dei navigatori usa effettivamente IE come browser predefinito. Pagina 1 di 17 Installazione e configurazione di applicazioni Installare e configurare un browser Come già spiegato nelle precedenti parti introduttive di questo modulo un browser è una applicazione (lato

Dettagli

Manuale d'uso della Matrice Virtuale Avigilon Control Center

Manuale d'uso della Matrice Virtuale Avigilon Control Center Manuale d'uso della Matrice Virtuale Avigilon Control Center Versione 5,2 PDF-ACCVM-B-Rev1_IT 2013 2014 Avigilon Corporation. Tutti i diritti riservati. Salvo espressamente concesso per iscritto, nessuna

Dettagli

EM3 SoftCom Software di comunicazione fra EM3 e PC Versione 2.019

EM3 SoftCom Software di comunicazione fra EM3 e PC Versione 2.019 EM3 SoftCom Software di comunicazione fra EM3 e PC Versione 2.019 Via Serraglio, 48 - Imola (BO) - Italy Tel. 0542 641770 - Fax 0542 641761 www.elcotronic.it - info@elcotronic.it Pagina 1 di 17 Pagina

Dettagli

Versione 1.0 gennaio 2011. Xerox Phaser 3635MFP Extensible Interface Platform

Versione 1.0 gennaio 2011. Xerox Phaser 3635MFP Extensible Interface Platform Versione 1.0 gennaio 2011 Xerox Phaser 3635MFP 2011 Xerox Corporation. XEROX e XEROX and Design sono marchi di Xerox Corporation negli Stati Uniti e/o in altri paesi. Questo documento è soggetto a modifiche

Dettagli

MOBS Flussi informativi sanitari regionali

MOBS Flussi informativi sanitari regionali Indicazioni per una corretta configurazione del browser Versione ottobre 2014 MOBS--MUT-01-V03_ConfigurazioneBrowser.docx pag. 1 di 25 Uso: ESTERNO INDICE 1 CRONOLOGIA VARIAZIONI...2 2 SCOPO E CAMPO DI

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate valide

Dettagli

EUROPLUS - SOFT Art.: 4096

EUROPLUS - SOFT Art.: 4096 LINCE ITALIA S.p.A. REG.N.4796 UNI EN ISO 9001:2008 EUROPLUS - SOFT Art.: 4096 MANUALE DI INSTALLAZIONE, PROGRAMMAZIONE ED USO MADE IN ITALY SOMMARIO 1 Informazioni generali... 3 1.1 Requisiti di sistema...

Dettagli

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server FileMaker Pro 12 Guida di FileMaker Server 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker è un marchio di FileMaker,

Dettagli

PageScope Data Administrator Ver.1.0 Manuale d uso

PageScope Data Administrator Ver.1.0 Manuale d uso PageScope Data Administrator Ver.1.0 Manuale d uso Data Administrator Sommario 1 Operazioni preliminari 1.1 Requisiti di sistema... 1-1 1.2 Panoramica delle funzioni... 1-2 Strumenti per l'amministratore...

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL PORTALE APPLICAZIONI GRUPPO PIAZZETTA

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL PORTALE APPLICAZIONI GRUPPO PIAZZETTA ISTRUZIONI PER L UTILIZZO DEL PORTALE APPLICAZIONI GRUPPO PIAZZETTA Rev. 1 - Del 20/10/09 File: ISTRUZIONI UTILIZZO PORTALE APPLICAZIONI.doc e NET2PRINT.doc Pagina 1 1) Prerequisiti di accesso Installazione

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

`````````````````SIRE QUICK START GUIDE

`````````````````SIRE QUICK START GUIDE `````````````````SIRE QUICK START GUIDE Sommario Introduzione 60 Configurazione 61 Operazioni preliminari 62 Configurare il profilo Backup 63 Backup personalizzato 64 Avviare il backup 66 Schermata principale

Dettagli

TELECAMERA IP DA ESTERNO con IR (cod. CP391 )

TELECAMERA IP DA ESTERNO con IR (cod. CP391 ) MANUALE UTENTE CP391 TELECAMERA IP DA ESTERNO con IR (cod. CP391 ) 1. Installazione 1.1 Collegamento Prima di effettuare qualsiasi operazione assicurarsi che tutti i dispositivi siano scollegati dall alimentazione.

Dettagli

INDICE. DATEX il manuale edizione aprile 2011

INDICE. DATEX il manuale edizione aprile 2011 DATEX MANUALE INDICE INDICE... 1 INTRODUZIONE... 2 PRINCIPALI CARATTERISTICHE... 3 IL PRIMO COLLEGAMENTO... 4 INTERFACCIA... 5 DEFINIZIONE DELLE OPERAZIONI E DEI PROFILI... 6 INGRESSO CON PASSWORD NEL

Dettagli

EasyVote v.1.0. Logos Av Com. Manuale d uso

EasyVote v.1.0. Logos Av Com. Manuale d uso EasyVote v.1.0 Logos Av Com Manuale d uso Revisions table Revision Date Author Pages Notes 1.0 05/06/2012 P.A. Aisa 30 First Emission File name EasyVote_UserManual_1.0 Revisions table 2 / 30 Indice 1 INTRODUZIONE

Dettagli

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC JDBC: Introduzione Java Database Connectivity (JDBC): parte 1 Gianluca Moro DEIS - Università di Bologna gmoro@deis.unibo.it Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali

Dettagli

Cosa devo fare? Capitolo Pagina Prima della sostituzione. Ho caricato tutti i dati archiviati di Outlook (.pst) che sono necessari 3.

Cosa devo fare? Capitolo Pagina Prima della sostituzione. Ho caricato tutti i dati archiviati di Outlook (.pst) che sono necessari 3. GWP W7 User Guide 04.04.2013 Validità per il rollout con 20.06.2013 Modifiche per Client LifeCycle Lista di controllo Nome computer Data migrazione Eseguito da Data sostituzione HW Cosa devo fare? Capitolo

Dettagli

Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux

Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux Gli estremi corretti per la citazione bibliografica di questo manuale sono i seguenti: SAS Institute

Dettagli

Introduzione Il programma di formazione base di Movicon prevede la disponibilità di nr. 10 moduli, così suddivisibili:

Introduzione Il programma di formazione base di Movicon prevede la disponibilità di nr. 10 moduli, così suddivisibili: Introduzione Il programma di formazione base di Movicon prevede la disponibilità di nr. 10 moduli, così suddivisibili: Corso base 1 = nr. 5 moduli, 1 gg. presso sede Progea o centro autorizzato Corso base

Dettagli

FAQ (Frequently asked questions)

FAQ (Frequently asked questions) FAQ (Frequently asked questions) Le informazioni contenute in questo manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. I nomi di prodotti e società menzionati in questo manuale sono marchi dei rispettivi

Dettagli

Procedura di accreditamento ai servizi di Interoperabilità

Procedura di accreditamento ai servizi di Interoperabilità Procedura di accreditamento ai servizi di Interoperabilità 30/08/2011 Cod. SISTRI-MOF_ACC_INT-001 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Presentazione... 4

Dettagli

INSTALLAZIONE MICROSOFT SQL Server 2005 Express Edition

INSTALLAZIONE MICROSOFT SQL Server 2005 Express Edition INSTALLAZIONE MICROSOFT SQL Server 2005 Express Edition Templ. 019.02 maggio 2006 1 PREFAZIONE... 2 2 INSTALLAZIONE DI MICROSOFT.NET FRAMEWORK 2.0... 2 3 INSTALLAZIONE DI SQL SERVER 2005 EXPRESS... 3 4

Dettagli

SVN server, per Florim, è installato su server di test, anche se la sua configurazione può avvenire in qualsiasi ambiente.

SVN server, per Florim, è installato su server di test, anche se la sua configurazione può avvenire in qualsiasi ambiente. Siti FLORIM SVN Subversion Il sistema di versioning viene illustrato nell immagine seguente: Sistema locale dello sviluppatore, si parla di working copy ( copia dei file dal server in produzione) SVN server,

Dettagli

Guida all utilizzo della web app per i cat

Guida all utilizzo della web app per i cat Guida all utilizzo della web app per i cat Guida all utilizzo della web app per i cat 2 Sommario 1. Account ChaffoLink 1.1 Creazione dell account 1.2 Accesso al portale 1.2.1 Modifica delle informazioni

Dettagli

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP DISPENSA LEZIONE 1 Autore D. Mondello Transazione di dati in una richiesta di sito web Quando viene effettuata la richiesta di un sito Internet su un browser, tramite

Dettagli

Sistema di supervisione e controllo TAC VISTA

Sistema di supervisione e controllo TAC VISTA Sistema di supervisione e controllo TAC VISTA Software TAC VISTA IV TAC VISTA IV è il sistema di supervisione e gestione per edifici che permette il monitoraggio, il controllo e la gestione degli impianti

Dettagli