Fondimpresa Avviso 4/2012 I scadenza Piano formativo "MIT - Metalmeccanici In Training" Elenco azioni formative

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondimpresa Avviso 4/2012 I scadenza Piano formativo "MIT - Metalmeccanici In Training" Elenco azioni formative"

Transcript

1 Fondimpresa Avviso 4/2012 I scadenza Piano formativo "MIT - Metalmeccanici In Training" Elenco azioni formative N. Area tematica Azione formativa Obiettivi Contenuti Durata Tipologia destinatari 1 a. Ambiente, sicurezza e innovazione organizzativa. Lavoro sicuro in azienda La gestione della salute e della sicurezza sul lavoro costituisce parte integrante della gestione generale dell azienda. Un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro integra obiettivi e politiche per la salute e sicurezza nella progettazione e gestione di sistemi di lavoro e di produzione di beni o servizi. L applicazione della legislazione della sicurezza e la necessità di una tutela efficace del lavoratore impongono alle aziende una particolare attenzione alle modalità di pianificazione e controllo interno e un nuovo approccio organizzativo alle tematiche della sicurezza sul lavoro, riconducibile alla logica dei sistemi di gestione e dei comportamenti sicuri da adottare La comunicazione per la gestione dei comportamenti sicuri in azienda: La comunicazione efficace per gestire il cambiamento del comportamento nei confronti del rischio. Tecniche creative applicate alla gestione del sistema sicurezza. Analisi e gestione del rischio: Il processo di analisi del rischio. La programmazione e la pianificazione degli interventi. Il controllo e la gestione del rischio. Organizzazione e pianificazione del sistema di sicurezza aziendale: definizione degli obiettivi e pianificazione di comportamenti sicuri in azienda: Responsabilità, risorse e tempificazione. Definizione dei criteri di monitoraggio e misura. Obblighi del datore di lavoro e dei lavoratori. Come e quando devono essere impiegati, i requisiti e la normativa di sicurezza richiesta e gli obblighi derivanti da ciò. Tecniche e modalità per la gestione delle emergenze: Regole generali a cui attenersi nella maggior parte delle emergenze che possono occorrere durante lo svolgimento delle ore di lavoro. I piani di emergenza. Le procedure. Studio della segnaletica di sicurezza. Strumenti per la gestione della sicurezza individuale: Conoscere i dispositivi di sicurezza individuali (DPI), ovvero qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciare la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo. Analizzare le categorie dei DPI. Scelta dei DPI 12 2 a. Ambiente, sicurezza e innovazione organizzativa. Sistema di gestione qualità, ambiente, sicurezza nel settore metalmeccanico Per sviluppare in azienda un sistema integrato è necessario non solo che tutti gli aspetti che contribuiscono alla qualità siano esaminati, pianificati e tenuti sotto controllo costantemente, che siano definite regole e modalità operative con cui organizzare mezzi, processi e personale, ma diviene ugualmente importante adottare una adeguata politica ambientale, fissando degli obiettivi concreti di salvaguardia, ed analizzare in maniera puntuale i rischi sul luogo di lavoro, valutando l efficacia delle misure di prevenzione adottate. L'obiettivo del percorso formativo è quello di far acquisire competenze sui tre sistemi di gestione e la loro Realizzazione documentazione del sistema di gestione della qualità per processi. Linee guida per un sistema di gestione della sicurezza e salute Uni/Inail: la guida operativa Lavorosicuro, realizzare le procedure gestionali e le procedure tecniche. Le OHSAS 18001:99 possibili integrazioni e rapporto con le linee guida Uni/Inail. Qualità Ambiente Sicurezza aspetti comuni: definizione del sistema di gestione integrato, struttura documentale del SGI, responsabilità della direzione, risorse del sistema, gestione dei processi. Il sistema di gestione ambientale: politica, pianificazione, struttura e responsabilità, formazione sensibilizzazione e competenze, 24

2 integrazione, in modo da innescare un processo di miglioramento continuo comunicazione, documentazione del SGA, controllo della documentazione, controllo operativo, preparazione alle emergenze e risposta, controlli e azioni correttive, riesame della direzione, misurazione, analisi, miglioramento. Comparazione BS OHSAS 18001:99 D.Lgs.81/ Comportamenti organizzativi coerenti con gli obiettivi di business Mantenere e/o incrementare i livelli di qualità organizzativa raggiunti in seguito all ottenimento della certificazione di Qualità Creare i presupposti per un adeguamento dei comportamenti organizzativi in vista della creazione di un sistema di gestione della Qualità La metodologia formativa sarà di tipo attivo ed interattivo, tendente alla valorizzazione delle varie esperienze professionali ed alla creazione di una community learning temporanea nella quale l apprendimento avvenga, oltre che per acquisizione attraverso lezioni ed esercitazioni, anche attraverso scambi e confronti di esperienze, riflessioni e discussioni comuni, in modo da realizzare il massimo coinvolgimento nei processi di apprendimento.si avrà cura di affiancare il più possibile alle lezioni frontali momenti di lavoro di gruppo, esercitazioni di problem-solving, simulazioni di situazioni reali, role-playing, analisi di casi o autocasi, discussioni guidate con forte valenza interattiva 24 4 Gestione dei collaboratori Migliorare e responsabilizzare i collaboratori, migliorare i rapporti e il clima organizzativo, individuare le migliori strategie per sostenere la motivazione, analizzare modalità motivazionali soft legate a competenze comportamentali e specifiche abilità nella relazione capocollaboratore, trasferire strumenti quali l arricchimento dei ruoli, il coinvolgimento nel miglioramento dei processi, la responsabilizzazione su obiettivi e risultati, la delega Il lato visibile dell organizzazione: strutture e comportamenti lavorativi. Il lato invisibile dell organizzazione: motivazioni e basi comportamentali. Il valore delle risorse: il processo di valutazione. La valorizzazione delle risorse per competenze. La valorizzazione delle risorse: i processi di sviluppo

3 5 Lean Production: principi, tecniche e strumenti Il corso si rivolge ai manager di aziende di produzione, in posizione di responsabilità nelle Operations ed ha come obiettivo primario quello di suscitare interesse per una vera e propria rivoluzione, la Lean Manufacturing. E una rivoluzione che richiede un profondo cambiamento culturale ed un analisi critica di luoghi comuni e pratiche organizzative consolidate ma obsolete. Lo sforzo richiesto è notevole ma i risultati potenziali ripagano abbondantemente le imprese che decidono di sperimentare tale tecnica. Secondo molti analisti, l applicazione della Lean Manufacturing, insieme all innovazione di prodotto e processo, costituisce l unico modo per aumentare la competitività e far fronte alla sfida lanciata dai paesi emergenti Introduzione. Lotti Economici, Scorte, livelli di riordino. Principi Base. Il valore I costi occulti ed i 7 tipi di sprechi Non solo manufacturing. La filosofia LEAN. Gli strumenti. Deming. Il ruolo delle scorte. I 5 principi della Lean Manufacturing. Tecniche di supporto. Metodologia di Base. Definizione del Valore. Le famiglie di prodotto. Clusterizzazione. Il flusso di valore. Far scorrere il flusso in 8 step. Kaizen. Economics. IRR. Tempo ciclo o Varietà : dove investire? Case Studies. Approcci consigliati. Gestione RU ed organizzazione. Freemont. Punto di vista del sindacato. Modifiche organizzative. Case Study : La formazione in Toyota. Ruolo dell ICT 6 7 Miglioramento continuo in produzione Organizzazione del lavoro e cicli di produzione Il corso si rivolge alle figure chiave di produzione- che intervengono cioè nella organizzazione, programmazione e gestione dei reparti produttivi per favorire l adeguamento delle loro professionalità alle esigenze del nuovo che avanza mediante l acquisizione di quelle metodologie che possono attivare il circuito del miglioramento continuo allineando le procedure di produzione con le esigenze di business aziendali. Saranno sviluppate competenze ad alto valore aggiunto per razionalizzare l organizzazione della produzione e per rivedere le procedure di lavoro, in vista di una ottimizzazione delle performances produttive con conseguente miglioramento dell efficienza e della qualità del processo nel suo complesso. Il corso vuole far acquisire metodi, tecniche e strumenti di organizzazione del lavoro e della produzione per migliorare il servizio al cliente interno ed esterno; vuole inoltre individuare gli strumenti per migliorare l efficienza dei reparti produttivi Il processo produttivo e gli indicatori di performance; definizione di indicatore e principali aspetti; perché misurare, come misurare, dove misurare; obiettivi e sistema di misurazione correlato; gli indicatori della produzione ; dal concetto di valore alla definizione delle perdite; la raccolta dei dati in produzione Misurare le prestazioni del sistema logisticoproduttivo, il calcolo dell'oee (Overall Equipment Effectiveness); la misurazione del lead time di produzione; il livello di servizio; visual manufacturing: gli indicatori in fabbrica; metodi e strumenti per il controllo qualità in produzione; i costi della non qualità. Introduzione alla gestione della produzione. La formulazione dei piani di produzione. La Gestione dei Materiali nel Sistema Operativo Aziendale. La pianificazione dei fabbisogni di materiali (MRP). La pianificazione della capacità produttiva e il controllo avanzamenti 24 operai, impiegati 24

4 8 Teambuilding & Teamwork Sviluppare e accrescere le capacità di conduzione del gruppo, applicare gli strumenti della leadership situazionale, individuare le caratteristiche dei collaboratori e potenziare, in termini di competenze e motivazione, la performance della squadra. Trasformare un gruppo di lavoratori in un team vincente. Favorire i processi di coinvolgimento, responsabilizzazione e crescita, sotto il profilo umano e professionale, del team La comunicazione efficace è lo strumento che alimenta la Visione aziendale e la rinnova, consente di utilizzare la presenza dei differenti punti di vista all interno del team, trasforma i conflitti in scambi di idee focalizzando l attenzione sui vantaggi comuni, consente di passare dalle parole ai fatti (comunic-azione). Gestire la comunicazione all interno del gruppo significa: aiutare i propri collaboratori ad eliminare le barriere valorizzando e responsabilizzando ogni attore, riconoscere e utilizzare le competenze proprie e della squadra, prendere decisioni e sviluppare nuove idee attraverso una buona comunicazione, organizzare riunioni di squadra efficaci ed efficienti. Elementi fondamentali della comunicazione e del processo comunicativo: la comunicazione verbale e non verbale, come creare una situazione di ascolto, gli stili di comunicazione efficaci e la gestione del tempo. 16 impiegati, 9 Disegno tecnico e progettazione con AutoCAD Il percorso formativo ha l obiettivo di sviluppare le competenze per l'interpretazione delle simbologie e delle norme del disegno tecnico e fornire gli strumenti per leggere il disegno tecnico nella sua completezza e avere padronanza degli elementi fondamentali per la precisa rappresentazione di particolari e complessivi. Grazie allo sviluppo di tali skills tecnici, i destinatari sarnno in grado di utilizzare proficuamente i software di progettazione Autocad, nell'ambito dei processi di progettazione e di sviluppo prodotto nel proprio contesto professionale. I contenuti sviluppati durante il corso sono: - il sistema normativo di riferimento, il disegno nel ciclo produttivo, l interpretazione grafica degli oggetti rappresentati, la lettura delle tolleranze e degli errori di lavorazione e l interpretazione delle tolleranze geometriche; - le funzionalità di base e avanzate di Autocad: feature di base e sketch; modellazione in assieme e avanzata; attrezz engineering e free form design; documentazione con messa in tavola; - la simulazione di un processo di sviluppo prodotto: acquisizione delle machettes e dei mockup di design; lo sviluppo del design con strumenti digitali; la modellazione avanzata e il rendering; lo sviluppo modelli da digitalizzazioni o scansioni con Attrezz Engineering; la modellazione di stile parametrica; - la simulazione di un progetto di macchina: l'impostazione delle variabili di progetto; la schematizzazione parametrica in layout; la schematizzazione funzionale in modalità Top Down geometrico; la gestione dei gruppi funzionali; la gestione del concurrent; l'engineerig; - l'integrazione nell ambiente PDM: la configurazione ambiente; l'impostazione per gruppi di lavoro; la gestione delle modifiche e dei rilasci; l'integrazione con ambiente CAD; la gestione del Concurrent Engineering; - le simulazioni della produzione meccanica con sistemi CAM: l'impostazione assiemi CAM; le tipologie di lavorazione per fresatrici e torni CNC; le tipologie di lavorazione per la lamiera: macchine 40 impiegati,

5 taglio Laser, Plasma, Waterjet, combinate; Postprocessor; Gestione Toolroom, librerie utensili - l'analisi delle funzionalità di base del software CAD (Pro E), funzionalità avanzate del software CAD, collegamento con il mondo PDM (Pro I), progettazione e produzione con sistemi CAD-CAM, fase di studio, impostazione del progetto in large assembly, studio e sviluppo prodotto, simulazione di cinematismi, documentazione con messe in tavola, simulazione di percorsi utensile in ambiente CAM 10 Gestione strategica degli acquisti Il ruolo della funzione acquisti e approvvigionamenti è strategico per l'implementazione di un approccio lean all'organizzazione dei processi produttivi. Il percorso formativo vuole per questo motivo creare le competenze necessarie a individuare e analizzare le fonti del valore e del disvalore nei processi di acqusito, selezionare e fidelizzare i fornitori fino a renderli partner effettivi dell'azienda e gestire il portafoglio acquisti in armonia con gli altri processi aziendali. Comprendere le fasi del processo di acquisto e identificare gli ambiti di attività della funzione approvvigionamenti in una logica di sistema produttivo allargato. Riconoscere le corrette modalità di gestione dei fornitori in funzione del portafoglio acquisti dell azienda. Illustrare le principali tecniche e le metodologie di vendor rating/ranking, con particolare riferimento alla valutazione dei fornitori integrati. Il processo di acquisto. Il ruolo del buyer e la sua evoluzione. Importanza dell expediting. L analisi del portafoglio acquisti. Le scelte di make or buy. Tipologie di fornitori ed evoluzione del rapporto cliente-fornitore. Supplier development e Supplier Improvement. La valutazione dei fornitori. Valutazione tecnico economica della fornitura e calcolo del T.C.O. Elementi di contrattualistica d acquisto. Casi studio ed esempi concreti. 11 Manutenzione impianti e compilazione documentazione Fornire tutti gli elementi utili per una corretta e appropriata manutenzione degli impianti e per la compilazione della documentazione necessaria. Quadro normativo di riferimento. Apparecchiature e componenti dell impianto. Pianificazione della manutenzione. Situazioni particolari. Compilazione della documentazione prevista dalla normativa 12 operai, impiegati 12 Marketing per la gestione d'impresa L'acquisizione dell'approccio di marketing - e dei relativi strumenti operativi - è di fondamentale importanza per lo sviluppo di una gamma prodotto e per il successo competitivo delle imprese presenti sul mercato. Il corso vuole fornire strumenti e tecniche per il posizionamento strategico dell azienda sul mercato, per conoscere i fattori critici di successo per lo sviluppo di nuovi prodotti e per costruire un piano marketing vincente La segmentazione del mercato e la pianificazione strategica di prodotto. La definizione delle strategie di prodotto per ogni segmento di mercato. Definire la gamma prodotti. Analizzare i clienti, i concorrenti, il mercato. Misurare la forza del portafoglio clienti. Strutturare un piano marketing vincente. Utilizzare l'approccio di marketing lungo tutta la catena del valore: market push vs market pull 32 impiegati,

6 13 Metodi, strumenti e normative per la progettazione Le aziende hanno la necessità di applicare fin dalle fasi di sviluppo del prodotto o di modifica di prodotti esistenti le tecniche per progettare la qualità e l affidabilità intrinseca del prodotto e dei processi produttivi. Obiettivo dell intervento è quello di far conoscere ai partecipanti le tecniche per progettare l affidabilità dei prodotti e dei processi produttivi e gestionali e tutti gli strumenti di supporto per grantire la qualità nella progettazione. Analisi di mercato e sviluppo nuovi prodotti; analisi del portafoglio prodotti dell azienda; tecniche di sviluppo prodotto; pianificare l innovazione; quando e come innovare; strumenti e tecniche di supporto per la qualità nella progettazione; tecniche per individuare ed analizzare i requisiti del prodotto; QUALITY FUNCTION DEPLOYMENT (QFD); la matrice delle relazioni tra bisogni del mercato e requisiti del prodotto; caratteristiche funzionali e caratteristiche tecniche; comparazione con i concorrenti; normative cogenti per la progettazione 14 Strategie di sviluppo internazionale L'attività ha lo scopo di trasmettere i concetti e le metodologie più diffuse per analizzare i mercati e il contesto competitivo internazionale, permettendo ai discenti di condurre valutazioni sui diversi scenari e livelli di rischio/opportunità. Le competenze sviluppate permetteranno di realizzare un documento operativo per l azienda che ne indichi le linee di sviluppo sui mercati esteri. Il corso fornisce inoltre gli strumenti cognitivi per la pianificazione strategica per i percorsi di internazionalizzazione e unisce la visione dello sviluppo estero con la pianificazione dei passi da fare e la relativa quantificazione economico-finanziaria. Le analisi, le decisioni strategiche e il mercato internazionale: gli scenari competitivi e gli strumenti di analisi per la valutazione delle opportunità. Il sistema interno per l internazionalizzazione. Le strategie di commercializzazione all estero. La preparazione e lo sviluppo del business plan; le previsioni economiche-finanziarie. Esercitazione con discussione di casi reali e esperienze dei partecipanti. 15 Sviluppo competenze commerciali Una rete commerciale avanzata è essenziale per: - fare fronte ai continui e repentini cambiamenti dei mercati, non sempre facilmente interpretabili; - capire le caratteristiche dei clienti, oggi più esigenti, volubili e informati, per anticiparne le richieste; - sostenere l'evoluzione del venditore, da persuasore a punto di contatto con il mercato, in grado di aiutare la programmazione della produzione di concerto con il cliente. Il corso si prefigge pertanto, anche tramite l utilizzo di casi concreti e tratti dalla realtà operativa, di inquadrare la gestione di una rete di vendita tesa all organizzazione territoriale, alla formazione, al continuo monitoraggio delle prestazioni, alla lettura critica dei risultati e, soprattutto, al costante adeguamento rispetto alle variazioni della realtà distributiva e delle esigenze della clientela. Gli argomenti e i contenuti affrontati durante il corso saranno: - lo stile di direzione e cultura aziendale; - la programmazione dell'attività di vendita e i piani di vendita; - la gestione delle informazioni interne e esterne; - l organizzazione della rete sul campo: territorio, clientela, portafoglio prodotti; - la selezione del personale per l'organizzazione di vendita: il reclutamento, la valutazione e la scelta dei candidati; - come sviluppare le capacità di lavoro; la motivazione positiva; come mantenere le migliori performance; - l arte del coinvolgimento del venditore; - il controllo del lavoro dei venditori: la raccolta e l'analisi dei dati di vendita; - la formazione dei venditori; - le riunioni con i venditori: come ottenere un attenzione attiva; - la gestione delle spese; - i sistemi di incentivazione e di motivazione.

7 16 Amministrazione del personale Acquisire un metodo di lavoro efficace per affrontare correttamente gli adempimenti obbligatori e gli atti amministrativi necessari alla corretta gestione del personale, nonché ad analizzare ed utilizzare tutti i dati necessari per la corretta elaborazione delle retribuzioni. Scegliere tra le varie tipologie contrattuali quella più idonea al caso aziendale specifico. Trattare con professionalità le varie fasi di vita del contratto: instaurazione, gestione e risoluzione dei rapporti di lavoro. Elaborare le buste paga e gli adempimenti obbligatori di natura fiscale e previdenziale ad esse connessi. Il contratto di lavoro; il lavoro subordinato e il lavoro flessibile (tipologie e principali caratteristiche);il rapporto di lavoro: adempimenti e procedure La retribuzione i suoi component;il cedolino paghe: aspetti fiscali e contributivi; la gestione dell'orario di lavoro ordinario, dello straordinario, della malattia, ferie ecc Il trattamento di fine rapporto; la gestione dei lavoratori in cassa integrazione ordinaria, straordinaria, in deroga, in contratto di solidarietà ecc 32 impiegati, 17 Contabilità e bilancio Il corso fornisce competenze e tecniche per applicare in modo corretto ed autonomo le procedure amministrative. Verranno analizzati i principi delle rilevazioni contabili, le scritture relative al ciclo attivo e passivo per arrivare ad avere un quadro completo delle operazioni che permettono di redigere il bilancio di esercizio (scritture di ammortamento, rettifica, integrazione e imposte). Si approfondiranno le principali problematiche finanziarie, gli strumenti bancari e creditizi e si analizzerà la gestione degli incassi e pagamenti. La partita doppia, il significato patrimoniale e/o economico delle registrazioni, il piano dei conti e il bilancio in generale, le registrazioni contabili a computer, adempimenti e obblighi normativi della contabilità ordinaria. La contabilità I.V.A. e le relative registrazioni, acquisti con I.V.A. detraibile ed I.V.A. indetraibile, la gestione contabile e fiscale degli acquisti, i cespiti ammortizzabili, note accredito ricevute. Le utenze telefoniche, la normativa sulle auto aziendali, le parcelle dei professionisti, le ritenute d'acconto effettuate e i relativi versamenti, le spese di rappresentanza. Le fatture degli agenti di commercio, le fatture di vendita ed il ciclo attivo, note accredito emesse, plusvalenze e minusvalenze, anticipi a fornitori e clienti c/anticipi. Incassi e pagamenti di fatture, le operazioni di banca, gli effetti commerciali di ricevute bancarie, anticipo ft, scoperti di c/c e mutui, gli insoluti e le perdite su crediti. Leasing, registrazioni e problematiche inerenti, le registrazioni del lavoro dipendente e assimilato, i collaboratori a progetto, il T.F.R. I principi generali e redazionali di bilancio, le tradizionali scritture di assestamento e chiusura del bilancio, le scritture di integrazione, rettifica e ammortamento, ratei e risconti, fatture da emettere e da ricevere, gli accantonamenti ai fondi oneri e rischi, il calcolo degli ammortamenti, plusvalenze e minusvalenze. Le rimanenze di magazzino, le imposte e le tasse, la destinazione dell'utile/la copertura della perdita. Il bilancio in generale: una prima lettura consapevole. 18 Controllo di gestione Il corso si pone l obiettivo generale di fornire ai partecipanti uno schema concettuale che permetta di interiorizzare le logiche e le metodologie di programmazione e controllo di gestione, inteso come strumento di supporto al Il controllo di gestione: un quadro teorico di riferimento. Metodologie di classificazione e analisi dei costi. Strumenti per le scelte gestionali. Strumenti di analisi a consuntivo: il reporting e contabilità analitica. Analisi degli scostamenti. Legame tra pianificazione strategica e

8 governo dell impresa. In termini più analitici, il corso tende ad indicare le valenze non solo tecniche, ma anche organizzative del controllo di gestione; a presentare la catena dei processi aziendali, evidenziando il legame tra il controllo di gestione e gli altri processi; ad analizzare alcune proposte metodologiche riguardanti strumenti tecnico programmazione di breve periodo: il budget di esercizio. Strumenti informatici per le decisioni. contabili a supporto del processo di programmazione e controllo 19 Gestire la produzione per commessa Il corso ha l obiettivo di approfondire le logiche di pianificazione e gestione della produzione in sistemi manifatturieri dove è necessario progettare, industrializzare e costruire il prodotto sulla base delle specifiche richieste dal cliente. Vengono altresì identificate le caratteristiche e gli strumenti di supporto. Caratteristiche dell ambiente Engineering To Order. La gestione dei dati tecnici. Modello di programmazione e controllo in ambiente. Engineering To Order. Master Plan: piano della commessa. Organizzazione della commessa: Work Breakdown Structure. Tecniche reticolari: CPM, Gantt, PERT. Calcolo dei fabbisogni su commessa. Schedulazione della produzione su commessa. Casi studio ed esempi concreti Strumenti informatici a supporto dei processi aziendali Il modulo intende trasferire le conoscenze e gli strumenti per accrescere le competenze specifiche nella gestione delle tecnologie informatiche. L intervento formativo si propone anche di fornire un quadro organico delle problematiche relative al processo di analisi e progettazione dei sistemi ERP e alla definizione del ruolo delle risorse informatiche nella gestione dell informazione La gestione delle reti: Amministrazione e progettazione di reti internet- intranet; Internet working di reti locali e reti geografiche multiprotocollo; Gestione di intranet, il protocollo; snmp; teoria e pratica della Sicurezza della rete Microsoft Windows 2000 core technologies ERP e tecnologie informatiche: Architettura e funzionalità di un sistema ERP. Evoluzione nella struttura degli ERP in una prospettiva di Supply Chain Management. Ruolo delle nuove tecnologie informatiche sulle strategie d impresa e sulle caratteristiche degli ERP. L approccio metodologico per la scelta dello strumento informatico 32 impiegati, 21 f. Qualificazione/riq ualificazione Corso per il conseguimento del patentino di saldatore Preparazione teorica generale e tecnico-pratica approfondita finalizzata alla corretta esecuzione dei processi di saldatura sui principali materiali metallici da costruzione anche in vista del superamento dell esame di certificazione Nozioni tecniche connesse al processo di saldatura prescelto. Procedimenti speciali di saldatura.simbologia delle saldature. Giunti. Metallurgia e saldabilità dei metalli e delle leghe. Cenni sui controlli di qualità dei giunti saldati. Nozioni di antinfortunistica 30 operai

9 22 f. Qualificazione/riq ualificazione. Gestione ottimale del magazzino Le scelte tecniche e tecnologiche influiscono in maniera rilevante sull operatività quotidiana degli operatori di questo settore. Il presente modulo ha l obiettivo di far conoscere all allievo le principali forme di organizzazione del magazzino e dei singoli depositi, le tecnologie, gli strumenti tecnologici ed informatici e le più importanti tipologie impiantistiche connesse all attività di magazzino. Tali conoscenze mirano a mettere l allievo in grado di operare in modo autonomo gli aggiustamenti finali che colmeranno la differenza tra profilo ipotetico descritto in sede di formazione e quello effettivo attagliato al caso concreto Il deposito; Tipi di deposito; Il layout del deposito per un efficienza ottimale; Sistemi per il reperimento delle referenze. Gli impianti ed i sistemi di movimentazione. Sistemi automatizzati e magazzini automatici. Gli imballaggi. Tecnologie ed impianti di imballaggio e confezionamento. La gestione dei pallet. L imballo ed i mezzi di trasporto. Rispetto dell ambiente e normative sugli imballi f. Qualificazione/riq ualificazione. Sviluppo competenze linguistiche Il corso si propone di trasferire ai partecipanti la capacità di lettura e di espressione. A conclusione del percorso formativo l allievo sarà altresì capace di elaborare testi piuttosto elaborati e di ricercare gli strumenti per un ampliamento della propria conoscenza della lingua. Sarà in grado di esprimersi nelle forme di presentazione di se stesso e del contesto di riferimento, nonché di improntare descrizioni e presentazioni di tipo professionale abbastanza elaborati Elementi di grammatica e strutture. Come si legge e si scrive una lettera commerciale. Linguaggio telefonico e messaggi sulla segreteria telefonica. Richieste di informazioni e risposte a richieste di informazioni. Fare offerte. Come fare ordini e conferme d ordine. Conversazione in lingua. Esercitazioni individuali o di gruppo. Il Centralino. L ufficio marketing e commerciale. L ufficio acquisti 32

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore

CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore CORSO LA GESTIONE DEL MARKETING AZIENDALE AI TEMPI DEL WEB 3.0 12 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il corso consente al partecipante di venire a conoscenza delle opportunità che la gestione del web marketing moderno

Dettagli

PROGETTO FONDIMPRESA - AVVISO n. 4/2012 - Scadenza 22/07/2013 TITOLO: SORGENTE: Sviluppo ORGanizzatvo E Nuove TEcnologie nelle imprese (emiliane)

PROGETTO FONDIMPRESA - AVVISO n. 4/2012 - Scadenza 22/07/2013 TITOLO: SORGENTE: Sviluppo ORGanizzatvo E Nuove TEcnologie nelle imprese (emiliane) Documento da inviare via fax al numero (059247900) oppure via mail all indirizzo (fontana@nuovadidactica.it ) entro e non oltre l 11 giugno 2013 AZIENDA (Ragione Sociale) Sito: www. Matricola INPS Codice

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

Master in General Management

Master in General Management Master in General Management CALENDARIO Cenni di contabilità e Controllo di Gestione Dott.ssa Annarita Gelasio Venerdì 12 novembre dalle 9,00 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 Finanza e Gestione Aziendale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore

PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE 24 ore OBIETTIVI DEL CORSO: Il programma si propone di fornire alle aziende indicazioni che possano essere di supporto al miglioramento delle prestazioni del loro processo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO Corsi di specializzazione

Dettagli

1- Corso di IT Strategy

1- Corso di IT Strategy Descrizione dei Corsi del Master Universitario di 1 livello in IT Governance & Compliance INPDAP Certificated III Edizione A. A. 2011/12 1- Corso di IT Strategy Gli analisti di settore riportano spesso

Dettagli

CORSI IN PROGRAMMA PER IL MESE DI APRILE

CORSI IN PROGRAMMA PER IL MESE DI APRILE CORSI IN PROGRAMMA PER IL MESE DI APRILE AREA DIREZIONE E SVILUPPO D IMPRESA CORSO N.3 IMPLEMENTARE IL CONTROLLO DI GESTIONE:MODELLI E STRUMENTI PER COMPETERE OGGI Docente: Mattia Lotti Durata: 14 ore

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti

executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti executive master course www.cspmi.it Production Manager Modena, aprile - dicembre 20 Sempre un passo avanti EXECUTIVE MASTER COURSE Production Manager OBIETTIVI Il corso mette in condizione i partecipanti

Dettagli

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende

UMIQ. Il metodo UMIQ. Unindustria Bologna. Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende QUALITA UNINDUSTRIA INNOVAZIONE METODO UMIQ Il metodo UMIQ Unindustria Bologna Corso rivolto a consulenti e auditor per conoscere e saper applicare il Metodo UMIQ nelle aziende Obiettivi del corso Fornire

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche

MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche MARKETING VENDITE Confindustria Servizi Srl Ente di formazione accreditato dalla Regione Marche legale: Corso Mazzini 151, Ascoli Piceno operativa: C.da S. Giovanni Scafa, San Benedetto del Tronto (centro

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013

FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 CONFINDUSTRIA ALESSANDRIA Unione Industriale della provincia di Asti FONDIRIGENTI Avviso 1 / 2013 Corsi di alta formazione per dirigenti 1 LEAN MANUFACTURING L intervento formativo persegue l obiettivo

Dettagli

ALBERT. copyright hventiquattro

ALBERT. copyright hventiquattro ALBERT ALBERT MONETIZZARE LE SCORTE Il tuo magazzino: da deposito a risorsa Albert agisce sulle fonti di finanziamento interno. Non tanto in termini di puro taglio dei costi, quanto di recupero di flussi

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Sistemi di Produzione di beni e servizi

Sistemi di Produzione di beni e servizi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE Sistemi di Produzione di beni e servizi Obiettivi e argomenti del corso napoli, 8 marzo 2006

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER RESTARE COMPETITIVI SUL MERCATO

TUTTO QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER RESTARE COMPETITIVI SUL MERCATO TUTTO QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER RESTARE COMPETITIVI SUL MERCATO Proposte Corsi OFFERTA I contenuti sono stati sviluppati per rispondere ai fabbisogni formativi specifici per poter realizzare piani

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA

CORSO GRATUITO CONTABILITA ORDINARIA E DEL PERSONALE SEDI E CONTATTI. ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA CORSO GRATUITO SEDI E CONTATTI CONTABILITA ORDINARIA ANCONA E PROVINCIA www.garanziagiovaniperte.it IN EVIDENZA Frequenza infrasettimanale Corso gratuito Corpo docente formato da professionisti provenienti

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

Economia aziendale 2 biennio RIM

Economia aziendale 2 biennio RIM Economia aziendale 2 biennio RIM CONTENUTI CURRICOLAZIONE DEI SAPERI MEDIAZIONE DIDATTICA classe terza RIM MODULO DISCPLINARE CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE (come da LINEE GUIDA) METODI di VERIFICA MEZZI

Dettagli

Programmazione disciplina: Tecniche professionali dei servizi commerciali. Impostare ed elaborare le scritture di assestamento.

Programmazione disciplina: Tecniche professionali dei servizi commerciali. Impostare ed elaborare le scritture di assestamento. MODULO 0 LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO E LA CHIUSURA DEI CONTI RISULTATI DI APPRENDIMENTO Impostare ed elaborare le scritture di assestamento. Elaborare le scritture di chiusura CONOSCENZE Il concetto di

Dettagli

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica

Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Sculture dinamiche - classe 3^ Meccanica-meccatronica Prodotti Progetto e prototipo di scultura dinamica 1 A - Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Fondimpresa. Avviso 4/2014 - Competitività P.A.L.CO. Analisi dei Fabbisogni Formativi delle Imprese. Questionario di Rilevazione

Fondimpresa. Avviso 4/2014 - Competitività P.A.L.CO. Analisi dei Fabbisogni Formativi delle Imprese. Questionario di Rilevazione Fondimpresa Avviso 4/2014 - Competitività Piano P.A.L.CO. Piano Abruzzese per il Lavoro e la COmpetitività Analisi dei Fabbisogni Formativi delle Imprese Questionario di Rilevazione Azienda Data Si autorizza

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE IN BASE ALLE LINEE GUIDA : ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO OBIETTIVI MINIMI PER LA CLASSE 4 M S.I.A.

PROGRAMMAZIONE IN BASE ALLE LINEE GUIDA : ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO OBIETTIVI MINIMI PER LA CLASSE 4 M S.I.A. PROGRAMMAZIONE IN BASE ALLE LINEE GUIDA : ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO OBIETTIVI MINIMI PER LA CLASSE 4 M S.I.A. Tomo 1 Modulo1 1. Le società di persone. Gestire il sistema delle rilevazioni con

Dettagli

Corso 1.Y.1 - Aggiornamento per R.S.P.P. - Macrosettori di attività ATECO 3, 4, 5, 7 (D.

Corso 1.Y.1 - Aggiornamento per R.S.P.P. - Macrosettori di attività ATECO 3, 4, 5, 7 (D. Ambiente e Sicurezza Corso 89.1 R.L.S. - Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Corso 1.W.1 Aggiornamento per R.S.P.P. - Macrosettori di attività ATECO 1, 2, 6, 8, 9 (D. Lgs. 81/08) Corso 1.Y.1

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale

La soluzione erp PeR La gestione integrata della PRoduzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione integrata della produzione industriale J-Mit La soluzione ERP per la gestione e il controllo della produzione J-Mit di Revorg è la soluzione gestionale flessibile

Dettagli

Export Development Export Development

Export Development Export Development SERVICE PROFILE 2014 Chi siamo L attuale scenario economico nazionale impone alle imprese la necessità di valutare le opportunità di mercato offerte dai mercati internazionali. Sebbene una strategia commerciale

Dettagli

Alunni classi quarte Servizi Commerciali

Alunni classi quarte Servizi Commerciali UNITA DI APPRENDIMENTO 1bis Istruzione professionale: Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Gestione informatica dell Azienda, marketing on line e web marketing Utenti destinatari Alunni classi quarte

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

Catalogo Offerta Formativa

Catalogo Offerta Formativa Catalogo Offerta Formativa Indice delle Aree Tematiche Area A - Amministrazione & Finanza Area B - Area Legale Area C - Sicurezza Qualità e Ambiente Area D - Produzione & Manutenzione Area E - Sviluppo

Dettagli

Addetti agli approvvigionamenti

Addetti agli approvvigionamenti M generali Fornire le conoscenze di base per gli addetti agli approvvigionamenti, in relazione a tutto il processo relativo Consolidare conoscenze e metodiche di gestione che risultino le più consone allo

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Prefazione alla seconda edizione. Ringraziamenti dell Editore Indice Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XXI XXII Capitolo 1 Elementi di economia e organizzazione aziendale 1 1.1 La natura e il fine economici dell impresa 1 1.1.1

Dettagli

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi

consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi consulenza e soluzioni applicative al servizio dei Confidi Un partner unico e innovativo: esperienze, competenze e soluzioni a supporto di ogni processo Dedagroup partner dei Confidi Oggi il mondo dei

Dettagli

Corso RISORSE UMANE a 360 con La Selezione L Amministrazione - Il Cedolino Lo Sviluppo Le Relazioni Sindacali

Corso RISORSE UMANE a 360 con La Selezione L Amministrazione - Il Cedolino Lo Sviluppo Le Relazioni Sindacali Corso RISORSE UMANE a 360 con La Selezione L Amministrazione - Il Cedolino Lo Sviluppo Le Relazioni Sindacali 1. Premessa Il Corso RISORSE UMANE nasce dal risultato di un attento e preciso studio sulle

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

Futuro e impresa per il secondo biennio

Futuro e impresa per il secondo biennio Lucia Barale, Stefano Rascioni, Giovanna Ricci Futuro e impresa per il secondo biennio Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente del volume Futuro

Dettagli

DISPONIBILI 2015/2016

DISPONIBILI 2015/2016 CORSI INTER-AZIENDALI DISPONIBILI 2015/2016 ciascuna cooperativa può: (1) segnalare interesse a partecipare con una o più persone a ciascuno dei corsi interaziendali proposti; (1) segnalare l interessa

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento DESCRIZIONE PROFILO PROFESSIONALE PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE -IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE PIANO DI LAVORO PERSONALE DOCENTE: prof. ssa Carla D.Tocco A.S. 2015/2016 CLASSE:5 B AFM MATERIA:ECONOMIA AZIENDALE Modulo n.1 - LE IMPRESE INDUSTRIALI Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche

Dettagli

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI

LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI LE SOLUZIONI PER L'INDUSTRIA AMMINISTRARE I PROCESSI (ERP) Le soluzioni Axioma per l'industria Le soluzioni di Axioma per l'industria rispondono alle esigenze di tutte le aree funzionali dell azienda industriale.

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA articolazione AFM ECONOMIA AZIENDALE TOMO 1 MODULO 1 Comunicazione economico-finanziaria e socio-ambientale Unità Competenze professionali Conoscenze Abilità Strumenti

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Elenco corsi Piano Settoriale Fondimpresa 3/2010 II scadenza Lean Production nel settore metalmeccanico

Elenco corsi Piano Settoriale Fondimpresa 3/2010 II scadenza Lean Production nel settore metalmeccanico Elenco corsi Piano Settoriale Fondimpresa 3/2010 II scadenza Lean Production nel settore metalmeccanico AREA AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO Il corso si pone l obiettivo generale di fornire ai partecipanti

Dettagli

Finanza aziendale per non specialisti

Finanza aziendale per non specialisti Corso Formazione Obiettivo Finanza aziendale per non specialisti I fondamenti della finanza aziendale sono indispensabili per completare le competenze di ogni manager con responsabilità aziendali. Il corso

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Produzioni industriali. DISCIPLINA: Tecniche di produzione e di organizzazione. CLASSI: Terze Quarte PA

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Produzioni industriali. DISCIPLINA: Tecniche di produzione e di organizzazione. CLASSI: Terze Quarte PA ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Produzioni industriali DISCIPLINA: Tecniche di produzione e di organizzazione CLASSI: Terze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale e Logistica Integrata Insegnamento : TECNICHE di GESTIONE AZIENDALE Docente: dott.ing.giampaolo

Dettagli

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora

Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico. Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora Scenari e strumenti per la gestione strategica delle risorse umane nel settore pubblico Roma, 12 maggio 2004 Relazione di Gianfranco Rebora I poteri della dirigenza come datore di lavoro (Art. 5, comma

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO

Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza PRIMO BIENNIO IIS Algarotti Venezia Anno Scolastico 2014/2015 Risultati di Apprendimento Materia: Economia Aziendale Classi: Turismo / Relazioni Internazionali e Marketing /Amministrazione e Finanza Strumenti di lavoro

Dettagli

Studio Coluccia Rossetti Dottori Commercialisti e Revisori contabili

Studio Coluccia Rossetti Dottori Commercialisti e Revisori contabili Modulo 0 Aree nelle quali operiamo Contrattualistica Internazionale Contabilità Generale Analitica Consulenza Tributaria Fiscale Certificazioni Processi Prodotti Perizie Giurate Organizzazione Produttiva

Dettagli

Tecnico/a contabile. Ordinamento formativo per l'apprendistato di II livello

Tecnico/a contabile. Ordinamento formativo per l'apprendistato di II livello Tecnico/a contabile Ordinamento formativo per l'apprendistato di II livello 1. La descrizione del profilo professionale 2. Requisiti di accesso 3. Durata dell'apprendistato 4. Quadro formativo aziendale

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Executive Master in Logistica e Supply Chain

Executive Master in Logistica e Supply Chain Executive Master in Logistica e Supply Chain Management Governa l'insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano nell'azienda i flussi di materiali e delle relative informazioni

Dettagli

MACROSETTORE DISTRIBUZIONE NO FOOD

MACROSETTORE DISTRIBUZIONE NO FOOD MACROSETTORE DISTRIBUZIONE NO FOOD 1 LIVELLO BASE (prima annualità) 2 Competenze relazionali - Esprimersi in lingua italiana in forma corretta ed adeguata rispetto al contesto di riferimento e nelle situazioni

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers

L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers L ECCELLENZA NEGLI ACQUISTI Sei moduli efficaci per migliorare il processo di acquisto e accrescere le competenze dei buyers MODULO 2 MODULO 1 L'organizzazione degli acquisti e il ruolo del Buyer Firenze,

Dettagli

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12

Mod.MeR01 - Regolamento Direzione Amministrazione Finanza e Controllo di Gestione - CFO-CFO ed. 7 - pag. 9 di 12 SYLLABUS Amministrazione e Bilancio Docente di riferimento: Alessandro Cortesi Il primo macro-modulo ha l obiettivo di permettere ai partecipanti di utilizzare con efficacia i sistemi software per la corretta

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

Investi in conoscenza, il rendimento è garantito.

Investi in conoscenza, il rendimento è garantito. Investi in conoscenza, il rendimento è garantito. CATALOGO CORSI 2013/2014 INDICE AREE CORSI Area Commerciale e Marketing Area Innovazione PAG 04 PAG 07 Area Organizzazione e Risorse Umane Area Economico

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini

PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: DURATA: 7 MESI 4/5 lezioni a settimana turni serali o mattutini PROGETTO FORMATIVO CORSO REGIONALE DI QUALIFICA AUTOFINANZIATO: TECNICO DELLA GESTIONE DELLA CONTABILITA E FORMULAZIONE DEL BILANCIO AGENZIA FORMATIVA: New Training School S.r.l. Sede: via Peretti 1, scala

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE

CORSO DI ALTA FORMAZIONE CORSO DI ALTA FORMAZIONE TITOLO DEL CORSO Sales Manager TIPOLOGIA FORMATIVA DEL PROGETTO Formazione professionale PROFILO PROFESSIONALE Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di gestire tutte

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA

PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI DI IMPRESA 137 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE

MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE MACROSETTORE RISTORAZIONE, ALIMENTAZIONE E DISTRIBUZIONE 1 LIVELLO BASE (prima annualità) 2 Competenze relazionali - Esprimersi in lingua italiana in forma corretta ed adeguata rispetto al contesto di

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA 19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA D294 Corso teorico-pratico addetti ai lavori elettrici CEI 11-27:2014... pag. 2 D291 Corso di aggiornamento CEI 11-27-2014 per addetti ai

Dettagli