Fondimpresa Avviso 4/2012 I scadenza Piano formativo "MIT - Metalmeccanici In Training" Elenco azioni formative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondimpresa Avviso 4/2012 I scadenza Piano formativo "MIT - Metalmeccanici In Training" Elenco azioni formative"

Transcript

1 Fondimpresa Avviso 4/2012 I scadenza Piano formativo "MIT - Metalmeccanici In Training" Elenco azioni formative N. Area tematica Azione formativa Obiettivi Contenuti Durata Tipologia destinatari 1 a. Ambiente, sicurezza e innovazione organizzativa. Lavoro sicuro in azienda La gestione della salute e della sicurezza sul lavoro costituisce parte integrante della gestione generale dell azienda. Un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro integra obiettivi e politiche per la salute e sicurezza nella progettazione e gestione di sistemi di lavoro e di produzione di beni o servizi. L applicazione della legislazione della sicurezza e la necessità di una tutela efficace del lavoratore impongono alle aziende una particolare attenzione alle modalità di pianificazione e controllo interno e un nuovo approccio organizzativo alle tematiche della sicurezza sul lavoro, riconducibile alla logica dei sistemi di gestione e dei comportamenti sicuri da adottare La comunicazione per la gestione dei comportamenti sicuri in azienda: La comunicazione efficace per gestire il cambiamento del comportamento nei confronti del rischio. Tecniche creative applicate alla gestione del sistema sicurezza. Analisi e gestione del rischio: Il processo di analisi del rischio. La programmazione e la pianificazione degli interventi. Il controllo e la gestione del rischio. Organizzazione e pianificazione del sistema di sicurezza aziendale: definizione degli obiettivi e pianificazione di comportamenti sicuri in azienda: Responsabilità, risorse e tempificazione. Definizione dei criteri di monitoraggio e misura. Obblighi del datore di lavoro e dei lavoratori. Come e quando devono essere impiegati, i requisiti e la normativa di sicurezza richiesta e gli obblighi derivanti da ciò. Tecniche e modalità per la gestione delle emergenze: Regole generali a cui attenersi nella maggior parte delle emergenze che possono occorrere durante lo svolgimento delle ore di lavoro. I piani di emergenza. Le procedure. Studio della segnaletica di sicurezza. Strumenti per la gestione della sicurezza individuale: Conoscere i dispositivi di sicurezza individuali (DPI), ovvero qualsiasi attrezzatura destinata ad essere indossata e tenuta dal lavoratore allo scopo di proteggerlo contro uno o più rischi suscettibili di minacciare la sicurezza o la salute durante il lavoro, nonché ogni complemento o accessorio destinato a tale scopo. Analizzare le categorie dei DPI. Scelta dei DPI 12 2 a. Ambiente, sicurezza e innovazione organizzativa. Sistema di gestione qualità, ambiente, sicurezza nel settore metalmeccanico Per sviluppare in azienda un sistema integrato è necessario non solo che tutti gli aspetti che contribuiscono alla qualità siano esaminati, pianificati e tenuti sotto controllo costantemente, che siano definite regole e modalità operative con cui organizzare mezzi, processi e personale, ma diviene ugualmente importante adottare una adeguata politica ambientale, fissando degli obiettivi concreti di salvaguardia, ed analizzare in maniera puntuale i rischi sul luogo di lavoro, valutando l efficacia delle misure di prevenzione adottate. L'obiettivo del percorso formativo è quello di far acquisire competenze sui tre sistemi di gestione e la loro Realizzazione documentazione del sistema di gestione della qualità per processi. Linee guida per un sistema di gestione della sicurezza e salute Uni/Inail: la guida operativa Lavorosicuro, realizzare le procedure gestionali e le procedure tecniche. Le OHSAS 18001:99 possibili integrazioni e rapporto con le linee guida Uni/Inail. Qualità Ambiente Sicurezza aspetti comuni: definizione del sistema di gestione integrato, struttura documentale del SGI, responsabilità della direzione, risorse del sistema, gestione dei processi. Il sistema di gestione ambientale: politica, pianificazione, struttura e responsabilità, formazione sensibilizzazione e competenze, 24

2 integrazione, in modo da innescare un processo di miglioramento continuo comunicazione, documentazione del SGA, controllo della documentazione, controllo operativo, preparazione alle emergenze e risposta, controlli e azioni correttive, riesame della direzione, misurazione, analisi, miglioramento. Comparazione BS OHSAS 18001:99 D.Lgs.81/ Comportamenti organizzativi coerenti con gli obiettivi di business Mantenere e/o incrementare i livelli di qualità organizzativa raggiunti in seguito all ottenimento della certificazione di Qualità Creare i presupposti per un adeguamento dei comportamenti organizzativi in vista della creazione di un sistema di gestione della Qualità La metodologia formativa sarà di tipo attivo ed interattivo, tendente alla valorizzazione delle varie esperienze professionali ed alla creazione di una community learning temporanea nella quale l apprendimento avvenga, oltre che per acquisizione attraverso lezioni ed esercitazioni, anche attraverso scambi e confronti di esperienze, riflessioni e discussioni comuni, in modo da realizzare il massimo coinvolgimento nei processi di apprendimento.si avrà cura di affiancare il più possibile alle lezioni frontali momenti di lavoro di gruppo, esercitazioni di problem-solving, simulazioni di situazioni reali, role-playing, analisi di casi o autocasi, discussioni guidate con forte valenza interattiva 24 4 Gestione dei collaboratori Migliorare e responsabilizzare i collaboratori, migliorare i rapporti e il clima organizzativo, individuare le migliori strategie per sostenere la motivazione, analizzare modalità motivazionali soft legate a competenze comportamentali e specifiche abilità nella relazione capocollaboratore, trasferire strumenti quali l arricchimento dei ruoli, il coinvolgimento nel miglioramento dei processi, la responsabilizzazione su obiettivi e risultati, la delega Il lato visibile dell organizzazione: strutture e comportamenti lavorativi. Il lato invisibile dell organizzazione: motivazioni e basi comportamentali. Il valore delle risorse: il processo di valutazione. La valorizzazione delle risorse per competenze. La valorizzazione delle risorse: i processi di sviluppo

3 5 Lean Production: principi, tecniche e strumenti Il corso si rivolge ai manager di aziende di produzione, in posizione di responsabilità nelle Operations ed ha come obiettivo primario quello di suscitare interesse per una vera e propria rivoluzione, la Lean Manufacturing. E una rivoluzione che richiede un profondo cambiamento culturale ed un analisi critica di luoghi comuni e pratiche organizzative consolidate ma obsolete. Lo sforzo richiesto è notevole ma i risultati potenziali ripagano abbondantemente le imprese che decidono di sperimentare tale tecnica. Secondo molti analisti, l applicazione della Lean Manufacturing, insieme all innovazione di prodotto e processo, costituisce l unico modo per aumentare la competitività e far fronte alla sfida lanciata dai paesi emergenti Introduzione. Lotti Economici, Scorte, livelli di riordino. Principi Base. Il valore I costi occulti ed i 7 tipi di sprechi Non solo manufacturing. La filosofia LEAN. Gli strumenti. Deming. Il ruolo delle scorte. I 5 principi della Lean Manufacturing. Tecniche di supporto. Metodologia di Base. Definizione del Valore. Le famiglie di prodotto. Clusterizzazione. Il flusso di valore. Far scorrere il flusso in 8 step. Kaizen. Economics. IRR. Tempo ciclo o Varietà : dove investire? Case Studies. Approcci consigliati. Gestione RU ed organizzazione. Freemont. Punto di vista del sindacato. Modifiche organizzative. Case Study : La formazione in Toyota. Ruolo dell ICT 6 7 Miglioramento continuo in produzione Organizzazione del lavoro e cicli di produzione Il corso si rivolge alle figure chiave di produzione- che intervengono cioè nella organizzazione, programmazione e gestione dei reparti produttivi per favorire l adeguamento delle loro professionalità alle esigenze del nuovo che avanza mediante l acquisizione di quelle metodologie che possono attivare il circuito del miglioramento continuo allineando le procedure di produzione con le esigenze di business aziendali. Saranno sviluppate competenze ad alto valore aggiunto per razionalizzare l organizzazione della produzione e per rivedere le procedure di lavoro, in vista di una ottimizzazione delle performances produttive con conseguente miglioramento dell efficienza e della qualità del processo nel suo complesso. Il corso vuole far acquisire metodi, tecniche e strumenti di organizzazione del lavoro e della produzione per migliorare il servizio al cliente interno ed esterno; vuole inoltre individuare gli strumenti per migliorare l efficienza dei reparti produttivi Il processo produttivo e gli indicatori di performance; definizione di indicatore e principali aspetti; perché misurare, come misurare, dove misurare; obiettivi e sistema di misurazione correlato; gli indicatori della produzione ; dal concetto di valore alla definizione delle perdite; la raccolta dei dati in produzione Misurare le prestazioni del sistema logisticoproduttivo, il calcolo dell'oee (Overall Equipment Effectiveness); la misurazione del lead time di produzione; il livello di servizio; visual manufacturing: gli indicatori in fabbrica; metodi e strumenti per il controllo qualità in produzione; i costi della non qualità. Introduzione alla gestione della produzione. La formulazione dei piani di produzione. La Gestione dei Materiali nel Sistema Operativo Aziendale. La pianificazione dei fabbisogni di materiali (MRP). La pianificazione della capacità produttiva e il controllo avanzamenti 24 operai, impiegati 24

4 8 Teambuilding & Teamwork Sviluppare e accrescere le capacità di conduzione del gruppo, applicare gli strumenti della leadership situazionale, individuare le caratteristiche dei collaboratori e potenziare, in termini di competenze e motivazione, la performance della squadra. Trasformare un gruppo di lavoratori in un team vincente. Favorire i processi di coinvolgimento, responsabilizzazione e crescita, sotto il profilo umano e professionale, del team La comunicazione efficace è lo strumento che alimenta la Visione aziendale e la rinnova, consente di utilizzare la presenza dei differenti punti di vista all interno del team, trasforma i conflitti in scambi di idee focalizzando l attenzione sui vantaggi comuni, consente di passare dalle parole ai fatti (comunic-azione). Gestire la comunicazione all interno del gruppo significa: aiutare i propri collaboratori ad eliminare le barriere valorizzando e responsabilizzando ogni attore, riconoscere e utilizzare le competenze proprie e della squadra, prendere decisioni e sviluppare nuove idee attraverso una buona comunicazione, organizzare riunioni di squadra efficaci ed efficienti. Elementi fondamentali della comunicazione e del processo comunicativo: la comunicazione verbale e non verbale, come creare una situazione di ascolto, gli stili di comunicazione efficaci e la gestione del tempo. 16 impiegati, 9 Disegno tecnico e progettazione con AutoCAD Il percorso formativo ha l obiettivo di sviluppare le competenze per l'interpretazione delle simbologie e delle norme del disegno tecnico e fornire gli strumenti per leggere il disegno tecnico nella sua completezza e avere padronanza degli elementi fondamentali per la precisa rappresentazione di particolari e complessivi. Grazie allo sviluppo di tali skills tecnici, i destinatari sarnno in grado di utilizzare proficuamente i software di progettazione Autocad, nell'ambito dei processi di progettazione e di sviluppo prodotto nel proprio contesto professionale. I contenuti sviluppati durante il corso sono: - il sistema normativo di riferimento, il disegno nel ciclo produttivo, l interpretazione grafica degli oggetti rappresentati, la lettura delle tolleranze e degli errori di lavorazione e l interpretazione delle tolleranze geometriche; - le funzionalità di base e avanzate di Autocad: feature di base e sketch; modellazione in assieme e avanzata; attrezz engineering e free form design; documentazione con messa in tavola; - la simulazione di un processo di sviluppo prodotto: acquisizione delle machettes e dei mockup di design; lo sviluppo del design con strumenti digitali; la modellazione avanzata e il rendering; lo sviluppo modelli da digitalizzazioni o scansioni con Attrezz Engineering; la modellazione di stile parametrica; - la simulazione di un progetto di macchina: l'impostazione delle variabili di progetto; la schematizzazione parametrica in layout; la schematizzazione funzionale in modalità Top Down geometrico; la gestione dei gruppi funzionali; la gestione del concurrent; l'engineerig; - l'integrazione nell ambiente PDM: la configurazione ambiente; l'impostazione per gruppi di lavoro; la gestione delle modifiche e dei rilasci; l'integrazione con ambiente CAD; la gestione del Concurrent Engineering; - le simulazioni della produzione meccanica con sistemi CAM: l'impostazione assiemi CAM; le tipologie di lavorazione per fresatrici e torni CNC; le tipologie di lavorazione per la lamiera: macchine 40 impiegati,

5 taglio Laser, Plasma, Waterjet, combinate; Postprocessor; Gestione Toolroom, librerie utensili - l'analisi delle funzionalità di base del software CAD (Pro E), funzionalità avanzate del software CAD, collegamento con il mondo PDM (Pro I), progettazione e produzione con sistemi CAD-CAM, fase di studio, impostazione del progetto in large assembly, studio e sviluppo prodotto, simulazione di cinematismi, documentazione con messe in tavola, simulazione di percorsi utensile in ambiente CAM 10 Gestione strategica degli acquisti Il ruolo della funzione acquisti e approvvigionamenti è strategico per l'implementazione di un approccio lean all'organizzazione dei processi produttivi. Il percorso formativo vuole per questo motivo creare le competenze necessarie a individuare e analizzare le fonti del valore e del disvalore nei processi di acqusito, selezionare e fidelizzare i fornitori fino a renderli partner effettivi dell'azienda e gestire il portafoglio acquisti in armonia con gli altri processi aziendali. Comprendere le fasi del processo di acquisto e identificare gli ambiti di attività della funzione approvvigionamenti in una logica di sistema produttivo allargato. Riconoscere le corrette modalità di gestione dei fornitori in funzione del portafoglio acquisti dell azienda. Illustrare le principali tecniche e le metodologie di vendor rating/ranking, con particolare riferimento alla valutazione dei fornitori integrati. Il processo di acquisto. Il ruolo del buyer e la sua evoluzione. Importanza dell expediting. L analisi del portafoglio acquisti. Le scelte di make or buy. Tipologie di fornitori ed evoluzione del rapporto cliente-fornitore. Supplier development e Supplier Improvement. La valutazione dei fornitori. Valutazione tecnico economica della fornitura e calcolo del T.C.O. Elementi di contrattualistica d acquisto. Casi studio ed esempi concreti. 11 Manutenzione impianti e compilazione documentazione Fornire tutti gli elementi utili per una corretta e appropriata manutenzione degli impianti e per la compilazione della documentazione necessaria. Quadro normativo di riferimento. Apparecchiature e componenti dell impianto. Pianificazione della manutenzione. Situazioni particolari. Compilazione della documentazione prevista dalla normativa 12 operai, impiegati 12 Marketing per la gestione d'impresa L'acquisizione dell'approccio di marketing - e dei relativi strumenti operativi - è di fondamentale importanza per lo sviluppo di una gamma prodotto e per il successo competitivo delle imprese presenti sul mercato. Il corso vuole fornire strumenti e tecniche per il posizionamento strategico dell azienda sul mercato, per conoscere i fattori critici di successo per lo sviluppo di nuovi prodotti e per costruire un piano marketing vincente La segmentazione del mercato e la pianificazione strategica di prodotto. La definizione delle strategie di prodotto per ogni segmento di mercato. Definire la gamma prodotti. Analizzare i clienti, i concorrenti, il mercato. Misurare la forza del portafoglio clienti. Strutturare un piano marketing vincente. Utilizzare l'approccio di marketing lungo tutta la catena del valore: market push vs market pull 32 impiegati,

6 13 Metodi, strumenti e normative per la progettazione Le aziende hanno la necessità di applicare fin dalle fasi di sviluppo del prodotto o di modifica di prodotti esistenti le tecniche per progettare la qualità e l affidabilità intrinseca del prodotto e dei processi produttivi. Obiettivo dell intervento è quello di far conoscere ai partecipanti le tecniche per progettare l affidabilità dei prodotti e dei processi produttivi e gestionali e tutti gli strumenti di supporto per grantire la qualità nella progettazione. Analisi di mercato e sviluppo nuovi prodotti; analisi del portafoglio prodotti dell azienda; tecniche di sviluppo prodotto; pianificare l innovazione; quando e come innovare; strumenti e tecniche di supporto per la qualità nella progettazione; tecniche per individuare ed analizzare i requisiti del prodotto; QUALITY FUNCTION DEPLOYMENT (QFD); la matrice delle relazioni tra bisogni del mercato e requisiti del prodotto; caratteristiche funzionali e caratteristiche tecniche; comparazione con i concorrenti; normative cogenti per la progettazione 14 Strategie di sviluppo internazionale L'attività ha lo scopo di trasmettere i concetti e le metodologie più diffuse per analizzare i mercati e il contesto competitivo internazionale, permettendo ai discenti di condurre valutazioni sui diversi scenari e livelli di rischio/opportunità. Le competenze sviluppate permetteranno di realizzare un documento operativo per l azienda che ne indichi le linee di sviluppo sui mercati esteri. Il corso fornisce inoltre gli strumenti cognitivi per la pianificazione strategica per i percorsi di internazionalizzazione e unisce la visione dello sviluppo estero con la pianificazione dei passi da fare e la relativa quantificazione economico-finanziaria. Le analisi, le decisioni strategiche e il mercato internazionale: gli scenari competitivi e gli strumenti di analisi per la valutazione delle opportunità. Il sistema interno per l internazionalizzazione. Le strategie di commercializzazione all estero. La preparazione e lo sviluppo del business plan; le previsioni economiche-finanziarie. Esercitazione con discussione di casi reali e esperienze dei partecipanti. 15 Sviluppo competenze commerciali Una rete commerciale avanzata è essenziale per: - fare fronte ai continui e repentini cambiamenti dei mercati, non sempre facilmente interpretabili; - capire le caratteristiche dei clienti, oggi più esigenti, volubili e informati, per anticiparne le richieste; - sostenere l'evoluzione del venditore, da persuasore a punto di contatto con il mercato, in grado di aiutare la programmazione della produzione di concerto con il cliente. Il corso si prefigge pertanto, anche tramite l utilizzo di casi concreti e tratti dalla realtà operativa, di inquadrare la gestione di una rete di vendita tesa all organizzazione territoriale, alla formazione, al continuo monitoraggio delle prestazioni, alla lettura critica dei risultati e, soprattutto, al costante adeguamento rispetto alle variazioni della realtà distributiva e delle esigenze della clientela. Gli argomenti e i contenuti affrontati durante il corso saranno: - lo stile di direzione e cultura aziendale; - la programmazione dell'attività di vendita e i piani di vendita; - la gestione delle informazioni interne e esterne; - l organizzazione della rete sul campo: territorio, clientela, portafoglio prodotti; - la selezione del personale per l'organizzazione di vendita: il reclutamento, la valutazione e la scelta dei candidati; - come sviluppare le capacità di lavoro; la motivazione positiva; come mantenere le migliori performance; - l arte del coinvolgimento del venditore; - il controllo del lavoro dei venditori: la raccolta e l'analisi dei dati di vendita; - la formazione dei venditori; - le riunioni con i venditori: come ottenere un attenzione attiva; - la gestione delle spese; - i sistemi di incentivazione e di motivazione.

7 16 Amministrazione del personale Acquisire un metodo di lavoro efficace per affrontare correttamente gli adempimenti obbligatori e gli atti amministrativi necessari alla corretta gestione del personale, nonché ad analizzare ed utilizzare tutti i dati necessari per la corretta elaborazione delle retribuzioni. Scegliere tra le varie tipologie contrattuali quella più idonea al caso aziendale specifico. Trattare con professionalità le varie fasi di vita del contratto: instaurazione, gestione e risoluzione dei rapporti di lavoro. Elaborare le buste paga e gli adempimenti obbligatori di natura fiscale e previdenziale ad esse connessi. Il contratto di lavoro; il lavoro subordinato e il lavoro flessibile (tipologie e principali caratteristiche);il rapporto di lavoro: adempimenti e procedure La retribuzione i suoi component;il cedolino paghe: aspetti fiscali e contributivi; la gestione dell'orario di lavoro ordinario, dello straordinario, della malattia, ferie ecc Il trattamento di fine rapporto; la gestione dei lavoratori in cassa integrazione ordinaria, straordinaria, in deroga, in contratto di solidarietà ecc 32 impiegati, 17 Contabilità e bilancio Il corso fornisce competenze e tecniche per applicare in modo corretto ed autonomo le procedure amministrative. Verranno analizzati i principi delle rilevazioni contabili, le scritture relative al ciclo attivo e passivo per arrivare ad avere un quadro completo delle operazioni che permettono di redigere il bilancio di esercizio (scritture di ammortamento, rettifica, integrazione e imposte). Si approfondiranno le principali problematiche finanziarie, gli strumenti bancari e creditizi e si analizzerà la gestione degli incassi e pagamenti. La partita doppia, il significato patrimoniale e/o economico delle registrazioni, il piano dei conti e il bilancio in generale, le registrazioni contabili a computer, adempimenti e obblighi normativi della contabilità ordinaria. La contabilità I.V.A. e le relative registrazioni, acquisti con I.V.A. detraibile ed I.V.A. indetraibile, la gestione contabile e fiscale degli acquisti, i cespiti ammortizzabili, note accredito ricevute. Le utenze telefoniche, la normativa sulle auto aziendali, le parcelle dei professionisti, le ritenute d'acconto effettuate e i relativi versamenti, le spese di rappresentanza. Le fatture degli agenti di commercio, le fatture di vendita ed il ciclo attivo, note accredito emesse, plusvalenze e minusvalenze, anticipi a fornitori e clienti c/anticipi. Incassi e pagamenti di fatture, le operazioni di banca, gli effetti commerciali di ricevute bancarie, anticipo ft, scoperti di c/c e mutui, gli insoluti e le perdite su crediti. Leasing, registrazioni e problematiche inerenti, le registrazioni del lavoro dipendente e assimilato, i collaboratori a progetto, il T.F.R. I principi generali e redazionali di bilancio, le tradizionali scritture di assestamento e chiusura del bilancio, le scritture di integrazione, rettifica e ammortamento, ratei e risconti, fatture da emettere e da ricevere, gli accantonamenti ai fondi oneri e rischi, il calcolo degli ammortamenti, plusvalenze e minusvalenze. Le rimanenze di magazzino, le imposte e le tasse, la destinazione dell'utile/la copertura della perdita. Il bilancio in generale: una prima lettura consapevole. 18 Controllo di gestione Il corso si pone l obiettivo generale di fornire ai partecipanti uno schema concettuale che permetta di interiorizzare le logiche e le metodologie di programmazione e controllo di gestione, inteso come strumento di supporto al Il controllo di gestione: un quadro teorico di riferimento. Metodologie di classificazione e analisi dei costi. Strumenti per le scelte gestionali. Strumenti di analisi a consuntivo: il reporting e contabilità analitica. Analisi degli scostamenti. Legame tra pianificazione strategica e

8 governo dell impresa. In termini più analitici, il corso tende ad indicare le valenze non solo tecniche, ma anche organizzative del controllo di gestione; a presentare la catena dei processi aziendali, evidenziando il legame tra il controllo di gestione e gli altri processi; ad analizzare alcune proposte metodologiche riguardanti strumenti tecnico programmazione di breve periodo: il budget di esercizio. Strumenti informatici per le decisioni. contabili a supporto del processo di programmazione e controllo 19 Gestire la produzione per commessa Il corso ha l obiettivo di approfondire le logiche di pianificazione e gestione della produzione in sistemi manifatturieri dove è necessario progettare, industrializzare e costruire il prodotto sulla base delle specifiche richieste dal cliente. Vengono altresì identificate le caratteristiche e gli strumenti di supporto. Caratteristiche dell ambiente Engineering To Order. La gestione dei dati tecnici. Modello di programmazione e controllo in ambiente. Engineering To Order. Master Plan: piano della commessa. Organizzazione della commessa: Work Breakdown Structure. Tecniche reticolari: CPM, Gantt, PERT. Calcolo dei fabbisogni su commessa. Schedulazione della produzione su commessa. Casi studio ed esempi concreti Strumenti informatici a supporto dei processi aziendali Il modulo intende trasferire le conoscenze e gli strumenti per accrescere le competenze specifiche nella gestione delle tecnologie informatiche. L intervento formativo si propone anche di fornire un quadro organico delle problematiche relative al processo di analisi e progettazione dei sistemi ERP e alla definizione del ruolo delle risorse informatiche nella gestione dell informazione La gestione delle reti: Amministrazione e progettazione di reti internet- intranet; Internet working di reti locali e reti geografiche multiprotocollo; Gestione di intranet, il protocollo; snmp; teoria e pratica della Sicurezza della rete Microsoft Windows 2000 core technologies ERP e tecnologie informatiche: Architettura e funzionalità di un sistema ERP. Evoluzione nella struttura degli ERP in una prospettiva di Supply Chain Management. Ruolo delle nuove tecnologie informatiche sulle strategie d impresa e sulle caratteristiche degli ERP. L approccio metodologico per la scelta dello strumento informatico 32 impiegati, 21 f. Qualificazione/riq ualificazione Corso per il conseguimento del patentino di saldatore Preparazione teorica generale e tecnico-pratica approfondita finalizzata alla corretta esecuzione dei processi di saldatura sui principali materiali metallici da costruzione anche in vista del superamento dell esame di certificazione Nozioni tecniche connesse al processo di saldatura prescelto. Procedimenti speciali di saldatura.simbologia delle saldature. Giunti. Metallurgia e saldabilità dei metalli e delle leghe. Cenni sui controlli di qualità dei giunti saldati. Nozioni di antinfortunistica 30 operai

9 22 f. Qualificazione/riq ualificazione. Gestione ottimale del magazzino Le scelte tecniche e tecnologiche influiscono in maniera rilevante sull operatività quotidiana degli operatori di questo settore. Il presente modulo ha l obiettivo di far conoscere all allievo le principali forme di organizzazione del magazzino e dei singoli depositi, le tecnologie, gli strumenti tecnologici ed informatici e le più importanti tipologie impiantistiche connesse all attività di magazzino. Tali conoscenze mirano a mettere l allievo in grado di operare in modo autonomo gli aggiustamenti finali che colmeranno la differenza tra profilo ipotetico descritto in sede di formazione e quello effettivo attagliato al caso concreto Il deposito; Tipi di deposito; Il layout del deposito per un efficienza ottimale; Sistemi per il reperimento delle referenze. Gli impianti ed i sistemi di movimentazione. Sistemi automatizzati e magazzini automatici. Gli imballaggi. Tecnologie ed impianti di imballaggio e confezionamento. La gestione dei pallet. L imballo ed i mezzi di trasporto. Rispetto dell ambiente e normative sugli imballi f. Qualificazione/riq ualificazione. Sviluppo competenze linguistiche Il corso si propone di trasferire ai partecipanti la capacità di lettura e di espressione. A conclusione del percorso formativo l allievo sarà altresì capace di elaborare testi piuttosto elaborati e di ricercare gli strumenti per un ampliamento della propria conoscenza della lingua. Sarà in grado di esprimersi nelle forme di presentazione di se stesso e del contesto di riferimento, nonché di improntare descrizioni e presentazioni di tipo professionale abbastanza elaborati Elementi di grammatica e strutture. Come si legge e si scrive una lettera commerciale. Linguaggio telefonico e messaggi sulla segreteria telefonica. Richieste di informazioni e risposte a richieste di informazioni. Fare offerte. Come fare ordini e conferme d ordine. Conversazione in lingua. Esercitazioni individuali o di gruppo. Il Centralino. L ufficio marketing e commerciale. L ufficio acquisti 32

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione

La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione La soluzione di gestione aziendale per le piccole e medie imprese Overview della soluzione Indice dei contenuti Introduzione 3 SAP Business One: le caratteristiche 4 Vantaggi per le aziende 5 Panoramica

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO Manuale per la formazione di: AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) & OPERATORI DI MAGAZZINO Redatto come parte del progetto CENTRAL Qualifiche Professionali nell ambito dei Trasporti

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli