Capitolato Speciale di Appalto Norme tecniche e procedurali Sommario

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato Speciale di Appalto Norme tecniche e procedurali Sommario"

Transcript

1 Capitolato Speciale di Appalto Norme tecniche e procedurali Sommario Capitolo 1 - CONDIZIONI GENERALI D APPALTO... 3 Art. 1. Stazione Appaltante... 3 Art. 2. Generalità... 3 Art. 3. Finalità ed Oggetto dell Appalto... 3 Art. 4. Importo Complessivo Importo a base d asta dell appalto... 5 Art. 5. Durata del servizio... 5 Art. 6. Sopralluoghi... 5 Capitolo 2 - DESCRIZIONE DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI RICHIESTI... 7 Art. 7. Sistema di videosorveglianza Postazioni di videosorveglianza Specifiche tecniche minime richieste apparati Telecamere fisse... 8 Le caratteristiche tecniche minime di riferimento Telecamera PTZ Dome...11 Le caratteristiche tecniche minime di riferimento Specifiche tecniche minime - Sala di supervisione e di registrazione Specifiche tecniche Sala Server...14 Armadi a Rack...14 Server...16 Firewall...17 Switch...17 Patch pannel...18 UPS Specifiche tecniche Sala Controllo...18 Postazione Operatore...19 Workstation per il client di visualizzazione...20 Specifiche Monitor da Sw applicativo video server

2 Sw applicativo di videoregistrazione...21 Art. 8. Rete Backbone di Trasporto Specifiche tecniche minime Rete di accesso Specifiche tecniche HyperLan Specifiche tecniche rete cablata...27 Art. 9. Documentazione Tecnica richiesta...30 Capitolo 3 - Gestione del Sistema...31 Art. 10. Piano di realizzazione ed attivazione...31 Art. 11. Fornitura, installazione e configurazione apparati...31 Art. 12. Informazioni sui lavori, targhe sui dispositivi...32 Art. 13. Servizi di assistenza tecnica evolutiva e manutentiva...33 Art. 14. Addestramento e trasferimento delle competenze...35 Art. 15. Garanzia...35 Art. 16. Programmazione dei collaudi Modalità di esecuzione dei collaudi...35 Art. 17. Offerte anormalmente basse...37 Capitolo 4 - Disciplina Economica...37 Art. 18. Piano di fatturazione e dei pagamenti...37 Art. 19. Contabilizzazione e liquidazione dei lavori...39 Art. 20. Ritardi nei pagamenti...39 Art. 21. Pagamenti a saldo...39 Art. 22. Penalità per ritardi nella esecuzione dei lavori...39 Art. 23. Sicurezza dei lavori...40 Art. 24. Spese contrattuali Risoluzione del contratto...42 Art. 25. Fallimento dell Appaltatore...43 Art. 26. Controversie...43 Indice Figure Figura 1 Piano di Attivazione

3 Capitolo 1 - CONDIZIONI GENERALI D APPALTO Art. 1. Stazione Appaltante COMUNE DI MONTELEPRE Art. 2. Generalità Il presente Capitolato Speciale fa riferimento all appalto avente per oggetto la progettazione esecutiva e l esecuzione dei lavori per la realizzazione del Sistema distribuito di videosorveglianza territoriale da realizzarsi nel Comune di Montelepre. Inoltre disciplina le specifiche tecniche e gestionali per la realizzazione del sistema di videosorveglianza, della rete di telecomunicazioni a supporto, e delle attività di gestione, assistenza tecnica evolutiva. Art. 3. Finalità ed Oggetto dell Appalto Nel territorio interessato si registrano annualmente episodi delittuosi quali scippi, furti, danneggiamenti di edifici pubblici, nonché formazione di micro discariche abusive con l abbandono di materiale di risulta ed altri comportamenti devianti che incidono sia, sulla vita quotidiana del libero cittadino sia, sulle attività volte principalmente alla crescita del turismo ed alla conseguente crescita dell economia ad esso legata. Negli ultimi anni, nel territorio, si sono verificati fenomeni di devianza non solo nel centro storico, ma anche nel territorio comunale esteso. In particolare, si sono verificati fenomeni di microcriminalità. Nell ultimo biennio risultano essere aumentati tutti i reati predatori, tra questi è stato rilevato che il furto, uno dei reati più pericolosi ed odiosi, a fine anno ha segnato un trend di crescita che non conosce interruzioni da circa un decennio. Il progetto viene creato al fine di migliorare, attraverso l implementazione di un sistema di sicurezza con gestione centralizzata, il controllo di alcuni edifici pubblici a maggior rischio nel comune di Montelepre. Grazie a tale sistema, le problematiche di intervento delle forze dell ordine, dovute nella maggior parte dei casi alla vastità del territorio da controllare e ad una impossibile copertura h24 dello stesso, sarebbero in gran parte risolte utilizzando un sistema che garantisce tempestività basandosi su interventi video-documentati. L'impianto avrebbe il pregio di ottenere anche un effetto deterrente segnalando con apposita cartellonistica che il Comune in questione è dotato di sistemi di sicurezza. 3

4 Di seguito sono esposte le principali finalità che l Amministrazione intende perseguire tramite l utilizzo di un sistema di videosorveglianza: Migliorare le attività svolte dagli enti pubblici locali che utilizzano come veicolo il sistema ICT, in particolare la videosorveglianza del territorio; Offrire alla cittadinanza, con particolare attenzione al tessuto imprenditoriale e commerciale, un valido e performante sistema che funga da deterrente garantendo una maggiore sicurezza; Creare le basi per un ammodernamento tecnologico del territorio al fine di attirare gli operatori privati ad investire nell iniziative territoriali. Il Sistema, oggetto dell appalto, dovrà essere costituito da: Sistema di videosorveglianza, composto da una postazioni di videocontrollo sito nel centro di supervisione e registrazione deputata alla gestione dell intero sistema e dalle postazioni di videosorveglianza in numero di 20 diversificate in: - N. 11 ad installazione fissa con sistema di alimentazione del tipo POE (Power Over Ethernet); - N. 9 ad installazione mobile (PTZ) con sistema di alimentazione del tipo POE (Power Over Ethernet); La centrale operativa dovrà essere composta di: - N. 1 piattaforma HW/SW per la gestione e il controllo delle telecamere e dei flussi video; - N. 1 postazioni operatore deputate alle mansioni operative di routine. Rete di telecomunicazioni, dovrà garantire soluzione di continuità e di longevità sia a livello amministrativo che tecnico raggiungendo altresì un elevato grado di scalabilità e di copertura del territorio. La rete dovrà essere composta di due sottosistemi: - N. 1 backbone di trasporto, la dorsale che trasporterà i flussi video aggregati e li consegnerà alla sala operativa; - N.1 rete di accesso, la rete di collegamenti che consegneranno i flussi delle singole telecamere al nodo più prossimo del backbone. Oltre alla realizzazione chiavi in mano, si richiede la fornitura di servizi di assistenza tecnica evolutiva dell intero Sistema per la durata di N 2 anni a decorrere dalla data del collaudo dell intero sistema. Si richiede inoltre, un periodo di assistenza formativa/addestramento nelle modalità e tempi indicati nel Capitolato Speciale di Appalto (CSA). 4

5 La realizzazione del Sistema dovrà essere eseguita secondo la formula chiavi in mano, ossia comprensiva anche delle componenti eventualmente non esplicitate, ma necessarie al soddisfacimento di tutti i requisiti dell appalto stesso, nonché di tutte le autorizzazioni previste dalla vigente normativa. Art. 4. Importo Complessivo Importo a base d asta dell appalto L' importo totale di applato (comprensivo di oneri per la sicurezza) è pari a ,91 escluso iva al 22%, così composto: ,68 per la realizzazione del sistema (escluso manodopera), soggetti a ribasso; ,73 incidenza manodopera per la realizzazione dei lavori, non soggetti a ribasso; ,00 per gli oneri di sicurezza, non soggetti a ribasso; ,50 imprevisti, non soggetti a ribasso; L importo si intende comprensivo di tutti gli elementi opzionali, nulla escluso. Art. 5. Durata del servizio La fornitura dei servizi di assistenza tecnica evolutiva - avrà una durata pari a N 2 anni, con decorrenza dalla data di collaudo positivo. Il numero di anni offerti dai soggetti partecipanti, eccedenti la richiesta, saranno oggetto di valutazione da parte della commissione giudicatrice. Allo scadere il servizio potrà essere prorogato ad esclusiva ed insindacabile volontà della Stazione Appaltante, nelle more della definizione della nuova concessione, con una comunicazione scritta almeno sei mesi prima della effettiva data di scadenza del contratto di appalto. Art. 6. Sopralluoghi Prima della presentazione dell'offerta, le ditte partecipanti dovranno effettuare, pena l esclusione dalla gara, i sopralluoghi conoscitivi prendendo in considerazione: 1) i siti individuati per accogliere le nuove postazioni di videosorveglianza e la centrale di supervisione e registrazione; 2) i siti messi a disposizione dall Amministrazione al fine di accogliere i nodi del backbone di trasporto. I soggetti partecipanti disporranno di un documento di sopralluogo da esibire durante i sopralluoghi per ricevere il supporto necessario durante le visite ispettive alle postazioni di videosorveglianza, ed avere 5

6 l autorizzazione ad accedere agli uffici della Polizia Municipale e della centrale di supervisione e registrazione, ed ai siti indicati per l installazione dei nodi del Backbone di Trasporto. I soggetti abilitati ad effettuare il sopralluogo, per conto delle imprese concorrenti sono: il titolare, il legale rappresentate o il direttore tecnico. E facoltà dei concorrenti delegare, con semplice lettera accompagnata dal documento d identità del soggetto delegante, altre figure purché in relazione stabile con l impresa delegante. Si chiarisce che per relazione stabile non debba intendersi esclusivamente un rapporto di lavoro continuativo ed indeterminato ma può bastare anche un rapporto contrattuale di tipo libero professionale, o una delle tipologie contrattuali previste dalla vigente normativa in materia di rapporti di lavoro a tempo determinato. E altresì possibile incaricare un soggetto all uopo individuato, non rientrante nelle ipotesi sopra riportate, solo se munito di apposita procura notarile, rimanendo così esclusa nella fattispecie la semplice delega. In ipotesi di costituendo raggruppamento i sopralluoghi, a pena di esclusione, dovranno essere eseguiti da ciascuna impresa raggruppata. In ipotesi di raggruppamento costituito il sopralluogo può essere effettuato solo dall impresa capogruppo/mandataria. I documenti di sopralluogo, dovranno, pena esclusione, essere firmati dai responsabili individuati dall amministrazione appaltante. 6

7 Capitolo 2 - DESCRIZIONE DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI RICHIESTI Di seguito sono descritti in maniera dettagliata gli elementi oggetto del capitolato, sia per il sistema di videosorveglianza che per la rete a supporto, con delucidazioni sulle specifiche tecniche minime che soddisfino le esigenze di questa Amministrazione. Le informazioni progettuali indicate di seguito non hanno effetto vincolante se non nel rispetto dei requisiti minimi richiesti e nel risultato atteso. I soggetti partecipanti dovranno presentare un offerta progettuale che avrà come parte integrante una relazione tecnica dettagliata sulle tecnologie utilizzate e sulle modalità di realizzazione e di gestione. Art. 7. Sistema di videosorveglianza Il sistema richiesto dovrà essere composto dalle postazioni di videosorveglianza e dalla centrale di supervisione e registrazione volta alla gestione, visione e registrazione dei flussi video Postazioni di videosorveglianza Le quantità e la tipologia di postazioni richieste è così composta: - N. 11 ad installazione fissa con sistema di alimentazione del tipo POE (Power Over Ethernet); - N. 9 ad installazione mobile (PTZ) con sistema di alimentazione del tipo POE (Power Over Ethernet); Le aree previste in fase di approvazione del progetto preliminare sono le seguenti: 1) Sede Comunale Via Castrenze di Bella 60; 2) Biblioteca comunale Via Castrenze di Bella 14; 3) Auditorium Largo Ospedale; 4) Torre Ventimiglia Via della Torre; 5) Parco Urbano Via Falcone e Borsellino; 6) Impianti Sportivi Contrada Presti; 7) Scuola elementare Largo Ospedale; 8) Edificio ex scuola elementare Largo Ospedale; 9) Scuola media Via Pietro Merra; 10) Uffici comunali con annesso parcheggio multipiano Via Ten. Guarino. 7

8 A causa dell aumento dei costi per la realizzazione degli impianti di videosorveglianza e del limitato buget in possesso del comune di Montelepre per la realizzazione dei lavori è stato necessario ridurre e/o semplificare il numero dei siti sui quali intervenire. In conseguenza di ciò si è deciso di privilegiare, realizzando un progetto molto più accurato, quei siti che l amministrazione ha ritenuto più importanti: 1) Sede Comunale Via Castrenze di Bella 60; 2) Biblioteca comunale Via Castrenze di Bella 14; 3) Torre Ventimiglia Via della Torre; 4) Uffici comunali con annesso parcheggio multipiano Via Ten. Guarino. Mentre per i siti: 1) Auditorium Largo Ospedale; 2) Parco Urbano Via Falcone e Borsellino; 3) Scuola elementare Largo Ospedale; 4) Edificio ex scuola elementare Largo Ospedale; la videosorveglianza, è stata progettata in maniera molto più limitata, ponendo attenzione a quelle zone che all interno di ciascun sito vengono considerate le più vulnerabili. Di seguito sono riportato i siti che sono stati completamente esclusi dal sistema di videosorveglianza: 1) Impianti Sportivi Contrada Presti; 2) Scuola media Via Pietro Merra. Questi ultimi sei siti, potrebbero essere migliorati e/o ampliati, se l amministrazione indicesse un bando di gara in termini di offerta economicamente più vantaggiosa, inserendo come finalità anche il miglioramento di tali siti Specifiche tecniche minime richieste apparati Telecamere fisse Di seguito vengono descritte le caratteristiche minime richieste agli apparati facenti perte del sistema. La telecamera fissa day/night HD deve utilizzare un sensore day/night CMOS con back focus motorizzato e controllo remoto con doppia soglia day/night di back focus, tale da consentire l impiego di obiettivi senza correzione IR (InfraRed). La risoluzione minima deve essere 1920 x 1080 pixels (HD 1080p) a 30 ips (Immage for Second) con formato immagine a 16:9, standard SMPTE 274M Deve inoltre, fornire una 8

9 connessione diretta di rete utilizzando una compressione H.264(ISO/IEC ), JPEG e band width throttling per una efficiente gestione della rete e dell archiviazione, senza però rinunciare alla qualità delle immagini. Deve essere in grado di operare con Power over Ethernet (IEEE 802.3at Class 3) e deve supportare Auto MDIX oltre ad essere conforme allo standard ONVIF. L operatore da remoto deve essere in grado sia, di effettuare la completa configurazione della telecamera, sia, di vedere i video tramite un PC utilizzando: Web browser, Video Management Systeme e Video Client o Recording Station. La telecamera deve inoltre garantire una serie di funzionalità quali: la possibilità di rispondere ai controlli Pan/Tilt; la funzione MOTION+ video motion detection analysis system, che offre un video content analysis di base grazie a 6 modalità distinte preconfigurate nella stessa; funzioni di Intelligent Video Analysis (IVA), che consentano di processare e analizzare video all interno della telecamera stessa, senza hardware aggiuntivo e che inviino allarmi nel momento in cui vengano riscontrate eventuali anomalie; la possibilità di consentire di applicare fino a 10 profili IVA commutabili a tempo e garantire la possibilità di definire 4 aree indipendenti di privacy mask; un on-screen display per semplificare le impostazioni della telecamera/lens back focus e network configuration; produrre immagini a colori anche con un illuminazione minima della scena pari a 0,22 lux (0,022 fc) e in monocromatica, in modalità notte,a 0,5 lux( 0,005 fc); una ripresa ottimizzata anche in modalità notturna attraverso la sensibilità alla luce IR, tutto ciò va raggiunto tramite la commutazione di un filtro meccanico motorizzato. Tale filtro potrà essere commutato mediante un ingresso di allarme e preconfigurato nel profilo telecamera; analizzare automaticamente pixel-by-pixel, compensando le aree ad elevato contrasto (Back light) senza la necessità di definire un area; La telecamera day/night HD deve essere di tipo Wide Dynamic Range 76 db. Le ottiche comprese nello scopo di fornitura. Le caratteristiche tecniche minime di riferimento A. Sensore 1. Tipo: CMOS 2. Pixels attivi: 1920 x 1080 B. Video 1. Video Compression: H.264 (ISO/IEC ), M-JPEG, JPEG 2. Streaming: quattro (4) indipendentemente configurabili in H.264 e M-JPEG a. Stream 1: H.264 Main Profile (MP) 1080p25/30 or H.264 Main Profile (MP) 720p25/30 9

10 b. Stream 2: H.264 Main Profile (MP) Standard Definition (SD) o copia stream 1 c. Due (2) Streams: M-JPEG stream e uno (1) High Definition (HD) I-frame only stream 3. Risoluzione HD (O x V): a. 1080p: 1920 x 1080 b. 720p: 1280 x Risoluzione 480p (O x V): a. Codifica: 704 x 480 b. Visualizzazione: 854 x Risoluzione 240p (O x V): a. Codifica: 352 x 240 b. Visualizzazione: 432 x Overall IP Delay: a. Min.: 120 ms b. Max.: 240 ms 7. GOP Structure: I, IP, IBP, IBBP, 8. Sensibilità ( 3200K, Scene Reflectivity 89%, F1.2) a. Illuminazione minima (30 IRE): 1) Colore: 0.22 lx (0.022 fc) 2) Monocromatico: 0.05 lx (0.005 fc) 9. Day/Night: Colore, Mono, Auto 10. White Balance: a. ATW (2500 to 10000K) b. ATW hold and manual 11. Shutter: Auto (1/50 [1/60] to 1/10000) automatic fixed selectable 12. Contrast Enhancement: On/Off 13. Backlight Compensation: On/Off 14. Sharpness: Level selectable 15. Dynamic Range: Digital WDR: 76 db 16. Privacy Masking: quattro (4) aree indipendenti, liberamente programmabili 17. Video Motion Analysis: MOTION+ o opzione IVA C. Obiettivo 1. Passo: a. CS (max 5 mm [0.2 in.]) b. C-mount compatibile con adattatore fornito con la telecamera 2. Tipo: Manuale e DC-Iris auto-detect con override DC Iris drive: max. 50 ma continuo 3. Controllo: Wizard da Web page D. Audio 1. Standard: a. G.711, 8 khz sampling rate b. AAC 2. Signal-to-Noise Ratio: >50 db 3. Audio Streaming: Full duplex / Half duplex E. Ingresso/Uscita 1. Audio: 1 x mono line in, 1 x mono line out a. Connettore: 3.5 mm stereo jack b. Segnale In: 12 kohm typical, 1 Vrms max. c. Segnale Out: 1 Vrms at 1.5 kohm, typical 2. Allarmi: 2 ingressi a. Connettore: Clamp (non-isolato contatto chiuso) b. Tensione attivazione: +5 VDC a +40 VDC (+3.3 VDC con DC-coupled 22 kohm resistenza pull-up) 3. Relè: 1 uscita a. Connettore: Clamp b. Tensione: 30 VAC o +40 VDC Max 0.5 A continuo, 10 VA 4. Data Port: RS-232/422/485 F. Memoria locale 1. Memory Card Slot: Supporto SDHC e SDXC microsd cards fino 2 TB 2. Registrazione: continua, ad anello, allarme/evento/calendario G. Software 1. Configurazione: Via Web browser o Configuration Manager 10

11 2. Software Update: Flash ROM, remote programmable H. Rete 1. Protocols: RTP, RTSP, Telnet, UDP, TCP, IP, HTTP, HTTPS, FTP, DHCP, IGMP V2/V3, ICMP, ARP, SMTP, SNTP, SNMP, 802.1x, UPnP 2. Encryption: TLS 1.0, SSL, AES (opzionale) 3. Ethernet: STP, 10/100 Base-T, auto-sensing, half/full duplex, RJ45 4. PoE Supply: IEEE 802.3at compliant I. Meccanica: 1. Dimensioni (A x L x L): 78 x 66 x 140 mm (3.07 x 2.6 x 5.52 in.) senza obiettivo 2. Installazione tripod: basso (isolato) e alto 1/4-in. 20 UNC J. Ambiente: 1. Temperatura di funzionamento (Non IVA): -20 C to +55 C (-4 F to 131 F) 2. Temperatura di funzionamento (con IVA): -20 C to +50 C (-4 F to 122 F) 3. Temperatura di stoccaggio: -30 C to +70 C (-22 F to 158 F) 4. Umidità di funzionamento: 20% to 93% relativa 5. Umidità di stoccaggio: fino al 98% relativa K. Obbiettivi: 1. Obbiettivo MegaPixel varifocale ad iride automatica da 1/3, attacco CS, lunghezza focale f mm, apertura di diaframma F. stop , Day/Night IR 2. Obbiettivo MegaPixel varifocale ad iride automatica da 1/2.7", attacco CS, lunghezza focale f mm, apertura di diaframma F. stop 1.4, Day/Night IR Telecamera PTZ Dome Di seguito troviamo riassunte le funzioni che le telecamere di rete SD-PZ devono essere in grado di assolvere: funzione Day/Night, predisposta al fine di garantire una sorveglianza ininterrotta delle aree sottoposte a videosorveglianza. Attraverso tale funzione, la telecamera deve essere in grado di passare dalla modalità diurna a quella notturna (colore/bianco e nero [monocromatica]) sostituendo il filtro a infrarossi con un filtro di vetro trasparente. La commutazione deve avvenire tramite un sensore esterno, o automaticamente, in risposta a un cambiamento nelle condizioni di illuminazione. La telecamera deve essere in grado di compensare il controluce per rendere chiara l immagine catturata; l'ottica deve essere dotata di zoom motorizzato e funzionalità autofocus. È possibile impostare manualmente la messa a fuoco tramite software di gestione. Inoltre utilizzando lo zoom motorizzato, è possibile regolare da remoto la lunghezza focale (angolo di visione); deve essere dotata, di un sistema che permetta la riduzione del rumore il che serve per minimizzare il rumore delle immagini nelle scene buie e migliorarne la visibilità o, dell Intelligent Video Analysis con valutazione locale. La telecamera deve essere dotata di un sistema IVA, che attiva determinati tipi di funzioni (ad es. archiviazione/trasmissione delle immagini, attivazione di dispositivi esterni) e riduce al minimo i falsi allarmi. Le ultime 15 immagini vengono utilizzate per il calcolo delle informazioni relative al rilevamento dell'attività e per far scattare un allarme quando l'attività è stata effettivamente rilevata. È bloccata l'attivazione accidentale dell'allarme a seguito dell'interferenza di rumori indesiderati e di schemi di movimenti regolari, come può essere il fruscio delle foglie; 11

12 in caso di interruzione della rete o di guasto temporaneo, deve anche essere possibile archiviare localmente i video su scheda SD (non fornita in questo progetto) per il trasferimento su piattaforma VMS quando la rete è di nuovo operativa, o tramite Evento SMTP ovvero i fotogrammi acquisiti al momento dell'allarme (o a intervalli definiti) possono essere inviati a indirizzi predefiniti, o tramite Evento FTP ovvero i fotogrammi acquisiti al momento dell'allarme (o a intervalli definiti) possono essere inviati a un server FTP specifico; essere in grado di supportare anche la trasmissione dei metadati degli oggetti, in modo da facilitare l'analisi dei video high-end su server esterni. I metadati definiscono l'area di analisi nell'immagine riducendo il carico sul sistema di analisi e senza bisogno di caricare software esterni nella telecamera. Deve garantire 8-12 zone di privacy masking applicabile a tutte le uscite e 254 posizioni PTZ preimpostate con la funzione di tour delle configurazioni; Bisogna consentire, tramite le funzioni di trasmissioni specializzate, di inviare due flussi differenti; ad esempio, una visualizzazione panoramica a risoluzione ridotta (compressione dati) e una seconda visualizzazione dettagliata in risoluzione nativa per coprire il campo visivo di due telecamere analogiche. deve essere possibile la scelta dei formati di compressione JPEG, MPEG4 e H.264. La telecamera deve essere è in grado di generare questi diversi formati contemporaneamente in diverse combinazioni; Per includere la telecamera in ambienti hardware e software esterni, deve essere supportato lo standard ONVIF Profile S L Ottica deve essere compresa nello scopo di fornitura. Le caratteristiche tecniche minime di riferimento. A. Sensore 1. Tipo: CCD 2. Pixels attivi: pixel (752 x 582) B. Passaggio day/night: filtro a infrarossi meccanico C. Intervallo di panoramica: 360 (senza interruzione) D. Intervallo di inclinazione: 210, E-flip per rilevamento continuo E. Velocità Pan/Tilt: max. 300 /sec. F. Configurazioni: 256 G. Tour delle configurazioni: 5x H. Ottica: Zoom motorizzato con lunghezza focale variabile 36x e autofocus I. Lunghezza focale: f = da 3,4 a 122,4 mm J. Angolo di visione orizzontale: da 57,8 a 1,7 K. Velocità di apertura: F 1.6 (wide), F 4.5 (tele) L. Livello di illuminazione minima: 1. Colore: 1,4 lux (F 1.6 / 1/50 sec. / AGC ON / slow shutter OFF/50IRE) 12

13 2. Colore: 0,9 lux (F 1.6 / 1/50 sec. / AGC ON / slow shutter OFF/30IRE) 3. B/N: 0,15 lux (F 1.6 / 1/50 sec. / AGC ON / slow shutter OFF/50IRE) 4. B/N: 0,1 lux (F 1.6 / 1/50 sec. / AGC ON / slow shutter OFF/30IRE) M. Velocità dell'otturatore: da 1 a 1/ di secondo N. Compensazione del controluce: 92 db O. Riduzione del rumore: Sì P. Video 1. Formato di compressione: JPEG, MPEG-4, H.264 (selezionabile, Dual stream) 2. Formati immagine: 720x576, 640x480, 640x368, 384x288, 320x240, 320x Frame Rate: H264/MPEG-4/JPEG: 25 fps (720x576) Q. Autenticazione: IEEE802.1X R. ONVIF: Sì, Profilo S S. Visualizzatore per smartphone: Android, I-Phone T. Ingresso/Uscita audio: G.711 (64 Kbps), G.726 (40, 32, 24, 16 Kbps) U. Massimo accesso simultaneo: 5 utenti V. Rete 1. Protocolli: IPv4, IPv6, UDP, TCP, ARP, ICMP, HTTP, HTTPS, FTP (client/server), SMTP, DHCP, DNS, NTP, RTP/RTCP, RTSP, SNMP (MIB-2) 2. Interfaccia: Ethernet 10BASE-T / 100BASE-TX (RJ-45) 3. Tensione di esercizio: hpoe (IEEE-802.3at), AC 24 V W. Registrazione locale: Su una scheda SD X. Porta I/O: 2 x ingresso sensore, 1 x uscita allarme Y. Consumo: max. 25 Watt Z. Temperatura di esercizio: Da -5 a +50 C 13

14 Specifiche tecniche minime - Sala di supervisione e di registrazione Attraverso la sala di supervisione e registrazione dovrà essere possibile: Visualizzare le telecamere in tempo reale singolarmente e in modalità multipla e contemporanea. Accedere al modulo server per la configurazione dei parametri sia di registrazione che di visualizzazione. Programmare ciclicamente la visualizzazione con settaggio di parametri quali IP telecamera, sequenza della visualizzazione a monitor, tempi di visualizzazione. Programmare la registrazione sia, con configurazione manuale sia, in modalità automatica scaturita da eventi definiti. Configurare la banda di trasmissione utilizzata da ogni telecamera. La sala, deve essere composta da due parti: Server Controllo. La parte server deve essere composta dall hardware e dagli applicativi software necessari alla registrazione e alla gestione dei flussi video delle telecamere. Nella sala inoltre devono essere alloggiati gli apparati per realizzare il centro stella e il nodo della backbone. La parte di controllo deve essere composta dalle postazioni operatore, che utilizzano gli applicativi software di management e dai monitor per la visualizzazione dei video. Di seguito sono indicati i requisiti minimi per gli elementi HW e SW del sistema Specifiche tecniche Sala Server La parte server sarà così composta: N 1 Armadio Rack; N 1 Server; N 1 Firewall; N 1 Patch Pannel; N 1 Switch; N 1 Gruppo di continuità. Armadi a Rack L armadio rack previsto per la parte server è un armadio da19 da 24U, profondo 800mm, di larghezza 600mm; 14

15 La seguente tabella contiene i requisiti minimi richiesti: realizzato in conformità alle norme IEC e le DIN parte 1 per il montaggio di apparati elettrici ed elettronici, e la DIN per le dimensioni esterne ed EIA 310 per le caratteristiche generali struttura portante in acciaio, costituita da profilati verticali di spessore adeguato a supportare carichi di almeno 240 Kg trattamento contro l ossidazione con verniciatura e polvere epossidica copertura laterale e posteriore realizzata con pannelli in lamiera del tipo rimovibile porta anteriore in materiale trasparente (vetro temperato, plexiglass o cristallo antinfortunistico), completo di profilo di bordatura di protezione metallico, serratura maniglia, e chiavi adeguate feritoie di aerazione base di messa a terra per la connessione permanente al conduttore di massa delle parti dell armadio canaline di passaggio dei cavi di alimentazione, di collegamento e di permuta, con dimensioni tali da garantire la raccolta ordinata di tutti i cavi, interruttore magnetotermico con almeno 6 prese schuko. guide patch orizzontale di altezza 1U Un ripiani interno in acciaio con portata di almeno 100 Kg gruppo di ventilazione forzata sulla parte superiore adeguatamente dimensionato in funzione degli apparati attivi che verranno alloggiati e dell ambiente dove verrà installato l armadio per l armadio da almeno 24 unità. pareti asportabili anelli passacavi verticali completo di telaio 19 15

16 Server Il server, oggetto della fornitura, deve essere in grado di eseguire sia il sistema di supervisione sia il sistema di registrazione e deve avere le seguenti caratteristiche. Cpu Memoria ram Interfacce I/O Porte seriali Porte parallele Porte PS/2 mouse/tastiera Porte USB Porta LAN Porta Video Controller dischi Controller SATA Memorie di massa Sottosistema video Interfaccia di rete Alimentazione Alimentatore Alloggiamenti Accesso esterno Intel XEON 4-Cores E (1,80GHz/QPI 6.40GTsec/10MB/FCLGA2011 8GB DDR3 PC1333 ECC Registered (4*2GB) 1 x RS232 anteriore 1 x RS232 posteriore N/A N/A 4 x USB 2.0 posteriore 2 x USB 2.0 anteriore 1 x USB 2.0 interno 2 x RJ45 1 x VGA D-Sub 15pin RAID SATA2 ON BOARD 6 CANALI 6 TB 7200giri SATA2 Raid Edition 3,5" Drive ottico 1 x Lettore DVD-ROM 8x Slim (opz. masterizzatore DVD +R+RW-R-RW) Scheda video integrata 2D Video Controller 16 MB Risoluzione massima supportata 1600x bpp Scheda rete integrata 2 x Intel Ethernet Controller I350 (Powerville) Gigabit 10/100/ alimentatori da 800W ridondanti, Hot Replacement 12 x 1" 3.5 SAS / SATA Hot-swap 2 x x Slim CDROM / DVDROM (Utilizzato da DVD-ROM) Devono inoltre essere previste: tastiera & mouse TASTIERA SLIM 105-tasti MULTIMEDIALE ITA; MOUSE OTTICO USB; E deve avere il seguente Sistema operativo: WINDOWS 2008 SERVER R2 64-bit ITA. Lo storage del server deve essere dimensionato al fine di mantenere le registrazioni per un tempo non inferiore a 7gg per 24 hh. 16

17 Firewall Per implementare la sicurezza della rete è necessario l uso di un firewall che sia in grado di offrire buoni livelli di sicurezza anche in presenza di elevate prestazioni. Di seguito alcune specifiche e caratteristiche minime a cui il firewall deve rispondere: Throughput and Connections Firewall throughput 540 Mbps VPN throughput 60 Mbps AV throughput 142 Mbps IPS throughput 226 Mbps UTM throughput 108 Mbps Interfaces 10/100/ copper I/O interfaces 1 Serial / 1USB Nodes supported (LAN IPs) Unrestricted Concurrent sessions 30,000 (bi-directional) VLANs (bridging, tagging, routed mode) 20 Authenticated users limit 500 VPN tunnels Branch Office VPN 40 Mobile VPN IPSec (incl/max) 5/40 Mobile VPN SSL/L2TP (included/max) 1/25 PPTP 50 Switch Per gestire il routing Ip sulla rete backbone della videosorveglianza è sufficiente e necessaria la fornitura di uno switch tipo layer 3 con funzionalità POE. Le caratteristiche minime che devono essere soddisfatte dalla switch sono le seguenti: Porte Power Over Ethernet (PoE) Interfacce Routing Protocol Protocollo di gestione remota Encryption Algorithm 24 x 100Base-TX - RJ-45 PoE 1 x serial (RS-232) - DB-9 - gestione RIP-1, RIP-2, IGMPv2, VRRP, OSPFv2, instradamento IP statico RMON 1, RMON 2, RMON 3, RMON 9, Telnet, SNMP 3, SNMP 2c, HTTP DES, RSA, SSL, SHA-1 Metodo di autenticazione Secure Shell (SSH), RADIUS, TACACS+ 17

18 Caratteristiche Standard di conformità Dispositivi di alimentazione Funzionalità full duplex, Layer 3 switching, Layer 2 switching, supporto BOOTP, trunking, supporto VLAN, IGMP snooping, supporto DiffServ, controllabile, impilabile IEEE 802.2, X.500, IEEE 802.3u, IEEE 802.3z, IEEE 802.1D, IEEE 802.1Q, IEEE 802.1p, IEEE 802.3af, IEEE 802.3x, IEEE 802.3ad (LACP), IEEE 802.1x, IEEE 802.3ac, IEEE 802.1s, X.509 Internal power supply Tensione richiesta 120/230 V c.a. ( 50/60 Hz ) Potenza assorbita in esercizio Standard di conformità 65 Watt FCC certificato Classe A, TUV, C-Tick, cul, EN 60950, EN , UL 1950, VCCI Class A ITE, EN , EN55024, EN55022 Class A Patch pannel E inoltre previsto un pannello di permutazione (patch panel) per l attestazione del cavo UTP. Questo pannello è composto da un contenitore di spessore e larghezza adeguata per la corretta installazione all interno dell armadio fornito. Il pannello per l attestazione di cavi in rame UTP (cat. 6), deve essere costituito da elementi di modularità opportuna (da 24 porte di tipo RJ45) dotati di etichette riscrivibili per l identificazione delle porte e di blocchetti di terminazione del cavo di tipo a perforazione di isolante UPS Si rimanda alla descrizione in un paragrafo apposito Specifiche tecniche Sala Controllo Attraverso la sala di controllo deve essere possibile: Visualizzare le telecamere in tempo reale singolarmente e in modalità multipla e contemporanea. Accedere ai server per la configurazione dei parametri sia di registrazione che di visualizzazione. Programmare ciclicamente la visualizzazione con settaggio di parametri quali IP telecamera, sequenza della visualizzazione a monitor, tempi di visualizzazione. Programmare la registrazione sia, con configurazione manuale, sia, in modalità automatica scaturita da eventi definiti. La sala controllo dovrà essere composta dai seguenti elementi minimi: N 1 Postazione Operatore con monitor da 22 e tastiera di controllo tvcc; N 1 Workstation per il client di visualizzazione; N 1 Monitor da 42 ; N 1 Sw applicativo video server N 1 Sw applicativo di videoregistrazione 18

19 Postazione Operatore La postazione operatore deve essere composta da un PC con le seguenti caratteristiche minime: Processore 3 GHz a 64 bit Ram 4 GB HDD 500 Gb Scheda Grafica da 1 Gb dedicata Lettore masterizzatore cd-dvd Scheda di rete ethernet 10/100 Scheda Audio; Tastiera ITA; Mouse USB; Porte USB S.O. Windows SEVEN PRO Licenziato; SW Antivirus Licenziato Monitor 22 La postazione operatore viene completata tramite l utilizzo di una testiera universale per controllo di applicazioni Camera per il Controllo TeleVisivo (cctv). La tastiera permette il controllo di applicazioni cctv da pc, mediante connessione usb. Deve inoltre essere possibile l integrazione della stessa nei sistemi di controllo. I tasti possono essere riconosciuti in qualsiasi combinazione impostata dal programmatore. L'applicazione riceve un messaggio di evento sia alla pressione che al rilascio del tasto. La tastiera deve gestire applicazioni già presenti sul mercato, emulando un joystick hid4 assi a 32 tasti. Deve essere collegabile anche in presenza delle normali periferiche pc, come tastiera, mouse, joystick, o altro. L alimentazione avviene tramite cavo usb, per il suo utilizzo è dunque necessario un solo cavo. La tastiera per il controllo deve essere ruotata per il comodo uso di tutte le sue funzionalità da parte di utenti sia destrimani che mancini. Dati tecnici Generale 38 tasti in gomma retroilluminati Buzzer di allarme Windows Xp, 2000, vista, Windows 7, Windows server, Windows 8 Linux compatibile Alimentazione via usb USB 2.0 Protocollo dedicato virtual Com port 19

20 Emulazione Joystick HiD 4 assi a 32 tasti Temperatura di esercizio: 0 C / +45 C Certificazioni Ce: en55022 Classe B, en , en , en FCC part 15, Classe B Workstation per il client di visualizzazione La Workstation su cui deve essere eseguito l applicativo, di tipo client, per la visualizzazione degli stream video del sistema di videosorveglianza deve essere del tipo PC assemblato con componentistica di ultima generazione con le seguenti dotazioni minime: Microprocessore Intel CORE2 DUO E6750 2,66GHz/4MB/1333MHz; RAM 2GB DDR2; HDD SATA2 1TB 7200 RAID Edition; Masterizzatore DVD-RW +/-R 20x Dual Layer n.2 Schede Video ATI Doppia Uscita VGA/HDMI; Scheda Audio on board; Doppia scheda di rete Ethernet 10/100; Tastiera ITA; Mouse USB; S.O. Windows SEVEN PRO Licenziato; SW Antivirus Licenziato. Specifiche Monitor da 42 La sala controllo deve essere dotata, vista la numerosità delle telecamere da installare, di un monitor di sala a LCD da x 768, completo di staffe per il montaggio a muro e di cavo di collegamento con la workstation. Le caratteristiche tecniche richieste sono le seguenti: Filtro a Pettine (3D) migliora video con movimento Visualizzatore a Schermo (OSD) in 9 Lingue Ingressi Multipli Inclusi: 2 x BNC Ingresso/Uscita, 1 x S-video Ingresso/Uscita, VGA e DVI inputs Ingresso/Uscita S-video per più alta qualità rispetto al composito to composite Supporto regolabile a parete per Lcd/Plasma, Universal, 30"-63", nero CAVO PROLUNGA HDMI/DVI 5m tra scheda video e monitor LCD Sw applicativo video server Il software che funge da video server, deve essere in grado di acquisire in contemporanea tutti i flussi video rispettando i seguenti requisiti minimi: 20

21 Gestione camere da differenti produttori (piattaforma aperta); Live view fino a 30 fps; Gestione flussi video con algoritmo di compressione MJPEG/MPEG/H264; Funzionalità nvr; Esportazione dei file archiviati con crittografia; Gestione ptz patrolling; Funzionalità web Client; Funzionalità mobile Client; Gestione mappe; Integrazione video analisi; Controllo I/O ed eventi; Sistemi operativi con piattaforma a 64 bit (opensource preferibile); Supporto multi stream per camera; VMD integrato con gestione zone di esclusione; Supporto canali audio Full-Duplex; Preset positions per camera; Gestione preset su evento; Preset patrolling; Privacy masking; Ricerca automatica ed auto rticonoscimento telecamere; Export ed Import di configurazioni; Gestione esportazione di archivi storici contenenti tutte le informazioni relative agli eventi di stato del sistema e le operazioni compiute dagli addetti (log File); Fornitura SDK per sviluppo applicazioni di terze parti; Alimentazione ridondata. Sw applicativo di videoregistrazione archiviazione schedulabile con playback; la capacità di registrazione per singola camera con gestione del pre-post allarme; la memorizzazione delle immagini provenienti da tutte le telecamere al massimo frame rate possibile; l archiviazione dei flussi con algoritmo di compressione MJPEG-MPEG-H264; la registrazione delle immagini deve avvenire in forma cifrata per garantire la riservatezza e l integrità; l esportabilità (da locale o da remoto) dei filmati con corredo di specifico visualizzatore per la decifratura e verifica dell integrità degli stessi; La capacità di storage deve esere dimensionata per la registrazione contemporanee di tutte le telecamere al massimo Framerate possibile dalle stesse e/o dalla connettività, per un periodo di almeno 7gg per 24hh. 21

22 Art. 8. Rete La Rete di Telecomunicazioni dovrà essere a larga banda e suddivisa, in fase di presentazione dell offerta tecnica da parte dei Soggetti concorrenti, in Backbone di Trasporto e Rete di Accesso, secondo le modalità indicate nel presente capitolato e che dipendono sia dalla tecnologia utilizzata sia dalle caratteristiche logicofunzionali. La Rete di Telecomunicazioni sarà di proprietà dell Amministrazione Comunale Backbone di Trasporto Il backbone di trasporto rappresenterà il mezzo per aggregare-interconnettere, nell'ottica dell'approccio integrato, tutte le postazioni di videosorveglianza indicate e per consegnare i flussi video aggregati alle sedi dell amministrazione deputate alla supervisione e registrazione. Si definisce nodo del backbone il sito che dovrà ospitare l insieme degli apparati radio, della struttura che li alloggia, dei moduli hardware e software, e di tutti gli elementi elettrici e di carpenteria metallica necessari per la messa in opera del nodo stesso. L Amministrazione appaltante s impegna a mettere a disposizione dell Appaltatore contraente, per la realizzazione del backbone, i siti (terreni, sedi comunali, siti attualmente utilizzati per le trasmissioni radio) nella propria disponibilità senza oneri per il contraente appaltatore Specifiche tecniche minime UNITA LOGICA IDU/ODU La scelta, per la realizzazione del backbone di trasporto, è caduta su due tipologie di apparati una per la realizzazione dei nodi tre di concentrazione l altra per la rete distribuita sul territorio. I primo verranno realizzati con link HyperLAN a 17 GHz gli altri con link a 5 GHz. La differenza è dovuta alla quantità di dati che devono viaggiare verso la sala di Videocontrollo. Infatti i link a 17GHz garantiscono una maggiore affidabilità trasmissiva in condizioni di utilizzo estreme ed anche una migliore risposta al disturbo. Per la rete distribuita i link a 5GHz pur no garantendo le stesse prestazioni in termini di qualità e quantità risultano essere un buon compromesso in termini di efficacia/efficienza e costi. Per la realizzazione del backbone i link a 17GHz, devono rispondere ai seguenti requisiti minimi: 22

23 Banda di frequenze RF Spaziatura dei canali RF Capacità di trasmissione Tributary Interface Interfaccia di gestione primaria Interfaccia di gestione secondaria GHz (unlicensed) 3.5/7/14/28/56 MHz variabile a seconda della larghezza di banda RF impiegata (da 100Mbps fino a 500 Mbps Full Duplex) Gigabit Ethernet with Flow Control inclusa nel traffico Ethernet dell'utente usando un indirizzo IP dedicato 10/100/1000 BaseT - RJ45 LCT connector (solo con opzione PSE) Modulazione Auto-Adattativa 4/16/64/256 QAM Max potenza di trasmissione nominale 20dBm EIRP, port ATPC Range 20dB Configurazione base 1+0 Configurazione di protezione 1+1 / 2+0 Tensione di alimentazione PoE ; -48Vdc (+/-20%) ; 230Vac con PSE Consumo 33W Dimensioni (A x L x P mm) 280 x 280 x 80 Peso 4.5Kg Range di temperature -35 C / +55 C (ETSI Class 4.1) Modalità operativa Pure bridge (layer2) EMI/EMC EN55022 Class B Sicurezza IEC add. IV - Class III Condizioni ambientali ETS class 2.3 Dimensioni Indoor PSE (opzionale) 42 H x 185 W x 182 D mm Power Supply Indoor PSE (opzionale) Input -48Vdc (+/- 20%) or 230Vac; Output PoE on the ODU Cable Temperature Range Indoor PSE (opzionale) -5 / +55 C (ETSI Class 3.2) External Interfaces Indoor PSE (opzionale) RJ45 Connectors for Users FE and ODU Cable; LED Display and Housekeeping Interface; RJ45 Connector for LCT Multiplexer opzionale 16xE1+2FE Input 16 x E1 + 2 Fast Ethernet Multiplexer opzionale 16xE1+2FE Output Fast Ethernet ANTENNA Le caratteristiche dell antenna sono le seguenti: Frequenza operativa MHz Guadagno 33dBi Apertura orizzontale (H plane) 3.5 Apertura verticale (E plane) 3.5 Polarizzazione lineare verticale o orizzontale Minimum front to back ratio 54dB Cross polarization isolation 30dB Impedenza 50 Ohm VSWR 1.3:1 23

24 Environment outdoor Diametro 30cm Resistenza al vento 67m/s Resistenza al ghiaccio 25mm Regolazione del puntamento azimuth +/-15 Regolazione del puntamento elevazione +/-15 Range di aggancio al palo mm Range di temperatura operativa -45 C to +60 C Range di storage -50 C to +80 C Per la realizzazione del backbone, i link a 5GHz, devono rispondere ai seguenti requisiti minimi Tipo di processore Memoria Interfaccia di rete Frequenza operativa Guadagno Massimo consumo Alimentazione Metodo di alimentazione Atheros MIPS 24KC, 400MHz 32MB SDRAM, 8MB Flash 2 X 10/100 BASE-TX (Cat. 5, RJ-45) Ethernet Interface 5470MHz-5825MHz 25dBi 5.5 Watts 24V Carrier POE Adapter Included (POE-24) Passive Power over Ethernet (pairs 4,5+; 7,8 return) APPARATI DI RETE E prevista l installazione su ciascun sito di uno switch per la raccolta dei segnali le caratteristiche sono differenti a seconda del nodo in cui verranno installati. Per i nodi di distribuzione sono previsti switch Layer 3 mentre per il resto Switch Layer 2. La tabella seguente contiene i requisiti minimi richiesti per gli switch di layer 3 POE: Porte Power Over Ethernet (PoE) Interfacce Routing Protocol Protocollo di gestione remota Encryption Algorithm 24 x 100Base-TX - RJ-45 PoE 1 x serial (RS-232) - DB-9 - gestione RIP-1, RIP-2, IGMPv2, VRRP, OSPFv2, instradamento IP statico RMON 1, RMON 2, RMON 3, RMON 9, Telnet, SNMP 3, SNMP 2c, HTTP DES, RSA, SSL, SHA-1 Metodo di autenticazione Secure Shell (SSH), RADIUS, TACACS+ Caratteristiche Standard di conformità Funzionalità full duplex, Layer 3 switching, Layer 2 switching, supporto BOOTP, trunking, supporto VLAN, IGMP snooping, supporto DiffServ, controllabile, impilabile IEEE 802.2, X.500, IEEE 802.3u, IEEE 802.3z, IEEE 802.1D, IEEE 802.1Q, IEEE 802.1p, IEEE 802.3af, IEEE 802.3x, IEEE 802.3ad (LACP), IEEE 802.1x, IEEE 802.3ac, IEEE 802.1s, X

25 Dispositivi di alimentazione Internal power supply Tensione richiesta 120/230 V c.a. ( 50/60 Hz ) Potenza assorbita in esercizio Standard di conformità 65 Watt FCC certificato Classe A, TUV, C-Tick, cul, EN 60950, EN , UL 1950, VCCI Class A ITE, EN , EN55024, EN55022 Class A La tabella seguente contiene i requisiti minimi richiesti per gli switch di layer 2 POE: Porte Power Over Ethernet (PoE) Interfacce Protocollo di gestione remota Metodo di autenticazione Caratteristiche Standard di conformità Dispositivi di alimentazione 24 x 10/100Base PoE 1 x serial (RS-232) - DB-9 - gestione RMON 1, RMON 2, RMON 3, RMON 9, Telnet, SNMP 3, SNMP 2c, HTTP RADIUS Funzionalità half duplex e full duplex, Layer 2 switching, Port mirroring (cross stack), supporto VLAN, Port security, Web-based management and SNMP controllabile, impilabile IEEE 802.3, IEEE 802.3u, IEEE 802.3z, IEEE 802.1D, IEEE 802.1Q, IEEE 802.3ab, IEEE 802.1p, IEEE 802.3af, IEEE 802.3x, IEEE 802.3ad (LACP), IEEE 802.1w, IEEE 802.1x, IEEE 802.1s, IEEE Q VLAN tagging Internal power supply Tensione richiesta 120/230 V c.a. ( 50/60 Hz ) SPECIFICHE TECNICHE ELEMENTI PER L ALLESTIMENTO DEI SITI OSPITANTI GLI APPARATI Si intendono la fornitura e l installazione del materiale necessario all allestimento del sito che dovrà accogliere il nodo del Backbone. Di seguito sono elencate le tipologie di elementi ammissibili: Traliccio/palo Quadri Elettrici completi dei dispositivi di protezione e gruppi di continuità Materiale elettrico e materiale di ferramenta L elenco delle parti sopra indicate non è vincolante ma subordinato alla scelta dei siti all atto dei sopralluoghi, al loro stato, ed alla presentazione della relazione tecnica. Fermo restando che ogni elemento, componente il sistema, dovrà essere consegnato funzionante a perfetta regola d arte e che dovranno essere presenti tutti gli elementi di protezione atti a salvaguardare l operato degli addetti all assistenza tecnica evolutiva. 25

26 8.2. Rete di accesso La Rete di distribuzione è realizzata in parte in HyperLAN e in parte in cablaggio strutturato in cat. 6 e dovrà garantire la copertura dei luoghi ove sono ubicate le postazioni di videosorveglianza. La Rete di accesso dovrà includere tutti gli apparati hardware e software funzionali all interconnessione tra i dispositivi generatori di traffico oggetto del bando e il nodo di backbone più vicino. I Partecipanti dovranno descrivere le modalità di realizzazione della rete di accesso e del servizio erogato, con particolare riferimento alla tecnologia utilizzata, ai profili di servizio dedicati, ai dispositivi di videosorveglianza e al grado di scalabilità e neutralità rispetto ai servizi veicolati. Tutti i collegamenti che garantiranno il trasferimento dati tra le postazioni di videosorveglianza e la centrale dovranno realizzare una VPN al fine di garantire una rete indipendente dagli altri circuiti telematici presenti Specifiche tecniche HyperLan UNITA LOGICA base station PtMP I requisiti minimi che la base station deve avere sono i seguenti: CPU Atheros AR MHz network processor Memory 64MB DDR SDRAM onboard memory Ethernet One 10/100 Mbit/s Fast Ethernet port with Auto-MDI/X, L2MTU up to 2030 Wireless Wireless Built-in 5GHz a/n 1x1 MIMO, N-male connector, Up to 1.3W output power Extras Reset switch, Beeper, Voltage monitor, Temperature monitor LEDs 5 wireless signal LEDs, ethernet activity LED (configurable) Power options Passive 8-30V PoE only. 16KV ESD protection on RF port Consumption Up to ~0,5A at 24V (11.5W) Dimensions 177x44x44mm, 193g. Must be mounted with ethernet pointing down Operating -30C to +70C temperature RX sensitivity a: 93 6Mbps to Mbps n: 93 MCS0 to 71 MCS7 TX power a: 6Mbps to 54 Mbps n: MCS0 to MCS7 Modulations OFDM: BPSK, QPSK, 16 QAM, 64QAM DSSS: DBPSK, DQPSK, CCK ANTENNA-SETTORE I requisiti minimi che l antenna-settore deve avere sono i seguenti: Frequenza MHz Guadagno 17dBi VSWR (max) 2.0 Polarizzazione verticale 26

27 Beamwidth (-3dB) orizzontal 84 Beamwidth (-3dB) verticale 8 Beamwidth (-10dB) orizzontal 145 Beamwidth (-10dB) verticale 12 F/B ratio Cross polarization Impedenza Dimensioni (senza staffa) Peso(senza staffa) Diametro di montaggio Resistenza al vento (170km/h) >28dB >13dB 50Ω 83x427x15mm 0.58kg ø mm 47N CPE PtMP Client I CPE utilizzati devono rispettare i seguenti requisiti minimi: CPU Atheros AR MHz CPU Memory 64MB DDR2 SDRAM onboard memory Ethernet One 10/100 Ethernet port, L2MTU frame size up to 4076 Wireless cards Onboard dual chain 5GHz a/n Atheros wireless module; 10kV ESD protection on each RF port Extras Reset switch, buzzer LEDs Power LED, Ethernet LED, 5 wireless signal LED Power options Power over Ethernet: 8-30V DC Dimensions 140x140x56mm Power consumption Up to 8W Operating Temp -30C.. +80C Certifications FCC, CE, ROHS Antenna Dual polarization 5GHz antenna, 16dBi, -35 db port to port isolation RX sensitivity a: 95 6Mbps to Mbps n: 95 MCS0 20MHz to 77 MCS7 40MHz TX power a: 6Mbps to 54 Mbps n: MCS0/8 to MCS7/15 Modulations OFDM: BPSK, QPSK, 16 QAM, 64QAM DSSS: DBPSK, DQPSK, CCK Specifiche tecniche rete cablata APPARATI DI RETE La tabella seguente contiene i requisiti minimi richiesti per gli switch di layer 2 POE: Porte Power Over Ethernet (PoE) Interfacce Protocollo di gestione remota 24 x 10/100Base PoE 1 x serial (RS-232) - DB-9 - gestione RMON 1, RMON 2, RMON 3, RMON 9, Telnet, SNMP 3, SNMP 2c, HTTP 27

28 Metodo di autenticazione Caratteristiche Standard di conformità Dispositivi di alimentazione RADIUS Funzionalità half duplex e full duplex, Layer 2 switching, Port mirroring (cross stack), supporto VLAN, Port security, Web-based management and SNMP controllabile, impilabile IEEE 802.3, IEEE 802.3u, IEEE 802.3z, IEEE 802.1D, IEEE 802.1Q, IEEE 802.3ab, IEEE 802.1p, IEEE 802.3af, IEEE 802.3x, IEEE 802.3ad (LACP), IEEE 802.1w, IEEE 802.1x, IEEE 802.1s, IEEE Q VLAN tagging Internal power supply Tensione richiesta 120/230 V c.a. ( 50/60 Hz ) La topologia del cablaggio strutturato deve essere di tipo stellare gerarchico con la realizzazione dei distributori di edificio. Ogni distributore deve essere costituito da armadi rack per i dati della videosorveglianza. Ogni punto per le video camere deve essere servito da un punto rete realizzato con connettore RJ45 attestato direttamente al cavo e dotato di una lunghezza tale che gli permetta di raggiungere l ingresso rete della telecamera o il CPE relativo. Di seguito la descrizione delle principali componenti costituenti il cablaggio strutturato. Armadi a Rack Gli armadi devono essere collocati ai diversi piani dell edificio, in posizioni e con modalità tali da soddisfare le specifiche dedotte dai vincoli infrastrutturali e di opportunità definiti concordemente all Amministrazione Comunale in fase di sopralluogo. Le tipologie di armadio e le relative caratteristiche dimensionali richieste al concorrente, pena l esclusione, sono le seguenti: Armadio rack 19 da parete da 12U, profondo 600mm, di larghezza 600mm; La tabella seguente contiene, per gli armadi a rack, i requisiti minimi richiesti: realizzati in conformità alle norme IEC e le DIN parte 1 per il montaggio di apparati elettrici ed elettronici, e la DIN per le dimensioni esterne ed EIA 310 per le caratteristiche generali struttura portante in acciaio, costituita da profilati verticali di spessore adeguato trattamento contro l ossidazione con verniciatura e polvere epossidica copertura laterale e posteriore realizzata con pannelli in lamiera del tipo rimovibile porta anteriore in materiale trasparente (vetro temperato, plexiglass o cristallo antinfortunistico), completo di profilo di bordatura di protezione metallico, serratura maniglia, e chiavi adeguate feritoie di aerazione base di messa a terra per la connessione permanente al conduttore di massa delle parti dell armadio canaline di passaggio dei cavi di alimentazione, di collegamento e di permuta, con dimensioni tali da garantire la raccolta ordinata di tutti i cavi, interruttore magnetotermico con almeno 6 prese schuko. guide patch orizzontale di altezza 1U 28

29 Un ripiano interno in acciaio con portata di almeno 100 Kg anelli passacavi verticali completo di telaio 19 Distribuzione orizzontale Per la Distribuzione orizzontale il cavo deve rispondere ai seguenti requisiti minimi: CU Cavo dati Cat6 fino a 300 MHz (4 x 2 x 0,55 millimetri) ( AWG24 ) ISO / IEC 11801, IEC , EN e EN Power over Ethernet IEEE 802.3af Costruzione U / UTP Compatibile con tutti i metodi di connessione standard ISO / IEC e EN FRNC / LSOH, colore arancione Diametro esterno 6 millimetri Indice di Cu 19,4 kg / km Carico di incendio 0,17 kwh / m Calcolo della media a 100 MHz Impedenza: 100 Ohm ± 5 ohm Delay Skew 20 ns/100m NVP 67 % Raggio di curvatura durante l'installazione 45 millimetri Raggio di curvatura posa fissa 55,5 millimetri Carico di rottura 93 N La resistenza crociata 1000 N/10cm Range di temperatura durante l'installazione da 0 C a +50 C Range di temperatura di funzionamento -20 C a +60 Frequenza [ MHz ] Attenuazione [db/100m] successiva [ db ] Attenuazione [ db ] , , , Privo di alogeni secondo IEC /-2, EN /-2-2 (VDE /-2-2) Ritardante di fiamma secondo IEC , EN , VDE Minima emissione di fumi IEC /-2, EN /-2 (EN /-2 ), /-2 VDE ( VDE ) -1/-2 ) Certificazione del luogo di produzione secondo lo standard di qualità ISO 9001 e del sistema di gestione ambientale secondo la norma ISO

30 Patch pannel I pannelli previsti per l attestazione di cavi in rame UTP (cat. 6), sono costituiti da elementi di modularità opportuna (da 24 porte di tipo RJ45) dotati di etichette riscrivibili per l identificazione delle porte e di blocchetti di terminazione del cavo di tipo a perforazione di isolante. Patch Cord Per quanto riguarda le bretelle di connessione in rame previste sono richieste due fasce di lunghezze: corta: cavi UTP cat. 6 di lunghezza pari a 1m; lunga: cavi UTP cat. 6 di lunghezza pari a 3m. Mid-Span Poe Injector Per le applicazioni previste sulla rete progettata il mid-span deve essere in grado di generare una potenza fino a 30 W; deve infatti consentire di alimentare a distanza gli access point 802,11 e le telecamere PTZ. Inoltre deve essere conforme allo standard PoE IEEE 802,3at e deve essere retrocompatibile con lo standard IEEE802.3af. Art. 9. Documentazione Tecnica richiesta Si richiede una relazione tecnico specialistica riportante le soluzioni tecniche prospettate rispetto alle previsioni del progetto definitivo, ovvero la varianti migliorative. La documentazione prodotta dovrà avere il seguente grado di dettaglio: - Relazione tecnica sia del sistema di videosorveglianza che dell architettura di rete a supporto. Caratteristiche innovative della soluzione proposta ed elementi migliorativi dell offerta tecnica che soddisfino le esigenze e le linee guida dell Amministrazione nell ottica della protezione dell investimento. - Caratteristiche funzionali e prestazionali della soluzione proposta sistema di videosorveglianza (HW e SW) e Rete, secondo i requisiti indicati nel capitolato; tali caratteristiche devono essere comprovate da schede illustrative, depliant, data-sheet degli apparati offerti; - Qualità e livelli di servizio della assistenza tecnica evolutiva in garanzia, centro di assistenza competente, scorte, organizzazione, ecc.; - Programma formativo di avviamento al servizio. 30

31 Capitolo 3 - Gestione del Sistema Di seguito sono illustrati e regolamentati i servizi richiesti e le modalità con cui questi dovranno essere eseguiti. Nello specifico si fa riferimento: - Al piano di realizzazione ed attivazione dell opera - Alle modalità di espletamento della fornitura ed installazione degli apparati - Ai servizi di assistenza tecnica evolutiva e manutentiva - All addestramento ed al trasferimento delle competenze. - Al modello di garanzia prevista - Alla programmazione dei collaudi svolta dall Amministrazione in contraddittorio con il soggetto aggiudicatario. Art. 10. Piano di realizzazione ed attivazione Tutte le attività connesse alla realizzazione del Sistema, oggetto del presente Capitolato, dovranno soddisfare i vincoli temporali massimi di previsione illustrati nel seguente piano. Figura 1 Piano di Attivazione Art. 11. Fornitura, installazione e configurazione apparati La fornitura, installazione e configurazione di tutti gli apparati previsti per la realizzazione dell intero sistema dovrà avvenire secondo i termini fissati per le diverse fasi descritte nel Piano di attivazione. 31

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni

Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni Scheda tecnica Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni > Zoom 18x e messa a fuoco automatica > OptimizedIR

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

spessore m n elem. U.M. peso quantità / U.M. importo Operario qualificato h 5 24,72 123,6 Operario comune h 5 22,32 111,6

spessore m n elem. U.M. peso quantità / U.M. importo Operario qualificato h 5 24,72 123,6 Operario comune h 5 22,32 111,6 Analisi N 1-Speed Doe FullHD (1920x1080), zoo ottico 30x, 5 pollici installazione di tipo pendant da esterno IP66, sensore CMOS 1/2.8 Progressive Scan di tipo Day&Night con filtro IR eccanico, WDR digitale,

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Cisco SPA 122 ATA con router

Cisco SPA 122 ATA con router Data Sheet Cisco SPA 122 ATA con router Servizio VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio VoIP (Voice

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

ADS-2100e Scanner desktop ad alta velocità per l'ufficio

ADS-2100e Scanner desktop ad alta velocità per l'ufficio ADS-2100e Scanner desktop ad alta Alimentatore automatico documenti da 50 fogli Alta qualità di scansione Velocità di scansione 24 ppm automatica fronte-retro Caratteristiche: Alta qualità Lo scanner ad

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

H.264 Standalone DVR

H.264 Standalone DVR H.264 Standalone DVR Manuale d uso ed installazione Codici prodotto: 90002004 4 CH (Senza Allarmi) 1 HDD 90002008 8 CH (Senza Allarmi) 1 HDD 90002104 4 CH (Allarmabile) 2 HDD 90002108 8 CH (Allarmabile)

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA.

SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. APICE s.r.l. SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI FUNZIONANTE SU RETE LonWorks (ANSI/EIA 709, EN 14908) E CONFORME ALLE DIRETTIVE LonMark DI INTEROPERABILITA. Descrizione del sistema Luglio 2006 SISTEMA DI CONTROLLO

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte

Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte Data Sheet Adattatore telefonico Cisco SPA 112 a due porte VoIP (Voice over IP) conveniente e ricco di funzionalità Caratteristiche Qualità vocale e funzionalità telefoniche e fax associate al servizio

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Peltor DECT-Com II. The Sound Solution. User s manual for DECT-Com II

Peltor DECT-Com II. The Sound Solution. User s manual for DECT-Com II Peltor DECT-Com II The Sound Solution User s manual for DECT-Com II DECT 1.8 GHz GUIDA RAPIDA Peltor DECT-Com II Pulsante Funzione [M] [+] [ ] [M] e [+] [M] e [ ] Accende/spegne l unità DECT-Com II Seleziona

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic

Termometri portatili. Temp 16 RTD Basic. Temp 10 K Basic Per sonde a termocoppia K. Temp 6 Basic Temp 360 Professional Datalogger, per sonde Pt100 RTD - 0,01 C Temp 300 Professional Datalogger, a doppio canale, per sonde a termocoppia K, T, J, B, R, E, S, N Temp 16 RTD Basic Per sonde Pt100 RTD Temp

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Manuale dell utente di TruVision NVR 10

Manuale dell utente di TruVision NVR 10 Manuale dell utente di TruVision NVR 10 P/N 1072766C-EN REV 1.0 ISS 15OCT14 Copyright Marchi commerciali e brevetti Produttore Conformità alle norme FCC Canada Conformità ACMA Certificazione Direttive

Dettagli