Andrea Nicastro 9/7/2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Andrea Nicastro 9/7/2012"

Transcript

1 ATTACCO ALLA DIFESA INDIVIDUALE CON ESTERNI E INTERNO Andrea Nicastro 9/7/0. PREMESSA Questo sistema di gioco è pensato per gruppi evoluti, ossia giovanili di categoria non inferiore all Under 9 o senior in possesso delle seguenti caratteristiche: roster composto al 0% da giocatori interni e all 80% da giocatori esterni; obiettivi societari di miglioramento individuale prioritari rispetto al risultato nel breve; disponibilità dei giocatori a provare soluzioni diverse da quelle naturalmente preferite. Dalla mia esperienza passata di allenatore di gruppi senior in quattro diverse società, responsabile di un settore giovanile in una quinta società, osservatore curioso dei sistemi di gioco attuati da diverse squadre a livelli diversi, ritengo che la prima delle tre caratteristiche sopra enunciate sia tutt altro che rara, mentre le altre due sono, dal mio personale punto di vista, solo auspicabili. Quasi tutte le squadre evolute hanno giocatori interni, ma molto spesso questi sono in netta minoranza rispetto agli esterni. Eppure la maggior parte dei sistemi di gioco prevedono, almeno nello schieramento iniziale, due interni totalmente o parzialmente interscambiabili. È il caso della doppia uscita (diagramma ), per definizione simmetrica sul lato di come su quello di. È anche il caso della continuità di pick n roll centrali (diagramma ), nella quale dopo il ribaltamento di a e di a, se blocca su con palla, si invertono i ruoli di bloccante e sponda assunti in precedenza da e. È anche il caso del doppio post alto (diagramma ), nel quale le mansioni di e dipendono dal lato in cui inizia il gioco. DIAGRAMMA DIAGRAMMA DIAGRAMMA In tutti questi casi è certamente possibile distinguere fra i due lunghi le peculiarità del più interno da quelle del più perimetrale. Questo non rende un esterno a tutti gli effetti, ma solo un interno adattato, le cui opportunità di gioco esterno sono certamente ridotte rispetto a quelle degli esterni veri, ossia, e. Eppure nella tipologia di roster prima illustrata, il cosiddetto è in realtà molto più assimilabile ad un che ad un. È il 7-8enne smilzo e leggero, teoricamente una guardia naturale o un ala piccola in prospettiva, ma che viene schierato come nel campionato U9 o (peggio!) in prima squadra, per le esigenze del sistema di gioco, non coerenti con un progetto di crescita del giocatore. Adattare un naturale a giocare da, soprattutto se si tratta di un giocatore con margini di miglioramento, è una forzatura, come lo sarebbe quella di schierare come un, meno bravo del, per permettere al di giocare da esterno. Invece di scegliere il giocatore da immolare sull altare del sistema, un bravo allenatore dovrebbe, a mio avviso, sforzarsi di trovare un sistema coerente con il progetto tecnico societario.

2 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0. PRE-REQUISITI Sono pre-requisiti di questo sistema di gioco le seguenti capacità, che si danno per acquisite nel corso delle categorie giovanili precedenti all Under 9: saper giocare c con e senza palla fronte a canestro e spalle a canestro; sapersi spaziare sulle penetrazioni, sia ai bordi dell area dei, sia oltre l arco dei p; saper usare tecnica e tattica del passaggio; saper fare le stesse cose su tutto il campo (contropiede primario e secondario); saper portare e sfruttare un blocco lontano dalla palla: ricciolo, fade, uscita diretta; saper portare e sfruttare un blocco sulla palla: pick n roll, pick n pop, cenni di sponde;. OBIETTIVO DEL GIOCO L obiettivo principale del gioco è quello di costruire un tiro vicino a canestro per segnare o subire un fallo. In alternativa si vuole comprimere la difesa per togliere pressione agli esterni, scaricare e favorire la circolazione della palla (es. extra-pass), per successive conclusioni da fuori o da sotto, con nuove penetrazioni o passaggi a giocatori che occupano posizioni interne.. FASI DI INSEGNAMENTO DEL SISTEMA Definire una continuità di base codificata, dall inizio alla fine, non necessariamente tutta nello stesso allenamento. Esercizi: o c0 o c0, prendendo pezzi del gioco e proponendoli come esercizi di tiro, in fase di attivazione o a metà allenamento, per favorire l automatizzazione dei pezzi di sistema; o c e c con coach in appoggio al posto del quarto o quinto giocatore, per applicare i concetti visti a secco; o c0 a metà campo, e subito dopo c agonistico globale, senza fermare troppo, ma stimolando i giocatori che non ricordano cosa fare (normale all inizio) a cercare letture e soluzioni: il gioco rotto capiterà anche quando la memoria ci assisterà! Questa fase, anche se contiene parti globali di gioco, serve a dare un idea generale e a memorizzare la traccia, per dare a tutti una certezza di base. Non bisogna aspettarsi grandi risultati, soprattutto nel rispetto dei tempi. Basta già che vengano rispettati gli spazi, i tempi verranno dopo. È una fase in cui la memoria, purtroppo, conta più della lettura. Analizzare una per una tutte le possibili letture durante il gioco: o prendendole dalle casistiche pensate a tavolino o prendendo spunto da quanto emerge dal gioco, rendendo i giocatori attori protagonisti della ricerca di soluzioni; o esaltando i vantaggi derivanti dall interscambiabilità degli esterni,, e e anche quelli derivanti dalla specificità dei compiti dell interno, da coinvolgere attivamente; o richiamando più volte l obiettivo, che non è eseguire la coreografia, ma prendere un vantaggio esterno o interno, per entrare in regime di penetra, scarica e ribalta. Analizzare tutte le possibili varianti in entrata nel gioco: o quella della continuità base proposta a metà campo (es. blocco cieco diagonale); o arrivando da transizione, con in anticipo o in ritardo rispetto al quarto esterno; o passaggi da guardia ad ala e da guardia a post alto; o pick and roll centrale iniziale. Analizzare le situazioni speciali: mismatch e isolamenti a chiamata, interni ed esterni. Il concetto di penetrare è da intendere in senso lato: vuol dire anche dare palla al post, comprimendo la difesa, in attesa che il suo passaggio skip crei vantaggio sul perimetro. Pag.

3 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0. CONTINUITÀ BASE In questo paragrafo è illustrata la continuità base, che parte da uno schieramento con,, e esterni e in post alto. Quest ultimo blocca per la guardia senza palla (diagramma ) poi blocca verticalmente per (diagramma ). si prepara a sfruttare lo stagger di e per ricevere su ribaltamento (diagramma 6), mentre sale per bloccare cieco per e poi su con palla (diagramma 7). Questo blocco produce un pop, essendo un esterno, mentre e si spaziano sul lato debole (diagramma 8), ripristinando simmetricamente lo schieramento iniziale (diagramma 9). Il numero riportato in basso a destra in ogni diagramma (es. 7 ) indica il tempo residuo presunto allo scadere dei, in modo da ricondurre la situazione al corrispondente diagramma. 0 7 DIAGRAMMA DIAGRAMMA DIAGRAMMA DIAGRAMMA 7 DIAGRAMMA 8 DIAGRAMMA 9 Riguardando i sei diagrammi, e in particolare confrontando il primo e l ultimo, si vede che ha sempre mantenuto posizioni interne, mentre gli altri giocatori hanno giocato prevalentemente sul perimetro. I giocatori, e hanno ruotato nei rispettivi ruoli di guardia senza palla, guardia con palla e ala lato forte, mentre si ritroverebbe a fare di nuovo l ala lato debole, prima a sinistra e ora simmetricamente a destra. In realtà la ripetitività dei compiti di è utopistica, per tre ragioni: è molto difficile che, anche completando l intera successione di movimenti senza che nessuno tiri, resti ancora tempo sufficiente per imbastire una nuova ripetizione; nell azione offensiva successiva, fermo restando il lato scelto dal playmaker, lo schieramento di, e nelle altre posizioni esterne è imprevedibile; le inevitabili letture difensive, illustrate nel prossimo paragrafo, produrranno diverse occasioni di scambio di mansioni di con, con e con. Si conclude che, una volta entrati nel sistema,,, e sono completamente interscambiabili. 6. LETTURE Le varianti rispetto alla continuità base sono evidenziate con movimenti in IrossoI, così come in IrossoI sono evidenziati i giocatori esterni che possono scambiare le rispettive mansioni, qualora la Pag.

4 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0 variante venisse autonomamente scelta dai giocatori. Si sottolinea come alle varianti qui ipotizzate, altre possano derivare dal gioco, sempre nel rispetto dei principi base del sistema. 6. SCAMBIO TRA GUARDIA E ALA In riferimento al primo dei sei diagrammi della continuità (orientativamente a 0 dal termine dell azione, supponendo che siano bastati per superare la metà campo) è illustrata la prima possibile variante. Il blocco cieco di per dovrebbe servire a per ricevere in post, possibilmente con sponda di. Se però riceve da, ma è anticipato (diagramma 0), può bloccare sulla palla in pick n pop (diagramma ). Infatti l eventuale passaggio in terza di X toglierebbe pressione di X su che, sprintando in angolo, riceverebbe da con un vantaggio per giocare c dinamico. In alternativa l eventuale cambio difensivo fra X e X stimolerebbe le capacità di palleggio protetto di, ma non produrrebbe vantaggio. Nel frattempo sul lato debole il rischio maggiore sarebbe quello di affrettare il blocco verticale. L esterno, che tutto vede, dovrebbe certamente schiacciarsi per preparare il blocco verticale di, ma anche rallentare e guardare cosa capita sul lato forte. Ha senso che sfrutti il blocco di solo quando la palla è risalita in palleggio sopra la linea di tiro libero (diagramma ). Si è realizzato in tal modo uno scambio fra e sul lato forte. DIAGRAMMA 0 DIAGRAMMA DIAGRAMMA 6. BLOCCA IL BLOCCANTE A circa 7 dal termine dell azione è previsto il blocco verticale di per l esterno, al quale può essere offerto anche un blocco orizzontale di. Se sfrutta il blocco di, torna indietro e si torna alla continuità base (diagramma ). Se invece sfrutta il blocco orizzontale di, ad esempio se il suo avversario X si pone con le spalle parallele a quelle di, sarà a sfruttare il blocco verticale, come illustrato in diagramma. In questo caso taglierà sopra il blocco, soprattutto in caso di cambio difensivo fra X e X. Se X aiuta su e recupera su, senza cambio difensivo, il blocco di diventerebbe orizzontale, cambiando angolo di blocco con un giro dorsale, per allungare la strada del difensore (diagramma ). X X X X X X DIAGRAMMA DIAGRAMMA DIAGRAMMA La malsana idea per di giocare un classico dai e vai è chiaramente inibita dalla presenza di, e dei rispettivi avversari X e X, che intasano l area. Pag.

5 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0 6. FINTA DI STAGGER A circa dal termine dell azione è previsto lo stagger di e a beneficio di, che riceve su ribaltamento (diagramma 6). Se X nega a il blocco di, quest ultimo può abbandonare il posto di blocco e sfruttare il blocco di, scambiando competenze con, che salirà sul gomito per fare da sponda a (diagramma 7) o bloccare prima cieco per e poi su con palla (diagramma 8), per il successivo pick n pop. DIAGRAMMA 6 DIAGRAMMA 7 DIAGRAMMA 8 6. CIECO FADE E SCAMBIO SUL LATO DEBOLE A circa I dal termine dell azione è previsto il blocco cieco di per e il successivo pick n pop di con (diagramma 9). Se X passa dietro al blocco cieco di, può scegliere di allargarsi in allontanamento ( fade ), con la conseguente spaziatura di in angolo (diagramma 0). Nel prosieguo dell azione, le posizioni di e saranno così invertite (diagramma ). X X DIAGRAMMA 9 DIAGRAMMA 0 DIAGRAMMA 7. POST-UP L obiettivo principale del gioco è quello di costruire un tiro vicino a canestro. Per raggiungerlo ci sono due alternative: penetrazione di un esterno oppure passaggio ad un interno. La prima soluzione è quella preferita dai giocatori, mentre la capacità di passare la palla dentro è tanto complicata da insegnare quanto importante nell equilibrio fra gioco interno ed esterno. DIAGRAMMA DIAGRAMMA Nel sistema proposto, esistono due situazioni di post-up, con palla ad uno degli esterni,, o, ad esempio sul blocco iniziale (diagramma ), oppure con palla all interno dopo il ribaltamento (diagramma ). Sebbene le situazioni siano per definizione diverse, la regola è la stessa per entrambi i casi. Pag.

6 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0 Il giocatore in possesso di palla in post, indipendentemente dal ruolo: se sente il contatto del difensore sulla schiena, deve attaccare l interno dell area palleggiando con la mano esterna e muovendo il piede interno, girando il collo verso l area per vedere eventuali aiuti, da punire con passaggi skip; se non sente alcun contatto sulla schiena, deve girarsi a canestro, preferibilmente usando il perno esterno e fronteggiando il canestro con un giro dorsale, per aprire ulteriormente lo spazio che lo separa dal proprio difensore. Il comportamento degli altri quattro giocatori dipenderà dal ruolo (esterno o interno), oltre che dalla posizione assunta sul campo, e sarà esaminato nei prossimi paragrafi. 7. POST-UP DEL GIOCATORE ESTERNO (,, O ) In diagramma è illustrata la situazione di post-up per il giocatore esterno, ma varrebbe in modo equivalente anche per, o. L interno, che con il suo blocco cieco diagonale ha favorito lo smarcamento di, si trova nei pressi dell area, sul gomito opposto rispetto alla palla, in modo da garantire a e una corretta spaziatura. Gli altri tre esterni sono posizionati oltre l arco: sul lato forte, sul lato debole e in linea con la palla. Mettendo per un attimo da parte gli esterni su lato forte e lato debole, la regola da dare riguarda l opposto e l esterno in linea, con un blocco cieco sulla schiena del difensore X, che probabilmente sarà aperto verso la palla, favorendo un eventuale passaggio skip da a (diagramma ). Dopo lo skip, potrebbe tirare, giocare c, dare palla dentro a che taglia sempre in area (regola per il giocatore interno) o giocare un extrapass per in angolo (diagramma 6). POST-UP LATO DEBOLE OPPOSTO IN LINEA LATO FORTE DIAGRAMMA DIAGRAMMA DIAGRAMMA 6 Nel frattempo salirà a bloccare sulla palla (regola valida per chi esegue uno skip pass in diagonale). Essendo un esterno, giocherà pop sul perimetro, lasciando l area a (diagramma 7) e ricostruendo lo schieramento con,, e esterni e interno. Tornando indietro al blocco cieco sulla schiena di X, se non c è lo skip pass, può darsi che la palla torni a sul lato forte. In questo caso non ruota in area, ma piazza un blocco sulla palla (diagramma 8), seguito da un taglio in area, mentre si spazia sull arco: siamo ancora nello schieramento base (diagramma 9). X ROLL IN AREA X POP SULL ARCO POP SULL ARCO ROLL IN AREA DIAGRAMMA 7 DIAGRAMMA 8 DIAGRAMMA 9 Riepilogo: con palla in post-up ad un esterno (es. ), gli esterni su lato forte e lato debole stanno fermi, mentre l esterno in linea con la palla sfrutta il blocco cieco di, per provare a ricevere un Pag. 6

7 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0 passaggio skip in diagonale. Se lo skip riesce, sale per giocare pick n pop e cerca spazi in area. Se la palla resta sullo stesso lato, è già pronto a giocare pick n roll, mentre si spazia sull arco. 7. POST-UP DEL GIOCATORE INTERNO () In diagramma 0 è illustrata la situazione di post-up per il giocatore interno. L esterno, che insieme a ha costituito lo stagger per il ribaltamento su, sta già salendo per liberare l area e portare un blocco cieco su ma proprio quando si trova sul gomito opposto rispetto alla palla, la palla finisce dentro a. Gli altri tre esterni sono posizionati oltre l arco: sul lato forte, sul lato debole e in linea con la palla. La regola ricalca quanto visto in 7. e riguarda l opposto e l esterno in linea, con un blocco cieco di sulla schiena del difensore X, che probabilmente sarà aperto verso la palla, favorendo un eventuale passaggio skip da a (diagramma ). Dopo lo skip, salirà a bloccare sulla palla (regola valida per chi esegue uno skip pass in diagonale), ed essendo un interno, farà roll in area, mentre, che è un esterno, gioca pop sull arco (diagramma ), ricostruendo lo schieramento di base con,, e esterni e interno. POST-UP LATO FORTE LATO OPPOSTO DEBOLE X IN LINEA DIAGRAMMA 0 DIAGRAMMA DIAGRAMMA Se non c è lo skip, può darsi che la palla torni a sul lato forte. In assenza di skip, non sale a bloccare, mentre è già pronto a piazzare un blocco sulla palla (diagramma ), seguito da un pop (diagramma ) che ricrea lo schieramento base (diagramma ). POP SULL ARCO DIAGRAMMA DIAGRAMMA DIAGRAMMA Riepilogo: con palla in post-up all interno, gli esterni su lato forte e lato debole stanno fermi, mentre l esterno in linea con la palla sfrutta il blocco cieco di, per provare a ricevere un passaggio skip in diagonale. Se lo skip riesce, sale per giocare pick n roll e si spazia sull arco. Se la palla resta sullo stesso lato, è già pronto a giocare pick n pop, mentre è ancora in post alto. Pag. 7

8 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0 8. TRANSIZIONE La prima alternativa da proporre alla continuità base è l anello di congiunzione tra il contropiede e il gioco contro difesa schierata, ossia la transizione. Saper correre su tutto il campo, in lungo e in largo, occupando corsie coerenti con i vantaggi intrinseci del contropiede, ma anche con i principi del sistema di attacco, è la base per non disperdere il vantaggio acquisito con il possesso della palla, in termini di spazio e tempo, rispetto agli avversari. DIAGRAMMA 7 DIAGRAMMA 8 In diagramma 6 è illustrato lo sviluppo auspicabile del contropiede, con che spinge in palleggio, e sulle corsie, che, dopo il passaggio di apertura, sprinta e riesce ad arrivare in attacco prima del quarto esterno. Nei diagrammi 7 e 8 è illustrato l inizio della continuità base. Naturalmente i ruoli di, e, rispettivamente ala destra, ala sinistra e secondo rimorchio che si ferma in guardia, sono interscambiabili. DIAGRAMMA 6 Vengono assunti e comunicati verbalmente da ciascun giocatore. Il problema evidente è che spesso sarà il giocatore che per ultimo arriverà in attacco, soprattutto nel caso in cui ha preso il rimbalzo o eseguito la rimessa da fondo campo. È altrettanto evidente come non sia opportuno che i quattro compagni aspettino che prenda possesso della lunetta, per salire e portare il blocco cieco iniziale. Nel frattempo possono giocare negli spazi, muovendosi e muovendo la palla, secondo letture autonome, alcune delle quali sono illustrate nei diagrammi 9, 0 e. Quale scelta è opportuna per DIAGRAMMA 9 DIAGRAMMA 0 DIAGRAMMA Pag. 8

9 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0 Le domande alle quali dovrà dare risposte immediate e automatizzate sono le seguenti: Sono l ultimo giocatore ad arrivare in attacco Se no, vado in lunetta perché valgono le regole della continuità base. Se si, come nel caso illustrato, passo alla prossima domanda. Qual è il lato con maggiore spazio, ovvero con il numero minore di compagni Dovrò posizionarmi in guardia proprio su quel lato. Fin qui sembra tutto facile e intuitivo. La palla è sullo stesso lato o sul lato opposto Qui la casistica si complica e verrà esaminata con l ausilio dei prossimi diagrammi. 8. PALLA SULLO STESSO LATO La palla potrebbe trovarsi sul lato occupato da, ad esempio a seguito di un passaggio di a e di un successivo taglio di sul lato debole (diagramma ), arrivando così al pick n roll di con (diagramma ). Con palla a in post-up, guadagna il gomito opposto a (diagramma ). DIAGRAMMA DIAGRAMMA DIAGRAMMA 8. PALLA SUL LATO OPPOSTO Se la palla è in guardia a, il gioco inizia con il blocco verticale di per, come se il blocco cieco iniziale di per fosse già stato effettuato. Se nel frattempo la palla andasse a (diagramma ), e preparerebbero il blocco verticale, in attesa del probabile pick n pop fra e (diagramma 6). Ha senso per sfruttare il blocco di solo quando sul lato opposto c è un giocatore con palla ( o ) sopra la linea di tiro libero. Infine, la palla potrebbe andare immediatamente a in post-up. In questo caso si applicano le regole viste in 7., con le letture del blocco cieco (diagramma 7). DIAGRAMMA DIAGRAMMA 6 DIAGRAMMA 7 Pag. 9

10 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0 9. VARIANTI IN INGRESSO Il gioco può iniziare in modo diverso da quanto previsto nella continuità base. In questo capitolo saranno esaminate alcune opzioni, ricondotte agli stessi principi esaminati in precedenza. 9. PASSAGGIO DA GUARDIA A GUARDIA Se la palla viene passata da una guardia all altra, la lettura di è banale: bloccherà per invece che per e il gioco inizierà sul lato opposto (diagramma 8). Questa soluzione potrebbe anche essere voluta da, ad esempio per sfruttare un mis-match favorevole in post-up, o per sfruttare altre opportunità che il gioco offre a chi inizialmente parte senza palla in posizione di guardia. Per arrivare a questo tipo di lettura, il sistema deve essere stato ben appreso e metabolizzato in tutti i suoi aspetti. DIAGRAMMA 8 9. PASSAGGIO DA GUARDIA AD ALA Durante il primo blocco cieco di per, potrebbe esserci un passaggio da a, dal quale potrebbe partire un passaggio dentro a (diagramma 9), che darebbe luogo all attuazione delle regole di post-up riportate in 7.. In assenza del passaggio interno, e giocano pick n pop, mentre e preparano il blocco, ma aspettano a effettuarlo (diagramma 0). Allo stesso risultato si arriverebbe con palleggio e hand-off fra e (diagramma ). DIAGRAMMA 9 DIAGRAMMA 0 DIAGRAMMA Altra possibile lettura: se il passaggio di a avviene con molto anticipo rispetto al blocco cieco di per, può giocare dai e vai, con e che rimpiazzeranno (diagramma ). Questa situazione è sfruttabile da per giocare c in isolamento (diagramma ). Il blocco cieco di non viene più sfruttato da, ma da, mentre libera l area e si posiziona sul lato debole (diagramma ). DIAGRAMMA DIAGRAMMA DIAGRAMMA Pag. 0

11 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0 9. PASSAGGIO DA GUARDIA A POST ALTO In caso di passaggio da guardia a post alto, in relazione alla lettura del difensore X, potrà giocare un immediato taglio back-door, a seguito del quale rimpiazza (diagramma ), oppure un taglio fade, con possibilità di back-door per (diagramma 6). Naturalmente la scelta sul lato debole sarà duale, non potendo congestionare l area con due back-door contemporanei. La priorità di scelta va sempre al lato forte, infatti se riceve da, darà per un attimo la schiena al lato debole. Girandosi con perno destro e giro dorsale, manterrà e nel suo campo visivo e solo a giro terminato potrà osservare i compagni e sul lato debole. Se non c è l c centrale di, quest ultimo può ribaltare su una delle due ali e giocare pick n roll (diagramma 7). Si noti come, con palla a in post alto, le ali si schiacciano in angolo e le guardie in ala, per entrare nel campo visivo di. Queste collaborazioni ricordano molto quelle del sistema di gioco utilizzato nel PQN tra il 00 e il 00. X X DIAGRAMMA DIAGRAMMA 6 DIAGRAMMA 7 9. PICK N ROLL CENTRALE Lo schieramento iniziale è perfetto anche per giocare da subito un pick n roll centrale fra e (diagramma 8). Può servire per trovare un tiro veloce, o semplicemente per variare le soluzioni di ingresso, con o senza chiamata. Se non c è un tiro o un gioco di sponde, può effettuare il primo blocco cieco del sistema per, anche se con angoli un po diversi rispetto al solito, mentre in palleggio e senza palla aggiustano le loro spaziature (diagramma 9). Un alternativa che complica le regole già viste, prevede lo stagger di e per (diagramma 60), seguito eventualmente da un blocco orizzontale di per, qualora si voglia creare per quest ultimo un isolamento spalle a canestro. Il problema può essere però il probabile cambio difensivo fra i pari ruolo X e X sullo stagger: questo impedirebbe a una semplice ricezione in ala. Negli stagger a favore di esterni è sempre preferibile che il secondo blocco sia portato da un interno puro, in modo da scongiurare il pericolo di cambio difensivo. DIAGRAMMA 8 DIAGRAMMA 9 DIAGRAMMA 60 Pag.

12 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0 0. ISOLAMENTI Oltre alla continuità base e alle letture dei blocchi con scambi fra i quattro giocatori esterni, possono essere utili soluzioni speciali a chiamata, per isolare un particolare giocatore in una precisa zona del campo, per favorire il suo c. I motivi possono essere diversi e riguardare: l attaccante: per coinvolgerlo, per sfruttare una sua qualità fisica o tecnica, ecc.; il difensore: per punire una sua carenza fisica (statura, rapidità) o la sua situazione di falli. Sono tre le situazioni cercate nelle soluzioni di isolamento: isolamento fronte a canestro per un esterno scelto fra,, e ; isolamento spalle a canestro per l interno ; isolamento spalle a canestro per un esterno scelto fra,, e. Le soluzioni di seguito proposte sono solo degli esempi e non sono ancora state provate sul campo. Non è da escludere la possibilità di trovarne ancora di migliori. 0. FRONTE A CANESTRO PER L ESTERNO L isolamento fronte a canestro per si ottiene con il blocco verticale e lo stagger di diagramma 6, dopo i quali,, e liberano l area, in modo che possa tirare o attaccare dal palleggio sul lato destro. Con una piccola variazione, si ottiene lo stesso risultato per l esterno, che finta di sfruttare il blocco di e invece sfrutta lo stagger (diagramma 6). Infine si può giocare per costruendo la classica doppia uscita illustrata in diagramma 6. DIAGRAMMA 6 DIAGRAMMA 6 DIAGRAMMA 6 0. SPALLE A CANESTRO PER L INTERNO Per far giocare spalle a canestro partendo dallo schieramento iniziale, può spostarsi in palleggio e si schiaccia per sfruttare il blocco zipper di : la necessità di X di aiutare su, può dare a un vantaggio in termini di spazio, per giocare c in post-up (diagramma 6). Successivamente si ribalta il lato della palla con un pick n pop centrale di con e un X blocco orizzontale di per, particolarmente efficace se X era molto aggressivo e in anticipo forte sul lato destro del campo (diagramma 6), lasciando inevitabilmente spazio sul lato sinistro. DIAGRAMMA 6 DIAGRAMMA 6 Pag.

13 Attacco alla difesa individuale con esterni e interno Andrea Nicastro 9/7/0 0. SPALLE A CANESTRO PER L ESTERNO Tutti gli esterni devono avere l opportunità di giocare un isolamento vicino a canestro, indipendentemente dalla posizione occupata all inizio dell azione. Esterno guardia senza palla Un primo isolamento per si crea subito con il blocco iniziale previsto dalla continuità (diagramma 66). Dopo il blocco verticale per, ne porta un altro orizzontale per, mentre migliora l angolo di passaggio usando il palleggio (diagramma 67). DIAGRAMMA 66 DIAGRAMMA 67 Esterno ala lato debole L isolamento si crea variando il blocco iniziale di, portato su invece che ; se la palla va a, ma non dentro a, si gioca pick n pop (diagramma 68). Si ribalta con lo stagger per e si serve in post-up, che sfrutta un blocco orizzontale di (diagramma 69). DIAGRAMMA 68 DIAGRAMMA 69 Esterno guardia con palla Esterno ala lato forte Banalmente, basta cambiare lato alla palla, ricadendo nei due casi precedenti, visti simmetricamente (diagrammi 70 e 7). DIAGRAMMA 70 DIAGRAMMA 7 Pag.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13

APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 APPROCCIO ALLA DIFESA: COSTRUZIONE DIFESA INDIVIDUALE A PARTIRE DALLA CATEGORIA UNDER 13 INTRODURRE LA DIFESA DI SQUADRA NEL PRIMO ANNO DI ATTIVITA GIOVANILE: la proposta deve essere divertente ed allettante

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

Edizione autunno 2004 a cura del Comitato Nazionale Allenatori

Edizione autunno 2004 a cura del Comitato Nazionale Allenatori Esercizio Uno contro zero serie auto passaggio Giocatori disposti come da diagramma n. 43. Il primo della fila esegue nell ordine: auto passaggio, ricezione, fronteggiare il canestro, partenza incrociata

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3

Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 Giochi di posizione per un modulo di gioco 4 3-3 2 CONTRO 2 Esercizio n 1: 2 contro 2 + 2 jolly ( difensore centrale e centravanti 9 ) Obiettivi: insegnare passaggi filtranti e appoggi Misure campo: 12

Dettagli

(Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007)

(Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007) (Relazione agli Allenatori della provincia di Brescia del 21/01/2007) ATTACCO ALLA UOMO BASATO SU PRINCIPI DI GIOCO COLLETTIVO - Quello che gli americani chiamano Reading Offense, cioè Attacco basato sulla

Dettagli

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri Federazione Italiana Pallacanestro Settore Giovanile Minibasket e Scuola Lezioni Integrate Minibasket I Fondamentali con palla Traguardi di Competenza. Partiamo dalle linee guida: Motorio/funzionale padronanza,

Dettagli

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * *

I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * 21 Lunedì 26 Agosto, ore 13,00 Prof. MARCO TAMANTINI Premessa I PREREQUISITI MOTORI DELL APPRENDIMENTO DELLA TECNICA * * * * * * Il messaggio che vorrei lanciare è di porre in risalto l obiettivo di migliorare

Dettagli

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!.

GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. GIOCHI DI STRATEGIA Giochi di potere!!!. Dopo avere dedicato ampio spazio nei precedenti interventi al modello culturale del nostro Minibasket raccontando l esperienza finlandese, ora vorrei rivolgere

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 - Fax 051/26.74.55

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI

GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI GIUSEPPE ZUROLO LEZIONE CATEGORIA 9-10-11 ANNI ARGOMENTO DIFENSIVO: logiche del gioco; sviluppo mobilità laterale e in arretramento; capacità di combinazione e dissociazione. OBIETTIVO: passaggio (anticipazione

Dettagli

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi.

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi. N. FEBBRAIO 006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE VIA E.FRANCALANCI

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

ALLENAMENTO DEL 23 / 03 / 2011

ALLENAMENTO DEL 23 / 03 / 2011 ALLENAMENTO DEL 23 / 03 / 2011 ATTIVAZIONE INDIVIDUALE CON PREP.FISICO. Durata: 15 min Es.1: 1 C 1 CON DEF GUIDATA. Durata: 15 min 1 sprinta in post alto, riceve da 2, fronteggia canestro e : partenza

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica

Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo. Sviluppo attraverso la creazione di superiorità numerica e inferiorità numerica Da 3 contro 3 a 1 contro 1 Basi cognitive del gioco difensivo e del gioco offensivo - Ho il pallone / non ho il pallone / recupero il pallone/ perdo il pallone Sviluppo attraverso la creazione di superiorità

Dettagli

Università degli studi di Palermo. Facoltà di Scienze Motorie. Corso di laurea triennale in Scienze delle attività Motorie e Sportive

Università degli studi di Palermo. Facoltà di Scienze Motorie. Corso di laurea triennale in Scienze delle attività Motorie e Sportive Università degli studi di Palermo Facoltà di Scienze Motorie Corso di laurea triennale in Scienze delle attività Motorie e Sportive Programma di Teoria Tecnica e Didattica dei giochi di squadra Anno Accademico

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 IMPARARE LA TECNICA CON IL GIOCO Stefano Faletti FONDAMENTALI TECNICI RICEVERE CONTROLLARE COLPIRE lo STOP GUIDA DELLA PALLA DRIBBLING PASSAGGIO TIRO COLPO

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI)

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) 10.00 12.00 ALLENATORE Guido Cantamesse ASSISTENTi Nazareno Lombardi Carlo Grassi PREP. FISICO Cosimo De Milo ******************** ATTIVAZIONE

Dettagli

Possesso palla in allenamento

Possesso palla in allenamento Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Possesso palla in allenamento di Maurizio Viscidi Il possesso palla inteso come esercitazione sta assumendo un importanza sempre maggiore nelle sedute

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli

IL GIOCO NEL MINIBASKET

IL GIOCO NEL MINIBASKET 88 Premessa IL GIOCO NEL MINIBASKET Inizierò con un gioco di collaborazione e di rapidità per immergerci subito nel cuore di questa lezione. Poichè l argomento è Il Gioco nel Minibasket, vorrei partire

Dettagli

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche:

L ATTACCO. Appunti. Principali problematiche: L ATTACCO Appunti Principali problematiche: L attacco deve essere considerato come tema permanente di ogni seduta di allenamento. Ore di lavoro specifico sull attacco della nazionale juniores femminile:

Dettagli

Primo non fare disastri

Primo non fare disastri Primo non fare disastri Attenzioni alle abitudini senza ritorno : 1. Aspettare l errore dell attaccante è mortale per creare DIFENSORI, 2. Difendere = fatica dove può essere il piacere gusto, 3. Prendere

Dettagli

Allenare = trovare soluzioni divertenti per far fatica:

Allenare = trovare soluzioni divertenti per far fatica: Alba 3 novembre 2010 Lezione tecnica per allenatori Le colpe degli allenatori: 1. Presentare la difesa come una serie di DOVERI da seguire ciecamente, 2. Dare troppi in-put spesso non collegati alla realtà

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

IL MINIBASKET in ITALIA :

IL MINIBASKET in ITALIA : IL MINIBASKET in ITALIA : l Emozione, la Scoperta e il Gioco. I primi intervento per l angolo tecnico del nostro sito li voglio prendere da una delle esperienze professionalmente più gratificanti della

Dettagli

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE

LA DIDATTICA DELLA DIFESA A TRE Corso MSTER nno 2000 / 2001 L DIDTTIC DELL DIFES TRE di DVIDE BLLRDINI relatori : prof. prof. Roberto Clagluna Franco Ferrari 1 INDICE : PREMESS 4 LE CRTTERISTICHE DEI DIFENSORI 6 L DIDTTIC. 7 CONCLUSIONI.

Dettagli

Corso Allenatori 2 2 Grado. Argomento del modulo: Allenamenti guidati

Corso Allenatori 2 2 Grado. Argomento del modulo: Allenamenti guidati Argomento del modulo: Allenamenti guidati Alberobello 16 maggio 2004 ALLENAMENTO GUIDATO Ogni allenamento deve avere come da prassi Fase iniziale caratterizzata da: A. Esercizi preventivi B. Attivazione

Dettagli

Traduzione a cura della FIGH su testi EHF - riproduzione vietata -

Traduzione a cura della FIGH su testi EHF - riproduzione vietata - Federazione Italiana Giuoco Handball HANDBALL Il gioco Uno sguardo alle regole Pallllamano Diisciiplliina Olliimpiica 1 PRINCIPI DI BASE DELLA PALLAMANO La Pallamano è uno sport di squadra basato sui principi

Dettagli

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE PROGRAMMA CORSO LND PER ALLENATORI DI PRIMA, SECONDA, TERZA CATEGORIA E JUNIORES REGIONALI TECNICA E TATTICA INDIVIDUALE Recupero della palla ( anticipo, intercettamento, contrasto) Marcamento ( principi

Dettagli

Corso di perfezionamento I giochi di transizione

Corso di perfezionamento I giochi di transizione Contenuto della lezione pratica Osservazioni preliminari Corso di perfezionamento I giochi di transizione La durata del gioco dipende dall intensità. L allenatore deve controllare lo stato fisico dei suoi

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi

Categoria Esordienti. Stefano Bellinzaghi Categoria Esordienti Guida e Dominio della palla Guida e Dominio della palla Stefano Bellinzaghi A B C I giocatori distribuiti nelle 4 file eseguono conduzioni, cambi di direzione e combinazioni tra guida

Dettagli

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete

allenare gli attaccanti nella ricerca della posizione ottimale per andare a rete Smarcamento Mini partite 3>3 su un quadrato di 15x15. Goal valido solo dopo aver effettuato uno stop agli angoli del campo di gioco. 4>2 su un quadrato di 15x15. Il goal viene realizzato su stop su uno

Dettagli

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni

Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995. Allenatore Maurizio Bruni Autore: Maurizio Bruni Sito proponente: Alleniamo.com MESE DI SETTEMBRE 2007 CATEGORIA ESORDIENTI 1995 Allenatore Maurizio Bruni MESE DI SETTEMBRE OBIETTIVI TECNICI Palleggio individuale Conduzione della

Dettagli

Prima Parte. Rotazioni difensive a metà campo per mantenere gli effetti della difesa multipla

Prima Parte. Rotazioni difensive a metà campo per mantenere gli effetti della difesa multipla Prima Parte Rotazioni difensive a metà campo per mantenere gli effetti della difesa multipla Difesa Vincente 2 Introduzione I Milwaukee Bucks furono, per diversi anni, una guida nelle rotazioni difensive

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite

Giochi e esercizi. Calcio di base. Calcio d élite ASSOCIAZIONE SVIZZERA DI FOOTBALL Dipartimento tecnico Servizio istruzione Modulo di perfezionamento 2015/16 Giocare meglio - Giochi e esercizi Giocare meglio Giochi e esercizi Calcio di base Calcio d

Dettagli

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey

Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey > Abilità nei giochi 8ª Classe Pallacanestro Calcio Pallamano Unihockey La valutazione dell abilità nei giochi avviene durante e al termine processo d apprendimento. Giochi Pallacanestro Calcio Pallamano

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco:

Con un gioco si possono lavorare diversi aspetti: Come proporre un gioco: Il gioco se usato e svolto in una maniera consona, farà si che l' allievo si diverta e nello stesso tempo raggiunga degli scopi precisi che voi vi siete proposti. Con un gioco si possono lavorare diversi

Dettagli

ATTIVITA' DI BASE. Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente

ATTIVITA' DI BASE. Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente ATTIVITA' DI BASE Sei Bravo a Scuola di Calcio 2014/2015 4c4: un gioco polivalente Come nella passata edizione le squadre si affronteranno in due momenti, che per questa stagione sportiva si sintetizzano

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2

ESERCITAZIONE 1 ESERCITAZIONE 2 PASSAGGIO ESERCITAZIONE 1 - I giocatori vengono divisi in 3 gruppi di diverso colore. 1A) Con le mani passare la palla al colore diverso 1B) Con i piedi passare la palla al colore diverso 2A) Con le mani

Dettagli

OPZIONI DIVERSE SULLA BASE DEL GIOCO FLEX

OPZIONI DIVERSE SULLA BASE DEL GIOCO FLEX Giulio Cadeo OPZIONI DIVERSE SULLA BASE DEL GIOCO FLEX ESPERIENZE DI PNL (Programmazione Neuro-Linguistica) APPLICATE AD UNA SQUADRA JUNIORES FILOSOFIA GENERALE Aprirei l argomento spiegando i concetti

Dettagli

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure.

Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. GUIDA GEOMETRICA Le diverse forme geometriche stimolano un comportamento tecnico regolato da forma e dimensione delle figure. I bambini conducono la palla attorno a diverse figure geometriche. vince chi

Dettagli

Per rendersi bene conto della specificità della canoa polo, è molto utile osservare i movimenti di ciascun giocatore nel corso di una intera partita.

Per rendersi bene conto della specificità della canoa polo, è molto utile osservare i movimenti di ciascun giocatore nel corso di una intera partita. Il metodo Sorin Questo intervento sulla canoa polo non ha un nome, non è un lavoro scientifico ma può considerarsi come il punto di vista di un allenatore di olimpica, nonché giocatore di canoa polo, che

Dettagli

PULCINI. Programma MILAN LAB

PULCINI. Programma MILAN LAB PULCINI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO PULCINI 40% SCHEMI MOTORI DI BASE CAPACITÀ MOTORIE 60% CAPACITÀ COORDINATIVE 50% 10% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità BASSO GRADO DI DIFFICOLTÀ MEDIO GRADO

Dettagli

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE

LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE LA TATTICA SI IMPARA CON LE DONNE Il calcio è ormai uno sport mondiale, si gioca infatti in ogni angolo del pianeta, anche i più remoti; i praticanti appartengono ad ogni età, razza, religione e sesso.

Dettagli

Relazione Minibasket n 2

Relazione Minibasket n 2 Prof. Piergiorgio Manfre Basket Verbano Relazione Minibasket n 2 Ipotesi di lezioni per allievi 9 10 anni Premessa................................................... Proposte didattiche-tecniche.................................

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti!

15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! AncheiopossoAllenare.com allenare online con gli info-prodotti di ancheiopossoallenare.com presenta: Marco Mirisola 15 giorni di Ritiro Precampionato categoria esordienti! Salve a tutti e benvenuto/a oggi

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

PROGETTO DI GIOCO VALSUGANA RUGBY

PROGETTO DI GIOCO VALSUGANA RUGBY PROGETTO DI GIOCO VALSUGANA RUGBY La tragedia nella vita non è fallire un obiettivo!!! La vera tragedia è non avere obiettivi da realizzare MISSIONE : Attuare un gioco semplice basato su Attitudine e determinazione

Dettagli

Pallacanestro. La storia

Pallacanestro. La storia Pallacanestro La storia La pallacanestro, conosciuta anche come basket, diminutivo del termine inglese basketball, è uno sport di squadra in cui due squadre di cinque giocatori ciascuna si affrontano per

Dettagli

CENTRI MINIBASKET BAMBINI ISTRUTTORI 2500 125.000 7200 PULCINI 2003/2004 SCOIATTOLI 2001/2002 GAZZELLE F 2000/2001/2002 AQUILOTTI 1999/2000 ESORDIENTI M 1998/1999 F 1998/1999/2000 INCONTRO TRA MINIBASKET

Dettagli

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014

AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 AGGIORNAMENTO DI PALLANUOTO LATISANA 12 OTTOBRE 20014 Programma del corso INTRODUZIONE ALLA PALLANUOTO (nella scuola nuoto, regolamenti generali, le categorie giovanili) I FONDAMENTALI NELLA PALLANUOTO

Dettagli

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento

Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Descrizione e analisi tecnica dell attacco Esercizi d iniziazione e perfezionamento Giuseppe BOSETTI Relazione al Corso di aggiornamento per allenatori di 1 grado e allievi allenatori CP Fipav Varese -

Dettagli

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero GIOCHI MINIBASKET Questi giochi sono stati tratti da alcuni libri e talvolta modificati per adattarli al nostro gioco. Adatti per diverse età. Buon lavoro. 1) Il gioco dei nomi Obiettivi: conoscere i compagni,

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse.

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Proseguendo la mia tesi sulla disamina della Difesa Elastica attuata con il controllo visivo attivo ho ritenuto

Dettagli

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE

ALLENAMENTO 1D FEMMINILE ALLENAMENTO 1D FEMMINILE Corsisti: Ballardini Samuele, Ceccarini Barbara, Rossi Giacomo INTRODUZIONE Nelle ultime partite la squadra allenata (1 divisione femminile) ha avuto un'efficacia in attacco del

Dettagli

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!!

Agenzia Regionale di Protezione Civile &!! Agenzia Regionale di Protezione Civile!!!"#$ % &!! '()* &+#),) Ascoltiamo un po. Parole chiave di Velasco Motivazione Mentalità vincente Esercizio Impegno Adattamento Flessibilità Punti in comune. Quali

Dettagli

La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta

La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta Corso Nazionale Allenatori Terzo Grado Settima Edizione La programmazione di un microciclo settimanale, con particolare riferimento allo sviluppo di una unità a scelta TEMA FONDAMENTALE: Il sistema muro

Dettagli

riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio

riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio riscaldamento 1 u 15 minuti u materiali: palloni, coni esercizio tecnico > guidare il pallone > leggere la situazione > controllo > passaggio guida + passaggio Dividere i giocatori in gruppi di 6 o più.

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI)

HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI) HARE & TORTOISE REGOLAMENTO (PER TUTTE LE VERSIONI) Le seguenti regole si applicano a tutte le versioni del gioco, anche se ogni edizione può avere delle differenze. Ci sono quattro principali gruppi di

Dettagli

Guido Re. Didattica del minivolley

Guido Re. Didattica del minivolley Guido Re Didattica del minivolley Introduzione Gli sport di squadra maggiori sono il naturale stimolo per l attività motoria e sportiva dei giovanissimi: dalle discipline sportive ufficiali derivano quelle

Dettagli

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO

SCUOLA CALCIO TECNICA PROF. MARCHI ERNESTO SCHEDE ESERCIZI categoria: categorie correlate: titolo / oggetto: SCUOLA CALCIO TECNICA GIOCO DI POSSESSO PALLA: 8 10 PASSAGGI autore / docente / tutor: PROF. MARCHI ERNESTO WWW..CENTROSTUDICALCIO..IT

Dettagli

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio

Metodologia di lavoro nella Scuola di Calcio di Emanuele Aquilani istruttore scuola calcio A.S. Cisco Calcio Roma Certi uomini vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose mai viste e dico: perché no? (G.B. Shaw) La Scuola Calcio segue

Dettagli

Da qui in avanti affonderemo le dinamiche tecniche della canoa polo maggiormente legate a quelle che sono le componenti tattiche di gioco.

Da qui in avanti affonderemo le dinamiche tecniche della canoa polo maggiormente legate a quelle che sono le componenti tattiche di gioco. DALLA TECNICA ALLA TATTICA La canoa polo è uno sport di situazione. La tecnica e la tattica assumono nei giochi sportivi un aspetto fondamentale. Definizioni: TECNICA La tecnica sportiva è un procedimento,

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

Basketcoach.net ESERCIZI PER IL CONTROPIEDE

Basketcoach.net ESERCIZI PER IL CONTROPIEDE Anno VI Num.3/12 SOMMARIO ESERCIZI PER IL CONTROPIEDE DI M. RIGA.. 1 ALLENAMENTI PER LA CATEGORIA U15-17 - SECONDA PARTE DI R. PACIUCCI...4 SOFTWARE BASKETCOACH PLAY BOOK...7 WBSC SUPERCAMP - GLI ESERCIZI

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O R E G O L A M E N T O Rev. N 9 Data: 03/10/2013 Le modifiche sono evidenziate in campo giallo e riguardano: Ruoli 1 e Ruoli 2 (la palla a questi giocatori può essere solo consegnata o passata con passaggio

Dettagli

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno

Training Guide JSS - Juventus Primi Calci 2-3 Anno JSS Coach Comito Date N Players 10 Where Torino Conduzione N TG 53 Conduzione veloce verso Sec Conduzione con cambi di direzione Giochi individuali con mani e piedi in uno spazio delimitato. Lanci e prese.

Dettagli

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA

IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA IL METODO DEL DISEGNO IN SCALA PREMESSA L obiettivo della Copia dal Vero è la trasposizione grafica di ciò che vediamo nella Realtà Tridimensionale (la natura morta), nella Realtà Bidimensionale (il foglio

Dettagli

QUALE GIOCO A QUALE ETA

QUALE GIOCO A QUALE ETA QUALE GIOCO A QUALE ETA Vi sono molti istruttori che non hanno nessun idea del perché propongono quel gioco a quell età. Essi si limitano a copiare da qualche libro alcuni giochi (anche interessanti e

Dettagli

ALLENAMENTO DEL 09 / 03 / 2010

ALLENAMENTO DEL 09 / 03 / 2010 ALLENAMENTO DEL 09 / 03 / 2010 Es.1: RICEZIONE DOPO SMARCAMENTO + PARTENZE. Durata: 10 min 1 passa a C effettua taglio a canestro, ritorna per ricevere la palla con arresto + strappo con partenza incrociata

Dettagli

Capitolo 3: Cenni di strategia

Capitolo 3: Cenni di strategia Capitolo 3: Cenni di strategia Le "Mobilità" L obiettivo fondamentale del gioco è, naturalmente, catturare semi, ma l obiettivo strategico più ampio è di guadagnare il controllo dei semi in modo da poter

Dettagli

PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI CARICO MENTALE

PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI CARICO MENTALE PRINCIPI GENERALI DI LAVORO CON I BAMBINI 5-6 ANNI Prima di inoltrarmi ad analizzare le proposte da proporre ai bambini di 5-6 anni, spiego un concetto, a mio parere, importante, il: CARICO MENTALE Quando

Dettagli

PROGRAMMI TECNICI CI SI ALLENA AL 100% DELLE PROPRIE CAPACITÀ FISICHE E TENCICHE

PROGRAMMI TECNICI CI SI ALLENA AL 100% DELLE PROPRIE CAPACITÀ FISICHE E TENCICHE PROGRAMMI TECNICI CI SI ALLENA AL 100% DELLE PROPRIE CAPACITÀ FISICHE E TENCICHE Gli allenamenti a ritmo di musica sono molto intensi e divertenti e migliorano le capacità motorie e coordinative, l abilità,

Dettagli

Giglioli Mauro IL MURO

Giglioli Mauro IL MURO Giglioli Mauro IL MURO Il muro è la prima linea di difesa della squadra. Fare muro è una manovra esplosiva che assolve a diverse funzioni. La funzione primaria è intercettare l attacco avversario e respingerlo

Dettagli

corso allenatori 2 livello Mezzocorona settembre 2000 Bressanone dicembre 2000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail.

corso allenatori 2 livello Mezzocorona settembre 2000 Bressanone dicembre 2000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail. corso allenatori livello Mezzocorona settembre 000 Bressanone dicembre 000 il contropiede Manfred Leimgruber manfred.leimgruber@rolmail.it Campo Tures maggio 001 il contropiede pagina 1 M. Leimgruber Il

Dettagli

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015

SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015 SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO 2014-2015 La manifestazione è riservata alla categoria Pulcini - nati nel 2004-2005-2006(che abbiano compiuto l ottavo anno).sarà svolta presso uno stadio,scelto tra le cinque

Dettagli

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA www.previsioniborsa.net 1 lezione METODO CICLICO INTRODUZIONE Questo metodo e praticamente un riassunto in breve di anni di esperienza e di studi sull Analisi Tecnica di borsa con specializzazione in particolare

Dettagli

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie Presupposti In ogni disciplina sportiva sono vari gli aspetti da curare per la formazione

Dettagli

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a?

In quanti modi posso lanciare ed afferrare la palla? Chi riesce a? CARATTERISTICHE GENERALI DEI GIOCHI INDIVIDUALI CON UN ATTREZZO Gioco con l attrezzo Manipolazioni, da solo: lanciare, afferrare, Per riuscire a gestire far rotolare, l attrezzo. calciare. Per riuscire

Dettagli

UNIT 5 Attacco. Introduzione

UNIT 5 Attacco. Introduzione UNIT 5 Attacco Introduzione Se la leggenda di William Webb Ellis è vera, nel rugby la prima cosa istintiva è attaccare. guardando i bambini giocare a rugby è facilmente identificabile questo istinto, peraltro

Dettagli