ESTRATTO DALLE REGOLE SPORTIVE Special Olympics International

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESTRATTO DALLE REGOLE SPORTIVE Special Olympics International"

Transcript

1 Aggiornamento Giugno 2009

2 INDICE Art.1 Estratto Regolamento Internazionale pag. 3 Regolamento Tecnico Sci Alpino pag. 4 Regole generali e modifiche pag. 4 Partecipazione alle Gare pag. 4 Regola dello Sforzo Onesto pag. 4 Classificazione degli Atleti pag. 5 Gara di selezione pag. 5 Riunione Tecnica pag. 6 Gare Ufficiali pag. 6 Slalom Speciale pag. 7 Slalom Gigante pag. 7 Discesa Libera pag. 7 Camminata 10 mt con gli sci pag. 9 Gara di scivolamento pag. 10 Variazioni del Regolamento FIS pag. 10 Percorsi / Tracciati pag. 11 Organizzazione Gare pag. 11 Personale Gara pag. 14 2

3 ESTRATTO DALLE REGOLE SPORTIVE Special Olympics International I regolamenti Special Olympics devono essere applicati sia in allenamento che nelle gare. Nell Art. 1 si trovano i principi generali, non contenuti nei singoli regolamenti. In caso di conflitto tra i principi generali ed i regolamenti sportivi, prevalgono i principi generali. SEZ. A REGOLE SPORTIVE A.2.a Le competizioni sono organizzate come stabilito dalle Federazioni Internazionali o Nazionali di ogni disciplina. Le regole Sportive di S.O. dove necessario, modificano i Regolamenti Internazionali o Nazionali. In caso di conflitto prevalgono i Regolamenti Sportivi di S. O.. A.2.b Nei Giochi Europei e Mondiali S.O. si applicano i Regolamenti Internazionali S.O. A.3 REGOLA DELLO SFORZO ONESTO A.3.a Se un Direttore di Gara stabilisce che un atleta o una squadra non abbia gareggiato con il massimo dello sforzo nelle prove preliminari, con il chiaro intento di acquisire un vantaggio ingiusto e sleale, potrà sanzionare l atleta o la squadra. A.3.b Le sanzioni possono includere: avvertimento verbale all atleta e/o all allenatore, collocazione nella giusta divisione, collocazione all ultimo posto o squalifica per comportamento antisportivo. A.4 La gamma degli eventi offerti in S.O. è intesa ad offrire opportunità di competizioni per atleti di tutte le abilità. I programmi possono scegliere gli eventi da offrire. Gli allenatori sono responsabili della scelta degli allenamenti e delle gare più appropriate, secondo l interesse e le abilità di ogni singolo atleta. A.5 I programmi dovrebbero farsi guidare dai seguenti principi quando offrono le diverse opportunità di allenamento e di competizioni: 1- ogni atleta deve fare un esperienza competitiva gratificante e dignitosa; 2- deve essere preservata l integrità dello sport; 3- non deve essere compromessa la salute e la sicurezza di tutti, atleti, allenatori, ufficiali di gara. 3

4 REGOLAMENTO TECNICO SCI ALPINO Le Regole Ufficiali degli Sport di Special Olympics dovranno essere osservate in tutte le gare di Sci Alpino disputate durante i Giochi Special Olympics. Trattandosi di un programma sportivo internazionale, Special Olympics ha stabilito le suddette regole basandosi sulle regole dettate per lo Sci Alpino dalla Federation Internazionale de Ski (FIS). Dovranno venire sempre adottate le regole della FIS, tranne che nei casi in cui esse siano in contrasto con il Regolamento Sportivo Ufficiale di Special Olympics. In detti casi, prevarrà il Regolamento Sportivo Ufficiale di Special Olympics. Regole Generali e Modifiche Non tutti gli atleti che partecipano alle competizioni Special Olympics hanno raggiunto buoni livelli di prestazione. Le gare di Sci Alpino di Special Olympics devono essere adeguate alle capacita degli atleti partecipanti, evitando nello stesso tempo che i medesimi siano esposti a rischio o a traumi eccessivi. Pertanto i percorsi preparati dagli addetti devono essere completati in modo regolare da sciatori con diversi livelli di capacità. Le tabelle che indicano i requisiti minimi dei percorsi predisposti per atleti appartenenti a tre gruppi fondamentali di preparazione nella Discesa Libera, nello Slalom Gigante e Slalom speciale, sono riportate di seguito alle regole relative per tali gare. Partecipazione alle gare Possono partecipare alle competizioni di sci alpino di Special Olympics Italia gli atleti che abbiano compiuto gli 8 anni alla data del primo giorno della manifestazione e che abbiano provveduto a regolare adesione a Special Olympics Italia per l anno corrente. Sono ammessi a partecipare anche atleti con disabilità multipla (deficit motori o sensoriali), a patto che sia riconosciuto anche una disabilità intellettiva. Regola dello sforzo onesto Nelle competizioni Special Olympics gli atleti devono partecipare onestamente e con il massimo dell impegno, sia nelle gare preliminari sia nelle gare finali. Se gli atleti sono ritenuti non partecipanti secondo le loro potenzialità, con l intento di essere inseriti in serie di minori abilità, potranno essere declassati all ultimo posto nella serie. Gli allenatori devono assicurare che i risultati ottenuti nelle gare preliminari, riflettano le reali abilità dei loro atleti. Se per qualsiasi ragione l allenatore non considerasse corretto il risultato ottenuto nelle gare preliminari, potrà segnalare ciò alla Commissione Sportiva o allo staff Tecnico Nazionale o Regionale, entro 1 ora dalla comunicazione dei risultati. Diversamente, se un atleta migliora il suo risultato della gara di selezione di oltre il 20% per gli atleti con minori abilità ed il 15% per atleti con più elevate abilità, sarà soggetto a declassamento all ultimo posto in batteria e sarà premiato con medaglia di partecipazione. 4

5 L' iscrizione alle gare dovrá rispettare i tempi e le modalitá previste dalla circolare appositamente predisposta dagli organizzatori. L' atleta deve essere in grado di saper affrontare una discesa (vedi dati tecnici dei novizi) sicura evitando in ogni caso rischi o danni al individuo stesso o ad altre persone. La Giuria esaminerà se un atleta deve essere eventualmente spostamento da un livello superiore ad uno inferiore. Classificazione degli atleti: a) Gli atleti vengono divisi in tre gruppi di abilità`: Novizi, Intermedi e Avanzati nel rispetto delle regole internazionali di special Olympics. b) Ogni atleta dovra` essere iscritto dal proprio tecnico o responsabile della societa`, nella categoria adeguata in relazione alle sue capacita. c) La Giuria (Staff Tecnico Nazionale., Giudice Arbitro o ass. Giudice) si riserva la facoltà di modificare il livello di iscrizione dopo la gara di preselezione. d) Dopo la stampa dell'ordine di partenza della gara non si accettano piú variazioni nelle batterie. Gara di selezione: a) Tutti gli atleti effettueranno due prove di selezione cronometrate su una pista adeguata (Slalom gigante o discesa libera). In caso di caduta o altri problemi tecnici, ogni atleta ha la possibilta` di ripetere la prova per tre volte. b) Il miglior tempo riportato dalle due manches fornira`l'indicazione per la composizione delle batterie. Dopo l effettuazione delle gare di selezione, le serie saranno aggiustate secondo il miglior tempo ottenuti, seguendo la linea guida di mantenere il più possibile uno scarto del 10% tra il primo e l ultimo tempo delle stessa serie. Dove sarà ritenuto possibile le serie saranno effettuate anche sulla base dell età degli atleti. Le serie potranno essere effettuate da un minimo di 3 ad un massimo di 6-8 atleti. Ai fini della classifica le premiazioni avverranno secondo l'ordine di arrivo. Tutte le premiazioni saranno effettuate con medaglia d'oro, d'argento, di bronzo e di partecipazione. Gli atleti declassati saranno premiati con medaglia di partecipazione. Dove sarà necessario, le batterie saranno formate in base ai soli tempi di iscrizione a prescindere dalle categorie di età e le premiazioni saranno effettuate per batterie. c) Nel caso in cui la Giuria riscontrasse un comportamento anti sportivo di un atleta (sciata ritardata), sarà applicata la regola dello sforzo onesto. 5

6 d) Tempo permettendo potranno essere effettuate delle prove o gare di selezione per ciascuna gara. Altrimenti i tempi realizzati nelle gare ufficiali, saranno utilizzati ai fini della formazione delle batterie per la gara successiva. e.) Gli atleti che non abbiano acquisito le capacita` previste per la partecipazione ad una gara per novizi devono prendere parte ad una gara di sci sui 10 metri o di scivolamento. Riunione tecnica: a.) b.) c.) Ogni gara (anche quella di selezione) sará preceduta da una riunione tecnica, alla quale si invita un responsabile tecnico per societá o nazione. La riunione tecnica verrá presieduta dal direttore di gara con la collaborazione dello Staff Tecnico Nazionale SOI. Le decisioni prese a maggioranza dei presenti alla riunione sono valide per lo svolgimento delle gare. Ogni societá indicherá un suo responsabile al momento dell' iscrizione dei propri atleti alle gare al quale la Giuria fa riferimento. d) La Giuria e i rappresentanti delle societá, potranno modificare il programma definitivo della gara successiva. e.) f.) Ogni variazione del programma deve essere esposto su un apposita bacheca in zona gare e in ufficio gare. Il ricorso deve essere presentato per iscritto al Direttore di Gara entro 30 minuti dalla pubblicazione dei risultati insieme al deposito cauzionale di da restituire in caso di accoglimento del ricorso da parte della giuria. Gare ufficiali per atleti con minori abilità, categoria unica: 10 m di camminata con gli sci 10 m di scivolamento per tutti gli altri: Slalom Gigante livello novizio intermedio avanzato Slalom Speciale livello novizio intermedio avanzato Discesa Libera livello novizio intermedio avanzato 6

7 Slalom speciale: Le caratteristiche fondamentali dello Slalom speciale per atleti SO sono le seguenti: Per ogni tipologia di abilità` e previsto un percorso su una pista relativamente costante (soprattutto per novizi e intermedi) che consente agli sciatori una discesa ritmica (destra/sinistra). Tutte le porte vengono messe aperte. Il tracciato dovrebbe richiedere dall'atleta un movimento di manovra (curve) costante, senza lunghi momenti di pausa (ca. 0,75-1,5 sec.) tra una porta e l'altra. La gara consiste in due manches, il piazzamento dipendera` dalla somma dei due tempi. Dati tecnici vedi tabella. Slalom gigante: Le caratteristiche dello Slalom gigante sono :il tracciato viene messo su una pendenza relativamente costante, con porte aperte, messe in modo tale, che gli atleti hanno 1,5 fino 2,5 secondi di tempo tra una curve e l'altra. Il percorso richiede all atleta una discesa con momenti di manovre (curve) e brevi momenti di scivolamento in velocità adeguata. La gara consiste in due prove, il piazzamento sarà determinato dalla somma dei due tempi. Dati tecnici vedi tabella. Discesa libera: Le gare di discesa libera di atleti SO sono di natura diversa rispetto a quelle delle stesse specialitá condotte sulla base del regolamento della FIS. La discesa libera per atleti S.O. prevede un tracciato ritmico con una serie di curve a lungo arco. I tempi tra una porta (curva) e l'altra non devono superare i 2,5-3 secondi, cosi che l'atleta riesca a tenere la velocitá sotto controllo in ogni situazione. La gara di discesa libera consiste in una prova sola. Dati tecnici vedi tabella. Tutte queste gare sono gare ufficiali SOI, e sono valide per la classifica delle societá. (Conferma circolare di presentazione gare). 7

8 Dati tecnici per i tracciati: 8

9 NOVIZI: Dislivello Porte Pendenza Larg. Pista min./mass. min./mass. min./mass. SLALOM SPECIALE15-50 mt % 25mt. SLALOM GIGANTE mt % 30mt. DISCESA LIBERA mt % 30mt. INTERMEDI: Dislivello Porte Pendenza Larg. Pista min./mass. min./mass. min./mass. SLALOM SPECIALE30-80 mt % 25 mt. SLALOM GIGANTE mt % 30 mt. DISCESA LIBERA mt % 30 mt. AVANZATI: SLALOM SPECIALE60-180mt % 25 mt. SLALOM GIGANTE mt % 30 mt. DISCESA LIBERA mt % 30 mt. Camminata di 10 metri con gli sci: Vengono inseriti gli atleti con minor abilitá, per tutti coloro che non superano i criteri richiesti per le gare ufficiali. Organizzazione: Su una area pianeggiante di ca. 20 x 10 mt si si posizionano due pali a un metro di distanza per la partenza (linea di partenza) e a ca. 10 metri si posiziona l'arrivo con altri due pali distanziati a due metri (linee di arrivo). Gli atleti possono sciare camminare con gli sci con o senza racchette. Si parte al comando idem gare ufficiali. Il tempo viene preso quando il piede piú avanzato del concorrente attraversa la linea di arrivo Classifica e premiazione idem gare ufficiali. 9

10 Gara di scivolamento Gara per concorrenti con minor abilitá. Su una area con poco pendio costante e liscio, si traccia un percorso di ca mt. Porta di partenza, un metro di distanza tra i pali e arrivo con 4 metri di distanza. Il dislivello non deve superare i due metri. (Super scivolamento 5-20mt.) I concorrenti non possono ricevere assistenza da parte degli allenatori o altre persone nel momento della gara Tempi, classifiche ecc. idem gare ufficiali. Scivolamento Variazioni del regolamento FIS a) La discesa libera consta in una manche, mentre lo Slalom speciale e lo Slalom gigante in due manches e la somma dei due tempi determinera` la classifica. b) Un casco da sci è obbligatorio per tutte le competizioni e gli allenamenti per tutti i concorrenti, si consiglia l uso di caschi omologati FIS. c) Regole dei 2 minuti : Se durante la gara l atleta esce dal tracciato (cade, salta una porta, perde uno sci) quest' ultimo ha 2 minuti di tempo, a partire dall attimo della deviazione, per rientrare. Chi supera questo limite o riceva un qualsiasi tipo di assistenza sarà squalificato. La squalifica deve essere segnata sulla, Gate card dal giudice di porta più vicino al posto dove è avvenuta l infrazione, il giudice di porta è responsabile per il cronometraggio dei 2 minuti. d) Il giudice di porta è responsabile della correttezza del passaggio dell' atleta. Per la categoria novizi, solo in caso di necessità il giudice di porta potrà indicare le traiettoria al concorrente. 10

11 Percorsi/Tracciati: 1. Tutti i percorsi per le gare di sci alpino S.O. dovranno essere predisposti in modo tale che, quando possibile, la prima porta costringa i concorrenti a cambiare la propria direzione da una diagonale da sinistra.tutte le porte dovranno essere formate da un paletto interno (o,,di aggiramento) e da un paletto esterno. I paletti di una stessa porta dovranno essere dello stesso colore. Le porte dovranno essere di colori alternati, rosse e blu. Inoltre, gli addetti alla preparazione delle pista dovranno predisporre dei percorsi che consentano un ritmo uniforme ai voltate/cambi per i concorrenti. 2. Il tracciato per ogni gara viene eseguito da un tecnico aggiornato SOI proposto in riunione tecnica, insieme ad alcuni assistenti locali. Il responsabile tecnico federale ha l obbligo di verificare il tracciato se rispetta il regolamento e le caratteristiche dello SO generale. 3. Gli addetti alla preparazione delle piste di Sci Alpino di Special Olympics non dovranno predisporre percorsi che comprendano combinazioni di porte verticali, porte oblique o curve(doppie triple o direzionali). Tutte le porte dei percorsi di Sci Alpino devono essere collocate in modo tale da essere tutte porte,,aperte (ossia, se si tracciasse una linea che collega i paletti interni o,,di aggiramento ed i paletti esterni di ciascuna porta, tali linee risulterebbero perpendicolari alla linea che costituisce la linea di discesa generale del tracciato, che si snoda all incirca dalla porta di partenza alla porta di arrivo). 4. Area di Partenza: tutte le aree di Partenza devono essere piane, tali da permettere all atleta una rilassata attesa senza sforzo. Tale area deve essere di facile accesso e preservata dal traffico di sciatori non interessati. Regolamento tecnico - organizzazione gare: Strutture: 1. I percorsi devono essere adatti per lunghezza, larghezza e pendenza ai concorrenti delle gare. Tali percorsi di gara e di allenamento dovranno garantire la massima sicurezza. 2. Le piste devono essere integrate da impianti di risalita. 3. In tutte le competizioni di Sci Alpino, la zona di arrivo dovra` essere lasciata libera, senza spettatori, ostacoli o qualsiasi altro tipo di rischio per concorrenti, durante tutto lo svolgimento della gara. Entro la zona recintata è permesso l'acceso solo alle persone autorizzate. (Giudice di arrivo, ecc.) 11

12 4. Dovrebbero venire predisposti dei ripari riscaldati facilmente accessibili dalle piste e dall area di parcheggio ed abbastanza ampi da poter ospitare i partecipanti in caso di clima estremamente freddo. L iscrizione di volontari si dovrebbe effettuare all interno di tale aree. Le cerimonie di premiazione si dovrebbero tenere al chiuso soltanto in caso di tempo particolarmente inclemente. 5. Dovrebbe essere disponibile sul posto in cui si tengono le gare un area di parcheggio che possa ospitare tutti i veicoli utilizzati dai partecipanti e dal personale di Special Olympics e dai volontari, e obbligatorio un accesso per veicoli di emergenza. Strutture ausiliarie: a) Spazio dove poter depositare l attrezzatura sciistica. (Deposito sci e scarponi) b) Spazio dove poter lavorare sull attrezzatura sciistica. (Locale per sciolinare ecc.) c) Spazio dove poter organizzare una segreteria. (Computer ecc.) d) Noleggio sci e) Spazio per 1 incontro degli allenatori (Ritrovo Giuria) f) Spazi coperti per: 1 - Giuria 2 - Cronometristi 3 - Elaborazione dati Attrezzatura 1) Gli organizzatori delle gare dovrebbero poter contare sul fatto che l attrezzatura per la manutenzione delle piste e` quella adeguata a preparare i percorsi per lo svolgimento delle competizioni e dovrebbero poter disporre di attrezzature per compattare la neve e rendere liscio il tracciato, come pure di rastrelli, pale e sostanze chimiche (per esempio sale o solfato d ammonio solo in caso di temperature estremamente calde o pioggia) per indurire la neve. 2) Le porte dovrebbero essere formate da due paletti omologati FIS. Nello Slalom, la distanza esistente fra i paletti dovrebbe essere non inferiore a 4 metri e non superiore a 6; nello Slalom Gigante, la distanza tra i paletti dovrebbe essere compresa fra i 4 e gli 8 metri; nella Discesa libera, la distanza fra i paletti non dovrebbe invece essere inferiore a 8 metri. Nello Slalom Gigante e nella Discesa Libera, due bandiere a doppio paletto (ossia, due serie di due paletti con una striscia di stoffa rettangolare tesa tra di essi). 3 Deve essere disponibile un palanchino o una trivella e una chiave per avvitare i pali. 4 Sono previste adeguate protezioni per le zone di partenza e arrivo. Devono essere messe delle recinzioni. 12

13 5 Se possibile, per ragioni di sicurezza, le piste di gara devono essere recintate. Recinzioni ulteriori,si consiglia di utilizzare reti e materassi omologati FIS. muretti di neve o sacchi protettivi, sono di responsabilità` del Comprensorio sciistico. 6 Degli striscioni dovrebbero indicare la linea di partenza ed il traguardo di arrivo, nonche` dare indicazioni del fatto che si tratta di una zona in cui si sta tenendo una competizione Special Olympics. 7 Se possibile, si deve usare un Sistema di Cronometraggio elettrico con sistema back-up, altrimenti un sistema manuale. I Giudici di porta sono responsabili di cronometrare i due minuti, per la regola dei 2 minuti. 8 Dovrebbe venire impiegato un sistema di diffusione sonora, per comunicare le informazioni relative all organizzazione delle gare ed i risultati, e per effettuare la cronaca minuto per minuto. 9 Vicino alla linea di arrivo del percorso, dovrebbe venir collocato un tabellone che riporti i nomi dei concorrenti ed relativi numeri di pettorale, indicati in ordine di partenza, nonché altre informazioni di gara. 9a Tabellone dei risultati: deve essere posizionato al di fuori dell area di arrivo per collocarvi i risultati, la lista degli atleti per nome, ordine di partenza e numero di pettorale. 9b Il tabellone per informazioni generali deve essere posizionato in prossimita` del campo di gara, ed all area di premiazione, e contenere le informazioni ed annunci. 10 La Ski-area deve mettere a disposizione il proprio servizio per quanto riguarda l assistenza medica in caso di presenza di medici volontari, la Ski-area deve essere anticipatamente avvertita. 11 Gli utensili per la riparazione dell attrezzatura sciistica devono venir usati dal personale addetto a tale compito durante la gara 12 Sono necessari degli apparecchi radio che consentano di comunicare con l area riservata al pronto soccorso medico, con la zona di partenza e arrivo, con la zona di elaborazione dei risultati, nonché con il centro organizzativo della competizione. Il personale addetto all'elaborazione dei dati e dei risultati dovra disporre di un canale diverso da quello utilizzato dagli altri Comitati. 13 E` previsto di usare giacche a vento o bracciali dello stesso colore che consentano il riconoscimento degli Ufficiali di gara. 13

14 Personale: Giuria ufficiale dello sci alpino nelle gare Special Olympics a - Delegato Tecnico - Responsabile tecnico Special Olympics nazionale/internazioale b - Giudice Arbitro - Responsabile Gara (FIG) c - Capo di gara - Direttore gara d - g - Capo di percorso - Direttore pista Assistente Arbitro (event. un rappresentante/tecnico di societa` o nazione) Ufficiali non membri della Giuria a - Capo controlli b - Giudice di partenza -Giudice di arrivo d - Capo cronometrista e responsabile al calcolo e - Addetto all ufficio gare f - Responsabile Servizi Medici g - Responsabile Informazioni/Speaker/Addetto Stampa f - Responsabile Attrezzature di Gara g- Tracciatore i - Assistente/tecnico Volontari a - b - c - c - e - Giudici di Porte Apripista Cronometristi Assistenza Medica/Pronto soccorso Annunciatori 14

Regolamento tecnico di sci alpino del settore promozionale

Regolamento tecnico di sci alpino del settore promozionale Regolamento tecnico di sci alpino del settore promozionale (edizione novembre 2013) 1 Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Sport Invernali

Dettagli

ESTRATTO DALLE REGOLE SPORTIVE Special Olympics International

ESTRATTO DALLE REGOLE SPORTIVE Special Olympics International Aggiornamento Giugno 2009 INDICE Art.1 Estratto Regolamento Internazionale pag. 3 Regolamento Tecnico di Nuoto pag. 4 Categorie di età pag. 4 Regola dello Sforzo Onesto pag. 4 Eventi pag. 6 Scelta della

Dettagli

(edizione novembre 2011)

(edizione novembre 2011) Regolamento Tecnico di Sci Nordico del Settore Agonistico (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Sport Invernali (FISI)

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO SCI ALPINO

REGOLAMENTO TECNICO SCI ALPINO REGOLAMENTO TECNICO SCI ALPINO Le Regole Ufficiali degli Sport di Special Olympics dovranno essere osservate in tutte le gare di Sci Alpino disputate durante i Giochi Special Olympics. Trattandosi di un

Dettagli

ESTRATTO DALLE REGOLE SPORTIVE Special Olympics International

ESTRATTO DALLE REGOLE SPORTIVE Special Olympics International AGGIORNAMENTO Giugno 2009 INDICE Art.1 Estratto Regolamento Internazionale pag. 3 Regolamento Tecnico Atletica Leggera pag. 4 Categorie di età pag. 4 Regola dello Sforzo Onesto pag. 4 Divisioni 1/2/3/4

Dettagli

Corso di formazione e aggiornamento Direttori di Gara Alpi Centrali

Corso di formazione e aggiornamento Direttori di Gara Alpi Centrali Corso di formazione e aggiornamento Regolamenti - nozioni di base A.#Rosa# I principali regolamenti 1. Il principale documento normativo per lo sci di fondo è l ICR, la cui versione italiana prende il

Dettagli

CONTROLLO DI PORTA Autore: Franco Zecchini (Alpi Centrali) 04.11.2013

CONTROLLO DI PORTA Autore: Franco Zecchini (Alpi Centrali) 04.11.2013 CONTROLLO DI PORTA Autore: Franco Zecchini (Alpi Centrali) 04.11.2013 1 Il capo dei controlli posizionerà il controllo di porta in una postazione tale da permettergli di tenere sotto controllo il terreno

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE di SCI 15ª edizione REGOLAMENTO SCI ALPINO 2013. Andalo (TN), 14/17 marzo 2013

CAMPIONATO NAZIONALE di SCI 15ª edizione REGOLAMENTO SCI ALPINO 2013. Andalo (TN), 14/17 marzo 2013 REGOLAMENTO SCI ALPINO 2013 1.CATEGORIE Cuccioli m/f dal 2004 al 2005 Esordienti m/f dal 2002 al 2003 Ragazzi m/f 2000/2001 Allievi m/f 1998/1999 Juniores m/f 1996/1997 Criterium m/f dal 1993 al 1995 Seniores

Dettagli

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO 1) INVITO La Federazione Italiana Canottaggio indice e il Circolo Canottieri Piediluco, quale Comitato Organizzatore, in collaborazione con: Delegazione Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO 1. NORME GENERALI

REGOLAMENTO 1. NORME GENERALI REGOLAMENTO 1. NORME GENERALI La Federazione dei Corpi Vigili del Fuoco Volontari della Provincia di Trento in collaborazione con l Unione dei Corpi Vigili del Fuoco Volontari della Vallagarina, organizza

Dettagli

Timy. Training Light Training REF I-06-03-30

Timy. Training Light Training REF I-06-03-30 Training Light Training REF I-06-03-30 TRAINING Indice 1 Tastiera e accensione...3 2 Programmi...3 2.1 Programma Conta impulsi... 4 2.1.1 Schemi di sistema... 4 2.1.2 Funzionamento del programma... 6 2.2

Dettagli

Provincia di Varese Circoscrizione 2

Provincia di Varese Circoscrizione 2 C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO Regione Lombardia CONI Comitato di Varese Provincia di Varese Circoscrizione 2 Comune di Varese Camera di Commercio Varese 1) INVITO La Federazione Italiana Canottaggio

Dettagli

TROFEO AMATORIALE S.O. :

TROFEO AMATORIALE S.O. : 8 TAPPA TROFEO AMATORIALE S.O. 4 TAPPA CIRCUITO DISCIPLINE INTEGRATE Domenica 18 Ottobre 2015 TROFEO AMATORIALE S.O. : PROGRAMMA CATEGORIE FORMULA DI GARA H.100 A TEMPO ( 10 SALTI CON COMBINAZIONE ) H.110

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO FEDERALE SCI ALPINO

REGOLAMENTO TECNICO FEDERALE SCI ALPINO F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A S P O R T I N V E R N A L I REGOLAMENTO TECNICO FEDERALE SCI ALPINO EDIZIONE 2012 IMPORTANTE!!! Caratteri in nero Caratteri in rosso valido FIS e FISI valido solo

Dettagli

Software Federale SCI. Corso Software Federale SCI

Software Federale SCI. Corso Software Federale SCI Corso Introduzione Il Programma Federale SCI è una procedura per la gestione del cronometraggio della gare di SCI sviluppato per sistemi operativi Windows XP in tecnologia Client/Server Sistemi di cronometraggio

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia CHAMPIONS LEAGUE Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE Articolo 1 Iscrizioni. Il Campionato Champions League 2015 è aperto a tutti (universitari

Dettagli

FOLGARIA FONDO GRANDE (TN) - 08/02/2015 Inizio gara ore 10.30

FOLGARIA FONDO GRANDE (TN) - 08/02/2015 Inizio gara ore 10.30 FOLGARIA FONDO GRANDE (TN) - 08/02/2015 Inizio gara ore 10.30 PISTA AGONISTICA- Prova di Slalom Gigante in UNICA manche. ASSISTENZA TECNICA - CRONOMETRAGGIO - PREPARAZIONE PISTE A CURA DELLA SOCIETÀ IMPIANTI

Dettagli

Programma Ufficiale ATLETICA LEGGERA Informazioni Generali

Programma Ufficiale ATLETICA LEGGERA Informazioni Generali Programma Ufficiale ATLETICA LEGGERA Informazioni Generali Supervisione: Federazione Italiana di Atletica Leggera Direttore del Torneo: Giuliano Grandi Sede di Gara: Riccione: Centro Sportivo Nicoletti

Dettagli

Alpe di Mera Scopello (VC)

Alpe di Mera Scopello (VC) Alpe di Mera Scopello (VC) PROGETTO SCUOLE IN MONTAGNA 2015/2016 Proposte dedicate alle Scuole Elementari, Medie e Superiori, Cral aziendali, Associazioni Sportive Alla cortese attenzione: Dirigenti scolastici

Dettagli

REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015

REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015 REGOLAMENTO PALLAVOLO OPEN MISTO 2015 L A.S.D. Murialdo Cefalù, nell ambito delle attività sportive, aggregative e ricreative, indice ed organizza il 5 TORNEO DI PALLAVOLO con il seguente regolamento:

Dettagli

NORME COMUNI ALLE GARE DI SCI ALPINO

NORME COMUNI ALLE GARE DI SCI ALPINO NORME COMUNI ALLE GARE DI SCI ALPINO Il Regolamento Internazionale è valido per i Giochi Olimpici Invernali e per i Campionati del Mondo, meno che non sia specificato diversamente. 600 Organizzazione Vedi

Dettagli

REGOLAMENTO CORRI SGURGOLA 2015

REGOLAMENTO CORRI SGURGOLA 2015 REGOLAMENTO CORRI SGURGOLA 2015 ART 1 : -INFORMAZIONI GENERALI- Gara podistica non competitiva organizzata dalla PRO LOCO DI SGURGOLA in collaborazione con associazione sportiva VIS SgurgolA., Comune di

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO COMITATO REGIONALE LOMBARDIA

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO COMITATO REGIONALE LOMBARDIA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO COMITATO REGIONALE LOMBARDIA Bando della 1 ^ prova della Coppa Italia di Fondo (Cadetti, Junior, Senior valido per le Classifiche Nazionali) (Master non valido per le Classifiche

Dettagli

TAVOLA DEI CONTENUTI. REGOLE DI SCI DI FONDO IPC pag. 2

TAVOLA DEI CONTENUTI. REGOLE DI SCI DI FONDO IPC pag. 2 REGOLAMENTO I.P.C. SCI NORDICO - SCI DI FONDO E BIATHLON - DICEMBRE 2002 LE REGOLE DI SCI NORDICO DELL IPC SI APPLICANO A TUTTE LE GARE DI SCI DI FONDO E BIATHLON SANCITE DALL IPC. QUESTE REGOLE SONO STATE

Dettagli

Commissione Nazionale Giudici di Gara e Omologazioni Piste

Commissione Nazionale Giudici di Gara e Omologazioni Piste Stagione Agonistica 2015/2016 2 Agenda Sport Invernali 2015/16 3.2.2.8 Indicazioni per le gare di SKICROSS Per gare di SX l omologazione verrà certificata sul posto dal delegato tecnico nazionale FISI

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO MASTER ( VALIDO PER LA CLASSIFICA NAZIONALE MASTER)

CAMPIONATO ITALIANO MASTER ( VALIDO PER LA CLASSIFICA NAZIONALE MASTER) 1) INVITO La Federazione Italiana Canottaggio indice e la Società Canottieri Pesaro ASD con la collaborazione della Delegazione Marche FIC, del Comune di Sassocorvaro, del Comitato Iniziative Mercatale,

Dettagli

COMITATO REGIONALE LIGURE

COMITATO REGIONALE LIGURE COMITATO REGIONALE LIGURE INTEGRAZIONE ALLE NORME ATTUATIVE NAZIONALI ANNO 2015 CATEGORIA GIOVANISSIMI PREMESSA Le presenti norme integrano quanto stabilito nel Regolamento Tecnico e nelle Norme Attuative

Dettagli

00144 Roma Viale dell Astronomia, 30 Tel. 06 54221580 Telefax 06 5903242/484 Codice Fiscale 96135840583

00144 Roma Viale dell Astronomia, 30 Tel. 06 54221580 Telefax 06 5903242/484 Codice Fiscale 96135840583 E,p.c. AI SIGG. PRESIDENTI COMITATI REGIONALI AI SIGG. PRESIDENTI COMITATI PROVINCIALI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE AFFILIATE PRATICANTI LO SCI AI SIGG. COMPONENTI IL CONSIGLIO NAZIONALE LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

COMITATO REGIONALE LIGURE

COMITATO REGIONALE LIGURE COMITATO REGIONALE LIGURE INTEGRAZIONE ALLE NORME ATTUATIVE NAZIONALI ANNO 2014 CATEGORIA GIOVANISSIMI PREMESSA Le presenti norme integrano quanto stabilito nel Regolamento Tecnico e nelle Norme Attuative

Dettagli

Regolamento interno. 1.4 L orario ed il periodo d apertura e di chiusura del Club vengono disposti dal Consiglio di Amministrazione.

Regolamento interno. 1.4 L orario ed il periodo d apertura e di chiusura del Club vengono disposti dal Consiglio di Amministrazione. 1. Norme Generali. 2. Regolamento Club house. 3. Regolamento Segreteria e Club house. 4. Regolamento Campo pratica. 5. Regolamento Campo golf. 6. Regolamento Gare e Sponsors. 7. Regolamento Golf carts.

Dettagli

RTI 2014/2015 Reg. 140-151

RTI 2014/2015 Reg. 140-151 RTI 2014/2015 Reg. 140-151 Il Fiduciario Regionale ti convoca quale Arbitro ad una gara di salto in alto nel centro della tua città. Sarà valida?...e le prestazioni? La regola prevede che qualunque superficie

Dettagli

REGOLAMENTO ENDURANCE DI 6 ORE

REGOLAMENTO ENDURANCE DI 6 ORE REGOLAMENTO ENDURANCE DI 6 ORE Questa corsa a squadre si svolgerà sulla pista di Baia Sardinia (Kartodromo Pista dei Campioni) il 8 ottobre 2011 su kart forniti dall organizzazione. Il regolamento di questa

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO Bando della

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO Bando della FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO Bando della 3^ REGATA NAZIONALE DI FONDO (Cadetti, Ragazzi, Junior e Senior valido per le Classifiche Nazionali) (Master non valido per le Classifiche Nazionali) e REGATA

Dettagli

GIUDICI E CRONOMETRAGGIO

GIUDICI E CRONOMETRAGGIO F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A S P O R T I N V E R N A L I COMMISSIONE GIUDICI DI GARA - SCI ALPINO GIUDICI E CRONOMETRAGGIO Corsi di aggiornamento Giudici di Gara Chi sono Menestrina Giuliano Giudice

Dettagli

Regolamento tecnico di Pallavolo

Regolamento tecnico di Pallavolo Regolamento tecnico di Pallavolo (edizione aprile 2014) 1 Premessa La disciplina della PALLAVOLO praticata degli atleti tesserati della FISDIR prevede competizioni a carattere esclusivamente promozionale

Dettagli

Campionato Serie C Regionale

Campionato Serie C Regionale Comitato Regionale CALABRIA Ufficio Gare Via Frangipane, 38 C.P. 301 89131 REGGIO CALABRIA Fax: 0965 598440 -Tel: 0965 598441 e-mail: ufficiogare@fip.it internet: www.fip.it/calabria COMUNICATO UFFICIALE

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento. (edizione novembre 2011)

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento. (edizione novembre 2011) Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

Campionati Regionali Pony Ludico 2013. Gimkana - Pony Games Carosello Presentazione. 11-12 maggio

Campionati Regionali Pony Ludico 2013. Gimkana - Pony Games Carosello Presentazione. 11-12 maggio C.O.N.I. F.I.S.E. Comitato Lombardia Campionati Regionali Pony Ludico 2013 Gimkana - Pony Games Carosello Presentazione 11-12 maggio in collaborazione con: A.S.D. Etrea Busto Arsizio (VA) SABATO 11 MAGGIO

Dettagli

Enea Casaccia Orientering - Via Anguillarese, 301-00123 S.Maria di Galeria ROMA c/o CRAL Pag. 1 di 5

Enea Casaccia Orientering - Via Anguillarese, 301-00123 S.Maria di Galeria ROMA c/o CRAL Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DEL CAMPIONATO SOCIALE ENEA 2015-2016 approvato dal Consiglio Direttivo (CD) dell ASD ENEA Casaccia Orientering (E.C.O.) il 3 settembre 2015 1. PREMESSA Il Campionato sociale ENEA, di seguito

Dettagli

TENNIS: Regolamento Tecnico

TENNIS: Regolamento Tecnico TENNIS: Regolamento Tecnico Il presente regolamento deve essere applicato in tutte le competizioni ufficiali di Special Olympics. Non è consentito l utilizzo del presente regolamento in competizioni non

Dettagli

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE

Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE Corso Base di Scialpinismo PREPARAZIONE E CONDOTTA DI UNA GITA IN AMBIENTE INVERNALE 29/10/2004 La pratica degli sport invernali al di fuori delle piste battute Che cosa si intende per sicurezza in montagna:

Dettagli

Associazione Sportiva Disabili Basket e non solo

Associazione Sportiva Disabili Basket e non solo Associazione Sportiva Disabili Basket e non solo Con il contributo della Con il Patrocinio Provincia di Pordenone Comune di Maniago Federazione Ciclistica Italiana Comitato Italiano Paralimpico TAPPA REGOLAMENTO

Dettagli

SETTORE BEACH VOLLEY HANDBOOK 2013

SETTORE BEACH VOLLEY HANDBOOK 2013 HANDBOOK 2013 RESPONSABILITÀ DEL PROMOTER - Allestimento Campi da Gioco - Pulizia della superficie da Gioco - Misure regolamentari del Campo: 16 lunghezza 8 m larghezza 3 m nella limitazione dei campi

Dettagli

Concept2 Italia organizza

Concept2 Italia organizza Concept2 Italia organizza 13 Concept2 Open Indoor Rowing Championship 9 Concept2 Open Team Championship 10 Concept2 Campionato Speciale 1 Concept2 Sprint Championship Roma, sabato 7 e domenica 8 Febbraio

Dettagli

e, p.c.: Al Comitato di Settore A.S. Agli Ufficiali di Gara Alla Società organizzatrice Allo Staff Tecnico dell Hockey Subacqueo

e, p.c.: Al Comitato di Settore A.S. Agli Ufficiali di Gara Alla Società organizzatrice Allo Staff Tecnico dell Hockey Subacqueo SETTORE TECNICO Attività Subacquee Circ. n 3 Prot.: 779/AA/fs Roma, 29 Gennaio 2015 Alle Società del Settore A.S. Ai Comitati Regionali F.I.P.S.A.S. Ai Comitati Provinciali F.I.P.S.A.S. Ai Delegati Prov.li

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

REGOLAMENTO COMBINATA SCI-VELA 2016

REGOLAMENTO COMBINATA SCI-VELA 2016 REGOLAMENTO COMBINATA SCI-VELA 2016 Verrà organizzata la competizione amatoriale tra i soci del C.V.O., Amici velisti del Cusio, e i simpatizzanti della vela e dello sci. Questo evento ha lo scopo di unire

Dettagli

Proposte dedicate alle Scuole Elementari, Medie e Superiori, CAI & promosse in collaborazione con l A.S.D. ViviMottarone

Proposte dedicate alle Scuole Elementari, Medie e Superiori, CAI & promosse in collaborazione con l A.S.D. ViviMottarone Proposte dedicate alle Scuole Elementari, Medie e Superiori, CAI & promosse in collaborazione con l A.S.D. ViviMottarone Cari insegnanti, per l imminente stagione invernale vi proponiamo le offerte formative

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

DOMENICA 13 SETTEMBRE

DOMENICA 13 SETTEMBRE DOMENICA 13 SETTEMBRE PIAZZA FERRETTO A MESTRE (VE) MARATONINA DI MESTRE-CORRERE INSIEME Pagina facebook Maratonina di Mestre Maratonina di Mestre www.maratoninamestre.com La Municipalità di Mestre in

Dettagli

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015

FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 FIDASC Federazione Italiana Discipline Armi Sportive da Caccia 10 CAMPIONATO ITALIANO ANNI VERDI CON CANI DA FERMA E DA CERCA SU QUAGLIE LIBERATE 2015 REGOLAMENTO TECNICO ART. 1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell

Dettagli

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO CLASSI DI ETA - GRADO Samurai 5-6-7 anni Da gialla a marrone Bambini 8-9 anni Da gialla a marrone Ragazzi 10-11 anni Da gialla a marrone ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015

Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015 Regolamento JUNIOR BIKE BRESCIA - 2015 Lo Junior Bike Brescia è un circuito di manifestazioni ludico- sportive NON agonistiche riservate ai giovani e Giovanissimi, organizzato in due gironi distinti :

Dettagli

A.s.d. Valgrigna Cycling Team. Via Donato Mazzoli 25040 Berzo Inferiore ( Bs ) REGOLAMENTO TECNICO ORGANIZZATIVO BERZO INFERIORE CROCEDOMINI

A.s.d. Valgrigna Cycling Team. Via Donato Mazzoli 25040 Berzo Inferiore ( Bs ) REGOLAMENTO TECNICO ORGANIZZATIVO BERZO INFERIORE CROCEDOMINI A.s.d. Valgrigna Cycling Team Via Donato Mazzoli 25040 Berzo Inferiore ( Bs ) REGOLAMENTO TECNICO ORGANIZZATIVO BERZO INFERIORE CROCEDOMINI ORGANIZZAZIONE L A.s.d.Valgrigna Cycling Team organizza il giorno

Dettagli

Le prove Multiple sono una branca dell'atletica leggera che, a secondo della categoria degli atleti, è composta da un diverso numero di specialità.

Le prove Multiple sono una branca dell'atletica leggera che, a secondo della categoria degli atleti, è composta da un diverso numero di specialità. LE PROVE MULTIPLE Le prove Multiple sono una branca dell'atletica leggera che, a secondo della categoria degli atleti, è composta da un diverso numero di specialità. Il Regolamento Tecnico Internazionale

Dettagli

SEZIONE L - DIRITTI E DOVERI DEL CONCORRENTE I. Diritti II. Doveri

SEZIONE L - DIRITTI E DOVERI DEL CONCORRENTE I. Diritti II. Doveri INDICE REGOLAMENTO SEZIONE A ATTREZZATURA I. Bastoncini II. Calzature III. Pettorale IV. Abbigliamento SEZIONE B TECNICHE DI GARA I. Principi generali II. Uso dei bastoncini SEZIONE C - TRACCIATI DI GARA

Dettagli

ENDAS Motori Formula Sprint Pag. 1 ENDAS. Commissione Motoristica Formula Sprint

ENDAS Motori Formula Sprint Pag. 1 ENDAS. Commissione Motoristica Formula Sprint ENDAS Motori Formula Sprint Pag. 1 ENDAS Commissione Motoristica Formula Sprint Art. 1- Definizione Sono considerate manifestazioni di Formula Sprint le competizioni che si svolgono su percorsi preferibilmente

Dettagli

REGOLAMENTO GARA AMATORIALE MTB PER TESSERATI E NON IN STILE ENDURO ORGANIZZAZIONE ASD ENJOY THE TRAIL

REGOLAMENTO GARA AMATORIALE MTB PER TESSERATI E NON IN STILE ENDURO ORGANIZZAZIONE ASD ENJOY THE TRAIL REGOLAMENTO GARA AMATORIALE MTB PER TESSERATI E NON IN STILE ENDURO ORGANIZZAZIONE ASD ENJOY THE TRAIL DEFINIZIONE: Gara ciclistica per mountain bike in modalità enduro, ideata per dare la possibilità

Dettagli

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere La ROMA NORD CHAMPIONSHIP organizza la SERIE A, torneo di calcio a 5 infrasettimanale e serale; il torneo, che si svolgerà tutti gli anni, vuole caratterizzarsi per il livello tecnico e la serietà di tutti

Dettagli

Bando per l assegnazione dell organizzazione delle Finali Provinciali 2014 2015

Bando per l assegnazione dell organizzazione delle Finali Provinciali 2014 2015 Bando per l assegnazione dell organizzazione delle Finali Provinciali 2014 2015 Come nelle scorse stagioni è intenzione del Comitato Provinciale di Milano assegnare la co-partecipazione all organizzazione

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO NON UDENTI SCI ALPINO- SLALOM GIGANTE

CAMPIONATO ITALIANO NON UDENTI SCI ALPINO- SLALOM GIGANTE ... SÜDTIROLER GEHÖRLOSEN SPORTGRUPPE Amateursportverein GRUPPO SPORTIVO SORDI ALTOATESINI Associazione sportiva dilettantistica E-mail: sgsg@dnet.it www.deafsport-suedtirol.org CAMPIONATO ITALIANO NON

Dettagli

CAMPIONATI ITALIANI MASTER DI NUOTO IN VASCA 2016 RICCIONE 21-26 GIUGNO 2016

CAMPIONATI ITALIANI MASTER DI NUOTO IN VASCA 2016 RICCIONE 21-26 GIUGNO 2016 Pag. 1 di 7 RICCIONE 21-26 GIUGNO 2016 INDICE LOCALITÀ E DATE DELLA MANIFESTAZIONE... 1 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO... 1 PROGRAMMA GARE... 1 TURNI DI RISCALDAMENTO ED ALLENAMENTO... 2 NORME GENERALI...

Dettagli

ART. 1 ESTRATTO REGOLAMENTO INTERNAZIONALE PAG. 3 RESPONSABILITA DEGLI ATLETI PAG. 4 RESPONSABILITA DEGLI ALLENATORI PAG. 4

ART. 1 ESTRATTO REGOLAMENTO INTERNAZIONALE PAG. 3 RESPONSABILITA DEGLI ATLETI PAG. 4 RESPONSABILITA DEGLI ALLENATORI PAG. 4 Aggiornamento Febbraio 2014 INDICE ART. 1 ESTRATTO REGOLAMENTO INTERNAZIONALE PAG. 3 PREMESSA PAG. 4 RESPONSABILITA DEGLI ATLETI PAG. 4 RESPONSABILITA DEGLI ALLENATORI PAG. 4 SESSIONE 1 IL GIOCO PAG. 4

Dettagli

Oggetto: Comunicato Gara 4 (annulla e sostituisce il precedente comunicato gara 1).

Oggetto: Comunicato Gara 4 (annulla e sostituisce il precedente comunicato gara 1). Marone,18 maggio 2012 A tutti gli iscritti alla Trentapassi Skyrace Oggetto: Comunicato Gara 4 (annulla e sostituisce il precedente comunicato gara 1). Gent.mo atleta, ti inviamo alcune informazioni importanti

Dettagli

RAPPORTO ARBITRALE - Acqua Piatta RAP/2014

RAPPORTO ARBITRALE - Acqua Piatta RAP/2014 RAPPORTO ARBITRALE - Acqua Piatta RAP/2014 DISCIPLINA canoistica: o Velocità o Fondo o Paracanoa o Dragon Boat G.A.P. Località Data Campo di Gara Classificazione manifestazione: o Internazionale o Campionato

Dettagli

Gara non competitiva cronometrata 10 km

Gara non competitiva cronometrata 10 km Sport Club Atletica Libertas Sesto Associazione Sportiva Dilettantistica Sede Legale: Via B. Oriani, 59-20099 Sesto San Giovanni (MI) Tel: 02 2421136 Fax: 02 87385031 - E-mail: libertassesto@fastwebnet.it

Dettagli

ABBINAMENTO ATTIVITA DI RESISTENZA E DI ABILITA CATEGORIE G1 E G2 MASCHILI E FEMMINILI

ABBINAMENTO ATTIVITA DI RESISTENZA E DI ABILITA CATEGORIE G1 E G2 MASCHILI E FEMMINILI ABBINAMENTO ATTIVITA DI RESISTENZA E DI ABILITA CATEGORIE G1 E G2 MASCHILI E FEMMINILI (proposta per il CF da inserire nelle Norme Attuative 2015) PREMESSA Come già comunicato in occasione della riunione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO COMITATO REGIONALE PIEMONTE COMITATO REGIONALE LIGURIA

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO COMITATO REGIONALE PIEMONTE COMITATO REGIONALE LIGURIA FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO COMITATO REGIONALE PIEMONTE COMITATO REGIONALE LIGURIA Bando della 1^ REGATA REGIONALE PIEMONTE 1^ REGATA REGIONALE LIGURIA valida per le Classifiche Nazionali LAGO DI

Dettagli

INTRODUZIONE. Il Trofeo 2009

INTRODUZIONE. Il Trofeo 2009 INTRODUZIONE AL Il Trofeo 2009 Il TrofeoDEDACCIAI 2009 è una manifestazione ciclistica a tappe gestita dalla GIROinGIRO SERVIZI e si disputa sotto l egida della e dell Federazione Ciclistica Italiana F.C.I.

Dettagli

COMUNE DI TREMEZZINA GRUPPO DI COMO

COMUNE DI TREMEZZINA GRUPPO DI COMO COMUNE DI TREMEZZINA GRUPPO DI COMO Nuotata Lenno - Ossuccio Lavedotremila Sabato 19 Settembre 2015 COMUNE DI TREMEZZINA GRUPPO DI COMO IL COMUNE DI TREMEZZINA organizza in collaborazione con: EMERGENCY

Dettagli

13 CAMPIONATO INTERREGIONALE N U O T O

13 CAMPIONATO INTERREGIONALE N U O T O CONSIGLIO REGIONALE DI TOSCANA DIREZIONE TECNICA REGIONALE 13 CAMPIONATO INTERREGIONALE DI N U O T O 2 TAPPA CIRCUITO SPECIAL SWIMMERS Carrara 18 Gennaio 2015 Piscina di Carrara Via Sarteschi,1 tel. 0585/71419

Dettagli

CORRERE IN SICUREZZA

CORRERE IN SICUREZZA CORRERE IN SICUREZZA PROGETTO CORRERE IN SICUREZZA Codice della Strada Le figure in corsa Vetture in corsa Comportamento dei corridori La Federazione Ciclistica Italiana CODICE DELLA STRADA Il Codice della

Dettagli

SPI SIENA. Programma della giornata - Regolamento gara proposte per non sciatori - tariffe hotels. Comune di Abbadia San Salvatore

SPI SIENA. Programma della giornata - Regolamento gara proposte per non sciatori - tariffe hotels. Comune di Abbadia San Salvatore SPI SIENA Programma della giornata - Regolamento gara proposte per non sciatori - tariffe hotels Comune di Abbadia San Salvatore Festa provinciale di LiberEtà sulla Neve - Monte Amiata - 6 Febbraio 2010

Dettagli

DENOMINAZIONE CIRCOLO ORGANIZZATORE Località. Classe A - CLASSIC. N.B le parti sottolineate in giallo andranno completate/sostituite o eliminate

DENOMINAZIONE CIRCOLO ORGANIZZATORE Località. Classe A - CLASSIC. N.B le parti sottolineate in giallo andranno completate/sostituite o eliminate DENOMINAZIONE CIRCOLO ORGANIZZATORE Località Classe A - CLASSIC N.B le parti sottolineate in giallo andranno completate/sostituite o eliminate Regata Nazionale (Denominazione)/Campionato Nazionale Date

Dettagli

CERNUSCO INTERNATIONAL SEVENS. Page 1 of 6

CERNUSCO INTERNATIONAL SEVENS. Page 1 of 6 CERNUSCO INTERNATIONAL SEVENS Page 1 of 6 Premessa e applicazione delle regole internazionali dell IRB L intento e lo spirito del torneo sono quelle di sublimare il coraggio, la lealtà, la sportività,

Dettagli

Regolamento tecnico di sci alpino del settore agonistico

Regolamento tecnico di sci alpino del settore agonistico Regolamento tecnico di sci alpino del settore agonistico (edizione novembre 2013) 1 Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Sport Invernali (FISI)

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 A tutte le Società di Monza Brianza Loro sedi Agrate Brianza, 22-12-2014 Prot. 211/CPG e p.c. C.R. Lombardia FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 2 MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO 1) INVITO La Federazione Italiana Canottaggio indice e il Circolo Canottieri Piediluco, quale Comitato Organizzatore, in collaborazione con: Delegazione Regionale

Dettagli

Partenza (concorrente ogni 2 minuti partenze contemporanee su richiesta)

Partenza (concorrente ogni 2 minuti partenze contemporanee su richiesta) Ass. AA Cavallo Arabo organizza in collaborazione con Überetscher Reitverein domenica 8 giugno 2014 GARA DI ENDURANCE EQUESTRE - CATEGORIA 15 KM e CATEGORIA 30 KM presso la scuderia Überetscher Reitverein

Dettagli

Genova Pra 9 10 maggio 2009

Genova Pra 9 10 maggio 2009 Comune di Genova C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO COMITATO REGIONALE LIGURIA 1 - INVITO La Federazione Italiana Canottaggio indice ed il Comitato Regionale Liguria organizza - con il Patrocinio

Dettagli

2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo

2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia 2 Torneo Universitario di CALCIO A 5 Memorial Mario del Sordo IL CUS FOGGIA ORGANIZZA IL PRIMO TORNEO DI CALCIO A 5 PER TUTTI I DIPARTIMENTI DELL UNIVERSITA

Dettagli

1 CRITERIUM TRICOLORE MASTER Piediluco 19 e 20 luglio 2008 (NON VALIDA PER LA CLASSIFICA NAZIONALE)

1 CRITERIUM TRICOLORE MASTER Piediluco 19 e 20 luglio 2008 (NON VALIDA PER LA CLASSIFICA NAZIONALE) 1) INVITO La Federazione Italiana Canottaggio indice ed il Circolo ILVA Bagnoli con il Circolo Canottieri Piediluco, quale Comitato Organizzatore, in collaborazione con Comune di Terni, VII Circoscrizione

Dettagli

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Per la valutazione dei giovani sciatori di fondo L obiettivo principale dell allenamento giovanile è di assicurare ai giovani una valida

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008

REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 REGOLAMENTO PER LE CATEGORIE FREE PATTINAGGIO ARTISTICO STAGIONE SPORTIVA 2007-2008 Le categorie Free sono le categorie in cui sono suddivisi gli atleti che non hanno raggiunto lo score e gli eventuali

Dettagli

Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio a 7 Siracusa 5-8 maggio 2011.

Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio a 7 Siracusa 5-8 maggio 2011. Roma, 11.02.2011 Prot.n.187 Ai Presidenti dei Comitati Regionali AICS ------------------- Loro Sedi Oggetto: Richiesta squadre vincenti per Campionato Nazionale di Calcio a 7 Siracusa 5-8 maggio 2011.

Dettagli

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE 1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE La manifestazione si svolgerà presso il PALASPORT FONTESCODELLA DI MACERATA DOMENICA 7 NOVEMBRE 2010 Il ritrovo è fissato alle ore 13:15 Lo

Dettagli

I Torneo interdipartimentale di CALCIO A 5. Mario Del Sordo

I Torneo interdipartimentale di CALCIO A 5. Mario Del Sordo C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia I Torneo interdipartimentale di CALCIO A 5 Mario Del Sordo IL CUS FOGGIA IN COLLABORAZIONE CON L'ASSOCIAZIONE STUDENTESCA AREA NUOVA ORGANIZZA IL PRIMO

Dettagli

Associazione sportiva dilettantistica REGOLAMENTO. Versione 1 del marzo 2006

Associazione sportiva dilettantistica REGOLAMENTO. Versione 1 del marzo 2006 REGOLAMENTO Versione 1 del marzo 2006 INDICE 1 COMUNICAZIONE DELLE REGOLE...1 1.1 Modo ordinario... 1 1.2 Modo straordinario... 1 2 QUOTA ASSOCIATIVA E VISITA MEDICO-SPORTIVA...1 3 COMPORTAMENTO DURANTE

Dettagli

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori

Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica Manofuori Societa affiliata alla Fipav e all MSP Manofuori Cup Non è necessario essere Campioni per divertirsi giocando a pallavolo L Associazione Culturale

Dettagli

Capitolo 1 Gare di Endurance in Lombardia

Capitolo 1 Gare di Endurance in Lombardia REGOLAMENTO GARE DI ENDURANCE IN LOMBARDIA in vigore dal 01/01/2015 Capitolo 1 Gare di Endurance in Lombardia Articolo 1.1 Preiscrizioni ed iscrizioni 1.1.1 Le preiscrizioni alle gare di endurance in Lombardia

Dettagli

Regolamento per la realizzazione e ristrutturazione di impianti sportivi per il gioco del baseball e softball

Regolamento per la realizzazione e ristrutturazione di impianti sportivi per il gioco del baseball e softball Regolamento per la realizzazione e ristrutturazione di impianti sportivi per il gioco del baseball e softball Art. 1 - Normativa di riferimento Il presente regolamento, disciplina le norme della Federazione

Dettagli

Organizzazione. Programma di gara. Il percorso di gara Distanze Descrizione percorso Chiusura al traffico. Premiazioni. Pacco Gara

Organizzazione. Programma di gara. Il percorso di gara Distanze Descrizione percorso Chiusura al traffico. Premiazioni. Pacco Gara Organizzazione Programma di gara Il percorso di gara Distanze Descrizione percorso Chiusura al traffico 21 Triathlon SPRINT di Torregrande Regolamento di gara Norme comportamentali per i concorrenti Iscrizioni

Dettagli

EQUICONFOR Codice Etico - Comportamentale

EQUICONFOR Codice Etico - Comportamentale EQUICONFOR Codice Etico - Comportamentale Ultima versione del 4 novembre 20131 Premessa Il codice etico comportamentale dell equiconfor riprende i principi fondamentali di lealtà correttezza e probità

Dettagli

MARATONINA DELL EPIFANIA 3 MEMORIAL SILVIO SPOTTI CREMONA, 06 GENNAIO 2012 REGOLAMENTO

MARATONINA DELL EPIFANIA 3 MEMORIAL SILVIO SPOTTI CREMONA, 06 GENNAIO 2012 REGOLAMENTO MARATONINA DELL EPIFANIA 3 MEMORIAL SILVIO SPOTTI CREMONA, 06 GENNAIO 2012 REGOLAMENTO L ASD Arredamenti Maiandi con l approvazione della F.I.D.A.L. Federazione Italiana di Atletica Leggeraorganizza la

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE BAVISELA FAMILY

REGOLAMENTO UFFICIALE BAVISELA FAMILY REGOLAMENTO UFFICIALE FAMILY L Associazione Sportiva Dilettantistica Bavisela, organizza la 23a edizione della manifestazione sportiva amatoriale Bavisela Family, non competitiva ad andatura libera, sulla

Dettagli

3 Edizione Maratona di Sessa Aurunca Sessa in..corsa. Organizza Gara podistica di 10 Km Agonistica Sabato 19 Settembre 2015 partenza ore 18,00

3 Edizione Maratona di Sessa Aurunca Sessa in..corsa. Organizza Gara podistica di 10 Km Agonistica Sabato 19 Settembre 2015 partenza ore 18,00 3 Edizione Maratona di Sessa Aurunca Sessa in..corsa L Ente Palio Giochi dei Quartieri d intesa con il Comune di Sessa Aurunca indice e Organizza Gara podistica di 10 Km Agonistica Sabato 19 Settembre

Dettagli

Il fulcro dell esibizione dovrà essere sempre il cane e le sue qualità dovranno essere messe in risalto con rispetto e serietà.

Il fulcro dell esibizione dovrà essere sempre il cane e le sue qualità dovranno essere messe in risalto con rispetto e serietà. REGOLAMENTO UFFICIALE CSEN per i Dog Olympic Games DISCIPLINA DOG DANCE riconosciuto dal Centro Sportivo Educativo Nazionale (CSEN) CSEN Settore CINOFILIA - Settore NAZIONALE Norme generali L obiettivo

Dettagli

-------------------- REGOLAMENTO -------------------- CRONOSQUADRE CITTÀ DI VILLAFRANCA

-------------------- REGOLAMENTO -------------------- CRONOSQUADRE CITTÀ DI VILLAFRANCA -------------------- REGOLAMENTO -------------------- CRONOSQUADRE CITTÀ DI VILLAFRANCA POLISPORTIVA SAN GIORGIO Trofeo Alé 7 Memorial Trofeo Manessi 5^ Medaglia d oro in ricordo di Amaranto DeAngelis

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O R E G O L A M E N T O 1. L A.S.D. Trofeo TOPOLINO Sci indice ed organizza, con l'approvazione della F.I.S.I. e del Comitato Trentino FISI, una gara valida quale Selezione Nazionale per il 54 Trofeo Topolino

Dettagli