Università degli Studi di Napoli Federico II. FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM. Progetto di un applicazione Android

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Napoli Federico II. FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM. Progetto di un applicazione Android"

Transcript

1 Università degli Studi di Napoli Federico II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica LM Progetto di un applicazione Android Briscola bluetooth Candidati: Giuliano Formato Daniele De Cicco Relatori: Prof. Anna Rita Fasolino Prof. Porfirio Tramontana Anno Accademico

2 Indice 1 Analisi dell applicazione Requisiti dell applicazione Analisi e specifica dei requisiti Descrizione dei casi d uso Sequence diagram Progettazione e implementazione Progettazione Comunicazione Partita Implementazione Classe Game Classe Hand Bluetooth Classe Communication Package menù e util Test d accettazione Caso d uso: avvia partita Caso d uso: ricerca nuovi dispositivi Caso d uso: partecipa ad una partita Caso d uso: gioca partita Manuale d uso

3 CAPITOLO 1 Analisi dell applicazione 1.1 Requisiti dell applicazione Lo scopo è di implementare il gioco briscola, che è un gioco di carte napoletane. L applicazione è dual player. Essa, infatti, utilizza la tecnologia bluetooth per connettere due cellulari in modo da consentire la partita tra due giocatori che utilizzano due diversi dispositivi. Un utente può decidere di creare o di partecipare ad una partita. L applicazione fornisce tutte le funzionalità bluetooth necessarie all avvio della comunicazione tra i due dispositivi: 1. visualizzazione dei dispositivi già accoppiati 2. ricerca nuovi dispositivi 3. impostazione della visibilità del dispositivo Un utente che vuole partecipare ad una partita deve rendere il proprio dispositivo visibile. Mentre, la visualizzazione dei dispositivi già accoppiati e la ricerca di nuovi dispositivi consentono al giocatore host di invitare un avversario. 2

4 Figura 1.1: diagramma dei casi d uso 1.2 Analisi e specifica dei requisiti Come si evince dai requisiti, ogni utente in primo luogo può decidere di creare una partita o partecipare ad una partita. Per questo motivo sono previste due tipologie di giocatore: 1. giocatore host 2. giocatore guest Esse sono due specializzazioni dell attore giocatore. Il giocatore host è l utente che crea una nuova partita invitando un avversario. Il guest, invece, è il giocatore che si pone in attesa di un invito ad una partita. Dai requisiti, quindi, si estrapola il diagramma dei casi d uso in figura 1.1. I casi d uso sono raggruppabili in due insiemi, quelli relativi alla comunicazione e quelli relativi alla partita. 3

5 I casi d uso relativi alla comunicazione sono: Avvia partita Invia invito Partecipa ad una partita Ricerca nuovi dispositivi Avvia partita, che include invia invito, descrive la creazione di una nuova partita da parte del giocatore host. Partecipa ad una partita ha come attore il giocatore guest, che si mette in attesa di essere invitato. Questi casi d uso hanno come post-condizione la avvenuta creazione di una connessione bluetooth tra i dispositivi del giocatore host e del giocatore guest. Ricerca nuovi dispositivi è effettuato dall attore giocatore host e ha come post-condizione la visualizzazione di tutti i dispositivi visibili nel raggio di copertura della periferica bluetooth. I casi d uso relativi alla partita sono i seguenti: Gioca partita Gioca mano Distribuzione mano Calcolo vincitore mano Calcolo vincitore partita Gioca partita include tutti gli altri casi d uso e ha come attore il giocatore. Gli altri casi d uso sono le azioni svolte durante la partita dal sistema (distribuzione di una mano, calcolo del vincitore della mano, calcolo del vincitore della partita) e dal giocatore (giocare una mano della partita) Descrizione dei casi d uso In questa sezione vengono riportate le descrizioni dei casi d uso principali, ovvero, avvia partita, partecipa ad una partita, ricerca nuovi dispositivi e gioca partita. Essi vengono descritti in forma tabellare. Per ogni caso d uso vengono definiti i seguenti attributi attori coinvolti pre-condizioni post-condizioni casi d uso correlati possibili scenari 4

6 Descrizione del caso d uso avvia partita: Descrizione del caso d uso partecipa ad una partita: 5

7 Descrizione del caso d uso ricerca dispositivi: Descrizione del caso d uso gioca partita: 6

8 Figura 1.2: Sequence diagram dello scenario normale per il caso d uso avvia partita Sequence diagram I requisiti fondamentali di questa applicazione sono descritti dai casi d uso avvia partita e gioca partita. Per questo motivo, si è deciso di specificare questi casi d uso in maniera più chiara avvalendosi dei sequence diagram di figura 1.2 e 1.3. Il primo sequence diagram mostra come si stabilisce la comunicazione tra i due dispositivi e quindi le interazioni sistema-sistema e attore-sistema necessarie al raggiungimento della post-condizione. Il secondo sequence diagram mostra le interazioni che avvengono durante una partita tra il sistema e l attore. E interessante notare che l ordine delle interazioni attore-sistema varia durante la partita in dipendenza dello stato della partita. 7

9 Figura 1.3: Sequence diagram dello scenario normale per il caso d uso gioca partita 8

10 CAPITOLO 2 Progettazione e implementazione L analisi riportata nel capitolo precedente ha determinato che i requisiti funzionali dell applicazione sono la creazione di una comunicazione bluetooth tra i due device e lo svolgimento di una partita. 2.1 Progettazione I componenti che costituiscono l architettura dell applicativo da implementare sono due. Uno si occuperà della gestione della partita, l altro si occuperà della gestione della comunicazione. L approccio utilizzato per la progettazione è descritto dal package diagram in figura 2.1 nella pagina seguente, dove, ai suddetti componenti corrispondono i package partita e comunicazione. Il package comunicazione dovrà implementare la comuncazione lato server e la comunicazione lato client. Infatti, il modello di comunicazione che sarà utilizzato è quello client-server basato sull utilizzo di una socket. Per quanto riguarda il package partita, viene riportato il modello dei dati. Esso è determinato dalla tipologia di gioco da implementare, infatti, ogni partita è composta da più mani e ogni mano è determinata dalle carte giocate dagli avversari. Si noti che tra i due package insiste una dipendenza, in quanto una partita non può essere giocata se non è stata stabilita una comunicazione tra i due dispositivi. 9

11 Figura 2.1: package diagram 10

12 Una seconda fase di studio della struttura dell applicazione, ha portato alla definizione del class diagram in figura 2.2 nella pagina successiva. Esso definisce più nel dettaglio quali sono le classi da implementare e quali sono metodi e attributi che queste classi devono fornire affichè si ottenga una corretta implementazione dei requisiti funzionali richiesti. Durante la definizione del class diagram si considera che l applicazione è rivolta a sistemi android. Infatti, si ipotizza che alcune classi estenderanno la classe Activity fornita dalle librerie android Comunicazione L insieme delle classi che implementa la comunicazione tra i due dispositivi e la relativa gestione è composto da: Communication StartMatchActivity JoinMatchActivity ClientConnectionActivity ServerConnectionActivity MenuActivity La classe Communication fornisce le funzioni necessarie allo scambio di informazioni tra i due dispositivi. In particolare, le funzioni write_card() e read_card() consentono l invio e la ricezione delle carte giocate dall utente. Queste funzioni utilizzano un oggetto della classe BluetoothSocket che viene istanziato grazie alle classi ClientConnectionActivity e ServerConnectionActivity, da cui la dipendenza. 11

13 Figura 2.2: class diagram 12

14 Le classi StartMatchActivity e JoinMatchActivity realizzano rispettivamente i casi d uso avvia partita e partecipa ad una partita descritti nel paragrafo a pagina 4. StartMatchActivity implementa la visualizzazione dei device accoppiati e la ricerca di nuovi dispositivi, consentendo all utente di selezionare un avversario. Un oggetto della classe ClientConnectionActivity si occuperà di stabilire la comunicazione con l avversario selezionato. JoinMatchActivity consente all utente di rendere visibile il proprio dispositivo e di porsi in attesa di un invito. La ricezione dell invito e il conseguente avvio della comunicazione viene gestito da un oggetto della classe ServerConnectionActivity. La classe MenuActivity implementa il menù principale dell applicazione. E qui che l utente decide di essere un guest o un host, scegliendo di creare una nuova partita o di partecipare ad una partita. Infatti, questa classe fornisce due bottoni StartMatch e JoinMatch. A seconda di quale bottone viene cliccato dall utente, si avvia una nuova istanza di StartMatchActivity o di JoinMatchActivity Partita L insieme delle classi che implementa la partita è composto da: Game Hand Deck Card Le classi Card e Deck modellano le carte da gioco e il mazzo. Un oggetto della classe Card contiene gli attributi necessari alla definizione univoca di una carta. La classe fornisce anche le funzioni per accedere al valore degli attributi della carta. Un oggetto della classe Deck contiene informazioni relative alla dimensione del mazzo e una lista contenente gli oggetti carta che compongono lo stesso. Inoltre, la funzione get_random_card() consente di prelevare una carta dal mazzo in maniera casuale.la classe Hand implementa lo svoglimento di una mano. Un oggetto di questa classe contiene informazioni relative ad una mano giocata. La classe Game è la classe principale e implementa lo svoglimento della partita. Contiene un oggetto della classe Deck che è il mazzo con il quale si svolgerà la partita in corso. Una partita di briscola è composta da 20 mani, da cui la molteplicità della relazione di aggregazione. Ad ogni oggetto di questa classe è associato un oggetto della classe Communication che si occupa dell invio e la ricezione dei dati provenienti dall altro dispositivo. Lo svolgimento della partita e, quindi, il ciclo di vita di un oggetto della classe Game sono definiti in maniera dettagliata dallo state diagram in figura 2.3. Si noti la presenza delle guardie is_guest, is_host e last_win. Le prime due definiscono se il giocatore è host o guest. Invece last_win indica, se vera, che il giocatore è il vincitore dell ultima mano. 13

15 Figura 2.3: state diagram della partita 14

16 2.2 Implementazione Vengono ora brevemente presentate alcune scelte implementative. Esse tengono conto del sistema operativo e del linguaggio di programmazione utilizzato Classe Game Le scelte implementative più importanti riguardano la classe Game. In primo luogo, la gestione dell interfaccia grafica della partita ha richiesto che Game estendesse la classe Activity fornita da android. In secondo luogo, Game è stata sostituita dalle classi HostGameActivity e GuestGameActivity. La prima implementa la partita lato host, la seconda implementa la partita lato guest. Questa divisione è resa necessaria dalla sostanziale differenza tra le due activity e, inoltre, ha permesso di gestire al meglio la comunicazione tra i dispositivi e la tempificazione della visualizzazione delle carte sul display attraverso la definizione di appositi oggetti della classe Handler Classe Hand In fase di implementazione si è deciso anche di inglobare le informazioni contenute nella classe Hand all interno delle classi che implementano la partita. Le motivazioni principali di questa scelta derivano dal basso numero di informazioni contenuto dalla classe Hand. Inoltre, ciò ha consentito di gestire nel migliore dei modi il ciclo di vita della partita Bluetooth Per la comunicazione bluetooth sono state utilizzate le librerie fornite da android. Sono stati implementati dei broadcast receiver che, insieme ai blocchi try-catch forniti da java, hanno consentito la gestione dei problemi dovuti all interruzione della comunicazione tra i due dispositivi durante la partita. Le classi responsabili dell avvio della comunicazione, ServerConnectionActivity e ClientConnectionActivity estendono, anch esse, la classe Activity fornita da android. In questo modo, è stato possibile sfruttare il risultato ritornato dalle activity al termine della loro esecuzione per gestire gli scenari alternativi dei casi d uso avvia partita e partecipa ad una partita descritti nel paragrafo a pagina Classe Communication La classe Communication è composta da un thread che si occupa della lettura di dati provenienti dalla socket bluetooth e da un insieme di funzioni utili alla scrittura di dati sulla socket. Per la sicnronizzazione viene utilizzato un semaforo. Il reader viene liberato dall oggetto della classe Game nei momenti della partita in cui si è in attesa di una carta proveniente dall altro dispositivo. Inoltre, sono stati usati degli acknowledgment per garantire la consistenza dei dati inviati sulla socket. 15

17 2.2.5 Package menù e util Durante l implementazione del software si è deciso di aggiungere alcuni package a quelli previsti in fase di progettazione. Tra questi, il package menù contiene tutte le classi destinate alla gestione dell avvio di una nuova partita. Ovvero: StartMatchActivity JoinMatchActivity MenuActivity EnableBTActivity La classe EnableBTActivity implementa un activity che viene avviata ogni qual volta l applicazione intende attivare la periferica di comunicazione bluetooth (es. all avvio dell applicazione). Le altre classi già sono state presentate nel paragrafo a pagina 11. Il package util contiene alcune classi che implementano funzioni o adapter che vengono utilizzati dall applicativo. Inoltre, esso contiene la classe Communication già presentata nel paragrafo precedente. Questa classe non è stata inserita nel package comunicazione in quanto, essa, a differenza delle classi ServerConnectionActivity e ClientConnectionActivity, non estende la classe Activity fornita da Android. Questa scelta, a nostro parere, offre una migliore organizzazione delle classi nei package. 16

18 CAPITOLO 3 Test d accettazione In questo capitolo vengono presentate le operazioni svolte per testare le funzionalità dell applicazione. Non è stata eseguita una vera e propria fase di testing, ma è stato verificato che il comportamento dell applicazione corrisponda agli scenari descritti nel paragrafo a pagina 4. Per testare l applicazione sono stati utilizzati due cellulari e vengono riportati i log generati usando LogCat. 3.1 Caso d uso: avvia partita Il caso d uso avvia partita si verifica quando l utente decide di iniziare una nuova partita (equivale a premere il bottone Start a match nel menù principale). Ci attendiamo che venga visualizzata una lista dei device accoppiati. La figura 3.1 mostra che la lista dei device viene realmente Figura 3.1: lista device 17

19 Figura 3.2: Messaggio generato nel caso in cui l avversario non sia in attesa Figura 3.3: Log generato nel caso in cui l avversario non sia in attesa Figura 3.4: Log generato nel caso in cui l avversario sia in attesa A questo punto l utente può selezionare un avversario. Gli scenari possibili sono: 1. avversario selezionato non disponibile 2. avversario selezionato disponibile Nel primo caso ci attendiamo un messaggio di errore da parte dell applicazione. Le figure 3.2 e 3.3 mostrano che l applicazione si comporta nel modo atteso. Nel secondo caso la comunicazione viene stabilita come mostra il log riportato in figura 3.4 Inoltre, se la periferica bluetooth viene disattivata quando l utente si trova nella schermata di visualizzazione della lista device, l applicazione chiede la riattivazione del dispositivo all utente come mostrano le figure 3.6 e

20 Figura 3.5: Messaggio di richiesta attivazione bluetooth Figura 3.6: Log in caso di disattivazione periferica bluetooth Figura 3.7: Log generato durante la fase di discovery di figura Caso d uso: ricerca nuovi dispositivi Il caso d uso ricerca nuovi dispositivi si verifica quando l utente attiva la bluetooth discovery (equivale a premere il toggle button in basso nella schermata di visualizzazione della lista device). Ci attendiamo che vengano aggiunti alla lista, se presenti, i dispositivi trovati durante l operazione di discovery. L operazione di discovery ha un tempo limitato. Allo scadere di questo tempo ci attendiamo che il toggle button sia spuntato. La seguenza di immagini in figura 3.8 mostra che il comportamento dell applicazione è quello atteso, sono riportati anche i log in figura

21 Figura 3.8: Discovery di nuovi dispositivi 3.3 Caso d uso: partecipa ad una partita Il caso d uso partecipa ad una partita si verifica quando l utente decide di partecipare ad una partita iniziata da un giocatore host (equivale a premere il bottone Join a match nel menù principale). Quando l utente preme il bottone Join a match l applicazione chiede all utente se vuole rendere visibile il proprio dispositivo (figura 3.9a). In dipendenza della risposta dell utente abbiamo due scenari: 1. l utente non accetta la richiesta e l applicazione visualizza un messaggio che informa l utente della necessità di rendere il dispositivo visibile per poter ricevere l invito (figura 3.9b). 2. l utente accetta la richiesta e l applicazione si pone in attesa di ricevere un invito ad una partita (figura 3.9c). Ora i possibili scenari sono due: l utente viene invitato a giocare prima che il timeout scada l utente non viene invitato a giocare prima che il timeout scada I log di figura 3.10 e 3.11 mostrano il comportamento dell applicazione nei due possibili scenari. Inoltre, nel caso il timeout scada, viene visualizzato il messaggio di figura 3.12, così come atteso nella descrizione di questo caso d uso. 20

22 (a) Richiesta di attivazione (b) Messaggio visualizzato (c) Schermata d attesa Figura 3.9 Figura 3.10: Log prodotto in caso di scenario di successo Figura 3.11: Log prodotto in caso di time out scaduto Figura 3.12: Messaggio visualizzato quando il timeout scade 21

23 Figura 3.13: Log prodotto all inizio della partita Figura 3.14: Log prodotto al termine della partita 3.4 Caso d uso: gioca partita Questo è il caso d uso principale, vengono riportati i log generati durante le seguenti fasi della partita: inizio partita (figura 3.13) fine partita (figura 3.14) mano con distribuzione carte da parte del sistema (figura 3.15); per le prime 17 mani della partita il sistema deve distribuire nuove carte ai giocatori. mano con distribuzione carte da parte del sistema (figura 3.16); le ultime 3 mani non prevedono la distribuzione di carte ai giocatori da parte del sistema in quanto il mazzo non contiene più carte. abbandono dell avversario o errore di comunicazione durante la partita (figura 3.17). I log mostrano come il sistema si comporti in maniera corretta in tutti gli scenari possibili del caso d uso gioca partita. 22

24 Figura 3.15: Log prodotto durante una mano con distribuzione Figura 3.16: Log prodotto durante una mano senza distribuzione Figura 3.17: Log prodotto quando si verifica un errore di comunicazione 23

25 3.5 Manuale d uso Di seguito vengono elencati i passi da svolgere in modo da far partire correttamente una partita: 1. il giocatore guest preme il pulsante Join a match e accetta di rendere visibile il proprio dispositivo. 2. il giocatore host preme il pulsante Start a match e la lista device viene visualizzata. Se il dispositivo dell avversario è già accoppiato basta selezionarlo e la partita avrà inizio. In caso contrario, va attivata la discovery per poi selezionare il dispostivo dell avversario in attesa. Verrà chiesto di accoppiare i dispositivi, dopo la fase di pairing la partita avrà inizio. N.b. se la perifercia bluetooth è spenta ne verrà chiesta l attivazione dopo aver cliccato Join a match o Start a match. 24

Gestione Automatizzata di una Lista Nozze

Gestione Automatizzata di una Lista Nozze Gestione Automatizzata di una Lista Nozze Si deve progettare un sistema per la gestione di liste nozze on line. Il sistema rende possibile la consultazione di un catalogo on line, la creazione di una lista

Dettagli

I-Droid01 Mobile Control

I-Droid01 Mobile Control I-Droid01 Mobile Control I-Droid01 Mobile Control è il software Java TM per telefono cellulare che ti permette di collegarti al tuo robot e di gestirlo a distanza via Bluetooth. Questo software funziona

Dettagli

Corso di Ingegneria del software Como. Prof. Marco Brambilla. Cruscotto auto. Aramini Antonio Umberto

Corso di Ingegneria del software Como. Prof. Marco Brambilla. Cruscotto auto. Aramini Antonio Umberto Corso di Ingegneria del software Como Prof. Marco Brambilla Cruscotto auto Aramini Antonio Umberto Tema d esame: Si vuole realizzare un sistema embedded per autoveicoli che gestisce tutto il pannello di

Dettagli

Il diagramma dei casi d uso

Il diagramma dei casi d uso Il diagramma dei casi d uso Laboratorio di Ingegneria del Software Prof. Paolo Ciancarini Dott. Sara Zuppiroli A.A. 2010/2011 Lab di Ingegneria del Software () Il diagramma dei casi d uso A.A. 2010/2011

Dettagli

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere.

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere. UML e i Casi d USO I casi d uso specificano una sequenza di azioni che producono un risultato visibile agli attori del sistema. Essi nascono per fornire descrizioni delle capacità del sistema. I casi d

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi

Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi Laurea Specialistica in Informatica, Tecnologie Informatiche Anno Accademico 2008/2009 Reti Applicazioni e Servizi Implementazione di una MIDlet che realizza un sistema di voto Christian Tiralosi Sviluppatori:

Dettagli

Un applicazione per il trasferimento file in ambiente Symbian

Un applicazione per il trasferimento file in ambiente Symbian tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Paolo Ascione candidato Barbara Migliaccio Matr. 534/1026 Scenario Applicativo File Transfer via Bluetooth

Dettagli

Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi

Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi Sistemi Mobili e Wireless Android Primi passi Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Ambiente di sviluppo L'ambiente

Dettagli

Unified Modeling Language

Unified Modeling Language Unified Modeling Language Luciano Baresi Luciano Baresi 1 OMT Booch UML Sono simili in molti aspetti: Prescrivono un approccio passo-passo Consentono il passaggio dall analisi al progetto in modo omogeneo

Dettagli

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione

Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Esportazione e Importazione Airone Funzioni di Esportazione Importazione 1 Indice AIRONE GESTIONE RIFIUTI... 1 FUNZIONI DI ESPORTAZIONE E IMPORTAZIONE... 1 INDICE...

Dettagli

FONDAMENTI DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE-M

FONDAMENTI DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE-M FONDAMENTI DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE-M A.A. 2014/2015 Gioco del "Mulino" Prof. Paola Mello, Ing. Federico Chesani 1 Il gioco del Mulino Stimolare la comprensione e la discussione sugli algoritmi di base

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2015 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

1. GESTIONE DEL PASS OE FUNZIONI DEL CRUSCOTTO

1. GESTIONE DEL PASS OE FUNZIONI DEL CRUSCOTTO 1. GESTIONE DEL PASS OE FUNZIONI DEL CRUSCOTTO Con il termine cruscotto si è vuole indicare quella consolle di comandi che il sistema offre all utente per effettuare tutte le operazioni necessarie e possibili

Dettagli

LCMobile Restaurant. Guida su come usare il software per palmare LCMobile Restaurant.

LCMobile Restaurant. Guida su come usare il software per palmare LCMobile Restaurant. LCMobile Restaurant Guida su come usare il software per palmare LCMobile Restaurant. Per prima cosa bisogna installare il file LCMobile-Restaurant.exe sul proprio PC dove e collegata la base del palmare.

Dettagli

Programmazione in ambiente

Programmazione in ambiente Università Politecnica delle Marche Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Programmazione in ambiente Android Laura Montanini - laura.montanini@univpm.it Corso di Tecnologie per le TLC 2013-2014

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT

REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT TESI DI LAUREA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT RELATORE: Prof. Michele Moro LAUREANDO: Marco Beggio Corso di laurea Specialistica in Ingegneria

Dettagli

L ambiente di sviluppo Android Studio

L ambiente di sviluppo Android Studio L ambiente di sviluppo Android Studio Android Studio è un ambiente di sviluppo integrato (IDE, Integrated Development Environment) per la programmazione di app con Android. È un alternativa all utilizzo

Dettagli

PROGETTO REALIZZATO DA: MANUALE PER L'UTENTE SMGAME

PROGETTO REALIZZATO DA: MANUALE PER L'UTENTE SMGAME PROGETTO REALIZZATO DA: PASQUALE TRAETTA MATRICOLA 450428 LUCA MIGNOGNA MATRICOLA 467644 CORSO DI LAUREA: INFORMATICA ANNO ACCADEMICO: 2008/2009 ESAME: METODI AVANZATI DI PROGRAMMAZIONE DOCENTI: PROF.

Dettagli

MyPostman. Progetto di messaggistica istantanea Invio messaggi ai tuoi contatti attraverso Google Cloud Messaging

MyPostman. Progetto di messaggistica istantanea Invio messaggi ai tuoi contatti attraverso Google Cloud Messaging MyPostman Progetto di messaggistica istantanea Invio messaggi ai tuoi contatti attraverso Google Cloud Messaging MyPostman ti permette di scambiare messaggi ed informazioni con i tuoi contatti ed i tuoi

Dettagli

Manuale ANTISPAM CDLAN. MAN002 REV 1.2 04 ott. 2010 ANTISPAM 1 di 9 CODICE REVISIONE DATA DESCRIZIONE N. PAG.

Manuale ANTISPAM CDLAN. MAN002 REV 1.2 04 ott. 2010 ANTISPAM 1 di 9 CODICE REVISIONE DATA DESCRIZIONE N. PAG. Manuale ANTISPAM CDLAN MAN002 REV 1.2 04 ott. 2010 ANTISPAM 1 di 9 SOMMARIO Introduzione 3 Come Accedere 4 Liste Messaggi 5 Liste Bianche e Nere 7 Impostazioni 8 Statistiche 9 MAN002 REV 1.2 04 ott. 2010

Dettagli

Protocollo di trasmissione Trova il Tuo Farmaco. Indice. Versione documento: 1.4 Data: 29/06/2011

Protocollo di trasmissione Trova il Tuo Farmaco. Indice. Versione documento: 1.4 Data: 29/06/2011 Protocollo di trasmissione Trova il Tuo Farmaco Versione documento: 1.4 Data: 29/06/2011 Indice Protocollo di trasmissione Trova il Tuo Farmaco...1 Requisiti...2 Finalità...2 Software...2 Documentazione...2

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Web File System Manuale utente Ver. 1.0

Web File System Manuale utente Ver. 1.0 Web File System Manuale utente Ver. 1.0 Via Malavolti 31 41100 Modena Tel. 059-2551137 www.keposnet.com Fax 059-2558867 info@keposnet.com Il KDoc è un Web File System cioè un file system accessibile via

Dettagli

Manuale Utente 1 Ultimo aggiornamento: 2015/12/22 ifatt

Manuale Utente 1 Ultimo aggiornamento: 2015/12/22 ifatt Manuale Utente 1 Ultimo aggiornamento: 2015/12/22 ifatt Indice Introduzione... 1 Interfaccia... 2 Introduzione La fatturazione cambia volto. Semplice, certa, elettronica ifatt cambia il modo di gestire

Dettagli

filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27

filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27 filrbox Guida all uso dell applicazione DESKTOP Pag. 1 di 27 Sommario Introduzione... 3 Download dell applicazione Desktop... 4 Scelta della versione da installare... 5 Installazione... 6 Installazione

Dettagli

RIFERIMENTI ATTORI GLOSSARIO. ERRORI COMUNI REV. REQUISITI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova

RIFERIMENTI ATTORI GLOSSARIO. ERRORI COMUNI REV. REQUISITI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova RIFERIMENTI ERRORI COMUNI REV. REQUISITI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 I riferimenti devono essere precisi

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo SUI Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico domande di nulla osta al lavoro, al ricongiungimento familiare e conversioni

Dettagli

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0

NOTE OPERATIVE. Prodotto Inaz Download Manager. Release 1.3.0 Prodotto Inaz Download Manager Release 1.3.0 Tipo release COMPLETA RIEPILOGO ARGOMENTI 1. Introduzione... 2 2. Architettura... 3 3. Configurazione... 4 3.1 Parametri di connessione a Internet... 4 3.2

Dettagli

Installazione LEGGI E STUDIA IL TUO LIBRO DIGITALE! In questa breve guida scoprirai come:

Installazione LEGGI E STUDIA IL TUO LIBRO DIGITALE! In questa breve guida scoprirai come: GUIDA AL LIBRO DIGITALE Installazione LEGGI E STUDIA IL TUO LIBRO DIGITALE! In questa breve guida scoprirai come: ottenere un account Giunti Scuola installare il Dbook scaricare i tuoi libri digitali Scarica

Dettagli

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook

Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook Maggio 2012 Sommario Capitolo 1: Utilizzo di Conference Manager per Microsoft Outlook... 5 Presentazione di Conference Manager per Microsoft Outlook...

Dettagli

Manuale Utente SIRECO

Manuale Utente SIRECO Corte Dei Conti Manuale Utente SIRECO Guida all accesso a SIRECO Indice dei contenuti 1. Obiettivo del documento... 3 1.1 Acronimi, abbreviazioni, e concetti di base... 3 2. Registrazione di un Responsabile...

Dettagli

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML

Sistemi Informativi I Caso di studio con applicazione di UML 9 CASO DI STUDIO CON APPLICAZIONE DI UML...2 9.1 IL CASO DI STUDIO...2 9.1.1 Il sistema attuale...2 9.2 IL PROBLEM STATEMENT...3 9.2.1 Formulazione del Problem statement per il caso proposto...3 9.3 USE

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Progettazione di un Database

Progettazione di un Database Progettazione di un Database Per comprendere il processo di progettazione di un Database deve essere chiaro il modo con cui vengono organizzati e quindi memorizzati i dati in un sistema di gestione di

Dettagli

Caso di Studio: Avant Dernier

Caso di Studio: Avant Dernier Caso di Studio: Avant Dernier Specifiche: Nel gioco si affrontano 4 giocatori, ciascuno individuato con un numero progressivo (da 1 a 4). Inizialmente, i giocatori ricevono 5 carte ciascuno, e una carta

Dettagli

Ingegneria del Software 11. Esercizi riassuntivi. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15

Ingegneria del Software 11. Esercizi riassuntivi. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 Ingegneria del Software 11. Esercizi riassuntivi Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 Descrizione del problema. L esempio descrive un sistema per il commercio, chiamato TradingSystem,

Dettagli

SOMMARIO. 1 ISTRUZIONI DI BASE. 2 CONFIGURAZIONE. 7 STORICO. 9 EDITOR HTML. 10 GESTIONE ISCRIZIONI E CANCELLAZIONI. 11 GESTIONE MAILING LIST.

SOMMARIO. 1 ISTRUZIONI DI BASE. 2 CONFIGURAZIONE. 7 STORICO. 9 EDITOR HTML. 10 GESTIONE ISCRIZIONI E CANCELLAZIONI. 11 GESTIONE MAILING LIST. INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) ISTRUZIONI DI BASE... 2 3) CONFIGURAZIONE... 7 4) STORICO... 9 5) EDITOR HTML... 10 6) GESTIONE ISCRIZIONI E CANCELLAZIONI... 11 7) GESTIONE MAILING LIST... 12 8) E-MAIL MARKETING...

Dettagli

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

PROGETTO - Ingegneria del Software. Università degli Studi di Milano Polo di Crema. Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università degli Studi di Milano Polo di Crema Corso di laurea in Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali INFORMATICA Corso di Ingegneria del Software progetto IL SISTEMA CALENDAR Presentato al dott. Paolo

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini UML La prima versione ufficiale risale

Dettagli

Ingegneria del Software T

Ingegneria del Software T Home Finance 1 Requisiti del cliente 1 Si richiede di realizzare un sistema per la gestione della contabilità familiare. Il sistema consente la classificazione dei movimenti di denaro e la loro memorizzazione.

Dettagli

esigno MOBILE GUIDA RAPIDA CISA S.p.A. Via Oberdan, 42 48018 Faenza (RA) Italy Tel. +39 0546677111 Fax +39 0546 677577 www.cisa.

esigno MOBILE GUIDA RAPIDA CISA S.p.A. Via Oberdan, 42 48018 Faenza (RA) Italy Tel. +39 0546677111 Fax +39 0546 677577 www.cisa. esigno MOBILE GUIDA RAPIDA CISA S.p.A. Via Oberdan, 42 48018 Faenza (RA) Italy Tel. +39 0546677111 Fax +39 0546 677577 ESIGNO_SYSTEM_QUICK_GUIDE_101_IT.DOCX - 0892066800000 E-mail: support_ahd@eu.irco.com

Dettagli

Help Passwords Manager

Help Passwords Manager Help Passwords Manager INFO2000.biz Contenuto Passwords Manager 1 Introduzione...1 Interfaccia grafica di PM...1 Come creare un Database (.Pm)...2 Aprire un database esistente...4 Chiudere un database...5

Dettagli

Android. Anatomia di una applicazione

Android. Anatomia di una applicazione Android Anatomia di una applicazione Elementi di base Gli elementi di base per costruire una applicazione Android sono cinque: Activity Intent Broadcast Receiver Service Content Provider 2 Activity (1/3)

Dettagli

Un sistema di identificazione basato su tecnologia RFID

Un sistema di identificazione basato su tecnologia RFID tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ch.mo prof. Massimo Ficco candidato Alessandro Ciasullo Matr. 831/166 Obiettivo Progettazione ed implementazione

Dettagli

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS)

Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) 2014 Manuale LiveBox CLIENT DESKTOP (WINDOWS) LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di

Dettagli

Manuale d uso e configurazione

Manuale d uso e configurazione Manuale d uso e configurazione Versione 1.0 1 Introduzione Questa applicazione consente di gestire le principali funzioni delle centrali Xpanel, imx e Solo da un dispositivo mobile dotato di sistema operativo

Dettagli

INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE DURC CLIENT PEC E FIRMA DIGITALE

INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE DURC CLIENT PEC E FIRMA DIGITALE Pag.1 INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE DURC CLIENT PEC E FIRMA DIGITALE Premessa La Cassa Edile può decidere se utilizzare o meno l invio dei DURC via PEC. Al momento dell installazione DURC Client è configurato

Dettagli

Manuale videoconferenza da Postazione di Lavoro

Manuale videoconferenza da Postazione di Lavoro Manuale videoconferenza da Postazione di Lavoro v. 3.1 INDICE 1 ACCOUNT PORTALE DI VIDEOCONFERENZA...2 1.1 Accesso al portale...2 1.1.1 Registrazione...3 2 COME UTILIZZARE IL CLIENT DA PC PATPHONE...4

Dettagli

Gara con presentazione di offerta valutata secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (gara in due tempi)

Gara con presentazione di offerta valutata secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (gara in due tempi) Gara con presentazione di offerta valutata secondo il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa (gara in due tempi) Manuale per i Fornitori INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 DEFINIZIONI... 3 2 ACCESSO

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEL FASCICOLO TELEMATICO

GUIDA ALLA GESTIONE DEL FASCICOLO TELEMATICO GUIDA ALLA GESTIONE DEL FASCICOLO TELEMATICO Per poter visualizzare le proprie pratiche cliccare sulla voce Elenco delle pratiche del menù Pratiche. Si accede alla seguente pagina: La pagina presenta varie

Dettagli

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione

Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Impostare il browser per navigare in sicurezza Opzioni di protezione Data la crescente necessità di sicurezza e tutela dei propri dati durante la navigazione in rete, anche gli stessi browser si sono aggiornati,

Dettagli

BriscoParse. Un linguaggio per descrivere partite di Briscola a 4 giocatori. Linguaggi e Modelli Computazionali LS. Marco D Alessandro

BriscoParse. Un linguaggio per descrivere partite di Briscola a 4 giocatori. Linguaggi e Modelli Computazionali LS. Marco D Alessandro BriscoParse Un linguaggio per descrivere partite di Briscola a 4 giocatori. Linguaggi e Modelli Computazionali LS Marco D Alessandro 1 Obiettivo del Progetto Sviluppare un Linguaggio semplice che permetta

Dettagli

PRODUZIONE PAGELLE IN FORMATO PDF

PRODUZIONE PAGELLE IN FORMATO PDF Requisiti minimi: PRODUZIONE, FIRMA E PUBBLICAZIONE DELLA PAGELLA ELETTRONICA CON ALUNNI WINDOWS PRODUZIONE PAGELLE IN FORMATO PDF Argo Alunni Windows aggiornato alla versione più recente. Adobe PDF CREATOR,

Dettagli

INSTALLAZIONE DEL NUOVO SERVIZIO VPN VIRTUAL PRIVATE NETWORK (sistemi Windows e Android)

INSTALLAZIONE DEL NUOVO SERVIZIO VPN VIRTUAL PRIVATE NETWORK (sistemi Windows e Android) INSTALLAZIONE DEL NUOVO SERVIZIO VPN VIRTUAL PRIVATE NETWORK (sistemi Windows e Android) In questa guida trovi le istruzioni per installare il nuovo servizio di VPN su dispositivi con sistema operativo

Dettagli

Guida rapida. GPS Tracker Android App. Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria http://its.unical.

Guida rapida. GPS Tracker Android App. Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria http://its.unical. Guida rapida GPS Tracker Android App 2015 Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria http://its.unical.it/mototracker SOMMARIO Prefazione... 3 Avvio dell applicazione... 4 Funzioni principali...

Dettagli

Gestione Informatizzata degli Esami di teoria per il Conseguimento e la Revisione della patente di guida A e B

Gestione Informatizzata degli Esami di teoria per il Conseguimento e la Revisione della patente di guida A e B Gestione Informatizzata degli Esami di teoria per il Svolgimento Esami Guida Operativa Esaminatore Aggiornamenti Gennaio 2011 INDICE Gestione degli Esami di Teoria per il 1. INTRODUZIONE ALL USO DELLA

Dettagli

tesi di laurea Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Pasquale Ludi Matr. 534\000438

tesi di laurea Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Pasquale Ludi Matr. 534\000438 tesi di laurea Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Pasquale Ludi Matr. 534\000438 Obbiettivi del progetto: Sviluppo di un applicazione Flex in AdobeFlashBuilder

Dettagli

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Manuale per l'accesso ai servizi di posta elettronica e intranet da postazioni esterne per dipendenti non in Versione 1.4

Dettagli

Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing

Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing tesi di laurea Implementazione di un servizio VoIP in ambienti SOA per mobile computing Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore ing. Marcello Cinque candidato Vittorio

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015

Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 ESERCITAZIONE DIAGRAMMI UML INGEGNERIA DEL SOFTWARE Università degli Studi di Padova Dipartimento di Matematica Corso di Laurea in Informatica, A.A. 2014 2015 rcardin@math.unipd.it DIAGRAMMI DEI CASI D

Dettagli

Ingegneria del Software 5. Esercizi sui casi d uso. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15

Ingegneria del Software 5. Esercizi sui casi d uso. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 Ingegneria del Software 5. Esercizi sui casi d uso Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 formulazione Per motivi di sicurezza, un organizzazione ha deciso di realizzare un sistema

Dettagli

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it -

ARGO DOC Argo Software S.r.l. e-mail: info@argosoft.it - 1 ARGO DOC ARGO DOC è un sistema per la gestione documentale in formato elettronico che consente di conservare i propri documenti su un server Web accessibile via internet. Ciò significa che i documenti

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE

ISTRUZIONI OPERATIVE ISTRUZIONI OPERATIVE 1 Come richiedere l abilitazione al portale www.posteprocurement.it L Impresa interessata, per richiedere l abilitazione al portale www.posteprocurement.it, dovrà: a) compilare il

Dettagli

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android...

Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... Sommario Indruduzione... 1 Il modulo Bluetooth HC-06... 2 Il firmware... 3 Collegamento della scheda... 4 Software PC e l applicazione Android... 4 Indruduzione La scheda può controllare fino a quattro

Dettagli

Progettazione di Applicazioni Web

Progettazione di Applicazioni Web 1 Argomenti della lezione Progettazione di Applicazioni Web Sviluppo delle applicazioni Processo di sviluppo Formalismi grafici di supporto diagrammi UML (cenni) Scelta dell architettura Sviluppo di applicazioni

Dettagli

Oltre al database dobbiamo provvedere al backup dei file presenti sul server. Per fare questo abbiamo bisogno di un client FTP (ad es. FileZilla).

Oltre al database dobbiamo provvedere al backup dei file presenti sul server. Per fare questo abbiamo bisogno di un client FTP (ad es. FileZilla). WORDPRESS Backup completo Premessa La procedura per eseguire correttamente il backup si divide in due fasi: backup dei file del sito backup del database SQL. Software e plugin necessari WordPress, purtroppo,

Dettagli

CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08

CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08 CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08 Microsoft Windows Funzionalità di un S.O. Gestione dei file Gestione dei dispositivi di ingresso/uscita Comandi per l attivazione e la gestione di programmi

Dettagli

Analisi dei Requisiti

Analisi dei Requisiti Analisi dei Requisiti Pagina 1 di 16 Analisi dei Requisiti Indice 1 - INTRODUZIONE... 4 1.1 - OBIETTIVO DEL DOCUMENTO...4 1.2 - STRUTTURA DEL DOCUMENTO...4 1.3 - RIFERIMENTI...4 1.4 - STORIA DEL DOCUMENTO...4

Dettagli

Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13

Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13 Raccolta dei Requisiti con i Casi D'uso Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/13 I casi d uso I casi d'uso (use case) sono una tecnica utilizzata per identificare i requisiti funzionali

Dettagli

GUIDA AL PRONTUARIO MOBILE

GUIDA AL PRONTUARIO MOBILE GUIDA AL PRONTUARIO MOBILE 1 SOMMARIO Installazione...3 Configurazione...3 Utilizzo...3 Note...10 INDICE DELLE FIGURE Figura 1: schermata di presentazione...4 Figura 2: schermata di login...4 Figura 3:

Dettagli

Moodle per docenti. Indice:

Moodle per docenti. Indice: Abc Moodle per docenti Indice: 1. 2. 3. 4. ACCEDERE ALL INTERNO DELLA PIATTAFORMA MOODLE. pag 1 INSERIRE UN FILE (es. Piano di lavoro e Programmi finali)... pag 4 ORGANIZZARE UN CORSO DISCIPLINARE (inserire

Dettagli

Guida all utilizzo di mysm 2.0. Ver 1.0 1

Guida all utilizzo di mysm 2.0. Ver 1.0 1 Guida all utilizzo di mysm 2.0 Ver 1.0 1 COSA E? mysm è uno strumento che permette di visualizzare i progetti, l elenco dei punti vendita (Point Of Sale) e il corrispondente stato di avanzamento lavori

Dettagli

REGOLAMENTO HOLD EM SHOWDOWN

REGOLAMENTO HOLD EM SHOWDOWN REGOLAMENTO HOLD EM SHOWDOWN Descrizione della fase iniziale Lo scopo del gioco Hold Em Showdown è quello di scegliere la parte (Banco o Avversario) che otterrà una mano di cinque carte contenente una

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

Realizzazione di un applicazione per la stesura di un Business Plan

Realizzazione di un applicazione per la stesura di un Business Plan tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Vincenzo Malzone Matr. 534/1173 Obiettivi Realizzare un applicazione desktop per la stesura di un documento di

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli

developed by Emanuele De Carlo

developed by Emanuele De Carlo developed by Emanuele De Carlo WorkGym è un Software sviluppato in JAVA pensato per migliorare la gestione di piccole e grandi palestre. Il suo principale scopo è quello di mantenere un DataBase contenente

Dettagli

PROGETTI AGGIUNTIVI PER IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI AGGIUNTIVI PER IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI AGGIUNTIVI PER IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Remote Administrator... 2 2 Sistema di Prenotazione Ricevimento studenti... 3 3 Remote Teaching... 4 4 Gioco online: UNO...

Dettagli

Fast Query Manuale Utente. Fast Query Manuale Utente

Fast Query Manuale Utente. Fast Query Manuale Utente Fast Query Manuale Utente Paragrafo-Pagina di Pagine 1-1 di 10 Versione 2 del 24/02/2010 SOMMARIO 1 A Chi è destinato... 1-3 2 Pre requisiti... 2-3 3 Obiettivi... 3-3 4 Durata della formazione... 4-3 5

Dettagli

VERIS. Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione -

VERIS. Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione - Manuale Utente - Verifica Emissibilità, Inquiry Revoche - - Installazione e gestione - Indice 1. Scopo e campo di applicazione...3 2. Riferimenti...3 3. Definizioni e acronimi...3 4. Introduzione...3 5.

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Manuale di Desktop Sharing. Brad Hards Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Desktop Sharing. Brad Hards Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Brad Hards Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Desktop Sharing 7 3.1 Gestione degli inviti di Desktop Sharing.........................

Dettagli

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 38 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCARICO DEL SOFTWARE 4 2.1 AMBIENTE WINDOWS 5 2.2 AMBIENTE MACINTOSH 6 2.3 AMBIENTE

Dettagli

Studi di Settore. Nota Operativa 22/4/2013

Studi di Settore. Nota Operativa 22/4/2013 Nota Operativa Studi di Settore 22/4/2013 Sommario Valutazione casistiche... 2 Errore di connessione... 2 Sistema operativo non aggiornato... 2 File non installato client... 2 File non installato server...

Dettagli

SMS Pannello controllo Web. Il Manuale

SMS Pannello controllo Web. Il Manuale SMS Pannello controllo Web Il Manuale Vengono Chieste User e Password (le stesse vengono fornite dopo l'attivazione del servizio) dopo il login accederemo al pannello di controllo Tutte le funzioni sono

Dettagli

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH

LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH F42-LAB-pag 11-13-ok 27-04-2006 16:15 Pagina 11 LA SCHEDA DEL MODULO BLUETOOTH COMPONENTI 1. Il componente allegato a questo fascicolo è il più sofisticato di tutta la fase di assemblaggio: con esso il

Dettagli

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006 tesi di laurea Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Massimo Ficco candidato Giorgio

Dettagli

BACHI SPAZIALI. Adatto a sviluppare le capacità di lettura e scrittura

BACHI SPAZIALI. Adatto a sviluppare le capacità di lettura e scrittura BACHI SPAZIALI Adatto a sviluppare le capacità di lettura e scrittura Collana di programmi educativi su personal computer per facilitare l'apprendimento AZIENDA USL Città di Bologna Centro regionale per

Dettagli

La specifica del problema

La specifica del problema 2.9 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: esame del problema Iniziamo ora a esaminare il nostro caso di studio di progettazione e implementazione orientate agli oggetti. Le sezioni Pensare a

Dettagli

Le principali novità di Word XP

Le principali novità di Word XP Le principali novità di Word XP di Gemma Francone supporto tecnico di Mario Rinina Il programma può essere aperto in diversi modi, per esempio con l uso dei pulsanti di seguito riportati. In alternativa

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 9 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 9 - Sistemi Web per il turismo - lezione 9 - Nelle lezioni precedenti abbiamo visto diversi aspetti che una DMO deve affrontare per promuovere una destinazione oppure dei servizi attraverso un sito Web. Abbiamo

Dettagli

Sistema di Accesso Unico ai Bandi

Sistema di Accesso Unico ai Bandi Sistema di Accesso Unico ai Bandi Guida al sistema Servizi Informatici [Ver. 2] Il sistema informatico di Accesso Unico Bandi Il nuovo sistema informatico di Accesso Unico ai Bandi progettato e sviluppato

Dettagli

PhoneSuite Manuale dell utente. Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite

PhoneSuite Manuale dell utente. Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite PhoneSuite Manuale dell utente Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite Il software PhoneSuite può essere utilizzato direttamente da CD o essere installato sul PC. Quando si

Dettagli

Lab. Programmazione Sistemi Mobili e Tablets

Lab. Programmazione Sistemi Mobili e Tablets Lab. Programmazione Sistemi Mobili e Tablets Anno Accademico : 2011-2012 Matricola Studente: De Guidi Enrico 156464 Titolo del Progetto: Let s go Data:04/09/12 Introduction: Let s go è un applicazione

Dettagli

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Sistema inoltro telematico Manuale utente Versione 10 Data aggiornamento: 14/09/2012 Pagina 1 (25) Sommario 1. Il sistema di inoltro telematico delle

Dettagli

Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE

Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE Sistema di gestione Certificato MANUALE PER L'UTENTE Pagina 1 di 16 Indice 1 Introduzione...3 2 Genera certificato...4 3 Sospendi certificato...10 4 Riattiva certificato...12 5 Revoca certificato...14

Dettagli

FASI DA ESEGUIRE ON-LINE

FASI DA ESEGUIRE ON-LINE FASI DA ESEGUIRE ON-LINE a) registrazione del candidato mediante apposito link presente sul portale della Regione Basilicata e rilascio delle credenziali di accesso necessarie per procedere alla candidatura

Dettagli

Procedure Bandi Offerta Formativa 2011-2012

Procedure Bandi Offerta Formativa 2011-2012 Procedure Bandi Offerta Formativa 2011-2012 ACCESSO AI CORSI DI STUDIO Sotto il profilo del tipo di accesso, i Corsi di Studio si distinguono in: Corsi di Laurea, Laurea Magistrale, Laurea Magistrale a

Dettagli

PROCEDURA. progetto pyou card MANUALE OPERATORE POS

PROCEDURA. progetto pyou card MANUALE OPERATORE POS PROCEDURA progetto pyou card MANUALE OPERATORE Vers. 0.3 del 04/12/2012 VERSIONI Versione Data Autore Modifiche Apportate 0.1 25/10/2012 Fabio Bachetti Prima stesura 0.2 13/11/2012 Fabio Bachetti Aggiornamento

Dettagli