La TUNISIA in cifre 2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La TUNISIA in cifre 2013"

Transcript

1 N U OVA T U N ISI A N UO V E O P P O RT UNI T À

2 INVEST IN TUNISIA

3 La TUNISIA in cifre 2013 Popolazione Speranza di vita Capitale Lingua ufficiale Lingue parlate correntemente Moneta Tasso di cambio (media 2013) Orario Clima : 10,9 milioni di abitanti : 75 anni : Tunisi : arabo : francese, inglese, italiano e tedesco : dinaro tunisino (TND) : 1 TND = 0,463 Euro = 0,615 USD : GMT+1 : mediterraneo, 12 C d inverno, 30 C d estate (in media) Fonte: Istituto Nazionale delle Statistiche PIL Tasso di crescita : 2,6 % Reddito procapite Esportazioni Importazioni : ,900 MTND (al prezzo corrente) : 7 152,900 TND : ,000 MTND (al prezzo corrente) : ,000 MTND (al prezzo corrente) MTND: milioni di dinari tunisini Fonte: Ministero dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale Flusso degli IDE Nuovi posti di lavoro : 1 815,000 MTND : posti di lavoro Fonte: FIPA-Tunisia,

4 Nuova TUNISIA, un sito d investimento attrattivo I GRANDI GRUPPI CHE HANNO ACCORDATO LA LORO FIDUCIA ALLA TUNISIA: 02 UNA COMPETITIVITÀ ECONOMICA CONFERMATA Il rapporto Doing Business 2014 classifica la Tunisia alla 51 a posizione fra 189 paesi, posizionandosi così a capo dei paesi del Maghreb. Classifica sulle agevolazioni nel creare business Economie posizione Germania 21 Francia 38 TUNISIA 51 Spagna 52 Italia 65 Turchia 69 Romania 73 Marocco 87 Egitto 128 Algeria 153 Fonte: rapporto Doing Business 2014, capire le normative per le piccole e medie imprese, Banca Mondiale L ATTRATTIVA DEGLI IDE L investimento estero non è nuovo in Tunisia, le prime imprese europee hanno cominciato di insediarsi a partire dall inizio degli anni 70. Da quel momento, imprese estere, hanno scelto di insediarisi in Tunisia assicurando più di posti di lavoro. Qui hanno trovano infatti un ambiente paragonabile a quello di numerosi paesi del sud dell Europa con molteplici vangaggi. Distribuzione degli IDE per settore nel 2013 (escus oil settore dell energia) In MTND Fonte: FIPA Tunisia, 2014 AEROLIA, AKZO NOBEL, ASTEEL, AUTOLIV, AVENTIS SANOFI, BAXTER, BENETTON, BG, BIC, BNP, CROWN CORK, DANONE, DRÄXLMAIER, ELECTROLUX, ESSO, FAURECIA, FRAM, GENERAL ELECTRIC, GM, GROUPE BPCE, HAIER, HEINEKEN, HENKEL, HUTCHINSON, JOHNSON CONTROLS, KASCHKE, KBE ELEKTROTECHNIK, KROMBERG & SCHUBERT, LACROIX ELECTRONICS, LATECOERE, LEAR CORPORATION, LEONI, LUCENT TECHNOLOGIES, MICROSOFT, MIROGLIO, NESTLE, ORANGE, PFIZER, PHILIPS, PHOENIX, RIEKER, SAFRAN, SCANIA, SEWON, SIEMENS, SIOEN, SOCIETE GENERALE, SOMFY, ST MICROELECTRONICS, STREAM, SUMITOMO, TELEPERFORMANCE, THOMSON MULTIMEDIA, TOTAL, TOYOTA TSUSHO, UNILEVER, VALEO, VAN DE VELDE, VAN LAACK, VOLVO, YAMAICHI ELECTRONICS, YAZAKI, YURA CORPORATION, ZODIAC, 3 SUISSES

5 Nuova New TUNISIA, always aperta open al mondo to the outside UN INTEGRAZIONE REGIONALE ED INTERNAZIONALE La Tunisia è Membro fondatore dell Organizzazione mondiale del Commercio dal UNA POSIZIONE GEO-STRATEGICA Ad un ora di volo dall Europa e a meno di tre ore di volo dalle grandi città del Medio Oriente, la Tunisia è la destinazione prescelta da coloro che decidono di accedere ad un mercato di 800 milioni di consumatori. Con km di coste, la Tunisia è un paese naturalmente e storicamente aperto verso l esterno. Le sue esportazioni ammontano ad oltre il 46 % del suo PIL. UNO STATUS DI PARTNER PRIVILEGIATO CON L UNIONE EUROPEA L Unione europea è il primo partner economico e commerciale del paese. Dopo l accordo d associazione e di libero scambio con l Unione Europea firmato nel 1995, la Tunisia ha avuto accesso, nel novembre 2012, allo status di partner privilegiato. Questo status le concede vantaggi commerciali, rafforza i suoi accordi economici con l UE e dà così alle sue esportazioni la priorità sui mercati europei. La Tunisia è firmataria di 52 convenzioni di non-doppia imposizione e 54 accordi bilaterali di promozione e di protezione degli investimenti. La Tunisia è firmataria di numerosi accordi commerciali bilaterali e multilaterali che contribuiscono al consolidamento della sua posizione e della sua adesione nel quadro internazionale e regionale, tra i quali: l accordo bilaterale che istituisce una zona di libero scambio con la Turchia; l accordo di libero scambio d Agadir tra la Giordania, l Egitto, il Marocco e la Tunisia firmato nel 2004; gli accordi bilaterali con la Libia e l Iraq, e altri accordi siglati in particolare con i paesi del Golfo che istituiscono una zona di libero scambio. La Tunisia è anche membro del CIRDI e ha aderito recentemente, in maggio 2012 alla Dichiarazione dell OCDE e le sue decisioni sull investimento internazionale e le imprese multinazionali. UN HUB REGIONALE La Tunisia è un sito privilegiato per gli investitori che desiderano accedere ai mercati limitrofi come quello libico e algerino. La Libia costituisce oggì il secondo partner commerciale della Tunisia, dopo l UE. 03

6 Nuova TUNISIA, collegamenti logistici efficienti Tabarka Jendouba Tozeur Béja El Kef Kasserine Gafsa Kébili Bizerte Tunis Kélibia Nabeul Zaghouan Hammamet Siliana Enfidha Sousse Kairouan Monastir Mahdia El Djem Sidi Bouzid Sfax Skhira Gabès Jerba Zarzis Mednine Tataouine UN INFRASTRUTTURA RILEVANTE IN NETTO MIGLIORAMENTO La Tunisia dispone di nove aeroporti internazionali che coprono tutto il territorio. Il più importante aeroporto è quello di Tunisi Carthage. Un centinaio di compagnie aeree estere assicurano più di voli settimanali dalla Tunisia verso l Europa. L infrastruttura marittima si compone di sette porti commerciali e di un terminal petrolifero. La rete stradale è costituita di km di strade bitumate e di 360 km di autostrade sull insieme del territorio. La rete ferroviaria conta km e copre l insieme del paese. ZONE INDUSTRIALI ALTAMENTE SPECIALIZZATE dall aeroporto di Gerba; un parco dedicato all industria aeronautica a El Mghira (periferia di Tunisi); un centinaio di zone industriali ripartite su tutto il paese. UNA RETE DI TELECOMUNICAZIONI PERFORMANTE Tutti i tipi di reti sono disponibili in Tunisia, ciò permette alle imprese estere di stabilire legami di comunicazione con quasi tutti i punti del mondo a costi vantaggiosi. La rete delle telecomunicazioni della Tunisia è considerata fra le reti più moderne nel bacino mediterraneo, dotata di commutatori multifunzionali ad alto debito che assicurano nello stesso tempo il traffico telefonico, Internet e le applicazioni multimedia. Principali città Autostrade Autostrade in costruzione Straote principali Ferrovie Porti Aeroporti La Tunisia conta: dieci poli di competitività o tecnopoli operativi, ripartiti sul territorio (Ariana, Borj Cédria, Sidi Thabet, Sousse, Sfax, Monastir, Bizerta, Gafsa, Gabès e Médenine) e due in corso di costruzione così come 15 cyberparchi imperniati sulle tecnologie della comunicazione; due parchi di attività economiche operativi con servizi di alta qualità: il parco di Bizerta che è situato nella zona del porto della città (a 60 km dall aeroporto di Tunisi) e quello di Zarzis che si trova a una mezz ora 04

7 Nuova New TUNISIA, un always vivaio open di talenti to the outside UN SISTEMA EDUCATIVO DALLE GRANDI PRESTAZIONI L istruzione in Tunisia è gratuita ed accessibile a tutti. Il 99 % dei giovani tunisini sono scolarizzati. Lo Stato Tunisino consacra oltre il 20 % del suo budget annuale all istruzione studenti (di cui 62,3 % sono studentesse) sono iscritti alle Università ripartite sull insieme del territorio tunisino. Circa centri di formazione professionale (pubblici e privati), assicurano la formazione di apprendisti e stagisti nelle centinaie di specialità che coprono l insieme dei settori economici. UN VIVAIO DI DIPLOMATI A FORTE POTENZIALE Più di nuovi diplomati all anno raggiungono il mercato del lavoro con un multilinguismo eccezionalmente elevato. Il 35 % dei diplomati sono provenienti dalle discipline dell ingegneria, delle scienze dell informatica, delle comunicazioni così come dalle altre discipline tecniche. Più di dei diplomati sono ingegneri. Disponibilità di scienziati ed ingegneri sul mercato del lavoro 1:disponibilità debole, 7:disponibilità ampia posizione Paese Punteggio 22 Tunisia 4,8 Abbiamo fiducia nei nostri gruppi di lavoro, a tutti livelli della gerarchia. Lavorano in modo autonomo, con molto coinvolgimento. E il frutto del dialogo sociale, degli incentivi alla progressione, della possibilità di fare emergere le idee ed i talenti. Sig. Gaby LOPEZ, Direttore di ZODIAC EQUIPEMENTS TUNISIE, marzo 2013 COMPETENZE IN R&S In Tunisia, lo stipendio di un ingegnere principiante pari a circa 600 e quello di un tecnico superiore principiante è di 350. Lo stipendio minimo interprofessionale garantito SMIG è circa di Francia 4,8 29 Italia 4,7 39 Marocco 4,5 53 Turchia 4,4 56 Egitto 4,4 Fonte: rapporto sulla competitività globale , WEF Numerose imprese internazionali possiedono già centri di competenze in Tunisia: ST MICROELECTRONICS, ACTIA, ALCATEL, LEONI, KROMBERG & SCHUBERT, SAGEM, SIEMENS e ZODIAC EQUIPEMENTS TUNISIE che impiegano migliaia di ingegneri e di responsabili tunisini. 05

8 Nuova TUNISIA, un sistema d affari favorevole NUMEROSI INCENTIVI ALL INVESTIMENTO La legislazione tunisina in materia d investimento offre: molteplici incentivi fiscali, tra cui: 10 anni di esonero dell imposta sui benefici per i progetti agricoli esonero dell imposta durante dieci o cinque anni, per i progetti insediati nelle zone di sviluppo regionale, e secondo la priorità della zona tassazione a tasso ridotto del 10 % sui benefici provenienti dall esportazione. premi d investimento per i progetti industriali nelle zone di sviluppo regionale e per i progetti turistici e agricoli; presa a carico dello Stato dei contributi padronali e delle spese d infrastruttura nelle zone di sviluppo regionale; presa a carico dello Stato del costo della formazione professionale che rappresenta fino a 50 % del costo della formazione iniziale e fino a 25 % del costo della formazione continua; sovvenzioni all investimento per la protezione dell ambiente, la promozione della tecnologia e della R&S, lo sviluppo regionale o agricolo UN AMBITO NORMATIVO E LEGISLATIVO FAVOREVOLE ALL INVESTIMENTO La normativa tunisina garantisce: la libertà d investimento nella maggior parte dei settori la semplicità nelle procedure d insediamento le agevolazioni d importazione e d esportazione (le imprese totalmente esportatrici sono considerate come punti franchi) la protezione della proprietà intellettuale la flessibilità nelle procedure di assunzione corrente convertibilità del dinaro tunisino... 06

9 Nuova New TUNISIA, una always modernità open to the ben outside radicata IL PACIFISMO DEL POPOLO TUNISINO La Tunisia è un paese pacifico che non ha mai conosciuto guerre dopo le guerre puniche. Iniziatore della primavera araba, il popolo tunisino ha diretto la prima rivoluzione del 21 secolo la Rivoluzione del Gelsomino in modo pacifico e rimane esemplare ed unica nel mondo per tanti aspetti. I Tunisini sono gli eredi diretti di numerose civiltà che si sono succedute nei secoli. Hanno modellato la loro personalità e hanno trasmesso, attraverso le generazioni, non soltanto i valori nobili come l ospitalità, la tolleranza e la gioia di vivere, ma anche lo spirito di creazione e d iniziativa, la determinazione nel riuscire e, soprattutto, la capacità di adattamento. UN QUADRO DI VITA PIACEVOLE Oltre alla mitezza del clima ed alla varietà dei paesaggi, la Tunisia è dotata di tutte le strutture e le comodità necessarie affinché l investitore estero viva comodamente e si senta a casa sua: quartieri residenziali moderni con alloggi a costi ragionevoli; numerosi centri commerciali e supermercati che offrono i prodotti più vari; scuole estere (francesi, canadesi, inglesi, italiane ed americane), oltre ad un importante infrastruttura educativa pubblica e privata tunisina; prestazioni mediche di alto livello con una rete di cliniche moderne e specialistiche che offrono cure di ogni tipo; una varietà di attività sportive con un infrastruttura sportiva sviluppata; un pregiato patrimonio archeologico; numerosi festival internazionali; un importante infrastruttura ricettivo - turistica. UNA SOCIETÀ ALL AVANGUARDIA Coniugando perfettamente modernità e tradizione, la Tunisia è stata sempre all avanguardia nelle sue scelte di società. E il primo paese arabo ad avere: abolito la schiavitù nel 1846; elaborato una costituzione nel 1861; garantito i diritti della donna con la promulgazione nel 1956 del Codice dello Statuto Personale; dato il diritto di voto alle donne nel

10 Nuova TUNISIA, un futuro promettente La Tunisia rimane sempre una destinazione privilegiata per gli investitori esteri, garantendo maggiori opportonità. Il nuovo contesto Tunisino offre a loro un nuovo ambiente grazie: all adozione di una nuova Costituzione, frutto di un consenso tra le differenti correnti politiche e la società civile, con un testo che rivela disposizioni progressiste uniche nel mondo arabo, come l uguaglianza tra cittadini e cittadine, la libertà di coscienza o la condivisione del potere esecutivo; la costituzione e il rafforzamento di istituzioni democratiche fondate sul pluralismo, l uguaglianza, la libertà, la partecipazione di tutte le componenti della società civile alla vita politica, oltre al rafforzamento della gestione delle pubbliche amministrazioni nel senso del consolidamento del decentramento del processo decisionale, l eliminazione delle pratiche arbitrarie così come l orientamento verso il consolidamento dei principi di buona condotta, di trasparenza e di equa distribuzione della ricchezza tra tutte le categorie sociali e le regioni del paese; il lancio di grandi progetti che si articolano intorno all infrastruttura e allo sviluppo sostenibile così come i settori produttivi e lo sviluppo umano, in un sistema che favorisce gli investimenti diretti e il partenariato pubblico-privato; 08 l apertura di nuovi settori all investimento estero come il settore finanziario, i settori delle energie rinnovabili, e quelli della sanità o ancora della cultura... La Tunisia: fonte d ispirazione per il mondo. Sig. Jim Yong KIM, Presidente della Banca Mondiale, gennaio 2013 L esempio Tunisino può essere un modello per gli altri popoli che aspirano alle riforme. Sig. Ban KI-MOON, Segretario Generale dell ONU, gennaio 2014

11 Edizione 2014 Progetto Grafico

12 LONDRA COLOGNA BRUSSELS PARIGI MILANO ISTANBUL MADRID TUNISI Agenzia di Promozione dell Investimento Estero Rue Salaheddine El Ammami Centre Urbain Nord, 1004 Tunis - Tunisia Tel: (216) Fax: (216) TOKYO FIPA-Brussels FIPA-Cologna FIPA-Istanbul FIPA-Londra FIPA-Madrid FIPA-Milano FIPA-Parigi FIPA-Tokyo INVEST IN TUNISIA

NUOVA TUNISIA NUOVE OppOrTUNITà

NUOVA TUNISIA NUOVE OppOrTUNITà NUOVA TUNISIA NUOVE Opportunità NUOVA TunisiA NUOVE opportunità La TUNISIA in cifre 2012 Popolazione Speranza di vita Capitale Lingua ufficiale Lingue parlate correntemente Moneta Tasso di cambio (media

Dettagli

L Area MEDA IL Caso TUNISIA

L Area MEDA IL Caso TUNISIA L Area MEDA IL Caso TUNISIA Ing.Enrico Ottolini Esperto settoriale Progetto 5 Technopoli tunisine Università Insubria 18 dicembre 2006 I dati di base Superficie 162 155 Km2 ( ca. metà dell Italia) Popolazione

Dettagli

L INDUSTRIA AERONAUTICA. in Tunisia... invest in Tunisia

L INDUSTRIA AERONAUTICA. in Tunisia... invest in Tunisia L INDUSTRIA AERONAUTICA in Tunisia... invest in Tunisia invest in Tunisia Un industria in espansione 9 000 posti di lavoro 65 imprese Il settore aeronautico in Tunisia conosce da un decennio una reale

Dettagli

elettrica, elettronica in Tunisia Invest in Tunisia

elettrica, elettronica in Tunisia Invest in Tunisia elettrica, elettronica e dei prodotti elettrodomestici in Tunisia Invest in Tunisia Un settore performante Considerata come un settore importante dell economia tunisina, l industria elettrica, elettronica

Dettagli

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012 NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Milano, 09 maggio 2012 L ITALIA 2 partner economico della Tunisia 2 Cliente 2 Investitore 25 % il numero delle

Dettagli

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Lugano, 22 maggio 2012

NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA. Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Lugano, 22 maggio 2012 NUOVA TUNISIA NUOVE OPPORTUNITA Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale di FIPA Tunisia Milano Lugano, 22 maggio 2012 OGGI, LA TUNISIA DISPONE DI NUOVI VALORI PER SVILUPPARE LA COOPERAZIONE CON I NOSTRI

Dettagli

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5.

1. Orientamento alle esportazioni. 2. Esperienza turistica. 3. Impegno verso l ambiente. 4. Comunicazioni di livello mondiale. 5. 1. Orientamento alle esportazioni Oggi il Cile detiene il primato mondiale per quanto riguarda la rete di trattati di libero scambio commerciale: oltre venti accordi sottoscritti con sessanta paesi, e

Dettagli

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano

c ntr t o r ll l a l ta t d al l G o G ve v rn r o I t I a t li l ano Strumenti agevolati a supporto dello sviluppo industriale italiano in Tunisia Stefano ZOLETTO Studio Progetti d Impresa S.r.l. 1 SIMEST- L.100/90 E la finanziaria di sviluppo e promozione delle imprese

Dettagli

tecnologie in Tunisia Invest in Tunisia

tecnologie in Tunisia Invest in Tunisia tecnologie dell' informazione et della communicazione in Tunisia Le Invest in Tunisia La Tunisia dispone di un numero elevato di giovani diplomati le cui competenze e qualifiche nelle diverse filiere corrispondono

Dettagli

ThinkTunisia TIC & OUTSOURCING DI SERVIZI. >looking for growth? For a win - win partnership. www.thinktunisia.tn

ThinkTunisia TIC & OUTSOURCING DI SERVIZI. >looking for growth? For a win - win partnership. www.thinktunisia.tn >looking for growth? TIC & OUTSOURCING DI SERVIZI For a win - win partnership www.thinktunisia.tn Sguardi sul settore TIC & Outsourcing di servizi Settore in forte crescita Le tecnologie dell informazione

Dettagli

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI

DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA. Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI TAVOL TUNISIA DELLA COOPERAZIONE DECENTRATA Opportunità per gli investitori e Linea di credito per le PMI OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO IN TUNISIA L Unione Europea è il primo partner economico e commerciale

Dettagli

Con il sostegno del Programma di Modernizzazione Industriale, finanziato dall Unione europea. Agenzia di Promozione dell Investimento Estero

Con il sostegno del Programma di Modernizzazione Industriale, finanziato dall Unione europea. Agenzia di Promozione dell Investimento Estero Con il sostegno del Programma di Modernizzazione Industriale, finanziato dall Unione europea Agenzia di Promozione dell Industria Agenzia di Promozione dell Investimento Estero Centro di Promozione delle

Dettagli

- INCENTIVI FISCALI A FAVORE DELLE ESPORTAZIONI E DELLO SVILUPPO REGIONALE;

- INCENTIVI FISCALI A FAVORE DELLE ESPORTAZIONI E DELLO SVILUPPO REGIONALE; - INCENTIVI FISCALI A FAVORE DELLE ESPORTAZIONI E DELLO SVILUPPO REGIONALE; - PREMI D INVESTIMENTO PER I PROGETTI INDUSTRIALLI NELLE ZONE DI SVILUPPO REGIONALE E PER I PROGETTI TURISTICI E AGRICOLI; -

Dettagli

Smart Balkans Forum. Il clima del business e Fund raising in Albania

Smart Balkans Forum. Il clima del business e Fund raising in Albania Smart Balkans Forum Il clima del business e Fund raising in Albania 1 Perche l Albania? Ottima posizione strategica. Accesso al libero mercato - FTA (Accordo di libero scambio) assicurandosi l accesso

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

Sguardo sulla Banca europea per gli investimenti

Sguardo sulla Banca europea per gli investimenti Sguardo sulla Banca europea per gli investimenti In veste di banca dell UE, forniamo finanziamenti e consulenze per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi terzi. I nostri

Dettagli

Contesto generale. Economia

Contesto generale. Economia BOZZA v.20120401 Contesto generale Unione del Grande Maghreb, cioè Libia, Tunisia, Algeria, Marocco e Mauritania. Le lingue ufficiali dell'unione sono il francese e l'arabo La comunanza di lingua (francese)

Dettagli

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016

TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 TUNISIA Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2016 Tunisia 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2.

Dettagli

Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia

Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia Ottobre 2009 Le risposte alle domande più frequenti sulla Francia La France en questions 2 1 La Francia ha un economia aperta? 5 grande potenza economica mondiale, nel cuore di un mercato europeo di 500

Dettagli

Tunisia. Performance da condividere. La Tunisia in breve. La Tunisia all incrocio dei continenti. Una società del sapere

Tunisia. Performance da condividere. La Tunisia in breve. La Tunisia all incrocio dei continenti. Una società del sapere Invest in Tunisia Tunisia Performance da condividere 5 6 8 10 12 14 16 18 La Tunisia in breve Un economia dagli ottimi risultati e competitiva La Tunisia all incrocio dei continenti Una società del sapere

Dettagli

PRESS KIT 2013 Istituzionale

PRESS KIT 2013 Istituzionale PRESS KIT 2013 Istituzionale 1.Sviluppo Turistico Contenuti Legislazione turistica Piano di sviluppo territoriale Investimenti Formazione professionale Partenariato tra settore pubblico e privato Promozione

Dettagli

ThinkTunisia L INDUSTRIA TESSILE ABBIGLIAMENTO. >looking for growth? For a win - win partnership. www.thinktunisia.tn

ThinkTunisia L INDUSTRIA TESSILE ABBIGLIAMENTO. >looking for growth? For a win - win partnership. www.thinktunisia.tn >looking for growth? & L INDUSTRIA TESSILE ABBIGLIAMENTO For a win - win partnership www.thinktunisia.tn Sguardi sull industria Tessile & Abbigliamento Più di 2.000 imprese in attività Una grande capacità

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

LA COOPERAZIONE AMBIENTALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL MEDITERRANEO

LA COOPERAZIONE AMBIENTALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL MEDITERRANEO LA COOPERAZIONE AMBIENTALE PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL MEDITERRANEO Alessandra Bianchi Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Roma, 8 Novembre 2011 IL QUADRO GENERALE (1)

Dettagli

Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo. Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane

Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo. Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Lo Sviluppo delle PMI nel Bacino del Mediterraneo Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Antonio Ventresca a.ventresca@ice.it ICE - Agenzia per la promozione

Dettagli

Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013

Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 Informazioni generali e stato di attuazione 1. Le finalità Il Programma ENPI CBC Bacino del Mediterraneo 2007-2013 fa parte nella componente di cooperazione

Dettagli

VIP II La Residence Hergla, Tunisia

VIP II La Residence Hergla, Tunisia VIP II La Residence Hergla, Tunisia Un nuovo brand residence costruito in una zona della Tunisia che si sta rivelando interessante per gli investimenti esteri. Appartamenti mono, bi e trilocale. Prezzi

Dettagli

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa

Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane. Consulenza strategica all impresa Libia : opportunità settore industriale per le Imprese Italiane PREMESSA L economia italiana attraversa una fase di acuta recessione. Conseguentemente, le attività industriali produttive, eccetto quelle

Dettagli

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari L importanza dell economia paulista trascende le frontiere brasiliane. Lo Stato è una delle regioni più sviluppate di tutta l America

Dettagli

Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali TUNISIA. (il primo paese in libero scambio con l UE)

Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali TUNISIA. (il primo paese in libero scambio con l UE) Quadro economico & Opportunità Imprenditoriali in in TUNISIA (il primo paese in libero scambio con l UE) Livorno, Livorno, 18 18 Maggio Maggio 2010 2010 Ing. Ing. Hechmi Hechmi CHATMEN CHATMEN Delegato

Dettagli

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia

Approfondimento sui Programmi ENPI CBC MED ENPI Italia Tunisia DIPARTIMENTO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE ECONOMICADIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA REGIONALE UNITARIA COMUNITARIA Dipartimento della Qualità Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, dei Livelli

Dettagli

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita 1 Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita L Osservatorio semestrale della Società dell Informazione, realizzato da Federcomin, analizza semestralmente lo stato e le dinamiche

Dettagli

PERCHÉ INVESTIRE IN FRANCIA

PERCHÉ INVESTIRE IN FRANCIA PERCHÉ INVESTIRE IN FRANCIA UN PAESE SITUATO NEL CUORE DEL MERCATO EUROPEO CON UNA PORTA D ACCESSO ALL AREA EMEA 10 L ESSENZIALE IN PUNTI 1 UNA POTENZA ECONOMICA DI RANGO MONDIALE La Francia è la 2 a potenza

Dettagli

14-15 giugno 2012. Le Sfide da affrontare & le nuove Opportunità da cogliere. Hotel Ramada Plaza. Tunisi - Tunisia. Gammarth

14-15 giugno 2012. Le Sfide da affrontare & le nuove Opportunità da cogliere. Hotel Ramada Plaza. Tunisi - Tunisia. Gammarth 14-15 giugno 2012 Hotel Ramada Plaza Gammarth Tunisi - Tunisia La Nuova TUNISIA Le Sfide da affrontare & le nuove Opportunità da cogliere fipa.tunisia@fipa.tn www.investintunisia.tn www.tunisiainvestmentforum.tn

Dettagli

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000

GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 GECA GLOBAL CONSULTING suarl 76, Avenue Habib Bourghiba App. A1-1 2080 Ariana - TUNISIA MF: 1260762R/A/M/000 Chi siamo La GECA Global Consulting è una società di consulenza internazionale, costituita a

Dettagli

COOPERAZIONE ITALO-TUNISINA LINEA DI CREDITO A FAVORE DELLE PMI TUNISINE

COOPERAZIONE ITALO-TUNISINA LINEA DI CREDITO A FAVORE DELLE PMI TUNISINE COOPERAZIONE ITALO-TUNISINA LINEA DI CREDITO A FAVORE DELLE PMI TUNISINE CHE COS È LA LINEA DI CREDITO? È uno strumento finanziario del Ministero degli Affari Esteri italiano che mette a disposizione delle

Dettagli

APPALTI e CONCESSIONI

APPALTI e CONCESSIONI DOTAZIONE INFRASTRUTTURE: DATI UE E NAZIONALI L ISPO (Istituto per gli studi sulla Pubblica opinione) ha reso noti i dati di una ricerca comparata sulle infrastrutture, sia a livello comunitazio che nazionnale.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CATANIA. Spazio Euromediterraneo dell Istruzione, Alta Formazione e Ricerca

DICHIARAZIONE DI CATANIA. Spazio Euromediterraneo dell Istruzione, Alta Formazione e Ricerca DICHIARAZIONE DI CATANIA Spazio Euromediterraneo dell Istruzione, Alta Formazione e Ricerca Desiderando dare seguito agli orientamenti espressi nella Dichiarazione di Barcellona del 1995 che mira a trasformare

Dettagli

Settore. Metalmeccanico. in Tunisia

Settore. Metalmeccanico. in Tunisia Settore Metalmeccanico in Tunisia (Marzo 2012) 1 NOTA SUL SETTORE MECCANICO E METALMECCANICO IN TUNISIA. Il settore delle industrie meccaniche metalmeccaniche e metallurgiche tunisino (ad esclusione degli

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo Le priorità per il 2014-2019 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

Attività C.1.1. Attività C.1.1

Attività C.1.1. Attività C.1.1 Attività C.1.1 Attività C.1.1 Realizzazione di una indagine sullo stato dell'arte sulla legge e l'attuazione di procedure di qualità in campo economico euro-mediterraneo. Progetto AgroMed Quality Parte

Dettagli

Il Quadro delle Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA. Investite in Tunisia

Il Quadro delle Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA. Investite in Tunisia Il Quadro delle Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA SOMMARIO Competitività del sito Tunisia Gli investimenti Italiani in Tunisia Competitività del sito Tunisia Principali motivi per investire in Tunisia

Dettagli

TRASPORTI (MARITTIMO E TERRESTRE)

TRASPORTI (MARITTIMO E TERRESTRE) Section pour la Promotion des Echanges de l Ambassade d Italie Le Directeur NOTA DI MERCATO SUL SETTORE DEI TRASPORTI (MARITTIMO E TERRESTRE) IN TUNISIA Bureau de Tunis 3, rue De Russie 1000 tunis T +216

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere gli uomini e le donne poveri che vivono nelle aree rurali in condizione di raggiungere

Dettagli

TUNISIA. Quadro Economico & Opportunità Imprenditoriali in. (il primo paese in libero scambio con l UE) Genova, 06 Dicembre 2010

TUNISIA. Quadro Economico & Opportunità Imprenditoriali in. (il primo paese in libero scambio con l UE) Genova, 06 Dicembre 2010 Quadro Economico & Opportunità Imprenditoriali in TUNISIA (il primo paese in libero scambio con l UE) Ing. Hechmi CHATMEN Delegato Generale FIPA Tunisia Genova, 06 Dicembre 2010 L Agenzia per la Promozione

Dettagli

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria Milano, 16 Gennaio 2015 Per informazioni:

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi

Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi AGENZIA POLACCA PER GLI INVESTIMENTI ESTERI E L INFORMAZIONE Nuove opportunità d investimento in Polonia compreso il sistema di incentivi Iwona Chojnowska Haponik Direttore Dipartimento investimenti esteri

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners

S t ud io M a rt el li Ulissi & Partners Studio Martelli Ulissi & Partners Il Kazakhstan conseguita l indipendenza dall'unione Sovietica e terminato il periodo di transizione con la ristrutturazione organizzativa, economica e legislativa ha dato

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Private Banking e Fondi Immobiliari

Private Banking e Fondi Immobiliari 0 Private Banking e Fondi Immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari Il mercato dei fondi immobiliari nel mondo e in Europa Nel 2005 il portafoglio dei gestori professionali ha superato gli 800 mld di

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2012. anno 2011 centodiciottesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2012. anno 2011 centodiciottesimo esercizio. anno centodiciottesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2012 esercizio CXVIII Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centodiciottesimo esercizio

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria. 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini

G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria. 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini G.Bertoni - P. d Agata - G. Lauria 30 Parallelo: Mediterraneo e Medio Oriente, per crescere oltre i confini Milano, 8 luglio 2009 L Area MeG 30 Parallelo SIMEST - BNL Gruppo BNP Paribas - ASSAFRICA & MEDITERRANEO

Dettagli

Prospettive ed opportunità comunitarie nei sistemi di gestione portuale

Prospettive ed opportunità comunitarie nei sistemi di gestione portuale Prospettive ed opportunità comunitarie nei sistemi di gestione portuale Gian Angelo Bellati Segretario Generale di Unioncamere del Veneto 1/12 Considerazioni preliminari 1 in Europa è in atto un grande

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

LA FRANCIA È ATTRATTIVA

LA FRANCIA È ATTRATTIVA LA FRANCIA È ATTRATTIVA 10 L ESSENZIALE IN PUNTI 1 GLI INVESTITORI FRANCESI AMANO LA FRANCIA Nel 2014, 2 investitori stranieri su 3 ritengono che la Francia sia attrattiva, a differenza del rapporto di

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

Università della Tuscia

Università della Tuscia LO SVILUPPO ECONOMICO in Italia. e nel mondo: presente, passato, futuro Giuseppe GAROFALO Prof. di Economia politica Università della Tuscia Pil (miliardi di $ PPA base 1990) Anno: 2006 Parità poteri d

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

Fondazione Italia Cina

Fondazione Italia Cina Fondazione Italia Cina Una volta colte, le opportunità si moltiplicano Sun Tzu L OPPORTUNITÀ CINA Sin dall apertura agli investimenti esteri alla fine degli anni settanta, la Cina è cresciuta ad un tasso

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio

Roma 20 maggio 2015 ore 10.30. Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio Roma 20 maggio 2015 ore 10.30 Camera dei deputati Sala della Regina Piazza di Montecitorio La domanda estera sostiene l economia PIL E COMPONENTI DELLA DOMANDA IN ITALIA Variazioni congiunturali percentuali

Dettagli

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT

DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE. di Luca Laureti DRAFT IAI927 DOCUMENTI IAI UN INDICATORE PER IL COINVOLGIMENTO INTERNAZIONALE DELLE IMPRESE ITALIANE IN TERMINE DI COMMERCIO E IDE di Luca Laureti DRAFT Documento preparato nell ambito del programma di ricerca

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

FARE BUSINESS IN TURCHIA: la Cina Mediterranea. Informazioni generali. Superficie: kmq 783.562. Popolazione: 74.8 milioni di abitanti

FARE BUSINESS IN TURCHIA: la Cina Mediterranea. Informazioni generali. Superficie: kmq 783.562. Popolazione: 74.8 milioni di abitanti FARE BUSINESS IN TURCHIA: la Cina Mediterranea Informazioni generali Superficie: kmq 783.562 Popolazione: 74.8 milioni di abitanti Maggiori città: Istanbul (10.4 milioni), Ankara -capitale (3.846 milioni),

Dettagli

Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica. Russia: alcuni dati statistici CONSTAT CONSTAT. Mo sca. 600 miliardi USD RUBLO CAPITALE

Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica. Russia: alcuni dati statistici CONSTAT CONSTAT. Mo sca. 600 miliardi USD RUBLO CAPITALE Obiettivo Russia: Quadro della domanda turistica Russia: alcuni dati statistici CAPITALE Mo sca SUPERFICIE (kmq) 17 075 200 POPOLAZIONE 143 500 000 P.I.L. 600 miliardi USD TASSO DI INFLAZIONE 11,7 MONETA

Dettagli

Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione

Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione Roma 18 19 settembre 2014 Open Day Lab: avvio Laboratori di Co-progettazione 2 ERASMUS + Programma dell UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Come nasce? Erasmus+ è il

Dettagli

Nel 2014 vendite mondiali di PSA Peugeot Citroën in aumento del 4,3%, in crescita di 2,939 milioni di unità

Nel 2014 vendite mondiali di PSA Peugeot Citroën in aumento del 4,3%, in crescita di 2,939 milioni di unità Parigi, 15 gennaio 2015 Nel 2014 vendite mondiali di PSA Peugeot Citroën in aumento del 4,3%, in crescita di 2,939 milioni di unità - PSA Peugeot Citroën ha venduto 2,939 milioni di veicoli, in aumento

Dettagli

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria

Sinergie e risultati nel settore del farmaco. Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Sinergie e risultati nel settore del farmaco Massimo Boriero Gruppo Biotecnologie Farmindustria Roma, 22 maggio 2007 Dalle Biotecnologie per la Salute nuove possibilità di cura settore Science-based le

Dettagli

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI 66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI di FRANCESCO VERBARO Èdifficile trovare dei legami immediati tra microcredito e libere professioni. Eppure non è impossibile. Come ben sintetizzato dal Presidente

Dettagli

e delle calzature in Tunisia

e delle calzature in Tunisia L industria del cuoio e delle calzature in Tunisia Invest in Tunisia Un settore guida Ereditaria di una lunga tradizione di lavorazione del cuoio, la Tunisia oggi, si presenta come un sito di produzione,

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli

Aeroporti, mobilità e territorio

Aeroporti, mobilità e territorio Aeroporti, mobilità e territorio Unioncamere Roma 19 Febbraio 2014 Prof. Lanfranco Senn Direttore CERTeT Università Bocconi Presidente Gruppo CLAS Indice 1. I trend evolutivi del trasporto aereo in Italia

Dettagli

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007

Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Convegno Gli altri e noi: la sfida dell educazione interculturale Roma, 26-27 febbraio 2007 Quadro statistico: alunni con cittadinanza non italiana nelle scuole statali e non statali di Vinicio Ongini

Dettagli

Obiettivi strategici 2016 2020 del Consiglio federale per la fondazione Pro Helvetia

Obiettivi strategici 2016 2020 del Consiglio federale per la fondazione Pro Helvetia Obiettivi strategici 2016 2020 del Consiglio federale per la fondazione Pro Helvetia 1 Situazione iniziale 1.1 Basi Pro Helvetia è una fondazione di diritto pubblico dotata di personalità giuridica e contabilità

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa

INDICE. 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa INDICE 1. Agenzia di viaggi leader nel Sud Europa 2. Una storia di successo 3. Valori che fanno la differenza Prezzo Servizio clienti Sicurezza degli acquisti Facilità e flessibilità Innovazione e tecnologia

Dettagli

PROGRAMMA ITALIA -TUNISIA 2007-2013

PROGRAMMA ITALIA -TUNISIA 2007-2013 COOPERAZIONE TRANSFRONTALIERA NEL QUADRO DELLO STRUMENTO EUROPEO DI VICINATO E PARTENARIATO (SEVP) PROGRAMMA ITALIA -TUNISIA 2007-2013 PRIMO APPELLO PER LA PRESENTAZIONE DI PROPOSTE PROGETTI STANDARD 17

Dettagli

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1

IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 IL PROCESSO DI BARCELLONA E LA STRATEGIA DI LISBONA: UN BILANCIO A META DEL PERCORSO 1 1. Un bilancio del processo d integrazione alla luce dei dati La strategia di Lisbona e il processo di Barcellona

Dettagli

Il Fondo Globale Aggiornamento sui risultati, sull'impatto e sul 5 rifinanziamento del Fondo Globale. 11 novembre 2015 Roma, Italia

Il Fondo Globale Aggiornamento sui risultati, sull'impatto e sul 5 rifinanziamento del Fondo Globale. 11 novembre 2015 Roma, Italia Il Fondo Globale Aggiornamento sui risultati, sull'impatto e sul 5 rifinanziamento del Fondo Globale 11 novembre 2015 Roma, Italia Il Fondo Globale Organizzazione del XXI secolo che opera per accelerare

Dettagli

Startup. Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014

Startup. Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014 Da: «Fondatori» Luca De Biase / Luca Tremolada Hoepli 2014 Nell ultimo decennio, nei paesi OCSE, le imprese nate da cinque anni o meno hanno generato quasi la metà di tutti i nuovi posti di lavoro, mentre

Dettagli

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta

La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta #OPENFESR Dalle idee al commento del Programma Operativo FESR 2014-2020 La proposta di Accordo di Partenariato 2014-2020 e la complementarità con i Programmi Tematici a gestione diretta Raffaele Colaizzo

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO. (L. 49/87, Artt. 6 e 7)

STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO. (L. 49/87, Artt. 6 e 7) STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA ALLO SVILUPPO (L. 49/87, Artt. 6 e 7) 2 STRUMENTI FINANZIARI DELLA COOPERAZIONE ECONOMICA La Legge-quadro sulla cooperazione allo sviluppo n. 49/87 prevede

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

01/06/2014-1 - AEROPORTO DI MILANO-BERGAMO

01/06/2014-1 - AEROPORTO DI MILANO-BERGAMO 01/06/2014-1 - AEROPORTO DI MILANO-BERGAMO LA PORTA D ACCESSO DELLA ZONA EST DELLA REGIONE LOMBARDIA Uno dei principali fattori di successo dell Aeroporto di Milano Bergamo è dato dalla posizione geografica,

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

TANGER MED UNA PIATTAFORMA LOGISTICA ED INDUSTRIALE DI LIVELLO INTERCONTINENTALE

TANGER MED UNA PIATTAFORMA LOGISTICA ED INDUSTRIALE DI LIVELLO INTERCONTINENTALE TANGER MED UNA PIATTAFORMA LOGISTICA ED INDUSTRIALE DI LIVELLO INTERCONTINENTALE Agenzia Italiana per il Commercio Estero Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia in Marocco 21,

Dettagli