L educazione stradale modulo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L educazione stradale modulo"

Transcript

1 7 L educazione stradale modulo L educazione stradale si pone l obiettivo di disciplinare la circolazione stradale nel rispetto della propria sicurezza, della sicurezza degli altri e dell ambiente Il nuovo Codice della strada e la segnaletica Comportamento e sicurezza stradale Rispetto della legge e convivenza civile

2 1 unità Il nuovo Codice della strada e la segnaletica 2 Fine del diritto di precedenza Dare precedenza nei sensi unici alternati Diritto di precedenza nei sensi unici alternati» Conosci questi segnali? Se hai l età giusta e vuoi prendere il patentino dovrai conoscere le norme del codice della strada. Sai che cos è il patentino? A che età si può prendere? Che cilindrata può raggiungere un ciclomotore? E qual è la sua velocità massima? Sai che cosa sono le zebre? Arriva il patentino Dal 1 luglio 2004 tutti i ragazzi dai 14 ai 18 anni per poter guidare il ciclomotore devono avere il Certificato di idoneità per la guida dei ciclomotori, comunemente denominato patentino. Come si fa a prendere il patentino? I ragazzi che vogliono prendere il patentino hanno due possibilità: possono partecipare ai corsi organizzati gratuitamente all interno della scuola in orario extracurricolare su richiesta delle famiglie e sostenere un esame gestito dal docente organizzatore e da un funzionario del Dipartimento per i Trasporti terrestri. Ai corsi si accede mediante una domanda, firmata da un genitore, o da chi ne fa le veci, e indirizzata al Dirigente scolastico, nei termini di tempo stabiliti dalla scuola; possono frequentare corsi organizzati dalle autoscuole e sostenere un esame svolto da un funzionario del Dipartimento per i Trasporti terrestri. Possono partecipare ai corsi gli studenti di età compresa tra 14 e 18 anni e gli studenti tredicenni che compiono i 14 anni nell arco dell anno scolastico. Quali sono i contenuti dei corsi? I corsi devono trattare i seguenti argomenti: segnali di pericolo e segnali di precedenza; segnali di divieto; segnali di obbligo; segnali d indicazione e pannelli integrativi; norme sulla precedenza; norme di comportamento; segnali luminosi, segnali orizzontali; fermata, sosta e definizioni stradali; cause d incidenti e comportamenti dopo gli incidenti, assicurazione; elementi del ciclomotore e loro uso; comportamenti alla guida del ciclomotore e uso del casco; valore e necessità della regola; rispetto della vita e comportamento solidale; la salute; rispetto dell ambiente.

3 Come sono organizzati i corsi? I corsi svolti a scuola hanno una durata di 20 ore e sono suddivisi in 4 moduli: a) studio delle norme di comportamento (4 ore); b) segnaletica e altre norme di circolazione (6 ore); c) educazione al rispetto della legge (2 ore); d) educazione alla convivenza civile (8 ore). I primi tre moduli devono essere svolti in orario extracurricolare. Il quarto modulo, qualora l educazione alla convivenza civile sia inserita nel Piano dell Offerta Formativa (POF) della scuola, può rientrare nel normale corso di studi e quindi può essere svolto durante l orario curricolare. I corsi svolti presso le autoscuole hanno invece la durata di 12 ore, in quanto non prevedono le 8 ore di educazione alla convivenza civile. Per essere ammessi a sostenere l esame non bisogna superare le 3 ore di assenza nei primi tre moduli. Come viene svolto l esame? L esame consiste in una prova scritta nella quale il candidato deve rispondere a un questionario costituito da dieci domande relative agli argomenti del corso. Ogni domanda contiene tre risposte che potranno essere: tutte e tre vere; due vere e una falsa; una vera e due false; tutte e tre false. Unità 1 Il nuovo Codice della strada e la segnaletica Il candidato deve barrare, in corrispondenza di ogni risposta, la lettera V o F a seconda che consideri quella domanda vera o falsa. La prova d esame ha la durata di trenta minuti e viene superata se il numero delle risposte errate è al massimo quattro. Divieto di segnalazioni acustiche Transito vietato ai pedoni Transito vietato alle biciclette Dare precedenza Transito vietato ai motocicli Transito vietato a tutti gli autoveicoli Via libera Divieto di sosta 3

4 Modulo 7 L educazione stradale Il Codice della strada e i veicoli Il Codice della strada è l insieme delle leggi che regolano la circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali sulla strada. Le norme del Codice della strada si ispirano al principio della sicurezza stradale e vengono continuamente modificate e adattate secondo i bisogni. Il primo Codice della strada italiano risale al 1933, mentre quello attuale è entrato in vigore nel 1993 e ha subito le ultime modifiche nel Che cos è la strada? Si definisce strada un area a uso pubblico destinata alla circolazione (movimento, fermata e sosta) di pedoni, veicoli e animali. Non tutte le strade sono uguali! Esse, in relazione a come sono fatte o all uso cui sono destinate, possono essere suddivise in autostrade, strade extraurbane (strade poste fuori dai centri abitati), strade urbane (strade interne ai centri abitati) e strade locali (strade che, in genere, servono per congiungere tratti di strade pubbliche, borgate o casolari isolati nella campagna). In particolare le strade extraurbane, in relazione all ente proprietario, possono essere: statali, regionali, provinciali, comunali o militari. Quali sono le parti più importanti di una strada? Una strada si compone di diverse parti. Ricordiamo le più importanti. Carreggiata. Parte della strada destinata al transito dei veicoli. Fanno parte della carreggiata le corsie di marcia e gli attraversamenti pedonali e ciclabili. Corsia. Parte della carreggiata. Consente il transito di una sola fila di veicoli. Marciapiede. Parte della strada esterna alla carreggiata delimitata e protetta o rialzata. È riservata ai pedoni. PROPRIA PROMISCUA SEDE TRANVIARIA CARREGGIATA PISTA CICLABILE COPPA GIRATORIA BANCHINA CORSIA CORSIA SPARTITRAFFICO CARREGGIATA COMO 4

5 Unità 1 Il nuovo Codice della strada e la segnaletica Incrocio. Parte della strada nella quale si intersecano due o più correnti di traffico. Attraversamento pedonale. Parte della carreggiata evidenziata da una serie di strisce bianche trasversali (zebre). È destinata al passaggio dei pedoni che hanno diritto di precedenza. Pista ciclabile. Parte longitudinale della strada riservata alla circolazione delle biciclette. Attraversamento ciclabile. Parte di strada delimitata da due strisce bianche parallele e discontinue, destinata al passaggio dei ciclisti, con diritto di precedenza sui veicoli in transito. Banchina. Parte della strada compresa tra il margine della carreggiata e il marciapiede o lo spartitraffico. Spartitraffico. Parte della strada che separa le correnti veicolari. Parcheggio.Area esterna alla carreggiata e destinata alla sosta dei veicoli. chi? che cosa? come quando perché??? Tutte le patenti Per poter condurre un veicolo occorre aver conseguito, attraverso un esame teorico e pratico, la Patente di guida, oggi riconosciuta in tutti i paesi della UE. Nella seguente tabella vengono riassunti gli elementi più importanti che riguardano le varie categorie di patenti. Categoria Età minima (anni) Veicoli che si possono condurre Note Patentino 14 Ciclomotori e quadricicli con motore di cilindrata fino a 50 cm 3 e la cui velocità non possa superare i 45 km/h. Può essere ottenuto anche gratuitamente nelle scuole d istruzione secondaria. A1 16 Motocicli con motore di cilindrata fino a 125 cm 3 e potenza fino a 11 kw, con il solo conducente; tricicli; quadricicli di massa inferiore a 550 kg e di potenza inferiore a 15 kw; macchine agricole semplici. A 18 Motoveicoli con al massimo 4 persone a bordo compreso il conducente (motocicli, tricicli, quadricicli). B 18 Motoveicoli; autoveicoli la cui massa non superi le 3,5 t e il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, non superi 8 ( a tali autoveicoli si può agganciare un rimorchio che non superi le 7,5 t); macchine agricole; macchine operatrici semplici. C 18 Autoveicoli di massa superiore a 3,5 t, anche con rimorchio leggero; macchine operatrici eccezionali. È richiesto il possesso della patente B. D 21 Autoveicoli destinati al trasporto di persone il cui numero di posti a sedere, escluso quello del conducente, sia superiore a 8, anche con traino di rimorchio leggero (7,5 t). È richiesto il possesso della patente B. E 21 Autoarticolati; autosnodati. È richiesto il possesso delle patenti B, C, e D. 5

6 Modulo 7 L educazione stradale Come vengono classificati i veicoli? Per veicoli si intendono tutte le macchine che circolano sulla strada, guidate dall uomo. I veicoli sono classificati in 5 classi. Veicoli senza motore. Comprendono i veicoli trainati a braccia, i veicoli a trazione animale, i velocipedi (biciclette) e le slitte. Ciclomotori. Comprendono i ciclomotori, propriamente detti (veicoli a due o tre ruote dotati di motore di cilindrata fino a 50 cm 3 e la cui velocità non può superare i 45 km/h) e i quadricicli leggeri (veicoli a quattro ruote con le caratteristiche dei precedenti e peso a vuoto inferiore a 350 kg). Motoveicoli. Veicoli a due, tre o quattro ruote dotati di motore superiore a 50 cm 3. Comprendono i motocicli, le motocarrozzette, i motocarri, i mototrattori e i quadricicli. Autoveicoli.Veicoli a motore con almeno quattro ruote. Comprendono le autovetture, gli autobus, gli autocarri, i trattori stradali, gli autoveicoli per trasporti specifici, gli autotreni, gli autoarticolati, gli autosnodati, le autocaravan (camper) e i mezzi d opera. Altri veicoli. Comprendono veicoli particolari, quali i filoveicoli, i rimorchi, i caravan (roulotte), le macchine agricole, le macchine operatrici e i veicoli con caratteristiche atipiche. Veicoli circolanti in Italia Tipo di veicolo Numero per tipo Autovetture Biciclette Ciclomotori Motocicli e motoscooter Motofurgoni e motocarri »Veicoli senza motore.»motoveicoli. Altri tipi di veicoli (rimorchi, macchine operatrici ecc.).»autoveicoli.»ciclomotori.» 6

7 La segnaletica verticale Unità 1 Il nuovo Codice della strada e la segnaletica La segnaletica stradale è il sistema attraverso il quale gli utenti della strada vengono informati sui comportamenti da tenere per circolare in condizioni di sicurezza. La segnaletica si diversifica in relazione alla forma dei cartelli, al colore, ai simboli e alle eventuali scritte e può essere suddivisa in 4 gruppi: segnaletica verticale; segnaletica orizzontale; segnaletica luminosa; segnaletica complementare. Che cos è e come è fatta la segnaletica verticale? La segnaletica verticale è costituita da cartelli che vengono montati su pali o fissati ai muri degli edifici o sospesi sulla carreggiata. Il Codice della strada classifica la segnaletica verticale in tre gruppi: segnali di pericolo; segnali di prescrizione; segnali di indicazione. Come sono fatti i segnali di pericolo? I segnali di pericolo avvertono gli utenti della strada dell incombenza di un pericolo, ne indicano la natura e impongono un comportamento prudente. Sono posti generalmente a 150 m dal pericolo; quando non è così la distanza viene indicata con un pannello integrativo. Sono di forma triangolare con il vertice rivolto in alto, hanno il fondo bianco, il bordo rosso e il simbolo nero. Fanno eccezione i cartelli che segnalano gli attraversamenti ferroviari, che hanno una forma diversa, e i cartelli che segnalano un pericolo temporaneo, che hanno il fondo giallo. Come sono fatti i segnali di prescrizione? I segnali di prescrizione impongono un ordine deciso dall autorità competente. Si dividono in segnali di precedenza, di divieto e di obbligo. I segnali di precedenza informano gli utenti se hanno o se devono dare la precedenza agli altri veicoli. Non hanno una forma e un colore unico. Infatti alcuni sono simili in tutto e per tutto ai cartelli di pericolo, altri sono di forma triangolare con il vertice rivolto verso il basso, altri sono a forma di rombo, rotondi o quadrati, mentre lo STOP è di forma ottagonale, scritto in bianco su fondo rosso. Fermarsi e dare precedenza Intersezione con diritto di precedenza Attraversamento pedonale Attraversamento tranviario Attraversamento ciclabile Materiale instabile sulla strada Diritto di precedenza 7

8 Modulo 7 L educazione stradale Divieto di transito Limite massimo di velocità In mancanza dei segnali di precedenza ricorda che vale la regola di concedere la precedenza a chi viene da destra. I segnali di divieto vietano il transito, determinate direzioni di marcia, particolari manovre oppure impongono alcune limitazioni. Sono generalmente di forma circolare e possono essere: di inizio prescrizione: in questo caso hanno fondo bianco e bordo rosso, a eccezione del divieto di sosta e del divieto di fermata (fondo blu); di fine prescrizione: in questo caso hanno fondo bianco e una striscia diagonale di colore nero. I segnali di obbligo impongono uno specifico comportamento. Sono di forma circolare e possono essere: generici: in questo caso hanno fondo blu e simbolo bianco; specifici: in questo caso hanno fondo bianco, bordo rosso e simbolo nero. Alt - Polizia Direzioni consentite diritto e sinistra Passaggio obbligatorio a destra Fine limitazione di velocità Pista ciclabile contigua al marciapiede Fine pista ciclabile contigua al marciapiede Fine divieto di sorpasso A CACCIA DI SEGNALI materiali Un blocco per gli appunti, quaderno, materiali per il disegno. fasi di lavoro Prendi il blocco per gli appunti e fai un giro nei dintorni di casa tua. In alternativa analizza i dintorni della scuola o il tragitto casa-scuola. Ogni volta che vedi un segnale verticale disegnalo. Se ci sono, disegna anche i pannelli integrativi. Per ciascun segnale fai uno schizzo della situazione nella quale è stato messo; per esempio, vicino a un incrocio, vicino a un passo carrabile, vicino a un dosso ecc. osservazioni Fare Analizza i cartelli che hai disegnato e la situazione in cui ciascun cartello è stato inserito. Per ciascun cartello (con eventuale pannello integrativo), o per quelli che ritieni più interessanti, fai un disegno particolareggiato che rappresenti situazione e cartello. Per ciascun cartello indica se è un segnale di pericolo, di prescrizione (precedenza, divieto oppure obbligo) o di indicazione. conclusioni Spiega come occorre comportarsi per ciascuna situazione riportata. Per le situazioni che ritieni più interessanti, realizza un cartellone e appendilo in classe. 8

9 Come sono fatti i segnali di indicazione? Hanno la funzione di fornire notizie utili per la circolazione e per raggiungere determinati luoghi (segnalano località turistiche, luoghi di interesse, itinerari, servizi ecc.). Hanno forma quadrata o rettangolare e possono avere diversi colori. Infine, è utile precisare che la segnaletica verticale può essere accompagnata da una serie di pannelli integrativi che completano o integrano i pannelli verticali. Possono indicare distanze, tempi, limitazioni, incidenti, lavori in corso ecc. Unità 1 Il nuovo Codice della strada e la segnaletica Zona a traffico limitato: pannello integrativo Inizio centro abitato Indica le ore di validità in ogni giorno Eccezione Limitazione Ospedale Galleria Corsia chiusa (chiusura corsia di destra) Lavori in corso Coda Sgombraneve in azione Barriera normale Passaggio obbligatorio per veicoli operativi Strada sdrucciolevole per ghiaccio Mezzi di lavoro in azione Barriera direzionale Segni orizzontali in rifacimento 9

10 Modulo 7 L educazione stradale La segnaletica orizzontale, luminosa, manuale e complementare La segnaletica orizzontale, tracciata sulla strada, ha lo scopo di completare, precisare e rafforzare le indicazioni della segnaletica verticale. La segnaletica orizzontale più comune è costituita da: strisce longitudinali; strisce trasversali; frecce, colori e altri simboli. Le strisce longitudinali possono essere continue o discontinue; hanno lo scopo di separare il senso o le corsie di marcia, delimitare la carreggiata o di incanalare i veicoli verso determinate direzioni. Quali sono le più comuni strisce longitudinali? Una striscia bianca discontinua (tratteggiata). Delimita le corsie di marcia. Può essere superata per svoltare a sinistra, per il sorpasso e per invertire il senso di marcia SI Una striscia bianca continua. Non può essere superata per nessun motivo. Il sorpasso può essere effettuato, ma senza superare la striscia. Una doppia striscia continua rafforza il divieto NO SI Una striscia bianca discontinua affiancata da una striscia continua. È consentito il superamento delle strisce solo ai veicoli che si trovano alla propria sinistra prima la striscia discontinua e poi quella continua NO SI Una striscia discontinua a tratto grosso. Indica un attraversamento ciclabile e obbliga i veicoli in transito a dare la precedenza ai ciclisti che l attraversano 10

11 Quali sono le più comuni strisce trasversali? Unità 1 Il nuovo Codice della strada e la segnaletica Zebre. Indicano gli attraversamenti pedonali con o senza semaforo. Sulle zebre i pedoni hanno la precedenza STOP Una striscia bianca trasversale continua. Indica l obbligo di arrestare il veicolo. Si può ripartire dopo aver dato la precedenza agli altri veicoli. Può essere integrata dal disegno di un triangolo o dalla scritta STOP Qual è il significato di frecce, colori e altri simboli? Frecce direzionali. Invitano i veicoli a occupare la corsia con la freccia rivolta verso la direzione che intendono seguire Strisce gialle. Delimitano zone a traffico riservato a particolari veicoli quali biciclette, taxi, autobus ecc. BUS BUS Box colorati. Indicano le aree di sosta. I box bianchi indicano la sosta libera o regolata da disco orario, i box blu indicano la sosta a pagamento, i box gialli la sosta riservata Che cos è la segnaletica luminosa? La segnaletica luminosa è costituita dai semafori, detti anche lanterne semaforiche. I semafori hanno lo scopo di regolare l avanzamento dei veicoli in corrispondenza di un incrocio o di un tronco stradale. Possono riguardare tutti gli utenti della strada o solo un gruppo, per esempio i pedoni, o i veicoli adibiti a trasporto pubblico ecc. Luce rossa. Obbligo di fermata Luce verde.via libera. I veicoli che devono svoltare a destra devono dare la precedenza ai pedoni; quelli che devono svoltare a sinistra devono dare la precedenza ai pedoni e ai veicoli che provengono dal senso opposto Luce gialla. Avverte che sta per scattare il rosso. Occorre fermarsi oppure, se si è molto vicini all incrocio, affrettarsi a superarlo 11

12 Modulo 7 L educazione stradale Lanterne semaforiche di corsia. Sono costituite da frecce colorate su fondo nero. Interessano solo i veicoli che devono proseguire nella direzione indicata dalla freccia Che cos è la segnaletica manuale? Può capitare, soprattutto in città, che il controllo del traffico venga assunto da chi ha il compito di vigilare sulla correttezza e sulla sicurezza stradale cioè dalla Polizia municipale (i vigili urbani), dalla Polizia di Stato o dai Carabinieri. In questo caso essi, per regolare il traffico, utilizzano un sistema di segni, manuali o sonori. Che cos è la segnaletica complementare? È costituita da tutti quei segnali o dispositivi che hanno lo scopo di evidenziare il tracciato stradale (come i delineatori di margine) o di segnalare tratti di strada pericolosa, come particolari curve o punti critici, ostacoli ecc. A CACCIA DI SEGNALI materiali Un blocco per gli appunti, quaderno, materiali per il disegno. fasi di lavoro Prendi il blocco per gli appunti e fai un giro nei dintorni di casa tua. In alternativa analizza i dintorni della scuola o il tragitto casa-scuola. Ogni volta che vedi un e- sempio di segnaletica orizzontale, luminosa o complementare disegnalo. Per ciascun segnale fai uno schizzo della situazione nella quale è stato messo. osservazioni Fare Analizza i cartelli che hai disegnato e la situazione in cui ciascun cartello è stato inserito. Per ciascun cartello o per quelli che ritieni più interessanti, fai un disegno particolareggiato che rappresenti situazione e cartello. Per ciascun cartello indica se si tratta di segnaletica orizzontale, luminosa, manuale o complementare. conclusioni Spiega come occorre comportarsi per ciascuna situazione riportata. Per le situazioni che ritieni più interessanti, realizza un cartellone e appendilo in classe. 12

13 Unità 1 Il nuovo Codice della strada e la segnaletica E sercizi 1 Come viene chiamato, comunemente, il Certificato di idoneità per la guida dei ciclomotori? 2 I corsi per il patentino vengono organizzati: dalla scuola dalle autoscuole sia dalla scuola sia dalle autoscuole 3 Per prendere il patentino occorre aver compiuto: 13 anni 14 anni 15 anni 4 I corsi per il patentino svolti a scuola durano: 10 ore 12 ore 20 ore 6 ore 5 I corsi per il patentino svolti nelle autoscuole durano: 16 ore 12 ore 10 ore 20 ore 6 Il primo Codice della strada italiano è entrato in vigore: nell Ottocento nel Novecento nel Duemila 7 Definisci che cos è il Codice della strada. 8 Completa la tabella collegando ciascun termine alla definizione corretta. A B C D E F 9 Completa la tabella collegando ogni tipo di veicolo alla definizione corretta. A B C D 1 Veicoli senza A Veicoli a due, tre o quattro motore. ruote dotati di motore superiore a 50 cm 3. 2 Motoveicoli. B Veicoli a due o tre ruote dotati di motore di 3 Ciclomotori. cilindrata fino a 50 cm 3 e la cui velocità non può 4 Autoveicoli. superare i 45 km/h. C Veicoli a motore con almeno quattro ruote. D Veicoli trainati a braccia, veicoli a trazione animale, velocipedi (biciclette) e slitte. 10 I segnali di pericolo, prescrizione e indicazione fanno parte della: segnaletica orizzontale segnaletica verticale segnaletica luminosa 11 I segnali di pericolo hanno, normalmente, forma: circolare quadrata triangolare 12 Spiega che cosa intendono comunicare i seguenti segnali: 1 Pista ciclabile. A Parte della strada destinata al transito dei veicoli. 2 Spartitraffico. B Area esterna alla carreggiata e destinata 3 Carreggiata. alla sosta dei veicoli. C Parte della strada nella 4 Parcheggio. quale si intersecano due o più correnti di traffico. 5 Incrocio. D Parte della strada che separa le correnti veicolari. 6 Attraversamento E Parte longitudinale della ciclabile. strada riservata alla circolazione delle biciclette. F Parte di strada delimitata da due strisce bianche parallele e discontinue, destinata al passaggio dei ciclisti. a b c Completa la tabella associando ciascun colore semaforico al suo significato. A B C 1 Luce verde. A Obbligo di fermata. 2 Luce rossa. B Avverte che sta per scattare il rosso. 3 Luce gialla. C Via libera. 13

14 Modulo 7 L educazione stradale 14 Completa la tabella abbinando ciascun tipo di striscia con il suo significato. 15 Completa la tabella collegando ciascun simbolo al suo significato. A B C D A B C 1 Striscia bianca A Non può essere superata discontinua. per nessun motivo. B Delimita le corsie di marcia. 2 Striscia bianca Può essere superata per discontinua svoltare a sinistra, per il affiancata da sorpasso e per invertire una striscia il senso di marcia. continua. C È consentito il superamento delle strisce 3 Striscia solo ai veicoli che discontinua trovano alla propria sinistra a tratto grosso. prima la striscia discontinua e poi quella continua. 4 Striscia bianca D Indica un attraversamento continua. ciclabile e obbliga i veicoli in transito a dare la precedenza ai ciclisti che l attraversano. 1 Frecce A Indicano le soste. direzionali. B Delimitano zone a traffico riservato a particolari 2 Strisce gialle. veicoli quali biciclette, taxi, autobus, ecc. 3 Box colorati. C Invitano i veicoli a occupare la corsia con la freccia rivolta verso la direzione che intendono seguire. 16 Chi può fare la segnaletica manuale?

15 Unità 1 Il nuovo Codice della strada e la segnaletica Mappa dei concetti Completa la mappa dei concetti dell unità inserendo i seguenti termini: VERTICALE VEICOLI SCUOLE AUTOVEICOLI... ORIZZONTALE LUMINOSA COMPLEMENTARE può essere SEGNALETICA regola il traffico attraverso la CODICE DELLA STRADA regola la circolazione di PEDONI... ANIMALI vengono classificati come VEICOLI SENZA MOTORE CICLOMOTORI MOTOVEICOLI... ALTRI VEICOLI necessitano del PATENTINO può esere conseguito presso... AUTOSCUOLE 15

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da:

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da: COMUNE DI SIENA L uomo, nell antichità, si spostava a piedi o a dorso di animali, l invenzione della ruota portò una grande innovazione, i trasporti si fecero sempre più veloci ed i commerci favorirono

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali

CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali 03001) Ciascuno dei pannelli integrativi n. 121 V01) indica la distanza tra il segnale di pericolo sotto

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

FAQ - Frequently Asked Questions "per saperne di più"

FAQ - Frequently Asked Questions per saperne di più Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova servizio per la comunicazione FAQ - Frequently Asked Questions

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

UN BELLA FILASTROCCA SUL SEMAFORO.

UN BELLA FILASTROCCA SUL SEMAFORO. UN BELLA FILASTROCCA SUL SEMAFORO. Il vigile urbano di Gianni rodari Chi è più forte del vigile urbano? Ferma i tram con una mano. Con un dito, calmo e sereno, tiene indietro un autotreno: cento motori

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

CATEGORIE delle PATENTI di GUIDA e CERTIFICATI PROFESSIONALI

CATEGORIE delle PATENTI di GUIDA e CERTIFICATI PROFESSIONALI CATEGORIE delle PATENTI di GUIDA e CERTIFICATI PROFESSIONALI A3 21 A2 18 A1 16 Motocicli leggeri Tricicli a 3 ruote Quadricicli di (Max 125 cm 3 e 11 kw) simmetriche massa a vuoto con o senza sidecar fino

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

MANUALE DI PREPARAZIONE ALL ESAME, CON SCHEDE DI VERIFICA SUL RETRO,

MANUALE DI PREPARAZIONE ALL ESAME, CON SCHEDE DI VERIFICA SUL RETRO, MANUALE DI PREPARAZIONE ALL ESAME, CON SCHEDE DI VERIFICA SUL RETRO, PER IL CONSEGUIMENTO DEL CERTIFICATO DI IDONEITA ALLA GUIDA DEI CICLOMOTORI Dedicato a Rita Baldini, un amica prematuramente scomparsa

Dettagli

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE

REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA PER LA CIRCOLAZIONE DELLE BICICLETTE La circolazione dei velocipedi è regolata dall art. 182 del D.Lgs. n. 285/1992 e successive modificazioni ed integrazioni (Codice della

Dettagli

F00400 Fig 4 Curva a destra. Doppia croce di S. Andrea. F01500 Fig 15 Discesa pericolosa. F02200 Fig 22 Strada sdrucciolevole

F00400 Fig 4 Curva a destra. Doppia croce di S. Andrea. F01500 Fig 15 Discesa pericolosa. F02200 Fig 22 Strada sdrucciolevole Il codice dei cartelli è composto da: la sigla che si trova sotto ogni figura, : es F00100 (sull è indicata la figura del C.d.S.). Una prima lettera che identifica il formato: R = ridotto, P = piccolo,

Dettagli

CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA

CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA CORPO POLIZIA MUNICIPALE FERRARA Non fa rumore Non inquina Occupa poco spazio La bicicletta ( velocipede per il codice della strada ) e le regole per circolare sulla strada La bicicletta e i dispositivi

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica

Regole sulla circolazione. Violazioni alla segnaletica Articoli C. d. S. Punti Violazioni che comportano la perdita punti Velocità art. 141, comma 8 5 Circolare a velocità non commisurata alle particolari condizioni in cui si svolge la circolazione art. 142,

Dettagli

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti

Tabella completa dei punteggi previsti dall art.126-bis Articolo Violazione commessa Punti Tabella completa dei punteggi previsti dall art.6-bis Articolo Violazione commessa Punti Velocità non commisurata alle situazioni ambientali, di sicurezza (intersezioni, centri abitati ecc.) e di visibilità

Dettagli

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti

ALCOOL E DROGHE CAMBI DI DIREZIONE CIRCOLAZIONE IN AUTOSTRADA. Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti Articoli C.d.S Punti Violazioni che comportano la perdita punti ALCOOL E DROGHE art. 86, comma e 7 art. 87, comma 7 e 8 Guidare in stato di ebbrezza Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica

Dettagli

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00

5 da 84,00 a 335,00. 3 da 168,00 a 674,00. 6 da 527,00 a 2.108,00. 10 da 821,00 a 3.287,00. 10 da 318,00 a 1.272,00. 4 da 41,00 a 168,00 Art. 141 Comma 9, 3 periodo Articolo Norma violata Punti Velocità non regolata in relazione alle condizioni ambientali Non più operativo abrogato dalla Legge 214/2003 Sanzione amministrava 5 da 84,00 a

Dettagli

La strada. maestra di vita

La strada. maestra di vita Scuola Secondaria di I grado Istituto Maria Ausiliatrice via Cardinal Ferrari, 7 Castellanza - VA La strada maestra di vita La circolazione sulla strada è diventata più difficile e pericolosa a causa del

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice della Strada.- Art.152.- Segnalazione visiva e illuminazione

Dettagli

www.pneumaticisottocontrollo.it

www.pneumaticisottocontrollo.it Settore Lavori Pubblici e Territorio ORDINANZA n. 68 PG. N. 72846 del 04/11/2015 Class. N 2015.011.015.004.5 Oggetto: Disciplina della circolazione stradale in periodo invernale La sottoscritta Barbara

Dettagli

Manuale di educazione stradale per la scuola primaria

Manuale di educazione stradale per la scuola primaria Manuale di educazione stradale per la scuola primaria La Polizia Municipale e il Sindaco Daniele Ruscigno ti augurano buon lavoro nel percorso di Educazione Stradale. III Classe PRIMARIA PROCEDURE E SETTING

Dettagli

EDUCAZIONE STRADALE CARREGGIATA. marciapiedi. corsia corsia. riservata

EDUCAZIONE STRADALE CARREGGIATA. marciapiedi. corsia corsia. riservata EDUCAZIONE STRADALE L Educazione Stradale nella scuola secondaria di primo grado ha come oggetto la conoscenza dei principi della sicurezza stradale, nonché delle strade, della segnaletica, delle norme

Dettagli

GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE

GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE Massimo Valentini GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE 9 a EDIZIONE - NOVEMBRE 2005 ISBN 88-8482-142-8 EGAF EDIZIONI SRL - 47100 FORLÌ - VIA F. GUARINI 2 - TEL. 0543/473347 - FAX 0543/474133 - WWW.EGAF.IT LA

Dettagli

Quadrato lato A 40 cm lato A 60 cm lato A 90 cm. Ottagono lato A 60 cm lato A 90 cm lato A 120 cm

Quadrato lato A 40 cm lato A 60 cm lato A 90 cm. Ottagono lato A 60 cm lato A 90 cm lato A 120 cm Triangolo lato A 60 cm lato A 90 cm lato A 120 cm Quadrato lato A 40 cm lato A 60 cm lato A 90 cm Cerchio D 40 cm D 60 cm D 90 cm Cerchio D 40 cm D 60 cm D 90 cm Ottagono lato A 60 cm lato A 90 cm lato

Dettagli

dimensioni segnali dimensione segnali circolari piccolo 40 5 0,8 normale 60 7,5 1 grande 90 11 1,5 Figura II 5 Art.86 Curva a sinistra

dimensioni segnali dimensione segnali circolari piccolo 40 5 0,8 normale 60 7,5 1 grande 90 11 1,5 Figura II 5 Art.86 Curva a sinistra dimensioni segnali dimensioni triangoli Dim. Formato A C E R 160 piccolo 60 1 5,5 3 190 normale 90 1,5 8 4,5 193 grande 120 1,8 12 6 Fig II 1 art.85 Figura II 9 Art.87 Passaggio a livello senza barriere

Dettagli

1.08 Restringimento a destra (Incrocio difficile)

1.08 Restringimento a destra (Incrocio difficile) Segnali stradali I segnali e le demarcazioni dipinte o applicate sulla carreggiata (in bianco o in giallo) indicano ai conducenti delle prescrizioni d obbligo o di divieto, segnalano dei pericoli o delle

Dettagli

LE NUOVE PATENTI DI GUIDA (dal 19 gennaio 2013)

LE NUOVE PATENTI DI GUIDA (dal 19 gennaio 2013) LE NUOVE PATENTI DI GUIDA (dal 19 gennaio 2013) N.B. LA PATENTE AM E RICOMPRESA IN OGNI ALTRA CATEGORIA CATEGORIA (Età minima) VEICOLI AM (14 anni) ciclomotori a due ruote (cat. L1e) con velocità massima

Dettagli

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO

COMUNE DI CARDANO AL CAMPO COMUNE DI CARDANO AL CAMPO Provincia di Varese COMANDO POLIZIA LOCALE Telefono: 0331-266244 / 348-2665961 - Fax: 0331-266252 e - mail: poliziam@comune.cardanoalcampo.va.it ARTICOLO INFRAZIONE PUNTI IMPORTO/SANZIONE

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario

PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario PATENTI DI GUIDA (Nota riassuntiva della normativa vigente) 1 - Patente di guida secondo il modello comunitario Il 1 luglio 1996 è entrata in vigore la Direttiva n. 91/439/CEE del 29 luglio 1991, recepita

Dettagli

Uso in italia del personal transporter

Uso in italia del personal transporter Uso in italia del personal transporter L utilizzo del personal transporter non è, allo stato, regolato da alcuna norma del Codice della Strada italiano. L unica trattazione è una lettera del Ministero

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO D. ARFELLI CESENATICO. Progetto Patentino

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO D. ARFELLI CESENATICO. Progetto Patentino Progetto Patentino Nel 2000, nell Unione Europea, gli incidenti stradali hanno provocato la morte di oltre 40000 persone, per non parlare di feriti. La fascia di eta piu colpita è quella dei giovani tra

Dettagli

SEGNALI DI PERICOLO FIGURA II 2 ART. 85 DOSSO FIGURA II 1 ART. 85 STRADA DEFORMATA FIGURA II 3 ART. 85 CUNETTA FIGURA II 4 ART.

SEGNALI DI PERICOLO FIGURA II 2 ART. 85 DOSSO FIGURA II 1 ART. 85 STRADA DEFORMATA FIGURA II 3 ART. 85 CUNETTA FIGURA II 4 ART. SEGNALI DI PERICOLO FIGURA II 1 ART. 85 STRADA DEFORMATA FIGURA II 2 ART. 85 DOSSO FIGURA II 3 ART. 85 CUNETTA FIGURA II 4 ART. 86 CURVA A DESTRA FIGURA II 5 ART. 86 CURVA A SINISTRA FIGURA II 6 ART. 86

Dettagli

QUIZ PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ATTESTATO PER LA GUIDA DEI CICLOMOTORI

QUIZ PER IL CONSEGUIMENTO DELL'ATTESTATO PER LA GUIDA DEI CICLOMOTORI DELL'ATTESTATO PER LA GUIDA DEI CICLOMOTORI 1 CAPITOLO 1 - Segnali di pericolo 01001) Il segnale n. 1 V01) preavvisa un tratto di strada con pavimentazione irregolare V02) preavvisa un tratto di strada

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Ripassiamo il Codice.- Con l avvento della primavera, si incrementa l

Dettagli

GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE

GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE Massimo Valentini GUIDA SICURA PER IL CICLOMOTORE con quiz per argomento Per conseguire il certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori (patentino), redatto alla luce dei quiz ministeriali e aggiornato

Dettagli

Patente AM CIGC patentino

Patente AM CIGC patentino Patente AM CIGC patentino MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI, LA NAVIGAZIONE ED I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione generale per la motorizzazione Divisione

Dettagli

Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW

Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW 1 novembre 2012 Cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW Dal 1 novembre 2012, saranno introdotti alcuni cambiamenti ai regolamenti stradali del NSW. Molti di questi cambiamenti sono semplicemente un

Dettagli

il Patentino per il ciclomotore

il Patentino per il ciclomotore Marco Ferrari il Patentino per il ciclomotore Manuale di preparazione per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida Disposizioni e novità introdotte dai Decreti 1 e 23 marzo 2011 del Ministero

Dettagli

supporto all insegnamento della segnaletica stradale per le terze, quarte e quinte elementari

supporto all insegnamento della segnaletica stradale per le terze, quarte e quinte elementari I SEGNALI STRADALI Consorzio di Polizia Municipale dell Isola supporto all insegnamento della segnaletica stradale per le terze, quarte e quinte elementari A cura del commissario aggiunto di P.L. Raffaele

Dettagli

GUIDA PER INSEGNANTI

GUIDA PER INSEGNANTI PROVINCIA DI VENEZIA Assessorato alla Mobilità e Trasporti CORSO DI EDUCAZIONE ALLA SICUREZZA STRADALE Classe II elementare COGNOME NOME CLASSE GUIDA PER INSEGNANTI DISEGNO LA MIA STRADA a cura di: Luciano

Dettagli

articolo 56: Rimorchi articolo 57: Macchine agricole articolo 58: Macchine operatrici articolo 59: Veicoli con caratteristiche atipiche articolo 60:

articolo 56: Rimorchi articolo 57: Macchine agricole articolo 58: Macchine operatrici articolo 59: Veicoli con caratteristiche atipiche articolo 60: Indice articolo 1: Principi generali articolo 2: Definizione e classificazione delle strade articolo 3: Definizioni stradali e di traffico articolo 4: Delimitazione del centro abitato articolo 5: Regolamentazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE

PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE PROGETTO EDUCAZIONE STRADALE Siamo alunni della classe III C della Scuola Secondaria Di Primo Grado. Questo progetto è stato realizzato al fine di arricchire le nostre competenze su alcuni ambiti riguardanti

Dettagli

CERTIFICATO DI IDONEITA ALLA GUIDA DEL CICLOMOTORE

CERTIFICATO DI IDONEITA ALLA GUIDA DEL CICLOMOTORE MIUR! DIREZIONE GENERALE PER LO STATUS DELLO STUDENTE, LE POLITICHE GIOVANILI E LE ATTIVITÀ MOTORIE! UFFICIO II CERTIFICATO DI IDONEITA ALLA GUIDA DEL CICLOMOTORE OBBLIGATORIO PER I MINORENNI DAL 1 LUGLIO

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

Nuova disciplina in materia di patenti di guida

Nuova disciplina in materia di patenti di guida Nuova disciplina in materia di patenti di guida Dal 19 gennaio si applica la nuova disciplina armonizzata, in ambito comunitario, relativa alle patenti di guida, che ha in parte modificato il Codice della

Dettagli

COMUNE DI BORGHETTO SANTO SPIRITO (Provincia di Savona)

COMUNE DI BORGHETTO SANTO SPIRITO (Provincia di Savona) COMUNE DI BORGHETTO SANTO SPIRITO (Provincia di Savona) ORDINANZA n 138 DEL 13/11/2013 OGGETTO:Integrazione segnaletica.- IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE RILEVATO RITENUTO RILEVATO di dover

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE

DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE Dipartimento VII - Politiche della Mobilità U.O. TRAFFICO E VIABILITA DISCIPLINARE PER LA REDAZIONE E PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI SEGNALAMENTO STRADALE AGGIORNAMENTO DICEMBRE 2006 Redazione: Ing. A.

Dettagli

INDICE-SOMMARIO Legge 13 giugno 1991, n. 190. Delega al Governo per la revisione delle norme concernenti la disciplina della circolazione stradale

INDICE-SOMMARIO Legge 13 giugno 1991, n. 190. Delega al Governo per la revisione delle norme concernenti la disciplina della circolazione stradale INDICE-SOMMARIO Introduzione........................................... Avvertenze............................................ V VII Legge 13 giugno 1991, n. 190. Delega al Governo per la revisione delle

Dettagli

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia PREMESSA Il tema della mobilità sostenibile è divenuto ormai oggetto quotidiano di confronto e di impegno istituzionale. Il Nuovo Codice della

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Ai sensi dell articolo 82, comma 1, Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada: I sostegni ed i supporti dei segnali stradali devono essere generalmente di metallo con le caratteristiche

Dettagli

INDICE-SOMMARIO Legge 13 giugno 1991, n. 190. Delega al Governo per la revisione delle norme concernenti la disciplina della circolazione stradale

INDICE-SOMMARIO Legge 13 giugno 1991, n. 190. Delega al Governo per la revisione delle norme concernenti la disciplina della circolazione stradale Introduzione........................................... Avvertenze............................................ V VII Legge 13 giugno 1991, n. 190. Delega al Governo per la revisione delle norme concernenti

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

DISPENSE CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DEL PATENTINO PER CICLOMOTORI

DISPENSE CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DEL PATENTINO PER CICLOMOTORI Polizia Locale DISPENSE CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DEL PATENTINO PER CICLOMOTORI Introduzione normativa generale Le regole che impongono determinati comportamenti, stabilendo i doveri ed i diritti dei

Dettagli

CAPITOLO 1 11001) (FIG. 550)

CAPITOLO 1 11001) (FIG. 550) CAPITOLO 1 Definizioni stradali e di traffico; definizioni e classificazione dei veicoli; doveri del conducente nell uso della strada - convivenza civile ed uso responsabile della strada; riguardo verso

Dettagli

SCHEDA 001. www.matematicamente.it. Patente auto. 1) In una carreggiata del tipo rappresentato si può sorpassare anche in curva.

SCHEDA 001. www.matematicamente.it. Patente auto. 1) In una carreggiata del tipo rappresentato si può sorpassare anche in curva. SCHEDA 001 1) In una carreggiata del tipo rappresentato si può sorpassare anche in curva. 2) La strada rappresentata è composta da tre corsie per ogni senso di marcia. 3) Nella strada rappresentata le

Dettagli

PATENTI PATENTE AM. Età minima 14

PATENTI PATENTE AM. Età minima 14 PATENTE AM 14 Età massima Segue le scadenze previste per la patente A: 10 anni fino a 50 anni di età, 5 anni per chi ha un età compresa tra 50 e i 70 anni, 3 anni per chi ha superato i 70 anni, 2 anni

Dettagli

EDUCAZIONE STRADALE. Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A. 1

EDUCAZIONE STRADALE. Copyright Ulrico Hoepli Editore S.p.A. 1 EDUCAZIONE STRADALE La possibilità di muoversi, di spostare persone e cose da un luogo all altro costituisce una delle attività più diffuse e di maggiore rilievo in una società moderna come la nostra.

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie.

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie. ATTIVITÁ E CONTENUTI GENITORI INCONTRO UNICO Incontro - dibattito tra le Istituzioni e i genitori finalizzato a sensibilizzare questi ultimi a comportamenti corretti e al rispetto delle norme del C.d.S..

Dettagli

normativa in materia di

normativa in materia di Proposte di modifica normativa in materia di mobilità ciclistica Ing. Enrico Chiarini Coordinatore Area Tecnica FIAB Ing. Enrico Chiarini Proposte di modifica normativa in materia di mobilità ciclistica

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI F12 CODICE STRADA AGG OTT 2014.qxp_Layout 1 06/10/14 11:43 Pagina 5 TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI.......................................... p. 15 Art. 1 Principi generali......................................................»

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti

Violazioni che comportano la perdita di 5 punti Come è ormai noto, alcune e ben precise violazioni del Codice della Strada danno luogo alla sanzione amministrativa ed alla decurtazione dei punti della patente in misura variabile e legata alla gravità

Dettagli

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara.

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. 12/1/2010 Francesco Capuano 1 Articolazione strutturale dei Servizi

Dettagli

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone

Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone 7.1.2011 Divisione Patenti Agli stranieri che guidano un veicolo in Giappone Introduzione Questo opuscolo è stato predisposto per spiegarvi le regole principali del Codice della Strada giapponese. Tenete

Dettagli

SEGNALETICA STRADALE

SEGNALETICA STRADALE Tutti i segnali per forme, dimensioni, grafica e altre caratteristiche sono conformi a quanto prescritto dal nuovo codice della strada D.P.R. 16/12/1992 n. 495 e successive modifiche D.P.R. 16/09/1996

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287 2010-03 - biciplan - regolamento viario mobilità ciclistica.doc 1/62 BICIPLAN PADOVA 2010 2015 1 LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ CICLISTICA.........3 1.1 Premessa...3 1.2 Definizioni...4 2 SPAZIO PEDONALE

Dettagli

Violazioni che comportano la perdita di 10 punti Guida in stato di alterazione da sostanze stupefacenti. art. 142, comma 9 bis

Violazioni che comportano la perdita di 10 punti Guida in stato di alterazione da sostanze stupefacenti. art. 142, comma 9 bis In che modo vengono persi i punti: ll punteggio di ciascun conducente subisce riduzioni ad ogni comunicazione relativa alle violazioni che prevedono decurtazione di punteggio, come descritti nella tabella.

Dettagli

Definizioni stradali e di traffico

Definizioni stradali e di traffico Realizzato da DARIO GALLUZZO Manualle dii teoriia Patentii A & B Definizioni stradali e di traffico Occorre anzitutto cominciare a familiarizzare con la terminologia utilizzata dal Codice della Strada.

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI

LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI LE CARATTERISTICHE DEI VELOCIPEDI DISPOSITIVI DI SEGNALAZIONE VISIVA ATTREZZATURE PER IL TRASPORTO DI BAMBINI PRESCRIZIONI PER LA CIRCOLAZIONE di Franco MEDRI * L articolo 50 del definisce i velocipedi

Dettagli

Capitolo 1: Definizioni e campo d applicazione. Contenuto, abbreviazioni e definizioni

Capitolo 1: Definizioni e campo d applicazione. Contenuto, abbreviazioni e definizioni Ordinanza sulla segnaletica stradale (OSStr) 741.21 del 5 settembre 1979 1 (Stato 1 giugno 2015) Il Consiglio federale svizzero, visto gli articoli 2, 6, 32, 57, 103 capoverso 1 e 106 capoverso 1 della

Dettagli

Vedere e farsi vedere

Vedere e farsi vedere edere e farsi vedere 5 lezione Occhio allo specchio 32 Lo specchio retrovisore è un dispositivo importantissimo che permette al conducente la visibilità della strada alle sue spalle senza tuttavia distogliere

Dettagli

SEGNALETICA ORIZZONTALE

SEGNALETICA ORIZZONTALE SEGNALETICA ORIZZONTALE 93 MACCHINA TRACCIALINEE MODELLO L40 Pistola pneumatica di serie per striscia da cm. 10 a cm. 20 speciale per vernici normali e rifrangenti. Motore a benzina con avviamento a strappo

Dettagli

IL PATENTINO PER LA GUIDA DEL CICLOMOTORE IL PATENTINO

IL PATENTINO PER LA GUIDA DEL CICLOMOTORE IL PATENTINO IL PATENTINO PER LA GUIDA DEL CICLOMOTORE IL PATENTINO Il certificato di idoneità alla guida dei ciclomotori Cos è un CICLOMOTORE Art. 52 del C.d.s. + normativa europea: Veicolo a motore a due o tre ruote,

Dettagli

DISPENSA con GLOSSARIO DI

DISPENSA con GLOSSARIO DI Michela Cavallin DISPENSA con GLOSSARIO DI EDUCAZIONE STRADALE E ALLA CIVILE CONVIVENZA DEFINIZIONI REGOLE GLOSSARIO Il presente manuale è stato realizzato tenendo conto delle indicazioni contenute nel

Dettagli

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MORETTA PROVINCIA DI CUNEO STRADA.. COME VIVERLA IN SICUREZZA EDUCAZIONE STRADALE PER LA SCUOLA MATERNA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 COPIA IN PROPRIO UFFICIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MORETTA

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA')

SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') SCHEMI RIPARTIZIONE RESPONSABILITA' INCIDENTI STRADALI (BAREM DI RESPONSABILITA') DEFINIZIONI (ai soli fini dell'applicazione degli schemi di ripartizione) CARREGGIATA parte della strada normalmente destinata

Dettagli

Speciale SPECCHI RETROVISORI PER VEICOLI Tutto quello che c è da sapere sui: Dispositivi per la visione indiretta * di Franco MEDRI

Speciale SPECCHI RETROVISORI PER VEICOLI Tutto quello che c è da sapere sui: Dispositivi per la visione indiretta * di Franco MEDRI Speciale SPECCHI RETROVISORI PER VEICOLI Tutto quello che c è da sapere sui: Dispositivi per la visione indiretta * di Franco MEDRI Con il termine Dispositivi per la visione indiretta (c.d. specchi retrovisori)

Dettagli

Nella strada rappresentata, per ogni senso di marcia, la corsia di destra è dedicata, di norma, al

Nella strada rappresentata, per ogni senso di marcia, la corsia di destra è dedicata, di norma, al quiz patente.xls P. 1 1000 10000 In una carreggiata del tipo rappresentato si può sorpassare anche in curva 1000 10001 La carreggiata del tipo rappresentato è a doppio senso di circolazione In una carreggiata

Dettagli

PREAVVISO DI DIREZIONE OBBLIGATORIA A DESTRA/SINISTRA

PREAVVISO DI DIREZIONE OBBLIGATORIA A DESTRA/SINISTRA PREAVVISO DI DIREZIONE OBBLIGATORIA A DESTRA/SINISTRA Preavvisa l'obbligo di svoltare a destra/sinistra. Precede un incrocio con obbligo di svoltare a destra/sinistra. Preavvisa il divieto di svoltare

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

SEGNALETICA STRADALE 7

SEGNALETICA STRADALE 7 SEGNALETICA STRADALE 7 Figura II 1 Art.85 STRADA DEFORMATA Presegnala un tratto di strada in cattivo stato o con pavimentazione irregolare. Figura II 2 Art.85 DOSSO Presegnala una anomalia altimetrica

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Articolo 24, comma 3, Codice della Strada: I cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani di qualsiasi tipo e natura devono essere collocati in modo da non arrecare pericolo od intralcio alla circolazione.

Dettagli

Provincia di Treviso TEL 0422.871162 FAX 0422.871116 UFFICIO POLIZIA LOCALE. Le patenti di guida

Provincia di Treviso TEL 0422.871162 FAX 0422.871116 UFFICIO POLIZIA LOCALE. Le patenti di guida COMUNE DI POVEGLIANO Provincia di Treviso Borgo San Daniele n. 26 cap 31050 C.F. 80008450266 P. IVA 00254880263 E-MAIL: vigilanza@comune.povegliano.tv.it TEL 0422.871162 FAX 0422.871116 UFFICIO POLIZIA

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 8 Premessa alla quinta edizione...» 9 Abbreviazioni...» 13 Enti e sigle...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... pag. 7 Avvertenza...» 8 Premessa alla quinta edizione...» 9 Abbreviazioni...» 13 Enti e sigle... INDICE SOMMARIO Presentazione...................... pag. 7 Avvertenza........................» 8 Premessa alla quinta edizione..........» 9 Abbreviazioni......................» 13 Enti e sigle........................»

Dettagli

Ordinanza concernente le multe disciplinari

Ordinanza concernente le multe disciplinari Ordinanza concernente le multe disciplinari (OMD) 741.031 del 4 marzo 1996 (Stato 1 gennaio 2014) Il Consiglio federale svizzero, visti gli articoli 3, 3a e 12 della legge del 24 giugno 1970 1 sulle multe

Dettagli

Articolo Comma Descrizione violazione Punti

Articolo Comma Descrizione violazione Punti Articolo Comma Descrizione violazione Punti Punti neopatentati 141 8 non moderava la velocità in prossimità di intersezione, scuole, luoghi frequentati da fanciulli appositamente segnalati 141 8 Alla guida

Dettagli

Vieta la circolazione a tutti i veicoli nei due sensi di marcia, consentendo il transito solo ai pedoni.

Vieta la circolazione a tutti i veicoli nei due sensi di marcia, consentendo il transito solo ai pedoni. Vieta la circolazione a tutti i veicoli nei due sensi di marcia, consentendo il transito solo ai pedoni. È posto su entrambi gli accessi della strada. Vieta la sosta dei veicoli, anche per le operazioni

Dettagli

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Ing. Enrico Chiarini Premessa Questo documento, redatto in forma personale, raccoglie alcune richieste di parere e alcune richieste di chiarimento

Dettagli

SEGNALETICA A CONFRONTO

SEGNALETICA A CONFRONTO SEGNALETICA A CONFRONTO (segnali stradali che si assomigliano graficamente) Fig. 1: STRADA DEFORMATA Fig. 2: DOSSO Fig. 3: CUNETTA Fig. 4: CURVA PERICOLOSA A DESTRA Fig. 96: PREAVVISO DI DIREZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.)

BIBLIOTECA DELL AUTO E DELLA MOTO D EPOCA Club Auto d Epoca Scalea & Motoretrò (C.A.E.S.M.) NOZIONE DI VEICOLO E CLASSIFICAZIONE DEI VEICOLI IN GENERALE ART. 46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 55, 56, 57, 58 e 59 del Codice della Strada NOZIONE DI VEICOLO (ART. 46 C.d.S.) 1. Ai fini delle norme

Dettagli