Problematiche antincendio per le strutture sanitarie: riflessioni sulla norma di sicurezza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Problematiche antincendio per le strutture sanitarie: riflessioni sulla norma di sicurezza"

Transcript

1 Claudio Giacalone SPECIALE Problematiche antincendio Decreto Ministeriale 18 settembre 2002 per le strutture sanitarie pubbliche e private Con il decreto 18 settembre 2002 sono state emanate dal ministero dell Interno le nuove norme di prevenzione incendi per le strutture sanitarie. Il decreto ministeriale, recante Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie, pubbliche e private, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 227 del 27 settembre 2002 ed è entrato in vigore il 26 dicembre La regola tecnica rappresenta una pietra miliare nel campo della prevenzione incendi per il settore ospedaliero, che in Italia non è mai stato oggetto di considerazione normativa. Frutto di numerosi anni di lavori, di avvicendarsi di bozze di regolamento e di vicissitudini, l attesa norma di sicurezza non era ulteriormente rinviabile, sia in relazione alle particolari ed improcrastinabili esigenze di sicurezza delle strutture sanitarie sia in relazione all esigenza di uniformità delle valutazioni antincendio dei comandi provinciali dei vigili del fuoco nel settore sanitario. La disposizione antincendio prende in esame ovviamente solamente un aspetto della sicurezza complessiva degli ospedali, che coinvolge anche altre problematiche di diversa natura, quali la protezione antisismica, l acustica, la sicurezza e la continuità elettrica, la sicurezza antinfortunistica, l igiene dei luoghi di lavoro, la protezione dalle radiazioni ionizzanti, l eliminazione delle barriere architettoniche, lo smaltimento dei rifiuti, le condizioni microclimatiche, gli impianti di distribuzione dei gas medicali. In questo complesso contesto la sicurezza antincendi si presenta come l aspetto sicuramente più importante, in quanto legato in maniera trasversale a tutti gli altri aspetti di sicurezza, sia perché l incendio risulta, in base alle statistiche, l evento che presenta la maggiore probabilità di accadimento rispetto a tutti gli altri eventi incidentali, ed è anche l evento che può causare gli effetti più deleteri in termini di perdite di vite umane. FOTO FADDA (VR) CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Una prima motivazione di confronto fra gli operatori del settore è l identificazione delle strutture sanitarie oggetto del campo di applicazione della norma di sicurezza antincendio. L ospedale militare è soggetto alla norma? Le case di riposo per anziani sono identificabili come strutture sanitarie? E se la casa di riposo per anziani offre solamente ospitalità e non vengono erogate prestazioni sanitarie, è ancora applicabile la normativa antincendio? 38

2 La nuova disposizione di sicurezza trova applicazione non solo nei riguardi degli ospedali propriamente detti, ma tiene conto anche delle nuove realtà sanitarie e di tutela della salute che nel tempo si sono aggiunte alle tradizionali case di cura, cioè quelle strutture che erogano prestazioni sanitarie specialistiche, assistenziali, diagnostiche, terapeutiche e riabilitative non erogabili in ambito ospedaliero, quindi le residenze sanitarie assistenziali (R.S.A.), i consultori familiari, i centri psichiatrici, i centri per la riabilitazione dei tossicodipendenti, gli ambulatori, ma anche quelle strutture che consentono di erogare la prestazione ospedaliera senza la necessità del ricovero del paziente, oggi sempre più diffuse come i day-hospital o i day-surgery. L art. 1 del D.M. 18 settembre 2002, in merito al campo di applicazione, fa esplicito riferimento alle strutture sanitarie elencate e classificate dall art. 4 del D.P.R. 14 gennaio 1997 (meglio noto come decreto Bindi), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.42 del 20 febbraio 1997, che distingue le istituzioni sanitarie in relazione alle attività o alla destinazione funzionale, e le classifica in relazione alla tipologia delle prestazioni erogate, indipendentemente dalla natura pubblica o privata dell attività, o dall essere accreditate o meno, come segue: a. strutture che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero a ciclo continuativo e/o diurno per acuti b. strutture che erogano prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e/o diurno c. strutture che erogano prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale, ivi comprese quelle riabilitative, di diagnostica strumentale e di laboratorio. Le tabelle esplicative seguenti individuano una casistica delle strutture sanitarie soggette all applicazione della normativa antincendio: REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO A CICLO CONTINUATIVO Ospedali e case di cura Ospedali di rilievo nazionale o di alta specializzazione Aziende ospedaliere regionali Presidi ospedalieri delle Aziende sanitarie locali Policlinici universitari Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico Ospedali militari REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO A TEMPO PARZIALE O DIURNO Day-hospital Day-surgery REGIME RESIDENZIALE A CICLO CONTINUATIVO E/O DIURNO Residenze sanitarie assistenziali (R.S.A.) Presidi di riabilitazione funzionale di soggetti portatori di disabilità fisiche, psichiche e sensoriali Strutture di riabilitazione dei tossicodipendenti Presidi di tutela della salute mentale struttura residenziale psichiatrica centro diurno psichiatrico day-hospital psichiatrico REGIME AMBULATORIALE assistenza specialistica con prestazioni di tipo riabilitativo, di diagnostica strumentale e di laboratorio: Servizi di medicina di laboratorio Attività di diagnostica per immagini Presidi di recupero e riabilitazione funzionale Centri ambulatoriali di riabilitazione Centri di salute mentale Consultori familiari Centri ambulatoriali per il trattamento dei tossico dipendenti PROBLEMATICHE DI SICUREZZA NEGLI OSPEDALI La sicurezza antincendio delle strutture sanitarie presenta problematiche particolari, legati innanzi tutto alla configurazione architettonica degli edifici, alla dimensione e alla complessità dei luoghi sia in estensione quanto in altezza. Gli ospedali inoltre presentano diversificati fattori di rischio di tipo tecnologico dovuti alla presenza di impianti complessi che utilizzano gas pericolosi (gas metano, idrogeno, ossido di etilene), impianti di distribuzione di gas medicali (ossigeno, protossido d azoto) e altre apparecchiature che utilizzano gas comburenti (camere iperbariche), apparecchiature ad alta energia e sorgenti di radiazioni ionizzanti come la 39

3 FOTO FADDA (VR) Diversi livelli di cognizione del rischio risonanza magnetica nucleare (RMN), la tomografia assiale computerizzata (TAC) o la mineralometria ossea computerizzata (MOC), che sfruttano le proprietà delle radiazioni elettromagnetiche a scopo diagnostico per immagini. Inoltre, nei reparti di radioterapia, alcune terapie prevedono l inserimento di piccole sorgenti radioattive sigillate all interno degli organi umani, ma si utilizzano anche gli acceleratori lineari o gli impianti per la cobaltoterapia, che impiegano grandi sorgenti di radiazioni ionizzanti (Cobalto 60) di notevole attività (oltre 200 milioni di Bequerel), mentre nei reparti di medicina nucleare si fa uso anche di sorgenti radioattive allo stato liquido che vengono iniettate nei pazienti. Una seconda difficoltà nella gestione della sicurezza e nell attuazione dei piani di emergenza è rappresentata dal fatto che gli ospedali sono frequentati dalle più svariate tipologie di persone (medici, infermieri, manutentori, degenti, parenti, visitatori, imprese esterne), ciascuna con una diversa cognizione del rischio e con comportamenti diversi in relazione alla percezione del pericolo o alla partecipazione nell attuazione del piano di emergenza. A rendere il problema ancora più complesso si aggiunge l entità numerica delle persone che giornalmente visitano le strutture sanitarie, che per i grandi ospedali può raggiungere valori esorbitanti, con cifre che si aggirano attorno a persone al giorno, ad esempio, per l Ospedale San Raffaele di Milano. Le particolari condizioni psichiche e fisiche dei degenti inoltre non consentono la praticabilità delle normali procedure per l esodo in caso di emergenza, che richiederebbero tempi di evacuazione molto lunghi e non compatibili con la rapidità di evoluzione di una situazione incidentale quale è quella di un incendio. Le motivazioni sono diverse: oltre ai pazienti obbligati a letto, ad esempio, occorre tener conto anche della presenza di pazienti in terapia intensiva le cui funzioni vitali sono monitorate e legate necessariamente al funzionamento di macchine specialistiche. Qual è in tal caso la strategia migliore da perseguire in caso di emergenza, l allontanamento immediato del paziente per salvaguardarlo dagli effetti dell incendio o il suo mantenimento all interno del reparto, ove infuria l incendio, per salvarlo da un incauto distacco dalla macchina che mantiene le sue funzioni vitali? Ancora la presenza, soprattutto nelle case di riposo 40

4 per anziani, di degenti con disabilità psichiche, o affetti dalla patologia di Alzheimer, impone addirittura il bloccaggio delle porte di uscita da parte del personale, onde evitare che i pazienti, in questo caso incapaci di intendere e di volere, possano fare un uso improprio delle porte. Come è possibile in questi casi conciliare l esigenza di sicurezza e di salvaguardia in caso di incendio con l esigenza, anche questa cogente ed importante quanto la prima, della tutela psico-fisica dei degenti? La strategia da perseguire, pertanto, in caso di incendio, dovrà essere orientata verso la difesa e la salvaguardia degli occupanti all interno della stessa struttura sanitaria. A parte le problematiche intrinseche delle strutture sanitarie, la possibilità che un incendio possa portare a conseguenze disastrose dipende comunque da altri aspetti di primaria importanza, come la mancata applicazione di idonee misure di prevenzione degli incendi, l insufficienza delle misure di protezione passiva e attiva, la scarsa conoscenza delle misure di prevenzione e di protezione da parte del personale, carenze nella segnalazione dell'evento, addirittura la mancanza o la mancata conoscenza del piano di emergenza. In tal senso la formazione del personale e l addestramento periodico divengono gli elementi vincenti nella corretta gestione della sicurezza di un organizzazione sanitaria. Gli obiettivi di sicurezza antincendio assunti dalla nuova normativa antincendio risultano in linea con le direttive europee 89/106/CEE e 93/68/CEE sui prodotti da costruzione, recepite in Italia con il D.P.R.21 aprile 1993, n. 246 e con il D.P.R. 10 dicembre 1997, n. 499, obiettivi di seguito elencati: minimizzare le cause di incendio garantire la stabilità delle strutture portanti al fine di assicurare il soccorso agli occupanti limitare la produzione e la propagazione di un incendio all interno dei locali limitare la propagazione di un incendio ad edifici e/o locali contigui assicurare la possibilità che gli occupanti lascino il locale indenni o che gli stessi siano soccorsi in altro modo garantire la possibilità per le squadre di soccorso di operare in condizioni di sicurezza. Le problematiche particolari delle strutture sanitarie sono affrontate dalla normativa di sicurezza antincendio mediante misure altrettanto particolari, di tipo strutturale, funzionale, impiantistico e gestionale, basate sui seguenti principi generali: resistenza al fuoco delle costruzioni suddivisione degli spazi (compartimentazione) per attività omogenee protezione delle aperture verticali protezione delle aree a rischio limitazioni nell uso di materiali combustibili di arredamento e di rivestimento previsione di adeguate vie di uscita controllo della diffusione dei fumi appropriate misure impiantistiche rigorose misure di gestione della sicurezza QUALE TITOLO DELLA NORMA SI APPLICA? Dalla lettura combinata dei commi 1 e 4 dell art. 4 del D.M. 18/9/2002 si evince che il titolo II si applica alle strutture ospedaliere e residenziali di nuova costruzione o esistenti, nel caso di completa ristrutturazione o cambio di destinazione d uso: a ciclo continuativo, qualunque sia il numero di posti letto a ciclo diurno, con oltre 25 posti letto. Il titolo III dell allegato alla regola tecnica trova applicazione, nei riguardi delle strutture ospedaliere e residenziali esistenti, in particolare: strutture ospedaliere, a ciclo continuativo, qualunque sia il numero di posti letto; strutture residenziali, a ciclo continuativo, con oltre 25 posti letto strutture ospedaliere e residenziali, a ciclo diurno, con oltre 25 posti letto. FOTO FADDA (VR) 41

5 Le disposizioni del titolo IV dell allegato si applicano: alle strutture che erogano prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale, sia esistenti che di nuova costruzione alle strutture, fino a 25 posti letto, che erogano prestazioni a ciclo diurno in regime di ricovero ospedaliero e/o residenziale, sia esistenti che di nuova costruzione; alle strutture esistenti, fino a 25 posti letto, che erogano prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo. Le attività soggette al controllo al rilascio del certificato di prevenzione incendi da parte dei vigili del fuoco (ospedali, case di cura e simili con oltre 25 posti-letto) sono comunque tutte comprese nel titolo II dell allegato al decreto se si tratta di nuova costruzione o nel titolo III, se già realizzate. Per maggiore chiarezza si è riportato nella seguente tabella il campo di applicazione dei titoli della norma di sicurezza antincendio: POSTI STRUTTURE OSPEDALIERE RESIDENZIALI LETTO A CICLO A CICLO A CICLO A CICLO CONTINUATIVO DIURNO CONTINUATIVO DIURNO > 25 NUOVE II II II II 25 II IV II IV > 25 ESISTENTI III III III III 25 III IV IV IV L adeguamento deve avvenire entro il 26 dicembe 2007 ADEGUAMENTO DELLE STRUTTURE ESISTENTI Le disposizioni transitorie indicate dall articolo 6 prevedono l adeguamento di tutte le strutture esistenti alle disposizioni del titolo III del D.M. 18 settembre 2002 entro 5 anni (26 dicembre 2007) dalla data di entrata in vigore del decreto. L unico problema è che non tutte le strutture sanitarie esistenti sono soggette all applicazione del titolo III, quindi sembrerebbe, ad esempio, che le strutture sanitarie individuate dal titolo IV non siano soggette all adeguamento o che, comunque, i termini di adeguamento per le stesse strutture non siano i previsti cinque anni. Si ritiene, a meno di successivi chiarimenti da parte del Dipartimento dei vigili del fuoco, che il termine di cinque anni sia da ritenersi valido per tutte le strutture sanitarie esistenti. Non sussiste invece l obbligo di adeguamento per le strutture sanitarie dotate di certificato di prevenzione incendi o di un progetto approvato dal comando provinciale dei vigili del fuoco, a condizione che i lavori previsti siano in corso di realizzazione o siano stati pianificati. Anche le strutture dotate di nulla osta provvisorio, rilasciato dai comandi provinciali dei vigili del fuoco ai sensi della legge 7 dicembre 1984, n. 818, dovranno pertanto essere adeguate ai disposti 42

6 normativi, atteso che il NOP (nulla osta provvisorio) è un atto che attesta solamente il rispetto delle misure più urgenti ed essenziali di prevenzione incendi e che, secondo il D.P.R.12 gennaio 1998, n.37, consente l esercizio dell attività nelle more degli adeguamenti previsti dalle disposizioni regolamentari di prevenzione incendi. SUDDIVISIONE DEGLI AMBIENTI IN AREE Il decreto prevede la suddivisione degli ambienti ospedalieri in aree per attività omogenee, aree che costituiscono compartimento antincendio. Per ogni tipologia di area ospedaliera sono previsti i requisiti tecnici, come la dimensione massima, le modalità di comunicazione con altre aree, i requisiti impiantistici. Ma un aspetto importante previsto dalla normativa di sicurezza è la previsione della compartimentazione non solo per la specificità del rischio di incendio dei reparti ma anche in relazione alle diverse esigenze funzionali. Nasce pertanto la necessità di suddividere in cinque aree tipologicamente diverse fra di loro le zone interne delle strutture sanitarie. AREE DI TIPO A Aree o impianti a rischio specifico soggetti al D.M. 16/2/1982 Impianti per la produzione di calore e cucine (n. 91) Autorimesse (n. 92) Gruppi elettrogeni (n. 64) Depositi di ossigeno (n. 5) Etc. AREE DI TIPO B Aree o impianti a rischio specifico accessibili al solo personale ubicate nel volume degli edifici destinati, anche in parte, ad aree di tipo C e D (servizi generali) Impianti per la produzione di calore e cucine (P < 116 kw) Laboratori Depositi Lavanderie Servizi di sterilizzazione Servizio di disinfezione Gestione farmaci e materiale sanitario AREE DI TIPO C Aree destinate a prestazioni medico sanitarie di tipo ambulatoriale in cui non è previsto il ricovero Ambulatori Centri specialistici Centri di diagnostica Consultori AREE DI TIPO D Aree destinate a ricovero in regime ospedaliero e/o residenziale nonché aree adibite ad unità speciali Reparti di degenza Neonatologia Sale parto Sale operatorie Sale di rianimazione e terapia intensiva Pronto soccorso ospedaliero Medicina nucleare Radioterapia TAC, RMN, MOC AREE DI TIPO E Aree destinate ad altri servizi pertinenti Uffici amministrativi fino a 500 addetti Spazi per i visitatori Scuole e convitti Spazi per riunioni Mensa aziendale MISURE PER L ESODO IN EMERGENZA Solamente negli edifici monopiano è possibile realizzare uscite dirette immediatamente all esterno dell edificio, mentre negli edifici multipiano l organizzazione del sistema di vie esodo prevede normalmente l utilizzo di scale interne ed esterne, rampe e percorsi orizzontali. L evacuazione di un ospedale con degenti che presentano problemi fisici o psichici, risulta invece difficile e comunque richiede un notevole dispendio 43

7 Salvaguardia e protezione dei degenti all interno della struttura Spostamento dei pazienti verso il compartimento adiacente Intercettazione manuale degli impianti tecnologici di tempo e l intervento di un incommensurabile numero di persone. L organizzazione dell esodo pertanto in tali strutture dovrà essere orientata alla protezione e alla salvaguardia del degente all interno della stessa struttura ospedaliera. I compartimenti in cui risultano suddivise le aree ospedaliere devono essere provvisti di un sistema organizzato di vie d uscita, dimensionato in base al massimo affollamento previsto e che adduca verso un luogo sicuro. La stessa norma fornisce i parametri (affollamento degli ambienti, capacità di deflusso, lunghezza e larghezza e caratteristiche delle vie di uscita) per dimensionare, con il metodo capacitivo, il sistema di vie di uscita. Praticamente le vie di esodo devono essere dimensionate come se tutti gli occupanti possano abbandonare l edificio con le proprie forze. Per tener conto della presenza dei degenti allettati o comunque di persone con varie disabilità psichiche e fisiche la norma prevede la necessità che tutti i piani che contengono aree destinate a degenza, o comunque visitabili dai degenti, devono essere progettati in modo da consentire l esodo orizzontale progressivo. La filosofia dell intervento è quella di prevedere, piuttosto che lo sfollamento e l abbandono dell edificio, lo spostamento dei pazienti dal compartimento interessato verso il compartimento adiacente con l intento di proteggere i degenti dagli effetti immediati dell incendio e di consentire lo stazionamento degli stessi in attesa dell arrivo dei soccorsi o in attesa di un ulteriore spostamento qualora necessario. I compartimenti pertanto devono essere dimensionati per l evenienza, con affollamenti di progetto di 0,70 mq per persona o di 1,50 mq per persona, se l esodo avviene con le barelle. La muratura di partizione fra i due compartimenti rappresenta ovviamente una idonea barriera al fuoco e al fumo, capace di proteggere gli ospiti fino a quando l incendio non sia stato domato o fino ad una successiva evacuazione verso luogo sicuro. Al fine di consentire comunque l evacuazione, i reparti destinati ad aree di degenza (aree di tipo D) devono disporre almeno di un montalettighe utilizzabile in caso di incendio, dotati dei requisiti di impenetrabilità del fuoco o dei fumi, nonché possedere dotazioni impiantistiche particolari. La manovra dei montalettighe per le ope- 44

8 razioni di soccorso e di evacuazione dovrà essere evidentemente riservata al personale incaricato, appositamente addestrato, ed ai vigili del fuoco. REQUISITI DEI MONTALETTIGHE UTILIZZABILI IN CASO DI INCENDIO Immettere in luogo sicuro all esterno, tramite percorso protetto Strutture del vano corsa e del locale macchinario REI 120 (stabilità tenuta isolamento termico) Vano corsa e locale macchinario distinto da altri elevatori Sbarco ai piani tramite filtro a prova di fumo REI 120 Accesso al locale macchinario direttamente dall esterno o tramite filtro a prova di fumo REI 120 Doppia alimentazione elettrica, una delle quali di sicurezza Predisposizione per il passaggio automatico da alimentazione normale ad alimentazione di sicurezza in caso di incendio Montanti dell alimentazione elettrica normale e di sicurezza del locale macchinario protetti per 120 minuti primi Sistema citofonico tra cabina, locale macchinario, pianerottoli e centro di gestione delle emergenze FILTRI A PROVA DI FUMO Un altra previsione normativa è la separazione tra le diverse aree funzionali mediante filtri a prova di fumo, rappresentato da un disimpegno dotato di porte e strutture resistenti al fuoco almeno REI 90 e ventilato direttamente dall esterno. I filtri a prova di fumo da realizzare all interno delle strutture sanitarie presentano tuttavia degli ulteriori requisiti rispetto a quanto previsto dal D.M. 30 novembre 1983: devono avere dimensioni tali da consentire l agevole movimentazione di letti o barelle in caso di emergenza possono presentare le aperture di ventilazione, normalmente di tipo permanente, chiuse con infissi apribili automaticamente attivati dal dispositivo di chiusura elettromagnetico delle porte. Nei filtri a prova di fumo devono essere previste intercettazioni a comando manuale degli impianti elettrici, di distribuzione dei gas medicali, di condizionamento e ventilazione nonché pannelli sinottici di ripetizione dei segnali relativi allo stato di servizio degli impianti elettrici, distribuzione gas medicali, rete idrica antincendio e dell impianto di rivelazione ed allarme appartenenti ai compartimenti serviti dal filtro. In conclusione il decreto ministeriale 18 settembre 2002 consegue pienamente gli obiettivi di sicurezza della vita umana e incolumità delle persone, propri della prevenzione incendi, mediante l attuazione di misure, provvedimenti e accorgimenti operativi molto restrittivi intesi, da una parte, a ridurre le probabilità dell insorgere dell'incendio ma atti, dall altra parte, anche a limitare le conseguenze dell incendio. FOTO FADDA (VR) 45

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI

LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI LA SICUREZZA ANTINCENDIO LA SICUREZZA ANTINCENDIO NEGLI OSPEDALI dott. ing. Emilio Milano pagina 1 COS E LA PREVENZIONE INCENDI Decreto Legislativo 8 marzo 2006, n. 139 - Capo III - Art. 13 (S.O.G.U. Serie

Dettagli

Relatore: Ing. Luigi Abate

Relatore: Ing. Luigi Abate Le soluzioni di mitigazione del rischio incendio per le strutture sanitarie alla luce del nuovo disposto normativo Evoluzione Normativa: dal DM 18.09.2002 al DM 19.03.2015 «UTILITA SOCIALE DEL NUOVO DECRETO

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

RISCHIO INCENDIO E SITUAZIONE IN CAMPANIA Guido PARISI Direttore regionale VV.F. CAMPANIA

RISCHIO INCENDIO E SITUAZIONE IN CAMPANIA Guido PARISI Direttore regionale VV.F. CAMPANIA RISCHIO INCENDIO E SITUAZIONE IN CAMPANIA Guido PARISI Direttore regionale VV.F. CAMPANIA 935 interventi di soccorso in 5 anni nelle strutture sanitarie della Campania sa 17% na 47% av 15% bn 7% ce 14%

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Le gestione della sicurezza antincendio nelle fasi di adeguamento

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015

BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 STRUTTURA D.M. 19 MARZO 2015 BREVI CENNI SULLE NOVITA INTRODOTTE NEL DM 19 MARZO 2015 Sulla GU 2573/2015, n. 70 è stato pubblicato il D.M. 19 marzo 2015 recante "Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione,

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015

Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015 Il Decreto Interministeriale 19 marzo 2015 LE PROCEDURE AUTORIZZATIVE NEL REGIME TRANSITORIO Ing. Rosario Caccavo Direttore vice dirigente Comando Provinciale Vigili del fuoco Viterbo rosario.caccavo@vigilfuoco.it

Dettagli

Relatore: Ing.Luigi Abate. Milano 26-03-2015

Relatore: Ing.Luigi Abate. Milano 26-03-2015 Le soluzioni di mitigazione del rischio incendio per le strutture sanitarie alla luce del nuovo disposto normativo Relatore: Ing.Luigi Abate Milano 26-03-2015 L ospedale è forse l unico edificio abitativo

Dettagli

La sicurezza negli ospedali

La sicurezza negli ospedali SICUREZZA PARTECIPATA IN SANITÀ L ESPERIENZA DEL PROGETTO EUROPEO REFIRE Università Campus Bio-Medico di Roma 7 maggio 2014 La sicurezza negli ospedali Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco Umbria Ospedali,

Dettagli

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA

LA COMPARTIMENTAZIONE LE DISTANZE DI SICUREZZA Ordine degli Ingegneri della provincia di Taranto Corso di specializzazione in prevenzione incendi ai sensi della Legge 818/1984 e del D.M. 25/3/1985 MODULO C Tecnologie dei materiali e delle strutture

Dettagli

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia

Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia AZIENDA USL 3 PISTOIA ZONA DISTRETTO VALDINIEVOLE Presidio ospedaliero Santi Cosma e Damiano di Pescia ADEGUAMENTO E RIORGANIZZAZIONE PER LIVELLI DI ASSISTENZA DEL PRESIDIO LAVORI DI SPOSTAMENTO DEL PRONTO

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6

ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2108 del 10 novembre 2014 pag. 1/6 OGGETTO: Trasformazione di spazi sanitari e socio-sanitari già autorizzati all esercizio in Ospedali di Comunità

Dettagli

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia

1 ((c) Datatronics Sistemi S.n.c. - Brescia Decreto del Ministero dell Interno 18 settembre 2002 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private.

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

Ministero dell 'Interno. COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - POTENZA audere in ardore DISPENSA

Ministero dell 'Interno. COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - POTENZA audere in ardore DISPENSA Edizione: Ottobre 2002 Ministero dell 'Interno COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO - POTENZA audere in ardore DISPENSA STRUTTURE SANITARIE E STRUTTURE RICETTIVE PER ANZIANI D.M. 18.9.2002 Entrata in vigore:

Dettagli

Ministero dell'interno

Ministero dell'interno Ministero dell'interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco Del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco Sicilia Dott. Ing. Emilio OCCHIUZZI Dirigente Generale Direttore

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO IL MINISTRO DELLA SALUTE IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL INTERNO IL MINISTRO DELLA SALUTE IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 19 marzo 2015. Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private di cui al decreto 18 settembre

Dettagli

L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI:

L ATTIVITA OSPEDALIERA E SICURAMENTE DA COLLOCARE FRA QUELLE CON ALTO PROFILO DI RISCHIO PER I SEGUENTI MOTIVI: LA PREVENZIONE INCENDI NEGLI OSPEDALI 1. LA PROBLEMATICA OSPEDALIERA L ATTIVITÀ OSPEDALIERA È CONTEMPLATA AL N. 86 DELL ELENCO ANNESSO AL D.M. 16.02.1982.. IN UNA ATTIVITÀ OSPEDALIERA GENERALMENTE POSSIAMO

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 Le strutture sanitarie: le criticità

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

Le novità introdotte dalla nuova regola tecnica sulle attività commerciali attualmente in corso di emanazione. Arch.

Le novità introdotte dalla nuova regola tecnica sulle attività commerciali attualmente in corso di emanazione. Arch. Le novità introdotte dalla nuova regola tecnica sulle attività commerciali attualmente in corso di emanazione Arch. Valter Cirillo Dopo un elaborazione che a fasi alterne e con il contributo di diversi

Dettagli

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE

PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE PIANO DIRETTORE PRESIDIO OSPEDALIERO VAL TIDONE L ospedale è costituito da quattro ali parallele collegate tra di loro da un corridoio centrale di raccordo e da una piccola palazzina, unita dal corridoio

Dettagli

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza.

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Modena - 11 ottobre 2012 Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Il punto sugli obblighi e le scadenze Dott.Ing. Michele

Dettagli

FASCICOLO n 1 REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E TECNOLOGICI GENERALI VERIFICA ASL AI SENSI DEL D.P.R. 14/01/97 E DELLA D.G.R. N.7/5724 DEL 27/07/01

FASCICOLO n 1 REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E TECNOLOGICI GENERALI VERIFICA ASL AI SENSI DEL D.P.R. 14/01/97 E DELLA D.G.R. N.7/5724 DEL 27/07/01 FASCICOLO n 1 REQUISITI MINIMI STRUTTURALI E TECNOLOGICI GENERALI VERIFICA ASL AI SENSI DEL D.P.R. 14/01/97 E DELLA D.G.R. N.7/5724 DEL 27/07/01 STRUTTURE DI RICOVERO E CURA, ODONTOIATRICHE MONOSPECIALISTICHE,

Dettagli

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. Il Ministro

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie.

Cartella 02: Requisiti ulteriori specifici di accreditamento strutture sanitarie e sociosanitarie. Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 25/ 29 del 1.7.2010 Elenco documentazione Cartella 01: Requisiti generali strutture sanitarie e sociosanitarie. Requisiti generali autorizzativi delle strutture sanitarie

Dettagli

SISTEMI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA IN APSP Requisiti minimi di autorizzazione e ulteriori di accreditamento

SISTEMI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA IN APSP Requisiti minimi di autorizzazione e ulteriori di accreditamento SISTEMI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITA IN APSP Requisiti minimi di autorizzazione e ulteriori di accreditamento Corso di formazione per coordinatori sanitari R.S.A. Trento, 30 marzo 2010 dott. Antonino Biondo

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

Uscite di sicurezza Vie di esodo

Uscite di sicurezza Vie di esodo Corpo Nazionale VVF - Comando di Vicenza Uscite di sicurezza Vie di esodo Vicenza 13.11.2007 CORSO L.818/84 Giuseppe Ruffino, Funzionario VVF Vicenza SISTEMI DI VIE DI USCITA Si tratta di una misura di

Dettagli

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici

CULTURA PER TUTTI. Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici CULTURA PER TUTTI Considerare le esigenze delle persone con disabilità nei piani di sicurezza degli eventi pubblici Palazzo Vignola Todi (35 vittime) La Fenice Petruzzelli Duomo e Palazzo Reale Castello

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

Autorizzazione e accreditamento dei ST e delle UdR: il percorso normativo

Autorizzazione e accreditamento dei ST e delle UdR: il percorso normativo Relazione Dr.ssa Menichini Autorizzazione e accreditamento dei ST e delle UdR: il percorso normativo a cura dello studio necstep Autorizzazione e accreditamento dei ST e delle UdR: il percorso normativo

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI M.I.U.R. - U.S.R. LAZIO - Istituto di Istruzione Superiore "TULLIANO" 03033 ARPINO (FR) fris060008@istruzione.it FRIS006008 C.F. 91011090601 C/C Postale 28880003 Sez. Ass. Liceo Ginnasio - FRPC00601G :

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731

SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731 REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AZIENDA U.L.S.S. 16 DI PADOVA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Via Facciolati, 71 Tel. 049-8216732 fax 049-8216731 Oggetto: nota informativa di sintesi

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Comando Provinciale Vigili del Fuoco P E R U G I A. Asili Nido

Comando Provinciale Vigili del Fuoco P E R U G I A. Asili Nido Comando Provinciale Vigili del Fuoco P E R U G I A Asili Nido D.P.R. 151/2011 Att.67 Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie con oltre 100 persone presenti; Asili nido con oltre 30 persone

Dettagli

TITOLO III STRUTTURE ESISTENTI CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO E/O IN REGIME RESIDENZIALE A CICLO CONTINUATIVO E/O DIURNO

TITOLO III STRUTTURE ESISTENTI CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO E/O IN REGIME RESIDENZIALE A CICLO CONTINUATIVO E/O DIURNO ALLEGATO I TITOLO III STRUTTURE ESISTENTI CHE EROGANO PRESTAZIONI IN REGIME DI RICOVERO OSPEDALIERO E/O IN REGIME RESIDENZIALE A CICLO CONTINUATIVO E/O DIURNO 13 - DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI 13.1 -

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO

MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 19 marzo 2015 Aggiornamento della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private di

Dettagli

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO:

Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: Dal progetto alla gestione Il progetto di prevenzione incendi nella GDO: elementi tecnici e aspetti procedurali alla luce della Nuova Regola Tecnica di Prevenzione incendi per i Centri Commerciali di Mario

Dettagli

GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F.

GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F. Sommario SOMMARIO Prefazione... IX Nota sugli autori... XI Capitolo 1 GLI OBBLIGHI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE ATTIVITÀ SOGGETTE AI CONTROLLI DEL C.N.VV.F. 1.1 Norme fondamentali di prevenzione incendi...

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) Compartimentazione Distanze di sicurezza Ing. Silvano BARBERI Corpo Nazionale

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

La nuova analisi del rischio incendio per le aziende e i professionisti Ing. Tiziano Zuccaro

La nuova analisi del rischio incendio per le aziende e i professionisti Ing. Tiziano Zuccaro La nuova analisi del rischio incendio per le aziende e i professionisti Ing. Tiziano Zuccaro Firenze, 18 febbraio 2014 1 L incendio e il suo sviluppo 2 Il rischio di incendio Fase pre flashover Fase post

Dettagli

Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici

Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici Applicazione D.M. 18 Settembre 2002 agli impianti gas medicali: Parte 2: Requisiti specifici Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM POLITECNICO DI MILANO, 13 Dicembre 2011 SOMMARIO

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA: La progettazione di un sistema adattativo. Investimenti sul patrimonio esistente

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA: La progettazione di un sistema adattativo. Investimenti sul patrimonio esistente L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA: La progettazione di un sistema adattativo Scuola Superiore Sant Anna 28/06/2013 Investimenti sul patrimonio esistente ing. Cosimo Pulito- Direttore Regionale VVF - Toscana

Dettagli

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N

IL SOTTOSCRITTO Iscritto all albo della. Legale rappresentante della società Studio: Comune di C.A.P. Provincia. Indirizzo N Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO A-5 Dichiarazione di conformità dell impianto alle vigenti norme CONFORMITA ALLE NORME IN MATERIA DI REQUISITI STRUTTURALI, TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

Claudio Giacalone. Dirigente Addetto Comando provinciale Vigili del fuoco di Milano

Claudio Giacalone. Dirigente Addetto Comando provinciale Vigili del fuoco di Milano Antincendio ed emergenze nelle grandi manifestazioni: sicurezza del pubblico e dei lavoratori Claudio Giacalone Dirigente Addetto Comando provinciale Vigili del fuoco di Milano Eventi di spettacolo complessi

Dettagli

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B5-1. Gestione del rischio incendio nella scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione del rischio incendio nella scuola MODULO B Unità didattica B5-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 Il quadro

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione

D.M. 10 marzo 1998. Piano Emergenza Evacuazione Piano Emergenza Evacuazione Il D.M 10 marzo 1998 prevede che, a seguito della VDRI deve essere predisposto e tenuto aggiornato, in forma scritta, dal Datore di Lavoro un Piano di Emergenza Antincendio,

Dettagli

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA

PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE RESIDENZA MATTIOLI SIENA 1 STRUTTURA SEDE RESIDENZA MATTIOLI Via P. A. MATTIOLI, 8 SIENA tel

Dettagli

Competenze del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco

Competenze del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco Competenze del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco Ing. Claudio Giacalone Comandante provinciale Vigili del fuoco di Belluno Nuove norme per l'organizzazione dei servizi antincendi Legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili

La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili La valutazione della sicurezza antincendio in presenza di persone disabili In presenza di disabili quali ulteriori avvertenze si debbono adottare riguardo la sicurezza antincendio? Il Ministero dell Interno

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI CENNI SULLA LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ED IL PIANO DI EMERGENZA DOCUMENTI DA PREDISPORRE E CONSERVARE Relatore: Ing.

Dettagli

Prevenzione incendi. Aggiornamento della regola tecnica per le strutture sanitarie. La nuova disciplina stabilita dal.

Prevenzione incendi. Aggiornamento della regola tecnica per le strutture sanitarie. La nuova disciplina stabilita dal. Michele Vigne Gianluca Vigne DOWNLOAD DM 19 marzo 2015 completo degli allegati Prevenzione incendi Aggiornamento della regola tecnica per le strutture sanitarie La nuova disciplina stabilita dal DM 19

Dettagli

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna

Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Autorizzazione all esercizio di attività sanitarie in Emilia Romagna Normativa di riferimento Art. 43 della legge n. 833 del 23.12.78 istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale; D. Lgs 502/92 e successive

Dettagli

D.M. 10 marzo 1998 CPI

D.M. 10 marzo 1998 CPI D.M. 10 marzo 1998 CPI La prevenzione incendi: Norme di riferimento Il D.lgs 81/08 prevede che, fermo restando quanto previsto dal D.lgs 139/2006, dovranno essere adottati uno o più decreti in cui siano

Dettagli

Obiettivi e metodologia generale per la progettazione della sicurezza antincendio

Obiettivi e metodologia generale per la progettazione della sicurezza antincendio Profili di rischio Obiettivi e metodologia generale per la progettazione della sicurezza antincendio Progettazione della sicurezza antincendio Progettare la sicurezza antincendio di una attività significa

Dettagli

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE

ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE ISTRUZIONI PREVENTIVE ANTINCENDIO A TUTTO IL PERSONALE MISURE PREVENTIVE PER TUTTI I LAVORATORI E vietato depositare e manipolare sostanze infiammabili in quantità superiori alla normale dotazione prevista.

Dettagli

IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996

IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996 IMPIANTI SPORTIVI D.M. 18 Marzo 1996 NORME DI PREVENZIONE INCENDI MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile COMANDO PROVINCIALE LATINA comando.latina@vigilfuoco.it

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

UMBRIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI

UMBRIA INDICE CRONOLOGICO DELLA NORMATIVA REGIONALE AVVISO AI LETTORI UMBRA NDCE CRONOLOGCO DELLA NORMATA REGONALE AVVSO A LETTOR Codice dell'ospedalità Privata Gli indici cronologici sono stati realizzati per facilitare la ricerca di una specifica norma di legge. Per consultarne

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64. Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO 1998 N 64 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Art. 2. - Valutazione dei rischi di incendio 1. Obbligo del datore

Dettagli

Impianti e sistemi di sicurezza: sono adatti alle esigenze delle persone con disabilità?

Impianti e sistemi di sicurezza: sono adatti alle esigenze delle persone con disabilità? DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE Impianti e sistemi di sicurezza: sono adatti alle esigenze delle

Dettagli

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M.

Quadro normativo. Obbligo di richiesta del Certificato di Prevenzione Incendi (CPI) per le scuole con più di 100 persone D.M. Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Il Piano antincendio scolastico 6.1a CORSO DI FORMAZIONE PER DIRIGENTI SCOLASTICI E PER DIRETTORI DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI Quadro

Dettagli

Art. 3 Disposizioni tecniche

Art. 3 Disposizioni tecniche MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 18 SETTEMBRE 2002 (G. U. n. 227 del 27 settembre 2002) Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio

Dettagli

Prot. n 10493 Roma, 14 dicembre 2004 -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER L EMERGENZA E IL SOCCORSO TECNICO SEDE

Prot. n 10493 Roma, 14 dicembre 2004 -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER L EMERGENZA E IL SOCCORSO TECNICO SEDE Prot. n 10493 Roma, 14 dicembre 2004 LETTERA CIRCOLARE -AL SIG. VICE CAPO DIPARTIMENTO VICARIO -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER L EMERGENZA E IL SOCCORSO TECNICO -AL SIG. DIRETTORE CENTRALE PER LA FORMAZIONE

Dettagli

DELL'ATTO DI NOTORIETA'

DELL'ATTO DI NOTORIETA' via iscritto in data incaricato dal Sig, in qualità di REDIGE LA SEGUENTE PERIZIA DI ASSEVERAMENTO SULL IMPIANTO ELETTRICO 1 via iscritto al della provincia di al N in data incaricato dal Sig, in qualità

Dettagli

La nuova norma di prevenzione incendi nelle strutture sanitarie

La nuova norma di prevenzione incendi nelle strutture sanitarie La nuova norma di prevenzione incendi nelle strutture sanitarie Gerardo FERITO Comando Provinciale VV.F. di Torino Torino 15 dicembre 2010 1 Sicurezza nelle strutture sanitarie sicurezza antincendio protezione

Dettagli

Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici

Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici Milano, aprile 2012 Prevenzione incendi e impianti fotovoltaici Con la circolare n. 1324 del 07 febbraio 2012, il Dipartimento dei Vigili del Fuoco ha aggiornato le linee Guida per l'installazione degli

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

timbro protocollo parte da compilarsi esclusivamente a cura del Comune da produrre in triplice copia con firme in originale

timbro protocollo parte da compilarsi esclusivamente a cura del Comune da produrre in triplice copia con firme in originale timbro protocollo responsabile del procedimento data ricezione prot. gen. n. del prot. SUAP n parte da compilarsi esclusivamente a cura del Comune data da produrre in triplice copia con firme in originale

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI PISA

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE. (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI RELATIVI ALLE STRUTTURE (Allegato al DVR dell Azienda DSU Toscana) RESIDENZA E UFFICI FASCETTI

Dettagli

L Autorizzazione dei Servizi Sanitari

L Autorizzazione dei Servizi Sanitari L Autorizzazione dei Servizi Sanitari Procedure per la Verifica dei Requisiti Piano sanitario regionale 2008-2010 Le strutture sanitarie private dovranno concorrere ad assicurare i livelli essenziali ed

Dettagli

IL PIANO DI EMERGENZA E ANTINCENDIO

IL PIANO DI EMERGENZA E ANTINCENDIO A.S.O. SS. ANTONIO e BIAGIO e C.ARRIGO IL PIANO DI EMERGENZA E ANTINCENDIO Corso di Formazione aziendale Salute e sicurezza sul lavoro S.C. Servizio Prevenzione Protezione 1 SISTEMA PER LA SICUREZZA AZIENDALE

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro

Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro IX Giornata della Sicurezza Como, 30 ottobre 2008 Sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro Ing. Claudio Giacalone Comando provinciale Vigili del fuoco di Como Decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 GENERALITA E OBIETTIVI Misure di protezione incendi Protezione di tipo attivo Salvaguardia della incolumità delle persone (attraverso un

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE. Requisiti specifici dei Servizi di Diagnostica per immagini

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE. Requisiti specifici dei Servizi di Diagnostica per immagini Requisiti specifici dei Servizi di Diagnostica per immagini Requisiti specifici dei Servizi di Diagnostica per immagini 1 Premessa ATTIVITA' DI DIAGNOSTICA PER IMMAGINI L attività di diagnostica per immagini

Dettagli