I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA"

Transcript

1

2 2 I MERCATI DANNO VITA ALLE CITTA IN TUTTA EUROPA I MERCATI SONO UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELLA RIGENERAZIONE URBANA, DI STILI DI VITA SOSTENIBILI, DELL OCCUPAZIONE E IMPRENDITORIALITÀ NELLE CITTÀ. Molte città in Europa hanno riconosciuto che i mercati sono parti integranti delle loro economie locali, e molte si stanno rendendo conto che portano grandi benefici anche a livello culturale e sociale. I mercati offrono e creano opportunità e l obiettivo del progetto europeo URBACT Markets è di evidenziare le migliori pratiche per aiutare le città a creare piani d azione che possano essere usati per rigenerare le comunità locali, sviluppare stili di vita sostenibili, e creare posti di lavoro e attività produttive nei mercati e attorno ad essi. Siamo convinti che una leva chiave per creare città sane stia nello sviluppo dei mercati, perciò dobbiamo portare nuova vita nelle nostre città per sviluppare buone pratiche legate ai mercati. Il progetto punta a sfruttare la forza dei mercati urbani locali per rispondere a questi tre COME: 1. Come si possono usare i mercati come strumento per rigenerare le città e specifici quartieri? 2. Come si possono migliorare gli stili di vita sostenibili attraverso i mercati? 3. Come si possono creare ricchezza economica e posti di lavoro attraverso i mercati? Il progetto è partito nel maggio 2012 e finirà nel febbraio L obiettivo fondamentale del progetto è creare e implementare piani d azione usando le buone pratiche in materia di politiche legate ai mercati raccolte dalle città europee per creare città migliori.

3 3 MERCATI PER CITTÀ & PERSONE PUNTI CHIAVE DI STUDIO: Nella prima fase del progetto fino ad ottobre 2012 identificheremo lo stato dell arte nelle città partner. Tre questioni fondamentali del progetto saranno affrontate ognuna da una città partenr: 1. In termini di impatto sociale, il focus dello studio sarà su come migliorare la qualità della vita per le comunità coinvolte dai mercati e come queste possano integrarsi meglio nelle città, per esempio aumentando le reti urbane-rurali essenziali per la filiera di approvvigionamento. 1. Rigenerazione del centro cittadino: Barcellona guiderà i gruppi di lavoro focalizzati sulla rigenerazione del centro cittadino e dei mercati. Alcuni temi centrali di studio sono inclusi in tre aspetti della rigenerazione dei mercati: 1. L impatto sociale del rinnovamento dei mercati sui quartieri, specialmente per favorire le comunità svantaggiate e il modo in cui i mercati possono essere usati come strumenti di integrazione per lo sviluppo della comunità. 2. La rigenerazione dei mercati può essere usata come strumento per sviluppare piani urbani per comunità e intere città, come il rimodellamento di edifici storici per i mercati, con le relative questioni di protezione del patrimonio storico, e per la pianificazione di altri servizi cittadini come il trasporto con questioni legate alla mobilità, come i parcheggi. 2. Le economie a bassa emissione di CO2 come quelle che spesso si trovano nei mercati danno importanti benefici alle aree urbane. Verrà anche affrontato l approccio dei sistemi di stoccaggio di merci nei mercati e della gestione dei rifiuti nei confronti della sostenibilità e della filiera di approvvigionamento, così come questioni riguardanti il modo in cui le comunità rurali possono essere meglio integrate nelle relazioni di approvvigionamento tra città e campagna. 3. L aspetto economico e la rilevanza della filiera a KM0 per la sostenibilità e le questioni in materia di prodotti che rispettano l ambiente possono diventare un grande punto di forza per i mercati. Quest area di studio può anche concentrarsi sulle strutture e servizi nei mercati che possono migliorare la sostenibilità. 3. Occupazione e business 3. I mercati e il loro impatto economico attraverso le politiche di investimento di capitali delle città, il ruolo dei partenariati pubblici e privati sulla rigenerazione dei mercati e i modi per sviluppare i mercati grazie al turismo. 2. Sostenibilità e approvvigionamento La seconda area di sfide da affrontare nel progetto sarà guidata da Londra. Verranno affrontati aspetti legati alla sostenibilità e alle forniture locali: Torino guiderà la terza area di studio che si rivolge alle questioni legate all occupazione, imprenditorialità e business. 1. La creazione di opportunità economiche, specialmente posti di lavoro nei mercati e i relativi benefici economici diretti e indiretti è un aspetto chiave che molte città vogliono affrontare, specialmente vista l attuale recessione. 2. Ci sono sinergie economiche che i quartieri con mercati di successo possono usare per far leva sulle economie locali, con grandi

4 4 effetti positivi sui commercianti locali e sulla comunità adiacente. 3. Un altro tema da affrontare riguarda lo sviluppo di brands e altre strategie commerciali per formare le preferenze dei consumatori per i mercati e aumentare la loro attrattività nei confronti dei consumatori. L IMPORTANZA DELLA PARTECIPAZIONE DEGLI STAKEHOLDER LOCALI Ciò che rende i mercati interessanti in termini di buone pratiche e di efficacia come strumenti di politiche di sviluppo urbano è il fatto che coinvolgano molti tipi diversi di stakeholder, e il nostro progetto mira a comprendere i loro punti di vista ed esperienze nell esplorare il pieno potenziale dei mercati. Durante il progetto, fino a febbraio 2015, i rappresentanti delle città partner lavoreranno a stretto contatto con gli stakeholder locali come ASL, società di gestione dei rifiuti, autorità locali, associazioni di quartiere, commercianti, gestori dei mercati, ecc. ELEMENTI COMUNI Queste tre principali aree di interesse condividono alcuni aspetti comuni come i diversi tipi di strutture di gestione usate per l organizzazione dei mercati e il coinvolgimento degli stakeholders, i meccanismi di finanziamento esistenti, le strategie comunicative e gli strumenti che potrebbero avere diversi obiettivi come ad esempio generare abitudini alimentari sane. La fase iniziale del progetto prevista fino ad ottobre consiste nel creare uno studio sullo stato dell arte, comprendente le buone pratiche attualmente in uso nelle città partner. Alla fine di questa prima fase verrà pubblicato un report, il cosiddetto baseline study, con le informazioni dettagliate attuali. Nella seconda fase, cosiddetta di implementazione, ogni partner stenderà il proprio piano d azione basandosi sui bisogni dei mercati locali. Uno degli elementi fondamentali per entrambe le fasi è la partecipazione a livello locale. Gli stakeholders avranno un ruolo fondamentale in questo processo e i partner gestiranno numerose riunioni dei gruppi di supporto per generare buone pratiche e scegliere piani d azione. UNO SGUARDO AI PARTNER Barcellona Londra Torino Plovdiv 39 mercati alimentari coperti e 4 mercati specializzati all aperto Più di 160 mercati coperti e all aperto 42 mercati all aperto e 6 mercati coperti 10 mercati misti all aperto e al coperto Suceava 00,0 00,0 00,0 00,0 00,0 00,0 4 mercati coperti e un mercato aperto

5 5 SFIDE PER LE CITTÀ I mercati urbani hanno molte forme e dimensioni: coperti, all aperto, specifici su un particolare prodotto o genere alimentare, misti, collocati in uno stesso luogo o itineranti. Ma i mercati urbani hanno anche alcune cose in comune: hanno luogo tra le comunità locali, sono fonte di posti di lavoro e ricchezza locale, sono un legame con le produzioni locali, coinvolgono i modi di vivere e lavorare nelle comunità, e sono vetrine per le città e per i loro quartieri. In definitiva, portano vita nelle città. I partner esprimono l interesse degli attori locali alla riunione di lancio di URBACT Markets a Barcellona Nel giugno 2012, i rappresentanti dei cinque governi locali dei partner europei e dei rispettivi mercati si sono incontrati a Barcellona per la riunione di lancio di URBACT Markets all emblematico Mercato di Santa Caterina. Vi hanno preso parte il capofila Barcellona, Londra, Torino, Suceava (Romania) e Plovdiv (Bulgaria). Melody Houk, membro del Segretariato che gestisce il programma URBACT, ha detto ai partner che molte città in Europa vorrebbero imparare e implementare la conoscenza sulle buone pratiche che deriverà dal progetto. Tutti i rappresentanti delle città partner (foto) hanno ribadito che gli attori locali sono entusiasti di lavorare sul progetto per l impatto atteso del piano d azione finale. Nella riunione di lancio si è concordato di estendere la rete di città fino a sette nuovi partner. URBACT Markets vuole capire ed analizzare il ruolo dei mercati urbani come portatori di cambiamento in termini di sviluppo economico locale, rigenerazione di specifici quartieri e filiere sostenibili con i produttori locali. Ora i rappresentanti delle città si impegneranno con gli attori locali a sviluppare e identificare ogni buona pratica che può essere utile alle altre città europee che vogliano migliorare la loro qualità di vita urbana. Ogni città partner affronta realtà e bisogni locali diversi. Le nostre sfide possono essere diverse ma raccogliendo le buone pratiche e lavorando insieme possiamo trovare soluzioni per i mercati nelle città di tutta Europa.

6 6 I PARTNER DEL NOSTRO PROGETTO LE SFIDE LOCALI DI TORINO Torino è cambiata molto negli ultimi dieci anni. Una nuova metropolitana, un nuovo sistema ferroviario interrato, la riqualificazione urbanistica e commerciale di molte aree della città. Il sistema dei mercati, diffuso in modo capillare su tutto il territorio cittadino, deve sapersi confrontare, aggiornandosi, con queste grandi trasformazioni. URBACT Market è una occasione importante per iniziare questo percorso. Sono 3 le sfide che intendiamo vincere: 1- Rendere vivi i mercati coperti oltre l'orario di vendita, favorendo la nascita di esercizi di ristorazione nei quali sia possibile consumare direttamente i prodotti in vendita. Riorganizzare, quindi, gli orari, i servizi, e riutilizzare gli spazi del mercato nelle ore in cui il mercato è chiuso; Barcellona Barcellona è il capoluogo della Catalogna situato nel nord-est della Spagna. E il centro di una regione dell Europa del Sud di circa 17 milioni di abitanti, è anche la capitale del Bacino Mediterraneo e sede dell Unione per il Mediterraneo (UPM). Con I suoi 1,6 milioni di abitanti e una superficie di 100 km2 e 5 milioni di abitanti nell area metropolitana, Barcellona è proiettata al futuro, innovativa e cosmopolita. La sua cultura e le sue tradizioni rimangono attori chiave nella specializzazione in settori economici ad alta intensità di conoscenza. Il suo patrimonio culinario è in parte dovuto alla sua rete di 39 mercati alimentari. In base al European Cities Monitor 2011, Barcellona ha la migliore qualità della vita in Europa. Autorità di gestione I mercati di Barcellona sono di proprietà della Città e gestiti dall Istituto dei Mercati Municipali in collaborazione con i commercianti e gli ambulanti. 2- Scommettere sulla sostenibilità ambientale continuando a seguire la strada dell'integrazione con la filiera locale. Immaginiamo il mercato come modello di distribuzione commerciale a basso impatto ambientale: prodotti freschi e locali, in cui è chiara la tracciabilità di prodotto. 3- Costruire un sistema di comunicazione efficace. Migliorare la comunicazione interna, per facilitare il dialogo tra operatori e pubblica amministrazione. Pianificare, poi, la comunicazione esterna ai cittadini e turisti con l'obiettivo di valorizzare storie e particolarità dei mercati e, allo stesso tempo, di proporre nuovi modelli di business. Londra Londra è la Capitale dell Inghilterra e del Regno Unito (UK). E l area metropolitana più ampia nel Regno Unito e in Europa con una popolazione di 7,5 milioni di abitanti. Londra è una città globale di primo piano e sede di molte delle organizzazioni commerciali e professionali leader a livello mondiale. E una destinazione turistica di primo piano per i visitatori sia interni che stranieri. Londra conta più di 160 mercati all aperto e coperti che vanno dal tradizionale mercato di strada, ai mercati dei contadini e mercati specializzati in antichità, libri, artigianato, ecc. Portobello market, Brixton market e Borough market sono tra quelli più rinomati a livello internazionale e attirano milioni di visitatori ogni anno. Ma anche mercati locali più piccoli

7 contribuiscono direttamente alla vitalità del loro quartiere e alla rivitalizzazione dei centri cittadini. 7 Autorità di gestione La Greater London Authority (GLA), rappresentata dal Sindaco di Londra e dalla London Assembly, è l autorità strategica con il ruolo di progettare un futuro migliore per la Capitale Torino Ha un settore commerciale in rapido sviluppo e 10 mercati misti all aperto e coperti. Autorità di gestione La Città di Plovdiv è proprietaria delle infrastrutture dei mercati che sono gestite dalla compagnia municipale Municipal markets. Suceava Suceava si trova nel nord della Romania, a 450 km da Bucarest. E capitale del Distretto di Suceava. 2 Con una superficie di 52 km e abitanti, si trova sulla strada europea E85, in una regione montagnosa. Con abitanti, 1,7 milioni considerando l area metropolitana, Torino è una delle città italiane più importanti e capoluogo della Regione Piemonte. La città vanta origini romane, con il nuovo millennio è però nata una necessità di trasformazione che ha cambiato il volto della città da un punto di vista urbano ed ambientale, aumentando l offerta culturale e turistica e migliorando la qualità della vita dei suoi cittadini. Il sistema dei mercati torinese, che include Porta Palazzo il più grande mercato all aperto in Europa deve affrontare le stesse sfide di rinnovamento che affronta la città. Autorità di gestione I mercati a Torino sono gestiti dal Servizio Mercati della Città di Torino, in collaborazione con i rappresentanti dei commercianti e degli ambulanti. Plovdiv Plovdiv è la seconda città più grande nella Repubblica di Bulgaria con una popolazione di abitanti. La città è situata nella Bulgaria centro-meridionale sulle rive del fiume Maritsa. La città ha un economia ben sviluppata con istituti scientifici, università, una fiera internazionale, un aeroporto, istituzioni finanziarie, una zona duty-free, un mercato azionario e istituzioni culturali. Suceava ha diversi siti patrimonio UNESCO tra cui monasteri ortodossi del XIV secolo, chiese, monumenti, ecc. L industria locale si basa su manufatti di vetro e legno, settore tessile, componentistica e materiali da costruzione. E una bella area turistica che si trova in una regione famosa per la natura selvaggia, le foreste e le colline. Autorità di gestione Il Ministero per lo Sviluppo Regionale e il Turismo gestisce i mercati cittadini.

8 URBACT è un programma europeo di scambio e apprendimento che promuove lo sviluppo urbano sostenibile. Permette alle città di lavorare insieme per sviluppare soluzioni per le principali sfide urbane, riaffermando il ruolo chiave che le città stesse hanno nell affrontare sfide sociali sempre più complesse. Aiuta a sviluppare soluzioni pragmatiche nuove e sostenibili che integrano le dimensioni economica, sociale e ambientale. Permette alle città di condividere buone pratiche e lezioni imparate con tutti i professionisti coinvolti nelle politiche urbane in Europa. URBACT è 181 città, 29 Paesi, e partecipanti attivi.

FASE DI IMPLEMENTAZIONE

FASE DI IMPLEMENTAZIONE FASE DI IMPLEMENTAZIONE NEWSLETTER 1, GIUGNO 2013 3 IL PROGETTO URBACT MARKETS RAFFORZA IL POTERE DEGLI STAKEHOLDER LOCALI. IL PROGETTO URBACT MARKETS PUNTA AD ESSERE UNO STRUMENTO CHIAVE DI SVILUPPO DELL

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

URBACT. NEWSLETTER 3, APRILE 2015 www.urbact.eu

URBACT. NEWSLETTER 3, APRILE 2015 www.urbact.eu URBACT NEWSLETTER 3, APRILE 2015 www.urbact.eu 2 IL PROGETTO URBACT MARKETS SI CONCLUDE MENTRE I PARTNERS CONTINUANO A SCAMBIARE CONOSCENZE E COLLABORAZIONI Più di 30 rappresentanti dai 9 partner di URBACT

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva

Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Alimentazione, consumatori, territori transfrontalieri. Programma ALCOTRA 2007-2013, progetto n. 121 Le buone pratiche di ristorazione collettiva Menù partecipato Il progetto il menù l ho fatto io Un modello

Dettagli

Il Progetto Oltrebampe

Il Progetto Oltrebampe Il Progetto in sintesi Il Progetto Oltrebampe Oltre bambini e prodotti agricoli di eccellenza Descrizione del progetto OltreBampè affronta il tema dello sviluppo sostenibile dei sistemi urbani, facendo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Il Programma MED 2014-2020

Il Programma MED 2014-2020 Il Programma MED 2014-2020 Obiettivo generale Promuovere una crescita sostenibile nel bacino mediterraneo favorendo pratiche innovative e un utilizzo ragionevole delle risorse (energia, acqua, risorse

Dettagli

Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa. Le vie del cioccolato

Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa. Le vie del cioccolato Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa Le vie del cioccolato Cioccolato patrimonio storico culturale da tutelare Partendo dal presupposto che il cioccolato è un invenzione europea

Dettagli

Il menù l ho fatto io

Il menù l ho fatto io Città di Torino Provincia di Torino Regione Piemonte DorS MIUR Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte Camera di Commercio di Torino Laboratorio Chimico Camera di Commercio Torino ASL TO1 Dipartimento

Dettagli

Il centro polifunzionale di Fiera Roma.

Il centro polifunzionale di Fiera Roma. Il centro polifunzionale di Fiera Roma. Un centro polifunzionale Esposizione, eventi, formazione, dimostrazioni, test e sperimentazione tecnologica: MES Polo Innovativo della Mobilità e Sicurezza Stradale

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE

CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE CARTA DEL TURISMO RESPONSABILE DI COMUNITA CONCA BARESE Noi cittadini, Associazioni, Operatori economici ed Istituzioni delle comunità ricadenti sul territorio del GAL CONCA BARESE, sottoscriviamo questo

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 2 «Smart City» SMART GOVERNANCE. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 2 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Introduzione al concetto di governance Quello della governance è un concetto maturato nella cultura inglese e statunitense, il quale ha successivamente

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel -

Albergo diffuso. Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Albergo diffuso Un po casa e un po albergo - Partly a house and partly a hotel - Francesco Testa, Antonio Minguzzi Università degli Studi Del Molise Angelo Presenza Università G. D Annunzio di Chieti-Pescara

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE CORSO DI SPECIALIZZAZIONE STRATEGIE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DELLE PRODUZIONI AGROALIMENTARI TIPICHE PROGETTO. Promuovere uno sviluppo economico basato sul territorio

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

Che cos è AIESEC? Cambiare il mondo tramite l educazione

Che cos è AIESEC? Cambiare il mondo tramite l educazione AIESEC Italia Che cos è AIESEC? Nata nel 1948, AIESEC è una piattaforma che mira allo sviluppo della leadership nei giovani, offrendo loro l opportunità di partecipare a stage internazionali con l obiettivo

Dettagli

Workshop nazionale La valutazione di impatto sulla salute (VIS) in Italia: esperienze e prospettive

Workshop nazionale La valutazione di impatto sulla salute (VIS) in Italia: esperienze e prospettive Workshop nazionale La valutazione di impatto sulla salute (VIS) in Italia: esperienze e prospettive Roma, 28 settembre 2010, CNR La comunicazione nella e per la VIS Liliana Cori, IFC CNR Comunicare nella

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze

Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze Profilo del Town Centre Manager e delle sue competenze Nell ambito del Programma Leonardo da Vinci, i partner, provenienti da sei nazioni europee (Austria, Belgio, Italia, Olanda, Regno Unito, Spagna)

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Energia e imprese: approcci di successo Dario Di Santo, FIRE

Energia e imprese: approcci di successo Dario Di Santo, FIRE e imprese: approcci di successo Dario Di Santo, FIRE 3 giornata sull efficienza energetica nelle imprese 20 maggio 2008, Milano Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell è un associazione

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

UN SERVIZIO A MISURA D IMPRESA

UN SERVIZIO A MISURA D IMPRESA UN SERVIZIO A MISURA D IMPRESA Nasce Trentino International, lo Sportello integrato per l internazionalizzazione. Uno strumento pensato per le aziende trentine che vogliono aprirsi ai mercati esteri con

Dettagli

AF - GIOVANI E DESIGN L ARTIGIANATO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho

AF - GIOVANI E DESIGN L ARTIGIANATO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho AF - GIOVANI E DESIGN L ARTIGIANATO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho Il contesto AF L Artigiano in Fiera, 17ª Mostra Mercato Internazionale dell Artigianato, è il più grande

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi Parc Adula Progetto di parco nazionale Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi 1 Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi, Associazione Parc Adula, Marzo 2011 Missione Il progetto Parc Adula si prefigge

Dettagli

a trieste approda il futuro

a trieste approda il futuro company profile Una società, ma con la forza di quattro. Per un progetto di riqualificazione architettonica e urbanistica imponente come quello appena avviato nel Porto Vecchio di Trieste risultano vincenti

Dettagli

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Marketing (Anno II, semestre I, n 9

Dettagli

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY

LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY LA CITTÀ DI TORINO: DAL PATTO DEI SINDACI A SMART CITY Pisa, 26 maggio 2011 LE CITTA PROTAGONISTE NELLA LOTTA AI CAMBIAMENTI CLIMATICI Le città sono responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

NATOURISM CAMPUS LABORATORIO DI IDEE PER L IMPRESA E IL TURISMO

NATOURISM CAMPUS LABORATORIO DI IDEE PER L IMPRESA E IL TURISMO NATOURISM CAMPUS LABORATORIO DI IDEE PER L IMPRESA E IL TURISMO TRENTO 2015/2016 CHI SIAMO E COSA FACCIAMO Natourism, incubatore di imprese del turismo e ambiente nato in provincia di Trento nell ambito

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico

Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico Le attività dell Amministrazione Provinciale nel campo Energetico La Provincia di Lucca esercita le competenze in materia energetica assegnatele dalla normativa nazionale e regionale in materia sia nel

Dettagli

INTERVENTO del SOTTOSEGRETARIO ON. GIANCLAUDIO BRESSA MILANO 1 DICEMBRE 2014

INTERVENTO del SOTTOSEGRETARIO ON. GIANCLAUDIO BRESSA MILANO 1 DICEMBRE 2014 Stakeholder conference on the EU Strategy for the Alpine Region INTERVENTO del SOTTOSEGRETARIO ON. GIANCLAUDIO BRESSA MILANO 1 DICEMBRE 2014 Signora Commissaria Cretu, Signori Ministri, Signori Presidenti,

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO La percezione del cambiamento della città negli ultimi vent anni IDENTITÀ GRAFICA: NOODLES Copertina: Ottobre 2015 Un progetto a cura di: Indagine realizzata da:

Dettagli

Rescaldina per EXPO Milano 2015 Progetto Internazionalizzazione Rescaldina, 20 marzo 2014

Rescaldina per EXPO Milano 2015 Progetto Internazionalizzazione Rescaldina, 20 marzo 2014 Rescaldina per EXPO Milano 2015 Progetto Internazionalizzazione Rescaldina, 20 marzo 2014 Tema: NUTRIRE IL PIANETA, ENERGIA PER LA VITA Date: 1 maggio 31 ottobre 2015 (184 giorni) Principali obiettivi:

Dettagli

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY

IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY CBC IPA ADRIATICO 2007 2013 IL PROGETTO STRATEGICO ALTERENERGY ALTERENERGY (Energy Sustainability for Adriatic Small Communities) è la nuova sfida per la sostenibilità ambientale che punta a favorire la

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ

UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ UN VIAGGIO VERSO L ACCESSIBILITÀ di Andrea Campagna Coordinatore tecnico-scientifico di progetto Project n 2S-MED11-29 Project co-funded by the European Regional Development Fund (ERDF) Dopo un anno dal

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia

TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia TRANSPORT LEARNING Corsi di formazione rivolti ad amministratori pubblici ed agenzie per l energia istockphoto Contenuti Caro Lettore, Breve presentazione dei nostri servizi... 2 Creare una base di conoscenze

Dettagli

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini Mestre, 3 luglio 2013 AGENDA 1. Cosa è Euricse 2. La Social Economy Guide 3. L Impresa Sociale in Europa COSA E EURICSE Euricse

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

L agenda digitale europea

L agenda digitale europea Agenda digitale, alfabetizzazione e competenze digitali: verso un Piano nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali Rosamaria Barrese * L agenda digitale europea L Agenda Digitale

Dettagli

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013

CARTELLA STAMPA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE. Milano, 10 Dicembre 2013 CARTELLA STAMPA di CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE Turismo integrato, motore di Expo 2015 Milano, 10 Dicembre 2013 INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE

Dettagli

UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO

UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO IL PIANO STRATEGICO/INDUSTRIALE 2012-2014 UNA COOPERATIVA CHE INVESTE NEL PROPRIO FUTURO L elaborazione del primo Piano Strategico/Industriale di Tecnicoop si inserisce in un progetto complessivo di rinnovamento

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE

LA DICHIARAZIONE DI ODENSE La 4 a Conferenza Europea sulle Scuole che promuovono salute: Equità, Istruzione e Salute 7-9 Ottobre 2013 IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ, ISTRUZIONE E SALUTE LA DICHIARAZIONE DI ODENSE: IL NOSTRO ABC PER EQUITÀ,

Dettagli

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna

Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna Il percorso partecipativo del Piano di Adattamento della città di Bologna INTRODUZIONE Il percorso partecipativo ha avuto l obiettivo di sviluppare un confronto fra i diversi stakeholder sulle proposte

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

Scheda 5 «Smart City» SMART LIVING. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 5 «Smart City» SMART LIVING. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 5 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Con Smart Living si intendono stili di vita basati sull utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (ICT), legate ai comportamenti

Dettagli

Bando di partecipazione per la prima edizione di ManinArte Artigianato diffuso tra le vie del centro storico

Bando di partecipazione per la prima edizione di ManinArte Artigianato diffuso tra le vie del centro storico Bando di partecipazione per la prima edizione di ManinArte Artigianato diffuso tra le vie del centro storico La scadenza per la presentazione delle domande è fissata alle ore 12.00 di lunedì 25 maggio

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

AF - MODA LA QUALITA DEL SU MISURA. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho

AF - MODA LA QUALITA DEL SU MISURA. 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho AF - MODA LA QUALITA DEL SU MISURA 1-9 Dicembre 2012, Fieramilano Rho Il contesto AF L Artigiano in Fiera, 17ª Mostra Mercato Internazionale dell Artigianato, è il più grande villaggio mondiale dell artigianato

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

DOSSIER PER LA STAMPA

DOSSIER PER LA STAMPA DOSSIER PER LA STAMPA INDICE ERASMUS GIOVANI IMPRENDITORI : UN NUOVO PROGRAMMA DI SCAMBIO...3 CHI PUO' PARTECIPARE?... 5 QUALI BENEFICI E PER CHI?...6 COME FUNZIONA? STRUTTURA E IMPLEMENTAZIONE...7 CHI

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Gli strumenti finanziari co-finanziati dai Fondi Strutturali e di Investimento Europei permettono di investire, in modo

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

PROGETTO. Parma Point in Australia

PROGETTO. Parma Point in Australia PROGETTO Parma Point in Australia Marzo Agosto 2013 Il progetto La Camera di commercio di Parma, in collaborazione con la Camera di commercio italiana in Australia, propone alle imprese del territorio

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres

L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo. Il PSL dell Areadi Crisi di Porto Torres Contenuti del seminario 3 Modello I PFSL: un nuovo modello di intervento per contrastare la crisi a favore dello sviluppo locale Esperienze L esperienza dell 'Area di Crisi di Tossilo Focus Area di Crisi

Dettagli

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE MADEEXPO - MILANO 5-8 OTTOBRE 2011 PRESENTAZIONE EVENTO BORGHI&CENTRISTORICI OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BORGHI E CENTRI STORICI ITALIANI Intervento dell Ing. Francesco

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020

STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI NEI PROGRAMMI 2014-2020 Verso un utilizzo più strategico imparando dall esperienza maturata Roberto D Auria Mario Guido Gruppo di lavoro Competitività Roma, 28 ottobre 2013 L esperienza

Dettagli

CAT MED Change Mediterranean Metropolises Around Time

CAT MED Change Mediterranean Metropolises Around Time Undici città del Mediterraneo hanno deciso di concentrare le loro riflessioni e i loro sforzi per prevenire i rischi climatici attraverso la promozione di un modello urbano sostenibile, compatto e multifunzionale.

Dettagli

EXPO 2015 S.p.A. Il Sito Espositivo. Maggio 2012

EXPO 2015 S.p.A. Il Sito Espositivo. Maggio 2012 EXPO 2015 S.p.A. Il Sito Espositivo Maggio 2012 Expo Milano 2015 Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita Expo Milano 2015 è un evento globale, culturale, educativo e scientifico che riunisce a Milano Paesi,

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO PRESSO l IISS Vito Sante Longo di Monopoli ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA. Indirizzo Elettrotecnica

INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO PRESSO l IISS Vito Sante Longo di Monopoli ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA. Indirizzo Elettrotecnica INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO PRESSO l IISS Vito Sante Longo di Monopoli ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Il momento della scelta Anno 1 2 BIENNIO Materie di base comuni a tutti gli indirizzi del settore

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale permettono di investire,

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

Informest 2020 al servizio del territorio

Informest 2020 al servizio del territorio Informest 2020 al servizio del territorio Auditorium Regione Friuli Venezia Giulia Udine, via Sabbadini, giovedì 8 gennaio 2015 Sandra Sodini Dirigente Area Cooperazione Economica Internazionale, Informest

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO

OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO OSPITALITA DIFFUSA: INNOVAZIONE E SVILUPPO TURISTICO Click to edit Master subtitle style CONTESTO TERRITORIALE Qual'e' il territorio interessato? - Area Grecanica parco Nazionale dell'aspromonte Localizzazione:

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli