Groupware e workflow

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Groupware e workflow"

Transcript

1 Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le pubblicazioni, vengono proposte classificazioni di vario tipo, e quando in azienda si parla di innovazione queste sono le prime parole a essere pronunciate. Molti produttori hanno cominciato ad affrontare queste problematiche, fornendo varie soluzioni, anche molto differenti tra loro. In genere provengono da settori diversi come l image processing, la posta elettronica, la gestione della documentazione ecc. Questa situazione ha creato non poca confusione, soprattutto negli utenti che rimangono un po disorientati di fronte a offerte che sulla carta sembrano uguali, ma che di fatto propongono funzionalità differenti, o a sentirsi proporre, per risolvere lo stesso problema particolare, soluzioni completamente diverse. Una cosa sta comunque emergendo: il fatto che è difficile trovare soluzioni globali preconfezionate e che sta nascendo una classe di prodotti basati su applicazioni di groupware di base, adattabili alle varie esigenze e combinabili tra di loro. Non vogliamo addentrarci in classificazioni complesse che risulterebbero sicuramente incomplete e fornirebbero una visione parziale del problema, ma vorremmo provare a dare una semplice definizione operativa di groupware cercando soprattutto di capire che cosa gli utenti si aspettano da questi sistemi. Il groupware descrive sistemi basati su computer che supportano gruppi di persone che lavorano insieme per il raggiungimento di un obiettivo comune, e che forniscono una interfaccia ad un ambiente condiviso. Per poter essere utilizzabile il groupware deve fornire un modello operativo comune e gli opportuni strumenti. Si obietterà che in fondo non c è molto di nuovo in quanto questo è sempre stato lo scopo dell informatica fin dalla sua nascita, ma attualmente la vecchia modalità di spostare e condividere informazioni in modo gerarchico e strutturato risulta inadeguata rispetto alle esigenze di velocità dei cambiamenti operativi che interessano tutte le aziende. Si può anche affermare che il groupware non è altro che una nuova modalità d uso (più consapevole e coordinata) di prodotti e strumenti già utilizzati. Il groupware può essere attivo o passivo. Il groupware attivo fornisce il supporto per aiutare a completare uno specifico obiettivo condiviso, come il raggiungimento di una decisione strategica o la realizzazione di un documento comune tra persone diverse. I prodotti passivi offrono invece al gruppo un supporto più indiretto, per esempio per coordinare task e gestirli tramite project management o strumenti di routing. Ciò che interessa particolarmente gli utenti sono i vantaggi che l adozione di strumenti di groupware porta loro. Tra questi possiamo sicuramente evidenziare il miglioramento della qualità dei prodotti e dei servizi ottenuto grazie all aumento del coordinamento tra gli operatori e del controllo sulla produzione. Viene ridotta la quantità di spostamenti e di cicli che le informazioni fanno poiché è possibile effettuare analisi simultanee di dati e situazioni. All interno del gruppo, aumentando il coordinamento tra i partecipanti, viene migliorata la comprensione degli obiettivi comuni e dei punti di vista altrui. Si possono così effettuare modifiche e cambi veloci già nelle prime fasi del progetto (quelle in cui i costi sono ridotti, ed è ancora possibile ripensare grosse parti del sistema), riducendo di fatto le possibilità di fallimento del progetto stesso.

2 Il flusso delle comunicazioni aumenta sia orizzontalmente che verticalmente, mentre nello stesso tempo diminuisce il costo della condivisione e del reperimento delle informazioni e dei dati. Si riduce infatti l uso di telefono, fax, tempo-uomo per effettuare le ricerche essendoci strumenti più sofisticati in grado di cercare per noi l informazione di interesse o fornircela in automatico quando è pronta (tramite i sistemi di messaging e le basi di dati condivise). Purtroppo vi sono anche delle potenziali controindicazioni, che, se gestite in modo opportuno, non dovrebbero creare grossi problemi. Possono nascere inaspettate modifiche all organizzazione, soprattutto se nell implementazione e nella formazione non vengono considerati gli aspetti sociali e culturali del gruppo (ad esempio gerarchie di organizzazione, tipi di lavoro, revisione di strutture). La gestione della riservatezza dei dati può diventare complessa, soprattutto se le regole di proprietà e distribuzione non sono state chiarite fin dal principio definendo cosa è distribuibile e cosa no, e soprattutto a chi. Contemporaneamente possono sorgere problemi di sicurezza quando si rendono disponibili a tutti le informazioni: anche in questo caso devono essere ben definite le regole di accesso ai dati e le loro modalità di utilizzo. Un ultimo problema da non sottovalutare, soprattutto nei confronti della direzione, è la quantificazione dei risultati e la valutazione del ritorno di investimento. Architettura dei sistemi di Groupware Abbiamo accennato all inizio che esiste un certo caos nelle applicazioni e nell architettura del groupware. Cerchiamo di capire che cosa è successo. Con workgroup computing si intendono applicazioni, sistemi e altre componenti in grado di agevolare il lavoro del gruppo, e l architettura è basata fondamentalmente su tecnologia client / server. I vari prodotti forniti fino ad ora erano tutti di tipo discreto e completo, cioè ogni applicazione proposta aveva la propria interfaccia, le sue funzionalità e i propri servizi (per esempio una propria gestione del calendario, proprie funzionalità di messaging, un proprio database). Le applicazioni realizzate in questo modo stanno conoscendo una fase di declino molto veloce a causa dell evoluzione delle richieste e per la difficoltà di far evolvere e di gestire in modo efficace le componenti del sistema. Queste considerazioni sono importanti soprattutto se si pensa al peso che l introduzione di questi sistemi ha all interno di un azienda, e scopriamo che la realtà è formata da un insieme di sistemi completamente incompatibili tra loro. Le stesse applicazioni per la gestione dell ufficio che magari lavorano sullo stesso sistema operano in modo completamente indipendente e su domini separati. Il fatto di lavorare tutti in ambiente client / server non cambia di molto la situazione. Ecco quindi la necessità di avere applicazioni in grado di utilizzare servizi comuni e unificati per ottimizzare le risorse e migliorare le modalità di lavoro. Le applicazioni vanno realizzate basandosi su alcuni servizi comuni a disposizione di tutte le applicazioni, per esempio un unico sistema di messaging utilizzato sia dall applicazione di posta elettronica che dal sistema di workflow. In questo modo i costruttori di applicazioni possono concentrarsi sulle funzionalità caratterizzanti senza dover pensare a ricreare tutto, avendo a disposizione uno strato di funzionalità di base. Si ha in questo modo una pulizia nelle applicazioni presenti nel sistema e si riducono anche i costi di gestione e amministrazione dello stesso. Questo tipo di strumenti può essere introdotto in azienda con maggiore facilità e con minori apprensione per la salvaguardia dell investimento in quanto non dovranno necessariamente essere eliminati i vecchi sistemi che potranno essere globalmente (o in parte) riutilizzati. Il modello di riferimento, secondo Gartner Group sarà quello di avere a disposizione degli utenti, possibilmente con interfacce unificate, un insieme di applicazioni di groupware (come una groupware shell) che si basano su un insieme comune di servizi a disposizione che formano uno strato di middleware. Tramite questi servizi è possibile la connessione verso il Backend dei dati (vedi Fig 1). Sempre secondo Gartner Group esiste inoltre una nuova categoria di strumenti ad alto livello che esploderà: le applicazioni di groupware ready-to-ware. Con ogni prodotto vengono già distribuite normalmente delle applicazioni di esempio per mostrare le funzionalità e le potenzialità dello strumento. Le applicazioni ready-

3 to-ware mostrano il lavoro che può essere fatto e i problemi che possono essere risolti con il sistema in questione facendo una applicazione quasi pronta ad essere usata. Fig. 1 Il modello di riferimento. Si tratta in pratica di semilavorati basati sulle soluzioni e non sulla tecnologia, in grado di coprire la maggior parte dei requisiti dell utente, e facilmente adattabili alle complete esigenze dell ambiente in cui dovrà operare. I Fornitori Nella definizione delle strategie aziendali, e nell introduzione di soluzioni basate sul groupware hanno un grosso peso i fornitori. Come già detto le tipologie di fornitori sono variegate, con approcci molto differenti al problema. L approccio di alcuni è parziale in quanto fornisce la soluzione solo a singoli aspetti, mentre altri fornitori cercano di dare una soluzione più globale al problema. Notiamo inoltre la presenza sul mercato di fornitori veterani, quelli cioè che da tempo operano in questo settore e che sono quindi in grado di proporre soluzioni consolidate, e altri che solo ultimamente si sono gettati nella mischia e che quindi hanno in genere soluzioni

4 più innovative, anche se con qualche incognita in più. Nel caso di questi ultimi abbiamo fornitori completamente nuovi, o fornitori di nicchia che hanno deciso di estendere le funzionalità dei loro prodotti per coprire anche le altre esigenze dei sistemi di groupware. Si tratta in particolare di fornitori già presenti e consolidati sul mercato con le loro soluzioni ed esperti di un qualche tipo di applicazione, i quali desiderano ampliare la propria area di influenza generalizzando i servizi forniti. Un esempio sono le aziende che provengono dal mondo dell image processing, alcune delle quali mettono a disposizione ormai anche servizi condivisi di gestione documenti. Un altro esempio sono i fornitori di servizi di posta elettronica che stanno cercando di proporre nelle loro soluzioni anche funzionalità di routing. In un periodo come questo in cui il concetto stesso di groupware è ancora in fase di definizione e il mercato è in piena evoluzione, molti fornitori entrano in questo mercato, crescono e spesso lo abbandonano in tempi brevi. Fare delle classificazioni, e definire che cosa ci aspetta in un futuro prossimo diventa una cosa abbastanza difficoltosa. Per far questo ci facciamo aiutare da una proposta di classificazione realizzata da Gartner Group. Vediamo una prima griglia dell universo groupware (vedi Fig 2) in cui possiamo suddividere i fornitori in base alla categoria di prodotti (applicazioni, tools, shells ecc.) e al loro approccio al mercato (fornitori di componenti, fornitori di framework e fornitori di soluzioni). I fornitori di componenti considereranno soprattutto gli aspetti tecnologici e saranno in grado di fornire soluzioni particolarmente innovative, ma in uno specifico campo, e non potranno fare altrimenti se desiderano rimanere competitivi sul mercato. Fig. 2 L universo dei prodotti workgroup.

5 I fornitori di soluzioni sono essenzialmente i system integrator e saranno più rivolti alla soluzione del problema globale, saranno in grado di proporre soluzioni complete e fondamentalmente mature, anche se a volte rischiano di risultare un po datate. I fornitori di framework (cioè di piattaforme su cui è possibile costruire le soluzioni finali) proporranno soluzioni complete, ma con molti gradi di libertà nelle scelte. Analogamente possiamo anche considerare i clienti basandoci sul tipo di fornitore scelto, classificandoli come aggressivi (chi si rivolge ai primi), pragmatici (se cercano i framework), e conservativi (se prediligono i system integrator). Impatto organizzativo Abbiamo detto che non si deve trascurare l impatto organizzativo che porta con sé l introduzione in azienda di questo tipo di strumenti. Sicuramente vi sono numerosi risparmi, soprattutto in termini di tempi di esecuzione, ma va attentamente valutata anche la salvaguardia degli investimenti, in particolare dal punto di vista applicativo. In una situazione in evoluzione come quella attuale per garantire i propri investimenti è importante sia la scelta del fornitore che quella del prodotto. Affidandosi a produttori veterani si hanno generalmente soluzioni consolidate e subito operative, ma con il rischio di doverle sostituire dopo poco tempo per la nascita di nuove esigenze. Inoltre le leggi di mercato ridurranno entro un paio d anni il numero degli attori in gioco, ed è quindi importante decidere con chi legarsi. In ogni caso sarà bene cercare soluzioni con un architettura aperta, per cui sia possibile sostituire il back-end e i servizi forniti, senza modificare l interfaccia, a cui nel frattempo gli utenti si saranno abituati. Si potranno così migliorare le prestazioni con l introduzione di nuovi prodotti senza sconvolgere gli utenti. Per decidere come muoversi va considerata anche la tipologia della propria organizzazione, che può essere cost-driven o time-driven. Nel primo caso l azienda deriva la sua competitività dal puntare molto sulla riduzione dei costi di produzione e cerca quindi di ottenere dagli investimenti il massimo ritorno per il maggior tempo possibile. Queste organizzazioni punteranno su prodotti e soluzioni groupware mature e consolidate anche se non dell ultima generazione. Le organizzazioni time-driven invece basano i loro vantaggi competitivi sul poter rispondere in modo immediato ai cambiamenti del mercato e quindi necessitano di strumenti sempre aggiornati e innovativi. Per loro gli strumenti di groupware dovranno essere i più nuovi in assoluto. Per valutare la convenienza di una soluzione è comunque importante considerare il ritorno di investimento globale, che in questo caso può essere sintetizzato dalla regola 3.24: le applicazioni che saranno obsolete in 3 anni sono valide se il payback si realizza entro 24 mesi. Il workflow Il workflow merita un discorso particolare. Anche se è stato spesso visto nel passato come una delle componenti del groupware, il workflow ha assunto un importanza tale da essere considerato come un settore a parte. Il problema maggiore però è proprio che al momento non è ancora chiaro che cosa si debba intendere per workflow (è una applicazione, un servizio, o cos altro) e dove si collochi nell affollato panorama dell informatica aziendale. Un ipotesi che si sta affermando è quella che considera il workflow come un middleware indipendente dalle applicazioni e che usa servizi di base e altri middleware. Ultimamente la tecnologia di workflow emerge come uno strato architetturale di groupware o di middleware aziendale, che può essere utilizzato da più applicazioni sia che siano applicazioni utente finale, sia che siano a loro volto degli altri servizi ad alto livello (per esempio dal document management). Il workflow viene ad esempio visto come una componente dei sistemi di imaging, di applicazioni client / server, o di prodotti per applicazioni specifiche (per esempio Enterprise Data Management).

6 In quest ottica, e per razionalizzare l offerta dei sistemi di workflow e renderli il più possibile interoperabili con gli altri servizi, la Workflow Management Coalition (WfMC) ha definito uno standard di riferimento (vedi Fig 3). Come mai c è stata questa richiesta di sistemi di workflow da parte di molte aziende? È stata essenzialmente la necessità di rivedere i propri processi aziendali per poter competere sul mercato in una situazione come quella attuale. Imperativi come ridurre il time-to-market, aumentare la qualità, ridurre i costi portano le aziende a cercare di riorganizzare i propri processi per poter rimanere competitivi (Business Process Reengineering). Fig. 3 Workflow Management Coalition. In quest ottica l uso di strumenti automatici aiuta sicuramente questa fase portando notevoli vantaggi sia in termini di tempi che di costi. Inoltre molti di questi strumenti forniscono tool per aiutare la modellazione dei processi, e questo agevola la fase stessa di riprogettazione. Bisogna comunque fare attenzione: non basta dotarsi di un sistema di workflow per riorganizzarsi; è comunque necessario avere delle metodologie da seguire per poter organizzare e gestire il cambiamento. Si tratta in fondo di gestire (ed eventualmente riorganizzare) la logica dei processi, collegata con l organizzazione e con il modello dei dati e dei documenti, aspetti che aziendalmente sono legati tra loro (vedi Fig 4). Quando questo viene fatto con gli opportuni strumenti automatici possiamo parlare di Business Process Automation.

7 Fig. 4 Business Process Auomation. Anche per il workflow esiste la stessa babele di fornitori che esiste nel groupware, anche se non sempre gli attori sono gli stessi. Alcuni fornitori all interno dei propri sistemi di groupware propongono anche funzionalità di workflow, altri forniscono applicazioni specifiche, altri ancora forniscono piattaforme di lavoro. Non sono da sottovalutare inoltre i fornitori di modulistica elettronica, che è spesso il primo passo per l introduzione del concetto di lavoro di gruppo coordinato in azienda Per concludere ricordiamoci che sia per prodotti di workflow, che per sistemi di groupware, è importante scegliere il prodotto (o meglio la soluzione) più adatto alle proprie esigenze senza lasciarsi condizionare dalle mode. Ma questo è vero, e lo è sempre stato, per qualunque applicazione informatica. Che poi non sia facile individuare chiaramente quali sono le proprie esigenze e come gestirle è anche vero, ma questo è un altro problema, e come tale va risolto.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro. Esercizio di GRUPPO: PROTOCOLLO INFORMATICO Mappa concettuale TECNOLOGIE DISPONIBILI Quali sono le tecnologie che l ente ha a disposizione e quelle predisposte ad essere implementate in un prossimo futuro.

Dettagli

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture

Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture TRASFORMARE LE COMPAGNIE ASSICURATIVE Un approccio in tre passi per l evoluzione di applicazioni e infrastrutture Costruire la compagnia digitale? L approccio DDway alla trasformazione dell IT Un percorso

Dettagli

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica.

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ.

I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ. ANALISI 12 Luglio 2012 I TOOL A SUPPORTO DELL'ICT MANAGEMENT: UTILITÀ, MODALITÀ D'USO E PRINCIPALI CRITICITÀ. Le sfide a cui deve rispondere l IT e i tool di ICT Management Analisi a cura di Andrea Cavazza,

Dettagli

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 White paper Novembre 2007 Per informazioni aggiornate, visitare l indirizzo www.microsoft.com/italy/vstudio È possibile che a questo

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

ARIES. Architettura per l implementazione rapida dei sistemi aziendali

ARIES. Architettura per l implementazione rapida dei sistemi aziendali ARIES Architettura per l implementazione rapida dei sistemi aziendali P r e s e n ta z i o n e d e l l a m e t o d o l o g i a a r i e s ARIES è una metodologia che consente di implementare rapidamente

Dettagli

LBINT. http://www.liveboxcloud.com

LBINT. http://www.liveboxcloud.com 2014 LBINT http://www.liveboxcloud.com LiveBox Srl non rilascia dichiarazioni o garanzie in merito al contenuto o uso di questa documentazione e declina qualsiasi garanzia espressa o implicita di commerciabilità

Dettagli

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT

MAX DOLGICER. Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER Quando SOA non è sufficiente: Ottenere Agilità con il BUSINESS PROCESS EVENT ROMA 23-25 GIUGNO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati

Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia Classica di Progettazione delle Basi di Dati Metodologia DB 1 Due Situazioni Estreme Realtà Descritta da un documento testuale che rappresenta un insieme di requisiti del software La maggiore

Dettagli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli

Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini. Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Gestione dell Informazione Aziendale prof. Stefano Pedrini Sistemi integrati ERP Addendum 2 Giorgio Cocci, Alberto Gelmi, Stefano Martinelli I sistemi informativi Il processo

Dettagli

Il modello di ottimizzazione SAM

Il modello di ottimizzazione SAM Il modello di ottimizzazione control, optimize, grow Il modello di ottimizzazione Il modello di ottimizzazione è allineato con il modello di ottimizzazione dell infrastruttura e fornisce un framework per

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Dematerializzare per Semplificare

Dematerializzare per Semplificare 1 Dematerializzare per Semplificare Dematerializzare non significa solamente il passaggio dalla carta al digitale. La semplificazione si ottiene solo con una profonda comprensione della complessità dei

Dettagli

Dematerializzare per Semplificare

Dematerializzare per Semplificare 1 Dematerializzare per Semplificare Dematerializzare non significa solamente il passaggio dalla carta al digitale. La semplificazione si ottiene solo con una profonda comprensione della complessità dei

Dettagli

P.D.M. Product Data Management

P.D.M. Product Data Management P.D.M. Product Data Management Fonte: http://www.soluzionimpresa.it/manager/pdm/main.htm PDM...1 Che cosa è... 2 Caratteristiche e moduli funzionali di un sistema PDM... 2 Archiviazione:... 3 Classificazione...

Dettagli

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008

LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 http://www.sinedi.com ARTICOLO 18 DICEMBRE 2007 LE 10 TECNOLOGIE STRATEGICHE PER IL 2008 Come ogni anno, Gartner, la società americana di ricerche e d informazione sulle tecnologie, ha identificato dieci

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti.

OT BPM introduce ed automatizza i meccanismi relativi alla gestione del ciclo di vita dei dati e dei documenti. Ottimizzare, Automatizzare e Monitorare i processi aziendali... Migliorare la produttività e la redditività riducendo l investimento Affrontare le sfide del mercato con gli strumenti giusti OT BPM è un

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

Cos è Infinity Project

Cos è Infinity Project Cos è Infinity Project Infinity Project è un disegno strategico che, per mezzo di una potente tecnologia di sviluppo e avanzate piattaforme applicative, permette di creare soluzioni e progetti a valore

Dettagli

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano

Table of Contents. Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4 Obiettivi Principali di un S.D. - 7 Tipi di Sistemi

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013

Table of Contents. Definizione di Sistema Distribuito 15/03/2013 Insegnamento: Sistemi Distribuiti - 6 cfu LM Ing. Informatica Docente: Prof. Marcello Castellano Table of Contents Definizione di Sistema Distribuito - 4-7 - 13 Definizioni e Principali Caratteristiche

Dettagli

Resta inteso che il seguente studio rimane di esclusiva proprietà della SIRMI, che si riserva tutti i diritti relativi all utilizzazione.

Resta inteso che il seguente studio rimane di esclusiva proprietà della SIRMI, che si riserva tutti i diritti relativi all utilizzazione. L evoluzione delle società di Servizi IT Il fenomeno MSP SIRMI SPA per IBM ITALIA SPA Settembre 2013 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta la professionalità

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo

EMC Documentum Soluzioni per il settore assicurativo Funzionalità EMC Documentum per il settore assicurativo La famiglia di prodotti EMC Documentum consente alle compagnie assicurative di gestire tutti i tipi di contenuto per l intera organizzazione. Un

Dettagli

Basic Standard Suite WEB. Contatto. fidelizzare

Basic Standard Suite WEB. Contatto. fidelizzare Basic Standard Suite WEB organizzare collaborazione Memorizzare Comunicare CONDIVISIONE QuALSIASI Contatto fidelizzare Dovunque Gestione ricerca Attività File è la soluzione software di nuova concezione

Dettagli

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES

ARIES. Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES Architettura per l'implementazione rapida dei Sistemi Aziendali. Presentazione della metodologia ARIES ARIES è una metodologia per implementare rapidamente sistemi informativi aziendali complessi,

Dettagli

Comprendere il Cloud Computing. Maggio, 2013

Comprendere il Cloud Computing. Maggio, 2013 Comprendere il Cloud Computing Maggio, 2013 1 Cos è il Cloud Computing Il cloud computing è un modello per consentire un comodo accesso alla rete ad un insieme condiviso di computer e risorse IT (ad esempio,

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

[Type text] L evoluzione delle associazioni di categoria

[Type text] L evoluzione delle associazioni di categoria La suite a supporto dell Associazione di Categoria che si rinnova Afea srl Via Montefiorino / 8 05100 / Terni Tel +39.0744.20631 Fax +39.0744.206311 www.afea.eu info@afea.eu L evoluzione delle associazioni

Dettagli

GRUPPO TELECOM ITALIA. Finsiel. Massimo Rabuffo Div. Pubblica Amministrazione Centrale m.rabuffo@finsiel.it

GRUPPO TELECOM ITALIA. Finsiel. Massimo Rabuffo Div. Pubblica Amministrazione Centrale m.rabuffo@finsiel.it 1 GRUPPO TELECOM ITALIA Massimo Rabuffo Div. Pubblica Amministrazione Centrale m.rabuffo@finsiel.it 2 Automazione dei processi 3 I Processi produttivi (1) Qualsiasi processo produttivo industriale è basato

Dettagli

Comunicare, condividere e cooperare attraverso tecnologie digitali

Comunicare, condividere e cooperare attraverso tecnologie digitali Comunicare, condividere e cooperare attraverso tecnologie digitali Via Asiago, 33/1 36030 Sarcedo (Vi) tel 0445 381199 fax 0445 381199 Chi siamo Globalcomm spa fa parte del gruppo aziendale di ATP Telecomunicazioni:

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. IBM and Business

Dettagli

ERP o pacchetto gestionale? Una

ERP o pacchetto gestionale? Una FEBBRAIO 2012 Quali sono le principali differenze fra una soluzione di Enterprise Resource Planning e un pacchetto gestionale, quali le raccomandazioni per chi deve scegliere un ERP? E quando è arrivato

Dettagli

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia Il 2006 ha registrato alcuni segnali positivi di ripresa, sia dell'economia italiana che dell Information

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

MAX DOLGICER EAI. Architetture, Tecnologie e Best Practices LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA

MAX DOLGICER EAI. Architetture, Tecnologie e Best Practices LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER EAI Architetture, Tecnologie e Best Practices ROMA 26-28 MARZO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

WHITE PAPER CRM Novembre 2003

WHITE PAPER CRM Novembre 2003 WHIT E PAPER Novembre 2003 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT Parlare di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT significa parlare di come l Azienda gestisce il suo business. Se vogliamo dare una definizione di

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende Software Servizi Progetti per la Pubblica Amministrazione e le Aziende SOLUZIONI AD ELEVATO VALORE AGGIUNTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LE AZIENDE Maggioli Informatica unitamente ai suoi marchi Cedaf,

Dettagli

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop

LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop LOGICAL Con i dati tra le nuvole Presentazione della piattaforma informatica di servizi logistici Business Workshop Marino Cavallo Provincia di Bologna PROGETTO LOGICAL Transnational LOGistics' Improvement

Dettagli

SUN ACCELERA L'INNOVAZIONE STORAGE

SUN ACCELERA L'INNOVAZIONE STORAGE SUN ACCELERA L'INNOVAZIONE STORAGE Nuove funzionalità software e l annuncio di Solaris 10 posizionano Sun al vertice della gestione di ambienti storage eterogenei Milano 24 novembre 2004 -- In occasione

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

Image Manager. Miliardi di documenti Acquisire. Consultare Proteggere. Supporto al processo decisionale, ovunque

Image Manager. Miliardi di documenti Acquisire. Consultare Proteggere. Supporto al processo decisionale, ovunque Miliardi di documenti Acquisire Consultare Proteggere Supporto al processo decisionale, ovunque pagina 2 L efficacia del vostro business dipende da decisioni prese in modo accurato. E le decisioni dipendono

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE

LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE LA GESTIONE INFORMATIZZATA DELL ORGANIZZAZIONE Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Gli speciali di Qualità - Qualità Informatica suppl. n.1 al n.3 di QUALITÀ, Maggio/Giugno 1998) 1. L organizzazione: dalle funzioni

Dettagli

Adobe. La Sicurezza delle Informazioni e dei Documenti nel rispetto del Codice della Amministrazione Digitale

Adobe. La Sicurezza delle Informazioni e dei Documenti nel rispetto del Codice della Amministrazione Digitale Adobe La Sicurezza delle Informazioni e dei Documenti nel rispetto del Codice della Amministrazione Digitale La Sicurezza informatica nella P.A.: strumenti e progetti Roma, 9 Maggio 2005 Andrea Valle Business

Dettagli

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia

Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia Organization Intelligence: Approccio e Tecnologia [Knowledge] «In organizations it often becomes embedded not only in documents or repositories but also in organizational routines, processes, practices

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS MARKETING (3 DI 3) ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 Bain & Company RESULTS Dopo la prima e la seconda parte di questo

Dettagli

guida: lo stato dell arte Stefano Micocci CUP 2000

guida: lo stato dell arte Stefano Micocci CUP 2000 Gli standard e le linee guida: lo stato dell arte Stefano Micocci CUP 2000 Di cosa parleremo Le reti in sanità: come stanno evolvendo in ambito regionale, nazionale ed europeo Il ruolo degli standard nel

Dettagli

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria DIST - Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Marco Repetto, Massimo

Dettagli

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS?

COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? COME MIGLIORARE IL PROPRIO BUSINESS? Le soluzioni INNOVA CRM sono la risposta L ESIGENZA DI UN NUOVO SISTEMA GESTIONALE E tipico e auspicabile per un Azienda, nel corso degli anni, avere un processo di

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA GERHARD LO SVILUPPO APPLICATIVO NELL ERA DEL CLOUD E DEL MOBILE

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA GERHARD LO SVILUPPO APPLICATIVO NELL ERA DEL CLOUD E DEL MOBILE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA GERHARD BAYER LO SVILUPPO APPLICATIVO NELL ERA DEL CLOUD E DEL MOBILE ROMA 4-5 NOVEMBRE 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

Knowledge Management

Knowledge Management [ ] IL K-BLOG Cosa è il KM Il Knowledge Management (Gestione della Conoscenza) indica la creazione, la raccolta e la classificazione delle informazioni, provenienti da varie fonti, che vengono distribuite

Dettagli

Gestione documentale open-source. La centralità dell informazione nella realtà aziendale

Gestione documentale open-source. La centralità dell informazione nella realtà aziendale Gestione documentale open-source La centralità dell informazione nella realtà aziendale 1/13 SOMMARIO 1.1 Dematerializzare i documenti... 3 1.2 Principali software per la gestione documentale... 5 1.3

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com

Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax info@jobiz.com - www.jobiz.com Via S. Leonardo, 120 - loc. Migliaro - 84100 Salerno 089 330254 tel - 089 330443 fax @jobiz.com - www.jobiz.com uno strumento dinamico per fare e-business che cos'è e.cube ECMS le quattro aree configurazione

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Redatto per Cisco Agosto 2005. La Comunicazione Unificata trasforma la comunicazione aziendale di Elizabeth Herrell

Redatto per Cisco Agosto 2005. La Comunicazione Unificata trasforma la comunicazione aziendale di Elizabeth Herrell Redatto per Cisco Agosto 2005 La Comunicazione Unificata trasforma la comunicazione aziendale di Elizabeth Herrell Indice del contenuto Sintesi direzionale 3 La comunicazione salta gli ostacoli aziendali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA I SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE Il Comune di CALTAVUTURO attraverso il presente progetto intende attivare e rafforzare i servizi offerti al cittadino, per dare maggiore

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Caratteristiche principali La flessibilità e la scalabilità della

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Copyright 2013 - CircleCap. Visione ed esperienze CircleCap sul Turismo 2.0

Copyright 2013 - CircleCap. Visione ed esperienze CircleCap sul Turismo 2.0 Visione ed esperienze CircleCap sul Turismo 2.0 Di cosa parliamo? Una volta compreso, il turismo 2.0 è una fondamentale rivoluzione nel modo di vivere, gestire, organizzare e promuovere il turismo. Porta

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

INFIN OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE

INFIN OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE OLTRE LA SEMPLICE ARCHIVIAZIONE INFIN Ricezione, Acquisizione, Protocollazione, Classificazione, Condivisione, Distribuzione e Gestione dei processi documentali. I TUOI DOCUMENTI DIVENTANO INFORMAZIONI

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

Libera il tuo business UNIFIED COMMUNICATION CLOUD COMPUTING

Libera il tuo business UNIFIED COMMUNICATION CLOUD COMPUTING Libera il tuo business UNIFIED COMMUNICATION CLOUD COMPUTING 53% ottimizzazione dei costi di implementazione 48% risparmio sui costi di manutenzione 46% velocità di innovazione 30% costi adattabili in

Dettagli

Possibilità di connettervi ovunque voi siate: un efficace strategia di utilizzo dei dispositivi mobili favorisce la produttività

Possibilità di connettervi ovunque voi siate: un efficace strategia di utilizzo dei dispositivi mobili favorisce la produttività Soluzioni di accesso mobile per le aziende White paper Aprile 2008 Possibilità di connettervi ovunque voi siate: un efficace strategia di utilizzo dei dispositivi mobili favorisce la produttività Pagina

Dettagli

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco

Titolo Perché scegliere Alfresco. Titolo1 ECM Alfresco Titolo Perché scegliere Alfresco Titolo1 ECM Alfresco 1 «1» Agenda Presentazione ECM Alfresco; Gli Strumenti di Alfresco; Le funzionalità messe a disposizione; Le caratteristiche Tecniche. 2 «2» ECM Alfresco

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server

Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Caso di successo Microsoft Virtualizzazione Gruppo Arvedi Il Gruppo Arvedi sceglie tecnologie Microsoft per la virtualizzazione dei sistemi server Informazioni generali Settore Education Il Cliente Le

Dettagli

CSCW e Groupware. Terminologia (1) CSCW

CSCW e Groupware. Terminologia (1) CSCW CSCW e Groupware Terminologia (1) CSCW computer-supported t cooperative work Disciplina scientifica che studia il lavoro di gruppo e cerca di scoprire come la tecnologia può essere di aiuto Termine prevalentemente

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

Avvocati: Maria Bonfiglio Francesca Cagnoni Patrizia Crema Antonio Giannotti Matteo Fiori. Responsabile: Bruno Crema. Servizi legali in outsourcing

Avvocati: Maria Bonfiglio Francesca Cagnoni Patrizia Crema Antonio Giannotti Matteo Fiori. Responsabile: Bruno Crema. Servizi legali in outsourcing Avvocati: Maria Bonfiglio Francesca Cagnoni Patrizia Crema Antonio Giannotti Matteo Fiori Responsabile: Bruno Crema Servizi legali in outsourcing Gli avvocati e le PMI 1. Le Tecnologie Le professioni 2.

Dettagli

1.4.1 Architettura protocollare 802.15. 1.4.2 Architettura Core System

1.4.1 Architettura protocollare 802.15. 1.4.2 Architettura Core System Introduzione Capitolo 1: Le Reti Wireless 1.1 Introduzione 1.2 Le reti Cellulari 1.2.1 Struttura di una rete cellulare 1.2.2 Stabilimento e mantenimento di una chiamata 1.3 Panoramica sulle diverse generazioni

Dettagli

I sistemi ERP. sistemi ERP 1

I sistemi ERP. sistemi ERP 1 I sistemi ERP sistemi ERP 1 Il portafoglio applicativo delle industrie manifatturiere Pianificazione delle operazioni Analisi strategica, pianificazione annuale, programmazione operativa, scheduling Esecuzione

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Automazione Reti Vendita: Non è solo Tecnologia è soprattutto Business!

Automazione Reti Vendita: Non è solo Tecnologia è soprattutto Business! Automazione Reti Vendita: Non è solo Tecnologia è soprattutto Business! L automazione agenti è solo parzialmente un problema di distribuzione di logica e dati unita alla trasmissione degli stessi tra i

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso]

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso] Presentazione del Corso 1 Premessa Il software libero/open source si è diffuso oltre le comunità di sviluppo, coinvolgendo altri attori che hanno individuato modelli di sviluppo sostenibili che lo rendono

Dettagli

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server

Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server Introduzione alla famiglia di soluzioni Windows Small Business Server La nuova generazione di soluzioni per le piccole imprese Vantaggi per le piccole imprese Progettato per le piccole imprese e commercializzato

Dettagli

Piattaforma integrata gestione portafoglio assicurativo. Caratteristiche principali

Piattaforma integrata gestione portafoglio assicurativo. Caratteristiche principali Piattaforma integrata gestione portafoglio assicurativo Caratteristiche principali INDICE 1. CARATTERISTICHE PRODOTTO... 3 1.1. DESCRIZIONE DELLA SOLUZIONE... 3 1.2. ARCHITETTURA APPLICATIVA... 6 1.2.1.

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB

Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Brochure prodotto Infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici Servizi di connessione ABB Servizi di connessione Prodotti a supporto del business Per sfruttare al meglio una rete di ricarica per veicoli

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

Antonio Maria Tambato Dirigente Sistemi Informativi Ministero dello sviluppo economico 9 maggio 2013 MISE: un cammino verso la logica di processo

Antonio Maria Tambato Dirigente Sistemi Informativi Ministero dello sviluppo economico 9 maggio 2013 MISE: un cammino verso la logica di processo Antonio Maria Tambato Dirigente Sistemi Informativi Ministero dello sviluppo economico 9 maggio 2013 MISE: un cammino verso la logica di processo Scopo della presentazione Condividere una esperienza Progetto

Dettagli