Servizio Politiche Giovanili e Confcooperative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizio Politiche Giovanili e Confcooperative"

Transcript

1

2 Servizio Politiche Giovanili e Confcooperative

3 Cooperative, ovvero un modello d impresa ad alto tasso di socialità. Ciò che le distingue, rispetto agli altri, è la piattaforma di principi posti alla base dell iniziativa aziendale, a prescindere dalle dimensioni che assume: solidarietà, uguaglianza, autoaiuto e auto responsabilità, propensione per le attività di interesse collettivo piuttosto che per la massimizzazione del profitto per pochi. E sempre più aspetto non di poco conto un opzione valida, in particolare per le nuove generazioni, per costruirsi una collocazione occupazionale affidabile. 1 Una scommessa che abbiamo giocato con un progetto di formazione congiunto, rivolto appunto ai giovani, per avvicinarli al mondo del lavoro creando occasioni di contatto con chi ne fa già parte; per promuovere tra loro l idea dell imprenditorialità in generale e i valori della cooperazione in particolare. Al termine di ogni incontro nei territori è stato lanciato un servizio di accompagnamento guidato, anch esso gratuito, per i ragazzi interessati all idea di costituire una cooperativa, alcuni di voi la stanno già costruendo con concrete opportunità di lavoro. La nostra scommessa è già stata vinta! Salvatore Sanzo Assessore alle Politiche Giovanili

4 1. LA COOPERATIVA La società cooperativa è essenzialmente due cose: un'impresa e una società. 2 In quanto impresa ha un fine economico ma non si tratta esclusivamente di una semplice entità economica. L'aspetto economico-finanziario ha infatti la sua importanza, ma l'attività di una cooperativa va a toccare in modo non marginale la sfera del sociale, quella economica e non ultima quella culturale. Non si costruisce da soli, ma nasce da un gruppo di persone che si uniscono per soddisfare un bisogno comune. La cooperativa è un'impresa nella quale la persona-socio prevale sull'elemento economico; alla base della cooperativa sta infatti la comune volontà dei suoi membri di tutelare i propri interessi di consumatori, lavoratori, agricoltori, operatori culturali, ecc. Il fenomeno cooperativo è vario e complesso, e può riguardare moltissimi ambiti: - Cooperazione di consumo: cooperative di soci consumatori, finalizzati ad acquistare beni a prezzi vantaggiosi. - Cooperazione di produzione e lavoro: cooperative il cui scopo consiste nel trovare lavoro ai propri soci. - Cooperazione agricola: cooperative per coltivazione, trasformazione, conservazione, distribuzione di prodotti agricoli o zootecnici. - Cooperazione edilizia: cooperative finalizzate alla costruzione di alloggi per i propri soci. - Cooperazione sociale: cooperative per la gestione di servizi socio sanitari ed educativi, nonché finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate. - Cooperative tra professionisti: consente a molti professionisti di avere opportunità di lavoro in forma associata. Questi sono solo alcuni esempi: in generale qualsiasi attività si voglia svolgere può essere svolta attraverso una società cooperativa.

5 L'impresa cooperativa rappresenta una tipologia societaria con caratteristiche molto peculiari: 1. il fine ultimo delle altre società è la realizzazione del lucro e la distribuzione degli utili patrimoniali. Le cooperative hanno invece uno scopo mutualistico, che consiste nell'assicurare ai soci lavoro, beni di consumo o servizi a condizioni migliori di quelle che otterrebbero dal libero mercato. Nelle altre società, inoltre, gli utili di esercizio vengono distribuiti ai soci in proporzione alle azioni o alle quote possedute, mentre nelle cooperative gli avanzi di gestione rimangono nel patrimonio sociale e possono essere destinati agli investimenti, allo sviluppo delle attività d'impresa ed alla istituzione di servizi comuni. 2. Il capitale sociale è variabile: aumenta o diminuisce in relazione all'ingresso o all'uscita dei soci senza che ciò comporti problemi di modifica statutaria. 3. Nelle assemblee ogni socio persona fisica vale un solo voto, a prescindere dall'eventuale possesso di ammontare diversi di quote o di azioni del capitale sociale (valore dei soci e democraticità di partecipazione). 4. La società cooperativa risulta una realtà fortemente radicata sul territorio: ciò consente quindi di creare occupazione locale e allo stesso tempo sviluppare la comunità sociale nella quale è inserita. 3 La cooperativa consente quindi di distribuire equamente tra i soci difficoltà, rischi e vantaggi imprenditoriali. Scegliendo la forma cooperativa è più facile e meno rischioso cimentarsi in un'attività produttiva. Quando più persone decidono di fondare una cooperativa possono condividere le idee, i progetti, le esperienze di lavoro e dar luogo ad una gestione associata delle attività imprenditoriali e delle problematiche gestionali da affrontare. Nella cooperativa il capitale umano ed imprenditoriale è protagonista, e la contrapposizione tra capitale e lavoro è pressoché inesistente. L'approccio ed il percorso che portano le persone a costituire una cooperativa è semplice.

6 4 Inizialmente l'incontro è volto ad individuare bisogni, aspettative ed interessi di ognuno, elaborare ed approfondire l'idea, definire le regole del fare insieme, mettere a fuoco i punti di forza e di debolezza. È poi importante sviluppare un sufficiente affiatamento del gruppo insieme alla capacità di valutare ed accettare il ruolo assegnato; acquisire l attitudine a cooperare con gli altri per il raggiungimento di obiettivi comuni, fare propri elementi di cultura imprenditoriale per sostenere le sfide del mercato in modo che prenda corpo il piano d'impresa (business plan). La società cooperativa si costituisce con atto pubblico (redatto in presenza del notaio) ed in seguito viene iscritta al registro delle imprese della Camera di Commercio della Provincia in cui ha sede la cooperativa. Gli organi sociali della cooperativa sono: - assemblea dei soci (alla quale è attribuito il compito di stabilire il programma delle attività sociali); - consiglio di amministrazione (organo di governo dell'impresa, che ne cura l'amministrazione); - organo di controllo nella figura del revisore o del collegio sindacale. l soci che fondano una cooperativa redigono davanti ad un notaio un atto pubblico di costituzione allegando lo statuto sociale, documento fondamentale che disciplina la vita della cooperativa stessa e ne contiene tutti gli elementi essenziali (denominazione, sede, oggetto sociale, modalità di funzionamento ecc.). È buona cosa dedicare tempo ed attenzione alla comprensione ed alla condivisione delle regole costitutive e statutarie ed alle scelte che si assumono in sede di costituzione. Nelle cooperative il capitale sociale non è determinato in un ammontare prestabilito (si parla infatti di variabilità del capitale sociale), perciò la variazione del capitale sociale anche dovuta all'ingresso di nuovi soci (principio della porta aperta), non comporta la modificazione dell'atto costitutivo, ma è fatta con delibera degli amministratori ed annotazione nel libro soci.

7 In virtù della loro rilevanza sociale e delle particolari attenzioni ad esse riservate, le cooperative sono sottoposte ad un particolare sistema di vigilanza, esercitato dall'autorità pubblica e dalle associazioni di rappresentanza del movimento cooperativo. La vigilanza sulle società cooperative, che ha lo scopo di garantire che siano rispettate le regole di riferimento, viene esercitata a mezzo di ispezioni (revisioni), ordinarie e straordinarie. 5

8 2. COSA PUÒ FARE L UE PER LE COOPERATIVE Il sostegno alle PMI è una delle priorità della Commissione Europea che cerca di utilizzare strumenti utili a stimolare la creazione di imprese innovative. Come? 6 Fornendo servizi per le giovani piccole medie imprese che vogliono allargarsi in ambito europeo attraverso la rete Enterprise Europe Network (EEN) o altre reti (ED, EURODESK, etc). I principali obiettivi di EEN network sono: - aiutare le PMI a sviluppare il loro potenziale d innovazione e sensibilizzarle nei confronti delle politiche comunitarie; - offrire consulenza e assistenza sui principali programmi comunitari attraverso un gran numero di punti di contatto sul territorio di cui uno a Pisa. Favorendo politiche UE che agevolino la penetrazione delle imprese nei mercati esteri attraverso il sito tematico dell Ufficio Europe Aid che costituisce il punto di partenza indispensabile per reperire informazioni sui programmi europei di cooperazione. Promuovendo interventi di incremento del volume di accesso al credito delle P.M.I. mediante: - la Banca Europea degli Investimenti (B.E.I.) - il Fondo Europeo d Investimento (F.E.I.) - ed i relativi intermediari finanziari ufficiali si veda anche il sito:

9 Favorendo la pubblicazione unificata delle gare di appalto di rilevanza europea sul sito alle quali possono partecipare le imprese presentando la propria migliore offerta tecnica ed economica; Prevedendo finanziamenti diretti UE su tematiche specifiche di interesse dell UE, quali: - Apprendimento permanente LIFE LONG LEARNING; - Competitività ed innovazione - CIP; - Temi ambientali LIFE; - Infrastrutture e trasporti MARCO POLO; - Industria dell audiovisivo MEDIA; - Temi sociali PROGRESS; - Ricerca in materia di: Cooperazione; Idee; - Persone e Capacità VII PROGRAMMA QUADRO; 7

10 LINK UTILI PER ACCEDERE AI FONDI STRUTTURALI 8 I Fondi strutturali europei sono: - Fondo europeo di sviluppo regionale - FESR aperti.mht - Fondo Europeo Agricoltura e Sviluppo Rurale FEASR RT/Contenuti/sezioni/agricoltura/sviluppo_rurale/ - Fondo sociale europeo FSE gareaperte/lavoro/index.html gareaperte/formazione/index.html Sovvenzioni UE alle PMI della D.G. Impresa e Industria Sovvenzioni per le PMI promosse dall UE Direzione imprese e Industria: Cosa può fare per te il VII Programma Quadro VII Programma Quadro: - - Di particolare interesse è la sezione specifica: - Per consultare i bandi ancora aperti: - Per cercare partners utili e portare avanti il tuo progetto:

11 Programmi UE a Gestione Diretta Esistono programmi europei di apprendimento permanente utili a finanziare anche la formazione del capitale umano impiegato nelle imprese attraverso il programma: 1) ERASMUS PER GIOVANI IMPRENDITORI: 2) LEONARDO DA VINCI 9 I siti ufficiali sono quello europeo e l agenzia nazionale del programma consultabili a questi link: ESE_2011.pdf Il programma Leonardo finanzia: - progetti presentati da imprese per trasferire esperienze, metodologie e/o migliorare le competenze professionali dei lavoratori; - progetti che prevedono l organizzazione di tirocini presso aziende operative in altri Paesi. I bandi (call for proposal) vengono pubblicati sul sito ufficiale della Commissione Europea e su quello del Programma di Apprendimento Permanente in Italia id_from=1&style=llp&pag=1 L Agenzia Nazionale del Programma per l Apprendimento Permanente Leonardo da Vinci è operativa presso l I.S.F.O.L.

12 3. GLI STRUMENTI FINANZIARI E LE AGEVOLAZIONI I principali strumenti di finanziamento alle imprese: 10 - Fondi Europei: Programma Operativo Regionale Competitività Regionale e Occupazione (POR CReO: Innovazione; ambiente; energia). - Fondi nazionali/regionali: Piani Regionale di Sviluppo, in particolare Piano Regionale di Sviluppo Economico (PRSE: Investimenti tradizionali nei settori commercio, turismo, artigianato, industria, infrastrutture). Garanzie e contributi in conto interesse a favore delle nuove imprese giovanili, femminili e lavoratori già destinatari di ammortizzatori sociali. Sono ammissibili le PMI che: - Siano iscritte ovvero in corso di iscrizione nel Registro Imprese presso la Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura competente per territorio; - Abbiano sede legale e operativa nella Regione Toscana; - Non siano in difficoltà ai sensi della normativa europea. Sono ammissibili sia: - PMI di nuova costituzione: PMI giovanili, femminili e di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali, costituite nel corso dei sei mesi precedenti alla data di richiesta di ammissione alle agevolazioni oppure entro sei mesi dalla data di richiesta stessa; - PMI in espansione: PMI giovanili e femminili costituite nel corso dei tre anni precedenti la data di richiesta di ammissione alle agevolazioni e che effettuano investimenti finalizzati a consolidare o migliorare il proprio posizionamento competitivo.

13 Le PMI giovanili e femminili sono PMI in possesso di uno dei seguenti requisiti: - essere una donna oppure l età del titolare dell impresa non deve essere superiore a 40 anni. - essere una donna oppure l'età dei rappresentanti legali e di almeno il 50% dei soci, che detengono almeno il 51% del capitale sociale, ad esclusione delle società cooperative, non deve essere superiore a 40 anni. - per le cooperative: essere una donna oppure l'età dei rappresentanti e di almeno il 50% dei soci lavoratori che detengono almeno il 51% del capitale sociale delle società cooperative, non deve essere superiore a 40 anni. 11 Tipologia di contributo: - In conto interessi: il contributo è pari al 70% dell importo degli interessi gravanti sui finanziamenti ed è erogato in un unica soluzione, in via anticipata, attualizzato alla data di erogazione dei finanziamenti. - Garanzia a prima richiesta: fino all 80% dell investimento, fino ad un massimo di Euro ,00 al netto del capitale. - Prestito partecipativo: partecipazioni, temporanee e di minoranza, da assumere nel capitale di PMI giovanili di nuova costituzione o in espansione, che effettuano investimenti con potenziale di sviluppo a contenuto innovativo, costituite nella forma di società di capitali, ivi comprese le società cooperative. Fiditoscana può acquisire fino al 49% del capitale sociale della società partecipata, per un importo massimo non superiore a Euro ,00. - Link utili:

14 4. I CONTATTI 12 Confcooperative Pisa Per informazioni sulle cooperative e per tutte le procedure legate allo start up d impresa: Via Malasoma, OSPEDALETTO (Pi) Centralino: Cell.: Telefax: Politiche Giovanili e Sport Provincia di Pisa Agli indirizzi dell'ufficio è possibile inviare proposte e chiedere informazioni sui nostri progetti, nonché inoltrare notizie relative ad eventi e del tuo territorio, che verranno pubblicizzate attraverso il sito della Provincia e la nostra newsletter settimanale. Piazza Vittorio Emanuele II, 14 Pisa (secondo piano) INDIRIZZO POSTA CERTIFICATA: Tel.: ; Fax:

15 Sportello strumenti finanziari per lo sviluppo Provincia di Pisa Lo Sportello strumenti finanziari per lo Sviluppo offre informazioni sulle opportunità di finanziamento a livello locale, regionale, nazionale e comunitario; informazioni sulle agevolazioni pubbliche per imprese ed enti pubblici; offre orientamento tra le varie forme di agevolazione e orientamento e accompagnamento per imprenditori sul reperimento di risorse finanziarie. Per info e contatti: Lo sportello strumenti finanziari per lo sviluppo è in Piazza Vittorio Emanuele II, PISA. Orari: lunedì, mercoledì, venerdì dalle alle 13.00; martedì e giovedì dalle alle e dalle alle Tel.: Tel.: Centro Europe Direct Provincia di Pisa Il centro offre servizi di informazione su tutte le tematiche europee ai cittadini, alle imprese e alle associazioni. Per info e contatti: Ufficio Politiche Comunitarie, Relazioni Internazionali e Centro Europe Direct della Provincia di Pisa Piazza Vittorio Emanuele II, Pisa Tel.: Fax:

16 Davide Lonigro

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori di Pistoia

Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori di Pistoia Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori di Pistoia Catalogo 2015/2016 Il sistema camerale ha fra i propri obiettivi la diffusione della cultura d impresa e la formazione delle

Dettagli

LE OPPORTUNITÀ DEI. Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna

LE OPPORTUNITÀ DEI. Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna LE OPPORTUNITÀ DEI FINANZIAMENTI EUROPEI Leonardo Pinna Delegazione di Confindustria Bruxelles Confindustria Emilia Romagna 26Settembre 2013 I temi Le principali i lifonti idi finanziamento i a livello

Dettagli

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO

SPORTELLO EUROPA COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO SPORTELLO EUROPA Comune di Fonte Nuova COMUNE DI FONTE NUOVA PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO I nostri uffici si trovano in via Palombarese 225 presso la delegazione del Comune di Fonte Nuova e sede del Centro

Dettagli

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys

Come accedere ai. finanziamenti dell UE. in via diretta? M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys M. Adele Camerani Cerizza Esperta finanziamenti europei e consulente Sunesys Come accedere ai finanziamenti dell UE in via diretta? Le risorse finanziarie del bilancio comunitario messe a disposizione

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

ooperative istruzioni per l uso

ooperative istruzioni per l uso ooperative istruzioni per l uso Alcuni movimenti hanno un elevato scopo sociale, altri, invece, un fine economico, soltanto le cooperative li hanno entrambi Alfred Marshall Luisa Gnecchi Assessora all

Dettagli

e mail sviluppoeconomico@provincia.enna.it

e mail sviluppoeconomico@provincia.enna.it 1 PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Sportello Creazione d Impresa e Occupazione Piazza Garibaldi n. 8, ENNA Telefono 0935/500827 Fax 0935/505446 e mail sviluppoeconomico@provincia.enna.it Siti web http://www.provincia.enna.it

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Allegato A) Scheda di dettaglio Finalità generale Obiettivo operativo Territori interessati Soggetti beneficiari CREAZIONE D'IMPRESA Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Consolidare lo sviluppo economico accrescendo

Dettagli

Come diventare imprenditore

Come diventare imprenditore REGNI M ODOETIA ITALIÆ SEDES EST M AGNI Come diventare imprenditore 4 Come diventare imprenditore 5 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 6 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 7 Il business

Dettagli

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici

Europa, sostegno ed. ecomusei. Interessa? Partecipazione e reti. Con chi? In che ambiti? Con chi? Punti critici Europa, sostegno ed Partecipazione e reti ecomusei Interessa? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione europea In che ambiti? Con chi? Cagliero, Maggi, Retilunghe. Gli ecomusei e l integrazione

Dettagli

Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori di Pisa e Provincia

Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori di Pisa e Provincia Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori di Pisa e Provincia Catalogo 2014/2015 INDICE IMPRESA IN AZIONE... 1 ALTERNANZA SCUOLA LAVORO... 3 BOOT CAMP FOR STUDENTS... 4 Apprendistato,

Dettagli

SCADENZA 7 DICEMBRE 2015. Art. 1 Finalità

SCADENZA 7 DICEMBRE 2015. Art. 1 Finalità AVVISO DI SELEZIONE PER INDIVIDUARE N. 20 ASPIRANTI IMPRENDITORI DA AMMETTERE AL PERCORSO GRATUITO DI ACCOMPAGNAMENTO ALL IMPRENDITORIALITA TALENT DRESSAGE SCADENZA 7 DICEMBRE 2015 Art. 1 Finalità La Camera

Dettagli

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi

L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi L Unione europea: 500 milioni di abitanti, 27 paesi Stati membri dell Unione europea Paesi candidati Dott.ssa Stefania Zanna La ricerca: investire nella società della conoscenza Spesa per ricerca e sviluppo

Dettagli

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo e di consulenza Impresa e Lavoro offre un sostegno

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

AVVIO DELL IMPRESA. Aprire una impresa consiste nell'avviare un'attività economica, organizzata e professionale A scopo di lucro

AVVIO DELL IMPRESA. Aprire una impresa consiste nell'avviare un'attività economica, organizzata e professionale A scopo di lucro AVVIO DELL IMPRESA Aprire una impresa consiste nell'avviare un'attività economica, organizzata e professionale A scopo di lucro Passi da compiere Business Plan. Redigere un business plan per delimitare

Dettagli

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014 Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014 Sportello per la creazione d impresa ed il lavoro autonomo della Provincia di Alessandria SOMMARIO Sezione 1: Il mondo delle imprese e del lavoro autonomo

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Cantieri

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO

Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA. Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO Il CAPITALE DI RISCHIO E LA COLLABORAZIONE PUBBLICO PRIVATA Bando 1.2.4. Ingegneria Finanziaria FONDO CAPITALE DI RISCHIO FINALITA E OBIETTIVI Supportare gli investimenti delle Piccole e Medie imprese

Dettagli

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore

INCENTIVI PER LE IMPRESE. N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore INCENTIVI PER LE IMPRESE N. Nome bando Scadenza Benficiari Intervento max ammissibile Ente Gestore 1 PIA A sportello Piccole-medie imprese Da 200.000,00 a 1.000.000,00 2 Titolo II A sportello Microimprese

Dettagli

La programmazione europea 2014-2020. potenzialità ed elementi di attenzione per le amministrazioni pubbliche

La programmazione europea 2014-2020. potenzialità ed elementi di attenzione per le amministrazioni pubbliche La programmazione europea 2014-2020 potenzialità ed elementi di attenzione per le amministrazioni pubbliche Sommario UE 2014-2020: quali risorse; Quali priorità; Aspetti di interesse per le PP.AA.; Come

Dettagli

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management

RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management MASTER IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE RISORSE E PROGRAMMI UE European Project Management Relatore: Francesco Riganti Risorse e Programmi dell UE e Metodologie di accesso Strumenti di Programmazione 2007-2013:

Dettagli

Finanziamenti europei: guida per il periodo 2014-2020

Finanziamenti europei: guida per il periodo 2014-2020 INDICE 3 Finanziamenti europei: guida per il periodo 2014-2020 6 7 8 9 10 12 13 15 16 18 19 20 22 23 24 25 26 26 27 29 I. Competitività per la crescita e l occupazione Erasmus + Horizon 2020 COSME New

Dettagli

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE lunedì 15 settembre 2014 martedì 16 settembre 2014 mercoledì 17 settembre 2014 giovedì 18 settembre 2014 venerdì 19 settembre 2014 lunedì 22 settembre 2014 martedì 23 settembre 2014 mercoledì 24 settembre

Dettagli

Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario.

Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario. Firenze 2 ottobre 2014 Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario. Settore Disciplina, politiche e incentivi del commercio e attività terziarie DG competitività

Dettagli

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP

Strumenti finanziari CIP. Programma per l innovazione e l imprenditorialità. Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Commissione europea Imprese e industria CIP Strumenti finanziari CIP Programma per l innovazione e l imprenditorialità Quasi un

Dettagli

PROVINCIA DI PISA. Voucher per la CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013

PROVINCIA DI PISA. Voucher per la CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 PROVINCIA DI PISA Voucher per la CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 1 Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale Premessa La Provincia

Dettagli

Progetto Pilota Start Up House azione 1.2

Progetto Pilota Start Up House azione 1.2 LA REGIONE TOSCANA PER LE PMI Tour di presentazione delle prossime opportunità POR FESR 2014-2020 Intro Fondo rotativo Fondi di Garanzia Protocolli d insediamento Progetto Pilota Start Up House azione

Dettagli

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione

5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione 5.3.1.1.1 Azioni nel campo della formazione professionale e dell informazione Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (i) e 21 del Reg. (CE) N 1698/2005. Punto 5.3.1.1.1. dell allegato II

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania.

DIRETTIVE DI ATTUAZIONE - FASE I PRESENTAZIONE DEI PROGETTI INTEGRATI DEI PICCOLI COMUNI (PICO) fonte: http://burc.regione.campania. Fondo MICROCREDITO PICCOLI COMUNI CAMPANI-FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Obiettivo specifico c) Obiettivo Operativo c.2 Asse II Occupabilità Obiettivo specifico e) Obiettivo Operativo

Dettagli

Le politiche regionali per i giovani: continuità e cambiamenti durante la crisi. Un indagine esplorativa Davide Barella, Ires Piemonte 17 giugno 2014

Le politiche regionali per i giovani: continuità e cambiamenti durante la crisi. Un indagine esplorativa Davide Barella, Ires Piemonte 17 giugno 2014 Le politiche regionali per i giovani: continuità e cambiamenti durante la crisi Un indagine esplorativa Davide Barella, Ires Piemonte 17 giugno 2014 Progetto Cantiere Giovani Ires Piemonte Politica o politiche

Dettagli

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE LA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE La programmazione comunitaria 2014-2020: le risorse per l Italia Nel periodo 2014-2020, con il nuovo Accordo di partenariato tra Italia e Commissione Europea, l

Dettagli

MICROCREDITO 5 STELLE. CONTRIBUTO 10 MLN

MICROCREDITO 5 STELLE. CONTRIBUTO 10 MLN MICROCREDITO 5 STELLE. CONTRIBUTO 10 MLN Il Movimento 5 Stelle presenta l innovativo progetto, realizzato con il taglio e la restituzione di parte degli stipendi dei parlamentari pentastellati, rivolto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI RIVOLTI ALLA REALIZZAZIONE DELLE AZIONI PREVISTE DALLA L.R. 16 DEL

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI RIVOLTI ALLA REALIZZAZIONE DELLE AZIONI PREVISTE DALLA L.R. 16 DEL AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI RIVOLTI ALLA REALIZZAZIONE DELLE AZIONI PREVISTE DALLA L.R. n. 16 DEL 2009 Cittadinanza di genere Annualità 2013 Premessa La Provincia di Pisa adotta il

Dettagli

Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale

Provincia di Pisa Servizio Lavoro e Sociale PROVINCIA DI PISA Avviso per la concessione di finanziamenti per servizi di accompagnamento alla CREAZIONE DI IMPRESA a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 1

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 19-02-2014 (punto N 30 ) Delibera N 118 del 19-02-2014 Proponente GIANFRANCO SIMONCINI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA

Dettagli

INTESA PROGRAMMATICA D AREA (IPA) TERRE ALTE DELLA MARCA TREVIGIANA Riconosciuta dalla Regione Veneto con DGR 3323 del 04.11.2008

INTESA PROGRAMMATICA D AREA (IPA) TERRE ALTE DELLA MARCA TREVIGIANA Riconosciuta dalla Regione Veneto con DGR 3323 del 04.11.2008 Agli Enti Locali, alle Parti Economiche e Sociali aderenti all IPA Ai Comuni del GAL. Comunicazione a mezzo e-mail Solighetto, 16 marzo 2011 Oggetto: IPA- INFORMA N. 2 del 16 marzo 2011 Si trasmette il

Dettagli

Le news settimanali del Consorzio Camerale

Le news settimanali del Consorzio Camerale Le news settimanali del Consorzio Camerale SOMMARIO News Parlamento europeo: approvazione definitiva di Basilea 3 Ministero dell Economia e delle Finanze: al via la moratoria sui mutui delle famiglie Unioncamere:

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

OPEN DAY IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE A ROVIGO VENERDI 3 OTTOBRE 2014

OPEN DAY IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE A ROVIGO VENERDI 3 OTTOBRE 2014 OPEN DAY IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE A ROVIGO INCONTRI E CONSULENZE GRATUITE PER ASPIRANTI E NEO IMPRENDITORI VENERDI 3 OTTOBRE 2014 presso il Salone del Grano della Camera di Commercio di Rovigo

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RURAL trainer REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Assessorato dell agricoltura e riforma agro-pastorale RURAL trainer il progetto che sostiene le giovani imprese agricole della

Dettagli

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale

Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale Fondo capitale di rischio per le PMI con sede sul territorio regionale (POR Puglia 2000-2006) 1 IL FONDO Il Fondo per il capitale di rischio ha come obiettivo l acquisizione di quote temporanee di minoranza

Dettagli

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3

ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 ALLEGATO D - SCHEDA INFORMATIVA FONDO POR I.3 La presente scheda informativa sintetizza le modalità di funzionamento del FONDO POR I.3 gestito da Lazio Innova. La scheda informativa non sostituisce lo

Dettagli

Strumenti per l autoimpiego

Strumenti per l autoimpiego Strumenti per l autoimpiego A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone fisiche che intendono avviare un'attività di lavoro autonomo in forma di ditta individuale. Per presentare la domanda

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

COMUNE di BAGNO A RIPOLI

COMUNE di BAGNO A RIPOLI COMUNE di BAGNO A RIPOLI (Provincia di FIRENZE) Bando Pubblico con invito a manifestare interesse per la gestione del progetto di marketing territoriale PORTICO anche attraverso il portale internet www.firenzelecolline.it

Dettagli

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti

Franchising Mettersi in proprio con le idee vincenti Mettersi in proprio con le idee vincenti Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Mettersi in proprio con le idee vincenti Invitalia, l Agenzia nazionale per l

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton

Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea. Marco Canton Una panoramica sull organizzazione dei Programmi di finanziamento a gestione diretta dell Unione Europea Marco Canton Politiche UE Programmi Assistenza Esterna Programmi Tematici Gestione centralizzata

Dettagli

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it

LE TIPOLOGIE DI SOCIETA. Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it LE TIPOLOGIE DI SOCIETA Prof.ssa Silvia Gravili silvia.gravili@unisalento.it 1 IMPRESA E AZIENDA Impresa: attività economica professionalmente organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni

Dettagli

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE

Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE Manital e Compagnia di San Paolo FONDO RISORSA CANAVESE BANDO GIOVANI PER IL CANAVESE 1. PREMESSA Manital, con la collaborazione della Compagnia di San Paolo ha istituito il Fondo Risorsa Canavese, con

Dettagli

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi:

Servizi di consulenza a favore delle aziende agricole Articolo 16. La misura persegue in particolare i seguenti obiettivi: Misura Articolo e paragrafo del Regolamento (CE) n. 1698/2005 Codice Giustificazione Servizi di a favore delle aziende agricole Articolo 16 La crescente complessità tecnica delle diverse fasi dell attività

Dettagli

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale

Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale Programmi UE di rilevanza per il Settore sociale marco mietto L Unione europea si è data cinque obiettivi da realizzare entro la fine del decennio: 1.occupazione: il tasso di occupazione deve essere del

Dettagli

BANDO VOLONTARIATO 2014 INDICE. Premessa. Obiettivi. Linee guida. Contatti CSV

BANDO VOLONTARIATO 2014 INDICE. Premessa. Obiettivi. Linee guida. Contatti CSV BANDO INDICE Premessa Obiettivi Linee guida Contatti CSV 2 PREMESSA La situazione socio-economica attuale, ormai non più emergenziale ma stabile e perdurante, richiede interventi di tipo sistemico e strutturale

Dettagli

Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete

Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete Sono passati ormai 5 mesi dallo straordinario risultato ottenuto dal nostro partito alle elezioni europee, da quella domenica in cui in tanti mi avete che solamente come cittadini europei avremmo potuto

Dettagli

FONDO PRESTITI PARTECIPATIVI

FONDO PRESTITI PARTECIPATIVI 2 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO

Dettagli

Antenna Europe Direct della Regione Lombardia. europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.

Antenna Europe Direct della Regione Lombardia. europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia. Antenna Europe Direct della Regione Lombardia europedirect@regione.lombardia.it www.europedirect.regione.lombardia.it @ED_Lombardia La rete Europe Direct Europe Direct è la rete ufficiale dei centri di

Dettagli

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente descrittiva e non esaustiva dei contenuti dell avviso

Dettagli

Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori della provincia di Pisa

Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori della provincia di Pisa Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori della provincia di Pisa Catalogo 2013/2014 La Camera di Commercio di Pisa attraverso le proprie aziende speciali è da sempre impegnata

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE La COSTITUZIONE di una ASD e di una Società Sportiva di capitali L attività sportiva dilettantistica, con l introduzione della Finanziaria del 2003 (Legge n.289 del 27/12/2002 articolo 90), può essere

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO

Dettagli

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto

COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto COMUNE DI SANTA FIORA Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI DESTINATI ALLE NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI E ALLE IMPRESE APPROVATO con deliberazione del C.C. n 69 del 30.11.2011

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

Carta del Servizio Informagiovani

Carta del Servizio Informagiovani CITTÀ DI NOVATE MILANESE Assessorato alla Cultura e Biblioteca, Politiche Giovanili, Pubblica Istruzione, Informagiovani, Comunicazione e Informatica Servizio Informagiovani Via Vittorio Veneto, 8 20026

Dettagli

POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto

POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto POR FESR 2007-2013 Accordo Sardegna Veneto Progetto di Cooperazione interregionale Sardegna - Veneto 2 PECULIARITA DELL AZIONE Prima esperienza in Italia di sperimentazione del principio di integrazione

Dettagli

Fondi Europei. Una panoramica delle nuove regole finanziarie e delle opportunità di finanziamento per il periodo 2007-2013

Fondi Europei. Una panoramica delle nuove regole finanziarie e delle opportunità di finanziamento per il periodo 2007-2013 Fondi Europei Una panoramica delle nuove regole finanziarie e delle opportunità di finanziamento per il periodo 2007-2013 Dipartimento per le Politiche Europee Presidenza del Consiglio dei Ministri Contributo

Dettagli

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014

FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 FINANZIAMENTO FONDO MICROCREDITO FSE Per tutta la Sardegna scadenza: 30.10.2014 Caratteristiche generali: La Regione Sardegna, con Deliberazione di Giunta Regionale n. 53/61 del 4.12.2009, ha previsto

Dettagli

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.)

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) LE FORME GIURIDICHE Per Forma giuridica si intende la tipologia giuridica del soggetto cui farà capo l attività e le norme ad essa conseguenti. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) Il Codice

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 12/E Roma, 09 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,

Dettagli

Prof. Bruno Pirozzi. Anno accademico 2004-2005. Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti

Prof. Bruno Pirozzi. Anno accademico 2004-2005. Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti Prof. Bruno Pirozzi Anno accademico 2004-2005 Materiale ad uso esclusivamente didattico e con circolazione limitata agli studenti PROGRAMMA Ore 60 MODULO 1 1-l azienda e il suo insieme :struttura e risorse

Dettagli

I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth

I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth I Business Angels e lo sviluppo delle PMI: il caso Abruzzo For Growth Le problematiche dei canali tradizionali: il finanziamento bancario Gli intermediari finanziari banche ordinarie, merchant bank sono

Dettagli

Avviso n. 7 PIANO REGIONALE GARANZIA GIOVANI. Misura 7.1 - SOSTEGNO ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITA

Avviso n. 7 PIANO REGIONALE GARANZIA GIOVANI. Misura 7.1 - SOSTEGNO ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITA Avviso n. 7 PIANO REGIONALE GARANZIA GIOVANI Misura 7.1 - SOSTEGNO ALL AUTOIMPIEGO E ALL AUTOIMPRENDITORIALITA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA PREDISPOSIZIONE DI PERCORSI FORMATIVO/CONSULENZIALI E DI

Dettagli

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020

I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea I programmi di cooperazione transnazionale e interregionale 2014-2020 Tiziana Dell Olmo, Regione Piemonte PROGRAMMAZIONE 2014-2020 IN PIEMONTE Programmi regionali

Dettagli

INDAGINE DI MERCATO. L iniziativa è finalizzata al reperimento di proposte progettuali innovative nei seguenti ambiti:

INDAGINE DI MERCATO. L iniziativa è finalizzata al reperimento di proposte progettuali innovative nei seguenti ambiti: INDAGINE DI MERCATO PER IL REPERIMENTO DI PROPOSTE PROGETTUALI FINALIZZATE ALLA PROMOZIONE, ALLO SVILUPPO ED ALLA DIFFUSIONE DEL MICROCREDITO E DELLA MICROFINAZA NEL TERZO SETTORE Art. 1 - Quadro normativo

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto. Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi

L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto. Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi Indice Premessa chi siamo Gli incubatori d impresa modalità di accesso Il Centro sperimentale

Dettagli

La Rete d Impresa, agevolazioni pubbliche, finanziamento e rating

La Rete d Impresa, agevolazioni pubbliche, finanziamento e rating La Rete d Impresa, agevolazioni pubbliche, finanziamento e rating Carrara, 4 novembre 2011 Prima Rete d Imprese toscana di management consulting Una delle prime Reti d Impresa in Italia Iscritta Fatturato

Dettagli

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013

Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 Expoedilizia - Roma 21 marzo 2013 La Piattaforma europea dedicata ai professionisti dell edilizia sostenibile Iscriviti ed entra a far parte del nostro network www.construction21.eu Unioncamere del Veneto

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020

OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020 POAT PROGETTO OPERATIVO DI ASSISTENZA TECNICA ALLE REGIONI DELL OBIETTIVO CONVERGENZA OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO 2014-2020 Castellammare del Golfo, 05 giugno 2015 COSME COSME è il Programma per la competitività

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE POLITICA INDUSTRIALE E COMPETITIVITA

Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE POLITICA INDUSTRIALE E COMPETITIVITA SPORTELLI INFORMATIVI TERRITORIALI REACH PROTOCOLLO D INTESA TRA Il Ministero dello Sviluppo Economico, di seguito denominato Ministero, con sede in Roma Via Molise 2 codice fiscale n. 80230390587, La

Dettagli

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio

I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio I FINANZIAMENTI PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI (Donatella Busso, Giorgio Diquattro) 10 gennaio 2006 Il quarto seminario del ciclo Mettersi in proprio un impresa possibile!, svolto nell ambito di Start

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive IL MINISTRO Visto il decreto del Ministro dell industria, del commercio e dell artigianato 18 settembre 1997 relativo all adeguamento alla disciplina comunitaria dei

Dettagli