Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali"

Transcript

1 Il linguaggio per la moderna progettazione dei processi aziendali Organizzare un azienda sotto il profilo dei processi è oramai diventata una disciplina a cavallo tra la competenza aziendalistica ed informatica. Il metodo non può quindi prescindere dal formalismo definito in un preciso persorso che va dall analisi del business alla produzione del software, secondo un approccio congiunto ed unico. di Marco Serpilli Presidente e Amministratore Delegato di Visionest S.p.A. > introduzione Il sistema informativo aziendale è il combustibile che fa funzionare le organizzazioni moderne, che consente il governo delle attività e che permette alle società di comunicare efficientemente. Inoltre, sostiene e controlla sia l esecuzione di una serie di processi fondamentali (amministrativi, produzione, commerciali, etc...) sia il flusso delle informazioni, da e verso l esterno dell azienda. Il recente scenario in cui sono implicate le tecnologie dell informazione a supporto dell innovazione organizzativa per processi, evidenzia una divisione di fondo fra gli analisti di business e i produttori di sistemi informativi: i primi stanno convergendo verso metodologie e linguaggi standard; i secondi invece sono frammentati in approcci metodologici e linguaggi di descrizione proprietari vieppiù differenti da produttore e produttore. A causa di tutto ciò, i progetti di organizzazione, in cui sono coinvolte le tecnologie dell informazione, richiedono competenze (e spesso persone) diverse, e la comunicazione con linguaggi differenti può diventare problematica ed onerosa. Si pensi poi ai progetti interni all azienda (magari tra diverse suddivisioni della stessa organizzazione) oppure fra l azienda ed i propri partner. L evoluzione del mercato, che premia adattabilità, versatilità e velocità di cambiamento, spinge per eliminare questi ostacoli comunicativi; diventa sempre più penalizzante dover dedicare tempo, risorse e specialmente professionalità di alto livello, alla mediazione fra chi analizza i processi di business e chi programma gli strumenti informatici. L analisi dei processi aziendali non è più distinta dalla implementazionene dei medesimi nei sistemi software. Tuttavia, le professionalità degli analisti di business e dei programmaroti di integrazione sono ancora disgiunte in persone e domini culturali diversi. Diventa così necessario, per chi si occupa di gestione aziendale, poter utilizzare direttamente il linguaggio a cui è abituato per l analisi e la rappresentazione dei processi, e prescindere dalle peculiarità del sistema informatico in uso oggi o in futuro. In questo modo si ottiene anche grande libertà di scelta dello strumento più adatto alle esigenze presenti dell azienda senza dover sacrificare oggi la possibilità di cambiare strumento domani, in occasione di mutate esigenze o volumi operativi. In questo senso si muovono gli sforzi della Workflow Management Coalition Copyright 2001, 2002_Visionest S.p.A. All Rights Reserved, Pagina 1 di 6

2 (WfMC), organismo internazionale che riunisce le aziende e i consulenti interessati a questi argomenti; Visionest è membro della WfMC e ne condivide la visione. Nell ambito del nostro impegno nelle tecnologie di automazione dei processi aziendali (workflow system) è stata recentemente ultimata, con il coordinamento di Visionest, una tesi di laurea della Facoltà di Ingegneria Informatica Università di Padova per la realizzazione di uno strumento di analisi dei processi aziendali utilizzabile congiuntamente dall analista business e dal progettista software. Tale progetto va in direzione di quello che è lo sforzo di Visionest per unire le competenze in Business strategy con quelle in Information Strategy che a nostro avviso non possono più lavorare disgiuntamente, Il tutto, ovviamente, in una logica di qualità ed eccellenza nella consulenza atta a supportare il percorso di innovazione delle aziende. Questo approccio va sotto il nome di processo unificato. > il nuovo linguaggio Dando per assodata l enorme complessità nel supportare le nuove esigenze di business, la riflessione che viene proposta riguarda la difficoltà intrinseca nella progettazione di sistemi software che aderiscano chiaramente alle necessità delle aziende. La generazione di nuove applicazioni, o l integrazione di applicazioni esistenti, non può pagare lo scotto di partire da una fase di analisi poco chiara e confusa. La progettazione dei sistemi software aziendali è cambiata: essa si è rapidamente spostata dall essere pura innovazione tecnologica a divenire valore aggiunto commerciale. Il software deve essere prodotto velocemente incrementando il valore aziendale piuttosto che quello tecnologico. In questo contesto diventa quindi cruciale, da parte del team di progettazione software, avere una descrizione immediata e dettagliata dei processi di business che permette di prendere decisioni progettuali chiare ed efficienti. Il progettista ha bisogno di una descrizione inequivocabile dei processi, del valore e dei costi associati alle relative attività. Un modello di business ben definito fornisce una descrizione dei processi che ben verrà interpretata secondo le logiche di ingegnerizzazione che devono rimanere indipendenti da quello o all altro linguaggio di programmazione utilizzato. UML Unified Modeling Language ben si adatta a questi requisiti. Oltre ad essere oggi accettato come standard nella moderna progettazione software (orientando la sua applicabilità alla programmazione ad oggetti), ha una notevole facilità d uso ed interpretazione soprattutto in fase di analisi dei processi, permettendo quindi agli esperti di organizzazione aziendale e di progettazione software di comunicare con un unico formalismo di analisi. All Rights Reserved, Pagina 2 di 6

3 Modello dei casi d uso La descrizione del modello di business o Use Case Diagram può essere pensata come composta da due parti principali: il modello dei casi d uso (business use-case model) ed il modello degli oggetti di business (business object model). Entrambi possono essere descritti con l utilizzo di UML. Il modello dei casi d uso descrive il processo. Tale descrizione appare come conseguenza logica di operazioni che attribuiscono un significato alle azioni intraprese da un attore (actor). Esso documenta quindi il flusso (workflow) di un particolare scenario di business. Tour operator Check-in di gruppo Attori Casi d uso Check-in individuale Passeggero Associazione attore caso d uso Il diagramma dei casi d uso in figura è composto dei principali casi d uso check-in individuale e check-in di gruppo e dagli attori passeggero e tour operator. Per comprendere appieno lo scopo di questo caso, bisogna capire come e con chi interagiscono i casi d uso, cosa rappresentano, chi li richiede o chi è interessato ad un eventuale risultato. Le differenti tipologie di utenti sono rappresentate dagli attori; spesso questi rappresentano clienti, fornitori, partner, autorità locali, personale, etc... Ogni caso d uso deve essere dettagliato e documentato in quella parte della documentazione chiamata appunto specifica dei casi d uso. Questa può essere composta da testo e da ulteriori diagrammi UML che servono come supporto alla documentazione generale, in particolare i diagrammi delle attività (activity diagram). I seguenti punti sono quelli più frequentemente riportati nella specifica: nome descrizione obiettivi benefici flusso degli eventi All Rights Reserved, Pagina 3 di 6

4 requisiti / necessità estensioni relazioni diagramma delle attività diagramma dei casi d uso L elemento descrittivo fondamentale per la specifica dei casi d uso è rappresentato dal flusso degli eventi (workflow) in cui viene delineata la struttura del processo. Il fine ultimo è comunque quello di definire (e capire) come ogni attore fornisce valore all intero processo e non come il processo stesso risolve un dato problema, pertanto la descrizione a questo stadio dovrebbe essere comprensibile a colpo d occhio alle persone d azienda che si occupano di quella data attività. La struttura del flusso degli eventi è descritta graficamente come aiuto al diagramma delle attività. Essa fornisce una rappresentazione logica della sua struttura ed ottempera alle specifiche riportate in testo nella specifica dei casi d uso. Le componenti principali di questo diagramma sono: Attività che rappresentano l esecuzione di un unità di lavoro o di un passo del flusso Transizioni che rappresentano il legame tra le attività. Questo tipo di transizione si attribuisce ad una transizione completa. Essa differisce da una normale transizione perchè non è relativa ad un particolare evento; difatti, essa rappresenta solamente il completamento di un attività Decisioni per le quali un gruppo di condizioni di guardia sono definite. La condizioni di guardia seguono le attvità completate. Si possono usare queste icone anche per segnalare dove il processo si unisce ad altri passaggi susseguenti Barra di sincronizzazione che rappresenta eventuali flussi di attività paralleli. Aiuta a descrivere eventuali processi concorrenti I sistemi di workflow come legame dei processi aziendali La ricerca di nuove fonti di profitto e l obsolescenza con cui queste si modificano, fa sì che i requisiti di business di un organizzaione siano difficilmente soddisfatti da un unica applicazione software. Va da sè che ad ogni stadio della catena del valore di un azienda corrisponde una (o una serie) di applicazioni software che devono tra loro comunicare ed agire all unisono. Questa visione tecnologica supporta difatti il concetto (organizzativo) di azienda estesa. Da pochi anni la tecnologia informatica è riuscita a ben supportare tale visione, introducendo, nella già complessa piramide informativa di un azienda, anche uno strato che funge da conduttore di informazioni e segnali che permette alle applicazioni software distribuite di colloquiare e collaborare. Questo strato, definito All Rights Reserved, Pagina 4 di 6

5 in termine tecnico middleware, ha rappresentato per l appunto quel componente architetturale software che ha permesso di proseguire verso modelli organizzativi che permettono l estensione dei processi aziendali dando vita a nuovi modelli organizzativi oggi conosciuti con i nomi business to business o supply chain Verifica prenotazione prenotazione Condizione di guardia Suddivisione delle esecuzione [non corretto] Invia tour operator in aereoporto [corretto] Attività / stato Preferenze Transizione Esecuzione concorrente [con bagagli] [senza bagagli] Sincronizzazione in condivisione Esecuzione alternativa Ricevi bagagli e stampa la ricevuta Stampa la carta d imbarco Sincronizzazione in riunione Riunione dell esecuzione Consegna documentazione di viaggio ai passeggeri All Rights Reserved, Pagina 5 di 6

6 > conclusioni Sono chiari i vantaggi operativi generati dall utilizzo di un approccio di analisi unificato. Da una corretta definizione degli obiettivi si possono trarre vantaggi economici rilevanti: i tempi di comprensione dei problemi sono più ridotti, i tempi per lo sviluppo delle procedure software sono molto veloci data la possibilità di lavorare con prototipi finalizzati, la riutilizzabilità della documentazione è massima, il processo di change management delle procedure e delle applicaizoni software è più efficiente in termini di tempi e modi. Si è sempre portati a pensare che le nuove tecniche di analisi siano applicabili solo in contesti molto strutturati e complessi. L evoluzione dei modelli di business sta però coinvolgendo anche le medie e piccole organizzazioni in cui alle complessità organizzative si associano le nuove tecnologie dell informazione. In questo scenario i nuovi metodi di analisi non devono essere visti con diffidenza ma piuttosto come strumento per capire meglio e con più facilità lo scenario evolutivo dell azienda, portando come primo elemento di innovazione una nuova cultura aziendale da utilizzare al fine di valutare e risolvere i problemi organizzativi anche dopo l intervento del consulente. Marco Serpilli Marco Serpilli è Presidente e A.D. di Visionest. Ha operato campo del network, system e service management per importanti aziende di telecomunicazioni, fondando nel 1995 ISYI, acquisita poi da ISS (NASDAQ: ISSX) nell agosto VISIONEST S.p.A. opera nel campo della consulenza volta al disegno ed all introduzione di metodologie, strumenti e logiche d innovazione. Competenze di Business & Organization Strategy si uniscono a competenze di Information Strategy per studiare e realizzare progetti di innovazione. All Rights Reserved, Pagina 6 di 6

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione

Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Reti e sistemi informativi II Il ruolo delle IT nell organizzazione Prof. Andrea Borghesan & Dr.ssa Francesca Colgato venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: mercoledì dalle 10.00 alle 11.00 Modalità

Dettagli

Introduzione a UML. Iolanda Salinari

Introduzione a UML. Iolanda Salinari Introduzione a UML Iolanda Salinari Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1

UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 1 Object Oriented Analysis - OOA La fase di OOA definisce, secondo un approccio ad oggetti, COSA un prodotto software deve fare (mentre la fase di OOD definisce, sempre secondo un approccio ad oggetti, COME

Dettagli

Business Modeling UML

Business Modeling UML Business Modeling UML versione 16 marzo 2009 Adriano Comai http://www.analisi-disegno.com Obiettivo di questa introduzione fornire alcuni elementi di base sul business modeling UML i temi esposti sono

Dettagli

Groupware e workflow

Groupware e workflow Groupware e workflow Cesare Iacobelli Introduzione Groupware e workflow sono due parole molto usate ultimamente, che, a torto o a ragione, vengono quasi sempre associate. Si moltiplicano i convegni e le

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

UML un linguaggio universale per la modellazione del software. Adriano Comai

UML un linguaggio universale per la modellazione del software. Adriano Comai UML un linguaggio universale per la modellazione del software Adriano Comai 2 Finalmente uno standard per l analisi e disegno OO? L'obiettivo è ambizioso. Lo Unified Modeling Language (UML) vuole essere,

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Modellazione dei dati in UML

Modellazione dei dati in UML Corso di Basi di Dati e Sistemi Informativi Modellazione dei dati in UML Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli Studi di Udine Introduzione UML (Unified Modeling Language):

Dettagli

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Informatica per la Logistica. Lezioni

Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici. Informatica per la Logistica. Lezioni Università di Pisa Polo Sistemi Logistici Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Le grandi e complesse organizzazioni aziendali sono la manifestazione tangibile della tecnologia avanzata, più delle

Dettagli

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems

A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Università degli Studi di Genova Facoltà di Ingegneria DIST - Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica A A Design Tool to Develop Agent-Based Workflow Management Systems Marco Repetto, Massimo

Dettagli

Introduzione ad UML. Perché modelliamo

Introduzione ad UML. Perché modelliamo Introduzione ad UML Pag. 1 Perché modelliamo Un modello è una semplificazione della realtà I modelli ci aiutano a visualizzare un sistema come è o come vorremmo che fosse ci permettono di specificare la

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa

KNOWLEDGE MANAGEMENT. Knowledge Management. Knowledge: : cos è. Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa KNOWLEDGE MANAGEMENT Pasquale Lops Giovanni Semeraro Dispense del corso di Gestione della Conoscenza d Impresa 1/23 Knowledge Management La complessità crescente della società, l esubero di informazioni

Dettagli

[http://www.mokabyte.it/umlbook/index.htm] Gentleware: Poseidon for UML 3.0". [http://www.gentleware.com/] Sparxsystems: Enterprise Architect 6.1".

[http://www.mokabyte.it/umlbook/index.htm] Gentleware: Poseidon for UML 3.0. [http://www.gentleware.com/] Sparxsystems: Enterprise Architect 6.1. La lezione di oggi Vetti Tagliati: Uml e Ingegneria del software: dalla teoria alla pratica". [http://www.mokabyte.it/umlbook/index.htm] Gentleware: Poseidon for UML 3.0". [http://www.gentleware.com/]

Dettagli

AVVISO n. 09/2012: Procedura comparativa per il conferimento di due incarichi di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo junior

AVVISO n. 09/2012: Procedura comparativa per il conferimento di due incarichi di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo junior AVVISO n. 09/2012: Procedura comparativa per il conferimento di due incarichi di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo junior di Analista programmatore per lo sviluppo di software per

Dettagli

UML e (R)UP (an overview)

UML e (R)UP (an overview) Lo sviluppo di sistemi OO UML e (R)UP (an overview) http://www.rational.com http://www.omg.org 1 Riassumento UML E un insieme di notazioni diagrammatiche che, utilizzate congiuntamente, consentono di descrivere/modellare

Dettagli

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1

Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) 1 Il Collaborative Planning, Forecasting and Replenishment (CPFR) è uno approccio di gestione a disposizione delle imprese che ha lo scopo di

Dettagli

Paradigma object-oriented

Paradigma object-oriented Paradigma object-oriented Dati & Comportamento Implementazione trasparente dei servizi Facile mantenimento Omogeneità nella gerarchia dati-funzioni Procedural approach OO approach Data hierarchy Replaced

Dettagli

5. Requisiti del Software II

5. Requisiti del Software II 5. Requisiti del Software II Come scoprire cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 5. Requisiti del Software II 1 / 42 Sommario 1 Generalità

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile

Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Osservatorio Cloud & ICT as a Service Collaborative business application: l evoluzione dei sistemi gestionali Tra cloud, social e mobile Mariano Corso Stefano Mainetti 17 Dicembre 2013 Collaborative Business

Dettagli

Reingegnerizzazione di un Content Management System verso l accessibilità secondo la normativa italiana

Reingegnerizzazione di un Content Management System verso l accessibilità secondo la normativa italiana Università degli Studi di Bologna Sede di Cesena FACOLTÀ À DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze dell Informazione Reingegnerizzazione di un Content Management System verso

Dettagli

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi

Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica. Ingegneria del Software. La fase di Analisi Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La fase di Analisi Giulio Destri Ing. del software: Analisi - 1 Scopo del modulo Definire

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it

Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base. Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Processi di Business e Sistemi di Gestione di Workflow: concetti di base Prof. Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it Introduzione Le aziende devono modificare la loro organizzazione per cogliere le nuove

Dettagli

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni che permetta la compilazione on line con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con

Dettagli

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti Progettazione del Software L3.1 Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw (Basato su materiale didattico

Dettagli

Organizzazione del testo

Organizzazione del testo Questo testo è un introduzione allo standard CORBA (Common Object Request Broker Architecture) e all architettura di riferimento OMA (Object Management Architecture), per lo sviluppo di sistemi software

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Analisi dei Requisiti e Specifica

Analisi dei Requisiti e Specifica Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_2 V2.1 Analisi dei Requisiti e Specifica Tecniche e linguaggi Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile

Dettagli

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi

INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Prof. Paolo Salvaneschi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Paolo Salvaneschi 1 Obiettivi Scopi del corso: - Fornire gli elementi di base della disciplina,

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE

PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE PROGETTAZIONE DEL SOFTWARE EMILIANO CASALICCHIO DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA SEDE DI RIETI HTTP://WWW.CE.UNIROMA2.IT/COURSES/PSW! Cos è UML UNIFIED MODELING LANGUAGE!

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso]

Laurea Specialistica in Informatica Struttura e Configurazione di Sistemi Liberi. [Presentazione del Corso] Presentazione del Corso 1 Premessa Il software libero/open source si è diffuso oltre le comunità di sviluppo, coinvolgendo altri attori che hanno individuato modelli di sviluppo sostenibili che lo rendono

Dettagli

IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE. modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita.

IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE. modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita. IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita ebook 1 SOMMARIO Introduzione Allineare meglio le vendite e il marketing Creare

Dettagli

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche

Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Ingegneria del Software Requisiti e Specifiche Obiettivi. Affrontare i primi passi della produzione del software: la definizione dei requisiti ed il progetto architetturale che porta alla definizione delle

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

Requisiti e Specifica

Requisiti e Specifica Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria gestionale, dell'informazione e della produzione INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_2 V3.2 Requisiti e Specifica Tecniche e linguaggi Il contenuto

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture

SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA. Service Oriented Architecture SOA è solo tecnologia? Consigli utili su come approcciare un progetto SOA Service Oriented Architecture Ormai tutti, nel mondo dell IT, conoscono i principi di SOA e i benefici che si possono ottenere

Dettagli

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere.

I casi d uso corrispondono ai compiti che l attore (che può essere una persona fisica e non) può svolgere. UML e i Casi d USO I casi d uso specificano una sequenza di azioni che producono un risultato visibile agli attori del sistema. Essi nascono per fornire descrizioni delle capacità del sistema. I casi d

Dettagli

Modello Workflow - WIDE

Modello Workflow - WIDE Modello Workflow - WIDE Prof.ssa Gentile a.a. 2011-2012 Modello Wide Workflow on an Intelligent and Distributed database Environment Descrive processi come insiemi di attività tra loro collegate da vincoli

Dettagli

WorkFlow Management Systems

WorkFlow Management Systems WorkFlow Management Systems Cosa è un? Automazione di un processo aziendale (business process) con: documenti, informazioni e compiti partecipanti insieme predefinito di regole obiettivo comune 2 Esempi

Dettagli

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello

Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Architettura del software: dai Casi d Uso al Modello Lorenzo Barbieri Sono un Senior Trainer/Consultant in ObjectWay SpA (www.objectway.it), specializzato in architetture Microsoft.NET, Windows, SQL Server,

Dettagli

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione

Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Le ICT a supporto dei processi di fornitura e collaborazione Docente di Gestione dei Processi e dei Progetti La Sapienza Università di Roma Agenda Perché le ICT a supporto dei processi di gestione della

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana

Indice. Prefazione all edizione italiana Indice Prefazione all edizione italiana XV Capitolo 1 Il software e l ingegneria del software 1 1.1 L evoluzione del ruolo del software 3 1.2 Il software 5 1.3 La natura mutevole del software 8 1.4 Il

Dettagli

Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS

Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS Un modello collaborativo per la supply chain: il caso FLOS Paolo Paganelli, Product Manager Gruppo Formula e-mail: paolo.paganelli@formula.it Valentino Pluda, Direttore Produzione/Logistica, FLOS spa e-mail:

Dettagli

L utilizzo dei sistemi informativi avanzati come. strumento innovativo nelle attività dell ingegneria di

L utilizzo dei sistemi informativi avanzati come. strumento innovativo nelle attività dell ingegneria di L utilizzo dei sistemi informativi avanzati come strumento innovativo nelle attività dell ingegneria di manutenzione Autori: C. Bianco L. Bordoni ATM S.p.A. Divisione metropolitana Parlare di trasporto

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Modellazione di processi

Modellazione di processi Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 910 ottobre 2014 La modellazione è un mestiere e a volte è un arte. William C. Burkett 1 -Fonti [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology,

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Progettazione del Software A.A.2008/09

Progettazione del Software A.A.2008/09 Laurea in Ing. Informatica ed Ing. dell Informazione Sede di latina Progettazione del Software A.A.2008/09 Domenico Lembo* Dipartimento di Informatica e Sistemistica A. Ruberti SAPIENZA Università di Roma

Dettagli

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED. Lorenzo Saladini

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED. Lorenzo Saladini ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED Lorenzo Saladini 1. Introduzione In questo capitolo vengono presentati alcuni degli elementi necessari al corretto sviluppo di sistemi informatici secondo una metodologia

Dettagli

UML - Unified Modeling Language

UML - Unified Modeling Language UML E CASI D USO UML - Unified Modeling Language Linguaggio stardardizzato per identificare e modellizzare le specifiche di un S.I. Coerente con il paradigma della programmazione ad oggetti Definito a

Dettagli

9. Architetture di Dominio

9. Architetture di Dominio 9. Architetture di Dominio imparare dall esperienza comune Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 9. Architetture di Dominio 1 / 20 Sommario 1 Architetture

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

EVOLUZIONE Il Marketing Integrato

EVOLUZIONE Il Marketing Integrato EVOLUZIONE Il Marketing Integrato IL NUOVO CHE AVANZA Tutto si trasforma. Anche il mercato. Industria, distribuzione, consumi: gli attori sono sempre gli stessi ma evolvono i rapporti di forza, i ruoli,

Dettagli

La specifica del problema

La specifica del problema 2.9 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: esame del problema Iniziamo ora a esaminare il nostro caso di studio di progettazione e implementazione orientate agli oggetti. Le sezioni Pensare a

Dettagli

Object Oriented Programming

Object Oriented Programming OOP Object Oriented Programming Programmazione orientata agli oggetti La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) è un paradigma di programmazione Permette di raggruppare in

Dettagli

Activity Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

Activity Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Activity Diagrams Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Agenda Cosa è un Activity Diagram Quando si

Dettagli

Ciclo di vita del progetto

Ciclo di vita del progetto IT Project Management Lezione 2 Ciclo di vita del progetto Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Ciclo di vita del progetto Il ciclo di vita del progetto definisce le fasi che collegano l inizio e la fine del

Dettagli

Case history. Nome dell Azienda: Perfume Holding. Sede Principale: Italia, Roncopascolo (PR) Settore: Cosmesi. Prodotti: Profumi

Case history. Nome dell Azienda: Perfume Holding. Sede Principale: Italia, Roncopascolo (PR) Settore: Cosmesi. Prodotti: Profumi Case history Nome dell Azienda: Perfume Holding Sede Principale: Italia, Roncopascolo (PR) Settore: Cosmesi Prodotti: Profumi Dipendenti: 200 (2013) Fatturato Annuo (2012): 135,00 milioni Sito Web: www.perfumeholding.com

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

In legenda sono riportate le fasi R, P, C/T e I/SA come specificato nella norma ISO/IEC 12207.

In legenda sono riportate le fasi R, P, C/T e I/SA come specificato nella norma ISO/IEC 12207. Durante le attività di sviluppo del software applicativo è spesso utilizzato un ciclo di vita incrementale il cui schema di processo è sintetizzato nella figura seguente. In legenda sono riportate le fasi

Dettagli

[Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione

[Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa T 1 ottobre 2008 1 -Fonti [Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione [Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo

Dettagli

YAWL Workflow Management System

YAWL Workflow Management System YAWL Workflow Management System Gabriele Pozzani Barbara Oliboni Sistemi informativi aziendali Laurea magistrale in Ingegneria e scienze informatiche http://www.yawlfoundation.org/ Materiale prodotto da:

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 09/2013 - Procedura comparativa per il conferimento di due incarichi di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo di Specialista nella progettazione, sviluppo e integrazione di

Dettagli

Le tecnologie per le imprese

Le tecnologie per le imprese Le tecnologie per le imprese Obiettivi della lezione L evoluzione delle tecnologie dell informazione e della comunicazione Le tre funzioni dell ICT Direttrici e problematiche delle tecnologie disponibili

Dettagli

ARTICOLO 59 NOVEMBRE/DICEMBRE 2012 L ANALISI DEI PROCESSI PER MIGLIORARE LE PERFORMANCE AZIENDALI 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 59 NOVEMBRE/DICEMBRE 2012 L ANALISI DEI PROCESSI PER MIGLIORARE LE PERFORMANCE AZIENDALI 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 59 NOVEMBRE/DICEMBRE 2012 L ANALISI DEI PROCESSI PER MIGLIORARE LE PERFORMANCE AZIENDALI 1 Dall inizio del manifestarsi della crisi nel 2008 lo scenario economico è profondamente

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

02CIXPG Sistemi informativi aziendali

02CIXPG Sistemi informativi aziendali 02CIXPG Sistemi informativi aziendali Introduzione al Corso 1 http://bit.ly/sistinfo http://elite.polito.it/ teaching-mainmenu-69/ laurea-specialistica-mainmenu-83/117-02cix Fulvio Corno Dipartimento di

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1

Introduzione. Il software e l ingegneria del software. Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Introduzione Il software e l ingegneria del software Marina Mongiello Ingegneria del software 1 Sommario Il software L ingegneria del software Fasi del ciclo di vita del software Pianificazione di sistema

Dettagli

Appendice 2 Piano di business preliminare

Appendice 2 Piano di business preliminare Appendice 2 Piano di business preliminare Sistema di valutazione di business idea e/o start-up innovative Piano di business preliminare DOCUMENTO DA RIEMPIRE A CURA DEL PROPONENTE Indice 1 Analisi tecnica

Dettagli

PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT

PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT Una breve introduzione al mondo del PLM Business Development Management S.r.l. con il contributo del DIGEP del Politecnico di Torino Il PLM nasce come metodologia di gestione

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali

Università degli studi dell Aquila. Sistemi informativi aziendali Università degli studi dell Aquila Sistemi informativi aziendali 6 C.F.U. 9 C.F.U. Ing. Gaetanino Paolone (gaetanino.paolone@univaq.it) Prof. Dr. Luciano Fratocchi (luciano.fratocchi@univaq.it) Contenuti

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML

Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Progettazione orientata agli oggetti Introduzione a UML Claudia Raibulet raibulet@disco.unimib.it Il processo di sviluppo software Rappresenta un insieme di attività per la specifica, progettazione, implementazione,

Dettagli

Sequence Diagram e Collaboration Diagram

Sequence Diagram e Collaboration Diagram Sequence Diagram e Collaboration Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Sommario Interaction

Dettagli

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED UNIFIED MODELLING LANGUAGE (UML)

ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED UNIFIED MODELLING LANGUAGE (UML) ANALISI E PROGETTAZIONE OBJECT ORIENTED UNIFIED MODELLING LANGUAGE (UML) a cura di Giacomo PISCITELLI Dipartimento di Elettrotecnica ed Elettronica Politecnico di Bari Questi appunti sono ricavati da una

Dettagli

5. Requisiti del Software II

5. Requisiti del Software II 5. Requisiti del Software II Come scoprire cosa? Andrea Polini Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Ingegneria del Software) 5. Requisiti del Software II 1 / 22 Sommario 1 Generalità

Dettagli

Obiettivo della lezione. Casi d uso. Casi d uso (use cases) Scenari d interazione

Obiettivo della lezione. Casi d uso. Casi d uso (use cases) Scenari d interazione Obiettivo della lezione Casi d uso La modellazione dei requisiti funzionali I casi d uso Gli attori Gli scenari Come scrivere casi d uso Casi d uso (use cases) Scenari d interazione Proposti da Ivar Jacobson

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Capitolo 5. Network. Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac

Capitolo 5. Network. Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac Capitolo 5 * Network Analisi di un sistema aeroportuale: il caso Gesac SOMMARIO: Introduzione. 2. Tema. Le relazioni inter-organizzative di un network aeroportuale. 2.1. Il caso Gesac. 3. Conclusioni.

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram Requisiti e casi d uso Unified Modeling Language Use Case Diagram 1 Il primo passo di qualsiasi processo di sviluppo è la definizione dei requisiti Definizione del Business Model Solitamente informale

Dettagli