Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Aula multimediale Per alcune attività è necessaria la connessione Internet

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Aula multimediale Per alcune attività è necessaria la connessione Internet"

Transcript

1 76 lezioni digitali algebra - unità 3 tempi In aula: circa 10 ore luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Aula multimediale Per alcune attività è necessaria la connessione Internet Contenuti digitali Idee per motivare Giochi matematici Videotutorial Risolvere un equazione di primo grado pag. 162 Apprendiscienza Semplici equazioni di primo grado Correzione Soluzioni delle Prime competenze pag. 142 Test interattivi Verifica cosa hai imparato con i test interattivi pag. 193 Verifiche Prova di verifica A-B in formato Word modificabile a seconda delle esigenze della classe pag. 193 StRumenti inclusivi Audio Text to Speech (per l intero MEbook) Percorsi Facilitati 3 pagg Quesiti Percorsi Facilitati 3 es. 1,2 pag. 43 Percorsi Facilitati 3 es. 2,3 pag. 45 Percorsi di recupero Esercizi n 1, 2, 4, 7 pagg Verifiche Prova di verifica C in formato Word modificabile a seconda delle esigenze pag. 193 Competenze digitali del docente Saper usare PC e videoproiettore, eventualmente LIM e programmi di didattica interattiva (SMART Notebook, Mimio Studio, ActivInspire, Workspace, ecc.) Saper usare programmi di geometria dinamica (GeoGebra, Cabri, Déclic, Dr. Geo, ecc.) Saper usare programmi di videoscrittura e foglio di calcolo (Word, Writer, Excel, Calc, ecc.) Saper usare Internet Saper usare l applicazione MEbook Vedi UNESCO ICT Competency Framework for Teachers

2 lezioni digitali 77 ConoSCenze abilità Le identità e le equazioni I principi di equivalenza e le loro conseguenze La risoluzione, discussione e verifica di un equazione di primo grado a una incognita Introduzioni alle equazioni di primo grado Saper distinguere un identità da un equazione Saper risolvere, discutere e verificare equazioni di primo grado a una incognita Saper tradurre un problema in un equazione e risolverla Competenze disciplinari Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine del primo ciclo Competenze Chiave Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio (2006/962/CE) Utilizzare in modo corretto le tecniche e le procedure di calcolo algebrico per operare in modo sicuro in contesti reali Rafforzare un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative di Problem Solving Interpretare la realtà confrontando grandezze, dati e procedimenti di soluzione Individuare le criticità selezionando gli algoritmi più strategici allo scopo di pervenire ai possibili risultati; verificare l intero percorso Comunicazione in italiano Comunicazione nelle lingue straniere Competenze nella matematica, nelle scienze e nella tecnologia Competenza digitale Imparare a imparare Competenze sociali e civiche Senso di iniziativa Consapevolezza ed espressione culturale Usare il libro di testo digitale, con i suoi contenuti, video, audio, esercizi e strumenti integrativi Competenze digitali dello Studente Vedi European e-competence Framework 3.0

3 78 lezioni digitali lezione 1 le identità 2 h in ClaSSe lavoro di gruppo in ClaSSe Si propone alla classe l attività Giochi matematici: il file in formato.pdf è presente nel folder Idee per motivare tra i contenuti multimediali del libro digitale; oppure cliccare sull apposita icona a pag.71 (FIG. 1). Con opportune modifiche il gioco, inserito nell Unità 2 sul calcolo letterale, si presta molto bene anche a introdurre identità ed equazioni. Lo svolgimento può essere condotto individualmente, come viene proposto dalla scheda, ma anche a gruppi. Suddividere la classe in gruppi e chiedere ai ragazzi di scrivere sul quaderno la loro età; quindi scrivere alla lavagna, oppure video proiettare, la sequenza di operazioni (indicata nella scheda) che ogni studente dovrà effettuare. Lasciare il tempo necessario affinché tutti possano eseguire le operazioni richieste senza errori e formulare domande del tipo: Quale risultato avete ottenuto? E se provate con l età del papà, della mamma o dei nonni? Secondo voi come è stato possibile creare questa sequenza magica di operazioni che funziona con qualsiasi età?. Chiedere di costruire il testo dell espressione, che rispetti la priorità di esecuzione stabilita dalla sequenza scritta alla lavagna, riferita all età desiderata. Si formulano i quesiti: Se confrontate le vostre espressioni, sono uguali? Se procedete con la risoluzione, notate qualcosa in comune? Guidare gli studenti all uso delle lettere per esprimere la validità generale dell espressione aritmetica, ponendo domande del tipo: Dato che l espressione funziona con l età di tutti, come potrei generalizzarne la validità? Quale termine dell espressione potrei sostituire con una lettera?. Concordare con i gruppi di sostituire l età variabile con la lettera x; scrivere alla lavagna o video proiettare l espressione letterale per confermare la correttezza delle risposte. FIG. 1 Cliccare sull icona indicata dalla freccia a pag. 71 del MEbook, per aprire il fle.pdf relativo all attività Giochi matematici. Chiedere di risolvere l espressione letterale fino al passaggio finale (FIG. 2). Stimolare l osservazione dell ultimo passaggio prima di calcolare il risultato: Cosa abbiamo ottenuto? Questo monomio può essere semplificato? Quale proprietà della divisione devo utilizzare? Qual è il risultato? Quindi l espressione è stata creata appositamente per restituire quale risultato? FIG. 2 Passaggi risolutivi dell espressione letterale.

4 Successivamente chiedere di scrivere il risultato (x) dopo il segno di uguaglianza del testo dell espressione (FIG. 3) e guidare gli studenti al concetto di identità: Cosa osservate ora? Quante espressioni osservate? Che risultato restituiscono? L uguaglianza è valida per quali valori della lettera x?. Sottolineare che in matematica l uguaglianza ottenuta è denominata identità. Invitare i ragazzi a sostituire alla x alcuni valori per verificare l uguaglianza. Chiedere di inventare un altra identità partendo da quella appena scritta (FIG. 3): Siete in grado di inventare un gioco matematico che restituisca un risultato pari al doppio della vostra età? Quale espressione letterale dovrei scrivere alla destra dell uguale? L espressione letterale di sinistra può FIG. 3 Guidare i ragazzi a passare dall espressione letterale all uguaglianza di rimanere invariata? Come devo modificarla?. espressioni letterali. Attendere che i vari gruppi formulino una soluzione, scriverla alla lavagna e discuterne con la classe la validità: Come posso verificare che l espressione di sinistra sia stata ritoccata opportunamente?. Invitare i ragazzi a provare con alcuni valori se le due espressioni restituiscono risultati uguali. lezioni digitali 79 A questo punto può essere utile chiedere ai ragazzi di terminare l attività cercando di inventare una nuova identità, anche molto semplice. A lavoro concluso ogni gruppo consegnerà il proprio gioco matematico al gruppo vicino che ne controllerà l efficacia. Se il tempo lo consente possono essere effettuati più turni di gioco: si attribuiranno due punti al gruppo che avrà realizzato un gioco matematico funzionante e un punto al gruppo che scoprirà errori nel gioco dei gruppi avversari. StRumenti inclusivi Il lavoro di gruppo è uno strumento di didattica inclusiva. lezione 2 1 h in ClaSSe lezione partecipata in ClaSSe Riprendere l attività Giochi matematici e chiedere ai ragazzi di scrivere sul quaderno nuovamente la prima identità (FIG. 3). Formulare le seguenti domande: Ricordate il nome dell uguaglianza che avete scritto? Otteniamo ancora un identità, se si moltiplica per 2 solo l espressione di destra?. È possibile che qualche risposta troppo precipitosa sia: Sì l abbiamo già constatato, con la costruzione del gioco matematico che restituisce il doppio dell età. Si sottolinea che, in questo caso, non viene richiesto di modificare opportunamente anche l espressione di sinistra. Si invitano gli studenti a provare l uguaglianza con alcuni valori di x. Dopo alcuni tentativi è possibile che alcuni alunni esordiscano con affermazioni del tipo: Non è un identità perché l espressione di sinistra restituisce sempre un risultato diverso da quello dell espressione di destra; l uguaglianza non è mai verificata!. Il docente può invitare i ragazzi a sostituire il valore zero alla x (soluzione dell equazione) e quindi formulerà le domande: Questo valore della x verifica l uguaglianza? Esiste quindi un valore per cui l uguaglianza è vera?. Confermare che l uguaglianza oggetto di studio non è un identità, perché non tutti i valori della x la verificano: introdurre la definizione di equazione.

5 80 lezioni digitali Video proiettare pag. 136 della versione multimediale del libro di testo; leggere insieme ai ragazzi il paragrafo 1 Le identità e le equazioni, soffermandosi sulle definizioni di identità ed equazione e formulare la domanda: Qual è la differenza tra identità ed equazione, anche alla luce dell attività svolta?. FIG. 4 Utilizzare il doppio clic per ingrandire lo schema a pag. 136 del MEbook. Focalizzare l attenzione sullo schema a pag. 136 (FIG. 4) e formulare le domande: Come viene chiamata l espressione alla sinistra del segno di uguale? E l espressione alla destra? Secondo voi perché vengono definiti termini noti i numeri 6 ed 1? Perché la lettera x è denominata incognita?. Proseguire con la lettura di pag. 137 fino al primo esempio e invitare gli studenti a leggere la prima equazione: Sapreste spiegare perché l equazione viene indicata dal testo come di primo grado? Perché ad una sola incognita?. Con le stesse modalità, operare con la seconda equazione dell esempio (FIG. 5). Terminare la lettura di pag. 137, focalizzando l attenzione sul concetto di equazioni equivalenti (la scheda Anticipiamo: l equazione della retta può essere affrontata in seguito). StRumenti inclusivi Se necessario, gli studenti con Bisogni Educativi Speciali e con Disturbi Specifici dell Apprendimento possono ascoltare i file audio a pag. 40 del tomo Percorsi facilitati 3. Questa risorsa può essere utilizzata anche per finalità riferite all intera classe. In alternativa chiedere di risolvere il quesito 1 della scheda Percorsi di recupero a pag FIG. 5 Utilizzare il doppio clic per ingrandire gli esempi di equazioni a pag. 137 del MEbook. lezione 3 i principi di equivalenza del 2 h in ClaSSe lavoro di gruppo e lezione partecipata in ClaSSe Proporre alla classe, opportunamente suddivisa in gruppi, la risoluzione del quesito 48 a pag L esercizio chiede di trovare la soluzione di un equazione di primo grado ad una incognita per prove ed errori. Chiedere agli studenti di completare la tabella relativa all esercizio (FIG. 6). Si confrontano i risultati verificandone la correttezza. Chiedere quindi agli studenti di osservare il testo dell equazione (3x = 12) e formulare la domanda: Potevamo risolvere l equazione con un altra strategia, traducendo la simbologia con una frase?. Guidare gli studenti a for-

6 lezioni digitali 81 mulare il quesito nel modo seguente: Calcolare il valore di x, sapendo che il triplo di x vale 12. Domandare: E se sostituissimo alla x il termine quaderno, come si potrebbe formulare il problema?. Dovrebbero emergere quesiti del tipo: Quanto costa un quaderno se tre quaderni costano 12 euro?. A questo punto sarà chiaro che per calcolare il costo di un quaderno è sufficiente eseguire una divisione tra il costo totale e il numero di quaderni. Chiedere agli studenti di calcolare il valore di x con questa strategia e formulare la domanda: La metodologia appena utilizzata risulta migliore? Perché?. FIG. 6 Esercizio 48 a pag.157 della Scheda prove ed errori. Proporre quindi di risolvere l esercizio 95 a pag. 161 (FIG. 7 soluzione x = 9) con le stesse modalità dell esercizio precedente: prima si utilizzerà la metodica per tentativi ed errori, riportando sul quaderno una tabella per provare progressivamente i primi 6 o 7 numeri naturali. Dopo alcune prove gli studenti si renderanno conto che in questo caso la metodologia è più articolata, comportando diversi calcoli senza portare ad un risultato positivo. Si guidano gli studenti a comprenderne le motivazioni: Perché la strategia FIG. 7 Esercizio n 95 pag in questo caso non funziona?. Dovrebbe emergere che la complessità dei calcoli rende poco appetibile questo procedimento, che può funzionare per equazioni semplici e per soluzioni che siano numeri piccoli. Qualche studente proporrà di utilizzare la seconda strategia (ax = b x = b/a), ma presto si accorgerà dell impossibilità di applicarla. Invitare gli studenti a riflettere sulle motivazioni: Perché non è possibile utilizzare la seconda metodica? Confrontando l equazione dell esercizio 48 e quella dell esercizio 95, cosa notate?. Portare gli studenti a comprendere l importanza della forma normale ax = b, per poter risolvere agilmente un equazione di primo grado a una incognita. Introdurre i principi di equivalenza delle equazioni formulando le seguenti domande: Se le equazioni fossero tutte del tipo ax = b, come quella dell esercizio 48, sarebbe possibile risolverle in modo più semplice con la strategia vista (x = b/a)?. FIG. 8 Nel MEbook fare doppio clic per ingrandire. Per nascondere parti del testo, usare lo strumento evidenziatore aumentando l intensità del colore. Aprire il MEbook a pag e nascondere le due tabelle, creando tendine separate, con lo strumento evidenziatore alla massima intensità di colore (FIG. 8): questa operazione può essere effettuata in precedenza. Leggere insieme ai ragazzi il paragrafo 2 I principi di equivalenza, fino alla tabella.

7 82 lezioni digitali Scoprire la prima riga della tabella, abbassando la prima tendina a sinistra e leggere insieme ai ragazzi. Quindi formulare le domande: Il primo membro dell equazione cosa diventa? E il secondo?. Abbassare la tendina e visualizzare la seconda riga della tabella in cui viene raffigurata la bilancia dell equazione (fig. 9). Chiedere di verificare che la soluzione in entrambe le equazioni ottenute sia x=7. FIG. 9 Abbassare la tendina con lo strumento evidenziatore. Guidare gli studenti a riconoscere equazioni equivalenti: Le due equazioni sono diverse? Avendo la stessa soluzione come possiamo definirle?. Togliere la tendina di sinistra e confermare quanto emerso dalla discussione. Continuare con la seconda parte della tabella procedendo come sopra. Al termine della discussione porre l attenzione dei ragazzi sul fatto che sottraendo da entrambi i membri il numero 3, l equazione di partenza diventa x = 7 (caso particolare dell equazione in forma normale ax = b) e sarebbe risolta. Riprendere la lettura di pagina 140; soffermarsi sull enunciato del primo principio e delle due importanti conseguenze (legge del trasporto e dell elisione) fino alla tabella del secondo principio di equivalenza (pag. 141). Abbassare la tendina di sinistra, scoprire la prima riga della tabella e leggere insieme ai ragazzi, quindi formulare le domande: Il primo membro dell equazione cosa diventa? E il secondo?. Abbassare la tendina e visualizzare la seconda riga della tabella in cui viene raffigurata la bilancia dell equazione. Chiedere di effettuare la verifica che la soluzione in entrambe le equazioni ottenute è x = 4 (equazioni equivalenti). Togliere la tendina di sinistra e confermare quanto emerso dalla discussione (FIG. 10). FIG. 10 Il primo e secondo principio di equivalenza. Portare a riflettere gli studenti sulle conseguenze di una moltiplicazione per zero di entrambi i membri dell equazione (legge di annullamento del prodotto): Se moltiplicassi per zero entrambi i membri dell equazione cosa otterrei? Perché?. Continuare con la seconda parte della tabella procedendo come sopra. Al termine della discussione porre l attenzione dei ragazzi sul fatto che, dividendo entrambi i membri per il numero 4, avrei risolto l equazione di partenza 4x = 16: L equazione di partenza è scritta in forma normale? Avrei potuto applicare questo principio per risolvere l equazione? Per quale numero avrei dovuto dividere entrambi i membri? Cosa avrei ottenuto?.

8 lezioni digitali 83 Far riflettere gli studenti sulle conseguenze di una divisione per zero di entrambi i membri dell equazione (caso di una divisione con dividendo diverso da zero e divisore pari a zero): Se dividessi entrambi i membri dell equazione per zero cosa otterrei? Perché?. Si può cogliere l occasione per ricordare i casi della divisione: 0:a, 0:0 e a:0 con a 0. Si inviteranno i ragazzi a motivarne il significato, nell ottica della discussione della risoluzione di un equazione di primo grado ad una incognita, scritta nella forma normale ax = b. Continuare la lettura di pag. 141, soffermandosi sull enunciato del secondo principio e delle due importanti conseguenze (legge del cambiamento di segno e riduzione a forma intera). StRumenti inclusivi Il lavoro di gruppo è uno strumento di didattica inclusiva. Se necessario, gli studenti con Bisogni Educativi Speciali e con Disturbi Specifici dell Apprendimento possono ascoltare il file audio a pag. 42. Chiedere la risoluzione degli esercizi 1 e 2 a pag. 43 del tomo Percorsi facilitati 3. Questa risorsa può essere utilizzata anche per finalità riferite all intera classe. In alternativa chiedere di risolvere i quesiti 2 e 4 della scheda Percorsi di recupero a pag lezione 4 prime Competenze 1 h 30 in ClaSSe lavoro di gruppo in ClaSSe Scaricare la risorsa Soluzioni delle Prime competenze, cliccando sull apposita icona a pag. 142 (FIG. 11)) e creare un file dedicato: importare le soluzioni in un file di videoscrittura, utilizzando lo strumento macchina fotografica del programma Adobe Reader oppure del software di didattica multimediale della LIM (in quest ultimo caso è possibile utilizzare lo strumento tendina per nascondere le soluzioni fino al momento desiderato). Suddividere la classe in gruppi e chiedere agli studenti di risolvere l esercizio n 1 pag Stimolare gli alunni a collaborare tra loro per raggiungere l obiettivo. Procedere per passi: quando è stata completata la prima parte del quesito si apre una discussione, interpellando i gruppi uno alla volta. Si formulano le seguenti domande: Quale principio di equivalenza delle equazioni è stato applicato? Perché? Quale ragionamento avete operato?. Si video proietta solo la soluzione della prima parte dell esercizio; si passa quindi alla seconda parte e così via. Chiedere ai ragazzi di risolvere gli esercizi n 2, 3, 4, 6 e 7 a pag : discutere le risposte, le strategie dei gruppi ed infine video proiettare le soluzioni. Per motivare gli alunni è possibile attribuire un punteggio a ogni risposta esatta. StRumenti inclusivi Il lavoro di gruppo è uno strumento di didattica inclusiva. FIG. 11 Cliccare sull apposita icona a pag. 142 per aprire il fle Soluzioni delle Prime competenze.

9 84 lezioni digitali lezione 5 la RiSoluzione di un equazione di primo grado a una incognita 3 h in ClaSSe lezione partecipata e lavoro di gruppo in ClaSSe Proporre alla classe la strategia risolutiva di un equazione di primo grado, attraverso il videotutorial Risolvere un equazione di primo grado. Cliccare sull apposita icona a pag. 162 (FIG. 12) quindi avviare e video proiettare il file senza interruzioni. FIG. 12 Nel MEbook cliccare sull apposita icona a pag. 162 per avviare il videotutorial. Chiedere agli studenti di riportare sul quaderno il testo dell equazione risolta nel video e di procedere, passo dopo passo, con la sua risoluzione. Avviare nuovamente il video tutorial e fermare la video proiezione al testo dell equazione: proporre agli studenti di effettuare il primo passaggio, tenendo presente la sequenza di operazioni indicata nel video. Quando tutti gli studenti hanno effettuato i calcoli del primo passaggio, avviare il filmato per confermare quanto scritto dai ragazzi; se sono stati compiuti errori, si scrivono i passaggi errati alla lavagna e si apre una discussione sulla motivazione dell errore e sulle strategie opportune per evitarli. Proporre alla classe la lezione multimediale interattiva Semplici equazioni di primo grado di Apprendiscienza. Questa attività comprende più schede con brevi filmati, immagini ed esercizi interattivi legati al contesto reale. Suddividere la classe in gruppi e proporre il quesito della scheda 2 (FIG. 13): gli studenti hanno già affrontato problemi di questo tipo durante il primo anno della scuola secondaria di primo grado e hanno imparato ad affrontarli attraverso uno schema grafico. FIG. 13 Quesito relativo alla scheda 2 dell attività Semplici equazioni di primo grado. Chiedere di risolvere sul quaderno il quesito per via grafica. Se necessario, si guidano gli studenti alla corretta rappresentazione grafica dei dati, anche con un file creato con un software di videoscrittura (ad es. Word, FIG. 14): Come posso rappresentare il peso

10 lezioni digitali 85 della pera? E quello della mela?. Quando tutti i gruppi hanno ultimato l esercizio, si discutono le strategie e si verifica il risultato. FIG. 14 Esempio di risoluzione grafca del problema della scheda 2. Invitare gli alunni a risolvere il quesito anche con una equazione, guidandoli con alcune domande a seguire lo schema: Se x è il peso della pera, quale sarà il peso della mela? Come avete indicato il peso della mela durante la risoluzione grafica del quesito? E ora come viene chiesto di indicarlo?. Quando tutti i gruppi hanno scritto l equazione, si chiama alla lavagna multimediale uno studente alla volta per riempire i campi dell esercizio multimediale (in assenza di LIM, saranno gli studenti a guidare l insegnante al corretto riempimento dei campi). Procedere con le stesse modalità per completare i passaggi relativi alla risoluzione dell equazione. Passare all esercizio 2 della medesima scheda: questa volta si richiede direttamente la risoluzione attraverso un equazione. Procedere anche con la scheda 3: avviare l animazione che illustra il procedimento da seguire per risolvere un problema tramite una equazione e visualizzare i passaggi per la sua risoluzione. Se lo si reputa utile è possibile fermare il video ad ogni step, interrogando i ragazzi sull applicazione dei principi o le loro conseguenze. Si chiede quindi ai gruppi di risolvere i quesiti; a risoluzione avvenuta si invita alla LIM uno studente alla volta per effettuare la verifica. Passare alla scheda 4 con le stesse modalità delle precedenti. Passare alla scheda 7 (FIG. 15) e chiedere di risolvere le equazioni proposte dall attività; quando tutti i gruppi avranno terminato, si verifica la correttezza delle soluzioni eseguendo l esercizio multimediale. Se si dispone di alcuni tablet collegati a internet, lo svolgimento FIG. 15 Scheda 7 dell attività Semplici equazioni di primo grado. dell attività a gruppi risulta ancor più coinvolgente. In alternativa è anche possibile proporre uno svolgimento individuale dell attività, in aula multimediale: comunicare ai ragazzi l indirizzo URL della risorsa; far inserire l indirizzo nella barra URL del Browser e avviare la ricerca. Allo stesso modo è possibile proporre lo svolgimento dell attività a casa. Per concludere il percorso è possibile ritornare al libro di testo, video proiettando la tabella di discussione di una equazione ridotta in forma normale (pag. 145). Con lo strumento evidenziatore si nasconde la colonna centrale della tabella e si interrogano di volta in volta gli alunni sulla tipologia di soluzione, in base al valore dei parametri a, e b. Si abbassa la tendina per confermare le risposte (FIG. 16). FIG. 16 Nel MEbook fare doppio clic per ingrandire. Usare lo strumento evidenziatore per nascondere parti del testo.

11 86 lezioni digitali StRumenti inclusivi Il lavoro di gruppo è uno strumento di didattica inclusiva. Se necessario, gli studenti con Bisogni Educativi Speciali e con Disturbi Specifici dell Apprendimento possono ascoltare il file audio a pag. 44. Chiedere la risoluzione degli esercizi 2 (esercizio svolto) e 3 a pag. 45 del tomo Percorsi facilitati 3. Questa risorsa può essere utilizzata anche per finalità riferite all intera classe. In alternativa chiedere di risolvere il quesito 7 della scheda Percorsi di recupero a pag lezione 6 verifica Sommativa 1 h in ClaSSe Somministrare i quesiti, ritenuti idonei al percorso effettuato con la classe, presenti nelle seguenti prove di valutazione intermedia dedicate alle Unità Le equazioni, Equazioni e problemi. Le verifiche sono presenti nella guida per l insegnante; i relativi file editabili sono scaricabili dal MEbook (materiali riservati al docente), oppure dal portale LibropiuWeb (FIG. 17). FIG. 17 Accedere alla propria Home Page di LibropiuWeb; cliccare sulla voce Risorse e quindi sulla voce del libro Ubi Math Matematica per il tuo futuro Algebra + Geometria 3 aprire e/o scaricare le verifche editabili. StRumenti inclusivi Se necessario, gli studenti con Bisogni Educativi Speciali e con Disturbi Specifici dell Apprendimento possono effettuare le prove di verifica a loro dedicate: i file sono scaricabili e possono essere opportunamente riorganizzati. In alternativa alla prova di verifica intermedia è possibile somministrare agli studenti, anche in aula multimediale, il test interattivo (FIG. 18): sarà sufficiente comunicare ai ragazzi l opportuno l indirizzo URL da inserire nella barra URL del Browser e avviare la ricerca. È altresì possibile proporre lo svolgimento dell attività a casa (autovalutazione).

12 lezioni digitali 87 FIG. 18 Cliccare sull apposita icona a pag. 193 del MEbook per accedere al test interattivo. Nel caso gli studenti fossero stati associati a una classe virtuale nel portale LibropiuWeb, il docente potrà inserire un test dedicato all Unità: i ragazzi potranno svolgere la prova in aula multimediale oppure a casa. Il sistema restituirà la prova debitamente corretta e le valutazioni potranno essere importate e gestite nel registro di classe, già automaticamente predisposto in Excel. Infine il docente dispone dello strumento Test generator per creare ex novo prove di verifica personalizzate.

introduzione alla StatiStica

introduzione alla StatiStica 36 lezioni digitali aritmetica 1 - unità 7 introduzione alla StatiStica tempi In aula: circa 9 ore luoghi contenuti digitali Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Aula multimediale Per alcune attività

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h 88 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o A10 LA LUCE Tempi In aula: 9 h A casa: 4 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore 1 PC per lavori individuali Per alcune

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 8 h A casa: 5 h 78 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o B7 L UniVERSO E IL SISteMA SolaRE Tempi In aula: 8 h A casa: 5 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività

Dettagli

Unità di apprendimento 6 la regione russa: la russia

Unità di apprendimento 6 la regione russa: la russia 64 lezioni digitali Unità di apprendimento 6 la regione russa: la russia tempi In aula: 6 ore luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività è necessaria la connessione Internet

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

Unità di apprendimento 8 il giappone

Unità di apprendimento 8 il giappone 84 lezioni digitali Unità di apprendimento 8 il giappone tempi In aula: da 4 a 5 ore luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività è necessaria la connessione Internet contenuti

Dettagli

UnitÀ di apprendimento 4 dante e la divina CoMMedia

UnitÀ di apprendimento 4 dante e la divina CoMMedia 44 lezioni digitali UnitÀ di apprendimento 4 dante e la divina CoMMedia tempi In aula: da 7 a 12 ore luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore Per alcune attività è necessaria la connessione

Dettagli

Unità di apprendimento 10 gli stati Uniti d america

Unità di apprendimento 10 gli stati Uniti d america 104 lezioni digitali Unità di apprendimento 10 gli stati Uniti d america tempi In aula: 8 ore luoghi contenuti digitali risorse didattiche aperte strumenti inclusivi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore

Dettagli

Guida all uso del software e delle schede operative

Guida all uso del software e delle schede operative 4 Guida all uso del software e delle schede operative Avvio e struttura del software Dopo aver installato il software sul pc, viene visualizzata la videata del menu principale con le icone di accesso alle

Dettagli

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Presentazione dell attività svolta nelle classi delle Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado degli Istituti Comprensivi di Reggio Emilia: Pertini

Dettagli

Voti finali e Scrutini

Voti finali e Scrutini Voti finali e Scrutini Premessa La gestione Scrutini è ora completamente integrata dentro RE. Sono previste diverse funzioni applicative, dall inserimento dei voti proposti alla gestione dello scrutinio

Dettagli

4. Fondamenti per la produttività informatica

4. Fondamenti per la produttività informatica Pagina 36 di 47 4. Fondamenti per la produttività informatica In questo modulo saranno compiuti i primi passi con i software applicativi più diffusi (elaboratore testi, elaboratore presentazioni ed elaboratore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.3 A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.3 A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.3 A.S. 2013/2014 Dati identificati vi Titolo significativo: L area delle figure piane Insegnamenti coinvolti: Matematica (geometria)

Dettagli

Un computer per amico

Un computer per amico UNITA DI APPRENDIMENTO DI INFORMATICA Un computer per amico Quello proposto è un percorso da sviluppare con in bambini di classe SECONDA nel laboratorio di informatica. Alcune delle attività possono essere

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO Denominazione Conto e confronto Prodotti Tavola pitagorica ad immagini Competenze mirate Comuni/cittadinanza Competenze Chiave Europee La competenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Competenza matematicoscientifica COMPETENZE

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Presentazione lezioni digitali UBi MatH MateMatica Per il tuo futuro

Presentazione lezioni digitali UBi MatH MateMatica Per il tuo futuro Presentazione lezioni digitali UBi MatH MateMatica Per il tuo futuro Le TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) permeano ormai tutti i campi dell attività economica e della vita sociale

Dettagli

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone

A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone A cura dell insegnante Elena Serventi Funzione strumentale TIC (Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione) del circolo didattico di Pavone Canavese Febbraio 2011 Cos'è una LIM? LIM è l'acronimo

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Campo/ area/ materia Periodo di riferimento Nucleo tematico??? Macroindicato re??? Traguardo di competenza Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Scuola primaria: classe 1^ NUMERI L alunno

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

Relazione per l adozione del testo L AVVENTURA DEL LETTORE versione compatta con espansioni multimediali di S. Beccaria - I. Bosio - E.

Relazione per l adozione del testo L AVVENTURA DEL LETTORE versione compatta con espansioni multimediali di S. Beccaria - I. Bosio - E. Scuola Anno scolastico Sezioni Relazione per l adozione del testo L AVVENTURA DEL LETTORE versione compatta con espansioni multimediali di S. Beccaria - I. Bosio - E. Schiapparelli Edizioni il capitello,

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica di Valentina Gabusi DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica - Valentina Gabusi

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

La pista del mio studio Riflettiamo sulla pista. Guida per l insegnante

La pista del mio studio Riflettiamo sulla pista. Guida per l insegnante Riflettiamo sulla pista Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di specificazione - possiede capacità progettuale - è in grado di organizzare il proprio tempo e di costruire piani per

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi

Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi Guida alla somministrazione delle prove e alla valutazione dei punteggi Il test di valutazione delle abilità di calcolo e di soluzione di problemi aritmetici (AC-MT nuova edizione) è composto da tre diverse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE

PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE Elaborazione testi Il computer e i file La Tecnologia dell Informazione PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINE INFORMATICA CLASSE 5 a SCUOLA PRIMARIA Competenz e Uso di nuove tecnologie e di linguaggi multimediali

Dettagli

PROGETTAZIONE. Premessa. Caratteristiche dei destinatari

PROGETTAZIONE. Premessa. Caratteristiche dei destinatari Via Matteotti, 86/a - 84036 SALA CONSILINA (SA) Codice di Circolo SAEE12400V - codice fiscale 83002360655 Distretto Scolastico n. 61 Tel. 0975 520 289 / Fax 0975 527 058 e mail saee12400v@istruzione.it

Dettagli

Moodle per docenti. Indice:

Moodle per docenti. Indice: Abc Moodle per docenti Indice: 1. 2. 3. 4. ACCEDERE ALL INTERNO DELLA PIATTAFORMA MOODLE. pag 1 INSERIRE UN FILE (es. Piano di lavoro e Programmi finali)... pag 4 ORGANIZZARE UN CORSO DISCIPLINARE (inserire

Dettagli

Guida rapida per i corsisti

Guida rapida per i corsisti Guida rapida per i corsisti Premessa La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello studente, si presenta come un sito

Dettagli

Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2. A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com

Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2. A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com Moodle 1.5.3+ Breve Guida per il Docente versione 1.2 A cura di Federico Barattini federicobarattini@gmail.com Indice 1.0 Primo accesso in piattaforma...3 1.1 Partecipanti, Login come corsista (per vedere

Dettagli

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti

STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti STUDIUM.UniCT Tutorial per gli studenti Studium.UniCT Tutorial Studenti v. 6 06/03/2014 Pagina 1 Sommario 1. COS È STUDIUM.UniCT... 3 2. COME ACCEDERE A STUDIUM.UniCT... 3 3. COME PERSONALIZZARE IL PROFILO...

Dettagli

Idea progettuale per una I/II classe: Au Restaurant

Idea progettuale per una I/II classe: Au Restaurant Idea progettuale per una I/II classe: Il Contesto e l idea progettuale: Per migliorare l apprendimento di classe prima/seconda e facilitare l approccio con una nuova disciplina, quale il francese, ho pensato

Dettagli

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding»

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding» Il codingnella nella didattica metacognitiva Cos è il coding? Per coding si intende la stesura di un programma, cioè di una sequenza di istruzioni che eseguite da un calcolatore danno vita alla maggior

Dettagli

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA CAMPO DI ESPERIENZA: LA CONOSCENZA DEL MONDO (ordine, misura, spazio, tempo, natura) È l'ambito relativo all'esplorazione, scoperta e prima sistematizzazione delle conoscenze

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORISOLE Scuole Primarie PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima Matematica Anno Scolastico 2015/ 2016 COMPETENZE : A -NUMERO Comprende il significato dei numeri, i modi per

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA PROGETTAZIONE ANNUALE DI MATEMATICA - Cl.3^ COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA CLASSI 1^-2^-3^-4^-5^ 1-L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. 2-Riconosce

Dettagli

OTTICA, OTTICA APPLICATA

OTTICA, OTTICA APPLICATA OTTICA, OTTICA APPLICATA PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 INSEGNANTE: DACCA ADRIANA BENEDUCE LUCIA CLASSE: IIIB Ott SETTORE: Servizi INDIRIZZO: Servizi Socio Sanitari articolazione Ottici

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI INFANZIA I bambini esplorano continuamente la realtà e imparano a riflettere sulle proprie esperienze descrivendole, rappresentandole, riorganizzandole con diversi criteri. Pongono così le basi per la

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A

CL@SSI 2.0. I l G u e r c i n o. I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A CL@SSI 2.0 I S T I T U T O C O M P R E N S I V O N. 9 B O L O G N A S c u o l a s e c o n d a r i a d i I g r a d o I l G u e r c i n o a. s. 2009-2 0 1 0 I l P r o g e t t o d i C l a s s e 1A F e b b

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE. GUIDA quarta parte. www.veronellazimella.it. a cura di Maddalena Dal Degan FEBBRAIO APRILE 2011

CORSO DI FORMAZIONE. GUIDA quarta parte. www.veronellazimella.it. a cura di Maddalena Dal Degan FEBBRAIO APRILE 2011 ISTITUTO COMPRENSIVO VERONELLA E ZIMELLA Via Giovanni Pascoli, 219 37040 Santo Stefano di Zimella (VR) 0442 491006 0442 499128 0442 499084 www.veronellazimella.it vric894006@istruzione.it didatticaveronella@interfree.it

Dettagli

PROGETTAZIONE DI UN EAS

PROGETTAZIONE DI UN EAS PROGETTAZIONE DI UN EAS Nome docente Camerlenghi Anna, Demartini Claudia, Turco Maria Cristina Titolo dell'eas P.E.T. Potrei essere trasformata (?) Storie di bottiglie e non solo Target (classe, età alunni...)

Dettagli

Procedura di installazione di MiaLIM

Procedura di installazione di MiaLIM MiaLIM è la nuovissima generazione di prodotti per la lavagna interattiva multimediale. MiaLIM è la versione digitale, sfogliabile e personalizzabile del libro di testo utilizzato in classe. MiaLIM permette

Dettagli

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria MATEMATICA CLASSE I Indicatori Competenze Contenuti e processi NUMERI Contare oggetti o eventi con la voce in senso progressivo e regressivo Riconoscere e utilizzare

Dettagli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli

Lezione con la LIM. Stefania Pinnelli unisalento. Stefania Pinnelli Lezione con la LIM. unisalento Perché piace agli insegnanti - rinnova la lezione frontale consente salvataggio di attività didattiche e il recupero rapido - facilita la spiegazione di processi, la descrizione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ATTIVITÀ DI SPERIMENTAZIONE IN CLASSE PREVISTA NELL AMBITO DEL PROGETTO M2014 PROMOSSO DALL ACCADEMIA DEI LINCEI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI I GRADO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Il Centro matematita,

Dettagli

Guida rapida - versione Web e Tablet

Guida rapida - versione Web e Tablet Guida rapida - versione Web e Tablet Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Gestisce interattivamente

Dettagli

ShellExcel. Una domanda contiene i riferimenti (#A, #B, #C) alle celle che contengono i dati numerici del

ShellExcel. Una domanda contiene i riferimenti (#A, #B, #C) alle celle che contengono i dati numerici del Progetto Software to Fit - ShellExcel Pagina 1 Manuale d'uso ShellExcel ShellExcel è una interfaccia per disabili che permette ad un alunno con difficoltà di apprendimento di esercitarsi ripetitivamente

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

Veneto Lavoro via Ca' Marcello 67/b, 30172 Venezia-Mestre tel.: 041/2919311 fax: 041/2919312

Veneto Lavoro via Ca' Marcello 67/b, 30172 Venezia-Mestre tel.: 041/2919311 fax: 041/2919312 Veneto Lavoro via Ca' Marcello 67/b, 30172 Venezia-Mestre tel.: 041/2919311 fax: 041/2919312 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DEL TOOL AROF... 3 2.1 Procedura di installazione

Dettagli

Sempre dritto: l equazione della retta

Sempre dritto: l equazione della retta Sempre dritto: l equazione della retta PLAYLIST 2 Sempre dritto: l equazione della retta PLAYLIST 2 Prerequisiti Conoscere il sistema di coordinate cartesiane. Conoscere le proprietà dei triangoli simili.

Dettagli

Il programma Power Point

Il programma Power Point Il programma Power Point ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Power Point In questo argomento del nostro corso affrontiamo il programma Power Point.

Dettagli

Usa le lezioni per la LIM su ActivInspire

Usa le lezioni per la LIM su ActivInspire Usa le lezioni per la LIM su ActivInspire Guida all installazione del software ActivInspire 2 I menu di ActivInspire 5 La barra degli strumenti/1 6 La barra degli strumenti/2 7 Menu dei browser/1 8 Menu

Dettagli

Metodologia della ricerca, approccio ludico, didattica laboratoriale.

Metodologia della ricerca, approccio ludico, didattica laboratoriale. Prima parte Obiettivi di apprendimento ipotizzati Disci pline Obiettivi di apprendimento MA 1.a 2.a 2.b 3.a 3.b 4.a 6.a 8.a 8.b 8.c 8.b 9 10 11.a 13.a 13.b TE 5.a 6 10.a 13.a Oggetti immagini e scritti

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI

FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI Un libro di filosofia che legge e interpreta la realtà quotidiana FILOSOFIA: AUTORI TESTI TEMI M. Vegetti L. Fonnesu Il futuro è la nostra materia. www.mondadorieducation.it Piano dell opera M. Vegetti

Dettagli

6HQRQVLDYYLDDXWRPDWLFDPHQWHIDUHFOLFVX

6HQRQVLDYYLDDXWRPDWLFDPHQWHIDUHFOLFVX 6HQRQVLDYYLDDXWRPDWLFDPHQWHIDUHFOLFVX LE FUNZIONALITÀ DELLE LAVAGNE INTERATTIVE MULTIMEDIALI (LIM) LIM e nuove tecnologie nella scuola Nell ambito del progetto del Gruppo RCS di predisposizione di strumenti

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P.STRANEO Via P.Sacco 11 Tel. 0131/346280 Fax 0131/ 346315 15100 ALESSANDRIA

ISTITUTO COMPRENSIVO P.STRANEO Via P.Sacco 11 Tel. 0131/346280 Fax 0131/ 346315 15100 ALESSANDRIA ISTITUTO COMPRENSIVO P.STRANEO Via P.Sacco 11 Tel. 0131/346280 Fax 0131/ 346315 15100 ALESSANDRIA Piano di lavoro di Matematica e Scienze Classi III ANNO SCOLASTICO 2014-15 OBIETTIVI EDUCATIVI GENERALI

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali)

CURRICOLO DI MATEMATICA ABILITA. (Come saprà operare e quali conoscenze procedurali) TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE (obiettivi d apprendimento per lo sviluppo delle competenze cosa sarà in grado di fare l alunno) cfr. Indicazioni per il curricolo Riferimento alle competenze europee.

Dettagli

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo

Portale tirocini. Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo Pag. 1 di 41 Portale tirocini Manuale utente Per la gestione del Progetto Formativo INDICE Pag. 2 di 41 1. INTRODUZIONE... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA... 4 3. FUNZIONE BACHECA... 8 4. GESTIONE TIROCINANTI...

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 1 ASCOLTARE Comprendere l argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTI Gabellone, Silvagni,Damiano TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE della CLASSE QUARTA Sviluppa

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto

VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto VADEMECUM PIATTAFORMA DOCEBO Operazioni del Docente Esperto Indice Premessa Accesso alla piattaforma di gestione dei corsi I miei corsi Finestra di inizio lavoro Il menù di selezione Gestione sessioni

Dettagli

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri

Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE. Operare con i numeri COMPETENZA CHIAVE MATEMATICA Fonte di legittimazione Raccomandazione del Parlamento europeo 18/12/2006 CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE L alunno utilizza il calcolo scritto e mentale con i numeri

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Corso di formazione per docenti Nuovi scenari formativi in una scuola inclusiva LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Prof. Maurizio Molendini 1 La lavagna

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO La scuola attiverà il Protocollo previsto per alunni con disturbi specifici di apprendimento ogni qualvolta entrerà in possesso

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITA

PROTOCOLLO CONTINUITA PROTOCOLLO CONTINUITA Premessa La continuità educativa e didattica costituisce un valore fondamentale per la formazione e la crescita dei bambini e dei ragazzi. Essa è richiamata più volte dalla normativa

Dettagli

Manuale utente. Selezione on-line Manuale.docx. Id documento: Versione: versione 2.4

Manuale utente. Selezione on-line Manuale.docx. Id documento: Versione: versione 2.4 Manuale utente Id documento: Selezione on-line Manuale.docx Versione: versione 2.4 Revisioni: Aggiunte le funzioni Copia in e Sposta in nella sezione Curriculum (paragrafo 4.5) Data: 17/01/2014 Pagina

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

MATEMATICA e SCIENZE

MATEMATICA e SCIENZE UNITA DI APPRENDIMENTO 1 e CLASSE: 1 Tempi: settembre /ottobre / novembre Anno Scolastico 2015 / 2016 Il numero e la misura Il metodo scientifico La materia e le sue trasformazioni Conoscenze Ripresa complessiva

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTEGROTTO TERME SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PRIMA DELLA DISCIPLINA: MATEMATICA - CLASSE PRIMA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. Legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici.

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI In queste lezioni impareremo ad usare i fogli di calcolo EXCEL per l elaborazione statistica dei dati, per esempio, di un esperienza di laboratorio. Verrà nel seguito spiegato:

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente)

Manuale d uso per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) per l utilizzo del portale e-logos (Profilo Utente) Indice Introduzione... 3 Requisiti minimi di sistema... 4 Modalità di accesso... 4 Accesso alla Piattaforma... 5 Pannello Utente... 6 Pannello Messaggi...

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI CORTE FRANCA MATEMATICA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L ALUNNO SVILUPPA UN ATTEGGIAMENTO POSITIVO RISPETTO ALLA MATEMATICA,

Dettagli

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2015/2016)

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Patrizia

Dettagli

Il social learning con edmodo

Il social learning con edmodo Il social learning con edmodo gestire ed utilizzare una classe virtuale Cos'è edmodo cos è edmodo È un social network adatto per la creazione di comunità di apprendimento; permette di lavorare e mantenere

Dettagli