INTERAZIONI FARMACOCINETICHE CLINICAMENTE RILEVANTI CON ANTIDEPRESSIVI DI SECONDA GENERAZIONE: UN AGGIORNAMENTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERAZIONI FARMACOCINETICHE CLINICAMENTE RILEVANTI CON ANTIDEPRESSIVI DI SECONDA GENERAZIONE: UN AGGIORNAMENTO"

Transcript

1 INTERAZIONI FARMACOCINETICHE CLINICAMENTE RILEVANTI CON ANTIDEPRESSIVI DI SECONDA GENERAZIONE: UN AGGIORNAMENTO - Introduzione Tra i disturbi psichiatrici, la depressione è classificata come patologia dell umore caratterizzata da una serie di segni e sintomi comportamentali che tendono a ridurre gradatamente il tono dell umore, arrivando a compromettere il corretto funzionamento fisico, psichico e sociale. Oggi sappiamo che la depressione è dovuta ad una combinazione di fattori genetici (predisposizione familiare e fattori biologici tra cui i livelli dei neurotrasmettitori serotonina, noradrenalina e dopamina, ipotesi monoaminica o delle amine biogene per i disturbi dell umore), fattori ambientali e psicologici (stress, traumi); inoltre, ha un ruolo fondamentale l'asse ipotalamoipofisi-surrene che regola la risposta a lungo termine allo stress, inducendo il surrene al rilascio di cortisolo. Elevati livelli di cortisolo provocano insonnia, diminuzione dell'appetito, diabete mellito, osteoporosi, diminuzione dell'interesse sessuale, aumento dell'espressione comportamentale dell'ansia, immunosoppressione, danni a vasi cerebrali e cardiaci (ipotesi della diatesi da stress). La terapia farmacologica per il trattamento della depressione si avvale di psicofarmaci con il potere di normalizzare l'equilibrio alterato dei neurotrasmettitori. A partire dagli anni Cinquanta, si sono usati gli antidepressivi triciclici o TCA (Tricyclic antidepressant) che, bloccando la ricaptazione di serotonina e noradrenalina, hanno mostrato notevole efficacia. Tuttavia questi antidepressivi hanno effetti collaterali, dovuti all'azione anticolinergica, che non sono tollerati: tachicardia, aritmie, secchezza delle fauci, stipsi, ritenzione urinaria, offuscamento della vista. Gli inibitori delle monoamino ossidasi IMAO (monoamine oxidase inhibitors), agiscono come inibitori della monoaminossidasi, enzima che metabolizza serotonina e catecolamine (adrenalina, noradrenalina e dopamina) portando ad un aumento della concentrazione di questi neurotrasmettitori nel sistema nervoso centrale. Essi presentano un'efficacia paragonabile a quella degli antidepressivi triciclici ma inducono eccitamento, insonnia, tremori, allucinazioni, ipotensione, sudorazione ridotta; inoltre, producono effetti tossici per interazione con sostanze contenti elevate dosi di tiramina (formaggi, alcuni vini e birre, fegato, banane, fave, fichi).

2 Gli antidepressivi di seconda generazione, a struttura non triciclica, sono efficaci e meglio tollerati. Si distinguono cinque gruppi: 1. Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) - Citalopram (Elopram, Seropram in Italia) - Escitalopram (Cipralex, Entact in Italia) - Fluoxetina (Fluoxerene, Fluoxetina-generica in Italia; Prozac in Italia) - Fluvoxamina (Dumirox in Italia) - Paroxetina (Daparox, Eutimil, Sereupin in Italia) - Sertralina (Zoloft in Italia) Si possono osservare effetti collaterali come sonnolenza, xerostomia, irritabilità, ansia, diminuzione dell'appetito e diminuzione della pulsione e capacità sessuale. 2. Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina (NSRI o SNRI) - Desvenlafaxina (Pristiq) - Duloxetina (Cymbalta, Xeristar in Italia) - Venlafaxina (Efexor, Zarelis) - Nefazodone 3. Antidepressivi serotoninergici specifici e noradrenergici (NaSSA) - Mianserina (Lantanon in Italia) - Mirtazapina (Remeron, Avanza, Zispin) Questi bloccano i recettori adrenergici presinaptici alfa-2 e allo stesso tempo alcuni recettori della serotonina. Possono presentarsi effetti collaterali come sonnolenza, aumento dell'appetito e di peso. 4. Inibitori selettivi della ricaptazione della noradrenalina (NaRI) - Atomoxetina (Strattera) - Mazindolo (Mazanor, Sanorex) - Reboxetina (Davedax, Edronax)

3 5. NDRI (inibitori della ricaptazione della noradrenalina e della dopamina). - Bupropione (Wellbutrin, Zyban) 6. Agonista della melatonina e antagonista della serotonina, disinibisce la trasmissione noradrenergica e dopaminergica: - Agomelatina. CLASSE TCA IMAO SSRI NaRI SNRI NDRI PRINCIPI ATTIVI Imipramina, amitriptilina, clomipramina, doxepina, dosulepina, trimipramina, nortriptilina Tranilcipromina, fenelzina,isocarboxazide Citalopram, Escitalopram, Paroxetina, fluoxetina, fluvoxamina, sertralina Reboxetina Venlafaxina, duloxetina Bupropione Mirtazapina, agomelatina, trazodone, nefazodone. ALTRI I gravi effetti collaterali degli antidepressivi di prima generazione, ed il ben documentato rischio di interazioni farmacologiche con altri farmaci co-somministrati, hanno contribuito al loro graduale

4 declino nella pratica clinica per lasciare il posto agli antidepressivi di seconda generazione il cui buon profilo di tollerabilità ed il meccanismo d azione maggiormente selettivo rappresentano punti di forza. - Interazioni farmacologiche Poiché gli antidepressivi di seconda generazione sono comunemente prescritti in associazione con altri farmaci usati per il trattamento di malattie psichiatriche o somatiche concomitanti (antimicrobici, farmaci cardiovascolari, ansiolitici, antipsicotici) potrebbero verificarsi interazioni farmacologiche; sebbene presentino un basso rischio di interazioni farmacodinamiche per merito della loro selettività d azione, mostrano capacità inibitoria sugli isoenzimi CYP del citocromo P450, pertanto sono associati ad interazioni di tipo farmacocinetico clinicamente rilevanti soprattutto a livello della biotrasformazione metabolica. (Vedi tabella Principali interazioni farmacocinetiche degli antidepressivi di II generazione nella home page di Il processo di metabolizzazione di una sostanza introdotta nell organismo avviene a carico di enzimi localizzati a livello di fegato, intestino, reni, polmoni, cute, plasma e sistema nervoso centrale. Le reazioni di biotrasformazione sono di due tipi: Reazioni di fase I: reazioni di ossidoriduzione e di idrolisi ad opera dei citocromi; Reazione di fase II : reazioni di coniugazione, mediate da diversi enzimi e cofattori, che aggiungono diversi gruppi funzionali per rendere più facilmente eliminabile il farmaco; con acido glicuronico (o glicuronoconiugazione), acetilazione, con amminoacidi (soprattutto glicina, taurina e glutammina), con solfato (o solfoconiugazione) e metilazione. Il sistema CYP negli uomini consiste in più di 50 enzimi localizzati sulla membrana del reticolo endoplasmatico liscio degli epatociti ed in molti altri tessuti. Questi enzimi sono responsabili delle reazioni ossidative di fase uno di molti farmaci, nutrienti, tossine e sostanze endogene, sono divisi in famiglie e sottofamiglie in base alle similitudini delle sequenze aminoacidiche; ogni enzima è distinto attraverso il CYP seguito da un numero che indica la famiglia, una lettere che indica la sottofamiglia ed un altro numero che denota la specifica isoforma. Gli isoenzimi CYP che giocano il ruolo maggiore nella biotrasformazione degli agenti terapeutici sono CYP1A2, CYP2C9, CYP2C19, CYP2D6 e CYP3A4. Minori ma clinicamente rilevanti CYP2A6, CYP2B6, CYP2C8 e CYP2E1.

5 Molti farmaci sono substrato per una sola isoforma di CYP, mentre altri sono metabolizzati da più isoforme risultando in una serie di metaboliti. Esiste una grande variabilità di espressione e di attività di questi enzimi che porta a delle differenze interindividuali manifestate con l esposizione al farmaco; la variabilità deriva da fattori genetici, fisiopatologici, ambientali (inclusa la cosomministrazione di altri farmaci). I polimorfismi dei CYP hanno importanti implicazioni cliniche e riguardano CYP2C9, CYP2C19 e CYP2D6. Le interazioni farmacologiche che coinvolgono le isoforme di CYP generalmente derivano da una loro inibizione o induzione. - L inibizione enzimatica consiste nella competizione con un altro farmaco per il legame al sito bersaglio e la quota metabolizzata di un agente somministrato concomitatamente diminuisce mentre la concentrazione plasmatica e gli effetti farmacologici aumentano. Quando si sospende la somministrazione dell inibitore, le condizioni precedenti si ristabiliscono in base alla quota di eliminazione del farmaco influenzato e dell inibitore. - L induzione enzimatica porta alla riduzione della concentrazione plasmatica del composto attivo e alla perdita di efficacia terapeutica. E un processo lento dose- e tempo-dipendente. Poiché di solito il processo richiede la sintesi di nuovi enzimi, l induzione si verifica con un leggero ritardo rispetto alla esposizione dell agente induttore, in genere da pochi giorni a una o due settimane. Il tempo che intercorre per la de- induzione è allo stesso modo graduale e dipendente dalla quota di degradazione dell enzima e dal tempo richiesto per l eliminazione del farmaco induttore. L attività degli enzimi che metabolizzano i farmaci potrebbe essere incrementata anche dalla somministrazione cronica di uno xenobiotico, alcool, componenti assunti con la dieta e fumo. Le interazioni farmacocinetiche sono studiate inizialmente in vitro per predirne l importanza in vivo, ma non tutte le potenziali interazioni in vitro si verificano in vivo. Quando si valuta il rischio potenziale, l estensione ed il significato clinico di un interazione farmacocinetica è necessario considerare diversi tipi di fattori: - Fattori correlati al farmaco: potenza, dose/concentrazione dell inibitore/induttore, indice terapeutico del substrato, estensione del metabolismo del substrato, la presenza di metaboliti attivi o tossici. - Fattori correlati al paziente: predisposizione genetica, suscettibilità agli eventi avversi come nel caso di pazienti anziani. - Fattori epidemiologici: probabilità di interazione per due farmaci prescritti insieme.

6 Generalmente, ci si aspetta un interazione farmacocinetica clinicamente rilevante quando un farmaco con basso indice terapeutico è somministrato con un potente inibitore o induttore della maggiore via di metabolizzazione che il farmaco utilizza. Al contrario, poiché molti farmaci hanno diverse vie metaboliche, l inibizione di un enzima che gioca un ruolo marginale in tutta l eliminazione del farmaco somministrato può avere effetti limitati sulla sua disponibilità e ci si aspetta solo un minimo incremento delle concentrazioni plasmatiche: un altra isoforma può provvedere all eliminazione attraverso una via metabolica secondaria ma adeguata. - Potenziali interazioni farmacocinetiche con antidepressivi di II generazione Tutti i farmaci antidepressivi di seconda generazione sono sottoposti ad intensa biotrasformazione epatica e ciascuno presenta un particolare profilo di rischio di interazioni farmacocinetiche. (Vedi tabella Isoenzimi coinvolti nel metabolismo degli antidepressivi di seconda generazione ed enzimi da loro inibiti nella sezione Farmaci e ADR - antidepressivi sul sito La somministrazione concomitante di farmaci che agiscono da inibitori o induttori degli enzimi coinvolti nella biotrasformazione degli antidepressivi di seconda generazione possono influenzare la loro eliminazione, portando a modifiche nelle concentrazioni plasmatiche e conseguenti effetti clinici. Comunque, la maggior parte degli antidepressivi di seconda generazione ha un largo indice terapeutico quindi l inibizione o l induzione del loro metabolismo solo raramente conduce ad interazioni clinicamente rilevanti. D altra parte, possono essere associati ad inibizioni clinicamente rilevanti degli isoenzimi CYP e richiedere cautela quando aggiunti ad un regime di politerapia. Gli antidepressivi di seconda generazione differiscono in maniera considerevole nel loro potenziale di inibizione individuale degli isoenzimi CYP ed influiscono in maniera diversa sulla concentrazione plasmatica del farmaco cosomministrato. SSRI FLUOXETINA È metabolizzata principalmente attraverso la N-demetilazione a metabolita attivo norfluoxetina. I risultati di studi sia in vitro sia in vivo indicano che il maggiore responsabile della reazione è CYP2D6, con contributo aggiuntivo degli altri. Gli studi indicano che sia la fluoxetina che il suo

7 metabolita sono potenti inibitori del CYP2D6 ed in maniera moderata degli altri. Pertanto, la fluoxetina presenta un alto rischio potenziale di interazioni farmacocinetiche con altri agenti cosomministrati e metabolizzati dallo stesso CYP. Inoltre, poiché la fluoxetina ed il suo metabolita presentano una lunga emivita (7-14 giorni) l inibizione dell isoenzima si protrae per settimane oltre la sospensione del trattamento. PAROXETINA Metabolizzata nel fegato tramite ossidazione e metilazione in prodotti inattivi che sono coniugati con acido glucuronico o sulfurico. Le isoforme coinvolte nella ossidazione sono CYP2D6 ad alta affintà, la cui saturazione è responsabile della cinetica non lineare dei farmaci, ed il CYP3A4 a bassa affinità. La paroxetina è un potente inibitore del CYP2D6 in vitro, mentre ha effetti minimi sulle altre isoforme. Pertanto, la paroxetina può aumentare la tossicità di vari agenti psicotropi che sono metabolizzati principalmente dal CYP2D6. FLUVOXAMINA È sottoposta ad un intenso metabolismo epatico che comprende de metilazione ossidativa e deaminazione. Il CYP1A2 e il CYP2D6 sembrano essere le isoforme implicate in queste reazioni. La fluvoxamina è un potente inibitore di CYP1A2 e CYP2C19, in maniera moderata inibisce gli altri. Conseguenza dell inibizione non selettiva è la possibilità di interagire con farmaci di diverse categorie. SERTRALINA La maggiore via metabolica per la sertralina è rappresentata dalla N-demetilazione a N- demetilsertralina, che è meno attiva come bloccante della ricaptazione di serotonina rispetto al composto originario. I dati degli studi in vitro indicano nella reazione sono coinvolti diversi isoenzimi. La sertralina possiede capacità inibitoria sul CYP2D6, di tipo dose dipendente. CITALOPRAM Si tratta di una miscela racemica degli enantiomero S attivo ed R inattivo. La via metabolica principale è rappresentata dalla N-demetilazione ad N- desmetilcitalopram, reazione mediata dagli isoenzimi CYP2C19, CYP2D6 e CYP3A4. Il citalopram ha il potere di inibire solo debolmente CYP2D6.

8 ESCITALOPRAM Enantiometro S attivo del citalopram. Secondo gli studi in vitro, CYP2C19, CYP2D6 e CYP3A4 contribuiscono nella stessa misura alla formazione di S-desmetilcitalopram (escitalopram), mentre solo CYP2D6 è responsabile della produzione di S-didesmetilcitalopram. Gli effetti di inibizione sugli isoenzimi sono deboli, il che suggerisce un basso rischio potenziale di interazioni farmacologiche. SNRI VENLAFAXINA Metabolizzata nel fegato nel suo maggiore metabolita attivo O- desmetilvenlafaxina e metabolita inattivo N- desmetilvenlafaxina. Le evidenze sia in vitro sia in vivo suggeriscono che il CYP2D6 sia l enzima responsabile della de metilazione, mentre il CYP3A4 lo è della N-demetilazione. Secondo gli studi in vitro, la venlafaxina è un debole inibitore del CYP2D6 ed ha un effetto minimo o nullo sugli altri enzimi. A causa del suo effetto inibitorio sul sistema citocromiale epatico, la venlafaxina ha una bassa predisposizione per le interazioni farmacocinetiche con gli altri farmaci somministrati contemporaneamente. DULOXETINA Sottoposta a metabolismo epatico mediante il CYP2D6 e il CYP1A2 da cui derivano diversi metaboliti ossidati e coniugati inattivi ed eliminati principalmente nelle urine. La duloxetina è subsrtato di CYP2D6 ed è anche suo inibitore seppure moderato, e di CYP1A2. Altri antidepressivi di seconda generazione MIRTAZAPINA Antidepressivo noradrenergico e serotoninergico metabolizzato a livello epatico attraverso la 8- idrossilazione ed N-demetilazione che avvengono per CYP2D6 e CYP3A4 rispettivamente. L inibizione è debole su entrambi i CYP. Gli studi suggeriscono che la mirtazapina abbia un proflio favorevole di interazione farmacologica, e che siano poco probabili le influenze sugli altri farmaci cosomministrati. BUPROPIONE Antidepressivo che inibisce il reuptake neuronale di norepinefrina e dopamina e non ha apprezzabile affinità per i recettori post sinaptici. Il bupropione è metabolizzato nel fegato per

9 idrossilazione ed il suo principale metabolita idrossibupropione ssembra essere farmacologicamente attivo. Studi in vitro indicano che il CYP2B6 sia coinvolto nella metabolizzazione del bupropione. Mentre i dati in vitro suggeriscono che il bupropione ed il suo metabolita hanno bassa attività di inibizione sul CYP2D6. NEFAZODONE Antagonista del recettore 5-HT2 della serotonina che inibisce il reuptake sia della serotonina che della norepinefrina. È metabolizzato nel fegato nel metabolita idrossinefazodone che ha una attività farmacologica smile a quella del farmaco originario e in triazoledione e metaclorofenilpiperazina, entrambi meno attivi del nefazodone. Studi in vitro indicano che il nefazodone è un potente inibitore di CYP3A4 e debole di CYP2D6. Basandoci su dati biochimici, il nefazodone potrebbe avere significative probabilità di interagire quando somministrato in combinazione con substrati di CYP3A4 con basso indice terapeutico. La conoscenza degli effetti dovuti alla inibizione di una particolare isoforma di CYP, da parte degli antidepressivi di seconda generazione, può indirizzare il medico proscrittore verso la scelta più appropriata nel singolo caso del paziente da trattare in base a fattori costituzionali e alla presenza di altri farmaci assunti contemporaneamente. Clinically relevant pharmacokinetic drug interactions with second-generation antidepressants: an update. E. Spina, V. santoro, C. D Arrigo. Clinical Therapeutics/vol. 30, Num 7, 2008.

ELEMENTI DI PSICOFARMACOLOGIA

ELEMENTI DI PSICOFARMACOLOGIA ELEMENTI DI PSICOFARMACOLOGIA (2) Dott. Francesco Matarrese ANTIDEPRESSIVI TRICICLICI 1 Farmaci Antidepressivi AD Triciclici Amitriptilina (adepril, laroxil) Clomipramina (anafranil) Desipramina (nortimil)

Dettagli

L utilizzo dei farmaci antidepressivi: analisi della realtà territoriale

L utilizzo dei farmaci antidepressivi: analisi della realtà territoriale Ruolo del medico di medicina generale nella gestione della sindrome depressiva e affettivo bipolare L utilizzo dei farmaci antidepressivi: analisi della realtà territoriale I farmaci antidepressivi e la

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari I FARMACI ANTIDEPRESSIVI Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo dei farmaci che si usano per curare la depressione, della loro utilità e dei loro effetti collaterali. Dunque,

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Depressione. ieri, oggi e domani. GIAN LUIGI GESSA Settembre 2008

Depressione. ieri, oggi e domani. GIAN LUIGI GESSA Settembre 2008 Depressione ieri, oggi e domani GIAN LUIGI GESSA Settembre 2008 Antidepressivi - Classificazione Triciclici (TCA) e antidepressivi correlati (1, 2 o 4 anelli) Inibitori selettivi del reuptake

Dettagli

Psicofarmacologia -1 TIZIANA SCIARMA

Psicofarmacologia -1 TIZIANA SCIARMA Psicofarmacologia -1 TIZIANA SCIARMA CATEGORIE di FARMACI PSICOATTIVI Antidepressivi Ansiolitici e Ipnotici-sedativi Antipsicotici Stabilizzatori dell Umore Storia 1845 Moreau propone un modello per la

Dettagli

Gli antidepressivi: dalle basi neurobiologiche al trattamento farmacologico Filippo Caraci

Gli antidepressivi: dalle basi neurobiologiche al trattamento farmacologico Filippo Caraci Università degli Studi di Catania Modulo di Psicofarmacologia Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Gli antidepressivi: dalle basi neurobiologiche al trattamento farmacologico Filippo Caraci Il DSM-IV-TR

Dettagli

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING

Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Il paziente con problemi psichiatrici: ANSIA, DEPRESSIONE, SUICIDIO, PILLOLE DI PROBLEM SOLVING Este, sala Fumanelli, sabato 14 settembre 2013 PRINCIPI DI TERAPIA PSICHIATRICA NELL ANZIANO Dott. Lino Pasqui

Dettagli

Trasmissione serotoninergica

Trasmissione serotoninergica Trasmissione serotoninergica Effetti della serotonina (5-HT, 5-idrossitriptamina): Regolazione del tono della muscolatura liscia sistema cardiovascolare tratto gastrointestinale Aumento dell aggregazione

Dettagli

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

I Costi della della Depressione non-trattata

I Costi della della Depressione non-trattata Notizie sulla Depressione Rilevanti per il Trattamento Prevalenza lifetime: 5-11% Negli USA, 10-15 milioni di di depressi ogni anno I singoli episodi possono durare anche anni Dopo un episodio depressivo,

Dettagli

DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI 10 novembre 2012 Aula Magna Palazzina Vigiola - Ospedale San Paolo, Savona

DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI 10 novembre 2012 Aula Magna Palazzina Vigiola - Ospedale San Paolo, Savona DEPRESSIONE: VOLTI VECCHI E NUOVI 10 novembre 2012 Aula Magna Palazzina Vigiola - Ospedale San Paolo, Savona AREA FARMACEUTICA S.C. FARMACEUTICA TERRITORIALE Antidepressivi: la spesa farmaceutica M. BESSERO

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

Indice Autori. 1 Principi generali. Valutazione iniziale. Sintomi bersaglio. Uso di più farmaci. Scelta del farmaco. Sostituzione con farmaci generici

Indice Autori. 1 Principi generali. Valutazione iniziale. Sintomi bersaglio. Uso di più farmaci. Scelta del farmaco. Sostituzione con farmaci generici Indice Autori 1 Principi generali Valutazione iniziale Sintomi bersaglio Uso di più farmaci Scelta del farmaco Sostituzione con farmaci generici Enzimi del citocromo P450 Legame proteico Assorbimento ed

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

FARMACI DEI DISORDINI AFFETTIVI O ANTIDEPRESSIVI

FARMACI DEI DISORDINI AFFETTIVI O ANTIDEPRESSIVI FARMACI DEI DISRDII AFFETTIVI ATIDEPRESSIVI on puoi somministrare nulla a uno spirito ammalato? on puoi strappare dalla memoria un dolore che vi ha messo le radici, cancellare le angosce scritte nel cervello,

Dettagli

Vecchi e nuovi farmaci: Gli antidepressivi

Vecchi e nuovi farmaci: Gli antidepressivi Vecchi e nuovi farmaci: la difficile scelta tra l esperienza consolidata e l innovazione terapeutica. Gli antidepressivi Antonio De Benedictis E importante curare un episodio depressivo? POSSIBILI CONSEGUENZE

Dettagli

IMPIEGO CLINICO DEI SSRIs C. TONI

IMPIEGO CLINICO DEI SSRIs C. TONI IMPIEGO CLINICO DEI SSRIs C. TONI IMPIEGO CLINICO DEI SSRIs FDA ITALIA tina (1988) Depressione, DOC, Depressione, DOC, Bulimia Bulimia tina Depressione, DOC, Depressione, DOC, DP, FS DP, FS na Depressione,

Dettagli

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO

FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU FREQUENTE USO TERAPEUTICO Seminario Stili di vita e idoneità al lavoro:uso di farmaci psicotropi Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma Associazione Parmense dei Medici del Lavoro FARMACOLOGIA DELLE SOSTANZE PSICOTROPE DI PIU

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA. Position paper

SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA. Position paper SOCIETA ITALIANA DI FARMACOLOGIA Position paper Equivalenza terapeutica di classe dei farmaci antidepressivi Edoardo Spina Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Messina Per la

Dettagli

ANTIDEPRESSIVI. Breve storia. Back

ANTIDEPRESSIVI. Breve storia. Back Back ANTIDEPRESSIVI Breve storia I disordini affettivi sono condizioni caratterizzate da alterazioni del tono dell umore, di solito non associate a disturbi del pensiero. Di gran lunga il disturbo affettivo

Dettagli

Incidenza della depressione (sindrome depressiva) negli USA

Incidenza della depressione (sindrome depressiva) negli USA ANTIDEPRESSIVI Incidenza della depressione (sindrome depressiva) negli USA ~ 17% degli adulti 21% donne 13% uomini ~ 32 milioni di persone * Origine plurigenica, ambientale 1951-52 Iproniazide (Delay;

Dettagli

Iperico e depressione: farmacologia e interazioni

Iperico e depressione: farmacologia e interazioni Università degli Studi di Siena Dipartimento di Farmacologia G. Segre Iperico e depressione: farmacologia e interazioni 7 novembre 2008 Cristina Nencini IPERICO (Hypericum perforatum L.) Indicazioni terapeutiche:

Dettagli

DISTURBI AFFETTIVI. Dr. Alessandro Bernardini

DISTURBI AFFETTIVI. Dr. Alessandro Bernardini HOME DISTURBI AFFETTIVI Dr. Alessandro Bernardini La caratteristica principale delle patologie emotive ed affettive è rappresentata dall'alterazione del tono dell'umore. La manifestazione più comune è

Dettagli

PREMESSE PREMESSE DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - I DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - II

PREMESSE PREMESSE DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - I DEPRESSIONE MAGGIORE MELANCOLICA QUADRO CLINICO - II PREMESSE 1. La depressione (intesa nel senso clinico del termine) non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione ) PREMESSE 2. In realtà non esiste la depressione (cioè, un unica condizione

Dettagli

FARMACOCINETICA 2 ELIMINAZIONE DEI FARMACI. L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti.

FARMACOCINETICA 2 ELIMINAZIONE DEI FARMACI. L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti. FARMACOCINETICA 2 Farmacologia generale 1 ELIMINAZIONE DEI FARMACI L eliminazione di un farmaco avviene per escrezione del farmaco immodificato o dei suoi metaboliti. Le principali vie di escrezione sono:

Dettagli

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO

I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO I DISTURBI D ANSIA TRA LA PATOLOGIA ORGANICA E LA PATOLOGIA PSICHICA: L APPROCCIO FARMACOTERAPEUTICO Nella risposta di stress si verificano specifiche variazioni nel rilascio di neurotrasmettitori, neuromodulatori

Dettagli

LA DEPRESSIONE: COME RICONASCERLA. Dott.ssa Angela Montesano

LA DEPRESSIONE: COME RICONASCERLA. Dott.ssa Angela Montesano LA DEPRESSIONE: COME RICONASCERLA Dott.ssa Angela Montesano La depressione è una patologia dell' umore caratterizzata da un insieme di sintomi cognitivi, comportamentali, somatici ed affettivi che, nel

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

Farmaci antidepressivi

Farmaci antidepressivi Farmaci antidepressivi Aspetti Generali La depressione è una condizione psichiatrica alquanto frequente che viene spiegata con varie teorie neurochimiche, a cui corrisponde una varietà di diversi tipi

Dettagli

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina

Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Neurobiologia delle ricadute e linee guida degli interventi antifumo e di terapia di disassuefazione da nicotina Cristiano Chiamulera Professore Associato di Farmacologia Sezione di Farmacologia Dipartimento

Dettagli

Incidenza della depressione (sindrome depressiva) negli USA

Incidenza della depressione (sindrome depressiva) negli USA ANTIDEPRESSIVI Incidenza della depressione (sindrome depressiva) negli USA ~ 17% degli adulti 21% donne 13% uomini ~ 32 milioni di persone * Origine plurigenica, ambientale 1951-52 Iproniazide (Delay;

Dettagli

FINESTRA SUL CORTILE DI SANTA MARIA NUOVA. Genetica Medica. Elisabetta Pelo. SOS Genetica Medica P.O. Santa Maria Nuova

FINESTRA SUL CORTILE DI SANTA MARIA NUOVA. Genetica Medica. Elisabetta Pelo. SOS Genetica Medica P.O. Santa Maria Nuova FINESTRA SUL CORTILE DI SANTA MARIA NUOVA Genetica Medica Elisabetta Pelo SOS Genetica Medica P.O. Santa Maria Nuova Genetica classica: un gene = una malattia Genomica : Sistemi di geni = vie metaboliche

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

I neurotrasmettitori

I neurotrasmettitori I neurotrasmettitori Classificazione dei farmaci in base agli effetti sulla trasmissione sinaptica AGONISTI: farmaci che facilitano gli effetti postsinaptici di un certo neurotrasmettitore ANTAGONISTI:

Dettagli

Vademecum per la gestione dei farmaci nei BPSD (disturbi comportamentali nella demenza)

Vademecum per la gestione dei farmaci nei BPSD (disturbi comportamentali nella demenza) Programma Aziendale Demenze Responsabile: dott. Andrea Fabbo Vademecum per la gestione dei farmaci nei BPSD (disturbi comportamentali nella demenza) A cura di Lucia Bergamini, Andrea Fabbo, Vanda Menon,

Dettagli

TERAPIA SOSTITUTIVA A BASE DI NICOTINA... 1 BUPROPIONE... 2 VARENICLINA... 3 TABELLA GENERALE DEI FARMACI NELLA DISASSUEFAZIONE DA NICOTINA...

TERAPIA SOSTITUTIVA A BASE DI NICOTINA... 1 BUPROPIONE... 2 VARENICLINA... 3 TABELLA GENERALE DEI FARMACI NELLA DISASSUEFAZIONE DA NICOTINA... 1 Le informazioni contenute nel sito possono generare situazioni di pericolo e danni. I dati presenti hanno un fine illustrativo e in nessun caso esortano né spingono ad atti avversi salute psicofisica

Dettagli

Sommario. Prefazione alla Seconda Edizione Prefazione alla Prima Edizione Autori. ix xiii xvii. iii

Sommario. Prefazione alla Seconda Edizione Prefazione alla Prima Edizione Autori. ix xiii xvii. iii Prefazione alla Seconda Edizione Prefazione alla Prima Edizione Autori ix xiii xvii 1 Le basi biologiche: psiconeuroimmunologia e cancro Introduzione 2 La reazione allo stress 2 La risposta ormonale allo

Dettagli

BOTMAN E PERINMAN PRINCIPI DI FARMACOLOGIA. con l auito di SERGEY IL TERRIBILE. Contents 1 I NEUROPSICOFARMACOLOGIA 5 0.1 INTRODUZIONE STORICA:...

BOTMAN E PERINMAN PRINCIPI DI FARMACOLOGIA. con l auito di SERGEY IL TERRIBILE. Contents 1 I NEUROPSICOFARMACOLOGIA 5 0.1 INTRODUZIONE STORICA:... BOTMAN E PERINMAN PRINCIPI DI FARMACOLOGIA con l auito di SERGEY IL TERRIBILE Contents Contents 1 I NEUROPSICOFARMACOLOGIA 5 0.1 INTRODUZIONE STORICA:................................... 6 1 ANTIDEPRESSIVI

Dettagli

Farmacodipendenza. Addiction

Farmacodipendenza. Addiction Farmacodipendenza Ricerca compulsiva di una sostanza per ottenere uno stato di piacere /euforia o per alleviare uno stato di sofferenza, nonostante vi siano gravi conseguenze sociali o per la salute Addiction

Dettagli

Sedativo-ipnotici. Impieghi clinici. ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata

Sedativo-ipnotici. Impieghi clinici. ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata Sedativo-ipnotici Impieghi clinici ansia insonnia epilessia anestesia rilasciamento muscolatura striata Benzodiazepine Clordiazepossido, alprazolam, clonazepam, diazepam, flurazepam, nitrazepam, triazolam

Dettagli

Anestetici locali. Blocco. Nocicettori Conduzione assonica. Rilascio mediatori spinali. Recettori postsinaptici. Canali Na + Recettori presinaptici

Anestetici locali. Blocco. Nocicettori Conduzione assonica. Rilascio mediatori spinali. Recettori postsinaptici. Canali Na + Recettori presinaptici Blocco Nocicettori Conduzione assonica Canali Na + Rilascio mediatori spinali Recettori presinaptici Oppioidi, alfa-2 Recettori postsinaptici Glutammato Neurochinine Anestetici locali Blocco canali Na

Dettagli

Corso teorico-pratico di formazione su:

Corso teorico-pratico di formazione su: Corso teorico-pratico di formazione su: In collaborazione con I DISTURBI DI ANSIA E DELL UMORE: RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE E DELLO PSICHIATRA Sala Congressi Hotel Euro 14-09-2002 Cascina (Pisa)

Dettagli

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica II Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Processo di riconoscimento fra farmaco e recettore TIPI DI

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE CYMBALTA 30 mg capsule rigide gastroresistenti 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Il principio attivo di

Dettagli

La terapia dei disturbi depressivi: criticità nella scelta alla cura e

La terapia dei disturbi depressivi: criticità nella scelta alla cura e La terapia dei disturbi depressivi: criticità nella scelta alla cura e nella gestione del trattamento, dai vecchi ai nuovi farmaci Marcello Nardini Dipartimento di Scienze Neurologiche e Psichiatriche

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

Cannabis. Cannabis sativa var. indica. foglie e infiorescenze femminili. resina. marijuana. hashish

Cannabis. Cannabis sativa var. indica. foglie e infiorescenze femminili. resina. marijuana. hashish Cannabis Cannabis sativa var. indica foglie e infiorescenze femminili marijuana resina hashish Cannabinoidi 9-tetraidrocannabinolo 8-tetraidrocannabinolo cannabinolo cannabidiolo Farmacocinetica THC alta

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Aspetti diagnostici e terapeutici dei Disturbi Psichiatrici di più comune osservazione nell ambito della pratica del Medico di Medicina Generale.

Aspetti diagnostici e terapeutici dei Disturbi Psichiatrici di più comune osservazione nell ambito della pratica del Medico di Medicina Generale. Aspetti diagnostici e terapeutici dei Disturbi Psichiatrici di più comune osservazione nell ambito della pratica del Medico di Medicina Generale. Disturbi dell Umore Aspetti Epidemiologici: La prevalenza

Dettagli

SINDROME D ASTINENZA

SINDROME D ASTINENZA SINDROME D ASTINENZA Dipende dalla quantità di sostanza assunta e dalla velocità di eliminazione dall organismo. Nel caso del metadone i sintomi sono gli stessi, ma l insorgenza della sindrome è più lenta,

Dettagli

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti)

13.4. Gli effetti dell'etanolo comprendono a. aumento del sonno REM b. aumento della secrezione gastrica c. (a e b) d. (nessuna delle precedenti) 56 13. Alcol etilico - Proprietà farmacologiche, effetti collaterali, usi clinici. - Farmacocinetica. - Intossicazione acuta e cronica e loro trattamento. - Dipendenza e sindrome da astinenza, loro trattamento.

Dettagli

Farmacologia delle emozioni

Farmacologia delle emozioni Farmacologia delle emozioni 17 passioni in mostra INIZIO LE EMOZIONI MALATE ANSIA E DISTURBI D ANSIA IL CERVELLO E I DISTURBI D ANSIA Le emozioni malate Le emozioni sono funzioni complesse, espressione

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Neurotrasmettitori: meccanismi d azione

Neurotrasmettitori: meccanismi d azione Neurotrasmettitori: meccanismi d azione CELLULA PRESINAPTICA Autorecettore SPAZIO SINAPTICO Neurotrasmettitore Ricaptazione CELLULA POSTSINAPTICA Recettori Nemeroff CB. Sci Am. 1998; 278: 42-49. Serotonina

Dettagli

Farmacologia del sistema serotoninergico

Farmacologia del sistema serotoninergico Farmacologia del sistema serotoninergico Trasmissione serotoninergica Effetti della serotonina (5-HT, 5-idrossitriptamina): Regolazione del tono della muscolatura liscia sistema cardiovascolare tratto

Dettagli

Tipizzazione genetica degli enzimi del citocromo P450 in psichiatria: applicazioni cliniche

Tipizzazione genetica degli enzimi del citocromo P450 in psichiatria: applicazioni cliniche Università degli Studi di Messina Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale UOSD di Farmacologia Clinica, AOU Policlinico Messina Tipizzazione genetica degli enzimi del citocromo P450 in psichiatria:

Dettagli

Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni

Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni Abiraterone nel carcinoma prostatico metastatico: efficacia ed interazioni Gli androgeni hanno un ruolo importante nella progressione del carcinoma prostatico. Si è infatti constatato come la castrazione

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli

Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene. Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Sistema Endocrino 3. Ormoni del surrene Fisiologia Generale e dell Esercizio Prof. Carlo Capelli Obiettivi Surrene: secrezione nelle varie zone del surrene, sintesi degli ormoni surrenali, Mineralcorticoidi-aldosterone,

Dettagli

ALPRAZOLAM ZENTIVA 0,75 MG/ML GOCCE ORALI, SOLUZIONE. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

ALPRAZOLAM ZENTIVA 0,75 MG/ML GOCCE ORALI, SOLUZIONE. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA ALPRAZOLAM ZENTIVA 0,75 MG/ML GOCCE ORALI, SOLUZIONE Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

! " PLASMA TESSUTI. legato libero. legato libero. metaboliti

!  PLASMA TESSUTI. legato libero. legato libero. metaboliti ! " PLASMA legato libero TESSUTI legato libero metaboliti Farmaci! " # $ % &$ Cellule del Fegato cellule parenchimali (65% volume del fegato)= epatociti cellule non parenchimali (35%; 20% volume del fegato)=

Dettagli

Marta Mazzoli, MD, PhD Hospiz im Park, Klinik für Palliative Care Leitende Hospiz-Ärztin Heike Gudat Arlesheim, Basel-Landschaft Schweiz

Marta Mazzoli, MD, PhD Hospiz im Park, Klinik für Palliative Care Leitende Hospiz-Ärztin Heike Gudat Arlesheim, Basel-Landschaft Schweiz I farmaci oppiacei nel trattamento del dolore e le terapie antiemetiche di ultima generazione: esistono problematiche di distribuzione, interazione ed efficacia nell epoca delle terapie target oncologiche?

Dettagli

Maria Cristina Osella Medico Veterinario Comportamentalista PhD, Dipl. ECVBM-CA. Terapia farmacologica. Forlì 2007

Maria Cristina Osella Medico Veterinario Comportamentalista PhD, Dipl. ECVBM-CA. Terapia farmacologica. Forlì 2007 Maria Cristina Osella Medico Veterinario Comportamentalista PhD, Dipl. ECVBM-CA Terapia farmacologica Forlì 2007 Benzodiazepine & fenotiazine Sono impiegate come intervento farmacologico sintomatologico

Dettagli

LA COMORBILITÀ TRA DEPRESSIONE ED EMICRANIA. U. Pietrini Centro Cefalee A.S. Firenze

LA COMORBILITÀ TRA DEPRESSIONE ED EMICRANIA. U. Pietrini Centro Cefalee A.S. Firenze LA COMORBILITÀ TRA DEPRESSIONE ED EMICRANIA U. Pietrini Centro Cefalee A.S. Firenze Emicrania e disturbi psichiatrici L EMICRANIA colpisce il 2,4% della popolazione ed è spesso in COMORBILITA con: Depressione

Dettagli

Uso degli antidepressivi in Italia: un analisi nel contesto della Medicina Generale

Uso degli antidepressivi in Italia: un analisi nel contesto della Medicina Generale Ricerca Uso degli antidepressivi in Italia: un analisi nel contesto della Medicina Generale Francesco Mazzoleni 1, Monica Simonetti 2, Francesco Lapi 3, Serena Pecchioli 2, Gianluca Trifirò 4, Iacopo Cricelli

Dettagli

I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI

I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI I SISTEMI NEUROTRASMETTITORI PERCHÉ UNA SOSTANZA POSSA DIRSI NEUROTRASMETTITORE (NT) 1.1 La molecola deve essere localizzata nel neurone presinaptico IMMUNOCITOCHIMICA 1.2 La molecola deve essere sintetizzata

Dettagli

PARTE II LA FENOMENOLOGIA E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DEI DISTURBI SENILI DELL UMORE

PARTE II LA FENOMENOLOGIA E LA DIAGNOSI DIFFERENZIALE DEI DISTURBI SENILI DELL UMORE Indice Collaboratori, XIII Introduzione, XVII PARTE I EPIDEMIOLOGIA E CARICO DELLA MALATTIA Epidemiologia dei disturbi depressivi nell età senile, Identificazione del caso, Prevalenza, incidenza e distribuzione,

Dettagli

I farmaci antidepressivi

I farmaci antidepressivi Dialoghi in Farmacologia Medica I farmaci antidepressivi Scuola di Specializzazione in Farmacologia Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Brescia Istituto Clinico Città di Brescia

Dettagli

Farmaci del sistema nervoso autonomo

Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci del sistema nervoso autonomo Farmaci colinergici Esercitano i loro effetti farmacologici sul sistema nervoso parasimpatico che utilizza Acetilcolina come mediatore chimico L acetilcolina (Ach)

Dettagli

Farmacologia Clinica degli Antidepressivi SCARICATO DA WWW.SUNHOPE.IT

Farmacologia Clinica degli Antidepressivi SCARICATO DA WWW.SUNHOPE.IT Farmacologia Clinica degli Antidepressivi Depressione: gli obiettivi del trattamento Trattamento AD Ridurre/Eliminare Segni/Sintomi Restituire Funzionamento Sociale Minimizzare il Rischio di Ricadute/Recidive

Dettagli

Tipi di neurotrasmettitori

Tipi di neurotrasmettitori Tipi di neurotrasmettitori Neurotrasmettitori classici: molecole a basso peso molecolare, di varia natura: acetilcolina amine biogene (dopamina, adrenalina, noradrenalina) istamina aminoacidi (GABA, glicina,

Dettagli

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina. Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina-norepinefrina

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina. Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina-norepinefrina ANTIDEPRESSIVI IN GRAVIDANZA: PROBLEMI DI SICUREZZA ASSOCIATI ALL UTILIZZO DI INIBITORI DEL REUPTAKE DI SEROTONINA E ALTRI FARMACI SEROTONINERGICI-NORADRENERGICI Durante la gravidanza, la donna va incontro

Dettagli

BUPROPIONE per trattamento degli episodi di depressione maggiore. (07-04-2009)

BUPROPIONE per trattamento degli episodi di depressione maggiore. (07-04-2009) BUPROPIONE per trattamento degli episodi di depressione maggiore. (07-04-2009) Specialità: Wellbutrin, Elontril(Glaxosmithkline Spa, Glaxo Allen Spa) Forma farmaceutica: 30 CPR 150 MG R.M. - Prezzo: euro

Dettagli

ALLEGATO I. Pagina 1 di 6

ALLEGATO I. Pagina 1 di 6 ALLEGATO I ELENCO DEL NOME, DELLA FORMA FARMACEUTICA, DEL DOSAGGIO DEL MEDICINALE VETERINARIO, DELLA SPECIE ANIMALE, DELLE VIE DI SOMMINISTRAZIONE, DEL TITOLARE DELL AUTORIZZAZIONE ALL IMMISSIONE IN COMMERCIO

Dettagli

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10)

Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Trattamento farmacologico della SAA (solo se CIWA >8-10) Clordiazepossido / LIBRIUM 50 mg p.os ogni 6 ore il 1 giorno, poi 25 mg ogni 6 ore il 2 e 3 giorno Diazepam / VALIUM 10 mg p.os o i.v. ogni 6 ore

Dettagli

Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci

Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci Le fonti di documentazione per la farmacovigilanza e le interazioni tra farmaci Domenico Motola, PhD Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Unità di Farmacologia Università di Bologna le interazioni

Dettagli

FATTORI RESPONSABILI DI VARIABILITA INTER-INDIVIDUALE DI RISPOSTA A FARMACI

FATTORI RESPONSABILI DI VARIABILITA INTER-INDIVIDUALE DI RISPOSTA A FARMACI FARMACOLOGIA DI GENERE Prof. Maurizio Taglialatela CAMPOBASSO 15-05-08 LA MEDICINA PERSONALIZZATA Il farmaco giusto alla dose giusta per il paziente giusto FATTORI RESPONSABILI DI VARIABILITA INTER-INDIVIDUALE

Dettagli

Psicofarmacologia e terapia oncologica

Psicofarmacologia e terapia oncologica 7_D'Andrea_Modelli x la mente_1-3_14 21/01/15 15:59 Pagina 49 Psicofarmacologia e terapia oncologica Alessia D Andrea 1, Simona Guardabascio 2 1 Medico Psichiatra, Unità Dipartimentale di Psichiatria,

Dettagli

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale.

BDZ: uso clinico. Disturbi d ansia. Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia. Come miorilassanti ad azione centrale. In preanestesia Disturbi d ansia Insonnia (datante da poco tempo od occasionale) Epilessia BDZ: uso clinico Come miorilassanti ad azione centrale Due considerazioni relative alla farmacocinetica 1. Quando

Dettagli

HOME INSONNIA E ANSIA. Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA

HOME INSONNIA E ANSIA. Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA HOME INSONNIA E ANSIA Dr. Alessandro Bernardini INSONNIA 1 L'insonnia si riferisce alla difficoltà di prendere sonno o di mantenerlo o alla perdita di benessere derivato dal sonno. L'insonnia si riferisce

Dettagli

La depressione non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione )

La depressione non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione ) La depressione non va confusa con la tristezza normale (o demoralizzazione ) E comune il dolore che coglie l essere umano quando un avvenimento avverso colpisce la sua esistenza precaria, o quando la discrepanza

Dettagli

MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI

MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI MALATTIE LEGATE AI NEUROTRASMETTITORI I meccanismi dell ansia -L ansia e uno stato mentale di preallarme che si manifesta in risposta ad una minaccia o ad un potenziale pericolo Si accompagna a risposte

Dettagli

Il dolore neuropatico del paziente con diabete mellito: considerazioni sulla terapia

Il dolore neuropatico del paziente con diabete mellito: considerazioni sulla terapia Il dolore neuropatico del paziente con diabete mellito: considerazioni sulla terapia SOMMARIO Introduzione VII Efficacia di duloxetina e pregabalin nella terapia a breve termine della neuropatia diabetica

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA Evoluzione delle responsabilità dell infermiere a proposito dei farmaci Applicazione della farmacologia alla Cura del paziente Applicazione

Dettagli

gestione integrata del paziente con disturbi psichici comuni

gestione integrata del paziente con disturbi psichici comuni GESTIONE INTEGRATA DEL PAZIENTE CON DISTURBI PSICHICI COMUNI: PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO gestione integrata del paziente con disturbi psichici comuni MEDIICIINA GENERALLE E PPSIICHIIATRIIA Premessa

Dettagli

EFFETTI DELL ETA SULLA PERCEZIONE DEL DOLORE. G.Ricci. Geriatric Emergency Medicine Verona, 16-17 maggio 2014

EFFETTI DELL ETA SULLA PERCEZIONE DEL DOLORE. G.Ricci. Geriatric Emergency Medicine Verona, 16-17 maggio 2014 EFFETTI DELL ETA SULLA PERCEZIONE DEL DOLORE G.Ricci Geriatric Emergency Medicine Verona, 16-17 maggio 2014 ...mugghia come bue, salta come cerbio, morde come lupo, abbaia come cane, rugghia come leone,

Dettagli

Terapia farmacologica della depressione nell anziano. Marco Ferri Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia

Terapia farmacologica della depressione nell anziano. Marco Ferri Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Terapia farmacologica della depressione nell anziano Marco Ferri Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Corteccia Cerebrale Dist. Della Personalità Funzioni cognitive Aggressività Proiezione talamica IperalgesiaI

Dettagli

La Terapia Farmacologica. giovedì 26 novembre 15

La Terapia Farmacologica. giovedì 26 novembre 15 La Terapia Farmacologica Introduzione - Non esistono farmaci specifici per la cura dell autismo: non esistono cioé farmaci attivi sul disturbo dello sviluppo in sé; - L approccio farmacologico ha valenza

Dettagli

Gli antagonisti dei recettori dell angiotensina II più comunemente noti come Sartani (losartan, valsartan, irbesartan, candesartan e telmisartan)

Gli antagonisti dei recettori dell angiotensina II più comunemente noti come Sartani (losartan, valsartan, irbesartan, candesartan e telmisartan) !" #$% Gli antagonisti dei recettori dell angiotensina II più comunemente noti come Sartani (losartan, valsartan, irbesartan, candesartan e telmisartan) rappresentano una classe di farmaci ad azione antiipertensiva

Dettagli

DULOXETINA (13-09-2006)

DULOXETINA (13-09-2006) DULOXETINA (13-09-2006) Specialità: Cymbalta, Xeristar (Eli Lilly, Boehringher Ingelheim) Forma Farmaceutica: 28cps da 60mg Prezzo: 53.56* Classe PTN: A-nota 4 7cps da 30mg Prezzo: 8.16* (Cymbalta ) Classe

Dettagli

Università degli studi di Bologna

Università degli studi di Bologna Università degli studi di Bologna Master in tossicologia forense Giugno 2013 Franco Cantagalli USI ALTERNATIVI DELLE BENZODIAZEPINE Lormetazepam in gocce 1 Analisi chimica benzodiazepina composto insaturo

Dettagli

Indicazioni d uso degli SSRI. A. Pasini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Indicazioni d uso degli SSRI. A. Pasini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Università degli Studi di Roma Tor Vergata Indicazioni d uso degli SSRI A. Pasini Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile Università degli Studi di Roma Tor Vergata Inibitori selettivi della ricaptazione della Serotonina Fluoxetina Sertralina

Dettagli

Gestione farmacologica dell ANSIA (ACUTA e CRONICA) nei pazienti oncologici

Gestione farmacologica dell ANSIA (ACUTA e CRONICA) nei pazienti oncologici Gestione farmacologica dell ANSIA (ACUTA e CRONICA) nei pazienti oncologici Dr. Daniele Araco Corso di Psiconcologia, Perugia, 11 Marzo 2008, 2 Aprile 2008 Struttura del seminario Riassunto della puntata

Dettagli

IL FEGATO: SEDE DI INTERAZIONI FARMACOLOGICHE A. SOLINAS U.O.C. MEDICINA OSPEDALE SAN FRANCESCO

IL FEGATO: SEDE DI INTERAZIONI FARMACOLOGICHE A. SOLINAS U.O.C. MEDICINA OSPEDALE SAN FRANCESCO IL FEGATO: SEDE DI INTERAZIONI FARMACOLOGICHE A. SOLINAS U.O.C. MEDICINA OSPEDALE SAN FRANCESCO ORISTANO 17/05/2008 POLITERAPIA IN MEDICINA GENERALE 35 30 25 20 15 2 3 4 5 10 5 6 7 8 9 10 0 N DI DIVERSE

Dettagli