In inglese caregiver significa DONATORE DI CURA. Chi è il caregiver? E una persona responsabile che, in ambito domestico, si prende cura di un

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In inglese caregiver significa DONATORE DI CURA. Chi è il caregiver? E una persona responsabile che, in ambito domestico, si prende cura di un"

Transcript

1

2 In inglese caregiver significa DONATORE DI CURA. Chi è il caregiver? E una persona responsabile che, in ambito domestico, si prende cura di un soggetto non autonomo o disabile. Talvolta il caregiver è estraneo al contesto familiare, più spesso si tratta di un parente o di una persona amica.

3 Principio È fondamentale puntare al massimo di autosufficienza in ciascun assistito, compatibilmente con le potenzialità fisiche e psichiche RESIDUE 3

4

5 Allettamento (temporaneo o permanente). Persona incapace di alzarsi da sola e non in grado di modificare la propria posizione a letto

6 Rifacimento letto occupato MATERIALE OCCORRENTE -22 lenzuola intere -11 telo impermeabile, lungo indicativamente quanto dalle scapole alle ginocchia dell assistito -11 telo di cotone, di dimensioni tali da coprire almeno il telo cerato -11 federa -11 coperta -11 copriletto

7 COME FARE -togliete il cuscino ed aprite completamente il pannolone -girate il familiare su un lato -avvolgete il pannolone su sé stesso fino a sotto il corpo, facendo attenzione a che la parte più sporca rimanga all interno

8 sfilate i teli da sotto il materasso ed avvolgeteli fino a sotto il corpo dell allettato

9 -aprite il lenzuolo pulito, avvolgetelo su sé stesso fino alle dimensioni di circa metà letto e posatelo sul materasso -rimboccate gli angoli e tendetelo bene arrivando fino all assistito -se decidete di lasciare la cerata, potete svolgerla e rimboccarla sopra il lenzuolo pulito -ripetete la manovra precedente anche per il telo sovrastante alla cerata -rimboccatelo e tendetelo verso la schiena dell assistito

10 Caritas Venezia Comune di Venezia -stendete un pannolone e avvolgetelo su sé stesso fino a metà; sospingetelo all altezza dei glutei -girate l assistito dal lato opposto -sfilate la biancheria sporca e togliete, ad uno ad uno, il pannolone e poi ogni telo, eccetto quello che volete mantenere (ad esempio, la cerata) -svolgete ogni telo pulito e rimboccatelo, tendendolo il più possibile, a partire dal lenzuolo inferiore -aprite il pannolone ed allacciatelo

11 Comune di Venezia -Infine, disporre il lenzuolo sopra l allettato non è diverso da coprire un letto vuoto -rimboccare la biancheria facendo attenzione che non sia troppo stretta, soprattutto a livello dei piedi DIMOSTRAZIONE

12 Comune di Venezia PIAGHE DA DECUBITO Le piaghe da decubito (o lesioni da pressione) sono classificate in quattro stadi progressivamente sempre più gravi. Importante per il familiare è che il primo stadio non presenta già una ferita, ma appare come un rossore cutaneo persistente (visivamente, si trova sulla pelle un bollo rosso vivo che non scompare quando si esercita una pressione con un dito)

13 Caritas Venezia Comune di Venezia Colpiscono tipicamente le persone costrette a letto Sono dovute a: pressione del peso corporeo contro il materasso stiramento delle aree muscolari e sottocutanee da scivolamento attrito da contatto prolungato e sfregamento tra superficie cutanea e le lenzuola macerazione cutanea dovuta all umidità che staziona sulla cute (urine, sudore ma anche acqua di lavaggio non asciugata)

14 Caritas Venezia Comune di Venezia Le persone a rischio di lesione soffrono, in ordine prevalente, di: incapacità alla mobilizzazione autonoma incontinenza urinaria e fecale pelle disidratata peso superiore od inferiore al peso ideale stato nutrizionale insufficiente Inoltre, sono colpite più facilmente le donne degli uomini

15 PROMINENZE OSSEE Nell ambito dell ispezione della cute, occorre fare particolare attenzione alle prominenze ossee in relazione alle diverse posture assunte 15

16 PROMINENZE OSSEE Paziente in decubito supino 16

17 Paziente in decubito laterale 17

18 Paziente in decubito prono 18

19 Paziente seduto 19

20 La guarigione di lesioni già manifeste è un attivit attività complessa che dovrebbe essere guidata da un infermiere esperto; il familiare, invece, può essere in grado di attuare autonomamente molti interventi di prevenzione 20

21 Interventi di prevenzione ruotare frequentemente la postura a letto, da supino a laterale a semiseduto, variando così i punti di compressione alternare tra permanenza a letto e seduto in sedia favorire la mobilizzazione e la deambulazione degli assistiti stendere accuratamente le lenzuola ed allontanare tutti gli oggetti estranei che possono ledere la cute (briciole, forcine per capelli, ecc.) assicurare un accurata pulizia corporea, soprattutto in caso di incontinenza 21

22 Gli scopi della pulizia personale sono ottenere una sensazione di benessere e prevenire le infezioni cutanee e le lesioni da decubito

23 INDICAZIONI INIZIALI riscaldate l ambiente fino a C 22 C chiudete le finestre ed evitate correnti d aria assicuratevi che l acqua non sia né troppo fredda né troppo calda mettete a portata di mano tutto il materiale necessario per lavarsi, asciugarsi e vestirsi (es. sopra comodino o tavolo) per rendere più rapido il lavaggio ed evitare così di esporre inutilmente l assistito alla nudità se ancora parzialmente autosufficiente ponete una sedia davanti al lavandino affinché la persona possa lavarsi senza affaticarsi troppo

24 fate attenzione affinché il pavimento non sia reso sdrucciolevole da acqua, sapone od altro mettete dentro la vasca da bagno o sotto la doccia uno sgabello di materiale resistente all acqua (ad esempio una sedia da giardino in plastica) dove far accomodare il paziente ponete alcuni tappetini antiscivolo davanti ai lavandini, all uscita della vasca e dentro e fuori la doccia se vi allontanate, procurate un campanello per chiamare in caso di bisogno

25 Per evitare il rischio di trasmissione di infezioni : effettuare un accurato lavaggio delle mani prima e dopo le azioni di pulizia sull assistito ed usare guanti monouso il lavaggio può essere sostituito dalla soluzione idroalcolica (dimostrazione) non non indossare anelli, braccialetti ed orologi perché raccolgono lo sporco e possono lacerare facilmente i guanti e, per gli stessi motivi, è indicato mantenere le unghie corte e senza smalto.

26 BREVE DIMOSTRAZIONE 26

27 partire dalle aree corporee pulite e terminare con quelle sporche,, intese come quelle con maggior presenza di germi anche se prive di una evidente presenza di sporco Sequenza Igiene Completa 1. viso 2.mani 3.braccia, ascelle, torace 4.piedi, gambe 5.addome 6.regione intima

28 Azioni inumidire insaponare sciacquare asciugare CON DELICATEZZA dopo aver allontanato il sapone con il risciacquo, è importante asciugare bene la pelle

29 Attenzione alle pieghe cutanee (collo, addome, sotto i seni, genitali esterni, ecc.) perché le infezioni attecchiscono meglio dove c è residuo di sporco ed umidità. Ispezionare la pelle, controllando la presenza di lesioni, piccole emorragie o gonfiore.

30 è da preferire l utilizzo di materiale individuale,, assegnato solo all assistito (spazzole per capelli, bigodini, rasoi elettrici, ecc.). Questa regola è altresì indispensabile per manopole, asciugamani ed altro materiale che possa entrare in contatto diretto con la pelle (saponi solidi, rasoi, ecc.). DIMOSTRAZIONE MATERIALE

31 Materiale utile un sacchetto dove riporre la biancheria sporca ed un altro per i rifiuti (ad esempio, i pannoloni usati) biancheria da letto ed indumenti puliti una brocca dove riporre l acqua tiepida pulita ed una bacinella per raccogliere l acqua sporca; si suggerisce di acquistare contenitori in plastica, lavabili e pressoché infrangibili detergente liquido; sarebbe meglio non utilizzare saponette solide perché possono facilmente essere inquinate da sporco e germi pannoloni e materiali similari

32 asciugamani di cotone o salviette monouso spazzolino da denti e dentifricio personale; se necessari, alcuni contenitori e preparati per la pulizia di protesi dentarie forbici o tronchesine taglia-unghie sapone da barba e rasoi monouso shampoo ed asciugacapelli elettrico pettine e spazzola.

33 ABBIGLIAMENTO Facile indossabilità, trascurando abitudini Pigiama comodo Maglietta Camicia da notte corta potrebbe essere difficile persuadere un uomo ad indossare una camicia da notte piuttosto che un pigiama, allora, in alternativa, è opportuno convincerlo a tenere solo la giacca

34 ABBIGLIAMENTO Durante il giorno, per persone che si alzano dal letto, si consiglia l uso di una tuta da ginnastica; è meglio acquistarne una con giacca aperta (come una camicia) e pantaloni con elastico in vita, ma non sulle caviglie. Sono da evitare chiusure con bottoni soprattutto se l assistito ha poca destrezza manuale, sostituendole con cerniere o, magari, con chiusura a pressione con velcro GIACCA APERTA NO ELASTICI

35 ABBIGLIAMENTO chiudete la maglia, se è un modello con bottoni o cerniera sollevate il busto dell assistito con cuscini (o con il letto snodabile), fino a sederlo eretto, quasi perpendicolare al letto infilate una mano alla volta dal fondo dentro le maniche, raccogliendole sui polsi ponetevi ponetevi di fronte all assistito ed afferrategli le mani, poi svolgete le maniche sulle sue braccia; ripete queste prime due azioni con tutti i vestiti da indossare, iniziando da quello più a contatto con la pelle

36 ABBIGLIAMENTO Dimostrazione

37 Pulizia del viso: gli occhi devono essere detersi dall interno verso l esterno semplicemente con acqua. ciglia coperte di secrezioni: : appoggiare delle garze inumidite sopra gli occhi chiusi per diversi minuti, in modo da ammorbidirle prima di asportarle. occhi arrossati: : decongestionare con pezze di cotone imbevute di camomilla tiepida

38 I denti dovrebbero essere puliti ad ogni pasto o almeno una volta al giorno (meglio di sera) mediante spazzolino e dentifricio. In alternativa, per persone con problemi di deglutizione od altri casi in cui non è opportuno sciacquare i denti con molta acqua (ad esempio, individui in coma), l assistente può usare un dito (o manico di cucchiaio) avvolto da una garza inumidita di collutorio non disinfettante. protesi dentarie (filmato( filmato) lingua (patina biancastra)

39 Spesso le persone allettate hanno labbra disidratate e screpolate. In questo caso è utile frapporre una garza bagnata con acqua tra le labbra per pochi minuti per poi asportare meccanicamente lo strato di cellule morte e le secrezioni secche. Una volta asciugate accuratamente le labbra, per evitare che si ripresenti lo stesso inconveniente, è opportuno proteggerle con una crema idratante (ad esempio, stick labbra).

40 le orecchie,, il lavaggio deve avvenire con frequenza giornaliera, mediante acqua e sapone neutro. I bastoncini cotonati sono sconsigliati. Invece, in persone soggette ad accumulo di cerume, potete introdurre nell orecchio, periodicamente, una o due gocce di liquido emolliente (es. olio di mandorle o prodotti specifici); dopo averlo inserito nel dotto uditivo, lasciate sgocciolare quello in eccesso per gravità

41 il naso deve essere lavato con sapone neutro, senza l utilizzo di bastoncini cotonati. In presenza di secrezioni secche sotto le narici, è opportuno proteggere la pelle con creme emollienti, se invece sono liquide (come in caso di raffreddore) sono più efficaci creme protettive idrorepellenti

42 Capelli: si consiglia di pettinarli quotidianamente e lavarli se possibile almeno una volta alla settimana. Filmato con correttivi Barba: molte difficoltà possono essere superate con un rasoio elettrico

43 Pulizia di braccia e tronco Terminato il viso, il lavaggio generale prosegue con le mani, a partire dall estremità della dita fino ai polsi. Questa pulizia dovrebbe essere ripetuta dopo ciascun pasto e dopo ogni episodio di evacuazione

44 Unghie: non troppo corte o troppo lunghe

45 Pulizia dei piedi In presenza di indurimenti e/o ispessimenti della pelle, pediluvi di acqua e sale (o camomilla) e successivo allontanamento delle cellule desquamate con un asciugatura abbastanza energica

46 Pulizia dei genitali e della regione anale pulire la regione intima, ad ogni evacuazione con sapone neutro è molto importante pulire prima i genitali e successivamente, la zona anale modo unidirezionale, da davanti a dietro, in modo particolare nelle donne

47 negli uomini lavate anche il glande, spostando e riposizionando il prepuzio nelle donne, pulite accuratamente la zona vaginale, divaricando le grandi labbra

48 Utile per la pulizia dei genitali è posizionare una padella sotto il sedere (dimostrazione) e versare l acqua direttamente sopra la regione intima con una brocca

49

50 Incontinenza: emissione involontaria di urina e/o feci in luoghi e tempi inappropriati

51 gli strumenti di contenimento, quali i pannoloni, non fanno guarire dall incontinenza, ma servono solo ad impedire il disagio dovuto alla perdita di urina

52 Padella e pappagallo: devono essere utilizzati da chi percepisce lo stimolo; non posizionateli per lungo tempo perché potrebbero favorire l insorgenza di lesioni da decubito Comoda: : sedia forata con sotto una vaschetta per la raccolta di feci ed urine

53 Alcuni strumenti di controllo della perdita involontaria di feci od urine pannolini: rettangolari o sagomati monouso da indossare sotto i normali indumenti intimi mutande impermeabili: assorbenti elastiche lavabili con inserto apposito per panni assorbenti di dimensioni maggiori dei precedenti pannolini a mutandine: detti anche pannoloni, simili a quelli indossati dai neonati mutande con raccogli-gocce gocce: solo per gli uomini, con una sorta di tasca da imbottire di ovatta, dove inserire il pene

54 Un altro modo di contenimento dell incontinenza urinaria grave nell uomo è la guaina,, chiamata anche condom,, che avvolge il pene e raccoglie l urina in una sacca apposita (da legare alla gamba od appendere al letto). Cambiata al massimo ogni venti ore, lasciando libero il pene per circa due o tre ore od anche di più se la cute è arrossata o irritata

55 CONDOM 55

56 Gestione del catetere vescicale Gestione del catetere vescicale precauzioni generali: deve essere eseguita un quotidiana igiene genito perineale controllando che il punto di introduzione sia privo di lesioni e verificando il drenaggio dell urina pazienti autosufficienti possono utilizzare sacche di raccolta da fissare alla coscia con appositi elastici si dovra controllare spesso che non vi siano incrostazioni attorno al catetere una corretta idratazione ed alimentazione consentono una buona diluizione delle urine che diminuisce il formarsi di sedimento, previene l ostruzione del catetere e riduce le infezioni urinarie FILMATO Dimostrazione tipologia sacche sterili e non (posizione bassa)

57 La tracheostomia è un foro (stoma), alla base del collo, che abbocca la laringe direttamente all ambiente esterno; in genere è stata effettuata per permettere il respiro e/o il drenaggio delle secrezioni in pazienti con gravi problemi respiratori o in coma

58 Attenzioni da tenere durante l assistenza asportate con garze pulite l espettorato fuoriuscito dal foro, ad ogni colpo di tosse sostituite spesso le garze di protezione attorno al foro e la biancheria sporcate da secrezioni respiratorie perché potrebbero irritare la cute oppure seccarsi rendendone difficile la rimozione pulite la pelle attorno allo stoma con detergenti non irritanti, o, meglio, solo con acqua, usando garze inumidite e facendo ben attenzione che non scendano delle gocce in trachea DIMOSTRAZIONE

59 Le stomie intestinali sono fori addominali dove è stata abboccata una porzione di intestino per permettere la fuoriuscita delle feci, in genere dopo l asportazione di forme tumorali vicini all ano

60 Attenzioni generali durante le manovre igieniche: sostituite la sacca di raccolta quotidianamente e quando il volume delle feci raccolte è consistente; ad ogni cambio è opportuno pulire la cute circostante allo stoma con acqua tiepida e poi asciugare bene con carta monouso resistente è assolutamente inopportuno utilizzare prodotti sgrassanti o solventi (ad esempio, etere) od anche saponi aggressivi per rimuovere lo sporco ed il materiale adesivo rimasto sulla pelle controllate periodicamente l aderenza delle sacche alla cute, in modo che le feci non fuoriescano accidentalmente

61 Ogni raggio dell'alba prenda per mano i tuoi sogni notturni, i più belli, e li conduca nella realtà. Antico augurio tibetano giovedì 21 luglio

IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO

IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO Dr.ssa Roberta Boldrini Roma, 28 gennaio 2012 Le cure igieniche L igiene è la scienza della salute e del suo mantenimento L igiene personale è la cura di sé con la

Dettagli

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it

www.unionecomuni.re.it - info@unionecomuni.re.it www.parcoappennino.it LINEE GUIDA PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI Note di carattere generale: 1. Ogni operatore dovrà essere dotato di ausili, conservati in spazi appositi e separati; 2. ogni operatore deve indossare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ASSISTENTI FAMILIARI

CORSO DI FORMAZIONE ASSISTENTI FAMILIARI Assistenza Domiciliare 2012 CORSO DI FORMAZIONE ASSISTENTI FAMILIARI ASSISTENZA STARE VICINO A QUALCUNO PER AIUTARLO BISOGNO I BISOGNI SECONDO MASLOW: BISOGNI FISIOLOGICI BISOGNO DI SICUREZZA BISOGNO DI

Dettagli

Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche

Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche Unità didattica 4: Igiene personale: abilità pratiche In questa unità didattica verranno appresi alcuni consigli e alcune tecniche per lavare i soggetti disabili e gli aiuti tecnici disponibili per eseguire

Dettagli

L igiene. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** Puoi ordinare una copia qui. a) Cambio biancheria del letto:

L igiene. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** Puoi ordinare una copia qui. a) Cambio biancheria del letto: L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

L igiene del paziente

L igiene del paziente L igiene del paziente a cura di Enzo VISSANI L igiene personale garantisce che la pelle sia mantenuta in buone condizioni e quindi possa svolgere le sue funzioni che sono: protezione del corpo protezione

Dettagli

IGIENE PERSONALE OSPITI NEL RISPETTO DELLA PRIVACY

IGIENE PERSONALE OSPITI NEL RISPETTO DELLA PRIVACY Pag. 1 di 8 EFFETTUARRE UNA CORRETTA IGIENE PERSONALE ALL OSPITE NEL INDICE DELLE REVISIONI Numero Data Descrizione Paragrafi Variati Pagine Variate 00 01/02/16 Prima emissione TUTTI TUTTE RESPONSABILITA

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Raccomandazioni Generali: È prioritario inserire nei LEA la prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee e creare

Dettagli

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza

La prevenzione delle lesioni da pressione. a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza La prevenzione delle lesioni da pressione a cura di Eleonora Aloi Coord. Inf. Lungodegenza Le lesioni da pressione: Sono aree localizzate di danno della cute e del tessuto sottostante che si realizzano

Dettagli

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla Consigli ai genitori La dermatite atopica Come curarla I consigli Quando? Al momento di una diagnosi certa o nelle ricadute Come? Con spiegazioni orali, con scheda Perché Serve a rendere autonomo il genitore,

Dettagli

La lesione cutanea da allettamento

La lesione cutanea da allettamento Direzione Infermieristica e Tecnica Dipartimenti Cure Primarie di Ravenna, Faenza, Lugo Servizio Infermieristico Domiciliare La lesione cutanea da allettamento L'A B C per la famiglia Informazioni utili

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 03 Rev. 00 IGIENE ORALE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5

ISTRUZIONE OPERATIVA. Cod. IO 03 Rev. 00 IGIENE ORALE. Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5 INDICE ISTRUZIONE OPERATIVA Data 01/01/2014 Pagina 1 di 5 1. OBIETTIVO... 2 2. PERSONALE COINVOLTO E RESPONSABILITÀ... 2 3. FREQUENZA... 2 4. DOCUMENTI A SUPPORTO... 2 5. MATERIALE E MODALITÀ OPERATIVE...

Dettagli

RIFACIMENTO E CAMBIO DELLA BIANCHERIA NEL LETTO OCCUPATO DALL ASSISTITO

RIFACIMENTO E CAMBIO DELLA BIANCHERIA NEL LETTO OCCUPATO DALL ASSISTITO Procedure modulo A PROCEDURA 1 RIFACIMENTO E CAMBIO DELLA BIANCHERIA NEL LETTO OCCUPATO DALL ASSISTITO MATERIALE OCCORRENTE: Lenzuolo inferiore Lenzuolo superiore Coperta (da cambiare solo se è sporca

Dettagli

Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 31 Gennaio 2015

Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 31 Gennaio 2015 Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 31 Gennaio 2015 E molto importante possedere delle conoscenze di anatomia e fisiologia

Dettagli

ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO

ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI PAVIA Sede Legale: Viale Repubblica, 34-27100 PAVIA Tel. 0382 530596 - Telefax 0382 531174 www.ospedali.pavia.it ISTRUZIONI PRATICHE PER L IGIENE DEL NEONATO INTRODUZIONE

Dettagli

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA

LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA OPUSCOLO INFORMATIVO LA GESTIONE DELLA PERSONA CON CATETERE VESCICALE A PERMANENZA SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA Questa guida è stata pensata per aiutarla a

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo PREVENZIONE PROTEZIONE individuazione ed eliminazione dei pericoli alla fonte adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo 2 NORME GENERALI DI

Dettagli

Operazioni di igiene e manutenzione

Operazioni di igiene e manutenzione OPERAZIONI DI IGIENE Operazioni di igiene dei visi del manichino Laerdal Si consiglia di fornire un singolo viso del manichino a ciascuno studente per eliminare la necessità di decontaminazione tra uno

Dettagli

Universita degli studi di Pavia Corso di laurea in infermieristica Anno Accademico 2009/2010. Tecniche infermieristiche cliniche

Universita degli studi di Pavia Corso di laurea in infermieristica Anno Accademico 2009/2010. Tecniche infermieristiche cliniche 11 Maggio 2010 Universita degli studi di Pavia Corso di laurea in infermieristica Anno Accademico 2009/2010 Tecniche infermieristiche cliniche Igiene e cura della persona DOCENTE: Giacomo Colzani OBIETTIVI

Dettagli

Nozioni di base per assicurare una buona assistenza alla persona seguita a domicilio

Nozioni di base per assicurare una buona assistenza alla persona seguita a domicilio Nozioni di base per assicurare una buona assistenza alla persona seguita a domicilio Infermiera Margarita Pamela Cividale del Friuli, 30 gennaio 2012 Margarita Pamela 1 Tra il 1943 e il 1954 lo psicologo

Dettagli

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI

INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI INDICAZIONI PER IL LAVAGGIO DELLE MANI (Ministero della Salute - http://www.salute.gov.it) INTRODUZIONE Le mani sono un ricettacolo di germi; circa il 20% è rappresentato da microrganismi non patogeni,

Dettagli

ELENCO DEGLI ERRORI PRESENTI NEL DVD

ELENCO DEGLI ERRORI PRESENTI NEL DVD ELENCO DEGLI ERRORI PRESENTI NEL DVD A La realizzazione delle singole clip è stata progettata non tanto come declinazione in immagini della scheda di prestazione contenuta nel libro, quanto come contestualizzazione

Dettagli

INRCA. ResidenzaSanitaria MedicalizzataRiabilitativa

INRCA. ResidenzaSanitaria MedicalizzataRiabilitativa INRCA ResidenzaSanitaria MedicalizzataRiabilitativa Prefazione Il presente opuscolo vuol essere un supporto per le persone che hanno un familiare anziano ammalato e si trovano a dover gestire una situazione

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo

L IGIENE DEL NEONATO. Sempre con te, passo dopo passo L IGIENE DEL NEONATO CAMBIO DEL PANNOLINO BAGNETTO CURA DEL CORDONE OMBELICALE CURA DI OCCHI, ORECCHIE E NASO CURA DELLA CUTE TAGLIO DELLE UNGHIE VESTIARIO STERILIZZAZIONE Per ogni donna la maternità è

Dettagli

Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI

Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI Igiene e Prevenzione delle infezioni correlate alle pratiche assistenziali IL LAVAGGIO DELLE MANI Le infezioni nelle organizzazioni sanitarie Ospedali. Ambulatori medici. R.S.A. / Lunghe Degenze / Case

Dettagli

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee

La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Corso di base per Assistenti familiari 29 novembre 2014 Cascina Brandezzata La prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee Adele Calori Coordinatrice Infermieristica Argomenti della lezione v Competenze

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE

OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE GUIDA PRATICA PER LA GESTIONE DELLA PERSONA IN NUTRIZIONE ENTERALE A DOMICILIO SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA

Dettagli

LE ULCERE DA PRESSIONE

LE ULCERE DA PRESSIONE OPUSCOLO INFORMATIVO PER L'UTENTE E PER CHI LO ASSISTE LE ULCERE DA PRESSIONE SERVIZIO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE AZIENDA USL 12 VERSILIA Che cos'e l'ulcera da pressione? L'ulcera da pressione

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

TRACHEOSTOMIA: Nursing

TRACHEOSTOMIA: Nursing 6 Congresso Regionale FADOI Umbria 4 Congresso Regionale ANIMO Umbria Perugia 22 Novembre 2013 TRACHEOSTOMIA: Nursing Inf. Chiara CANTALUPO Malattie Apparato Respiratorio Az. Ospedaliera S. MARIA TERNI

Dettagli

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA

ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA AMBITO TERRITORIALE BR DISTRETTO SOCIO-SANITARIO BR nome: Data di nascita: SEDE DI VALUTAZIONE: DATA: ISTRUZIONI PER L UTILIZZO SCALA DI VALUTAZIONE RELATIVA ALLE PRINCIPALI ATTIVITÀ DI VITA QUOTIDIANA

Dettagli

BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE

BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE Dott. Michele Perrini U.O. DI RIANIMAZIONE AUSL BAT/1 BARLETTA 1 COLLARE CERVICALE presidio principe nell immobilizzazione atraumatica del rachide cervicale

Dettagli

Corso formazione alla Cura di malati di SLA

Corso formazione alla Cura di malati di SLA Corso formazione alla Cura di malati di SLA Respirazione - Segni e Sintomi NIV Tracheostomia Aspirazione Dott. P. Bruno UOC Pneumologia Az. Osp. Sant Andrea Roma Facoltà di Medicina e Psicologia Università

Dettagli

Medicazioni e bendaggi

Medicazioni e bendaggi Medicazioni e bendaggi MEDICAZIONI Con una medicazione è possibile coprire una ferita. Quando possibile una medicazione dovrebbe essere: Sterile. Se non è disponibile una medicazione sterile, usare un

Dettagli

[L IGIENE DELLA PERSONA]

[L IGIENE DELLA PERSONA] Corso di formazione per ausiliari di assistenza Maggio 2016 [L IGIENE DELLA PERSONA] [Docente: Monica Pedrotti] LA CUTE La cute è il tessuto epiteliale più esteso, più spesso e complesso di tutto il corpo,

Dettagli

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana

Dalla. PROTESI d ANCA. al ritorno alla vita quotidiana Dalla PROTESI d ANCA al ritorno alla vita quotidiana Opuscolo a cura di: RSA di Antey - Saint-André: Servizio di Riabilitazione Area Territoriale Fisioterapisti: Nicole Torresan e Nicoletta La Torre Tel.

Dettagli

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico

ESERCIZI PRATICI. ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico La al ESERCIZI PRATICI ESERCIZI PRATICI per il benessere fisico L attività fisica è fondamentale per sentirsi bene e per mantenersi in forma. Eseguire degli esercizi di ginnastica dolce, nel postintervento,

Dettagli

PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE

PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE PREVENZIONE/GESTIONE DEGLI ARROSSAMENTI E BRUCIORI CUTANEI NEL PAZIENTE INCONTINENTE Agenda Obiettivi e metodologia Sezione Medici di Medicina Generale Sezione pazienti Obiettivi della ricerca Approfondire

Dettagli

Guida informativa. Consulta il tuo farmacista per avere i prodotti TENA. Scopri quali sono gli ausili assorbenti prescrivibili in convenzione.

Guida informativa. Consulta il tuo farmacista per avere i prodotti TENA. Scopri quali sono gli ausili assorbenti prescrivibili in convenzione. Guida informativa Ausili assorbenti Consulta il tuo farmacista per avere i prodotti TENA. Scopri quali sono gli ausili assorbenti prescrivibili in convenzione. Una linea completa di protezioni specifiche

Dettagli

L INCONTINENZA URINARIA

L INCONTINENZA URINARIA L INCONTINENZA URINARIA MECCANISMO DELLA CONTINENZA La vescica si riempie Il segnale di vescica piena viene inviato al cervello Il cervello trattiene d urina in vescica Quando conveniente, il cervello

Dettagli

GUIDA per il CAREGIVER

GUIDA per il CAREGIVER GUIDA per il CAREGIVER Gentile Utente, questo opuscolo intende fornirle alcune informazioni e consigli sulla possibilità di collaborazione con il personale del Reparto per quanto riguarda l assistenza

Dettagli

IGIENE E SICUREZZA DELLA PERSONA E DELL AMBIENTE DOMESTICO

IGIENE E SICUREZZA DELLA PERSONA E DELL AMBIENTE DOMESTICO IGIENE E SICUREZZA DELLA PERSONA E DELL AMBIENTE DOMESTICO 3 I Quaderni di Mosaico MOSAICO PER LA FAMIGLIA I Quaderni di Mosaico Mosaico opera da dieci anni nelle case dei cittadini offrendo cure ed assistenza

Dettagli

Posture, mobilizzazioni e ausili

Posture, mobilizzazioni e ausili Corso per Assistenti familiari Posture, mobilizzazioni e ausili Ft Fabio Sandrin Posture Postura supina Decubito laterale Cambio di postura Va fatto almeno ogni 2 ore Nella posizione supina si piegano

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

ASL3 LANCIANO-VASTO. Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese Totale. Numero di pazienti on-line Totale. Numero di pazienti deceduti Totale

ASL3 LANCIANO-VASTO. Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese Totale. Numero di pazienti on-line Totale. Numero di pazienti deceduti Totale ASL3 LANCIANO-VASTO Numero di pazienti attivati nell'ultimo mese 13 Numero di pazienti on-line 84 Numero di pazienti deceduti 0 Numero di pazienti istituzionalizzati 95 ASL3 LANCIANO-VASTO 1 di 12 pazienti

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

Sostegno nell eliminazione urinaria e intestinale. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. ****

Sostegno nell eliminazione urinaria e intestinale. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio di ondate di calore. www.anpanacosenza.it

ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio di ondate di calore. www.anpanacosenza.it A.N.P.A.N.A. (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura e Ambiente) Sezione Provinciale di Cosenza e COMUNE DI PAOLA PROVINCIA DI COSENZA presentano ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio

Dettagli

Che cosa sono i coni vaginali? A che cosa servono i coni vaginali?

Che cosa sono i coni vaginali? A che cosa servono i coni vaginali? 9. I coni vaginali I coni vaginali sono stati ideati nel 1985 da Stanislov Plevnik come strumento di ausilio per valutare e rinforzare i muscoli del pavimento pelvico (perineo). Il pavimento pelvico forma,

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. )

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) MANUALE DI PRIMO SOCCORSO (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) IN OGNI CASO,PRIMA DI TUTTO CHIAMARE UN ADULTO O SE SIAMO COL BRANCO, UN VECCHIO LUPO 1) FERITE e ABRASIONI cutanee Cosa sono?

Dettagli

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente.

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Ecco una serie di consigli pratici per prevenire e affrontare i pericoli del caldo estivo. Questi consigli, validi

Dettagli

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

Modulo: Interventi assistenziali rivolti alla persona in rapporto a particolari situazioni di vita e tipologia di utenza

Modulo: Interventi assistenziali rivolti alla persona in rapporto a particolari situazioni di vita e tipologia di utenza Corso di formazione per Operatore Socio-Sanitario Modulo: Interventi assistenziali rivolti alla persona in rapporto a particolari situazioni di vita e tipologia di utenza Docente: dott.ssa M. A. Rechichi

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Dipartimento di Onco - Ematologia Direttore Dr. Luigi Cavanna U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Direttore Dr. Daniele Vallisa Coordinatore

Dettagli

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE

PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE PROCEDURA DEL CATETERISMO VESCICALE LAURA DA RE RESPONSBILITA DELL INFERMIERE E RIFERIMENTI LEGISLATIVI SULLA PRATICA DELL INSERIMENTO DEL CATETERE VESCICALE TALE TECNICA E DI COMPETENZA INFERMIERISTICA

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n...

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA A. GEMELLI- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA. Protocollo n... UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA "A. GEMELLI"- ROMA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Protocollo n... Cure Igieniche nel Paziente dipendente 1. Prevenire l insorgenza

Dettagli

DIABETE E CURA DEI PIEDI

DIABETE E CURA DEI PIEDI DIABETE E CURA DEI PIEDI Un aspetto fondamentale del controllo del diabete è la cura appropriata dei piedi. È possibile ridurre o prevenire complicazioni gravi con una buona igiene del piede. Il vostro

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

2. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO. Assicurare l igiene e la sicurezza degli ambienti e della persona

2. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO. Assicurare l igiene e la sicurezza degli ambienti e della persona 2. STRUMENTI PER QUALIFICARE IL LAVORO DI CURA A DOMICILIO Assicurare l igiene e la sicurezza degli ambienti e della persona 1 opuscolo 2.indd 1 13-03-2004 15:51:36 Realizzazione a cura della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO

PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO PRECAUZIONI STANDARD contro il RISCHIO BIOLOGICO Manuale di informazione per i Collaboratori Scolastici delle Istituzioni scolastiche statali impegnati nelle operazioni di assistenza agli alunni portatori

Dettagli

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso 6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso In qualità di assistente è possibile trovarsi nelle condizioni in cui è necessario avere alcune nozioni di pronto soccorso. Un modo per apprendere queste competenze

Dettagli

Puoi ordinare una copia qui. ****

Puoi ordinare una copia qui. **** L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

Pulire il Rame. Pulire Ottone

Pulire il Rame. Pulire Ottone Pulire il Rame La pulizia del rame viene effettuata come facevano i vecchi.si scioglie del sale con dell aceto o con del succo di limone e si strofina con uno straccio o una spugnetta non abrasiva tutta

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

Manutenzione perfetta per una lunga durata del vostro apparecchio acustico

Manutenzione perfetta per una lunga durata del vostro apparecchio acustico Manutenzione perfetta per una lunga durata del vostro apparecchio acustico Come asciugare correttamente l apparecchio acustico L umidità costituisce una minaccia per la delicata tecnologia degli apparecchi

Dettagli

Tricotomia pre-operatoria

Tricotomia pre-operatoria Tricotomia pre-operatoria Introduzione La corretta preparazione pre-operatoria della cute del paziente è uno degli elementi chiave nel controllo delle infezioni del sito chirurgico. La tricotomia, considerata

Dettagli

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA

CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA CONSIGLI PER LA CURA E LA PULIZIA DELL ACCIAIO INOX E DELLE APPARECCHIATURE DI CUCINA Introduzione La qualità dell acciaio utilizzato nella costruzione delle attrezzature per le cucine professionali è

Dettagli

Per continuare il percorso riabilitativo a casa

Per continuare il percorso riabilitativo a casa Per continuare il percorso riabilitativo a casa Il trattamento riabilitativo è in grado di: determinare una riduzione dell affanno; migliorare la capacità di esercizio fisico; migliorare la qualità della

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

Regolamento di pasticceria

Regolamento di pasticceria Regolamento di pasticceria Norme igieniche Della persona Non si possono portare orecchini, bracciali, collane e anelli in laboratorio. Avere sempre le mani pulite con unghie corte e senza smalto. Non mettere

Dettagli

Always here to help you. Register your product and get support at www.philips.com/welcome. RQ1100 Series. User manual

Always here to help you. Register your product and get support at www.philips.com/welcome. RQ1100 Series. User manual Always here to help you Register your product and get support at www.philips.com/welcome RQ1100 Series User manual 1 94 Italiano Descrizione generale (fig. 1) A Rasoio 1 Display 2 Pulsante on/off rasoio

Dettagli

Igiene orale tradizionale

Igiene orale tradizionale www. wa t er pi k. c om. hk 58 BENVENUTO Igiene orale tradizionale Complimenti, scegliendo l idropulsore dentale Waterpik Ultra siete sulla strada giusta per ottenere una migliore salute gengivale e un

Dettagli

I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI. Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle.

I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI. Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle. I PIEDI DELLA PERSONA DIABETICA: CONSIGLI UTILI Livelli alti di zucchero nel sangue possono causare problemi ai piedi e alla pelle. IL PIEDE DIABETICO Lo sapevi che il Diabete può creare danni alle gambe

Dettagli

BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA pag. 76. BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA RIPOSIZIONABILE pag. 76. MANOPOLA IMPERMEABILE pag. 77

BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA pag. 76. BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA RIPOSIZIONABILE pag. 76. MANOPOLA IMPERMEABILE pag. 77 BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA pag. 76 BAVAGLIO CON TASCA DI RACCOLTA RIPOSIZIONABILE pag. 76 MANOPOLA IMPERMEABILE pag. 77 MANOPOLA IN SPUGNA SAPONATA pag. 77 GUANTO SAPONATO IMPERMEABILE pag. 78 SET

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Università Politecnica delle Marche Studente: Corso di Laurea in Infermieristica sede di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE

Dettagli

L igiene del paziente.

L igiene del paziente. Struttura Complessa di Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica Direttore: Prof. Aniello De Nicola Coordinatore Infermieristico F. Paolo Riti Centro di Rianimazione L igiene del paziente. Il primo passo

Dettagli

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di:

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: COME INDOSSARLE... APPLICAZIONE E RIMOZIONE E MANUTENZIONE DELLE LAC Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: Manipolare le lenti a contatto sopra una superficie

Dettagli

UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO

UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO I.P. UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO QUESTO OPUSCOLO È STATO REALIZZATO PER FORNIRE UTILI CONSIGLI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI. FAVORISCI LA SUA DIFFUSIONE TRA LE FASCE DI POPOLAZIONE IN ETÀ PIÙ AVANZATA. GRAZIE.

Dettagli

Dipartimento Organi di Senso. SOD Oculistica Direttore: Prof. Ugo Menchini. Guida all Intervento. www.aou-careggi.toscana.it

Dipartimento Organi di Senso. SOD Oculistica Direttore: Prof. Ugo Menchini. Guida all Intervento. www.aou-careggi.toscana.it Dipartimento Organi di Senso Guida all Intervento SOD Oculistica Direttore: Prof. Ugo Menchini L INTERVENTO DI CATARATTA IN CHIRURGIA AMBULATORIALE www.aou-careggi.toscana.it Per la buona riuscita dell

Dettagli

LAVAGGIO DELLE MANI 1

LAVAGGIO DELLE MANI 1 LAVAGGIO DELLE MANI 1 Piccoli cenni storici Per secoli il lavaggio delle mani con acqua e sapone è stato considerato una misura di igiene personale, mentre la connessione con la trasmissione delle malattie

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica sede di Ascoli Piceno ATTIVITA DI CERTIFICAZIONE NELL AMBITO DELLA DIDATTICA TUTORIALE Igiene e cura della persona: IGIENE BAGNO A

Dettagli

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona

Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona IMBRACATURE Tecnosad nasce nel 1998 con il preciso intento di migliorare l efficienza e la qualità degli strumenti di movimentazione riferiti alla persona assistita o non autosufficiente. Chi deve assistere

Dettagli

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts

SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts SCALA DI NORTON modificata secondo Nancy A. Scotts INDICATORI 1 2 3 4 indice Condizioni generali: livelli di assistenza richiesti per le ADL( fare il bagno, di vestirsi, di usare i servizi igienici, mobilità,

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTO DOMENICO TRINCHERI

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTO DOMENICO TRINCHERI AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTO DOMENICO TRINCHERI CASA DI RIPOSO CITTÀ DI ALBENGA Uffici tel. 0182 52.274 Residenzialità tel. 0182 571097 P.IVA 00445200090 DOCUMENTO 2: PROCEDURE OPERATORI

Dettagli

Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Guida al paziente con frattura di femore trattato con UNITA' OPERATIVA SERVIZI DI ASSISTENZA RIABILITATIVA AI SOGGETTI DISABILI DISTRETTO GHILARZA - BOSA Responsabile Dr.ssa Luisella Congiu 0785/562535 Guida al paziente con frattura di femore trattato con

Dettagli

INDICE. Igiene e cura della persona 1 AUTORI PREFAZIONE GUIDA ALLA LETTURA XI XIII XXI CAPITOLO 1. Igiene e cura degli occhi 2

INDICE. Igiene e cura della persona 1 AUTORI PREFAZIONE GUIDA ALLA LETTURA XI XIII XXI CAPITOLO 1. Igiene e cura degli occhi 2 I AUTORI PREFAZIONE GUIDA ALLA LETTURA XI XIII XXI CAPITOLO 1 Igiene e cura della persona 1 PRESTAZIONE 1.1 Igiene e cura degli occhi 2 PRESTAZIONE 1.2 Igiene e cura delle orecchie 4 PRESTAZIONE 1.3 Igiene

Dettagli

Modo di Uso CUOIO CAPELLUTO

Modo di Uso CUOIO CAPELLUTO Modo di Uso CUOIO CAPELLUTO Al mattino si applicherà, frizionando vigorosamente, la Shivax Plus. Ripetere l'applicazione con la Shivax Plus la sera. Il look sarà quello di una persona che utilizza il gel.

Dettagli

Amo il mio lavoro e mi prendo cura delle mie mani. Materiale per la formazione dei parrucchieri

Amo il mio lavoro e mi prendo cura delle mie mani. Materiale per la formazione dei parrucchieri La sicurezza si può apprendere Amo il mio lavoro e mi prendo cura delle mie mani. Materiale per la formazione dei parrucchieri Obiettivo I lavoratori imparano a proteggersi le mani. Formatori Datori di

Dettagli

Scarpone da trekkingalpinismo. Scarpa da trekking

Scarpone da trekkingalpinismo. Scarpa da trekking COSA PORTARE NELLO ZAINO EQUIPAGGIAMENTO DA TREKKING E DA ESCURSIONISMO Quando si prepara lo zaino vengono sempre gli sessi dubbi...questo lo porto o non lo porto??...e questo mi servirà?? Se avete dei

Dettagli

Lista di controllo La protezione della pelle nell industria alimentare e nei servizi di ristorazione collettiva e catering

Lista di controllo La protezione della pelle nell industria alimentare e nei servizi di ristorazione collettiva e catering Sicurezza realizzabile Lista di controllo La protezione della pelle nell industria alimentare e nei servizi di ristorazione collettiva e catering Potete affermare che nella vostra azienda si presta sufficiente

Dettagli

DIVISIONE CONVIVENZE

DIVISIONE CONVIVENZE SISTEMA DI SANIFICAZIONE STOVIGLIE l) ammollo igienizzante; 2) detersione meccanica o manuale; 3) asciugatura meccanica o manuale con carta monouso o per naturale vaporazione. KEY 01 KEY 02 indicato per

Dettagli