MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA"

Transcript

1 1 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA AL PRESIDENTE CORTE D APPELLO CATANIA Oggetto: Relazione annuale sull andamento della giustizia nel distretto (periodo 01/ 07/ / 06/2013 ) UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA ORGANIZZAZIONE LOGISTICA Ubicazione: Viale Scala Greca n. 181/A Recapiti telefonici: / Fax : / Direzione: L Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Siracusa è ubicato al primo piano di uno stabile di civili abitazioni. Ha una superficie di 600 mq e dispone di 18 stanze, oltre la sala d attesa, le due sale riservate ai colloqui e la sala riunioni. Gli arredi sono in ottime condizioni e sufficienti alle unità in servizio. ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO Dal lunedì al venerdì ore 9,00 ore 13,00 martedì e giovedì ore 9,00 ore 13,00 ore 15,00 - ore 17,00 1 1

2 2 TERRITORIO DI COMPETENZA Il territorio di competenza è costituito, oltre che dalla città di Siracusa, da 20 Comuni della Provincia. Trattasi quindi di un area alquanto vasta che confina da una parte con il territorio di Ragusa e dall altra con il territorio di Catania. L ufficio rientra nella competenza dell Ufficio di Sorveglianza di Siracusa e del Tribunale di Sorveglianza di Catania. Gli interventi istituzionali previsti dalla normativa in vigore ricadono sui sottolelencati Istituti Penitenziari : Casa Circondariale di Siracusa Casa di Reclusione di Augusta Casa di Reclusione di Noto SETTORI DELL U.E.P.E. Funzionalmente l Ufficio è articolato in tre aree: area contabile; area di segreteria; area di servizio sociale. Il Personale in servizio nel gran parte del periodo da voi indicato è stato costituito da: N. 1 Direttore Reggente N. 1 Capoarea area di segreteria N1 Capoarea di Servizio Sociale Dal 1 giugno 2013, in seguito al pensionamento del direttore, è stato nominato un direttore reggente che, per evidente carenza di organico ha mantenuto anche la funzione di direttore dell area di servizio sociale. La capoarea dell area contabile, assente per motivi di salute è stata poi posta in pensione dall aprile Tale ambito operativo è stato assicurato da un operatore in missione da altro servizio, due volte la settimana. 2 2

3 3 N. 8 Funzionari della professionalità di Servizio Sociale appartenenti alla terza area funzionale: A3 F3- F2-F1 N 7 operatori amministrativi appartenenti a aree funzionali diversificate: n 1 A3 F 2 n 1 A3 F 1; n 1 A2 F4 (contabile a riposo dal 01/07/2013); n 3 A2 F2; n 1 A2 F1. n 1 operatore centralinista n 1 unità appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria che svolge prevalentemente funzioni di autista ORGANIZZAZIONE INFORMATICA L Ufficio usufruisce: della RUPA, Casella di Posta elettronica, collegamento ad Internet, Collegamenti in rete su intranet per i servizi: SDI, SIDET, SIAT Si avvale dei programmi per l area contabile, SICOGE e GE.CO. Per l area tecnica utilizza il Programma PEGASO Per la segreteria amministrativa si dispone dei SIGP 2 e di una Banca dati relativa ai percorsi formativi degli operatori. La strumentazione informatica non risulta sufficiente in quanto molti strumenti sono obsoleti in rapporto sia alle unità presenti che alle esigenze dell ufficio e ciò comporta di tanto in tanto un blocco di una delle tanta attività in corso. COMPETENZE Come già rilevato nella precedente relazione, l attività dell U.E.P.E. si articola principalmente su quattro ambiti: 1) L esecuzione penale esterna è il principale ambito di intervento degli UEPE istituiti dalla Legge 27/Luglio 2005 n. 154 che ha modificato l art. 72 della Legge 26 Luglio 1975 n. 354, che costituiva i Centri di Servizio 3 3

4 4 Sociale per Adulti della Amministrazione Penitenziaria. Il loro coordinamento è affidato agli uffici EPE presso i Provveditorati Regionali dell A. P. Di seguito sono descritte le attività principali specifiche del servizio: Attività di consulenza e supporto al trattamento all interno degli istituti penitenziari per favorire il buon esito del trattamento penitenziario; Lavoro di équipe e stesura della relazione di sintesi; sostegno e verifica dei primi momenti di sperimentazione esterna ( permessi premio licenze). Segretariato sociale: informazioni agli utenti circa la normativa penitenziaria, sulle procedure e sui Servizi Sociali del Territorio. Detto Servizio è aperto anche a tutti i cittadini interessati. Il servizio si interseca, completandosi, con le attività proprie dell Ufficio Relazioni con il Pubblico ( URP). Progettazione territoriale: gli UEPE mantengono le competenze che derivano dalla legge 354/75, dal regolamento di esecuzione e successive modifiche. Inoltre, in sintonia con gli orientamenti legislativi (L. 328/2000) gli UEPE partecipano alla costruzione di processi di co - progettazione con i diversi attori sociali presenti nel territorio quali Enti Locali, Servizi sociosanitari, Associazioni, Cooperative sociali, Università, ecc per facilitare la realizzazione dei percorsi di inserimento sociale. ATTIVITA Descrivere minuziosamente l attività di un UEPE potrebbe risultare interessante, ma dispersiva nell esposizione perché densa di numerose variabili delle tipologie d intervento. Si riportano, pertanto, le denominazioni delle aree su cui ogni fine anno si basa la relazione conclusiva di tutte le attività dell Ufficio da inviare al Superiore Provveditorato Regionale. 4 4

5 5 - Attività istituzionale e miglioramento dei processi di servizio: esecuzione delle misure alternative; attività di Osservazione e trattamento; pianificazione e realizzazione di azioni per le attività di supporto. - Contesto Organizzativo: sviluppo del sistema ufficio; gestione del personale e delle risorse strumentali e logistiche; l integrazione multi professionale e l attività dei gruppi di lavoro. - Attività progettuale e rapporti istituzionali: progetti per la rieducazione e l inclusione sociale e lavorativa dei condannati; intese e raccordi istituzionali per la definizione dei programmi di trattamento; rapporti con la magistratura di sorveglianza e le altre Agenzie per la sicurezza. - Interventi per l orientamento tecnico operativo: Formazione e promozione delle buone prassi; valutazione e verifica dell agire professionale. 1) Casi più significativi seguiti nel periodo considerato N. 94 casi di Affidamento in prova al servizio Sociale N. 71 casi di Detenzione domiciliare. N. 13 casi di Semilibertà. N. 01 casi collaborazioni affidamenti N. 2 casi di lavoro all esterno concesso a detenuti N 18 lavori di pubblica utilità N 537 attività di osservazione si intramuraria che all esterno N 197 indagini socio-familiari per richiesta altri Uepe o da parte della magistratura Per quanto riguarda le osservazioni in istituto tutti i soggetti sono maschi in quanto negli istituti di competenza dell U.E.P.E. di Siracusa non sono previste sezioni femminili. Per le osservazioni dalla libertà, propedeutiche quindi alla concessione di misure alternative, si rilevano interventi professionali nei confronti di 5 5

6 6 persone di genere femminile, ma in numero esiguo, così come le richieste di indagini socio familiari pervenute in favore di donne recluse in altre carceri del territorio italiano. Anche in misura alternativa alla detenzione il dato numerico che attiene ai soggetti appartenenti al genere femminile si presenta esiguo. 2) Progettazione per inclusione sociale Nel periodo interessato sono stati avviati quattro tirocini formativi per un periodo in media di due-tre mesi ciascuno, diretti a soggetti con reati comuni e a soggetti con una storia legata alla tossicodipendenza. L esiguità delle somme accreditate per tale finalità non ha permesso altri inserimenti. Nel maggio 2012 si è avviato un progetto d inclusione sociale denominato Coltivare la Libertà, gestito da un insieme di Enti e finanziato attraverso la comunità Europea dalla regione Sicilia. Questo progetto permette all UEPE, attraverso un rapporto di collaborazione di segnalare soggetti in misura alternativa sia per una attività di orientamento che per un inserimento di sei mesi in workexsperience. Nel 2013 si collabora all attuazione di un progetto Vola verso l obiettivo lavoro, finanziata dalla legge 328/00 nel distretto n. 46 che prevede l inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati tra cui soggetti in misura alternativa. 3) Programmazione sul territorio L Uepe di Siracusa partecipa ai lavori del Gruppo Piano sui 4 distretti di competenza,noto, Augusta, Siracusa e Lentini, previsti dalla legge 328/2000, attraverso delle AASS delegati dalla direzione. 6 6

7 7 4) Formazione Nel periodo in esame tutti gli operatori dell UEPE hanno seguito dal gennaio al marzo 2013 un percorso di formazione relativo al benessere organizzativo che ha previsto n 6 incontri tenutesi presso i locali dell ufficio. CRITICITA Le criticità emergono da quanto sopra descritto: Grave carenza di personale di servizio sociale insufficiente a rispondere nei tempi dovuti alle richieste che pervengono. Grave carenza nell area contabile che ad oggi è coperta da n 1 contabile e n 1 ragioniere, in missione una volta la settimana.. Carenza di operatori informatici. Carenza fondi degli Enti territoriali (comuni, provincia, regione, etc.) per l implementazione dell inclusione sociale. Difficoltà a monitorare il fenomeno criminogeno del territorio per mirare gli interventi nei confronti di soggetti sottoposti a misure restrittive e limitative della libertà. Carenza di aggiornamento sui diversi fenomeni sociali. Difficoltà di implementare il lavoro di RETE fra i vari servizi del territorio che risulta essere ancora limitato. UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA Sede di Servizio Ragusa ORGANIZZAZIONE LOGISTICA Ubicazione: Via Roma n. 212 Recapiti telefonici:

8 8 Fax : Direzione: La sede di servizio di Ragusa, dipendente dall U.E.P.E di Siracusa, è stata istituita nel settembre del E ubicata al terzo piano di un edificio adibito ad uffici. Ha una superficie di 340 mq e dispone di 8 stanze oltre la sala d attesa, la stanza riservata ai colloqui con l Utenza ( segretariato e U.R.P.) e la sala riunioni. Gli arredi sono in ottime condizioni e sufficienti alle unità in servizio. ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO Dal lunedì al venerdì ore 9,00 - ore 13,00 Martedì e giovedì ore 9,00 - ore 13,00 / ore 15,00 - ore 17,00 ORARI DI RICEVIMENTO DELL U.R.P. Martedì e Giovedì ore TERRITORIO DI COMPETENZA Il territorio di competenza è costituito, oltre che dalla città di Ragusa, da 11 Comuni della Provincia. Trattasi quindi di un area abbastanza vasta che confina con il territorio di Siracusa e con il territorio di Catania e Caltanissetta. L ufficio rientra nella competenza dell Ufficio di Sorveglianza di Siracusa e del Tribunale di Sorveglianza di Catania.Per gli interventi istituzionali previsti dalla normativa in vigore si ha competenza sugli Istituti di pena di: Casa Circondariale di Ragusa e Casa Circondariale di Modica SETTORI DELL U.E.P.E. Funzionalmente l Ufficio è articolato in due aree, dipendendo contabilmente dalla Casa Madre di Siracusa,: area di segreteria il cui responsabile ha sede nell UEPE di Siracusa 8 8

9 9 area di servizio sociale delegata al Responsabile della Sede stessa. ORGANICI EFFETTIVE PRESENZE e nuove posizioni economiche N. 1 Direttore Reggente (sede di Siracusa e Ragusa) N. 1 Responsabile Sede area di Servizio Sociale. (A3 F3) N. 6 assistenti sociali : ( n.1 A3F4, n.1 A3F3, n.1a3f2, n.3 A3F1) Assistenti amministrativi n. 1 A2 F3 e n. 3 A2 F2 ; n.1 Assistente tecnico A2F3. ORGANIZZAZIONE INFORMATICA L Ufficio usufruisce: della RUPA, Casella di Posta elettronica, collegamento ad Internet, Collegamenti in rete su intranet per i servizi: SDI, SIDET, SIAT, Casellario giudiziale, SIGP 2. La segreteria dell area dell esecuzione penale informatizza i dati relativi alla tenuta dei fascicoli dell utenza mediante il programma PEGASO, predisposto dal Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria. L informatizzazione relativa all area contabile rimane di pertinenza solo della Casa Madre di SR. COMPETENZE L attività dell UEPE è articolata principalmente su quattro ambiti: 1) l esecuzione penale esterna; 2) consulenza e supporto al trattamento all interno degli Istituti Penitenziari; 3) segretariato sociale; 4) progettazione sociale. Le competenze degli U.E.P.E. sono definite dalla legge 354/75 e successive modifiche e dal regolamento di esecuzione, D.P.R. 230/2000; si rimanda, pertanto, a quanto già descritto dettagliatamente circa l U.E.P.E. di Siracusa. ATTIVITA 9 9

10 10 1) Casi in carico Per l attività svolta dall Ufficio nel periodo richiesto si riportano i dati rilevati dalle statistiche sui carichi di lavoro, secondo le diverse tipologie di incarico. Per quanto concerne la classe d età ed il genere dell utenza, pur non avendo effettuato una rilevazione specifica, ci si può uniformare all andamento osservato durante il precedente periodo su cui si è già relazionato. Si evidenzia che presso la casa Circondariale di Ragusa non troviamo più né la sezione femminile né la sezione per minorati fisici. Per quanto riguarda le osservazioni nei due Istituti di competenza, C.C. Ragusa e C.C. Modica, il numero di casi gestiti durante il periodo richiesto è stato di 239 casi. Per quanto invece concerne le osservazioni dalla libertà, propedeutiche quindi alla concessione di Misure alternative alla detenzione, sono state n. 90. I casi di Affidamento in prova al Servizio Sociale sono stati n.117 Quelli in Detenzione Domiciliare sono stati n.100. Soggetti seguiti in semilibertà n. 08. Vi sono state n.10 collaborazioni con altri UEPE per la cogestione di casi in M.A. (n.07 semilibertà; n.03 affidamenti). Sono stati seguiti n. 19 soggetti in libertà vigilata, n. 06 soggetti per lavoro all esterno, n. 02 per lavoro di pubblica utilità, n. 03 per permessi-premio. Altri incarichi hanno riguardato n. 106 indagini per diverse finalità di legge (indagini per applicazione o revoca di misure di sicurezza, accertamenti di domicilio e indagini per altri UEPE). Progettazione per inclusione sociale

11 11 L attività progettuale dell Ufficio si determina in sintonia con gli obiettivi istituzionali e con le iniziative di formazione ed aggiornamento del Personale. La rete di supporto relativa al recupero e al reinserimento sociale negli anni si sta cercando di renderla più solida e solidale. Ci si avvale sempre, anche se in misura molto più ridotta, dei fondi assegnati dal Ministero della Giustizia a questo UEPE per l inserimento in tirocini formativi di soggetti in M.A. con problemi di dipendenza o no. Per la sede di Ragusa, con i fondi assegnati, sono stati finanziati due tirocini formativi presso la Cooperativa Sociale PEGASO di Ragusa, che gestisce servizi cimiteriali e di rete idrica per il Comune di Ragusa. Per la progettazione e la realizzazione di inclusione sociale, i principali interlocutori sul territorio sono gli Enti Pubblici e privati quali : Ser.T. - DSM - Assessorati Comunali alle Politiche Sociali - Comunità terapeutiche per tossicodipendenti, Comunità Terapeutiche Assistite per soggetti con disabilità psichica - Cooperative Sociali ed altre realtà del Terzo Settore. E tuttora in corso il progetto di inclusione sociale Coltivare la libertà, già avviato nel giugno 2012, finanziato con FSE e gestito dalla coop. sociale L Arcolaio e relativi partners, che prevede attività di consulenza e orientamento al lavoro per i soggetti in esecuzione penale esterna che ne fanno richiesta e 19 work-esperience di soggetti selezionati con apposita graduatoria per l acquisizione di competenze professionali presso aziende del territorio, in vari settori produttivi. Le work-esperience prevedono una indennità di 5,00 orarie per circa 600 ore di attività. Buone ed improntate a proficua collaborazione sono le relazioni con i Commissariati di P.S. e le Stazioni dei Carabinieri della provincia. 3) Altri Interventi

12 12 Fino al giugno 2013 l U.E.P.E. di Ragusa ha potuto contare sull apporto professionale di una esperta psicologa, designata sulla base delle indicazioni del Progetto Mare Aperto, approvato dal Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria, per complessive n. 15 ore. Il lavoro dell esperta, in continuità con gli anni precedenti, ha avuto il fine di potenziare il metodo multiprofessionale fondato sul lavoro di gruppo o di équipe e di aumentare le opportunità di reinserimento sociale dei condannati, favorendo lo sviluppo di analisi multifattoriale delle condizioni che hanno determinato comportamenti devianti, attraverso l attivazione di interventi più mirati ed efficaci rispetto ad un possibile recupero delle condotte antisociali. L Ufficio ha continuato ad impegnarsi per la visibilità esterna del contenuto risocializzante delle misure alternative alla detenzione, promuovendo ed attivando reti di collaborazione con agenzie del territorio che a vario titolo intervengono sulle tematiche della prevenzione e del trattamento della devianza. 4) Programmazione sul territorio La partecipazione ai lavori del Gruppo Piano (L.328/00) ha continuato ad impegnare l Ufficio E.P.E., che ha assicurato la presenza di propri referenti agli incontri programmati presso i singoli distretti socio-sanitari di Ragusa, Modica e Vittoria. L UEPE di Ragusa ha, inoltre, stipulato un accordo operativo con il Tribunale di Ragusa per l applicazione delle sanzioni sostitutive del Lavoro di Pubblica Utilità (LPU), contribuendo ad ampliare la rete di Associazioni ed Enti convenzionati con lo stesso Tribunale, contribuendo anche a rendere efficace la finalità del LPU, nella sua fase esecutiva

13 13 OBIETTIVI DELL U.E.P.E. 1) FORMAZIONE Dal mese di giugno 2012 al giugno 2013 l UEPE di Ragusa non ha partecipato ad attività formative organizzate dall Amministrazione Penitenziaria. E opportuno, tuttavia, indicare che 3 funzionari della professionalità di servizio sociale hanno beneficiato di permessi-studio per la partecipazione al Master di 2 livello in Criminologia, realizzato dall Università di Catania per l Anno Accademico , frequentando le lezioni settimanali presso il Consorzio Universitario di Caltanissetta, sostenendo esame finale nel mese di luglio I contenuti del Master hanno una ricaduta piena sull attività di servizio sociale, con indicazioni teorico-pratiche che consentono di specializzare gli interventi di trattamento degli utenti in esecuzione penale. CRITICITA Le carenze risultano essere in comune con quelle elencate relativamente all UEPE di Siracusa

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA Ass. Sociale Dottoressa Maria Biondo Ass. Sociale Dottoressa Laura Borsani Istituzione, competenze e funzioni degli U.E.P.E. Gli Uffici

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO - Considerato in premessa che le parti impegnate nel presente Accordo

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio Email istituzionale Fioria Francesca 10/06/1969 II Fascia MINISTERO

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a:

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a: Protocollo di intesa tra la Regione Piemonte, la Città di Torino, l Università degli Studi di Torino, la Casa Circondariale Lorusso e Cutugno, l Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, l Ufficio Pio della

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI UEPE. Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE

CARTA DEI SERVIZI UEPE. Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE PROGETTO RIPROVA UEPE CARTA DEI SERVIZI UEPE Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE Ministero Della Giustizia Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale Marche 1 CChhee cc oo

Dettagli

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E.

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. Parma 17 ottobre 2014 UFFICI ESECUZIONE PENALE ESTERNA L UEPE ex Centro di Servizio

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

A relazione dell'assessore Cerutti:

A relazione dell'assessore Cerutti: REGIONE PIEMONTE BU14 09/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2015, n. 14-1180 Approvazione del Protocollo d'intesa tra la Regione Piemonte, la Citta' di Torino, l'universita' degli Studi

Dettagli

SCHEDA DI MONITORAGGIO

SCHEDA DI MONITORAGGIO SCHEDA DI L.r. 8/2005 - Dgr 1004 del 29 novembre 2013 BIENNIO 2014-2015 Dati identificativi del progetto Ente titolare del progetto: Associazione Carcere Territorio Bergamo Data convenzione con ASL: 10/06/2014

Dettagli

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ DALLA MISURA PENALE AL REINSERIMENTO: LINEE D INTERVENTO DEL COMUNE DI PARMA (Lia Barone) Nello sviluppo di azioni

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

Dirigente - CASA CIRCONDARIALE REBIBBIA FEMMINILE ROMA

Dirigente - CASA CIRCONDARIALE REBIBBIA FEMMINILE ROMA INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL GROSSO IDA Data di nascita 01/02/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - CASA CIRCONDARIALE

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI SCIENZE STORICHE, FILOSOFICO-SOCIALI, DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN FORMAZIONE INTERMEDIATORI DEL

Dettagli

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna.

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna. Allegato alla Delib.G.R. n.32/ 45 del 15.9.2010 L.R. n. 1 del 24.2.2006, art 9, comma 11. L.R. n. 2 del 29.5.2007, art 33, comma 11. Finanziamento di un programma di attività finalizzate al recupero e

Dettagli

L Area Penale del Dipartimento Dipendenze dell Az. ULSS 9 tra buone prassi e costruzione della rete

L Area Penale del Dipartimento Dipendenze dell Az. ULSS 9 tra buone prassi e costruzione della rete L Area Penale del Dipartimento Dipendenze dell Az. ULSS 9 tra buone prassi e costruzione della rete Area Penale DEFINIZIONE: Una cornice di lavoro e di riflessione che mette in sistema gli operatori e

Dettagli

LEGGE 328/2000 PdZ Distretto socio-sanitario D. 16 - Progetto Pronto Intervento sociale

LEGGE 328/2000 PdZ Distretto socio-sanitario D. 16 - Progetto Pronto Intervento sociale PdZ Distretto socio-sanitario D. 16 - Progetto Pronto Intervento sociale INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE L INSERIMENTO SOCIOLAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI Azioni 1 sub.1, 2, 3 e 4 I ANNUALITA AREA DI

Dettagli

La finalità del presente avviso è quella di individuare i soggetti interessati alla co-progettazione per l anno 2014-2015

La finalità del presente avviso è quella di individuare i soggetti interessati alla co-progettazione per l anno 2014-2015 Avviso rivolto ai soggetti istituzionali, del Terzo settore e alle agenzie di spettacolo e culturali, con esperienza almeno biennale maturata nel Friuli Venezia Giulia nel settore penitenziario della devianza

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 Attività in sede Si effettuano colloqui di orientamento per persone che si trovano in arresti domiciliari o sottoposte ad altre misure alternative alla

Dettagli

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.»

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» LEGGE REGIONALE 18 OTTOBRE 2006, N. 13 «Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 50 DEL 31 OTTOBRE

Dettagli

Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività

Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività La Cooperativa Sociale Articolo 3 ONLUS nasce a Milano nel dicembre del 1998 dalla volontà e dal lavoro di un gruppo di operatrici sociali con particolari

Dettagli

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale Regione Umbria - Consiglio Regionale XXIII Sessione Straordinaria Deliberazione n. 94 del 10 ottobre 2006 Legge Regionale Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative

Dettagli

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009

Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 337 del 6.03.2012 pag. 1/9 Disposizioni in materia di tirocini ai sensi dell art. 41 della legge regionale n. 3 del 2009 - Art. 1 Definizioni...2 - Art.

Dettagli

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO Il protocollo operativo tra Ministero della Giustizia, e Tribunali di Sorveglianza

Dettagli

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore di Studi Penitenziari,

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Dirigente Istituto penitenziario. Dirigente - Casa di Reclusione Milano Opera

Dirigente Istituto penitenziario. Dirigente - Casa di Reclusione Milano Opera INFORMAZIONI PERSONALI Nome Menenti Maria Vittoria Data di nascita 09/08/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Istituto penitenziario MINISTERO DELLA

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA

Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA Legge Regionale N. 18 Del 04-03-1977 REGIONE CAMPANIA >. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 45 Adunanza 29 ottobre 2012 OGGETTO: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA CITTÀ DI TORINO, LA PROVINCIA DI TORINO, L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO,

Dettagli

IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE

IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE Ruolo del Dipartimento di Salute Mentale nella prevenzione all invio in OPG a cura di Renata Bracco Bolzano, 30 novembre 2013 Il territorio del DSM di ASS1 Provincia di

Dettagli

Dirigente Generale - Provveditore Regionale

Dirigente Generale - Provveditore Regionale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cantone Carmelo Data di nascita 24/12/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente Generale -

Dettagli

Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale

Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale Corso di formazione con attribuzione di crediti da parte dell Ordine degli Avvocati di Milano Aula Magna Ufficio del Giudice di Pace Via Francesco

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO Tra Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale di Bari e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia e Unione Italiana dei Ciechi o.n.l.u.s. Sede Regionale

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato.

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato. PROTOCOLLO D INTESA Tra Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria - Provveditorato Regionale di Bari Ufficio Esecuzione Penale Esterna e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia della Puglia Atteso

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana -

Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - AREA:

Dettagli

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria COORDINAMENTO NAZIONALE GIUSTIZIA Prot. n. 7_558_GIUSTIZIA Roma, 20 luglio 2007 Al A tutte le Al Alla Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione

Dettagli

Funzionario della professionalità di servizio sociale. Posizione Organizzativa - Studi, analisi e programmazione della D.G.E.P.E.

Funzionario della professionalità di servizio sociale. Posizione Organizzativa - Studi, analisi e programmazione della D.G.E.P.E. INFORMAZIONI PERSONALI Nome MAESTRI ROBERTA Data di nascita 13/07/1965 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio 06 E-mail istituzionale Funzionario della

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 I dati nazionali Al 31 maggio 2014, nelle carceri italiane erano presenti 58.861 detenuti, 2.543

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA: L UNIVERSITA DI SIENA IL DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA: L UNIVERSITA DI SIENA IL DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA PROVVEDITORATO REGIONALE PER LA TOSCANA SETTORE DELLA SEGRETERIA E DEGLI AFFARI GENERALI -Settore dell Organizzazione- Polo Universitario

Dettagli

DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE

DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE Area Devianza Target di riferimento: Stranieri tossicodipendenti e/o alcoldipendenti detenuti e/o in misura alternativa Area Dipendenza Target di riferimento Stranieri

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali

Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali Regolamento per il reclutamento del personale e il conferimento di incarichi professionali approvato dal Consiglio d Amministrazione in data 23 luglio 2015 rev.2 settembre 2015 Indice Art. 1 Oggetto e

Dettagli

Dirigente - Provveditorato Regionale dell'amministrazione Penitenziaria per la Calabria - Catanzaro

Dirigente - Provveditorato Regionale dell'amministrazione Penitenziaria per la Calabria - Catanzaro INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tortorella Rosario Data di nascita 28/11/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Penitenziario MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Programmazione e Integrazione Sociale AVVISO PUBBLICO

Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Programmazione e Integrazione Sociale AVVISO PUBBLICO Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Programmazione e Integrazione Sociale AVVISO PUBBLICO Di procedura comparativa per titoli e colloquio per l attribuzione di n.1 incarico di collaborazione

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE Art. 1 - Finalità e oggetto. 1. La Regione del Veneto promuove l agricoltura sociale quale aspetto della multifunzionalità delle attività agricole, per ampliare

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

la Regione Marche il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche

la Regione Marche il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche ACCORDO tra la Regione Marche e il Provveditorato dell Amministrazione Penitenziaria per le Marche per favorire l inclusione socio-lavorativa di persone sottoposte a provvedimenti dell autorità giudiziaria.

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE

FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE CORSO DI LAUREA in SCIENZE della FORMAZIONE Classe L/19 Insegnamento di Criminologia Minorile CFU 8 A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Sonia Specchia E-mail: sonia.specchia@unicusano.it

Dettagli

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica

La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica La sicurezza nell ambito dell attività infermieristica Obblighi e responsabilità derivanti dal D.Lgs. 81/08 La sicurezza nell ambito dell attività Paolo Troncana infermieristica Attività di R.S.P.P. e

Dettagli

Unione di Comuni dei Fenici

Unione di Comuni dei Fenici Unione di Comuni dei Fenici Comuni di Cabras - Palmas Arborea - Riola Sardo - Santa Giusta Villaurbana Loc. Gutturu Olias, 09090 Palmas Arborea (OR) - Tel. 0783.25.52.14 Fax 0783.25.52.02 unionedeifenici@gmail.com

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA. ai fini dell'attuazione dell'art. 4 della Legge 21 aprile 2011 n. 62 TRA

PROTOCOLLO DI INTESA. ai fini dell'attuazione dell'art. 4 della Legge 21 aprile 2011 n. 62 TRA Dipartimento Amministrazione Penitenziaria ROMA Assessorato Politiche Sociali, Salute Casa edemergenza Abitativa PROTOCOLLO DI INTESA PER L'AWIO DEL PROGETTO "LA CASA DI LEDA" ai fini dell'attuazione dell'art.

Dettagli

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie

Principi comuni in materia di tirocini, definizioni e tipologie Piemonte di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte n. 25/2013 la deliberazione della Giunta regionale n. 74 5911 del 3 giugno

Dettagli

LAVORO CARCERE. Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole

LAVORO CARCERE. Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole CARCERE LAVORO L inserimento lavorativo delle persone in esecuzione penale ed ex detenute Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole finanziamento di cui alla legge

Dettagli

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili

Timbro Protocollo. Riquadro da compilare in caso di presentazione da parte di società e simili Timbro Protocollo MOD. 1130 Servizio Attività Economiche e di Servizio SUAP Pianificazione Commerciale DIREZIONE COMMERCIO E ATTIVITA PRODUTTIVE Sportello Unificato per il Commercio Marca da bollo (non

Dettagli

ISCRIZIONE NELL ALBO DEGLI AVVOCATI

ISCRIZIONE NELL ALBO DEGLI AVVOCATI ISCRIZIONE NELL ALBO DEGLI AVVOCATI Per l iscrizione nell Albo degli Avvocati i richiedenti dovranno presentare i seguenti documenti: Istanza d iscrizione (con menzione del codice fiscale) in regolare

Dettagli

TIROCINI FORMATIVI. - università e istituti di istruzione universitaria statali e non statali abilitati al rilascio di titoli accademici;

TIROCINI FORMATIVI. - università e istituti di istruzione universitaria statali e non statali abilitati al rilascio di titoli accademici; TIROCINI FORMATIVI 1. Nozione I tirocini formativi, anche detti stages, costituiscono una forma d'inserimento temporaneo dei giovani all'interno dell'azienda, al fine di realizzare momenti di alternanza

Dettagli

ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO

ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO ORGANISMO FORENSE DI MEDIAZIONE E ARBITRATO DI URBINO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI URBINO STATUTO ****** ****** TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Costituzione) Ai sensi dell art.18 del Decreto Legislativo

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà

Indice sommario. Norme sull ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative della libertà Indice sommario - Costituzione della Repubblica italiana... pag. XLVII - Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali...» LXIX Titolo I - Trattamento penitenziario

Dettagli

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di:

Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: Bando di Accreditamento di Soggetti professionali per l erogazione di: 1. Interventi socio educativi finalizzati al sostegno di minori in affido e/o famiglie affidatarie; 2. Interventi socio educativi

Dettagli

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ;

VISTI. Il Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA PROMOZIONE DI PROGETTI DI INSERIMENTO LAVORATIVO E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO DI PERSONE IN STATO DI DISAGIO SOCIALE (PROGRAMMA PARI) VISTI Il Decreto Legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA Pag. 1 di 5 SCUOLA D INFANZIA E PRIMARIA Il presente regolamento fa riferimento al testo Regolamento dell attività scolastica, redatto da CIOFS SCUOLA, aggiornato al 06 settembre 2008, depositato presso

Dettagli

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE Master Gestione e controllo degli interventi di assetto e riqualificazione delle aree urbane nei PVS Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Via Antonio Gramsci, 53-00197 Roma ANNO ACCADEMICO 2002

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI. Art. 1 Finalità e strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DI PERSONE CON DISABILITA ATTRAVERSO LE PROCEDURE CONTRATTUALI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità

Dettagli

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI

NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI NOTA IN MERITO ALLA CHIUSURA DEGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI LE MISURE DI SICUREZZA OGGI La legge 9/2012, come modificata dal Decreto Legge 25 marzo 2013, n. 24, sancisce che "Dal 1 aprile 2014

Dettagli

PROGETTO LIBERI DENTRO

PROGETTO LIBERI DENTRO PROGETTO LIBERI DENTRO Premessa Nel corso di questi ultimi anni, il profondo cambiamento dell utenza che afferisce ai servizi, ha spinto le comunità ha modificare in modo profondo le proprie strategie

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI La Casa Circondariale di Locri è stata edificata nel 1862, secondo il modello architettonico c.d. filadelfiano ovvero a bracci, per contrastare il banditismo particolarmente

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA per l attuazione della Medicina Penitenziaria ex Decreto Lgs. 22.6.1999, n. 230 tra - Regione Puglia, - Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria per la Puglia, -

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

Tutela della salute ed esecuzione penale La questione della compatibilità con lo stato detentivo

Tutela della salute ed esecuzione penale La questione della compatibilità con lo stato detentivo Tutela della salute ed esecuzione penale La questione della compatibilità con lo stato detentivo Corso di formazione con attribuzione di 18 crediti da parte dell Ordine degli Avvocati di Milano Aula Magna

Dettagli

Allegato C Domanda congiunta di finanziamento del percorso di rientro. da svolgersi presso ORGANISMI DI RICERCA

Allegato C Domanda congiunta di finanziamento del percorso di rientro. da svolgersi presso ORGANISMI DI RICERCA Allegato C Domanda congiunta di finanziamento del percorso di rientro da svolgersi presso ORGANISMI DI RICERCA Programma Master and Back Percorsi di Rientro 2013 SEZIONE A All Agenzia regionale per il

Dettagli

ALBO DELLE RISORSE PROFESSIONALI per l Agenzia per l inclusione sociale del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino REGOLAMENTO

ALBO DELLE RISORSE PROFESSIONALI per l Agenzia per l inclusione sociale del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino REGOLAMENTO ALBO DELLE RISORSE PROFESSIONALI per l Agenzia per l inclusione sociale del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino REGOLAMENTO 1) ISTITUZIONE E FINALITA L Agenzia per l inclusione sociale, s.r.l. del

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

PRESENTAZIONE COOPERATIVA CELLARIUS

PRESENTAZIONE COOPERATIVA CELLARIUS PRESENTAZIONE COOPERATIVA CELLARIUS Cellarius è una Cooperativa Sociale di tipo B nata nell ottobre 2006 da un progetto di reinserimento sociale e lavorativo rivolto a persone in condizione di svantaggio.

Dettagli

PROGETTI INNOVATIVI INTEGRATI PER L INCLUSIONE SOCIALE DI PERSONE SVANTAGGIATE

PROGETTI INNOVATIVI INTEGRATI PER L INCLUSIONE SOCIALE DI PERSONE SVANTAGGIATE AMBITO TERRITORIALE DI GAGLIANO DEL CAPO 73034 Via P.tta del Gesù - Cod. Fisc. 81001150754 Tel-fax 0833-548575 e-mail: ambitosociale.gaglianodelcapo@pec.rupar.puglia.it COMUNI DI: GAGLIANO DEL CAPO (Capofila)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE INCONTRO DONNE ANTIVIOLENZA DI CREMONA AIDA, PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ARCA DELLE DONNE

SCHEMA DI CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE INCONTRO DONNE ANTIVIOLENZA DI CREMONA AIDA, PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ARCA DELLE DONNE Allegato D) SCHEMA DI CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE INCONTRO DONNE ANTIVIOLENZA DI CREMONA AIDA, PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO ARCA DELLE DONNE (Id Progetto: CR/Cre-1 Acc.2013) tra Il Comune di Cremona,

Dettagli

Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini

Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini www.bollettinoadapt.it, 24 giugno 2013 Piemonte: attuate le nuove linee guida sui tirocini di Giulia Tolve Introduzione In data 20 giugno 2013 è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23)

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23) giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1357 del 26 maggio 2008 pag. 1/7 Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006,

Dettagli

Il Prefetto della Provincia di Arezzo

Il Prefetto della Provincia di Arezzo ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA AGEVOLATA REALIZZATI NEL COMUNE DI AREZZO Visto il proprio atto prot. n. 812/2002/Gab.-A. datato 26/09/2002, concernente l avviso per l assegnazione

Dettagli

Il programma Giustizia digitale

Il programma Giustizia digitale AVVISO n. 13/2011: Procedura comparativa per il conferimento di tre incarichi di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo junior di Esperto di comunicazione e assistenza tecnica a progetti

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra

PROTOCOLLO D INTESA. tra PROTOCOLLO D INTESA tra Il Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria La Regione Toscana Il Presidente del Tribunale di Sorveglianza L Opera della Divina Provvidenza Madonnina del Grappa di Firenze

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli