MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA"

Transcript

1 1 MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA e Sede di Servizio di RAGUSA AL PRESIDENTE CORTE D APPELLO CATANIA Oggetto: Relazione annuale sull andamento della giustizia nel distretto (periodo 01/ 07/ / 06/2013 ) UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA ORGANIZZAZIONE LOGISTICA Ubicazione: Viale Scala Greca n. 181/A Recapiti telefonici: / Fax : / Direzione: L Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Siracusa è ubicato al primo piano di uno stabile di civili abitazioni. Ha una superficie di 600 mq e dispone di 18 stanze, oltre la sala d attesa, le due sale riservate ai colloqui e la sala riunioni. Gli arredi sono in ottime condizioni e sufficienti alle unità in servizio. ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO Dal lunedì al venerdì ore 9,00 ore 13,00 martedì e giovedì ore 9,00 ore 13,00 ore 15,00 - ore 17,00 1 1

2 2 TERRITORIO DI COMPETENZA Il territorio di competenza è costituito, oltre che dalla città di Siracusa, da 20 Comuni della Provincia. Trattasi quindi di un area alquanto vasta che confina da una parte con il territorio di Ragusa e dall altra con il territorio di Catania. L ufficio rientra nella competenza dell Ufficio di Sorveglianza di Siracusa e del Tribunale di Sorveglianza di Catania. Gli interventi istituzionali previsti dalla normativa in vigore ricadono sui sottolelencati Istituti Penitenziari : Casa Circondariale di Siracusa Casa di Reclusione di Augusta Casa di Reclusione di Noto SETTORI DELL U.E.P.E. Funzionalmente l Ufficio è articolato in tre aree: area contabile; area di segreteria; area di servizio sociale. Il Personale in servizio nel gran parte del periodo da voi indicato è stato costituito da: N. 1 Direttore Reggente N. 1 Capoarea area di segreteria N1 Capoarea di Servizio Sociale Dal 1 giugno 2013, in seguito al pensionamento del direttore, è stato nominato un direttore reggente che, per evidente carenza di organico ha mantenuto anche la funzione di direttore dell area di servizio sociale. La capoarea dell area contabile, assente per motivi di salute è stata poi posta in pensione dall aprile Tale ambito operativo è stato assicurato da un operatore in missione da altro servizio, due volte la settimana. 2 2

3 3 N. 8 Funzionari della professionalità di Servizio Sociale appartenenti alla terza area funzionale: A3 F3- F2-F1 N 7 operatori amministrativi appartenenti a aree funzionali diversificate: n 1 A3 F 2 n 1 A3 F 1; n 1 A2 F4 (contabile a riposo dal 01/07/2013); n 3 A2 F2; n 1 A2 F1. n 1 operatore centralinista n 1 unità appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria che svolge prevalentemente funzioni di autista ORGANIZZAZIONE INFORMATICA L Ufficio usufruisce: della RUPA, Casella di Posta elettronica, collegamento ad Internet, Collegamenti in rete su intranet per i servizi: SDI, SIDET, SIAT Si avvale dei programmi per l area contabile, SICOGE e GE.CO. Per l area tecnica utilizza il Programma PEGASO Per la segreteria amministrativa si dispone dei SIGP 2 e di una Banca dati relativa ai percorsi formativi degli operatori. La strumentazione informatica non risulta sufficiente in quanto molti strumenti sono obsoleti in rapporto sia alle unità presenti che alle esigenze dell ufficio e ciò comporta di tanto in tanto un blocco di una delle tanta attività in corso. COMPETENZE Come già rilevato nella precedente relazione, l attività dell U.E.P.E. si articola principalmente su quattro ambiti: 1) L esecuzione penale esterna è il principale ambito di intervento degli UEPE istituiti dalla Legge 27/Luglio 2005 n. 154 che ha modificato l art. 72 della Legge 26 Luglio 1975 n. 354, che costituiva i Centri di Servizio 3 3

4 4 Sociale per Adulti della Amministrazione Penitenziaria. Il loro coordinamento è affidato agli uffici EPE presso i Provveditorati Regionali dell A. P. Di seguito sono descritte le attività principali specifiche del servizio: Attività di consulenza e supporto al trattamento all interno degli istituti penitenziari per favorire il buon esito del trattamento penitenziario; Lavoro di équipe e stesura della relazione di sintesi; sostegno e verifica dei primi momenti di sperimentazione esterna ( permessi premio licenze). Segretariato sociale: informazioni agli utenti circa la normativa penitenziaria, sulle procedure e sui Servizi Sociali del Territorio. Detto Servizio è aperto anche a tutti i cittadini interessati. Il servizio si interseca, completandosi, con le attività proprie dell Ufficio Relazioni con il Pubblico ( URP). Progettazione territoriale: gli UEPE mantengono le competenze che derivano dalla legge 354/75, dal regolamento di esecuzione e successive modifiche. Inoltre, in sintonia con gli orientamenti legislativi (L. 328/2000) gli UEPE partecipano alla costruzione di processi di co - progettazione con i diversi attori sociali presenti nel territorio quali Enti Locali, Servizi sociosanitari, Associazioni, Cooperative sociali, Università, ecc per facilitare la realizzazione dei percorsi di inserimento sociale. ATTIVITA Descrivere minuziosamente l attività di un UEPE potrebbe risultare interessante, ma dispersiva nell esposizione perché densa di numerose variabili delle tipologie d intervento. Si riportano, pertanto, le denominazioni delle aree su cui ogni fine anno si basa la relazione conclusiva di tutte le attività dell Ufficio da inviare al Superiore Provveditorato Regionale. 4 4

5 5 - Attività istituzionale e miglioramento dei processi di servizio: esecuzione delle misure alternative; attività di Osservazione e trattamento; pianificazione e realizzazione di azioni per le attività di supporto. - Contesto Organizzativo: sviluppo del sistema ufficio; gestione del personale e delle risorse strumentali e logistiche; l integrazione multi professionale e l attività dei gruppi di lavoro. - Attività progettuale e rapporti istituzionali: progetti per la rieducazione e l inclusione sociale e lavorativa dei condannati; intese e raccordi istituzionali per la definizione dei programmi di trattamento; rapporti con la magistratura di sorveglianza e le altre Agenzie per la sicurezza. - Interventi per l orientamento tecnico operativo: Formazione e promozione delle buone prassi; valutazione e verifica dell agire professionale. 1) Casi più significativi seguiti nel periodo considerato N. 94 casi di Affidamento in prova al servizio Sociale N. 71 casi di Detenzione domiciliare. N. 13 casi di Semilibertà. N. 01 casi collaborazioni affidamenti N. 2 casi di lavoro all esterno concesso a detenuti N 18 lavori di pubblica utilità N 537 attività di osservazione si intramuraria che all esterno N 197 indagini socio-familiari per richiesta altri Uepe o da parte della magistratura Per quanto riguarda le osservazioni in istituto tutti i soggetti sono maschi in quanto negli istituti di competenza dell U.E.P.E. di Siracusa non sono previste sezioni femminili. Per le osservazioni dalla libertà, propedeutiche quindi alla concessione di misure alternative, si rilevano interventi professionali nei confronti di 5 5

6 6 persone di genere femminile, ma in numero esiguo, così come le richieste di indagini socio familiari pervenute in favore di donne recluse in altre carceri del territorio italiano. Anche in misura alternativa alla detenzione il dato numerico che attiene ai soggetti appartenenti al genere femminile si presenta esiguo. 2) Progettazione per inclusione sociale Nel periodo interessato sono stati avviati quattro tirocini formativi per un periodo in media di due-tre mesi ciascuno, diretti a soggetti con reati comuni e a soggetti con una storia legata alla tossicodipendenza. L esiguità delle somme accreditate per tale finalità non ha permesso altri inserimenti. Nel maggio 2012 si è avviato un progetto d inclusione sociale denominato Coltivare la Libertà, gestito da un insieme di Enti e finanziato attraverso la comunità Europea dalla regione Sicilia. Questo progetto permette all UEPE, attraverso un rapporto di collaborazione di segnalare soggetti in misura alternativa sia per una attività di orientamento che per un inserimento di sei mesi in workexsperience. Nel 2013 si collabora all attuazione di un progetto Vola verso l obiettivo lavoro, finanziata dalla legge 328/00 nel distretto n. 46 che prevede l inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati tra cui soggetti in misura alternativa. 3) Programmazione sul territorio L Uepe di Siracusa partecipa ai lavori del Gruppo Piano sui 4 distretti di competenza,noto, Augusta, Siracusa e Lentini, previsti dalla legge 328/2000, attraverso delle AASS delegati dalla direzione. 6 6

7 7 4) Formazione Nel periodo in esame tutti gli operatori dell UEPE hanno seguito dal gennaio al marzo 2013 un percorso di formazione relativo al benessere organizzativo che ha previsto n 6 incontri tenutesi presso i locali dell ufficio. CRITICITA Le criticità emergono da quanto sopra descritto: Grave carenza di personale di servizio sociale insufficiente a rispondere nei tempi dovuti alle richieste che pervengono. Grave carenza nell area contabile che ad oggi è coperta da n 1 contabile e n 1 ragioniere, in missione una volta la settimana.. Carenza di operatori informatici. Carenza fondi degli Enti territoriali (comuni, provincia, regione, etc.) per l implementazione dell inclusione sociale. Difficoltà a monitorare il fenomeno criminogeno del territorio per mirare gli interventi nei confronti di soggetti sottoposti a misure restrittive e limitative della libertà. Carenza di aggiornamento sui diversi fenomeni sociali. Difficoltà di implementare il lavoro di RETE fra i vari servizi del territorio che risulta essere ancora limitato. UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA SIRACUSA Sede di Servizio Ragusa ORGANIZZAZIONE LOGISTICA Ubicazione: Via Roma n. 212 Recapiti telefonici:

8 8 Fax : Direzione: La sede di servizio di Ragusa, dipendente dall U.E.P.E di Siracusa, è stata istituita nel settembre del E ubicata al terzo piano di un edificio adibito ad uffici. Ha una superficie di 340 mq e dispone di 8 stanze oltre la sala d attesa, la stanza riservata ai colloqui con l Utenza ( segretariato e U.R.P.) e la sala riunioni. Gli arredi sono in ottime condizioni e sufficienti alle unità in servizio. ORARI DI RICEVIMENTO DEL PUBBLICO Dal lunedì al venerdì ore 9,00 - ore 13,00 Martedì e giovedì ore 9,00 - ore 13,00 / ore 15,00 - ore 17,00 ORARI DI RICEVIMENTO DELL U.R.P. Martedì e Giovedì ore TERRITORIO DI COMPETENZA Il territorio di competenza è costituito, oltre che dalla città di Ragusa, da 11 Comuni della Provincia. Trattasi quindi di un area abbastanza vasta che confina con il territorio di Siracusa e con il territorio di Catania e Caltanissetta. L ufficio rientra nella competenza dell Ufficio di Sorveglianza di Siracusa e del Tribunale di Sorveglianza di Catania.Per gli interventi istituzionali previsti dalla normativa in vigore si ha competenza sugli Istituti di pena di: Casa Circondariale di Ragusa e Casa Circondariale di Modica SETTORI DELL U.E.P.E. Funzionalmente l Ufficio è articolato in due aree, dipendendo contabilmente dalla Casa Madre di Siracusa,: area di segreteria il cui responsabile ha sede nell UEPE di Siracusa 8 8

9 9 area di servizio sociale delegata al Responsabile della Sede stessa. ORGANICI EFFETTIVE PRESENZE e nuove posizioni economiche N. 1 Direttore Reggente (sede di Siracusa e Ragusa) N. 1 Responsabile Sede area di Servizio Sociale. (A3 F3) N. 6 assistenti sociali : ( n.1 A3F4, n.1 A3F3, n.1a3f2, n.3 A3F1) Assistenti amministrativi n. 1 A2 F3 e n. 3 A2 F2 ; n.1 Assistente tecnico A2F3. ORGANIZZAZIONE INFORMATICA L Ufficio usufruisce: della RUPA, Casella di Posta elettronica, collegamento ad Internet, Collegamenti in rete su intranet per i servizi: SDI, SIDET, SIAT, Casellario giudiziale, SIGP 2. La segreteria dell area dell esecuzione penale informatizza i dati relativi alla tenuta dei fascicoli dell utenza mediante il programma PEGASO, predisposto dal Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria. L informatizzazione relativa all area contabile rimane di pertinenza solo della Casa Madre di SR. COMPETENZE L attività dell UEPE è articolata principalmente su quattro ambiti: 1) l esecuzione penale esterna; 2) consulenza e supporto al trattamento all interno degli Istituti Penitenziari; 3) segretariato sociale; 4) progettazione sociale. Le competenze degli U.E.P.E. sono definite dalla legge 354/75 e successive modifiche e dal regolamento di esecuzione, D.P.R. 230/2000; si rimanda, pertanto, a quanto già descritto dettagliatamente circa l U.E.P.E. di Siracusa. ATTIVITA 9 9

10 10 1) Casi in carico Per l attività svolta dall Ufficio nel periodo richiesto si riportano i dati rilevati dalle statistiche sui carichi di lavoro, secondo le diverse tipologie di incarico. Per quanto concerne la classe d età ed il genere dell utenza, pur non avendo effettuato una rilevazione specifica, ci si può uniformare all andamento osservato durante il precedente periodo su cui si è già relazionato. Si evidenzia che presso la casa Circondariale di Ragusa non troviamo più né la sezione femminile né la sezione per minorati fisici. Per quanto riguarda le osservazioni nei due Istituti di competenza, C.C. Ragusa e C.C. Modica, il numero di casi gestiti durante il periodo richiesto è stato di 239 casi. Per quanto invece concerne le osservazioni dalla libertà, propedeutiche quindi alla concessione di Misure alternative alla detenzione, sono state n. 90. I casi di Affidamento in prova al Servizio Sociale sono stati n.117 Quelli in Detenzione Domiciliare sono stati n.100. Soggetti seguiti in semilibertà n. 08. Vi sono state n.10 collaborazioni con altri UEPE per la cogestione di casi in M.A. (n.07 semilibertà; n.03 affidamenti). Sono stati seguiti n. 19 soggetti in libertà vigilata, n. 06 soggetti per lavoro all esterno, n. 02 per lavoro di pubblica utilità, n. 03 per permessi-premio. Altri incarichi hanno riguardato n. 106 indagini per diverse finalità di legge (indagini per applicazione o revoca di misure di sicurezza, accertamenti di domicilio e indagini per altri UEPE). Progettazione per inclusione sociale

11 11 L attività progettuale dell Ufficio si determina in sintonia con gli obiettivi istituzionali e con le iniziative di formazione ed aggiornamento del Personale. La rete di supporto relativa al recupero e al reinserimento sociale negli anni si sta cercando di renderla più solida e solidale. Ci si avvale sempre, anche se in misura molto più ridotta, dei fondi assegnati dal Ministero della Giustizia a questo UEPE per l inserimento in tirocini formativi di soggetti in M.A. con problemi di dipendenza o no. Per la sede di Ragusa, con i fondi assegnati, sono stati finanziati due tirocini formativi presso la Cooperativa Sociale PEGASO di Ragusa, che gestisce servizi cimiteriali e di rete idrica per il Comune di Ragusa. Per la progettazione e la realizzazione di inclusione sociale, i principali interlocutori sul territorio sono gli Enti Pubblici e privati quali : Ser.T. - DSM - Assessorati Comunali alle Politiche Sociali - Comunità terapeutiche per tossicodipendenti, Comunità Terapeutiche Assistite per soggetti con disabilità psichica - Cooperative Sociali ed altre realtà del Terzo Settore. E tuttora in corso il progetto di inclusione sociale Coltivare la libertà, già avviato nel giugno 2012, finanziato con FSE e gestito dalla coop. sociale L Arcolaio e relativi partners, che prevede attività di consulenza e orientamento al lavoro per i soggetti in esecuzione penale esterna che ne fanno richiesta e 19 work-esperience di soggetti selezionati con apposita graduatoria per l acquisizione di competenze professionali presso aziende del territorio, in vari settori produttivi. Le work-esperience prevedono una indennità di 5,00 orarie per circa 600 ore di attività. Buone ed improntate a proficua collaborazione sono le relazioni con i Commissariati di P.S. e le Stazioni dei Carabinieri della provincia. 3) Altri Interventi

12 12 Fino al giugno 2013 l U.E.P.E. di Ragusa ha potuto contare sull apporto professionale di una esperta psicologa, designata sulla base delle indicazioni del Progetto Mare Aperto, approvato dal Dipartimento dell Amministrazione penitenziaria, per complessive n. 15 ore. Il lavoro dell esperta, in continuità con gli anni precedenti, ha avuto il fine di potenziare il metodo multiprofessionale fondato sul lavoro di gruppo o di équipe e di aumentare le opportunità di reinserimento sociale dei condannati, favorendo lo sviluppo di analisi multifattoriale delle condizioni che hanno determinato comportamenti devianti, attraverso l attivazione di interventi più mirati ed efficaci rispetto ad un possibile recupero delle condotte antisociali. L Ufficio ha continuato ad impegnarsi per la visibilità esterna del contenuto risocializzante delle misure alternative alla detenzione, promuovendo ed attivando reti di collaborazione con agenzie del territorio che a vario titolo intervengono sulle tematiche della prevenzione e del trattamento della devianza. 4) Programmazione sul territorio La partecipazione ai lavori del Gruppo Piano (L.328/00) ha continuato ad impegnare l Ufficio E.P.E., che ha assicurato la presenza di propri referenti agli incontri programmati presso i singoli distretti socio-sanitari di Ragusa, Modica e Vittoria. L UEPE di Ragusa ha, inoltre, stipulato un accordo operativo con il Tribunale di Ragusa per l applicazione delle sanzioni sostitutive del Lavoro di Pubblica Utilità (LPU), contribuendo ad ampliare la rete di Associazioni ed Enti convenzionati con lo stesso Tribunale, contribuendo anche a rendere efficace la finalità del LPU, nella sua fase esecutiva

13 13 OBIETTIVI DELL U.E.P.E. 1) FORMAZIONE Dal mese di giugno 2012 al giugno 2013 l UEPE di Ragusa non ha partecipato ad attività formative organizzate dall Amministrazione Penitenziaria. E opportuno, tuttavia, indicare che 3 funzionari della professionalità di servizio sociale hanno beneficiato di permessi-studio per la partecipazione al Master di 2 livello in Criminologia, realizzato dall Università di Catania per l Anno Accademico , frequentando le lezioni settimanali presso il Consorzio Universitario di Caltanissetta, sostenendo esame finale nel mese di luglio I contenuti del Master hanno una ricaduta piena sull attività di servizio sociale, con indicazioni teorico-pratiche che consentono di specializzare gli interventi di trattamento degli utenti in esecuzione penale. CRITICITA Le carenze risultano essere in comune con quelle elencate relativamente all UEPE di Siracusa

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE

ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE ALLEGATO 2 EVOLUZIONE COMPETENZE UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA NORMATIVA COMPETENZE UEPE COMPITI UEPE Legge 354/ 75 (Ordinamento Penitenziario) collegato con DPR 431/ 76 modificato dal DPR 230/ 00

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI UEPE. Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE

CARTA DEI SERVIZI UEPE. Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE PROGETTO RIPROVA UEPE CARTA DEI SERVIZI UEPE Uffici Esecuzione Penale Esterna MARCHE Ministero Della Giustizia Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale Marche 1 CChhee cc oo

Dettagli

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA

IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA IL SERVIZIO SOCIALE DELLA GIUSTIZIA E L'AREA TRATTAMENTALE ESTERNA Ass. Sociale Dottoressa Maria Biondo Ass. Sociale Dottoressa Laura Borsani Istituzione, competenze e funzioni degli U.E.P.E. Gli Uffici

Dettagli

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E.

ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. ESECUZIONE DELLA MISURA DI SICUREZZA PER SOGGETTI NON IMPUTABILI PER VIZIO PARZIALE O TOTALE DI MENTE IL RUOLO DELL U.E.P.E. Parma 17 ottobre 2014 UFFICI ESECUZIONE PENALE ESTERNA L UEPE ex Centro di Servizio

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO

PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA, REGIONE PUGLIA, ANCI PUGLIA E TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BARI, LECCE,TARANTO - Considerato in premessa che le parti impegnate nel presente Accordo

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N.

IL CONTESTO. Di cui Uomini Milano San Vittore 1102 102 1000 Opera 1116 42 1074 Bollate 710 0 710 Monza 591 86 505. N. PROGETTO I SERVIZI PER L IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI MILANO PER IL SOSTEGNO ALL INSERIMENTO AL LAVORO DELLE PERSONE RISTRETTE NELLE LIBERTA E DEGLI EX-DETENUTI IL PROGETTO L Assessorato al Lavoro della

Dettagli

SCHEDA DI MONITORAGGIO

SCHEDA DI MONITORAGGIO SCHEDA DI L.r. 8/2005 - Dgr 1004 del 29 novembre 2013 BIENNIO 2014-2015 Dati identificativi del progetto Ente titolare del progetto: Associazione Carcere Territorio Bergamo Data convenzione con ASL: 10/06/2014

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI SCIENZE STORICHE, FILOSOFICO-SOCIALI, DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN FORMAZIONE INTERMEDIATORI DEL

Dettagli

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a:

Con questo protocollo d intenti i soggetti firmatari si impegnano a: Protocollo di intesa tra la Regione Piemonte, la Città di Torino, l Università degli Studi di Torino, la Casa Circondariale Lorusso e Cutugno, l Ufficio di Esecuzione Penale Esterna, l Ufficio Pio della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio Email istituzionale Fioria Francesca 10/06/1969 II Fascia MINISTERO

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

A relazione dell'assessore Cerutti:

A relazione dell'assessore Cerutti: REGIONE PIEMONTE BU14 09/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 16 marzo 2015, n. 14-1180 Approvazione del Protocollo d'intesa tra la Regione Piemonte, la Citta' di Torino, l'universita' degli Studi

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

PROGETTO LIBERI DENTRO

PROGETTO LIBERI DENTRO PROGETTO LIBERI DENTRO Premessa Nel corso di questi ultimi anni, il profondo cambiamento dell utenza che afferisce ai servizi, ha spinto le comunità ha modificare in modo profondo le proprie strategie

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali;

vista la legge n. 328/2000 legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali; REGIONE PIEMONTE BU7 19/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 26 gennaio 2015, n. 18-942 Approvazione Protocollo Operativo tra Ministero della Giustizia, Regione Piemonte, Anci Piemonte, Tribunale

Dettagli

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Modena

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Modena Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria dell Emilia Romagna U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Modena

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 45 Adunanza 29 ottobre 2012 OGGETTO: PROTOCOLLO DI INTESA TRA LA CITTÀ DI TORINO, LA PROVINCIA DI TORINO, L UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO,

Dettagli

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ

COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ COMUNE DI PARMA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI E PER LE FAMIGLIE, POLITICHE DI PARITÀ DALLA MISURA PENALE AL REINSERIMENTO: LINEE D INTERVENTO DEL COMUNE DI PARMA (Lia Barone) Nello sviluppo di azioni

Dettagli

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014

CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 CARCERE E REGIONE LOMBARDIA: ANALISI, IPOTESI PROSPETTIVE Audizione commissioni congiunte 2 luglio 2014 I dati nazionali Al 31 maggio 2014, nelle carceri italiane erano presenti 58.861 detenuti, 2.543

Dettagli

Ministero della Giustizia

Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore

Dettagli

La finalità del presente avviso è quella di individuare i soggetti interessati alla co-progettazione per l anno 2014-2015

La finalità del presente avviso è quella di individuare i soggetti interessati alla co-progettazione per l anno 2014-2015 Avviso rivolto ai soggetti istituzionali, del Terzo settore e alle agenzie di spettacolo e culturali, con esperienza almeno biennale maturata nel Friuli Venezia Giulia nel settore penitenziario della devianza

Dettagli

Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività

Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività Cooperativa Articolo 3 1999/2014: sintesi delle attività La Cooperativa Sociale Articolo 3 ONLUS nasce a Milano nel dicembre del 1998 dalla volontà e dal lavoro di un gruppo di operatrici sociali con particolari

Dettagli

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP

RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA ISTITUTUTO SUPERIORE DI STUDI PENITENZIARI RI-CONOSCERE E VALORIZZARE LE ESPERIENZE NEL DAP MODELLO DI CANDIDATURA Istituto Superiore di Studi Penitenziari,

Dettagli

FORUM P.A. SANITA' 2001

FORUM P.A. SANITA' 2001 FORUM P.A. SANITA' 2001 ASL Frosinone Dipartimento Disagio, Devianza, Dipendenze (Dip. 3D)- U.O. Detenuti ed ex Detenuti Unità Operativa Detenuti ed ex Detenuti Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto:

Dettagli

USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI

USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI SASSARI Realizzazione grafica a cura dei ragazzi della Bottega Grafica dell I.P.M (Istituto Penale Minori) di Treviso INDICE 04 Cenni storici sull USSM 05

Dettagli

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna.

lavorativo di persone con provvedimenti penali detentivi e/o in esecuzione penale esterna. Allegato alla Delib.G.R. n.32/ 45 del 15.9.2010 L.R. n. 1 del 24.2.2006, art 9, comma 11. L.R. n. 2 del 29.5.2007, art 33, comma 11. Finanziamento di un programma di attività finalizzate al recupero e

Dettagli

Dirigente - CASA CIRCONDARIALE REBIBBIA FEMMINILE ROMA

Dirigente - CASA CIRCONDARIALE REBIBBIA FEMMINILE ROMA INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL GROSSO IDA Data di nascita 01/02/1968 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - CASA CIRCONDARIALE

Dettagli

DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE

DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE DIPARTIMENTO 3 D AREE DI INDAGINE Area Devianza Target di riferimento: Stranieri tossicodipendenti e/o alcoldipendenti detenuti e/o in misura alternativa Area Dipendenza Target di riferimento Stranieri

Dettagli

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno

Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno Carta dei Servizi della Cooperativa Sociale Il Sogno 1 PRESENTAZIONE Gentili lettori, la Cooperativa Sociale Il Sogno ha scelto da tempo di impostare il proprio lavoro nell'ottica di un alto livello di

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA UFFICIO ESECUZIONE PENALE ESTERNA di Padova e Rovigo (PRESENTAZIONE) INTRODUZIONE AL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il sistema penitenziario vigente in Italia ha il suo fulcro

Dettagli

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it

a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Aggiornamenti Professionali Tirocini formativi: approvate le linee guida a cura di Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena e curatore del sito internet www.dplmodena.it Cambiano le regole dei tirocini

Dettagli

LAVORO CARCERE. Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole

LAVORO CARCERE. Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole CARCERE LAVORO L inserimento lavorativo delle persone in esecuzione penale ed ex detenute Un vademecum per le imprese del Lodigiano a cura del progetto Il lavoro Debole finanziamento di cui alla legge

Dettagli

REGIONE MOLISE Assessorato alle Politiche Sociali. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione

REGIONE MOLISE Assessorato alle Politiche Sociali. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE MOLISE Assessorato alle Politiche Sociali Programma Operativo Regionale 2007-2013 Ob. 2 Competitività Regionale e Occupazione Asse III Inclusione Sociale. Obiettivo

Dettagli

LEGGE 328/2000 PdZ Distretto socio-sanitario D. 16 - Progetto Pronto Intervento sociale

LEGGE 328/2000 PdZ Distretto socio-sanitario D. 16 - Progetto Pronto Intervento sociale PdZ Distretto socio-sanitario D. 16 - Progetto Pronto Intervento sociale INTERVENTI VOLTI A FAVORIRE L INSERIMENTO SOCIOLAVORATIVO DI SOGGETTI SVANTAGGIATI Azioni 1 sub.1, 2, 3 e 4 I ANNUALITA AREA DI

Dettagli

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Reggio Emilia

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Reggio Emilia Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria dell Emilia Romagna U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Reggio

Dettagli

Area Minori Area tematica: il rafforzamento della funzione educativa e di accompagnamento budget dedicato 16.000,00

Area Minori Area tematica: il rafforzamento della funzione educativa e di accompagnamento budget dedicato 16.000,00 AVVISO PUBBLICO AFFIDAMENTO DI PROGETTI AVENTI AD OGGETTO INTERVENTI A FAVORE DELLE PERSONE SOTTOPOSTE A PROVVEDIMENTI DELL AUTORITA GIUDIZIARIA E DELLE LORO FAMIGLIE Premessa Regione Lombardia, con l

Dettagli

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE Direzione Generale per l attuazione dei provvedimenti giudiziari

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE Direzione Generale per l attuazione dei provvedimenti giudiziari DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE Direzione Generale per l attuazione dei provvedimenti giudiziari Conferenza Nazionale LA RIFORMA DELLA SANITA PENITENZIARIA La risposta del Piemonte Torino 28 e 29 gennaio

Dettagli

L Area Penale del Dipartimento Dipendenze dell Az. ULSS 9 tra buone prassi e costruzione della rete

L Area Penale del Dipartimento Dipendenze dell Az. ULSS 9 tra buone prassi e costruzione della rete L Area Penale del Dipartimento Dipendenze dell Az. ULSS 9 tra buone prassi e costruzione della rete Area Penale DEFINIZIONE: Una cornice di lavoro e di riflessione che mette in sistema gli operatori e

Dettagli

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria

Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione Penitenziaria COORDINAMENTO NAZIONALE GIUSTIZIA Prot. n. 7_558_GIUSTIZIA Roma, 20 luglio 2007 Al A tutte le Al Alla Dr. Riccardo Vita Turrini Direttore Generale Ufficio Esecuzione Penale Esterna Dipartimento Amministrazione

Dettagli

LA PRESA IN CARICO (PROSPETTO)... 23 L IMPEGNO PER LA QUALITÀ. 24 DIRITTI DELL UTENTE DEL SERVIZIO... 26

LA PRESA IN CARICO (PROSPETTO)... 23 L IMPEGNO PER LA QUALITÀ. 24 DIRITTI DELL UTENTE DEL SERVIZIO... 26 Indice PERCHÈ LA CARTA DEI SERVIZI?... 3 CHI SIAMO?...4 Breve storia dell Ufficio di Esecuzione Penale Esterna... 5 DOVE SIAMO?... 6 DI QUALE TERRITORIO CI OCCUPIAMO?... 7 A CHI CI RIVOLGIAMO?... 8 CHI

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO

REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO REGOLAMENTO INTERVENTI FINALIZZATI ALL INTEGRAZIONE LAVORATIVA IN FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI DISABILITÀ, DISTURBO MENTALE O SVANTAGGIO 1 INDICE Art.1 Oggetto Art. 2 Destinatari Art. 3 Strumenti

Dettagli

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio

Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione Lazio Proposta di Legge regionale n. 11 del 28 giugno 2005 di iniziativa dei consiglieri Nieri, Tibaldi, Pizzo, Luciani e Peduzzi Oggetto: Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della regione

Dettagli

Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana -

Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - DISTRETTO SOCIO -SANITARIO D1 Comune capofila AGRIGENTO Aragona - Comitini - Favara - loppolo Giancaxio - Porto Empedocle - Raffadali Rea/monte - Santa Elisabetta - Sant'Angelo Muxaro - Siculiana - AREA:

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1

IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 IL PROGETTO CARCERE RESPONSABILE GIOVANNI VINCI 1 Attività in sede Si effettuano colloqui di orientamento per persone che si trovano in arresti domiciliari o sottoposte ad altre misure alternative alla

Dettagli

PREMESSA. - alleggerire così la popolazione carceraria intervenendo tempestivamente con progetti di recupero;

PREMESSA. - alleggerire così la popolazione carceraria intervenendo tempestivamente con progetti di recupero; Un progetto biennale finalizzato a favorire l'accesso alle misure alternative alla detenzione nella Provincia di Milano Progetto finanziato da : PREMESSA Ciò che spesso si dibatte (servizi e programmi

Dettagli

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO

SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO SINTESI PROTOCOLLO OPERATIVO TRA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGIONE LOMBARDIA TRIBUNALI DI SORVEGLIANZA DI BRESCIA E DI MILANO Il protocollo operativo tra Ministero della Giustizia, e Tribunali di Sorveglianza

Dettagli

Dirigente Generale - Provveditore Regionale

Dirigente Generale - Provveditore Regionale INFORMAZIONI PERSONALI Nome Cantone Carmelo Data di nascita 24/12/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente Generale -

Dettagli

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE

CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE CAPITOLO III.3. REINSERIMENTO SOCIALE E MISURE ALTERNATIVE III.3.1. Progetti di reinserimento sociale III.3.1.1 Strategie e programmazione di interventi di reinserimento sociale III.3.2. Misure alternative

Dettagli

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano.

1. I tirocini sono prioritariamente destinati a persone residenti o stabilmente domiciliate in provincia di Bolzano. Delibera 24 giugno 2013, n. 949 Criteri per la promozione di tirocini di formazione ed orientamento da parte della Ripartizione Lavoro e delle Aree alla Formazione professionale. Allegato A CRITERI PER

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARA

DIPARTIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARA PROTOCOLLO D INTESA TRA ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI D ITALIA (ANCI) E DIPARTIMENTO PER L AMMINISTRAZIONE PENITENZIARA Premesso che l ANCI, in base alle previsioni dell art.1 del suo Statuto, costituisce

Dettagli

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte

Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia. Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Consiglio Regionale del Piemonte Regolamento di organizzazione del Ministero della Giustizia Report dei contributi e delle osservazioni in merito allo schema di DPCM CROAS Piemonte Il documento è frutto

Dettagli

Ricostituzione della Commissione mista per lo studio dei problemi della Magistratura di Sorveglianza.. (Delibera del 26 luglio 2010)

Ricostituzione della Commissione mista per lo studio dei problemi della Magistratura di Sorveglianza.. (Delibera del 26 luglio 2010) Ricostituzione della Commissione mista per lo studio dei problemi della Magistratura di Sorveglianza.. (Delibera del 26 luglio 2010) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 26 luglio

Dettagli

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale Regione Umbria - Consiglio Regionale XXIII Sessione Straordinaria Deliberazione n. 94 del 10 ottobre 2006 Legge Regionale Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative

Dettagli

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.»

«Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» LEGGE REGIONALE 18 OTTOBRE 2006, N. 13 «Istituzione del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale.» BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 50 DEL 31 OTTOBRE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVVEDITORATO REGIONALE AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CAMPANIA UFFICIO DELL ESECUZIONE PENALE ESTERNA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVVEDITORATO REGIONALE AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CAMPANIA UFFICIO DELL ESECUZIONE PENALE ESTERNA PROTOCOLLO D INTESA TRA PROVVEDITORATO REGIONALE AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA CAMPANIA UFFICIO DELL ESECUZIONE PENALE ESTERNA E CONFERENZA REGIONALE VOLONTARIATO GIUSTIZIA DELEGAZIONE REGIONALE CARITAS

Dettagli

DIPARTIMENTO IX SERVIZIO 2 Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma

DIPARTIMENTO IX SERVIZIO 2 Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma DIPARTIMENTO IX SERVIZIO 2 Viale di Villa Pamphili, 100 00152 Roma AVVISO PUBBLICO LEDA COLOMBINI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI A SOSTEGNO DI PERCORSI DI INCLUSIONE SOCIALE IN FAVORE DI

Dettagli

Tribunale di Brescia

Tribunale di Brescia Ufficio Relazioni con il Pubblico Palagiustizia di Brescia Una gestione associata per un primo contatto qualificato, l accoglienza e l accompagnamento dell utenza, una maggiore attenzione ai soggetti fragili

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Provincia di Ravenna Bando per l assegnazione ai datori di lavoro pubblici e privati di contributi all assunzione di persone in situazione di disagio sociale e di donne prive di lavoro e per l assegnazione

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Regione Sicilia. Lavoro in carcere Agevolazione finanziaria - bonus per datori di lavoro nel mondo penitenziario

Regione Sicilia. Lavoro in carcere Agevolazione finanziaria - bonus per datori di lavoro nel mondo penitenziario Regione Sicilia Garante per la Tutela dei diritti fondamentali dei detenuti e per il loro reinserimento sociale Lavoro in carcere Agevolazione finanziaria - bonus per datori di lavoro nel mondo penitenziario

Dettagli

Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Programmazione e Integrazione Sociale AVVISO PUBBLICO

Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Programmazione e Integrazione Sociale AVVISO PUBBLICO Direzione Generale delle Politiche Sociali Servizio Programmazione e Integrazione Sociale AVVISO PUBBLICO Di procedura comparativa per titoli e colloquio per l attribuzione di n.1 incarico di collaborazione

Dettagli

UFFICIO di GIUSTIZIA RIPARATIVA MEDIAZIONE PENALE e SOCIALE

UFFICIO di GIUSTIZIA RIPARATIVA MEDIAZIONE PENALE e SOCIALE La Provincia di Viterbo, espressione della Comunità territoriale, riconosce e promuove, nell ambito del suo programma istituzionale, l importanza della diffusione di strumenti utili alla prevenzione primaria

Dettagli

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES.

L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART. 21 CO. 3 D.P.R. N. 022/PRES. PROGRAMMA PROVINCIALE FINALIZZATO ALLA SPERIMENTAZIONE DI MODELLI ORGANIZZATIVI INNOVATIVI DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI DI RETE RIVOLTI ALLE PERSONE DISABILI L.R. 25 SETTEMBRE 1996 ART. 5 CO. 2 E ART.

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE (Cofinanziato con il Fondo Sociale Europeo)

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE (Cofinanziato con il Fondo Sociale Europeo) Allegato A PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL OCCUPAZIONE (Cofinanziato con il Fondo Sociale Europeo) ASSE PRIORITARIO II - INCLUSIONE SOCIALE

Dettagli

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque

ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio. Iniziativa NATALE INSIEME All interno del progetto Mamma, sempre e ovunque Unità d offerta accreditata dal Comune di Milano Assessorato Politiche Sociali e Cultura della Salute ASSOCIAZIONE C.I.A.O. un ponte tra carcere, famiglia e territorio Iniziativa NATALE INSIEME All interno

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato.

PROTOCOLLO D INTESA. Atteso che l articolo 27, c. 3 della Costituzione stabilisce che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato. PROTOCOLLO D INTESA Tra Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria - Provveditorato Regionale di Bari Ufficio Esecuzione Penale Esterna e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia della Puglia Atteso

Dettagli

Tutela della salute ed esecuzione penale La questione della compatibilità con lo stato detentivo

Tutela della salute ed esecuzione penale La questione della compatibilità con lo stato detentivo Tutela della salute ed esecuzione penale La questione della compatibilità con lo stato detentivo Corso di formazione con attribuzione di 18 crediti da parte dell Ordine degli Avvocati di Milano Aula Magna

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA PROFESSIONALE CURRICULUM VITAE

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA PROFESSIONALE CURRICULUM VITAE CURRICULUM VITAE FORMATIVO e PROFESSIONALE aggiornato al 4 dicembre 2013 INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome BONA GIOVANNA Indirizzo VIA VENETO 18, 93100 CALTANISSETTA, ITALY Telefono 335-6795030 Fax 0934-506786

Dettagli

CONSORZIO DUE GIARE AGENZIA DI SVILUPPO LOCALE Via Roma s.n. 09090 Baressa (OR) Tel 0783-910013 - fax 0783-910121 sviluppoduegiare@tiscali.

CONSORZIO DUE GIARE AGENZIA DI SVILUPPO LOCALE Via Roma s.n. 09090 Baressa (OR) Tel 0783-910013 - fax 0783-910121 sviluppoduegiare@tiscali. Pubblicato all Albo Pretorio in data 10.09.2011 N. Reg. pubbl. 55 CONSORZIO DUE GIARE AGENZIA DI SVILUPPO LOCALE Via Roma s.n. 09090 Baressa (OR) Tel 0783-910013 - fax 0783-910121 sviluppoduegiare@tiscali.it

Dettagli

Funzionario della professionalità di servizio sociale. Posizione Organizzativa - Studi, analisi e programmazione della D.G.E.P.E.

Funzionario della professionalità di servizio sociale. Posizione Organizzativa - Studi, analisi e programmazione della D.G.E.P.E. INFORMAZIONI PERSONALI Nome MAESTRI ROBERTA Data di nascita 13/07/1965 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio 06 E-mail istituzionale Funzionario della

Dettagli

Le città e l istituzione penitenziaria

Le città e l istituzione penitenziaria SOTTO L ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONVEGNO NAZIONALE 2 Aprile 2012 - Firenze Sala Brunelleschi - Palagio di parte Guelfa - Piazzetta di parte Guelfa Le città e l istituzione penitenziaria

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale

Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale Il ruolo dell avvocato nella fase dell esecuzione penale Corso di formazione con attribuzione di crediti da parte dell Ordine degli Avvocati di Milano Aula Magna Ufficio del Giudice di Pace Via Francesco

Dettagli

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99)

Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Legge nazionale n.309 del 31 /10 /1990 (modifiche della legge n.45 del 18/02/99) Titolo/argomento: _T.U. delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura

Dettagli

Indice. Premessa pag. 3

Indice. Premessa pag. 3 Provincia di Genova Direzione Politiche Formative e del Lavoro Servizio Promozione Occupazione Attività dell Ufficio Inclusione sociale e collocamento disabili Report anno 2009 Ufficio Inclusione socio-lavorativa

Dettagli

IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE

IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE IL LAVORO NEL CARCERE DI TRIESTE Ruolo del Dipartimento di Salute Mentale nella prevenzione all invio in OPG a cura di Renata Bracco Bolzano, 30 novembre 2013 Il territorio del DSM di ASS1 Provincia di

Dettagli

Carta dei Servizi. I.R.I.S. Intervento per la Riabilitazione e l Integrazione Sociale Cooperativa sociale Onlus

Carta dei Servizi. I.R.I.S. Intervento per la Riabilitazione e l Integrazione Sociale Cooperativa sociale Onlus I.R.I.S. Intervento per la Riabilitazione e l Integrazione Sociale Cooperativa sociale Onlus Carta dei Servizi Il presente documento costituisce la Carta dei Servizi della cooperativa IRIS, descrive i

Dettagli

Sede di servizio UEPE di Rimini carta dei servizi

Sede di servizio UEPE di Rimini carta dei servizi Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale dell'amministrazione Penitenziaria dell'emilia Romagna carta dei servizi UEPE Ufficio Esecuzione Penale

Dettagli

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che

L anno 2010 il giorno del mese di.., presso in Via n., Premesso che Protocollo d intesa metodologico-operativo tra la Provincia di Fermo Settore Formazione Professionale, Scuola e Politiche del Lavoro e Settore Politiche Sociali, gli Ambiti Territoriali Sociali XIX e XX

Dettagli

d iniziativa dei senatori GALPERTI, CASSON, LATORRE, CAROFIGLIO, CHIURAZZI, D AMBROSIO, DELLA MONICA, MARITATI e D ALIA

d iniziativa dei senatori GALPERTI, CASSON, LATORRE, CAROFIGLIO, CHIURAZZI, D AMBROSIO, DELLA MONICA, MARITATI e D ALIA Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1219 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GALPERTI, CASSON, LATORRE, CAROFIGLIO, CHIURAZZI, D AMBROSIO, DELLA MONICA, MARITATI e D ALIA COMUNICATO ALLA

Dettagli

USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI CAGLIARI

USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI CAGLIARI USSM UFFICIO SERVIZIO SOCIALE PER I MINORENNI CAGLIARI Realizzazione grafica a cura dei ragazzi della Bottega Grafica dell I.P.M (Istituto Penale Minori) di Treviso INDICE 04 Chi siamo e cosa facciamo

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 2337 del 29 dicembre 2011 pag. 1/7 LINEE DI INDIRIZZO REGIONALI SULL ORGANIZZAZIONE DELLA SANITA PENITENZIARIA Premessa Il Decreto del Presidente del

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia

Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria Ministero della Giustizia Roma, 11 dicembre 2007 Prot. n. 3063/2007 On. Clemente Mastella On. Paolo Ferrero Ministero della Solidarietà On. Giuliano Amato Ministero dell Interno Al Dott. Ettore Ferrara Capo del Dipartimento Amministrazione

Dettagli

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Bologna

U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Bologna Ministero della Giustizia Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale dell Amministrazione Penitenziaria dell Emilia Romagna U.E.P.E. Ufficio Esecuzione Penale Esterna Bologna

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA. Expo 2015. Sottoscrizione di intenti per la promozione del lavoro penitenziario

REGIONE LOMBARDIA. Expo 2015. Sottoscrizione di intenti per la promozione del lavoro penitenziario REGIONE LOMBARDIA Expo 2015 Sottoscrizione di intenti per la promozione del lavoro penitenziario il Ministro della Giustizia: Angelino Alfano Il Commissario Straordinario del Governo per Expo 2015: Letizia

Dettagli

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8.1 Reati droga-correlati produzione, traffico e vendita di sostanze illegali e di associazione finalizzata alla produzione e al traffico (art. 73 e art. 74) 8.2 Reati

Dettagli

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI

LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI LA CASA CIRCONDARIALE DI LOCRI La Casa Circondariale di Locri è stata edificata nel 1862, secondo il modello architettonico c.d. filadelfiano ovvero a bracci, per contrastare il banditismo particolarmente

Dettagli

GUASTAMACCHIA PIETRO 20/01/1956 II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - Ufficio di Esecuzione Penale Esterna

GUASTAMACCHIA PIETRO 20/01/1956 II Fascia MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Dirigente - Ufficio di Esecuzione Penale Esterna INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Fax dell ufficio E-mail istituzionale GUASTAMACCHIA PIETRO 20/01/1956 II Fascia Dirigente

Dettagli

Working Package 4 Analisi dei contesti locali Deliverable 5 Gruppo di lavoro: definizione della metodologia di ricerca, criteri e indicatori

Working Package 4 Analisi dei contesti locali Deliverable 5 Gruppo di lavoro: definizione della metodologia di ricerca, criteri e indicatori - - 1 Strategia di ricerca 2 3 4 . 5 1 2 6 - - - - 8 9 - - - 10 - - - - - - - - - - - 11 - - - - - - - 12 13 - - - - - - - 14 15 20 16 17 1231 18 19 29 20 21 22 30 23 24 25 32 26 - - - - - - - 27 - -

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23)

Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006, n. 23) giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1357 del 26 maggio 2008 pag. 1/7 Atto di indirizzo sull inserimento lavorativo delle persone svantaggiate e delle persone deboli (L.R. 3 novembre 2006,

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO

PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO PROPOSTA PROGETTUALE PER LA REALIZZAZIONE DEI CENTRI ANTIVIOLENZA FORMULARIO PROGETTO La Giunta Regionale della Campania indirizza il seguente Riparto agli Ambiti territoriali del territorio campano, che

Dettagli